ASSETTO STRUTTURALE DELLA LITOSFERA NEL KENYA MEDIANTE ANALISI DEI DATI DI GRAVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSETTO STRUTTURALE DELLA LITOSFERA NEL KENYA MEDIANTE ANALISI DEI DATI DI GRAVITÀ"

Transcript

1 M. Coppola, P. Cantini e E. Pinna Dipartimento di Scienze della Terra dell Università di Pisa ASSETTO STRUTTURALE DELLA LITOSFERA NEL KENYA MEDIANTE ANALISI DEI DATI DI GRAVITÀ Riassunto. Nel presente lavoro sono stati affrontati i problemi relativi all assetto della struttura litosferica del Kenya interessata, come noto dalla letteratura, da complessi eventi geodinamici che in superficie hanno portato all apertura dell East African Rift System. A nostro modo di vedere la ricerca condotta ha sviluppato in maniera diversa e più adeguata le diverse fasi di studio che si affrontano quando si compiono studi sui campi di potenziale e principalmente su quello di gravità. Particolare attenzione è stata dedicata all importanza che i valori di densità assumono in un ambiente di geodinamica attiva. L analisi di questi parametri, secondo criteri che li leghino alla particolare situazione geologica in cui vengono a trovarsi i litotipi in esame nonché alle condizioni P-T del sottosuolo, consentono di fornire vincoli indispensabili che l operatore deve anteporre alla scelta dei valori numerici da utilizzare. Il parametro densità dovrebbe quindi rimanere una conseguenza oggettiva delle condizioni geologiche ambientali profonde e di superficie e non una scelta dell operatore che risulta sempre troppo arbitraria. In questo contesto il metodo gravimetrico fornisce risultati più che apprezzabili. Per studiare la natura genetica del rift e le sue relazioni con il Kenya Dome, altro importante elemento morfologico strutturale dell area, si è utilizzato il metodo isostatico essenziale anche per indagare i meccanismi di compensazione relativi al Kenya Dome. I risultati di questa ricerca indicano una natura non essenzialmente attiva del rift, considerando come l analisi isostatica confermi che il Kenya Dome non sia inseribile nel quadro evolutivo di un rift attivo. LITHOSPHERE STRUCTURAL SETTING IN KENYA AS DERIVED FROM GRAVITY DATA Abstract. In this paper the problems concerning the structural setting of the lithosphere in Kenya are widely discussed. Complexes geodynamical events led to the formation of the East African Rift System which is one of most important rift system in the world. The gravimetric analysis resulted an effective tool in order to explain the different tectonics settings when various geologic formations, and consequently different densities contrasts, are present. Particular attention has been paid to the choice of density values for different geologic structures, that are strongly influenced by the great variations in pressure and temperature in a such subsurface. Various attempts were performed, considering petrophysical and heat flow data, in order to obtain the best realistic density values according to the seismic model derived from the seismic profiles carried out in the rift. In order to study the geological evolution of the rift and its relationships with Kenya Dome, we carried out an isostatic study on the Kenya area. The results of this research let suppose that the Kenya rift is a not completely active system because the Kenya Dome is not correlated to the deep geodynamic evolution, and an important passive component must not understimate in the evolution of the Kenya rift itself. INTRODUZIONE La parte orientale del continente africano è interessata da una situazione geologica complessa, scaturita dal succedersi di diversi eventi deformativi, spesso caratterizzati da uno stile tettonico opposto. Gli episodi geodinamici principali che si sono imposti in questo settore sono riferibili allo scontro fra due placche litosferiche differenti, la piattaforma mobile del Mozambico e il cratone della Tanzania e all apertura dell imponente sistema distensivo, lungo circa 3000 km, noto come East African Rift System. Il rift del Kenya si sviluppa all interno del ramo orientale di questa importante struttura e in prossimità

2 dell equatore interseca il margine che separa le due placche litosferiche, là dove si sviluppa in superficie una rilevante struttura morfologicamente convessa, detta Kenya Dome. L estensione, l intensità e le caratteristiche fisiche di questi eventi deformativi hanno nel tempo contribuito a sconvolgere l assetto delle strutture profonde presenti nella litosfera del Kenya creando in tal modo delle evidenti relazioni fra queste e i fenomeni geodinamici superficiali. Il metodo gravimetrico costituisce un ottimo criterio d indagine, qualora sia supportato da un accurato calcolo del parametro densità, per ricostruire l andamento e la geometria delle superfici di discontinuità presenti nella crosta e nel mantello, nonché un metodo indispensabile, almeno con lo specifico settore dell isostasia, per capire le relazioni che sussistono fra eventi geodinamici profondi e strutture superficiali. Ci occuperemo per ciò di riproporre alcuni modelli strutturali vincolati da una più accurata selezione dei valori delle densità da attribuire ai vari litotipi e di valutare, con il metodo isostatico, le possibili relazioni fra gli eventi deformativi profondi e quelli superficiali, cercando in tal modo di chiarire meglio quale sia la natura del rift del Kenya. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-STRUTTURALE DEL KENYA La parte orientale del continente africano è interessata da una situazione geologica complessa, scaturita dal succedersi di eventi deformativi con stile tettonico opposto (Mosley, 1992; Smith, 1994). Questo settore dell Africa fu interessato in un primo momento (Precambriano) dallo scontro di due placche continentali: il cratone della Tanzania e la piattaforma mobile del Mozambico; successivamente si è sviluppato un imponente sistema distensivo che attraversa l intera area orientale del continente da nord a sud: questa struttura si estende per più di 3000 km, nasce a nord, dove fa parte di un giunto triplo insieme ai noti rift oceanici del Mar Rosso e del Golfo di Aden, entra in continente in prossimità della depressione dell Afar, e arriva a sud fino ad intercettare l estremità inferiore del fiume Zambesi. All altezza del confine che separa l Etiopia dal Kenya (5 N), questa imponente struttura, nota anche come l East African Rift Sistem (EARS), si divide per dare vita a due sistemi distensivi secondari: il Western Branch e l Eastern Branch, che lambiscono e delimitano i margini della placca cratonica che caratterizza la litosfera della Tanzania. Il ramo occidentale passa attraverso i grandi laghi centro africani e costituisce, fra i due, il sistema distensivo più giovane e meno sviluppato. Il ramo orientale attraversa il Kenya e origina un rift continentale, costituito da due settori, caratterizzati da differenti stadi evolutivi: uno a nord, il Turkana rift, più maturo, probabilmente influenzato dal vicino rift etiope, uno a sud, il Gregory rift, nettamente più giovane, all interno del quale è presente una struttura convessa detta Duomo del Kenya. DATI DI GRAVITÀ E LORO INTERPRETAZIONE Uno degli scopi di questo lavoro è stato quello di elaborare vari modelli strutturali del Kenya, tramite l inversione del suo campo di potenziale gravimetrico, facendo particolare attenzione alla scelta e alla determinazione dei valori di densità. A tale proposito sono stati utilizzati, diversi set di dati così distribuiti: oltre ai dati raccolti dall Università di Pisa (Cantini et al., 1990) (426 stazioni), un altro set di valori deriva da un catalogo compilato fra il 1955 e il 1975, alla cui stesura hanno

3 partecipato gli enti di seguito elencati: Leicester University (4627 stazioni), Newcastle (1384 stazioni), Overseas Geological Survey (3 stazioni), United Nation Geothermal Project (433 stazioni), British Petroleum Ltd. (1290 stazioni) Burmah Oil Trading Ltd. (287 stazioni), Chevron Overseas Petroleum Inc. (685 stazioni). Sono state dunque utilizzate in totale 9135 stazioni gravimetriche. L elaborazione della carta delle anomalie di Bouguer del Kenya (Fig. 1) è stata ottenuta secondo l usuale tecnica di gridding. I valori di gravità sono stati processati utilizzando una griglia regolare a maglie quadrate con passo di campionamento pari a 8 km, distanza che permetteva di non perdere gran parte dei contributi in alta frequenza, utili per effettuare interpretazioni a carattere qualitativo, relativamente alla distribuzione areale dei corpi intracrostali. Fig. 1 - Anomalie di Bouguer del Kenya (dens. rif g/cm 3 ). Il panorama delle anomalie di Bouguer presenti in Kenya, risulta molto complesso e diffusamente caratterizzato dalla presenza di contributi a piccola lunghezza d onda. Si passa da valori di circa -230 mgal, in corrispondenza del duomo del Kenya, a valori di +30 mgal in prossimità dell area costiera. Dal confronto fra i principali elementi strutturali presenti nel settore del Kenya e la carta gravimetrica di Bouguer, si può notare che esiste un evidente corrispondenza fra la distribuzione delle anomalie gravimetriche e le principali strutture geologiche che interessano quest area. Si può distinguere un settore sud orientale, in cui sono presenti dei gradienti orizzontali di anomalia molto deboli, e che corrisponde all area costiera del Kenya. Tutta la zona sud occidentale è compresa all interno dell isoanomala -100 mgal e corrisponde grossomodo all area del Kenya Dome. Verso nord, all interno del dominio strutturale che appartiene al sistema distensivo etiope, è significativa la presenza di anomalie ad alta frequenza: esse sono diffuse omogeneamente su tutto il territorio e raggiungono dei valori minimi di 90/ 100 mgal. Di notevole interesse, è un allineamento di anomalie a piccola lunghezza d onda orientato NO-SE, che corrisponde topograficamente all Anza rift. Questa struttura ha avuto un importanza rilevante nello sviluppo dell assetto strutturale e quindi delle anomalie gravimetriche a

4 questo associate; essa infatti delimita, verso sud, un settore strutturalmente complicato, collegato al duomo del Kenya, caratterizzato da un anomalia negativa a grande lunghezza d onda (λ~500 km), con un ampiezza di 240 mgal. Questa struttura gravimetrica è limitata sia verso est che verso sud-est da forti gradienti orizzontali che segnano il passaggio a domini strutturali differenti. Dall apice del duomo del Kenya si sviluppa una serie di anomalie a piccola lunghezza d onda che formano un allineamento strutturale N-S, in corrispondenza del quale, si estende in superficie il rift del Kenya. Sulla base delle frequenze di taglio individuate con l analisi spettrale condotta sulla carta di anomalia di Bouguer mediante l utilizzo del software dedicato Geosoft (1999), si sono ottenuti alcuni elaborati che nel loro insieme ci hanno fornito in via qualitativa un idea migliore di quali strutture più o meno superficiali dovessero essere associate a particolari anomalie (Fig. 2a, b e c). Gli elementi tettonici fondamentali (Kenya Dome, Anza graben, Kenya Rift, Nyanza graben) trovano netta corrispondenza con le anomalie presenti nei diversi filtrati, a giustificare una stretta relazione tra lunghezza d onda dell anomalia e profondità della sorgente, come dimostrato anche dalla modellazione 2.5 D condotta lungo alcune sezioni significative. Fig. 2 - Carta delle anomalie: a) passa-alto (λ<42 km); b) passa-banda (42<λ<81 km); c) passa-basso (λ>188 km). Durante questa fase ci siamo preoccupati di stabilire, nella maniera più accurata possibile, i valori di densità da assegnare alle varie litologie e di vincolarli sia alle condizioni P-T presenti nel sottosuolo che alla situazione geologica superficiale, nonché alle informazioni derivanti dalla raccolta effettuata in situ di campioni di roccia. Per effettuare questo passaggio, abbiamo utilizzato separatamente il metodo petrofisico (Mooney and Christensen, 1994), per calcolare i valori di densità delle litologie presenti nelle aree non interessate dall anomalia termica ed un modello fisico che descrive come mutano, al variare delle condizioni P-T i valori di densità all interno di un upwelling astenosferico, a partire da una peridotite a granato (Mc Kenzie and Bickle, 1987). Sono stati interpretati 7 profili relativi alla mappa delle anomalie di Bouguer del Kenya, fra i quali ne mostreremo due, uno posto all equatore, il secondo in direzione N-S coincidente con l asse di sviluppo del rift (Fig. 3a e 3b). In entrambi i profili è evidente come sia netta la relazione che sussiste tra un anomalia negativa a grande lunghezza d onda e il settore in cui si sviluppa l intrusione astenosferica, che emerge in superficie in corrispondenza del Kenya Dome. In questo modo risulta evidente, per lo meno da un primo esame, che

5 strutture superficiali e profonde potrebbero essere coinvolte ed essere state generate dallo stesso evento geodinamico che ha portato in fine all apertura del rift del Kenya. Fig. 3 - Modello interpretativo: a) trasversale all asse del rift (E-W); b) lungo l asse del rift (N-S). IL METODO ISOSTATICO: SUO UTILIZZO PER LO STUDIO DEI MECCANISMI DI COMPENSAZIONE DEL KENYA DOME Per definire meglio le relazioni che sussistono fra il duomo del Kenya e il rift, abbiamo affrontato lo studio delle anomalie isostatiche di quest area, per lo svolgimento del quale è stato utilizzato il modello di compensazione di Airy- Heiskanen. Questa scelta è scaturita dallo studio della funzione di risposta isostatica effettuato da Forsyth (1985), che dimostra come i carichi di nostro interesse rientrino nella banda delle frequenze caratterizzate dai meccanismi di compensazione di tipo locale (Fig. 4). Il modello di Forsyth utilizza una funzione di risposta isostatica complessa (detta Ammittanza) in cui si tiene conto di due diversi contributi, responsabili dell assetto topografico, in altre parole quello derivante dagli eventi geodinamici di superficie e quello dovuto ai fenomeni superficiali di compensazione relativi a deformazioni profonde (sistemi di spinte che agiscono dal basso verso l alto). Prima di passare al calcolo delle anomalie isostatiche relative all'area in cui è situato il duomo del Kenya, è necessario definire quale sia il modello di densità a cui ci riferiamo. Gli studi di questo tipo sono riferiti ad anomalie gravimetriche caratterizzate da grandi lunghezze d'onda, al fine di individuare la distribuzione spaziale delle strutture più ampie, che definiscono lo specifico meccanismo di compensazione. I contrasti di densità laterali che generano il campo corrispondente, saranno dunque associati alle ondulazioni delle interfacce che separano porzioni di litosfera più ampie. Il modello di densità risultante sarà perciò più semplice rispetto a quello definito per descrivere il campo totale delle anomalie di Bouguer. Abbiamo ritenuto opportuno adottare un modello a tre strati, in cui sono considerate, la densità dei rilievi, responsabili delle spinte dirette verso il basso, la densità delle radici

6 crostali responsabili delle spinte dirette verso l'alto (quindi della compensazione della struttura convessa) e la densità dalla crosta "normale". I valori numerici dalla densità sono stati stabiliti facendo riferimento a informazioni geologiche e agli studi compiuti per l'elaborazione dei modelli strutturali (Tab. 1). Fig. 4 - Andamento della funzione Ammittanza nel settore orientale del continente africano. Tab. 1 - Valori di densità utilizzati per l isostasia (g/cm 3 ). Topografia 2,67 Crosta normale 2,80 Radici 2,95 MAPPA DELLE ANOMALIE E DELLA MOHO ISOSTATICA L elaborazione della carta delle anomalie isostatiche ha avuto come riferimento principale l andamento topografico, attraverso il quale sono state effettuate poi le riduzioni opportune. La carta delle anomalie isostatiche per la zona del Kenya è mostrata in Fig. 5a. L'osservazione della mappa delle anomalie isostatiche presenta due sistemi di anomalie principali, uno posto a sud, caratterizzato da un unico minimo con una λ 250 km, ampio circa 40 mgal e l'altro posto a nord costituito da una serie di massimi caratterizzati da λ km e ampi mgal. Il confine tra i due domini gravimetrici è segnato da forti gradienti orizzontali che a sud sono meno intensi. L'utilizzazione di un modello di compensazione locale ha consentito di ricostruire l'andamento delle Moho calcolando lo spessore delle radici crostali. È stata elaborata una mappa relativa all'andamento di tale discontinuità (Fig. 5b), dove si può distinguere una grande area depressa che raggiunge 40 km di profondità. Sia a nord, che verso est, si osserva che la Moho tende a risalire molto velocemente, mentre a sud i gradienti di profondità sono più deboli. Nel settore NE della mappa è evidente una seconda area depressa dove si raggiungono 30 km circa di profondità;

7 GNGTS Atti del 19 Convegno Nazionale / essa è separata dalla prima da un settore allungato in direzione NO-SE in cui la Moho risale fino a km. Fig. 5 - Carta delle anomalie isostatiche (a) e andamento della Moho isostatica (b) nel Kenya. DISCUSSIONE DEI DATI E CONCLUSIONI Lo studio congiunto dei modelli strutturali elaborati con i modelli derivanti dall utilizzo del metodo sismico (Maguire et al., 1994; Mechie et al., 1994; Mooney e Christensen, 1994), ha permesso di dimostrare come la determinazione accurata dei valori di densità, porti all elaborazione di modelli precisi, che trovano un ottimo accordo con le strutture discriminate mediante il metodo sismico. Per meglio capire quali fossero le relazioni fra l upwelling astenosferico e le strutture superficiali presenti in Kenya ed in particolare con la struttura convessa del Duomo del Kenya, sono stati studiati i meccanismi isostatici in questo settore. Il quadro degli effetti e delle anomalie isostatiche calcolate utilizzando il modello proposto da Airy -Heiskanen, scelta resa legittima dal fatto che in Kenya carichi superficiali caratterizzati da λ > 600 km sono compensati localmente (Forsyth, 1985), e l andamento della Moho isostatica, hanno permesso di rilevare una netta coincidenza fra l apice del duomo del Kenya, il minimo gravimetrico che caratterizza sia gli effetti che le correzioni isostatiche e il settore in cui la discontinuità crostamantello raggiunge i 40 km di profondità. È da osservare che, dopo aver eseguito le correzioni isostatiche, permane proprio in corrispondenza del Duomo del Kenya un minimo la cui lunghezza d onda è comparabile con quella della corrispondente struttura messa in evidenza con l elaborato risultante dal filtraggio passa basso (Fig. 2c), il quale possiede un ampiezza di circa 30 mgal. Quest anomalia potrebbe però essere il risultato di una cattiva scelta del modello utilizzato per effettuare gli studi isostatici; in verità, come risulta dallo studio dell andamento della Moho isostatica, possiamo notare che i dati sono in pieno accordo con quelli ottenuti dall elaborazione dei profili sismici eseguiti in questo settore presenti in letteratura,

8 fatto che conferma la veridicità dei processi di compensazione assunti dal modello da noi utilizzato. Dalla definizione di superficie isostatica, sappiamo che essa deve essere collocata a una profondità pari a quella raggiunta dalla crosta in corrispondenza del più alto orogene presente nel settore che stiamo studiando. Nel nostro caso, risulta evidente che questa superficie debba trovare collocazione a una profondità di circa 40 km; ciò equivale a dire che la topografia è compensata dalle masse collocate all interno dello strato crostale, generatesi durante eventi deformativi antecedenti all apertura del rift. Ritenendo valide queste assunzioni, possiamo affermare che il minimo isostatico presente sotto al duomo del Kenya sia correlabile a una struttura che poco ha contribuito alla costruzione della morfologia del Kenya Dome, così come confermato da studi effettuati sulle tracce di fissione dell'apatite (Wagner et al.,1990). Il minimo isostatico potrebbe essere causato da disomogeneità densiometriche del mantello dovute alla presenza di un mezzo riscaldato soggetto a fenomeni di fusione parziale, visto che stiamo parlando di un settore considerato ad alta vulcanicità, caratterizzato inoltre da elevati flussi di calore (Wheildon et al., 1994). Alla luce di quanto osservato, possiamo affermare che il rift del Kenya sia una struttura a carattere distensivo, ricollegabile geneticamente ad una intrusione astenosferica la cui base è da collocarsi probabilmente sotto al cratone della Tanzania. Il sistema è attualmente attivo, visto che esistono rilevanti attività vulcaniche, geotermiche e sismiche, perlopiù concentrate all interno del rift (Cantini et al., 1990; Fairhead e Stuart, 1982; Williams et al., 1984). Le relazioni cronologiche che sussistono fra l eruzione dei prodotti vulcanici e gli eventi deformativi a carattere distensivo, mettono fuori dubbio che la natura del rift sia di tipo attivo, ma il fatto che le considerazioni sull isostasia abbiano rilevato che l intrusione astenosferica non abbia molto contribuito alla costruzione del Duomo, lascia alcune perplessità su quale siano gli elementi che hanno generato la coppia di forze che il modello di rift attivo vuole che esista affinché la crosta entri in distensione (Crough, 1982; Mareschal, 1982). Infatti, come già affermato, l intrusione astenosferica non ha contribuito molto alla costruzione della topografia, fatto che lascia presupporre che le spinte che essa fino ad ora ha esercitato alla base della crosta siano deboli. Considerando anche che il Duomo potrebbe essersi formato in gran parte per accumulo di materiale vulcanico (Wagner et al., 1992), a nostro avviso è allora più corretto classificare il rift del Kenya come una struttura distensiva attiva a componente passiva, visto che essa si è formata in un settore interessato da campi di stress aggiuntivi che hanno portato alla formazione di numerosi sistemi di faglie a carattere trascorrente dirette NO-SE (Mosley, 1992; Smith, 1993). Queste strutture hanno provocato nel tempo una situazione di generale decompressione che ha permesso al materiale vulcanico di eruttare continuamente mediante attività fissurale (Smith, 1994), senza incontrare eccessiva resistenza da parte della crosta. La complessità del panorama strutturale entro il quale si è formato il rift del Kenya, è ulteriormente confermata dalla presenza dell Anza Graben che, come abbiamo visto, determina un dominio gravimetrico a sé stante, visibile anche a grande scala; a questa importante signature gravimetrica è probabilmente associato l innalzamento che la Moho subisce verso nord contribuendo a dare al rift un aspetto più maturo se ci si avvicina all Etiopia.

9 BIBLIOGRAFIA Cantini P., Cataldi A., Pinna E.; 1990: Gravity study of the structure of Suswa volcano and basement in the Kenya Rift. Geothermics, vol. 19, n. 4, Crough T.; 1982: Rift and Swells: Geophysical constraints on causality. Tectonophysics, 94, Fairhead J. D. and Stuart G. W.; 1982: The seismicity of the East African Rift System and comparison with other continental rifts. In: Continental and oceanic rifts (Edited by Palmason G.), Am. Geoph. Union, Geol. Soc. Am., Geodyn. Ser., 8, Forsyth D. W.; 1985: Subsurface loading and estimates of the flexural rigidity of continental lithosphere. Jour.Geoph. Res., 90, Geosoft Inc.; 1999, Geophysical software, Toronto, Maguire P. K. H., Swain C. J., Masotti R., Khan M. A.; 1994: A crustal and uppermost mantle crosssectional model of the Kenya Rift derived from seismic and gravity data. Tectonophysics, 236, Mareschal J.C.; 1982: Mechanis of uplift preceding rifting. Tectonophysics, 94, Mc Kenzie D. and Bickle M. J.; 1988: The volume and composition of melt generated by extension of the lithosphere. Jour. Petrology, 29, part 3, Mechie J., Keller G. R., Prodhel C., Gaciri S., Braile L. W., Mooney W. D., Gajewski D., Sandmeier K. J.; 1994: Crustal structure beneath the Kenya rift from axial profiles data. Tectonophysics, 236, Mooney W.D. and Christensen N.I.; 1994: Composition of the crust beneath the Kenya rift. Tectonophysics, 236, Mosley P. N.; 1992: Geological evolution of the late proterozoic Mozambique belt of Kenya. Tectonophysics, 221, Smith M.; 1994: Stratigraphic and structural constraints on mechanisms of active rifting in the Gregory Rift, Kenya. Tectonophysics, 236, Wagner M., Altherr R. and Van de Haute P.; 1992: Apatite fission-track analysis of kenyan basement rocks: constraints on the thermotectonics evolution of Kenya Dome. A reconnaissance study. Tectonophysics, 204, Williams L. A. J., Mc Donald R., Chapman G. R.; 1984: Late quaternary caldera volcanoes of the Kenya rift valley. J. Geoph. Res., 89, Wheildon J., Morgan P., Williamson K.H., Evans T.R. and Swamberg C.A.; 1994: Heat flow in the Kenya rift zone. Tectonophysics, 236,

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations

Present-day Vertical kinematic. Northern Italy form permanent GPS stations Present-day Vertical kinematic pattern in the Central and Northern Italy form permanent GPS stations N. Cenni 12, P. Baldi 2, F. Loddo 3, G. Casula 3, M. Bacchetti 2 (1) Dipartimento Scienze Biologiche,

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Regolatori di portata 1

Regolatori di portata 1 Regolatori di portata MA Dimensioni MA da Ø 0 a Ø00 D D L Descrizione I regolatori di portata MA vengono inseriti all interno del canale e permettono di mantenere costante la portata al variare della pressione.

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Programmazione dell attività esplorativa

Programmazione dell attività esplorativa 2.1 Programmazione dell attività esplorativa 2.1.1 Definizione dell attività L esplorazione è la prima fase del ciclo petrolifero e comprende tutte le attività relative alla ricerca degli idrocarburi.

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche

24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche 24 - Strutture simmetriche ed antisimmetriche ü [.a. 2011-2012 : ultima revisione 1 maggio 2012] In questo capitolo si studiano strutture piane che presentano proprieta' di simmetria ed antisimmetria sia

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE

LA MISURAZIONE DEL CARATTERE TPO PROGETTAZIONE UD 03 GESTIONE DEL CARATTERE IL TIPOMETRO LA MISURAZIONE DEL CARATTERE A.F. 2011/2012 MASSIMO FRANCESCHINI - SILVIA CAVARZERE 1 IL TIPOMETRO: PARTI FONDAMENTALI Il tipometro è uno strumento

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 2011 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, archiviata

Dettagli

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni)

DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA. (in particolare gli ottonioni) DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto *Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro congetture

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna

Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna EUROPEAN UNION EUROPEAN REGIONAL DEVELOPMENT FUND Climatizzazione degli edifici con pompe di calore geotermiche in Emilia-Romagna Stato dell arte e linee guida per uno sviluppo sostenibile del settore

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è Transitorio termico per un Ferro da stiro (esercizio 5.9 di Fundamentals of Heat and Mass Transfer, F.P. Incropera, D.P. Dewitt, T.L. Bergman, A.S. Lavine, 6th Edition, Wiley, 2007. La piastra di un ferro

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

CATALOGO VIDEOCASSETTE-DVD Elenco alfabetico per titoli

CATALOGO VIDEOCASSETTE-DVD Elenco alfabetico per titoli CATALOGO VIDEOCASSETTE-DVD Elenco alfabetico per titoli 4 miliardi di anni fa, nasce la vita [Videoregistrazione]. - Roma : LaserVision edizioni, 1989. - 1 videocassetta (?? min.) : color., son. - (Video

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Zonazione sismogenetica ZS9 App.2 al Rapporto Conclusivo

Zonazione sismogenetica ZS9 App.2 al Rapporto Conclusivo Zonazione sismogenetica ZS9 App.2 al Rapporto Conclusivo a cura di C. Meletti e G. Valensise (marzo 2004) con contributi di R. Azzaro, S. Barba, R. Basili, F. Galadini, P. Gasperini, M. Stucchi e G. Vannucci

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli