I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE"

Transcript

1 ANALISI COLLANA RICERCHE N. 43 GIUGNO 2002 I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE a cura di Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro, Paola Stradi e Andrea Vicentini Ricerca promossa dalla Commissione Pari Opportunità della Regione Veneto

2 I GIOVANI E LO SPORT NEL VENETO. PARTECIPAZIONE, OPINIONI E ATTEGGIAMENTI IN UNA LETTURA DI GENERE a cura di Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro, Paola Stradi e Andrea Vicentini Ricerca promossa dalla Commissione Pari Opportunità della Regione Veneto Fondazione Corazzin, Venezia - 2

3 L indagine è stata realizzata dalla Fondazione Corazzin di Venezia per conto della Commissione Pari Opportunità della Regione Veneto. Andrea Vicentini ha impostato e coordinato il lavoro e con il gruppo di ricercatori composto da Tiziana Bonifacio Vitale, Alessio Favaro e Paola Stradi ha progettato lo strumento di rilevazione. Le interviste sono state condotte per via telefonica dalla società Demetra di Venezia. Il rapporto finale è stato redatto da Tiziana Bonifacio Vitale (capitoli 1 e 2) e Paola Stradi (capitolo 3) con la collaborazione e il supporto statistico di Alessio Favaro. L intervista a Diana Bianchedi è stata realizzata da Andrea Vicentini. Fondazione Corazzin, Venezia - 3

4 INDICE INTRODUZIONE E ASPETTI METODOLOGICI... 5 CAPITOLO PRIMO. I GIOVANI NELLO SPORT I NUMERI DELLA PARTECIPAZIONE GIOVANILE ALLO SPORT IN VENETO LE MODALITÀ DELLA PRATICA SPORTIVA I tempi della pratica sportiva Le discipline sportive LE MOTIVAZIONI Sedentari perché Lo sport perché IL TERRITORIO E LA FAMIGLIA DI ORIGINE La dimensione territoriale Lo sport e la famiglia di origine CAPITOLO SECONDO. LO SPORT COME SPETTACOLO L INFORMAZIONE SPORTIVA DUE TEMI DI ATTUALITÀ: IL DOPING E LA VIOLENZA NELLO SPORT CAPITOLO TERZO. LETTURA DI GENERE: SULLE DONNE E LO SPORT COSA CREDO, COSA VEDO CHE NE PENSI? QUALE SENSO DELLO SPORT? LO SPORT PROFESSIONISTICO CAPITOLO QUARTO. UNO SGUARDO D INSIEME: ASPETTI DI UNA LETTURA DI GENERE CAPITOLO QUINTO. VIVERE, PROMUOVERE, RAPPRESENTARE LO SPORT UNA TESTIMONIANZA D ECCEZIONE: INTERVISTA A DIANA BIANCHEDI Fondazione Corazzin, Venezia - 4

5 INTRODUZIONE E ASPETTI METODOLOGICI Il presente lavoro si inserisce in un percorso di ricerca già avviato nel 2000 dalla Regione Veneto attraverso il Servizio Sport e Tempo Libero e la Commissione Regionale per le Pari Opportunità tra Uomo e Donna. Il primo studio, commissionato come il presente alla Fondazione Corazzin, ha inteso esplorare le caratteristiche della componente femminile nella pratica sportiva agonistica in Veneto al fine di rilevare l esistenza o meno di pari opportunità 1. L indagine qualitativa ha, quindi, consentito di entrare nella realtà di 40 donne tra atlete, allenatrici e dirigenti di società sportive rilevando storie di vita dense di aspettative, di fatica e voglia di emergere. Abbiamo incontrato donne giovani e giovanissime consapevoli delle proprie risorse e potenzialità così come dei propri limiti; donne che hanno fatto dello sport una componente determinante della propria vita e che esprimono con lucidità e partecipazione le difficoltà incontrate, le discriminazioni subite, i fattori di successo su cui puntare. I risultati ottenuti, interessanti innanzitutto per l'elevato spessore delle testimonianze raccolte, sono di per sé un prodotto originale poiché poco o nulla è presente nella letteratura sociologica italiana che guardi al mondo dello sport attraverso l'ottica di genere. Dal lavoro svolto sono dunque emersi alcuni spunti di riflessione: 1. Lo sport femminile sembra rimanere una questione decisamente "personale". L'introduzione in questo mondo che, a giusta ragione, vuole essere luogo educativo di formazione e trasmissione di valori, è frutto di una scelta privata, affidata all'orientamento delle famiglie, degli amici o del caso. La dimensione valoriale dello sport sembra essere accolta dall'agenzia educativa per eccellenza, la scuola, solo se "residuale" o "integrativa". 2. I colloqui avuti con le atlete e le responsabili hanno messo in luce un aspetto di non facile definizione: lo sport agonistico praticato dalle donne deve essere considerato una professione o un'attività extra-lavorativa? La linea di demarcazione in realtà non esiste, per il semplice fatto che pare non esista una definizione di sport professionistico al femminile. 3. La lucidità con cui vengono messi a fuoco punti di forza e di debolezza della propria esperienza è trasversale all'età, alle discipline praticate, al livello di istruzione. Il percorso sportivo ha consentito ad atlete, dirigenti e allenatrici di affinare la propria consapevolezza, crescendo moltissimo in conoscenze e abilità, ma anche modificando comportamenti, lavorando molto sulla propria struttura psicologica, fisica, ed emotiva. 1 T. Bonifacio Vitale - P. Stradi (a cura di), Corsa ad ostacoli: esperienze di vita, carriera, identità di genere di donne sportive nel Veneto, Fondazione Corazzin, Collana Ricerche n.39, Giugno Fondazione Corazzin, Venezia - 5

6 4. Sono poi emerse caratteristiche dello sport femminile, lette attraverso alcune chiavi di lettura che le stesse intervistate ci hanno fornito. Significati, valori, senso della pratica e della relazione, modelli e attese hanno così tracciato, senza forzatura, una declinazione di genere. Di rilievo e decisamente inedite, le testimonianze che si riferiscono alla corporeità vissuta senza consenso che talvolta individua vera e propria molestia (e dunque violenza), altre volte, in modo più o meno traumatico, abuso di forza e prevaricazione di genere 2. ***** Dopo un anno, si affronta un altro pezzo di strada sul percorso delineato dalla Regione Veneto. Questa volta è direttamente la Commissione Regionale per le Pari Opportunità tra Uomo e Donna ad affidare l incarico di definire l'analisi degli aspetti di genere all'interno del rapporto più ampio tra giovani e sport. Ancora lo sport, dunque, come una lente attraverso cui intravedere gli orizzonti valoriali dei giovani, per poter pensare ad interventi che promuovano gli aspetti educativi e formativi dell'attività amatoriale ed agonistica. In questa seconda indagine si è scelto di utilizzare lo strumento del questionario telefonico per contattare un campione rappresentativo di giovani in Veneto al fine di sondare più aspetti: 1. la partecipazione sportiva e il valore, il senso attribuito allo sport; 2. il livello di informazione sui fenomeni sportivi e le opinioni, gli atteggiamenti in riferimento allo sport come fatto sociale; 3. le opinioni sull esistenza di pari opportunità nel mondo dello sport. Nell analisi dei dati particolare attenzione è stata posta all ottica di genere in tutte le tre aree considerate. La popolazione oggetto di campionamento è costituita dall insieme dei giovani di età compresa fra i 15 e i 29 anni residenti in Veneto secondo l'ultimo censimento ISTAT al Il campione è stato determinato fissando la sua rappresentatività rispetto a tre variabili ritenute fondamentali nel definire i fenomeni da analizzare: il genere, le coorti d età e la dimensione del comune di residenza. Durante la campagna di rilevazione questi caratteri sono stati tenuti sotto stretto controllo non tanto e non solo nel rispetto della numerosità specifica di ognuno, ma in quello delle numerosità definite dall incrocio tra essi, almeno per quanto le informazioni istituzionali sulla popolazione di riferimento lo hanno permesso. La determinazione della numerosità campionaria ha fissato a 723 il numero degli intervistati. Le interviste sono state condotte per via telefonica dalla società specializzata Demetra di Venezia e realizzate con il sistema C.A.T.I. (Computer Assisted Telephone Interview). A quanti rispondevano al telefono si sono richieste alcune informazioni 2 T. Bonifacio Vitale P. Stradi (a cura di), Corsa ad ostacoli op.cit. Fondazione Corazzin, Venezia - 6

7 preliminari, se questi non rientravano nei criteri campionari prestabiliti si chiedeva di parlare con un altro membro della convivenza che rispondesse ai requisiti previsti. Tutte le informazioni raccolte sono state codificate ed elaborate attraverso il programma statistico SPSS. Per le modalità di campionamento utilizzate, i giovani intervistati costituiscono un campione rappresentativo della realtà giovanile del Veneto e nella lettura del loro profilo sociale e anagrafico si possono, dunque, ritrovare i caratteri tipici di questa fetta della popolazione. Di seguito si descrivono le principali caratteristiche dei soggetti intervistati. Come si diceva, la popolazione oggetto di indagine ha un età compresa tra i 15 e i 29 anni. Nel campione è maggiormente rappresentata la fascia d età anni che comprende il 38,8% dei casi, seguita dalla fascia intermedia anni (34,9%) e, infine, dal gruppo dei più giovani appartenenti alla classe anni che rappresentano il 26,3% sul totale degli intervistati. Dall analisi dei dati relativi allo stato civile e alla convivenza abitativa emerge che nove intervistati su dieci (90,2%) sono celibi/nubili e quasi sempre vivono ancora in famiglia (86,3%), più raramente abitano da soli (2,5%). Minoritaria risulta la quota dei coniugati/conviventi (9,5%). Tra questi ultimi, preponderante appare la presenza femminile su quella maschile, a dimostrazione del fatto che le donne tendono ad uscire più presto rispetto agli uomini dalla famiglia di origine: se il 93% dei ragazzi dichiara di vivere presso i genitori, la convivenza con la famiglia di origine interessa, invece, l 80% delle ragazze. Come per l uscita dal nucleo familiare originario, così anche l evento della maternità/paternità interessa un numero limitato di giovani: meno di un intervistato su dieci (6,7%) ha figli a carico. Per quanto riguarda il titolo di studio, in più di un terzo dei casi (36,6%) i giovani intervistati risultano attualmente in possesso della licenza media. Nel gruppo dei diplomati (46,2%) si ritrovano i giovani che hanno scelto di non intraprendere il percorso di studi universitario (36,6%) e coloro che, invece, sono attualmente impegnati in tale percorso (9,6%). Infine, un altro 9,4% del campione è rappresentato da coloro che hanno già conseguito il titolo universitario. Considerate le caratteristiche della popolazione coinvolta, di particolare interesse appaiono i dati riferiti alla condizione attuale di vita. Il campione si divide in due gruppi: il primo gruppo, che comprende il 42,9% dei casi, si riferisce alla componente attiva sul mercato del lavoro, ovvero i giovani lavoratori dipendenti oppure autonomi; il secondo gruppo comprende, invece, i non attivi. In esso la componente preminente è costituita dagli studenti (48,7%) seguiti dai disoccupati o inoccupati (4,9%) e da una piccola quota di casalinghe (3,5%). Considerando il territorio di residenza, l indagine è stata svolta in tutto il Veneto, toccando tutti i comuni capoluogo di provincia e alcuni comuni non capoluogo. Dalla Fondazione Corazzin, Venezia - 7

8 suddivisione dei comuni tra città capoluogo e non capoluogo, emerge come al primo gruppo appartenga quasi un quarto del campione (23,7%), mentre nel secondo rientrano più dei tre quarti (76,3%). Tra questi risultano maggiormente rappresentati i comuni di piccola dimensione (fino a abitanti: 40,7%) rispetto a quelli di media (da a abitanti: 29,6%). Questi ultimi nelle loro caratteristiche sono maggiormente assimilabili ai contesti urbani di grandi dimensioni (più di abitanti:29,7%), mentre la configurazione del piccolo paese si avvicina maggiormente all ambiente di tipo comunitario. Tabella 1 Caratteristiche socioanagrafiche Genere % Valore ass. Uomo Donna Fasce d età Stato civile Da 15 a 19 anni Da 20 a 24 anni Da 25 a 29 anni Celibe/nubile Coniugato/a-Convivente Separato/a-Divorziato/a Titolo di studio Scuola dell obbligo Qualifica professionale Diploma di maturità Laurea Condizione sociale Studente Lavoratore (dipendente e autonomo) Disoccupato/In cerca occupazione Casalinga o altro Attualmente con chi vivi Famiglia di origine Coniuge e figli Da solo Altro Fondazione Corazzin, Venezia - 8

9 Tabella 2 Alcune caratteristiche in relazione al genere e all età Genere Valori % di colonna Genere Classe d età Uomo Donna Media Campione Uomo Donna Stato civile Celibe/nubile Coniugato/a Convivente Separato/a- Divorziato/a Titolo di studio Scuola dell obbligo Qualifica professionale Diploma di maturità Laurea Condizione attuale Studente Lavoratore (dipendente e autonomo) Disoccupato/In cerca 1 occupazione Casalinga o altro Attualmente con chi vivi? Famiglia di origine Coniuge Da solo Altro Hai figli? Si No Fondazione Corazzin, Venezia - 9

10 Tabella 3 Territorio di residenza Luogo di residenza % Valore ass. Capoluogo Non capoluogo Provincia di residenza Belluno Padova Rovigo Treviso Venezia Verona Vicenza Dimensione del comune di residenza Piccoli comuni (fino a ab) Medi comuni (da a ab.) Grandi comuni e province (oltre ab.) Fondazione Corazzin, Venezia - 10

11 CAPITOLO PRIMO I GIOVANI NELLO SPORT Come indicato nell introduzione, l obiettivo del presente sondaggio è di indagare a più livelli sul rapporto dei giovani con il mondo dello sport. La molteplicità dei piani di indagine tiene conto della complessità del fenomeno sportivo e della necessità di rilevare alcuni elementi di criticità, primo tra tutti l ambito delle differenze di genere. In questa sezione si analizza l aspetto della partecipazione dei giovani allo sport inteso come attività fisica a cui ci si può (o meno) dedicare per motivi diversi e con livelli di impegno e di coinvolgimento differenti. Al fine di delineare le caratteristiche della presenza giovanile nello sport in Veneto, si rivolge dunque l attenzione su tre ambiti: 1) l analisi della consistenza e delle caratteristiche di tale partecipazione; 2) l aspetto più qualitativo relativo alle modalità in cui lo sport è praticato; 3) l aspetto motivazionale, per indagare i motivi che portano un giovane a scegliere di praticare o non praticare sport. I numeri della partecipazione giovanile allo sport in Veneto Il primo aspetto su cui soffermarsi riguarda la diffusione della pratica sportiva tra i giovani veneti. Più di sei intervistati su dieci (62,4%) dichiarano di essere attualmente impegnati in una o più attività sportive, a fronte di un gruppo più ristretto di giovani (37,6%) che non pratica alcuno sport. Grafico 1 Distribuzione del campione in base alla pratica e non pratica sportiva Sportivi 62% Sedentari 38% N.casi: 723 Fonte: Corazzin 2002 Questi due gruppi identificano due tipologie di giovani che qui definiremo come gli sportivi e i sedentari, utilizzando i due termini con esclusivo riferimento alla partecipazione diretta Fondazione Corazzin, Venezia - 11

12 I giovani e lo sport nel Veneto nell attività fisica. Già ad un primo livello di analisi emerge chiaramente come l essere o meno sportivo rappresenti un fatto fortemente influenzato non solo da fattori quali l età, la condizione attuale nonché il genere di appartenenza. L età e la condizione attuale Considerando innanzitutto l età degli intervistati, emerge come al crescere di questa si alzi in modo sensibile la quota dei non praticanti: se lo sport coinvolge attivamente il 65,3% dei giovani tra i 15 e i 19 anni, tale percentuale scende al 63,5% nei giovani tra i 20 e i 24 anni fino ad interessare il 59,6% dei giovani tra i 25 e i 29 anni. Grafico 2 Distribuzione degli sportivi e dei sedentari per fasce d età (valori percentuali) ,3 63,5 59,6 34,7 36,5 40, Sportivi Sedentari Fonte: Corazzin 2002 Grafico 3 Distribuzione degli sportivi e dei sedentari per condizione attuale (valori percentuali) ,8 59,3 41,2 40,7 studente lavoratore disoccupato, inoccupato, casalinga, altro Sportivi Sedentari Fonte: Corazzin 2002 Appare chiaro come la differenza più forte riguardi la prima e l ultima classe d età con uno scarto di quasi 6 punti percentuali, dato interpretabile come tendenza di una certa quota di Fondazione Corazzin, Venezia - 12

13 I giovani e lo sport nel Veneto sportivi ad abbandonare l attività fisica all avanzare dell età, presumibilmente per il verificarsi di cambiamenti nello stile di vita ( ad esempio l entrata nel mondo del lavoro, lo sviluppo di nuovi interessi ) che implicano una restrizione del tempo disponibile o, comunque, una diversa organizzazione dei propri tempi di vita. Una conferma a questa ipotesi proviene dai dati riguardanti la condizione attuale. In particolare sono gli studenti a dedicarsi all attività sportiva: se più di sei studenti su 10 (66,1%) dichiarano di praticare sport, questa attività coinvolge in misura minore i lavoratori (58,8%). Per quanto riguarda, invece, il gruppo dei giovani usciti dal mondo della scuola e attualmente non occupati sul mercato del lavoro, la pratica sportiva li coinvolge tanto quanto i lavoratori (59,3%). Da queste prime analisi si rileva, dunque, come la pratica sportiva se da un lato è diffusa in tutte e tre le classi d età e condizioni considerate, dall altro caratterizza maggiormente i più giovani e in particolare gli studenti. Il genere Guardando al genere degli intervistati, un primo dato rilevante riguarda la diversa presenza della componente maschile e femminile nella pratica sportiva: sono soprattutto gli uomini a praticare sport, attività che coinvolge sette giovani maschi su dieci (70%), mentre la partecipazione delle donne interessa poco più della metà del campione femminile, precisamente il 55% delle intervistate. Considerando la presenza della componente maschile e femminile all interno delle tre fasce d età, si scopre come le variazioni nella partecipazione allo sport rilevate in precedenza (grafico 2), siano dovute all uscita delle donne dall attività sportiva. Infatti, mentre la distribuzione degli sportivi maschi nelle tre classi d età rimane fondamentalmente costante, così non è per la componente femminile che vede diminuire la propria partecipazione al crescere dell età. Grafico 4 Distribuzione dei maschi e delle femmine che praticano sport per fasce d età (valori percentuali) ,8 71,9 68,5 60,6 54, ,3 Sportivi - maschi Sportive - femmine Fonte: Corazzin 2002 Fondazione Corazzin, Venezia - 13

14 In particolare è a partire dalla seconda classe di età (20-24 anni) che si assiste ad un uscita precoce dall attività sportiva di una significativa parte di donne: ad un aumento della quota di sportivi maschi rispetto alla classe d età precedente (dal 69,8% di sportivi tra i 15 e i 19 anni si passa al 71,9% tra i anni) si contrappone un calo in quella femminile (dal 60,6% di sportive con meno di venti anni si passa al 54,8% nella fascia anni), tanto che la differenza percentuale tra i praticanti di sesso maschile e quelli di sesso femminile qui raggiunge i 17 punti percentuali. E invece tra i giovanissimi che si registra lo scarto minimo tra i generi (9,2%), una differenza nella partecipazione sportiva che appare comunque significativa. Analoghe differenze di genere si rilevano anche in riferimento alla condizione attuale: se sei studentesse su dieci (60,4%) praticano sport, si conta uno sportivo in più nel caso degli studenti maschi (71,4%); in modo analogo a fronte di cinque lavoratrici su dieci (51,2%) che praticano sport, tra i lavoratori maschi ve ne sono quasi sette (66,9%). Ma è tra i non attivi che si registra il divario maggiore: in questo gruppo su dieci maschi quasi nove risultano sportivi (86,7%), mentre nel caso delle donne la quota delle sportive è inferiore alle cinque unità (48,7%). Come verrà illustrato in seguito, le donne casalinghe, disoccupate o inoccupate che non praticano attività sportiva spiegano la propria sedentarietà più spesso con la mancanza di tempo a disposizione piuttosto che con motivazioni legate al disinteresse per l attività fisica. Grafico 5 Distribuzione dei maschi e delle femmine che praticano sport per condizione attuale (valori percentuali) ,4 60,4 66,9 86,7 51,2 48,7 studente lavoratore disoccupato, inattivo, casalinga, altro Sportivi - maschi Sportive - femmine Fonte: Corazzin 2002 Le modalità della pratica sportiva L impegno nello sport si diversifica in base al livello in cui è praticato: solitamente al crescere del grado di partecipazione e competizione sportiva corrisponde un maggiore coinvolgimento fisico e mentale nonché tempi di preparazione più intensi. Nello specifico all interno del gruppo degli sportivi si distinguono tre sottogruppi: Fondazione Corazzin, Venezia - 14

15 1. lo/a sportivo/a per passatempo è colui / colei che pratica attività sportiva per diletto, divertimento, svago, con un coinvolgimento che appare primariamente finalizzato alla ricreazione, alla distensione personale. Questa modalità non presuppone, in genere, alcuna strutturazione o programmazione a medio lungo termine dell attività sportiva. Guardando agli intervistati, meno di due sportivi su dieci (18,4%) svolgono sport per passatempo; 2. lo/a sportivo/a amatoriale si differenzia dallo sportivo per passatempo per una maggiore strutturazione e programmazione dell attività sportiva. L iscrizione in una palestra, la pratica di uno sport di squadra possono richiedere un organizzazione, un impegno e una costanza nella partecipazione maggiori rispetto al semplice passatempo. Questa modalità appare la più diffusa tra i giovani intervistati interessando ben il 57,2% degli sportivi; 3. se nei casi precedenti gli elementi competitivi possono essere o meno presenti, nel caso dello sport agonistico questi rappresentano la norma. Lo/a sportivo/a agonista si dedica allo sport in maniera impegnata e strutturata seguendo tempi, luoghi, metodi di allenamento prestabiliti. L elemento della competizione e del confronto è alla base dell attività sportiva stessa richiedendo livelli di impegno e, spesso, di sacrificio maggiori rispetto alle tipologie sportive precedenti. Tale attività svolta a certi livelli può portare a percepire un guadagno e, nella migliore delle ipotesi, il fare sport diviene professione. All interno di questa modalità si collocano il 24,4% di sportivi intervistati. Grafico 6 Distribuzione degli sportivi nei tre livelli della pratica passatempo 18% agonismo 24% amatoriale 58% Fonte: Corazzin 2002 Si può dunque asserire che chi pratica sport lo fa prevalentemente in maniera strutturata, con una certa costanza ed impegno. Si procede dunque nell analisi al fine di delineare le Fondazione Corazzin, Venezia - 15

16 I giovani e lo sport nel Veneto caratteristiche degli sportivi nelle diverse modalità della pratica. Se nella sezione precedente si è messo in luce come fattori quali l età e la condizione attuale incidono sul fatto di essere o meno sportivo soprattutto in rapporto al genere, considerando ora le modalità della pratica sportiva emergono differenziazioni forti tra gli sportivi in base all età e alla condizione attuale anche a prescindere dal genere di appartenenza. Quest ultima variabile continua comunque a rappresentare un importante fattore discriminante: non solo la presenza numerica di uomini e donne nello sport è diversa, ma anche l analisi delle modalità stesse in cui lo sport è praticato evidenzia l esistenza di differenziazioni legate al genere. L età e la condizione attuale Alla luce delle caratteristiche richieste dall impegno sportivo in ambito agonistico, non stupisce trovare nel gruppo degli agonisti maggiormente rappresentati i giovanissimi (48,2%), seguiti dai giovani della fascia d età intermedia (36,4%) e, quindi, dai meno giovani (15,5%). Il trend si inverte considerando le altre due modalità della pratica sportiva, dove si registra una presenza più diffusa dei giovani tra i 25 e i 29 anni. Interessante notare come la quota dei giovani della seconda fascia d età si mantenga pressoché costante nelle tre modalità: in ciascun livello su dieci giovani più di tre hanno sempre un età compresa tra i 20 e i 24 anni. Grafico 7 Distribuzione degli sportivi per fascia d età nei tre livelli della pratica sportiva Passatempo 15,7 32,5 51,8 Amatoriale 22, ,5 Agonismo 48,2 36,4 15,5 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: Corazzin 2002 L analisi della distribuzione degli sportivi delle varie fasce d età nelle tre modalità della pratica (grafico 8), mostra come al crescere dell età si verifichi uno spostamento progressivo dei giovani dall agonismo allo sport amatoriale e dallo sport amatoriale allo sport come passatempo. Fondazione Corazzin, Venezia - 16

17 Grafico 8 Distribuzione degli sportivi per modalità della pratica nelle tre fasce d età (valori percentuali) ,5 46,8 42,7 16,9 58, ,7 64,1 10, passatempo amatoriale agonistico Fonte: Corazzin 2002 Grafico 9 Distribuzione degli sportivi nei tre livelli della pratica per condizione attuale (valori percentuali) , ,6 20,3 64, ,9 65,6 12,5 Studente Lavoratore Disoccupato, inoccupato, casalinga, altro passatempo amatoriale agonistico Fonte: Corazzin 2002 Uno dei motivi di questo passaggio è legato all abbandono dei livelli più impegnativi della pratica sportiva presumibilmente per l impossibilità di mantenere i ritmi e i tempi di allenamento richiesti dalla competizione agonistica e alla difficoltà di portare avanti in modo costante l attività sportiva anche amatoriale a causa dell aumento dei carichi di impegno sia scolastico che professionale. Una diminuzione del tempo a disposizione che interessa in modo più forte il terzo gruppo di giovani (25 29 anni) all interno del quale si concentra la quota massima di lavoratori. Considerando la modalità non agonistica dello sport, interessante è constatare come le differenze riscontrabili tra la condizione di studente da una parte e quella di lavoratore / non attivo dall altra, non riguardano tanto la pratica per passatempo quanto piuttosto il livello amatoriale. Fondazione Corazzin, Venezia - 17

18 I giovani e lo sport nel Veneto Il genere In riferimento al genere, si mette in luce l esistenza di differenze qualitative in rapporto alla modalità in cui lo sport è praticato. Una prima osservazione riguarda la pratica amatoriale che se da un lato risulta la più diffusa sia tra i maschi che tra le femmine, comunque interessa in misura maggiore le donne tanto che proprio in riferimento a questa modalità sportiva si registra uno scarto di ben 16 punti percentuali (66% delle sportive contro il 50% degli sportivi). Per quanto riguarda, invece, gli altri due livelli della pratica, si rileva che: - lo sport agonistico viene praticato da più di un terzo degli sportivi maschi (il 35,4%), mentre nel caso delle femmine interessa solo una sportiva su 10 (11,2% delle sportive); - la situazione si inverte considerando il genere di chi pratica sport come passatempo, attività che coinvolge un maschio su 10 (14,6%) contro quasi un quarto delle sportive (22,9%). Grafico 10 Distribuzione degli sportivi e delle sportive nei tre livelli della pratica (valori percentuali) 35,4 50 agonismo amatoriale 11, ,6 sportivi - maschi passatempo 22,8 sportive - femmine Fonte: Corazzin 2002 Poche donne (rispetto agli uomini) che praticano sport e in più inserite soprattutto in posizioni marginali. Sulla scia di quanto emerso nella sezione precedente, diventa interessante analizzare nel gruppo degli sportivi e in quello delle sportive in ciascuna delle modalità della pratica, la composizione interna per età e condizione attuale. Fondazione Corazzin, Venezia - 18

19 Tabella a Distribuzione degli sportivi e delle sportive all interno di ciascun livello della pratica per fascia d età e condizione attuale (valori percentuali) PASSATEMPO Totale Uomo 13,9 38,9 47,2 100 Donna 17 27,7 55,3 100 Studente Lavoratore Non attivo Totale Uomo 44,4 52,8 2,8 100 Donna 46,8 40,4 12,8 100 AMATORIALE Totale Uomo 19,5 36,6 43,9 100 Donna 25,2 35,6 39,3 100 Studente Lavoratore Non attivo Totale Uomo 45,5 48 6,5 100 Donna 44,4 45,9 9,6 100 AGONISTICO Totale Uomo 43,7 37,9 18,4 100 Donna 65,2 30,4 4,3 100 Studente Lavoratore Non attivo Totale Uomo 66,7 28,7 4,6 100 Donna Le donne che praticano sport come passatempo hanno più spesso un età compresa tra i 25 e i 29 anni e in prevalenza sono studentesse. Questa modalità sportiva caratterizza anche gli uomini più adulti, ma in questo caso appare diffusa anche nella seconda fascia d età e interessa maggiormente i lavoratori. - Per quanto riguarda lo sport amatoriale, nel caso delle donne questa attività risulta essere trasversale all età, con una certa prevalenza tra le meno giovani sia lavoratrici che studentesse. Negli uomini la pratica amatoriale interessa in maniera più netta i meno giovani, in particolare chi lavora. - L agonismo femminile interessa quasi esclusivamente le giovanissime: la presenza di giovani tra i 20 e i 24 anni appare dimezzata rispetto alle ragazze più giovani (30,4% contro 65,2%) e la quota delle donne più adulte risulta assai ridotta (4,3%). Le agoniste sono quasi sempre (87%) studentesse, meno spesso (13%) donne lavoratrici, mai non attive. Nel caso dei maschi la composizione interna a questa categoria appare decisamente diversa. La quota percentuale dei più giovani comunque forte: 43,7% - appare ridimensionata dalla presenza di atleti agonisti appartenenti alla seconda fascia d età (37,9%) e quasi due agonisti maschi su dieci (18,4%) hanno un età compresa tra i 25 e i Fondazione Corazzin, Venezia - 19

20 29 anni. Quasi sette agonisti su dieci (66,7%) sono studenti, quasi tre (28,7%) lavorano e meno di uno (4,6%) non è né studente né lavoratore. I tempi della pratica sportiva Alla luce di quanto emerso finora circa le differenze di genere nelle modalità della pratica sportiva, la lettura dei dati relativi all impegno sportivo qui misurato in termini di tempo settimanale dedicato allo sport - di uomini e donne non sorprende. Grafico 11 Tempo settimanale dedicato all attività sportiva in rapporto al genere (valori percentuali) fino 5 ore da 6 a 10 ore più di 10 ore 2,5 donna 14,7 82,8 10,6 uomo 39 50,4 Fonte: Corazzin 2002 Emerge, infatti, come siano soprattutto le donne a dedicare allo sport una minore quantità di tempo: più di otto sportive su dieci (82,8%) si impegnano nell attività fisica per non più di 5 ore settimanali. Questa modalità, comunque, risulta essere la più diffusa anche tra gli uomini, ma in misura decisamente inferiore: se su dieci sportivi maschi cinque (50,4%) si impegnano al massimo per cinque ore alla settimana, ve ne sono quasi quattro (39%) che spendono per lo sport dalle sei alle dieci ore settimanali, mentre uno su dieci (10,6%) supera le dieci ore. L impegno sportivo varia a seconda del livello della pratica nonché del tipo di sport. Non stupisce, dunque, constatare come sia proprio lo sportivo agonista ad essere maggiormente impegnato nello sport, con un dispendio orario settimanale più frequentemente compreso tra le sei e le dieci ore (60% degli agonisti), mentre gli sportivi non agonisti dedicano allo sport in prevalenza dalle due alle cinque ore settimanali. Fondazione Corazzin, Venezia - 20

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Liceo Scientifico N. Copernico Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Perché candidarsi? Il liceo Copernico vanta un' ottima tradizione sportiva con eccellenti risultati raggiunti negli anni dalle rappresentative

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI

LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI LA MOBILITA DEI GIOVANI ALLA PROVA DELLA CRISI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento sui comportamenti in mobilità dei giovani. UN SEGMENTO FORTE DELLA DOMANDA DI TRASPORTO?

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Parte II. Studi e ricerche sulla partecipazione sportiva e gli stili di vita dei giovani

Parte II. Studi e ricerche sulla partecipazione sportiva e gli stili di vita dei giovani Parte II Studi e ricerche sulla partecipazione sportiva e gli stili di vita dei giovani La ricerca Studenti e sport: stili di vita nella provincia di Rovigo anno 2004 Premessa Riprendiamo l articolo 2

Dettagli

La diffusione dello sport in Europa

La diffusione dello sport in Europa La diffusione dello sport in Europa Coni Servizi - Osservatòri Statistici per lo Sport Arch. Bruno Rossi Mori novembre 2007 Come ci vediamo se ci guardiamo in una cornice europea? 2 Indagine Eurobarometro

Dettagli

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria 19 novembre 2013 Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria Studio su Scuola, Università e Lavoro dei giovani Milanesi tra il 1985 e il 2011 Autori: Massimo Anelli e Giovanni Peri (UC Davis) Introduzione

Dettagli

ACCESSO AL LAVORO. LE POTENZIALITÀ DEI COLLEGI

ACCESSO AL LAVORO. LE POTENZIALITÀ DEI COLLEGI ACCESSO AL LAVORO. LE POTENZIALITÀ DEI COLLEGI Lo scenario Qual è la condizione occupazionale di coloro che sono stati studenti nei Collegi universitari italiani? Quale tipo di percorso formativo hanno

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO CRITERI DI VALUTAZIONE Per la valutazione si richiama il già citato DPR 122/2009. Come previsto dal Regolamento di Istituto (art. 28), che si rifà all art.2 c.4 dello Statuto delle Studentesse e degli

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

CAMPAGNA INTEGRAZIONE

CAMPAGNA INTEGRAZIONE CAMPAGNA INTEGRAZIONE III parte a cura di Censis Servizi S.p.A. www.censisservizi.com Distribuzione territoriale L indagine è stata svolta mediante l elaborazione di 2.482 questionari distribuiti a soggetti

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e la pratica sportiva

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e la pratica sportiva OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e la pratica sportiva Il Gazzettino, 26.01.2010 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Nel Nord Est aumentano volontariato e partecipazione

OSSERVATORIO NORD EST. Nel Nord Est aumentano volontariato e partecipazione OSSERVATORIO NORD EST Nel Nord Est aumentano volontariato e partecipazione Il Gazzettino, 17.02.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

Guido Re. Didattica del minivolley

Guido Re. Didattica del minivolley Guido Re Didattica del minivolley Introduzione Gli sport di squadra maggiori sono il naturale stimolo per l attività motoria e sportiva dei giovanissimi: dalle discipline sportive ufficiali derivano quelle

Dettagli

SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI E REGIONALI

SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI E REGIONALI DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO SVILUPPO MICROIMPRESE SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI

Dettagli

Il valore della pulizia

Il valore della pulizia Il valore della pulizia Indagine tra la popolazione italiana Milano, marzo 01 (Rif. 170v311) Metodologia della ricerca ISPO ha realizzato un indagine ad hoc durante la quale è stato intervistato un campione

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

L attività fisico/sportiva svolta nel tempo libero in Emilia-Romagna

L attività fisico/sportiva svolta nel tempo libero in Emilia-Romagna Assessorato Cultura e Sport L attività fisico/sportiva svolta nel tempo libero in Emilia-Romagna anno 2010 Indagine a cura di In collaborazione con il Comune di Modena - Ufficio Ricerche PRESENTAZIONE...

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino Proseguire 2. Milano Proseguire 3. Roma Proseguire 4. No (Chiudere intervista) 2. Sesso 1. Maschio 2. Femmina Domande Sociodemo Agenzia (8) 3. Mi può

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo

Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11-20151 MILANO TEL. 0238005599-0238007204 - FAX 0233402739 -C.F.: 80122690151 e-mail - info@iiscardano.it Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo LA

Dettagli

I media. Sport, media e genere.

I media. Sport, media e genere. INTRODUZIONE Nell anno 2012/2013 la nostra scuola, il Liceo Marconi di Foggia, ci ha offerto la possibilità di partecipare ad un corso formativo al fine di ampliare la nostra conoscenza su quello che è

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014)

COMUNICATO STAMPA. Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi. (anno di riferimento 2014) San Marino, 2 Settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2014) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS.

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS. REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE Roma, 27/03/2007 2006 117RS Presentazione 02 PRESENTAZIONE DELLA RICERCA Autore: Format Srl - ricerche di mercato

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici

Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Le competenze degli adulti nell ambito delle iniziative PON 2007/2013: modelli di rilevazione e strumenti diagnostici Bagheria 16 settembre 2008 Monitoraggio Nazionale EdA a.s. 2006/07 GestioneProgetti

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE

RAPIDE. La povertà in Italia nel 2000 POVERTÀ RELATIVA SUL TERRITORIO. 31 luglio 2001 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ RELATIVA IL 12,3% DELLE FAMIGLIE SOTTO LA SOGLIA RELATIVA IL % DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel della povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per consumi

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Ecomia, Università Roma Tre La rilevazione delle ha come obiettivo la produzione delle stime ufficiali sugli occupati e sulle persone

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania I LAVORI MINORILI NELLE GRANDI CITTA ITALIANE Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania Indagine Ires Cgil 2006 Ipotesi della nuova indagine Ires Si possono individuare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012)

COMUNICATO STAMPA. (anno di riferimento 2012) San Marino, 26 Giugno 2013 COMUNICATO STAMPA Indagine sui consumi e lo stile di vita delle famiglie sammarinesi (anno di riferimento 2012) L Ufficio Statistica comunica la sintesi dell indagine sui consumi

Dettagli

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati

Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Numero 49 /2014 Istat: i dati dell indagine sui problemi di salute lavoro-correlati Nelle scorse settimane l ISTAT ha presentato, nell ambito dell Indagine Forze di lavoro, l approfondimento Salute e Sicurezza

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA

LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA 29 ottobre 2014 Anno 2013 LA PARTECIPAZIONE POLITICA IN ITALIA Nel 2013, circa 5 milioni e 700 mila persone (pari al 10,8% della popolazione di 14 anni e più) hanno manifestato il proprio impegno politico

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012

Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 SCHEDA PAESE Uno sguardo sull istruzione: Indicatori dell OCSE 2012 PRINCIPALI CONCLUSIONI ITALIA I tassi d iscrizione all università sono aumentati dopo che l Italia ha introdotto una nuova struttura

Dettagli

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ

NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ NON PIÙ SOGNO, LA CASA È UNA NECESSITÀ I RISULTATI DI UN SONDAGGIO CONDOTTO DA CASA.IT IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI Luglio 2013 La crisi ha tolto

Dettagli

Metodologia pag. 3 Le tendenze pag. 5 I comportamenti pag. 12. Il segmento di coloro che praticano sport e attività motorie pag.

Metodologia pag. 3 Le tendenze pag. 5 I comportamenti pag. 12. Il segmento di coloro che praticano sport e attività motorie pag. Indice Metodologia pag. 3 Le tendenze pag. 5 I comportamenti pag. 12 Il segmento di coloro che praticano sport e attività motorie pag. 14 Il segmento di coloro che hanno abbandonato lo sport e le attività

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

La Scuola in Movimento

La Scuola in Movimento La Scuola in Movimento ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G.B. VACCARINI CATANIA In collaborazione con C.O.N.I. C.U.S. CATANIA Comitato Provinciale di Catania & Federazioni Sportive Nazionali Università di

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM Tenero, 25-26.01.2013 Prof. Philippe Sarrazin Laboratorio sport e ambiente sociale Università J. Fourier,

Dettagli

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali

Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Le neo-mamme non lavoratrici e le forze di lavoro potenziali Cinzia Castagnaro e Claudia Di Priamo Seminario Cnel Istat Roma, 2 dicembre 2003 1. Introduzione La prima indagine campionaria sulle nascite

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

La famiglia davanti all autismo

La famiglia davanti all autismo La famiglia davanti all autismo Progetto Ministeriale di Ricerca Finalizzata - 2004 (ex art. 12 bis d. lgs. 229/99) Ente Proponente Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Responsabile

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009 Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2009 Dati rilevati nel mese di febbraio 2009 COMUNICATO STAMPA A febbraio la fiducia degli italiani torna a calare: dal Nord al

Dettagli

ORIENTAMENTO ALLO SPORT

ORIENTAMENTO ALLO SPORT ORIENTAMENTO ALLO SPORT COME INDIRIZZARE LE FAMIGLIE SULLA PRATICA SPORTIVA PER I PROPRI FIGLI. ENDAS : CHI SIAMO E COSA FACCIAMO L ENDAS (Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale) è un Ente di Promozione

Dettagli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli

A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli A cura di Ciro Annicchiarico e Francesca Crescioli Giugno 2010 Sistema Statistico nazionale Ufficio Comunale di Statistica Direzione Risorse Tecnologiche Servizio Statistica e Toponomastica Dirigente Riccardo

Dettagli

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC

Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni) in Italia. Primi risultati nazionali dall Indagine PIAAC Le competenze degli adulti (16-65 anni): l Italia nello scenario internazionale I risultati dell indagine

Dettagli

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia

Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017. Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Esame dei documenti di bilancio per il triennio 2015-2017 Dossier 2 Le madri e le difficoltà di conciliazione tra lavoro e famiglia Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Giorgio

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE ELEZIONI AMMINISTRATIVE SONDAGGI PRE-ELETTORALI: BROCHURE ILLUSTRATIVA Primavera 2015 Istituto Piepoli S.p.A. 20129 Milano Via Benvenuto Cellini, 2/A t. +39 02 5412 3098 f. +39 02 5455 493 00186 Roma Via

Dettagli

FONDAZIONE FITZCARRALDO

FONDAZIONE FITZCARRALDO FONDAZIONE FITZCARRALDO INDAGINE SUL PUBBLICO DEI FESTIVAL DI PIEMONTE DAL VIVO ABSTRACT DELLA RICERCA Gli obiettivi della ricerca La popolazione di riferimento dell indagine è quella del pubblico dei

Dettagli

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti )

Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Esercizio 1 Fonti e strumenti statistici per la comunicazione (prof.ssa I.Mingo) Esercizi (soluzioni e suggerimenti ) Qualitativo Sconnesso: Marca di Jeans preferita, Partito votato nelle ultime elezioni,

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II Benessere e qualità della vita: dalla misurazione statistica alla percezione dei cittadini Introduzione Oggi la percezione della realtà è un elemento importante di cui

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2014 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I curricula di 43mila neodiplomati viaggiano on line: voto e crediti acquisiti, conoscenze linguistiche e informatiche, stage ed esperienze

Dettagli

Liceo Scientifico Sezione ad indirizzo Sportivo. Che cos è

Liceo Scientifico Sezione ad indirizzo Sportivo. Che cos è Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli Napoli a.s. 2014-2015 Liceo Scientifico Sezione ad indirizzo Sportivo Che cos è E un indirizzo di studio, inserito nel percorso del liceo scientifico nell ambito

Dettagli

RELAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE SACHAROV

RELAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE SACHAROV COMUNE DI SALUZZO RELAZIONE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER I SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE SACHAROV A cura dell'ufficio Controllo Interno di Gestione ottobre 2013 PREMESSA Nell'ottica del miglioramento

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO? Il Lavoro di cura fisica e psichica necessaria al benessere e alla crescita del bambino è parte integrante del Progetto Educativo

Dettagli