Collaborare con SharePoint Online

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collaborare con SharePoint Online"

Transcript

1 06 Collaborare con SharePoint Online Preparare una Raccolta Siti privata Nel corso del terzo capitolo, relativo all Amministrazione di Office 365, ti abbiamo mostrato come creare una Raccolta Siti privata attraverso l interfaccia di configurazione di SharePoint Online: in questa fase, l amministratore ha l opportunità di specificare alcuni parametri che influenzano le caratteristiche della nuova Raccolta Siti. Ecco come si presenta all amministratore l interfaccia di creazione di una Raccolta Siti privata: Figura 6.1 Creazione di una Raccolta Siti privata Tra le informazioni che ti vengono richieste per poter procedere con la creazione, la selezione del Modello ha una particolare rilevanza poiché determina la struttura e le tipologie di contenuto che il nuovo sito metterà a disposizione (vedi figura 6.1). 89

2 CAPITOLO 06! NOTA Il modello di una Raccolta Siti non è modificabile in fase successiva alla creazione. In altre parole, non è possibile trasformare una raccolta di tipo Sito del Team (in inglese Team Site) in un altra di tipo Area di lavoro documenti (in inglese Document Workspace). È altrettanto vero, però, che SharePoint mette a disposizione numerose funzionalità di personalizzazione, applicabili anche in fasi successive, che consentono di modificare anche radicalmente un sito rispetto al modello con il quale è stato creato. Tutti i Siti del Team nascono uguali, ma spesso ciascuno cresce seguendo la propria strada. Nel corso dei prossimi capitoli analizzeremo nel dettaglio le caratteristiche di ciascun modello. Per ora ci prendiamo la libertà di scegliere per te e utilizziamo un modello di tipo Sito del Team per iniziare a scoprire le caratteristiche di SharePoint orientate alla collaborazione e alla condivisione di informazioni. Il Sito del Team Una volta completate le operazioni di creazione della Raccolta Siti, navigando all URL che abbiamo impostato in fase di creazione ti troverai di fronte all interfaccia standard del Sito del Team. Figura 6.2 L interfaccia del Sito del Team 90

3 Collaborare con SharePoint Online Cerchiamo di decomporre la struttura e l interfaccia in porzioni separate, in modo da prendere dimestichezza con le funzionalità e con i termini. Struttura del Sito del Team Il Sito del Team è stato progettato per essere un veicolo per le informazioni e per i documenti condivisi dal gruppo di lavoro. Queste informazioni e questi documenti vengono memorizzati come contenuto del sito di cui fanno parte, all interno di speciali aree 1 che ne consentono un organizzazione strutturata. Il link Tutto il contenuto del sito, in basso a sinistra nella barra di navigazione laterale, porta a una pagina di riepilogo che riporta la struttura di contenuto del sito in maniera analitica (vedi figura 6.3). Figura 6.3 Tutto il contenuto del Sito Come puoi notare, il Sito del Team offre già una struttura di contenuti predefinita. La pagina Tutto il contenuto del sito mostra questa struttura categorizzata in base alla tipologia del contenuto che viene di volta in volta gestito. Le Raccolte documenti sono contenitori, funzionalmente analoghi alle cartelle di Windows, adatti per la memorizzazione di file. Le Raccolte immagini non sono altro che raccolte documenti utilizzate e configurate in maniera specifica per la gestione delle immagini: oltre alle funzionalità classiche comuni a tutte le raccolte documenti (ne vedremo alcune nei paragrafi successivi) mettono a disposizione alcune caratteristiche supplementari, quali anteprima e miniature delle immagini. 1 Il termine area è utilizzato in maniera generica. Vedremo nel seguito di questo e dei prossimi capitoli che queste aree hanno nomi e scopi di utilizzo specifici. 91

4 CAPITOLO 06! NOTA Alcune delle raccolte di documenti presenti all interno del Sito del Team sono utilizzate prevalentemente per l archiviazione di file e risorse di sistema, piuttosto che per i dati degli utenti. Per esempio, la Raccolta Stili verrà utilizzata come archivio per i file CSS e XSLT tramite i quali si può personalizzare l aspetto e la grafica del sito. Gli Elenchi, a differenza delle raccolte immagini, non contengono file, ma elementi. Gli elementi sono tipicamente caratterizzati da una serie di attributi (metadati, nella terminologia SharePoint), quali un titolo, una descrizione o una data. Vedremo nel corso del Capitolo 8 come sia possibile aggiungere o modificare questi attributi per creare elenchi, e quindi elementi, personalizzati. Le Aree Discussioni sono elenchi particolari, strutturati in modo da consentire la discussione tra i membri del gruppo di lavoro in maniera simile a un forum online. Interfaccia del Sito del Team La pagina Tutto il contenuto del sito ci ha consentito di esplorare la struttura interna di un Sito del Team. Ma l interfaccia utente di un sito non ne rispecchia necessariamente la struttura interna: capita spesso, infatti, che per garantire una migliore esperienza di utilizzo da parte dell utente gli stessi contenuti vengano presentati in maniera differente. Inoltre, alcune funzionalità sono trasversali rispetto ai contenuti e devono essere messe a disposizione indipendentemente dal contesto di navigazione corrente. Prendendo come spunto di partenza la pagina principale (home page) del Sito del Team, quindi, proviamo a dedurne le modalità di navigazione e di interazione. La Barra di Avvio Veloce La Barra di Avvio Veloce (vedi figura 6.4) offre uno strumento di navigazione dei contenuti del sito. Figura 6.4 Barra di Avvio Veloce 92

5 Collaborare con SharePoint Online La Barra di Avvio Veloce viene visualizzata per default in ciascuna pagina, in modo da accompagnare la navigazione dell utente mantenendo l elenco dei link principali a portata di clic. Considerando inoltre il fatto che il suo contenuto - i link e le categorie tramite le quali essi sono raggruppati - può essere modificato a piacere, la Barra di Avvio Veloce è un ottima guida, utile in particolare all utente meno esperto per evitare di perdersi nei meandri della navigazione. La Barra multifunzione La Barra multifunzione (spesso indicata con il termine inglese Ribbon) è il primo componente visibile, dall alto, di tutte le pagine del sito. Figura 6.5 La Barra Multifunzione La Barra multifunzione agisce prevalentemente come punto di accesso centralizzato alle principali operazioni di configurazione del sito e dei suoi contenuti, come evidenziato in figura 6.5. Le Azioni Sito sono azioni globali, in buona parte indipendenti dal contesto. Consentono, per esempio, di creare nuove raccolte documentali o nuove pagine, così come di accedere alle impostazioni generali del sito (vedi figura 6.6). La Navigazione Gerarchica (accessibile dall interfaccia utente tramite l icona passa a livello superiore ) consente di esplorare il contenuto del sito risalendo di livello. Questo strumento è estremamente utile quando i siti presentano una struttura estremamente profonda. L azione Modifica Pagina consente di visualizzare la pagina corrente in modalità di modifica. Su questo aspetto ti rimandiamo al Capitolo 12, relativo alla personalizzazione di SharePoint Online. Le Schede (o Tab) immediatamente successivi danno accesso a operazioni contestuali eventualmente disponibili per il contenuto che si sta visualizzando. Per esempio, navigando sulla home page del sito, è presente la scheda Pagina, mentre navigando all interno delle raccolte documentali vengono mostrate le schede deputate alla gestione delle operazioni sui documenti e sulla raccolta. Il Menu Utente dà accesso alle impostazioni di configurazione relative all utente che sta navigando il sito: per esempio, ciascun utente può impostare le proprie preferenze internazionali (il formato con cui le date e i numeri vengono visualizzati, ecc...). Attraverso questo menu, inoltre, l utente è in grado di effettuare una disconnessione dal sito, così come una connessione con le credenziali di un altro utente. 93

6 CAPITOLO 06 Figura 6.6 Particolare del menu Azioni Sito Le Pagine Escludendo la Barra di Avvio Veloce (sulla sinistra), e la Barra multifunzione (in alto), ciò che rimane è... la pagina! Le pagine veicolano i contenuti del sito attraverso visualizzazioni di raccolte documentali o elenchi, piuttosto che di contenuti inseriti o modificati dall utente (vedi figura 6.7). La prima parte del Capitolo 12 sarà dedicata alle modalità di modifica e personalizzazione delle pagine. 94

7 Collaborare con SharePoint Online Figura 6.7 Particolari delle Pagine Gestire i contenuti Dopo questa prima panoramica sulla struttura e sull aspetto del Sito del Team, dovresti ora essere in grado di orientarti con un sufficiente grado di sicurezza per muovere i primi passi in autonomia, esplorare e scoprire che il sito è ancora, desolatamente, vuoto. Un sito di collaborazione che si rispetti basa la propria efficacia sulla qualità dei contenuti e della struttura che li ospita. Senza struttura, i contenuti saranno difficilmente reperibili e consultabili, rendendo lo sforzo di condivisione vano. Ma senza contenuti... inutile dire che la struttura meglio organizzata perde completamente qualsiasi utilità pratica. Nel corso di questo paragrafo ti illustreremo, quindi, le principali modalità di gestione dei contenuti all interno di un sito SharePoint Online, focalizzando la nostra attenzione, innanzitutto, sui documenti. Caricare Documenti Il primo elemento da considerare nelle operazioni di gestione dei documenti è la scelta della raccolta documentale che li andrà a ospitare. Abbiamo visto che il modello di Sito del Team contiene già una raccolta documentale, dal titolo Documenti Condivisi, che è perfetta per i nostri scopi. È importante sottolineare, comunque, che le operazioni descritte in seguito sono applicabili a qualsiasi altra raccolta documentale, con modalità analoghe. 95

8 CAPITOLO 06 Figura 6.8 La raccolta documentale Documenti Condivisi Per caricare un documento dovrai, quindi, navigare all interno della raccolta documentale Documenti condivisi, per esempio tramite il link presente nella Barra di Avvio Veloce. Dalla pagina di visualizzazione della raccolta, mostrata in figura 6.8, puoi procede al caricamento in almeno due modi: Puoi utilizzare il link Aggiungi Documento. Puoi cliccare sul pulsante Carica Documento dalla Barra multifunzione, all interno della scheda Documenti, e selezionare infine la voce Carica Documento dal menu a tendina. L interfaccia mostrerà una finestra di dialogo attraverso la quale avrai la possibilità di selezionare dal tuo computer o da una cartella di rete il file da caricare, cliccando sul pulsante Browse (o Sfoglia) come mostrato in figura 6.9. Figura 6.9 Caricamento di un documento 96

9 Collaborare con SharePoint Online La spunta su Sovrascrivi file esistenti potrà essere utilizzata per effettuare caricamenti successivi, sovrascrivendo eventuali file con lo stesso nome già presenti. Deselezionando la spunta, in caso di conflitto di nomi SharePoint genererebbe un errore, impedendo il caricamento del file. Una modalità di caricamento alternativa è il Caricamento Multiplo, molto conveniente per operazioni massive su un buon numero di documenti contemporaneamente. Per utilizzare questo secondo approccio, è possibile: Selezionare il link Carica più file... direttamente dalla finestra di dialogo di caricamento, mostrata in figura 6.9. Selezionare la voce Carica più Documenti dal menu a discesa, dopo aver cliccato sul pulsante Carica Documento della Barra multifunzione, come descritto in precedenza. Figura 6.10 Caricamento multiplo Attraverso la finestra di dialogo che ti viene mostrata (vedi figura 6.10) potrai inserire più di un file semplicemente trascinando i documenti da Esplora Risorse all interno dell area centrale della finestra. Quando hai aggiunto tutti i documenti che intendi caricare, ti basta cliccare sul pulsante OK per confermare l operazione. I file saranno caricati sequenzialmente, mentre una barra di avanzamento ti darà un riscontro visivo dello stato generale dell operazione (vedi figura 6.11). 97

10 CAPITOLO 06 Figura 6.11 Stato di avanzamento durante il Caricamento multiplo di più documenti Al termine del caricamento, se tutti i documenti sono stati caricati con successo, puoi cliccare il pulsante OK per essere riportato alla pagina di visualizzazione della raccolta Documenti Condivisi, che ora mostrerà i file appena aggiunti in un elenco (vedi figura 6.12). Figura 6.12 Visualizzazione documenti a seguito del caricamento 98

11 Collaborare con SharePoint Online! NOTA Quali documenti si possono caricare in una raccolta documentale? Le regole che consentono di determinare la compatibilità di un documento con SharePoint sono diverse. In particolare, vengono tenute in considerazione l estensione del file (alcune estensioni sono bloccate a livello amministrativo perché considerate potenzialmente pericolose; tra queste i file.exe o.vbs) e le dimensioni del file stesso (che non devono superare una soglia massima di 50 MB). Inoltre esistono limitazioni sui nomi dei file, che non devono contenere caratteri non supportati, e sulla lunghezza del loro percorso, anch essa limitata a 128 caratteri per il nome preso singolarmente e a 260 per il percorso completo. Modificare Documenti Una volta caricati all interno di una raccolta documentale di SharePoint, ai documenti vengono assegnate in maniera automatica alcune proprietà. Già osservando la visualizzazione mostrata in figura 6.12 potrai notare che al documento sono associate: Una tipologia di file (visibile nella prima colonna della visualizzazione e indicata tramite un icona). Una data di modifica, che in questo caso, poiché il documento è stato appena inserito, corrisponde alla data di caricamento. Un utente autore dell ultima modifica, che è l utente con cui ti sei collegato al Sito del Team e nel cui contesto hai effettuato le operazioni di caricamento. In realtà le proprietà di un documento, o più in generale di un elemento di un elenco o di una raccolta documentale, possono essere molto più numerose. È, infatti, possibile definire degli attributi personalizzati tramite i quali connotare ulteriormente gli elementi. Ritorneremo su questo aspetto nel Capitolo 8, durante il quale approfondiremo più nel dettaglio le caratteristiche strutturali degli elenchi e delle raccolte documentali. SharePoint non si limita, però, ad associare attributi agli elementi che vengono creati. A ciascun elemento, infatti, corrispondono delle azioni. Come nel caso degli attributi, le azioni disponibili sono in parte generali, indipendenti dal tipo di elemento o di documento sui quali vengono applicate, e in parte specifiche e contestuali. Per accedere alle azioni puoi agire in almeno due modi. Puoi innanzitutto selezionare l elemento dalla visualizzazione, cliccando sulla casella di spunta che precede l icona. La casella di spunta non è sempre visibile, e viene mostrata al passaggio del mouse sulla riga che corrisponde all elemento che vuoi selezionare. A seguito della selezione dell elemento, la Barra multifunzione attiva e porta in primo piano la scheda Documenti, che mostra le azioni disponibili raggruppate per categoria. 99

12 CAPITOLO 06 In alternativa, puoi spostarti col mouse in prossimità del nome del documento e cliccare sulla freccia di espansione, visualizzando in questo modo il menu contestuale dell elemento (vedi figura 6.13). Figura 6.13 Particolare del Menu contestuale Selezionando, dalla Barra multifunzione o dal menu contestuale, la voce Visualizza Proprietà, ti verrà mostrata una finestra di dialogo che riporta gli attributi dell elemento, oltre all insieme di azioni eseguibili su di esso. Cliccando, invece, sulla voce Modifica Proprietà, il dialogo che viene mostrato consente di modificare gli attributi (vedi figura 6.14). Figura 6.14 Finestra di dialogo per la Modifica Come puoi notare, alcuni attributi (il Nome del documento, in questo caso) sono obbligatori e vengono evidenziati dall interfaccia utente tramite l asterisco rosso in prossimità dell etichetta relativa: se lasciati vuoti, l operazione di salvataggio non viene effettuata e SharePoint segnala un messaggio di errore in corrispondenza del campo non compilato. 100

13 Collaborare con SharePoint Online Al termine della compilazione, ti sarà sufficiente confermare le modifiche premendo il pulsante Salva. È importante sottolineare come le modifiche agli attributi di un documento non ne cambino i contenuti! Per visualizzare o modificare i contenuti del documento sarà necessario, invece, agire attraverso le opportune azioni. Le azioni disponibili variano a seconda della tipologia di documento, come descritto nel prospetto seguente. Azione Effetto Tipologia di documento Visualizza nel browser Visualizza il contenuto del documento all interno del browser, sfruttando una delle Office Web Application registrate Documenti Office supportati dalle Office Web Apps Modifica nel browser Modifica in Microsoft Excel Modifica in Microsoft Word Modifica in Microsoft PowerPoint Visualizza e consente la modifica del contenuto del documento all interno del browser, sfruttando una delle Office Web Application registrate Documenti Office supportati dalle Office Web Apps Manda in esecuzione Documenti Office l applicazione Office relativa, installata sul computer degli utenti. Quando il documentoviene salvato, esso viene memorizzato in automatico all interno della raccolta documentale, sovrascrivendo la versione precedente. In aggiunta a queste operazioni, effettuabili solamente sui documenti Microsoft Office, è sempre possibile modificare un documento scaricandone una versione sul computer locale, effettuando le opportune modifiche e infine rieseguendo il caricamento del documento all interno della raccolta. Per scaricare una copia di un documento sul computer locale, puoi selezionare la voce Scarica una Copia dal sottomenu Invia a del menu contestuale (vedi figura 6.15). L operazione di caricamento successiva alle modifiche deve essere, ovviamente, effettuata mantenendo abilitato il segno di spunta che forza la sovrascrittura del documento precedentemente memorizzato all interno della Raccolta. 101

14 CAPITOLO 06 Figura 6.15 Download di un documento sul computer locale! NOTA Cosa succede cliccando sul link di un documento? Il comportamento dipende, una volta ancora, dal tipo di documento. Se si tratta di documenti Office supportati dalle Office Web Apps, che ti descriveremo nel corso del prossimo capitolo, il documento viene aperto per impostazione predefinita nel browser, in modalità di visualizzazione. È possibile modificare questo comportamento di default, indicando che i documenti Office devono essere aperti lanciando l applicazione client installata sul computer locale. Per i documenti Office, quindi, il clic sul nome del documento si può tradurre in un azione Visualizza nel browser oppure Apri in Microsoft Office (Excel, Word, PowerPoint). Se si tratta di un file di altro tipo, e il browser è in grado di visualizzare la tipologia di file in questione, il documento viene aperto nel browser. Per esempio, questo accade per le immagini o per documenti in formato testuale (TXT, ecc ). Lo stesso comportamento si può ottenere anche per altri tipi di documento non visualizzati dai browser in maniera nativa, previa installazione di un add-on (o plug-in) del browser stesso: è molto frequente, per esempio, che vengano utilizzati plug-in per la visualizzazione nel browser dei documenti PDF. In tutti gli altri casi, ossia quando il documento non è un documento Office e non è riconosciuto dai browser, il browser effettua una richiesta di download del documento, presentando all utente la maschera di salvataggio su computer locale. Ricordati che è sempre possibile eseguire il download di un documento dal menu Invia a -> Scarica una copia, come indicato nel paragrafo precedente. 102

15 Collaborare con SharePoint Online Cancellare Documenti Per cancellare un documento ti basta selezionare il documento, quindi scegliere l azione Elimina dal menu contestuale o dalla scheda Documenti della Barra multifunzione. La richiesta di conferma che ti viene proposta, visualizzata in figura 6.16, oltre ad essere una buona salvaguardia per operazioni accidentali, ti indica che a fronte di una cancellazione i documenti non vengono rimossi, ma vengono spostati nel Cestino! Figura 6.16 La finestra per la conferma della Cancellazione di un documento Il concetto di Cestino non è nuovo: esiste in Windows fin dalle prime versioni! Ciò che, però, differenzia il Cestino di un sito SharePoint da quello di Windows è, inevitabilmente, il luogo in cui i file cancellati vengono salvati. Il Cestino di SharePoint non ha alcuna relazione con il Cestino di Windows, ed è a tutti gli effetti un area di memorizzazione sul server all interno della quale vengono spostati gli elementi cancellati dagli utenti. Tra questi elementi, oltre ai documenti, troviamo gli elementi degli elenchi, così come gli stessi elenchi e addirittura i siti! Al cestino si accede selezionando il link posto sotto la Barra di Avvio Veloce. La visualizzazione rappresentata in figura 6.17 mostra, per esempio, il contenuto del cestino a seguito della cancellazione di due dei tre documenti che abbiamo aggiunto alla raccolta documentale in precedenza. Figura 6.17 Visualizzazione degli elementi nel cestino 103

16 CAPITOLO 06 Tra le informazioni visualizzate, puoi notare come siano presenti l indicazione del percorso originale del documento e della data di eliminazione, molto utili per ricostruire la storia di una cancellazione. Dal cestino gli elementi possono essere eliminati definitivamente o ripristinati, riportandone il contenuto e gli attributi all interno della posizione di origine. Entrambe le operazioni possono essere eseguite su più di un documento alla volta: ti basta selezionare tramite le caselle di spunta tutti gli elementi che intendi processare.! NOTA È importante sottolineare che a seguito di un ripristino gli attributi originali dell elemento vengono preservati: per esempio, non viene reimpostata la data di modifica con la data dell operazione di ripristino. Gli elementi vengono eliminati dal cestino dopo una permanenza di 30 giorni. A seguito di una eliminazione dal cestino (effettuata in maniera esplicita dall utente o pianificata dal sistema dopo la scadenza dei 30 giorni) gli elementi non vengono ancora eliminati del tutto, ma sono spostati in un cestino di secondo livello, accessibile all amministratore del sito, dal quale possono una volta ancora essere ripristinati o cancellati, questa volta definitivamente. Questo ulteriore meccanismo di protezione dalle cancellazioni accidentali rende il sistema più solido e più facilmente gestibile. Insomma... ti puoi divertire a combinare qualche danno con un minimo di tranquillità in più. Gestione avanzata dei documenti In aggiunta alle semplici operazioni di aggiunta, modifica e cancellazione, SharePoint ti mette a disposizione una serie di funzionalità più avanzate, orientate principalmente a facilitare la condivisione dei documenti all interno del gruppo di lavoro. Gestione delle Versioni La gestione di versioni diverse dello stesso documento è da sempre un aspetto critico, soprattutto quando più persone lavorano sugli stessi contenuti attraverso modifiche e revisioni. Pensa, per esempio, a quanto potrebbe accadere (anzi, spesso accade!) memorizzando i documenti all interno delle classiche cartelle di rete: Viene salvato un documento (Verbale.docx). Il documento viene revisionato e ne viene salvata una copia (Verbale_v2.docx). Una delle revisioni viene revisionata, e ne viene salvata una copia (Verbale_v2_a. docx). Ogni tanto questo ordine viene interrotto da Verbale_old.docx, Verbale_new. docx, Verbale_old_new.docx. È inutile dire che il meccanismo ha qualche pecca. Qual è l ultima versione del verbale? Cosa succede se occorre ripristinare una versione precedente, rendendola ufficiale? 104

17 Collaborare con SharePoint Online La fragilità di questo sistema sta nella mancanza di una gestione delle versioni. Meglio sarebbe se: Il documento mantenesse, sempre, lo stesso nome. Il documento fosse associato a un numero di versione progressivo. A seguito di modifiche, il numero di versione venisse incrementato in maniera automatica e la precedente versione venisse congelata per eventuali usi futuri. Fosse sempre possibile visualizzare una versione precedente del documento. Fosse sempre possibile ripristinare una versione precedente del documento. Il meccanismo di gestione delle versioni di SharePoint funziona, a grandi linee, proprio in questo modo. Innanzitutto, per abilitare le versioni su una raccolta documentale (o su un elenco!) devi navigare sulla pagina di Impostazioni Raccolta Documenti, raggiungibile dalla Barra multifunzione, e selezionare Impostazioni controllo versioni. Figura 6.18 Impostazione del controllo delle Versioni La pagina che ti viene proposta (vedi figura 6.18) ti consente di specificare, tra l altro: La modalità di gestione delle versioni, a scelta fra: Non abilitate (impostazione predefinita). Versioni principali (il codice di versione sarà un numero intero auto-incrementante). Versioni principali e secondarie (una versione è identificata da un codice a due parti, come per esempio 10.3, che identifica la decima versione principale e la terza sotto-versione di un documento). 105

18 CAPITOLO 06 Un limite al numero di versioni (principali e secondarie) che si vogliono mantenere; ti consigliamo di valutare attentamente di impostare questo limite, poiché memorizzare un numero elevato di versioni aumenta lo spazio occupato in maniera non auspicabile. Anche impostando solamente la gestione delle versioni principali, siamo in grado di verificare cosa accade nel ciclo di vita di un documento. Prova per esempio a caricare un documento Word all interno di una raccolta documentale su cui hai attivato le versioni. Successivamente, apri il documento, effettua qualche modifica e salvalo nuovamente, sovrascrivendo il precedente. Infine, seleziona il documento tramite la casella di spunta, e dalla Barra multifunzione, nella scheda Documenti, clicca sul pulsante Cronologia Versioni. Ti verrà mostrata una finestra di dialogo simile a quella di figura Figura 6.19 Gestione delle Versioni La finestra ti mostra l elenco delle versioni del documento di cui il sistema sta tenendo traccia, comprensive di numero, data e autore della modifica e dimensioni del file. Inoltre, contestualmente alla colonna data, hai a disposizione un menu a discesa tramite il quale puoi: Visualizzare le proprietà di ciascuna versione, cioè gli attributi che il documento aveva quando la versione era corrente. Eliminare una versione. Ripristinare una versione (il comando, anche se disponibile, non ha effetto se applicato alla versione più recente). L operazione di eliminazione, che è disponibile su tutte le versioni tranne che sull ultima, comporta l effettiva rimozione della versione dal sistema. L operazione di ripristino comporta invece la creazione di una nuova versione del documento, creata come copia identica di quella che si sta ripristinando: se vuoi ripristinare, per esempio, la versione 2 (su un totale di quattro) di un documento, non provochi la cancellazione delle versioni successive (3 e 4), ma la creazione di una versione ulteriore (5) identica alla versione

19 Collaborare con SharePoint Online È possibile, infine, visualizzare una versione precedente di documento. Il menu a discesa consente di visualizzare i dettagli del documento; per visualizzare il documento tramite l applicazione client ti basta, invece, cliccare sulla Data modifica nella finestra della cronologia delle versioni. Estrazione e Archiviazione Un altra funzionalità fondamentale nella gestione condivisa dei documenti è il cosiddetto check-in/check-out, visibile nell interfaccia come azione Estrai/Archivia. Volendo fare una similitudine, il meccanismo è molto simile a quello che avviene occupando una camera di albergo. In fase di ingresso, ci viene richiesto di effettuare il check-in, durante il quale viene registrato che un ospite (l utente con cui siamo collegati al sito) prende possesso di una camera (il documento). Similmente, prima della partenza eseguiamo il check-out, rendendo la camera nuovamente disponibile. Il meccanismo è evidentemente utilizzato per garantire agli ospiti un uso esclusivo della camera: nel periodo di check-in, la camera non sarà disponibile ad altri utenti. Lo stesso accade per i documenti. Durante le modifiche, abbiamo la possibilità di bloccare il documento in modo che non sia contemporaneamente modificabile da altri; terminate le modifiche, sarà nostra cura indicare al sistema che le attività sono complete e il documento può essere nuovamente modificato da altri. Per porre un documento in stato di estrazione (check-out) puoi agire attraverso la Barra multifunzione (scheda Documenti, pulsante Estrai) o attraverso il menu contestuale del documento stesso. Se il documento è modificabile attraverso un applicazione che supporta le modifiche offline (per esempio, le applicazioni Microsoft Office), puoi scegliere se utilizzare o meno una cartella locale per memorizzare una bozza del documento durante le operazioni di modifica (vedi figura 6.20). Figura 6.20 Estrazione di un documento Confermando la scelta, hai evidenza dello stato di estrazione del documento attraverso l icona del documento stesso, che presenta una freccia verde in basso a indicare che il documento è attualmente estratto. Se un altro utente tenta di effettuare modifiche al documento, il sistema nega il consenso indicando che il documento è estratto e non modificabile, se non a seguito di un archiviazione. Questo avviene, per esempio, se si tenta di cancellare il documento o di modificarne le proprietà (Modifica Proprietà dal menu contestuale o dalla Barra multifunzione). 107

20 CAPITOLO 06 Leggermente diverso è il comportamento a seguito di modifiche effettuate tramite l applicazione client (in questo caso, Microsoft Word): Word, infatti, notifica l impossibilità di modifica, ma propone in alternativa di visualizzare il documento in sola lettura, piuttosto che di modificare una copia del documento stesso. Ovviamente per riportare il documento a uno stato di modificabilità da parte di tutti gli utenti che ne hanno il diritto, sarà necessario confermare le modifiche andando ad archiviare (check-in) il documento. Le operazioni di archiviazione a tua disposizione sono due. Puoi innanzitutto confermare le modifiche utilizzando il comando Archivia, presente sia nel menu contestuale del documento che nella Barra multifunzione. In alternativa, se non vuoi rendere permanenti le modifiche ma preferisci riportare il documento allo stato precedente all estrazione, puoi utilizzare il comando Annulla Estrazione. Approvazione del contenuto Un altra funzionalità utile in uno scenario di collaborazione e condivisione documentale è l approvazione del contenuto. Per attivarla, devi navigare sulla pagina delle impostazioni della raccolta o dell elenco e selezionare nuovamente la voce Impostazioni Controllo Versioni. La prima casella di selezione in alto ti consente di abilitare il supporto all approvazione (disabilitato per impostazione predefinita). Inoltre, la sezione Sicurezza Elementi Bozza ti consente di indicare quali utenti sono in grado di visualizzare un elemento in bozza (non approvato): in questo caso, l impostazione predefinita prevede che un elemento in bozza sia visibile dall utente che lo ha creato e da tutti gli utenti ai quali è stato assegnato il diritto di approvazione 2. Se abiliti l approvazione del contenuto vedrai che al menu contestuale dell elemento è stata aggiunta una nuova voce (Approva/Rifiuta). Selezionando tale voce, ti viene mostrata una finestra di dialogo che ti consente di controllare lo stato di approvazione del documento, come puoi vedere in figura Figura 6.21 Stato di Approvazione di un Documento 2 Discuteremo più nel dettaglio dei meccanismo di autorizzazione nel corso del Capitolo

Condividere i documenti

Condividere i documenti Appendice Condividere i documenti Quando si lavora in gruppo su uno stesso documento, spesso succede che ciascun redattore stampi una copia del testo per segnare su di essa, a mano, le proprie annotazioni

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti L intento di questa guida rapida è mostrare, in poche pagine, come diventare operativi in breve tempo con Moodle e riuscire a popolare il proprio corso con

Dettagli

Foglio dati Struttura Foglio dati

Foglio dati Struttura Foglio dati 1 Nozioni di base Avviare Access e aprire un database Interfaccia di Access Riquadro di spostamento Creare un database vuoto Chiudere un database Creare un database basandosi su un modello Creare un database

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti!

Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti! Crea questionari on-line, test e quiz in pochi minuti! 1. ACCEDI Utilizzando Microsoft Internet Explorer (è necessario questo browser) vai all indirizzo http://demo.ewebtest.com e inserisci il tuo nome

Dettagli

Manuale Progetto Placement

Manuale Progetto Placement Manuale Progetto Placement V. 5 del 20/06/2013 FUNZIONI PRINCIPALI: Fornire uno strumento per la gestione centralizzata di stage, alternanze e placement. Costruire un database contenente i curriculum degli

Dettagli

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale

Siti web e Dreamweaver. La schermata iniziale Siti web e Dreamweaver Dreamweaver è la soluzione ideale per progettare, sviluppare e gestire siti web professionali e applicazioni efficaci e conformi agli standard e offre tutti gli strumenti di progettazione

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

Panoramica del capitolo

Panoramica del capitolo Panoramica del capitolo Lavorare nell interfaccia utente, pagina 4 Visualizzare i documenti in diversi modi, pagina 29 Creare documenti, immettere il testo e salvarli, pagina 16 Aprire i documenti, spostarsi

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Guida Moderatori e Conduttori

Guida Moderatori e Conduttori STEP ONE: Login to OnSync Guida Moderatori e Conduttori Guida Moderat ori e Condutt ori pag. Ultimo aggiornamento 10/2012 STEP ONE: Login to OnSync Cap. I - Quick Start Guide Guida Moderat ori e Condutt

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Manuale. Outlook. Outlook 2000

Manuale. Outlook. Outlook 2000 Manuale di Outlook Outlook 2000 SOMMARIO Premessa... 4 Lettura posta... 5 Invio posta... 5 Composizione posta mediante inserimento testo...6 Stampa posta... 6 Indirizzamento posta mediante inserimento

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

Manuale di Akregator. Frank Osterfeld Anne-Marie Mahfouf Traduzione: Luciano Montanaro

Manuale di Akregator. Frank Osterfeld Anne-Marie Mahfouf Traduzione: Luciano Montanaro Frank Osterfeld Anne-Marie Mahfouf Traduzione: Luciano Montanaro 2 Indice 1 Introduzione 5 1.1 Che cos è Akregator?.................................... 5 1.2 Fonti RSS e Atom......................................

Dettagli

L interfaccia di Microsoft Word 2007

L interfaccia di Microsoft Word 2007 L interfaccia di Microsoft Word 2007 Microsoft Word 2007 è un Word Processor, ovvero un programma di trattamento testi. La novità di questa versione riguarda la barra multifunzione, nella quale i comandi

Dettagli

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1

zonamatematica etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica Il portale De Agostini Scuola dedicato all insegnamento e all apprendimento della matematica nella scuola secondaria etutor EDITOR Guida all uso versione 4.1 zonamatematica etutor EDITOR

Dettagli

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET

MANUALE OPERATORE CMS ASMENET MANUALE OPERATORE CMS ASMENET 2.0 Pag. 1 di 46 INDICE Termini e definizioni... pag. 3 Introduzione... pag. 4 Descrizione generale e accesso al back office... pag. 5 1 Gestione della pagina... pag. 6 1.1

Dettagli

Informativa sui cookie secondo la normativa europea

Informativa sui cookie secondo la normativa europea Informativa sui cookie secondo la normativa europea Il sito web che state navigando è conforme alla normativa europea sull'uso dei cookie. Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo

Dettagli

Servizio Feed RSS del sito CNIT

Servizio Feed RSS del sito CNIT Servizio Feed RSS del sito CNIT Informiamo tutti gli utenti CNIT che è possibile sincronizzare i propri Reader (RSS) per essere aggiornati in tempo reale sulle nuove pubblicazioni di articoli postati sul

Dettagli

UTILIZZO DEI COOKIES (informativa conforme al Provvedimento del Garante Privacy del 8 Maggio 2014)

UTILIZZO DEI COOKIES (informativa conforme al Provvedimento del Garante Privacy del 8 Maggio 2014) UTILIZZO DEI COOKIES (informativa conforme al Provvedimento del Garante Privacy del 8 Maggio 2014) Star Link srl, Titolare del trattamento dei dati personali, informa che questo Sito internet fa uso di

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

HP Capture and Route (HP CR) Guida utente

HP Capture and Route (HP CR) Guida utente HP Capture and Route (HP CR) Guida utente HP Capture and Route (HP CR) Guida utente Numero riferimento: 20120101 Edizione: marzo 2012 2 Avvisi legali Copyright 2012 Hewlett-Packard Development Company,

Dettagli

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Questo manuale illustra le operazioni più comuni per la manutenzione e aggiornamento del sito web http://terremoti.ingv.it/ultimi eventi/ tramite l interfaccia

Dettagli

Guida di base per Google Documenti

Guida di base per Google Documenti Guida di base per Google Documenti Panoramica Creazione e salvataggio di un documento Caricare un documento Modificare e formattare il documento Modifica del colore del testo e del colore di sfondo Dimensione

Dettagli

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello Chi inizia un'attività di ufficio con l ausilio di strumenti informatici, si imbatte subito nei comuni e ricorrenti lavori di videoscrittura. Redigere lettere, comunicati, piccole relazioni ecc, sono tipiche

Dettagli

Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2. A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com

Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2. A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2 A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com Indice 1.0 Primo accesso in piattaforma...3 1.1 Partecipanti, Login come corsista (per vedere

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO. Strumenti di presentazione. Introduzione a MS POWERPOINT. Microsoft Powerpoint

LABORATORIO INFORMATICO. Strumenti di presentazione. Introduzione a MS POWERPOINT. Microsoft Powerpoint LABORATORIO INFORMATICO Microsoft Powerpoint 1 Strumenti di presentazione Servono per creare efficaci presentazioni multimediali (testi, immagini, suoni, collegamenti); Applicazioni tipiche sono: Tesine

Dettagli

1. Aprire Microsoft Word

1. Aprire Microsoft Word Guida n 3 Realizzare, impaginare e stampare un documento (volantino) con Microsoft Word 1. Avviare Word e Creare un nuovo documento 2. Digitare un testo 3. Il comando annulla 4. Salvare un documento 5.

Dettagli

Funzioni per documenti lunghi

Funzioni per documenti lunghi 8 Funzioni per documenti lunghi In questo capitolo: Creare e personalizzare intestazioni e piè di pagina Organizzare le informazioni Riorganizzare un documento Creare un documento master Inserire un frontespizio

Dettagli

I Preferiti. Elenco dei Preferiti

I Preferiti. Elenco dei Preferiti G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 38 I siti preferiti Navigando nella rete può capitare di trovare dei siti, di cui vogliamo memorizzare l'indirizzo. Magari si vuole organizzarli in categorie. Tutti

Dettagli

9Procedure. di stampa unione

9Procedure. di stampa unione 9Procedure di stampa unione Cosa avresti mai fatto senza la stampa unione? Nel caso faccia parte del tuo lavoro creare mailing per il marketing, indagini, trasmettere messaggi di posta elettronica o distribuire

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

A cura di Enrico Eccel LA STAMPA UNIONE

A cura di Enrico Eccel LA STAMPA UNIONE La stampa unione permette di stampare unitamente due file di WinWord (o anche file creati con altri programmi come Excel o Access), solitamente un file che contiene dati ed un file di testo. Generalmente

Dettagli

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE

CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE CONTROLLO ORTOGRAFICO E GRAMMATICALE Quando una parola non è presente nel dizionario di Word, oppure nello scrivere una frase si commettono errori grammaticali, allora si può eseguire una delle seguenti

Dettagli

Informativa sui cookie secondo la normativa europea

Informativa sui cookie secondo la normativa europea Informativa sui cookie secondo la normativa europea Il sito web che state navigando è conforme alla normativa europea sull'uso dei cookie. Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Il calendario di Windows Vista

Il calendario di Windows Vista Il calendario di Windows Vista Una delle novità introdotte in Windows Vista è il Calendario di Windows, un programma utilissimo per la gestione degli appuntamenti, delle ricorrenze e delle attività lavorative

Dettagli

GUIDA AI CORSI OFFICE PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

GUIDA AI CORSI OFFICE PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO GUIDA AI CORSI OFFICE PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO INDICE Verifica dei requisiti tecnici... 1 *Rimozione blocco popup... 1 In Internet Explorer... 1 In Mozilla Firefox... 4 In Google Chrome...

Dettagli

VADEMECUM. Per l uso dello spazio web della comunità on line del progetto DIESIS. Per chiarimenti e/o informazioni ncorrente.guest@formez.

VADEMECUM. Per l uso dello spazio web della comunità on line del progetto DIESIS. Per chiarimenti e/o informazioni ncorrente.guest@formez. VADEMECUM Per l uso dello spazio web della comunità on line del progetto DIESIS Per chiarimenti e/o informazioni ncorrente.guest@formez.it 1/8 Introduzione Per la comunità on line dei partecipanti al progetto

Dettagli

Note operative per Windows 7

Note operative per Windows 7 Note operative per Windows 7 AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Note operative per Windows XP

Note operative per Windows XP Note operative per Windows XP AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema

Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Capitolo 3 Guida operativa del programma TQ Sistema Panoramica delle funzionalità Questa guida contiene le informazioni necessarie per utilizzare il pacchetto TQ Sistema in modo veloce ed efficiente, mediante

Dettagli

2.2 Gestione dei file

2.2 Gestione dei file 2.2 Gestione dei file Concetti fondamentali Il file system Figura 2.2.1: Rappresentazione del file system L organizzazione fisica e logica dei documenti e dei programmi nelle memorie del computer, detta

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Personalizzare l area di lavoro

Personalizzare l area di lavoro 1 Personalizzare l area di lavoro Panoramica della lezione In questa lezione conoscerai l interfaccia del programma Dreamweaver CS6 (Creative Suite 6) e imparerai come: Passare fra le viste documento Gestire

Dettagli

Presentazione funzionale. (utente redattore) Portale SPORVIC

Presentazione funzionale. (utente redattore) Portale SPORVIC TD Group S.p.A. www.tdgroup.it Presentazione funzionale (utente redattore) Portale SPORVIC TD Group S.p.A. Via del Fischione, 19 56019 Vecchiano - Migliarino P. (PI) Tel. (+39) 050.8971 Fax (+39) 050.897

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Avvertenze: 1) Questo NON è un manuale completo di Moodle. La guida è esplicitamente diretta a docenti poco esperti che devono cimentarsi per la prima volta

Dettagli

Guida introduttiva. Visualizzare altre opzioni Fare clic su questa freccia per visualizzare altre opzioni in una finestra di dialogo.

Guida introduttiva. Visualizzare altre opzioni Fare clic su questa freccia per visualizzare altre opzioni in una finestra di dialogo. Guida introduttiva Questa guida è stata creata con lo scopo di ridurre al minimo la curva di apprendimento di Microsoft PowerPoint 2013, che presenta numerose differenze rispetto alle versioni precedenti.

Dettagli

Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore

Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore ALBO PRETORIO E STORICO ATTI - DOCUMENTI ONLINE Linee Guida Albo Pretorio e Storico Atti Documenti online Backoffice Profilo Pubblicatore Aggiornato al 31/08/2011 versione 3.0 1 di 63 Insiel S.p.A. ALBO

Dettagli

Novità di Access 2010

Novità di Access 2010 2 Novità di Access 2010 In questo capitolo: Gestire le impostazioni e i file di Access nella visualizzazione Backstage Personalizzare l interfaccia utente di Access 2010 Creare database utilizzando modelli

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Gmail: invio, risposte, allegati e stampa

Gmail: invio, risposte, allegati e stampa Gmail: invio, risposte, allegati e stampa Benvenuto in Gmail. Questo documento offre una rapida panoramica di come Gmail collabora con te per semplificarti la vita. Cominciamo! La tua Posta in arrivo Quando

Dettagli

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione.

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su Salva modifiche per completare l operazione. Fig. 8 La finestra Gestione file con il file appena caricato 9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione. Fig. 9 Il corso con la nuova

Dettagli

Google Drive i tuoi file sempre con te

Google Drive i tuoi file sempre con te IMMAGINE TRATTA DALL'EBOOK "GOOGLE DRIVE E LA DIDATTICA" DI A. PATASSINI ICT Rete Lecco Generazione Web Progetto Faro Google Drive Che cos è? Nato nel 2012 Drive è il web storage di Google, un spazio virtuale

Dettagli

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE GESTIONE PRESENZE MANUALE Gestione archivi La prima operazione da effettuare, per poter utilizzare gestione presenze, è la creazione dell archivio dove saranno memorizzati tutti i dati riconducibili ad

Dettagli

Guida di apprendimento degli studenti. Social Networking W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U 1

Guida di apprendimento degli studenti. Social Networking W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U 1 M I O PA S S AT O M I O P R E S E N T E W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U Guida di apprendimento degli studenti Social Networking W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U 1 2 M I O

Dettagli

Access 2010: panoramica... 1. Access 2010: panoramica generale... 2. Accedere in modo più semplice agli strumenti appropriati nel momento giusto...

Access 2010: panoramica... 1. Access 2010: panoramica generale... 2. Accedere in modo più semplice agli strumenti appropriati nel momento giusto... Guida al prodotto Microsoft Access 2010 Access 2010: panoramica... 1 Access 2010: panoramica generale... 2 Accedere in modo più semplice agli strumenti appropriati nel momento giusto.... 2 Compilare i

Dettagli

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07 FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE ultima revisione: 21/05/07 Indice Panoramica... 1 Navigazione... 2 Selezionare una Vista Dati... 2 Individuare una registrazione esistente... 3 Inserire un nuova

Dettagli

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery Writer è il programma per l'elaborazione di testi della suite OpenOffice.org che ti consente di creare documenti, lettere, newsletter, brochures, grafici, etc. Gli elementi dello schermo: Di seguito le

Dettagli

Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access

Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 8: Funzionalità base di MS Access Scopo: Familiarizzare con le funzionalità principali del DBMS (Database Management System) Microsoft

Dettagli

Manuale Utente CryptoClient

Manuale Utente CryptoClient Codice Documento: CERTMOB1.TT.DPMU12005.01 Firma Sicura Mobile Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. - Documento Pubblico Tutti i diritti riservati Indice degli argomenti... 1 Firma Sicura Mobile...

Dettagli

Posta Elettronica Certificata Manuale di amministrazione semplificata del servizio PEC di TI Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argoment nti 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche

Dettagli

GFI Product Manual. ReportPack

GFI Product Manual. ReportPack GFI Product Manual ReportPack http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se indicato diversamente, le società, i nomi

Dettagli

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007

Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 01 Descrizione dettagliata dell ambiente Access 2007 Premessa Premettiamo da subito che Microsoft Access risulta essere uno degli applicativi della famiglia di Microsoft Office con una curva di apprendimento

Dettagli

Word per iniziare: aprire il programma

Word per iniziare: aprire il programma Word Lezione 1 Word per iniziare: aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per lavorare su uno già esistente occorre avviare il programma di gestione testi. In ambiente Windows, esistono

Dettagli

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro

MICROSOFT WORD. Funzioni ed ambiente di lavoro INFORMATICA MICROSOFT WORD Prof. D Agostino Funzioni ed ambiente di lavoro...1 Interfaccia di Word...1 Stesso discorso per i menu a disposizione sulla barra dei menu: posizionando il puntatore del mouse

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Guida all amministrazione del servizio MINIMANU.IT.DMPS1400 002 Posta Elettronica Certificata Manuale di amministrazione del servizio PEC di Telecom Italia Trust Technologies

Dettagli

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage

Gestione home page. Intranet -> Ambiente Halley -> Gestione homepage Gestione home page egovernment L home page del portale Halley egovernment permette all Amministrazione di pubblicare contenuti e informazioni e di organizzarle in blocchi. Questa struttura per argomenti

Dettagli

Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di

Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di Microsoft Project 2010 si basa sulle fondamenta di Microsoft Project 2007 per offrire soluzioni di gestione del lavoro flessibili e strumenti di collaborazione adatti ai project manager professionisti

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Da Google Apps a Office 365 per le aziende

Da Google Apps a Office 365 per le aziende Da Google Apps a Office 365 per le aziende Passaggio L'interfaccia di Office 365 per le aziende è diversa da quella di Google Apps. Al primo accesso viene visualizzata la schermata seguente, ma dopo poche

Dettagli

HORIZON SQL MODULO AGENDA

HORIZON SQL MODULO AGENDA 1-1/11 HORIZON SQL MODULO AGENDA 1 INTRODUZIONE... 1-2 Considerazioni Generali... 1-2 Inserimento Appuntamento... 1-2 Inserimento Manuale... 1-2 Inserimento Manuale con Seleziona... 1-3 Inserimento con

Dettagli

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton SOMMARIO CENNI GENERALI... 3 STAMPA ORDINI... 18 STAMPA PACKING LIST... 21 STAMPA SCONTRINI... 24 STAMPA ARTICOLI VENDUTI... 30 STAMPA

Dettagli

Come utilizzare il servizio di creazione di siti Internet. Creazione di Site Internet

Come utilizzare il servizio di creazione di siti Internet. Creazione di Site Internet Come utilizzare il servizio di creazione di siti Internet Sommario 1) Come mi connetto al mio conto cliente? 2) Come creare il mio sito Internet? 3) Come amministrare le pagine del mio sito Internet? 4)

Dettagli

E-TOOLS FACILE : MO 05 E-Tools Facile Revisione 01

E-TOOLS FACILE : MO 05 E-Tools Facile Revisione 01 E-TOOLS FACILE MATERIALE INFORMATIVO CONFORME AI CONTENUTI DEL DOCUMENTO DEL SISTEMA QUALITÀ: MO 05 E-Tools Facile Revisione 01 del 21/03/2003 Introduzione all utilizzo Esegui il programma di navigazione

Dettagli

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3 Corso per iill conseguiimento delllla ECDL ((Paatteenttee Eurropeeaa dii Guiidaa deell Computteerr)) Modullo 2 Geessttiionee ffiillee ee ccaarrtteellllee Diisspenssa diidattttiica A curra dell ssiig..

Dettagli

Praticità e comodità

Praticità e comodità Le 4 ragioni per avere un booking system sulla scheda di alberghieturismo.it Il turismo ha subito cambiamenti profondi con la diffusione di Internet. Il web è una miniera di opportunità per aumentare i

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Avvertenze: 1) Questo NON è un manuale completo di Moodle. La guida è esplicitamente diretta a docenti poco esperti che devono cimentarsi per la prima volta

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Microsoft Word 2002. Microsoft Word 2002

Microsoft Word 2002. Microsoft Word 2002 Microsoft Word 2002 dott. ing. Angelo Carpenzano acarpenzano@neoteksolutions.it 1 Microsoft Word 2002 Microsoft Word 2002 è un programma di elaborazione testi (word processor) potente e di uso generale,

Dettagli

Stampare e digitalizzare

Stampare e digitalizzare Stampare e digitalizzare In questa sezione: Stampare un file Specificare una stampante predefinita Controllare la stampa Stampare fotografie Stampare pagine Web Creare un documento XPS Acquisire un immagine

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli