rivista periodica di Centro Coscienza MA ALLE RIFLESSIONI DELLA REDAZIONE SUL SENSO E L OPPORTUNITÀ DI CON-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "rivista periodica di Centro Coscienza MA ALLE RIFLESSIONI DELLA REDAZIONE SUL SENSO E L OPPORTUNITÀ DI CON-"

Transcript

1 PPUNTII rivista periodica di Centro Coscienza MAIEUTICA QUESTO NUMERO DI APPUNTI ESCE CON UN SENSIBILE RITARDO RISPETTO AL- L ABITUALE TABELLA DI MARCIA. CIÒ NON È DOVUTO A FATTORI CONTINGENTI MA ALLE RIFLESSIONI DELLA REDAZIONE SUL SENSO E L OPPORTUNITÀ DI CON- TINUARE A PUBBLICARE LA RIVISTA. UN ANALOGA SITUAZIONE ERA GIÀ STATA AFFRONTATA NEL 2007 QUANDO, NEL CORSO DI UNA SOSPENSIONE DI CIRCA SEI MESI, CI SI ERA DOMANDATI SE APPUNTI, CON IL SUO FORMATO E I SUOI CONTENUTI, POTESSE ESSERE UN VALIDO STRUMENTO DI RICERCA. SOMMARIO La ricchezza di un bilancio passivo pagina 2 Una sfida: mercato e gratuità pagina 4 Iniziative straordinarie tra Milano e Morosolo pagina 6 Segnalazioni pagina 8 Contrappunti pagina 8 maggio 2010 numero 25-3,00 euro In quell occasione il settantesimo anniversario della fondazione del Centro di Cultura Spirituale aveva animato un progetto in cui la redazione credeva molto e che è stato realizzato negli ultimi sei nu - meri, dal 19 al 24: ripercorrere la storia di Centro Coscienza a partire dal 1938 e pubblicare materiali inediti relativi ai tempi delle origini. Si era pensato poi, terminato il per - corso storico, di ricostruire la nascita e lo sviluppo delle attività invisibili che si svolgono a Centro Coscienza. Invisibili perché se ne vedono i frutti, ma si ignorano la dedizione, l intelligenza, l impegno necessari per arrivare a farli maturare e poterli offrire: ambientazione, provveditorato, segreteria, irradiazione, i cosiddetti organi, e anche i gruppi feste e territorio. Una volta intrapresa la ricerca nei documenti custoditi nella Fondazione Castellani e nell archivio dell ambientazione il primo organo prescelto la redazione si è resa conto che il formato di Appunti non è adatto per questo tipo di ricostruzione, tanta è la messe dei materiali a disposizione, l interesse e l ampiezza delle considerazioni estetiche, sociali, politiche connesse a questa e alle altre attività invisibili. Addirittura si potrebbero compilare volumetti monotematici, ciascuno dedicato a un organo, da diffondere anche al di fuori dell associazione, come già avviene con i Quaderni di Maieutica che nei loro dodici anni di vita hanno pubblicato 56 titoli per un totale di circa copie tirate. Anche la pubblicazione di scritti e lezioni inedite di Tullio Castellani e dei suoi primi collaboratori ha ben presto e naturalmente preso la via dei Quaderni Speciali di Edizioni di Maieutica che si prestano a contenere l intero sviluppo del testo, laddove Appunti ne può offrire solo brevi stralci. E l entusiasmo con cui i soci hanno risposto a queste nuove pubblicazioni conferma la bontà dell iniziativa. Il progetto, cioè, che ha sostenuto Appunti negli ultimi due anni ha dato vita e ancora ne darà a iniziative editoriali che, paradossalmente, limitano ora lo scopo e l utilità della rivista e pongono il compito di ridefinirne obiettivi, funzione e formato: bollettino, foglio informativo delle attività, notiziario? E, in tal caso, rivolto a chi? Solo a soci, a soci e frequentatori, ad ambienti esterni? Gratuito, a pagamento, inglobato nella quota associativa? Oppure, dopo quasi vent anni di uscite ininterrotte, prima come Maieutica e poi come Appunti, non c è più bisogno di una rivista di Centro Coscienza? Per condurre una ricerca su questi temi la redazione, d accordo con il Presidente e i consigli Direttivo e Superiore, ha deciso di sospendere con questo numero l uscita di Appunti, pur continuando a incontrarsi mensilmente per valutare altre future possibilità e forme. In questo lavoro silente, anch esso invisibile, sarà lieta di ricevere i suggerimenti e le considerazioni dei lettori. MAGGIO

2 APPUNTI SPECIALE ECONOMIA La ricchezza di un bilancio passivo UN ANALISI DETTAGLIATA DELLA STRUTTURA ECONOMICA DI CENTRO COSCIENZA: INTRECCIO VIRTUOSO TRA DENARO, AZIONE E SVILUPPO UMANO FONDATO SUL SENTIMENTO DELLA COSA PUBBLICA. LA STRUTTURA economica di Centro Coscienza presenta aspetti singolari riguardo al rapporto con, all uso di, alla produzione della ricchezza, e forse vale la pena di esaminarli; infatti consentono di cogliere come la visione di sviluppo di coscienza di Tullio Castellani si incarni fin negli aspetti più minuti e apparentemente poco spirituali della vita dell associazione. Per farla, questa analisi, partiamo dalla sede. Già l indirizzo, corso di Porta Nuova 16, nel cuore del centro storico di Milano, parla di ricchezza. L atrio poi e tutto il piano terreno ristrutturati nel 1999, con le alte pa - reti di vetro, l ampiezza degli spazi, il giardinetto interno non fanno certo pensare a un luogo dimesso, come solitamente i Centri autogestiti. Piuttosto a generosi finanziamenti: di chi?, ci si può chiedere. L appartamento del piano terreno con annesso seminterrato, il primo e il terzo piano vennero conferiti a Centro Coscienza negli anni Cinquanta da alcuni soci. È interessante notare che Castellani accettò donazioni solo da quanti si erano dedicati con tutte le loro facoltà allo sviluppo di Centro Coscienza e di se stessi, rifiutando i contributi di chi desiderava soprattutto acquistare delle benemerenze, esibire un prestigio personale, o semplicemente era mosso da un entusiasmo al quale non corrispondeva un profondo impegno di ricerca. Dal 1998 la Fondazione Servire è l unico socio della società immobiliare che possiede gli appartamenti in corso di Porta Nuova 16 e gli edifici di Morosolo. Questa struttura è stata creata al fine di spersonalizzarne completamente la proprietà; qualora un domani Centro Coscienza cessasse di esistere essi verrebbero destinati a enti con finalità similari a quelle perseguite da Castellani. Lo Statuto della Fondazione Servire spiega chiaramente perché l affitto pagato da Centro Coscienza è modesto e non va a incidere in modo insostenibile sul bilancio. Per quanto riguarda la ristrutturazione, il piano terreno aveva bene - ficiato solo di un ordinaria manutenzione da quando il Centro vi si era trasferito da via Sant Andrea, a metà degli anni Cinquanta. Nel 1998 si av - vertì la necessità di rinnovare gli spazi per creare una sala sociale, dove le persone potessero incontrarsi, sostare, conversare in attesa dei vari corsi, e per meglio attrezzare le sale per lo svolgimento delle attività. Il presidente ne parlò nell Assemblea generale dei soci del 1997: subito si creò un comitato responsabile della realizzazione del progetto, affidato a un socio architetto, e contemporaneamente moltissimi versarono il loro contributo ciascuno secondo il proprio sentire e potere per l attuazione dei lavori. Infatti, quando nell assemblea era stato proposto il progetto, il denaro non c era; pure l assemblea lo aveva approvato nella piena consapevolezza di assumersene solidalmente tutti gli aspetti. Il fatto non stupisce per tre motivi: uno è il sentimento diffuso tra i soci che la sede sia casa propria e non un entità indefinita di un ente astratto; l altro è che il Centro si propone come luogo di ricerca, coltiva - zione e sperimentazione per realizzare una realtà umana e sociale che ancora non esiste, e quindi è nel suo DNA il progettare, l andare oltre, il superare le forme in cui esso stesso, inevitabilmente, periodicamente, si consolida: sia quelle spirituali, sia quelle materiali, sempre indissolubilmente congiunte. Infine, ma non meno importante, è difficile che un ambiente come Centro Coscienza possa accumulare delle riserve di ricchezza stante il modo in cui si finanzia: quote sociali, quote di frequenza ai corsi, versamenti degli amici. Da sempre non cerca sponsorizzazioni pubbliche o private, nella convinzione che la libertà di ricerca non abbia prezzo. Un indagine nelle pieghe delle tre fonti citate può riservare qualche sorpre - sa. Partiamo dalle quote sociali: i soci versano una quota annuale di 100 euro, l ordinaria, il doppio quella primaria; chi ne ha la necessità può, fa - cendone richiesta, versare una quota ridotta, o anche semplicemente simbolica. Non è però questa la sola ricchezza che i soci conferiscono a Centro Coscienza, perché sono loro che, svolgendo tutti i compiti richiesti dall ambiente, ne garantiscono l esistenza: molti sono docenti dei corsi, e molti altri si formano per diventarlo; molti sono responsabili sociali, cioè si adoperano perché il corso sia un ambiente di formazione umana e non solo di trasmissione culturale; poi ci sono i provveditori che curano la manutenzione degli spazi; le ambientatrici che li animano con com - posizioni floreali e pannelli, frutto di un preciso lavoro di ricerca sulla natura; i maestri di sala che garantisco - no l accoglimento e la sicurezza del pubblico in occasione delle feste e delle conferenze aperte alla cittadinanza; gli irradiatori che si occupano di comunicare all interno e all ester - 2 MAGGIO 2010

3 no le attività proposte; ci sono alcuni che curano le piante presenti nelle varie sale; gli amministratori che si occupano di fare i bilanci preventivi, di metà gestione e consuntivi; un gruppo che si occupa della manuten - zione degli ambienti e del territorio di Morosolo; altri ancora che svolgono compiti di segreteria. Poche sono le mansioni retribuite, e in genere solo quelle che richiedono un impiego quotidiano a tempo pieno. È, quella prodotta dall impegno dei soci, una ricchezza enorme che, se quantificata, forse farebbe aggiungere uno zero alle cifre della voce entrate del bilancio di Centro Coscienza. Genericamente potremmo dire che questo è il sistema del volontariato: è vero, se non altro perché niente è obbligatorio e perché per Statuto il socio è tenuto al solo pagamento della quota associativa; ma occorre tener presente che ogni socio è profondamente convinto di arricchire e realizzare se stes - so assolvendo il compito che ha scel - to, piuttosto che di arricchire, o fare bene a Centro Coscienza. Passiamo alle quote di frequenza: i soci hanno in questo ambito, forse, la sola facilitazione della loro vita all Unione, in quanto le pagano ridotte rispetto a quanti frequentano i corsi senza associarsi; anche se è una facilitazione che sostanzialmente va incontro al desiderio di partecipare a più iniziative in un anno sociale. Anche qui vale la graduazione in quote ordinarie, primarie ed eventualmente ridotte. In alcuni casi possono essere erogate delle borse di studio per consentire a qualcuno, in particolari condizioni di vita, di partecipare alle attività e compiere un percorso di formazione, secondo il principio di Castellani per cui l accesso alla cultura a sviluppo di sé è un diritto fondamentale di ogni essere umano. Un elemento importante che può far riflettere è che i docenti non solo non sono pagati per tenere i corsi, ma pagano essi stessi la quota, e preferi - bilmente la primaria: perché questa che sembra un autentica stravaganza? Ma perché anche questo compito comporta per chi lo assolve una preziosa occasione di conoscenza e di sviluppo di sé che lo remunera ampiamente; e poi perché la ricerca per essere tale deve essere a fondo perduto, non essere garantita né condizionata in alcun modo, piuttosto liberamente scelta ogni volta. Consideriamo ora i versamenti degli amici: rientrano in questa voce quelli diretti di quanti, soci e non, desiderano sostenere Centro Coscienza; ma anche il denaro che le ambientatrici spendono settimanalmente per l acquisto di fiori e materiali vari; il costo dei biglietti aerei o dei treni dei delegati che in media due volte al mese si recano nelle Sezioni; il costo dei materiali necessari alla manutenzione degli ambienti; cioè molte delle IL MURATORI In noi il desiderio maestro, e padre di tanti altri, è quello del nostro privato bene, della nostra particolare felicità (...). Di sfera più sublime e di origine più nobile vi è un altro desiderio, cioè quello del bene della società, del bene pubblico, ossia della pubblica felicità. Nasce il primo dalla natura, questo altro ha per madre la virtù. spese sostenute dai soci e di cui non viene chiesto il rimborso all amministrazione. Negli anni, inoltre, molti hanno voluto ricordare i loro cari scomparsi istituendo a loro nome borse di studio o fondi: generalmente vengono destinati a sostenere progetti innovativi, che non potrebbero essere finanziati dal bilancio ordinario, o la formazione di giovani soci. Tra i fondi, un discorso a parte merita quello dei Sostenitori e Reggitori, che va precisato non sono necessariamente persone abbienti. Innanzitutto essi sono tali perché cu- IL GENOVESI Niuna massima è più vera di questa, che il sostegno primiero, e il più grande delle civili società, è l amore del bene pubblico (...) e che quelle nelle quali l interesse privato signoreggia e prevale (...) non solo non possono a niuna grandezza e potenza pervenire, ma se esse vi sono già pervenute, non possono mantenervisi. rano in modo particolare la formazione dei soci e l attuazione rispettivamente degli scopi del Centro di Cultura Spirituale e dei principi di Unione Coscienza, e non perché godano di particolari benemerenze a fronte di cospicui versamenti in denaro; ciò nondimeno hanno il mandato, quando necessario, di assume - re economicamente il disavanzo dei bilanci secondo un criterio improntato alla responsabilità individuale: non c è una quota imposta uguale per tutti in cui suddividerlo, ma ciascuno contribuisce secondo le sue possibilità. Forse da questa analisi si può meglio intendere un fatto non scontato: ogni anno, nell Assemblea generale i soci approvano un bilancio preventivo che in genere presenta un disavanzo, e lo approvano perché quel disavanzo, lungi dal rappresen - tare un elemento di inibizione, di restrizione, di risparmio, chiama a essere all altezza dei progetti e degli svi - luppi che il bilancio promuove; e stimola ciascuno a mettere in campo tutte le sue energie per ripianarlo. Sperimentando e attuando così, in ogni aspetto, il sentimento di partecipazione alla res publica che è il fondamento su cui poggia e si costruisce ogni collettività umana. MAGGIO

4 APPUNTI SPECIALE ECONOMIA Una sfida: mercato e LA TAVOLA ROTONDA PERMANENTE DI ECONOMIA HA ORGANIZZATO A CENTRO COSCIENZA UNA GIORNATA DI STUDIO SUL TEMA È POSSIBILE UN ECONOMIA DIVERSA DA QUELLA ATTUALE? L ECONOMIA CIVILE. ALCUNI BRANI DEGLI AUTORI CHE HANNO STIMOLATO E ANIMATO LE RIFLESSIONI DEI PARTECIPANTI, PENSIAMO POSSANO STIMOLARE ANCHE QUELLE DEI LETTORI. IL SENSO DEL DISCORSO che qui verrà abbozzato ruota intorno al seguente interrogativo: è possibile umanizzare l economia? ( ) È possibile tornare a umanizzare il mercato? O meglio: ha senso sforzarsi di prefi - gurare un modello di economia diverso da quello attuale, capace di includere (almeno tendenzialmente) tutte le persone e non solamente quelle adeguatamente attrezzate o dotate, e di avvalorare, nel senso di attribuire valore a tutte le dimensioni dell umano ( )? Perché domande del genere hanno senso? Per la fondamentale ragione che l istituzione del mercato è storicamente nata, al tempo dell Umanesimo, per consentire che la divisione del lavoro potesse funzionare come strumento di umanizzazione. ( ) Ai suoi inizi l economia di mercato viene fondata su tre principi distinti: quello dello scambio di equivalenti di valore, quello redistributivo e quello di reciprocità. Come si sa, è con lo scoppio della Rivoluzione Industriale e cioè con l affermazione piena del sistema capitalistico che il principio di reciprocità si perde per strada; addirittura viene bandito dal lessico economico. ( ) Questa letteratura si è dimenticata del principio di reciprocità, del principio, cioè, il cui fine specifico è quello di veicolare tra i cittadini la cultura della fraternità. ( ) Non è capace di futuro la società in cui si dissolve il valore del dono gratuito; non è capace di progredire la società in cui vi è posto solo per il dare per avere oppure per il dare per dovere. ( ) Invero, una lettura anche superficiale dell attuale passaggio d epoca ci obbliga a prendere atto che i tratti antisociali del comportamento economico hanno raggiunto livelli di intensità preoccupanti. È ormai ampia - mente ammesso che lo star bene del - le persone dipende non solamente dal soddisfacimento dei bisogni materiali, ma anche da quello dei bisogni relazionali. Basicamente la ragione è che questi ultimi non possono essere adeguatamente soddisfatti con beni privati, né con beni pubblici, quale ne sia il volume e la qualità. Piuttosto essi richiedono beni relazionali ( ) e la [loro] produzione non può avve - nire secondo le regole di produzione dei beni privati, perché nel caso dei beni relazionali quanto è in gioco non è tanto un problema di efficienza, quanto quello di efficacia. Né può avvenire secondo le modalità di fornitura dei beni pubblici da parte dello Stato dal momento che coercizione e principio burocratico che sono i principi di azione dell ente pubblico annullano o neutralizzano la relazionalità. Ecco perché se si vogliono scongiurare i rischi devastanti di trappole di povertà sociale, dovute alla crescita ipertrofica della sfera privata, o anche della sfera pubblica, dell economia, le nostre società hanno biso - gno di far posto crescente all intervento di soggetti che fanno della relazionalità il loro modus operandi. Stefano Zamagni, Beni relazionali e felicità pubblica. Uno sguardo dall economia civile, in Annuario di etica 2005, ed. Vita e pensiero, Milano. LA VITA IN COMUNE sarebbe impensabile senza comportamenti ispirati a gratuità, perché senza gratuità non c è incontro pienamente umano con l altro, non si genera au - tentica fiducia senza la quale né il mercato né la società possono funzionare. ( ) La sfida dell economia e dell impresa civile è rivendicare il valore anche economico di una relazionalità a più dimensioni, aperta al contratto, ma anche all incontro con l altro ispirato a gratuità. Il mercato invece è stato pensato e definito, in modo speciale nella modernità, come il luogo ideal-tipico della non-gratuità. ( ) La gratuità è un concetto estremamente difficile da definire ( ). Innanzitutto possiamo affermare che abbiamo a che fare con la gratuità tutte le volte che un comporta - mento ha (anche) un valore in sé e non è (solo) un mezzo per qualcos altro. Quando si attiva la dimensione della gratuità la strada da percorrere è importante come la meta da raggiungere. La motivazione intrinseca è condizione necessaria, sebbene non sufficiente, perché si possa parlare di gratuità o di comportamenti umani ispirati da gratuità. ( ) La condizione sufficiente perché si possa parlare di gratuità è l orientamento intenzionale verso il bene. ( ) Un azione orientata verso il bene non va intesa esclusivamente come verso il bene dell altro o come altruismo; un azione di gratuità può essere rivolta anche verso la natura o persino verso se stessi, come nel caso di molti artisti o atleti che vivono la gratuità quando sono intrinsecamente motivati per la loro attività e sono orientati al bene (non barano, per esempio, sono leali ). ( ) La gratuità non è pertanto associata a un che cosa si fa o a una classe di azioni: essa è piuttosto un come, una modalità o una dimensione dell azione, che può accompagnare vari contenuti. ( ) Può la gratuità essere prodotta e replicata endogenamente dai normali meccanismi di mercato? 4 MAGGIO 2010

5 LETTERA ALLA REDAZIONE gratuità Quanto si sta verificando in questi ultimi anni mostra che la domanda di beni relazionali e di gratuità cresce con il reddito, e con essa anche la domanda di quel di più della gratuità se i beni diventano sempre meno oggettivi e sempre più soggettivi e personalizzati, allora il come, il rapporto che si instaura tra i contraenti, è il fattore cruciale. Il rapporto umano genuino o non-strumentale sta diventando il bene scarso nelle economie avanzate, che tutti richiediamo ma pochi sanno o possono offrire ( ). La sfida di una economia che voglia aprirsi, al suo interno, alla gratuità consiste nel saper tenere insieme le varie dimensioni dell azione. Amo - re e contratto, amicizia e regole, eros e agapè non si escludono di necessità: tenerli assieme, però, non è mai ba - nale, ci espone sistematicamente alla vulnerabilità e alla fragilità, ma è una sfida che consente di fare anche delle faccende economiche qualcosa di ge - nuinamente umano. Per questo la gratuità ha un grande valore anche eco - nomico, sebbene non abbia prezzo, e anche solo per questo l economia non dovrebbe ignorarla, come invece comunemente fa. Perché se l attività economica perde definitivamente il contatto con il territorio della gratuità pone le premesse per la sua implosione, e quanto osserviamo nelle attuali economie reali ce lo sta dicendo in modo sempre più forte e chiaro. Abitare con questa gratuità il discorso teorico e pratico dell economia post-moderna, questa gratuità che non è il gratis (come viene comunemente ed erroneamente intesa) ma esattamente il suo opposto, e con questa gratuità abitare anche il mercato con tutto l umano, con tutte le sue potenzialità e le sue contraddizioni: non potrei sintetizzare meglio il messaggio affidato oggi all economia e all impresa civile. Luigino Bruni, L impresa civile. Una via italiana all economia di mercato, Università Bocconi editore, Milano Molto volentieri rispondo, anche se tardivamente, alla sollecitazione della Redazione sull ultimo numero di Appunti riguardo al rapporto tra ricchezza e vita spirituale. Ho riletto a distanza di tempo l articolo di Castellani pubblicato, che mette in luce con molta chiarezza le insidie, come la stessa Redazione evidenzia nel titolo, contenute nell argomento, che oggi mi sembra ancora più scottante di quanto non fosse allora. Parto da una premessa panikkariana per portare il mio punto di vista (e la responsabilità che ne deriva): ogni testo va inquadrato in un contesto, afferma Panikkar, e il contesto, da allora, è estremamente cambiato, forse si potrebbe dire stravolto. Se nei tempi in cui è stato scritto l articolo il fervore della ripresa post-bellica vedeva tanti imprenditori genuinamente impegnati nella ricostruzione economica, in nome non solo dell interesse personale ma, congiuntamente credo allora fosse ancora possibile del bene comune, e di conseguenza la ricchezza accumulata era solo una delle ricadute di un impegno e di una responsabilità assunte in prima persona, oggi questo mi sembra francamente impossibile. La situazione dell economia attuale costringe inevitabilmente chi voglia accumulare ricchezza a entrare nella rete della speculazione finanziaria e con ciò stesso, volente o nolente, a colludere con i poteri che riducono sempre più ogni cosa e ogni persona a merce. E credo che la mer - cificazione di ogni aspetto dell esistenza, e ancor più la mercificazione degli esseri umani, sia uno dei mali assoluti del nostro tempo. Ma non solo. Arricchirsi non può che coincidere con un più alto tenore di vita e questo equivale, necessariamente, a un aumento di livello di consumo. E questo significa, inevitabilmente, nuove ferite alla Madre T erra e pauperizzazione di qualcun altro. In questo campo il processo è defini - tivamente a somma zero. Non possiamo essere ingenui e pensare ancora che la torta possa crescere all infinito per essere condivisa tra tutti, l illusione è finita da un pezzo e la torta è sempre più spartita da sempre meno persone. Sono profondamente convinta che nel contesto attuale la sobrietà sia una delle virtù più preziose da coltivare, e non solo per una disciplina personale di distanziamento dal canto delle sirene del consumo, ma per il rispetto che dobbiamo alla Madre Terra e ai Popoli che la abitano, sempre più depredati dalla mercificazione imperante. Credo anche sia la premessa fondamentale per arginare e, per quanto possibile, iniziare a invertire la rotta rispetto alla monetizzazione dell esi - stenza in atto, che tende a svilire tutta l esistenza umana; credo fosse di un nativo americano la bellissima frase, ovviamente riferita al nostro modo di vivere, Sapete il prezzo di ogni cosa, ma non conoscete il valore di nessuna... Mi sembra che oggi, quindi, incarnare davvero l atteggiamento fondante non nobis sia diventato e diventi sempre più complesso, difficile ma anche appassionante, soprattutto quando la ricerca personale diventa ricerca di coppia, di famiglia, di tutta una comunità (come avviene per esempio nell organizzazione dei seminari a Morosolo). Porre il limite tra necessario e superfluo ci costringe a tornare continuamente sulla domanda utile a che cosa?, senza credere mai di avere una risposta definitiva, ma sempre riferendo il limite alla relazione nel presente. Nella nostra esperienza di coppia l essere gradualmente cresciuti in questa consapevolezza attraverso i decenni, mentre crescevano i nostri figli, ha significato tornare a interrogarci più volte sui valori che sentivamo fondanti per la nostra famiglia, e coinvolgere gradatamente anche i figli nella ricerca. S. B. MAGGIO

6 APPUNTI CRONACHE Iniziative straordinarie CRONACHE DI VITA SOCIALE: UN AGGIORNAMENTO SU ATTIVITÀ PARTICOLARMENTE INTERESSANTI PER I RAPPORTI LA CASA EDITRICE L attività di Edizioni di Maieutica, iniziata ufficialmente nel 2006 con la pubblicazione di Mario Luzi. La grande felicità del linguaggio e della fiaba di Luisa Usellini Guerra ai castelli in aria ha ricevuto nuovo impulso dal progetto legato ai settant anni dalla fondazione del Centro di Cultura Spirituale: tre sono i Quaderni speciali con scritti di Tullio Castellani già usciti e un quarto è previsto per l inizio del prossimo ottobre: conterrà un ciclo di tre le - zioni che Castellani tenne nel 1948 sull aspetto sociale della Ricerca spirituale e il tema di una gerarchia dei valori ne costituisce il nucleo centrale. La collana Scritti ad alta voce è ormai al suo sesto volume con Natura e bellezza in Asia, che prende il nome (e il contenuto!) dal corso del : Giuliano Boccali e Gian Carlo Calza hanno articolato un percorso attraverso i luoghi in cui la spiritualità orientale ha preso forma diversificandosi e si è innestata radicandosi. Una parte della ricerca è stata dedicata al IL PROVVEDITORATO LA CURA DEGLI SPAZI E DELLE PERSONE Da anni immemorabili l organo provvede alla manutenzione degli ambienti della sede nonché a piccoli interventi di ristrutturazione. Lunedì 19 aprile si è inaugurata una mostra che ha presentato, attraverso fotografie, disegni e scritti, alcune realizzazioni degli ultimi anni e i progetti di altre già in cantiere: un occasione per rendere visibile un attività così indispensabile da sembrare scontata e scomparire alla percezione di tutti coloro che ne fruiscono. L esposizione, allestita nello spazio riservato alle pubblicazioni, su richiesta dei soci ha prolungato la sua apertura per quasi un mese. I provveditori si sono resi disponibili per rispondere alle curiosità dei visitatori e ricevere segnalazioni per qualche intervento necessario. Giappone, una all India e un altra alla Cina. La bellezza incarnata nelle immagini delle pitture zen e delle miniature pahari (espressione della religiosità hindu), nelle parole poetiche dei testi sacri e mistici e in alcuni monumenti cinesi è sempre presente e si fa portatrice di messaggi che indicano una possibilità di comunicazione tra le due vie d intendere, occidentale e orientale. Aprono il volume due lezioni di Tullio Castellani del 1947: L orientamento della Ricerca spirituale nell Oriente e L orientamento della Ricerca spirituale nell Occidente, specialmente dal XVIII secolo. Per la stessa collana sono in lavorazione due libri che testimoniano dei lavori di ricerca sociale e di ricerca scientifica: il primo riprende la tradizione, che era di Maieutica, di pubblicare i testi delle prolusioni dei corsi e ne raccoglierà quindi alcune degli ultimi anni, fra cui Sentimenti e strutture della vita sociale e Politica e società. Un rapporto da rinnovare. Il secondo libro, riproponendo lavori sulla scienza impostati da Castellani stesso, ha l ambizione di stimolare la ripresa di un campo d indagine prezioso che, contrariamente a quanto si pensa, è connesso con la dimensione spirituale dell esistenza; completano la raccolta alcune recenti conferenze, sulla contemplazione del cosmo e sul gelo, con immagini suggestive. Anche nei prossimi volumi, a interventi più antichi, che testimoniano una lunga tradizione culturale, saranno accostate conversazioni e conferenze di oggi, che esprimono il dialogo con i bisogni e le trasformazioni del nostro tempo. D altra parte il progetto di Edizioni di Maieutica è stato sviluppato per diffondere il modo di fare cultura dell associazione e per questo è un tutt uno con le sue attività: i lavori dei gruppi, gli incontri e i rapporti che via via si stabiliscono con gli esponenti della cultura, il metodo di ricerca specifico di Centro Coscienza, quindi l im - pronta dialogica ed esperienziale nell avvicinare i vari linguaggi culturali. NUOVA EDUCAZIONE Nella primavera di due anni fa si sono riallacciati tra Centro Coscienza e Nuova Educazione i legami che nel tempo si erano un po allentati. Tutto è iniziato con un invito del Consiglio superiore di Coscienza al Consiglio direttivo di Nuova Educazione, da questo accolto prontamente: nell incontro si è creato un buon clima di dialogo ed è emerso l inte - resse verso lavori di formazione per genitori (del Consiglio direttivo facevano parte un buon numero di mamme e presidente era un papà) e insegnanti, su cui si è iniziato a fare qualche ipotesi. Nei mesi successivi il rapporto è proseguito con incontri e colloqui fra chi, da una parte e 6 MAGGIO 2010

7 tra Milano e Morosolo CHE COINVOLGONO, PER LA FORMAZIONE CHE METTONO IN CAMPO E PER I LORO POTENZIALI SVILUPPI FUTURI. dall altra, ha deciso di occuparsi fattivamente della cosa, per individuare gli ar - gomenti appropriati, le persone interessate, gli orari possibili. Così a novembre del 2008 è iniziato un corso nella sede di Nuova Educazione: tema Giusto rapporto nella vita sociale, orario mercoledì ore 14.30, ritmo quindicinale, durata dieci incontri, rivolto a genitori e insegnanti che avevano dei compiti nella scuola. I par - tecipanti sono stati una quindicina, con quasi esclusiva presenza femminile. A seguito di questo qualche mamma ha frequentato per la prima volta anche attività a Centro Coscienza. Parallelamente, nella nostra sede si sono svolte delle giornate seminariali di ricerca educativa, con cadenza mensile, a cui hanno partecipato la direttrice e alcune insegnanti di Nuova Educazione insieme a soci delle Sezioni; questo fra l altro ha permesso l avvio di rapporti fra la scuola di Milano e la Gioiosa di Bergamo. Altre insegnanti hanno frequentato il corso Il processo dell uomo nel suo tempo. Per l anno ci è stato chiesto di proseguire l attività a Nuova Educazione secondo le modalità già sperimentate, sul tema Rapporti, conflitti, creatività, con la novità che i primi sei incontri hanno mantenuto la valenza sociale, mentre i successivi quattro hanno affrontato l argomento sotto l aspetto del CULTURA E PRATICA DELL ASSISTERE: IL METODO VALIDATION Il gruppo Cultura e pratica dell assistere svolge dal marzo 2008 un lavoro terapeutico alla Casa di riposo di Morosolo, utilizzando il metodo V alidation per dialogare con gli anziani disorientati e stimolare in loro canali di espressione: le modalità, spesso, non hanno niente di logico, ma a chi le sa ascoltare rivelano bisogni profondi come l essere amati, il sentirsi utili e poter percepire il senso della propria esistenza. Le operatrici della Casa di riposo hanno finora partecipato a turno a questi gruppi, stupendosi ogni volta della qualità di comunicazione che gli anziani riuscivano a mettere in atto ed esprimendo il bisogno di essere formate in maniera più strutturata all utilizzo del metodo Validation. Il rapporto, in questa prospettiva, con la Direttrice è stato lungo e costellato di dettagliate relazioni, finché essa stessa si è occupata di richiedere i fondi della Comunità europea necessari a un lavoro di formazione ufficiale. Comincerà entro l estate un corso di sedici ore per presentare il Metodo e iniziarne l insegnamento: un primo importante passo nel percorso di formazione degli operatori e nel riconoscimento di nuove modalità di incontro con gli anziani. rapporto educativo, dei genitori con i figli, delle insegnanti con gli allievi. Il corso si è appena concluso e i partecipanti hanno chiesto di poter avere ancora qual - che incontro fra aprile e maggio, alcune mamme sperano di riuscire a coinvolgere i propri mariti. Le giornate di ricerca educativa si sono trasformate in seminari di un fine settimana a Morosolo, uno svoltosi recentemente, un altro programmato per metà maggio. Una novità anche sul versante dell autoeducazione: per venire incontro alle richieste di alcune mamme e insegnanti con difficoltà logistiche si sono costituiti due gruppi in giorni e orari tali da permettere loro la partecipazione. I SEMINARI Si è sperimentata quest anno una nuova modalità di lavoro: un corso di cui fa parte integrante un seminario breve a Morosolo. È avvenuto con Tecniche teatrali ed espressione di sé, laboratorio di comunicazione che si è svolto fra settembre e inizio novembre in nove incontri settimanali a Milano e un fine settimana a Morosolo. Dal 20 aprile, con le stesse modalità, è in corso la secon - da edizione, che si concluderà all inizio di luglio. È allo studio anche un lavoro di filosofia con analoga impostazione da realizzarsi tra giugno e luglio. In tema di seminari un innovazione interessante è stata quella dei pluritematici. Il primo esperimento è stato realizzato in ottobre dalle strutture del corso Induismo e Buddhismo e dei Gruppi di lavoro della Schola, unitamente a una neo-nata Scuola di cucina. Dal giovedì sera alla domenica pomeriggio si sono suddivisi i tempi in modo da prevedere sia attività in comune sia specifiche di ogni ricerca, alle quali erano comunque invitati eventuali interessati degli altri gruppi. I partecipanti sono stati più di trenta. L elemento più interessante di questa esperienza è stata la formazio- ne di gruppi eterogenei fi - losofico-territorial-culinari, sia per gestire tutti gli aspetti sociali del seminario, sia per l incontro con la natura. La partecipazione ai Gruppi di lavoro della Schola, poi, ha consentito a tutti un contatto più approfondito e consapevole con il territorio di Morosolo... oltre che la possibilità di realizzare un perfetto equilibrio tra mente e corpo! Il secondo seminario pluritematico si è svolto in febbraio con la partecipazione di altri due gruppi: ai precedenti si sono aggiunti la Scuola di Ambientazione, il Gruppo di ricerca educativa e i mariti e i bambini di alcune signore impegnate nelle varie ricerche. Complessivamente una sessantina fra adulti e bambini che, pur senza condividere completamente tutto il seminario (i papà e i bambini sono stati una presenza sensibile ma appartata), hanno potuto scambiare esperienze culturali e arricchirsi di rapporti nuovi. MAGGIO

8 APPUNTI segnalazioni Mostre in corso fino al 19 giugno 2010 Il mistico profano. Omaggio a Modigliani Gallarate, MAGA Museo d Arte di Gallarate 250 documenti originali ripercorrono la vita dell artista: fotografie, lettere, scritti autografi, insieme con molti dei suoi quadri e disegni dalle più grandi collezioni del mondo. Apertura: da martedì a domenica Telefono Luoghi I giardini di Castel Trauttmansdorff Merano, Via San Valentino Si estendono ai margini orientali della città di Merano su una superficie di 12 ettari e offrono una grande varietà di paesaggi presentando più di 80 ambienti botanici, suddivisi in 4 aree tematiche, con piante originarie di ogni angolo del mondo. Apertura: dal 1 aprile al 15 novembre , dal 15 maggio al 15 settembre Telefono APPUNTI MAIEUTICA Appunti di Maieutica periodico di Centro Coscienza. C.so di Porta Nuova 16, Milano. Autorizzazione Tribunale di Milano n. 59 del 8/2/2003. Direttore Responsabile: Cristina Strata. Stampato da Copylandmilano, P.zza Ferravilla 7, Milano. OTTAVA PAGINA contrappunticontrappunti Racconta Tonino Guerra che una volta, in riverente visita al pittore Giorgio Morandi, chiese in ricordo al Maestro alcuni vecchi pennelli in disuso. Morandi, in tono quasi di rimprovero, gli rispose che quei pennelli andavano seppelliti. Guerra rimase molto stupito e ammirato per la sensibilità del grande pittore. (...) La forza dell analogia ci rimanda dall aneddoto morandiano al Giappone del periodo di Edo, quando i pennelli per la scrittura o la pittura erano oggetto di un rito funebre (fude kuyo), nel contesto di una più ampia pratica di cerimonie degli addii dedicate a oggetti inanimati, usati nella vita quotidiana, lavorativa o religiosa. (...) Cerimonie di accompagnamento vengono svolte per tazze e utensili di ceramica (donabe), oggetti laccati come, ad esempio, pettini di pregio (nurikushi), (...) ma quello che ha conservato maggiore popolarità è probabilmente l hari kuyo o memoriale in onore degli aghi (hari) usati. Fino a qualche decennio fa l ago e il cucito erano elementi caratteristici delle abilità femminili, ma oggi gli aghi sono poco o per nulla usati, per cui i servizi di abbandono degli aghi usati che si svolgono in santuari shintoisti o in tempi buddhisti sono prevalentemente organizzati da ditte o gruppi professionali che usano il cucito lavorativamente. Non mancano poi cerimonie per gli aghi da siringa o per quelli impiegati in agopuntura o, infine, per gli ami da pesca. (...) Si recitano dei sutra e gli aghi, che hanno sofferto nella loro esistenza dovendo penetrare i tessuti o i tatami con una certa fatica, vengono ora infilzati, per una sorta di compensazione, in un morbido panetto o blocco di tofu o di konnyaku, davanti al quale si sosta in raccoglimento. I partecipanti, desiderosi di esprimere sentimenti di gratitudine, oltre a deporre gli aghi nel tofu e offrire incenso, eseguono anche canti ed eventuali danze, e recitano preghiere. Gli intervenuti pregano anche per il successo del collettivo di cui fanno parte e perché sia dato loro di migliorare nella propria abilità e lavorare senza danno, per cui il rito si dilata ad atto propiziatorio e di omaggio agli strumenti a cui è legata una determinata attività. Gli aghi vengono poi interrati o gettati in mare, al termine del rito o in un secondo momento. (...) La cura messa nella produzione degli oggetti (specie artigianali) e l interazione affettiva con chi li ha usati finiscono per conferire un anima anche agli oggetti materiali, per cui sarebbe in qualche modo sacrilego gettarli via senza alcun rispetto, dimenticando l unità di tutti i fenomeni della vita. Possiamo dire, pertanto, che tre sono i livelli implicati in queste cerimonie. Uno, materiale, che vuole evitare la dispersione disordinata di rifiuti nell ambiente; un secondo, psicologico, che consente di chiudere in armonia, riconoscenza e pace il rapporto con gli oggetti dismessi; un terzo, infine, spirituale, che consente una consapevole e ordinata restituzione alla vita cosmica della materia e dell energia concentrate negli oggetti che ci hanno accompagnato e servito. Consapevolezza, prudenza, ordine, rispetto, pagamento del debito di riconoscenza, sono tutte attitudini giapponesi che ritroviamo presenti in questo rituale, certamente marginale e in certo senso démodé, che esprime tuttavia un atteggiamento altamente spirituale. R. Venturini, in Dharma n.18, MAGGIO 2010

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DON AGOSTINO ROSCELLI P:zza Paolo da Novi,11 16129 Genova ANNO SCOLASTICO 2014 2015 La scuola dell infanzia non è scuola dell obbligo,

Dettagli

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29

Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Comune di Brescia Settore Scuole dell Infanzia Scuola dell Infanzia A. Gallo Via Flero, 29 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2013/2014 PROGETTO EDUCATIVO Profilo territorio La scuola comunale dell

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Piano Offerta Formativa Sintesi del POF anno scolastico 2009-2010

Piano Offerta Formativa Sintesi del POF anno scolastico 2009-2010 S C U O L A P R I M A R I A M A R I A C O N S O L AT R I C E Piano Offerta Formativa Sintesi del POF anno scolastico 2009-2010 Identità L istituto Maria Consolatrice ospita una Scuola dell Infanzia (con

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI 2012

INDICAZIONI NAZIONALI 2012 FISM VENEZIA 2012 1 Il DPR 89/2009 prevedeva che le Indicazionidel 2007 potevano essere riviste dopo il triennio 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012. La Circolare Ministeriale n 101 del 4 novembre 2011 ha

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Appartenenza e metodo nel MEC

Appartenenza e metodo nel MEC Appartenenza e metodo nel MEC Per un nuovo inizio del Movimento, per il rilancio della vita delle nostre Comunità Qual è il legame tra appartenenza e metodo? L APPARTENENZA CHE È PRIMA DI TUTTO UNA SCELTA

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA

5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA 5 PROPOSTE DI INCONTRO SCUOLA-FAMIGLIA Una tazza di caffè, the e qualche dolcetto renderanno il clima meno formale e più cordiale in qualsiasi situazione in cui un gruppo di persone si incontra. L atmosfera

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Corso DOL _ I anno _ Classe G3 RELAZIONE FINALE: ALLA SCOPERTA di MIRO GIOCANDO CON PUNTI, LINEE E SPAZI. Maria GRECO. corsista:

Corso DOL _ I anno _ Classe G3 RELAZIONE FINALE: ALLA SCOPERTA di MIRO GIOCANDO CON PUNTI, LINEE E SPAZI. Maria GRECO. corsista: Corso DOL _ I anno _ Classe G3 RELAZIONE FINALE: ALLA SCOPERTA di MIRO GIOCANDO CON PUNTI, LINEE E SPAZI corsista: Maria GRECO Per concludere questo primo anno di corso DOL ho scelto di realizzare come

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Progetto educativo per i bambini anticipatari

Progetto educativo per i bambini anticipatari Progetto educativo per i bambini anticipatari PREMESSA La questione dell anticipo deve essere affrontata facendo riferimento a discipline quali la psicologia dello sviluppo, la pedagogia e l organizzazione

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche

IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche 1. Il metodo Numerose comunità di base pongono al centro delle loro riunioni la Bibbia e si propongono un triplice obiettivo: conoscere la Bibbia,

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

Editoriale di Marina Fabiano

Editoriale di Marina Fabiano Editoriale di Li avete visti i Quaderni del Coaching? Dove? Ma sul sito www.coachmag.it! Aggiornato per accogliere le due grandi novità: i Quaderni e i CoachMag acquistabili separatamente. Il primo Quaderno

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

DI TUTTE LE CLASSI DEL PLESSO DI S. ANTONIO a. s. 2012/2013

DI TUTTE LE CLASSI DEL PLESSO DI S. ANTONIO a. s. 2012/2013 DI TUTTE LE CLASSI DEL PLESSO DI S. ANTONIO a. s. 2012/2013 Le insegnanti del Plesso già nel mese di giugno avevano verificato e valutato il lavoro svolto durante l anno 2011/2012 e avevano abbozzato le

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

DA OGGI IN PENSIONE! Franco Voli. Come riappropriarsi della vita quando si smette di lavorare. FrancoAngeli. rend

DA OGGI IN PENSIONE! Franco Voli. Come riappropriarsi della vita quando si smette di lavorare. FrancoAngeli. rend Franco Voli FrancoAngeli DA OGGI IN PENSIONE! Come riappropriarsi della vita quando si smette di lavorare rend Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione gratuita di sole 20 pagine ed è

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TRENTO 1

ISTITUTO COMPRENSIVO TRENTO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO TRENTO 1 SCUOLA PRIMARIA DI VILLAZZANO PROGETTO ORTO BIOLOGICO PREMESSA Tra i compiti istituzionali della scuola c è quello della formazione ad una corretta educazione ambientale e

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/2016

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE I.C. 10 BORGO ROMA EST VERONA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/2016 Scuola dell infanzia statale APORTI Via Volturno, 20 Telefono 045 500114

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA. C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA C era una volta un Grande libro...che annunciava.. INSEGNANTE: ZICOMERI LAURA a.s.2015/2016 PREMESSA Insegnare Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia significa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli