ASSETTO STRUTTURALE DELLA LITOSFERA NEL KENYA MEDIANTE ANALISI DEI DATI DI GRAVITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSETTO STRUTTURALE DELLA LITOSFERA NEL KENYA MEDIANTE ANALISI DEI DATI DI GRAVITÀ"

Transcript

1 M. Coppola, P. Cantini e E. Pinna Dipartimento di Scienze della Terra dell Università di Pisa ASSETTO STRUTTURALE DELLA LITOSFERA NEL KENYA MEDIANTE ANALISI DEI DATI DI GRAVITÀ Riassunto. Nel presente lavoro sono stati affrontati i problemi relativi all assetto della struttura litosferica del Kenya interessata, come noto dalla letteratura, da complessi eventi geodinamici che in superficie hanno portato all apertura dell East African Rift System. A nostro modo di vedere la ricerca condotta ha sviluppato in maniera diversa e più adeguata le diverse fasi di studio che si affrontano quando si compiono studi sui campi di potenziale e principalmente su quello di gravità. Particolare attenzione è stata dedicata all importanza che i valori di densità assumono in un ambiente di geodinamica attiva. L analisi di questi parametri, secondo criteri che li leghino alla particolare situazione geologica in cui vengono a trovarsi i litotipi in esame nonché alle condizioni P-T del sottosuolo, consentono di fornire vincoli indispensabili che l operatore deve anteporre alla scelta dei valori numerici da utilizzare. Il parametro densità dovrebbe quindi rimanere una conseguenza oggettiva delle condizioni geologiche ambientali profonde e di superficie e non una scelta dell operatore che risulta sempre troppo arbitraria. In questo contesto il metodo gravimetrico fornisce risultati più che apprezzabili. Per studiare la natura genetica del rift e le sue relazioni con il Kenya Dome, altro importante elemento morfologico strutturale dell area, si è utilizzato il metodo isostatico essenziale anche per indagare i meccanismi di compensazione relativi al Kenya Dome. I risultati di questa ricerca indicano una natura non essenzialmente attiva del rift, considerando come l analisi isostatica confermi che il Kenya Dome non sia inseribile nel quadro evolutivo di un rift attivo. LITHOSPHERE STRUCTURAL SETTING IN KENYA AS DERIVED FROM GRAVITY DATA Abstract. In this paper the problems concerning the structural setting of the lithosphere in Kenya are widely discussed. Complexes geodynamical events led to the formation of the East African Rift System which is one of most important rift system in the world. The gravimetric analysis resulted an effective tool in order to explain the different tectonics settings when various geologic formations, and consequently different densities contrasts, are present. Particular attention has been paid to the choice of density values for different geologic structures, that are strongly influenced by the great variations in pressure and temperature in a such subsurface. Various attempts were performed, considering petrophysical and heat flow data, in order to obtain the best realistic density values according to the seismic model derived from the seismic profiles carried out in the rift. In order to study the geological evolution of the rift and its relationships with Kenya Dome, we carried out an isostatic study on the Kenya area. The results of this research let suppose that the Kenya rift is a not completely active system because the Kenya Dome is not correlated to the deep geodynamic evolution, and an important passive component must not understimate in the evolution of the Kenya rift itself. INTRODUZIONE La parte orientale del continente africano è interessata da una situazione geologica complessa, scaturita dal succedersi di diversi eventi deformativi, spesso caratterizzati da uno stile tettonico opposto. Gli episodi geodinamici principali che si sono imposti in questo settore sono riferibili allo scontro fra due placche litosferiche differenti, la piattaforma mobile del Mozambico e il cratone della Tanzania e all apertura dell imponente sistema distensivo, lungo circa 3000 km, noto come East African Rift System. Il rift del Kenya si sviluppa all interno del ramo orientale di questa importante struttura e in prossimità

2 dell equatore interseca il margine che separa le due placche litosferiche, là dove si sviluppa in superficie una rilevante struttura morfologicamente convessa, detta Kenya Dome. L estensione, l intensità e le caratteristiche fisiche di questi eventi deformativi hanno nel tempo contribuito a sconvolgere l assetto delle strutture profonde presenti nella litosfera del Kenya creando in tal modo delle evidenti relazioni fra queste e i fenomeni geodinamici superficiali. Il metodo gravimetrico costituisce un ottimo criterio d indagine, qualora sia supportato da un accurato calcolo del parametro densità, per ricostruire l andamento e la geometria delle superfici di discontinuità presenti nella crosta e nel mantello, nonché un metodo indispensabile, almeno con lo specifico settore dell isostasia, per capire le relazioni che sussistono fra eventi geodinamici profondi e strutture superficiali. Ci occuperemo per ciò di riproporre alcuni modelli strutturali vincolati da una più accurata selezione dei valori delle densità da attribuire ai vari litotipi e di valutare, con il metodo isostatico, le possibili relazioni fra gli eventi deformativi profondi e quelli superficiali, cercando in tal modo di chiarire meglio quale sia la natura del rift del Kenya. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-STRUTTURALE DEL KENYA La parte orientale del continente africano è interessata da una situazione geologica complessa, scaturita dal succedersi di eventi deformativi con stile tettonico opposto (Mosley, 1992; Smith, 1994). Questo settore dell Africa fu interessato in un primo momento (Precambriano) dallo scontro di due placche continentali: il cratone della Tanzania e la piattaforma mobile del Mozambico; successivamente si è sviluppato un imponente sistema distensivo che attraversa l intera area orientale del continente da nord a sud: questa struttura si estende per più di 3000 km, nasce a nord, dove fa parte di un giunto triplo insieme ai noti rift oceanici del Mar Rosso e del Golfo di Aden, entra in continente in prossimità della depressione dell Afar, e arriva a sud fino ad intercettare l estremità inferiore del fiume Zambesi. All altezza del confine che separa l Etiopia dal Kenya (5 N), questa imponente struttura, nota anche come l East African Rift Sistem (EARS), si divide per dare vita a due sistemi distensivi secondari: il Western Branch e l Eastern Branch, che lambiscono e delimitano i margini della placca cratonica che caratterizza la litosfera della Tanzania. Il ramo occidentale passa attraverso i grandi laghi centro africani e costituisce, fra i due, il sistema distensivo più giovane e meno sviluppato. Il ramo orientale attraversa il Kenya e origina un rift continentale, costituito da due settori, caratterizzati da differenti stadi evolutivi: uno a nord, il Turkana rift, più maturo, probabilmente influenzato dal vicino rift etiope, uno a sud, il Gregory rift, nettamente più giovane, all interno del quale è presente una struttura convessa detta Duomo del Kenya. DATI DI GRAVITÀ E LORO INTERPRETAZIONE Uno degli scopi di questo lavoro è stato quello di elaborare vari modelli strutturali del Kenya, tramite l inversione del suo campo di potenziale gravimetrico, facendo particolare attenzione alla scelta e alla determinazione dei valori di densità. A tale proposito sono stati utilizzati, diversi set di dati così distribuiti: oltre ai dati raccolti dall Università di Pisa (Cantini et al., 1990) (426 stazioni), un altro set di valori deriva da un catalogo compilato fra il 1955 e il 1975, alla cui stesura hanno

3 partecipato gli enti di seguito elencati: Leicester University (4627 stazioni), Newcastle (1384 stazioni), Overseas Geological Survey (3 stazioni), United Nation Geothermal Project (433 stazioni), British Petroleum Ltd. (1290 stazioni) Burmah Oil Trading Ltd. (287 stazioni), Chevron Overseas Petroleum Inc. (685 stazioni). Sono state dunque utilizzate in totale 9135 stazioni gravimetriche. L elaborazione della carta delle anomalie di Bouguer del Kenya (Fig. 1) è stata ottenuta secondo l usuale tecnica di gridding. I valori di gravità sono stati processati utilizzando una griglia regolare a maglie quadrate con passo di campionamento pari a 8 km, distanza che permetteva di non perdere gran parte dei contributi in alta frequenza, utili per effettuare interpretazioni a carattere qualitativo, relativamente alla distribuzione areale dei corpi intracrostali. Fig. 1 - Anomalie di Bouguer del Kenya (dens. rif g/cm 3 ). Il panorama delle anomalie di Bouguer presenti in Kenya, risulta molto complesso e diffusamente caratterizzato dalla presenza di contributi a piccola lunghezza d onda. Si passa da valori di circa -230 mgal, in corrispondenza del duomo del Kenya, a valori di +30 mgal in prossimità dell area costiera. Dal confronto fra i principali elementi strutturali presenti nel settore del Kenya e la carta gravimetrica di Bouguer, si può notare che esiste un evidente corrispondenza fra la distribuzione delle anomalie gravimetriche e le principali strutture geologiche che interessano quest area. Si può distinguere un settore sud orientale, in cui sono presenti dei gradienti orizzontali di anomalia molto deboli, e che corrisponde all area costiera del Kenya. Tutta la zona sud occidentale è compresa all interno dell isoanomala -100 mgal e corrisponde grossomodo all area del Kenya Dome. Verso nord, all interno del dominio strutturale che appartiene al sistema distensivo etiope, è significativa la presenza di anomalie ad alta frequenza: esse sono diffuse omogeneamente su tutto il territorio e raggiungono dei valori minimi di 90/ 100 mgal. Di notevole interesse, è un allineamento di anomalie a piccola lunghezza d onda orientato NO-SE, che corrisponde topograficamente all Anza rift. Questa struttura ha avuto un importanza rilevante nello sviluppo dell assetto strutturale e quindi delle anomalie gravimetriche a

4 questo associate; essa infatti delimita, verso sud, un settore strutturalmente complicato, collegato al duomo del Kenya, caratterizzato da un anomalia negativa a grande lunghezza d onda (λ~500 km), con un ampiezza di 240 mgal. Questa struttura gravimetrica è limitata sia verso est che verso sud-est da forti gradienti orizzontali che segnano il passaggio a domini strutturali differenti. Dall apice del duomo del Kenya si sviluppa una serie di anomalie a piccola lunghezza d onda che formano un allineamento strutturale N-S, in corrispondenza del quale, si estende in superficie il rift del Kenya. Sulla base delle frequenze di taglio individuate con l analisi spettrale condotta sulla carta di anomalia di Bouguer mediante l utilizzo del software dedicato Geosoft (1999), si sono ottenuti alcuni elaborati che nel loro insieme ci hanno fornito in via qualitativa un idea migliore di quali strutture più o meno superficiali dovessero essere associate a particolari anomalie (Fig. 2a, b e c). Gli elementi tettonici fondamentali (Kenya Dome, Anza graben, Kenya Rift, Nyanza graben) trovano netta corrispondenza con le anomalie presenti nei diversi filtrati, a giustificare una stretta relazione tra lunghezza d onda dell anomalia e profondità della sorgente, come dimostrato anche dalla modellazione 2.5 D condotta lungo alcune sezioni significative. Fig. 2 - Carta delle anomalie: a) passa-alto (λ<42 km); b) passa-banda (42<λ<81 km); c) passa-basso (λ>188 km). Durante questa fase ci siamo preoccupati di stabilire, nella maniera più accurata possibile, i valori di densità da assegnare alle varie litologie e di vincolarli sia alle condizioni P-T presenti nel sottosuolo che alla situazione geologica superficiale, nonché alle informazioni derivanti dalla raccolta effettuata in situ di campioni di roccia. Per effettuare questo passaggio, abbiamo utilizzato separatamente il metodo petrofisico (Mooney and Christensen, 1994), per calcolare i valori di densità delle litologie presenti nelle aree non interessate dall anomalia termica ed un modello fisico che descrive come mutano, al variare delle condizioni P-T i valori di densità all interno di un upwelling astenosferico, a partire da una peridotite a granato (Mc Kenzie and Bickle, 1987). Sono stati interpretati 7 profili relativi alla mappa delle anomalie di Bouguer del Kenya, fra i quali ne mostreremo due, uno posto all equatore, il secondo in direzione N-S coincidente con l asse di sviluppo del rift (Fig. 3a e 3b). In entrambi i profili è evidente come sia netta la relazione che sussiste tra un anomalia negativa a grande lunghezza d onda e il settore in cui si sviluppa l intrusione astenosferica, che emerge in superficie in corrispondenza del Kenya Dome. In questo modo risulta evidente, per lo meno da un primo esame, che

5 strutture superficiali e profonde potrebbero essere coinvolte ed essere state generate dallo stesso evento geodinamico che ha portato in fine all apertura del rift del Kenya. Fig. 3 - Modello interpretativo: a) trasversale all asse del rift (E-W); b) lungo l asse del rift (N-S). IL METODO ISOSTATICO: SUO UTILIZZO PER LO STUDIO DEI MECCANISMI DI COMPENSAZIONE DEL KENYA DOME Per definire meglio le relazioni che sussistono fra il duomo del Kenya e il rift, abbiamo affrontato lo studio delle anomalie isostatiche di quest area, per lo svolgimento del quale è stato utilizzato il modello di compensazione di Airy- Heiskanen. Questa scelta è scaturita dallo studio della funzione di risposta isostatica effettuato da Forsyth (1985), che dimostra come i carichi di nostro interesse rientrino nella banda delle frequenze caratterizzate dai meccanismi di compensazione di tipo locale (Fig. 4). Il modello di Forsyth utilizza una funzione di risposta isostatica complessa (detta Ammittanza) in cui si tiene conto di due diversi contributi, responsabili dell assetto topografico, in altre parole quello derivante dagli eventi geodinamici di superficie e quello dovuto ai fenomeni superficiali di compensazione relativi a deformazioni profonde (sistemi di spinte che agiscono dal basso verso l alto). Prima di passare al calcolo delle anomalie isostatiche relative all'area in cui è situato il duomo del Kenya, è necessario definire quale sia il modello di densità a cui ci riferiamo. Gli studi di questo tipo sono riferiti ad anomalie gravimetriche caratterizzate da grandi lunghezze d'onda, al fine di individuare la distribuzione spaziale delle strutture più ampie, che definiscono lo specifico meccanismo di compensazione. I contrasti di densità laterali che generano il campo corrispondente, saranno dunque associati alle ondulazioni delle interfacce che separano porzioni di litosfera più ampie. Il modello di densità risultante sarà perciò più semplice rispetto a quello definito per descrivere il campo totale delle anomalie di Bouguer. Abbiamo ritenuto opportuno adottare un modello a tre strati, in cui sono considerate, la densità dei rilievi, responsabili delle spinte dirette verso il basso, la densità delle radici

6 crostali responsabili delle spinte dirette verso l'alto (quindi della compensazione della struttura convessa) e la densità dalla crosta "normale". I valori numerici dalla densità sono stati stabiliti facendo riferimento a informazioni geologiche e agli studi compiuti per l'elaborazione dei modelli strutturali (Tab. 1). Fig. 4 - Andamento della funzione Ammittanza nel settore orientale del continente africano. Tab. 1 - Valori di densità utilizzati per l isostasia (g/cm 3 ). Topografia 2,67 Crosta normale 2,80 Radici 2,95 MAPPA DELLE ANOMALIE E DELLA MOHO ISOSTATICA L elaborazione della carta delle anomalie isostatiche ha avuto come riferimento principale l andamento topografico, attraverso il quale sono state effettuate poi le riduzioni opportune. La carta delle anomalie isostatiche per la zona del Kenya è mostrata in Fig. 5a. L'osservazione della mappa delle anomalie isostatiche presenta due sistemi di anomalie principali, uno posto a sud, caratterizzato da un unico minimo con una λ 250 km, ampio circa 40 mgal e l'altro posto a nord costituito da una serie di massimi caratterizzati da λ km e ampi mgal. Il confine tra i due domini gravimetrici è segnato da forti gradienti orizzontali che a sud sono meno intensi. L'utilizzazione di un modello di compensazione locale ha consentito di ricostruire l'andamento delle Moho calcolando lo spessore delle radici crostali. È stata elaborata una mappa relativa all'andamento di tale discontinuità (Fig. 5b), dove si può distinguere una grande area depressa che raggiunge 40 km di profondità. Sia a nord, che verso est, si osserva che la Moho tende a risalire molto velocemente, mentre a sud i gradienti di profondità sono più deboli. Nel settore NE della mappa è evidente una seconda area depressa dove si raggiungono 30 km circa di profondità;

7 GNGTS Atti del 19 Convegno Nazionale / essa è separata dalla prima da un settore allungato in direzione NO-SE in cui la Moho risale fino a km. Fig. 5 - Carta delle anomalie isostatiche (a) e andamento della Moho isostatica (b) nel Kenya. DISCUSSIONE DEI DATI E CONCLUSIONI Lo studio congiunto dei modelli strutturali elaborati con i modelli derivanti dall utilizzo del metodo sismico (Maguire et al., 1994; Mechie et al., 1994; Mooney e Christensen, 1994), ha permesso di dimostrare come la determinazione accurata dei valori di densità, porti all elaborazione di modelli precisi, che trovano un ottimo accordo con le strutture discriminate mediante il metodo sismico. Per meglio capire quali fossero le relazioni fra l upwelling astenosferico e le strutture superficiali presenti in Kenya ed in particolare con la struttura convessa del Duomo del Kenya, sono stati studiati i meccanismi isostatici in questo settore. Il quadro degli effetti e delle anomalie isostatiche calcolate utilizzando il modello proposto da Airy -Heiskanen, scelta resa legittima dal fatto che in Kenya carichi superficiali caratterizzati da λ > 600 km sono compensati localmente (Forsyth, 1985), e l andamento della Moho isostatica, hanno permesso di rilevare una netta coincidenza fra l apice del duomo del Kenya, il minimo gravimetrico che caratterizza sia gli effetti che le correzioni isostatiche e il settore in cui la discontinuità crostamantello raggiunge i 40 km di profondità. È da osservare che, dopo aver eseguito le correzioni isostatiche, permane proprio in corrispondenza del Duomo del Kenya un minimo la cui lunghezza d onda è comparabile con quella della corrispondente struttura messa in evidenza con l elaborato risultante dal filtraggio passa basso (Fig. 2c), il quale possiede un ampiezza di circa 30 mgal. Quest anomalia potrebbe però essere il risultato di una cattiva scelta del modello utilizzato per effettuare gli studi isostatici; in verità, come risulta dallo studio dell andamento della Moho isostatica, possiamo notare che i dati sono in pieno accordo con quelli ottenuti dall elaborazione dei profili sismici eseguiti in questo settore presenti in letteratura,

8 fatto che conferma la veridicità dei processi di compensazione assunti dal modello da noi utilizzato. Dalla definizione di superficie isostatica, sappiamo che essa deve essere collocata a una profondità pari a quella raggiunta dalla crosta in corrispondenza del più alto orogene presente nel settore che stiamo studiando. Nel nostro caso, risulta evidente che questa superficie debba trovare collocazione a una profondità di circa 40 km; ciò equivale a dire che la topografia è compensata dalle masse collocate all interno dello strato crostale, generatesi durante eventi deformativi antecedenti all apertura del rift. Ritenendo valide queste assunzioni, possiamo affermare che il minimo isostatico presente sotto al duomo del Kenya sia correlabile a una struttura che poco ha contribuito alla costruzione della morfologia del Kenya Dome, così come confermato da studi effettuati sulle tracce di fissione dell'apatite (Wagner et al.,1990). Il minimo isostatico potrebbe essere causato da disomogeneità densiometriche del mantello dovute alla presenza di un mezzo riscaldato soggetto a fenomeni di fusione parziale, visto che stiamo parlando di un settore considerato ad alta vulcanicità, caratterizzato inoltre da elevati flussi di calore (Wheildon et al., 1994). Alla luce di quanto osservato, possiamo affermare che il rift del Kenya sia una struttura a carattere distensivo, ricollegabile geneticamente ad una intrusione astenosferica la cui base è da collocarsi probabilmente sotto al cratone della Tanzania. Il sistema è attualmente attivo, visto che esistono rilevanti attività vulcaniche, geotermiche e sismiche, perlopiù concentrate all interno del rift (Cantini et al., 1990; Fairhead e Stuart, 1982; Williams et al., 1984). Le relazioni cronologiche che sussistono fra l eruzione dei prodotti vulcanici e gli eventi deformativi a carattere distensivo, mettono fuori dubbio che la natura del rift sia di tipo attivo, ma il fatto che le considerazioni sull isostasia abbiano rilevato che l intrusione astenosferica non abbia molto contribuito alla costruzione del Duomo, lascia alcune perplessità su quale siano gli elementi che hanno generato la coppia di forze che il modello di rift attivo vuole che esista affinché la crosta entri in distensione (Crough, 1982; Mareschal, 1982). Infatti, come già affermato, l intrusione astenosferica non ha contribuito molto alla costruzione della topografia, fatto che lascia presupporre che le spinte che essa fino ad ora ha esercitato alla base della crosta siano deboli. Considerando anche che il Duomo potrebbe essersi formato in gran parte per accumulo di materiale vulcanico (Wagner et al., 1992), a nostro avviso è allora più corretto classificare il rift del Kenya come una struttura distensiva attiva a componente passiva, visto che essa si è formata in un settore interessato da campi di stress aggiuntivi che hanno portato alla formazione di numerosi sistemi di faglie a carattere trascorrente dirette NO-SE (Mosley, 1992; Smith, 1993). Queste strutture hanno provocato nel tempo una situazione di generale decompressione che ha permesso al materiale vulcanico di eruttare continuamente mediante attività fissurale (Smith, 1994), senza incontrare eccessiva resistenza da parte della crosta. La complessità del panorama strutturale entro il quale si è formato il rift del Kenya, è ulteriormente confermata dalla presenza dell Anza Graben che, come abbiamo visto, determina un dominio gravimetrico a sé stante, visibile anche a grande scala; a questa importante signature gravimetrica è probabilmente associato l innalzamento che la Moho subisce verso nord contribuendo a dare al rift un aspetto più maturo se ci si avvicina all Etiopia.

9 BIBLIOGRAFIA Cantini P., Cataldi A., Pinna E.; 1990: Gravity study of the structure of Suswa volcano and basement in the Kenya Rift. Geothermics, vol. 19, n. 4, Crough T.; 1982: Rift and Swells: Geophysical constraints on causality. Tectonophysics, 94, Fairhead J. D. and Stuart G. W.; 1982: The seismicity of the East African Rift System and comparison with other continental rifts. In: Continental and oceanic rifts (Edited by Palmason G.), Am. Geoph. Union, Geol. Soc. Am., Geodyn. Ser., 8, Forsyth D. W.; 1985: Subsurface loading and estimates of the flexural rigidity of continental lithosphere. Jour.Geoph. Res., 90, Geosoft Inc.; 1999, Geophysical software, Toronto, Maguire P. K. H., Swain C. J., Masotti R., Khan M. A.; 1994: A crustal and uppermost mantle crosssectional model of the Kenya Rift derived from seismic and gravity data. Tectonophysics, 236, Mareschal J.C.; 1982: Mechanis of uplift preceding rifting. Tectonophysics, 94, Mc Kenzie D. and Bickle M. J.; 1988: The volume and composition of melt generated by extension of the lithosphere. Jour. Petrology, 29, part 3, Mechie J., Keller G. R., Prodhel C., Gaciri S., Braile L. W., Mooney W. D., Gajewski D., Sandmeier K. J.; 1994: Crustal structure beneath the Kenya rift from axial profiles data. Tectonophysics, 236, Mooney W.D. and Christensen N.I.; 1994: Composition of the crust beneath the Kenya rift. Tectonophysics, 236, Mosley P. N.; 1992: Geological evolution of the late proterozoic Mozambique belt of Kenya. Tectonophysics, 221, Smith M.; 1994: Stratigraphic and structural constraints on mechanisms of active rifting in the Gregory Rift, Kenya. Tectonophysics, 236, Wagner M., Altherr R. and Van de Haute P.; 1992: Apatite fission-track analysis of kenyan basement rocks: constraints on the thermotectonics evolution of Kenya Dome. A reconnaissance study. Tectonophysics, 204, Williams L. A. J., Mc Donald R., Chapman G. R.; 1984: Late quaternary caldera volcanoes of the Kenya rift valley. J. Geoph. Res., 89, Wheildon J., Morgan P., Williamson K.H., Evans T.R. and Swamberg C.A.; 1994: Heat flow in the Kenya rift zone. Tectonophysics, 236,

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE Tettonica a placche FRATTURAZIONE Della LITOSFERA MOVIMENTO Delle PLACCHE Placche Frammenti di litosfera Crosta continentale Crosta oceanica Crosta continentale + Crosta oceanica Cosa succede? Prima

Dettagli

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Struttura della Terra Lo studio delle onde sismiche ha fatto ipotizzare agli scienziati che la Terra sia formata da :tre principali strati La crosta terrestre

Dettagli

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

Capitolo 1 - Il terremoto

Capitolo 1 - Il terremoto Capitolo 1 - Il terremoto La Terra è composta al suo interno da rocce disomogenee per densità, temperatura e caratteristiche dei materiali che ne influenzano il comportamento meccanico; nel corso degli

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa PANTELLERIA L'isola di Pantelleria è situata nel Canale di Sicilia a 70 km dalla costa africana e a circa 100 km dalla costa sud-orientale siciliana. La sua superficie è di circa 83 kmq e la sua altezza

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015 Incastri Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella orientale sudamericana, notò una corrispondenza quasi perfetta.

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI

PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI PARTE I COME SI GENERANO TERREMOTI dal latino terrae motus ossia movimento della terra. CO): deriva dal greco seismos ossia scuotimento. : deriva dal latino Tellus che era la dea romana della Terra. significano

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE

LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE GRAVIMETRIA LA LEGGE DI GRAVITAZIONE UNIVERSALE r La legge di gravitazione universale, formulata da Isaac Newton nel 1666 e pubblicata nel 1684, afferma che l'attrazione gravitazionale tra due corpi è

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA TOMOGRAFIA ELETTRICA IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI SINKHOLES (CISTERNA DI LATINA, LT)

APPLICAZIONE DELLA TOMOGRAFIA ELETTRICA IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI SINKHOLES (CISTERNA DI LATINA, LT) APPLICAZIONE DELLA TOMOGRAFIA ELETTRICA IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI SINKHOLES (CISTERNA DI LATINA, LT) MENGHINI ANTONIO, PAGANO GIUSEPPE & FLORIS STEFANO S.Te.G.A., Studio di Tecnologie e Geologia per

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE _I SEZIONE A DISCIPLINA: SCIENZE DOCENTE: _DE TOMMASO MARIANGELA

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

I.S.I.S. Zenale e Butinone Treviglio a.s. 2014/2015 CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate SCIENZE DELLA TERRA CLASSI PRIME Tecnico

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

La deriva dei continenti. Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani.

La deriva dei continenti. Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani. La deriva dei continenti Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani. La deriva dei continenti Wegener presuppose che le terre attualmente emerse

Dettagli

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello»

Perché questo incontro. Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Perché questo incontro Giugno 2012: contattato dal Sig. Furlanetto del comitato Volpago Ambiente per parlare del «Caso Montello» Emergenza di comunicazione: sei membri della Commissione Grandi Rischi sotto

Dettagli

SOMMARIO DELLE NOZIONI FONDAMENTALI SULLE ANOMALIE DI GRAVITA

SOMMARIO DELLE NOZIONI FONDAMENTALI SULLE ANOMALIE DI GRAVITA SOMMARIO DELLE NOZIONI FONDAMENTALI SULLE ANOMALIE DI GRAVITA Antonio Meloni Geofisica Generale e Applicata, Roma Tre, anno 2012-2013 (39 pagine) Descritto l andamento del campo gravitazionale si può introdurre

Dettagli

Where the next major earthquake in the Italian peninsula?

Where the next major earthquake in the Italian peninsula? Where the next major earthquake in the Italian peninsula? E. Mantovani 1, M. Viti 1, N. Cenni 2, D. Babbucci 1, C. Tamburelli 1, A. Vannucchi 1 (1) Dip.to di Scienze Fisiche, della Terra e dell Ambiente

Dettagli

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA misura della pressione atmosferica: barometri barometro a mercurio (Torricelli( Torricelli) è il più accurato necessita di correzioni per: altitudine

Dettagli

INDAGINI GEOFISICHE PER L INDIVIDUAZIONE DI AREE A RISCHIO SINKHOLE NELLA PIANA DI SAN VITTORINO (RI)

INDAGINI GEOFISICHE PER L INDIVIDUAZIONE DI AREE A RISCHIO SINKHOLE NELLA PIANA DI SAN VITTORINO (RI) INDAGINI GEOFISICHE PER L INDIVIDUAZIONE DI AREE A RISCHIO SINKHOLE NELLA PIANA DI SAN VITTORINO (RI) DI FILIPPO MICHELE*, NOLASCO FRANCESCO**, RIZZO STEFANO***, TORO BENIAMINO* * Dipartimento di Scienze

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

1. OBIETTIVI DIDATTICI. Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente

1. OBIETTIVI DIDATTICI. Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente 1. OBIETTIVI DIDATTICI Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente OBIETTIVI: sviluppare capacità di intepretare e fare 1. Visione 3D degli oggetti geologici 2. Si parte da carta e sezioni geologiche

Dettagli

STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA -

STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA - STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA - Relazione n. 3316 Maggio 2012 1. PREMESSA 2 Il presente documento illustra i dettagli operativi e i risultati

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha usato il sistema a scansione laser (LiDAR Laser Imaging

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Facoltà Scienze Via Trentino, 51 09127 Cagliari CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE Cartografia Geologica Lettura ed interpretazione

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI INCASTRI Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO LE PLACCHE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO LE PLACCHE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO LE PLACCHE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 3^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Fino all'inizio

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza (trattata nella parte I) il wind shear (trattato

Dettagli

Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo

Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo Il gis nelle indagini del territorio: Ricostruzione tridimensionale del sottosuolo A. Genito, L. Donate Blázquez, U. Malvone, Strago S.p.a. andrea.genito@strago.it laura.donate@strago.it ubaldo.malvone@strago.it

Dettagli

Gli impianti eolici abruzzesi

Gli impianti eolici abruzzesi Capitolo 4 Gli impianti eolici abruzzesi Pagina 4.1 4. Gli impianti eolici abruzzesi. 4.1 Introduzione. Per la stesura di Linee Guida che consentano un corretto inserimento ambientale degli impianti di

Dettagli

Teoria della tettonica delle placche

Teoria della tettonica delle placche Teoria della tettonica delle placche Un po di storia L idea di una Terra mobile nasce nel 1910 ad opera di Wegener (pubblicazione in forma completa 1915) Egli osservò la concordanza delle coste atlantiche

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore.

TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO. Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. TAVOLA 1 ORGANIZZAZIONE DELLO SPAZIO Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo SCIENZE GEOLOGICHE 13-1414 Febbraio 2014 Legnaro-Agripolis SCIENZE GEOLOGICHE LAUREA DI 1 LIVELLO LAUREA MAGISTRALE Geologia e Geologia Tecnica (2 anni) DOTTORATO DI RICERCA Scienze della Terra (3 anni)

Dettagli

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea Geo4P Geotermia - Progetto Pilota Piana Pisa Progetto pilota per lo sviluppo di una metodologia innovativa finalizzato alla valutazione quantitativa delle risorse geotermiche a bassissima, bassa e media

Dettagli

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS

Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS Sismicità nel Gargano: un modello preliminare di velocità delle onde sismiche dai dati della rete sismica OTRIONS M. Michele 1, S. de Lorenzo 1, A. Romeo 1,A. Tallarico 1, A. Valerio 2 (1) Università degli

Dettagli

La risorsa in Toscana e le possibili utilizzazioni

La risorsa in Toscana e le possibili utilizzazioni IA E BASSA ENTALPIA GEOTERMICA : QUALI OPPORTUNITA PER I TERRITORI Arcidosso (Gr), Sala del Consiglio. Unione dei Comuni Montani Amiata Grossetana La risorsa in Toscana e le possibili utilizzazioni Prof.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI TESI DI DOTTORATO IN SCIENZE DELLA TERRA XXII CICLO CAMPI DI STRAIN IN AREE VULCANICHE: MODELLI ANALOGICI

Dettagli

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione.

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione. Linea sismica 1-SHOT 3 La linea sismica 1 è stata eseguita in loc. Carlina, entro il contesto di pianura prossimo al margine pedecollinare. Tale area era già stata oggetto nel Novembre 2002 di un indagine

Dettagli

LA DINAMICA DELLA LITOSFERA: DALLE OSSERVAZIONI AL MODELLO GLOBALE

LA DINAMICA DELLA LITOSFERA: DALLE OSSERVAZIONI AL MODELLO GLOBALE LA DINAMICA DELLA LITOSFERA: DALLE OSSERVAZIONI AL MODELLO GLOBALE Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.ssa Elena Tibaldi 1 Calcolo della densità terrestre Studio dei materiali prodotti dalle eruzioni

Dettagli

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC)

STACEC s.r.l. Software e servizi per l ingegneria S.S. 106 Km 87 89034 Bovalino (RC) COPYRIGHT Tutto il materiale prodotto da Stacec (CD contenente i file dei software, chiave di protezione, altri supporti di consultazione, e altro) è protetto dalle leggi e dai trattati sul copyright,

Dettagli

I MODELLI NUMERICI NEI PROGETTI DI BONIFICA. POTENZIALITA E LIMITI. INTERFACCIA CON LA SPERIMENTAZIONE A SCALA DI SITO PILOTA

I MODELLI NUMERICI NEI PROGETTI DI BONIFICA. POTENZIALITA E LIMITI. INTERFACCIA CON LA SPERIMENTAZIONE A SCALA DI SITO PILOTA I MODELLI NUMERICI NEI PROGETTI DI BONIFICA. POTENZIALITA E LIMITI. INTERFACCIA CON LA SPERIMENTAZIONE A SCALA DI SITO PILOTA Riflessioni sul tema Marco Bersano Begey DHI Italia - Modellista, responsabile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia

Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia Omicidio di Meredith Kercher Tribunale di Perugia ULTERIORI RILIEVI PERSONALI SULLA FEDERA DEL CUSCINO RITROVATO SOTTO IL CADAVERE Prof. Francesco Vinci docente di Medicina Legale, Patologia Forense, Indagini

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia pre rilievo di terreno (Metodo Arpa MASSA)

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia pre rilievo di terreno (Metodo Arpa MASSA) Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia pre rilievo di terreno (Metodo Arpa MASSA) Metodo Arpa MASSA Integrazione Metodo dei coni Fratturazione dell ammasso

Dettagli

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE Redattore della relazione: Dott. Geol. Emanuele Sascor PROGETTAZIONE DELL

Dettagli

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE Monitoring, Testing & Structural engineering Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE MTS Engineering S.r.l. è una società di servizi per l ingegneria specializzata nell esecuzione di prove su materiali,

Dettagli

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico

Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico Metodi numerici e sperimentali per la valutazione dell amplificazione del moto sismico - Numerical and experimental methods for estimating ground motion amplifications Alessandro Pagliaroli CNR-IGAG, Istituto

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI TERREMOTI LOCALIZZATI IN MARE: RISULTATI PRELIMINARI M. Frisenda (1) e R. Madariaga (2) (1) DIP.TE.RIS., Dipartimento per lo Studio del Territorio e delle sue Risorse, Genova, Italy (2) ENS, Ecole Normale Superieure, Paris, France MODELLAZIONE NUMERICA 3D

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE

IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE IMPOSTAZIONE DELLE TAVOLE GRAFICHE Esercizio di divisione dello spazio, costruzioni grafiche elementari, scritturazioni e uso del colore. IL E I SUOI FORMATI Formati e disposizioni degli elementi grafici

Dettagli

63 7. Quale geometria per la computer grafica? 75 8. L omografia e l affinità nella digitalizzazione e georeferenziazione

63 7. Quale geometria per la computer grafica? 75 8. L omografia e l affinità nella digitalizzazione e georeferenziazione Indice 7 Presentazione 9 Premessa 11 Introduzione 13 1. Rilevamento ed oggetto 19 2. La stazione totale 23 3. La procedura generale 33 4. Dai punti al modello tridimensionale 45 5. Il modello tridimensionale

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO.

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO. COMUNE DI TORINO Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO Relazione Tecnica TECNO FUTUR SERVICE s.r.l. Bomporto (Mo), Gennaio 2008 1. Generalità

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve

IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Unione Comunale Valdera 20 Aprile 201 IL MONITORAGGIO SISMICO cosa è, a cosa serve Gilberto Saccorotti Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Pisa Fondazione Prato Ricerche Argomenti - I sistemi

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO LEZIONE 6 Dott. PhD. Alessandro Marucci LA CARTOGRAFIA PER L ANALISI TERRITORIALE

Dettagli

L orogenesi appenninica

L orogenesi appenninica L orogenesi appenninica Introduzione L area mediterranea occidentale è un mosaico crostale i cui bacini sono nella maggior parte il risultato di una fase distensiva recente (Eocene-attuale), metre le catene

Dettagli

ARCHEOGEOS S.n.c. di Sandro Cerilli e Piero Sebastiani Del Grande C.F. e P. IVA 10984211002 Sede Sociale Via dei Gerani, 47 00040 ROCCA DI PAPA (RM)

ARCHEOGEOS S.n.c. di Sandro Cerilli e Piero Sebastiani Del Grande C.F. e P. IVA 10984211002 Sede Sociale Via dei Gerani, 47 00040 ROCCA DI PAPA (RM) ARCHEOGEOS S.n.c. di Sandro Cerilli e Piero Sebastiani Del Grande C.F. e P. IVA 10984211002 Sede Sociale Via dei Gerani, 47 00040 ROCCA DI PAPA (RM) Relazione indagini elettromagnetiche con GPR (Ground

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Trasferimento di calore Lezione I. Gaetano Festa

Trasferimento di calore Lezione I. Gaetano Festa Trasferimento di calore Lezione I Gaetano Festa Perché è importante il calore? Il comportamento reologicodella Terra dipende dalle scale temporali alle quali si guardano i fenomeni di interesse. Fenomeni

Dettagli

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*) STUDIO RELATIVO AL RILEVAMENTO DI DETTAGLIO DI UNA PORZIONE DEL TRANSETTO NORD DELLA CHIESA DI SAN PAOLO A RIPA D ARNO AL FINE DI PROCEDERE AL CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE. Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

SCENEGGIATURA I terremoti

SCENEGGIATURA I terremoti Progetto LES SCENEGGIATURA I terremoti Premessa Questa attività è dedicata allo studio della natura e genesi dei terremoti. I terremoti costituiscono una delle manifestazioni più imponenti della dinamica

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità -

Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità - Laboratorio di Fisica Terrestre e dell Ambiente Proprietà elettriche di suoli e rocce - Conducibilità - Anno Accademico 2009/2010 Docente:Elena Pettinelli 1 Proprietà elettriche di suoli e rocce anidre

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

di un intervento di stabilizzazione

di un intervento di stabilizzazione La caratterizzazione geofisica finalizzata alla progettazione di un intervento di stabilizzazione M. Bavusi, G. Potenza1 1, D. Lacava 2, E.F. Finizio, S. Laurita, G. Calvello 3 G. Colangelo 4 1 G. & G.I.S.

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI...

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI... Spett.le AOB2 S.r.l. Via XXV Aprile, 18 25038 Rovato (BS) OGGETTO: Stima di massima importo intervento di consolidamento vasche di ossidazione linea 2 impianto di depurazione di Chiari, in previsione di

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli