I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE"

Transcript

1 ANALISI COLLANA RICERCHE N. 43 GIUGNO 2002 I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE a cura di Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro, Paola Stradi e Andrea Vicentini Ricerca promossa dalla Commissione Pari Opportunità della Regione Veneto

2 I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO. PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE a cura di Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro, Paola Stradi e Andrea Vicentini Ricerca promossa dalla Commissione Pari Opportunità della Regione Veneto Fondazione Corazzin, Venezia - 2

3 L indagine è stata realizzata dalla Fondazione Corazzin di Venezia per conto della Commissione Pari Opportunità della Regione Veneto. Andrea Vicentini ha impostato e coordinato il lavoro e con il gruppo di ricercatori composto da Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro e Paola Stradi ha progettato lo strumento di rilevazione. Le interviste sono state condotte per via telefonica dalla società Demetra di Venezia. Il rapporto finale è stato redatto da Tiziana Bonifacio Vitale (capitoli 1 e 2) e Paola Stradi (capitolo 3) con la collaborazione e il supporto statistico di Alessio Favaro. L intervista a Diana Bianchedi è stata realizzata da Andrea Vicentini. Fondazione Corazzin, Venezia - 3

4 INDICE INTRODUZIONE E ASPETTI METODOLOGICI... 5 CAPITOLO PRIMO. I GIOVANI NELLO SPORT I NUMERI DELLA PARTECIPAZIONE GIOVANILE ALLO SPORT IN VENETO LE MODALITÀ DELLA PRATICA SPORTIVA I tempi della pratica sportiva Le discipline sportive LE MOTIVAZIONI Sedentari perché Lo sport perché IL TERRITORIO E LA FAMIGLIA DI ORIGINE La dimensione territoriale Lo sport e la famiglia di origine CAPITOLO SECONDO. LO SPORT COME SPETTACOLO L INFORMAZIONE SPORTIVA DUE TEMI DI ATTUALITÀ: IL DOPING E LA VIOLENZA NELLO SPORT CAPITOLO TERZO. LETTURA DI GENERE: SULLE DONNE E LO SPORT COSA CREDO, COSA VEDO CHE NE PENSI? QUALE SENSO DELLO SPORT? LO SPORT PROFESSIONISTICO CAPITOLO QUARTO. UNO SGUARDO D INSIEME: ASPETTI DI UNA LETTURA DI GENERE CAPITOLO QUINTO. VIVERE, PROMUOVERE, RAPPRESENTARE LO SPORT UNA TESTIMONIANZA D ECCEZIONE: INTERVISTA A DIANA BIANCHEDI Fondazione Corazzin, Venezia - 4

5 INTRODUZIONE E ASPETTI METODOLOGICI Il presente lavoro si inserisce in un percorso di ricerca già avviato nel 2000 dalla Regione Veneto attraverso il Servizio Sport e Tempo Libero e la Commissione Regionale per le Pari Opportunità tra Uomo e Donna. Il primo studio, commissionato come il presente alla Fondazione Corazzin, ha inteso esplorare le caratteristiche della componente femminile nella pratica sportiva agonistica in Veneto al fine di rilevare l esistenza o meno di pari opportunità 1. L indagine qualitativa ha, quindi, consentito di entrare nella realtà di 40 donne tra atlete, allenatrici e dirigenti di società sportive rilevando storie di vita dense di aspettative, di fatica e voglia di emergere. Abbiamo incontrato donne giovani e giovanissime consapevoli delle proprie risorse e potenzialità così come dei propri limiti; donne che hanno fatto dello sport una componente determinante della propria vita e che esprimono con lucidità e partecipazione le difficoltà incontrate, le discriminazioni subite, i fattori di successo su cui puntare. I risultati ottenuti, interessanti innanzitutto per l'elevato spessore delle testimonianze raccolte, sono di per sé un prodotto originale poiché poco o nulla è presente nella letteratura sociologica italiana che guardi al mondo dello sport attraverso l'ottica di genere. Dal lavoro svolto sono dunque emersi alcuni spunti di riflessione: 1. Lo sport femminile sembra rimanere una questione decisamente "personale". L'introduzione in questo mondo che, a giusta ragione, vuole essere luogo educativo di formazione e trasmissione di valori, è frutto di una scelta privata, affidata all'orientamento delle famiglie, degli amici o del caso. La dimensione valoriale dello sport sembra essere accolta dall'agenzia educativa per eccellenza, la scuola, solo se "residuale" o "integrativa". 2. I colloqui avuti con le atlete e le responsabili hanno messo in luce un aspetto di non facile definizione: lo sport agonistico praticato dalle donne deve essere considerato una professione o un'attività extra-lavorativa? La linea di demarcazione in realtà non esiste, per il semplice fatto che pare non esista una definizione di sport professionistico al femminile. 3. La lucidità con cui vengono messi a fuoco punti di forza e di debolezza della propria esperienza è trasversale all'età, alle discipline praticate, al livello di istruzione. Il percorso sportivo ha consentito ad atlete, dirigenti e allenatrici di affinare la propria consapevolezza, crescendo moltissimo in conoscenze e abilità, ma anche modificando comportamenti, lavorando molto sulla propria struttura psicologica, fisica, ed emotiva. 1 T. Bonifacio Vitale - P. Stradi (a cura di), Corsa ad ostacoli: esperienze di vita, carriera, identità di genere di donne sportive nel Veneto, Fondazione Corazzin, Collana Ricerche n.39, Giugno Fondazione Corazzin, Venezia - 5

6 4. Sono poi emerse caratteristiche dello sport femminile, lette attraverso alcune chiavi di lettura che le stesse intervistate ci hanno fornito. Significati, valori, senso della pratica e della relazione, modelli e attese hanno così tracciato, senza forzatura, una declinazione di genere. Di rilievo e decisamente inedite, le testimonianze che si riferiscono alla corporeità vissuta senza consenso che talvolta individua vera e propria molestia (e dunque violenza), altre volte, in modo più o meno traumatico, abuso di forza e prevaricazione di genere 2. ***** Dopo un anno, si affronta un altro pezzo di strada sul percorso delineato dalla Regione Veneto. Questa volta è direttamente la Commissione Regionale per le Pari Opportunità tra Uomo e Donna ad affidare l incarico di definire l'analisi degli aspetti di genere all'interno del rapporto più ampio tra giovani e sport. Ancora lo sport, dunque, come una lente attraverso cui intravedere gli orizzonti valoriali dei giovani, per poter pensare ad interventi che promuovano gli aspetti educativi e formativi dell'attività amatoriale ed agonistica. In questa seconda indagine si è scelto di utilizzare lo strumento del questionario telefonico per contattare un campione rappresentativo di giovani in Veneto al fine di sondare più aspetti: 1. la partecipazione sportiva e il valore, il senso attribuito allo sport; 2. il livello di informazione sui fenomeni sportivi e le opinioni, gli atteggiamenti in riferimento allo sport come fatto sociale; 3. le opinioni sull esistenza di pari opportunità nel mondo dello sport. Nell analisi dei dati particolare attenzione è stata posta all ottica di genere in tutte le tre aree considerate. La popolazione oggetto di campionamento è costituita dall insieme dei giovani di età compresa fra i 15 e i 29 anni residenti in Veneto secondo l'ultimo censimento ISTAT al Il campione è stato determinato fissando la sua rappresentatività rispetto a tre variabili ritenute fondamentali nel definire i fenomeni da analizzare: il genere, le coorti d età e la dimensione del comune di residenza. Durante la campagna di rilevazione questi caratteri sono stati tenuti sotto stretto controllo non tanto e non solo nel rispetto della numerosità specifica di ognuno, ma in quello delle numerosità definite dall incrocio tra essi, almeno per quanto le informazioni istituzionali sulla popolazione di riferimento lo hanno permesso. La determinazione della numerosità campionaria ha fissato a 723 il numero degli intervistati. Le interviste sono state condotte per via telefonica dalla società specializzata Demetra di Venezia e realizzate con il sistema C.A.T.I. (Computer Assisted Telephone Interview). A quanti rispondevano al telefono si sono richieste alcune informazioni 2 T. Bonifacio Vitale P. Stradi (a cura di), Corsa ad ostacoli op.cit. Fondazione Corazzin, Venezia - 6

7 preliminari, se questi non rientravano nei criteri campionari prestabiliti si chiedeva di parlare con un altro membro della convivenza che rispondesse ai requisiti previsti. Tutte le informazioni raccolte sono state codificate ed elaborate attraverso il programma statistico SPSS. Per le modalità di campionamento utilizzate, i giovani intervistati costituiscono un campione rappresentativo della realtà giovanile del Veneto e nella lettura del loro profilo sociale e anagrafico si possono, dunque, ritrovare i caratteri tipici di questa fetta della popolazione. Di seguito si descrivono le principali caratteristiche dei soggetti intervistati. Come si diceva, la popolazione oggetto di indagine ha un età compresa tra i 15 e i 29 anni. Nel campione è maggiormente rappresentata la fascia d età anni che comprende il 38,8% dei casi, seguita dalla fascia intermedia anni (34,9%) e, infine, dal gruppo dei più giovani appartenenti alla classe anni che rappresentano il 26,3% sul totale degli intervistati. Dall analisi dei dati relativi allo stato civile e alla convivenza abitativa emerge che nove intervistati su dieci (90,2%) sono celibi/nubili e quasi sempre vivono ancora in famiglia (86,3%), più raramente abitano da soli (2,5%). Minoritaria risulta la quota dei coniugati/conviventi (9,5%). Tra questi ultimi, preponderante appare la presenza femminile su quella maschile, a dimostrazione del fatto che le donne tendono ad uscire più presto rispetto agli uomini dalla famiglia di origine: se il 93% dei ragazzi dichiara di vivere presso i genitori, la convivenza con la famiglia di origine interessa, invece, l 80% delle ragazze. Come per l uscita dal nucleo familiare originario, così anche l evento della maternità/paternità interessa un numero limitato di giovani: meno di un intervistato su dieci (6,7%) ha figli a carico. Per quanto riguarda il titolo di studio, in più di un terzo dei casi (36,6%) i giovani intervistati risultano attualmente in possesso della licenza media. Nel gruppo dei diplomati (46,2%) si ritrovano i giovani che hanno scelto di non intraprendere il percorso di studi universitario (36,6%) e coloro che, invece, sono attualmente impegnati in tale percorso (9,6%). Infine, un altro 9,4% del campione è rappresentato da coloro che hanno già conseguito il titolo universitario. Considerate le caratteristiche della popolazione coinvolta, di particolare interesse appaiono i dati riferiti alla condizione attuale di vita. Il campione si divide in due gruppi: il primo gruppo, che comprende il 42,9% dei casi, si riferisce alla componente attiva sul mercato del lavoro, ovvero i giovani lavoratori dipendenti oppure autonomi; il secondo gruppo comprende, invece, i non attivi. In esso la componente preminente è costituita dagli studenti (48,7%) seguiti dai disoccupati o inoccupati (4,9%) e da una piccola quota di casalinghe (3,5%). Considerando il territorio di residenza, l indagine è stata svolta in tutto il Veneto, toccando tutti i comuni capoluogo di provincia e alcuni comuni non capoluogo. Dalla Fondazione Corazzin, Venezia - 7

8 suddivisione dei comuni tra città capoluogo e non capoluogo, emerge come al primo gruppo appartenga quasi un quarto del campione (23,7%), mentre nel secondo rientrano più dei tre quarti (76,3%). Tra questi risultano maggiormente rappresentati i comuni di piccola dimensione (fino a abitanti: 40,7%) rispetto a quelli di media (da a abitanti: 29,6%). Questi ultimi nelle loro caratteristiche sono maggiormente assimilabili ai contesti urbani di grandi dimensioni (più di abitanti:29,7%), mentre la configurazione del piccolo paese si avvicina maggiormente all ambiente di tipo comunitario. Tabella 1 Caratteristiche socioanagrafiche Genere % Valore ass. Uomo Donna Fasce d età Stato civile Da 15 a 19 anni Da 20 a 24 anni Da 25 a 29 anni Celibe/nubile Coniugato/a-Convivente Separato/a-Divorziato/a Titolo di studio Scuola dell obbligo Qualifica professionale Diploma di maturità Laurea Condizione sociale Studente Lavoratore (dipendente e autonomo) Disoccupato/In cerca occupazione Casalinga o altro Attualmente con chi vivi Famiglia di origine Coniuge e figli Da solo Altro Fondazione Corazzin, Venezia - 8

9 Tabella 2 Alcune caratteristiche in relazione al genere e all età Genere Valori % di colonna Genere Classe d età Uomo Donna Media Campione Uomo Donna Stato civile Celibe/nubile Coniugato/a Convivente Separato/a- Divorziato/a Titolo di studio Scuola dell obbligo Qualifica professionale Diploma di maturità Laurea Condizione attuale Studente Lavoratore (dipendente e autonomo) Disoccupato/In cerca 1 occupazione Casalinga o altro Attualmente con chi vivi? Famiglia di origine Coniuge Da solo Altro Hai figli? Si No Fondazione Corazzin, Venezia - 9

10 Tabella 3 Territorio di residenza Luogo di residenza % Valore ass. Capoluogo Non capoluogo Provincia di residenza Belluno Padova Rovigo Treviso Venezia Verona Vicenza Dimensione del comune di residenza Piccoli comuni (fino a ab) Medi comuni (da a ab.) Grandi comuni e province (oltre ab.) Fondazione Corazzin, Venezia - 10

11 CAPITOLO PRIMO I GIOVANI NELLO SPORT Come indicato nell introduzione, l obiettivo del presente sondaggio è di indagare a più livelli sul rapporto dei giovani con il mondo dello sport. La molteplicità dei piani di indagine tiene conto della complessità del fenomeno sportivo e della necessità di rilevare alcuni elementi di criticità, primo tra tutti l ambito delle differenze di genere. In questa sezione si analizza l aspetto della partecipazione dei giovani allo sport inteso come attività fisica a cui ci si può (o meno) dedicare per motivi diversi e con livelli di impegno e di coinvolgimento differenti. Al fine di delineare le caratteristiche della presenza giovanile nello sport in Veneto, si rivolge dunque l attenzione su tre ambiti: 1) l analisi della consistenza e delle caratteristiche di tale partecipazione; 2) l aspetto più qualitativo relativo alle modalità in cui lo sport è praticato; 3) l aspetto motivazionale, per indagare i motivi che portano un giovane a scegliere di praticare o non praticare sport. I numeri della partecipazione giovanile allo sport in Veneto Il primo aspetto su cui soffermarsi riguarda la diffusione della pratica sportiva tra i giovani veneti. Più di sei intervistati su dieci (62,4%) dichiarano di essere attualmente impegnati in una o più attività sportive, a fronte di un gruppo più ristretto di giovani (37,6%) che non pratica alcuno sport. Grafico 1 Distribuzione del campione in base alla pratica e non pratica sportiva Sportivi 62% Sedentari 38% N.casi: 723 Fonte: Corazzin 2002 Questi due gruppi identificano due tipologie di giovani che qui definiremo come gli sportivi e i sedentari, utilizzando i due termini con esclusivo riferimento alla partecipazione diretta Fondazione Corazzin, Venezia - 11

12 I giovani e lo sport nel Veneto nell attività fisica. Già ad un primo livello di analisi emerge chiaramente come l essere o meno sportivo rappresenti un fatto fortemente influenzato non solo da fattori quali l età, la condizione attuale nonché il genere di appartenenza. L età e la condizione attuale Considerando innanzitutto l età degli intervistati, emerge come al crescere di questa si alzi in modo sensibile la quota dei non praticanti: se lo sport coinvolge attivamente il 65,3% dei giovani tra i 15 e i 19 anni, tale percentuale scende al 63,5% nei giovani tra i 20 e i 24 anni fino ad interessare il 59,6% dei giovani tra i 25 e i 29 anni. Grafico 2 Distribuzione degli sportivi e dei sedentari per fasce d età (valori percentuali) ,3 63,5 59,6 34,7 36,5 40, Sportivi Sedentari Fonte: Corazzin 2002 Grafico 3 Distribuzione degli sportivi e dei sedentari per condizione attuale (valori percentuali) ,8 59,3 41,2 40,7 studente lavoratore disoccupato, inoccupato, casalinga, altro Sportivi Sedentari Fonte: Corazzin 2002 Appare chiaro come la differenza più forte riguardi la prima e l ultima classe d età con uno scarto di quasi 6 punti percentuali, dato interpretabile come tendenza di una certa quota di Fondazione Corazzin, Venezia - 12

13 I giovani e lo sport nel Veneto sportivi ad abbandonare l attività fisica all avanzare dell età, presumibilmente per il verificarsi di cambiamenti nello stile di vita ( ad esempio l entrata nel mondo del lavoro, lo sviluppo di nuovi interessi ) che implicano una restrizione del tempo disponibile o, comunque, una diversa organizzazione dei propri tempi di vita. Una conferma a questa ipotesi proviene dai dati riguardanti la condizione attuale. In particolare sono gli studenti a dedicarsi all attività sportiva: se più di sei studenti su 10 (66,1%) dichiarano di praticare sport, questa attività coinvolge in misura minore i lavoratori (58,8%). Per quanto riguarda, invece, il gruppo dei giovani usciti dal mondo della scuola e attualmente non occupati sul mercato del lavoro, la pratica sportiva li coinvolge tanto quanto i lavoratori (59,3%). Da queste prime analisi si rileva, dunque, come la pratica sportiva se da un lato è diffusa in tutte e tre le classi d età e condizioni considerate, dall altro caratterizza maggiormente i più giovani e in particolare gli studenti. Il genere Guardando al genere degli intervistati, un primo dato rilevante riguarda la diversa presenza della componente maschile e femminile nella pratica sportiva: sono soprattutto gli uomini a praticare sport, attività che coinvolge sette giovani maschi su dieci (70%), mentre la partecipazione delle donne interessa poco più della metà del campione femminile, precisamente il 55% delle intervistate. Considerando la presenza della componente maschile e femminile all interno delle tre fasce d età, si scopre come le variazioni nella partecipazione allo sport rilevate in precedenza (grafico 2), siano dovute all uscita delle donne dall attività sportiva. Infatti, mentre la distribuzione degli sportivi maschi nelle tre classi d età rimane fondamentalmente costante, così non è per la componente femminile che vede diminuire la propria partecipazione al crescere dell età. Grafico 4 Distribuzione dei maschi e delle femmine che praticano sport per fasce d età (valori percentuali) ,8 71,9 68,5 60,6 54, ,3 Sportivi - maschi Sportive - femmine Fonte: Corazzin 2002 Fondazione Corazzin, Venezia - 13

14 In particolare è a partire dalla seconda classe di età (20-24 anni) che si assiste ad un uscita precoce dall attività sportiva di una significativa parte di donne: ad un aumento della quota di sportivi maschi rispetto alla classe d età precedente (dal 69,8% di sportivi tra i 15 e i 19 anni si passa al 71,9% tra i anni) si contrappone un calo in quella femminile (dal 60,6% di sportive con meno di venti anni si passa al 54,8% nella fascia anni), tanto che la differenza percentuale tra i praticanti di sesso maschile e quelli di sesso femminile qui raggiunge i 17 punti percentuali. E invece tra i giovanissimi che si registra lo scarto minimo tra i generi (9,2%), una differenza nella partecipazione sportiva che appare comunque significativa. Analoghe differenze di genere si rilevano anche in riferimento alla condizione attuale: se sei studentesse su dieci (60,4%) praticano sport, si conta uno sportivo in più nel caso degli studenti maschi (71,4%); in modo analogo a fronte di cinque lavoratrici su dieci (51,2%) che praticano sport, tra i lavoratori maschi ve ne sono quasi sette (66,9%). Ma è tra i non attivi che si registra il divario maggiore: in questo gruppo su dieci maschi quasi nove risultano sportivi (86,7%), mentre nel caso delle donne la quota delle sportive è inferiore alle cinque unità (48,7%). Come verrà illustrato in seguito, le donne casalinghe, disoccupate o inoccupate che non praticano attività sportiva spiegano la propria sedentarietà più spesso con la mancanza di tempo a disposizione piuttosto che con motivazioni legate al disinteresse per l attività fisica. Grafico 5 Distribuzione dei maschi e delle femmine che praticano sport per condizione attuale (valori percentuali) ,4 60,4 66,9 86,7 51,2 48,7 studente lavoratore disoccupato, inattivo, casalinga, altro Sportivi - maschi Sportive - femmine Fonte: Corazzin 2002 Le modalità della pratica sportiva L impegno nello sport si diversifica in base al livello in cui è praticato: solitamente al crescere del grado di partecipazione e competizione sportiva corrisponde un maggiore coinvolgimento fisico e mentale nonché tempi di preparazione più intensi. Nello specifico all interno del gruppo degli sportivi si distinguono tre sottogruppi: Fondazione Corazzin, Venezia - 14

15 1. lo/a sportivo/a per passatempo è colui / colei che pratica attività sportiva per diletto, divertimento, svago, con un coinvolgimento che appare primariamente finalizzato alla ricreazione, alla distensione personale. Questa modalità non presuppone, in genere, alcuna strutturazione o programmazione a medio lungo termine dell attività sportiva. Guardando agli intervistati, meno di due sportivi su dieci (18,4%) svolgono sport per passatempo; 2. lo/a sportivo/a amatoriale si differenzia dallo sportivo per passatempo per una maggiore strutturazione e programmazione dell attività sportiva. L iscrizione in una palestra, la pratica di uno sport di squadra possono richiedere un organizzazione, un impegno e una costanza nella partecipazione maggiori rispetto al semplice passatempo. Questa modalità appare la più diffusa tra i giovani intervistati interessando ben il 57,2% degli sportivi; 3. se nei casi precedenti gli elementi competitivi possono essere o meno presenti, nel caso dello sport agonistico questi rappresentano la norma. Lo/a sportivo/a agonista si dedica allo sport in maniera impegnata e strutturata seguendo tempi, luoghi, metodi di allenamento prestabiliti. L elemento della competizione e del confronto è alla base dell attività sportiva stessa richiedendo livelli di impegno e, spesso, di sacrificio maggiori rispetto alle tipologie sportive precedenti. Tale attività svolta a certi livelli può portare a percepire un guadagno e, nella migliore delle ipotesi, il fare sport diviene professione. All interno di questa modalità si collocano il 24,4% di sportivi intervistati. Grafico 6 Distribuzione degli sportivi nei tre livelli della pratica passatempo 18% agonismo 24% amatoriale 58% Fonte: Corazzin 2002 Si può dunque asserire che chi pratica sport lo fa prevalentemente in maniera strutturata, con una certa costanza ed impegno. Si procede dunque nell analisi al fine di delineare le Fondazione Corazzin, Venezia - 15

16 I giovani e lo sport nel Veneto caratteristiche degli sportivi nelle diverse modalità della pratica. Se nella sezione precedente si è messo in luce come fattori quali l età e la condizione attuale incidono sul fatto di essere o meno sportivo soprattutto in rapporto al genere, considerando ora le modalità della pratica sportiva emergono differenziazioni forti tra gli sportivi in base all età e alla condizione attuale anche a prescindere dal genere di appartenenza. Quest ultima variabile continua comunque a rappresentare un importante fattore discriminante: non solo la presenza numerica di uomini e donne nello sport è diversa, ma anche l analisi delle modalità stesse in cui lo sport è praticato evidenzia l esistenza di differenziazioni legate al genere. L età e la condizione attuale Alla luce delle caratteristiche richieste dall impegno sportivo in ambito agonistico, non stupisce trovare nel gruppo degli agonisti maggiormente rappresentati i giovanissimi (48,2%), seguiti dai giovani della fascia d età intermedia (36,4%) e, quindi, dai meno giovani (15,5%). Il trend si inverte considerando le altre due modalità della pratica sportiva, dove si registra una presenza più diffusa dei giovani tra i 25 e i 29 anni. Interessante notare come la quota dei giovani della seconda fascia d età si mantenga pressoché costante nelle tre modalità: in ciascun livello su dieci giovani più di tre hanno sempre un età compresa tra i 20 e i 24 anni. Grafico 7 Distribuzione degli sportivi per fascia d età nei tre livelli della pratica sportiva Passatempo 15,7 32,5 51,8 Amatoriale 22, ,5 Agonismo 48,2 36,4 15,5 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: Corazzin 2002 L analisi della distribuzione degli sportivi delle varie fasce d età nelle tre modalità della pratica (grafico 8), mostra come al crescere dell età si verifichi uno spostamento progressivo dei giovani dall agonismo allo sport amatoriale e dallo sport amatoriale allo sport come passatempo. Fondazione Corazzin, Venezia - 16

17 Grafico 8 Distribuzione degli sportivi per modalità della pratica nelle tre fasce d età (valori percentuali) ,5 46,8 42,7 16,9 58, ,7 64,1 10, passatempo amatoriale agonistico Fonte: Corazzin 2002 Grafico 9 Distribuzione degli sportivi nei tre livelli della pratica per condizione attuale (valori percentuali) , ,6 20,3 64, ,9 65,6 12,5 Studente Lavoratore Disoccupato, inoccupato, casalinga, altro passatempo amatoriale agonistico Fonte: Corazzin 2002 Uno dei motivi di questo passaggio è legato all abbandono dei livelli più impegnativi della pratica sportiva presumibilmente per l impossibilità di mantenere i ritmi e i tempi di allenamento richiesti dalla competizione agonistica e alla difficoltà di portare avanti in modo costante l attività sportiva anche amatoriale a causa dell aumento dei carichi di impegno sia scolastico che professionale. Una diminuzione del tempo a disposizione che interessa in modo più forte il terzo gruppo di giovani (25 29 anni) all interno del quale si concentra la quota massima di lavoratori. Considerando la modalità non agonistica dello sport, interessante è constatare come le differenze riscontrabili tra la condizione di studente da una parte e quella di lavoratore / non attivo dall altra, non riguardano tanto la pratica per passatempo quanto piuttosto il livello amatoriale. Fondazione Corazzin, Venezia - 17

18 I giovani e lo sport nel Veneto Il genere In riferimento al genere, si mette in luce l esistenza di differenze qualitative in rapporto alla modalità in cui lo sport è praticato. Una prima osservazione riguarda la pratica amatoriale che se da un lato risulta la più diffusa sia tra i maschi che tra le femmine, comunque interessa in misura maggiore le donne tanto che proprio in riferimento a questa modalità sportiva si registra uno scarto di ben 16 punti percentuali (66% delle sportive contro il 50% degli sportivi). Per quanto riguarda, invece, gli altri due livelli della pratica, si rileva che: - lo sport agonistico viene praticato da più di un terzo degli sportivi maschi (il 35,4%), mentre nel caso delle femmine interessa solo una sportiva su 10 (11,2% delle sportive); - la situazione si inverte considerando il genere di chi pratica sport come passatempo, attività che coinvolge un maschio su 10 (14,6%) contro quasi un quarto delle sportive (22,9%). Grafico 10 Distribuzione degli sportivi e delle sportive nei tre livelli della pratica (valori percentuali) 35,4 50 agonismo amatoriale 11, ,6 sportivi - maschi passatempo 22,8 sportive - femmine Fonte: Corazzin 2002 Poche donne (rispetto agli uomini) che praticano sport e in più inserite soprattutto in posizioni marginali. Sulla scia di quanto emerso nella sezione precedente, diventa interessante analizzare nel gruppo degli sportivi e in quello delle sportive in ciascuna delle modalità della pratica, la composizione interna per età e condizione attuale. Fondazione Corazzin, Venezia - 18

19 Tabella a Distribuzione degli sportivi e delle sportive all interno di ciascun livello della pratica per fascia d età e condizione attuale (valori percentuali) PASSATEMPO Totale Uomo 13,9 38,9 47,2 100 Donna 17 27,7 55,3 100 Studente Lavoratore Non attivo Totale Uomo 44,4 52,8 2,8 100 Donna 46,8 40,4 12,8 100 AMATORIALE Totale Uomo 19,5 36,6 43,9 100 Donna 25,2 35,6 39,3 100 Studente Lavoratore Non attivo Totale Uomo 45,5 48 6,5 100 Donna 44,4 45,9 9,6 100 AGONISTICO Totale Uomo 43,7 37,9 18,4 100 Donna 65,2 30,4 4,3 100 Studente Lavoratore Non attivo Totale Uomo 66,7 28,7 4,6 100 Donna Le donne che praticano sport come passatempo hanno più spesso un età compresa tra i 25 e i 29 anni e in prevalenza sono studentesse. Questa modalità sportiva caratterizza anche gli uomini più adulti, ma in questo caso appare diffusa anche nella seconda fascia d età e interessa maggiormente i lavoratori. - Per quanto riguarda lo sport amatoriale, nel caso delle donne questa attività risulta essere trasversale all età, con una certa prevalenza tra le meno giovani sia lavoratrici che studentesse. Negli uomini la pratica amatoriale interessa in maniera più netta i meno giovani, in particolare chi lavora. - L agonismo femminile interessa quasi esclusivamente le giovanissime: la presenza di giovani tra i 20 e i 24 anni appare dimezzata rispetto alle ragazze più giovani (30,4% contro 65,2%) e la quota delle donne più adulte risulta assai ridotta (4,3%). Le agoniste sono quasi sempre (87%) studentesse, meno spesso (13%) donne lavoratrici, mai non attive. Nel caso dei maschi la composizione interna a questa categoria appare decisamente diversa. La quota percentuale dei più giovani comunque forte: 43,7% - appare ridimensionata dalla presenza di atleti agonisti appartenenti alla seconda fascia d età (37,9%) e quasi due agonisti maschi su dieci (18,4%) hanno un età compresa tra i 25 e i Fondazione Corazzin, Venezia - 19

20 29 anni. Quasi sette agonisti su dieci (66,7%) sono studenti, quasi tre (28,7%) lavorano e meno di uno (4,6%) non è né studente né lavoratore. I tempi della pratica sportiva Alla luce di quanto emerso finora circa le differenze di genere nelle modalità della pratica sportiva, la lettura dei dati relativi all impegno sportivo qui misurato in termini di tempo settimanale dedicato allo sport - di uomini e donne non sorprende. Grafico 11 Tempo settimanale dedicato all attività sportiva in rapporto al genere (valori percentuali) fino 5 ore da 6 a 10 ore più di 10 ore 2,5 donna 14,7 82,8 10,6 uomo 39 50,4 Fonte: Corazzin 2002 Emerge, infatti, come siano soprattutto le donne a dedicare allo sport una minore quantità di tempo: più di otto sportive su dieci (82,8%) si impegnano nell attività fisica per non più di 5 ore settimanali. Questa modalità, comunque, risulta essere la più diffusa anche tra gli uomini, ma in misura decisamente inferiore: se su dieci sportivi maschi cinque (50,4%) si impegnano al massimo per cinque ore alla settimana, ve ne sono quasi quattro (39%) che spendono per lo sport dalle sei alle dieci ore settimanali, mentre uno su dieci (10,6%) supera le dieci ore. L impegno sportivo varia a seconda del livello della pratica nonché del tipo di sport. Non stupisce, dunque, constatare come sia proprio lo sportivo agonista ad essere maggiormente impegnato nello sport, con un dispendio orario settimanale più frequentemente compreso tra le sei e le dieci ore (60% degli agonisti), mentre gli sportivi non agonisti dedicano allo sport in prevalenza dalle due alle cinque ore settimanali. Fondazione Corazzin, Venezia - 20

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo?

PREMESSA. Perché il CUG ha deciso di effettuare una indagine conoscitiva sul benessere organizzativo? PREMESSA Cos è il benessere organizzativo? Negli ultimi anni la P.A. ha preso in considerazione, almeno in teoria, la dimensione del benessere organizzativo dei propri dipendenti, in quanto il miglioramento

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 10/11

Riassunto delle ammissioni programma talenti SMS anno scolastico 10/11 Riassunto delle ammissioni "programma talenti SMS" anno scolastico 0/ Classi di prima Richiesta di documentazione all'uefs 75 Domande accettate secondo i criteri previsti 5 68.0% artisti 9 ( 8 musica,

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Lo sviluppo sociale nell adolescenza

Lo sviluppo sociale nell adolescenza Lo sviluppo sociale nell adolescenza che avvengono durante l adolescenza sul piano fisico e intellettuale si accompagnano a rilevanti modificazioni dell assetto sociale e personale

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

PISCINE COMUNALI PISCINA MUNICIPALE VIA PESTALOZZI, 5 A.S.D. ACCADEMIA DI SALVAMENTO. attività sportive in acqua. dal lun al sab

PISCINE COMUNALI PISCINA MUNICIPALE VIA PESTALOZZI, 5 A.S.D. ACCADEMIA DI SALVAMENTO. attività sportive in acqua. dal lun al sab Le Piscine Comunali sono attive, indicativamente, da settembre a luglio di ogni anno scolastico. Le iscrizioni ai corsi si ricevono direttamente nelle sedi di attività negli orari sottoindicati. I corsi

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia Argomenti n. 29 2005 Lo sport che cambia I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia I settori AMBIENTE E TERRITORIO POPOLAZIONE SANITÀ E PREVIDENZA CULTURA FAMIGLIA

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching

Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Aiutare i propri figli a orientarsi dopo la scuola superiore attraverso il coaching Premessa Aiutare i figli a orientarsi alla fine del quinquennio della scuola superiore, o sostenerli nella scelta di

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

Perché far praticare Karate ai Bambini.

Perché far praticare Karate ai Bambini. Perché far praticare Karate ai Bambini. Spesso ci si domanda se il karate è una pratica adatta ai bambini. Gli attuali sistemi didattici forniscono all'insegnante di karate dei metodi grazie ai quali i

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita. Grande Mappa e Nuovi Stili di Vita

La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita. Grande Mappa e Nuovi Stili di Vita SINOTTICA-E U R I S K O La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita 1 Sinottica-Eurisko 2004 Premessa Nel presente documento Eurisko propone una nuova segmentazione della popolazione italiana

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli