UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2015"

Transcript

1 UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO Luglio

2 PREMESSA L Unione Regionale Terme, Salute e Benessere, giunta al suo sedicesimo anno di attività, si riconferma, ancora una volta, attrice primaria per le azioni di promozione e promocommercializzazione del prodotto turistico termale e del benessere in Emilia Romagna. Con il presente Piano, l Unione delinea le strategie, gli obiettivi e le azioni che intende perseguire nell arco della stagione turistica termale dell anno 2015, tramite l analisi dell andamento del settore turistico dei territori termali e la verifica sull efficacia delle azioni intraprese nel 2013 e tutt ora in fase di realizzazione. Un analisi sulla stagione turistica 2013 dei territori termali, tramite l esame dei dati forniti dall Osservatorio Coter, che evidenziano i mutamenti del mercato della domanda nazionale ed internazionale verso i segmenti benessere e termale e l appeal turistico dei territori termali della nostra Regione e delle strutture e servizi in essi insediati. Un esame sulle prospettive del nostro settore per gli anni a venire, tenendo in considerazione le riflessioni sull andamento del mercato turistico nazionale e regionale, evidenziate anche dalle Linee Guida Generali della Regione. La L.R. n 7/98, che rimane ancora un valido strumento di coordinamento tra promozione e commercializzazione, ha saputo creare, nel corso degli anni, le giuste sinergie tra pubblico e privato per la promozione trasversale dei prodotti turistici regionali, contraddistinguendo la nostra regione come modello da seguire nel panorama turistico nazionale. Il presente Programma Promozionale viene redatto tenendo in considerazione il budget regionale stanziato a cofinanziamento nel 2014, che si auspica possa essere riconfermato anche per l anno Come indicato nella parte introduttiva ai progetti, il budget a disposizione per l anno a venire, risulta più contenuto rispetto a quello dell anno in corso. 2

3 LA STAGIONE 2013 RIFLESSIONI E COMMENTI OMISSIS I DATI RIGUARDANTI L OSSERVATORIO SUL TERMALISMO E SUL TURISMO DELLA SALUTE IN EMILIA ROMAGNA - LA STAGIONE EDITO DAL CO.T.E.R. (Consorzio Termale dell Emilia Romagna) DEVONO ESSERE RICHIESTI ALL UNIONE TERME SALUTE E BENESSERE O DIRETTAMENTE AL COTER. OMISSIS 3

4 L ANALISI DEI DATI 2013 L andamento del settore termale nell anno 2013, che scaturisce dall analisi dell Osservatorio sul Termalismo dell Emilia Romagna edito dal COTER, riconferma il calo, se pur meno evidente dell anno scorso, della clientela benessere (-7,7%), mentre sul versante del termalismo tradizionale si evidenzia un andamento sostanzialmente stazionario (-0,7%) rispetto al 2012, con una leggerissima flessione, nel suo complesso, sia delle prestazioni termali (-1,2%) che del fatturato (-2%). Poco meno di 300 mila arrivi termali che, con oltre presenze alberghiere nel 2013, hanno generato un indotto economico che supera comunque i 650 milioni di euro e che sta a confermare la valenza di detto comparto nel sistema turistico regionale. Se negli anni passati era il comparto benessere a compensare in parte i cali del termalismo tradizionale, da due anni a questa parte, a causa della forte e perdurante crisi economica, i ruoli si sono invertiti. Una parte della popolazione italiana, ha ridotto la spesa, non frequentando più le terme, riducendone la permanenza, o semplicemente effettuando meno prestazioni benessere a pagamento; e ciò non è avvenuto solo nel nostro settore, ma in tutti i comparti turistici regionali. Pur mantenendo percentuali del tutto irrisorie, la clientela straniera è passata da uno 0,86% del 2012 ad un 1,1% del 2013, compensando in minima parte il calo dell utenza nazionale. La clientela emiliano romagnola si riconferma ancora prevalente; lo stesso dicasi per la clientela femminile rispetto a quella maschile, soprattutto nel settore benessere.. Il termalismo tradizionale resta pertanto un bacino importante e strategico per questo tipo di aziende, considerando che circa due clienti su tre si rivolgono alle terme ancora in maniera sanitarizzata, dimostrando il ruolo terapeutico delle classiche prestazioni termali. Nonostante la crisi, la sostanziale tenuta del sistema termale emiliano romagnolo è certamente da imputare all innovazione del mercato salutistico del termalismo classico e di quello non tradizionale del benessere e della riabilitazione. Un concetto di terme sempre più connesso alla moderna immagine di salute dell individuo per star bene e vivere meglio; un moderno approccio al benessere che, rispetto all alto livello di specializzazione offerto dalle aziende termali che utilizzano acque dalle forti connotazioni terapeutiche, richiede percorsi meno dotati di servizi specialistici ove la parte sensazionale e quella suggestionale riescono però ad esprimere una maggiore capacità attrattiva e ad avere una maggiore penetrazione nel mercato della domanda. La capacità attrattiva dei territori termali e il loro appeal turistico, rimane determinante nella scelta della destinazione, premiando sempre più quelle aziende termali che, tramite un offerta diversificata e innovativa, offrono una maggiore integrazione con il territorio circostante e i suoi prodotti turistici. Si riconfermano infatti, anche del 2013, andamenti alquanto differenziati tra le varie aziende termali, e ciò a dimostrazione del ruolo sempre più determinante giocato dai territori per la scelta del luogo dove passare la propria vacanza. Infatti, se è pur vero che l atteggiamento al consumo termale regionale non turistico resta maggioritario è altrettanto vero che assistiamo, anno dopo anno, ad una costante crescita della propensione turistica nella scelta del cosiddetto soggiorno termale, ove le terme e il benessere termale diventano il valore aggiunto ed elemento determinante di un offerta di vacanza più complessiva Nonostante il perdurare della crisi, il calo dei consumi e la stretta creditizia degli istituti di credito, le strutture termali e ricettive della nostra regione hanno continuato ad investire, anche sul versante del risparmio energetico e della salvaguardia ambientale, qualificandosi al 4

5 meglio per adeguare la propria offerta al mutevole mercato della domanda, per offrire innovative e ricercate proposte di benessere termale e turistiche più in generale. Un processo di trasformazione delle nostre località termali, iniziato parecchi anni fa, teso ad implementare l offerta turistica del territorio per colmare il tempo libero concesso dal dopo terme. E solo tramite questo necessario percorso di rinnovamento e specializzazione in tutte le sue declinazioni, che il sistema termale Emiliano Romagnolo, che ha rappresentato e rappresenta tutt oggi l ossatura dell Unione Terme, Salute e Benessere, potrà giocare, anche in futuro, il ruolo di protagonista nel mondo del turismo termale e del benessere. 5

6 PREVISIONI 2015 Le aspettative turistiche Nonostante i buoni propositi della politica, da quella locale a quella internazionale, non si intravede ancora la fine di questo prolungato periodo di crisi che ha messo in ginocchio parecchie aziende turistiche della nostra regione e anche per il 2015 ci vedremo costretti a dover farei conti, ancora una volta, con la costante riduzione dei consumi che ha caratterizzato il panorama turistico degli ultimi anni. Ciò porterà inevitabilmente a premiare i prodotti turistici innovativi e di appeal a scapito di quelli più generici. In questo contesto, il prodotto termale, pur in una fase di indubbia difficoltà sul mercato interno, è riuscito a mantenere un proprio posizionamento strategico, trasformando e innovando la propria offerta per colpire nuovi target di clientela turistica e adeguandosi alle nuove esigenze di mercato e al diverso approccio di fare vacanza, che vede una costante riduzione della durata media dei soggiorni e una concentrazione di flussi nei weekend. Un offerta turistica e di benessere termale che negli anni ha visto un persistente aumento dell area di concorrenza, sia nel contesto dell est europeo che del bacino del mediterraneo, con offerte qualificate e prezzi assolutamente competitivi con i quali diventa sempre più difficile competere. La contrazione dei consumi interni e il conseguente calo della clientela nazionale e locale, pur considerando irrisoria la crescita di clientela straniera, ci inducono ad incrementare gli investimenti sul mercato estero. In quest ottica, risulta determinante ottimizzare le risorse, tramite l individuazione di percorsi comuni tra Unioni di Prodotto ed Apt Servizi atti a favorire il processo di internazionalizzazione auspicato dalla Regione. Processo che, ormai da troppi anni, non viene certamente favorito da un adeguata politica turistica nazionale, che ha investito poche risorse nell ente di promozione turistica all estero (l Enit) e non ha saputo offrire alcuna visione strategica nel medio periodo. Nonostante il buon proselitismo, l assoluta mancanza di programmazione e di adeguate linee di finanziamento, hanno fatto del nostro paese una nazione che non è riuscita ad esprimere appieno le proprie potenzialità che la dovrebbero vedere, naturalmente, leader mondiale del turismo. Per contrastare ciò e incrementare le proprie quote di mercato sulla clientela straniera, le azioni da intraprendere, da parte delle aziende termali della nostra regione, dovranno essere mirate a promozionare le nostre località come mete turistiche vere e proprie, incentivando la sinergia tra pubblico e privato, valorizzando contemporaneamente, sia il prodotto che la destinazione. In questo contesto, l evento internazione EXPO, che si terrà nel 2015 a Milano, rappresenterà un occasione unica per dare visibilità al nostro paese e a tutti i prodotti turistici di eccellenza che riesce ad esprimere. Attorno al tema portante dell evento Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, si inserisce a pieno titolo l offerta eno-gastronomica di qualità della nostra regione e conseguentemente le offerte turistiche che il nostro territorio è in grado di offrire (arte e cultura - mare - natura - terme e benessere - motori, ecc.). L Unione, insieme ad Apt Servizi, dovrà implementare i propri sforzi per incentivare l utilizzo del web da parte dei propri soci, incrementando, tra l altro, l utilizzo del portale regionale per la prenotazione on-line, Visit. 6

7 LE AZIONI 2013 E 2014 Riflessioni sulle azioni intraprese ad oggi Per individuare al meglio le priorità per l anno 2015 è necessaria una breve riflessione sulle azioni intraprese dall Unione nel corso del 2013 e nei primi mesi del In linea di massima possiamo così sintetizzarle: - la carta stampata ed in particolar modo i quotidiani nazionali, confermano la loro debolezza per la promozione del termalismo emiliano romagnolo, con un costo contatto che non regge la competizione con altri mezzi. Fa eccezione la stampa quotidiana locale emiliano romagnola e delle regioni limitrofe, soprattutto se utilizzata in sinergia con le radio e Tv locali. A parte la promozione di eventi come la Notte Celeste, con tabellari ad hoc, un buon riscontro continua a dare la promozione di pacchetti turistici legata ad approfondimenti tematici di varie patologie, curabili con i trattamenti termali erogati delle nostre aziende; - si riconferma, invece, un discreto interesse verso il mezzo radiofonico, in particolare verso network nazionali come Radio Rai che, se pur in maniera più contenuta rispetto agli anni passati, sta facendo registrare un apprezzabile riscontro in termini di chiamate al numero verde; - anche gli strumenti cartacei dell Unione Terme continuano a trovare un discreto interesse da parte dei soci. In particolare, la Guida delle Terme, realizzata in collaborazione con il Coter, si conferma un valido mezzo di promozione da distribuire e/o inviare tramite le richieste al numero verde e in altre occasioni quali fiere, work-shop, eventi, ecc ; - lo stesso dicasi per il Catalogo Benessere che, giunto ormai alla sua settima edizione e prodotto in oltre 1 milione di copie, rimane certamente un importante strumento di promozione. Distribuito tramite alcune riviste settimanali di prim ordine (nel 2014 Viver Sani, Oggi e Di Più), promuove pacchetti vacanza di benessere termale nella nostra regione; - si mantiene costante il numero di visitatori del sito Internet dell Unione, anche se nel corso degli anni non si è visto un miglioramento per quanto attiene la partecipazione fattiva da parte di molti soci privati nel renderlo funzionale e maggiormente appetibile per i navigatori. Lo stesso dicasi per il portale regionale Visit, che pur rimanendo un importante mezzo di commercializzazione online, stenta a decollare come tutti auspicavano; - come per gli ultimi due anni passati, le azioni di co-marketing con i territori termali si sono concentrate prioritariamente sulla promozione e realizzazione dell evento Notte Celeste, giunta ormai alla sua terza edizione. Progetti che hanno contribuito e contribuiscono tuttora ad avvicinare il prodotto alle destinazioni; - pur non facendo più registrare gli entusiasmanti numeri dei primi anni, anche il progetto di promo-commerciale del prodotto benessere termale, realizzato con la catena della G.D.O. Esselunga continua a far riscontrare un discreto interesse da parte dei soci che vi partecipano. Grazie alla regia di Apt Servizi, la presenza, per il sesto anno consecutivo, delle Terme dell Emilia Romagna sul catalogo punti Fidaty di Esselunga realizzato in circa 3,5 milioni di copie, nonché sulla specifica brochure Benessere Termale realizzata in 500 mila copie, sta certamente dando grande visibilità al comparto termale della nostra regione; - positivi si confermano i giudizi espressi da parte dei soci, in merito alle serate promozionali organizzate da Apt in collaborazione con le varie Unioni di Prodotto. Un modo efficace e diretto di contattare i responsabili del turismo associativo e sociale, tramite workshop in alcune città italiane maggiormente strategiche per il nostro settore. Lo stesso dicasi per gli interventi di marketing diretto con i T.O., opinion leader e giornalisti del settore; - se pur con un numero di adesioni ancora contenuto per la nostra Unione rispetto a Costa e Città d Arte, un discreto interesse hanno riscontrato alcune azioni di carattere trasversale 7

8 intraprese da Apt sui mercati esteri. L azione effettuata negli ultimi due anni sul mercato russo, la recente iniziativa sul mercato tedesco, sempre diretta da APT, con l'operatore dedicato ai viaggi curativi/termali più importante in Germania che collabora con la cassa mutua tedesca, nonché l azione scouting intrapresa dall Unione Terme sul mercato Cinese, favorisce certamente il processo di internazionalizzazione auspicato dalle Linee Guida della Regione; - lo stesso dicasi per quanto attiene le azioni di co-marketing sui prodotti trasversali, che nel 2013 hanno visto la partecipazione di alcuni soci della nostra Unione, concentrandosi sui prodotti Enogastronomia, Cicloturismo e Congressuale/Incentive. Coordinati e diretti da Apt in collaborazione con le Unioni di Prodotto, si confermano un importante strumento che coinvolge più soggetti in azioni diversificate di promo-commercializzazione; - anche le iniziative promozionali realizzate sulle TV locali, finalizzate al rafforzamento della comunicazione del prodotto terme e benessere e dell evento Notte Celeste, hanno visto una partecipazione istituzionale dell Unione Terme nonché una fattiva presenza dei soci privati; - certamente inferiore rispetto alle aspettative si è dimostrato il progetto formativo di approfondimento della medicina termale in e-learning, rivolto alla classe medica, realizzato in collaborazione con FIPES Group e Thermae Campus. Nonostante l erogazione di ben 30 crediti formativi ECM, il numero di adesioni ha di poco superato le 150 unità, insufficienti a giustificare la spesa sostenuta; - la Notte Celeste conferma il suo successo, per il terzo anno consecutivo, e ciò, nonostante le condizioni meteo avverse verificatesi in alcune località emiliane. Un evento di respiro nazionale che, grazie alla collaborazione strategica tra pubblico e privato, e grazie all intervento straordinario di Regione, Apt e del Coter, anche quest anno ha fatto registrare importanti numeri di presenze e di visitatori. Un azione sulla quale, l intera filiera termale emiliano-romagnola, dovrà continuare ad investire negli anni a venire; - anche la partecipazione agli eventi fieristici di settore necessita di un attenta riflessione. Alcune di queste, sia nazionali che estere, hanno assunto, nel corso degli ultimi anni, un ruolo quasi prettamente istituzionale che non riscontra più l interesse diretto degli operatori turistici. Risulta alquanto necessario, in un ottica di contenimento dei costi messa in atto, da alcuni anni, da Regione e Apt e condivisa dalle Unioni, riconfermare la partecipazione solo a quelle fiere che riscontrano l interesse diretto da parte dei soci privati delle Unioni stesse. Si riconferma l interesse da parte dei soci dell Unione per la fiera TTG e TTI, fiera che nel 2013 ha ospitato Thermalia, reduce da un triennio in discesa, nel contesto dell evento fieristico Rinimiwellness; - nessun riscontro, per ora, riguardo alla nuova iniziativa Driiin!!! Tutti alle Terme!, ideata a fine 2013, riguardante la campagna di comunicazione per le scuole primarie, realizzata in collaborazione con il COTER e Cooperativa Atlantide. L iniziativa, la cui macchina organizzativa si concluderà a fine agosto 2014 con la conferenza stampa di presentazione, partirà con l inizio delle scuole a metà settembre di quest anno e si concluderà a giugno 2015, coinvolgendo contemporaneamente bambini, insegnati e famiglie. La campagna di comunicazione DRIIIIN!!! Tutti alle Terme! intende sensibilizzare l opinione pubblica sull importanza della promozione della salute dei più piccoli e sul ruolo importantissimo giocato dalla prevenzione, nonché diffondere la conoscenza dei Centri Termali dell Emilia Romagna, da sempre sinonimo di salute e benessere, quale patrimonio prezioso della Regione. Le Cure Termali sono terapie naturali riconosciute dal Servizio Sanitario Nazionale e sono utili per contrastare e prevenire i molti disturbi che interessano adulti e bambini. Le Terme dell Emilia Romagna dedicano una particolare attenzione alle cure termali rivolte ai bambini, grazie a reparti a loro dedicati e attrezzature moderne ed efficienti e ad operatori termali di elevata e specifica professionalità; - altrettanto dicasi per la convenzione, tuttora in corso di definizione, con l associazione UNPLI Emilia Romagna (Unione Nazionale Pro-Loco d Italia), che partirà a metà estate e che prevede una serie di scontistiche ai soci delle Pro-Loco emiliano-romagnole, che usufruiscono 8

9 di prestazioni, trattamenti e vacanze di benessere termale più in generale, presso i centri e alberghi termali della nostra regione. Con l obiettivo di allargare la convenzione a livello nazionale per l anno a venire, si riscontra ad oggi un elevato numero di adesioni da parte dei soci, consci che i riscontri veri e propri si avranno principalmente nel corso del 2015; - determinanti, per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, si riconfermano i rapporti di collaborazione con il Coter (Consorzio delle Terme dell Emilia Romagna), e con Apt Servizi. Il Coter, oltre a fornire semestralmente l analisi del proprio Osservatorio sul Termalismo, ha sempre messo a disposizione dell Unione la propria professionalità e competenza, mentre Apt, alla quale è demandato il ruolo di Segreteria e gestione del portale web, ha garantito all Unione, nel corso degli anni, operatività ed efficienza nelle azioni intraprese, contribuendo, in maniera determinante, al successo della Notte Celeste. 9

10 INDIRIZZI E OBIETTIVI Individuazione linee strategiche ed obiettivi per il 2015 Partendo dalle riflessioni evidenziate dalle Linee Guida della Regione Emilia Romagna, che ci indicano il perpetuarsi delle condizioni di incertezza dei mercati e le conseguenti criticità in merito alle capacità di spesa dei turisti, soprattutto nel panorama nazionale ma anche in quello internazionale, si rende necessario individuare linee strategiche caratterizzate dalla massima flessibilità. Se da un lato vi sarebbe l esigenza di individuare una programmazione di medio-lungo periodo per garantire stabilità ed efficacia alle azioni intraprese, dall altro vi è la necessità di poter intervenire rapidamente a modificare la propria programmazione per mantenere le posizioni acquisite sui vari mercati. L Unione Terme, anche per il 2015, concentrerà i propri sforzi nei confronti del mercato nazionale, cercando di focalizzare gli interventi non in maniera generica, ma su determinate aree di interesse, ove maggiore è la capacità di penetrazione dell immagine del prodotto terme e benessere nel mercato turistico. Ciò nonostante, il perdurare della crisi economico-finanziaria nazionale, ci induce a proseguire l opera di implementazione e l incentivazione della promozione sui mercati esteri, auspicata dalla Regione, per contrastare il calo dei consumi turistici del mercato interno. Al fine di favorire il processo di internazionalizzazione e assecondare le richieste di una parte dei soci privati, saranno individuate apposite azioni sui mercati esteri, da organizzare in collaborazione con Apt Servizi. L Unione Terme, al fine di migliorare l incisività delle azioni da intraprendere, tenderà, pertanto, a favorire e partecipare ad iniziative che non necessariamente dovranno coinvolgere l intero comparto termale della nostra Regione, con azioni diversificate, anche per territorio, a seconda degli interessi evidenziati dai soci pubblici e privati. La competizione e la concorrenza con mete turistiche internazionali, che si affacciano sul mercato con offerte turistiche e di benessere assolutamente competitive nel rapporto qualitàprezzo si è fatta, in questi ultimi anni, sempre più agguerrita. Il buon rapporto qualità-prezzo, l innovazione, l alto livello di servizio e di accoglienza, uniti alla qualificata e diversificata offerta turistica dei nostri territori, saranno la carta vincente che le nostre località termali dovranno giocare per potersi riconfermare mete turistiche competitive a tutti gli effetti. L EXPO 2015 rappresenterà un occasione unica per dare visibilità alle offerte turistiche della nostra regione, sia in termini di prodotti che di territori turistici. Indirizzi In base ad una parziale valutazione delle azioni in calendario per l anno in corso e sulla base dell analisi dei dati 2013, si riconferma, anche per il 2015 la necessità di individuare azioni mirate a qualificare e integrare il prodotto termale e del benessere con il territorio, valorizzando al meglio l offerta turistica vera e propria delle località termali. Le priorità per l Unione di Prodotto Terme, Salute e Benessere che caratterizzeranno i contenuti del Piano Promozionale dell anno 2015, possono essere così riassunte. Individuare interventi di tipo promozionale e commerciale tenendo costantemente monitorate le moderne esigenze e richieste del mercato della domanda sia sul versante del benessere che su quello turistico più in generale, diversificando le proprie azioni in riferimento ai target che si intende raggiungere. 10

11 Incentivare l utilizzo di Internet (in primis il portale di e-commerce Visit) e dei social network per la promo-commercializzazione delle aziende e delle località termali più in generale. Il sito Internet dell Unione dovrà mantenere il buon livello di visibilità raggiunto in questi anni, tramite costanti azioni di web-marketing, soprattutto in occasione di eventi quali la Notte Celeste. Confermare gli investimenti promozionali sul versante radio a discapito della carta stampata e in particolare di quella quotidiana nazionale, privilegiando network nazionali come radio Rai che, se pur con una leggera flessione rispetto al passato, si riconferma il miglior investimento in termini di costo/contatto. Si ritiene opportuno ipotizzare, in affiancamento a questi ultimi la promozione su radio e quotidiani di informazione locali nelle regioni di prossimità e in particolare nell area lombarda e del nord Italia. Al fine di contenerne i costi di distribuzione, si ipotizza, per l anno 2015, una divulgazione mono-editoriale del Catalogo Benessere, che da anni viene distribuito tramite importanti riviste settimanali di prim ordine in oltre 1 milione di copie. Implementare l azione commerciale del suddetto Catalogo Benessere, tramite la riproposizione, in affiancamento a quest ultimo, di un nuovo catalogo commerciale da distribuire tramite le agenzie di viaggio italiane e le fiere turistiche nazionali ed internazionali. Una nuova iniziativa con un T.O. di incoming della nostra regione che, sulla scia dell esperienza maturata in passato dall Unione Terme con Aviomar ed Eurotravel, si propone di realizzare un catalogo ad hoc riguardante le offerte turistiche di benessere termale della nostra regione, anche in lingua inglese, da distribuire in oltre copie. Proseguire la positiva esperienza, intrapresa negli ultimi anni, tramite la partecipazione a trasmissioni televisive su reti regionali, finalizzate alla divulgazione del prodotto terme e benessere, nonché alla promozione dell evento Notte Celeste, incentivando la partecipazione diretta da parte dei soci. Continuare l opera intrapresa da alcuni anni, tesa a migliorare l integrazione tra il prodotto benessere termale e l offerta turistica del territorio, tramite azioni di co-marketing con i soci pubblici delle località termali, incentivando, sia la realizzazione di progetti innovativi sovra territoriali, sia la realizzazione di eventi nel corso dell evento Notte Celeste. Riconfermare la collaborazione intrapresa cinque anni fa, in collaborazione con Apt, con la G.D.O. Esselunga, proseguendo la commercializzazione di pacchetti di benessere termale sul catalogo punti Fidaty. Implementare le azioni sui mercati esteri, demandando ad Apt l individuazione delle opportune strategie per l ottimizzazione delle poche risorse messe a disposizione, tramite azioni che coinvolgano, nel limite del possibile, anche le altre Unioni di Prodotto. In questo contesto rientrano la partecipazione alle Fiere turistiche, la compartecipazione al progetto di Emilia Romagna Golf, la realizzazioni di educ-tour con giornalisti del settore e T.O specializzati, ed altre iniziative minori. Incrementare i contatti con i mediatori del turismo organizzato, tramite la realizzazione, da parte di Apt, di serate promozionali con i decision makers del cosiddetto turismo sociale, cral, associazioni, club aziendali, ecc Favorire e incentivare la partecipazione dei soci alle azioni di co-marketing sui Prodotti Trasversali, che riguardano temi che coinvolgono, trasversalmente, più Unioni di Prodotto. Coordinati e diretti da Apt Servizi, saranno declinati, come per l anno in corso, su varie azioni di intervento, che in linea di massima riguarderanno il Cicloturismo, l Enogastronomia, le Famiglie con bambini, la Golden Age, la Motor Valley, il Congressuale e Incentive e/o altre ancora in corso di definizione. Incentivare la collaborazione con le altre Unioni di Prodotto, anche tramite azioni promozionali integrate (balneari, termali, culturali o naturalistiche) coordinate da Apt, atte a fidelizzare la clientela ai vari prodotti turistici emiliano-romagnoli. Esprimere la massima collaborazione nei confronti di Apt Servizi, in occasione della vetrina mondiale offerta dall evento internazione EXPO Un opportunità sulla quale la Regione 11

12 E.R. ed Apt Servizi stanno da tempo investendo per non arrivare impreparati all arrivo di milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo. Ottimizzare la presenza dei soci dell Unione Terme agli eventi fieristici, investendo su quelle fiere, individuate dalla Carta Servizi di Apt, che vedono una partecipazione diretta da parte di un numero minimo di operatori. Alcune Fiere hanno assunto, nel corso degli ultimi anni, un ruolo quasi prettamente istituzionale, mentre altre, come il TTG e TTI di Rimini, riscontrano ancora un forte interesse da parte degli operatori. Sulla scia del successo riscontrato per il terzo anno consecutivo, dall evento regionale La Notte Celeste, tenutosi lo scorso 14 giugno, non si può che riconfermare, anche per il 2015, questa importante iniziativa. Un evento di sistema che ha coinvolto, per la prima volta a livello nazionale, la quasi totalità delle località termali di una regione, in un mix vincente di terme serali aperte e alberghi che hanno offerto pacchetti a prezzi scontati, pubblici esercizi ed attività commerciali che hanno proposto menù ad hoc e iniziative collaterali, ed enti pubblici che hanno promosso eventi e manifestazioni di vario genere per intrattenere gli ospiti nel corso del week-end. Una collaborazione strategica che, grazie all intervento straordinario di Apt e Coter, ha fatto registrare, nonostante il maltempo su alcune località, numeri importanti, dando grande visibilità al sistema termale della nostra regione. Sospendere, per l anno a venire, l azione di sensibilizzazione della classe medica, intrapresa nel 2014, in collaborazione con FIPES Group e Thermae Campus, tramite il progetto formativo in e-learning di approfondimento della medicina termale. Nonostante la validità del progetto, il ridotto numero di adesioni, certamente inferiore rispetto alle aspettative, non ne giustifica, per ora, la spesa sostenuta e quindi la riproposizione dell iniziativa. Portare a conclusione l iniziativa di promozione dei Centri Termali emiliano-romagnoli, che partirà a settembre 2014, denominata Driiin!!! Tutti alle Terme!, rivolta ai bambini, agli insegnati e alle famiglie. Una campagna di comunicazione per le scuole primarie, realizzata in collaborazione con il COTER e Cooperativa Atlantide che ha l intento di sensibilizzare l opinione pubblica sull importanza della promozione della salute dei piccoli e sul ruolo importantissimo giocato dalla prevenzione termale. Saranno circa le classi primarie della nostra regione coinvolte in un gioco di società denominato intermezzo che si estenderà sull intero territorio nazionale. Un concorso, sempre rivolto ai bambini, darà la possibilità alle famiglie, di vincere week-end di benessere presso le località termali della nostra regione. Monitorare i risultati derivanti dalla convenzione con l associazione UNPLI Emilia Romagna (Unione Nazionale Pro-Loco d Italia), che prevede una serie di scontistiche ai soci delle Pro- Loco emiliano-romagnole, che usufruiscono di prestazioni, trattamenti e vacanze di benessere termale più in generale, presso i centri e alberghi termali della nostra regione. Convenzione in fase di definizione che, per ora, verrà divulgata a livello regionale, ma che, con molta probabilità, sarà estesa all intero territorio nazionale nel corso del Valutare, infine, ipotesi di collaborazione con marche prestigiose di prodotti commerciali nazionali (alimentari e non) che, in fase di vendita al minuto, prevedano, per i clienti, scontistiche da poter usufruire, tramite coupon, c/o i centri termali emiliano-romagnoli aderenti. Proseguirà, anche per il 2015, lo stretto rapporto di collaborazione maturato nel corso degli anni con il COTER che, oltre a fornire i preziosi dati del proprio Osservatorio, con professionalità e competenza da anni collabora con l Unione, agevolando quest ultima nel raggiungimento degli obiettivi prefissati. In un ottica di promozione coordinata dei prodotti turistici dell Emilia Romagna si collaborerà, anche per il 2015, con Apt Servizi, confermandogli il ruolo di segreteria operativa. Tale collaborazione permetterà altresì di contenere e razionalizzare le risorse economiche, sfruttando al massimo le competenze e le professionalità operanti in Apt, nel rispetto dell autonomia dell Unione stessa. 12

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2013

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2013 UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2013 19 DICEMBRE 2012 1 PREMESSA L Unione Regionale Terme, Salute e Benessere, da ben quattordici anni, svolge un ruolo determinante

Dettagli

PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2014

PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2014 PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2014 7 Agosto 2013 PREMESSA L Unione Regionale Terme, Salute e Benessere, giunta ormai al suo quindicesimo anno di operatività, con il presente Piano, riconferma il proprio

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2007

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2007 UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2007 08 AGOSTO 2006 PREMESSA L Unione Regionale Terme Salute e Benessere, grazie al validissimo strumento legislativo regionale approntato

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it

LIBERI DI VIAGGIARE. 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it LIBERI DI VIAGGIARE 20060 Bussero (MI) in via L. da Vinci 5 www.ldvitalia.it L associazione nata nel 2009 (è un marchio commerciale di Marco Grieco) rappresenta un circuito di circa 1800 cral, associazioni,

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2016

UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2016 UNIONE REGIONALE TERME SALUTE E BENESSERE PROGRAMMA PROMOZIONALE ANNO 2016 29 LUGLIO 2015 1 PREMESSA Con il presente Piano, l Unione Terme, Salute e Benessere delinea le strategie, gli obiettivi e le azioni

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere

S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere S T R A T E G A Pianificare Comunicare Vendere Profilo STRATEGA si occupa dello sviluppo d impresa, seguendola passo a passo nella pianificazione marketing, studio della comunicazione e affiancamento vendita.

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

Imola, 23 dicembre 2008. Cari Consiglieri,

Imola, 23 dicembre 2008. Cari Consiglieri, Imola, 23 dicembre 2008 Cari Consiglieri, Con l approssimarsi della fine dell anno, colgo l occasione per fare un bilancio dell anno 2008 e contestualmente del primo triennio di mandato dell attuale CdA

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA Puglia Promozione con sede legale in Piazza Moro 33/A 70121 Bari, C.F. 93402500727 e Consorzio Teatro Pubblico Pugliese (di seguito denominato TPP) con sede legale in via Imbriani,

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO

COMITATO DI DISTRETTO DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO del LINEA D AZIONE 6 SCHEDA PROGETTO n. 6.3 PROGRAMMA DI SVILUPPO del TITOLO DEL PROGETTO PROGRAMMA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL DISTRETTO AGROALIMENTARE DI QUALITA JONICO SALENTINO. Pagina 1 di 7 del

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

p r e s e n ta z i o n e u f f i c i a l e e d i z i o n e 2 0 1 2

p r e s e n ta z i o n e u f f i c i a l e e d i z i o n e 2 0 1 2 c o n i l p a t r o c i n i o d i Città di Lugano 10 p r e s e n ta z i o n e u f f i c i a l e e d i z i o n e 2 0 1 2 s v i z z e r a, lu g a n o 1 6-1 8 N o v e m b r e, 2 0 1 2 s u p p o r t e d b

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico,

Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico, Ideaturismo è una rete di esperti e specialisti, con lunghi anni di esperienza nel settore management e consulenza del turismo privato e pubblico, nel commercio e nella consulenza strategica per enti pubblici.

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Promozione Lombardy compagnie aeree 2012 Ryanair-Trawelfly-Wizzair-AirDolomiti

Promozione Lombardy compagnie aeree 2012 Ryanair-Trawelfly-Wizzair-AirDolomiti DENOMINAZIONE DELL INIZIATIVA Promozione Lombardy compagnie aeree 2012 Ryanair-Trawelfly-Wizzair-AirDolomiti SOGGETTO PROPONENTE CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. di Bergamo La Camera di Bergamo si propone come

Dettagli

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015

COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Gianfranco Castelli COMITATO TECNICO LAZIO PER EXPO 2015 Linee di indirizzo 8 febbraio 2013 «Nutrire il pianeta. Energia per la vita» è il tema dell Esposizione Universale - Expo 2015 che sarà inaugurata

Dettagli

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO

CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO ti invita ad essere CHARM IN ITALY L ASSOCIAZIONE PER LO SVILUPPO DEL TURISMO E LA PROMOZIONE DEL CONSUMO L associazione Charm in Italy nasce con l intento di donare nuova linfa al mercato turistico ricettivo

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione

Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Supplemento 1.2007 7 Il sistema turistico dell Emilia-Romagna: evoluzione, margini di sviluppo, obiettivi strategici della Regione Venerio Brenaggi* Sommario 1. Il sistema turistico regionale nella l.r.

Dettagli

CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE IL NETWORK CTS

CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE IL NETWORK CTS CENTRO TURISTICO STUDENTESCO E GIOVANILE IL NETWORK CTS I partecipanti all Assemblea Generale CTS del 2004 ad Atene PROTAGONISTI CON CTS Il Centro Turistico Studentesco e giovanile (CTS) è l associazione

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015) Pag. 1 di 6 Spett. Le GAL L ALTRA ROMAGNA S.CONS.AR.L. Viale Roma, 24 47027 Sarsina (FC) AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

Dettagli

RELAZIONI INDUSTRIALI E ISTITUZIONALI CIRCOLARE N. 2528 OGGETTO: VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI D.M. 15/05/2015

RELAZIONI INDUSTRIALI E ISTITUZIONALI CIRCOLARE N. 2528 OGGETTO: VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI D.M. 15/05/2015 RELAZIONI INDUSTRIALI E ISTITUZIONALI CIRCOLARE N. 2528 Roma, 23 giugno 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI Loro sedi e loro indirizzi (Via e-mail) OGGETTO: VOUCHER

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Sezione I Identificazione della misura

Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 Sistemi locali di sviluppo 4. Codice

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Dal 3 al 6 aprile 2014 in Fiera a Vicenza, vi aspettano quattro giornate di divertimento alla scoperta del fascino degli sport,

Dettagli

StileItaliano Italian Flavors

StileItaliano Italian Flavors 2013/2014 La mission Italian Flavors nasce con l intento di promuovere la micro e la piccola impresa del settore dell enogastronomia. La filosofia di base è quella di proporre il meglio delle produzioni

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO

IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO IL CLUB DI PRODOTTO PER CONQUISTARE IL MERCATO CICLOTURISTICO Cagliari Oristano Olbia agosto 2014 BUONGIORNO Mi presento Consulenza turistiche Formazione Ricerca Progetti Studi di mercato www.teamwork-rimini.com

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013

Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 Intervento Presidente Roberto Manzoni CONFERENZA REGIONALE SUL TURISMO Modena, 29 novembre 2013 La lunga crisi economica che ha colpito pesantemente il nostro Paese e con gradi diversi l economia internazionale

Dettagli

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO Settembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DELL'OSSERVATORIO...pag. 1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 Capitolo 1 STATO ED EVOLUZIONE DEL MERCATO...7

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

PROGETTO ANGHIARI SHOPPING. Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari

PROGETTO ANGHIARI SHOPPING. Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari PROGETTO ANGHIARI SHOPPING Promozione ed animazione della rete commerciale di tipicità e qualità del centro commerciale naturale di Anghiari Progetto a valere sul Bando pubblico per l accesso ai cofinanziamenti

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management CONCESSIONARIE DI PUBBLICITA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management DEFINIZIONI DEL SETTORE Il settore delle «concessionarie di pubblicità» si occupa della vendita di spazi

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Il tuo partner credibile e affidabile nel mondo della comunicazione

Il tuo partner credibile e affidabile nel mondo della comunicazione P U B B L I C I T À M A R K E T I N G Il tuo partner credibile e affidabile nel mondo della comunicazione Agenzia Lever S.r.l. Via Marcello Staglieno 10-4 16129 Genova. musso@levernet.it info@levernet.it

Dettagli

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO

GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA GIOVANI: DIRITTO AL FUTURO Il progetto Giovani: diritto al futuro è stato realizzato nell

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

La qualitàdel accoglienza turistica

La qualitàdel accoglienza turistica La qualitàdel accoglienza turistica Turismopertutti: l accoglienzadiqualitàel eccelenzadeiservizi Ciclodiseminariinfo-formativi Roma Febbraio-Luglio2014 Laqualitàpercepitadaicitadininelvivereilteritorio

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Gli strumenti del marketing turistico e territoriale L attività di marketing

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010

Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Carta delle imprese per il Turismo Sostenibile nel Parco Lombardo della Valle del Ticino 2010 Progetto LA SOSTENIBILITÀ COME PERCORSO DI QUALITÀ PER LE AZIENDE TURISTICHE DEL PARCO DEL TICINO www.networksvilupposostenibile.it

Dettagli

Salone del campeggio, delle vacanze e del tempo libero

Salone del campeggio, delle vacanze e del tempo libero Salone del campeggio, delle vacanze e del tempo libero Fiera Vicenza, 25 28 marzo 2010 Premessa Nel 2009 Fiera di Vicenza ha lanciato due nuove manifestazioni incluse nella fiera Gitando: Gitando.mystery

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti.

I protagonisti PROTAGONISTI della settimana saranno le stesse aziende aderenti. 11 15 Giugno 2012 T&CW La mission La settimana della formazione e della consulenza è un evento collettivo, con cadenza annuale, diffuso su tutto il territorio di Roma e del Lazio. L idea nasce dall esigenza

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

PAESE: LIBIA Regione della Cirenaica

PAESE: LIBIA Regione della Cirenaica PAESE: LIBIA Regione della Cirenaica I. Analisi del mercato turistico A. Analisi del turismo outgoing 1. Analisi dei flussi turistici e principali destinazioni e posizionamento dell Italia rispetto ai

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati

Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati Regione Liguria Consulta per il Turismo Progetto INNOLABS Analisi-diagnosi del Sistema Turistico Ligure Presentazione dei Risultati Genova, 23 novembre 2011 A Analisi B Diagnosi C Possibili evoluzioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU12 26/03/2015

REGIONE PIEMONTE BU12 26/03/2015 REGIONE PIEMONTE BU12 26/03/2015 Codice DB1815 D.D. 5 dicembre 2014, n. 607 Realizzazione di azioni di promozione, comunicazione e web-marketing. Affidamento alla societa' in house Sviluppo Piemonte Turismo

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale

AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale AB&A comunicazione: l agenzia con un cuore digitale Un gruppo compatto e professionale, un esperienza pluriennale, un approfondita conoscenza del mondo della comunicazione in tutte le sue sfaccettature,

Dettagli

GUIDA AI COUPON Cosa sono e come si utilizzano i coupon sconto del portale info-alberghi.com

GUIDA AI COUPON Cosa sono e come si utilizzano i coupon sconto del portale info-alberghi.com GUIDA AI COUPON Cosa sono e come si utilizzano i coupon sconto del portale info-alberghi.com I coupon sono la novità tra i servizi offerti per l estate 2013 dal portale info-alberghi.com. Una guida per

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Parchi di divertimento Indagine sull andamento della stagione 2013

Parchi di divertimento Indagine sull andamento della stagione 2013 Parchi di divertimento Indagine sull andamento della stagione 2013 1 La stagione 2013 Al termine della stagione 2013 l indagine analizza l andamento del settore dei parchi di divertimento italiani intendendosi

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.7. Sezione I Identificazione della misura Sezione I Identificazione della misura 1. Misura 4.7- Promozione e marketing turistico 2. Fondo strutturale interessato FESR 3. Asse prioritario di riferimento Asse 4 - Sviluppo Locale 4. Descrizione della

Dettagli

Promozione e commercializzazione

Promozione e commercializzazione Relazione per il Gruppo di lavoro: Promozione e commercializzazione Brand, strumenti, compiti del pubblico e del privato Redatto da: Elisa Capozzi 1 anni 80: Disney cerca un luogo per un parco tematico

Dettagli

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE TURISMO SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE OBIETTIVO AZIONI REALIZZATE 1. Migliorare le condizioni di accessibilità delle strutture turistiche 1.1

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli