La Consulenza Infermieristica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Consulenza Infermieristica"

Transcript

1 Benvenuti! Professione infermieristica e professioni sanitarie: consulenza ricerca, formazione. Informazione, comunicazione professionale - utilizzo dell informatica Gorizia Monfalcone, 8 9 maggio 2007 V. Fascio 2007 Benvenuti! 2 La Consulenza Infermieristica Collegio Ipasvi di Gorizia - AIOL 8-9 Maggio 2007 CPSE/Afd Dott. Valter Fascio Prof. a.c. Università Amedeo Avogadro Benvenuti! V. Fascio V. Fascio Premessa L analisi del contesto sanitario odierno impone una riflessione approfondita e sistematica su come il personale che eroga assistenza possa dedicarsi alla risposta ai bisogni manifestati dal paziente. Il contesto assistenziale deve essere analizzato attraverso i tre attori dell assistenza: l utente il professionista l organizzazione L utente che si trova a dover utilizzare il sistema sanitario è sempre più informato, legge, utilizza i mezzi informatici e ha dalla propria parte associazioni che lo supportano e dalle quali attinge ulteriori informazioni. In genere queste associazioni operano anche all interno dell organizzazione sanitaria quali organismi privilegiati per la rilevazione e il miglioramento della qualità dei servizi erogati al cittadino, promuovono e favoriscono la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali aziendali e si offrono come strumento di collegamento fra la struttura erogante e l utente. V. Fascio V. Fascio

2 Il professionista che opera per la salute ha il compito di aggiornarsi sulle tematiche che riguardano la proprio attività (ECM) ed è al contempo chiamato a lavorare secondo evidenze provate e condivise dal mondo scientifico internazionale. Questo comporta conoscenza di base, studio continuo, confronto, poiché utilizzare conoscenza scientifica serve per dare risposte efficaci ai pazienti, diventa quindi fondamentale la continua analisi dei processi assistenziali e terapeutici anche perché la pratica quotidiana rivisitata in quest ottica, porta all acquisizione della consapevolezza che la troppa sicurezza o la mancanza di confronto su pratiche date per scontate induce all inadeguatezza delle prestazioni o addirittura ingenera errori che non possono essere ritenuti accettabili. L organizzazione intesa come ente ha l obbligo preciso di coordinare gli altri due attori in funzione delle richieste dell uno e delle risposte possibili proposte dal secondo con una attenzione particolare all integrazione fra i ruoli. In un contesto come quello sopra descritto può nascere la proposta dell attivazione della consulenza infermieristica. V. Fascio V. Fascio Utente, professionista, organizzazione... Dunque... a) Non si può parlare di consulenza infermieristica se i nostri processi di pianificazione dell assistenza non identificano delle priorità, e non distinguono gli obiettivi infermieristici versus quelli del cliente, il case management e la responsabilità dell assistenza. b) Gli interventi devono essere differenziati a seconda che siano rivolti alle diagnosi infermieristiche o ai problemi collaborativi. c) La valutazione dell assistenza prestata èdistinta da quella delle condizioni del cliente. d) Serve un analisi dell assistenza multidisciplinare e del sistema di pianificazione a tre livelli diretto a migliorare l utilizzazione clinica dei piani di assistenza senza un aumento della necessità di scrivere... (Carlo Calamandrei Coord. S.I. ASO Careggi Firenze Laura Rasero Tutor e docente Università degli Studi di Firenze) V. Fascio V. Fascio Obiettivo della relazione La nostra premessa èquesta: solamente in un contesto reale come quello sopra descritto può nascere una proposta di attivazione della consulenza infermieristica. L obiettivo della relazione è quello di migliorare la consapevolezza professionale rispetto alla funzione di consulenza infermieristica e la capacità di identificarne alcune caratteristiche, prendendo anche in considerazione le attuali diverse accezioni nell uso del termine e alcuni esempi e modalità d implementazione operativa. V. Fascio V. Fascio

3 Introduzione Sul tema della consulenza infermieristica non c è, purtroppo, ancora sufficiente chiarezza e scarsa è la bibliografia nazionale di riferimento. L infermiere oggi ha l obbligo giuridico e deontologico di contribuire alla preparazione del personale di supporto, colleghi e studenti in formazione. Ha il dovere, inoltre, di auto educarsi, in modo da essere costantemente in grado di fornire risposte qualitativamente idonee alle richieste. V. Fascio V. Fascio L infermiere, infatti, per quanto preparato, non può essere esperto in tutti i settori, mentre chi opera in settori specialistici può mettere a disposizione le proprie competenze prima all utente e poi ai colleghi. V. Fascio L infermiere NEOFITA sovente dimostra conoscenze teoriche non ancora verificate nella pratica, poca flessibilità, una difficoltà a distinguere l essenziale dal secondario, la pressante necessità di regole e procedure, dimostra una difficoltà a cogliere l insieme ed è autocentrato. L infermiere ESPERTO sa riconoscere le similitudini e le differenze, agisce mirando all essenziale si muove nella complessità e la gestisce, sa decidere nelle situazioni di incertezza valutando i benefici e le possibili conseguenze, èetero centrato. V. Fascio Condizione necessaria per mettere a disposizione la propria esperienza acquisita sul campo e con la formazione èla creazione di un gruppo di infermieri capaci di attivare consulenze infermieristiche specialistiche sia direttamente presso le UU.OO (al letto del paziente), sia on line per mezzo dello strumento internet. Il fine, primo e ultimo, resta quello di perseguire obiettivi di appropriatezza assistenziale per specifici ambiti, patologie, prestazioni, in risposta ai bisogni specifici della persona, con quella piena responsabilità professionale che ci è oggi assegnata, che non èdisgiunta dall effettiva autonomia. V. Fascio V. Fascio

4 Definizioni La definizione di prestazione, sempre dal vocabolario Zingarelli, èla seguente: La definizione di consulenza, dal vocabolario Zingarelli, èla seguente: Prestazione professionale di un consulente. Opera od attività fornita da persone. [Voce dotta, lat. Praestatione (m) garanzia, responsabilità, pagamento ] V. Fascio V. Fascio La definizione di consulente : Professionista o persona di provata capacità tecnica a cui ci si rivolge per avere informazioni e consigli nella materia di sua competenza. [Voce dotta dal lat. Consulente(m), part. pres. consulere Riflettere ] Si parla di provata capacità tecnica: si tratta, quindi, di un professionista esperto oppure di uno specialista? V. Fascio V. Fascio ) Esperto: colui che possiede una specifica e approfondita preparazione su determinati argomenti, in determinati campi. 2) Specialista: colui che attende ad un ramo speciale di una attività, una professione. (Esempio: Medico specializzato in un particolare ramo ). Nella Legge n 43/2006 il professionista specialista è: Il possessore del master di I livello per le funzioni specialistiche rilasciato dall Università ai sensi del Decreto MIUR n 509/99 (art. 1) V. Fascio V. Fascio

5 Svolge attività che richiedono un elevato grado di esperienza e specializzazione, quali attività didattiche, di staff, di studio, di ricerca (art. 2) Una definizione di consulenza infermieristica è data dal: Gruppo Tecnico di Consulenza Infermieristica della A.S.S. n 2 Isontina: V. Fascio V. Fascio Fornire informazioni e consigli su metodiche e tecniche infermieristiche nella materia di competenza, tramite un confronto di professionalità, il cui obiettivo è il cambiamento per un miglioramento dell assistenza (completa e di qualità) al paziente A.S.S. n 2 Isontina Caratteristiche e riferimenti normativi Il ruolo dell infermiere è comprensivo di quattro funzioni V. Fascio V. Fascio L infermiere Clinica: assistenza diretta. Consulenza:per i colleghi delle Strutture Operative della propria e di altre aziende. Educativa: èla chiave per una corretta presa in carico del paziente coinvolgendo l equipe infermieristica e di supporto Ricerca:permette di mantenersi costantemente aggiornato ed esperto Da un punto di vista deontologico e giuridico, l infermiere ha l obbligo di contribuire alla preparazione del personale di supporto, dei colleghi e di quello in formazione, e di auto educarsi, in modo da essere costantemente in grado di fornire risposte adeguate alle richieste. V. Fascio V. Fascio

6 Legge 26 febbraio 1999, n. 42 Disposizioni in materia di professioni sanitarie Il campo proprio di attività e di responsabilità delle professioni sanitarie di cui allʹarticolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 ( ), è determinato dai contenuti dei decreti ministeriali istitutivi dei relativi profili professionali e degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post base nonché degli specifici codici deontologici, fatte salve le competenze previste per le professioni mediche e per le altre professioni del ruolo sanitario Profilo infermiere: Decreto n 739/94 Art. 4. L infermiere contribuisce alla formazione del personale di supporto e concorre direttamente all aggiornamento relativo al proprio profilo professionale e alla ricerca. V. Fascio V. Fascio Art. 5. La formazione infermieristica post base per la pratica specialistica è intesa a fornire agli infermieri di assistenza generale delle conoscenze cliniche avanzate e delle capacità che permettano loro di fornire specifiche prestazioni infermieristiche nelle aree: a) sanità pubblica b) pediatria c) salute mentale psichiatria d) geriatria e) area critica V. Fascio Codice Deontologico dell infermiere Norme generali 3.1. Lʹinfermiere aggiorna le proprie conoscenze attraverso la formazione permanente, la riflessione critica sullʹesperienza e la ricerca, al fine di migliorare la sua competenza. V. Fascio Lʹinfermiere fonda il proprio operato su conoscenze validate e aggiornate, così da garantire alla persona le cure e lʹassistenza più efficaci. Lʹinfermiere partecipa alla formazione professionale, promuove ed attiva la ricerca, cura la diffusione dei risultati, al fine di migliorare lʹassistenza infermieristica. V. Fascio Lʹinfermiere assume responsabilità in base al livello di competenza raggiunto e ricorre, se necessario, allʹintervento o alla consulenza di esperti. Riconosce che lʹintegrazione è la migliore possibilità per far fronte ai problemi dellʹassistito; riconosce altresì lʹimportanza di prestare consulenza, ponendo le proprie conoscenze ed abilità a disposizione della comunità professionale. V. Fascio

7 L infermiere può essere esperto in tutti i settori? L infermiere deve improntare la sua professionalità alla ricerca del miglioramento delle proprie conoscenze. Vivere questa tensione non solo verso gli altri ma anche verso se stesso. (Bassetti, 1987) Chi opera in settori specialistici ha acquisito una specificità tale per poter dare prestazioni altamente qualificanti, mettendo a disposizione le proprie conoscenze prima all utente che ne ha la necessità e poi agli altri operatori. (Tonelli & al., 2001). V. Fascio V. Fascio L Utenza Per le molteplici funzioni che l infermiere svolge, le caratteristiche professionali che lo contraddistinguono sono rappresentate dal: sapere saper fare saper essere e saper divenire L utenza èmolto varia: Cittadini Colleghi Studenti Altri professionisti V. Fascio V. Fascio Ma allora... Consulenza o counseling? L infermiere si ritrova ad agire, perciò, all interno di un area molto vasta, con notevoli possibilità di interazione con le persone e di approfondimento delle proprie conoscenze. Il Counseling, termine inglese non perfettamente traducibile in ʺconsulenzaʺ, indica uno scambio comunicativo tra un professionista, il counsellor, e un cliente che si trova in difficoltà e che porta implicitamente una domanda di cambiamento specifica. V. Fascio V. Fascio

8 il suo significato si pone in uno spazio intermedio tra due concetti correlati ma distinti: la consulenza e la relazione d aiuto. Il counseling è, in effetti, una consulenza allʹinterno di una relazione d aiuto. La consulenza è un intervento del quale sono messe in gioco le competenze specifiche di un professionista. V. Fascio V. Fascio Una relazione d aiuto è invece un processo del quale un soggetto attraverso lʹofferta di tempo, attenzione e rispetto, talvolta col sostegno di specifiche metodologie, aiuta un altro che èin difficoltà a ritrovare risorse e modi per condurre produttivamente la sua esistenza. Il counseling è una metodologia trasversale a tutte le professioni che prevedono la relazione tra persone come caratteristica essenziale in termini decisionali ed applicativi allo svolgimento dellʹattività. V. Fascio V. Fascio L attività dell infermiere non può esimersi dal basarsi su quella che è la relazione d aiuto. L attività di consulenza èsoprattutto insita nelle basi normative che regolano la nostra professione. quando l infermiere fa (o può fare) consulenza... e quando, invece, si può parlare di counseling? V. Fascio V. Fascio

9 Un modello teorico di consulenza La figura del counselor ècreata seguendo corsi specifici, ma è ragionevole auspicare che l infermiere si renda conto di quanto questa attività sia, fondamentalmente, vicina alla propria e quanto possa essere interessante pensare a questa nuova ed accessibile frontiera. V. Fascio Occorre, inoltre, creare team di infermieri capaci di attivare consulenze infermieristiche specialistiche presso: A) Ospedale/UU.OO. (al letto del paziente) B) Tra pari C) On line (tramite Internet) V. Fascio Ritorniamo alla nostra premessa iniziale... Un indagine eseguita da ANIN sull applicazione di linee guida e metodologie organizzative, indica come premessa fondamentale i seguenti indirizzi: Avere ed applicare dei modelli assistenziali Pianificare in maniera scientifica il lavoro quotidiano Esprimere autonomia professionale Evidenziare la capacità dei risultati Assumersi le responsabilità dei risultati (C. Spairani, 2003) V. Fascio Se il professionista infermiere fosse accreditato sulla performance professionale, l attenzione non si limiterebbe agli aspetti esecutivi, ma anche: Scegliere le migliori opzioni Scegliere i presidi adeguati al quadro clinico Rispettare le norme di sicurezza per non provocare danni Compiere prestazioni successive ad una pianificazione assistenziale Comunicare con il paziente (N. Boni, T. Lavalle & al. 2003) V. Fascio Come attuare la consulenza dipende anche dal quadro concettuale... Accreditare il professionista che ha concluso il curriculum formativo (Es. Master?) con una certificazione della formazione base e una certificazione del livello di competenze raggiunto e potenziale A questo punto la metodologia, gli strumenti, il campo o oggetto della consulenza si possono delineare... Il passaggio da consulenze di carattere informale tra infermieri che si conoscono a una consulenza liaison infermieristica ufficiale e programmata in seno all azienda è un esigenza non solamente sentita da più parti, bensì un preciso dovere deontologico e giuridico. (Calamandrei, 2002) V. Fascio V. Fascio

10 Ma a questo punto è lecito chiedersi se la consulenza è una novità, e quale potrebbe essere una esemplificazione dell applicazione della consulenza infermieristica... La novità risiede nello strutturare in modo organizzato la prestazione infermieristica, nella progettualità e nello sviluppo organizzato della consulenza. Consulenza al paziente in ospedale: Il servizio deve essere sempre riconosciuto dalla Direzione Sanitaria, la quale accredita anche gli infermieri su base volontaria. V. Fascio V. Fascio Consulenza infermieristica intesa come: Infermieri accreditati sono richiesti dai reparti o a domicilio direttamente al letto del paziente, quando ci sono problemi assistenziali complessi, situazioni difficili, che non riescono ad essere risolte: un consiglio, un approccio diverso èimportante per migliorare o cambiare la situazione Prestazione tecnica Addestramento sul campo del collega Educazione del paziente e/o dei familiari Valutazione Supervisione ai colleghi V. Fascio V. Fascio Esiste una relazione fra consulenza e formazione? La competenza dell infermiere consulente richiede formazione e aggiornamento continuo nello specifico della prestazione di consulenza Quali effetti possono scaturire da una buona consulenza in ospedale? Maggiore sicurezza per il paziente/colleghi Maggiore autonomia per il paziente e la famiglia I dati sul numero di consulenze eseguite, i risultati ottenuti, vanno documentati e utilizzati ai fini: amministrativi statistici di ricerca V. Fascio V. Fascio

11 Quale infermiere è accreditabile come esperto nella materia? Risulta molto complicato e impersonale fare consulenza ospedaliera di questo tipo a livello informatico, ma perfino una semplice informazione la si può anche fornire così, e tutte le richieste si possono inviare con l intranet aziendale. Il possessore di certificato Master o Perfezionamento? Il professionista con anni di attività nel settore? Il professionista che può dimostrare la propria attività di continuos learning nel settore? V. Fascio V. Fascio e ancora... Il docente universitario nella disciplina e/o in corsi di formazione accreditati? Il coordinatore di U.O.S., U.O.C., Dipartimento? Il membro del direttivo di organi istituzionali professionali (Presidenti Vice presidenti)? Basta uno di questi titoli, un mix, oppure necessita il possesso di tutti quanti? V. Fascio V. Fascio Oggi abbiamo una prima risposta... 24/01/ :07 SANITAʹ: ROCCO (IPASVI), VIA LIBERA DDL PROFESSIONI Eʹ TRAGUARDO PER LʹITALIA Roma, 24 gen. (Adnkronos Salute) ʹʹLʹapprovazione alla Camera del ddl 3236 sul riordino delle professioni sanitarie non mediche è un vero e proprio traguardo per lʹitalia e per tutti i cittadiniʹʹ. Il commento di Gennario Rocco, vicepresidente della Federazione nazionale (Ipasvi) alla notizia del via libera alla Camera al ddl che interessa diverse categorie di professionisti. ʹʹGioiamo è data la possibilità alle professioni sanitarie di vedersi riconosciuti i titoli accademici post laurea nelle varie discipline come requisiti obbligatori per occupare un ruolo di ʹespertoʹ, di specialista dice Rocco allʹadnkronos SALUTE questo non cʹè mai stato nel nostro sistema, in particolare in riferimento agli infermieri: un infermiere di corsia, cioè quello che fornisce le prestazioni sanitarie al cittadino, non ha mai avuto la possibilità di vedersi riconosciute competenze e conoscenze avanzateʹʹ. ʹʹQuesta legge, invece spiega istituendo la figura del ʹprofessionista specialistaʹ dà agli infermieri una motivazione in più per frequentare i master post laurea nella varie discipline di specializzazione (ad esempio chirurgia, terapia intensiva, sanità pubblica, geriatria) e gli consente di vedere riconosciuto il proprio ruolo sul posto di lavoro. Per noi continua Rocco questo era lʹʹanelloʹ che mancava alla catena attivata per riconoscere ai professionisti sanitari, e agli infermieri, in particolare, un ruolo autonomo nellʹassistenza alle persone. Riteniamo che questo sia un vantaggio per i cittadini, perché significa incidere direttamente sulla qualità delle prestazioni tecnico assistenziali che vengono erogateʹʹ. V. Fascio La Legge 1 Febbraio 2006 n 43, art. 6, recita così: 1) In conformità all ordinamento degli studi dei corsi universitari, disciplinato ai sensi (omissis) il personale laureato appartenente alle professioni sanitarie di cui all articolo 1 comma 1, della presente legge, è articolato come segue: V. Fascio

12 c) Professionisti specialisti, in possesso del Master di Primo livello per le funzioni specialistiche, rilasciato dall Università ai sensi dell articolo 3 comma 8 del regolamento di cui al Decreto del Ministro dell Università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 Novembre 1999, n 509, e dell articolo 3 comma 9, del regolamento di cui al Ministro dell Istruzione, dell Università e della ricerca 22 Ottobre 2004, n 270 Chi potrebbe, oggi giorno, accreditare il professionista infermiere esperto? Il fatto di ritenersi o essere ritenuto esperto non è necessariamente la stessa cosa dell essere accreditato come tale (redazione della jobdescription dell esperto in ). V. Fascio V. Fascio Gli infermieri esperti potrebbero essere accreditati come tali da parte di: Sono già in atto esperienze di consulenza infermieristica ospedaliera? Aziende sanitarie (personale interno, tramite selezione per titoli posseduti); Enti istituzionali (Collegi, Associazioni, Società Scientifiche) per gli iscritti; Ccnl, che oggi inquadra come CPSE solo chi è in Cat. DS (oggi con la L. n 43, professionista specializzato, ecc.) In alcune aziende essa è già stata inserita tra gli obbiettivi assegnati alle UU.OO., la procedura e la modulistica sono ufficializzate. Sono stati valutati i costi/benefici del Servizio. V. Fascio V. Fascio Esperienze in atto ( ): Occorrerà implementare la procedura di gestione e realizzare il servizio di consulenza, criteri e modalità di svolgimento, in base a requisiti di qualità (ISO 9000) e attivare un Osservatorio di studio. Modena (prima del 2000) Gorizia Az. n 2 Isontina (dal 2000 in diverse UU.OO.) Genova Az. Osp. Villa Scassi (Lesioni cutanee) Rimini AUSSL Ospedale (Chirurgia) Firenze Az. Osp. Careggi (Lesioni cutenee) Bologna (Az. Osp. S. Orsola Malpighi) Biella, ASL 12 (Cure palliative enterostomisti) Reggio Emilia ArciOspedale Santa Maria Nuova (S.I. con scheda di consulenza) sulenza&txtfromdate=&txttodate=&cbodoctype=%2a V. Fascio V. Fascio

13 Titolo del Progetto: La consulenza infermieristica in wound care Soggetto proponente: Azienda Ospedaliera Denominazione per esteso: Arcispedale S. Maria Nuova Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia Referente: Arduini Cinzia Morena Obiettivi e risultati conseguiti: REGIONE: EMILIA ROMAGNA - TIPOLOGIA: GOVERNO CLINICO: UTILIZZO DELL'ICT PER LA GESTIONE DEL PAZIENTE E DEI DATI CLINICI Premio FORUM P.A. SANITA' dedicato quest'anno all'impiego dell'information & Communication Technology (ICT) per l'efficienza della sanità e nello specifico a supporto della gestione manageriale uniformare la gestione del paziente affetto da lesioni difficili attraverso la consulenza infermieristica di un esperto wound care fornire allʹutenza un servizio di consulenza e trattamento infermieristico nei casi di lesione difficile fornire un intervento di educazione sanitaria rivolto ad utenti e familiari nella gestione delle esigenze quotidiane ottimizzare le risorse umane e i costi garantire una maggiore sicurezza per il paziente ed una maggiore autonomia per i familiari fornire unʹassistenza infermieristica più qualificata ed efficace. V. Fascio V. Fascio CONVEGNO PERSONA E ORGANIZZAZIONE: esperienze di un rapporto possibile Reggio Emilia 4 e 5 marzo 2005 Relazione: L infermiere esperto: la consulenza per il paziente diabetico Relatrice: Mariapaola Lince (Responsabile Infermieristica Dipartimentale Dipartimento Medico 1 Un progetto di consulenza per il paziente diabetico A.O. Reggio Emilia (di Mariapaola Lince) Dall analisi del contesto sociale e dalle sollecitazioni dei comitati dei cittadini e dall Associazione Diabetici, l Azienda Ospedaliera S. Maria Nuova di Reggio Emilia ha riscontrato la necessità di un intervento educativo durante la degenza ordinaria al paziente diabetico trattato con insulina per la prima volta. L analisi delle criticità ha riscontrato che durante l anno sono stati ricoverati 3000 casi uniformemente distribuiti in tutte le U.O.: su questi era frequente la richiesta di intervento di consulenza medica diabetologica, ma si èevidenziato che assistenza correlata diventava insufficiente per quanto riguarda l impatto dietologico alla malattia, la gestione del controllo della glicemia al dito (stick), la somministrazione della terapia insulinica e la relativa gestione del materiale. Per tutti questi eventi ci si affidava alla buona volontà dei singoli infermieri e alla loro conoscenza del problema diabete. Di conseguenza i centri territoriali riscontravano che il paziente dimesso vagava senza avere ben chiaro quello che dovesse fare per affrontare la propria malattia, non sapeva come gestirla dal punto di vista pratico! Il progetto partecipa con un poster al Concorso Health Promating Hospitals Italiano e al Concorso Health Promating Hospitals Europeo di Dublino. V. Fascio V. Fascio Si è così strutturata la consulenza infermieristica per il paziente diabetico che consiste in un ora (circa) dedicata al singolo paziente, da svolgersi nell ambulatorio diabetologico o al letto del malato. La richiesta viene attivata dal reparto di degenza attraverso una richiesta preordinata che tutti gli operatori dell Azienda possono trovare in Intranet. Nel corso della consulenza si informa il paziente e/o un suo familiare sull utilizzo della siringa o della penna, si insegna ad eseguire correttamente il controllo della glicemia (utilizzo della striscia e del glicemometro) e a compilare il diario glicemico. Si informa come riconoscere i sintomi della ipo o iperglicemia, si fissa un incontro con la dietista e dopo una prima verifica di apprendimento si consegna un kit con il materiale necessario ad arrivare alla prima visita del centro territoriale. Al termine della consulenza viene consegnata al diabetico una lettera di dimissione infermieristica ove sono riportate informazioni sulla consulenza e l appuntamento al centro territoriale di competenza. V. Fascio Tesi di Mangani Lorenza LA CONSULENZA INFERMIERISTICA TRA L INFERMIERE ESPERTO IN WOUND CARE E L INFERMIERE STOMATERAPISTA: PROPOSTA DI GESTIONE E AGGIORNAMENTO IN TEMA DI COMPLICANZE CUTANEE PERISTOMALI Abstract: Partendo dall assunto del Nuovo Codice Deontologico dell Infermiere, che prevede il dovere di ricorrere, se necessario, alla consulenza infermieristica e all obbligo di integrazione professionale per far fronte ai problemi delle persone prese in carico, con questo lavoro, si ipotizza che l intervento sinergico di figure infermieristiche con formazione complementare in Wound Care e Stomaterapia possa essere la soluzione migliore per affrontare questo problema. Nel lavoro vengono inizialmente evidenziate la professionalità, la competenza e la responsabilità delle due figure professionali in tema di lesioni cutanee e stomie, partendo dall analisi delle leggi che regolano l agire professionale e dalla descrizione dei percorsi formativi di base e complementari. In seguito poi si parla di ECM, di E BN, di Ricerca, e di VQAI. V. Fascio

14 La consulenza infermieristica ospedaliera, dunque, non è: Non è un casotto di "esperti" che passano il tempo ad andare/venire dai reparti; gli spostamenti sono registrati è la pratica codificata Non presuppone che l'infermiere debba dividere il paziente in mille pezzi e affidarne uno a ogni esperto ; anzi, continua ad occuparsi dell'assistenza infermieristica globalmente in modo olistico Non è la panacea che risolve oggettive carenze organizzative o strutturali o di organico di un reparto, ma una risorsa aggiuntiva da prevedere nei casi difficili Non sostituisce la formazione generale che l infermiere deve possedere e mantenere aggiornata; il consulente deve però essere continuamente aggiornato per lo specifico settore V. Fascio La consulenza infermieristica ospedaliera è: E una pratica irrinunciabile per migliorare la qualità dell'assistenza E un valore aggiunto che non snatura la mission della nostra professione E da intendersi specialistica non come la specializzazione per i medici ma nel senso più ampio del termine, in virtù della caratteristica della professione per dare una specificità unica È uno strumento che nel quotidiano dell infermiere permette di risolvere perfino alcuni problemi just in time mai affrontati È uno strumento di crescita professionale collettiva grazie allo scambio di informazioni e il confronto di esperienze lavorative V. Fascio Richiesta Modello di richiesta Regione Piemonte Azienda Sanitaria Struttura Operativa. Consulenza infermieristica psichiatrica e di liaison URGENTE NON URGENTE Data:. Ora:.. Dal reparto: Al: SPDC CSM Cognome e Nome del paziente:. Data di Nascita:.. Diagnosi infermieristica o Quesito specifico: Procedure già eseguite: Firma.. Recapito telefonico: Ricevuta alle ore:... Data. V. Fascio Pagina retro della richiesta Appuntamento alle ore:. Data. Firma. Parere del consulente infermieristico psichiatrico: Consiglio:..... Da rivedere in data:. Da non rivedere Firma... Recapito telefonico: Data:. Ora:. V. Fascio Esempio di tematiche di consulenza infermieristica di psichiatria che la letteratura cita. Riguardano le seguenti attività assistenziali (Royal College of Psychiatrists): Organizzazione del collegamento con i servizi della rete territoriale Educazione e informazione assistenziale per lo specifico Gestione dei segni in atto di delirio o allucinazione o confusione Gestione del comportamento difficile (oppositivo, passivo, chiuso in se stesso) Gestione dei segni di agitazione psicomotoria Gestione del paziente in presenza di tratti antisociali Gestione del paziente contenuto fisicamente E il tramite informatico? Intranet può essere utile per inviare o ricevere i moduli di richiesta per la consulenza infermieristica ordinaria o per trasmissione di protocolli, linee guida, o per semplici precisazioni L'utilizzo di internet deve essere considerato invece uno strumento raccomandabile per l'aggiornamento continuo al divenire del sapere e deve essere una risorsa messa a disposizione dell'azienda per il personale infermieristico (e non protetta da password!) V. Fascio V. Fascio

15 Ci basta questo quando parliamo di consulenza e di internet? Probabilmente no, per creare una community di infermieri indipendentemente dall ospedale, in grado di fare consulenze infermieristiche specialistiche on line, tramite internet (In Italia l Associazione infermierionline). www. infermierionline.net Consulenza tra pari in internet... Internet è sinonimo di condivisione di esperienze/conoscenze individuali con tutti e in tutto il mondo! Internet èl ambiente, possiamo spiegarlo, aiutare l infermiere ad usarlo, internet comunque resta Sul web, se approcciato con giudizio si trovano informazioni più attuali rispetto alla carta stampata... La consulenza on line è FAQs; è confronto su problemi tecnici; è informazione; è formazione V. Fascio V. Fascio Alcuni strumenti di comunicazione e consulenza utilizzando lo strumento del web: Chat room Forum Newsletter Newsgroup La mailing list Teledidattica Web community Esempio: Infermierionline.net; Nursesarea.it; Infermieri.com; Inferweb.com; Nurse3000.it V. Fascio V. Fascio Documentarsi con internet: Banche dati: Primarie: singole ricerche o articoli es. Medline Secondarie: revisioni sistematiche es. Cochrane Riviste o elenchi giornali es. BMJ Siti Web o Portali professionali es. Collegi Evidenze scientifiche es. Clearinghouse Formarsi con internet: FAD es. Ecce InFad File sharing: software per turni di servizio, ecc. Open source: il Progetto aperto applicato al nursing Collaborazione/cooperazione: gestire siti, scrivere articoli, ecc. Apprendere l uso di programmi: powerpoint, ecc. La webliografia italiana sulla consulenza: 1) Da InfermieriOnline aprile 2004 (chat( di G. Bon): ) Da Infermierionline settembre 2004 (articolo di F. Raineri): mieristica.htm 3) Da NursesArea marzo 2004 (topic( nel forum): viewtopic.php?t=6332 V. Fascio V. Fascio

16 La bibliografia italiana sulla consulenza: Attraverso la revisione della letteratura a stampa italiana: a: tre articoli. Tonelli E. & al., La consulenza infermieristica: l esperienza l a disposizione dell utente utente,, Management infermieristico, 2/2001, pp Brandi A. & al., Consulenza infermieristica in wound care, Management infermieristico, 4/00, pp Lince MP. La consulenza infermieristica nella medicina interna: un aiuto prezioso,, Bollettino FADOI Internista News, 12/04, pp V. Fascio La bibliografia internazionale sulla consulenza infermieristica... Attraverso le banche dati con chiave di ricerca: psychiatric nursing consultation o psychiatric consultation liaison/nurse o psychiatric clinical nurse specialist : Articoli Chase P, Gage J, Stanley KM, Bonadonna JR. The psychiatric consultation/liaison nurse role in case management, Nurs Case Manag Mar Apr;5(2):73 7. Effinger J. Help wanted. A quality needs assessment creates a position for a psychiatric clinical nurse specialist, J Psychosoc Nurs Ment Health Serv Oct;33(10): Marcus J. Nursing consultation: a clinical speciality, J Psychiatr Nurs Ment Health Serv Nov; 14(11): Minarik PA. The psychiatric liaison nurse s role with families in acute care, Nurs Clin North Am Mar;19(1): Scherer ZA, Scherer EA, Labate RC. Psychiatric nursing consultation and liaison: how do nurses understand this activity?, Rev Lat Am Enfermagem Jan Feb;10(1):7 14. Sharrock J, Happel B. The role of a psychiatric consultation liaison nurse in a general hospital: a case study approach, Aust J Adv Nurs Sep Nov;20(1): Sharrock J, Happel B. An overview of the role and functions of a psychiatric consultation liaison nurse: an Australian perspective, J Psychiatr Ment Health Nurs Oct;8(5): Sharrock J, Happel B. The role of the psychiatric consultation liaison nurse in the improved care of patients experiencing mental health problems receiving care within a general hospital environment, Contemp Nurse Dec;11(2 3): V. Fascio Gli Infermieri e la consulenza... Alcuni dati, elaborati nell ambito di una Tesi di Laurea in Infermieristica: V. Fascio il 66,6% degli Infermieri intervistati dichiara che la funzione di consulenza èparte integrante del profilo professionale dell infermiere, rispetto al 33,3% che risponde negativamente V. Fascio La consulenza infermieristica è assente, in ogni ambito specialistico, per il 92,5% degli intervistati. L 80%degli infermieri intervistati, si sentirebbe preparato ad affrontare un intervento di consulenza come esperto clinico nell ambito di competenza. (Dati da Tesi di V. Fascio, A.A. 2004/2005 Università G. D Annunzio, di Chieti). V. Fascio V. Fascio

17 Cosa succede negli altri Paesi? Nei Paesi anglosassoni, la consulenza infermieristica èregolarmente diffusa. Negli Stati Uniti, la figura di Nurse Consultant (Infermiere Consulente), nasce fra la fine degli anni 70 ed i primi anni 80. V. Fascio V. Fascio In Inghilterra, la Consulenza Infermieristica viene introdotta negli anni ʹ90 da Wright e Pearsons. Oggi si contano moltissime figure che attuano l infermieristica avanzata, anche se non sempre sono ben distinte nei ruoli e spesso si intersecano, creando confusione. V. Fascio V. Fascio Possiamo elencare alcuni fra i titoli più frequentemente riscontrabili: Consultant nurse Clinical nurse specialist Nurse specialist Advanced Practicioner nurse Nurse practicioner ecc.. Esistono figure infermieristiche specializzate in vari settori, ad esempio: Tissue Viability Nurse Rehabilitation Nurse Wound, Ostomy & Continence Nurse (WOCN) Parkinson Disease Nurse Specialist (PDNS) V. Fascio V. Fascio

18 Tutte queste figure ricoprono incarichi di alta responsabilità ed autonomia. Principalmente, essi rivestono: Ruolo di aiuto Funzione di insegnamento coaching Funzione diagnostica e di monitoraggio del paziente Gestione efficace di situazioni soggette a rapidi cambiamenti In Italia non esiste una figura assimilabile a quella del Consultant Nurse, o Infermiere di Pratica Avanzata; non èriconosciuta, infatti, dal nostro ordinamento. V. Fascio V. Fascio Conclusioni attualmente, come abbiamo citato, ènecessario far riferimento alla recentissima Legge 43, del 1 Febbraio 2006, all Art. 6, comma 1. La consulenza è un argomento con il quale gli infermieri italiani devono e dovranno sempre più confrontarsi. V. Fascio V. Fascio La consulenza rappresenta il nuovo sentire comune che è la capacità di condividere il proprio sapere con gli altri. E l unione dello sforzo per descrivere l esistente trainandoci dietro i più restii fare squadra ma sempre con uno sguardo rivolto al futuro e a quello che si attende e si vuole costruire. La consulenza rappresenta il nuovo ruolo di professionisti in grado di fornire un concreto supporto alla prassi infermieristica quotidiana. Occorre creare quella conoscenza sistematica che èuno degli elementi indispensabili per il riconoscimento di una professione, e perché questa si affermi nel sistema sociale e culturale. V. Fascio V. Fascio

19 La funzione di consulenza infermieristica permette agli infermieri di affrontare adeguatamente anche le situazioni di incertezza, senza per questo sentirsi soli nel risolvere alcuni problemi contingenti. La consulenza può contribuire ad avvicinare sia gli infermieri che lavorano in un ospedale sia quelli che frequentano la rete: acculturare nell uso professionale del tramite informatico e di internetintranet. Tutto ciò nella prospettiva di indicare un orizzonte e alimentare un sogno... V. Fascio V. Fascio Concludo affermando che, probabilmente, più che individuare ho fatto intravedere anche soltanto sullo sfondo, dove la consulenza infermieristica, così definita, e l uso di internet professionalmente utile potrebbe condurre Ritengo che pur tenendo conto dei vincoli, aprire un semplice spiraglio da una finestra abbia l importante funzione di immettere e far circolare nuovo ossigeno... V. Fascio V. Fascio L obiettivo della relazione è raggiunto?... e soprattutto solamente spalancando una finestra si potrà godere appieno del panorama. Ne abbiamo bisogno! L obiettivo della relazione è quello di migliorare la consapevolezza professionale rispetto alla funzione di consulenza infermieristica e la capacità di identificarne alcune caratteristiche, prendendo anche in considerazione le attuali diverse accezioni nell uso del termine e alcuni esempi e modalità d implementazione operativa. E se è così, allora non mi resta che domandarvi... V. Fascio V. Fascio

20 Bibliografia italiana essenziale Sito di Infermierionline (Chat di Giuliano Bon): Sito di NursesArea (Forum, topic ): Tonelli E. & al., La consulenza infermieristica: l esperienza a disposizione dell utente, Management infermieristico, 2/2001, pp Brandi A. & al., Consulenza infermieristica in wound care, Management infermieristico, 4/00, pp. 4-8 Viandante la via non c è, la via si fa andando Antonio Machado Casati M. La documentazione infermieristica, McGraw-Hill, Milano, Reilly C.H. Il ruolo consultivo dell infermiere specializzato in gerontologia negli ospedali, vol. 12 n 1, Ed. Piccin, Padova, Lince MP. La consulenza infermieristica nella medicina interna: un aiuto prezioso, Bollettino FADOI Internista News, 12/04, pp.6-7 V. Fascio Grazie! Valter Fascio V. Fascio

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE COGNOME NOME VENDRAMIN TOSCA Professione : CPSE Coordinatore corso di Laurea Sede lavorativa Tortona Tel.: 0131/1858051 Fax: 0131/1858068 E-mail: tvendramin@aslal.it CURRICULUM F ORMATO EUROPEO PER IL

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a.

DOCENZE. Data 2008 Ente organizzatore Istituto clinico Città di Brescia s.p.a. DOCENZE Data 2010 Ente organizzatore Montedomini, centro servizi e formazione Titolo del corso Aggiornamento teorico pratico per personale operante in strutture sanitarie riabilitative Docenza Riprogettazione

Dettagli

La cosulenza infermieristica del paziente diabetico in ospedale

La cosulenza infermieristica del paziente diabetico in ospedale La cosulenza infermieristica del paziente diabetico in ospedale MARCO GANASSI AZIENDA OSP.REGGIO EMILIA ANIMO - BOLOGNA 17MAGGIO 2010 1 CONTESTO ASSISTENZIALE Si possono individuare 3 attori: UTENTE PROFESSIONISTA

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F.

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E D I A N T O N I A D E M A R C H I DATI ANAGRAFICI Nome Antonia Demarchi Indirizzo Telefono 3355793716 E-mail ademarc@policlinico.mi.it

Dettagli

Posizione Organizzativa Responsabile Infermieristica Area Formazione Aziendale presso Servizio Infermieristico

Posizione Organizzativa Responsabile Infermieristica Area Formazione Aziendale presso Servizio Infermieristico INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARONGIU LUCIA VINCENZA Data di nascita 25/03/1966 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Posizione Organizzativa Responsabile Infermieristica

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

Dal 1/09/2001 a tutt oggi Azienda Ospedaliera di Desenzano. Università degli Studi di Brescia. Istruzione pubblica Corso di Laurea in Infermieristica

Dal 1/09/2001 a tutt oggi Azienda Ospedaliera di Desenzano. Università degli Studi di Brescia. Istruzione pubblica Corso di Laurea in Infermieristica F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità ENRICA PODAVINI Italiana Data di nascita 8/06/1963 Date (da a) Nome e indirizzo del datore di

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

La specializzazione del sapere infermieristico: nuovi scenari e nuove responsabilità

La specializzazione del sapere infermieristico: nuovi scenari e nuove responsabilità La specializzazione del sapere infermieristico: nuovi scenari e nuove responsabilità Afd. Laura Plebani Coordinatore Tecnico Scientifico Laboratori Interventistici di Cardiologia Gennaro Rocco, Vicepresidente

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master 84 1 Titolo MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

1975 Diploma di maturità scientifica, rilasciato dal Liceo Scientifico Statale A.Avogadro di Biella;

1975 Diploma di maturità scientifica, rilasciato dal Liceo Scientifico Statale A.Avogadro di Biella; COGNOME NOME EULOGIO CATERINA Professione : Infermiera Sede lavorativa A.S.L.BI Tel.: 0158409333 Fax: 0158401931 E-mail: caterina.eulogio@infermieribiella.it CURRICULUM Formazione e studi 1975 Diploma

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012

Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 Master di I livello MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 102) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE OBIETTIVI FORMATIVI Con

Dettagli

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina

DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER. Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina DAL CASE MANAGER AL CARE MANAGER Infermiera care manager in medicina interna Derossi Valentina La nostra storia inizia MARZO 2007 L infermiere CASE Manager in Medicina Interna (PROGETTO FLORENCE) CASE

Dettagli

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello

E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello E ora?!? cosa fare dopo la Laurea di I livello Uno dei primi obiettivi della formazione è permettervi, come professionisti, di agire in scienza e coscienza. Esistono, in Italia, due percorsi che consentono

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fanari Francesco Data di nascita 20/06/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

L infermiere al Controllo di Gestione

L infermiere al Controllo di Gestione L infermiere al Controllo di Gestione Una definizione da manuale del Controllo di gestione, lo delinea come l insieme delle attività attraverso le quali i manager guidano il processo di allocazione e di

Dettagli

Management e coordinamento delle professioni sanitarie (MA-02)

Management e coordinamento delle professioni sanitarie (MA-02) Master di I livello (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2010/2011 Management e coordinamento delle professioni sanitarie (MA-02) Titolo Management e coordinamento delle professioni sanitarie MA 02 Finalità

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE Master di I livello MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE (MA 106) 1500 ore 60 CFU A.A. 2011/2012 TITOLO MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA

Dettagli

Competenza e Ricerca

Competenza e Ricerca Competenza e Ricerca La ricerca è alla base del progresso infermieristico, dello sviluppo della disciplina e della professione. Metodologia della ricerca come presupposto per l acquisizione di una mentalità

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele

INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele INTEGRAZIONE ORGANIZZATIVA E CLINICA DELL O.S.S. 1 Responsabile Infermieristico Settore Servizi Appaltati Dott.ssa Maria Antonietta Mele RIEPILOGO PERCORSO LEGISLATIVO INFERMIERE EVOLUZIONE NORMATIVA DELL'O.S.S.

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Telefono(i) 010 5636616 Marco Antonio CICCONE Fax 010 384242 E-mail marcociccone@ospedale-gaslini.ge.it Cittadinanza Italiana Data

Dettagli

Esperienza del network JCI

Esperienza del network JCI Esperienza del network JCI Dr. Massimiliano Raponi 19 novembre 2011 2 IL SECOLO XIX 1! 3 L Attività dell OPBG 4 Sedi 11 Dipartimenti 607 posti letto 30.344 Ricoveri Ordinari/anno 101.980 Accessi DH/anno

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

Assistenza Domiciliare e Malattie Rare: attuali e future strategie IPASVI Roma

Assistenza Domiciliare e Malattie Rare: attuali e future strategie IPASVI Roma , 14 maggio 2010 CONFERENZA Associazione G. Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Assistenza Domiciliare e Malattie Rare: attuali e future strategie Il ruolo del professionista infermiere nell

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

ASL S A L E R N O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

ASL S A L E R N O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI ASL S A L E R N O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Dott. Schipani Giuseppe Indirizzo Via Rosario, 24 84091- Battipaglia (SA) Telefono 0828-210235

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome FRANCESCA VACCHINA Indirizzo Telefono 335377281 E-mail VIA POGGIO ALLA CAVALLA, 89/F

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Balsanelli Mario Data di nascita 22/08/1950. Dirigente ASL I fascia - Diabetologia Distretto XIII

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Balsanelli Mario Data di nascita 22/08/1950. Dirigente ASL I fascia - Diabetologia Distretto XIII INFORMAZIONI PERSONALI Nome Balsanelli Mario Data di nascita 22/08/1950 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico ASL DI RM/D Dirigente ASL I fascia - Diabetologia

Dettagli

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carla Repetto Data di nascita 23 luglio 1957 Qualifica CPSE Amministrazione ASL AL Incarico attuale Responsabile SITRO Formazione Numero telefonico

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

FRONTESPIZIO PROTOCOLLO GENERALE

FRONTESPIZIO PROTOCOLLO GENERALE FRONTESPIZIO PROTOCOLLO GENERALE REGISTRO: NUMERO: DATA: OGGETTO: Protocollo generale 0082911 17/09/2014 08:57 Avviso per l'attribuzione di incarico dirigenziale di struttura semplice dipartimentale denominata

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS)

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA (NURSING DELIVERY MODELS) MODELLI DI ORGANIZZAZIONE Le componenti: DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA: 1. modalità di erogazione dell'assistenza (care

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Giuseppe Perri. Il contributo dei SIAN nelle attività di formazione in sicurezza alimentare e nutrizionale

Giuseppe Perri. Il contributo dei SIAN nelle attività di formazione in sicurezza alimentare e nutrizionale Il contributo dei SIAN nelle attività di formazione in sicurezza alimentare e nutrizionale Giuseppe Perri Dirigente Medico SIAN Lamezia Terme ASP Catanzaro formazione plasmare + formazione = + qualità

Dettagli

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO Telefono 3389688974 Fax E-mail chiara.boggiogilot@tin.it

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo lavoro PACE ANNA Telefono lavoro 011-5664082 VIA BERRUTI E FERRERO 3 TORINO ISTITUTO PENALE MINORILE

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie Corso di Laurea Magistrale in Scienz delle professioni sanitarie Il corso di Laurea Magistrale in Scienze della Riabilitazione comprende unità didattiche in numero non inferiore a 0 crediti. Sono ammessi

Dettagli

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini Assolombarda - Politecnico di Milano - Fondazione Politecnico Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo Dr. Alberto

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Stefano Mantovani RUOLO E RESPONSABILITA DEGLI INFERMIERI NELL INSERIMENTO DEGLI OPERATORI DI SUPPORTO NELLE EQUIPE ASSISTENZIALI BRESCIA 7 E 8 OTTOBRE 2013 ESPERIENZA ASCSP MAGENTA SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative pp. 128, 16,00 - e-book 14,00 Cod. 1370.45 Collana:

Dettagli

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE L INFERMIERE DI FAMIGLIA Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE Uno degli obiettivi di oggi RILEGGERE LO SVILUPPO DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA TERRITORIALE DAL PUNTO

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it

Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it KETTI OTTOLITRI INFORMAZIONI PERSONALI KETTI OTTOLITRI Via Vittorio Veneto, n. 21 Albignasego (PD) C.A.P. 35020 +39 3409867729 ketty.ottolitri@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 31/03/1971 Nazionalità

Dettagli

Il master in oncologia e cure palliative. I.L. A.F.D. Bulfone Teresa B.T. 20.11.04

Il master in oncologia e cure palliative. I.L. A.F.D. Bulfone Teresa B.T. 20.11.04 Il master in oncologia e cure palliative I.L. A.F.D. Bulfone Teresa Obiettivo generale: Formare infermieri con competenze professionali avanzate e funzionali, secondo le indicazioni del Curriculum essenziale

Dettagli

Nursing Convention 6 TH TURIN CARDIOVASCULAR

Nursing Convention 6 TH TURIN CARDIOVASCULAR Nursing Convention 6 TH TURIN CARDIOVASCULAR Torino, 14 ottobreo 2010 Formazione specialistica e certificazione di competenze avanzate nei Laboratori Interventistici di Cardiologia: testimonianza di un

Dettagli

Curriculum Vitae di Giulio Mariani

Curriculum Vitae di Giulio Mariani Curriculum Vitae di Giulio Mariani Informazioni personali Cognome / Nome Indirizzo Via Malakoff 14, 20094 Corsico (Mi) (Italia) Telefoni 024479952 Cellulare 00393287439837 Fax 024524633 E-mail marianigiulio@libero.it

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle

Dettagli

La formazione sul campo

La formazione sul campo La formazione sul campo Relazione a cura della dott.ssa Sonia Martin Università degli Studi di Verona Come si insegna la medicina? MASTER MANAGEMENT PER COORDINATORI DELLE PROFESSIONI SANITARIE Az. ULSS

Dettagli

AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO

AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO AUDIZIONE COMMISSIONE SANITA REGIONE LAZIO Dr.ssa Gabriella Angeloni Il Comitato Infermieri Dirigenti (CID), Società Scientifica, è apartitico e non persegue scopi di lucro e si propone di: a. promuovere

Dettagli

Università degli Studi di Siena FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA MODULO PROFESSIONALIZZANTE

Università degli Studi di Siena FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA MODULO PROFESSIONALIZZANTE Università degli Studi di Siena FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA MASTER DI 1 LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE PROFESSIONI SANITARIE MODULO PROFESSIONALIZZANTE Management nelle scienze Infermieristiche ed Ostetriche

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA

MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo MANAGER DELLA SICUREZZA INTEGRATA Corsi di specializzazione

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

Regione Emilia Romagna. AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PARMA Strada del Quartiere n. 2/a Parma

Regione Emilia Romagna. AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PARMA Strada del Quartiere n. 2/a Parma Regione Emilia Romagna AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PARMA Strada del Quartiere n. 2/a Parma * * * * * VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL DIRETTORE GENERALE Deliberazione assunta il 30/04/2008 N.225

Dettagli

CECCHETTO - SALVATORI e Associati

CECCHETTO - SALVATORI e Associati Progetto1:Layout 1 3-06-2010 12:15 Pagina 1 Studio Infermieristico Associato CECCHETTO - SALVATORI e Associati ASSISTENZA INFERMIERISTICA FORMAZIONE CONSULENZA Carta dei Servizi Progetto1:Layout 1 3-06-2010

Dettagli

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode.

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode. DOTT. IVAN TERSIGNI CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE STUDI Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma il 21-7-1978, con votazione 110/110 e lode. Specializzato

Dettagli