STUDI E SAGGI LINGUISTICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI E SAGGI LINGUISTICI"

Transcript

1 STUDI E SAGGI LINGUISTICI XLIII-XLIV FONDATA DA TRISTANO BOLELLI Studi in onore di RICCARDO AMBROSINI a cura di Romano Lazzeroni, Giovanna Marotta e Maria Napoli Edizioni ETS PISA

2 RISERVATO OGNI DIRITTO DI PROPRIETÀ E DI TRADUZIONE Studi e Saggi Linguistici Supplemento alla rivista L Italia Dialettale Registrazione Tribunale di Pisa 1/1961 in data 31 Gennaio 1961 Direttore resposabile: Alessandra Borghini

3 SOMMARIO Prefazione pag. VII Bibliografia degli scritti di Riccardo Ambrosini Roberto Ajello, Per un analisi dell aumento nel primo testo scritto in lingua kikongo Maria Giovanna Arcamone, Prato nella toponomastica toscana.. Pierangiolo Berrettoni, L atto di verità nella cultura indoeuropea. Maria Patrizia Bologna, L «enigma saussuriano» e la ricostruzione linguistica Carlo Consani, Lingue e scritture di Creta antica. Considerazioni sulla formula di Archanes Franco Fanciullo, Un etimologia toscana (mózzi m. moine e mózze f. svenevolezze ), viareggino ramaciugliori e qualche altra considerazione Giacomo Ferrari, Linguistica e oltre (?) Francesco Giuntini, Nerone in collegio Romano Lazzeroni, Arealità italica e riorganizzazione degli allomorfi: induzione di morfemi o induzione di regole?... Giulio Lepschy, To Be, or Not To Be Translated? Daniele Maggi, Annotazioni metriche a Vento a Tìndari di Salvatore Quasimodo Giovanna Marotta, Sulle rive del Mersey. Note sull etimologia di Scouse » IX» 1» 29» 35» 57» 67» 79» 89» 129» 141» 151» 163» 181

4 VI Filippo Motta, Tra Lucca e Lugano Florida Nicolai, Il collo della giraffa e lo zoo comunale. Linguaggio, funzioni cognitive e sistemi neurali Paolo Poccetti, Un contributo della toponomastica alla ricostruzione del lessico italico e dei suoi sviluppi diacronici: il nome dell insediamento vestino Peltuinum Domenico Silvestri, Etnici di appartenenza ed etnici di provenienza nelle lingue dell Italia antica Alfredo Stussi, Sull utilità delle varianti d autore Patrizia Torricelli, Della lingua e degli inganni verbali. Su Camilleri e La concessione del telefono Cristina Vallini, Autorità e prestigio nel discorso etimologico (a proposito della coppia latina matrimonium-patrimonium).. Edoardo Vineis, In margine al tema dell equilibrio intertestuale: Stefan George e la traduzione del Sonetto XXXIII di W. Shakespeare Indirizzario degli Autori pag. 201» 213» 245» 255» 271» 281» 309» 321» 329

5 GIOVANNA MAROTTA Sulle rive del Mersey. Note sull etimologia di Scouse 1. I due significati di Scouse* Running against the rain running through the rain Ferro Battuto F. Battiato e M. Sgalambro In Gran Bretagna, ed in particolare nel Merseyside, il termine Scouse possiede due diversi significati, apparentemente poco attinenti l uno all altro: a) un significato metaforico, che fa riferimento ad uno speciale accent, tipico dei Liverpudlians appartenenti alle classi sociali basse; 1 b) un significato più concreto, riferito ad un piatto tradizionale di Liverpool, una specie di zuppa preparata con carne e verdure stufate, consumata dai marinai durante i loro viaggi (cfr. SPIEGL, 2000); gli ingredienti di base sono patate, cipolle, carote e carne di agnello. Per quanto riguarda il significato culinario, va osservato innanzitutto che esistono molte varianti locali di questo piatto; i siti Internet che si riferiscono alle tradizioni popolari della città di Liverpool elencano infatti diverse ricette di Scouse, alcune delle quali particolarmente interessanti; fra queste, il cosiddetto blind Scouse, la versione light del piatto, in quanto priva di carne, oppure la versione fatta con gli avanzi del giorno prima. Come si vede, lo Scouse è un piatto di basso livello, che rinvia ad uno stile di cucina povera e popolare. * L argomento trattato in questo articolo ha costituito l oggetto della mia comunicazione al XXII nd International Congress of Onomastic Sciences, svoltosi a Pisa nel settembre Poiché la stampa dei relativi Proceedings prevede tempi lunghi, ho ritenuto di pubblicare ora in italiano una parte dei risultati presentati in quella sede, cogliendo l occasione per aggiungere nuovi materiali ed argomenti ivi assenti, anche nella presunzione che il tema prescelto possa esser gradito al nostro festeggiato, considerata la sua non comune competenza nel campo dell anglistica. 1 Dallo Scouse accent deriva il nome Scouser, che indica il parlante di Scouse; cfr. Cambridge International Dictionary of English (1995: 1270).

6 182 GIOVANNA MAROTTA [2] Nella sua accezione linguistica, lo Scouse è uno degli accents più conosciuti dell inglese europeo, e in quanto tale, compare normalmente nelle rassegne delle varietà inglesi 2. Le sue peculiarità interessano soprattutto il livello fonetico e prosodico 3, ma anche il lessico e la morfologia non sono esenti da specifici tratti. Tra le caratteristiche fonologiche principali di questo dialetto inglese ricordiamo la lenizione delle consonanti occlusive ed alcuni fenomeni di centralizzazione vocalica, che alterano l inventario fonemico RP. Ricordiamo inoltre che un tratto particolarmente rilevante per identificare un parlante come Scouser è l intonazione, dal momento che negli enunciati dichiarativi, il profilo intonativo Scouse tipico mostra un ascesa melodica finale, anziché una discesa, come in RP. Il cosiddetto Final Rising Pattern è un tratto prosodico che l inglese di Liverpool condivide con le varietà che ricadono sotto l etichetta di Urban Northern British English (cfr. CRUTTENDEN, 1994), vale a dire le varietà inglesi parlate nell Irlanda del Nord e nella Scozia occidentale, oltre che nelle città di Birmingham e Newcastle (cfr. GRABE e POST, 2002). Si osservi che tutte queste varietà hanno in comune due caratteristiche essenziali: il sostrato celtico ed una forte immigrazione da parte di popolazioni di origine celtica. Ricordiamo infine che lo Scouse è spesso descritto come dotato di una qualità della voce speciale. Nel suo dettagliato studio su questa varietà, Knowles (1974) ha mostrato come durante la fonazione di un parlante Scouse la lingua sia innalzata e retratta, con conseguente velarizzazione generalizzata; parallelalemente, il rilassamento di alcuni organi fonatori, in particolare il labbro inferiore e la lingua, producono l effetto di lax voice, con incompleta chiusura e parziale fuoriuscita di aria tra le labbra durante l articolazione delle consonanti occlusive 4. In Gran Bretagna, la voce Scouse è di solito percepita come sgradevole e rozza; negli ultimi anni, tuttavia, il giudizio degli inglesi su questo accent sembra essersi almeno in parte attenuato, tanto da far supporre che attualmente sia dotato di un certo prestigio coperto (cfr. MAROTTA, 2004). Nella città di Liverpool, d altro canto, il prestigio dello Scouse è attualmente manifesto, soprattutto nelle classi sociali meno elevate, in quanto strettamente legato all espressione dell identità sociale. Sull origine e sullo sviluppo di questo accent affatto particolare ha probabilmente influito la pronuncia dell inglese da parte degli immigrati irlandesi 2 Cfr. TRUDGILL (1984; 1986), TRUDGILL ehannah (1982), HUGHES etrudgill (1996), TRUDGILL echeshire (1998), WELLS (1982, 1984), BEAL (2004). 3 Per un quadro globale della fonologia Scouse, si veda KNOWLES (1974; 1978), nonché alcuni nostri precedenti studi in questo settore; cfr. MAROTTA (2004); MAROTTA ebarth (2005). 4 Per ulteriori dettagli sulla qualità vocale dello Scouse rinviamo al recente contributo di BARBERA e BARTH (2006).

7 [3] SULLE RIVE DEL MERSEY. NOTE SULL ETIMOLOGIA DI SCOUSE 183 che giunsero a Liverpool in numero cospicuo per un lungo periodo di tempo. L immigrazione dall Irlanda verso l Inghilterra, e, in particolare, verso la città di Liverpool, iniziò precocemente e rimase costante nel corso dei secoli: partita già all inizio dell età moderna, continuò ininterrotta nei secoli seguenti e fu particolarmente intensa nel corso del XIX secolo. Come abbiamo avuto già modo di rilevare (MAROTTA, 2006), gli studi condotti in ambito storico e demografico hanno dimostrato che già nel 1841 un quarto degli abitanti di Liverpool era nato in Irlanda. I dati dell ultimo censimento (Liverpool Census 2001) indicano che circa il 60% di tutti i Liverpudlians hanno origini irlandesi, almeno in un ramo familiare. Il fenomeno migratorio irlandese ha avuto dimensioni tali da essere definite senza esagerare gigantesche. In passato, e per molto tempo, la comunità irlandese di Liverpool viveva separata sia dalla comunità inglese autoctona che dalle altre comunità immigrate, in particolare, gallese e scozzese. La separazione aveva innanzitutto motivazioni socio-economiche, essendo gli immigranti irlandesi i più indigenti. Anche nell insediamento in città si riflettevano le differenze sopra menzionate: gli irlandesi occupavano infatti il centro di Liverpool e le aree prossime al porto, caratterizzate da alta densità demografica e da abitazioni di basso livello, spesso prive dei servizi essenziali, il che configurava queste aree come veri e propri ghetti 5. Inoltre, la mobilità degli irlandesi all interno della città era bassa e le loro opportunità di lavoro erano ristrette ad occupazioni precarie e di basso rango. Diversi elementi cospiravano dunque nel configurare la comunità di immigrati irlandesi come caratterizzata da una rete sociale relativamente chiusa e a maglie fitte, contrassegnata da forti legami gerarchici tra gli individui che vi appartengono e quasi del tutto priva di ponti tra reti sociali diverse 6. La segregazione degli immigrati irlandesi a Liverpool era motivata dalle loro stesse condizioni di reddito, con conseguente residenzialità obbligatoria; al tempo stesso, queste precarie condizioni alimentavano ed accentuavano il forte sentimento di discriminazione nutrito nei loro confronti dagli altri abitanti della città, in primo luogo, gli inglesi. Tuttavia, non soltanto i fattori socio-economici determinavano la condizione di segregazione degli immigrati irlandesi, ma anche gli elementi culturali cospiravano nella deriva che collocava questa comunità ai margini della so- 5 L analisi dei quozienti ecologici svolta da POOLEY (1977) in rapporto alla distribuzione residenziale nell area urbana di Liverpool in età vittoriana conferma l ipotesi di una stretta correlazione tra zona di residenza e gruppo sociale immigrato. Emerge così un quadro globale che consente di evidenziare un modello sociologico basato sulla segregazione della comunità irlandese. 6 Per l applicazione delle reti sociali in sociolinguistica, si vedano i fondamentali lavori di MILROY (1980; 2002).

8 184 GIOVANNA MAROTTA [4] cietà cittadina. In primo luogo, la religione cattolica contribuiva ad aumentare la distanza rispetto agli altri gruppi etnici, anche immigrati, nonostante tra coloro che provenivano dall Irlanda vi fossero dei protestanti. In secondo luogo, la lingua era un ulteriore rilevante elemento di differenziazione, dal momento che gli irlandesi immigrati parlavano una varietà di inglese che risentiva fortemente dell interferenza con l irlandese, che per molti rappresentava ancora la lingua-madre, specialmente nei secoli XVI e XVII. D altra parte, gli stessi tratti sociofonetici che rendevano facilmente riconoscibile un parlante come immigrato irlandese finivano per costituire uno strumento essenziale per l identità sociale della comunità di immigrati (cfr. LE PAGE e TABOURET KELLER, 1985). Sul piano strettamente culturale, la comunità degli irlandesi era del pari omogenea e marcata verso il polo basso della società, essendo in genere costituita da persone incolte e prive di istruzione. Poiché la comunità immigrata irlandese era relativamente chiusa e caratterizzata da legami interni forti, ha potuto conservare facilmente e a lungo i tratti distintivi della propria pronuncia dell inglese, riducendo al massimo la contaminazione con la popolazione autoctona. La varietà di inglese parlato dagli immigrati irlandesi, lingua non standard e non prestigiosa, coesisteva e al tempo stesso si opponeva all inglese locale, varietà di prestigio. Ed è proprio questa forma speciale di inglese, intriso di tracce di Irish English, che a nostro parere costituisce la base dello Scouse accent. Soltanto nel corso del XX secolo le condizioni socio-economiche e, di conseguenza, anche quelle latamente culturali della comunità irlandese a Liverpool hanno conosciuto un sensibile miglioramento. L incremento degli scambi commerciali marittimi e l importante sviluppo dell industria manifatturiera in città modificarono pesantemente il quadro sociologico della città, rendendolo più dinamico. Soprattutto dopo la seconda guerra mondiale, l integrazione sociale tra gli immigrati irlandesi, molti dei quali ormai non più di prima o seconda generazione, e gli altri abitanti di Liverpool aumentò in misura significativa e finì con l alterare in modo irreversibile la struttura delle reti sociali, garantendo allo Scouse non solo la sua sopravvivenza, ma addirittura la sua espansione. Vari fattori hanno contribuito alla diffusione dell accento Scouse a Liverpool come pure nel repertorio inglese. Avendo già trattato altrove e più diffusamente questo tema (cfr. MAROTTA, 2004), ci limitiamo qui a ricordare le trasmissioni radiofoniche della BBC condotte da una vasta serie di comici inglesi che parlavano Scouse in quanto nativi di Liverpool; né possiamo evitare di fare riferimento ancora una volta alla band musicale dei Beatles, originaria proprio di questa città, che con il suo successo planetario ha di certo giocato un ruolo non marginale nel favorire un mutamento di giudizio nei confronti di Liverpool nel suo complesso, e del suo accent in particolare.

9 [5] SULLE RIVE DEL MERSEY. NOTE SULL ETIMOLOGIA DI SCOUSE 185 Attualmente, a Liverpool lo Scouse è la lingua parlata non soltanto dalle classi sociali più basse, ma sta diventando la varietà linguistica maggioritaria, nonostante lo scarsissimo prestigio di cui ha goduto per secoli. Il mutato quadro socio-culturale sembra aver determinato una diversa percezione sociolinguistica dello Scouse, che, nonostante a tratti sia ancora percepito come hugly accent, si è diffuso lentamente, ma costantemente e progressivamente non soltanto nella comunità cittadina, ma anche in tutto il Merseyside. 2. Aspetti etimologici La parola inglese Scouse è normalmente considerata una semplificazione del composto lobscouse, forma presa in prestito da una parola più antica labskaus, di origine danese o comunque appartenente ad una varietà germanica settentrionale. La mancanza della palatalizzazione nel nesso consonantico -sk- è infatti con ogni probabilità dovuta all interferenza dell inglese con i dialetti germanici del Nord, che non palatalizzavano (cfr. LASS, 1994: 59). Allo stesso tempo, il dittongo ou da au è una prova della forma scandinava originaria, perché au proto-germanico è diventato in inglese ea. Nel nome composto labskaus del germanico settentrionale (= lobscouse inglese), sono riconoscibili due elementi: LAB/LOB + SKAUS/SCOUS. Il termine non ha finora trovato una etimologia soddisfacente, in particolare, resta ignoto l etimo del secondo elemento del composto Sull etimo di Lob Per quanto riguarda il primo elemento, nella scarsa letteratura disponibile finora sull argomento, le etimologie proposte sono le seguenti: a) da una radice germanica LAB, il cui significato sarebbe comodità, conforto ; attestata nel verbo dell antico alto tedesco laba conforto, e nel tedesco moderno laben ristorare, confortare, rianimare; rinfrescarsi, ristabilirsi ; b) da una radice germanica LOP, col significato di abito, pezza ; attestata nel medio nederlandese lobbe, nell antico inglese lob, e nel moderno inglese lob, da cui, con epentesi nasale, lump un grande pezzo, termine dialettate usato per carne o denaro (cfr. Oxford Dict.). c) dal medio inglese LOB, col significato di un tipo di pesce ; vedi Onions (1966, s.v.), Hoad (1986); in questo caso, il riferimento al mondo marinaresco sarebbe diretto.

10 186 GIOVANNA MAROTTA [6] Vorremmo tuttavia proporre un ulteriore ipotesi, a parer nostro più plausibile di quelle precedentemente avanzate. Il primo elemento del composto potrebbe essere ricollegato ad una radice germanica LAB/LOB col significato di pendere in modo floscio, attestata in norvegese lapa, islandese lapa, svedese lafa, labba, danese lab, labbe. Questa radice è presente anche nella forma tedesca labbern appendersi in modo morbido, pendere. Si noti che questo verbo si usa in particolare nel registro marinaresco, con riferimento fondamentale alla navigazione a vela. Come accade frequentemente nelle lingue i.e. antiche, la stessa radice può mostrare una variante con l aggiunta di un consonante sibilante iniziale; abbiamo così la forma slapa in islandese e norvegese, che ha lo stesso significato; parallelamente, in antico alto tedesco troviamo slap, e in gotico slepan; in inglese, la forma sleep potrebbe essere connessa con quelle precedenti. Interessante rilevare un possibile nome derivato da questa medesima radice: in islandese è attestata la forma lap, glossata come homo sui negligens in Jóhannesson (1956: 752). In danese, laban indica un monello, oppure una persona alta e ciondolante ; in particolare, il sintagma allitterante langer Laban indica una persona allampanata. Questo termine può essere paragonato ad alcune parole nordiche simili, che però mostrano, con la tipica alternanza che abbiamo già avuto modo di menzionare, una consonante sibilante iniziale; ad es. norvegese slubb persona che ciondola, menefreghista, oppure i termini dialettali svedese slubba e olandese slubbe, che hanno praticamente lo stesso significato. Inoltre, in olandese si trova la forma lubbe, derivata dalla stessa radice, con il significato di labbro pendulo, che documenta in modo esplicito lo slittamento della parola verso un campo semantico che crucialmente si riferisce alla figura umana. Il verbo inglese che si ricollega alla stessa radice è lop, attestato verso la fine del secolo XVI. Il senso iniziale di questo verbo dovrebbe essere lasciar pendere pesantemente, ma ben presto ha assunto anche altri significati, riferiti all essere umano; da un lato muoversi pesantemente o in modo impacciato (cfr. Oxford Dict., 1933: 375), dall altro, forse consequenzialmente, comportarsi come uno zoticone. Oltre al verbo, troviamo anche attestazioni del nome lop, che esprime qualche cosa di pesante, impacciato, o che pende in modo libero e casuale (Oxford Dict., ibidem). Lop è infine anche un aggettivo, che significa rozzo, villano. La metafora funziona in riferimento ad una persona che si muove avanti e indietro, qui e là senza meta, uno che vaga sprecando il suo tempo. D altra parte, lob è anche un termine dialettale che significa far ribollire, far gorgogliare, e quindi, per estensione metaforica all ambito umano, mangiare e bere in modo rumoroso. Da menzionare la radice i.e. LAB dal significato di succhiare, leccare, e quindi anche mangiare e bere in modo rumoroso.

11 [7] SULLE RIVE DEL MERSEY. NOTE SULL ETIMOLOGIA DI SCOUSE 187 Verbi derivati da questa radice sarebbero danese labe, svedese lapa, olandese lapen, antico alto tedesco laffan, tedesco läppen, anglosassone lapian, da cui l inglese lap up (cfr. FALK e TORP, 1960: 615). Si ricordi a questo proposito anche la forma italiana lappare, probabilmente parola di prestito dal germanico, come le analoghe forme romanze (cfr. CORTELAZZO e ZOLLI, 1983, III vol., s.v.). Pare ragionevole supporre come i dizionari etimologici di inglese fanno di norma che a questa stessa radice verbale siano collegati anche il verbo loll pendere pesantemente ; è inoltre attestata anche la parola onomatopeica lolly per brodo, zuppa. Menzioniamo infine il derivato loblolly, che ha diversi significati, tra di loro connessi: 1) un grosso pezzo di cibo, 2) una minestra da mangiarsi con il cucchiaio, in riferimento ad un piatto marinaresco servito a marinai indisposti quale semplice rimedio medicinale 7, 3) villano, rustico, in quanto, probabilmente, persona che mangia e beve rumorosamente. La prima attestazione della parola loblolly risale alla fine del XVI secolo o alla prima decade del XVII secolo. A nostro parere, tuttavia, il primo elemento del composto loblolly potrebbe essere ricollegato alla radice LOB pendere pesantemente, sopra menzionata a proposito di Lobscouse. Non è altresì da escludere che possa esserci stata un interferenza con la radice LAB mangiare e bere in modo rumoroso. In ogni caso, forse anche in quanto rinforzato da questa interferenza, il termine loblolly poteva facilmente acquistare il significato metaforico di bifolco, zoticone. Con questo significato, la parola è ben attestata in Inghilterra a partire dal XVII secolo Sull etimo di Scouse Per il secondo termine del composto labskaus, poi lobscouse, nessuna etimologia è stata finora proposta in letteratura, almeno per quanto ci risulta. Lo spoglio dei dizionari etimologici delle lingue germaniche antiche sembra tuttavia fornire alcuni suggerimenti interessanti. La nostra ipotesi è che la forma germanica settentrionale skaus come pure quella inglese scouse abbiano origine dalla radice SKAUTA del germanico antico, con il significato di bordo di un panno, angolo di un tessuto (cfr. DE VRIES, 1961: 487). Questa radice è attestata nel Nord Europa in norvegese 7 Cf. Oxford Dict. (1933: 377), s.v. loblolly; SHIPLEY (1957), s.v. lobscouse.

12 188 GIOVANNA MAROTTA [8] skaut, islandese skaut, danese skiød; inoltre, si ritrova in medio nederlandese schoot, antico alto tedesco skoza (cfr. KÖBLER, 1993: 971; SCHADE, 1969: 803), gotico skaut, col significato non solo di grembo, ma anche di bordo, orlo. Per l inglese, abbiamo antico inglese sceat, medio inglese skaute un pezzo di stoffa, poi anche abito ; il termine è attestato già nei secoli XV e XVI (cf. LEWIS, 1956: ). Dalla stessa radice nasce il derivato *skauti, che costituisce la base per la forma antico inglese sceata bordo, orlo, ma anche vela ; parallelamente in medio e moderno nederlandese schote, antico alto tedesco scozo vela. Interessante rilevare che nel dizionario etimologico di De Vries (1961: 487) sono citate anche alcune forme di prestito dal germanico in lingue celtiche con lo stesso significato di vela o anche bordo, angolo della vela ; ad es. antico irlandese lín-scóit, scozzese sgòd; a ciò si aggiunga la testimonianza di lingue non i.e., come la forma estone kaud vela, telo per navigare, o quella lappone skakta, skafta angolo di una vela. D altra parte, la forma germanica *skaut- costituisce la base del termine marinaresco vela anche nelle lingue romanze: francese écoute, spagnolo escota, italiano scotta sono tutti prestiti dalla stessa radice germanica 8, entrati nel Mediterraneo dai dialetti germanici settentrionali oppure dal basso tedesco, come indica l assenza di palatalizzazione nel nesso consonantico iniziale. Originariamente, il termine indicava la vela, in seguito, più precisamente, la fune che la manovra, ovvero la scotta. La deriva semantica di SKAUT- può quindi essere riassunta come segue: il primo significato della parola era angolo di un tessuto, parte di un panno ; abbastanza presto, è avvenuta una sorta di specializzazione della parola, diventata il termine per indicare il panno per la navigazione, e quindi, più semplicemente, la vela. A questo punto della deriva semantica, è possibile supporre che siano entrate in funzione due metonimie: a) dalla vela alla nave, per cui in inglese scauti vela diventa scouti nave a fondo piatto, termine attestato nella prima metà del XV secolo; b) una parte speciale della vela, ovvero la fune di manovra, che in inglese assume la forma palatalizzata di sheet, vale a dire la scotta. È altamente probabile che lo slittamento semantico in a) abbia preceduto quello in b), perché nel significato di sail sheet, vale a dire telo della nave, vela la parola è sempre scritta sheet, in cui il digramma <sh> indica la palatalizzazione del nesso sk-, tipico processo fonologico della lingua inglese, come 8 Cf. BATTISTI e ALESSIO (1957, s.v.); DEVOTO (1979, s.v.); leggermente diverso il quadro presentato in CORTELAZZO e ZOLLI (1988, s.v.).

13 [9] SULLE RIVE DEL MERSEY. NOTE SULL ETIMOLOGIA DI SCOUSE 189 dimostrano molte altre coppie di parole che alternano una forma più antica, priva di palatalizzazione, ad una più moderna, palatalizzata (ad es. skirt/shirt). Seguendo la nostra ipotesi, avremmo quindi in inglese due forme diverse, con significato differente, derivate dallo stesso etimo *skaut- germanico: 1. scouti/scouse, senza palatalizzazione, ma con possibile spirantizazzione dell occlusiva coronale nella seconda sillaba; 2. sheet, con palatalizzazione iniziale di sk-. La prima forma si è trasformata ben presto in una parola arcaica, una specie di relitto. La seconda forma è invece molto produttiva, poiché nell evoluzione della lingua la parola ha assunto molti altri significati; dal primario senso di panno, tessuto, sheet viene così ad indicare biancheria da letto, lenzuola ; oppure il pezzo di carta su cui scrivere, cioè foglio. 3. L inglese Lobscouse In inglese, la parola lobscouse è attestata dall inizio del XVIII secolo, col significato di piatto di carne stufata con verdure e gallette (cf. ONIONS, 1966; Oxford Dict., s.v.). Qualche dizionario etimologico scrive di origine ignota (ad es. HOAD, 1986: 269, Longman Dict., 1984: 860), mentre altri comparano la parola inglese con alcune forme di lingue germaniche del Nord: danese labskous, lobskous, norvegese lapskaus, svedese lapskojs, e le sue varianti lappkojs e lappskaus, nederlandese lapskous, tedesco Labskaus (ONIONS, 1966). È utile sottolineare che oggi tutte queste parole si riferiscono ad un piatto tradizionale, preparato nello stesso modo e con ingredienti simili allo Scouse di Liverpool. In particolare, Labskaus è il piatto tipico di Amburgo, fatto con carne stufata (o anche aringhe), patate e cipolle. I dizionari storici di inglese concordano nel definire lobscouse un piatto tipico marinaresco fatto di carne e verdure stufate (cf. Oxford Dict., 1933, SHIPLEY, 1957, s.v.); talvolta propongono inoltre che lobscouse derivi da lob s course, lap s course; quindi, da lobscouse piatto del marinaio sarebbe derivato lobscouser, i.e. marinaio. La prima citazione di lobscouse presente nei dizionari risale allo scrittore inglese E. Ward che in The Wooden World Dissected (1706) scrisse «He has sent the Fellow ( ) to the Devil, that first invented lobscouse». La parola si ritrova quindi in T. Smollett (1751): «A mess of that savoury composition known by the name of lob s course». Vi sono varie altre citazioni per il XIX secolo; per esempio, nel 1867 lap s course è descritto come «one of the oldest and most savoury of the regular forecastle dishes» (cf. Oxford New English Dict., 1933: ; SHIPLEY, 1957, s.v.).

14 190 GIOVANNA MAROTTA [10] Particolarmente interessante ci pare il brano di F.F. Moore in Journalist s Note del 1894: «something like a glorified Irish stew, or perhaps what yachtsmen call lobscouse» (citato da Oxford Dict., 1933: 378). Si osservi che questa è l unica citazione che collega la parola lobscouse agli irlandesi; tale aspetto può essere rilevante per il quadro socio-economico specifico della città di Liverpool che abbiamo delineato in precedenza (cfr. 1). 4. Marinai e metafore Una volta identificate le radici dei due elementi del composto inglese lobscouse, possiamo ora articolare la nostra ipotesi etimologica. Il termine originale labskaus potrebbe essere una forma danese arrivata in Inghilterra ed Irlanda in tempo antico, forse già in epoca medievale. In tal caso, la parola sarebbe stata in uso presso i Vichinghi, esperti marinai, per indicare gli abitanti costieri delle isole britanniche, considerati inesperti, in breve, marinai d acqua dolce. Sappiamo da fonti storiche che nel IX e X secolo, popolazioni nordiche invasero l Irlanda ed ebbero intense relazioni commerciali con l Inghilterra; il loro contributo allo sviluppo dei commerci e dell urbanizzazione fu particolarmente rilevante per tutto il Nord Europa. Contatti tra scandinavi da un lato e britannici o irlandesi dall altro sono stati del resto frequenti e proficui anche in epoca moderna. Se il composto germanico labskaus derivasse dalla combinazione della radice verbale LAB pendere pesantemente e dall etimo SKAUT-/SKAUS- vela, la parola avrebbe letteralmente il significato di vela che pende pesantemente. Nella nostra ipotesi, la connotazione semantica della parola sarebbe stata negativa sin dall inizio, dal momento che la vela di un bravo marinaio non è mai floscia, bensì sempre tesa e gonfia. Basti pensare al sintagma italiano andare a gonfie vele, o all analogo inglese to be under full sail, espressioni connotate positivamente, in quanto fanno riferimento ad una vela ben tesa, che sfrutta appieno la forza dei venti e che può pertanto imprimere alla nave un andatura spedita. La parola originale scandinava labskaus sarebbe stata presa in prestito dall inglese agli inizi dell epoca moderna; l adozione nella lingua inglese ne avrebbe determinato il cambiamento in lobscouse: l innalzamento vocalico dall originale a in o è infatti compatibile con la fonologia dell inglese (cfr. MIONI, 1988). Come abbiamo già avuto modo di osservare, l assenza di palatizzazione del nesso sk e la conservazione del dittongo au costituiscono forti indizi a favore dell origine nordica del composto (cfr. LASS, 1994: 59). Il prestito sarebbe entrato nelle isole Britanniche quando la tipica regola di palatalizza-

15 [11] SULLE RIVE DEL MERSEY. NOTE SULL ETIMOLOGIA DI SCOUSE 191 zione del gruppo sk non era attiva nella lingua inglese. Un ipotesi alternativa potrebbe far risalire l origine della parola composta labskaus ad una forma del basso tedesco, entrata nelle lingue germaniche del Nord e nell inglese nel corso del secolo XIV, in coincidenza con il periodo di maggiore espansione della Lega Anseatica, che, com è noto, diede origine ad una koiné linguistica di matrice commerciale più che letteraria, avente come base il dialetto di Lubecca. A questo periodo risalgono infatti molti prestiti dal basso tedesco alle lingue scandinave, in particolare, danese e norvegese. Ricordiamo che anche nel basso tedesco (come nel germanico settentrionale), non si verifica la palatalizzazione della sibilante preconsonantica, ma, di contro, il dittongo au monottonga in o oppure u lunga, per cui ci attenderemmo una forma come skoos anziché skaus (cfr. MIONI, 1988: 53-54). È importante sottolineare che l etimologia da noi proposta (Labskaus marinaio inesperto ) non è in contrasto con nessuna delle due ipotesi qui avanzate circa l origine della parola: in entrambi i casi (popolazioni vichinghe oppure marinai della Hansa), si fa riferimento a contesti caratterizzati da un elevata competenza in ambito marinaresco. Né pare costituire obiezione alla nostra etimologia il fatto che la parola sheet, derivata dalla stessa radice del germanico settentrionale o anche del basso tedesco skauti-, mostri una forma palatalizzata in inglese, mentre in lobscouse, poi semplicemente scouse, non si riscontra palatalizzazione: nel composto labskaus, poi lobscouse, che si configura come un vero e proprio relitto, è conservata la forma originale scandinava o basso tedesca, con il gruppo sk- non ancora palatalizzato, mentre nella parola sheet il gruppo ha seguito il suo normale percorso evolutivo tipico dell inglese. In entrambe le forme (labskaus e lobscouse), a partire dal primo significato letterale di vela moscia, il composto avrebbe potuto facilmente acquisire il significato metaforico di marinaio che naviga con la vela floscia, cioè marinaio inesperto, ovvero marinaio d acqua dolce. Non sono escluse anche connotazioni della parola in senso sessuale, che renderebbero ancora più negativo il senso globale della metafora. In ogni caso, il processo metaforico procede mediante una depauperizzazione del taxon originale (cfr. CARDONA, 1982), sebbene si mantenga nella stessa sfera semantica (lessico marinaresco). Se la nostra ipotesi è corretta, il significato originale di lobscouse sarebbe quindi quello di un etnonimo, ed in particolare un etnonimo eteronimo dato dai Vichinghi, oppure dai tedeschi del Nord (in entrambi i casi, esperti navigatori nei mari del Nord Europa) agli inglesi ed agli irlandesi. Questa classe speciale di nomi mostra di norma connotazioni di tipo negativo, in quanto basata su un opposizione fondamentale mirabilmente messa in luce già da G.R. Cardona tra NOI, che siamo migliori, superiori e GLI ALTRI, che sono peggiori, inferiori.

16 192 GIOVANNA MAROTTA [12] Nel nostro caso specifico, avremmo dunque il contrasto: NOI, marinai esperti versus LORO, che non sanno navigare. Riteniamo altamente probabile che la semplificazione del composto (da labskaus a skaus, e in inglese da lobscouse a scouse) sia avvenuta soltanto dopo che la parola aveva assunto la specifica connotazione metaforica antropologica. Se il nome lobscouse indica il marinaio inesperto, il passo successivo nella deriva semantica della parola può facilmente prevedere uno slittamento verso due aspetti fondamentali per l identificazione e la caratterizzazione dei gruppi etnici, vale a dire il cibo e la lingua. In altri termini, riteniamo che la parola lobscouse come pure la sua forma semplificata scouse siano passate ad indicare da una parte quello che i cattivi marinai mangiano, ovvero una misera zuppa, dall altra il modo in cui parlano, ovvero il loro dialetto. Entrambi i passaggi sopra menzionati non sono certo strani o inattesi, dal momento che cibo e lingua rappresentano le caratteristiche fondamentali per la caratterizzazione antropologica di un popolo (cfr. ancora CARDONA, 1982; LE PAGE e TABOURET KELLER, 1985). La deriva semantica di lobscouse potrebbe quindi essere schematizzata nel modo seguente: vela floscia marinaio con vela floscia cattivo marinaio zuppa mangiata dai cattivi marinai dialetto parlato dai cattivi marinai 5. Il piatto È ben noto che il cibo è un elemento che contribuisce in modo essenziale all identificazione di un gruppo etnico. Possono essere citati molti esempi in questo senso: la forma italiana crucchi in riferimenti ai tedeschi, e l analogo inglese Krauts; la parola polentoni usata dai parlanti meridionali d Italia per i settentrionali; ancora, la forma maccaroni usata dai tedeschi per indicare gli italiani, oppure il termine Eskimo (lett. mangiatori di carne cruda ) usato dagli americani per gli Inuit. A favore del passaggio dal marinaio a quello che il marinaio mangia, o, più in generale, dal nome di un lavoratore o professionista a quello che il lavoratore/professionista mangia, cioè il suo cibo, potranno d altro canto essere citate espressioni del tipo spaghetti alla marinara oppure penne alla boscaiola. Una volta chiarito che lobscouse era passato ad indicare il piatto tipico dei

17 [13] SULLE RIVE DEL MERSEY. NOTE SULL ETIMOLOGIA DI SCOUSE 193 cattivi marinai, diventa possibile spiegare la presenza di carne in una zuppa marinara: i cattivi marinai non sanno andar per mare, non sono capaci di pescare, quindi tornano a casa senza pesce, con le reti vuote; di conseguenza, sono costretti a mettere carne anziché pesce nella loro minestra. Il significato alimentare della parola composta Labskaus/Lobscouse è per così dire migrato in tutto il Nord Europa; si ricordi che il termine labskaus è in uso nelle lingue scandinave ed in tedesco, in particolare ad Amburgo, dove indica un piatto tipico simile a quello di Liverpool. Nella nostra ipotesi, il termine potrebbe essere entrato in danese, norvegese, svedese e basso tedesco come prestito dall inglese, probabilmente nel XVI e XVII secolo. La presenza delle patate tra gli ingredienti necessari per la preparazione di questa minestra consente di collocare almeno un termine temporale post quem, visto che la coltivazione di questo tubero in Europa è posteriore alla scoperta dell America. Non sarà del resto strano che proprio la lingua inglese, che aveva preso in prestito l antica forma scandinava in epoche precedenti, l abbia poi esportata nel resto del Nord Europa, dal momento che in epoca moderna la nazione inglese aveva avuto modo di aumentare considerevolmente il suo prestigio economico e culturale: gli inglesi costituivano ormai una vera e propria potenza navale europea e mondiale. Stiamo quindi ipotizzando un lungo percorso circolare per la nostra parola: nata nell Europa del Nord, entrata in Inghilterra con connotazione negativa, assunti due diversi ma correlati significati metaforici, nella sua accezione alimentare viene esportata dall inglese nel Nord Europa. Non ci stupirà certo che il nome di un piatto viaggi, per così dire, da un capo all altro dell Europa: per citare un solo esempio, gli spaghetti alla bolognese vengono attualmente preparati e consumati in tutto il mondo occidentale, talora senza consapevolezza alcuna dell origine geografica del piatto, spesso trascritto in modo non-standard, e propinato nei ristoranti stranieri, con varianti anche fantasiose, ben poco attinenti alla tradizione emiliana. 6. Il dialetto Oltre al passaggio metaforico da cattivo marinaio a zuppa del cattivo marinaio, un nuovo slittamento semantico ebbe luogo, dal momento che alla parola scouse venne assegnato anche un altro significato, vale a dire la lingua parlata dai cattivi marinai, cioè dalle popolazioni che abitavano le coste occidentali dell Inghilterra. Come il cibo, anche la lingua è caratteristica rilevante e fondante di un gruppo etnico, e dunque anche questo elemento può diventare elemento di scherno e di disprezzo tra etnìe diverse. Non mancano certo gli esempi, più o meno illustri, per illustrare la connotazione negativa associata ad

18 194 GIOVANNA MAROTTA [14] etnonimi eteronimi facenti leva sull elemento linguistico, a partire dal termine bárbaroi (letteralmente, coloro che dicono ba-ba ), con cui gli antichi greci nominavano le popolazioni confinanti, fino alla più recente denominazione didones usata dagli spagnoli per i francesi (dall espressione dis-donc, comunemente usata da questi ultimi), come pure al nome dispregiativo dato dagli ungheresi ai tedeschi, cioè vigéc (forma storpiata della frase tedesca wie geht s). Mentre il passaggio metaforico da cattivo marinaio a zuppa del cattivo marinaio non si è limitato alle isole britanniche, essendo il secondo significato attestato in varie zone dell Europa settentrionale, la deriva semantica che da cattivo marinaio conduce a lingua parlata dai cattivi marinai mostra una connotazione spaziale più ristretta, dal momento che ha assunto il significato di accent specifico dell area di Liverpool, in cui i cattivi marinai parlano un inglese per così dire bastardo. Lo stesso fenomeno si applica al derivato Scouser, vale a dire, l abitante di Liverpool che parla con il caratteristico accent della città. A questo proposito è essenziale ricordare che per moltissimo tempo Liverpool è stato uno dei porti più attivi della costa occidentale britannica; sia per questo motivo che per la vicinanza geografica, è stato il principale polo di immigrazione irlandese in Gran Bretagna. Come abbiamo notato in precedenza, buona parte della popolazione cittadina ha ascendenti irlandesi (cfr. 1), per cui è legittimo supporre che i cattivi marinai che parlavano l inglese con un forte accento straniero potessero essere facilmente identificati con gli immigrati irlandesi. Non è dunque un caso che proprio nella città di Liverpool e non altrove, il significato di scouse come specific accent abbia potuto attecchire, svilupparsi e mantenersi sino ad oggi. In questo modo, soprattutto in bocca degli inglesi autoctoni, la parola scouse acquistava una connotazione negativa ancor più marcata, perché aveva come referente primario proprio la parte della popolazione cittadina più disprezzata, in quanto misera, incolta, cattolica: in una parola, gli irlandesi. Non sarà infine fuori luogo richiamare l attenzione del lettore su una specifica caratteristica fonetica: nel composto germanico attestato nel Nord Europa ancora oggi, labskaus, così come nelle forme inglesi lobscouse e scouse rileviamo una sibilante al posto dell occlusiva coronale. Il cambiamento fonetico da t a s potrebbe essere spiegato in riferimento al tipico processo di lenizione che interessa le consonanti occlusive nell inglese parlato a Liverpool. Ricordiamo a tale proposito che il processo di lenizione sembra particolarmente attivo nel caso di bersagli occlusivi coronali, per i quali la sibilante rappresenta uni degli esiti fonetici superficiali possibili (cfr. MAROTTA e BARTH, 2005). Non è pertanto da escludere che il cambiamento t > s (cfr. lobscouti > lobscouse) sia avvenuto a Liverpool, dal momento che proprio in quella città le occlusive intervocaliche sono soggette a spirantizzazione, in epoca antica come ancora oggi.

19 [15] SULLE RIVE DEL MERSEY. NOTE SULL ETIMOLOGIA DI SCOUSE Conclusione In queste pagine abbiamo avanzato una nuova proposta etimologica per la parola inglese Scouse. La letteratura precedente sull argomento riconosce concorde la derivazione di Scouse da un composto del germanico settentrionale Labskaus, entrato in inglese come prestito nella forma lobscouse. Mentre per il primo elemento del composto è già stato in passato proposto qualche etimo, per il secondo elemento l etimologia era finora ignota. Nell ipotesi etimologica qui avanzata, suffragata dai riscontri con termini attestati in epoca sia antica che moderna in numerose lingue germaniche settentrionali, il composto nordico originario Labskaus avrebbe avuto il significato di vela floscia, ben presto riferito, per estensione metaforica, anche a marinaio che naviga con la vela floscia, cioè marinaio inesperto. In quanto etnonimo eteronimo, inventato da popolazioni del Nord Europa esperte nella navigazione dei mari Vichinghi o tedeschi del Nord Europa il nome esprimeva un atteggiamento dispregiativo nei confronti di irlandesi e inglesi, considerati di competenza inferiore in ambito marinaresco (e non solo). La parola fu in seguito estesa a due elementi fondamentali della cultura di un popolo, vale a dire il cibo e la lingua. Mediante una deriva semantica assolutamente non marcata sul piano antropologico e culturale, lobscouse, o più semplicemente scouse, passarono ad indicare da una parte il cibo che il cattivo marinaio mangia, e dall altra la lingua che il cattivo marinaio parla. Il valore originario della parola composta così come quello del semplice derivato scouse si è perduto nel corso dei secoli. Anche le persone che oggi usano quotidianamente la parola non sono più coscienti della sua origine etimologica. La deriva semantica nei suoi vari passaggi è ormai del tutto opaca: marinaio zuppa del marinaio dialetto del marinaio dialetto di Liverpool. Un tratto del significato originario del termine è rimasto tuttavia costante: la parola ha mantenuto una connotazione sociale negativa. Ancora oggi, in Inghilterra, nonostante la crescente diffusione dei tratti scouse, questo accent è percepito e giudicato almeno in parte sgradevole; in parallelo, il parlante scouser continua ad essere associato a persona incolta, poco educata e poco affidabile. In sintesi, la storia della parola Scouse costituisce un ulteriore esempio della forza degli atteggiamenti culturali di un popolo (attitudes) e di come tale forza possa esprimersi in modo particolarmente energico nel linguaggio. Questi medesimi atteggiamenti possono essere più forti dei cambiamenti linguistici e perciò mantenersi inalterati, sia pure variatis variandis, anche per secoli, mostrando una vitalità ed un radicamento insospettati ad una prima e superficiale considerazione.

20 196 GIOVANNA MAROTTA [16] Bibliografia BARBERA, M. e BARTH, M. (2006), Qualità di voce e indebolimento consonantico: un caso di correlazione in Scouse?, in SAVY, R. e CROCCO, C. (2006, a cura di), Atti del 2 Convegno Nazionale AISV, Salerno, 30 Novembre-2 Dicembre 2005, EDK Editore, Torriana (RN), pp BEAL, J. (2004), English Dialects in the North of England: Phonology, in SCHENIDER, E.W. et al. (2004, eds.), A Handbook of Varieties of English, vol. I: Phonology, Mouton de Gruyter, Berlin-New York, pp BOLINGER, D.L. (1989), Intonation and its uses, Stanford University Press, Palo Alto (CA). CARDONA, G.R. (1982), Nomi propri e nomi di popoli: una prospettiva etnolinguistica, «Centro Internazionale di Semiotica e di Linguistica», n. 119, serie C, Urbino, pp COHEN, R. (1995, ed.), The Cambridge Survey of World Migration, CUP, Cambridge (UK). CRUTTENDEN, A. (1986), Intonation, CUP, Cambridge (UK). CRUTTENDEN, A (1994), Rises in English, in LEWIS, J.W. (1994, ed.), Studies in General and English Phonetics. Essays in honour of Prof. J.D. O Connor, Routledge, London, pp CRYSTAL, D. (1996), The Cambridge Encyclopedia of the English Language, CUP, Cambridge (UK). CRYSTAL, D. (1990), The English Language, Penguin Books, London. GRABE, E. e POST, B. (2002), Intonation Variation in British Isles, in BEL, B. e MARLIEN, I. (2002, eds.), Proceedings of Speech Prosody 2002, Université d Aix-en-Provence, pp HICKEY, R. (2004), Irish English: Phonology, in SCHENIDER, E.W. et al. (2004, eds.), A Handbook of Varieties of English, Vol. I: Phonology, Mouton de Gruyter, Berlin- New York, pp HUGHES, A. e TRUDGILL, P. (1996), English Accents and Dialects: An Introduction to Social and Regional Varieties of British English, Arnold, London. JENKINS, J. (2001), The Phonology of English as an International Language, OUP, Oxford. KNOBLOCH, J. (1986), Labskaus, in «Muttersprache», 96, p KNOWLES, G.O. (1974), Scouse: the urban dialect of Liverpool, Ph. D. Thesis, University of Leeds. KNOWLES, G.O. (1978), The nature of phonological variables in Scouse, in TRUDGILL, P. (1978, ed.), Sociolinguistic Patterns in British English, Arnold, London, pp

1990-1995: MATURITÀ LINGUISTICA conseguita presso il Liceo scientifico sperimentale ad indirizzo linguistico F. Cecioni - (Livorno) con punti 58/60.

1990-1995: MATURITÀ LINGUISTICA conseguita presso il Liceo scientifico sperimentale ad indirizzo linguistico F. Cecioni - (Livorno) con punti 58/60. Curriculum Vitae et Studiorum Nadia Nocchi ISTRUZIONE 1990-1995: MATURITÀ LINGUISTICA conseguita presso il Liceo scientifico sperimentale ad indirizzo linguistico F. Cecioni - (Livorno) con punti 58/60.

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV. Regole variabili e Scale implicazionali

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV. Regole variabili e Scale implicazionali Sociolinguistica a.a. 2005-2006 IV Regole variabili e Scale implicazionali 1 Regole variabili La regola variabile rappresenta il versante descrittivo (punto di vista esterno) della variabilità linguistica

Dettagli

! Approvato AD Data 01/06/2013

! Approvato AD Data 01/06/2013 1 Dipartimento di: Lettere Linguistico: latino 1. COMPETENZE DISCIPLINARI 2. ARTICOLAZIONE DELLE COMPETENZE DISCIPLINARI Anno scolastico: 2014-2015 X Primo biennio Secondo biennio Quinto anno Competenze

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

La Globalizzazione e la salute della persona. Gallieno Marri

La Globalizzazione e la salute della persona. Gallieno Marri La Globalizzazione e la salute della persona Gallieno Marri Globalizzazione Processo conoscitivo proprio della psiche infantile per cui le cose inizialmente vengono percepite nel loro insieme, in maniera

Dettagli

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Prima di affrontare questa storia molto concisa delle traduzioni italiane di letteratura danese va fatta una precisazione: per letteratura

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE

OBIETTIVI FORMATIVI Lingua e cultura inglese AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE AREA LINGUISTICA LINGUA E CULTURA INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI (LINGUISTICO) LINGUA INGLESE Obiettivi formativi del Biennio Funzioni linguistico-comunicative - Funzioni linguistico-comunicative necessarie

Dettagli

I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole. Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it

I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole. Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it i www.sanscrito.it I suoni del sanscrito: trascrizione e pronuncia ii Indice 1 La trascrizione

Dettagli

valentina.ferraris16@gmail.com

valentina.ferraris16@gmail.com LINGUAGGIO prevenzione e intervento (proposte operative) valentina.ferraris16@gmail.com Studi retrospettivi sui precursori dei DSA Studi longitudinali sull evoluzione dei bambini con DSL Molti DSA hanno

Dettagli

COOPERATIVE LEARNING

COOPERATIVE LEARNING COOPERATIVE LEARNING RELAZIONE ANNO SCOLASTICO 2003-2004 LICEO SCIENTIFICO VILLA SORA INSEGNANTE: LOVAGLIO MARY MATERIA: INGLESE CLASSI: 3 LICEO SCIENTIFICO A/B, 5 LICEO SCIENTIFICO A/B MOTIVAZIONI L apprendimento

Dettagli

Introduzione alla lingua cinese moderna

Introduzione alla lingua cinese moderna Introduzione alla lingua cinese moderna Per lingua cinese moderna si intende la lingua ufficiale, parlata e scritta, nella Repubblica Popolare Cinese, lingua definita dal 1956 Ptnghuà 普 通 话 (letter.: lingua

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA 1. L identificazione del sito: dati generali Per capire chi proponga i contenuti di un sito è bene, all inizio del lavoro di analisi, chiarire chi ha prodotto i materiali

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

Fonologia. Secondo livello di analisi linguistica

Fonologia. Secondo livello di analisi linguistica Fonologia Secondo livello di analisi linguistica Dalla fonetica alla fonologia Dalla fonetica alla fonologia Quando si sono spiegati tutti i movimenti dell apparato vocale necessari a produrre le singole

Dettagli

GEOGRAFIA degli STATI europei ed extra-europei. Proposte didattiche per lo studio di uno stato

GEOGRAFIA degli STATI europei ed extra-europei. Proposte didattiche per lo studio di uno stato http://www.gatm.org.uk GEOGRAFIA degli STATI europei ed extra-europei Proposte didattiche per lo studio di uno stato Classi: II e III della Scuola Secondaria di Primo Grado Materia: Geografia Ore settimanali:

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Le prove di lettura di tipo cloze

Le prove di lettura di tipo cloze Prove INVALSI di italiano Le prove di lettura di tipo cloze Napoli dicembre 2014 1 Sommario 1. Che cos è una prova cloze? 2. Breve esempio 3. Vantaggi e svantaggi delle prove cloze 4. Principali versioni

Dettagli

Convegno sul tema. Terminologia grammaticale e metalinguistica nell insegnamento delle lingue straniere

Convegno sul tema. Terminologia grammaticale e metalinguistica nell insegnamento delle lingue straniere Associazione Regionale per lo Sviluppo dell'apprendimento Professionale Sede Leg.Viale Cossetti, n. 10 PORDENONE Segreteria P.zza Domenicani 8 - Pordenone tel. 0434 524449/27652; fax 0434 246491 E-Mail:

Dettagli

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/M1, SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-FIL-LET

PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/M1, SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-FIL-LET PROCEDURA SELETTIVA PER LA CHIAMATA DI UN PROFESSORE DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/M1, SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-FIL-LET /15 (Decreto del Rettore n.492 del 23 aprile 2013, pubblicato

Dettagli

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Il mantenimento della diversità linguistica, in Italia e nel resto dell Europa,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

1. Linguistica teorica e sociolinguistica

1. Linguistica teorica e sociolinguistica 1. Linguistica teorica e sociolinguistica Sociolinguistica: lo studio della lingua in rapporto con la società la linguistica teorica si basa su «idealizzazioni» e ha come oggetto principale di studio il

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

Te la do io l America

Te la do io l America JOE BASTIANICH Te la do io l America Italia-New York 50 ricette andata e ritorno SOMMARIO te la do io l america 7 breakfast 11 sn a ck 35 s alad 57 s a Nd W ich 83 H a mburger & Ho t dog 113 m a in course

Dettagli

LEGGERE: STRATEGIE DI LETTURA 2

LEGGERE: STRATEGIE DI LETTURA 2 Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa OFA Lingua Italiana (130049 e 92020) Materiale 3 LEGGERE: STRATEGIE DI LETTURA 2 1. LA LETTURA ANALITICA O DI APPROFONDIMENTO (L.

Dettagli

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1

Introduzione. Lezione 1 29 ottobre 2014. UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Introduzione Lezione 1 29 ottobre 2014 UniGramsci a.a. 2014/2015 1 Rivoluzione industriale (ca.( 1780) Trasformazione della vita umana più radicale della storia Uk: intera economia mondiale costruita attorno

Dettagli

Comunicazione intergenerazionale e mantenimento del plurilinguismo

Comunicazione intergenerazionale e mantenimento del plurilinguismo Comunicazione intergenerazionale e mantenimento del plurilinguismo Silvia Dal Negro (Bolzano) 1. Alcune premesse 1.1. L oggettiva difficoltà nell applicare in modo convincente il fattore età negli studi

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

Indice del volume. Dai suoni alle lettere. La fonetica

Indice del volume. Dai suoni alle lettere. La fonetica Indice del volume PARTE 1 Dai suoni alle lettere Fonetica, ortografia, punteggiatura 1 La fonetica Test d ingresso, p. 2 1 Pronuncia e scrittura... 3 2 L alfabeto... 3 Alle radici dell italiano Le lettere

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature straniere

Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature straniere GUIDA ALLE RISORSE ELETTRONICHE Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature straniere Colui che non sa le lingue straniere, non sa nulla della propria. (Johann Wolfgang von Goethe) Via Trieste 17, 25121

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

L apprendimento dell italiano L2 nel passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria

L apprendimento dell italiano L2 nel passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria L apprendimento dell italiano L2 nel passaggio dalla scuola dell infanzia alla scuola primaria Maria Teresa Guasti mariateresa.guasti@unimib.it www.cladeurope.eu 1 Cosa sono i Disturbi del linguaggio del

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang.

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Incontro di aggiornamento per Genitori COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN 17 Maggio 2008 Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Università di Liegi, Belgio Professore

Dettagli

Caterina Verbaro. I margini del sogno. La poesia di Lorenzo Calogero. Edizioni ETS

Caterina Verbaro. I margini del sogno. La poesia di Lorenzo Calogero. Edizioni ETS Caterina Verbaro I margini del sogno La poesia di Lorenzo Calogero Edizioni ETS www.edizioniets.com In copertina: Paul Klee, Il funambolo, 1923 Il presente volume è stato pubblicato con il contributo del

Dettagli

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale Programmazione di greco e latino Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale -Premessa Lo studio della lingua e della letteratura greca e latina è, per comune consenso, indispensabile a tutti coloro

Dettagli

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015

LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015 LICEO CLASSICO SOCRATE PROGRAMMAZIONE DI LINGUA STRANIERA INGLESE A.S. 2014/2015 PROFILO GENERALE E COMPETENZE Lo studio della lingua e della cultura straniera dovrà procedere lungo due assi fondamentali:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUE 2015/2016 PRIMO BIENNIO CLASSI PRIME

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUE 2015/2016 PRIMO BIENNIO CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUE 2015/2016 PRIMO BIENNIO CLASSI PRIME La classe 1IA è composta da 28 alunni, 19 maschi e 9 femmine. La classe sembra motivata e partecipe, dimostra impegno. La maggior

Dettagli

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale

Introduzione. Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Introduzione Motivi di un percorso per la comprensione grammaticale Questo percorso è finalizzato al recupero delle difficoltà di comprensione morfo-sintattica in bambini con disturbo specifico di linguaggio

Dettagli

Linguistica generale a.a. 2014-2015. Acquisizione del linguaggio

Linguistica generale a.a. 2014-2015. Acquisizione del linguaggio Linguistica generale a.a. 2014-2015 Acquisizione del linguaggio Alcune teorie sull acquisizione Teoria comportamentista: rinforzo della associazione fra stimolo e risposta. Critica di Chomsky (1959). Teoria

Dettagli

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA Facoltà di Missiologia ELEMENTI DI METODOLOGIA SCIENTIFICA ALCUNI SUGGERIMENTI 1. CITAZIONE IN NOTA, A PIÈ PAGINA: 1.1. Per un libro: Nome (si consiglia che sia per esteso,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata LA COMUNICAZIONE EFFICACE Dagli studi sulla comprensione linguistica alle tecniche di scrittura controllata La lingua: sistema creativo governato da regole Onnipotenza semiotica Facoltà metalinguistica

Dettagli

Neri Binazzi. Dipartimento di Linguistica Università di Firenze Piazza Brunelleschi 4 50121 Firenze Tel. 055 2756804; fax 055/2476808

Neri Binazzi. Dipartimento di Linguistica Università di Firenze Piazza Brunelleschi 4 50121 Firenze Tel. 055 2756804; fax 055/2476808 Neri Binazzi Dipartimento di Linguistica Università di Firenze Piazza Brunelleschi 4 50121 Firenze Tel. 055 2756804; fax 055/2476808 Ricercatore di ruolo in Linguistica Italiana (settore disciplinare L-FIL-LET/12)

Dettagli

La socializzazione: il linguaggio

La socializzazione: il linguaggio La socializzazione: il linguaggio Gennaro Chierchia (1997) Semantica, Il Mulino, Bologna (pp.17-23) 1 Brain storming: lavoriamo in gruppo 1. in quali circostanze, le lingue e il linguaggio sono in gioco

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2016 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

1. Fonetica e fonologia. La fonetica studia le caratteristiche fisiche dei suoni linguistici

1. Fonetica e fonologia. La fonetica studia le caratteristiche fisiche dei suoni linguistici Corso di laurea in Scienze dell Educazione A. A. 2011 / 2012 Istituzioni di Linguistica (M-Z) Dr. Giorgio Francesco Arcodia (giorgio.arcodia@unimib.it) 1. Fonetica e fonologia La fonetica studia le caratteristiche

Dettagli

La socializzazione: il linguaggio

La socializzazione: il linguaggio La socializzazione: il linguaggio Gennaro Chierchia (1997) Semantica, Il Mulino, Bologna (pp.17-23) 1 Socializzazione Trasmette: linguaggio o lingue abilità relazionali competenza emozionale norme comportamenti

Dettagli

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE

DIZIONARI E CORSI DI LINGUE CATALOGO 2015 DIZIONARI E CORSI DI LINGUE EDITORE 3 MOTIVI PER IMPARARE LE LINGUE CON I CORSI DI LINGUA DIGITAL PUBLISHING Corso 1 inglese 59,00 Contenuto: cd-rom libro di testo cuffia-microfono NUOVA

Dettagli

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo.

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Mirko Bradley Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

mimesis edizioni norme editoriali

mimesis edizioni norme editoriali mimesis edizioni norme editoriali Norme editoriali Pagina 1 di 6 UTILIZZO DI WORD Usare l inserimento automatico delle note a piè di pagina e NON ricominciare la numerazione da 1 per un nuovo capitolo,

Dettagli

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011.

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011. Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura Belluno, ottobre dicembre 2011 Michela Cendron Centro Regionale Specializzato per i Disturbi dell Apprendimento ULSS20

Dettagli

Sonia Cristofaro, Università di Pavia. Semantic maps and mental representation

Sonia Cristofaro, Università di Pavia. Semantic maps and mental representation Sonia Cristofaro, Università di Pavia Semantic maps and mental representation 1. Premessa Il presente articolo mira ad esaminare le implicazioni di modelli di multifunzionalità cross-linguistica, così

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

La scrittura. I sistemi di scrittura più diffusi: - sistemi ideografici / logografici: un simbolo > un concetto es. cinese, geroglifici, ecc.

La scrittura. I sistemi di scrittura più diffusi: - sistemi ideografici / logografici: un simbolo > un concetto es. cinese, geroglifici, ecc. La scrittura I sistemi di scrittura più diffusi: - sistemi ideografici / logografici: un simbolo > un concetto es. cinese, geroglifici, ecc. - sistemi sillabici: un simbolo > una sillaba es. loma, (Liberia

Dettagli

Rocchetta Tanaro, 3 aprile 2013. Logopedista dott.ssa Claudia Rosso

Rocchetta Tanaro, 3 aprile 2013. Logopedista dott.ssa Claudia Rosso Rocchetta Tanaro, 3 aprile 2013 Logopedista dott.ssa Claudia Rosso LIVELLO MORFOSINTATTICO E TESTUALE LIVELLO SEMANTICO LESSICALE LIVELLO FONETICO FONOLOGICO COMPRENSIONE PRODUZIONE FONOLOGIA FONETICA

Dettagli

Programmazione di italiano per competenze

Programmazione di italiano per competenze Programmazione di italiano per 0050_GU042400775T@0013_0018.indd 13 10/03/15 09.34 Primo anno Lingua Primo anno Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Lingua Inglese DOCENTE: Maria Cristina Palmieri CLASSE II SEZ. A A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

parte I teoria generale lezione 2 saussure, concetti fondamentali

parte I teoria generale lezione 2 saussure, concetti fondamentali Corso di Semiotica per la comunicazione Università di Teramo a.a. 2007/2008 prof. Piero Polidoro parte I teoria generale lezione 2 saussure, concetti fondamentali Sommario 3. 4. linguistico 5. verticale

Dettagli

STARTER UNIT: revisione di alcune strutture e del lessico affrontati alla scuola primaria. Obiettivi specifici di apprendimento (OSA)

STARTER UNIT: revisione di alcune strutture e del lessico affrontati alla scuola primaria. Obiettivi specifici di apprendimento (OSA) ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILMINORE DI SCALVE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SCHILPARIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA D INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE 1 A PROF. FEDRIGHI FABIO STARTER UNIT: revisione

Dettagli

OBESITA': CON CORSI DI CUCINA SANA MEDICI PIU' BRAVI CON PAZIENTI

OBESITA': CON CORSI DI CUCINA SANA MEDICI PIU' BRAVI CON PAZIENTI OBESITA': CON CORSI DI CUCINA SANA MEDICI PIU' BRAVI CON PAZIENTI (AGI) - New York, 25 feb. - Un'educazione continua che include anche corsi di cucina veri e propri e' il modo migliore per migliorare i

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai:

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai: Unità 15 Muoversi nel territorio In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui servizi relativi al trasporto urbano parole relative all uso dei trasporti urbani ed agli strumenti

Dettagli

Globalizzazione e etnicità dell alimentazione Gallieno Marri

Globalizzazione e etnicità dell alimentazione Gallieno Marri Globalizzazione e etnicità dell alimentazione Gallieno Marri Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita Globalizzazione Processo conoscitivo proprio della psiche infantile per cui

Dettagli

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria

L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria L insegnamento-apprendimento della lingua inglese nella scuola primaria Diana Saccardo MIUR-Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici La riforma scolastica propone l insegnamento-apprendimento

Dettagli

Lifelong Learning Programme Multiculturalism, Migration, Mathematics Education and Language

Lifelong Learning Programme Multiculturalism, Migration, Mathematics Education and Language Lifelong Learning Programme Progetto M 3 EaL Multiculturalism, Migration, Mathematics Education and Language [Contract No. 526333-LLP-1-2012-1-IT-COMENIUS-CMP] QUESTIONARIO PER INSEGNANTI DI MATEMATICA

Dettagli

Fonologia. Fonemi, allofoni e strani casi dell italiano

Fonologia. Fonemi, allofoni e strani casi dell italiano Fonologia Fonemi, allofoni e strani casi dell italiano Dalla fonetica alla fonologia Dalla fonetica alla fonologia Quando si sono spiegati tutti i movimenti dell apparato vocale necessari a produrre le

Dettagli

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci

Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria. Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Laboratorio sulla scrittura di sintesi nella scuola primaria Bolzano 2 26 marzo 2015 Paola Iannacci Lo sfondo: la sintesi nelle Indicazioni nazionali del 2012 e ipotesi di curricolo Conoscenze di base

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO Lingua Inglese Classi prime

PERCORSO FORMATIVO Lingua Inglese Classi prime Traguardi per lo sviluppo delle competenze: PERCORSO FORMATIVO Lingua Inglese Classi prime ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Ø Comprende semplici messaggi orali. Ø Interagisce nel gioco utilizzando semplici espressioni

Dettagli

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Coordinamento di Feljeu : Caterina Colonna, Anna Cornacchia, Annalisa Divincenzo Finalità della ricerca Il sondaggio

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

LATINO (biennio linguistico)

LATINO (biennio linguistico) LATINO (biennio linguistico) OBIETTIVI (CLASSE I) Al termine della classe prima lo studente dovrà essere in possesso delle seguenti: morfologia e sintassi della lingua italiana (recupero e consolidamento

Dettagli

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 II modulo didattico. V Competenza multipla Bilinguismo e diglossia

Sociolinguistica a.a. 2005-2006 II modulo didattico. V Competenza multipla Bilinguismo e diglossia Sociolinguistica a.a. 2005-2006 II modulo didattico V Competenza multipla Bilinguismo e diglossia 1 Il repertorio linguistico Definiti i fattori che all interno di una comunità linguistica influenzano

Dettagli

Risposte alle domande del Capitolo 4

Risposte alle domande del Capitolo 4 Linguistica generale, 2e Giovanni Gobber, Moreno Morani Copyright 2014 McGraw Hill Education (Italy) 4.1 Qual è l oggetto di indagine della morfologia? Risposte alle domande del Capitolo 4 La morfologia

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Das Bild kann nicht angezeigt werden. Dieser Computer verfügt möglicherweise über zu wenig Arbeitsspeicher, um das Bild zu öffnen, oder das Bild ist beschädigt. Starten Sie den Computer neu, und öffnen

Dettagli

Faxian: un pellegrino cinese nell India del V secolo

Faxian: un pellegrino cinese nell India del V secolo Ester Bianchi Faxian: un pellegrino cinese nell India del V secolo Con traduzione del diario di viaggio Gaoseng Faxian zhuan Nuova edizione Morlacchi Editore Prima edizione 2012 Seconda edizione (integrata

Dettagli

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Allegato N 11 Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Finalità Le finalità generali dell insegnamento della lingua straniera comprendono: l acquisizione

Dettagli

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE

LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE IL CONTRIBUTO DELLE NEUROSCIENZE: IL DIBATTITO IN AMBITO EDUCATIVO. Bressanone 26/10/2012; Daniela Mario LA BASE MOTORIA E INTENZIONALE DELL APPRENDERE I neuroni specchio e le rappresentazioni condivise

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE LINGUA INGLESE

CURRICOLO VERTICALE LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO di CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO: Comprensione orale Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi.

Dettagli

DALLA LETTURA DELLA DIAGNOSI ALLA PERSONALIZZAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI A SCUOLA. Nicolini Silvia, LOGOPEDISTA UONPIA TERRITORIALE PIEVE DI CORIANO

DALLA LETTURA DELLA DIAGNOSI ALLA PERSONALIZZAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI A SCUOLA. Nicolini Silvia, LOGOPEDISTA UONPIA TERRITORIALE PIEVE DI CORIANO DALLA LETTURA DELLA DIAGNOSI ALLA PERSONALIZZAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI A SCUOLA Nicolini Silvia, LOGOPEDISTA UONPIA TERRITORIALE PIEVE DI CORIANO Lo sviluppo del linguaggio e della comunicazione: PRIMA

Dettagli

Breve storia del corsivo

Breve storia del corsivo Breve storia del corsivo A cura di Monica Dengo Il modello di scrittura spiegato nell articolo Come imparare a scrivere meglio, ha origine nelle scritture del Rinascimento. Queste ultime si possono sommariamente

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

7 - Lezione. Urbanizzazione e sovraurbanizzazione

7 - Lezione. Urbanizzazione e sovraurbanizzazione 7 - Lezione Urbanizzazione e sovraurbanizzazione Contenuti 1. L evidenza del fenomeno dell inurbamento nei PVS 2. Le interpretazioni del fenomeno: urbanizzazione e sovraurbanizzazione 1. Il fenomeno dell

Dettagli

(lo sviluppo del linguaggio nei bambini in età prescolare)

(lo sviluppo del linguaggio nei bambini in età prescolare) Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA (lo sviluppo del linguaggio nei bambini in età prescolare) Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia Fucili Dott.ssa

Dettagli