PAOLO DA COL Referente Nazionale home care CARD

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAOLO DA COL Referente Nazionale home care CARD"

Transcript

1 PAOLO DA COL Referente Nazionale home care CARD Possibili punti di incontro tra ITALIA LONGEVA E CARD. Come la tecnoassistenza può arricchire e non impoverire le relazioni tra operatori dei distretti e persone longeve.

2 Longevità.

3 POPOLAZIONE >80enne EU 27

4 Oldest Old Support Ratio: popolazione 50-74enne che può assistere la popolazione degli ultra85enni CHI ASSISTERA QUESTO ENORME NUMERO DI GRANDI ANZIANI?

5 MI CHIAMO ANNA Ho 89 anni; sono vedova; soffro di cuore, pressione alta e artrosi; tre ricoveri in ospedale in 1 anno; prendo 8 medicine/die; ho pensione di 700 euro/mese; vivo in città in periferia, in piccolo app. di proprietà al 3 piano di casa senza ascensore; mio figlio (68 a) viene da me 1 volta /settimana; mia sorella di 82 anni è in casa di riposo. Ho bisogno di aiuto per lavarmi, mangiare, cucinare, pulire. Cado spesso, anche per andare in bagno. Mi hanno detto che non ho scampo : la casa di riposo! MA IERI.. T.a.

6 IL PROGRAMMA PER ANNA OGGI, PROBABILMENTE (forse) DOMANI, CON T.A. Monitoraggio PA peso sat O 2 glicemia Monitoraggio assunzione farmaci Intensificazione contatto con i figli Aggiornamento cartella personale con dati sanitari e sociali Programma prevenzione decadimento cognitivo Programma prevenzione cadute e allarme in caso di Inserimento nella rete di volontari Controllo situazione ambientale Visite a casa di infermieri e medici almeno 1-2 x / settimana Telefonate ad hoc da centrale teleassistenza Richiesta dal personale di assistenza ai figli Separatezza della documentazione sanitaria e sociale Non eseguito Sec. organizzazione locale Sec. organizzazione locale Probabilmente assente Automisurazioni ogni giorno (empowerment); dati visibili in remoto Reminder automatico pre-assunzione; registrazione di avvenuta assunzione Uso della teleconferenza/videotelefonata Fascicolo personale alimentato e consultato in web da tutti gli attori di cura accreditati Esercizi e giochi resi possibili quale opzione della piattaforma informatica Esercizi fisici guidati devices specializzati fall detector indossati Possono fornire e condividere info on line; usare i dispositivi di misurazione Monitoraggio costante di temp. e umidità, movimento, fughe di gas, allagamenti, chiusura porte e finestre, etc.

7 IL SISTEMA DELLE RELAZIONI OGGI, PROBABILMENTE (forse) DOMANI, CON T.A. INFERMIERE - PAZIENTE PAZIENTE - INFERMIERE Telefono e videotelefonata Aggiornamento cartella personale con dati sanitari e sociali MMG- PAZIENTE eventuali medici specialisti Contact center CARE GIVERS INFORMALI («badanti») Valutazioni esiti in back-stage distretto Prestazionale? Relazionale quanto, dato il tempo ristretto? Non ottimale self care ed educazione/istruzione Dal paziente all infermiere In paziente non sa e non vede nulla o quasi nulla Oggi improntata ad ADI e ADP Rara la presenza degli specialisti, privi spesso di info. Cliniche aggiornate Oggi funzionante ma con operatività limitata Molto diffusa, poco promossa la qualità delle competenze Probabilmente assente Più tempo e più volte per ascoltare, andando solo quando serve davvero Empowerment più possibile e più forte, grazie ai continui rinforzi Uso della teleconferenza/videotelefonata dal paziente all infermiere Fascicolo personale alimentato e consultato in web dal paziente, dai care givers e da tutti gli attori di cura accreditati Grazie a cartella elettronica, telemonitoraggio, videotelefonata aumenta la possibilità di contatto, anche indiretto, efficace. Lo specialista è più coinvolgibile. La cartella è visibile dal contact center e consente contatti programmati personalizzati Possono fornire e condividere info on line, porre quesiti, essere istruite, aggiornate via web (alternative di appropriatezza) Grazie a cartella elettr. e input dati costante, possibile valutazione risorse impiegate e esiti osservati consuntivi su persona e gruppi

8 TECNOASSISTENZA 1. PERSONA person centred care 2. CASA home care 3. TECNOLOGIE ICT strumento non fine 4. IL DISTRETTO «REGISTA» DEL CAMBIAMENTO

9 TECNOLOGIE PER L AMBIENT ASSISTED LIVING Sensing Reasoning Acting Interacting Communicating

10

11 Sintesi personale delle evidenze in letteratura sull impatto di home care tech. /AAL +++ su qualità di vita, nelle dimensioni psico-affettive e permanenza a casa ++ su empowerment paziente e care givers + su mortalità e + (-) su decorso della malattia + su riduzione ospedalizzazioni, in ordine decrescente per CHF (++), diabete (+), BPCO (+/-) + riduzione istituzionalizzazione + su riduzione accessi impropri a domicilio degli operatori ++ su progresso professionale e su organizzazione dei servizi +(-) su cost/effectiveness, +(+) se nel lungo termine e con alta integrazione tra professionisti e «settori» Valutazioni HTA promettenti ma non definitive (RCT difficili)

12

13

14 Tecnoassistenza Tecnologie per l informazione e la comunicazione (TIC) impiegabili in vari modi nell assistenza domiciliare: Piattaforme informatiche Cartella elettronica personalizzata integrata interprofessionale ed interistituzionale/intersettoriale Altro. ad es. educazione terap., giochi cognitivi, sensori caduta, agendamemo Sensori vitali ed ambientali Dispositivi di comunicazione voce e video Domotica

15 ICT/TIC: I componenti fondamentali sperimentati Mambo 2.5 Videoconferenza In-Touch Portale HIS cartella elettronica personale Dispositivi medici P.A. + freq.card. Movimento Sensori ambientali ed attuatori domotici Climatizzazione Glicemia Sat. O 2 Peso Ecg FEV.. Apertura/chius ura porte Controllo illuminazione

16

17

18 centralina installata in casa che raccoglie in wi-fi i segnali dei sensori glucometro sfigmomanometro bilancia saturimetro ecg

19 Sensore movimento Box TVteleconferenza

20

21

22 videata degli allarmi

23 videata dei grafici dei trend temporali di polso e pressione arteriosa

24 videata dei grafici con i trend temporali della registrazione dei movimenti in casa

25 videata dei grafici con i trend temporali della temperatura e % umidità in casa

26 Video conferenza in TV Conoscendo meglio i profili dei pazienti derivanti dai telemonitoraggi - LA RELAZIONE CON I PAZIENTI SI QUALIFICA - LA RELAZIONE SI FONDA SU ELEMENTI CONOSCITIVI MAGGIORI E MIGLIORI - IL PAZIENTE SI SENTE MEGLIO CONOSCIUTO NELLE COSE CHE CONTANO

27 IL PROGETTO DREAMING acronimo di elderly-friendly Alarm handling and MonitorING

28 PROTOCOLLO SPERIMENTALE CAMPIONE EUROPEO: 350 soggetti di età >65 anni e funzioni cognitive conservate assegnati con metodo random ad un gruppo di controllo (n=175) e ad un gruppo di Telemedicina (n=175) Danimarca (25+25), Estonia (30+30), Germania (30+30), Italia-Trieste (30+30), Spagna (40+40), Svezia (20+20). Caratteristiche - criteri di inclusione: a) Prima scelta: presenza di Diabete, Scomp.Card., BPCO b) Seconda scelta : storia di cadute, IMA, ICTUS, ricoveri H c) Terza scelta: età > 80 anni d) Follow up : 24 mesi

29

30 DISTRETTO N.1

31

32 Il sig. Piero

33 La sig.ra Anna.

34 NEL CAMPIONE DI TRIESTE TOTALE giornate di automonitoraggio: TOTALE MISURAZIONI: di cui 47% pressione arteriosa 33% glicemia 10% peso 9% 1% pulsiossimetria FEV (per BPCO e asma) In media, 1.2 misurazioni domiciliari al giorno/pro capite, che hanno consentito Ai nostri anziani fragili uscite di casa inutili per i controlli Agli operatori accessi domiciliari più appropriati Ai nostri pazienti più complessi il monitoraggio in remoto

35 CONTACT CENTRE 24h/7 di TRIESTE gestisce gli allarmi (tipo 1 e 2) e le cartelle cliniche in rete mantiene i contatti (RELAZIONI) con gli utenti anche attraverso la videoconferenza supporta gli utenti e i case manager promuove l'inserimento sociale controlla l'uso regolare dei dispositivi fornisce un primo livello di Help Desk

36 da luglio 2009 a marzo 2012 Gr. TM Gr. CTRL Diff. EVENTI MAGGIORI A TRIESTE numero di ricoveri numero di giornate di degenza totali durata media delle giornate di degenza numero di accessi al pronto soccorso numero di trasporti in ambulanza numero visite del MMG numero visite dello specialista ,5 11,1 1, numero di accessi domiciliari infermieristici numero di accessi domiciliari degli operatori sociali numero di ricoveri definitivi in casa di riposo numero di cadute a terra numero di fratture ossee post caduta a terra numero di decessi numero di drop out

37 A Trieste, SF-36 & HADS le componenti mentali (MSC) indicano un netto miglioramento nel gruppo di intervento: INDICATORE DI MIGLIORE RELAZIONE? SF-36 Summary le componenti fisiche (PSC) non mostrano differenza Points SF-36 Points SF MCS PCS Control - N=15 Intervention - N=17 Start 12 Months 24 Months Time Start 12 Months 24 Months Depression score HADS subjects with three evaluations Trieste Control Intervention Start 12 Months 24 Months Time in itinere i punteggi si riducono nel gruppo di intervento, per poi stabilizzarsi N=16 N=17

38 COSTI nei centri sperimentali europei TS DK ARAGON BERLIN costo/anno per servizi p.c , , , ,00 risparmio/anno da servizi p.c , , , ,00 risparmio/anno pro capite da servizi 402, ,00 221, ,00 ipotesi n casi su cui ripartire costi generali

39 Domande e Risposte D: Questi dispositivi sono realmente utilizzabili ed accettabili da anziani di questo tipo? R: sì, nella maggior parte dei casi D: Rispetto ad un assistenza usuale, l introduzione di dispositivi tecnologici riesce a. migliorare la qualità delle relazioni tra anziani fragili ed operatori? R: sì, come dimostrato dai risultati dei test migliorare l empowerment dei pazienti? R: sì, lo confermano le automisurazioni, i questionari SF- 36, HADS e di user satisfaction migliorare la qualità di vita di persone anziane e fragili? R: sì, come dimostrato dai risultati del SF-36 ridurre i ricoveri? R: sì, sono stati 66 nel gruppo intervento e 99 in quello di controllo evitare l intervento dei professionisti (ad es. accessi domiciliari impropri)? R: sì, come testimoniato da pazienti ed operatori aumentare il senso sicurezza di operatori ed utenti? R: sì, come dimostrato dai questionari di soddisfazione IN 4 DEI 6 CENTRI IL SISTEMA E ATTIVO

40

41 PERCORSI DI TECNOASSISTENZA A PARTENZA DALL OSPEDALE O DAL TERRITORIO H o PUNTO UNICO apre il file paziente MONITORAGGIO Azioni ogni automisuraz. ed intervento è registrato on line PROATTIVITA MONITORAGGIO REMOTO - ALLARMI Decisioni CLINICHE aggiornate e motivate Distretto aggiorna il file e annota la presa in carico del caso Case manager, curanti, utente e care giver consultano EPR Rivalutazione periodica del caso, delle risorse impiegate Valutazione m.d. / m.p. Programma personalizzato congiunto a brevemedio termine Valutazione degli esiti risultati osservati vs attesi, consapevolezza dei costi

42 Un DRG medico vale ca Superiore al costo di un ampio set devices e prodotti di TIC Equivale al costo di ca 25 ore di assistenza infermieristica domiciliare + 10 accessi MMG Ridurre signif. il n ricoveri e gg degenza Permette oggi di ridurre p.l. degli attuali reparti H Permette di riprogrammare le dimensioni dei futuri H Ridurre il n ricoveri evitabili in H Equivale ad aumentare la qualità di vita dei pazienti con malattie croniche Porta benefici anche ai care givers

43 Sanità Sociale Informale qualità di vita A CASA ASSISTENZA E CURA INTEGRATA A CASA I L D I S T R E T T O S I A T T I V A Etica economia

44 CONCLUSIONI Le tecnologie arricchiscono e non sostituiscono i sistemi di relazione interpersonale; consentono valorizzazione della persona assistita e dei professionisti, qualificazione dei servizi Oggi la ICT IN AMBIENT ASSISTED LIVING rende possibile far rimanere DI PIU a casa in PIU sicurezza e buona qualità di vita La ICT favorisce la comunicazione, l interrelazione, l INTEGRAZIONE (intrasanitaria ed intersettoriale) grazie alla circolazione-condivisione delle informazioni e dei dati tra attori delle cure formali ed informali Il ritorno degli investimenti (ROI) avviene entro 3-5 anni Serve una struttura di regia (IL DISTRETTO) per coordinare soggetti specializzati nell innovazione (ITALIA LONGEVA) ed altri attori del cambiamento Occorre che la tecnoassistenza sia convintamente appoggiata dalle rappresentanze dei cittadini

45

25.ooo. 65.ooo 1 : 3 1 : 6. 20.ooo. vivono da soli. Provincia di Trieste 214.000 abitanti. over 65. over 80. over 65. over 75.

25.ooo. 65.ooo 1 : 3 1 : 6. 20.ooo. vivono da soli. Provincia di Trieste 214.000 abitanti. over 65. over 80. over 65. over 75. L auto- telemonitoraggio di alcune patologie long-term in un campione di anziani. Esperienze del Progetto Dreaming - studio multicentrico randomizzato europeo di ehealth ed einclusion. Darinka Daneu, Paolo

Dettagli

L empowerment nei soggetti anziani fragili seguiti con il telemonitoraggio domiciliare del Progetto DREAMING

L empowerment nei soggetti anziani fragili seguiti con il telemonitoraggio domiciliare del Progetto DREAMING L empowerment nei soggetti anziani fragili seguiti con il telemonitoraggio domiciliare del Progetto DREAMING XV CONFERENZA NAZIONALE RETE Trieste, 8 novembre 2012 65.ooo over 65 10.000 persone disabili

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

Dott.ssa Iolanda Coletta

Dott.ssa Iolanda Coletta La Telemedicina: Esperienza nella ASL Roma B Dott.ssa Iolanda Coletta ASL RMB: UOC DIETOLOGIA, DIABETOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA Responsabile Dott. Sergio Leotta Le Linee

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Modello organizzativo gestionale delle UCCP Tra tradizione e innovazione La Telemedicina nelle UCCP Da decreto e legge Balduzzi

Dettagli

Il modello di servizio @ccura

Il modello di servizio @ccura Il modello di servizio @ccura la cura con una @ in più Elisa Mattavelli Luca M. Munari @ccura Srl Chi è @ccura? @ccura è una disease management company costituita allo scopo di progettare, sviluppare e

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

Il recupero funzionale del cardiopatico

Il recupero funzionale del cardiopatico XVIII CONVEGNO NAZIONALE GERIATRICO Dottore Angelico 11-12-13 giugno 2015 - Cassino Il recupero funzionale del cardiopatico Matteo Grezzana Marina Lugarà Elisa Maya Boldo UOC Geriatria Attuale mission

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012

Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa. Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Percorso di cura Scompenso cardiaco & Medicina di iniziativa Dott. Lino Gambarelli MMG Scandiano Bologna 21 /06/2012 Distretto di Scandiano 53 MMG (60% in Gruppo) Popolazione 80.000 Ab. 4 Nuclei di Cure

Dettagli

LA SFIDA DI FILO DIRETTO. G. Ventura

LA SFIDA DI FILO DIRETTO. G. Ventura LA SFIDA DI FILO DIRETTO Lo scenario attuale Assicurazioni Pubblico Contributo finanziario Erogazione Servizi Carenza/Assenza erogazione di Servizi Crescente carenza risorse finanziarie Il modello: as

Dettagli

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più Medicina d iniziativa rivolta al paziente cronico: una piattaforma integrata per il telemonitoraggio domiciliare a supporto del Medico di Medicina Generale in Lombardia con i servizi di Telbios e la tecnologia

Dettagli

"L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario".

L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario. Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. "L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio

Dettagli

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR

Le reti. qualità e dell efficienza dell assistenza. Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR Le reti per il miglioramento della qualità e dell efficienza dell assistenza Angelo Rossi Mori Gregorio Mercurio Istituto Tecnologie Biomediche - CNR il sistema sanitario non è un sistema non è un sistema

Dettagli

Gli attori coinvolti. Partner del Progetto: 2 2014 StageUp S.r.l.

Gli attori coinvolti. Partner del Progetto: 2 2014 StageUp S.r.l. Gli attori coinvolti Partner del Progetto: Con la collaborazione di: 2 L evoluzione della aspettativa di vita Fonte: United Nation 3 L aumento della popolazione anziana Paesi con più di 10 milioni di abitanti

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Prospettive d innovazione nelle pratiche di cura e assistenza integrata

Prospettive d innovazione nelle pratiche di cura e assistenza integrata Prospettive d innovazione nelle pratiche di cura e assistenza integrata Paolo Da Col CARD Italia - Area Cure Domiciliari pg.dacol@gmail.com .nelle pratiche di cura e assistenza integrata C era una volta.

Dettagli

uso significativo del FSE:

uso significativo del FSE: AGENAS POAT Salute Regione Calabria - Linea LV1 uso significativo del FSE: continuità dell assistenza per malati cronici Angelo Rossi Mori Unità Sanità Elettronica, Istituto Tecnologie Biomediche, CNR

Dettagli

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP)

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP) Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute

Dettagli

Scenario di Riferimento ICT AREZZO

Scenario di Riferimento ICT AREZZO Scenario di Riferimento Il SST sta spostando l'attenzione sul Territorio quale punto di contatto e cura del cittadino/assistito, con l'obiettivo di prevenire e possibilmente evitare l'ospedalizzazione

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La rete e-care a supporto del paziente fragile

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La rete e-care a supporto del paziente fragile Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La rete e-care a supporto del paziente fragile Carla Fiori Direttore Settore Reti e-care CUP 2000 SpA - Bologna Roma, 24 giugno 2010 Palazzo

Dettagli

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola

La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola La presa in carico del paziente affetto da scompenso cardiaco a domicilio: esperienza del Piemonte Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano (CN) Gheorgiade Heart

Dettagli

Regione Veneto AULSS 12 Veneziana Centrale Operativa Territoriale

Regione Veneto AULSS 12 Veneziana Centrale Operativa Territoriale Regione Veneto AULSS 12 Veneziana Centrale Operativa Territoriale Project manager Luigino Schiavon il bisogno non governato genera incertezza, l incertezza genera Care givers reparti volontariato parenti

Dettagli

Prospettive dell assistenza infermieristica a domicilio. Arezzo, Ordine dei Medici, 21Novembre 2009

Prospettive dell assistenza infermieristica a domicilio. Arezzo, Ordine dei Medici, 21Novembre 2009 Prospettive dell assistenza infermieristica a domicilio Arezzo, Ordine dei Medici, 21Novembre 2009 Secondo me la missione delle cure infermieristiche in definitiva è quella di curare il malato a casa sua.

Dettagli

Costo efficacia dei Picc nel paziente a domicilio: strategie organizzative e appropriatezza di indicazioni

Costo efficacia dei Picc nel paziente a domicilio: strategie organizzative e appropriatezza di indicazioni Costo efficacia dei Picc nel paziente a domicilio: strategie organizzative e appropriatezza di indicazioni PICC DAY GENOVA, 05/12/2014 l Giovanna Lombardo Le cure domiciliari: DEFINIZIONE LE CURE DOMICILIARI

Dettagli

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO

INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO INRCA ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DIREZIONE SCIENTIFICA EVENTO FORMATIVO Le visite infermieristiche domiciliari preventive per il paziente affetto da malattia di Alzheimer e del

Dettagli

Le azionidi sviluppoe miglioramentodellecure: le proposte dei professionisti

Le azionidi sviluppoe miglioramentodellecure: le proposte dei professionisti 14 dicembre 015 Le azionidi sviluppoe miglioramentodellecure: le proposte dei professionisti Dr. Enrico Desideri Commissario Aziende Usl7, Usl8, Usl9 1 Prioritàstrategicada affrontareconunmodelloorganizzativoorizzontale,

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

Innovazione Digitale in Sanità

Innovazione Digitale in Sanità OSSERVATORIO POLITECNICO Innovazione Digitale in Sanità SURVEY 15 in collaborazione con FIMMG Aprile 15 Il profilo degli intervistati 2 Il profilo dei Medici di Medicina Generale AREA GEOGRAFICA Nord Ovest

Dettagli

Home Care, e-health Quali soluzioni tecnologiche?

Home Care, e-health Quali soluzioni tecnologiche? Home Care, e-health Quali soluzioni tecnologiche? Laura Raffaeli Dipartimento di Ingegneria dell Informazione 21 Gennaio 2015 - Università Politecnica delle Marche Home Care Negli ultimi decenni l invecchiamento

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

Percorso della gestione integrata della persona con diabete. Esigenze ed impegno del Medico di Medicina Generale P. Brasesco

Percorso della gestione integrata della persona con diabete. Esigenze ed impegno del Medico di Medicina Generale P. Brasesco Percorso della gestione integrata della persona con diabete di tipo 2 in Liguria Esigenze ed impegno del Medico di Medicina Generale P. Brasesco GLI STRUMENTI PER GESTIRE IL PAZIENTE CRONICO: ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro

ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro ADI : il punto di vista del MMG tra presente e futuro Davide Lauri, MMG Scuola di Formazione e Ricerca in Medicina di Famiglia Presidente Coop Medici Milano Citta H. Niguarda, Milano 23 Gennaio 2012 ADI

Dettagli

LA TELEMEDICINA RIDUCE IL RICORSO AI SERVIZI SANITARI ED I COSTI E MIGLIORA L OUTCOME: L ESPERIENZA DELL'AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA ADDOLORATA DI ROMA Giorgio Scaffidi 1, Michelangelo

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011

GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 GIORNATE MEDICHE FIORENTINE 2011 Firenze 2-3 Dicembre 2011 La Medicina di iniziativa L esperienza fiorentina Alessandro Del Re CHRONIC CARE MODEL SANITA D INIZIATIVA Dalla medicina di attesa Alla sanità

Dettagli

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE

S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE S.S. RETE LOCALE DI CURE PALLIATIVE CURE DOMICILIARI HOSPICE I quadri sono stati eseguiti e donati all Hospice dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari CURE PALLIATIVE

Dettagli

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale -Territorio in Pronto Soccorso Obiettivo

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

Sm@rtADI Assistenza domiciliare

Sm@rtADI Assistenza domiciliare Data Sheet Sm@rtADI Assistenza domiciliare I recenti progressi della medicina hanno reso possibile la deospedalizzazione di un gran numero di patologie. Oggi l assistenza domiciliare è un esigenza molto

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma

Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE. Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Importanza dei fattori non-tecnologici per la diffusione del FSE Angelo Rossi Mori Istituto Tecnologie Biomediche, CNR, Roma Mattone Patient File 19 giugno 2007 Principi generali sul Fascicolo Sanitario

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

I sistemi informativi a supporto dei modelli d integrazione sanitaria e sociosanitaria Progetto Long-Term Care.net

I sistemi informativi a supporto dei modelli d integrazione sanitaria e sociosanitaria Progetto Long-Term Care.net Nuove opportunità di integrazione in campo sanitario nella riorganizzazione delle cure territoriali Seminario di approfondimento e progettazione Milano: 7-febbraio-2013 I sistemi informativi a supporto

Dettagli

Il servizio di Cure Palliative

Il servizio di Cure Palliative TAVOLA ROTONDA: LA RETE DEI SERVIZI Il servizio di Cure Palliative Alessandro.Fedrizzi@apss.tn.it Servizio cure palliative UOAP Distretto della Vallagarina (Trento) 1 LE CURE PALLIATIVE SONO. 2 Le CP sono

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI MILANO, 2 MARZO 2015 DOTT. LUCIANO FLOR DIRETTORE GENERALE AZIENDA SANITARIA TRENTO Provincia Autonoma di Trento Superficie Kmq 6.200 eurochirurgia e troke

Dettagli

VIVISOL. Carta dei Servizi 2011 rev. 6 del 09.02.2012 MKD-ADIvoucher pag. 1 di 12

VIVISOL. Carta dei Servizi 2011 rev. 6 del 09.02.2012 MKD-ADIvoucher pag. 1 di 12 Struttura accreditata con l ASL di MILANO, MILANO 1, MILANO 2, MONZA e BRIANZA, PAVIA e BRESCIA per offrire il servizio di Assistenza Domiciliare Integrata tramite Voucher socio - sanitario Carta dei Servizi

Dettagli

AGENZIA REGIONALE SANITARIA DELLA CAMPANIA - ARSan Direttore Generale Prof. Tonino Pedicini

AGENZIA REGIONALE SANITARIA DELLA CAMPANIA - ARSan Direttore Generale Prof. Tonino Pedicini AGENZIA REGIONALE SANITARIA DELLA CAMPANIA - ARSan Direttore Generale Prof. Tonino Pedicini Assessorato Sanità Regione Campania Stato vegetativo e Stato di minima coscienza Fase post ospedaliera Percorsi

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

Le opportunità della telemedicina

Le opportunità della telemedicina 5 Congresso Nazionale F.I.Te.La.B. Le opportunità della telemedicina nell assistenza di base Dr. Salvatore Amato Michele La Versa Telemedicina Per telemedicina intendiamo l'insieme di tecniche mediche

Dettagli

La Pia&aforma PHEBO. Pun2 di forza

La Pia&aforma PHEBO. Pun2 di forza La Pia&aforma PHEBO PHEBO (Pla$orm for Hi- tech / Hi- touch Evalua5on of Biometrics Observa5ons) è un sistema innova5vo di «e- Health Care» a supporto dei servizi di tele monitoraggio sul territorio. Il

Dettagli

E-HEALTH: COS E E QUANTO VALE Report di sintesi per i media

E-HEALTH: COS E E QUANTO VALE Report di sintesi per i media E-HEALTH: COS E E QUANTO VALE Report di sintesi per i media Introduzione Questo documento illustra, in sintesi, i dati principali dello lo studio su grandezza del mercato e trend futuri della salute e

Dettagli

Cure Domiciliari: definizione

Cure Domiciliari: definizione Cure Domiciliari: definizione E un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative, Socio-assistenziali integrate fra loro, erogate al domicilio del paziente. S.S.V.D. Cure Domiciliari Struttura

Dettagli

N II. 4. A di Prot. Servizio Infermieristico N 585 dd. 19 ottobre 05 Reg. Del.

N II. 4. A di Prot. Servizio Infermieristico N 585 dd. 19 ottobre 05 Reg. Del. N II. 4. A di Prot. Servizio Infermieristico N 585 dd. 19 ottobre 05 Reg. Del. Oggetto: costituzione della Commissione per la promozione del nursing abilitante, dell infermiere di famiglia e di comunità,

Dettagli

Organizzare e gestire. servizi di. Telemedicina Web based

Organizzare e gestire. servizi di. Telemedicina Web based Meditel: la mission Organizzare e gestire servizi di Telemedicina Web based Servizi in Telemedicina Applicazioni Cardiologiche Telecardiologia: i servizi Interpretazione remota di ECG 12 derivazioni Interpretazione

Dettagli

Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti

Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti Università Vita e Salute Milano Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti Georgia Casanova Università Vita e Salute San Raffaele, Milano geo.casanova@gmail.com

Dettagli

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio

7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica. Integrazione ospedale-territorio 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence & Governance per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 17 febbraio 2012 Integrazione ospedale-territorio Sperimentazione di una rete di strutture a media

Dettagli

info: tel. 377.70.78.876 www.progettooberon.it

info: tel. 377.70.78.876 www.progettooberon.it REGIONE Ministero dellasalute CALABRIA Obiettivi di carattere prioritario e di rilievo Nazionale del Ministero della Salute anno 2009. Progetto finalizzato presentato dalla Regione Calabria Progetto Oberon

Dettagli

Il procurement di servizi di assistenza innovativi per l anziano potenziati dalle tecnologie digitali

Il procurement di servizi di assistenza innovativi per l anziano potenziati dalle tecnologie digitali STOPandGO Sustainable Technology for Older People Get Organised www.stopandgoproject.eu 1 Il procurement di servizi di assistenza innovativi per l anziano potenziati dalle tecnologie digitali Vincenzo

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA Progetto relativo alla linea del PNP Prevenzione del Rischio Cardiovascolare Referente: Dr. Alberto Deales Obiettivi iniziali del progetto : Il progetto rappresentava uno studio pilota finalizzato a valutare

Dettagli

NODI di una RETE. Sistema organizzativo e gestionale che garantisca ai malati e alle loro famiglie una continuità assistenziale attraverso i

NODI di una RETE. Sistema organizzativo e gestionale che garantisca ai malati e alle loro famiglie una continuità assistenziale attraverso i Sistema organizzativo e gestionale che garantisca ai malati e alle loro famiglie una continuità assistenziale attraverso i NODI di una RETE Codigoro, 13 ottobre 2012 Chiara Benvenuti NODI CURE PALLIATIVE

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Telemedicina: il ruolo dei Medici di Medicina Generale Gianni Commissione Nazionale FIMMG per la Telemedicina LE CURE PRIMARIE Cure Primarie

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA PROGETTO MATTONI SSN OSPEDALI DI RIFERIMENTO

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Granucci Lucia Infermiera di famiglia UO Infermieristica Territoriale Resp. Svaldo sensi UF Cure Primarie Piana

Dettagli

DAY SURGERY collaborazione ospedale-territorio

DAY SURGERY collaborazione ospedale-territorio DAY SURGERY collaborazione ospedale-territorio PROPOSTA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Aurelio Sessa Presidente SIMG Lombardia Piùdi 1/3 dei DRG chirurgici vengono trattati in regime di day surgery Il

Dettagli

SSD RETE LOCALE CURE PALLIATIVE

SSD RETE LOCALE CURE PALLIATIVE SSD RETE LOCALE CURE PALLIATIVE DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE ed ATTIVITA DISTRETTUALI I quadri sono stati eseguiti dagli Allievi della Scuola Media Statale Della Torre - Garibaldi di Chiavari e donati all

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

PROGETTO GESTIONE INTEGRATA DIABETE U.O.DIABETOLOGIA EQUIPE TERRITORIALE MARE ASUR MARCHE ZONA TERRITORIALE n. 4 SENIGALLIA

PROGETTO GESTIONE INTEGRATA DIABETE U.O.DIABETOLOGIA EQUIPE TERRITORIALE MARE ASUR MARCHE ZONA TERRITORIALE n. 4 SENIGALLIA PROGETTO GESTIONE INTEGRATA DIABETE U.O.DIABETOLOGIA EQUIPE TERRITORIALE MARE ASUR MARCHE ZONA TERRITORIALE n. 4 SENIGALLIA Silvana Manfrini U.O. Diabetologia Equipe Territoriale Mare (M.Marchionni, R.Tarsi,

Dettagli

TECNOLOGIE IN CORSIA ESPERIENZE SUL CAMPO. Ing. Elio SOLDANO Direttore U.O.C. Servizio per l Informatica AZIENDA ULSS 9 DI TREVISO

TECNOLOGIE IN CORSIA ESPERIENZE SUL CAMPO. Ing. Elio SOLDANO Direttore U.O.C. Servizio per l Informatica AZIENDA ULSS 9 DI TREVISO TECNOLOGIE IN CORSIA ESPERIENZE SUL CAMPO Ing. Elio SOLDANO Direttore U.O.C. Servizio per l Informatica AZIENDA ULSS 9 DI TREVISO L Azienda ULSS n.9 di Treviso 420.000 assistibili 37 comuni 4 distretti

Dettagli

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 tra gli infermieri dei distretti,tutti i reparti ospedalieri ed il servizio di Pronto Soccorso Rev. 02 1

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti

Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Le cure a casa in uno scenario di sicurezza: dal censimento al libro bianco Il management dei servizi ADI: l esperienza dei Distretti Masselli Mariella - Mete Rosario Roma 7 Luglio 2010 Il ruolo strategico

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Programma Interventi Innovativi

Programma Interventi Innovativi Ambulatorio Infermieristico della Fragilità Saranno disponibili, all interno della UCCP, degli infermieri della Fragilità che opereranno sul territorio (sono gli infermieri già impegnati ad affiancare

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA CONFERENZA EPISCOPALE PIEMONTESE CONSULTA REGIONALE PER LA PASTORALE DELLA SALUTE LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA Torino, 10 dicembre 2012 Giovanni MONCHIERO Il Servizio Sanitario

Dettagli

Internet per la salute, il progetto telemedicina dell Asl VCO

Internet per la salute, il progetto telemedicina dell Asl VCO Roberto Moriondo Internet per la salute, il progetto telemedicina dell Asl VCO Non c è cura senza cuore: tra competenze mediche e tecnologie digitali il sistema sanitario della Regione Piemonte ha improntato

Dettagli

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE ESPANDERE PROGRESSIVAMENTE LE LOGICHE DI INTEGRAZIONE SISTEMICA UTILIZZANDO I PERCORSI ASSISTENZIALI COME METODO PER PROMUOVERE PRASSI INTEGRATA E PER RENDERE

Dettagli

Dal panorama regionale la RETE delle Cure Palliative analisi dei dati di attività e organizzazione. Mauro Manfredini

Dal panorama regionale la RETE delle Cure Palliative analisi dei dati di attività e organizzazione. Mauro Manfredini 1 Dal panorama regionale la RETE delle Cure Palliative analisi dei dati di attività e organizzazione 24 novembre 2010 Mauro Manfredini Punti di forza 2 Grande attenzione alle competenze Dettagliata e ampia

Dettagli

Declinazione della sanità pubblica nelle attività infermieristiche: esperienze a confronto L esperienza di Trieste. Pavia, 12 maggio 2011

Declinazione della sanità pubblica nelle attività infermieristiche: esperienze a confronto L esperienza di Trieste. Pavia, 12 maggio 2011 L INFERMIERE DI COMUNITA : PROSPETTIVE DI SVILUPPO IN LOMBARDIA Declinazione della sanità pubblica nelle attività infermieristiche: esperienze a confronto L esperienza di Trieste Pavia, 12 maggio 2011

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche Ageing at home Esperienze idee soluzioni nella Regione Marche Alcune caratteristiche della Regione La Regione Marche è caratterizzata: da un alto tasso di invecchiamento della popolazione da elevate aspettative

Dettagli