Osservatorio OCAP. Pubblica Amministrazione. Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche. Bilanci e controlli oltre l Austerity

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio OCAP. Pubblica Amministrazione. Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche. Bilanci e controlli oltre l Austerity 20.02."

Transcript

1 Pubblica Amministrazione Osservatorio OCAP Cambiamento delle Amministrazioni Pubbliche Bilanci e controlli oltre l Austerity Carmela Barbera, Enrico Guarini, Mariafrancesca Sicilia, Ileana Steccolini

2 Temi del position paper Quale sistema contabile? Il contesto e lo stato dell arte delle riforme Alcune proposte operative e condizioni per l attuazione I controlli ed i vincoli Il contesto e lo stato dell arte delle riforme Alcune proposte operative e condizioni per l attuazione 2

3 Quale sistema contabile? 3

4 Le riforme dei bilanci pubblici: dalla stagione dell aziendalizzazione a Fasi Programmazione Gestione Rendicontazione Processi decisionali/ di budget PA tradizionale New Public Management Public Governance Bilancio preventivo Distinzione fra bilancio politico e gestionale Aggregazione del bilancio politico Responsabilizzazione budgetaria dei manager Piani strategici Bilancio partecipato Programmi di mandato Variazioni del bilancio preventivo, assestamento, verifica degli equilibri Contabilità economico patrimoniale Contabilità analitica Sviluppo di misure di input, output, efficienza Sviluppo di misure di outcome, efficacia Conto del bilancio Conto economico e conto del patrimonio Report economici Report sulla performance non contabile Bilancio consolidato; Bilancio sociale e di mandato; Bilancio per il cittadino; Bilancio partecipato; Open data Incrementali Razionali Strategici e partecipati

5 Riforme dei sistemi contabili pubblici: gli schemi concettuali prevalenti ( ) 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% PA1 NPM1 GOV1 Fonte: Liguori, Rota, Steccolini,

6 Le riforme dei bilanci pubblici: dalla stagione dell aziendalizzazione all austerity? Fasi Programmazione Gestione Rendicontazione Processi decisionali/di budget PA tradizionale New Public Management Bilancio preventivo Distinzione fra bilancio politico e gestionale Variazioni del bilancio preventivo, assestamento, verifica degli equilibri Contabilità economico patrimoniale Conto del bilancio Conto economico e conto del patrimonio Incrementali Razionali Public Governance Aggregazione del bilancio politico Responsabilizzazione budgetaria dei manager Piani strategici Bilancio partecipato Programmi di mandato Austerity Definizione vincoli, regole Ricentralizzazione processi decisionali /bilancio preventivo Definizione di vincoli a priori Prospettiva m/l termine Collegamento con la performance non contabile (spending review, performance based budgeting, ZBB) Contabilità analitica Sviluppo di misure di input, output, efficienza Sviluppo di misure di outcome, efficacia Sovrapposizione e sconfinamento fra programmazione e gestione Attenzione al mantenimento di equilibri di bilancio Report economici Report sulla performance non contabile Bilancio consolidato; Bilancio sociale e di mandato; Bilancio per il cittadino; Bilancio partecipato; Open data Dominata da programmazione e gestione (il report torna ad essere lo strumento per prendere atto dell attuazione del preventivo) Politiche di bilancio rivolte a mostrare rispetto vincoli Strategici e partecipati Razionali e centralizzati, «tecnici» («ZBB»?) Decrementali smo?

7 Il contesto di austerity Crisi finanziaria e conseguente necessità di risanare i conti pubblici e di meglio coordinare le politiche e i conti dei paesi appartenenti all UE e dei diversi livelli di governo: - richieste di una maggiore qualità dei dati contabili (trasparenza) - pressioni verso l armonizzazione dei sistemi contabili delle amministrazioni pubbliche sia a preventivo che a consuntivo - forte centralizzazione di processi decisionali e vincoli di bilancio - enfasi su equilibri complessivi del sistema pubblico, con minore attenzione agli equilibri della singola azienda pubblica Ruolo dei sistemi contabili: A livello internazionale Contabilità economico patrimoniale proposta come strumento per accrescere la trasparenza e la convergenza dei sistemi contabili pubblici (e con quelli privati) Crescente diffusione degli International Public Sector Accounting Standards (IPSAS) A livello europeo: In Italia «Armonizzazione» intesa come passaggio alla contabilità economico patrimoniale Contabilità economico patrimoniale già adottata da UE (IPSAS) e da gran parte dei paesi europei European Public Sector Accounting Standards - «Armonizzazione» della contabilità finanziaria - Riproposizione della compresenza stabile di contabilità finanziaria e contabilità economico patrimoniale effetto dejà vu? 7

8 IPSAS Cosa sono: Principi contabili internazionali per il settore pubblico Emanati dall IPSASB Approccio: adattamento dei principi contabili internazionali esistenti per le imprese (IAS/IFRS), quando essi sono applicabili alla realtà pubblica preparazione di principi ad hoc per tenere conto delle problematiche specifiche del settore pubblico Recentemente: Framework concettuale ad hoc per il settore pubblico Base contabile: 32 principi di reporting per competenza economica 1 principio sul sistema di cassa Chi li adotta Austria Brazil Cambodia Costa Rica Kenya Peru South Africa Spain Switzerland Vietnam The European Commission The North Atlantic Treaty Organization (NATO) The Organisation for Economic Cooperation and Development (OECD) The United Nations system 8

9 L Europa e la contabilità economico patrimoniale: il livello centrale Fonte: Ernst and Young, 2012, Overview and comparison of public accounting and auditing practices in the 27 Member States 9

10 L Europa e la contabilità economico patrimoniale: il livello locale Fonte: Ernst and Young, 2012, Overview and comparison of public accounting and auditing practices in the 27 Member States 10

11 EPSAS 2011: Six Pack" - Detta direttiva sui requisiti dei framework per la programmazione degli Stati Membri - Richiede verifica della coerenza degli IPSAS rispetto alle esigenze degli Stati. 2012: Eurostat lancia una consultazione pubblica sull impiego degli IPSAS per gli Stati Membri. Secondo la Commissione Europea: - gli EPSAS consentirebbero all UE di dotarsi di principi contabili per il settore pubblico armonizzati e a base economica - gli IPSAS possono rappresentare un riferimento essenziale per lo sviluppo degli EPSAS - la loro implementazione nella realtà europea non è semplice - è importante evitare divergenze non necessarie fra EPSAS, IPSAS e IFRS 3 possibili step di sviluppo ( ): - Fase preparatoria - Sviluppo di un Framework regulation - Implementazione 11

12 Consultazione su adeguatezza IPSAS Gli IPSAS sono adeguati per gli Stati dell'ue 3% 38% 28% 31% Parzialmente No Sì Incerti Fonte: Public consultation - Assessment of the suitability of the International Public Sector Accounting Standards for the Member States 12

13 Commenti per Paese di origine..e l Italia? 13

14 Quali strategie per l Italia? Cercare di bloccare il progetto EPSAS, riportando l attenzione ai sistemi di cassa o competenza finanziaria Ignorare l attuale processo e adeguarsi almeno formalmente se e quando gli EPSAS saranno applicati Valorizzare le competenze ed esperienze che l Italia ha su questi temi, partecipare e influenzare sul processo per contribuire a disegnare un sistema che rifletta anche le esigenze della nostra realtà pubblica

15 Quali strategie per l Italia? La scelta di fondo riguarda il rapporto fra contabilità economico patrimoniale e finanziaria: Preventivo finanziario Alternative? Budget economici Consuntivo finanziario Rilevazioni COFI Conto economico, stato patrimoniale Rilevazioni CEP Conto economico, stato patrimoniale Preventivo finanziario Budget economico O complementari? Possibili variazioni sul tema Consuntivo finanziario Rilevazioni CEP Rilevazioni COFI 15

16 COFI e CEP complementari: CEP solo a consuntivo Preventivo finanziario Conto economico, stato patrimoniale Consuntivo finanziario Rilevazioni COFI

17 COFI e CEP complementari: CEP in corso d anno e a consuntivo Preventivo finanziario Conto economico, stato patrimoniale Consuntivo finanziario Rilevazioni CEP Rilevazioni COFI

18 COFI e CEP complementari: CEP a preventivo, in corso d anno e a consuntivo Preventivo finanziario Conto economico, stato patrimoniale Budget economico Consuntivo finanziario Rilevazioni CEP Rilevazioni COFI

19 Contabilità economico patrimoniale e finanziaria complementari o alternative? Caso italiano: La sanità è il settore in cui la CEP ha sostituito la COFI e ad oggi è impiegata per il supporto ai processi decisionali e la rendicontazione (pur con criticità) Negli enti locali e nello Stato la CEP ha spesso assunto un ruolo puramente cerimoniale A livello internazionale: Laddove (UK, NZ, AUS) la CEP ha sostituito la COFI, è impiegata per il supporto ai processi decisionali e la rendicontazione Laddove la CEP è stata introdotta in affiancamento alla COFI, quest ultima rimane predominante, soprattutto quanto la CEP è la base solo per i documenti consuntivi Le esperienze degli ultimi 30 anni sembrano suggerire che sia meglio una scelta radicale miglioramento del sistema di contabilità finanziaria? La recente riforma suggerisce che, mentre in Europa l armonizzazione è «accruals», in Italia l armonizzazione è a base finanziaria passaggio alla CEP? Anticipare, anziché subire, i cambiamenti in corso? A quali condizioni? 19

20 CEP: una, nessuna, centomila? strumento di responsabilizzazione presupposto per integrare e valutare informazione contabile e non contabile Public governance presupposto per il bilancio consolidato strumento di armonizzazione nel settore pubblico e con il settore privato presupposto per assicurare trasparenza e affidabilità dell informazione, equità intergenerazionale, visione di m/l termine (base per conti nazionali) strumento autorizzativo NPM Austerity

21 Il passaggio alla CEP: condizioni di efficacia Funzione autorizzativa Secondo alcuni sarebbe possibile solo nella contabilità finanziaria Ma occorre distinguere la finalità dall oggetto di rilevazione Ogni documento può avere valenza informativa, autorizzativa o entrambe Non ha però senso applicarla in modo acritico alla CEP Dall autorizzazione ex ante alla responsabilizzazione ex post Necessità di un sistema di reporting (contabile e non contabile) Necessità di incentivi e poteri che consentano un effettiva responsabilizzazione (es. responsabilità politica della Giunta di fronte al Consiglio) Impiego CEP per la responsabilizzazione delle AAPP e dei dirigenti (base per il controllo di gestione, per l assegnazione di fondi, incentivi, la definizione di vincoli e controlli) Impiego CEP come base per il consolidato dei gruppi pubblici Ciclo di programmazione, gestione e rendicontazione a base economico patrimoniale Integrazione CEP e misure non contabili in tutte le fasi del ciclo Valutazione patrimonio (attività e passività) Principi contabili aderenti alla realtà pubblica 21

22 Integrazione fra CEP e misurazione della performance extra-contabile Budget economici Report sulla performance Obiettivi e indicatori Conto economico, stato patrimoniale Rilevazione indicatori Rilevazioni CEP 22

23 I controlli e i vincoli 23

24 I comportamenti degli enti Le regole ed i sistemi di controllo possono generare dei comportamenti opposti a quelli auspicati con conseguenze negative per gli enti pubblici, laddove non tengano in considerazione le diverse condotte aziendali e quindi della presenza di enti più o meno virtuosi. Gli enti reagiscono in modo diverso alle regole in funzione della propria situazione di partenza e della relativa capacità di adattamento, apprendimento e capacità di assorbimento degli shock/vincoli esterni (cultura, contesto, organizzazione interna, leadership, etc.). 24

25 Volatilità I comportamenti degli enti: Volatilità e consistenza dell avanzo di bilancio dei comuni capoluogo ( ) 0,4 0,35 0,3 0,25 0,2 Caserta Range accettabile Forlì 0,15 0,1 Lodi Barletta 0,05 Varese Avanzo/ Salerno Entrate Correnti Modena 0 Napoli -0,2-0,15-0,1-0,05-9E-16 0,05 0,1 0,15 0,2 0,25 0,3 0,35 0,4 0,45 0,5 Fonte: Barbera, Steccolini, Guarini (2013)

26 Criticità e comportamenti anomali Attendibilità dei residui attivi e passivi e quindi del risultato di amministrazione; Anomalo ricorso alle anticipazioni di tesoreria; Debiti fuori bilancio; Mancanza di equilibrio di bilancio causato dalla sopravalutazione di alcune entrate e dalla sottovalutazione di alcune spese; Debiti inerenti gli andamenti dei derivati stipulati; Incompletezza o inadeguatezza nella tenuta delle scritture contabili. (Fonte: Corte dei Conti, Relazione sulla gestione finanziaria degli enti locali relativa agli esercizi ) 26

27 Principali strategie adottate in risposta alle manovre e ai meccanismi di controllo della spesa degli ultimi anni Ricorso a forme di gestione dei servizi tali da ricondurre le spese fuori dal perimetro di bilancio dell ente a seguito dell inasprimento dei vincoli del patto di stabilità. Affidamento di parte delle attività dell ente ad una società patrimoniale costituita ad hoc. Affidamento di servizi a società di capitali partecipate. Ricorso alla finanza di progetto e alle concessioni di costruzione e gestione di servizi (con indebitamento occulto). N.B.: oltre ad innovare le formule di gestione e ridurre la spesa, vi sono enti che hanno adottato comportamenti elusivi dei vincoli 27

28 Tendenze degli ultimi anni: Debito e deficit sui vari livelli di governo Deficit PA centrale* -1,9-2,9-2,1-3,1-2 -3, ,4-3,3-5,4-4,4-3,9-4,3 Amministrazioni locali 0,0-0,2-0,8-0,4-1 -0,8-1 -0,3 0,1-0,3-0,1-0,1 0,1 Totale PA -1,9-3,1-2,9-3,5-3 -3,9-2,8-1,7-3,2-5,7-4,5-4 -4,2 Debito PA centrale* 105,9 105,5 102,3 99,2 98,5 99,7 99,4 96,3 99,3 108,5 111,9 113,3 119,6 Amministrazioni locali 3,2 3,2 3,4 3,4 5,3 6,1 7,1 7,1 6,8 7,3 7,2 7,5 7,4 Totale PA 109,2 108,8 105,7 104,4 103,8 105,8 106,5 103,5 106,1 115,8 119,1 120,8 127,0 * Sono esclusi gli Enti previdenziali Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia 28

29 Le scelte di indebitamento sono estremamente differenziate a fronte di vincoli uguali per tutti Evoluzione stock del debito di Regioni e Province autonome (mln/euro) Nord Ovest Nord Est Centro Mezzogiorno Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia 29

30 Le scelte di indebitamento sono estremamente differenziate a fronte di vincoli uguali per tutti Evoluzione stock del debito di Province e Comuni (mln/euro) Nord Ovest Nord Est Centro Mezzogiorno Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia 30

31 La compensazione ex-post degli obiettivi finanziari non risulta essere un meccanismo efficiente ,86 mld di spazi di manovra non sfruttati Obiettivi e risultati aggregati del Patto di Stabilità dei Comuni (valori in milioni/euro) OBIETTIVO ,11 339, , ,2 RISULTATO , , , ,6 DIFFERENZA (EXTRA-TARGET) ,8 +812,8-182,9 +676,4 Fonte: elaborazione su dati Corte dei Conti

32 Miliardi Trend delle spese (correnti e per investimenti*), (Comuni >5.000 abitanti), dati di cassa % spese correnti +5 mld euro % investimenti programmati -3,9 mld euro % pagamenti degli investimenti -4,37 mld Spese correnti al netto interessi Spesa per investimenti (impegni) Spesa per investimenti (pagam. c/comp. e c/res.) *Le spese correnti sono intese sia in conto competenza che in conto residui; gli investimenti sono al netto delle concessioni di crediti e anticipazioni Fonte: rielaborazione dati AIDA PA Le spese correnti sono rigide nel breve periodo. Gli obiettivi del Patto sono stati conseguiti dai Comuni a scapito di una drastica riduzione degli investimenti e pagamenti delle opere (in particolare, a partire dal 2008 saldo di competenza mista) 32

33 Miliardi Spese correnti per natura, (Comuni >5.000 abitanti), dati di cassa* % spese correnti +5 mld euro % prestazioni di servizi +4,7 mld % trasferimenti +0,3 mld Personale Acquisto beni consumo Servizi Trasferimenti Altro Totale spese correnti *Le spese correnti sono intese sia in conto competenza che in conto residui e sono al netto degli interessi passivi 33

34 Miliardi Trend Entrate correnti e Spese correnti al netto degli interessi passivi, (Comuni >5.000 abitanti), dati di cassa Totale Entrate correnti Totale Spese correnti al netto di interessi passivi e oneri finanziari Fonte: rielaborazione dati AIDA PA Si osserva come, nel periodo considerato, l aumento delle spese correnti sia stato bilanciato da un contestuale aumento delle entrate correnti 34

35 Le diverse situazioni gestionali Capacità di riscossione dei residui attivi nei Comuni di Milano, Roma, Torino, Napoli, Palermo e Genova (Riscossioni residui/residui iniziali, ) TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE Ente Regione TRIENNIO Comune di Roma Lazio 67,98% 76,10% 81,17% 74,59% Comune di Milano Lombardia 64,40% 53,05% 52,80% 56,95% Comune di Napoli Campania 21,74% 23,70% 17,34% 21,13% Comune di Torino Piemonte 36,17% 36,37% 37,76% 36,72% Comune di Sicilia 18,84% 22,77% 19,91% 20,48% Palermo Comune di Liguria 83,05% 84,95% 40,90% 70,82% Genova MEDIA % 48,70% 49,49% 41,65% 46,78% 35

36 Le diverse situazioni gestionali (2) Capacità di riscossione dei residui attivi nei Comuni di Milano, Roma, Torino, Napoli, Palermo e Genova (Riscossioni residui/residui iniziali, ) TITOLO III ENTRATE EXTRATRIBUTARIE Ente Regione TRIENNIO Comune di Roma Lazio 20,39% 4,37% 3,91% 9,89% Comune di Milano Lombardia 35,41% 25,52% 30,19% 30,76% Comune di Napoli Campania 2,83% 8,05% 5,10% 5,34% Comune di Torino Piemonte 21,76% 15,93% 26,72% 21,62% Comune di Palermo Sicilia 4,64% 6,93% 6,72% 6,06% Comune di Genova Liguria 48,57% 46,25% 50,80% 48,57% MEDIA % 22,27% 17,84% 20,57% 20,37% 36

37 Cosa emerge dai dati precedenti? Riduzione di nuovi investimenti (da 20,7 a 9,5 mld euro nel periodo ) e rallentamento dello smaltimento dei residui passivi in conto capitale, soprattutto a partire dal 2008 (saldo finanziario di competenza mista). Fino a che punto è utile (o opportuno) applicare vincoli stringenti proprio alle amministrazioni locali che erogano servizi e attivano investimenti rilevanti sul territorio (75% circa del complesso degli investimenti pubblici)? Il concetto di virtuosità degli enti (ai sensi dell articolo 20, comma 2, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98) è stato finora implementato in chiave statica, senza considerare il percorso evolutivo dei risultati dei singoli enti. Anche le recenti riforme sui sistemi di controllo mantengono un impostazione uniforme. Attività di controllo sugli enti svolti da molteplici soggetti esterni, quali RGS, Corte dei Conti, Civit (ora ANAC). Ciò ha generato una visione parcellizzata del concetto di performance, strettamente derivata dagli specifici obblighi normativi richiesti di volta in volta dai vari soggetti. 37

38 I paradossi emergenti Autonomia vs ri-centralizzazione Responsabilizzazione vs ri-burocratizzazione vs austerity 38

39 Proposte operative e condizioni per l attuazione 39

40 Premessa Necessità di agire su più fronti Assetti istituzionali Sistemi contabili Necessità di garantire il coordinamento e l integrazione delle politiche e della finanza pubblica 40

41 Proposta 1: REVISIONE DEL PROCESSO DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FINANZIARI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI (1) Proposte Questione di fondo Evidenza: Patto di Stabilità come strumento stesso di manovra finanziaria anziché come meccanismo di governance inter-istituzionale Continua revisione degli obiettivi, del metodo di misurazione e dei sistemi di incentivazione, a scapito dello sviluppo di un sistema stabile di responsabilizzazione delle amministrazioni pubbliche territoriali. Il concetto di virtuosità degli che prescinde dai percorsi di miglioramento delle gestioni passate 41

42 Proposta 1: REVISIONE DEL PROCESSO DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FINANZIARI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI (2) Proposte Evidenza: Patto di Stabilità come strumento stesso di manovra finanziaria Continua revisione di obiettivi, metodo di misurazione e sistemi di incentivazione concetto di virtuosità degli enti che prescinde dai percorsi di miglioramento delle gestioni passate Questione di fondo: Come bilanciare autonomia locale e controllo sugli obiettivi di finanza pubblica?

43 Proposta 1: REVISIONE DEL PROCESSO DI DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FINANZIARI DELLE AMMINISTRAZIONI LOCALI (3) Evidenza: Patto di Stabilità come strumento stesso di manovra finanziaria Continua revisione di obiettivi, metodo di misurazione e sistemi di incentivazione Concetto di virtuosità degli enti che prescinde dai percorsi di miglioramento delle gestioni passate Questione di fondo: Come bilanciare autonomia locale e controllo sugli obiettivi di finanza pubblica? Proposta: Revisione del Patto di stabilità interno (ovvero in futuro del pareggio di bilancio ), rafforzando ex-ante il ruolo di programmazione e coordinamento delle Regioni: 1) gli obiettivi finanziari non sono più assegnati al comparto locale in modo top-down ma sono proposti dalle singole Regioni a livello aggregato di territorio e negoziati con il governo centrale in funzione degli obiettivi generali di finanza pubblica; 2) gli enti locali propongono alla Regione di appartenenza i propri obiettivi finanziari a tre anni su base preventiva; si potrebbe così configurare un sistema di programmazione budgetario dei saldi o, più propriamente, del ricorso all indebitamento e quindi dello stock del debito su base pluriennale; 3) le sanzioni valgono solo a livello aggregato di territorio regionale.

44 previsioni di budget (allegato 2) previsioni di budget (allegato 2) Un possibile modello-guida per la revisione del patto di stabilità interno GOVERNO CENTRALE CONSOLIDAMENTO (OBIETTIVI) Definizione priorità REGIONI IMPEGNI ENTI LOCALI Stock del debito Saldi 44

45 Le fasi del processo bottom-up 45

46 Proposta 2: Obiettivi, responsabilizzazione e controlli differenziati per classi di enti (1) Proposte Questione di fondo Evidenza: Gli enti reagiscono in modo diverso alle regole in funzione della propria situazione di partenza e della relativa capacità di adattamento, apprendimento e capacità di assorbimento degli shock/vincoli esterni. Come tenere conto della diversa situazione di partenza degli enti e della relativa capacità di assorbire gli shock esterni? (resilience) 46

47 Proposta 2: Obiettivi, responsabilizzazione e controlli differenziati per classi di enti (2) Proposte Evidenza: Gli enti reagiscono in modo diverso alle regole Questione di fondo: Come dare valore alle differenze degli enti?

48 Proposta 2: Obiettivi, responsabilizzazione e controlli differenziati per classi di enti (3) Proposte: Evidenza: Gli enti reagiscono in modo diverso alle regole Questione di fondo: Come dare valore alle differenze degli enti? Raggruppare gli enti locali in classi differenziate che tengano conto delle diverse situazioni gestionali e percorsi evolutivi. Per ciascuna classe sono definiti obiettivi, regole di comportamento e sistemi di controllo che tengano conto del percorso evolutivo degli enti e non solo dei risultati conseguiti in un determinato anno di riferimento. Adottare incentivi differenziati per le amministrazioni che raggiungono obiettivi sfidanti e dimostrano comportamenti virtuosi nel tempo. (Es. esperienza Audit Commission, UK)

49 Elementi per la discussione Quanto l Italia è pronta a scommettere su EPSAS e contabilità economico patrimoniale? Quali sono le criticità che comporta? Quanto la ricerca degli equilibri di bilancio può essere traslata nel nuovo sistema contabile? E possibile riportare l attenzione al lungo termine anzichè al breve? Le Regioni sono pronte per questo tipo di sfide? Quali sono le condizioni per attuare queste proposte? Quale può essere il ruolo della Corte dei Conti e della RGS nell ottica di un radicale cambio di rotta negli strumenti finora impiegati? 49

1. Bilancio e controlli oltre l austerity 13

1. Bilancio e controlli oltre l austerity 13 1. Bilancio e controlli oltre l austerity 13 di Carmen Barbera 14, Enrico Guarini 15, Mariafrancesca Sicilia 16 e 17, 18 Ileana Steccolini 1. Quale sistema contabile? 1.1 Lo stato dell arte I sistemi contabili

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

Come funziona il Patto di

Come funziona il Patto di Come funziona il Patto di Stabilità per i Comuni SOMMARIO 1. Il Patto di Stabilità esterno (Italia Vs Europa) 2. Il Patto di Stabilità interno (Stato Vs Autonomie Locali) 2.1. Come si calcola il saldo

Dettagli

RoundTable del Performance Management nei Comuni: I sistemi di performance management sono utilizzati per le decisioni?

RoundTable del Performance Management nei Comuni: I sistemi di performance management sono utilizzati per le decisioni? RoundTable del Performance Management nei Comuni: I sistemi di performance management sono utilizzati per le decisioni? 1 Le analisi ed evidenze tratte dalle esperienze internazionali Giovanni Valotti

Dettagli

IL BILANCIO DELLA REPUBBLICA. Il bilancio preventivo (di competenza) per l anno 2011

IL BILANCIO DELLA REPUBBLICA. Il bilancio preventivo (di competenza) per l anno 2011 IL BILANCIO DELLA REPUBBLICA ITALIANA Il bilancio preventivo (di competenza) per l anno 2011 DEFINIZIONI La Pubblica Amministrazione è costituita da: A) settore statale B) autonomie locali (Regioni, Province,

Dettagli

Fare i conti per il patto e con il patto. Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli

Fare i conti per il patto e con il patto. Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli Fare i conti per il patto e con il patto Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli Il calcolo dell obiettivo La media triennale Le percentuali

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI

IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI IL CONTROLLO SUGLI EQUILIBRI FINANZIARI IN RELAZIONE ALL ANDAMENTO ECONOMICO-FINANZIARIO DEGLI ORGANISMI GESTIONALI ESTERNI (P. Fiumara) 1 QUADRO DI RIFERIMENTO DEGLI EQUILIBRI FINANZIARI 1. Equilibrio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DDL concernente: Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Autonoma della Sardegna.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DDL concernente: Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Autonoma della Sardegna. DDL concernente: Norme in materia di bilancio e contabilità della Regione Autonoma della Sardegna. Relazione Il presente disegno di legge che sostituisce integralmente il testo più volte modificato e integrato

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia. Rapporto sulla finanza territoriale in Italia 2014

Università Ca Foscari Venezia. Rapporto sulla finanza territoriale in Italia 2014 Università Ca Foscari Venezia L equilibrio di bilancio e i nuovi vincoli alla finanza regionale Michele Zanette zanettem@unive.it Intervento al seminario: Rapporto sulla finanza territoriale in Italia

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

Presentazione del corso

Presentazione del corso I BILANCI ARMONIZZATI E LA FORMA DI GOVERNO LOCALE: IL RUOLO DELLA GIUNTA, DEL CONSIGLIO COMUNALE, DEI DIRIGENTI Seminario di studio Parma, 23 aprile 2015 Presentazione del corso Prof. Andrea Francesconi

Dettagli

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo.

Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Oggetto: Armonizzazione contabile della Regione Autonoma della Sardegna. Disposizioni di indirizzo politico amministrativo. Il Presidente, d intesa con l Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010

Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010 Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010 Signori consiglieri, i risultati del bilancio consuntivo 2010 evidenziano

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

L art. 28 della Legge 448/98 prevedeva la riduzione del rapporto tra il proprio ammontare di debito e il prodotto interno lordo (P.I.L.).

L art. 28 della Legge 448/98 prevedeva la riduzione del rapporto tra il proprio ammontare di debito e il prodotto interno lordo (P.I.L.). COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese PATTO DI STABILITA Il patto di stabilità interno, istituito con l art. 28 della Legge n. 448/98, ha esteso agli Enti Locali, in applicazione del federalismo fiscale,

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

Verso un sistema federale dei controlli: il ruolo degli Enti locali e della Corte dei Conti

Verso un sistema federale dei controlli: il ruolo degli Enti locali e della Corte dei Conti I controlli e la riforma istituzionale Ezio Lattanzio Verso un sistema federale dei controlli: il ruolo degli Enti locali e della Corte dei Conti Forum PA 2004 Roma, 14 maggio 2004 La base esperienziale

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari

IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE. Prof. Riccardo Mussari IL PRINCIPIO DELLA PROGRAMMAZIONE Prof. Riccardo Mussari INDICE Il principio della programmazione I documenti della programmazione: DUP PEG Il principio della programmazione La programmazione nella riforma

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

I Processi decisionali della Pianificazione e Controllo nella Pubblica Amministrazione

I Processi decisionali della Pianificazione e Controllo nella Pubblica Amministrazione I Processi decisionali della Pianificazione e Controllo nella Pubblica Amministrazione Elena Bisconti Business Developer Financial Management Solution Public Sector, SAS Il Processo di Pianificazione Integrato:

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

C O M U N E D I B E D U L I T A

C O M U N E D I B E D U L I T A NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 La nota integrativa al bilancio costituisce allegato obbligatorio al documento di programmazione e viene redatta in conformità alle prescrizioni del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con D.R. n. 159 del 22 febbraio 2016 INDICE TITOLO I NORME GENERALI... 4 Art. 1 Principi e finalità del regolamento... 4 Art. 2 Principi e

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE PER LA GOVERNANCE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

IL BILANCIO SOCIALE PER LA GOVERNANCE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE IL BILANCIO SOCIALE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE STRUMENTI PER L INNOVAZIONE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE UNA GUIDA ALLA PROGETTAZIONE E ALLE OPZIONI REALIZZATIVE FORUM PA partner delle Amministrazioni

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA PAOLA MARIANI UDINE 26 MARZO 2014 LA COMPETENZA FINANZIARIA VIGENTE Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria,

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO COMUNALE in collaborazione con Giornate Seminariali di Studi sul tema: Principi e metodologie del nuovo sistema contabile di Regioni, Province e Comuni di cui al D. Lgs. 23 giugno

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PIANIFICAZIONE CONTROLLO PROGRAMMAZIONE AZIONE APPROCCIO «ANTICIPATO» PERCHE E NECESSARIO AFFRONTARE IL FUTURO IN MANIERA ANTICIPATA? MAGGIORE

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno PATTO DI STABILITA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE RISORSE UMANE ECONOMICHE E STRUMENTALI PATTO DI STABILITA INTERNO ENTI LOCALI Legge n 244 del 24/12/2007 Legge Finanziaria

Dettagli

Silvia Scozzese - Direttore Scientifico IFEL

Silvia Scozzese - Direttore Scientifico IFEL - Direttore Scientifico IFEL Torino, 20 febbraio 2012 Attualmente il contributo dei singoli comparti della PA alla manovra è calcolato in base al criterio del peso di ognuno in relazione alla spesa totale

Dettagli

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Analisi Analisi di bilancio Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità finanziaria Analisi del bilancio preventivo Analisi del conto del

Dettagli

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile

2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile 2 Confronto con le Regioni sperimentatrici sull armonizzazione contabile La gestione del bilancio di cassa Giornata di studio Bologna, 01/07/2014 1 REGIONE LIGURIA Direzione Centrale Risorse Strumentali,

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Dott. Patrizio Monfardini monfardini@unica.it 1 Agenda Il budget Le caratteristiche Le funzioni I vantaggi I limiti Il processo di redazione Il budget nelle

Dettagli

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO)

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) La SeO ha carattere generale, contenuto programmatico e costituisce lo strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli obiettivi

Dettagli

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche

87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche 87083 -Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Sistema di bilancio delle Regioni Bilancio delle Regioni D.lgs. 28 marzo 2000, n.76: Stabilisce il concorso della finanza regionale al perseguimento

Dettagli

Bilancio e contabilità regionale: prospettive evolutive e temi di attualità gestionale

Bilancio e contabilità regionale: prospettive evolutive e temi di attualità gestionale REGIONE C AL ABRI A CONTABILITA', BILANCI, PROGRAMMAZIONE, CONTROLLI APRILE 2011 Bilancio e contabilità regionale: prospettive evolutive e temi di attualità gestionale MAURIZIO SANTONE DIRIGENTE SERVIZIO

Dettagli

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 ..... Bilancio e contabilità... Armonizzazione contabile degli enti territoriali Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 di Stefano Ranucci

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

Gli investimenti comunali fra 2005 e 2013: la crescita, la crisi e la ripresa?...

Gli investimenti comunali fra 2005 e 2013: la crescita, la crisi e la ripresa?... Forum Banche e PA 2011 Servizi bancari e finanziari per le PA e per gli investimenti pubblici Roma, Palazzo Altieri Gli investimenti comunali fra 2005 e 2013: la crescita, la crisi e la ripresa?... Luciano

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 174 20/11/2012) Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 - ASSESTAMENTO GENERALE DI BILANCIO Premesso: IL - che con iberazione Consiglio Comunale n. 56 26/07/2012

Dettagli

Le prospettive di applicazione del federalismo

Le prospettive di applicazione del federalismo Le prospettive di applicazione del federalismo Alberto Zanardi Convegno Banca d Italia «Attuazione e prospettive del federalismo fiscale» Roma, 25 novembre 2015 1 Federalismo fiscale e consolidamento dei

Dettagli

Gli effetti del fiscal compact e del "freno al debito" sui livelli di Governo sub centrali. Germania, Spagna e Italia a confronto

Gli effetti del fiscal compact e del freno al debito sui livelli di Governo sub centrali. Germania, Spagna e Italia a confronto Gli effetti del fiscal compact e del "freno al debito" sui livelli di Governo sub centrali. Germania, Spagna e Italia a confronto Milano, 9 maggio 2014 IL CASO ITALIANO. IL LIVELLO DI GOVERNO REGIONALE

Dettagli

I fondamenti dell armonizzazione contabile, i principi generali e applicati, l avvio della riforma

I fondamenti dell armonizzazione contabile, i principi generali e applicati, l avvio della riforma I fondamenti dell armonizzazione contabile, i principi generali e applicati, l avvio della riforma l principio della previa dimostrazione analitica dei crediti e delle somme da riscuotere, iscrivibili

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING

IL PROCESSO DI BUDGETING IL PROCESSO DI BUDGETING DAI BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI AL MASTER BUDGET BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI OGGETTO Tutte le aree funzionali non direttamente coinvolte nel ciclo operativo: amministrazione,

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RIFORMA FEDERALISTA E ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI DI CONTABILITÀ E BILANCIO PUBBLICI Torino, maggio 2013 MASTER in Management delle Aziende Pubbliche e delle Aziende

Dettagli

Le condizioni per lindebitamento delle Regioni

Le condizioni per lindebitamento delle Regioni Le condizioni per lindebitamento delle Regioni A cura di Onelio Pignatti Firenze, 26 febbraio 2016 1 Lindebitamento nella Costituzione Art. 97 Costituzione Le pubbliche amministrazioni, in coerenza con

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 CORSO DI FORMAZIONE REVISORI ENTI LOCALI Armonizzazione dei sistemi contabili D.Lgs.118/2011 CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 Cristina CHIANTIA dottori commercialisti Massimo STRIGLIA

Dettagli

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La Rubrica Rilevazioni contabili:

Dettagli

Il bilancio dello Stato. e la Legge finanziaria. Il bilancio dello Stato. Il processo di bilancio. Obiettivi della lezione

Il bilancio dello Stato. e la Legge finanziaria. Il bilancio dello Stato. Il processo di bilancio. Obiettivi della lezione Capitolo II. Il bilancio dello Stato Il bilancio dello Stato e la Legge finanziaria Con il BdS il Parlamento autorizza il Governo a erogare le spese e a incassare le entrate...... e dunque a mettere in

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

DELLE SOCIETÀ PER. Francesca Lecci

DELLE SOCIETÀ PER. Francesca Lecci LE RELAZIONI DI SISTEMA DELLE SOCIETÀ PER AZIONI (1) Francesca Lecci Agenda Configurazione del sistema di offerta dei servizi pubblici Ruoli, relazioni e strumenti L ente localel L ente locale proprietario

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

Professione Revisore degli enti locali Pisa, dal 28 ottobre al 19 novembre 2015

Professione Revisore degli enti locali Pisa, dal 28 ottobre al 19 novembre 2015 Professione Revisore degli enti locali Pisa, dal 28 ottobre al 19 novembre 2015 Patrocinato dall ordine dei Dottori commercialisti ed esperti contabili di Pisa ANCREL Liguria - Toscana Destinatari Dottori

Dettagli

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio Indice il contesto i tagli le tasse comunali le linee guida il bilancio 02 La crisi: meno risorse, meno investimenti, più domanda di servizi 03 La finanza dei comuni dal 2008 ad oggi: meno risorse, meno

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi di bilancio si compone di due strumenti complementari per la valutazione delle condizioni di economicità delle aziende: gli indici ed il rendiconto

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 9 aprile 2013 ESAMINATI

Dettagli

Un quadro della finanza pubblica in Italia

Un quadro della finanza pubblica in Italia Capitolo II. Un quadro della finanza pubblica in Italia Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, il Mulino, 2006 1 Ferrovie, monopoli, telefoni, poste, Anas Ex foreste demaniali Stato (bilancio

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Il Bilancio 2013 in sintesi

Il Bilancio 2013 in sintesi Il Bilancio 2013 in sintesi Analisi dei principali aggregati di entrata e di spesa Giugno 2013 ENTRATE IL BILANCIO IN POCHI NUMERI Il bilancio dell anno 2013 della Provincia di Milano ammonta a 848,6 milioni

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI

RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO ANNO 2012 Aosta, ottobre 2012 IL DIRIGENTE DELL AREA FINANZIARIA - D.ssa Valeria Zardo - PREMESSE L ordinamento finanziario e contabile degli

Dettagli

Debito e Patto di stabilità Le ultime novità sul bilancio 2014

Debito e Patto di stabilità Le ultime novità sul bilancio 2014 Matteo Barbero Debito e Patto di stabilità Le ultime novità sul bilancio 2014 Torino, 27 giugno 2014 Il debito Il ricorso all indebitamento da parte degli enti locali è ammesso esclusivamente nelle forme

Dettagli

Stefano Croella Limena, 28 gennaio 2014

Stefano Croella Limena, 28 gennaio 2014 Stefano Croella Limena, 28 gennaio 2014 IL CONTESTO FINANZIARIO 1 LA MANOVRA DEL COMPARTO COMUNALE ANNI 2007-2014 Valori in milioni di euro Totale Cumulato 2007-2014 Manovra di cui: 16.177 L obiettivo

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

LA CONTABILITA PUBBLICA Analisi delle novità introdotte dal legislatore Come applicare le nuove disposizioni in materia di finanza e fiscalità

LA CONTABILITA PUBBLICA Analisi delle novità introdotte dal legislatore Come applicare le nuove disposizioni in materia di finanza e fiscalità Soggetti proponenti LA CONTABILITA PUBBLICA Analisi delle novità introdotte dal legislatore Come applicare le nuove disposizioni in materia di finanza e fiscalità 1 MODULO, DURATA 8 ORE L ordinamento della

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Contabilità e fiscalità pubblica

Contabilità e fiscalità pubblica Contabilità e fiscalità pubblica Corso 60 ore Negli ultimi anni è in corso un consistente sforzo - che partendo dal piano normativo si ripercuote sull ordinamento e sulla gestione contabile di tutte le

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale.

La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione dell attività aziendale. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB La pianificazione e la programmazione aziendale. Il budget quale sistema di programmazione

Dettagli

Risultati differenziati applicati al bilancio regionale ed equilibrio di bilancio dal 2006 al 2009

Risultati differenziati applicati al bilancio regionale ed equilibrio di bilancio dal 2006 al 2009 Risultati differenziati applicati al bilancio regionale ed equilibrio di bilancio dal 2006 al 2009 Servizio Analisi Economica, Statistica e Monitoraggio INDICE Classificazione del bilancio pag. 4 Equilibrio

Dettagli

Il sistema contabile degli enti pubblici con particolare riferimento alle amministrazioni locali

Il sistema contabile degli enti pubblici con particolare riferimento alle amministrazioni locali Il sistema contabile degli enti pubblici con particolare riferimento alle amministrazioni locali Una congrua gestione condotta secondo principi aziendali si fonda sull assunzione di decisioni razionali

Dettagli

PA Digitale: do more with less

PA Digitale: do more with less PA Digitale: do more with less Gli acquisti elettronici della PA: stato dell arte e prospettive Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Roma, 30 maggio 2013 Consip èuna società del 1 Procurement

Dettagli

Domande per il test di preselezione per l ammissione alla SSIS Indirizzo Economico Giuridico Pisa, 14 settembre 2006

Domande per il test di preselezione per l ammissione alla SSIS Indirizzo Economico Giuridico Pisa, 14 settembre 2006 Domande per il test di preselezione per l ammissione alla SSIS Indirizzo Economico Giuridico Pisa, 14 settembre 2006 CLASSE DI ABILITAZIONE 17/A DISCIPLINE ECONOMICO - AZIENDALI 1) La rilevazione di un

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli