UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2015"

Transcript

1 UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO Luglio

2 PREMESSA L Unione Regionale Terme, Salute e Benessere, giunta al suo sedicesimo anno di attività, si riconferma, ancora una volta, attrice primaria per le azioni di promozione e promocommercializzazione del prodotto turistico termale e del benessere in Emilia Romagna. Con il presente Piano, l Unione delinea le strategie, gli obiettivi e le azioni che intende perseguire nell arco della stagione turistica termale dell anno 2015, tramite l analisi dell andamento del settore turistico dei territori termali e la verifica sull efficacia delle azioni intraprese nel 2013 e tutt ora in fase di realizzazione. Un analisi sulla stagione turistica 2013 dei territori termali, tramite l esame dei dati forniti dall Osservatorio Coter, che evidenziano i mutamenti del mercato della domanda nazionale ed internazionale verso i segmenti benessere e termale e l appeal turistico dei territori termali della nostra Regione e delle strutture e servizi in essi insediati. Un esame sulle prospettive del nostro settore per gli anni a venire, tenendo in considerazione le riflessioni sull andamento del mercato turistico nazionale e regionale, evidenziate anche dalle Linee Guida Generali della Regione. La L.R. n 7/98, che rimane ancora un valido strumento di coordinamento tra promozione e commercializzazione, ha saputo creare, nel corso degli anni, le giuste sinergie tra pubblico e privato per la promozione trasversale dei prodotti turistici regionali, contraddistinguendo la nostra regione come modello da seguire nel panorama turistico nazionale. Il presente Programma Promozionale viene redatto tenendo in considerazione il budget regionale stanziato a cofinanziamento nel 2014, che si auspica possa essere riconfermato anche per l anno Come indicato nella parte introduttiva ai progetti, il budget a disposizione per l anno a venire, risulta più contenuto rispetto a quello dell anno in corso. 2

3 LA STAGIONE 2013 RIFLESSIONI E COMMENTI OMISSIS I DATI RIGUARDANTI L OSSERVATORIO SUL TERMALISMO E SUL TURISMO DELLA SALUTE IN EMILIA ROMAGNA - LA STAGIONE EDITO DAL CO.T.E.R. (Consorzio Termale dell Emilia Romagna) DEVONO ESSERE RICHIESTI ALL UNIONE TERME SALUTE E BENESSERE O DIRETTAMENTE AL COTER. OMISSIS 3

4 L ANALISI DEI DATI 2013 L andamento del settore termale nell anno 2013, che scaturisce dall analisi dell Osservatorio sul Termalismo dell Emilia Romagna edito dal COTER, riconferma il calo, se pur meno evidente dell anno scorso, della clientela benessere (-7,7%), mentre sul versante del termalismo tradizionale si evidenzia un andamento sostanzialmente stazionario (-0,7%) rispetto al 2012, con una leggerissima flessione, nel suo complesso, sia delle prestazioni termali (-1,2%) che del fatturato (-2%). Poco meno di 300 mila arrivi termali che, con oltre presenze alberghiere nel 2013, hanno generato un indotto economico che supera comunque i 650 milioni di euro e che sta a confermare la valenza di detto comparto nel sistema turistico regionale. Se negli anni passati era il comparto benessere a compensare in parte i cali del termalismo tradizionale, da due anni a questa parte, a causa della forte e perdurante crisi economica, i ruoli si sono invertiti. Una parte della popolazione italiana, ha ridotto la spesa, non frequentando più le terme, riducendone la permanenza, o semplicemente effettuando meno prestazioni benessere a pagamento; e ciò non è avvenuto solo nel nostro settore, ma in tutti i comparti turistici regionali. Pur mantenendo percentuali del tutto irrisorie, la clientela straniera è passata da uno 0,86% del 2012 ad un 1,1% del 2013, compensando in minima parte il calo dell utenza nazionale. La clientela emiliano romagnola si riconferma ancora prevalente; lo stesso dicasi per la clientela femminile rispetto a quella maschile, soprattutto nel settore benessere.. Il termalismo tradizionale resta pertanto un bacino importante e strategico per questo tipo di aziende, considerando che circa due clienti su tre si rivolgono alle terme ancora in maniera sanitarizzata, dimostrando il ruolo terapeutico delle classiche prestazioni termali. Nonostante la crisi, la sostanziale tenuta del sistema termale emiliano romagnolo è certamente da imputare all innovazione del mercato salutistico del termalismo classico e di quello non tradizionale del benessere e della riabilitazione. Un concetto di terme sempre più connesso alla moderna immagine di salute dell individuo per star bene e vivere meglio; un moderno approccio al benessere che, rispetto all alto livello di specializzazione offerto dalle aziende termali che utilizzano acque dalle forti connotazioni terapeutiche, richiede percorsi meno dotati di servizi specialistici ove la parte sensazionale e quella suggestionale riescono però ad esprimere una maggiore capacità attrattiva e ad avere una maggiore penetrazione nel mercato della domanda. La capacità attrattiva dei territori termali e il loro appeal turistico, rimane determinante nella scelta della destinazione, premiando sempre più quelle aziende termali che, tramite un offerta diversificata e innovativa, offrono una maggiore integrazione con il territorio circostante e i suoi prodotti turistici. Si riconfermano infatti, anche del 2013, andamenti alquanto differenziati tra le varie aziende termali, e ciò a dimostrazione del ruolo sempre più determinante giocato dai territori per la scelta del luogo dove passare la propria vacanza. Infatti, se è pur vero che l atteggiamento al consumo termale regionale non turistico resta maggioritario è altrettanto vero che assistiamo, anno dopo anno, ad una costante crescita della propensione turistica nella scelta del cosiddetto soggiorno termale, ove le terme e il benessere termale diventano il valore aggiunto ed elemento determinante di un offerta di vacanza più complessiva Nonostante il perdurare della crisi, il calo dei consumi e la stretta creditizia degli istituti di credito, le strutture termali e ricettive della nostra regione hanno continuato ad investire, anche sul versante del risparmio energetico e della salvaguardia ambientale, qualificandosi al 4

5 meglio per adeguare la propria offerta al mutevole mercato della domanda, per offrire innovative e ricercate proposte di benessere termale e turistiche più in generale. Un processo di trasformazione delle nostre località termali, iniziato parecchi anni fa, teso ad implementare l offerta turistica del territorio per colmare il tempo libero concesso dal dopo terme. E solo tramite questo necessario percorso di rinnovamento e specializzazione in tutte le sue declinazioni, che il sistema termale Emiliano Romagnolo, che ha rappresentato e rappresenta tutt oggi l ossatura dell Unione Terme, Salute e Benessere, potrà giocare, anche in futuro, il ruolo di protagonista nel mondo del turismo termale e del benessere. 5

6 PREVISIONI 2015 Le aspettative turistiche Nonostante i buoni propositi della politica, da quella locale a quella internazionale, non si intravede ancora la fine di questo prolungato periodo di crisi che ha messo in ginocchio parecchie aziende turistiche della nostra regione e anche per il 2015 ci vedremo costretti a dover farei conti, ancora una volta, con la costante riduzione dei consumi che ha caratterizzato il panorama turistico degli ultimi anni. Ciò porterà inevitabilmente a premiare i prodotti turistici innovativi e di appeal a scapito di quelli più generici. In questo contesto, il prodotto termale, pur in una fase di indubbia difficoltà sul mercato interno, è riuscito a mantenere un proprio posizionamento strategico, trasformando e innovando la propria offerta per colpire nuovi target di clientela turistica e adeguandosi alle nuove esigenze di mercato e al diverso approccio di fare vacanza, che vede una costante riduzione della durata media dei soggiorni e una concentrazione di flussi nei weekend. Un offerta turistica e di benessere termale che negli anni ha visto un persistente aumento dell area di concorrenza, sia nel contesto dell est europeo che del bacino del mediterraneo, con offerte qualificate e prezzi assolutamente competitivi con i quali diventa sempre più difficile competere. La contrazione dei consumi interni e il conseguente calo della clientela nazionale e locale, pur considerando irrisoria la crescita di clientela straniera, ci inducono ad incrementare gli investimenti sul mercato estero. In quest ottica, risulta determinante ottimizzare le risorse, tramite l individuazione di percorsi comuni tra Unioni di Prodotto ed Apt Servizi atti a favorire il processo di internazionalizzazione auspicato dalla Regione. Processo che, ormai da troppi anni, non viene certamente favorito da un adeguata politica turistica nazionale, che ha investito poche risorse nell ente di promozione turistica all estero (l Enit) e non ha saputo offrire alcuna visione strategica nel medio periodo. Nonostante il buon proselitismo, l assoluta mancanza di programmazione e di adeguate linee di finanziamento, hanno fatto del nostro paese una nazione che non è riuscita ad esprimere appieno le proprie potenzialità che la dovrebbero vedere, naturalmente, leader mondiale del turismo. Per contrastare ciò e incrementare le proprie quote di mercato sulla clientela straniera, le azioni da intraprendere, da parte delle aziende termali della nostra regione, dovranno essere mirate a promozionare le nostre località come mete turistiche vere e proprie, incentivando la sinergia tra pubblico e privato, valorizzando contemporaneamente, sia il prodotto che la destinazione. In questo contesto, l evento internazione EXPO, che si terrà nel 2015 a Milano, rappresenterà un occasione unica per dare visibilità al nostro paese e a tutti i prodotti turistici di eccellenza che riesce ad esprimere. Attorno al tema portante dell evento Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, si inserisce a pieno titolo l offerta eno-gastronomica di qualità della nostra regione e conseguentemente le offerte turistiche che il nostro territorio è in grado di offrire (arte e cultura - mare - natura - terme e benessere - motori, ecc.). L Unione, insieme ad Apt Servizi, dovrà implementare i propri sforzi per incentivare l utilizzo del web da parte dei propri soci, incrementando, tra l altro, l utilizzo del portale regionale per la prenotazione on-line, Visit. 6

7 LE AZIONI 2013 E 2014 Riflessioni sulle azioni intraprese ad oggi Per individuare al meglio le priorità per l anno 2015 è necessaria una breve riflessione sulle azioni intraprese dall Unione nel corso del 2013 e nei primi mesi del In linea di massima possiamo così sintetizzarle: - la carta stampata ed in particolar modo i quotidiani nazionali, confermano la loro debolezza per la promozione del termalismo emiliano romagnolo, con un costo contatto che non regge la competizione con altri mezzi. Fa eccezione la stampa quotidiana locale emiliano romagnola e delle regioni limitrofe, soprattutto se utilizzata in sinergia con le radio e Tv locali. A parte la promozione di eventi come la Notte Celeste, con tabellari ad hoc, un buon riscontro continua a dare la promozione di pacchetti turistici legata ad approfondimenti tematici di varie patologie, curabili con i trattamenti termali erogati delle nostre aziende; - si riconferma, invece, un discreto interesse verso il mezzo radiofonico, in particolare verso network nazionali come Radio Rai che, se pur in maniera più contenuta rispetto agli anni passati, sta facendo registrare un apprezzabile riscontro in termini di chiamate al numero verde; - anche gli strumenti cartacei dell Unione Terme continuano a trovare un discreto interesse da parte dei soci. In particolare, la Guida delle Terme, realizzata in collaborazione con il Coter, si conferma un valido mezzo di promozione da distribuire e/o inviare tramite le richieste al numero verde e in altre occasioni quali fiere, work-shop, eventi, ecc ; - lo stesso dicasi per il Catalogo Benessere che, giunto ormai alla sua settima edizione e prodotto in oltre 1 milione di copie, rimane certamente un importante strumento di promozione. Distribuito tramite alcune riviste settimanali di prim ordine (nel 2014 Viver Sani, Oggi e Di Più), promuove pacchetti vacanza di benessere termale nella nostra regione; - si mantiene costante il numero di visitatori del sito Internet dell Unione, anche se nel corso degli anni non si è visto un miglioramento per quanto attiene la partecipazione fattiva da parte di molti soci privati nel renderlo funzionale e maggiormente appetibile per i navigatori. Lo stesso dicasi per il portale regionale Visit, che pur rimanendo un importante mezzo di commercializzazione online, stenta a decollare come tutti auspicavano; - come per gli ultimi due anni passati, le azioni di co-marketing con i territori termali si sono concentrate prioritariamente sulla promozione e realizzazione dell evento Notte Celeste, giunta ormai alla sua terza edizione. Progetti che hanno contribuito e contribuiscono tuttora ad avvicinare il prodotto alle destinazioni; - pur non facendo più registrare gli entusiasmanti numeri dei primi anni, anche il progetto di promo-commerciale del prodotto benessere termale, realizzato con la catena della G.D.O. Esselunga continua a far riscontrare un discreto interesse da parte dei soci che vi partecipano. Grazie alla regia di Apt Servizi, la presenza, per il sesto anno consecutivo, delle Terme dell Emilia Romagna sul catalogo punti Fidaty di Esselunga realizzato in circa 3,5 milioni di copie, nonché sulla specifica brochure Benessere Termale realizzata in 500 mila copie, sta certamente dando grande visibilità al comparto termale della nostra regione; - positivi si confermano i giudizi espressi da parte dei soci, in merito alle serate promozionali organizzate da Apt in collaborazione con le varie Unioni di Prodotto. Un modo efficace e diretto di contattare i responsabili del turismo associativo e sociale, tramite workshop in alcune città italiane maggiormente strategiche per il nostro settore. Lo stesso dicasi per gli interventi di marketing diretto con i T.O., opinion leader e giornalisti del settore; - se pur con un numero di adesioni ancora contenuto per la nostra Unione rispetto a Costa e Città d Arte, un discreto interesse hanno riscontrato alcune azioni di carattere trasversale 7

8 intraprese da Apt sui mercati esteri. L azione effettuata negli ultimi due anni sul mercato russo, la recente iniziativa sul mercato tedesco, sempre diretta da APT, con l'operatore dedicato ai viaggi curativi/termali più importante in Germania che collabora con la cassa mutua tedesca, nonché l azione scouting intrapresa dall Unione Terme sul mercato Cinese, favorisce certamente il processo di internazionalizzazione auspicato dalle Linee Guida della Regione; - lo stesso dicasi per quanto attiene le azioni di co-marketing sui prodotti trasversali, che nel 2013 hanno visto la partecipazione di alcuni soci della nostra Unione, concentrandosi sui prodotti Enogastronomia, Cicloturismo e Congressuale/Incentive. Coordinati e diretti da Apt in collaborazione con le Unioni di Prodotto, si confermano un importante strumento che coinvolge più soggetti in azioni diversificate di promo-commercializzazione; - anche le iniziative promozionali realizzate sulle TV locali, finalizzate al rafforzamento della comunicazione del prodotto terme e benessere e dell evento Notte Celeste, hanno visto una partecipazione istituzionale dell Unione Terme nonché una fattiva presenza dei soci privati; - certamente inferiore rispetto alle aspettative si è dimostrato il progetto formativo di approfondimento della medicina termale in e-learning, rivolto alla classe medica, realizzato in collaborazione con FIPES Group e Thermae Campus. Nonostante l erogazione di ben 30 crediti formativi ECM, il numero di adesioni ha di poco superato le 150 unità, insufficienti a giustificare la spesa sostenuta; - la Notte Celeste conferma il suo successo, per il terzo anno consecutivo, e ciò, nonostante le condizioni meteo avverse verificatesi in alcune località emiliane. Un evento di respiro nazionale che, grazie alla collaborazione strategica tra pubblico e privato, e grazie all intervento straordinario di Regione, Apt e del Coter, anche quest anno ha fatto registrare importanti numeri di presenze e di visitatori. Un azione sulla quale, l intera filiera termale emiliano-romagnola, dovrà continuare ad investire negli anni a venire; - anche la partecipazione agli eventi fieristici di settore necessita di un attenta riflessione. Alcune di queste, sia nazionali che estere, hanno assunto, nel corso degli ultimi anni, un ruolo quasi prettamente istituzionale che non riscontra più l interesse diretto degli operatori turistici. Risulta alquanto necessario, in un ottica di contenimento dei costi messa in atto, da alcuni anni, da Regione e Apt e condivisa dalle Unioni, riconfermare la partecipazione solo a quelle fiere che riscontrano l interesse diretto da parte dei soci privati delle Unioni stesse. Si riconferma l interesse da parte dei soci dell Unione per la fiera TTG e TTI, fiera che nel 2013 ha ospitato Thermalia, reduce da un triennio in discesa, nel contesto dell evento fieristico Rinimiwellness; - nessun riscontro, per ora, riguardo alla nuova iniziativa Driiin!!! Tutti alle Terme!, ideata a fine 2013, riguardante la campagna di comunicazione per le scuole primarie, realizzata in collaborazione con il COTER e Cooperativa Atlantide. L iniziativa, la cui macchina organizzativa si concluderà a fine agosto 2014 con la conferenza stampa di presentazione, partirà con l inizio delle scuole a metà settembre di quest anno e si concluderà a giugno 2015, coinvolgendo contemporaneamente bambini, insegnati e famiglie. La campagna di comunicazione DRIIIIN!!! Tutti alle Terme! intende sensibilizzare l opinione pubblica sull importanza della promozione della salute dei più piccoli e sul ruolo importantissimo giocato dalla prevenzione, nonché diffondere la conoscenza dei Centri Termali dell Emilia Romagna, da sempre sinonimo di salute e benessere, quale patrimonio prezioso della Regione. Le Cure Termali sono terapie naturali riconosciute dal Servizio Sanitario Nazionale e sono utili per contrastare e prevenire i molti disturbi che interessano adulti e bambini. Le Terme dell Emilia Romagna dedicano una particolare attenzione alle cure termali rivolte ai bambini, grazie a reparti a loro dedicati e attrezzature moderne ed efficienti e ad operatori termali di elevata e specifica professionalità; - altrettanto dicasi per la convenzione, tuttora in corso di definizione, con l associazione UNPLI Emilia Romagna (Unione Nazionale Pro-Loco d Italia), che partirà a metà estate e che prevede una serie di scontistiche ai soci delle Pro-Loco emiliano-romagnole, che usufruiscono 8

9 di prestazioni, trattamenti e vacanze di benessere termale più in generale, presso i centri e alberghi termali della nostra regione. Con l obiettivo di allargare la convenzione a livello nazionale per l anno a venire, si riscontra ad oggi un elevato numero di adesioni da parte dei soci, consci che i riscontri veri e propri si avranno principalmente nel corso del 2015; - determinanti, per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, si riconfermano i rapporti di collaborazione con il Coter (Consorzio delle Terme dell Emilia Romagna), e con Apt Servizi. Il Coter, oltre a fornire semestralmente l analisi del proprio Osservatorio sul Termalismo, ha sempre messo a disposizione dell Unione la propria professionalità e competenza, mentre Apt, alla quale è demandato il ruolo di Segreteria e gestione del portale web, ha garantito all Unione, nel corso degli anni, operatività ed efficienza nelle azioni intraprese, contribuendo, in maniera determinante, al successo della Notte Celeste. 9

10 INDIRIZZI E OBIETTIVI Individuazione linee strategiche ed obiettivi per il 2015 Partendo dalle riflessioni evidenziate dalle Linee Guida della Regione Emilia Romagna, che ci indicano il perpetuarsi delle condizioni di incertezza dei mercati e le conseguenti criticità in merito alle capacità di spesa dei turisti, soprattutto nel panorama nazionale ma anche in quello internazionale, si rende necessario individuare linee strategiche caratterizzate dalla massima flessibilità. Se da un lato vi sarebbe l esigenza di individuare una programmazione di medio-lungo periodo per garantire stabilità ed efficacia alle azioni intraprese, dall altro vi è la necessità di poter intervenire rapidamente a modificare la propria programmazione per mantenere le posizioni acquisite sui vari mercati. L Unione Terme, anche per il 2015, concentrerà i propri sforzi nei confronti del mercato nazionale, cercando di focalizzare gli interventi non in maniera generica, ma su determinate aree di interesse, ove maggiore è la capacità di penetrazione dell immagine del prodotto terme e benessere nel mercato turistico. Ciò nonostante, il perdurare della crisi economico-finanziaria nazionale, ci induce a proseguire l opera di implementazione e l incentivazione della promozione sui mercati esteri, auspicata dalla Regione, per contrastare il calo dei consumi turistici del mercato interno. Al fine di favorire il processo di internazionalizzazione e assecondare le richieste di una parte dei soci privati, saranno individuate apposite azioni sui mercati esteri, da organizzare in collaborazione con Apt Servizi. L Unione Terme, al fine di migliorare l incisività delle azioni da intraprendere, tenderà, pertanto, a favorire e partecipare ad iniziative che non necessariamente dovranno coinvolgere l intero comparto termale della nostra Regione, con azioni diversificate, anche per territorio, a seconda degli interessi evidenziati dai soci pubblici e privati. La competizione e la concorrenza con mete turistiche internazionali, che si affacciano sul mercato con offerte turistiche e di benessere assolutamente competitive nel rapporto qualitàprezzo si è fatta, in questi ultimi anni, sempre più agguerrita. Il buon rapporto qualità-prezzo, l innovazione, l alto livello di servizio e di accoglienza, uniti alla qualificata e diversificata offerta turistica dei nostri territori, saranno la carta vincente che le nostre località termali dovranno giocare per potersi riconfermare mete turistiche competitive a tutti gli effetti. L EXPO 2015 rappresenterà un occasione unica per dare visibilità alle offerte turistiche della nostra regione, sia in termini di prodotti che di territori turistici. Indirizzi In base ad una parziale valutazione delle azioni in calendario per l anno in corso e sulla base dell analisi dei dati 2013, si riconferma, anche per il 2015 la necessità di individuare azioni mirate a qualificare e integrare il prodotto termale e del benessere con il territorio, valorizzando al meglio l offerta turistica vera e propria delle località termali. Le priorità per l Unione di Prodotto Terme, Salute e Benessere che caratterizzeranno i contenuti del Piano Promozionale dell anno 2015, possono essere così riassunte. Individuare interventi di tipo promozionale e commerciale tenendo costantemente monitorate le moderne esigenze e richieste del mercato della domanda sia sul versante del benessere che su quello turistico più in generale, diversificando le proprie azioni in riferimento ai target che si intende raggiungere. 10

11 Incentivare l utilizzo di Internet (in primis il portale di e-commerce Visit) e dei social network per la promo-commercializzazione delle aziende e delle località termali più in generale. Il sito Internet dell Unione dovrà mantenere il buon livello di visibilità raggiunto in questi anni, tramite costanti azioni di web-marketing, soprattutto in occasione di eventi quali la Notte Celeste. Confermare gli investimenti promozionali sul versante radio a discapito della carta stampata e in particolare di quella quotidiana nazionale, privilegiando network nazionali come radio Rai che, se pur con una leggera flessione rispetto al passato, si riconferma il miglior investimento in termini di costo/contatto. Si ritiene opportuno ipotizzare, in affiancamento a questi ultimi la promozione su radio e quotidiani di informazione locali nelle regioni di prossimità e in particolare nell area lombarda e del nord Italia. Al fine di contenerne i costi di distribuzione, si ipotizza, per l anno 2015, una divulgazione mono-editoriale del Catalogo Benessere, che da anni viene distribuito tramite importanti riviste settimanali di prim ordine in oltre 1 milione di copie. Implementare l azione commerciale del suddetto Catalogo Benessere, tramite la riproposizione, in affiancamento a quest ultimo, di un nuovo catalogo commerciale da distribuire tramite le agenzie di viaggio italiane e le fiere turistiche nazionali ed internazionali. Una nuova iniziativa con un T.O. di incoming della nostra regione che, sulla scia dell esperienza maturata in passato dall Unione Terme con Aviomar ed Eurotravel, si propone di realizzare un catalogo ad hoc riguardante le offerte turistiche di benessere termale della nostra regione, anche in lingua inglese, da distribuire in oltre copie. Proseguire la positiva esperienza, intrapresa negli ultimi anni, tramite la partecipazione a trasmissioni televisive su reti regionali, finalizzate alla divulgazione del prodotto terme e benessere, nonché alla promozione dell evento Notte Celeste, incentivando la partecipazione diretta da parte dei soci. Continuare l opera intrapresa da alcuni anni, tesa a migliorare l integrazione tra il prodotto benessere termale e l offerta turistica del territorio, tramite azioni di co-marketing con i soci pubblici delle località termali, incentivando, sia la realizzazione di progetti innovativi sovra territoriali, sia la realizzazione di eventi nel corso dell evento Notte Celeste. Riconfermare la collaborazione intrapresa cinque anni fa, in collaborazione con Apt, con la G.D.O. Esselunga, proseguendo la commercializzazione di pacchetti di benessere termale sul catalogo punti Fidaty. Implementare le azioni sui mercati esteri, demandando ad Apt l individuazione delle opportune strategie per l ottimizzazione delle poche risorse messe a disposizione, tramite azioni che coinvolgano, nel limite del possibile, anche le altre Unioni di Prodotto. In questo contesto rientrano la partecipazione alle Fiere turistiche, la compartecipazione al progetto di Emilia Romagna Golf, la realizzazioni di educ-tour con giornalisti del settore e T.O specializzati, ed altre iniziative minori. Incrementare i contatti con i mediatori del turismo organizzato, tramite la realizzazione, da parte di Apt, di serate promozionali con i decision makers del cosiddetto turismo sociale, cral, associazioni, club aziendali, ecc Favorire e incentivare la partecipazione dei soci alle azioni di co-marketing sui Prodotti Trasversali, che riguardano temi che coinvolgono, trasversalmente, più Unioni di Prodotto. Coordinati e diretti da Apt Servizi, saranno declinati, come per l anno in corso, su varie azioni di intervento, che in linea di massima riguarderanno il Cicloturismo, l Enogastronomia, le Famiglie con bambini, la Golden Age, la Motor Valley, il Congressuale e Incentive e/o altre ancora in corso di definizione. Incentivare la collaborazione con le altre Unioni di Prodotto, anche tramite azioni promozionali integrate (balneari, termali, culturali o naturalistiche) coordinate da Apt, atte a fidelizzare la clientela ai vari prodotti turistici emiliano-romagnoli. Esprimere la massima collaborazione nei confronti di Apt Servizi, in occasione della vetrina mondiale offerta dall evento internazione EXPO Un opportunità sulla quale la Regione 11

12 E.R. ed Apt Servizi stanno da tempo investendo per non arrivare impreparati all arrivo di milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo. Ottimizzare la presenza dei soci dell Unione Terme agli eventi fieristici, investendo su quelle fiere, individuate dalla Carta Servizi di Apt, che vedono una partecipazione diretta da parte di un numero minimo di operatori. Alcune Fiere hanno assunto, nel corso degli ultimi anni, un ruolo quasi prettamente istituzionale, mentre altre, come il TTG e TTI di Rimini, riscontrano ancora un forte interesse da parte degli operatori. Sulla scia del successo riscontrato per il terzo anno consecutivo, dall evento regionale La Notte Celeste, tenutosi lo scorso 14 giugno, non si può che riconfermare, anche per il 2015, questa importante iniziativa. Un evento di sistema che ha coinvolto, per la prima volta a livello nazionale, la quasi totalità delle località termali di una regione, in un mix vincente di terme serali aperte e alberghi che hanno offerto pacchetti a prezzi scontati, pubblici esercizi ed attività commerciali che hanno proposto menù ad hoc e iniziative collaterali, ed enti pubblici che hanno promosso eventi e manifestazioni di vario genere per intrattenere gli ospiti nel corso del week-end. Una collaborazione strategica che, grazie all intervento straordinario di Apt e Coter, ha fatto registrare, nonostante il maltempo su alcune località, numeri importanti, dando grande visibilità al sistema termale della nostra regione. Sospendere, per l anno a venire, l azione di sensibilizzazione della classe medica, intrapresa nel 2014, in collaborazione con FIPES Group e Thermae Campus, tramite il progetto formativo in e-learning di approfondimento della medicina termale. Nonostante la validità del progetto, il ridotto numero di adesioni, certamente inferiore rispetto alle aspettative, non ne giustifica, per ora, la spesa sostenuta e quindi la riproposizione dell iniziativa. Portare a conclusione l iniziativa di promozione dei Centri Termali emiliano-romagnoli, che partirà a settembre 2014, denominata Driiin!!! Tutti alle Terme!, rivolta ai bambini, agli insegnati e alle famiglie. Una campagna di comunicazione per le scuole primarie, realizzata in collaborazione con il COTER e Cooperativa Atlantide che ha l intento di sensibilizzare l opinione pubblica sull importanza della promozione della salute dei piccoli e sul ruolo importantissimo giocato dalla prevenzione termale. Saranno circa le classi primarie della nostra regione coinvolte in un gioco di società denominato intermezzo che si estenderà sull intero territorio nazionale. Un concorso, sempre rivolto ai bambini, darà la possibilità alle famiglie, di vincere week-end di benessere presso le località termali della nostra regione. Monitorare i risultati derivanti dalla convenzione con l associazione UNPLI Emilia Romagna (Unione Nazionale Pro-Loco d Italia), che prevede una serie di scontistiche ai soci delle Pro- Loco emiliano-romagnole, che usufruiscono di prestazioni, trattamenti e vacanze di benessere termale più in generale, presso i centri e alberghi termali della nostra regione. Convenzione in fase di definizione che, per ora, verrà divulgata a livello regionale, ma che, con molta probabilità, sarà estesa all intero territorio nazionale nel corso del Valutare, infine, ipotesi di collaborazione con marche prestigiose di prodotti commerciali nazionali (alimentari e non) che, in fase di vendita al minuto, prevedano, per i clienti, scontistiche da poter usufruire, tramite coupon, c/o i centri termali emiliano-romagnoli aderenti. Proseguirà, anche per il 2015, lo stretto rapporto di collaborazione maturato nel corso degli anni con il COTER che, oltre a fornire i preziosi dati del proprio Osservatorio, con professionalità e competenza da anni collabora con l Unione, agevolando quest ultima nel raggiungimento degli obiettivi prefissati. In un ottica di promozione coordinata dei prodotti turistici dell Emilia Romagna si collaborerà, anche per il 2015, con Apt Servizi, confermandogli il ruolo di segreteria operativa. Tale collaborazione permetterà altresì di contenere e razionalizzare le risorse economiche, sfruttando al massimo le competenze e le professionalità operanti in Apt, nel rispetto dell autonomia dell Unione stessa. 12

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2013

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2013 UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2013 19 DICEMBRE 2012 1 PREMESSA L Unione Regionale Terme, Salute e Benessere, da ben quattordici anni, svolge un ruolo determinante

Dettagli

PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2014

PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2014 PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2014 7 Agosto 2013 PREMESSA L Unione Regionale Terme, Salute e Benessere, giunta ormai al suo quindicesimo anno di operatività, con il presente Piano, riconferma il proprio

Dettagli

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2007

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2007 UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2007 08 AGOSTO 2006 PREMESSA L Unione Regionale Terme Salute e Benessere, grazie al validissimo strumento legislativo regionale approntato

Dettagli

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2016

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2016 UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2016 29 LUGLIO 2015 1 PREMESSA Con il presente Piano, l Unione Terme, Salute e Benessere delinea le strategie, gli obiettivi e le azioni

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

La pianificazione turistica territoriale. rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino

La pianificazione turistica territoriale. rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino La pianificazione turistica territoriale rielaborazione di materiale dell'univesità di Urbino 1 L approccio per distretti e prodotti turistici Bisogni di base Scelta del tipo di vacanza Identificazione

Dettagli

Imola, 23 dicembre 2008. Cari Consiglieri,

Imola, 23 dicembre 2008. Cari Consiglieri, Imola, 23 dicembre 2008 Cari Consiglieri, Con l approssimarsi della fine dell anno, colgo l occasione per fare un bilancio dell anno 2008 e contestualmente del primo triennio di mandato dell attuale CdA

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011

ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011 ALLEGATO A: BUSINESS PLAN SINTETICO 2011 PREMESSA IL QUADRO DI RIFERIMENTO La recessione mondiale che ha colpito l economia a partire dal 2008 non ha risparmiato il settore congressuale. Sebbene negli

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

IL TURISMO NELLA PROGRAMMAZIONE 2007/2013

IL TURISMO NELLA PROGRAMMAZIONE 2007/2013 IL TURISMO NELLA PROGRAMMAZIONE 2007/2013 1. Premesse Anche se nell attuale periodo di programmazione 2000/2006 il turismo ha trovato spazio nei Programmi Regionali, soprattutto nell ambito della programmazione

Dettagli

La pianificazione turistica territoriale

La pianificazione turistica territoriale La pianificazione turistica territoriale Università di Urbino, 24 novembre 2004 LORENZA ROSSINI 1 L approccio per distretti E prodotti turistici Bisogni di base Scelta del tipo di vacanza Identificazione

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Il parco fluviale di Cuneo trova origine in una proposta avanzata dai cittadini nel lontano

Dettagli

PROGRAMMA 2013 PREMESSA

PROGRAMMA 2013 PREMESSA PROGRAMMA 2013 PREMESSA Il Piano di Marketing del territorio allargato nasce dalla volontà delle due Camere di Commercio di Forlì- Cesena e Ravenna di realizzare un progetto comune di sviluppo delle eccellenze

Dettagli

IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO

IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO Cagliari Oristano Olbia agosto 2014 BUONGIORNO Mi presento Consulenza turistiche Formazione Ricerca Progetti Studi di mercato www.teamwork-rimini.com

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010 Progetto promo-commercializzazione TurismoFVG 2010 Obiettivi generali del progetto Progetto per la realizzazione di un programma di commercializzazione del prodotto turistico della Regione Friuli Venezia

Dettagli

PROGRAMMA PROMOZIONALE E AZIONI DI CO-MARKETING ANNO 2009

PROGRAMMA PROMOZIONALE E AZIONI DI CO-MARKETING ANNO 2009 UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE E AZIONI DI CO-MARKETING ANNO 2009 30 Luglio 2008 1 PREMESSA L Unione Regionale Terme, Salute e Benessere, giunta al suo undicesimo anno

Dettagli

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati

COME FARE SISTEMA. Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati COME FARE SISTEMA Casi di successo, benchmark e best practices nel fare sistema e realizzare pacchetti turistici integrati IL TURISMO ALCUNI DATI I viaggi contribuiscono per il 10% al prodotto interno

Dettagli

TUTTO EXPLORA NEWS APRILE-MAGGIO

TUTTO EXPLORA NEWS APRILE-MAGGIO TUTTO EXPLORA NEWS APRILE-MAGGIO TUTTO EXPLORA Grazie per l interesse dimostrato nei confronti di Explora, la prima Destination Management Organization (DMO) al servizio del territorio e delle Imprese

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Temi in preparazione alla maturità DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSE IV APPROCCIO LEADER Gruppo di Azione Locale della SILA Via Guido Rossa, 24 87050 Spezzano Piccolo (CS) www.galsila.com - info@silasviluppo.com PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO ECONOMICO REGIONALE IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA STAGIONE ESTIVA 2006 IN BASILICATA OTTOBRE 2006 UNA STAGIONE ESTIVA ALL INSEGNA

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO

VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO VIII Edizione del Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio TAVOLO DEL TURISMO Intervento del Dott. Michele De Vita Segretario Generale Forum 1 Attività svolte dal tavolo del turismo

Dettagli

Il 2009 e l anno che verrà. Compiti, attività, progetti

Il 2009 e l anno che verrà. Compiti, attività, progetti 2 CONFERENZA REGIONALE DEL TURISMO Lazio. In viaggio dal mondo Internazionalizzazione e turismo tra stili, miti e mete Roma, 28-29 gennaio 2010 Il 2009 e l anno che verrà. Compiti, attività, progetti Federica

Dettagli

Circuito di tornei FIT di tennis limitato alla 3^ Categoria 3 Gruppo. Gare di singolare maschile / femminile doppio maschile

Circuito di tornei FIT di tennis limitato alla 3^ Categoria 3 Gruppo. Gare di singolare maschile / femminile doppio maschile Presentazione 1^ Edizione MILANO TENNIS TOUR Gennaio Ottobre 2017 Opportunità di Sponsorizzazione Strumenti promozionali Visibilità dello sponsor Livelli di sponsorizzazione Circuito di tornei FIT di tennis

Dettagli

PROGETTO PROMOZIONALE STRATEGICO 1

PROGETTO PROMOZIONALE STRATEGICO 1 Titolo Progetto Settori Merceologici Destinatari dell intervento Tipologia di Intervento Allegato 1 a D.D. n. 690 del 29/11/2013 PROGETTO PROMOZIONALE STRATEGICO 1 SCHEDA SINTETICA PROMOZIONE DEI PRODOTTI

Dettagli

Il servizio riguarda diverse attività finalizzate alla promozione turistica ed al marketing territoriale:

Il servizio riguarda diverse attività finalizzate alla promozione turistica ed al marketing territoriale: DOCUMENTO DESCRITTIVO DELL OGGETTO DELLA GARA. 1. OGGETTO E NATURA DEL SERVIZIO Il servizio riguarda diverse attività finalizzate alla promozione turistica ed al marketing territoriale: OBIETTIVI ATTIVITA

Dettagli

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini:

INDAGINI. Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: INDAGINI Nel corso del 2008 sono stte sviluppate le seguenti indagini: L indagine, promossa nell ambito del Tavolo termale del Progetto turismo della Provincia di Padova, ha avuto l obiettivo di integrare

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

RICERCA SUL MERCATO DELLA PROMOZIONE

RICERCA SUL MERCATO DELLA PROMOZIONE AssAP CULTURA RICERCA SUL MERCATO DELLA PROMOZIONE PROMOZIONE AL CONSUMO SERVIZI DI MARKETING OPERATIVO INCENTIVAZIONE VENDITE Quinta edizione 19 Ottobre 2004 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI 1 OBIETTIVI Analizzare

Dettagli

Progetto interregionale cicloturismo

Progetto interregionale cicloturismo Progetto interregionale cicloturismo 1 Indice 1 Premessa...2 2 Titolo del progetto...3 3 Obiettivi...3 4 Descrizione generale...3 5 Azioni previste...4 6 Dettaglio fasi...5 Fase preliminare...5 Fase di

Dettagli

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE OBIETTIVO AZIONI REALIZZATE 1. Migliorare le condizioni di accessibilità delle strutture turistiche 1.1

Dettagli

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO GERMANIA IL MERCATO TURISTICO Superficie: 357.021 kmq Popolazione: 83.251. Densità: 230 ab/kmq Lingua: Tedesco Religione: Protestanti, Cattolici Capitale: Berlino Forma istituzionale: Repubblica Federale

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

Fondazione Meta Relazione al 30 settembre 2011

Fondazione Meta Relazione al 30 settembre 2011 Fondazione Meta Relazione al 30 settembre 2011 Il presente documento ha lo scopo di illustrare l andamento della gestione della Fondazione nel primo periodo di effettiva attività di Meta, fino alla data

Dettagli

Progetto Spoleto, Città dei Tempi

Progetto Spoleto, Città dei Tempi Progetto Spoleto, Città dei Tempi Programma amministrativo di Lista Due Mondi Punto 4 Premessa Cosa e' il Turismo? Un fenomeno economico Coinvolge tante aziende Operano in tanti settori. settore commerciale,

Dettagli

S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere

S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere Profilo STRATEGA si occupa dello sviluppo d impresa, seguendola passo a passo nella pianificazione marketing, studio della comunicazione e affiancamento vendita.

Dettagli

Piano di comunicazione 2010

Piano di comunicazione 2010 Indice 1. Obiettivi del piano 2. Scenario delle esigenze di comunicazione del MIT 3. Target di riferimento 4. Strategie: linee di azione e strumenti di comunicazione 5. La comunicazione come risorsa sinergica:

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLE AZIONI STRAORDINARIE PER IL RILANCIO DI LAMPEDUSA DI PRONTA ATTUAZIONE. (venerdì 29 aprile Palazzo Chigi)

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLE AZIONI STRAORDINARIE PER IL RILANCIO DI LAMPEDUSA DI PRONTA ATTUAZIONE. (venerdì 29 aprile Palazzo Chigi) CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLE AZIONI STRAORDINARIE PER IL RILANCIO DI LAMPEDUSA DI PRONTA ATTUAZIONE (venerdì 29 aprile Palazzo Chigi) PROMOZIONE ATTRAVERSO TUTTI I MEDIA 1. Presentazione di

Dettagli

Piano di Comunicazione a cura dell Ufficio Stampa di Fiera Milano Spa aggiornato all 1 febbraio 2013

Piano di Comunicazione a cura dell Ufficio Stampa di Fiera Milano Spa aggiornato all 1 febbraio 2013 Piano di Comunicazione a cura dell Ufficio Stampa di Fiera Milano Spa aggiornato all 1 febbraio 2013 La manifestazione TranspotecLogitec, la manifestazione fieristica dedicata ad autotrasporto e logistica

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO

SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Comuni di Faenza, Brisighella, RioloTerme, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo, Conferenza Economica SCHEDA PROGETTO STRATEGICO Tavolo tematico di riferimento: PROMOZIONE DEL TERRITORIO, CULTURA,

Dettagli

Turismo: profili di sviluppo. Un territorio tra identità e innovazione Iglesias, 16 dicembre 2009

Turismo: profili di sviluppo. Un territorio tra identità e innovazione Iglesias, 16 dicembre 2009 Turismo: profili di sviluppo. Un territorio tra identità e innovazione Iglesias, 16 dicembre 2009 DI COSA PARLEREMO Il STL Sulcis Iglesiente nel 2009: l affermazione di un percorso triennale La metodologia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR I TOUR OPERATOR Riforma della legislazione nazionale del turismo 135/2001 (art. 2 e ss.) Le imprese che svolgono attività

Dettagli

Osservatorio Turistico

Osservatorio Turistico Osservatorio Turistico Turismo: congiuntura, profilo della domanda, identikit e bisogni delle imprese savonesi Savona, 4 febbraio 2005 ISNART S.c.p.A. Chi è Cosa fa Mercato Istituto Nazionale Ricerche

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it LIBERI DI VIAGGIARE 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it L associazione nata nel 2009 (è un marchio commerciale di Marco Grieco) rappresenta un circuito di circa 1800 cral, associazioni,

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

La partne il Ministero del Turismo e Trenitalia

La partne il Ministero del Turismo e Trenitalia La partne ership tra il Ministero del Turismo e Trenitalia Agenda Offerta Trenitalia per il sistema turismo Italia Obiettivi Lo sviluppo del network L offerta commerciale integ grata Il piano di Comunicazione

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

Promozione Lombardy compagnie aeree 2012 Ryanair-Trawelfly-Wizzair-AirDolomiti

Promozione Lombardy compagnie aeree 2012 Ryanair-Trawelfly-Wizzair-AirDolomiti DENOMINAZIONE DELL INIZIATIVA Promozione Lombardy compagnie aeree 2012 Ryanair-Trawelfly-Wizzair-AirDolomiti SOGGETTO PROPONENTE CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. di Bergamo La Camera di Bergamo si propone come

Dettagli

UNIONE REGIONALE TERME, SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2004

UNIONE REGIONALE TERME, SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2004 UNIONE REGIONALE TERME, SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2004 30 LUGLIO 2003 PREMESSA Siamo al sesto anno di attività dell Unione Regionale delle Terme. Pertanto l approvazione del Programma

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO

INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SULLE PRENOTAZIONI/PRESENZE NELLE AREE TURISTICHE E SUI SEGMENTI DI PRODOTTO Maggio 2010 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T.

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

IL PIANO DI COMUNICAZIONE

IL PIANO DI COMUNICAZIONE Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio IL PIANO DI COMUNICAZIONE POR FESR Lazio 2007/2013 Anna Schiavone Responsabile Comunicazione POR FESR Lazio 2007/2013 Presupposti Trasparenza (informazioni

Dettagli

La domanda tiene, ma la crisi emerge

La domanda tiene, ma la crisi emerge La domanda tiene, ma la crisi emerge Sintesi del II Rapporto sulla Competitività e attrattività del sistema turistico Gardesano Roberta Apa Luciano Pilotti, Alessandra Tedeschi-Toschi Università di Milano

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO in collaborazione con LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2011 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro

Dettagli

ESTRATTO PIANO MARKETING

ESTRATTO PIANO MARKETING OBIETTIVI GENERALI ESTRATTO PIANO MARKETING QUANTITATIVI 1. Aumentare significativamente il numero degli arrivi nella provincia di Torino; 2. Allungare la permanenza di turisti in provincia (presenze);

Dettagli

Il sistema congressuale riminese nel 2010

Il sistema congressuale riminese nel 2010 UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Polo di Rimini OSSERVATORIO CONGRESSUALE DELLA PROVINCIA DI RIMINI Il sistema congressuale riminese nel 2010 Ricerca promossa e finanziata da: 1. LA DOMANDA CONGRESSUALE ATTRAVERSO

Dettagli

p r e s e n ta z i o n e u f f i c i a l e e d i z i o n e 2 0 1 2

p r e s e n ta z i o n e u f f i c i a l e e d i z i o n e 2 0 1 2 c o n i l p a t r o c i n i o d i Città di Lugano 10 p r e s e n ta z i o n e u f f i c i a l e e d i z i o n e 2 0 1 2 s v i z z e r a, lu g a n o 1 6-1 8 N o v e m b r e, 2 0 1 2 s u p p o r t e d b

Dettagli

TUTTO EXPLORA MARZO NEWS

TUTTO EXPLORA MARZO NEWS TUTTO EXPLORA MARZO NEWS TUTTO EXPLORA Questa che avete ricevuto è la newsletter che Explora farà mensilmente per informare gli operatori turistici, le istituzioni e tutti gli attori coinvolti delle sue

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati

Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati Genova, 23 novembre 2011 A Analisi B Diagnosi C Possibili evoluzioni

Dettagli

Aree di specializzazione della MAVECO consulting e tematiche oggetto di programmi formativi

Aree di specializzazione della MAVECO consulting e tematiche oggetto di programmi formativi MA.VE.CO. Consulting Aree di specializzazione della MAVECO consulting e tematiche oggetto di programmi formativi Marketing Vendita Comunicazione Marketing Operativo e Strategico (Analisi delle Risorse,

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

Titolo GERMANIA: Rapporto Paese congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2006. Domanda Imprese/Promozione. Ambito. Fonte. Ministero degli Esteri Italiano

Titolo GERMANIA: Rapporto Paese congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2006. Domanda Imprese/Promozione. Ambito. Fonte. Ministero degli Esteri Italiano Titolo GERMANIA: Rapporto Paese congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2006 Ambito Fonte Data Domanda Imprese/Promozione Ministero degli Esteri Italiano Febbraio 2006 (n.d.) ANALISI DEL MERCATO TURISTICO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA Puglia Promozione con sede legale in Piazza Moro 33/A 70121 Bari, C.F. 93402500727 e Consorzio Teatro Pubblico Pugliese (di seguito denominato TPP) con sede legale in via Imbriani,

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO Il progetto Giovani: diritto al futuro è stato realizzato nell

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

NetforumOTTOBRE. L integrazione è la soluzione SITOVIVO. Virgilio è tornato: lo racconta Giancarlo Vergori. Un treno chiamato Search Engine PAGINA 24

NetforumOTTOBRE. L integrazione è la soluzione SITOVIVO. Virgilio è tornato: lo racconta Giancarlo Vergori. Un treno chiamato Search Engine PAGINA 24 2007 NetforumOTTOBRE RIVISTA MENSILE DI COMUNICAZIONE, MARKETING E MEDIA BUSINESS IN RETE Fabio Pagano, ceo e product manager di SitoVivo INTERVISTA Virgilio è tornato: lo racconta Giancarlo Vergori PAGINA

Dettagli

IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B. Settembre 2014

IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B. Settembre 2014 IL PORTALE WONDERFULEXPO2015.INFO La piattaforma di prenotazione B2C e B2B Settembre 2014 INDICE 1- Il mercato turistico: ieri ed oggi 2- Il comportamento del turista 3- Le opportunità 4- Gli strumenti

Dettagli

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Un adattamento del modello delle 5 forze di M. Porter Prof. Giorgio Ribaudo Management delle imprese turistiche Corso

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA

INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA INDAGINE DI CUSTOMER CARE ALLE IMPRESE CERTIFICATE OSPITALITA ITALIANA MARCHIO OSPITALITA ITALIANA Luglio 2014 A cura di Premessa L indagine di seguito presentata svolta dalla Comitel&Partners per conto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Il Ministro per il Turismo ACCORDO QUADRO TRA il Ministro per il Turismo, On. Michela Vittoria Brambilla E il Presidente dell Associazione Nazionale Comuni Italiani,

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

presenta IL WORKSHOP

presenta IL WORKSHOP presenta IL WORKSHOP 11 luglio 2014 - ore 9.00-17.00 presso Sheraton Milan Malpensa con il patrocinio di Con il riconoscimento di Federcongressi&eventi L ITALIA CALA I SUOI ASSI Un anno dopo il debutto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

ANALISI delle BUONE PRATICHE

ANALISI delle BUONE PRATICHE ANALISI delle BUONE PRATICHE POR FESR FVG 2007-2013 Scheda di valutazione Asse 3, Attività 3.2.b INVESTIAMO NEL NOSTRO FUTURO www.regione.fvg.it Progetto Sistema informativo turistico regionale FVG [ la

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli