CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO"

Transcript

1 CAPITOLO LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO

2 CAP. LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO. LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTALITA Per mezzo delle analisi finora compiute si sono potute evidenziare le principali cause di decesso nella ASL RM/A; il grafico e tabelle riportati di seguito prendono in considerazione le 5 cause che sono risultate essere le più frequenti nei tre anni presi in considerazione. Si tratta di Malattie del Sistema Circolatorio, Tumori, Malattie dell Apparato Respiratorio, Traumatismi ed Avvelenamenti, Malattie dell Apparato Digerente. TABELLA.: DECESSI PER LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE-ASL RM/A- valori totali anni CAUSE DI DECESSO CIRCOSCRIZIONI PRIMA SECONDA TERZA QUARTA M.SIST.CIRCOLATORIO,%,%,%,% TUMORI 0,% 9,% 9,0%,7% M.APP.RESPIRATORIO 5,% 6,% 6,0% 5,9% TRAUM.AVVELENAM.,9% 5,%,7%,% DIGER.,5%,0%,%,% ALTRO,77%,9%,9%,6% DECESSI RM/A PER GRANDI GRUPPI DI CAUSE M.SISTEMA CIRCOLATORIO,0% ALTRO,% DIGERENTE,0% TRAUMATISMI AVVELENAMEN TI,7% TUMORI 0,% RESPIRATORIO 5,9% Da quest ultima tabella e dal grafico a torta si può notare come queste cinque cause spieghino circa l 88% dei decessi avvenuti nei anni presi in

3 considerazione, ma appare ancora più evidente come esistano due cause nettamente più importanti delle altre, cioè, le Malattie del Sistema Circolatorio e i Tumori che, per ognuno degli anni presi in considerazione ha rappresentato circa il 70% dei decessi totali. Si è quindi deciso di capire quali tipologie specifiche siano maggiormente presenti all interno dei vari gruppi. Di seguito si riportano i deceduti della ASL RM/A distinti per circoscrizione di residenza e i suddetti principali gruppi di cause. PRIMA CIRCOSCRIZIONE MALATTIE SISTEMA CIRCOLATORIO,% TUMORI 0,% ALTRO,8% DIGERENTE,5% RESPIRATORIO 5,% TRAUMATISMI AVVELENAMENTI,9% SECONDA CIRCOSCRIZIONE M.SISTEMA CIRCOLATORIO,9% TUMORI 9,0% ALTRO,0% DIGERENTE,0% TRAUMATISMI AVVELENAMENTI 5,% RESPIRATORIO 6%

4 TERZA CIRCOSCRIZIONE M.SISTEMA CIRCOLATORIO,% TUMORI 9,0% ALTRO,9% DIGERENTE,% TRAUMATISMI AVVELENAMENTI,7% RESPIRATORIO 6,0% QUARTA CIRCOSCRIZIONE M.SISTEMA CIRCOLATORIO,% TUMORI,7% ALTRO,6% DIGERENTE,% RESPIRATORIO TRAUMATISMI 5,9 AVVELENAMEN % TI,% Dopo l analisi per grandi gruppi, è stato fatto un ulteriore studio per capire quali tipologie specifiche siano maggiormente presenti all interno delle seguenti cause di morte: -TUTTI I TUMORI -LE MALATTIE DEL SISTEMA CARDIO CIRCOLATORIO.

5 . LE TIPOLOGIE TUMORALI Innanzitutto è stata elaborata una tabella dove sono riportati anno per anno la causa specifica e il sesso, fornendo anche la percentuale di decessi dovuti alla causa specifica rispetto ai decessi di quella generica. Le principali tipologie di tumori rappresentate sono: i tumori maligni all apparato digerente e del peritoneo, i tumori maligni all apparato respiratorio ed i tumori maligni agli organi genito-urinari. Per quanto riguarda la differenza di genere la prima cosa che appare chiara è come esistano tipologie tumorali specifiche che colpiscono di più un sesso piuttosto che un altro. Per esempio tra gli uomini in percentuale sono più frequenti i tumori maligni Bronco Polmonari, i tumori maligni all apparato digerente e al peritoneo e i tumori maligni agli apparati genito-urinari. Per le donne invece al primo posto troviamo i tumori maligni all apparato digerente e del peritoneo, seguito dal tumore maligno alle ossa, al connettivo, pelle, mammella e in ultimo il tumore maligno Bronco Polmonare. E da evidenziare che non si sono registrati decessi dovuti a carcinomi in situ nell anno 005, questo era avvenuto solo per le donne anche nell anno 00. Da un confronto tra i vari anni si nota che i valori percentuali per il totale non rimangono costanti, la percentuale della tipologia tumorale che riguarda l apparato digerente e del peritoneo è l unica che ha un andamento costantemente crescente nell arco di tempo considerato.

6 TABELLA. :DECESSI SECONDO IL SESSO E LE TIPOLOGIE TUMORALI.- Anni (valori assoluti e percentuali) TIPOLOGIE TUMORALI M % F % TOT % M % F % TOT % M % F % TOT % Tum.mal.labbra,cavità orale e faringeo 0,7% 8,08% 8,% 0,5% 6 0,79% 6,68% 9,9% 9,9% 8,9% Tum.mal.app.digerente e del peritoneo 5 7,9%,% 66 9,8% 9 7,8% 0,70% 59 9,7% 0,75% 9,% 6 0,9% Tum.mal.app.respiratorio e intratoracico 7,8% 07,% 79,7% 0,6% 5,98% 6,5% 6,5% 7,7% 80 5,% Tum.mal.ossa,connetttivo,pelle,mammell e 9,% 8,06% 5 9,58%,67% 9 8,6% 60 0,6% 7,5% 7,7% 5 9,99% Tum.mal.organi genito urinari 55 8,% 9,6% 6 5,0% 5,6% 00,%,% 8 5,6% 0,55% 8 5,08% Tum.mal.altre non specificate sedi 58 6,78% 7 9,70% 0 8,% 57 7,% 58 7,66% 5 7,5% 50 6,6% 57 7,5% 07 7,08% Tum.mal.tessuti linfatico ed ematop. 8 9,7% 75 0,% 58 9,89% 8 0,% 7 9,6% 55 0,0% 58 7,67% 6 8,07% 9 7,87% Tumori benigni 0,% 6 0,8% 8 0,50% 0,% 6 0,79% 7 0,5% 0,% 8,06% 9 0,60% Carcinomi in situ 7 0,8% 7 0,9% 0,88% 0,% 0 0,00% 0,06% 0 0,00% 0 0,00% 0 0,00% Tum.comport.incerto e non specificato,6%,8% 5,57%,80%,85% 6,% 7,5%,9% 9,58% Totale ,00 % 7 00,00 % ,00 % ,00 % ,00 % 5 00,00 % ,00 % ,00 % 5 00,00% Mortalità proporzionale per gruppi di cause:tutte le età (anni ) Tum.comport.incerto e non specificato Carcinomi in situ Tumori benigni Tum.mal.tessuti linfatico ed ematop. Tum.mal.altre non specificate sedi Tum.mal.organi genito urinari Tum.mal.ossa,connetttivo,pelle,mammelle Tum.mal.app.respiratorio e intratoracico Tum.mal.app.digerente e del peritoneo Tum.mal.labbra,cavità orale e faringeo 0,00% 5,00% 0,00% 5,00% 0,00% 5,00% 0,00% 5,00%

7 Di seguito è riportata la tabella dei tassi grezzi per il periodo , distinti per sesso e tipologia tumorale che ha causato la morte. TABELLA. :TASSI GREZZI SECONDO IL SESSO E LE TIPOLOGIE TUMORALI.- Anni (per ab.) TIPOLOGIE TUMORALI TASSI GREZZI M F TOT Tum.mal.labbra,cavità orale e faringeo 5,5,87, Tum.mal.app.digerente e del peritoneo 98,50 86,7 9,0 Tum.mal.app.respiratorio e intratoracico 07,7 5,8 7, Tum.mal.ossa,connetttivo,pelle,mammelle 8,09 50,80 0,8 Tum.mal.organi genito urinari 56,0 7,57 6,9 Tum.mal.altre non specificate sedi,,,8 Tum.mal.tessuti linfatico ed ematop.,65 6,08 8,69 Tumori benigni 0,57,50,59 Carcinomi in situ, 0,87,00 Tum.comport.incerto e non specificato 7,5 5,87 6,6 Totale 0, 8, 09,00 Risulta subito evidente come i tumori maligni dell apparato respiratorio e Bronco Polmonare abbiano un tasso per abitanti maschile superiore di circa 6 punti di quello femminile, il contrario accade per i tumori maligni delle ossa, del tessuto connettivo, della pelle e delle mammelle che risultano come causa di morte per le donne, di gran lunga più frequente rispetto agli uomini. Per i tumori maligni all apparato digerente e del peritoneo, i tumori maligni in altre e non specificate sedi, ed i tumori maligni al tessuto linfatico ed ematopoietici non si notano differenze di genere.

8 . LE MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO Lo stesso tipo di analisi fatta per le tipologie tumorali è stata applicata per le malattie del sistema circolatorio che, come abbiamo visto, rappresenta l altra causa di decesso più frequente. Ovviamente, anche in questo caso, si sono immediatamente localizzate le cause che colpiscono più frequentemente, queste sono sia per i maschi che per le femmine le Malattie Ischemiche del cuore; tra i maschi la percentuale di deceduti per questa causa si aggira, per tutti e tre gli anni, attorno al 0%, mentre per le femmine la percentuale è più bassa e si aggira intorno al %. Il contrario si osserva per le Malattie del circolo polmonare e le altre Malattie del cuore, per le Malattie cerebrovascolari e le Malattie ipertensive, infatti, queste cause sono più frequenti tra le donne. Le serie temporali delle cause osservate sono per lo più crescenti, tranne le morti per malattie ischemiche del cuore che passano dal 5,% del 00 al,56 del 005 e le malattie del circolo polmonare e altre del cuore che passano dal 5,8% del 00 al,98% del 005.

9 TABELLA.:DECESSI SECONDO IL SESSO E LE MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO.- Anni (valori assoluti e percentuali) MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO M % F % TOT % M % F % TOT % M % F % TOT % Reumat.art.ac. e cardiop.reu.cron. 0,% 9 0,65% 0,55% 6 0,67% 0 0,80% 6 0,7% 0,% 6 0,9% 8 0,8% Malattie ipertensive 9 9,6% 09 5,09% 0,8% 96 0,68% 88 5,0% 8,% 9 0,60% 96 6,0% 88,77% Malattie ischemiche del cuore,% 0,5% 87 5,% 5 9,8% 0,% 758 5,7% 5 0,67% 86,56% 79 5,% Mal.del circolo polmonare e alt. cu. 7,9% 85 7,80% 60 5,8% 90,% 9,6% 8,% 96,58% 8,98% 77,8% Malattie cerebrovascolari 0 0,55% 0,0% 5,05% 0,69%,88% 55,96% 8,08% 00,5% 8,0% Malattie delle arterie, arteriole capil.,0% 0,7% 7,09%,78%,7% 77,58% 9,9% 6,76% 85,07% Mal.delle vene,dei vasi linf.,altre m. 5 0,5% 9 0,65% 0,59% 6 0,67% 0,88% 7 0,79% 0,5% 8 0,65% 0,5% Totale ,00% 85 00,00% 6 00,00% ,00% 50 00,00% 9 00,00% ,00% 00,00% 09 00,00% Mortalità proporzionale per gruppi di cause:tutte le età (anni ) Mal. delle vene,dei vasi linfatici,altre malattie Malattie delle arterie, arteriole e capillari Malattie cerebrovascolari Mal.del circolo polmonare e altre cuore Malattie ischemiche del cuore Malattie ipertensive Reumat.art.ac. e cardiop.reum.croniche 0,00% 5,00% 0,00% 5,00% 0,00% 5,00% 0,00% 5,00% 0,00% 5,00%

10 TABELLA.5 :TASSI GREZZI SECONDO IL SESSO E LE MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORO.- Anni (per ab.) MALATTIE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO TASSI GREZZI M F TOT Reumat.art.ac. e cardiop.reum.croniche,70,,6 Malattie ipertensive 0,0 7,0 58, Malattie ischemiche del cuore 59,0 5,9 55,00 Mal.del circolo polmonare e altre cuore 85,58 9,56 0,66 Malattie cerebrovascolari 8,5 6,9 00,87 Malattie delle arterie, arteriole e capillari 7,7,7 5,6 Mal. delle vene,dei vasi linfatici,altre malattie,99,9,79 Totale 89,59 8,50 8,9 Ovviamente calcolando i tassi grezzi di mortalità per il periodo , quelli riferiti alle malattie ischemiche del cuore risultano essere i più elevati sia per le donne che per gli uomini. In generale per tutte le malattie del sistema circolatorio, nel periodo , i tassi grezzi non mostrano ampie differenze di genere.

11 . LA MORTALITA PER CAUSA VIOLENTA Durante l analisi dei dati si è deciso di dedicare una parte del lavoro alle cause violente di morte perché queste, come abbiamo già visto, risultano essere tra i fattori significativi evitabili di mortalità per i residenti della ASL RM/A. Il campione è stato ristretto ai soli decessi dovuti a traumatismi e avvelenamenti che nella nona revisione della Classificazione Internazionale delle Malattie corrispondono ai codici compresi nell intervallo Considerando le modalità della variabile causa violenta riportate dalla scheda di morte sono state costruite una serie di tabelle per i singoli anni relative ai volumi di evento, ed anche i tassi grezzi per ab., questi ultimi costruiti con il relativo ammontare della popolazione fornito dal C.E.U. del Comune di Roma. TABELLA.6: DISTRIBUZIONE DEI SOLI DECEDUTI PER CAUSA VIOLENTA, PER CIRCOSCRIZIONE E MODALITA' DI MORTE (valori assoluti e percentuali)-anno 00- CIRCOSCRIZIONI CAUSA VIOLENTA ACCID. INF.LAV SUICIDIO OMICIDIO NON IND TOT ,% 0,0% 8,9% 0,0% 5,7% 00,0% 9,7% 0,0% 9,% 0,0% 9,9% 0,5% ,9% 0,0%,5%,8% 57,7% 00,0% 9,6% 0,0% 6,5% 50,0% 0,8% 0,% 0 9 0,8%,6% 0,% 0,0% 56,% 00,0% 6,9% 50,0%,8% 0,0% 5,% 5,% ,0%,%,%,% 56,% 00,0%,8% 50,0%,% 50,0%,%,% TOTALE RM/A ,% 0,8%,%,% 56,% 00,0%

12 TABELLA.7: TASSI GREZZI DI MORTALITA PER CAUSA VIOLENTA E CIRCOSCRIZIONE -Anno 00- CIRCOSCRIZIONI CAUSA VIOLENTA ACCIDENTALE INFORT.SUL LAVORO OMICIDIO SUICIDIO TOTALE,50 0,00 0,00 8,,5 6,96 0,00, 7,7 6,99,,78 0,00 7, 69,,8 0,9,8 5,,90 TOTALE RM/A,07 0,0,9 6,7 5, TABELLA.8: DISTRIBUZIONE DEI SOLI DECEDUTI PER CAUSA VIOLENTA, PER CIRCOSCRIZIONE E MODALITA' DI MORTE (valori assoluti e percentuali)-anno 00- CIRCOSCRIZIONI CAUSA VIOLENTA ACCID. INF. LAV SUICIDIO OMICIDIO NON IND TOT ,% 0,0%,5%,0% 68,% 00,0% 9,% 0,0%,5% 0,0% 6,% 5,6% ,%,% 5,% 0,0% 7,% 00,0% 6,% 00,0% 6,% 0,0%,% 0,6% 0 0,% 0,0%,% 6,7% 76,7% 00,0% 7,% 0,0%,8% 0,0%,5%,6% ,% 0,0%,0%,% 55,% 00,0% 7,% 0,0% 8,5% 0,0% 6,9%,% TOTALE RM/A ,% 0,% 0,%,9% 66,% 00,0% TABELLA.9: TASSI GREZZI DI MORTALITA PER CAUSA VIOLENTA E CIRCOSCRIZIONE -Anno 00- CAUSA VIOLENTA CIRCOSCRIZIONE ACCIDENTALE INFORT.SUL LAVORO OMICIDIO SUICIDIO TOTALE,07 0,00,6,5 5,90 7,8 0,8 0,00 9,70 6,86 7,8 0,00,6,8 5,60,87 0,00 0,50,95,0 TOTALE RM/A 0,9 0,0 0,99 5,7 5,8

13 TABELLA.0: DISTRIBUZIONE DEI SOLI DECEDUTI PER CAUSA VIOLENTA, PER CIRCOSCRIZIONE E MODALITA' DI MORTE (valori assoluti e percentuali)-anno 005- CIRCOSCRIZIONI CAUSA VIOLENTA ACCID. INF.LAV SUICIDIO OMICIDIO NON IND TOT ,% 0,0% 0,8% 5,7% 58,5% 00,0% 7,0% 0,0% 5,8% 60,0%,% 5,% ,% 0,0% 9,%,9% 68,5% 00,0%,% 0,0% 0,8% 0,0% 7,6% 5,7% ,0% 0,0% 0,0% 0,0% 75,0% 00,0%,8% 0,0% 0,0% 0,0%,%,% ,8% 0,0% 0,%,% 60,8% 00,0% 6,8% 0,0%,% 0,0% 5,8% 7,6% TOTALE RM/A ,% 0,0%,%,% 6,8% 00,0% TABELLA.: TASSI GREZZI DI MORTALITA PER CAUSA VIOLENTA E CIRCOSCRIZIONE -Anno 005- CIRCOS. TASSI GREZZI ACCIDENTALE OMICIDIO SUICIDIO TOTALE 6,5,5 8,97, 8,95 0,8,07,9,06 0,00 0,00,5,5 0,5,06 0,05 TOTALE RM/A 9,6,0,8,5 Dall analisi delle tabelle relative ai volumi risulta evidente come in media, in oltre il 6% dei casi delle schede prese in considerazione non venga indicata la modalità della variabile causa violenta; motivo questo che inficia notevolmente la capacità informativa del dato derivabile dalle schede di morte. Le morti sul lavoro, rappresentano trend in decrescita, ma pur con la loro sporadicità suggeriscono la necessità di mantenere alta l attività di vigilanza sui cantieri, onde prevenire il loro accadere.

14 Vedendo il fenomeno dal punto di vista dei tassi grezzi si può notare come l accidentalità abbia un andamento variabile, probabilmente dovuto al fatto che la stragrande maggioranza delle schede che non individuano la causa appartengono a questa fattispecie soprattutto a seguito della importanza dell'incidentistica stradale e domestica nelle classi d età più adulte. Un discorso a parte è costituito dai suicidi che rappresentano, tra queste, la seconda causa per ordine di importanza e che sembrano avere un trend discendente negli anni; il fenomeno interessa maggiormente soggetti di sesso maschile pur essendo la mortalità per causa violenta interessare, come causa assoluta, in leggera maggioranza le donne. Si è deciso poi di andare a osservare i decessi per causa violenta in base alle fasce d età -, 5-9, 0-6, 65+. TABELLA.: TASSI GREZZI DEI DECESSI PER TRAUMATISMI ED AVVELENAMENTI, PER PARTICOLARI CLASSI D ETA -Periodo CLASSI D'ETA' V.A. TASSI GREZZI -, , , 65+,57 TUTTE LE ETA 76 8, Per avere una prima visione d insieme si sono riportati semplicemente i valori assoluti e i tassi grezzi, per abitanti, per il periodo della ASL RM/A nel suo complesso. Si rileva, per tutti e tre gli anni, una forte incidenza della causa Traumatismi ed avvelenamenti nella fascia d età oltre i 65 anni attribuibile in prima istanza all incidentalità domestica.

15 TABELLA.:DECEDUTI TOTALI PER CAUSA VIOLENTA E CLASSI D ETA (valori assoluti e percentuali) CLASSI D'ETA' CAUSA VIOLENTA ACCIDENT. T.grezzo INFORTLAV. T.grezzo SUICIDIO T.grezzo OMICIDIO T.grezzo -,6 0 0,00 0 0,00 0 0, ,7 0,9 9,0 0, ,8 0, 7 5,95,5 65+, 0,9 8 8,08 0,87 TUTTE LE ETA 7,55 0,0 8 5,6 6,07 Cominciamo con il considerare la prima classe d età ed è subito evidente come tutti i deceduti fino ai anni siano morti per causa accidentale. Tra i deceduti nella fascia d età 5-9 la causa prevalente è quella accidentale, seguita dai suicidi. Il tasso grezzo di mortalità più elevato tra i 0 e i 6 anni lo troviamo per i suicidi e di un valore percentuale più basso quello dei deceduti per causa accidentale. Tra gli ultrasessantacinquenni, come potevamo aspettarci, il tasso grezzo più elevato è quello costruito per le cause accidentali, di tre volte superiore a quello relativo a tutte le età. Da notare come il tasso grezzo relativo ai deceduti per suicidio, per questa classe d età, risulti superiore di circa tre punti a quello costruito per tutte le età. Andando a vedere le differenze di genere per i deceduti per cause violente, possiamo notare come tra i maschi il 57,6% muore per cause accidentali e costituiscono circa il 70% di tutti i morti per suicidio. Questa prevalenza maschile (il 75%) rimane anche tra i morti omicidi. Un ulteriore analisi è stata fatta per evidenziare le principali cause di morte distinte per età del deceduto,i risultati ottenuti mostrano che tra gli ultrasessantacinquenni la frattura degli arti inferiori è quella più frequente. Abbiamo detto che come gli ultrasessantacinquenni anche i deceduti tra i 5 e i 9 anni muoiono per lo più per cause accidentali, ma a differenza dei primi tra questi ultimi le cause più specifiche ricorrenti sono le Fratture multiple di ambedue gli arti superiori e dell arto superiore con le costole e lo sterno

16 DECEDUTI D ot/l ines sh ow count s DECEDUTI Per evidenziare quanto detto finora si è deciso di riportare delle rappresentazioni lineari per età e per genere, dell andamento del fenomeno legato alle morti per causa violenta. TABELLA.: DECESSI PER TRAUMATISMI E AVVELENAMENTI PER ETA E SESSO. -Anni Deceduti ETA'(anni) Per le donne nelle età inferiori ai trenta anni la mortalità per traumatismi e avvelenamenti è relativamente modesta, oltre i trenta comincia ad aumentare fino a costituire nelle età superiori ai 65 anni il 7% delle morti per le donne. Questo andamento del fenomeno non si ripete nei maschi, infatti, la distribuzione di mortalità presenta diversi picchi già subito dopo i 8 anni. E tra i 5 e i 5 anni che si osserva un numero maggiore di picchi. Disaggregando la casistica per modalità di evento, per genere ed età otteniamo i seguenti grafici. SUICIDI-Maschi (55 CASI) SUICIDI-Femmine ( 9 CASI) ETA'(anni) ETA'(anni)

17 DECEDUTI DECEDUTI Confrontando le due distribuzioni si può subito notare come per i maschi la maggiore frequenza si realizza dopo i 5 anni, quando aumentano il numero di casi con due picchi a 0 e 5 anni. Per le donne, invece, si hanno più casi concentrati tra i 50 e i 60 anni e un picco ai 75 anni. OMICIDI -Maschi ( CASI) OMICIDI-Femmine ( CASI) ETA'(anni) ETA'(anni) Sia tra i maschi che tra le femmine si registra un numero minimo di omicidi, ma possiamo notare che la distribuzione di queste ultime è spostata dopo i 5 anni. CAUSA ACCIDENTALE-Maschi ( 95 CASI) DECESSI ETA'(anni)

18 6 CAUSA ACCIDENTALE-Femmine ( 78 CASI) 5 DECESSI ETA'(anni) Per le donne, a differenza degli uomini la cui distribuzione è più continua, la mortalità per cause accidentali è concentrata nelle età avanzate. INFORTUNI SUL LAVORO-Maschi ( CASI) DECEDUTI ETA'(anni) Nel periodo non si hanno decessi per infortuni sul lavoro tra le donne e solo tre casi tra gli uomini, questi si registrano in età lavorativa e quindi sono registrate tra i 0 e i 70 anni ad indicare un prolungamento reale della stessa.

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

La mortalità per causa in Italia. Anno 2012. Uno sguardo d insieme. A cura di Monica Vichi, Giuseppe Loreto e Susanna Conti

La mortalità per causa in Italia. Anno 2012. Uno sguardo d insieme. A cura di Monica Vichi, Giuseppe Loreto e Susanna Conti La mortalità per causa in Italia. Anno 2012 Uno sguardo d insieme A cura di Monica Vichi, Giuseppe Loreto e Susanna Conti Nel 2012 in Italia si sono verificati in totale 613.520 decessi, dei quali 609.896

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*)

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*) 2.2. MORTALITÀ 2.2.1. Mortalità generale Risultano 203 i decessi di persone residenti nella Repubblica di San Marino avvenuti nel 2002 (114 maschi e 89 femmine) con un tasso grezzo di mortalità del 7,1.

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Febbraio, 2012 Dipartimento di Epidemiologia del

Dettagli

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE 6.1 Salute umana Dall analisi della documentazione di progetto sottoposta ad autorizzazione emerge come la tematica della Salute Umana sia stata affrontata in modo inadeguato, ovvero con estrema superficialità

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO Registro Tumori del Veneto agosto 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi M e

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990.

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. agosto 2015 EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. Registro Tumori del Veneto Baracco M, Baracco S, Bovo E, Cesco G, Dal

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Roma, dicembre 2010. Introduzione

Roma, dicembre 2010. Introduzione Roma, dicembre 2010 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Introduzione L obiettivo di questo

Dettagli

Igiene nelle Scienze motorie

Igiene nelle Scienze motorie Igiene nelle Scienze motorie Epidemiologia generale Epidemiologia Da un punto di vista etimologico, epidemiologia è una parola di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»

Dettagli

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi

Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Comune di Bologna Settore Programmazione, Controlli e Statistica Come si spostano le donne e gli uomini bolognesi Analisi di alcuni indicatori statistici relativi alla mobilità Marzo 2008 Direttore Gianluigi

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

Correlazione tra inquinanti e malattie nell area geotemica toscana. Medicina democratica Sezione di Livorno e val di Cecina (a cura di )

Correlazione tra inquinanti e malattie nell area geotemica toscana. Medicina democratica Sezione di Livorno e val di Cecina (a cura di ) Correlazione tra inquinanti e malattie nell area geotemica toscana Medicina democratica Sezione di Livorno e val di Cecina (a cura di ) link http://www.ars.toscana.it/web/guest/news/-/blogs/lo-studio-completo-dell-ars-sulla-geotermia?

Dettagli

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1

Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Università degli Studi di Padova Scuola di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia - A.A. 2014-15 Corso: Statistica e Metodologia Epidemiologica 1 Docenti: prof.ssa Anna Chiara Frigo

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

Bambini e ragazzi affetti da tumore

Bambini e ragazzi affetti da tumore Bambini e ragazzi affetti da tumore Firenze, 29 maggio 2014 Gianfranco Manneschi U.O. Epidemiologia clinica e descrittiva ISPO Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica introduzione La patologia

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Milano I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Milano Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

7.2 Indagine di Customer Satisfaction

7.2 Indagine di Customer Satisfaction 7.2 Indagine di Customer Satisfaction Il campione L indagine è stata condotta su un campione a più stadi di 795 clienti TIEMME SpA (errore di campionamento +/ 2%) rappresentativo della popolazione obiettivo,

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore ESERCITAZIONE 2 TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore Modalità di lettura della tabella di contingenza 2x2 sull associazione tra l esposizione

Dettagli

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 Ricerca epidemiologica Gli epidemiologi sono interessati a conoscere l incidenza delle malattie per prevedere i

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto Luglio 2011 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Treviso: periodo 2003-2005. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S,

Dettagli

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata,

Dettagli

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia

I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia. L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia I dossier del Centro di Monitoraggio della Sicurezza Stradale di Regione Lombardia L incidentalità sulle strade della provincia di Brescia Novembre 2014 Per accedere al data-base dell incidentalità stradale

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI STUDIO OSSERVAZIONALE SULLA PREVALENZA DELLE PIU COMUNI PATOLOGIE UROLOGICHE E DEL LORO IMPATTO SULLA QUALITA DI VITA IN PAZIENTI SOTTOPOSTI A DIALISI. Introduzione 2 Obiettivo dello studio 4 Materiali

Dettagli

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto luglio 2014, SER Sistema Epidemiologico Regionale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Area Sanità e Sociale - Sezione Controlli Governo e Personale SSR Regione Veneto La sopravvivenza dei malati di tumore in

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano

Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano Una lettura di genere del mercato del lavoro in Provincia di Bolzano La forza lavoro femminile Il mercato del lavoro in provincia di Bolzano è caratterizzato da un alto tasso di partecipazione, sia rispetto

Dettagli

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali.

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. Tuttavia, a livello mondiale, le principali cause di morte sono rappresentate da: -diarrea -malaria -tubercolosi

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Scopo del documento Questo documento si propone di fornire alcuni suggerimenti agli organizzatori sulla distribuzione del montepremi nei tornei.

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

Numero 28 /2015 Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro nell anno 2014 nelle statistiche INAIL

Numero 28 /2015 Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro nell anno 2014 nelle statistiche INAIL Numero 28 /2015 Le malattie professionali e gli infortuni sul lavoro nell anno 2014 nelle statistiche INAIL L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno

Dettagli

Epidemiologia generale

Epidemiologia generale Epidemiologia Da un punto di vista etimologico, epidemiologia è una parola di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione» Epidemiologia generale Disciplina che ha come

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO Registro Tumori del Veneto novembre 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi

Dettagli

ELEMENTI DI DEMOGRAFIA

ELEMENTI DI DEMOGRAFIA ELEMENTI DI DEMOGRAFIA 2. Caratteristiche strutturali della popolazione Posa Donato k posa@economia.unisalento.it Maggio Sabrina k s.maggio@economia.unisalento.it UNIVERSITÀ DEL SALENTO DIP.TO DI SCIENZE

Dettagli

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75]

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 0.15 ) Donne, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Silvia Candela, S.Epidemiologia Dipartimento

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Elisa Albini - Medico Competente Spedali Civili di Brescia, Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione

Dettagli

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole:

Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: Analisi dei dati di morbosità nei comuni di Castelraimondo e Gagliole: integrazione alle considerazioni conclusive riportate nella versione Ottobre 2013 AGENZIA PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DELLE MARCHE

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Problemi di metodo da affrontare nello studio epidemiologico delle malattie non infettive S ono spesso disponibili solo studi di

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL ******

Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL ****** Numero 44 /2014 Le mansioni a rischio per patologie muscoloscheletriche nei dati INAIL Nei giorni scorsi è stato pubblicato dall INAIL il II volume delle Schede di rischio da sovraccarico biomeccanico

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 207 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori SALVATO e CARCARINO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 9 MAGGIO 1996 Norme

Dettagli

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici

Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici Buone pratiche sulla sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali e domestici ROMA 5 dicembre 2011 2.1.1. Comunicazione dei dati delle sorveglianze e collaborazione con stakeholder esterni al SSR

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

Statistica. Esercitazione 3 5 maggio 2010 Serie storiche. Connessione e indipendenza statistica

Statistica. Esercitazione 3 5 maggio 2010 Serie storiche. Connessione e indipendenza statistica Corso di Laurea in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia, Università degli Studi di Milano-Bicocca a.a. 2008/2009 Statistica Esercitazione 3 5 maggio 2010 Serie storiche. Connessione e indipendenza

Dettagli

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale 05_16.doc 1 La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. R.I. 16/05 Settembre 2005

Dettagli

2 Stato di salute. Tabella 2.1 - Mortalità per settore - Comune di Arezzo 1999-2001

2 Stato di salute. Tabella 2.1 - Mortalità per settore - Comune di Arezzo 1999-2001 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa Lo studio della mortalità di una popolazione costituisce una buona base per la comprensione della diffusione delle patologia ad alta letalità quali

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Servizio di Epidemiologia, Azienda USL

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

Il diritto di cittadinanza in Europa

Il diritto di cittadinanza in Europa Il diritto di cittadinanza in Europa Il diritto e le politiche della cittadinanza sono uno strumento essenziale per regolare i processi di integrazione a lungo termine. Perciò è importante fare il punto

Dettagli

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia

I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia 1 luglio 2015 #lavoro Rassegna Stampa Messaggero Veneto2lug2015 Il Piccolo 2lug2015 TG3 RAI FVG 1lug2015 I lavoratori domestici in Friuli Venezia Giulia Anche in Friuli Venezia Giulia il mercato del lavoro

Dettagli

Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana)

Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana) Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana) Dr. Alessandro Barchielli Unità di epidemiologia Asl 10 Firenze alessandro.barchielli@asf.toscana.it Causa principale di non autosufficienza

Dettagli

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Trasporti. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Trasporti Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Incidenti stradali Nel 2012, come comunicato dall'istat, si sono registrati in Italia 186.726

Dettagli

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9]

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 1.37 ) Uomini, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto

Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Presentazione dell Atlante della struttura produttiva e delle malattie professionali nel Veneto Franco Sarto, Michela Veronese, Sara Roberti COREO Armando Olivieri, Luca Benacchio, Spisal ULSS 15 Le fonti

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati

Il fumo in Italia. Sintesi dei risultati Indagine effettuata per conto de l Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sintesi dei risultati

Dettagli

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Paola Zambon Registro Tumori del Veneto (IOV IRCCS) Manola Lisiero, Mario Saugo (SER) Belluno, 20 Ottobre 2011 Casi annui in Veneto stimati nel 2011 a partire

Dettagli

Epidemiologia della malattia nodulare,delle tiroiditi e delle neoplasie della tiroide

Epidemiologia della malattia nodulare,delle tiroiditi e delle neoplasie della tiroide Le Malattie della Tiroide A.S.L. AL- Casale Monferrato 19-03- 2011 Epidemiologia della malattia nodulare,delle tiroiditi e delle neoplasie della tiroide Anna Caramellino Massimo Miglietta Perché pazienti

Dettagli

STATISTICA IX lezione

STATISTICA IX lezione Anno Accademico 013-014 STATISTICA IX lezione 1 Il problema della verifica di un ipotesi statistica In termini generali, si studia la distribuzione T(X) di un opportuna grandezza X legata ai parametri

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema Il rumore è fra le principali cause del peggioramento della qualità

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

LA MORTALITÀ PER TUMORE NEI DISTRETTI DELL ULSS 6 DI VICENZA. ANNI 2000-2003

LA MORTALITÀ PER TUMORE NEI DISTRETTI DELL ULSS 6 DI VICENZA. ANNI 2000-2003 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, POPOLAZIONE E SOCIETÀ Relazione finale LA MORTALITÀ PER TUMORE NEI DISTRETTI DELL ULSS 6 DI VICENZA. ANNI

Dettagli

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Fatti Premi costi motivazioni curafutura illustra i principali fatti e meccanismi relativi al tema dei premi dell assicurazione malattie, spiega come si arriva alla definizione del premio della cassa malati,

Dettagli