Commenti dei gestori Dicembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Commenti dei gestori Dicembre 2011"

Transcript

1 Commenti dei gestori Dicembre 2011 Multi Assets Global Dicembre è stato un altro mese difficile per i mercati finanziari con una forte differenziazione di rendimenti tra i mercati azionari e tra le varie asset class. I mercati europei sono stati nuovamente i peggiori, essendo arrivati a perdere oltre l'8%, salvo poi recuperare la metà delle perdite. I mercati azionari inglese e americano hanno concluso il mese in recupero, terminando così il mese in territorio positivo. I bond hanno chiuso un anno estremamente positivo, mentre l'oro si è rivelato tuttaltro che un bene rifugio, perdendo oltre il 12%. L'esposizione sulle azioni Nord Americane, incluse le società telecom BCE e AT&T e la Coca- Cola, così come il settore farmaceutico in Europa, hanno contribuito alla performance. Anche i prodotti agricoli, l'arbitraggio sulle commodities e i dividendi europei hanno contribuito alla performance. L'esposizione sull'oro, il rame e le telecom europee ha invece penalizzato la performance. Nel mese sono stati fatti dei cambiamenti agli attivi del fondo. E' stato fatto un piccolo investimento in un nuovo fondo infrastrutturale gestito da Bilfinger Berger. Gli asset del fondo sono tutti molto difensivi e anti-ciclici, con profitti legati all'inflazione. CMIG GA 70% 80% 90% L'indice Euro Stoxx ha perso nel mese lo 0,5%. Le azioni europee nel mese di Dicembre sono state deboli, sottoperformando i mercati globali poichè la crisi dei debiti sovrani ha continuato ad essere la notizia principale a livello globale. I dati economici mostrano sempre di più delle condizioni economiche recessive nei Paesi europei periferici ed una crescita molto bassa nei Paesi dell area Core. La lettura dell'indice PMI (Purchasing Managers Index, ossia l'indice dell'attività manifatturiera) supporta questa lettura, poichè un indice PMI del 47.0 per l'intera eurozona indica una contrazione economica. In risposta, la BCE ha annunciato un ulteriore taglio dei tassi d'interesse dello 0,25%, portandoli quindi all'1,0% e indicando che i due precedenti innalzamenti di inizio anno sono stati completamente controbilanciati. Questa decisione è stata supportata dal livello dell'inflazione, poichè l'indice CPI ha dato segnali di rallentamento dell'inflazione nel mese dato che le preoccupazioni per la crescita globale hanno continuato a pesare sui prezzi delle commodities. CMI European Currency Reserve La crisi dei debiti sovrani ha continuato a dominare le scene. Il 9 dicembre, i leaders UE si sono incontrati per un ulteriore summit per salvare l'euro. E, così come in precedenza, i risultati sono stati deludenti. La necessità di azione non potrebbe essere stata più pressante. Standard & Poor's ha messo 15 nazioni sotto osservazione, inclusa la Germania la locomotiva dell'europa e la Francia.

2 In verità, un po' di progresso è stato fatto. È stato raggiunto un nuovo accordo fiscale, con 26 paesi l'inghilterra ha esercitato il suo veto che hanno concordato di armonizzare le proprie politiche fiscali attraverso l'imposizione di un tetto al debito governativo e al deficit. Queste regole, comunque, sembrano disegnate per evitare le crisi future, ma fanno poco per combattere quella attuale. Non è nemmeno chiaro come verranno applicate. I mercati non hanno tardato a reagire: i rendimenti sui titoli italiani a 10 anni sono saliti oltre il 7% (un livello considerato insostenibile). Ma con l'avvicinarsi del periodo festivo, la Banca Centrale Europea è intervenuta per alleggerire le tensioni sul sistema finanziario. Con una mossa senza precedenti, ha fornito quasi 500 miliardi di euro con prestiti ultra convenienti a 3 anni a 523 banche delle nazioni in difficoltà. La mossa è stata più forte del previsto, e si spera che le banche useranno i fondi per comprare titoli governativi con un rendimento più alto. Tutta l'attenzione si è poi spostata all'asta di titoli italiani a 6 mesi da 9 miliardi. Sebbene questa asta sia stata un successo, una successiva vendita di titoli da 3 a 10 anni è andata invenduta, evidenziando le difficoltà che sta ancora affrontando la terza economia dell'europa. Sul fronte economico dell'eurozona vi sono state notizie contrastanti. Il tasso di disoccupazione tedesco rimane a livelli minimi da record e l'indice di fiducia dei consumatori IFO (calcolato prendendo come riferimento Monaco) in Dicembre si è inaspettatamente alzato. Ma i dati hanno mostrato che la produzione industriale di tutta l'eurozona è scesa per il quinto mese consecutivo, sebbene il tasso di declino si sia rallentato. Allo stesso tempo, la BCE ha tagliato i tassi di interesse di 25 basis point portandoli all'1%, iniziando quindi una serie di misure "non standard" finalizzate ad alleggerire le tensioni in aumento sui mercati finanziari. CMI US Dollar Currency Reserve L'annuncio della Federal Reserve che intende lasciare invariati i tassi di interesse e la politica di quantitative easing ha lasciato delusi gli investitori. Anche i dati della produzione industriale di novembre sono stati deboli la produzione è scesa dello 0,2%, la prima discesa in sette mesi. Intanto, un analista di Standard & Poor's ha rilasciato questa cupa visione delle prospettive dell'economia globale: "Mentre i rischi interni americani sono in qualche modo diminuiti, la domanda principale è su quanto rallenterà l'economia mondiale". Notizie positive sono arrivate dai dati interni, migliori del previsto. Gli inizi di costruzione di nuove case sono saliti del 9,3% in Novembre, mentre anche i permessi di nuove costruzioni hanno superato le aspettative con un aumento mensile del 5,7%. L'economia USA in generale, comunque, è cresciuta secondo un trend inferiore alle aspettative del terzo trimestre. Secondo un report del Dipartimento del Commercio, il PIL è cresciuto a un tasso annualizzato dell'1',8% nel trimestre, inferiore alla precedente stima del 2,0%. Infine, i membri del Congresso hanno deciso di estendere i tagli alle tasse sui salari e i sussidi di disoccupazione, terminando così delle settimane di attesa delle parti. Il Presidente Obama in precedenza aveva deriso la situazione di stallo definendola "ridicola".

3 Gli investitori del mercato monetario, insieme a quasi tutto il resto del mondo, hanno continuato a seguire una politica di avversità al rischio, particolarmente nei termini di esposizione alle banche europee. CMI US Bond I buoni del tesoro americani a 10 anni hanno continuato a scendere in Dicembre, spostandosi da 2,17% a 2,06%, dato che la crisi dei debiti dell'eurozona ha ancora una volta sottolineato lo status di "porto sicuro" dell'america, nonostante il fatto che abbia perso il rating AAA. Il fondo in Dicembre era posizionato con una duration corta e, di conseguenza, la performance è stata inferiore al benchmark. CMI European Bond La moneta unica europea continua a passare di crisi in crisi. Ciò ha portato i politici ad adottare una serie di iniziative per combattere la crisi, con un'efficacia limitata. Il rendimento per i titoli di Stato tedeschi a 10 anni è sceso, dato che gli investitori avversi al rischio hanno cercato riparo dalle turbolenze europee. Nello stesso tempo, il rendimento sui bond italiani a 10 anni ha concluso l'anno sopra il 7%. Il fondo aveva una duration breve in Germania ed era sottopesato in Italia. La prima posizione ha abbassato la performance, mentre la seconda è stata leggermente positiva. Cautious Managed Nel mese di Dicembre la moneta unica europea ha continuato a passare di crisi in crisi. Una crescita nei rendimenti dei bond italiani e spagnoli nella prima parte del mese ha aumentato l'urgenza di un meeting a Brussels dei leader europei. La loro strategia di restaurare la confidenza nell'euro si è basata su un "accordo fiscale" che richiederà una disciplina finanziaria più stretta da parte dei membri dell'eurozona. È stato anche concordato di finanziare le riserve del Fondo Monetario Internazionale con altri 200 miliardi di Euro, che sono state recentemente depauperate dai salvataggi dei paesi europei deboli. L'agenzia Standard & Poor's è rimasta indifferente, indicando che avrebbe messo tutti i 17 Paesi dell'eurozona sotto osservazione a fronte di un possibile ulteriore downgrade. Ha inoltre dato una valutazione negativa del credito delle 6 nazioni europee che godono della tripla A. Al 30 Dicembre, il rendimento a 10 anni dei titoli italiani è salito a 7,08%, un livello giudicato insostenibile dal mercato. In maniera più incoraggiante, i rendimenti dei titoli spagnoli a 10 anni hanno chiuso il 2011 a 5,1%, ancora in alto ma in discesa rispetto al 5,45% dell'inizio Nel frattempo i mercati azionari europei hanno avuto un mese controverso, ma sostanzialmente positivo. Il fattore più importante è stato l'intervento della BCE nei prestiti interbancari. Con una mossa senza precedenti, ha fornito quasi 500 miliardi di Euro con prestiti a 3 anni ultra convenienti a 523 banche dei Paesi in difficoltà. La liquidità è stata a rischio di estinguersi, e si spera che questa mossa allevierà le paure di finanziamento di un certo numero di banche. Le

4 azioni bancarie sono salite, le paure di un collasso del sistema finanziario si sono alleviate e i mercati azionari hanno chiuso il mese in zona positiva. In questo mese non abbiamo fatto cambiamenti significativi al portafoglio. In termini assoluti, le azioni rimangono ancora convenienti rispetto al loro prezzo equo. Comunque, considerato il significativo rischio di caduta associato all'eurozona, è ancora troppo presto per esporsi sulle azioni europee. Ci impegneremo di nuovo quando vi saranno i segnali tecnici che portino a forti consigli di acquisto. Balanced Managed I mercati azionari europei hanno avuto un mese controverso, ma sostanzialmente positivo. Il fattore più importante è stato l'intervento della BCE nei prestiti interbancari. Con una mossa senza precedenti, ha fornito quasi 500 miliardi di Euro con prestiti a 3 anni ultra convenienti a 523 banche dei Paesi in difficoltà. La liquidità è stata a rischio di estinguersi, e si spera che questa mossa allevierà le paure di finanziamento di un certo numero di banche. Le azioni bancarie sono salite, le paure di un collasso del sistema finanziario si sono alleviate e i mercati azionari hanno chiuso il mese in zona positiva. In Dicembre i mercati obbligazionari hanno fornito profitti, arrivando così alla fine di un anno nel quale i titoli governativi inglesi, tedeschi e americani hanno performato molto bene. I Titoli di Stato inglesi a 10 anni nel 2011 sono scesi per la prima volta sotto il 2%. Partendo dal 3,4%, hanno chiuso l'anno a 1,98%. Anche i buoni del tesoro USA e tedeschi hanno chiuso l'anno sotto questo livello, fornendo dei buoni profitti. Al contrario, gli investitori sono fuggiti dalle economie periferiche dell'eurozona (Grecia, Italia e Spagna), i cui tassi rimangono preoccupatamente alti. Al 30 Dicembre, il rendimento a 10 anni dei titoli italiani è salito a 7,08%, un livello giudicato insostenibile dal mercato. In maniera più incoraggiante, i rendimenti dei titoli spagnoli a 10 anni hanno chiuso il 2011 a 5,1%, ancora in alto ma in discesa rispetto al 5,45% dell'inizio In questo mese non abbiamo fatto cambiamenti significativi al portafoglio. In termini assoluti, le azioni rimangono ancora convenienti rispetto al loro prezzo equo. Comunque, considerato il significativo rischio di caduta associato all'eurozona, è ancora troppo presto per esporsi sulle azioni europee. Ci impegneremo di nuovo quando vi saranno i segnali tecnici che portino a forti consigli di acquisto. Adventurous Managed Grazie alla speranza che i leader europei avevano fatto il giusto per prevenire un ulteriore peggioramento della crisi del debito sovrano, gli indici azionari globali in Dicembre si sono ripresi. Il mercato USA ha performato particolarmente bene grazie a ulteriori prove che la ripresa economica americana sta acquistando vigore. L'indice della fiducia dei consumatori dell'università del Michigan è salito per il quarto mese consecutivo. Questo messaggio positivo è stato rinforzato dai dati che hanno dimostrato che la disoccupazione è sui livelli minimi degli ultimi

5 32 mesi. Il miglioramento non è comunque stato assolutamente globale, dato che gli indici in America e UK sono saliti, ma quelli in Giappone, Australia e Italia sono scesi. Nel portafoglio, abbiamo mantenuto la nostra posizione di sovrappeso azionario mediante i mercati UK, USA e giapponese. Ciò è finanziato da una posizione di sottopeso sulle azioni dell'area Asia Pacifico. In Dicembre non ci sono stati cambiamenti all'asset allocation. Pacific Basin Enhanced Equity Nonostante la buona notizia che i leader europei hanno fatto abbastanza per prevenire un ulteriore peggioramento della crisi del debito sovrano, in Dicembre i prezzi delle azioni nell'area Asia Pacifico sono leggermente scesi. L'indice MSCI Pacific (ex Japan) è sceso nel mese dello 0,8%. Nella prima parte di Dicembre si è assistito all'inusuale spettacolo della Banca Centrale d'australia che ha abbassato i tassi di interesse anche se i dati hanno mostrato che l'economia stava crescendo a un livello superiore alle aspettative. Altrove, i prezzi delle azioni in Hong Kong si sono alzati dato che gli investitori hanno accolto con favore le indicazioni che i politici avrebbero potuto sospendere le misure destinate a raffreddare il mercato immobiliare se i prezzi delle case avessero continuato a scendere. Nei paesi asiatici sviluppati, la maggioranza delle nostre strategie di investimento sono personalizzate per i singoli stati a causa delle differenze dei principi contabili e di governance. La nostra strategia in Australia si focalizza sull'individuazione di società di alta qualità che stanno iniziando a sovraperformare. La strategia nel mese ha sottoperformato. In Hong Kong investiamo invece in azioni a buon mercato che iniziano a sovraperformare in tutti i mercati. Questa strategia in Dicembre ha sottoperformato. US Enhanced Equity In Dicembre Wall Strett ha registrato una piccola crescita, con l'indice S&P 500 che ha guadagnato lo 0,9%. Comunque nel 2011 non vi è stata crescita, dato che l'indice ha chiuso l'anno esattamente dove lo aveva cominciato. I migliori settori di Dicembre sono stati le telecom (+3,7%), le utilities (+3,0%) e i farmaceutici (+2,8%). Due di questi le utilities e i farmaceutici sono anche stati i top performer dell'anno. Al contrario, le materie prime (-2,4%), l'it (-0,9%) e l'energia (-1,1%) hanno avuto problemi. Nell'intero anno comunque il settore di gran lunga peggiore è stato il finanziario (-18,4%). Una nota positiva è arrivata dai dati del settore immobiliare, migliori del previsto. Gli inizi di costruzione di nuove case sono saliti del 9,3% in Novembre, mentre anche i permessi di nuove costruzioni hanno superato le aspettative con un aumento mensile del 5,7%. L'economia USA in generale, comunque, è cresciuta secondo un trend inferiore alle aspettative del terzo trimestre. Secondo un report del Dipartimento del Commercio, il PIL è cresciuto a un tasso annualizzato dell'1',8% nel trimestre, inferiore alla precedente stima del 2,0%. Durante il mese, la nostra attenzione verso le società che combinano valore e qualità (basata sull'idea che società a buon prezzo e gestite bene generano profitti in crescita) ha sovraperformato. In aggiunta, la nostra preferenza per le strategie momentum focalizzate sul valore, che ci porta a sovrappesare società a buon mercato che iniziano a guadagnare valore, è stata positiva per i profitti. Infine, un'altra delle nostre strategie investire in azioni con

6 profittabilità in miglioramento, liquidità in aumento e debito in diminuzione ha avuto un impatto positivo sulla performance. European Enhanced Equity È stato un altro mese tumultuoso ma sostanzialmente positivo per le azioni europee. Come al solito, la crisi dei debiti sovrani ha dominato le scene. Il 9 Dicembre, i leader dell'unione Europea si sono incontrati per un altro summit finalizzato a salvare l'euro. E, come i precedenti incontri, il risultato è stato deludente. In verità, un po' di progresso è stato fatto. È stato raggiunto un nuovo accordo fiscale, con 26 paesi l'inghilterra ha esercitato il suo veto che hanno concordato di armonizzare le proprie politiche fiscali attraverso l'imposizione di un tetto al debito governativo e al deficit. Queste regole, comunque, sembrano disegnate per evitare le crisi future, ma fanno poco per combattere quella attuale. I mercati non hanno tardato a reagire: i rendimenti sui titoli italiani a 10 anni sono saliti oltre il 7% (un livello considerato insopportabile) e i mercati azionari sono crollati. Ma con l'avvicinarsi del periodo festivo, la Banca Centrale Europea è intervenuta per alleggerire le tensioni sul sistema finanziario. Con una mossa senza precedenti, ha fornito quasi 500 miliardi di euro con prestiti ultra convenienti a 3 anni a 523 banche delle nazioni in difficoltà. La mossa è stata più forte del previsto, e si spera che le banche useranno i fondi per comprare titoli governativi con un rendimento più alto. Ne è seguito un mese di alti e bassi, che ha visto l'indice FTSE Europe ex-uk guadagnare l'1,1%. La nostra strategia di investimento che afferma che le società a buon mercato e gestite bene generano profitti in eccesso conosciuta anche come "valore in combinazione con la qualità" ha sottoperformato questo mese a causa della sua esposizione alla qualità. Ma le strategie momentum focalizzate sul valore azioni convenienti che iniziano a sovraperformare ha fatto meglio. In aggiunta, la nostra sovraesposizione verso azioni con profittabilità in miglioramento, liquidità in aumento e debito in diminuzione ha spinto la performance del fondo. Japan Enhanced Equity I mercati azionari giapponesi in Dicembre sono stati piatti, con l'indice Topix che ha finito il mese soltanto con un leggero rialzo. L'indice è sceso considerevolmente nel 2011, perdendo il 18,9%. Le notizie economiche nella prima parte di Dicembre sono state negative. Gli ordini di apparecchiature sono scesi per il secondo mese di fila da Ottobre. Alcuni commentatori hanno sostenuto che la caduta è un segnale che gli esportatori giapponesi hanno difficoltà a fronteggiare la forza dello Yen nell'attualmente difficile contesto economico. Un'ulteriore prova che il rinforzamento della moneta sta creando difficoltà alla difficile ripresa del Paese dopo il terremoto è arrivata dalla revisione al ribasso delle previsioni di crescita del terzo trimestre. L'Ufficio di Gabinetto ha comunicato che l'economia giapponese è cresciuta ad un tasso annualizzato del 5,6% tra Luglio e Settembre, quindi più lentamente rispetto alla precedente previsione del 6,0%. Nel frattempo, la Banca del Giappone ha abbassato le proprie previsioni di crescita per il corrente anno finanziario portandole allo 0,4% dal precedente 0,6%. Ha anche

7 lasciato i tassi di interesse invariati e non ha fatto alcun cambiamento al programma di stimolo monetario. La nostra strategia di investire in azioni a buon prezzo con bassi livelli di incassi non liquidi (accrediti) ha avuto un effetto positivo sui profitti nel mese. Anche l'attenzione verso il valore intrinseco delle società cioè investimenti in società che sono considerate a buon mercato ha dato buoni risultati.

Commenti dei gestori Novembre 2011

Commenti dei gestori Novembre 2011 Commenti dei gestori Novembre 2011 Multi Assets Global I mercati azionari in Novembre hanno ripreso a scendere dopo la breve euforia di Ottobre. I nuovi ribassi sono ricominciati dopo che i rendimenti

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

Commenti dei gestori Novembre 2010

Commenti dei gestori Novembre 2010 Commenti dei gestori Novembre 2010 CMIG Multi-Asset Global I mercati azionari globali si sono mossi in territorio moderatamente positivo nel corso del mese, sebbene si siano evidenziate marcate variazioni

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei rcati Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Performance deludenti per i titoli e le materie prime a più alto rischio dal momento che questa settimana

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Fondo CMIG Multi-Assets Global (MAG) Newsletter 31.10.2008

Fondo CMIG Multi-Assets Global (MAG) Newsletter 31.10.2008 Fondo CMIG Multi-Assets Global (MAG) Newsletter 31.10.2008 Rendimento dal lancio -14,48 % Rendimento Annuo -7,71 % Valore quota Data di lancio 4,276 01.09.2008 (01.09.2008-31.10.2008) Rendimento a 1 mese

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015

Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 Il Sole 24 Ore Radiocor, 2 febbraio 2015 (ECO) ###Crisi: Cfa, a febbraio piu' ottimismo, +39,4 pt Italy Sentiment Index (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 02 feb - Cresce l'ottimismo per il futuro dell'economia

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Rialzo dei mercato azionari durante questa settimana grazie ai dati migliori delle attese provenienti dalla Cina che hanno ridato

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.

La Federal Reserve. L analisi settimanale del 4.04.2011 è fornita da etoro. Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro. La Federal Reserve Sta per cambiare politica? 4 aprile 2011 Il doppio Mandato della Federal Reserve- Dal 1978, la Federal Reserve è stata incaricata dal Congresso statunitense del doppio mandato di promuovere

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

IL CONTESTO Dove Siamo

IL CONTESTO Dove Siamo IL CONTESTO Dove Siamo INFLAZIONE MEDIA IN ITALIA NEGLI ULTIMI 60 ANNI Inflazione ai minimi storici oggi non è più un problema. Tassi reali a: breve termine (1-3 anni) vicini allo 0 tassi reali a medio

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Schroders Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Introduzione Il rally dei mercati azionari che è iniziato nel terzo trimestre ha proseguito la sua

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari Snam e i mercati finanziari Nel corso del 2012 i mercati finanziari europei hanno registrato rialzi generalizzati, sebbene in un contesto di elevata volatilità. Nella prima parte dell anno le quotazioni

Dettagli

Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%.

Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%. Oggi, 7 novembre 2013, la BCE ha deciso di tagliare i tassi di riferimento di 25 bp, ossia li ha portati allo 0,25%. Questa decisione ha colto abbastanza di sorpresa il mercato, non era nelle stime/previsioni:

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

UBS Dynamic. Portfolio Solution

UBS Dynamic. Portfolio Solution Dynamic 30 giugno 2013 UBS Dynamic Linee di Gestione di UBS (Italia) S.p.A. Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced Linea Equity Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Dopo il forte rally di giovedì nei mercati azionari statunitensi, le azioni si sono consolidate e sono avanzate leggermente. Un risultato sulle Vendite al dettaglio negli USA peggiore delle attese è stato

Dettagli

TASSI DI CAMBIO AVVENIMENTI DI QUESTA SETTIMANA. Analisi Settimanale dei Mercati

TASSI DI CAMBIO AVVENIMENTI DI QUESTA SETTIMANA. Analisi Settimanale dei Mercati Il vulcano ha eruttato durante la settimana poiché i problemi di solvibilità del debito nella periferia dell Europa hanno creato il panico in tutto il mondo ed i mercati finanziari hanno avuto comportamenti

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 1 Gennaio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 1 Gennaio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Considerazioni riassuntive degli indicatori analizzati

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015

L Asset Allocation Strategica di Inarcassa 2011-2015 Presentazione ai nuovi consiglieri 2011-2015 Comitato Nazionale dei Delegati Roma, 14-15 ottobre 2010 Protocollo: DFI/10/267 Indice Asset Allocation Strategica 2010: le deliberazioni del CND del 12-13

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO

IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO IL MERCATO DEI MUTUI SOTTO LA LENTE DEL GRUPPO TECNOCASA ANALISI DEL PRODOTTO Nel 2015 raddoppia la scelta per il tasso fisso, il variabile perde appeal PREMESSA I segnali di ripartenza sul mercato del

Dettagli

Fondi & Gestioni Gennaio 2014. Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad

Fondi & Gestioni Gennaio 2014. Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad Fondi & Gestioni Gennaio 2014 Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad Indice Classifiche: rassegna stampa fondi...3 AcomeA Classifiche

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

Clerical Medical New Generation Plus

Clerical Medical New Generation Plus Clerical Medical New Generation Plus Offerta al pubblico di Clerical Medical New Generation Plus prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit-linked Regolamento dei Fondi Interni INDICE REGOLAMENTO DEI

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

Arca Vita Unit Linked. Unit Team INDICE

Arca Vita Unit Linked. Unit Team INDICE Trimestre Aprile Giugno 2004 11 Gentile Cliente, Le inviamo Unit Voice, il trimestrale di aggiornamento finanziario riservato agli investitori del Gruppo Assicurativo Arca. Abbiamo messo a punto questo

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Investire in bond: quando il gioco si fa duro

Investire in bond: quando il gioco si fa duro Investire in bond: quando il gioco si fa duro No. 3 - Maggio 2013 Investire in bond: quando il gioco si fa duro Dopo la corsa agli elevati rendimenti generalizzati degli ultimi anni, il mercato obbligazionario

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net La forza delle oscillazioni nel momentum di mercato ha continuato ad essere molto forte questa settimana dal momento che il mercato è stato dominato da notizie che hanno incrementato la volatilità. Durante

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Aprile 2015 Quo vadis, FED? Ancora una volta un trimestre è stato fortemente influenzato dalle banche centrali.

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO 866 BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library.

I testi che seguono sono estratti dal libro Forex News Trader di Loris Zoppelletto e Lucas Bruni, edito da Trading Library. Questo Documento fa parte del corso N.I.Tr.O. di ProfessioneForex che a sua volta è parte del programma di addestramento Premium e non è vendibile ne distribuibile disgiuntamente da esso. I testi che seguono

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli