PROJECT MANAGEMENT GESTIONE PER OBIETTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROJECT MANAGEMENT GESTIONE PER OBIETTIVI"

Transcript

1 PROJECT MANAGEMENT GESTIONE PER OBIETTIVI DI MARIA BERGAMIN BARBATO * * Professore ordinario di Programmazione e Controllo e Presidente del Nucleo di Valutazione Università Cà Foscari di Venezia

2 Maria Bergamin Barbato 32

3 PP RR OO JJ EE CC C TT MM AA NN AA GG EE MM EE NN TT La gestione per obiettivi è stata introdotta nella Pubblica Amministrazione dalla Legge 142/90 sull Ordinamento delle Autonomie Locali. Tale legge prevedeva, infatti, forme di controllo non più meramente finanziario della gestione dirette a costituire la base per valutazioni di efficacia e di efficienza. Il successivo Decreto Legislativo 29/93 è ancora più preciso poiché all art. 20 stabilisce che I dirigenti generali ed i dirigenti sono responsabili del risultato dell attività svolta dagli uffici ai quali sono preposti, della realizzazione dei programmi e dei progetti loro affidati in relazione agli obiettivi di rendimento e dei risultati della gestione finanziaria tecnica e amministrativa, incluse le decisioni organizzative e di gestione del personale. Sempre all art. 20 leggiamo: Nelle amministrazioni pubbliche, ove già non esistano, sono istituiti servizi di controllo interno, o nuclei di valutazione, con il compito di semplificare, mediante valutazioni comparative dei costi e dei rendimenti, la realizzazione degli obiettivi, la corretta ed economica gestione delle risorse pubbliche, l imparzialità e il buon andamento dell azione pubblica. In altri termini, viene individuata una precisa responsabilità dei dirigenti in ordine alla gestione per obiettivi e, data la novità della materia che richiede competenze specifiche, viene prevista l istituzione di servizi di controllo interno. Di fronte a questo rilevante cambiamento nelle logiche di gestione imposto dalla legge le Università sono rimaste, in un primo tempo, assolutamente indifferenti, spesso sostenendo che dovevano essere applicate le sole leggi esplicitamente emanate con riferimento alle Università. E ben vero che tali normative di carattere speciale dovevano trovare puntuale applicazione, ma è altrettanto vero che una norma speciale integra una norma di carattere generale, non la sostituisce. E giusto peraltro ricordare che, all epoca, le Università erano condizionate in gran parte dei loro processi decisionali dal Ministero: struttura della pianta organica del personale tecnico-amministrativo e carriere dei docenti erano scadenziate da decisioni ministeriali. Alle Università era riservata la funzione propositiva, troppo spesso disattesa a livello centrale con conseguenti disfunzioni organizzative dei singoli Atenei. Qualsiasi nuova iniziativa didattica doveva sottostare all autorizzazione ministeriale e i dinieghi erano tutt altro che infrequenti. Anche la 33

4 Maria Bergamin Barbato ricerca era condizionata poiché i finanziamenti giungevano, per la maggior parte, dal Ministero e agli Atenei restava il compito della ripartizione per la quota riservata alle ricerche fatte dal solo personale interno. La dipendenza finanziaria, organizzativa e strategica era tale da scoraggiare una gestione per obiettivi, poiché questi ultimi risultavano talmente condizionati da configurare l attività molto più caratterizzata da adempimenti piuttosto che da ideazione di soluzioni innovative ispirate all efficacia e all efficienza. La prospettiva cambia profondamente a partire dal 1994 con l attribuzione dell autonomia alle Università. Si tratta però, ancora una volta, di un autonomia condizionata, poiché la dipendenza dai finanziamenti del Ministero è forte: non riesce, infatti, la tanto auspicata raccolta di finanziamenti dal mondo economico e anche sul fronte delle entrate derivanti dalle tasse studentesche i margini di manovra sono limitati. Le Università possono gestire autonomamente l assetto dell organico, ma devono fare i conti con la limitatezza delle risorse finanziarie e con i condizionamenti legislativi ad iniziare dalle varie finanziarie. Anche sul fronte delle tasse studentesche si aprono margini di manovra, recentemente ristretti dall obbligo di non superare, attraverso tali entrate, il 20% del contributo statale. Alla fine degli anni 90 la riforma dei concorsi universitari assegna un ulteriore leva agli Atenei i quali, potendo bandire concorsi interni, diventano autonomi nella definizione dell organico del corpo docente. Le Università possono quindi decidere: di spostare risorse dalla ricerca alle assunzioni e alle carriere di tutto il personale, di puntare su un potenziamento delle attrezzature o di espandere la spesa corrente, ecc. In epoca recente anche la raccolta di fondi all esterno presso Enti pubblici, Fondazioni, istituti ed imprese ha iniziato a svilupparsi con risultati assai diversi in funzione della capacità propositiva dei singoli Atenei e della loro localizzazione. La possibilità di espandere le proprie entrate, la necessità di strutturare in modo economicamente conveniente le proprie spese hanno condotto necessariamente alla gestione per obiettivi. Tuttavia si riscontra che ciò avviene più naturalmente per quanto riguarda i compiti che rientrano nella responsabilità del personale tecnicoamministrativo piuttosto che abbracciare l intera struttura interessando adeguatamente il corpo docente. Il concetto di obiettivo è assai preciso: si tratta di un risultato prestabilito, di una meta da raggiungere in certi tempi, con determinate risorse e secondo un piano definito. 34

5 PP RR OO JJ EE CC C TT MM AA NN AA GG EE MM EE NN TT All obiettivo si associa un responsabile che ha il compito di perseguirlo e, nell approccio organizzativo ottimale, di definirlo preventivamente, godendo di una certa autonomia decisionale che ne valorizzi le competenze e ne accentui la motivazione alla realizzazione del successo dell organizzazione alla quale appartiene. La gestione per obiettivi si colloca quindi nell ambito del controllo di gestione e richiede un supporto informativo adeguato, la definizione della mappa delle responsabilità e lo sviluppo del processo che orienti i decisori verso i suddetti obiettivi. Sul fronte della costruzione delle informazioni è necessario sottolineare che il disporre della sola contabilità finanziaria pone dei seri limiti al dispiegarsi del controllo di gestione. Si tratta infatti di uno strumento che viene concepito come autorizzazione all impiego delle risorse, una volta definita la loro allocazione mediante lo strumento del bilancio di previsione, mentre avremmo bisogno di un autentico strumento conoscitivo orientato all osservazione e rappresentazione dei risultati di gestione, alla misurazione del risultato economico, derivante dal raffronto tra costi e ricavi e cioè della contabilità economica. L adozione del concetto di competenza finanziaria implica la sola considerazione dei movimenti di natura finanziaria e trascura completamente gli aspetti economici della gestione. Non consente la valutazione del rapporto tra risorse impiegate e risultati conseguiti e cioè le valutazioni di efficienza, né la valutazione dei risultati, cioè le valutazioni di efficacia. E necessario mantenere la contabilità finanziaria nell attuale contesto normativo anche in relazione al tipo di controlli esterni ai quali le U- niversità sono sottoposte. Si deve affiancare alla finanziaria la contabilità economico-patrimoniale e quella analitica. Sono in corso studi e progettazioni ad opera di Enti e società differenti per dare risposta adeguata a tale esigenza, tuttavia non esiste, al momento, un software completo che sia in grado di gestire insieme, cioè in modo integrato, tutte e tre le contabilità. In attesa di implementare un sistema contabile integrato, si deve procedere ad una rielaborazione dei dati finanziari più spinta rispetto al passato ed è necessario individuare degli indicatori. E inoltre necessario costruire dati economici mediante procedimenti indiretti ed extra contabili col correlato rischio di mancata corrispondenza tra i sistemi. C è ancora un po di strada da fare in questa direzione, perché le resistenze ci sono e sono prevalentemente di carattere culturale. 35

6 Maria Bergamin Barbato Troppa parte del personale docente e non, è maturata professionalmente nell epoca antecedente all autonomia ed ha quindi assimilato assai più la cultura giuridica dell adempimento che quella manageriale diretta allo sviluppo dei necessari strumenti gestionali. Tuttavia la riforma dell ordinamento universitario ha impresso un accelerazione al cambiamento gestionale, poiché l ampliarsi dell autonomia nel proporre iniziative didattiche ha reso indispensabili analisi di fattibilità e pianificazione strategica. Gli Atenei si stanno oggi differenziando non solo per la quantità e qualità dei corsi universitari che offrono, ma anche per come stanno e- stendendo tali scelte strategiche, tanto che c è chi, come il Politecnico di Torino, si è dotato di un apposito Ufficio Pianificazione per effettuare a- nalisi e proiezioni pluriennali che verifichino la sussistenza delle condizioni di sviluppo. Molte Università si stanno dotando di uffici che si occupano di controllo di gestione e i dirigenti sono valutati (anche se non sempre in modo tecnicamente corretto) in base ai risultati. L introduzione del manager didattico costituisce un ulteriore tappa dell evoluzione organizzativa con la creazione di figure che hanno il compito di governare l innovazione didattica con logiche di efficacia ed efficienza e con una particolare sensibilità verso gli aspetti qualitativi. Si riconosce così la strategicità della didattica e la complessità da questa assunta con l applicazione della riforma universitaria, assegnando ad una figura specialistica, il manager didattico, il compito di gestire i corsi di laurea. Si tratta di una figura organizzativa trasversale che deve gestire il processo di sviluppo di uno o più corsi di laurea intervenendo con competenza specifica in ogni fase e fungendo da integratore di tutte le figure e funzioni coinvolte nella realizzazione del prodotto didattico. Lo strumento gestionale più adatto, perché basato sui processi e sui team, coinvolgendo più competenze, è il project management. Ci intratterremo quindi su tale argomento esponendo vantaggi e caratteristiche del suo utilizzo. Iniziamo col porci la domanda: cos è il project management? In molte aziende, che hanno progetti attivi e che sostengono di fare project management, la definizione più appropriata dello stesso è la seguente: Project Management è l arte di crearsi l illusione che ogni risultato ottenuto sia frutto di una serie di azioni predeterminate e deliberate quando, nei fatti, si tratta di pura e semplice fortuna! 36

7 PP RR OO JJ EE CC C TT MM AA NN AA GG EE MM EE NN TT Questa è ovviamente una provocazione, ma non è lontana dal sentire comune. In sintesi, invece, il Project Management è un insieme di Modelli Metodi Tecniche Gestionali Strumenti Software per affrontare e governare la complessità, l innovazione e l indeterminatezza insite in uno o più progetti. PIANIFICAZIONE + CONTROLLO + GESTIONE = PROJECT MANAGEMENT Non si può mai dire, nemmeno dopo dieci anni che un corso di laurea è partito, che si tratta di un attività di routine. Cambiano le impostazioni dottrinali, cambiano le metodologie didattiche, si modifica il mercato del lavoro e anche i clienti, poiché le generazioni che si susseguono si caratterizzano diversamente. Se non ci si adegua, organizzandosi diversamente, un prodotto didattico che andava benissimo può diventare assai poco attraente addirittura obsoleto. L obiettivo del Project Management è quello di definire chiaramente le attività e la loro sequenza allo scopo di raggiungere gli obiettivi in termini di tempo, costo e qualità del progetto, accrescendone quindi il valore. La variabile tempo è determinante, anzi fondamentale, ma importante è anche il costo e più ancora la qualità del progetto. Il risultato del progetto deve avere un valore assai superiore alla somma delle risorse impiegate. L approccio per processi può dare origine a diverse strutture organizzative, riconducibili ad un modello a matrice in cui l operatività ed il successo si giocano, come già detto, nel bilanciamento tra le responsabilità funzionali (verticali) e quelle di processo/progetto (orizzontali). Bisogna quindi uscire dalla logica funzionale, che ha caratterizzato finora l organizzazione universitaria, per passare ad un approccio per processi. 37

8 Maria Bergamin Barbato E necessario iniziare dal contatto con l ambiente, la famiglia, la scuola per giungere fino al mercato del lavoro. Ci si deve attrezzare immediatamente per il monitoraggio delle carriere e dei collocamenti lavorativi. Le lauree triennali così come quelle quinquennali sono prodotti completamente diversi dalla laurea quadriennale, non confrontabili finché non se ne vedranno gli effetti sul mercato del lavoro. L approccio per processi può dare origine a diverse strutture organizzative riconducibili però ad un modello a matrice in cui l operatività ed il successo si giocano sul bilanciamento tra responsabilità funzionali, che sono quelle classiche (uffici, direzioni, facoltà, ecc.), e quelle orizzontali, di processo come la gestione dei corsi di laurea. Questi ultimi possono essere gestiti efficacemente ed efficientemente seguendo la metodica dei processi ricordando che il progetto è un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo mediante un processo continuo di pianificazione e controllo di : Risorse differenziate Costi Tempi Qualità e che un progetto generalmente ha contenuti tecnici specificati (SOW) ha limiti di tempo in cui effettuare il lavoro ha un numero di risorse limitate ha un budget predefinito ha delle attività dipendenti fra loro ha necessità di identificare la responsabilità di esecuzione del lavoro. Gli obiettivi del progetto devono essere: trasferibili ed è quindi necessario sviluppare la cultura delle deleghe poiché non è pensabile che tutta l attività venga sviluppata da una sola persona; trasparenti perché devono consentire lo sviluppo della cultura della negoziazione e della responsabilizzazione; misurabili in quanto devono contenere il più possibile elementi quantificabili. I progetti possono essere raggruppati in tre tipologie: RIPETITIVI RICORRENTI INNOVATIVI 38

9 PP RR OO JJ EE CC C TT MM AA NN AA GG EE MM EE NN TT Nei progetti ripetitivi: i cicli di produzione sono standard (ben noti); gli organismi responsabili e le risorse sono quasi sempre gli stessi, la stima dei tempi e dei costi si basa su ritmi produttivi consolidati; la qualità richiesta è sempre la stessa e ben specificata; la durata complessiva dell iter realizzativo è breve. Nei progetti ricorrenti: il processo produttivo è noto, ma varia il contenuto delle singole attività operative; la struttura organizzativa varia in funzione del peso attribuito al progetto; la stima dei tempi e dei costi viene effettuata per analogia ; la qualità richiesta è generalmente ben specificata; la durata complessiva dell iter realizzativo è contenuta. Nei progetti innovativi: il processo produttivo deve essere definito di volta in volta; la struttura organizzativa viene individuata ad hoc ; la stima dei tempi e costi viene effettuata per analogia ; la qualità richiesta non è sufficientemente specificata (necessita di ulteriori specifiche in corso d opera; la durata complessiva dell iter realizzativo è quasi sempre lunga. E indispensabile procedere all individuazione della tipologia dei progetti perché il sistema di controllo da adottare viene costruito in funzione di quest ultima, così come è condizionato dalla loro organizzazione e da come vengono calati nell organizzazione aziendale. Per quanto riguarda il modello organizzativo, la struttura organizzativa di progetto deve rispondere alle esigenze di gestione dello stesso e deve agevolare i processi informativi e decisionali. Occorre pertanto definire la struttura organizzativa più adatta al progetto o alla tipologia di progetti in gestione. Esistono essenzialmente tre modelli organizzativi: FUNZIONALE A PROGETTO A MATRICE Per quanto concerne la struttura funzionale, essa presenta i seguenti vantaggi: flessibilità nell impiego del personale elevata produttività del personale specializzato e i correlati svantaggi: conflittualità tra obiettivi di progetto ed obiettivi di funzione procedure di gestione del progetto rallentate dai normali canali funzionali limitata autorità del Project Manager. 39

10 Maria Bergamin Barbato Anche l organizzazione per progetto è caratterizzata da vantaggi quali: la piena autorità al Project Manager i partecipanti al progetto rispondono direttamente al Project Manager decisioni più rapide grazie all autorità centralizzata semplicità e chiarezza di struttura e svantaggi come: duplicazione di sforzi su progetti diversi ma similari ridotta diversificazione delle specializzazioni problemi di riallocazione del personale al termine del progetto. Vediamo ora qual è il ruolo del project manager. Le sue responsabilità primarie sono: diffondere gli obiettivi del progetto dirigere il progetto per raggiungere gli obiettivi di tempo, costo e qualità prestabiliti conferire responsabilità e deleghe valutare e riferire sulla performance di progetto ai Presidi, Senato Accademico, Rettore sostenere l impegno e il morale del project team mantenere i contatti formali col cliente (studenti) di fondamentale importanza nel ruolo del PM è l analisi degli indicatori risultanti dal processo di avanzamento del piano e la realizzazione di azioni correttive per il mantenimento del progetto sulla sua giusta rotta. Per il manager didattico potrebbero ad esempio essere degli indicatori interessanti i tassi di superamento dei diversi esami da parte delle coorti corrispondenti di studenti. E importante non solo stabilire la quota dei promossi e respinti, ma anche quanti non si sono presentati. In questo modo si possono evidenziare tempestivamente le situazioni di crisi e l azione di tutorship diviene molto più mirata, partendo dall iniziativa del manager didattico, senza attendere che siano gli studenti a sollecitare soluzioni, magari con troppo ritardo rispetto alle possibilità di intervento. Tutto il processo formativo dovrebbe essere costellato di misurazioni dirette a verificare se lo svolgimento avviene secondo quanto programmato e, in caso contrario, intervenire con le opportune correzioni. Tuttavia a volte i progetti falliscono. Vediamo alcune possibili cause: obiettivi poco chiari inefficace gestione delle risorse scarsa comunicazione basse prestazioni 40

11 PP RR OO JJ EE CC C TT MM AA NN AA GG EE MM EE NN TT gestione inefficace del progetto mancanza di leadership. Ma se noi vogliamo che il progetto abbia successo sono necessari: chiari e precisi obiettivi e requisiti di Progetto un impegno esplicito dei Presidi, Senato Accademico, Rettore un committente (studenti, famiglie, mondo economico) un responsabile (Project Manager) informazioni e buona comunicazione risorse adeguate e forte motivazione rispetto delle milestone contrattuali e di verifica interna aspettative realistiche. I punti che il project manager deve rispettare potremmo definirli dei veri e propri comandamenti, tanto sono importanti. Essi sono: 1. definire lo scopo e l obiettivo del progetto 2. definire i punti critici del progetto 3. definire i fattori di successo del progetto 4. definire il piano degli incontri-chiave 5. divulgare le informazioni 6. effettuare rigorosamente l avanzamento 7. controllare l andamento rispetto al budget 8. modificare il piano solo se indispensabile 9. non nascondere le criticità ma affrontarle 10. ricordare che lo strumento informatico è solo un supporto. Un elemento molto importante è l architettura del progetto che è formata dalle seguenti componenti:le fasi del progetto, il ciclo di controllo, l iter del progetto, l ambiente di progetto, le strutture di scomposizione, i calendari, le risorse. 41

12 Maria Bergamin Barbato CICLO DI CONTROLLO DEL PROGETTO Start up Progetto (definizione generale analisi.) MODIFICHE SO- STANZIALI (TECNI- CHE O CONTRAT- TUALI) AZIONI COR- RETTIVE PIANIFICAZIONE stime nuove o rivedute FASE DI PIANIFI- CAZIONE Congelamento del piano (Baseline) AGGIORNAMENTO dati di avanzamento REPORTISTICA sì VARIAZIONI? no 42

13 PP RR OO JJ EE CC C TT MM AA NN AA GG EE MM EE NN TT L ITER DI PROGETTO Definire l ambiente (obiettivi) Identificare le ATTIVITA Definire la LOGICA di esecuzione del lavoro Possibilità di utilizzo dei TEMPLATES e dei dati storici Stimare le DURATE Stimare i FABBISO- GNI DI RISORSE Identificare i TARGET TEMPORALI Simulazioni piano Effettuare la ANALISI DEI TEMPI Eseguire la OTTI- MIZZAZIONE RI- SORSE Emissione della reportistica Raccolta dati per avanzamento Modifiche sostanziali (tecniche o contrattuali) Congelare il piano BASELINE Effettuare il controllo di AVANZAMENTO 43

14 Maria Bergamin Barbato Un altro elemento rilevante è la pianificazione temporale che è formata dalle parti seguenti: diagrammi di Gannt, tecniche reticolari di programmazione, costruzione del reticolo logico, analisi dei tempi, i programmi di progetto, milestone schedule, master project schedule, detailed project schedule. La pianificazione temporale si sviluppa attraverso l emissione di una serie di programmi di progetto il cui grado di dettaglio cresce progressivamente, in relazione ai diversi momenti gestionali ed alla sempre maggior confidenza con le problematiche operative e gestionali. L elaborazione dei programmi di progetto deve essere eseguita utilizzando le tecniche di programmazione più idonee; le più utilizzate sono i diagrammi di Gannt e le tecniche reticolari di programmazione. Nel diagramma di Gannt, a fronte di ciascuna attività del progetto, si posizionano, in corrispondenza delle date di inizio e fine delle attività, e con riferimento ad una scala tempi disposta orizzontalmente, dei segmenti di lunghezza proporzionale alla durata delle attività stesse. I diagrammi di Gannt, per la natura ed il tipo di rappresentazione grafica, vengono anche detti barchart o diagrammi a barre. Attività I mese II mese III mese IV mese A VI mese B C D E I vantaggi di questo diagramma sono costituiti dalla semplicità di sviluppo, dalla immediatezza e semplicità di interpretazione, dal basso costo di sviluppo e dal facoltativo utilizzo di programmi software. Per contro uno svantaggio può derivare dalla difficoltà di interpretazione dei legami di interrelazione fra le attività del progetto, in mancanza di una documentazione di supporto che illustri la logica con cui sono stati generati i diagrammi. 44

15 PP RR OO JJ EE CC C TT MM AA NN AA GG EE MM EE NN TT Un reticolo si costruisce invece nel modo seguente: LISTA DELLE ATTIVITÀ LOGICA DELLE ATTIVITÀ DURATA DELLE ATTIVITÀ DATE IMPOSTE ASSOCIAZIONE CON STRUTTURE INFORMATIVE (WBS, OBS, ) ANALISI DEI TEMPI Le attività di pianificazione e controllo di un progetto risultano effettivamente efficaci solo se supportate da un adeguata struttura di reporting. I dati di pianificazione e controllo devono essere tradotti in formati idonei per informare, in modo pertinente e ad un livello di dettaglio appropriato, le diverse figure o le diverse entità coinvolte nel progetto. Il sistema di reporting deve essere strutturato sui seguenti requisiti fondamentali: tempestività: i vari report devono essere prodotti al momento giusto pertinenza: le informazioni devono poter essere aggregate ai livelli di dettaglio corrispondenti al ruolo funzionale ed al livello di responsabilità delle figure che partecipano al progetto. Inoltre l attività di reporting deve evolvere, in accordo al ciclo di project control, secondo due fasi principali: quella di pianificazione e quella di controllo. In fase di pianificazione l attività di reporting è essenzialmente mirata a produrre il Piano Esecutivo di progetto (PEP). Questo è costituito dall insieme dei documenti di pianificazione che stabiliscono gli obiettivi di riferimento per la realizzazione del progetto in termini di: tempi, risorse, costi. 45

16 Maria Bergamin Barbato Deve strutturarsi in quattro sezioni: 1. Architettura di Progetto 2. Programmi di realizzazione 3. Piani di impegno risorse 4. Pianificazione costi. E normalmente emesso al termine della fase di pianificazione del progetto e deve essere aggiornato solo in coincidenza di attività di ripianificazione del progetto. In fase di controllo l attività di reporting ha lo scopo di produrre rapporti periodici di avanzamento che qualifichino in modo inequivocabile lo stato del progetto. Questi devono essere articolati in modo tale da consentire alle varie figure coinvolte nella gestione di disporre di informazioni ad un livello di dettaglio pertinente con il proprio ruolo nell ambito dell organizzazione aziendale. L insieme dei report di controllo costituisce il PROGRESS REPORT di progetto. Quanto illustrato dovrebbe aver dimostrato che il project management, essendo orientato alla gestione ottimale di tempi, qualità e costi, è lo strumento adatto per i manager didattici. La gestione dei corsi di laurea è infatti costituita dal dipanarsi di un processo formato da varie fasi ciascuna delle quali vede diversi attori coinvolti, sia nella struttura interna che nell ambiente esterno. La variabile tempo è importante perché consente di spezzare il processo in fasi ciascuna delle quali, monitorata tempestivamente, permette di introdurre gli interventi correttivi che riportano in linea il processo. Il tempo costituisce, per il prodotto didattico, un elemento importante insieme alla qualità. Con il project management ogni fase deve essere progettata non solo con un orientamento ai tempi, ma anche alla qualità dei risultati intermedi, in vista dell ottimizzazione del risultato finale. Non va inoltre trascurata la focalizzazione dei costi, critica in un periodo caratterizzato dalla scarsità delle risorse come quello attuale. Il project management si colloca quindi tra gli strumenti di pianificazione e controllo tecnicamente più evoluti e organizzativamente più efficaci. Tuttavia le organizzazioni talvolta oppongono resistenze all introduzione della pianificazione con argomentazioni che in realtà appartengono alla categoria delle scuse tanto sono prive di autentico contenuto critico. E bene che il manager didattico sia in tal senso prepa- 46

17 PP RR OO JJ EE CC C TT MM AA NN AA GG EE MM EE NN TT rato, così da smontare adeguatamente gli argomenti proposti e a tal fine ci sembra opportuno indicare le scuse che più frequentemente vengono addotte per non pianificare: non ho tempo per queste cose ho sempre fatto il lavoro anche senza questa metodologia non ci sono persone da dedicare a questa attività il mio lavoro non è pianificabile nel mio progetto esistono troppe variabili i sistemi di Project Mangement sono troppo complicati ma tanto, come dice la legge di Murphy, ciò che può andare male, certamente andrà male. ma. noi siamo diversi. Quella che accomuna un po tutti è proprio l ultima, poiché ogni realtà organizzativa si sente diversa dalle altre e, a maggior ragione, sarà opposta in ambiente universitario dove tale mentalità è particolarmente radicata. Gli strumenti di pianificazione e controllo non sono però nati per gestire problemi ed aziende standardizzate che, tra l altro, non esistono. Sono invece pensati per gestire la complessità, l innovazione e la qualità attraverso strumenti flessibili che valorizzano il contributo offerto dalle risorse umane. Sono quindi particolarmente adatti alle Università. 47

18 Maria Bergamin Barbato 48

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli