Cremona: le problematiche di fine vita nelle RSA al centro di un convegno BENI E SERVIZI PER RESIDENZE ASSISTENZIALI LUGLIO 2015 ANNO X - N.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cremona: le problematiche di fine vita nelle RSA al centro di un convegno BENI E SERVIZI PER RESIDENZE ASSISTENZIALI LUGLIO 2015 ANNO X - N."

Transcript

1 LUGLIO 2015 ANNO X - N. 42 SESTA STAGIONE BENI E SERVIZI PER RESIDENZE ASSISTENZIALI IN PRIMO PIANO Le RSA cercano assistenza PROTAGONISTI Poste Italiane Spa Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1 DCB Milano Linee guida: difficile seguirle se i Servizi sanitari sono regionali GESTIONE Un nuova soluzione per somministrare i farmaci per via endovenosa PRODOTTI E SERVIZI Infyniti App, un sistema per calcolare preventivamente il costo della pulizia! Cremona: le problematiche di fine vita nelle RSA al centro di un convegno

2 BIOPLAST 100% Biodegradabile e Compostabile QUALITÀ I valori delle bioplastiche Bioplast Le Bioplastiche Bioplast sono lavorabili come un normale PE EFFICIENZA I sacchetti/films realizzati con bioplastiche Bioplast sono meccanicamente resistenti come quelli in PE. Possono essere colorati. OPTIMALS I sacchetti/films plastici/manufatti realizzati con bioplastiche Bioplast da amido di patata (OGM free) sono totalmente compostabili VERSATILITÀ Con le bioplastiche Bioplast si possono produrre ogni tipo di borse, sacchetti, films plastici, piacevoli al tatto e privi di odore GARANZIA Certificazione OK Compost e Compostable in conformità della Norma UNI EN 13432:2002; Il ciclo di sostenibilità delle bioplastiche Bioplast BIOTEC (contatto Italia) Ufficio: Fax: web site:

3 EDITORIALE Cicero pro domo sua Nei giorni scorsi un noto quotidiano ospitava le esternazioni di una benemerita associazione circa il miserevole destino di persone anziane che, prive di ambiente familiare o di cospicue risorse economiche, conducono una malinconica esistenza entro strutture dedicate all ospitalità, all apparenza accoglienti, ma in realtà aride caserme gestite da personale freddo e indifferente. Pertanto la collettività nazionale e le istituzioni preposte, sempre secondo i suggerimenti della benemerita associazione, dovrebbero trovare soluzioni più idonee e più decorose per rendere meno doloroso il fine vita e il distacco terreno. La nota columnist, come d altra parte chiunque altro al suo posto, non può che condividere le emozioni che suscitano tutti i derelitti, migranti compresi. Purtroppo quando si avanzano queste considerazioni, viene da domandarsi sulla base di quali e quanti riscontri negativi si stia parlando. Nel nostro Paese esistono circa 6/7 mila Case di Riposo gestite da fondazioni private o religiose, altre pubbliche collegate fra loro in associazioni, network privati e ancora religiosi, in città grandi e piccole, in campagna, al mare, in montagna. Quando si avanza una critica, sarebbe opportuno presentare una documentazione completa e rappresentativa della situazione, in caso contrario si danneggia l immagine e la reputazione di una realtà che fatica tutti i giorni per riuscire a far quadrare dei bilanci risicati, e nello stesso tempo a garantire ai degenti quei servizi e quell ospitalità dimenticata dai familiari. Non ci si domanda poi come sarebbe possibile offrire servizi domiciliari a degenti afflitti da malattie neurovegetative: chi sarebbe in grado di gestire questo problema, con quale professionalità, con quale sicurezza. Ricordiamoci delle molte badanti manesche. E per quanto concerne il personale, come non si può considerare il loro continuo contatto con la sofferenza e l addio: risulta facile intrattenere rapporti cordiali ed amichevoli con persone che da un giorno all altro scompaiono. Chi ha fatto la guerra conosce bene queste esperienze e l apparente freddezza è solo un espediente per non essere emotivamente coinvolti. Per cui se si devono avanzare delle critiche, sarebbe opportuno essere ben documentati, a meno di avere delle soluzioni realistiche e percorribili sia sul piano della competenza che dei risultati. STAGIONE ESTA SESTA STAGIONE - luglio

4 L intesa fra domanda e offerta si realizza online......con I nostri servizi Ricerca di prodotti e servizi Innovativi Ricerca e qualificazione dei fornitori Analisi dati economici e di consumo Determinazione modalità tecnico esecutive del servizio Definizione condizioni contrattuali di fornitura Specifiche tecnico-merceologiche di prodotto Report Esiti economici ricerca associata Verifica periodica esecuzione servizio Monitoraggio periodico corretta fatturazione I nostri UtentI Associazioni di categoria Gruppi consortili Reti di impresa Centrali di committenza Enti fieristici Associazioni consumatori Studi e Agenzie pubblicitarie Studi professionali RiceRche AssociAte Un servizio di Zeta Web srl Concessionario ARLEA Network Via Bruno Buozzi, Cremona (CR) Tel

5 PRODOTTI E SERVIZI SOSTENIBILI Anno X - Numero 42 Luglio 2015 Registrazione al Tribunale di Milano n. 783 del 18 ottobre 2005 Gestione editoriale: Tecnezia srl Via M. Melloni Milano tel direttore responsabile: Luigi Vacchelli Comitato tecnico: Paolo Pipere Simone Ricotta Raffaele Tarchiani Gianluca Tonellotto Hanno Collaborato: Elena Consonni Luca Maria De Nardo Cristian Parravicini Maurizio Pedrini Eleonora Valle stampa: Pixart Questo numero è stato chiuso il 6 luglio 2015 Poste Italiane s.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46), art. 1, comma 1, DCB Milano - 45% L Editore garantisce la massima riservatezza dei dati in possesso - legge 675/96 - (Tutela Dati Personali) che sono utilizzati al solo scopo di inviare il periodico Appalti Verdi, nonché la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione. Lettere e articoli firmati impegnano tutta e sola la responsabilità degli autori. sommario IN PRIMO PIANO Cercasi assistenza... 4 Fine vita nelle RSA... 6 Tempo di riforme per la Sanità in Lombardia PROTAGONISTI Innovazione nei servizi: più valore e controllo dei costi Linee guida: difficile seguirle se i Servizi sanitari sono regionali Una missione storica propria del territorio «Le norme badano più alla forma che alla sostanza» Confrontarsi per migliorare GESTIONE La gestione della RSA viaggia su una nuvola Un nuova soluzione per somministrare i farmaci per via endovenosa Gli insidiosi malanni dei pazienti Incontinenza: un problema spinoso I tagli? Senza alcuna ratio La resa dei conti L Ingegnere Clinico: un buon investimento PRODOTTI E SERVIZI Fondazione San Rocco Infyniti App, un sistema per calcolare preventivamente il costo della pulizia Squadre ad hoc per l igiene ambientale Lavanderie sempre più efficienti NEWS STAGIONE ESTA SESTA STAGIONE - luglio

6 IN PRIMO PIANO di Luca M. De Nardo Cercasi assistenza Sembra un paradosso: succede al gruppo delle 28 strutture cremonesi aderenti ad A.R.SA.C. L associazione ha il compito di trovare risposte tecniche, formative, commerciali e politiche al progetto evolutivo in atto di questa nuova stagione di A.R.SA.C. è Walter Montini, neo presidente da tre mesi, già Senatore della Repubblica, docente di sociologia dell ambiente e del territorio all Università di Brescia, esperto della gestione di interessi collettivi. Walter Montini, presidente A.R.SA.C. Qui c è un nucleo di imprese che ha voglia di crescere, che ha problemi non solo giuridici o amministrativi, ma soprattutto gestionali e quotidiani, problemi da risolvere per andare oltre la missione di base e sviluppare forme di assistenza più evoluta. Con circa posti letto disponibili in 28 aziende-struttura associate, a presidio di un territorio abitato da cittadini, A.R.SA.C. è l associazione delle residenze sanitarie assistenziali della provincia di Cremona e unisce realtà di natura sia pubblica che privata, dalla srl alla fondazione onlus, dalla società cooperativa sociale all ente religioso. Operativa dal 1988, l Associazione ha acquisito sempre di più il carattere di un gruppo di progetto, un aggregato di aziende interessate a sviluppare servizi, da quelli di approvvigionamento su prodotti alla formazione professionale, dalla comunicazione ai rapporti con il territorio e alle istituzioni, fino alla messa a punto di servizi sanitari rivolti non soltanto agli ospiti anziani accolti nelle strutture ma anche aperti al pubblico. Acceleratore Perché ha scelto di accettare l incarico? Per la delicatezza del problema e per l impatto futuro crescente nel tessuto sociale, ma ammetto di aver sottovalutato la portata dell incarico: non si tratta solo di rappresentare e tenere relazioni pubbliche, ma di aiutare la crescita delle singole aziende attraverso l associazionismo. Non immaginavo un impegno così pressante: è una sorpresa gradita. Qui c è un nucleo di imprese che ha voglia di crescere, che ha problemi non solo giuridici o amministrativi, ma soprattutto gestionali e quotidiani, problemi da risolvere per andare oltre la missione di base e sviluppare forme di assistenza più evoluta. In queste prime settimane dall inizio del mio incarico ho visitato molte strutture, ho incontrato e ascoltato sia gli operatori sia i loro fornitori, ho raccolto i desideri ricorrenti, ho verificato che ritorna sempre un aspetto chiave: la circolazione e la comunicazione dei problemi comuni fra le strutture. Che cosa intendono per comunicazione? Vari elementi. Innanzitutto l associazione deve tenere conto dei tre tipi di diversità degli associati: ci sono differenze giuridiche, perché annoveriamo società cooperative onlus, fondazioni onlus, srl, 4 SESTA STAGIONE - luglio 2015

7 strutture a gestione da parte di ordini religiosi, società per azioni; vi sono differenze dimensionali in base alla capacità ricettiva; infine quelle territoriali, con le specificità dell area del Casalasco, del Cremonese e del Cremasco. Occorre tenerne conto a due livelli: nei rapporti interni e nelle relazioni fra il gruppo e il mondo esterno. A proposito dei rapporti fra il gruppo e l esterno, abbiamo già tenuto due incontri con A.R.L.E.A, l Associazione Regionale Lombarda Enti di Assistenza, che raggruppa le associazioni provinciali delle strutture assistenziali, prevalentemente per anziani, di quasi tutte le provincie lombarde, tranne Milano, Como e Lodi. In questo periodo si discute se il compito di A.R.L.E.A. debba continuare ad essere quello di associazione delle associazioni, oppure di rappresentare l interfaccia esclusiva con la Regione. Quanto è importante il rapporto con l Ente Regione? Nell ultimo Libro Bianco sulla sanità il ruolo delle RSA mi sembra sia stato trascurato, ma oggi l orientamento è diverso. In occasione dei miei incontri con consiglieri e assessori regionali è emersa maggiore attenzione all impatto non solo economico ma anche e soprattutto sociale del mondo degli anziani. C è consapevolezza di quanto sia cambiato il profilo medio del degente: permanenze più brevi ma particolarmente impegnative per i problemi sanitari connessi sempre più difficili da gestire. Ovviamente l aspetto economico è importante, il servizio sanitario regionale ha ben presente che gestire un anziano in una RSA costa 7 volte di meno rispetto all ospedale. Tutto ciò, però, richiede conoscenza e consapevolezza di come stia cambiando il ruolo delle nostre strutture. Prossimamente, entro il mese di giugno penso, l ufficio di presidenza di A.R.S.A.C. incontrerà i consiglieri regionali cremonesi per illustrare il quadro generale ed alcuni temi specifici. Cosa significa comunicare all esterno del mondo A.R.SA.C.? Significa farci conoscere ma anche cercare soluzioni innovative a problemi emergenti tramite collaborazioni con altre realtà che non ci conoscono o ci conoscono poco. Molti spunti sono emersi nell ultima assemblea dell Associazione del 29 maggio. Abbiamo già accennato all importanza del dialogo con assessori e consiglieri regionali, ma vi sono anche quelli provinciali e comunali; ci sono da costruire i rapporti con l ASL di Cremona, col mondo religioso, con le banche e le fondazioni, con le università, per costruire e mettere a punto corsi di aggiornamento in tema di sanità, con specifico riferimento alla geriatria, e percorsi di formazione permanente su aree critiche di gestione dell anziano, piuttosto che con le assicurazioni per creare prodotti mirati a tutela dei medici, una categoria a rischio professionale in aumento. Infine, non ultimi per importanza, ci sono i rapporti con tutto il mondo dei fornitori di prodotti e servizi: è da potenziare il nostro sistema innovativo delle Ricerche Associate per gli acquisti collettivi. Quale vede in sintesi il ruolo di A.R.SA.C. nei prossimi anni? Un sindacato? Una centrale d acquisto? Un soggetto politico? Direi piuttosto un area di servizio aperta, centralizzata sulle esigenze degli associati ma niente affatto chiusa alle esigenze dei vari portatori di interessi, che sono ben presenti a tutti gli enti gestori. Sembra un paradosso, ma anche le RSA hanno bisogno di assistenza. n Molti spunti sono emersi nell ultima assemblea dell Associazione del 29 maggio. Abbiamo già accennato all importanza del dialogo con assessori e consiglieri regionali, ma vi sono anche quelli provinciali e comunali. SESTA STAGIONE - luglio

8 IN PRIMO PIANO di Cristian Parravicini Fine vita nelle RSA Un Convegno organizzato da ARSAC ha approfondito le tematiche tecniche, legislative ed etiche legate ad uno dei temi più delicati e sensibili per gli operatori di settore A sinistra, Walter Montini, Presidente ARSAC, con il Presidente della Provincia di Cremona Carlo Vezzini. 6 SESTA STAGIONE - luglio 2015

9 Sabato 13 giugno si è svolto presso la Sala del Consiglio Provinciale di Cremona un convegno dedicato alle Problematiche del fine vita nelle RSA : un argomento che spesso trova poco spazio di approfondimento ma che in realtà rappresenta un tema di estrema attualità per tutte le persone che operano in questo settore. Organizzato da ARSAC (Associazione delle Residenze Socio Sanitarie della Provincia di Cremona) e patrocinato dalla Provincia di Cremona, il convegno si è aperto con il saluto di Walter Montini, Presidente ARSAC, e del Presidente della Provincia Carlo Vezzini. I lavori sono invece stati moderati da Palmiro Alquati, Direttore Sanitario della Fondazione E.F. Soldi ONLUS di Vescovato: tra i partecipanti ai lavori il Dott. Daniele Villani, che ha sostenuto un intervento dedicato all iterazione fra demenza e fine vita e don Bruno Bignami, Docente di Teologia Morale, il quale ha invece affrontato il tema dal punto di vista etico. Particolarmente significativo dal punto di vista tecnico è stato invece l avvocato Luca Degani, che ha analizzato sotto un profilo legislativo un tema ancor più radicalizzato da una tendenza diffusa verso una netta riduzione della degenza media degli ospiti. È fondamentale innanzitutto capire qual è la disponibilità e la capacità, da parte dell anziano, nel vivere l evento con un atteggiamento più o meno attivo: escluse patologie determinanti l incapacità di decisione è necessa- Da sinistra, il dott. Daniele Villani e il prof. Palmiro Alquati, coordinatore del dibattito. Da sinistra: Carlo Vezzini con l avv. Luca Degani. Walter Montini durante il suo intervento. SESTA STAGIONE - luglio

10 IN PRIMO PIANO Il prof. Palmiro Alquati durante il suo intervento. Carlo Vezzini parla agli intervenuti. L intervento del Consigliere regionale Carlo Malvezzi. rio indagare la reale possibilità, da parte del degente, di opporsi, o quantomeno determinare un limite, alle cure del sistema sanitario nazionale. Si tratta di un diritto che esiste con alcune limitazioni: il paziente, infatti, ha diritto di rifiutare una cura esclusivamente basandosi sulla propria volontà, purché tale dissenso sia espresso, inequivocabile e attuale. Cosa significa e quali limiti prevede la normativa? Il degente deve innanzitutto possedere sia la capacità di esprimere tale volontà nonché quella di comprenderne le conseguenze. La dottrina maggioritaria, seppure non concordante, afferma che in assenza di una norma certa che regolarizzi il conflitto tra indisponibilità della vita (come si evince dagli artt. 579, 580 del Codice Penale relativi all omicidio del consenziente ed all agevolazione ed istigazione al suicidio) e volontà del paziente di cessare le cure prevale il principio della indisponibilità sull autonomia del soggetto. In realtà, sintetizzando, la norma esprime il diritto del paziente ad interrompere le cure solo nel caso in cui tale diritto non coinvolga terze persone, identificate nello specifico nella figura del medico curante. Da questo punto di vista appare dal punto di vista giuridico estremamente interessante il caso Welby: nello specifico, infatti, il medico interruppe effettivamente le terapie salvavita sostituendole con una terapia volta a ridurre il dolore. Il tribunale in questo caso riconobbe nella figura del medico il reato di omicidio nel momento in cui interruppe volontariamente le cure, escludendone tuttavia la rilevanza penale in quanto applicando l art 51 del codice penale, ha ritenuto che il medico abbia agito nell adempimento di un dovere. Il punto di vista del paziente, in sostanza, è stato tacitamente riconosciuto in conformità con quanto citato dal quarto comma dell articolo 35 del Codice deontologico dell ordine dei Medici, il quale stabilisce come il medico debba sempre rispettare la volontà di curarsi 8 SESTA STAGIONE - luglio 2015

11 del paziente: in presenza di documentato rifiuto di persona capace di intendere e di volere, il medico deve desistere dal conseguenti atti diagnostici e/o curativi, non essendo consentito alcun trattamento medico contro la volontà della persona, tranne i casi in cui il paziente non è in grado di esprimere la propria volontà in caso di grave pericolo di vita, tenendo sempre conto di quanto eventualmente precedentemente manifestato dallo stesso in modo certo e documentato. n SESTA STAGIONE - luglio

12 IN PRIMO PIANO di Elena Consonni Tempo di riforme per la Sanità in Lombardia Si sta concludendo l iter di approvazione della nuova legge sulla Sanità lombarda. Le RSA avranno un ruolo nella gestione delle cronicità Davide Croce, direttore del CREMS della LIUC, ha partecipato ai tavoli tecnici che hanno porttao alla definizione della riforma della Sanità in Lombardia. Spira aria di riforma sulla Sanità lombarda: da qualche mese a questa parte i tecnici prima, i politici poi, sono al lavoro per modificare la Legge 33 del 2009, che riguarda il Servizio sanitario regionale. Una prima proposta di legge (che in realtà è un emendamento) era stata depositata il 30 aprile scorso, ma è stata nuovamente modificata in questi giorni. «Ormai si è concluso il lavoro dei tecnici commenta Davide Croce, direttore del CREMS della LIUC, che in qualità di membro della Commissione Veronesi, ha partecipato tra gennaio e marzo ad alcuni passaggi tecnici dell iter di modifica, in qualità di coordinatore del tavolo tecnico con le parti sociali ora la palla è in mano ai politici, però la legge dovrebbe andare in discussione alla Commissione III del Consiglio Regionale e arrivare in aula il 6 agosto». L emendamento in approvazione enuncia i principi della nuova Sanità lombarda, mentre per la loro traduzione in pratica occorrerà aspettare ancora a lungo. «Siccome il 31 dicembre scadono i mandati dei Direttori Generali delle Asl e le riforme si fanno dal 1 gennaio in poi, per ragioni di bilancio spiega Croce - o si fa per il primo gennaio 2016, cosa di cui dubito data l entità del processo, o sarà un anno di transizione e si arriverà al 2017, nonostante il Presidente Maroni prema perché si concluda tutto entro quest anno». Ma cosa cambierà nella Sanità della Regione Lombardia? «Anzitutto ci sarà un approccio più univoco spiega perché le aziende verranno aggregate a livello territoriale. Non ci saranno più ospedali indipendenti e entreranno in queste nuove agenzie, salvo le aziende con oltre 1000 posti letto, le IRCCS e le aziende universitarie. In pratica si ritorna alla vecchia USL». Il perché di questa scelta deriva da considerazioni sull aumento della cronicità in Regione. «Il 30% della popolazione sottolinea Croce - è cronico e consuma quasi l 80% delle risorse della Sanità. Non è più possibile palleggiare tra ospedale e territorio la gestione di questa fetta di popolazione, che deve diventare 10 SESTA STAGIONE - luglio 2015

13 univoca. Di questo unicuum chiamato a gestire la cronicità faranno parte anche le RSA, che in questa logica si rafforzano perché entrano a fare parte della rete di gestione del cronico». Il paziente cronico, infatti, ha bisogno di una rete di assistenza con un livello di intensità basso, ma continuativa nel tempo. «Oggi commenta è impensabile che il Medico di Medicina Generale con con assistiti e 450 cronici (che afferiscono in media a 60 specialisti) sia in grado di seguirli da solo. Serve un sistema di supporto, di cui il Mmg è il regista e le Rsa diventano un perno». La qualità va misurata Un altro elemento che caratterizza la riforma è legato al sistema de controlli, da cui deriva il Vendor Rating, così poco amato dalle direzioni delle RSA. «Uno degli elementi di debolezza del servizio attuale sottolinea Croce - è il che sistema di controllo basato sulle Asl crea differenze tra provincia e provincia. Per ovviare a questo limite si pensa di creare un Agenzia per il controllo che opera a livello omogeneo in tutta la Regione, valutando tutti i soggetti erogatori di servizi sanitari, RSA comprese». La valutazione, che tuttora è in via di definizione nei suoi aspetti pratici si basa sul Vendor Rating, una sorta di Verso l AssessorAto unico La riforma prevede anche la nascita di un Assessore unico e un unica direzione generale, che si occupi sia degli aspetti socio-sanitari (a oggi competeza dell Assessorato alla Famiglia), che sanitari. «Questa scelta spiega davide Croce è già stata presa in maniera definitiva. Non so però se questo rappresenterà per le RSA un vantaggio o uno svantaggio». classifica dei soggetti che offrono servizi sanitari, tra cui le RSA, creata sul confronto tra strutture omogenee per tipologia di servizio. «Questo significa spiega Croce che non esiste un valore assoluto a cui tendere, ma di ogni realtà si valuta l allineamento rispetto alla media per diversi parametri. Se una struttura si trova sotto la media deve cercare di allinearsi. Il Vendor Rating deve essere letto come un percorso di miglioramento da compiere». Per gli ospedali i parametri presi in esame sono una cinquantina, per le RSA dovrebbero essere circa 20. «Nessuno dei parametri conclude Davide Croce da un immagine compiuta di un soggetto, ma unendone diversi dovrebbe uscire un quadro piuttosto veritiero della situazione. D altro canto, in un mondo competitivo come quello attuale, una RSA non può pretendere di affermare che offre qualità perché coccola l ospite, senza dimostrarlo. La qualità va comunque misurata». n SESTA STAGIONE - luglio

14 PROTAGONISTI di Luca M. De Nardo Innovazione nei servizi: più valore e controllo dei costi A.R.SA.C., l associazione delle RSA del cremonese, mette a punto per le proprie aziende strumenti formativi e gestionali per aumentare la qualità dell offerta e contenere la spesa a carico degli ospiti Oggi le residenze assistenziali devono confrontarsi con problemi di carattere non solo sanitario, ma anche etico e giuridico - afferma il presidente Infatti, aumentano i pazienti a breve degenza e ad alto impatto gestionale: per questo abbiamo in programmazione convegni dedicati alla gestione del dolore, alle cure intermedie, alle aziende speciali e alla riforma sanitaria. Per le RSA, essere competitive significherà sviluppare la qualità dell assistenza in tempo reale, mantenendo la soglia dei costi compatibile con la capacità di spesa sia del servizio sanitario sia degli utenti. È questo l approccio alla progettazione dei servizi che si sta sperimentando con successo in A.R.SA.C., Associazione Residenze Sanitarie Assistenziali della provincia di Cremona. Aggiornamento e formazione Sotto la guida del neo-presidente Walter Montini (leggi anche l intervista a pagina 6) sono stati programmati quattro convegni formativi e informativi rivolti principalmente agli amministratori delle strutture, ai direttori generali e sanitari delle strutture, ma aperti al pubblico, riguardanti quattro aree-chiave che influenzeranno l offerta nell immediato futuro. Oggi le residenze assistenziali devono confrontarsi con problemi di carattere non solo sanitario, ma anche etico e giuridico - afferma il presidente Infatti, aumentano i pazienti a breve degenza e ad alto impatto gestionale: per questo abbiamo in programmazione convegni dedicati alla gestione del dolore, alle cure intermedie, alle aziende speciali e alla riforma sanitaria. A medio termine, invece, A.R.SA.C. intende affrontare con il contributo degli atenei, in questo caso specifico con l Università di Genova, la sperimentale della cosiddetta gentle care : si tratta di applicare metodiche innovative, sperimentandole in strutture disponibili a farlo e validarle secondo protocolli che permettano di replicarle in altre strutture e per altre situazioni. Individuare direttori di struttura interessati alla sperimentazione non è un problema - precisa Montini - L ostacolo sono i finanziamenti, perché in genere le RSA sono strette dalla morsa del controllo dei costi: da una parte le famiglie degli ospiti, dall altra i responsabili della sanità regionale. Ecco allora che il Fondo Sociale UE da una parte e le Fondazioni bancarie dall altra potrebbero essere la soluzione. 12 SESTA STAGIONE - luglio 2015

15 Al centro la persona Ospite Sperimentazioni su nuove cure devono tuttavia ottemperare a una regola aurea: i benefici, non solo sanitari ma anche economici, devono essere subito retrocessi agli utenti, in ottemperanza alla missione fortemente sociale ed umana delle RSA, siano esse cooperative piuttosto che fondazioni onlus o società cooperative onlus, o strutture gestite da srl. Analoga è la finalità dell innovativo Servizio Ricerche Associate, che permette a gruppi di RSA di mettere in comune prodotti e servizi con caratteristiche tecniche e prestazionali simili e cercare fornitori in grado di offrire un vantaggio sui costi di approvvigionamento. La formula, testata con successo su prodotti consumabili, è stata di recente estesa ai servizi. Ad oggi è in fase di avvio la ricerca associata di energia elettrica (volumi di consumo KW) e di gas naturale (volumi di consumo m 3 ). Dai primi riscontri di mercato sussiste la previsione di ridurre ulteriormente i costi di approvvigionamento rispetto all anno 2014, nel quale gli associati hanno beneficiato di un economia totale di euro sull anno A breve sarà pure attivata un altra ricerca associata riguardante la fornitura di gas medicale e di servizio di manutenzione dei relativi impianti di distribuzione. Vogliamo rassicurare le imprese - precisa il presidente - che non rientrano nei progetti di fornitura approvati: stiamo studiando meccanismi in grado di riconoscere la qualità e la professionalità di un più vasto numero di fornitori, proprio nella prospettiva di una collaborazione che generi vantaggi diffusi ed eviti tensioni sui prezzi a discapito della qualità. RSA aperte al territorio e nuovi servizi A.R.SA.C. vuol essere innovativa e forzare pensiero e azione degli associati a superare i confini attuali. C è la possibilità concreta di creare, per esempio, servizi di fisioterapia rivolti sia agli ospiti, sia ai parenti degli stessi, piuttosto che al personale che lavora nella RSA o anche ai residenti in zona; ma anche di ottimizzare i servizi di ristorazione gestiti internamente per renderli disponibili all utenza esterna, in primis a quegli anziani non completamente autosufficienti che vivono nel territorio vicino alle strutture e necessitano di questo servizio, piuttosto che di quello infermieristico temporaneo. Ma l ospitalità, in futuro, potrà essere anche diversa dall accoglienza in regime residenziale: esistono gradi differenti di sofferenza; per esempio, un disagio moderato giustifica l offerta di mini-alloggi semi-indipendenti vicini alle RSA. Soprattutto in provincia, abbondano infatti edifici vicini alle strutture, adatti allo scopo e disponibili a una riconversione. Determinanti in questo caso sono business plan da elaborare in collaborazione con privati e istituti di credito. Con una fascia d utenza stimata in 16 milioni di anziani, la Sesta Stagione si configura come un mercato atipico ma caratterizzato da una domanda in evoluzione e in crescita costante. n Analoga è la finalità dell innovativo Servizio Ricerche Associate, che permette a gruppi di RSA di mettere in comune prodotti e servizi con caratteristiche tecniche e prestazionali simili e cercare fornitori in grado di offrire un vantaggio sui costi di approvvigionamento. La formula, testata con successo su prodotti consumabili, è stata di recente estesa ai servizi. SESTA STAGIONE - luglio

16 PROTAGONISTI di Elena Consonni Villa Cristina di Nebbiuno (VA). Sotto: un salottino interno di Villa Cristina. Linee guida: difficile seguirle se i Servizi sanitari sono regionali Orpea Italia, filiale nazionale di un gruppo francese, è costretta a mediare tra i protocolli stesi a Parigi e le norme in vigore nelle regioni in cui opera «Cerchiamo sempre di tutelate i lavoratori che fanno il loro dovere» afferma José Parrella, direttore della filiale Italia di Orpea Si sa che tra vicini spesso non corre buon sangue e in vari campi tra gli italiani e i cugini d Oltralpe la rivalità è accesa. Ma ci sono esperienze francesi esportate con successo in Italia, da cui messi da parte i campanilismi si può imparare molto. Anche nell ambito delle RSA c è un caso simile, quello di ORPEA, un gruppo internazionale nato in Francia 25 anni fa a partire dall idea di un medico, Jean Claude Marian, che in Francia conta oltre 400 strutture ed è presente anche in Belgio, Svizzera, Italia, Germania, Austria, Repubblica Ceca e da un anno ha un progetto che riguarda la Cina. Le dimensioni sono tali da permettere al gruppo di essere quotato in borsa. In Italia conta 12 strutture, di cui 4 cliniche riabilitative e 8 RSA, tra Piemonte, Liguria, Lombardia e Veneto, per un totale di oltre 1110 posti letto. «L Italia spiega José Parrella, direttore della filiale Italia di Orpea in questo momento è il fanalino di coda del gruppo, che ha interesse ad acquisire strutture già operative o ad aprirne di nuove». Gli scambi tra la 14 SESTA STAGIONE - luglio 2015

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

CENTRO DIURNO INTEGRATO

CENTRO DIURNO INTEGRATO FONDAZIONE O.N.L.U.S. SANTA MARIA DELLA NEVE 25055 Pisogne (Bs) CENTRO DIURNO INTEGRATO CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE La struttura residenziale, che sorge su una superficie di circa mq. 10.500, è dotata

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO

16 2001, 20 (BUR 75/2001) LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO Art. 1 - Figura professionale e profilo. 1. È individuata la figura professionale dell operatore socio-sanitario. 2. L operatore socio-sanitario è

Dettagli

GRUPPO ORPEA. Orpea S.A. Orpea Italia S.p.A.

GRUPPO ORPEA. Orpea S.A. Orpea Italia S.p.A. GRUPPO ORPEA Presentazione Gennaio 2014 Orpea S.A. Orpea Italia S.p.A. Presentazione Gruppo Orpea gennaio 2014 1 1. Orpea S.A. ORPEA S.A. ( Orpea ) Società di Diritto Francese, è una dei principali attori

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

STRALCIO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

STRALCIO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA STRALCIO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: CONSORZIO SOL.CO CREMONA Società Cooperativa Sociale Sede Accreditata C/o Cooperativa

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 INDICE Introduzione.3 1. Il settore sociale 3 2. Il settore dello spettacolo.5 3. Il settore della sicurezza..6 4.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON PREMESSA Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Giovanni Chiabà San Giorgio di Nogaro CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE AUTOSUFFICIENTI E NON Gentile Utente, PREMESSA il presente documento Carta

Dettagli

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario

SERVIZI DOMICILIARI C a r t a dei S e r v i z i. Giugno 2014. Sommario Sommario 1. Storia e futuro....1 2. La nostra mission e i nostri impegni La nostra tradizione è al servizio della persona 2 3. Riferimenti Normativi 3 4. L offerta dei servizi a domicilio..3 5. Voucher

Dettagli

Gli anziani in lista. i servizi?

Gli anziani in lista. i servizi? 44 4 2012 ESPERIENZE li a partire dagli strumenti e dalle modalità operative rispetto a cui la cooperazione sociale ha sviluppato maggiori eccellenze. Accanto alla sfida storica della cooperazione sociale,

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SETTEMBRE 2006 CUSTOMER SATISFACTION

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SETTEMBRE 2006 CUSTOMER SATISFACTION FONDAZIONE CASA DI RIPOSO OSPEDALE DEI POVERI DI PANDINO ONLUS Via della Vignola, 3 26025 PANDINO Tel. 0373-970022 Fax 0373-90996 QUESTIONARIO DI GRADIMENTO SETTEMBRE 2006 CUSTOMER SATISFACTION Questionari

Dettagli

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI

Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Il corso per Operatore Socio-Sanitario Sanitario (OSS) LA VALUTAZIONE FINALE DEGLI STUDENTI Conoscere Le funzioni attribuite agli esperti quali componenti della Commissione per la valutazione finale del

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011

L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre. mv - 2010-2011 L OSS: analisi del profilo e delle aree di integrazione con le altre figure mv - 2010-2011 è l operatore che, al termine di specifica formazione professionale consegue un attestato di qualifica ed è abilitato

Dettagli

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata

Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata Fondazione don Ambrogio Cacciamatta onlus Residenza Sanitaria Assistenziale Casa Albergo Centro Diurno Integrato Assistenza Domiciliare Integrata SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

Come a Casa. Residenzialità leggera: esperienze, progetti e sperimentazioni. Dott.ssa Maria Assunta Pintus

Come a Casa. Residenzialità leggera: esperienze, progetti e sperimentazioni. Dott.ssa Maria Assunta Pintus Come a Casa Residenzialità leggera: esperienze, progetti e sperimentazioni Dott.ssa Maria Assunta Pintus Bologna 14 novembre 2012 La Regione Autonoma della Sardegna 377 Comuni 8 Province 8 ASL 1 Azienda

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 69 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART. 1 CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DEL SERVIZIO

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE LE CASE DELLA SALUTE, STRUMENTO DELLA CONTINUITA ASSISTENZIALE Massimo Fabi (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma) Innanzitutto grazie agli organizzatori di questo convegno: è davvero molto utile confrontare

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) Art. 1 - DEFINIZIONE L assistenza domiciliare è costituita dal complesso di prestazioni di

Dettagli

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia Integrazione IIPP e personale di supporto Collegio IPASVI Como e Provincia 1 Agenda Le figure di supporto dell assistenza infermieristica in ambito sanitario e sociale: ricognizione storica L ASA e l Operatore

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio

INDICE. IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio INDICE IL CENTRO DIURNO GARIBALDI nel dettaglio 1. Dove siamo pag. 3 2. Chi siamo pag. 3 3. Orari e giorni di apertura del centro pag. 5 4. Pernottamento pag. 6 5.Trasporto con mezzo e accompagnatore pag.

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Gennaio 2014. La qualità nel prendersi cura di chi dipende dagli altri

Gennaio 2014. La qualità nel prendersi cura di chi dipende dagli altri Gennaio 2014 La qualità nel prendersi cura di chi dipende dagli altri UN PROTAGONISTA EUROPEO Protagonista di riferimento nella cura di chi dipende dagli altri Creata nel 1989 dal Dr. Jean-Claude Marian

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla R. S. A. S A N G I U S E P P E (RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE) Via delle Ande n. 11 20151 Milano (MI) Tel. 02/33400809 02/38008727 Fax 02/33404144 E-mail : rsa.sangiuseppe@hsr.it S C H E D A I N F

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

LA RETE PRIVATASSISTENZA

LA RETE PRIVATASSISTENZA La prima rete nazionale di servizi per l'assistenza alla persona LA RETE PRIVATASSISTENZA PrivatAssistenza nasce nel 1993 con l obiettivo di creare una Rete di centri di assistenza domiciliare, che con

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ROVERELLA Via Ancona, 290 Cesena Telefono 0547 334935 Approvato con Delibera n. 10 del 03/03/2010 Finalità del servizio ART. 1: L ASP, all interno della sede della

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Guida all'accesso ai servizi

Guida all'accesso ai servizi Residenza Sanitaria Assistenziale /Residenza Protetta G. Borea e Z. Massa Sanremo CARTA DEI SERVIZI Guida all'accesso ai servizi Periodo di riferimento 2012/2013 1 SOMMARIO INTRODUZIONE. 1.COS E LA RESIDENZA

Dettagli

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20

ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 PROGETTO POSTI SOLLIEVO ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI ULSS 20 Responsabile del progetto: dott.ssa Pia Poppini -ULSS 20 Responsabile gestione operativa Istituto Assistenza Anziani: Dott.Roberto De Mori Referente

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E CURE PALLIATIVE 1. La Fondazione nella rete dei servizi. CARTA DEI SERVIZI La Fondazione Don Ambrogio Cacciamatta onlus gestisce in Iseo l omonima RSA, a Monticelli

Dettagli

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 C.so Laghi 34 10051 Avigliana (TO) Tel. 011.93.11.392 Fax 011.19.85.86.87 e-mail: csdacooparl@tiscalinet.it www.cooperativacsda.it ASSISSTENZA A DOMICILIO CARTA DEI

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA

COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA COMUNE DI LAGONEGRO PROVINCIA DI POTENZA CARTA DEI SERVIZI CASA DI RIPOSO MARIA LUISA COSENTINO Casa di Riposo M. L. Cosentino Via Napoli 85042 Lagonegro (PZ) Tel. 0973/21356 0973/41330 Fax 0973/21930

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DI GESTIONE Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pagina 1 di 5 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott. Luca Secchi. Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pag.2 di 5 1. FINALITA DELLA STRUTTURA 1.1.

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni

Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle regioni In APPUNTI sulle politiche sociali, n. 5-2006 Franco Pesaresi, Dirigente servizi sociali, educativi e sanità del Comune di Ancona Chi paga per l assistenza socio-sanitaria ai disabili? L orientamento delle

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

CECCHETTO - SALVATORI e Associati

CECCHETTO - SALVATORI e Associati Progetto1:Layout 1 3-06-2010 12:15 Pagina 1 Studio Infermieristico Associato CECCHETTO - SALVATORI e Associati ASSISTENZA INFERMIERISTICA FORMAZIONE CONSULENZA Carta dei Servizi Progetto1:Layout 1 3-06-2010

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Centri diurni Alzheimer e Integrato

Centri diurni Alzheimer e Integrato Best practice e innovazione nelle RSA: esperienze a confronto Giovedì 10 maggio 2012 Castellanza Centri diurni Alzheimer e Integrato A cura di PAOLA GARBELLA Direttore Generale Opera Pia A. E. Cerino Zegna

Dettagli

Famiglia e solidarietà sociale

Famiglia e solidarietà sociale 20 21 Famiglia e solidarietà sociale e dei prezzi in vigore. Le RSA sono diffuse su tutto il territorio regionale. Sul sito www.famiglia.regione.lombardia.it si può accedere a un area nella quale vengono

Dettagli

RESIDENZE PER ANZIANI Gruppo EDOS

RESIDENZE PER ANZIANI Gruppo EDOS RESIDENZE PER ANZIANI Gruppo EDOS Residenza Mater Fidelis Via Pescarella, 19 Milano 20157 Residenza Mater Sapientiae Via Varazze, 7 Milano 20149 Residenza RSA Mater Gratiae Via Corrado il Salico, 50 Milano

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ;

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ; Il PROGETTO SCUDO VALDICHIANA è un iniziativa delle Sezioni CALCIT della Valdichiana, dei Medici di Medicina Generale facenti parte della Cooperativa Etruria Medica, della USL8 e dei Comuni di Cortona,

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali.

LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. e socio-sanitario, residenziali e semiresidenziali. BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE DEL VENETO - 21-8-2001 - N. 75 7 LEGGE REGIONALE 16 agosto 2001, n. 20 La figura professionale dell operatore socio-sanitario. Il Consiglio regionale ha approvato Il

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

CINZIA RAMELLO VIA VIGNE 11 A CHERASCO 12062 (CN) cinzia.ramello@gmail.com

CINZIA RAMELLO VIA VIGNE 11 A CHERASCO 12062 (CN) cinzia.ramello@gmail.com F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CINZIA RAMELLO VIA VIGNE 11 A CHERASCO 12062 (CN) Telefono 3284260136-3468449054 Fax 0173/440406 E-mail cinzia.ramello@gmail.com

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO «MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE» Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Dott. Antonio Cannaò - EVOLUZIONE INFERMIERISTICA Assistenza

Dettagli

AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO

AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA S. LUIGI GONZAGA IN COLLABORAZIONE CON ASL TO 3 ISTITUZIONE E istituito presso la, il Master di I livello

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

R.I.S.S. MONS. ORESTE MINAZZI:

R.I.S.S. MONS. ORESTE MINAZZI: R.I.S.S. MONS. ORESTE MINAZZI: COMUNITÁ PADRE PIO CARTA DEI SERVIZI 1. TIPOLOGIA DI COMUNITÀ, FINALITÀ STATUTARIE, REGOLAMENTO PAG. 3 2. RAGIONE SOCIALE E RECAPITO PAG. 4 3. MISSION DELLA STRUTTURA PAG.

Dettagli

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS

APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS APPROFONDIMENTO COMMENTATO DEL PROFILO DELL OSS PROVVEDIMENTO DELLA CONFERENZA STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli