La Consulenza Infermieristica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Consulenza Infermieristica"

Transcript

1 Benvenuti! Professione infermieristica e professioni sanitarie: consulenza ricerca, formazione. Informazione, comunicazione professionale - utilizzo dell informatica Gorizia Monfalcone, 8 9 maggio 2007 V. Fascio 2007 Benvenuti! 2 La Consulenza Infermieristica Collegio Ipasvi di Gorizia - AIOL 8-9 Maggio 2007 CPSE/Afd Dott. Valter Fascio Prof. a.c. Università Amedeo Avogadro Benvenuti! V. Fascio V. Fascio Premessa L analisi del contesto sanitario odierno impone una riflessione approfondita e sistematica su come il personale che eroga assistenza possa dedicarsi alla risposta ai bisogni manifestati dal paziente. Il contesto assistenziale deve essere analizzato attraverso i tre attori dell assistenza: l utente il professionista l organizzazione L utente che si trova a dover utilizzare il sistema sanitario è sempre più informato, legge, utilizza i mezzi informatici e ha dalla propria parte associazioni che lo supportano e dalle quali attinge ulteriori informazioni. In genere queste associazioni operano anche all interno dell organizzazione sanitaria quali organismi privilegiati per la rilevazione e il miglioramento della qualità dei servizi erogati al cittadino, promuovono e favoriscono la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali aziendali e si offrono come strumento di collegamento fra la struttura erogante e l utente. V. Fascio V. Fascio

2 Il professionista che opera per la salute ha il compito di aggiornarsi sulle tematiche che riguardano la proprio attività (ECM) ed è al contempo chiamato a lavorare secondo evidenze provate e condivise dal mondo scientifico internazionale. Questo comporta conoscenza di base, studio continuo, confronto, poiché utilizzare conoscenza scientifica serve per dare risposte efficaci ai pazienti, diventa quindi fondamentale la continua analisi dei processi assistenziali e terapeutici anche perché la pratica quotidiana rivisitata in quest ottica, porta all acquisizione della consapevolezza che la troppa sicurezza o la mancanza di confronto su pratiche date per scontate induce all inadeguatezza delle prestazioni o addirittura ingenera errori che non possono essere ritenuti accettabili. L organizzazione intesa come ente ha l obbligo preciso di coordinare gli altri due attori in funzione delle richieste dell uno e delle risposte possibili proposte dal secondo con una attenzione particolare all integrazione fra i ruoli. In un contesto come quello sopra descritto può nascere la proposta dell attivazione della consulenza infermieristica. V. Fascio V. Fascio Utente, professionista, organizzazione... Dunque... a) Non si può parlare di consulenza infermieristica se i nostri processi di pianificazione dell assistenza non identificano delle priorità, e non distinguono gli obiettivi infermieristici versus quelli del cliente, il case management e la responsabilità dell assistenza. b) Gli interventi devono essere differenziati a seconda che siano rivolti alle diagnosi infermieristiche o ai problemi collaborativi. c) La valutazione dell assistenza prestata èdistinta da quella delle condizioni del cliente. d) Serve un analisi dell assistenza multidisciplinare e del sistema di pianificazione a tre livelli diretto a migliorare l utilizzazione clinica dei piani di assistenza senza un aumento della necessità di scrivere... (Carlo Calamandrei Coord. S.I. ASO Careggi Firenze Laura Rasero Tutor e docente Università degli Studi di Firenze) V. Fascio V. Fascio Obiettivo della relazione La nostra premessa èquesta: solamente in un contesto reale come quello sopra descritto può nascere una proposta di attivazione della consulenza infermieristica. L obiettivo della relazione è quello di migliorare la consapevolezza professionale rispetto alla funzione di consulenza infermieristica e la capacità di identificarne alcune caratteristiche, prendendo anche in considerazione le attuali diverse accezioni nell uso del termine e alcuni esempi e modalità d implementazione operativa. V. Fascio V. Fascio

3 Introduzione Sul tema della consulenza infermieristica non c è, purtroppo, ancora sufficiente chiarezza e scarsa è la bibliografia nazionale di riferimento. L infermiere oggi ha l obbligo giuridico e deontologico di contribuire alla preparazione del personale di supporto, colleghi e studenti in formazione. Ha il dovere, inoltre, di auto educarsi, in modo da essere costantemente in grado di fornire risposte qualitativamente idonee alle richieste. V. Fascio V. Fascio L infermiere, infatti, per quanto preparato, non può essere esperto in tutti i settori, mentre chi opera in settori specialistici può mettere a disposizione le proprie competenze prima all utente e poi ai colleghi. V. Fascio L infermiere NEOFITA sovente dimostra conoscenze teoriche non ancora verificate nella pratica, poca flessibilità, una difficoltà a distinguere l essenziale dal secondario, la pressante necessità di regole e procedure, dimostra una difficoltà a cogliere l insieme ed è autocentrato. L infermiere ESPERTO sa riconoscere le similitudini e le differenze, agisce mirando all essenziale si muove nella complessità e la gestisce, sa decidere nelle situazioni di incertezza valutando i benefici e le possibili conseguenze, èetero centrato. V. Fascio Condizione necessaria per mettere a disposizione la propria esperienza acquisita sul campo e con la formazione èla creazione di un gruppo di infermieri capaci di attivare consulenze infermieristiche specialistiche sia direttamente presso le UU.OO (al letto del paziente), sia on line per mezzo dello strumento internet. Il fine, primo e ultimo, resta quello di perseguire obiettivi di appropriatezza assistenziale per specifici ambiti, patologie, prestazioni, in risposta ai bisogni specifici della persona, con quella piena responsabilità professionale che ci è oggi assegnata, che non èdisgiunta dall effettiva autonomia. V. Fascio V. Fascio

4 Definizioni La definizione di prestazione, sempre dal vocabolario Zingarelli, èla seguente: La definizione di consulenza, dal vocabolario Zingarelli, èla seguente: Prestazione professionale di un consulente. Opera od attività fornita da persone. [Voce dotta, lat. Praestatione (m) garanzia, responsabilità, pagamento ] V. Fascio V. Fascio La definizione di consulente : Professionista o persona di provata capacità tecnica a cui ci si rivolge per avere informazioni e consigli nella materia di sua competenza. [Voce dotta dal lat. Consulente(m), part. pres. consulere Riflettere ] Si parla di provata capacità tecnica: si tratta, quindi, di un professionista esperto oppure di uno specialista? V. Fascio V. Fascio ) Esperto: colui che possiede una specifica e approfondita preparazione su determinati argomenti, in determinati campi. 2) Specialista: colui che attende ad un ramo speciale di una attività, una professione. (Esempio: Medico specializzato in un particolare ramo ). Nella Legge n 43/2006 il professionista specialista è: Il possessore del master di I livello per le funzioni specialistiche rilasciato dall Università ai sensi del Decreto MIUR n 509/99 (art. 1) V. Fascio V. Fascio

5 Svolge attività che richiedono un elevato grado di esperienza e specializzazione, quali attività didattiche, di staff, di studio, di ricerca (art. 2) Una definizione di consulenza infermieristica è data dal: Gruppo Tecnico di Consulenza Infermieristica della A.S.S. n 2 Isontina: V. Fascio V. Fascio Fornire informazioni e consigli su metodiche e tecniche infermieristiche nella materia di competenza, tramite un confronto di professionalità, il cui obiettivo è il cambiamento per un miglioramento dell assistenza (completa e di qualità) al paziente A.S.S. n 2 Isontina Caratteristiche e riferimenti normativi Il ruolo dell infermiere è comprensivo di quattro funzioni V. Fascio V. Fascio L infermiere Clinica: assistenza diretta. Consulenza:per i colleghi delle Strutture Operative della propria e di altre aziende. Educativa: èla chiave per una corretta presa in carico del paziente coinvolgendo l equipe infermieristica e di supporto Ricerca:permette di mantenersi costantemente aggiornato ed esperto Da un punto di vista deontologico e giuridico, l infermiere ha l obbligo di contribuire alla preparazione del personale di supporto, dei colleghi e di quello in formazione, e di auto educarsi, in modo da essere costantemente in grado di fornire risposte adeguate alle richieste. V. Fascio V. Fascio

6 Legge 26 febbraio 1999, n. 42 Disposizioni in materia di professioni sanitarie Il campo proprio di attività e di responsabilità delle professioni sanitarie di cui allʹarticolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 ( ), è determinato dai contenuti dei decreti ministeriali istitutivi dei relativi profili professionali e degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post base nonché degli specifici codici deontologici, fatte salve le competenze previste per le professioni mediche e per le altre professioni del ruolo sanitario Profilo infermiere: Decreto n 739/94 Art. 4. L infermiere contribuisce alla formazione del personale di supporto e concorre direttamente all aggiornamento relativo al proprio profilo professionale e alla ricerca. V. Fascio V. Fascio Art. 5. La formazione infermieristica post base per la pratica specialistica è intesa a fornire agli infermieri di assistenza generale delle conoscenze cliniche avanzate e delle capacità che permettano loro di fornire specifiche prestazioni infermieristiche nelle aree: a) sanità pubblica b) pediatria c) salute mentale psichiatria d) geriatria e) area critica V. Fascio Codice Deontologico dell infermiere Norme generali 3.1. Lʹinfermiere aggiorna le proprie conoscenze attraverso la formazione permanente, la riflessione critica sullʹesperienza e la ricerca, al fine di migliorare la sua competenza. V. Fascio Lʹinfermiere fonda il proprio operato su conoscenze validate e aggiornate, così da garantire alla persona le cure e lʹassistenza più efficaci. Lʹinfermiere partecipa alla formazione professionale, promuove ed attiva la ricerca, cura la diffusione dei risultati, al fine di migliorare lʹassistenza infermieristica. V. Fascio Lʹinfermiere assume responsabilità in base al livello di competenza raggiunto e ricorre, se necessario, allʹintervento o alla consulenza di esperti. Riconosce che lʹintegrazione è la migliore possibilità per far fronte ai problemi dellʹassistito; riconosce altresì lʹimportanza di prestare consulenza, ponendo le proprie conoscenze ed abilità a disposizione della comunità professionale. V. Fascio

7 L infermiere può essere esperto in tutti i settori? L infermiere deve improntare la sua professionalità alla ricerca del miglioramento delle proprie conoscenze. Vivere questa tensione non solo verso gli altri ma anche verso se stesso. (Bassetti, 1987) Chi opera in settori specialistici ha acquisito una specificità tale per poter dare prestazioni altamente qualificanti, mettendo a disposizione le proprie conoscenze prima all utente che ne ha la necessità e poi agli altri operatori. (Tonelli & al., 2001). V. Fascio V. Fascio L Utenza Per le molteplici funzioni che l infermiere svolge, le caratteristiche professionali che lo contraddistinguono sono rappresentate dal: sapere saper fare saper essere e saper divenire L utenza èmolto varia: Cittadini Colleghi Studenti Altri professionisti V. Fascio V. Fascio Ma allora... Consulenza o counseling? L infermiere si ritrova ad agire, perciò, all interno di un area molto vasta, con notevoli possibilità di interazione con le persone e di approfondimento delle proprie conoscenze. Il Counseling, termine inglese non perfettamente traducibile in ʺconsulenzaʺ, indica uno scambio comunicativo tra un professionista, il counsellor, e un cliente che si trova in difficoltà e che porta implicitamente una domanda di cambiamento specifica. V. Fascio V. Fascio

8 il suo significato si pone in uno spazio intermedio tra due concetti correlati ma distinti: la consulenza e la relazione d aiuto. Il counseling è, in effetti, una consulenza allʹinterno di una relazione d aiuto. La consulenza è un intervento del quale sono messe in gioco le competenze specifiche di un professionista. V. Fascio V. Fascio Una relazione d aiuto è invece un processo del quale un soggetto attraverso lʹofferta di tempo, attenzione e rispetto, talvolta col sostegno di specifiche metodologie, aiuta un altro che èin difficoltà a ritrovare risorse e modi per condurre produttivamente la sua esistenza. Il counseling è una metodologia trasversale a tutte le professioni che prevedono la relazione tra persone come caratteristica essenziale in termini decisionali ed applicativi allo svolgimento dellʹattività. V. Fascio V. Fascio L attività dell infermiere non può esimersi dal basarsi su quella che è la relazione d aiuto. L attività di consulenza èsoprattutto insita nelle basi normative che regolano la nostra professione. quando l infermiere fa (o può fare) consulenza... e quando, invece, si può parlare di counseling? V. Fascio V. Fascio

9 Un modello teorico di consulenza La figura del counselor ècreata seguendo corsi specifici, ma è ragionevole auspicare che l infermiere si renda conto di quanto questa attività sia, fondamentalmente, vicina alla propria e quanto possa essere interessante pensare a questa nuova ed accessibile frontiera. V. Fascio Occorre, inoltre, creare team di infermieri capaci di attivare consulenze infermieristiche specialistiche presso: A) Ospedale/UU.OO. (al letto del paziente) B) Tra pari C) On line (tramite Internet) V. Fascio Ritorniamo alla nostra premessa iniziale... Un indagine eseguita da ANIN sull applicazione di linee guida e metodologie organizzative, indica come premessa fondamentale i seguenti indirizzi: Avere ed applicare dei modelli assistenziali Pianificare in maniera scientifica il lavoro quotidiano Esprimere autonomia professionale Evidenziare la capacità dei risultati Assumersi le responsabilità dei risultati (C. Spairani, 2003) V. Fascio Se il professionista infermiere fosse accreditato sulla performance professionale, l attenzione non si limiterebbe agli aspetti esecutivi, ma anche: Scegliere le migliori opzioni Scegliere i presidi adeguati al quadro clinico Rispettare le norme di sicurezza per non provocare danni Compiere prestazioni successive ad una pianificazione assistenziale Comunicare con il paziente (N. Boni, T. Lavalle & al. 2003) V. Fascio Come attuare la consulenza dipende anche dal quadro concettuale... Accreditare il professionista che ha concluso il curriculum formativo (Es. Master?) con una certificazione della formazione base e una certificazione del livello di competenze raggiunto e potenziale A questo punto la metodologia, gli strumenti, il campo o oggetto della consulenza si possono delineare... Il passaggio da consulenze di carattere informale tra infermieri che si conoscono a una consulenza liaison infermieristica ufficiale e programmata in seno all azienda è un esigenza non solamente sentita da più parti, bensì un preciso dovere deontologico e giuridico. (Calamandrei, 2002) V. Fascio V. Fascio

10 Ma a questo punto è lecito chiedersi se la consulenza è una novità, e quale potrebbe essere una esemplificazione dell applicazione della consulenza infermieristica... La novità risiede nello strutturare in modo organizzato la prestazione infermieristica, nella progettualità e nello sviluppo organizzato della consulenza. Consulenza al paziente in ospedale: Il servizio deve essere sempre riconosciuto dalla Direzione Sanitaria, la quale accredita anche gli infermieri su base volontaria. V. Fascio V. Fascio Consulenza infermieristica intesa come: Infermieri accreditati sono richiesti dai reparti o a domicilio direttamente al letto del paziente, quando ci sono problemi assistenziali complessi, situazioni difficili, che non riescono ad essere risolte: un consiglio, un approccio diverso èimportante per migliorare o cambiare la situazione Prestazione tecnica Addestramento sul campo del collega Educazione del paziente e/o dei familiari Valutazione Supervisione ai colleghi V. Fascio V. Fascio Esiste una relazione fra consulenza e formazione? La competenza dell infermiere consulente richiede formazione e aggiornamento continuo nello specifico della prestazione di consulenza Quali effetti possono scaturire da una buona consulenza in ospedale? Maggiore sicurezza per il paziente/colleghi Maggiore autonomia per il paziente e la famiglia I dati sul numero di consulenze eseguite, i risultati ottenuti, vanno documentati e utilizzati ai fini: amministrativi statistici di ricerca V. Fascio V. Fascio

11 Quale infermiere è accreditabile come esperto nella materia? Risulta molto complicato e impersonale fare consulenza ospedaliera di questo tipo a livello informatico, ma perfino una semplice informazione la si può anche fornire così, e tutte le richieste si possono inviare con l intranet aziendale. Il possessore di certificato Master o Perfezionamento? Il professionista con anni di attività nel settore? Il professionista che può dimostrare la propria attività di continuos learning nel settore? V. Fascio V. Fascio e ancora... Il docente universitario nella disciplina e/o in corsi di formazione accreditati? Il coordinatore di U.O.S., U.O.C., Dipartimento? Il membro del direttivo di organi istituzionali professionali (Presidenti Vice presidenti)? Basta uno di questi titoli, un mix, oppure necessita il possesso di tutti quanti? V. Fascio V. Fascio Oggi abbiamo una prima risposta... 24/01/ :07 SANITAʹ: ROCCO (IPASVI), VIA LIBERA DDL PROFESSIONI Eʹ TRAGUARDO PER LʹITALIA Roma, 24 gen. (Adnkronos Salute) ʹʹLʹapprovazione alla Camera del ddl 3236 sul riordino delle professioni sanitarie non mediche è un vero e proprio traguardo per lʹitalia e per tutti i cittadiniʹʹ. Il commento di Gennario Rocco, vicepresidente della Federazione nazionale (Ipasvi) alla notizia del via libera alla Camera al ddl che interessa diverse categorie di professionisti. ʹʹGioiamo è data la possibilità alle professioni sanitarie di vedersi riconosciuti i titoli accademici post laurea nelle varie discipline come requisiti obbligatori per occupare un ruolo di ʹespertoʹ, di specialista dice Rocco allʹadnkronos SALUTE questo non cʹè mai stato nel nostro sistema, in particolare in riferimento agli infermieri: un infermiere di corsia, cioè quello che fornisce le prestazioni sanitarie al cittadino, non ha mai avuto la possibilità di vedersi riconosciute competenze e conoscenze avanzateʹʹ. ʹʹQuesta legge, invece spiega istituendo la figura del ʹprofessionista specialistaʹ dà agli infermieri una motivazione in più per frequentare i master post laurea nella varie discipline di specializzazione (ad esempio chirurgia, terapia intensiva, sanità pubblica, geriatria) e gli consente di vedere riconosciuto il proprio ruolo sul posto di lavoro. Per noi continua Rocco questo era lʹʹanelloʹ che mancava alla catena attivata per riconoscere ai professionisti sanitari, e agli infermieri, in particolare, un ruolo autonomo nellʹassistenza alle persone. Riteniamo che questo sia un vantaggio per i cittadini, perché significa incidere direttamente sulla qualità delle prestazioni tecnico assistenziali che vengono erogateʹʹ. V. Fascio La Legge 1 Febbraio 2006 n 43, art. 6, recita così: 1) In conformità all ordinamento degli studi dei corsi universitari, disciplinato ai sensi (omissis) il personale laureato appartenente alle professioni sanitarie di cui all articolo 1 comma 1, della presente legge, è articolato come segue: V. Fascio

12 c) Professionisti specialisti, in possesso del Master di Primo livello per le funzioni specialistiche, rilasciato dall Università ai sensi dell articolo 3 comma 8 del regolamento di cui al Decreto del Ministro dell Università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 Novembre 1999, n 509, e dell articolo 3 comma 9, del regolamento di cui al Ministro dell Istruzione, dell Università e della ricerca 22 Ottobre 2004, n 270 Chi potrebbe, oggi giorno, accreditare il professionista infermiere esperto? Il fatto di ritenersi o essere ritenuto esperto non è necessariamente la stessa cosa dell essere accreditato come tale (redazione della jobdescription dell esperto in ). V. Fascio V. Fascio Gli infermieri esperti potrebbero essere accreditati come tali da parte di: Sono già in atto esperienze di consulenza infermieristica ospedaliera? Aziende sanitarie (personale interno, tramite selezione per titoli posseduti); Enti istituzionali (Collegi, Associazioni, Società Scientifiche) per gli iscritti; Ccnl, che oggi inquadra come CPSE solo chi è in Cat. DS (oggi con la L. n 43, professionista specializzato, ecc.) In alcune aziende essa è già stata inserita tra gli obbiettivi assegnati alle UU.OO., la procedura e la modulistica sono ufficializzate. Sono stati valutati i costi/benefici del Servizio. V. Fascio V. Fascio Esperienze in atto ( ): Occorrerà implementare la procedura di gestione e realizzare il servizio di consulenza, criteri e modalità di svolgimento, in base a requisiti di qualità (ISO 9000) e attivare un Osservatorio di studio. Modena (prima del 2000) Gorizia Az. n 2 Isontina (dal 2000 in diverse UU.OO.) Genova Az. Osp. Villa Scassi (Lesioni cutanee) Rimini AUSSL Ospedale (Chirurgia) Firenze Az. Osp. Careggi (Lesioni cutenee) Bologna (Az. Osp. S. Orsola Malpighi) Biella, ASL 12 (Cure palliative enterostomisti) Reggio Emilia ArciOspedale Santa Maria Nuova (S.I. con scheda di consulenza) sulenza&txtfromdate=&txttodate=&cbodoctype=%2a V. Fascio V. Fascio

13 Titolo del Progetto: La consulenza infermieristica in wound care Soggetto proponente: Azienda Ospedaliera Denominazione per esteso: Arcispedale S. Maria Nuova Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia Referente: Arduini Cinzia Morena Obiettivi e risultati conseguiti: REGIONE: EMILIA ROMAGNA - TIPOLOGIA: GOVERNO CLINICO: UTILIZZO DELL'ICT PER LA GESTIONE DEL PAZIENTE E DEI DATI CLINICI Premio FORUM P.A. SANITA' dedicato quest'anno all'impiego dell'information & Communication Technology (ICT) per l'efficienza della sanità e nello specifico a supporto della gestione manageriale uniformare la gestione del paziente affetto da lesioni difficili attraverso la consulenza infermieristica di un esperto wound care fornire allʹutenza un servizio di consulenza e trattamento infermieristico nei casi di lesione difficile fornire un intervento di educazione sanitaria rivolto ad utenti e familiari nella gestione delle esigenze quotidiane ottimizzare le risorse umane e i costi garantire una maggiore sicurezza per il paziente ed una maggiore autonomia per i familiari fornire unʹassistenza infermieristica più qualificata ed efficace. V. Fascio V. Fascio CONVEGNO PERSONA E ORGANIZZAZIONE: esperienze di un rapporto possibile Reggio Emilia 4 e 5 marzo 2005 Relazione: L infermiere esperto: la consulenza per il paziente diabetico Relatrice: Mariapaola Lince (Responsabile Infermieristica Dipartimentale Dipartimento Medico 1 Un progetto di consulenza per il paziente diabetico A.O. Reggio Emilia (di Mariapaola Lince) Dall analisi del contesto sociale e dalle sollecitazioni dei comitati dei cittadini e dall Associazione Diabetici, l Azienda Ospedaliera S. Maria Nuova di Reggio Emilia ha riscontrato la necessità di un intervento educativo durante la degenza ordinaria al paziente diabetico trattato con insulina per la prima volta. L analisi delle criticità ha riscontrato che durante l anno sono stati ricoverati 3000 casi uniformemente distribuiti in tutte le U.O.: su questi era frequente la richiesta di intervento di consulenza medica diabetologica, ma si èevidenziato che assistenza correlata diventava insufficiente per quanto riguarda l impatto dietologico alla malattia, la gestione del controllo della glicemia al dito (stick), la somministrazione della terapia insulinica e la relativa gestione del materiale. Per tutti questi eventi ci si affidava alla buona volontà dei singoli infermieri e alla loro conoscenza del problema diabete. Di conseguenza i centri territoriali riscontravano che il paziente dimesso vagava senza avere ben chiaro quello che dovesse fare per affrontare la propria malattia, non sapeva come gestirla dal punto di vista pratico! Il progetto partecipa con un poster al Concorso Health Promating Hospitals Italiano e al Concorso Health Promating Hospitals Europeo di Dublino. V. Fascio V. Fascio Si è così strutturata la consulenza infermieristica per il paziente diabetico che consiste in un ora (circa) dedicata al singolo paziente, da svolgersi nell ambulatorio diabetologico o al letto del malato. La richiesta viene attivata dal reparto di degenza attraverso una richiesta preordinata che tutti gli operatori dell Azienda possono trovare in Intranet. Nel corso della consulenza si informa il paziente e/o un suo familiare sull utilizzo della siringa o della penna, si insegna ad eseguire correttamente il controllo della glicemia (utilizzo della striscia e del glicemometro) e a compilare il diario glicemico. Si informa come riconoscere i sintomi della ipo o iperglicemia, si fissa un incontro con la dietista e dopo una prima verifica di apprendimento si consegna un kit con il materiale necessario ad arrivare alla prima visita del centro territoriale. Al termine della consulenza viene consegnata al diabetico una lettera di dimissione infermieristica ove sono riportate informazioni sulla consulenza e l appuntamento al centro territoriale di competenza. V. Fascio Tesi di Mangani Lorenza LA CONSULENZA INFERMIERISTICA TRA L INFERMIERE ESPERTO IN WOUND CARE E L INFERMIERE STOMATERAPISTA: PROPOSTA DI GESTIONE E AGGIORNAMENTO IN TEMA DI COMPLICANZE CUTANEE PERISTOMALI Abstract: Partendo dall assunto del Nuovo Codice Deontologico dell Infermiere, che prevede il dovere di ricorrere, se necessario, alla consulenza infermieristica e all obbligo di integrazione professionale per far fronte ai problemi delle persone prese in carico, con questo lavoro, si ipotizza che l intervento sinergico di figure infermieristiche con formazione complementare in Wound Care e Stomaterapia possa essere la soluzione migliore per affrontare questo problema. Nel lavoro vengono inizialmente evidenziate la professionalità, la competenza e la responsabilità delle due figure professionali in tema di lesioni cutanee e stomie, partendo dall analisi delle leggi che regolano l agire professionale e dalla descrizione dei percorsi formativi di base e complementari. In seguito poi si parla di ECM, di E BN, di Ricerca, e di VQAI. V. Fascio

14 La consulenza infermieristica ospedaliera, dunque, non è: Non è un casotto di "esperti" che passano il tempo ad andare/venire dai reparti; gli spostamenti sono registrati è la pratica codificata Non presuppone che l'infermiere debba dividere il paziente in mille pezzi e affidarne uno a ogni esperto ; anzi, continua ad occuparsi dell'assistenza infermieristica globalmente in modo olistico Non è la panacea che risolve oggettive carenze organizzative o strutturali o di organico di un reparto, ma una risorsa aggiuntiva da prevedere nei casi difficili Non sostituisce la formazione generale che l infermiere deve possedere e mantenere aggiornata; il consulente deve però essere continuamente aggiornato per lo specifico settore V. Fascio La consulenza infermieristica ospedaliera è: E una pratica irrinunciabile per migliorare la qualità dell'assistenza E un valore aggiunto che non snatura la mission della nostra professione E da intendersi specialistica non come la specializzazione per i medici ma nel senso più ampio del termine, in virtù della caratteristica della professione per dare una specificità unica È uno strumento che nel quotidiano dell infermiere permette di risolvere perfino alcuni problemi just in time mai affrontati È uno strumento di crescita professionale collettiva grazie allo scambio di informazioni e il confronto di esperienze lavorative V. Fascio Richiesta Modello di richiesta Regione Piemonte Azienda Sanitaria Struttura Operativa. Consulenza infermieristica psichiatrica e di liaison URGENTE NON URGENTE Data:. Ora:.. Dal reparto: Al: SPDC CSM Cognome e Nome del paziente:. Data di Nascita:.. Diagnosi infermieristica o Quesito specifico: Procedure già eseguite: Firma.. Recapito telefonico: Ricevuta alle ore:... Data. V. Fascio Pagina retro della richiesta Appuntamento alle ore:. Data. Firma. Parere del consulente infermieristico psichiatrico: Consiglio:..... Da rivedere in data:. Da non rivedere Firma... Recapito telefonico: Data:. Ora:. V. Fascio Esempio di tematiche di consulenza infermieristica di psichiatria che la letteratura cita. Riguardano le seguenti attività assistenziali (Royal College of Psychiatrists): Organizzazione del collegamento con i servizi della rete territoriale Educazione e informazione assistenziale per lo specifico Gestione dei segni in atto di delirio o allucinazione o confusione Gestione del comportamento difficile (oppositivo, passivo, chiuso in se stesso) Gestione dei segni di agitazione psicomotoria Gestione del paziente in presenza di tratti antisociali Gestione del paziente contenuto fisicamente E il tramite informatico? Intranet può essere utile per inviare o ricevere i moduli di richiesta per la consulenza infermieristica ordinaria o per trasmissione di protocolli, linee guida, o per semplici precisazioni L'utilizzo di internet deve essere considerato invece uno strumento raccomandabile per l'aggiornamento continuo al divenire del sapere e deve essere una risorsa messa a disposizione dell'azienda per il personale infermieristico (e non protetta da password!) V. Fascio V. Fascio

15 Ci basta questo quando parliamo di consulenza e di internet? Probabilmente no, per creare una community di infermieri indipendentemente dall ospedale, in grado di fare consulenze infermieristiche specialistiche on line, tramite internet (In Italia l Associazione infermierionline). www. infermierionline.net Consulenza tra pari in internet... Internet è sinonimo di condivisione di esperienze/conoscenze individuali con tutti e in tutto il mondo! Internet èl ambiente, possiamo spiegarlo, aiutare l infermiere ad usarlo, internet comunque resta Sul web, se approcciato con giudizio si trovano informazioni più attuali rispetto alla carta stampata... La consulenza on line è FAQs; è confronto su problemi tecnici; è informazione; è formazione V. Fascio V. Fascio Alcuni strumenti di comunicazione e consulenza utilizzando lo strumento del web: Chat room Forum Newsletter Newsgroup La mailing list Teledidattica Web community Esempio: Infermierionline.net; Nursesarea.it; Infermieri.com; Inferweb.com; Nurse3000.it V. Fascio V. Fascio Documentarsi con internet: Banche dati: Primarie: singole ricerche o articoli es. Medline Secondarie: revisioni sistematiche es. Cochrane Riviste o elenchi giornali es. BMJ Siti Web o Portali professionali es. Collegi Evidenze scientifiche es. Clearinghouse Formarsi con internet: FAD es. Ecce InFad File sharing: software per turni di servizio, ecc. Open source: il Progetto aperto applicato al nursing Collaborazione/cooperazione: gestire siti, scrivere articoli, ecc. Apprendere l uso di programmi: powerpoint, ecc. La webliografia italiana sulla consulenza: 1) Da InfermieriOnline aprile 2004 (chat( di G. Bon): ) Da Infermierionline settembre 2004 (articolo di F. Raineri): mieristica.htm 3) Da NursesArea marzo 2004 (topic( nel forum): viewtopic.php?t=6332 V. Fascio V. Fascio

16 La bibliografia italiana sulla consulenza: Attraverso la revisione della letteratura a stampa italiana: a: tre articoli. Tonelli E. & al., La consulenza infermieristica: l esperienza l a disposizione dell utente utente,, Management infermieristico, 2/2001, pp Brandi A. & al., Consulenza infermieristica in wound care, Management infermieristico, 4/00, pp Lince MP. La consulenza infermieristica nella medicina interna: un aiuto prezioso,, Bollettino FADOI Internista News, 12/04, pp V. Fascio La bibliografia internazionale sulla consulenza infermieristica... Attraverso le banche dati con chiave di ricerca: psychiatric nursing consultation o psychiatric consultation liaison/nurse o psychiatric clinical nurse specialist : Articoli Chase P, Gage J, Stanley KM, Bonadonna JR. The psychiatric consultation/liaison nurse role in case management, Nurs Case Manag Mar Apr;5(2):73 7. Effinger J. Help wanted. A quality needs assessment creates a position for a psychiatric clinical nurse specialist, J Psychosoc Nurs Ment Health Serv Oct;33(10): Marcus J. Nursing consultation: a clinical speciality, J Psychiatr Nurs Ment Health Serv Nov; 14(11): Minarik PA. The psychiatric liaison nurse s role with families in acute care, Nurs Clin North Am Mar;19(1): Scherer ZA, Scherer EA, Labate RC. Psychiatric nursing consultation and liaison: how do nurses understand this activity?, Rev Lat Am Enfermagem Jan Feb;10(1):7 14. Sharrock J, Happel B. The role of a psychiatric consultation liaison nurse in a general hospital: a case study approach, Aust J Adv Nurs Sep Nov;20(1): Sharrock J, Happel B. An overview of the role and functions of a psychiatric consultation liaison nurse: an Australian perspective, J Psychiatr Ment Health Nurs Oct;8(5): Sharrock J, Happel B. The role of the psychiatric consultation liaison nurse in the improved care of patients experiencing mental health problems receiving care within a general hospital environment, Contemp Nurse Dec;11(2 3): V. Fascio Gli Infermieri e la consulenza... Alcuni dati, elaborati nell ambito di una Tesi di Laurea in Infermieristica: V. Fascio il 66,6% degli Infermieri intervistati dichiara che la funzione di consulenza èparte integrante del profilo professionale dell infermiere, rispetto al 33,3% che risponde negativamente V. Fascio La consulenza infermieristica è assente, in ogni ambito specialistico, per il 92,5% degli intervistati. L 80%degli infermieri intervistati, si sentirebbe preparato ad affrontare un intervento di consulenza come esperto clinico nell ambito di competenza. (Dati da Tesi di V. Fascio, A.A. 2004/2005 Università G. D Annunzio, di Chieti). V. Fascio V. Fascio

17 Cosa succede negli altri Paesi? Nei Paesi anglosassoni, la consulenza infermieristica èregolarmente diffusa. Negli Stati Uniti, la figura di Nurse Consultant (Infermiere Consulente), nasce fra la fine degli anni 70 ed i primi anni 80. V. Fascio V. Fascio In Inghilterra, la Consulenza Infermieristica viene introdotta negli anni ʹ90 da Wright e Pearsons. Oggi si contano moltissime figure che attuano l infermieristica avanzata, anche se non sempre sono ben distinte nei ruoli e spesso si intersecano, creando confusione. V. Fascio V. Fascio Possiamo elencare alcuni fra i titoli più frequentemente riscontrabili: Consultant nurse Clinical nurse specialist Nurse specialist Advanced Practicioner nurse Nurse practicioner ecc.. Esistono figure infermieristiche specializzate in vari settori, ad esempio: Tissue Viability Nurse Rehabilitation Nurse Wound, Ostomy & Continence Nurse (WOCN) Parkinson Disease Nurse Specialist (PDNS) V. Fascio V. Fascio

18 Tutte queste figure ricoprono incarichi di alta responsabilità ed autonomia. Principalmente, essi rivestono: Ruolo di aiuto Funzione di insegnamento coaching Funzione diagnostica e di monitoraggio del paziente Gestione efficace di situazioni soggette a rapidi cambiamenti In Italia non esiste una figura assimilabile a quella del Consultant Nurse, o Infermiere di Pratica Avanzata; non èriconosciuta, infatti, dal nostro ordinamento. V. Fascio V. Fascio Conclusioni attualmente, come abbiamo citato, ènecessario far riferimento alla recentissima Legge 43, del 1 Febbraio 2006, all Art. 6, comma 1. La consulenza è un argomento con il quale gli infermieri italiani devono e dovranno sempre più confrontarsi. V. Fascio V. Fascio La consulenza rappresenta il nuovo sentire comune che è la capacità di condividere il proprio sapere con gli altri. E l unione dello sforzo per descrivere l esistente trainandoci dietro i più restii fare squadra ma sempre con uno sguardo rivolto al futuro e a quello che si attende e si vuole costruire. La consulenza rappresenta il nuovo ruolo di professionisti in grado di fornire un concreto supporto alla prassi infermieristica quotidiana. Occorre creare quella conoscenza sistematica che èuno degli elementi indispensabili per il riconoscimento di una professione, e perché questa si affermi nel sistema sociale e culturale. V. Fascio V. Fascio

19 La funzione di consulenza infermieristica permette agli infermieri di affrontare adeguatamente anche le situazioni di incertezza, senza per questo sentirsi soli nel risolvere alcuni problemi contingenti. La consulenza può contribuire ad avvicinare sia gli infermieri che lavorano in un ospedale sia quelli che frequentano la rete: acculturare nell uso professionale del tramite informatico e di internetintranet. Tutto ciò nella prospettiva di indicare un orizzonte e alimentare un sogno... V. Fascio V. Fascio Concludo affermando che, probabilmente, più che individuare ho fatto intravedere anche soltanto sullo sfondo, dove la consulenza infermieristica, così definita, e l uso di internet professionalmente utile potrebbe condurre Ritengo che pur tenendo conto dei vincoli, aprire un semplice spiraglio da una finestra abbia l importante funzione di immettere e far circolare nuovo ossigeno... V. Fascio V. Fascio L obiettivo della relazione è raggiunto?... e soprattutto solamente spalancando una finestra si potrà godere appieno del panorama. Ne abbiamo bisogno! L obiettivo della relazione è quello di migliorare la consapevolezza professionale rispetto alla funzione di consulenza infermieristica e la capacità di identificarne alcune caratteristiche, prendendo anche in considerazione le attuali diverse accezioni nell uso del termine e alcuni esempi e modalità d implementazione operativa. E se è così, allora non mi resta che domandarvi... V. Fascio V. Fascio

20 Bibliografia italiana essenziale Sito di Infermierionline (Chat di Giuliano Bon): Sito di NursesArea (Forum, topic ): Tonelli E. & al., La consulenza infermieristica: l esperienza a disposizione dell utente, Management infermieristico, 2/2001, pp Brandi A. & al., Consulenza infermieristica in wound care, Management infermieristico, 4/00, pp. 4-8 Viandante la via non c è, la via si fa andando Antonio Machado Casati M. La documentazione infermieristica, McGraw-Hill, Milano, Reilly C.H. Il ruolo consultivo dell infermiere specializzato in gerontologia negli ospedali, vol. 12 n 1, Ed. Piccin, Padova, Lince MP. La consulenza infermieristica nella medicina interna: un aiuto prezioso, Bollettino FADOI Internista News, 12/04, pp.6-7 V. Fascio Grazie! Valter Fascio V. Fascio

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Agosto 2004. Pagina 1 di 1

Agosto 2004. Pagina 1 di 1 Progetto per la riorganizzazione dell attività di assistenza infermieristica, ostetrica e di supporto nelle Unità Organizzative del Policlinico S. Orsola-Malpighi Gruppo di lavoro P. Taddia L. Angelini

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli