CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE"

Transcript

1 CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

2 CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata, anche nell analisi delle ASL ROMA/A si è deciso di considerare evitabile la mortalità che avviene a tutte le età comprese nella fascia 0-74 anni, invece di quanto precedentemente valutato nel solo arco di età compreso tra i 5-69 anni. Includere la classe 0-4 sottolinea la fragilità di questa fase della vita, a cui vanno rivolti adeguati interventi preventivi di sanità pubblica, mentre viene inclusa la classe anni perché, ormai la speranza di vita include ampiamente anche il periodo precedente i 75 anni di età in quello in cui, nella nostra casistica, molte cause di mortalità potrebbero essere contrastate da interventi di tipo sanitario. Si è iniziato a studiare la mortalità evitabile presentando per il periodo la distribuzione dei deceduti, per mortalità evitabile, suddiviso per tipologia di intervento sanitario prevalente: o PREVENZIONE PRIMARIA, rappresenta gli interventi che devono essere attuati prima dell insorgere della malattia o del verificarsi dell incidente o DIAGNOSI PRECOCE E TERAPIA, rappresenta gli interventi che devono essere attuati ai primi segni clinici o anatomopatologici della malattia prima che si raggiunga un esteso danno d organo. o IGIENE E ASSISTENZA SANITARIA, rappresenta l insieme degli interventi che costituiscono l assistenza propriamente detta anche in termini di organizzazione, disponibilità e rapidità di intervento TAB 5.1 :MORTALITA EVITABILE NELLA ASL RM/A PER GENERE E TIPOLOGIA PREVALENTE TIPOLOGIA PREVALENTE M F TOT DI INTERVENTO V.A. % V.A. % V.A. % PREVENZIONE PRIMARIA , , ,88 DIAGNOSI PRECOCE E TERAPIA 153 9, , ,54 IGIENE E ASSISTENZA SANITARIA , , ,58 TOTALE , , ,0 0

3 Si può subito notare una netta differenza tra l andamento della distribuzione dei valori nelle donne e rispetto a quanto rilevato nei maschi, infatti, la prima fattispecie presenta un andamento lineare, mentre la seconda si concentra per circa il 62% nella modalità prevenzione primaria. Questo porta a pensare che vi sia anche spazio per interventi da attuare nell area specifica. L analisi della mortalità evitabile si effettua separatamente per maschi e femmine solo per alcuni gruppi di cause, in particolare si riportano nelle tabelle seguenti il raggruppamento dei codici della Classificazione Internazionale delle Malattie (IX ed.) che sono stati presi in considerazione per le due diverse sottoclassi di intervento: TAB 5.2 : CLASSIFICAZIONE DELLE CAUSE DI MORTE CONSIDERATE -Classificazione Internazionale delle Malattie,IX revisione CAUSE (ICD 9) AREA DI INTERVENTO PREVALENTE da a GRUPPO/SOTTOGRUPPO PREVENZIONE PRIMARIA Tumori maligni delle labbra, della cavità orale, della faringe, dell'esofago Tumori maligni della trachea, dei bronchi e dei polmoni Tumori maligni della vescica MALATTIE ENDOCRINE,NUTRIZIO., METAB. E DISTURBI IMMUNI Deficienze nutrizionali Malattie ischemiche del cuore Cardiomiopatia alcoolica Gastrite alcoolica Malattia epatica cronica e cirrosi MINTOMI, SEGNI E STATI MORBOSI MALDEFINITI Sindrome della morte improvvisa del lattante TRAUMATISMI E AVVELENAMENTI Traumatismi e avvelenamenti DIAGNOSI PRECOCE E TERAPIA Tumori maligni del colon, del retto, della giunzione rettosigmoidea e dell'ano Tumori maligni della cute e tumori maligni acuti della mammella della donna Tumori maligni dell'utero (escl.placenta) Tumori maligni del testicolo Malattia di Hodgkin

4 (Segue da tab.6.2) CAUSE (ICD 9) AREA DI INTERVENTO PREVALENTE da a GRUPPO/SOTTOGRUPPO IGIENE E ASSISTENZA SANITARIA MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE Malattie infettive intestinali Tubercolosi e postumi della tubercolosi Altre malattie batteriche Malattie virali con esantema-morbillo Malattie virali con esantema (escluso Morbillo) Altre malattie da virus e clamidia Tumori maligni del fegato e dei dotti biliari intraepatici Leucemia MALATTIE ENDOCRINE,NUTRIZIO.,METAB E DISTURBI IMMUNI Disturbi della ghiandola tiroidea Diabete mellito MALATTIE DEL SANGUE E DEGLI ORGANI EMATOPOIETICI Anemie da carenza di ferro; altre anemie da carenza Altre e non specificate anemie DISTURBI PSICHICI Disturbi psichici (esclusi stati psicotici organici senili e presenili) MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO E DEGLI ORGANI DEI SENSI Meningite Epilessie Cardiopatie Reumatiche e croniche Ipertensione arteriosa Malattie cerebrovascolari MALATTIE DELL'APPARATO RESPIRATORIO Polmoniti e influenza Malattie dell'apparato respiratorio (escluso Polmoniti e influenza) Ulcera gastrica, duodenale, peptica sito n.s Appendicite Ernie della cavità addominale ( ) Colelitiasi, ( )Colecistite,(576.1)Colangite MALATTIE DEL SISTEMA GENITOURINARIO Nefrite, sindrome nefrosica e nefrosi Iperplasia della prostata COMPLIC. DELLA GRAVIDANZA DEL PARTO E DEL PUERPERIO Complicazioni della gravidanza del parto e del puerperio MALATTIE DEL SISTEMA OSTEOMUSCOLARE E DEL TES. CONNET Osteomielite, periostite e altre infezioni ossee MALFORMAZIONI CONGENITE Anomalie congenite del sistema nervoso; Spina bifida Anomalie congenite cardiache e del sistema circolatorio ALCUNE CONDIZIONI MORBOSE DI ORIGINE PERINATALE Alcune condizioni morbose di origine perinatale

5 TAB 5.3: DECESSI DI RESIDENTI NELLA ASL RM/A NEL TRIENNIO PER CAUSE EVITABILI IN ETA 0-74 ANNI, PER GENERE (valori assoluti e composizione percentuale) AREA DI INTERVENTO PREVALENTE GRUPPO / SOTTOGRUPPO ETA' da a MORTI PER CAUSE EVITABILI MASCHI FEMMINE V.A. % V.A. % PREVENZIONE PRIMARIA Tumori maligni delle labbra, della cavità orale, della faringe, 0 74 dell'esofago 44 2,66% 15 0,00% Tumori maligni della trachea, dei bronchi e dei polmoni ,99% ,36% Tumori maligni della vescica ,24% 15 0,00% MALATTIE ENDOCRINE,NUTRIZIO., METAB. E DISTURBI IMMUNI. Deficienze nutrizionali ,00% 0 0,00% Malattie ischemiche del cuore ,29% ,60% Cardiomiopatia alcolica ,00% 0 0,00% Gastrite alcolica ,00% 0 0,00% Malattia epatica cronica e cirrosi ,79% 7 0,64% MINTOMI, SEGNI E STATI MORBOSI MALDEFINITI Sindrome della morte improvvisa del lattante ,00% 0 0,00% TRAUMATISMI E AVVELENAMENTI Traumatismi e avvelenamenti ,59% 74 6,81% DIAGNOSI PRECOCE E TERAPIA Tumori maligni del colon, del retto, della giunzione rettosigmoidea e 0 74 dell'ano 125 7,56% 91 8,37% Tumori maligni della cute e tumori maligni acuti della mammella della 0 74 donna 24 1,45% ,04% Tumori maligni dell'utero (escl.placenta) ,00% 52 4,78% Tumori maligni del testicolo ,06% 0 0,00% Malattia di Hodgkin ,18% 5 0,46%

6 (segue da Tab. 5.3) ETA' MORTI PER CAUSE EVITABILI AREA DI INTERVENTO PREVALENTE GRUPPO / MASCHI FEMMINE SOTTOGRUPPO da a V.A. % V.A. % IGIENE E ASSISTENZA SANITARIA MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE Malattie infettive intestinali ,00% 0 0,00% Tubercolosi e postumi della tubercolosi ,30% 1 0,09% Altre malattie batteriche ,18% 2 0,18% Malattie virali con esantema-morbillo ,00% 0 0,00% Malattie virali con esantema (escluso Morbillo) ,00% 0,00 0,00% Altre malattie da virus e clamidia ,63% 23 2,12% Tumori maligni del fegato e dei dotti biliari intraepatici ,30% 17 1,56% Leucemia ,06% 0 0,00% MALATTIE ENDOCRINE,NUTRIZIO.,METAB E DISTURBI IMMUNI. Disturbi della ghiandola tiroidea ,00% 1 0,09% Diabete mellito ,18% 0 0,00% MALATTIE DEL SANGUE E DEGLI ORGANI EMATOPOIETICI Anemie da carenza di ferro; altre anemie da carenza ,00% 0 0,00% Altre e non specificate anemie ,00% 3 0,28% DISTURBI PSICHICI Disturbi psichici (esclusi stati psicotici organici senili e presenili) ,21% 13 1,20% MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO E DEGLI ORGANI DEI SENSI Meningite ,06% 0 0,00% Epilessie ,06% 2 0,18% Cardiopatie Reumatiche e croniche ,36% 5 0,46% Ipertensione arteriosa ,99% 40 3,68% Malattie cerebrovascolari ,99% ,67% MALATTIE DELL'APPARATO RESPIRATORIO Polmoniti e influenza ,00% 0 0,00% Malattie dell'apparato respiratorio (escluso Polmoniti e influenza) ,26% 53 4,88% Ulcera gastrica, duodenale, peptica sito n.s ,24% 4 0,37% Appendicite ,00% 0 0,00% Ernie della cavità addominale ,18% 1 0,09% Colelitiasi, colecistite, colangite ,12% 1 0,09% MALATTIE DEL SISTEMA GENITOURINARIO Nefrite, sindrome nefrosica e nefrosi ,97% 20 1,84% Iperplasia della prostata ,06% 0 0,00% COMPLIC. DELLA GRAVIDANZA DEL PARTO E DEL PUERPERIO Complicazioni della gravidanza del parto e del puerperio ,00% 0 0,00% MALATTIE DEL SISTEMA OSTEOMUSCOLARE E DEL TES. CONNET. Osteomielite, periostite e altre infezioni ossee ,00% 0 0,00% MALFORMAZIONI CONGENITE Anomalie congenite del sistema nervoso; Spina bifida ,24% 3 0,28% Anomalie congenite cardiache e del sistema circolatorio ,12% 0 0,00% ALCUNE CONDIZIONI MORBOSE DI ORIGINE PERINATALE Alcune condizioni morbose di origine perinatale ,67% 12 1,10% TOTALE DECESSI PER CAUSE EVITABILI ,00% ,00%

7 5.2 TASSI DI MORTALITA EVITABILE Dopo la descrizione di dettaglio si è provveduto a calcolare i tassi di mortalità evitabile relativi al periodo per l ASL RM/A. Questi valori danno una stima precisa delle morti evitabili per cause specifiche, in una popolazione compresa tra 0 e 74 anni di età; tale mortalità sarebbe evitabile solo attraverso una corretta applicazione di interventi di tipo preventivo, diagnostico e terapeutico o al miglioramento di quelli già in atto; più il tasso risulta elevato, dunque, più gli interventi sanitari adatti sono utili e necessari. Anche per i tassi di mortalità evitabile sono stati utilizzati i dati derivati dal numero dei decessi per causa in età 0-74 derivanti dalle denunce di morte presentate sui modelli I.S.T.A.T. e la popolazione residente in età 0-74 negli anni 2003, 2004, 2005 fornita dal C.E.U. del Comune di Roma. TAB 5.4: TASSI DI MORTALITA EVITABILE * ab. PER CAUSA DI MORTE- Periodo AREA DI INTERVENTO PREVALENTE GRUPPO / SOTTOGRUPPO TASSO DI MORT. EVITABILE MASCHI FEMMINE PREVENZIONE PRIMARIA Tumori maligni delle labbra, della cavità orale, della faringe, dell'esofago 6,83 2,33 Tumori maligni della trachea, dei bronchi e dei polmoni 59,00 25,93 Tumori maligni della vescica 5,74 2,33 MALATTIE ENDOCRINE,NUTRIZIO., METAB. E DISTURBI IMMUNI. Deficienze nutrizionali 0,00 0,00 Malattie ischemiche del cuore 59,77 19,88 Cardiomiopatia alcolica 0,00 0,00 Gastrite alcolica 0,00 0,00 Malattia epatica cronica e cirrosi 2,02 1,02 MINTOMI, SEGNI E STATI MORBOSI MALDEFINITI Sindrome della morte improvvisa del lattante 0,00 0,00 TRAUMATISMI E AVVELENAMENTI Traumatismi e avvelenamenti 27,17 10,74 DIAGNOSI PRECOCE E TERAPIA Tumori maligni del colon, del retto, della giunzione rettosigmoidea e dell'ano 19,41 13,20 Tumori maligni della cute e tumori maligni acuti della mammella della donna 3,73 30,03 Tumori maligni dell'utero (esclusa placenta) 0,00 7,54 Tumori maligni del testicolo 0,16 0,00

8 (segue da Tab. 5.4) TASSO DI MORT. AREA DI INTERVENTO PREVALENTE GRUPPO / EVITABILE SOTTOGRUPPO MASCHI FEMMINE IGIENE E ASSISTENZA SANITARIA MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE Malattie infettive intestinali 0,00 0,00 Tubercolosi e postumi della tubercolosi 0,78 0,15 Altre malattie batteriche 0,47 0,29 Malattie virali con esantema-morbillo 0,00 0,00 Malattie virali con esantema (escluso Morbillo) 0,00 0,00 Altre malattie da virus e clamidia 4,19 3,34 Tumori maligni del fegato e dei dotti biliari intraepatici 11,02 2,47 Leucemia 1,15 0,00 MALATTIE ENDOCRINE,NUTRIZIO.,METAB E DISTURBI IMMUNI. Disturbi della ghiandola tiroidea 0,00 0,15 Diabete mellito 0,71 0,00 MALATTIE DEL SANGUE E DEGLI ORGANI EMATOPOIETICI Anemie da carenza di ferro; altre anemie da carenza 0,00 0,00 Altre e non specificate anemie 0,00 0,44 DISTURBI PSICHICI Disturbi psichici (esclusi stati psicotici organici senili e presenili) 3,11 1,89 MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO E DEGLI ORGANI DEI SENSI Meningite 0,16 0,00 Epilessie 0,16 0,29 Cardiopatie Reumatiche e croniche 1,62 1,35 Ipertensione arteriosa 10,25 5,80 Malattie cerebro-vascolari 20,49 16,83 MALATTIE DELL'APPARATO RESPIRATORIO Polmoniti e influenza 0,00 0,00 Malattie dell'apparato respiratorio (escluso Polmoniti e influenza) 13,51 7,69 Ulcera gastrica, duodenale, peptica sito n.s. 0,62 0,58 Appendicite 0,00 0,00 Ernie della cavità addominale 0,47 0,15 Colelitiasi, colecistite, colangite 0,31 0,15 MALATTIE DEL SISTEMA GENITOURINARIO Nefrite, sindrome nefrosica e nefrosi 2,48 2,90 Iperplasia della prostata 0,16 0,00 COMPLIC. DELLA GRAVIDANZA DEL PARTO E DEL PUERPERIO Complicazioni della gravidanza del parto e del puerperio 0,00 0,00 MALATTIE DEL SISTEMA OSTEOMUSCOLARE E DEL TES. CONNET. Osteomielite, periostite e altre infezioni ossee 0,00 0,00 MALFORMAZIONI CONGENITE Anomalie congenite del sistema nervoso; Spina bifida 0,62 0,44 Anomalie congenite cardiache e del sistema circolatorio 2,30 0,00 ALCUNE CONDIZIONI MORBOSE DI ORIGINE PERINATALE Alcune condizioni morbose di origine perinatale 1,71 1,74

9 La mortalità evitabile più elevata per i maschi riguarda cause di morti evitabili mediante interventi di prevenzione primaria, infatti, le morti per malattie ischemiche del cuore seguite dalle morti per tumori maligni della trachea, dei bronchi e dei polmoni sono caratterizzate dal tasso più elevato; con un tasso dimezzato per le donne. È evidente che queste differenze osservate tra i generi sono da attribuire sia ad una struttura per età della popolazione femminile, più anziana rispetto a quella maschile, sia ai diversi rischi di morte per specifiche cause, riconducili anche a fattori di natura bio-fisiologica, a determinanti comportamentali, culturali e alla diversa esposizione a fattori di rischio legati, ad esempio, all occupazione. In questa area di intervento troviamo anche tassi elevati per i traumatismi e gli avvelenamenti. I tumori maligni della cute e i tumori maligni acuti della mammella della donna riguardano interventi di diagnosi precoce, categoria che comprende patologie per cui sono disponibili screening di provata efficacia e altre per cui è possibile mettere in campo terapie adeguate. Si evince quindi, che una più attenta prevenzione primaria potrebbe permettere un calo della mortalità per alcune cause, tale tipologia di prevenzione rappresenta probabilmente il punto più alto nell impegno delle strategie di sanità pubblica, ma anche il più complesso da raggiungere perché prevede di modificare stabilmente abitudini e stili di vita da un lato, o aspetti più propriamente strutturali del territorio dall altro. Continui interventi di screening nella fase iniziale, inoltre, sembrano opportuni per un calo della mortalità per tumore della mammella, che risulta la neoplasia di gran lunga più frequente nel sesso femminile.

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9]

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 1.37 ) Uomini, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75]

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 0.15 ) Donne, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

Controllare lo stato di aggiornamento sul sito web dell ISTAT http://www.istat.it sezione Dati e prodotti > Tavole di dati > Cause di morte

Controllare lo stato di aggiornamento sul sito web dell ISTAT http://www.istat.it sezione Dati e prodotti > Tavole di dati > Cause di morte Controllare lo stato di aggiornamento sul sito web dell ISTAT http://www.istat.it sezione Dati e prodotti > Tavole di dati > Cause di morte Guida alla lettura La codifica della causa di morte Le statistiche

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

1. Indice di mortalità

1. Indice di mortalità MORTALITÀ 1. Indice di mortalità ANNI INDICE DI MORTALITA 1990 10,16 1991 10,15 1992 10,12 1993 10,39 1994 10,16 1995 10,51 1996 10,30 1997 10,44 1998 10,68 1999 10,93 2000 10,46 2001 10,37 Nota: per

Dettagli

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale 05_16.doc 1 La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. R.I. 16/05 Settembre 2005

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI

Tabella 1- Risultati delle analisi di mortalità nel comune di Rocchetta di Sant Antonio per causa (Maschi, 2000-2005) TOTALE OSSERVATI TOTALE ATTESI Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001 Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 2000-2001 U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione - Direttore Dott.

Dettagli

LINEA PROGETTUALE 4. Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine. Studio di coorte sulla popolazione residente

LINEA PROGETTUALE 4. Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine. Studio di coorte sulla popolazione residente LINEA PROGETTUALE 4 Valutazione degli effetti sulla salute nella popolazione oggetto di indagine AZIONE 1 Studi epidemiologici sulla popolazione residente Studio di coorte sulla popolazione residente Allegato

Dettagli

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa

2 Stato di salute. A - Mortalità generale e per causa 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa L analisi dei dati di mortalità costituisce ancora uno strumento importante per la comprensione dello stato di salute di una popolazione, in quanto

Dettagli

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*)

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*) 2.2. MORTALITÀ 2.2.1. Mortalità generale Risultano 203 i decessi di persone residenti nella Repubblica di San Marino avvenuti nel 2002 (114 maschi e 89 femmine) con un tasso grezzo di mortalità del 7,1.

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Registro Tumori della Regione Puglia Centro di Coordinamento IRCCS Istituto Tumori Giovanni Paolo II

Registro Tumori della Regione Puglia Centro di Coordinamento IRCCS Istituto Tumori Giovanni Paolo II Registro Tumori della Regione Puglia Centro di Coordinamento IRCCS Istituto Tumori Giovanni Paolo II Analisi dei dati di mortalità e ospedalizzazione della popolazione della provincia di Foggia nel periodo

Dettagli

Le previsioni demografiche ISTAT

Le previsioni demografiche ISTAT Le previsioni demografiche ISTAT Le previsioni demografiche riportate nel capitolo 1 sono elaborate dall ISTAT sulla base di diversi scenari di dinamica demografica. Sono di seguito esplicitate le ipotesi

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Febbraio, 2012 Dipartimento di Epidemiologia del

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

La mortalità per causa in Italia. Anno 2012. Uno sguardo d insieme. A cura di Monica Vichi, Giuseppe Loreto e Susanna Conti

La mortalità per causa in Italia. Anno 2012. Uno sguardo d insieme. A cura di Monica Vichi, Giuseppe Loreto e Susanna Conti La mortalità per causa in Italia. Anno 2012 Uno sguardo d insieme A cura di Monica Vichi, Giuseppe Loreto e Susanna Conti Nel 2012 in Italia si sono verificati in totale 613.520 decessi, dei quali 609.896

Dettagli

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT

NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT SANITÀ NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.4/2015 La rilevazione sui decessi e le cause

Dettagli

LA MORTALITA IN PIEMONTE NEGLI ANNI 2001-2003

LA MORTALITA IN PIEMONTE NEGLI ANNI 2001-2003 DIREZIONE SANITA PUBBLICA LA MORTALITA IN PIEMONTE NEGLI ANNI 2001-2003 Osservatorio Epidemiologico Regionale Autori del volume: M. Dalmasso(1), S. Bellini(1), M. Gulino(2), D. Sarasino(3), P.C. Vercellino(4),

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE EDIZIONE STRAORDINARIA ANNO XLV NUMERO 18 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA Campobasso, 10 giugno 2014 PARTE I e II Si pubblica normalmente il 1 ed il 16 di ogni mese DIREZIONE,REDAZIONE ED

Dettagli

2. ASPETTI DELLA SALUTE

2. ASPETTI DELLA SALUTE Vengono di seguito descritti, in due capitoli specifici, i principali fattori di rischio per la salute della popolazione ed i principali esiti di salute in termini di morbosità e mortalità delle malattie

Dettagli

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 1995-1999

Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 1995-1999 Mortalità per causa nell ULSS 13 della Regione Veneto anni 1995-1999 U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione U.L.S.S. 13 - Regione Veneto Dipartimento di Prevenzione - Direttore Dott.

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007)

Mortalità da disturbi circolatori dell encefalo. Stima del rischio relativo per comune di residenza. (2003-2007) 5 La "cartella clinica" del Cesenate Conoscere quali sono le principali cause di morte e le malattie a maggior impatto sociale e sanitario in una popolazione può fornire utili indicazioni per l identificazione

Dettagli

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Paolo Conci Direzione Area Territorio Comprensorio sanitario di Bolzano Azienda sanitaria dell Alto Adige Epidemiologia delle malattie

Dettagli

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE

TREND DI EVENTI SANITARI NELLA REGIONE MARCHE Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it TREND DI EVENTI SANITARI

Dettagli

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAPITOLO LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAP. LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO. LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTALITA Per mezzo delle analisi finora compiute si sono potute evidenziare

Dettagli

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere

Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Epidemiologia del consumo di alcol in Italia, con riferimento anche alle determinanti di genere Elisa Albini - Medico Competente Spedali Civili di Brescia, Medicina del Lavoro, Igiene, Tossicologia e Prevenzione

Dettagli

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO PIEVE DI CENTO GALLIERA SAN PIETRO IN CASALE Ferrara MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO MINERBIO MOLINELLA CASTEL MAGGIORE GRANAROLO BUDRIO Bologna CASTENASO

Dettagli

LA CODIFICA DEI TUMORI

LA CODIFICA DEI TUMORI LA CODIFICA DEI TUMORI San Severino Marche, 22 novembre 2007 Stefano Brocco Obiettivo Evidenziare le peculiarità ed i principi nella codifica dei tumori nella schede di morte con ICD10 - Classificazione

Dettagli

Indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione residente in prossimità dello stabilimento BASF Italia Srl (ex Engelhard)

Indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione residente in prossimità dello stabilimento BASF Italia Srl (ex Engelhard) Indagini epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione residente in prossimità dello stabilimento BASF Italia Srl (ex Engelhard) Valutazione di fattibilità di studi caso-controllo e di studi

Dettagli

Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di Brindisi

Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di Brindisi Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di Brindisi Convegno Ambiente e Salute: attualità e prospettive di ricerca e di intervento nel territorio di

Dettagli

Decessi per causa. Causa1 Causa2 Maschi Femmine Totale

Decessi per causa. Causa1 Causa2 Maschi Femmine Totale Decessi per causa Causa1 Causa2 Maschi Femmine Totale Condizioni morbose di origine perinatale Disturbi relativi a gestazione breve e a basso peso alla nascita non specificato 4 0 4 4 0 4 Disturbi psichici

Dettagli

ed. 2014 La classifica MEV(i) 2014 per Regione La classifica provinciale

ed. 2014 La classifica MEV(i) 2014 per Regione La classifica provinciale ed. 2014 La classifica MEV(i) 2014 per Regione Rispetto al precedente Rapporto MEV(i) l indicatore di sintesi nazionale della mortalità evitabile risulta sostanzialmente invariato per le femmine e registra

Dettagli

Roma, dicembre 2010. Introduzione

Roma, dicembre 2010. Introduzione Roma, dicembre 2010 VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Introduzione L obiettivo di questo

Dettagli

RAPPORTO Stato di salute del Comune di Albairate

RAPPORTO Stato di salute del Comune di Albairate RAPPORTO Stato di salute del Comune di Albairate Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Milano Dipartimento Governance Osservatorio Epidemiologico e Registri Specializzati Data ultima revisione 8//

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA SALUTE PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA SALUTE PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA SALUTE PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2010-2012 1 Indice 1. Analisi del contesto demografico e di salute della popolazione siciliana pag. 3 1.1 Informazioni demografiche

Dettagli

STUDIO DI LOCALIZZAZIONE DEL TERMOVALORIZZATORE DELLA ZONA NORD DELLA PROVINCIA DI TORINO

STUDIO DI LOCALIZZAZIONE DEL TERMOVALORIZZATORE DELLA ZONA NORD DELLA PROVINCIA DI TORINO STUDIO DI LOCALIZZAZIONE DEL TERMOVALORIZZATORE DELLA ZONA NORD DELLA PROVINCIA DI TORINO Capitolo 12 Componente salute pubblica SOMMARIO 12 COMPONENTE SALUTE PUBBLICA... 3 12.2 Obiettivi e contenuti del

Dettagli

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali.

I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. I tumori rappresentano un problema prioritario di salute pubblica nei Paesi occidentali. Tuttavia, a livello mondiale, le principali cause di morte sono rappresentate da: -diarrea -malaria -tubercolosi

Dettagli

2 Stato di salute. Tabella 2.1 - Mortalità per settore - Comune di Arezzo 1999-2001

2 Stato di salute. Tabella 2.1 - Mortalità per settore - Comune di Arezzo 1999-2001 2 Stato di salute A - Mortalità generale e per causa Lo studio della mortalità di una popolazione costituisce una buona base per la comprensione della diffusione delle patologia ad alta letalità quali

Dettagli

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto

REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Registro Tumori del Veneto Luglio 2011 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie Analisi dell'incidenza dei tumori nell' di Treviso: periodo 2003-2005. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S,

Dettagli

Le patologie ambientali - Aspetti epidemiologici

Le patologie ambientali - Aspetti epidemiologici Le patologie ambientali - Aspetti epidemiologici Ennio Cadum ISDE Piemonte Epidemiologia Ambientale ARPA Piemonte Quali e Quante malattie possono essere attribuite ai Fattori Ambientali? Quali malattie?

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

I TUMORI PER SINGOLE SEDI

I TUMORI PER SINGOLE SEDI I TUMORI PER SINGOLE SEDI MAMMELLA Età, la probabilità di ammalarsi aumenta esponenzialmente sino agli anni della menopausa (50 55) e poi rallenta, per riprendere a crescere dopo i 60 anni Familiarità

Dettagli

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM 1997 2002 Var.% DIAGNOSI 11.493 11.745 +2.19 INTERVENTI 3.543 3.582 +1.10 TOTALE 15.036 15.327 +1.94 Diagnosi Interventi Nuovi codici Nuove descrizioni Diagnosi Capitoli Nuovi Nuove Codici codici descrizioni

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Servizio di Epidemiologia, Azienda USL

Dettagli

AMBIENTE E SALUTE A TARANTO: IL QUADRO DELLE EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

AMBIENTE E SALUTE A TARANTO: IL QUADRO DELLE EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE AMBIENTE E SALUTE A TARANTO: IL QUADRO DELLE EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE Premessa La consapevolezza della compromissione ambientale che caratterizza Taranto, e del suo potenziale impatto sulla salute, ha

Dettagli

L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti

L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti Convegno Salute e Migrazione Milano, 18 maggio 2012 L esperienza dell ASL di Brescia nella tutela della salute dei migranti Dr. El-Hamad Issa Consulente scientifico - Servizio di Medicina del Disagio -

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

4. GRUPPI VULNERABILI

4. GRUPPI VULNERABILI Condizioni di salute 4. GRUPPI VULNERABILI La natimortalità è pari al 2,6 per mille, inferiore a quella nazionale e tra le più basse in Europa. Il tasso di natalità (11,2 per 1.000) è tra i più alti in

Dettagli

Principali differenze ICD9-ICD10

Principali differenze ICD9-ICD10 Principali differenze - La decima versione della classificazione internazionale delle malattie e dei problemi sanitari correlati si pone in continuità con le precedenti versioni per quanto riguarda i principi

Dettagli

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Gli indicatori di tipo sanitario utilizzati sono stati tratti dagli archivi organizzati e istituzionalizzati, quali i Registi di mortalità e

Dettagli

Registro tumori TARANTO

Registro tumori TARANTO Registro tumori TARANTO Asl Taranto S.C. Statistica Epidemiologia RTP Puglia REGISTRI TUMORI ACCREDITATI IN ITALIA 1 13 1 MARZO AIRTUM associazione italiana registri tumori Maschi triennio Registro Tumori

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Ambiente e Salute: proposte di lavoro per la sostenibile riqualificazione del Comprensorio. Dr. Giuseppe Falliti

Ambiente e Salute: proposte di lavoro per la sostenibile riqualificazione del Comprensorio. Dr. Giuseppe Falliti Ambiente e Salute: proposte di lavoro per la sostenibile riqualificazione del Comprensorio Dr. Giuseppe Falliti Risanamento = IP 2 Un Progetto di RISANAMENTO si deve proporre di: a) Informare, in maniera

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA): MONITORAGGIO DELL ASSISTENZA SANITARIA NELL ULSS N 6 DI VICENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA): MONITORAGGIO DELL ASSISTENZA SANITARIA NELL ULSS N 6 DI VICENZA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E TECNOLOGIE INFORMATICHE RELAZIONE FINALE LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA): MONITORAGGIO DELL ASSISTENZA

Dettagli

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA

ANZIANI E TUMORI LE NEOPLASIE PIU DIFFUSE NEGLI ANZIANI MAMMELLA ANZIANI E TUMORI L invecchiamento è un fattore determinante nello sviluppo del cancro. Con l avanzare dell età, infatti, viene meno la capacità di riparazione cellulare dell organismo. Nell anziano (over

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Analisi dei dati di mortalità per cause multiple nell ASL DI Vercelli: anni 2003-2013

Analisi dei dati di mortalità per cause multiple nell ASL DI Vercelli: anni 2003-2013 Analisi dei dati di mortalità per cause multiple nell ASL DI Vercelli: anni 2003-2013 LA CONOSCENZA PER USCIRE DAL SENTITO DIRE Salone S.Eusebio,Seminario Arcivescovile P.zza Duomo, 8 Maggio 2015 Dr.Christian

Dettagli

La risposta al bisogno e alla domanda di salute

La risposta al bisogno e alla domanda di salute La risposta al bisogno e alla domanda di salute Giuliano Angotzi Direttore Dipartimento di Prevenzione Azienda U.S.L. Viareggio Conferenza dei servizi 30/3/2005 traumatismi ed avvelenamenti 6% Principali

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE E COORDINAMENTO DEI SERVIZI SANITARI E SOCIO-SANITARI ANNO 2010. Como, Gennaio 2010

DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE E COORDINAMENTO DEI SERVIZI SANITARI E SOCIO-SANITARI ANNO 2010. Como, Gennaio 2010 DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE E COORDINAMENTO DEI SERVIZI SANITARI E SOCIO-SANITARI ANNO 2010 Como, Gennaio 2010 Bozza_documento_programmazione_2010_asl.como_20.01.2010 1 PRIMA PARTE: IL CONTESTO LOCALE

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Mortalità (I) - Mortalità infantile e aborti spontanei (I) - Infortuni sul lavoro e malattie professionali (I) - Qualità delle produzioni alimentari (I) 1 MORTALITÀ (I) Mortalità

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P.

Registro Tumori del Veneto. Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco C, Tognazzo S e Zambon P. giugno 2009 REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche Sanitarie ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO - IRCCS Analisi dell'incidenza dei tumori nell'asl 8 di Asolo: periodo 1999-2003 e andamenti temporali dal

Dettagli

2.3. MORBOSITA' 2.3.1. Patologie infettive

2.3. MORBOSITA' 2.3.1. Patologie infettive 2.3. MORBOSITA' 2.3.1. Patologie infettive L analisi della diffusione della patologia infettiva è stata condotta, come di consueto, sulla base delle informazioni contenute nei moduli di "notifica di malattia

Dettagli

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Problemi di metodo da affrontare nello studio epidemiologico delle malattie non infettive S ono spesso disponibili solo studi di

Dettagli

Lo stato di salute del Molise

Lo stato di salute del Molise Lo stato di salute del Molise Giugno 2013 Sommario Lo stato di salute del Molise... 1 Il contesto territoriale del Molise...2 Analisi della Mortalità in Molise... 13 Le principali cause di ricovero ospedaliero

Dettagli

PARTE SECONDA CONDIZIONI DI SALUTE

PARTE SECONDA CONDIZIONI DI SALUTE PARTE SECONDA CONDIZIONI DI SALUTE CAPITOLO IV SPERANZA DI VITA E MORTALITÀ A cura di Camilla Sticchi 1,2, 1 Dipartimento di Scienze della Salute, Università degli Studi di Genova 2 ARS Liguria La Speranza

Dettagli

Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi

Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi Versione 27.03.02 Allegato 4 Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi Sulla base dell'art. 9, cpv. 7, lett. g del contratto base TARMED del 27.03.02, dell'art. 42 LAMal e dell'art. 59 OAMal, le

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

Indicatore PNE Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri ordinari con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni :

Indicatore PNE Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri ordinari con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni : Betriebsdirektion Direzione Aziendale Allegato 2: Indicatore PNE Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri ordinari con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni : PROTOCOLLO OPERATIVO

Dettagli

ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino

ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni di Arezzo, Civitella in Val di Chiana e Monte S. Savino Progetto Regione Toscana Studio di popolazione nei Comuni di Civitella della Chiana ed Arezzo in relazione all esposizione a fattori di inquinamento ambientale ATTIVITA ARS Profili di salute dei comuni

Dettagli

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto

La sopravvivenza dei malati di tumore in Veneto luglio 2014, SER Sistema Epidemiologico Regionale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Area Sanità e Sociale - Sezione Controlli Governo e Personale SSR Regione Veneto La sopravvivenza dei malati di tumore in

Dettagli

5. STATO DI SALUTE. 5.1 Principali indicatori. 5.1.1. Speranza di vita alla nascita

5. STATO DI SALUTE. 5.1 Principali indicatori. 5.1.1. Speranza di vita alla nascita 5. STATO DI SALUTE 5.1 Principali indicatori 5.1.1. Speranza di vita alla nascita La speranza di vita alla nascita è un importante indice sintetico dello stato di salute di una popolazione. Tale indicatore

Dettagli

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI

IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI IL MONITORAGGIO DELLA SALUTE DEGLI IMMIGRATI I Principali problemi di salute e il ricorso alle strutture sanitarie degli immigrati nella provincia di Reggio Emilia Silvia Candela, S.Epidemiologia Dipartimento

Dettagli

ALLEGATO 1 - II parte

ALLEGATO 1 - II parte CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE - ICD-9-CM MALATTIE E CONDIZIONI CHE DANNO DIRITTO ALL'ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE AL Codice Definizione di malattia Codice esenzione 394 MALATTIE DELLA

Dettagli

STUDIO EPIDEMIOLOGICO SULLA MALATTIA TUMORALE NEL VCO

STUDIO EPIDEMIOLOGICO SULLA MALATTIA TUMORALE NEL VCO STUDIO EPIDEMIOLOGICO SULLA MALATTIA TUMORALE NEL VCO Morti nel VCO per patologie tumorali dati ISTAT tutta la pop 2006 2007 2008 ICD10 ICD9 Descrizione N casi N casi N casi C00-C14 140.0-149.9 le faringe

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

10. SALUTE E AMBIENTE

10. SALUTE E AMBIENTE 10. SALUTE E AMBIENTE Introduzione Lo sviluppo sostenibile è definito normalmente come Lo sviluppo che è in grado di soddisfare i bisogni della generazione presente, senza compromettere la possibilità

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE (001-139)

MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE (001-139) MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE (001-139) 008 Nelle esclusioni intossicazioni alimentari dagli stessi organismi (005.9-005.9). Corretto: (005.0-005.9). Errato anche nel vecchio testo. 008.0_ Nei termini

Dettagli

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

Mortalità per Carcinoma della Mammella nell AS 7 Anni 1997-2001

Mortalità per Carcinoma della Mammella nell AS 7 Anni 1997-2001 Mortalità per Carcinoma della Mammella nell AS 7 Anni 1997-2001 A. Sutera Sardo, A. Mazzei, F. Rizzuto Introduzione Da sempre l epidemiologia può contribuire a misurare lo stato di salute della popolazione,

Dettagli

4 - ANALISI DEI RISULTATI

4 - ANALISI DEI RISULTATI 4 - ANALISI DEI RISULTATI 4.1 - Tassi Proporzionali per Settori di Cause di Morte in Provincia di Siracusa L'analisi generale per Settori dei dati di mortalità dal 1995, aggiornati fino al 2005, in Provincia

Dettagli

I tumori in Svizzera. Salute 1183-1000. Neuchâtel, 2011

I tumori in Svizzera. Salute 1183-1000. Neuchâtel, 2011 4 Salute 83-000 I tumori in Svizzera Swiss Childhood Cancer Registry (SCCR) Schweizer Kinderkrebsregister (SKKR) Registre Suisse du Cancer de l Enfant (RSCE) Registro Svizzero dei Tumori Pediatrici (RSTP)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Lo stato di salute della popolazione dell ASL TO4

COMUNICATO STAMPA. Lo stato di salute della popolazione dell ASL TO4 UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Lo stato di salute della popolazione

Dettagli

Sede legale ARPA PUGLIA

Sede legale ARPA PUGLIA Sede legale ARPA PUGLIA Corso Trieste 27, 70126 Bari Agenzia regionale per la prevenzione Tel. 080 5460111 Fax 080 5460150 e la protezione dell ambiente www.arpa.puglia.it C.F. e P.IVA. 05830420724 Direzione

Dettagli

Registro tumori TARANTO

Registro tumori TARANTO Registro tumori TARANTO Asl Taranto RTP Puglia S.C. Statistica Epidemiologia REGISTRI TUMORI ACCREDITATI IN ITALIA 2010 2013 21 MARZO AIRTUM associazione italiana registri tumori Maschi triennio Registro

Dettagli

TAV. C.1 - NOTIFICHE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE PER DIAGNOSI DATI ASSOLUTI

TAV. C.1 - NOTIFICHE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE PER DIAGNOSI DATI ASSOLUTI TAV. C.1 - NOTIFICHE DI ALCUNE MALATTIE INFETTIVE PER DIAGNOSI DATI ASSOLUTI DIARREE EPATITI MALARIA MORBILLO PAROTITE PERTOSSE ROSOLIA SALMO- SCARLATTINA TUBERCOLOSI TUBERCOLOSI VARICELLA AIDS INFETTIVE

Dettagli

ANNO 2004 Totale Provincia 3796

ANNO 2004 Totale Provincia 3796 ANNO 2004 Totale Provincia 3796 Codice Distretto 7 Totale 640 Comuni Distretto Sciacca - Menfi - Caltabellotta - Santa Margherita Belice - Montevago - Sambuca di Sicilia Comune testo Caltabellotta Totale

Dettagli

Dimissioni dagli istituti di cura in Italia

Dimissioni dagli istituti di cura in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza dagli istituti di cura in Italia Anni 2001-2002 Contiene cd-rom Informazioni n. 12-2006 I settori AMBIENTE

Dettagli

Sintesi epidemiologica della salute in provincia di Modena

Sintesi epidemiologica della salute in provincia di Modena Servizio Epidemiologia Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena Sintesi epidemiologica della salute in provincia di Modena A cura di: Giuliano Carrozzi, Carlo Alberto Goldoni, Lara Bolognesi, Maria

Dettagli