ASSETTO STRUTTURALE DELLA LITOSFERA NEL KENYA MEDIANTE ANALISI DEI DATI DI GRAVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSETTO STRUTTURALE DELLA LITOSFERA NEL KENYA MEDIANTE ANALISI DEI DATI DI GRAVITÀ"

Transcript

1 M. Coppola, P. Cantini e E. Pinna Dipartimento di Scienze della Terra dell Università di Pisa ASSETTO STRUTTURALE DELLA LITOSFERA NEL KENYA MEDIANTE ANALISI DEI DATI DI GRAVITÀ Riassunto. Nel presente lavoro sono stati affrontati i problemi relativi all assetto della struttura litosferica del Kenya interessata, come noto dalla letteratura, da complessi eventi geodinamici che in superficie hanno portato all apertura dell East African Rift System. A nostro modo di vedere la ricerca condotta ha sviluppato in maniera diversa e più adeguata le diverse fasi di studio che si affrontano quando si compiono studi sui campi di potenziale e principalmente su quello di gravità. Particolare attenzione è stata dedicata all importanza che i valori di densità assumono in un ambiente di geodinamica attiva. L analisi di questi parametri, secondo criteri che li leghino alla particolare situazione geologica in cui vengono a trovarsi i litotipi in esame nonché alle condizioni P-T del sottosuolo, consentono di fornire vincoli indispensabili che l operatore deve anteporre alla scelta dei valori numerici da utilizzare. Il parametro densità dovrebbe quindi rimanere una conseguenza oggettiva delle condizioni geologiche ambientali profonde e di superficie e non una scelta dell operatore che risulta sempre troppo arbitraria. In questo contesto il metodo gravimetrico fornisce risultati più che apprezzabili. Per studiare la natura genetica del rift e le sue relazioni con il Kenya Dome, altro importante elemento morfologico strutturale dell area, si è utilizzato il metodo isostatico essenziale anche per indagare i meccanismi di compensazione relativi al Kenya Dome. I risultati di questa ricerca indicano una natura non essenzialmente attiva del rift, considerando come l analisi isostatica confermi che il Kenya Dome non sia inseribile nel quadro evolutivo di un rift attivo. LITHOSPHERE STRUCTURAL SETTING IN KENYA AS DERIVED FROM GRAVITY DATA Abstract. In this paper the problems concerning the structural setting of the lithosphere in Kenya are widely discussed. Complexes geodynamical events led to the formation of the East African Rift System which is one of most important rift system in the world. The gravimetric analysis resulted an effective tool in order to explain the different tectonics settings when various geologic formations, and consequently different densities contrasts, are present. Particular attention has been paid to the choice of density values for different geologic structures, that are strongly influenced by the great variations in pressure and temperature in a such subsurface. Various attempts were performed, considering petrophysical and heat flow data, in order to obtain the best realistic density values according to the seismic model derived from the seismic profiles carried out in the rift. In order to study the geological evolution of the rift and its relationships with Kenya Dome, we carried out an isostatic study on the Kenya area. The results of this research let suppose that the Kenya rift is a not completely active system because the Kenya Dome is not correlated to the deep geodynamic evolution, and an important passive component must not understimate in the evolution of the Kenya rift itself. INTRODUZIONE La parte orientale del continente africano è interessata da una situazione geologica complessa, scaturita dal succedersi di diversi eventi deformativi, spesso caratterizzati da uno stile tettonico opposto. Gli episodi geodinamici principali che si sono imposti in questo settore sono riferibili allo scontro fra due placche litosferiche differenti, la piattaforma mobile del Mozambico e il cratone della Tanzania e all apertura dell imponente sistema distensivo, lungo circa 3000 km, noto come East African Rift System. Il rift del Kenya si sviluppa all interno del ramo orientale di questa importante struttura e in prossimità

2 dell equatore interseca il margine che separa le due placche litosferiche, là dove si sviluppa in superficie una rilevante struttura morfologicamente convessa, detta Kenya Dome. L estensione, l intensità e le caratteristiche fisiche di questi eventi deformativi hanno nel tempo contribuito a sconvolgere l assetto delle strutture profonde presenti nella litosfera del Kenya creando in tal modo delle evidenti relazioni fra queste e i fenomeni geodinamici superficiali. Il metodo gravimetrico costituisce un ottimo criterio d indagine, qualora sia supportato da un accurato calcolo del parametro densità, per ricostruire l andamento e la geometria delle superfici di discontinuità presenti nella crosta e nel mantello, nonché un metodo indispensabile, almeno con lo specifico settore dell isostasia, per capire le relazioni che sussistono fra eventi geodinamici profondi e strutture superficiali. Ci occuperemo per ciò di riproporre alcuni modelli strutturali vincolati da una più accurata selezione dei valori delle densità da attribuire ai vari litotipi e di valutare, con il metodo isostatico, le possibili relazioni fra gli eventi deformativi profondi e quelli superficiali, cercando in tal modo di chiarire meglio quale sia la natura del rift del Kenya. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-STRUTTURALE DEL KENYA La parte orientale del continente africano è interessata da una situazione geologica complessa, scaturita dal succedersi di eventi deformativi con stile tettonico opposto (Mosley, 1992; Smith, 1994). Questo settore dell Africa fu interessato in un primo momento (Precambriano) dallo scontro di due placche continentali: il cratone della Tanzania e la piattaforma mobile del Mozambico; successivamente si è sviluppato un imponente sistema distensivo che attraversa l intera area orientale del continente da nord a sud: questa struttura si estende per più di 3000 km, nasce a nord, dove fa parte di un giunto triplo insieme ai noti rift oceanici del Mar Rosso e del Golfo di Aden, entra in continente in prossimità della depressione dell Afar, e arriva a sud fino ad intercettare l estremità inferiore del fiume Zambesi. All altezza del confine che separa l Etiopia dal Kenya (5 N), questa imponente struttura, nota anche come l East African Rift Sistem (EARS), si divide per dare vita a due sistemi distensivi secondari: il Western Branch e l Eastern Branch, che lambiscono e delimitano i margini della placca cratonica che caratterizza la litosfera della Tanzania. Il ramo occidentale passa attraverso i grandi laghi centro africani e costituisce, fra i due, il sistema distensivo più giovane e meno sviluppato. Il ramo orientale attraversa il Kenya e origina un rift continentale, costituito da due settori, caratterizzati da differenti stadi evolutivi: uno a nord, il Turkana rift, più maturo, probabilmente influenzato dal vicino rift etiope, uno a sud, il Gregory rift, nettamente più giovane, all interno del quale è presente una struttura convessa detta Duomo del Kenya. DATI DI GRAVITÀ E LORO INTERPRETAZIONE Uno degli scopi di questo lavoro è stato quello di elaborare vari modelli strutturali del Kenya, tramite l inversione del suo campo di potenziale gravimetrico, facendo particolare attenzione alla scelta e alla determinazione dei valori di densità. A tale proposito sono stati utilizzati, diversi set di dati così distribuiti: oltre ai dati raccolti dall Università di Pisa (Cantini et al., 1990) (426 stazioni), un altro set di valori deriva da un catalogo compilato fra il 1955 e il 1975, alla cui stesura hanno

3 partecipato gli enti di seguito elencati: Leicester University (4627 stazioni), Newcastle (1384 stazioni), Overseas Geological Survey (3 stazioni), United Nation Geothermal Project (433 stazioni), British Petroleum Ltd. (1290 stazioni) Burmah Oil Trading Ltd. (287 stazioni), Chevron Overseas Petroleum Inc. (685 stazioni). Sono state dunque utilizzate in totale 9135 stazioni gravimetriche. L elaborazione della carta delle anomalie di Bouguer del Kenya (Fig. 1) è stata ottenuta secondo l usuale tecnica di gridding. I valori di gravità sono stati processati utilizzando una griglia regolare a maglie quadrate con passo di campionamento pari a 8 km, distanza che permetteva di non perdere gran parte dei contributi in alta frequenza, utili per effettuare interpretazioni a carattere qualitativo, relativamente alla distribuzione areale dei corpi intracrostali. Fig. 1 - Anomalie di Bouguer del Kenya (dens. rif g/cm 3 ). Il panorama delle anomalie di Bouguer presenti in Kenya, risulta molto complesso e diffusamente caratterizzato dalla presenza di contributi a piccola lunghezza d onda. Si passa da valori di circa -230 mgal, in corrispondenza del duomo del Kenya, a valori di +30 mgal in prossimità dell area costiera. Dal confronto fra i principali elementi strutturali presenti nel settore del Kenya e la carta gravimetrica di Bouguer, si può notare che esiste un evidente corrispondenza fra la distribuzione delle anomalie gravimetriche e le principali strutture geologiche che interessano quest area. Si può distinguere un settore sud orientale, in cui sono presenti dei gradienti orizzontali di anomalia molto deboli, e che corrisponde all area costiera del Kenya. Tutta la zona sud occidentale è compresa all interno dell isoanomala -100 mgal e corrisponde grossomodo all area del Kenya Dome. Verso nord, all interno del dominio strutturale che appartiene al sistema distensivo etiope, è significativa la presenza di anomalie ad alta frequenza: esse sono diffuse omogeneamente su tutto il territorio e raggiungono dei valori minimi di 90/ 100 mgal. Di notevole interesse, è un allineamento di anomalie a piccola lunghezza d onda orientato NO-SE, che corrisponde topograficamente all Anza rift. Questa struttura ha avuto un importanza rilevante nello sviluppo dell assetto strutturale e quindi delle anomalie gravimetriche a

4 questo associate; essa infatti delimita, verso sud, un settore strutturalmente complicato, collegato al duomo del Kenya, caratterizzato da un anomalia negativa a grande lunghezza d onda (λ~500 km), con un ampiezza di 240 mgal. Questa struttura gravimetrica è limitata sia verso est che verso sud-est da forti gradienti orizzontali che segnano il passaggio a domini strutturali differenti. Dall apice del duomo del Kenya si sviluppa una serie di anomalie a piccola lunghezza d onda che formano un allineamento strutturale N-S, in corrispondenza del quale, si estende in superficie il rift del Kenya. Sulla base delle frequenze di taglio individuate con l analisi spettrale condotta sulla carta di anomalia di Bouguer mediante l utilizzo del software dedicato Geosoft (1999), si sono ottenuti alcuni elaborati che nel loro insieme ci hanno fornito in via qualitativa un idea migliore di quali strutture più o meno superficiali dovessero essere associate a particolari anomalie (Fig. 2a, b e c). Gli elementi tettonici fondamentali (Kenya Dome, Anza graben, Kenya Rift, Nyanza graben) trovano netta corrispondenza con le anomalie presenti nei diversi filtrati, a giustificare una stretta relazione tra lunghezza d onda dell anomalia e profondità della sorgente, come dimostrato anche dalla modellazione 2.5 D condotta lungo alcune sezioni significative. Fig. 2 - Carta delle anomalie: a) passa-alto (λ<42 km); b) passa-banda (42<λ<81 km); c) passa-basso (λ>188 km). Durante questa fase ci siamo preoccupati di stabilire, nella maniera più accurata possibile, i valori di densità da assegnare alle varie litologie e di vincolarli sia alle condizioni P-T presenti nel sottosuolo che alla situazione geologica superficiale, nonché alle informazioni derivanti dalla raccolta effettuata in situ di campioni di roccia. Per effettuare questo passaggio, abbiamo utilizzato separatamente il metodo petrofisico (Mooney and Christensen, 1994), per calcolare i valori di densità delle litologie presenti nelle aree non interessate dall anomalia termica ed un modello fisico che descrive come mutano, al variare delle condizioni P-T i valori di densità all interno di un upwelling astenosferico, a partire da una peridotite a granato (Mc Kenzie and Bickle, 1987). Sono stati interpretati 7 profili relativi alla mappa delle anomalie di Bouguer del Kenya, fra i quali ne mostreremo due, uno posto all equatore, il secondo in direzione N-S coincidente con l asse di sviluppo del rift (Fig. 3a e 3b). In entrambi i profili è evidente come sia netta la relazione che sussiste tra un anomalia negativa a grande lunghezza d onda e il settore in cui si sviluppa l intrusione astenosferica, che emerge in superficie in corrispondenza del Kenya Dome. In questo modo risulta evidente, per lo meno da un primo esame, che

5 strutture superficiali e profonde potrebbero essere coinvolte ed essere state generate dallo stesso evento geodinamico che ha portato in fine all apertura del rift del Kenya. Fig. 3 - Modello interpretativo: a) trasversale all asse del rift (E-W); b) lungo l asse del rift (N-S). IL METODO ISOSTATICO: SUO UTILIZZO PER LO STUDIO DEI MECCANISMI DI COMPENSAZIONE DEL KENYA DOME Per definire meglio le relazioni che sussistono fra il duomo del Kenya e il rift, abbiamo affrontato lo studio delle anomalie isostatiche di quest area, per lo svolgimento del quale è stato utilizzato il modello di compensazione di Airy- Heiskanen. Questa scelta è scaturita dallo studio della funzione di risposta isostatica effettuato da Forsyth (1985), che dimostra come i carichi di nostro interesse rientrino nella banda delle frequenze caratterizzate dai meccanismi di compensazione di tipo locale (Fig. 4). Il modello di Forsyth utilizza una funzione di risposta isostatica complessa (detta Ammittanza) in cui si tiene conto di due diversi contributi, responsabili dell assetto topografico, in altre parole quello derivante dagli eventi geodinamici di superficie e quello dovuto ai fenomeni superficiali di compensazione relativi a deformazioni profonde (sistemi di spinte che agiscono dal basso verso l alto). Prima di passare al calcolo delle anomalie isostatiche relative all'area in cui è situato il duomo del Kenya, è necessario definire quale sia il modello di densità a cui ci riferiamo. Gli studi di questo tipo sono riferiti ad anomalie gravimetriche caratterizzate da grandi lunghezze d'onda, al fine di individuare la distribuzione spaziale delle strutture più ampie, che definiscono lo specifico meccanismo di compensazione. I contrasti di densità laterali che generano il campo corrispondente, saranno dunque associati alle ondulazioni delle interfacce che separano porzioni di litosfera più ampie. Il modello di densità risultante sarà perciò più semplice rispetto a quello definito per descrivere il campo totale delle anomalie di Bouguer. Abbiamo ritenuto opportuno adottare un modello a tre strati, in cui sono considerate, la densità dei rilievi, responsabili delle spinte dirette verso il basso, la densità delle radici

6 crostali responsabili delle spinte dirette verso l'alto (quindi della compensazione della struttura convessa) e la densità dalla crosta "normale". I valori numerici dalla densità sono stati stabiliti facendo riferimento a informazioni geologiche e agli studi compiuti per l'elaborazione dei modelli strutturali (Tab. 1). Fig. 4 - Andamento della funzione Ammittanza nel settore orientale del continente africano. Tab. 1 - Valori di densità utilizzati per l isostasia (g/cm 3 ). Topografia 2,67 Crosta normale 2,80 Radici 2,95 MAPPA DELLE ANOMALIE E DELLA MOHO ISOSTATICA L elaborazione della carta delle anomalie isostatiche ha avuto come riferimento principale l andamento topografico, attraverso il quale sono state effettuate poi le riduzioni opportune. La carta delle anomalie isostatiche per la zona del Kenya è mostrata in Fig. 5a. L'osservazione della mappa delle anomalie isostatiche presenta due sistemi di anomalie principali, uno posto a sud, caratterizzato da un unico minimo con una λ 250 km, ampio circa 40 mgal e l'altro posto a nord costituito da una serie di massimi caratterizzati da λ km e ampi mgal. Il confine tra i due domini gravimetrici è segnato da forti gradienti orizzontali che a sud sono meno intensi. L'utilizzazione di un modello di compensazione locale ha consentito di ricostruire l'andamento delle Moho calcolando lo spessore delle radici crostali. È stata elaborata una mappa relativa all'andamento di tale discontinuità (Fig. 5b), dove si può distinguere una grande area depressa che raggiunge 40 km di profondità. Sia a nord, che verso est, si osserva che la Moho tende a risalire molto velocemente, mentre a sud i gradienti di profondità sono più deboli. Nel settore NE della mappa è evidente una seconda area depressa dove si raggiungono 30 km circa di profondità;

7 GNGTS Atti del 19 Convegno Nazionale / essa è separata dalla prima da un settore allungato in direzione NO-SE in cui la Moho risale fino a km. Fig. 5 - Carta delle anomalie isostatiche (a) e andamento della Moho isostatica (b) nel Kenya. DISCUSSIONE DEI DATI E CONCLUSIONI Lo studio congiunto dei modelli strutturali elaborati con i modelli derivanti dall utilizzo del metodo sismico (Maguire et al., 1994; Mechie et al., 1994; Mooney e Christensen, 1994), ha permesso di dimostrare come la determinazione accurata dei valori di densità, porti all elaborazione di modelli precisi, che trovano un ottimo accordo con le strutture discriminate mediante il metodo sismico. Per meglio capire quali fossero le relazioni fra l upwelling astenosferico e le strutture superficiali presenti in Kenya ed in particolare con la struttura convessa del Duomo del Kenya, sono stati studiati i meccanismi isostatici in questo settore. Il quadro degli effetti e delle anomalie isostatiche calcolate utilizzando il modello proposto da Airy -Heiskanen, scelta resa legittima dal fatto che in Kenya carichi superficiali caratterizzati da λ > 600 km sono compensati localmente (Forsyth, 1985), e l andamento della Moho isostatica, hanno permesso di rilevare una netta coincidenza fra l apice del duomo del Kenya, il minimo gravimetrico che caratterizza sia gli effetti che le correzioni isostatiche e il settore in cui la discontinuità crostamantello raggiunge i 40 km di profondità. È da osservare che, dopo aver eseguito le correzioni isostatiche, permane proprio in corrispondenza del Duomo del Kenya un minimo la cui lunghezza d onda è comparabile con quella della corrispondente struttura messa in evidenza con l elaborato risultante dal filtraggio passa basso (Fig. 2c), il quale possiede un ampiezza di circa 30 mgal. Quest anomalia potrebbe però essere il risultato di una cattiva scelta del modello utilizzato per effettuare gli studi isostatici; in verità, come risulta dallo studio dell andamento della Moho isostatica, possiamo notare che i dati sono in pieno accordo con quelli ottenuti dall elaborazione dei profili sismici eseguiti in questo settore presenti in letteratura,

8 fatto che conferma la veridicità dei processi di compensazione assunti dal modello da noi utilizzato. Dalla definizione di superficie isostatica, sappiamo che essa deve essere collocata a una profondità pari a quella raggiunta dalla crosta in corrispondenza del più alto orogene presente nel settore che stiamo studiando. Nel nostro caso, risulta evidente che questa superficie debba trovare collocazione a una profondità di circa 40 km; ciò equivale a dire che la topografia è compensata dalle masse collocate all interno dello strato crostale, generatesi durante eventi deformativi antecedenti all apertura del rift. Ritenendo valide queste assunzioni, possiamo affermare che il minimo isostatico presente sotto al duomo del Kenya sia correlabile a una struttura che poco ha contribuito alla costruzione della morfologia del Kenya Dome, così come confermato da studi effettuati sulle tracce di fissione dell'apatite (Wagner et al.,1990). Il minimo isostatico potrebbe essere causato da disomogeneità densiometriche del mantello dovute alla presenza di un mezzo riscaldato soggetto a fenomeni di fusione parziale, visto che stiamo parlando di un settore considerato ad alta vulcanicità, caratterizzato inoltre da elevati flussi di calore (Wheildon et al., 1994). Alla luce di quanto osservato, possiamo affermare che il rift del Kenya sia una struttura a carattere distensivo, ricollegabile geneticamente ad una intrusione astenosferica la cui base è da collocarsi probabilmente sotto al cratone della Tanzania. Il sistema è attualmente attivo, visto che esistono rilevanti attività vulcaniche, geotermiche e sismiche, perlopiù concentrate all interno del rift (Cantini et al., 1990; Fairhead e Stuart, 1982; Williams et al., 1984). Le relazioni cronologiche che sussistono fra l eruzione dei prodotti vulcanici e gli eventi deformativi a carattere distensivo, mettono fuori dubbio che la natura del rift sia di tipo attivo, ma il fatto che le considerazioni sull isostasia abbiano rilevato che l intrusione astenosferica non abbia molto contribuito alla costruzione del Duomo, lascia alcune perplessità su quale siano gli elementi che hanno generato la coppia di forze che il modello di rift attivo vuole che esista affinché la crosta entri in distensione (Crough, 1982; Mareschal, 1982). Infatti, come già affermato, l intrusione astenosferica non ha contribuito molto alla costruzione della topografia, fatto che lascia presupporre che le spinte che essa fino ad ora ha esercitato alla base della crosta siano deboli. Considerando anche che il Duomo potrebbe essersi formato in gran parte per accumulo di materiale vulcanico (Wagner et al., 1992), a nostro avviso è allora più corretto classificare il rift del Kenya come una struttura distensiva attiva a componente passiva, visto che essa si è formata in un settore interessato da campi di stress aggiuntivi che hanno portato alla formazione di numerosi sistemi di faglie a carattere trascorrente dirette NO-SE (Mosley, 1992; Smith, 1993). Queste strutture hanno provocato nel tempo una situazione di generale decompressione che ha permesso al materiale vulcanico di eruttare continuamente mediante attività fissurale (Smith, 1994), senza incontrare eccessiva resistenza da parte della crosta. La complessità del panorama strutturale entro il quale si è formato il rift del Kenya, è ulteriormente confermata dalla presenza dell Anza Graben che, come abbiamo visto, determina un dominio gravimetrico a sé stante, visibile anche a grande scala; a questa importante signature gravimetrica è probabilmente associato l innalzamento che la Moho subisce verso nord contribuendo a dare al rift un aspetto più maturo se ci si avvicina all Etiopia.

9 BIBLIOGRAFIA Cantini P., Cataldi A., Pinna E.; 1990: Gravity study of the structure of Suswa volcano and basement in the Kenya Rift. Geothermics, vol. 19, n. 4, Crough T.; 1982: Rift and Swells: Geophysical constraints on causality. Tectonophysics, 94, Fairhead J. D. and Stuart G. W.; 1982: The seismicity of the East African Rift System and comparison with other continental rifts. In: Continental and oceanic rifts (Edited by Palmason G.), Am. Geoph. Union, Geol. Soc. Am., Geodyn. Ser., 8, Forsyth D. W.; 1985: Subsurface loading and estimates of the flexural rigidity of continental lithosphere. Jour.Geoph. Res., 90, Geosoft Inc.; 1999, Geophysical software, Toronto, Maguire P. K. H., Swain C. J., Masotti R., Khan M. A.; 1994: A crustal and uppermost mantle crosssectional model of the Kenya Rift derived from seismic and gravity data. Tectonophysics, 236, Mareschal J.C.; 1982: Mechanis of uplift preceding rifting. Tectonophysics, 94, Mc Kenzie D. and Bickle M. J.; 1988: The volume and composition of melt generated by extension of the lithosphere. Jour. Petrology, 29, part 3, Mechie J., Keller G. R., Prodhel C., Gaciri S., Braile L. W., Mooney W. D., Gajewski D., Sandmeier K. J.; 1994: Crustal structure beneath the Kenya rift from axial profiles data. Tectonophysics, 236, Mooney W.D. and Christensen N.I.; 1994: Composition of the crust beneath the Kenya rift. Tectonophysics, 236, Mosley P. N.; 1992: Geological evolution of the late proterozoic Mozambique belt of Kenya. Tectonophysics, 221, Smith M.; 1994: Stratigraphic and structural constraints on mechanisms of active rifting in the Gregory Rift, Kenya. Tectonophysics, 236, Wagner M., Altherr R. and Van de Haute P.; 1992: Apatite fission-track analysis of kenyan basement rocks: constraints on the thermotectonics evolution of Kenya Dome. A reconnaissance study. Tectonophysics, 204, Williams L. A. J., Mc Donald R., Chapman G. R.; 1984: Late quaternary caldera volcanoes of the Kenya rift valley. J. Geoph. Res., 89, Wheildon J., Morgan P., Williamson K.H., Evans T.R. and Swamberg C.A.; 1994: Heat flow in the Kenya rift zone. Tectonophysics, 236,

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa PANTELLERIA L'isola di Pantelleria è situata nel Canale di Sicilia a 70 km dalla costa africana e a circa 100 km dalla costa sud-orientale siciliana. La sua superficie è di circa 83 kmq e la sua altezza

Dettagli

SOMMARIO DELLE NOZIONI FONDAMENTALI SULLE ANOMALIE DI GRAVITA

SOMMARIO DELLE NOZIONI FONDAMENTALI SULLE ANOMALIE DI GRAVITA SOMMARIO DELLE NOZIONI FONDAMENTALI SULLE ANOMALIE DI GRAVITA Antonio Meloni Geofisica Generale e Applicata, Roma Tre, anno 2012-2013 (39 pagine) Descritto l andamento del campo gravitazionale si può introdurre

Dettagli

INDAGINI GEOFISICHE PER L INDIVIDUAZIONE DI AREE A RISCHIO SINKHOLE NELLA PIANA DI SAN VITTORINO (RI)

INDAGINI GEOFISICHE PER L INDIVIDUAZIONE DI AREE A RISCHIO SINKHOLE NELLA PIANA DI SAN VITTORINO (RI) INDAGINI GEOFISICHE PER L INDIVIDUAZIONE DI AREE A RISCHIO SINKHOLE NELLA PIANA DI SAN VITTORINO (RI) DI FILIPPO MICHELE*, NOLASCO FRANCESCO**, RIZZO STEFANO***, TORO BENIAMINO* * Dipartimento di Scienze

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Teoria della tettonica delle placche

Teoria della tettonica delle placche Teoria della tettonica delle placche Un po di storia L idea di una Terra mobile nasce nel 1910 ad opera di Wegener (pubblicazione in forma completa 1915) Egli osservò la concordanza delle coste atlantiche

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE La Terra, come ogni altro corpo dotato di massa, è circondata da un campo gravitazionale che attrae altri corpi. Siamo oggi in grado di determinare gli effetti della gravità,

Dettagli

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Tettonica delle placche

Tettonica delle placche 1 Voce in stampa su Enciclopedia degli Idrocarburi Treccani Tettonica delle placche Carlo Doglioni Dipartimento di Scienze della Terra, Università La Sapienza, p.le A. Moro 5, Box 11 00185 Roma - Italia

Dettagli

Università degli Studi di Salerno. Ph.D. Thesis. High-sensitivity strain measurements from underground

Università degli Studi di Salerno. Ph.D. Thesis. High-sensitivity strain measurements from underground Università degli Studi di Salerno Dipartimento di Matematica Scienze Matematiche, Fisiche ed Informatiche XI Ciclo - Nuova Serie Curriculum in Fisica dei sistemi complessi e dell'ambiente Ph.D. Thesis

Dettagli

PER UN NUOVO MANIFESTO DELLA GEOTERMIA

PER UN NUOVO MANIFESTO DELLA GEOTERMIA nel Decennale della sua fondazione CONGRESSO sul tema PER UN NUOVO MANIFESTO DELLA GEOTERMIA - Prospettive di sviluppo della geotermia in Italia al 2030 - c/o CNR/Consiglio Nazionale delle Ricerche, Sala

Dettagli

Relazioni tra bacini sedimentari e province petrolifere

Relazioni tra bacini sedimentari e province petrolifere 1.4 Relazioni tra bacini sedimentari e province petrolifere 1.4.1 Tettonica delle placche La tettonica delle placche è la teoria, corroborata da numerosissimi dati osservativi, che spiega l evoluzione

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE GRAVIMETRIA LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE r La legge di gravitazione universale, formulata da Isaac Newton nel 1666 e pubblicata nel 1684, afferma che l'attrazione gravitazionale tra due corpi è

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

XXIII Ciclo di Dottorato in Geofisica Università di Bologna. Corso di: Paleomagnetismo Prof. Sagnotti

XXIII Ciclo di Dottorato in Geofisica Università di Bologna. Corso di: Paleomagnetismo Prof. Sagnotti XXIII Ciclo di Dottorato in Geofisica Università di Bologna Corso di: Paleomagnetismo Prof. Sagnotti Tectonic evolution of arcuate mountain belts on top of a retreating subduction slab: the example of

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE _I SEZIONE A DISCIPLINA: SCIENZE DOCENTE: _DE TOMMASO MARIANGELA

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

PETROGRAFIA REGIONALE

PETROGRAFIA REGIONALE Università di Pisa Dipartimento di Scienze della Terra Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche PETROGRAFIA REGIONALE a.a. 2014-2015 Sergio Rocchi rocchi@dst.unipi.it URL corso: http://www.dst.unipi.it/dst/rocchi/sr/pr.html

Dettagli

di un intervento di stabilizzazione

di un intervento di stabilizzazione La caratterizzazione geofisica finalizzata alla progettazione di un intervento di stabilizzazione M. Bavusi, G. Potenza1 1, D. Lacava 2, E.F. Finizio, S. Laurita, G. Calvello 3 G. Colangelo 4 1 G. & G.I.S.

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini D. Albarello, E. Lunedei, D. Pileggi, UniSI - DST; C. Copioli, Comune di Rimini; M. Filippini,

Dettagli

La deriva dei continenti. Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani.

La deriva dei continenti. Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani. La deriva dei continenti Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani. La deriva dei continenti Wegener presuppose che le terre attualmente emerse

Dettagli

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia IL MODELLO GEOLOGICO 3D Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia Obiettivi del Progetto GeoMol Modelli geologici 3D trans-nazionali/regionali basati su metodi comuni di costruzione

Dettagli

STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA -

STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA - STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA - Relazione n. 3316 Maggio 2012 1. PREMESSA 2 Il presente documento illustra i dettagli operativi e i risultati

Dettagli

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione.

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione. Linea sismica 1-SHOT 3 La linea sismica 1 è stata eseguita in loc. Carlina, entro il contesto di pianura prossimo al margine pedecollinare. Tale area era già stata oggetto nel Novembre 2002 di un indagine

Dettagli

La risorsa in Toscana e le possibili utilizzazioni

La risorsa in Toscana e le possibili utilizzazioni IA E BASSA ENTALPIA GEOTERMICA : QUALI OPPORTUNITA PER I TERRITORI Arcidosso (Gr), Sala del Consiglio. Unione dei Comuni Montani Amiata Grossetana La risorsa in Toscana e le possibili utilizzazioni Prof.

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA misura della pressione atmosferica: barometri barometro a mercurio (Torricelli( Torricelli) è il più accurato necessita di correzioni per: altitudine

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU

Università degli Studi del Sannio Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche. Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Insegnamento di Geofisica Applicata modulo B 4 CFU Anno accademico 2010/2011 docente: Rosalba Maresca E-mail: maresca@unisannio.it 1 MASW (Multichannel

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

Strutture recenti e attive lungo il bordo dell avampaese in Sicilia sud-orientale e distribuzione del campo di stress attuale

Strutture recenti e attive lungo il bordo dell avampaese in Sicilia sud-orientale e distribuzione del campo di stress attuale Strutture recenti e attive lungo il bordo dell avampaese in Sicilia sud-orientale e distribuzione del campo di stress attuale M. Grasso Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Catania (e-mail:

Dettagli

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross.

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un SUPER VULCANO si nasconde non solo sotto i CAMPI FLEGREI ma anche sotto il meraviglioso

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore.

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

REGIME DI STRESS NELL APPENNINO TOSCO-EMILIANO: ESISTONO DAVVERO DUE DOMINI DISTINTI?

REGIME DI STRESS NELL APPENNINO TOSCO-EMILIANO: ESISTONO DAVVERO DUE DOMINI DISTINTI? F. Zolezzi (1), E. Eva (2), G. Ferretti (1), S. Solarino (1) e C. Eva (1) (1) Dipartimento per lo studio del Territorio e delle su Risorse - Univ. Genova, Genova (2) Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere

Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Vulcani e terremoti: osservare e prevedere Enzo Boschi Venezia, 1 febbraio 2007 Crustal Plate Boundaries Sismicità crostale e profonda del Mediterraneo La Rete Sismica Nazionale Come si generano i terremoti

Dettagli

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa

OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa OneGeology-Europe: architettura, geoportale e servizi web per rendere accessibile la Carta Geologica d Europa Carlo Cipolloni (*), Agnes Tellez-Arenas (**), Jean-Jeacques Serrano (**), Robert Tomas (***)

Dettagli

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 219. apporti. tecnici. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

ISSN 2039-7941. Anno 2012_Numero 219. apporti. tecnici. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t ISSN 2039-7941 Anno 2012_Numero 219 apporti tecnici Rete gravimetrica di precisione all isola di Pantelleria. Monografie delle stazioni. Situazione al mese di luglio 2011 Istituto Nazionale di Geofisica

Dettagli

Analisi pushover per edifici in muratura (parametri che ne influenzano i risultati)

Analisi pushover per edifici in muratura (parametri che ne influenzano i risultati) MICHELE VINCI Analisi pushover per edifici in muratura (parametri che ne influenzano i risultati) Articolo 3 Marzo 2014 Collana Calcolo di edifici in muratura (www.edificiinmuratura.it) Software utilizzato:

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Obiettivi e finalità: Al termine del corso gli allievi dovranno essere in grado di:

Dettagli

L INVERNO meteorologico 2011

L INVERNO meteorologico 2011 L INVERNO meteorologico 2011 I primi tre mesi dell anno, oltre ad avere nel complesso temperature abbastanza in linea con i valori attesi per la stagione (ad eccezione di febbraio che presenta una lieve

Dettagli

La geologia dell Antartide

La geologia dell Antartide L evoluzione geologica L'Antartide è un continente unico non solo dal punto di vista climatico e ambientale ma anche da quello geologico. L'Antartide, infatti, si distingue dagli altri continenti per essere

Dettagli

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Commissione tecnica per la microzonazione sismica (articolo 5, comma 7, OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Microzonazione sismica Linee guida per l

Dettagli

Indagine di Tomografia Elettrica

Indagine di Tomografia Elettrica Indagine di Tomografia Elettrica 1. DESCRIZIONE DEL METODO La tomografia elettrica è utilizzata a supporto di altri metodi geofisici nell investigazione delle strutture sepolte e nella ricerca di acque

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI M. Frisenda (1) e R. Madariaga (2) (1) DIP.TE.RIS., Dipartimento per lo Studio del Territorio e delle sue Risorse, Genova, Italy (2) ENS, Ecole Normale Superieure, Paris, France MODELLAZIONE NUMERICA 3D

Dettagli

Committente: Studio di Architettura Laurent

Committente: Studio di Architettura Laurent Committente: Studio di Architettura Laurent Nuova autorimessa dei vigili del fuoco volontari, ampliamento centrale termica con nuovo deposito pellet e rifacimento manto Comune di Oyace (AO) Indagine sismica

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL PERICOLO DA MANIFESTAZIONI VULCANICHE ALL ETNA Di Renato Cristofolini e Giuseppe Pugliesi

VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL PERICOLO DA MANIFESTAZIONI VULCANICHE ALL ETNA Di Renato Cristofolini e Giuseppe Pugliesi R.Cristofolini - G.Puglisi - G.Petino - N. Zizzo - D.D'Agata - C.Modica - B.Reitano - A.Scandura - G.Amata L'evento e la complessità - Rischio vulcanico e valutazione del danno nell'unità territoriale

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento

Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Estrazione di DSM da immagini del satellite Eros B acquisite in stereoscopia: studio preliminare nell area di Benevento Stefano De Corso e Daniele Magrì IPT - Informatica per il Territorio, via Sallustiana,

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

TECNICA REMI Premessa

TECNICA REMI Premessa TECNICA REMI Premessa La tecnica di analisi del sottosuolo mediante l uso di microtremori (Refraction Microtremor ) prende origine dagli studi e dalle sperimentazioni condotte da J. Louie presso la Nevada

Dettagli

Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche

Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche Microzonazione sismica e forti stratificazioni antropiche Seismic microzonation and thick anthropic cover M. Moscatelli (CNR IGAG) in collaborazione con A. Pagliaroli (CNR IGAG) e G. Raspa (SAPIENZA Univ.

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche.

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche. 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO Capitolo Primo INQUADRAMENTO GEOLOGICO 1.1 - L Appennino Meridionale La genesi della Catena dell Appennino Meridionale inizia nell Oligocene Superiore-Miocene Inferiore (Monaco e Tortorici, 1998) e deriva

Dettagli

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 GNGTS Atti del 17 Convegno Nazionale 06.01 A. Zirizzotti e M. Marchetti Istituto Nazionale di Geofisica, Roma UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 Riassunto. Le tecniche magnetometriche

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO B. GRILLO 1, C. BRAITENBERG 1, R. DEVOTI 2, D. ZULIANI 3, P. FABRIS 3, I. NAGY 1 1 Dipartimento di Geoscienze - Università degli Studi

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Facoltà Scienze Via Trentino, 51 09127 Cagliari CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE Cartografia Geologica Lettura ed interpretazione

Dettagli

TERRA. 2012 Copyright lamaestraenza.altervista.org

TERRA. 2012 Copyright lamaestraenza.altervista.org TERRA Terzo pianeta in ordine di distanza dal Sole, la Terra si è formata 4,5 miliardi di anni fa insieme a tutti gli altri corpi che popolano il sistema solare. Essa ha una forma quasi sferica a causa

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo SCIENZE GEOLOGICHE 13-1414 Febbraio 2014 Legnaro-Agripolis SCIENZE GEOLOGICHE LAUREA DI 1 LIVELLO LAUREA MAGISTRALE Geologia e Geologia Tecnica (2 anni) DOTTORATO DI RICERCA Scienze della Terra (3 anni)

Dettagli

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO Dario TRICOLI (*), Nicola COSCINI (**), Nicola DEL SEPPIA (**), Enzo DI CARLO (**), Andrea MORELLI (**) (*) Autorità di Bacino

Dettagli

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo

Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo esperienze / riflessioni Le ICT nella scuola italiana. Sintesi dei dati in un quadro comparativo europeo Giuliano Vivanet a a Università di Cagliari, giuliano.vivanet@unica.it Abstract Con l obiettivo

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 Atti Mus. civ. Stor. nat. Trieste STUDIO PRELIMINARE DI REPERTI OSSEI DI DINOSAURI DEL CARSO TRIESTINO TIZIANA BRAZZATTI (*) & RUGGERO

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli