CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2" In base alle "Indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli relativi alla scuola

CURRICOLO DI CITTADINANZA e COSTITUZIONE SCUOLA PRIMARIA

I. C. MUSSOLENTE EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI COMPETENZE PER L EDUCAZIONE. AllA CONVIVENZA CIVILE

Ufficio Scolastico per la Lombardia. Seminario regionale di formazione per i docenti di scuola dell infanzia e primaria

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CLASSE PRIMA

Disciplina: CITTADINANZA E COSTITUZIONE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE: l alunno. Scuola: Primaria De Amicis/Monterumici

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

Cittadinanza e Costituzione

Scuola dell Infanzia San Francesco

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CLASSI PRIME OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI MINIMI

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

Curricolo dell'istituto Comprensivo "Bolzano - Europa 2"

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

CLASSI PRIME OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI MINIMI

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Istituto comprensivo di Finale Ligure. Cittadinanza e Costituzione

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

CITTADINANZA e COSTITUZIONE

I CAMPI DI ESPERIENZA

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE SCUOLA DELL'INFANZIA SANT'EFISIO, VIA VITTORIO VENETO, 28 ORISTANO

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

Curricolo Scuola Infanzia

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 IL TESTO SLIDE 3 A CURA DELLA DOTT.SSA GIOVANNA GRISETA

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Progetto di cittadinanza attiva

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

ISTITUTO COMPRENSIVO TORRE PORDENONE LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

Programmazione annuale Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

Bambine e Bambini costruttori di pace

Programmazione di religione cattolica

ALLEGATO D: UNITA DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Infanzia Obiettivi di apprendimento

PROPOSTA PERCORSO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE IL COMUNE

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEO RIPA - EBOLI

Ministero della Pubblica Istruzione

Profilo delle competenze Competenza Chiave Discipline coinvolte

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria)

Curricolo verticale di Religione Cattolica

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ FRA SCUOLA E FAMIGLIA

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

I MOMENTI DI CURA: SOLO SODDISFAZIONE DI BISOGNI DI ACCUDIMENTO FISICO?

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

LA TERRA E NELLE NOSTRE MANI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

PROGETTARE PER COMPETENZE

Advertisement
Transcript:

CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione, sia dal punto di vista della sua legittimazione, sia dal punto di vista del compito educativo ad essa affidato. Si tratta di un insegnamento che, oltre ai temi classici dell educazione civica comprende anche l educazione ambientale, l educazione alla legalità, i principi di una corretta competizione sportiva e i valori del volontariato, le basi dell educazione stradale e dell educazione alla salute, il valore del rispetto delle regole, al fine di contribuire alla costruzione di una società in cui i singoli, in quanto portatori di competenze sociali e civiche, siano capaci di cittadinanza attiva. Finalità - Educare alla convivenza attraverso la valorizzazione delle diverse identità e delle radici culturali di ogni studente. - Educare alla memoria, attraverso la conoscenza e la trasmissione delle nostre tradizioni e memorie nazionali. - Educare all autonomia e alla partecipazione attraverso il coinvolgimento attivo nella costruzione di regole condivise e il rapporto con le comunità di appartenenza, locali e nazionali. - Formare cittadini italiani che siano nello stesso tempo cittadini dell Europa e del mondo. - Favorire l interazione e l integrazione fra culture, esperienze (e discipline) diverse, attraverso il loro confronto e la valorizzazione delle cose che accomunano. - Educare alla consapevolezza e alla responsabilità connesse alla comprensione delle relazioni tra il microcosmo personale e il macrocosmo dell umanità e del pianeta. - Educare al confronto delle molteplici esperienze culturali emerse nei diversi contesti e nei diversi tempi della storia europea e della storia dell umanità. www.3circolopozzuoli.it 1

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria. 1. Dignità umana - Riconoscere situazioni nelle quali non si sia stati trattati o non si siano trattati gli altri da persone umane. - Riconoscere i valori che rendono possibile la convivenza umana e testimoniarli nei familiari e sociali. - Riconoscere fatti e cronaca nei quali si registri il mancato rispetto dei principi della Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo e della Convenzione Internazionale dei Diritti dell'infanzia che si sono studiati. - Identificare fatti e cronaca nei quali si ravvisino pregiudizi e razzistici e progettare ipotesi di intervento per contrastarli. 2. Identità e appartenenza - Documentare come, nel tempo, si è presa maggiore consapevolezza di sé, delle proprie capacità, dei propri interessi e del proprio ruolo nelle formazioni sociali studiate. - Curare la propria persona (igiene, stili alimentari, cura dei denti ecc.) e gli ambienti di vita (illuminazione, aerazione, temperatura, ecc.) per migliorare lo star bene proprio e altrui. - Riconoscere i segni e i simboli della propria appartenenza al Comune, alla Provincia, alla città metropolitana, alla Regione, ad enti territoriali, all Italia, all Europa e al mondo. - Trovare i modi per trasformare un appartenenza comunitaria in una intenzionale, libera e volontaria appartenenza sociale, oppure per identificare appartenenza ad una comunità o ad una società. - Trovare fatti, situazioni, forme linguistiche, che dimostrino la mancata o piena consapevolezza della distinzione tra Repubblica e Stato. - Riconoscere azioni proprie o altrui che siano tendenzialmente autonome oppure che siano per lo più dettate da condizionamenti o da dispositivi espliciti o nascosti. 3. Alterità e relazione - Riconoscere i ruoli e le funzioni diverse nella vita familiare come luogo di esperienza sociale e di reciproco riconoscimento e aiuto, nel dialogo fra generazioni. www.3circolopozzuoli.it 2

- Riconoscere ruoli e funzioni diverse nella scuola, identificando le corrette relazioni degli alunni con gli insegnanti, con gli operatori scolastici e tra loro e riconoscendo il valore dei rapporti scuola-famiglia. - Esercitare responsabilmente la propria libertà personale e sviluppare dinanzi a fatti e situazioni il pensiero critico e il giudizio morale. - Attuare la cooperazione e la solidarietà, riconoscendole come strategie fondamentali per migliorare le relazioni interpersonali e sociali. - Distinguere i diritti e i doveri, sentendosi impegnato ad esercitare gli uni e gli altri. - Manifestare il proprio punto di vista e le esigenze personali in forme argomentate, interagendo con «buone maniere» con i coetanei e con gli adulti, anche tenendo conto dell identità maschile e femminile. - Accettare e accogliere le diversità, comprendendone le ragioni e soprattutto impiegandole come risorsa per la risoluzione di problemi, l esecuzione di compiti e la messa a punto di progetti. - Curare il proprio linguaggio, evitando espressioni improprie e offensive. 4. Partecipazione - Testimoniare la funzione e il valore delle regole e delle leggi nei diversi ambienti di vita quotidiana e in riferimento a vita familiare, gioco, sport, ecc. - Contribuire all elaborazione e alla sperimentazione di regole più adeguate per sé e per gli altri nella vita della famiglia, della classe, della scuola e dei gruppi a cui si partecipa. - Avvalersi dei servizi offerti dal territorio, riconoscere quando sono affidabili per sé e per gli altri e, soprattutto, contribuire ad identificare proposte per renderli sempre meglio tali, quando non lo fossero. - Riconoscere in fatti e situazioni il mancato o il pieno rispetto dei principi e delle regole relative alla tutela dell ambiente: compatibilità, sostenibilità, ecc. - Rispettare la segnaletica stradale, con particolare attenzione a quella relativa al pedone e al ciclista. www.3circolopozzuoli.it 3

Dignità umana Distinguere benessere e di malessere. Riconoscere e manifestare i propri bisogni, i propri desideri, le proprie paure utilizzando codici diversi. Riflettere su diversità reale e/o percepita. Confrontare i propri bisogni con quelli dei compagni e degli adulti da cui si è circondati. Associare ai propri bisogni e a quelli altrui i corrispondenti diritti doveri fondamentali. Individuare nella realtà di appartenza o in fatti ascoltati o raccontati disagio. Comprendere il significato del principio di uguaglianza nei diritti e nei doveri pur nella diversità e nella specificità di ruoli, opinioni e condizioni personali e sociali. Distinguere, tra diritti e doveri, quelli specifici dell infanzia e quelli dell umanità in generale. Comprendere il concetto di pieno sviluppo della persona umana e conoscere i compiti della Repubblica a tal riguardo. Conoscere alcuni principi fondamentali, rife-riti a diritti inviolabili, sanciti della nostra Carta Costituzionale. Riconoscere il valore dei legami di affetto sui quali si fonda lo stare insieme in famiglia nei diversi gruppi a cui si appartiene. Riconoscere il valore del reciproco rispetto tra persone diverse nel rendere possibile la convivenza umana. Riconoscere in fatti e situazioni di cronaca elementi di pregiudizio e di razzismo. Distinguere significati e azioni della pari dignità sociale, della libertà e dell uguaglianza di tutti i cittadini. Riflettere su alcuni articoli della Convenzione internazionale dei diritti dell infanzia. Compiere piccoli gesti di solidarietà in compito o di gioco. Progettare possibili modalità di integrazione e di inclusione per contrastare razzismo e intolleranza. Identificare, in fatti storici, di cronaca, o nella propria esperienza quotidia-na, situazioni in cui si registri la violazione e/o la negazione dei principi della Dichiarazione Dei Diritti del Fanciullo. www.3circolopozzuoli.it 4

Identità e appartenenza Indicare le proprie generalità, il proprio luogo di nascita, il proprio domicilio e le proprie caratteristiche fisiche principali. Presentare i componenti della propria famiglia, riconoscendone ruolo e funzioni. Documentare consapevolezza di sé, delle proprie capacità, dei propri interessi e dei propri. prime formazioni sociali, i loro compiti, i loro servizi, i loro scopi: la famiglia, il vicinato e la scuola. Comunicare la percezione di sé e del proprio ruolo nella famiglia. prime formazioni sociali, i loro compiti, i loro servizi, i loro scopi: il quartiere le chiese, i gruppi sportivi, cooperativi e solidaristici. Conoscere e rispettare il ruolo degli uomini e delle donne nella società di oggi. Identificare i segni e i simboli della propria appartenenza al comune, alla provincia, alla città metropolitana, alla regione e ad enti territoriali. Conoscere la distinzione tra Repubblica e Stato e alcune sue conseguenze. Conoscere simboli e funzioni di Enti Locali ed Enti Territoriali. Riconoscere e presentare i compagni di classe e gli insegnanti. Riflettere sulle proprie abitudini, sui propri sentimenti e sui propri gusti. Comprendere l importanza della famiglia e dell aiuto reciproco all interno della medesima. azioni per lo più dettate da condizionamenti espliciti o impliciti. condizioni necessarie per aver cura di se stesso e del proprio ambiente di vita: spazi e materiali condivisi. Organizzare il proprio apprendimento. Comprendere la propria appartenenza all Italia, e conoscere i principi su cui si fonda l essere cittadino italiano. Conoscere la distinzione tra tra comunità e società. Identificare i segni costituzionali dell unità e dell indivisibilità della Repubblica. Comprendere la propria appartenenza all Europa e al mondo e i principi su cui si fonda la cittadinanza planetaria. www.3circolopozzuoli.it 5

Alterità e relazione Riconoscere la famiglia come comunità basata sul reciproco riconoscimento e aiuto. Conoscere i compiti e i ruoli delle persone più significative all interno della propria famiglia e della comunità scolastica. Riconoscere ruoli e funzioni diverse nella scuola identificando corrette relazioni con insegnanti, operatori scolastici e con i coetanei. Curare il proprio linguaggio evitando espressioni improprie ed offensive. Comprendere che il proprio benessere dipende da se stessi e dalla propria disponibilità: scoprire il valore dell amicizia. Distinguere diritti e doveri ed esercitare gli uni e gli altri. Conoscere il valore della tolleranza e riflettere su tolleranti. Riflettere sul senso della competizione e su quello della cooperazione. Comprendere il concetto di formazioni sociali (art. 2 della Costituzione). Riflettere sulla società multietnica. A scuola adottare adeguati per migliorare lo star bene proprio ed altrui: usare le parole della cortesia. Confrontarsi con opinioni diverse dalle proprie. Compiere piccoli gesti di solidarietà in compito o di gioco. Partecipare a giochi di gruppo mostrando di accogliere punti di vista, bisogni ed opinioni diversi dai propri. Saper esprimere, difendere e/o modificare, il proprio punto di vista tenendo conto di quello altrui. Avere cura e rispetto dei propri spazi e dei materiali personali. Avere cura e rispetto di spazi e materiali comuni. Adottare rispettosi degli spazi condivisi, degli arredi e dei sussidi scolastici. Adottare rispettosi della propria e dell altrui libertà e sicurezza nei luoghi pubblici. Assicurare ai beni e ai luoghi pubblici la stessa cura che si ha per i beni e i luoghi privati, dimostrando di cogliere il valore di beni e servizi a carico della collettività. www.3circolopozzuoli.it 6

Partecipazione Comprendere la funzione delle regole in famiglia e a scuola. Conoscere il valore di una sana merenda e le diverse funzioni degli alimenti per il corpo. Mettere in atto corretti in famiglia e a scuola. Conoscere i nutrienti necessari alla salute del corpo. Conoscere e rispettare le regole per vivere in gruppo e in ambienti condivisi. Conoscere ed apprezzare i nutrienti di frutta e verdura. Analizzare il regolamento di Istituto e individuarne gli ambiti. Riflettere sui propri salutari. Discutere/elaborare il codice di comportamento dello scolaro e quello da tenere in caso di situazione di pericolo. Riflette sui rischiosi per la salute. Assumere corretti per evitare sprechi di risorse naturali e per il risparmio idrico. Sapere cosa si intende per inquinamento e riconoscere le sostanze inquinanti. Comprendere le principali cause dell inquinamento terrestre. Avere consapevolezza che l uomo può ridurre i danni derivanti dall inquinamento. Identificare il pieno o il mancato rispetto dei principi e delle regole di tutela ambientale. Conoscere il linguaggio del semaforo e il ruolo del vigile urbano. Identificare i principali segnali stradali distinguendo tra quelli di pericolo, di divieto e di obbligo. Conoscere ed evitare i pericolosi in bicicletta. Conoscere il ruolo delle persone che possono aiutare un bambino ad affrontare i pericoli del traffico. Rispettare la segnaletica stradale, con particolare attenzione a quella relativa al pedone e al ciclista. www.3circolopozzuoli.it 7