Organigrammi, procedure, flussi. Antonello Podda Matteo Maxia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Organigrammi, procedure, flussi. Antonello Podda Matteo Maxia"

Transcript

1 Organigrammi, procedure, flussi Antonello Podda Matteo Maxia

2 CHE COS E UN ORGANIGRAMMA? Rappresentazione grafica di una struttura organizzativa Col termine organigramma si indica uno schema o rappresentazione graficodescrittiva della struttura dell azienda e degli aspetti organizzativamente rilevanti delle funzioni e delle attività aziendali, inquadrati nelle loro reciproche correlazioni.

3 Scopo dell organigramma Scopo dell organigramma è quello di fornire una specie di mappa dell organizzazione di riferimento. Tale mappa non ha le pretesa di cogliere tutti gli aspetti di funzionamento dell organizzazione ma di evidenziarne alcuni fondamentali, quali:

4 a) la suddivisione delle varie funzioni-attività aziendali tra le varie posizioni che compongono l organizzazione; b) i collegamenti-relazioni organizzative che si instaurano tra le diverse posizioni titolari delle funzioni-attività assegnate; c) il livello-importanza delle varie posizioni organizzative; d) la rete fondamentale degli itinerari di carriera

5 L organigramma può essere utile per: 1. Fare un analisi della struttura organizzativa esistente (evidenziare punti di forza e\o debolezza, disfunzioni e\o anomalie); 2. Esplorare possibili alternative organizzative (progettare la struttura organizzativa per poterne apprezzare i vantaggi e gli svantaggi);

6 3. Utilizzarlo come strumento di comunicazione in ogni occasione in cui si debbano migliorare le conoscenze dei membri dell organizzazione o di terzi relativamente alle strutture e al loro funzionamento (visibilità con neoassunti o terzi esterni); 4. Programmare e valutare le posizioni organizzative (espansione in termini di organico e la loro posizione);

7 Concezione classica dell organigramma ed elementi di criticità: Organigramma: rigor mortis. Serve: per l annuale revisione degli stipendi, per far sapere agli investitori come funziona l organizzazione, quali sono i compiti di ciascuno e chi li assolve. Struttura gerarchicamente vincolante e verticistica che non tiene in debito conto delle relazioni interpersonali e delle risorse umane, ma solo del loro ruolo all interno dello scacchiere. Da troppa enfasi alla struttura e troppo poca ai processi.

8 Ulteriori limiti degli organigrammi: 1) Non danno un esatta misura del livello di importanza delle varie posizioni (a meno che non si tratti dei livellogrammi) 2)Non vengono evidenziate le reti di relazioni (soprattutto quelle informali fondamentali nelle moderne organizzazioni)

9 segue 3) Favoriscono la tendenza alla rigidità e all immobilismo, il diffondersi di una mentalità settoriale e la conseguente creazione di compartimenti stagni in seno all organizzazione, la tendenza ad attenersi puntigliosamente ai rapporti e ai canali di comunicazione indicati formalmente e scoraggiano la collaborazione non favorevole tra le varie unità, anche se

10 molto spesso la rigidità nelle relazioni è data più dalla cultura organizzativa che dall organigramma.

11 segue 4) Manca un accurata descrizione delle mansioni 5) L organigramma va aggiornato periodicamente

12 Cambiano le organizzazioni e cambiano gli organigrammi, le vecchie rappresentazioni grafiche sono obsolete. Nonostante questo

13 miglioramenti possibili grazie all utilizzo degli organigrammi: - Raggruppamento e scorporo di unità; - Soppressione di unità\posizioni; - Creazioni di nuove unità\posizioni;

14 miglioramenti - Ridefinizione di funzioni; - Cambiamenti delle aree di responsabilità; - Riduzione\ampliamento del numero di dipendenze dirette;

15 miglioramenti - Incremento\riduzione del livello di autorità; - Ricollocazione delle unità di staff e miglior definizione dei loro interventi; - Individuazione delle aree implicanti codecisioni e corresponsabilità;

16 miglioramenti - Creazione di nuove modalità di coordinamento (comitati, task force etc etc); - Ridefinizione delle linee di riporto (verso chi l unità e chiamata a render conto); - Ridefinizione della rete delle relazioni organizzative.

17 Organigrammi

18 Nel grafico precedente è illustrato un organigramma classico caratterizzato da un vertice e da una marcata gerarchia (top-down)

19 Organigrammi

20 E identico a quello precedentemente illustrato ma più facilmente schematizzabile. Le linee di autorità vanno da sinistra verso destra.

21 Organigrammi

22 Fornisce una migliore rappresentazione degli aspetti dinamici delle relazioni personali; elimina il concetto delle posizioni alte e basse ; ciascun individuo è rappresentato come elemento di sostegno della struttura

23 Organigrammi

24 E verticale ma ripiegato per rappresentazioni grafiche di organizzazioni complesse e consente quindi di recuperare spazio. Il suo utilizzo va però a scapito della leggibilità e della chiarezza.

25 Organigrammi

26 Organigrammi

27 Organigrammi Re Sole

28 Il livello delle posizioni è gerarchicamente ascritto nei cerchi. Nel centro è individuato la posizione organizzativa più rilevante

29 Organigrammi

30 Organigrammi Mansione

31 Mansione Organigrammi Organico

32 Mansione Organigrammi Organico Centro di costo

33 IL grafico illustrato è stato costruito secondo le norme AFNOR, che riguardano oltre le dimensione generali del grafico anche la collocazione e ela dimensione delle caselle. Per costruirlo si tiene conto di: - Le funzioni svolte - L importanza relativa - La dipendenza gerarchica - Le posizioni dipendenti

34 Tipi di organizzazioni

35 Tipi di organizzazioni

36 Tipi di organizzazioni

37

38 Principali vantaggi e svantaggi dei tre tipi di organizzazione: VANTAGGI 1. Organizzazione gerarchica o di linea - Il coordinamento e l unità di indirizzo sono semplificati e vi è una netta corrispondenza fra ambito di autorità e responsailità - E stabile e permette rapidità di decisione - La disciplina viene mantenuta facilmente SVANTAGGI - L organizzazione è rigida e inflessibile - Rende difficili gli apporti degli esperti mentre i quadri operativi sono oberati di lavoro - La perdita di alcune persone può far crollare l intero sistema

39

40 Principali vantaggi e svantaggi dei tre tipi di organizzazione: VANTAGGI 2. Organizzazione funzionale di Taylor: - Favorisce l apporto degli esperti - Richiama l attenzione costante sulle varie funzioni - Sviluppa l autorità funzionale SVANTAGGI - Le responsabilità per i risultati sono confuse - Le linee di autorità non sono definite (operai) - Il coordinamento è difficile

41

42 Principali vantaggi e svantaggi dei tre tipi di organizzazione: VANTAGGI 3. Organizzazione gerarchicafunzionale o di linea-staff - Cerca di integrare le competenze specialistiche e quelle operative - Rende disponibile il contributo della conoscenza degli esperti nelle varie funzioni - Vi è una maggiore varietà di posti e di responsabilità SVANTAGGI - Crea un difficile rapporto tra lo staff e la linea - Lo staff può essere pèoco efficiente per mancanza di autorità nel fare applicare i propri suggerimenti - La linea può risentirsi dell attività dello staff perché il prestigio e l influenza della linea può diminuire per la presenza di specialisti ( non siete pagati per pensare )

43 Evidenzia il rapporto gerarchico (line) e quello relativo alle funzioni svolte all interno dell organizzazione (staff)

44 Tipi di organizzazioni

45 Tipi di organizzazioni LINE

46 Tipi di organizzazioni

47 Tipi di organizzazioni STAFF

48 L organizzazione gerarchico-funzionale

49 La tradizionale organizzazione di tipo gerarchico-funzionale, in settori e sezioni Poiché il lavoro è suddiviso sulla base dei compiti, i processi si muovono attraverso più unità organizzative. Inoltre, la presenza di procedure rigide e più livelli gerarchici intermedi allunga esponenzialmente i tempi decisionali ed allontana la decisione dal livello operativo, che gestisce la relazione con il cittadino-utente. I risultati sono la natura ripetitiva delle mansioni degli operatori, la ridondanza delle verifiche e degli interventi correttivi di natura formale sul medesimo oggetto, il moltiplicarsi dei flussi cartacei e delle attese per le firme, il sovraccarico cognitivo dei vertici, la poca trasparenza delle responsabilità e, nell insieme, la scarsa capacità di risposta e di comunicazione della struttura.

50 Alternative e sviluppi

51 Alternative e sviluppi funzionale

52 Alternative e sviluppi funzionale Per progetto

53 Organizzazione per progetti Mantiene la struttura gerarchicofunzionale in modo permanente per alcuni settori chiave (vedi quelli dirigenziali) ma al contempo rende flessibile la produzione demandandola a progetti variabili e perciò facilmente adattabili alle mutevoli esigenze dell ambiente esterno. (Es.:realizzazione di prototipi).

54 Alternative e sviluppi

55 Alternative e sviluppi (modello fordista)

56 Alternative e sviluppi

57 Alternative e sviluppi LINE

58 Alternative e sviluppi LINE STAFF

59 Esempio: alternative di collocamento della funzione personale in una struttura organizzativa articolata su tre livelli

60 La rappresentazione grafica tramite l organigramma può aiutare nella valutazione delle alternative, mettendo in luce pregi e difetti delle diverse soluzioni in funzione delle diverse reti di relazione (gerarchiche e non) e delle diverse possibilità di coordinamento/composizione dei conflitti

61 Esempio: alternative di collocamento della funzione personale in una struttura organizzativa articolata su tre livelli

62 Dall organigramma, alle procedure e ai flussi

63 Organigramma di un azienda tessile italiana: benché complesso non ci dice niente sul livello di importanza relativa alle varie posizioni organizzative esistenti.

64 Dall organigramma, alle procedure e ai flussi: il livellogramma

65 Livellogramma Serve per determinare accuratamente le posizioni ed il loro livello

66 Dall organigramma, alle procedure e ai flussi

67 Dall organigramma, alle procedure e ai flussi

68 Procedure e flussi Nella figura precedente è raffigurato uno schema procedurale sovrapposto all organigramma relativo all organizzazione generale di un cantiere in un impresa di costruzioni. Può essere utile per definire meglio i legami funzionali esistenti fra le varie unità organizzative, dando un idea di tipo dinamico del funzionamento reale dell organizzazione. Può servire anche a livello progettuale per rappresentare il funzionamento ideale di un organizzazione.

69 L organizzazione a matrice e progetto

70 Organizzazione a matrice Si ha l organizzazione per matrice quando le strutture funzionano permanentemente attraverso i raggruppamenti per progetto. Il nome matrice deriva dal reticolo che viene a formarsi nel tracciato, dove, ogni rettangolo rappresenta una o più persone.

71 segue Lo schema può essere letto nei due sensi: orizzontalmente, ogni riga forma i gruppi di specializzazioni diverse e interfunzionali (composti da ricercatori, tecnici della produzione, del marketing, dei controlli tecnici e finanziari); verticalmente, ogni colonna rappresenta, invece, le persone che fanno capo a un determinato settore funzionale o specialistico. Questi tipi di organizzazioni forniscono una notevole flessibilità nell impiego delle risorse professionali, consentendo di utilizzare le persone a seconda delle necessità, suddividendo, quando opportuno o necessario, l attenzione tra un progetto e l altro

72 L organizzazione a matrice e progetto

73 L organizzazione per processi

74 L organizzazione per processi L organizzazione per processi, su due soli livelli gerarchici, quello generale e quello operativo. I processi sono gestiti integralmente all interno di ciascuna unità del livello operativo, il cui dirigente adotta autonomamente le decisioni e ne assume la relativa responsabilità. Gli operatori di processo lavorano in un ottica di polifunzionalità, detenendo le competenze dell intero processo, e gestiscono direttamente i rapporti con l utenza, dalla quale recepiscono indicazioni utili al miglioramento del servizio. In tal modo si accrescono al massimo tanto l efficienza, quanto la capacità di risposta e di comunicazione della struttura. Il livello di management generale può concentrarsi principalmente sulla pianificazione strategica (determinazione degli obiettivi e conseguente allocazione delle risorse) e l analisi degli scostamenti tra obiettivi e risultati, che vengono rilevati tramite il controllo di gestione.

75 L organizzazione per processi L organizzazione per processi risponde ai seguenti principi: 1) Principio di semplicità 2) Principio di autonomia 3) Principio di flessibilità 4) Principio della direzione attraverso la cultura

76 Principio di semplicità. La migliore risposta alla complessità dell'ambiente esterno e dei rapporti umani all'interno dell'organizzazione è la semplicità della struttura organizzativa, con la riduzione al minimo dei livelli gerarchici e la semplificazione di norme e regole: strutture e procedure non permettono di rispondere alla complessità, ma tendono a cristallizzarla in complicazione.

77 ..principio di semplicità La rigidità della struttura organizzativa, infatti, ne diminuisce la capacità di risposta, senza offrire corrispondenti vantaggi. La gerarchia ha inoltre un costo considerevole: assorbe un consistente numero di risorse qualificate (quelle destinate ai ruoli di capi intermedi ), sottraendole ai compiti operativi, moltiplica le attese, allunga i tempi decisionali, allontana la responsabilità di trovare le soluzioni da chi effettivamente detiene le competenze e conosce meglio i processi, aumenta a dismisura il carico cognitivo del vertice della struttura, che, impegnato in una continua supervisione formale dell operato dei livelli inferiori, non può efficacemente concentrarsi sulla funzione di pianificazione strategica. Rischia così, anziché di aumentare, di compromettere irrimediabilmente, oltre che la tempestività, anche la qualità stessa delle decisioni. L organizzazione per processi è pertanto, innanzi tutto una lean organization, un organizzazione piatta.

78 Principio di autonomia Per fare in modo che sia l'operatore a rispondere al problema, è necessario che egli abbia la possibilità di agire, e di assumersi in prima persona la responsabilità della decisione. Uno dei modi migliori per ridurre la complessità è il dare la libertà totale di decisione a unità operative forti, soggette alla verifica ed alla valutazione del vertice nei soli termini della rispondenza dei risultati conseguiti agli obiettivi assegnati in sede di pianificazione strategica. Il potere decisionale deve essere portato al livello più vicino al cittadino-utente e affidato a chi effettivamente conosce e gestisce i processi. Le stesse unità organizzative vanno costruite non in relazione ai compiti (es. archivio, ufficio copia, ecc.), bensì intorno ai processi, la responsabilità della cui gestione deve essere attribuita in modo integrale, diretto e trasparente ad un unico process owner ed alla sua squadra di collaboratori polifunzionali, gli operatori di processo. Nell organizzazione per processi le unità di line sono pertanto costituite da gruppi di processo, ciascuno dei quali ha la responsabilità di uno o più processi, che gestisce dall inizio alla fine.

79 Principio di flessibilità Coinvolge simultaneamente più aspetti: a)flessibilità strategica, intesa come capacità di adattamento delle strategie dell organizzazione al sistema di opportunità e di vincoli presenti nell ambiente in cui opera; la stessa norma giuridica non deve più essere considerata l unico presupposto e l unica motivazione delle iniziative dell amministrazione, bensì come un vincolo e insieme come una risorsa di cui tenere conto nel costruire un percorso verso il risultato che meglio soddisfi in concreto le esigenze della società civile; dall altro, fattore critico di successo è senz altro la capacità di cogliere le opportunità ed i contributi che l ambiente sociale di volta in volta può offrire, anche in termini di progettualità (project financing, volontariato, terzo settore, ecc.);

80 Principio di flessibilità Coinvolge simultaneamente più aspetti: b) flessibilità strutturale, intesa come sviluppo di caratteristiche organizzative tali da non richiedere continui processi di ristrutturazione al variare delle condizioni ambientali; nell organizzazione per processi il cambiamento organizzativo non è un evento eccezionale e delimitato nel tempo, ma un flusso adattativo ininterrotto, che si attua, con tempi e modalità diverse, attraverso gli strumenti del kaizen o miglioramento continuo, del business process reeningering (B.P.R.) o reingegnerizzazione dei processi e del management by objectives (M.B.O.) o direzione per obiettivi;

81 Principio di flessibilità Coinvolge simultaneamente più aspetti: c) flessibilità operativa e gestionale, intesa come capacità di dare, attraverso i processi operativi, risposte appropriate, tempestive e specifiche ai bisogni della società civile; il porsi all ascolto di realtà pubbliche e private, oltre che di cittadini, associazioni, imprese, ed altri soggetti portatori di interessi socialmente rilevanti ed il saperli coinvolgere in strategie dirette al raggiungimento di obiettivi comuni è un fattore critico di successo: i gruppi di processo devono quindi essere anche gruppi di rete, capaci di attivare la cooperazione di segmenti qualificati dell ambiente esterno.

82 Principio della direzione attraverso la cultura Un'organizzazione fondata sull'autonomia delle persone e dei gruppi di processo non può essere governata da norme procedurali e ordini gerarchici, che di per sé tendono a diminuire l efficacia, l efficienza e la capacità di risposta: quelle convergenze e quel coordinamento indispensabili ad una cooperazione efficace devono essere invece assicurati da una cultura organizzativa forte, diffusa e condivisa. Per questo motivo nell organizzazione per processi grande rilievo assume la funzione di formazione e sviluppo delle risorse umane, che costituisce uno strumento, oltre che di ampliamento delle conoscenze e delle competenze individuali e di team, anche di orientamento culturale e socializzazione di assetti valoriali coerenti con la mission, e funzionali agli obiettivi ed alle strategie dell organizzazione.

83 Analisi e progettazione dei flussi (procedure) Cosa si fa? Perché si fa quel lavoro? Dove viene eseguito? Quando viene eseguito? Chi esegue il lavoro? Come viene eseguito il lavoro?

84 Analisi e progettazione dei flussi (procedure) Come si interviene? Cosa si fa? La eliminazione, se il movimento o l operazione non sono necessari, in base al principio di eliminare ogni lavoro che non risulti strettamente necessario; La combinazione, se è possibile combinare più operazioni in modo da ridurre i movimenti; La modifica della sequenza, se è possibile ridurre il lavoro modificando la sequenza delle operazioni;

85 Analisi e progettazione dei flussi (procedure) Come si interviene? Cosa si fa? La semplificazione, se è possibile semplificare l operazione modificando moduli, stampati, procedura e posizione degli operatori; Il miglioramento tecnico, se si ravvisa la convenienza ad utilizzare macchine (calcolatrici, fatturatrici, fotocopiatrici, ecc.) in luogo di lavoro svolto direttamente dall uomo

86 Analisi e progettazione dei flussi (procedure)

87 Analisi e progettazione dei flussi (procedure)

88 Analisi e progettazione dei flussi (procedure)

89 Analisi e progettazione dei flussi (procedure)

90 Funzionigramma

91 Funzionigramma

92 Programma reticolare (PERT)

93 Programma reticolare (PERT)

94 Programma reticolare (PERT)

95 Diagrammi di flusso (flow chart)

96 Diagrammi di flusso (flow chart)

97 Diagrammi di flusso (flow chart)

98 Diagrammi di flusso (flow chart)

99 Tavola di decisione

100 Tavola di decisione

101 Tavola di decisione (completa)

102 Tavola di decisione (completa)

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio Dove nasce il problema della progettazione organizzativa Man mano che le organizzazioni crescono (p.e. numero

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI

DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Nucleo di Valutazione Comune di Siena DIRIGENTI SISTEMA DI PESATURA DELLE POSIZIONI E DI VALUTAZIONE DEI RISULTATI Proposta del Nucleo di Valutazione 1 INDICE 1. I SOGGETTI DELLA VALUTAZIONE...3 2. LA

Dettagli

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx

La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo. Professor Federica Bandini. Copyright SDA Bocconi, protocollo xxxx La gestione del personale nelle Aziende Cooperative e Non Profit 2013-Cariplo Professor Federica Bandini TRACCIA RILEVANZA DELLE RISORSE UMANE NELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLE IMPRESE COOPERATIVE E

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA

Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA Capitolo 3 ELEMENTI FONDAMENTALI DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA Struttura organizzativa Le tre componenti chiave della struttura organizzativa sono: i rapporti di dipendenza formale, compresi il numero

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE. Strumento di marketing: conoscere il livello di soddisfazione del cliente e il modo in cui si forma il suo giudizio analisi

Dettagli

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE

PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Nicola NANTE PROGETTAZIONE ED EVOLUZIONE DELL ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Nicola NANTE Giuseppe SPATARO CONFIGURAZIONE ORGANIZZATIVA ORGANIZZAZIONE PARAMETRI DELL ORGANIZZAZIONE FATTORI DI CONTINGENZA PROGETTAZIONE DELLA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

Indice. pagina 2 di 10

Indice. pagina 2 di 10 LEZIONE PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA---------------------------------------------------------------------------------------- 3 LA STRUTTURA

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile ovvero come qualche strumento tecnico può aiutare la gestione, ma solo se restiamo umani Traccia del contributo progetto e lavoro per progetti progetto e servizio

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di

Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di 1 Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di progettazione organizzativa, cioè la scelta dell abito

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management

La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management Percorso formativo La metodologia delle Costellazioni Sistemiche nel coaching, nella consulenza aziendale e nel management edizione 2014-1 Percorso formativo Strutture del Successo La metodologia delle

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE I PROCESSI AZIENDALI E PROGETTI UDA 2 ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE DEI

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DELLA DISTRIBUZIONE PRIMARIA SIMCO SRL Via Durando 38-20158 Milano tel. 02 39325605 -fax 02 39325600 E-mail: simco@simcoconsulting.

OTTIMIZZAZIONE DELLA DISTRIBUZIONE PRIMARIA SIMCO SRL Via Durando 38-20158 Milano tel. 02 39325605 -fax 02 39325600 E-mail: simco@simcoconsulting. IL CLIENTE CO.SI.FAR., Cooperativa Siciliana Farmacisti, è stata costituita nel 1990 da alcuni Farmacisti della Provincia di Agrigento e di Trapani con obiettivi di approvvigionamento e distribuzione nell'interesse

Dettagli

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Executive Summary Il settore delle utilities è fra quelli che avranno una maggiore crescita nei valori economici e nell occupazione.

Dettagli

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE 1 Un organizzazione è l insieme di attività che hanno bisogno di essere gestite in modo coordinato per essere finalizzate e dirette in funzione del perseguimento dei

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Psicologia delle organizzazioni

Psicologia delle organizzazioni Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia delle organizzazioni LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 1 La struttura Struttura come configurazione formale dell organizzazione

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI

LA GESTIONE DEI PROGETTI Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management

Dettagli

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo

6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo 6. Il nuovo contratto del personale tecnicoamministrativo L innovazione principale contenuta nel Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) del personale tecnico-amministrativo sottoscritto il 9 agosto

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione

Lezione 6. La microstruttura organizzativa. Il job design e la motivazione Lezione 6 La microstruttura organizzativa Il job design e la motivazione 1 Un modello di progettazione organizzativa d impresa Ambiente Cultura Obiettivi e strategia Macro Struttura 1. Formalizzazione

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi

Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie per la produzione manifatturiera e per i servizi 2 Processo di trasformazione di base per un azienda manifatturiera Organizzazione Risorse umane Contabilità R&S Marketing

Dettagli

IL MANAGER DIDATTICO:

IL MANAGER DIDATTICO: IL MANAGER DIDATTICO: RUOLO, FUNZIONI, COMPETENZE DI ANNA COMACCHIO * * Professore associato in Organizzazione Aziendale Università Cà Foscari di Venezia Anna Comacchio 50 ,, F RR UU OO LL L II, I FF UU

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Si sente spesso parlare di Performance per identificare

Si sente spesso parlare di Performance per identificare Il Performance Management a supporto del miglioramento organizzativo di Roberto Bugatti e Marco Tottoli 1 Si sente spesso parlare di Performance per identificare concetti simili ma di fatto diversi tra

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili 1. Le caratteristiche organizzative e gestionali delle imprese industriali 1) Definizione e classificazione delle imprese

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Associazione Intercomunale Sile SISTEMA DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Associazione Intercomunale Sile SISTEMA DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Associazione Intercomunale Sile SISTEMA DI MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Disciplina della misurazione e valutazione performance Art. 1 Principi Generali La misurazione e la

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Ambiti Contestuale, Tecnico e Comportamentale

Ambiti Contestuale, Tecnico e Comportamentale Ambiti Contestuale, Tecnico e Comportamentale 1 Premessa Il Project Management da alcuni anni rappresenta uno dei temi all attenzione e in significativa espansione all interno delle organizzazioni complesse

Dettagli

MASTER OPEN SOURCE. Maria Silvia Fiorelli. Università di Pisa Facoltà di Economia Dipartimento di Economia Aziendale E.Giannessi

MASTER OPEN SOURCE. Maria Silvia Fiorelli. Università di Pisa Facoltà di Economia Dipartimento di Economia Aziendale E.Giannessi MASTER OPEN SOURCE Maria Silvia Fiorelli Università di Pisa Facoltà di Economia Dipartimento di Economia Aziendale E.Giannessi APPROCCIO ECONOMICO-AZIENDALE VISIBILITA DEI PROBLEMI AZIENDALI PROBLEMI DI

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di G.C. n. 27 del 12/04/2011 INDICE FINALITA... 1 MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL SEGRETARIO

Dettagli

L'organizzazione innovativa. Tiziano Villa, PMP CMC

L'organizzazione innovativa. Tiziano Villa, PMP CMC Titolo Autore L'organizzazione innovativa Tiziano Villa, PMP CMC Edizione Luglio 2011 Fonte Libro: Tiziano Villa - "Management by Projects" - Ipsoa, 2008 Diritti PMLAB 2009-2011 Materiale di proprietà

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

L approccio per processi è uno dei principi fondamentali per la gestione della qualità.

L approccio per processi è uno dei principi fondamentali per la gestione della qualità. Esempio 3: approfondimento gestione per processi Nell ambito di un organizzazione, l adozione di un sistema di processi, unitamente alla loro identificazione, interazione e gestione, è chiamata approccio

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

Città di SalsomaggioreTerme Ufficio Relazioni con il Pubblico - Anagrafe. Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Città di SalsomaggioreTerme Ufficio Relazioni con il Pubblico - Anagrafe. Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Città di SalsomaggioreTerme Ufficio Relazioni con il Pubblico - Anagrafe Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - - 2 -

Dettagli

Team e lavoro di gruppo

Team e lavoro di gruppo Team e lavoro di gruppo Team di lavoro Team Numero ridotto di persone aventi capacità complementari che si ritengono reciprocamente responsabili per scopo, obiettivi e approccio comuni. L evoluzione di

Dettagli

Le risorse che definiamo Talenti si comportano realmente

Le risorse che definiamo Talenti si comportano realmente xxxxxxx organizational network analysis Migliorare le performance organizzative aziendali attraverso l utilizzo dell Organizational Network Analysis (ONA) di Roberto Bugatti*, Lucio Gatti** Verso la social

Dettagli

Comunicare, condividere e cooperare attraverso tecnologie digitali

Comunicare, condividere e cooperare attraverso tecnologie digitali Comunicare, condividere e cooperare attraverso tecnologie digitali Via Asiago, 33/1 36030 Sarcedo (Vi) tel 0445 381199 fax 0445 381199 Chi siamo Globalcomm spa fa parte del gruppo aziendale di ATP Telecomunicazioni:

Dettagli

ADHOCRAZIA. Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia.

ADHOCRAZIA. Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia. http://www.sinedi.com ARTICOLO 24 GIUGNO 2008 ADHOCRAZIA LE ORIGINI DEL NEOLOGISMO Il termine adhocrazia è un neologismo che deriva dall unione dell avverbio latino ad hoc e del suffisso greco crazia.

Dettagli

Dai sistemi documentari al knowledge management: un'opportunità per la pubblica amministrazione

Dai sistemi documentari al knowledge management: un'opportunità per la pubblica amministrazione Dai sistemi documentari al knowledge management: un'opportunità per la pubblica amministrazione Reingegnerizzazione dei sistemi documentari e knowledge management Paola Montironi Quadro di riferimento

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Il sistema di valutazione delle prestazioni

Il sistema di valutazione delle prestazioni Il sistema di valutazione delle prestazioni MANUALE aggiornato a gennaio 2015 a cura del servizio Organizzazione e sviluppo INDICE 1. Introduzione: il processo di valutazione 2. Pianificazione degli obiettivi

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE E MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIRIGENZIALE ATTUALMENTE IN USO

SISTEMA DI VALUTAZIONE E MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIRIGENZIALE ATTUALMENTE IN USO SISTEMA DI VALUTAZIONE E MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIRIGENZIALE ATTUALMENTE IN USO 1 INDICE INDICE... 2 1. PREMESSA... 3 2. CENNI SUI SISTEMI

Dettagli

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Controllo Interno Aree Territoriali RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il modello organizzativo : logiche e obiettivi Il perimetro organizzativo/geografico Controllo Interno: Aree Territoriali

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE

Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE Decreto n. 234.13 Prot. 5276 IL RETTORE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto l art.11, comma 2, del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150 Attuazione della legge 4 marzo 2009, n.

Dettagli

MODELLO PER LO SVILUPPO DEL PRODOTTO

MODELLO PER LO SVILUPPO DEL PRODOTTO MODELLO PER LO SVILUPPO DEL PRODOTTO 34 Funzioni aziendali coinvolte nello sviluppo prodotto LE PRINCIPALI FUNZIONI AZIENDALI PROTAGONISTE NELLO SVIPUPPO PRODOTTI SONO: Progettazione e sviluppo prodotto

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno

Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali. Il sistema di controllo interno Il sistema di gestione dei dati e dei processi aziendali Il sistema di controllo interno Argomenti della lezione 1 - Controllo Interno: definizione e componenti 2 - Ambiente di controllo 3 - Valutazione

Dettagli

Il Project Cycle Management.

Il Project Cycle Management. Il Project Cycle Management. Corso in TECNICHE DI PROGETTAZIONE: Fund Raising per l Università A CURA DELL ASSOCIAZIONE PRONEXUS Reggio Calabria 13 Luglio 2006 DEFINIZIONE di PROGETTO Il progetto è un

Dettagli

Project management. La gestione di progetti e programmi complessi. Russell D. Archibald

Project management. La gestione di progetti e programmi complessi. Russell D. Archibald M A N A G E M E N T Project La gestione di progetti e programmi complessi Russell D. Archibald FRANCOANGELI Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione gratuita di sole 20 pagine ed è leggibile

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Innovazione dei processi (organizzativi) per il miglioramento della performance d'ateneo

Innovazione dei processi (organizzativi) per il miglioramento della performance d'ateneo Innovazione dei processi (organizzativi) per il miglioramento della performance d'ateneo Università Ca Foscari, 23 settembre 2009 1 Il significato di Un è un insieme organizzato di decisioni e azioni fra

Dettagli

Dirigenza scolastica e leadership

Dirigenza scolastica e leadership Dirigenza scolastica e leadership Modelli e stili Da direttivo a dirigente Nell ultimo decennio sono intervenute molte innovazioni: Autonomia funzionale riconosciuta alle scuole Modifiche sostanziali nella

Dettagli

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Gli speciali di Qualità - Qualità Informatica suppl. n.1 al n.3 di QUALITÀ, Maggio/Giugno 1998) 1. L organizzazione: dalle funzioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

NUOVI APPROCCI PROFESSIONALI E INTEGRAZIONE (in relazione ai temi della Gestione della Fragilità e del Sostegno alla famiglia) Lucio Belloi

NUOVI APPROCCI PROFESSIONALI E INTEGRAZIONE (in relazione ai temi della Gestione della Fragilità e del Sostegno alla famiglia) Lucio Belloi NUOVI APPROCCI PROFESSIONALI E INTEGRAZIONE (in relazione ai temi della Gestione della Fragilità e del Sostegno alla famiglia) Lucio Belloi PUNTO DI PARTENZA: UN CAMBIAMENTO DI APPROCCIO PROFESSIONALE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Sistema di valutazione delle prestazioni del personale MANUALE OPERATIVO Allegato al Decreto ministeriale del 28 aprile 2015 Indice Ministero della Salute 1 Finalità del sistema e ambiti di misurazione

Dettagli