DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5^ E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5^ E"

Transcript

1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Sociali Tito Lucrezio Caro CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel fax Codice Fiscale Codice Ministeriale PDIS01300X - ESAMI CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI SUPERIORI ANNO SCOLASTICO 2009/2010 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5^ E Approvato nella seduta del Consiglio di Classe del 13 maggio 2010 Coordinatore di classe : MARCON CRISTINA Primo Premio 2006 Qualità per la Scuola del Veneto Label Europeo Lingue 2007 Scuola polo per la dimensione Europea dell Istruzione 1

2 PROFILO DELLA CLASSE 1.1 Elenco materie e docenti MATERIA ITALIANO LATINO LINGUA LETTERATURA INGLESE STORIA FILOSOFIA MATEMATICA FISICA SCIENZE CHIMICA GEOGRAFIA DISEGNO STORIA DELL ARTE EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE DOCENTE ROBERTO CERVATO NICOLETTA PENELLO MATTIA TURATELLO PAOLO BOLZONELLA CRISTINA MARCON GIUSEPPE ORLANDO FRANCESCO SORRENTINO ANDREA GUARISE 1.2 Elenco alunni ( femmine, maschi) Totale - alunni 1 BERNO CLAUDIA 16 MORO MARGHERITA 2 BERTO MASSIMO 17 PETRIN SARA 3 BONETTO VERONICA 18 PILOTTO ENRICO 4 CAMPAGNOLO ALESSIO 19 PLUCHINO GIOELA 5 CAMPIGOTTO FEDERICA 20 SCARANTO NICOLA 6 CAPPELLOTTO ELISA 21 SPESSATO FRANCESCO 7 CARLESSO ANNA CHIARA 22 SPIGA SOFIA 8 CARLON CHIARA 23 TOMBOLAN MICHELE 9 CECCHELLE ANNA 24 TONIATO ANDREA 10 GIACOMAZZO MARCO 25 VIALE CHIARA 11 GRECO ANNALISA 26 ZANTOMASI ARIANNA 12 IDOTTA CHIARA 27 ZECCHIN GIANMARCO 13 LAGO GIACOMO MARIGA FEDERICO MISSAGIA ANDREA Rappresentanti di classe studenti: CHIARA IDOTTA, MARCO GIACOMAZZO Rappresentanti di classe genitori: CLAUDIA CECCHETTO, CARLA RIGHI 1.4 a Storia della classe CONTINUITA DIDATTICA 3^ 4^ 5^ LETTERE ROBERTO CERVATO ROBERTO CERVATO ROBERTO CERVATO LINGUA LETTERATURA INGLESE STORIA FILOSOFIA MATEMATICA FISICA ELENA SANDONA PATRIZIA DANIELE NICOLETTA PENELLO ROBERTA GALLATO FABIO VERDUCI DAVINA PRIOLI (MATEMATICA) ELENA BIVIANO (FISICA) NICOLETTA PENELLO NICOLETTA PENELLO MATTIA TURATELLO MATTIA TURATELLO EMILIANA TONIN PAOLO BOLZONELLA SCIENZE CHIMICA GEOGRAFIA CRISTINA MARCON CRISTINA MARCON CRISTINA MARCON DISEGNO STORIA DELL ARTE ANDREA GREGGIO ANNALISA GIUSEPPE ORLANDO RONDINELLI EDUCAZIONE FISICA CRISTINA MUREDDA FRANCESCA DE BIASI FRANCESCO SORRENTINO RELIGIONE ANDREA GUARISE ANDREA GUARISE ANDREA GUARISE 1.4 b Alunni iscritti Iscritti da altra Promossi Promossi con Non promossi classe o ripetenti debito Terza Quarta Quinta

3 1.5 Commento riassuntivo La classe 5E è costituita da 27 alunni che hanno avuto quasi tutti un curriculum scolastico regolare. La composizione del gruppo classe, come si può notare dalla tabella 1.4 b ha avuto alcune modifiche negli ultimi 3 anni. La classe è giunta alla classe terza (anno scolastico 2007/08) nel numero di 29 studenti di cui 27 provenienti dal nucleo originario. Si inseriscono nella classe 2 allievi, uno proveniente dal bilinguismo e uno ripetente, 4 alunni risultano non promossi. In quarta si hanno altri 2 ingressi: uno proveniente dal bilinguismo e uno ripetente. La continuità didattica è stata garantita nelle materie italiano, latino, scienze naturali e religione e parzialmente per inglese. E mancata nel triennio per le materie matematica, fisica, storia, filosofia, inglese, disegno e storia dell arte, educazione fisica. La continuità tra classe quarta e classe quinta risulta per storia e filosofia. La mancanza di continuità didattica in alcune discipline, con la conseguente mancanza di stabilità nelle richieste didattiche e nella metodologia di lavoro, ha in parte disorientato gli studenti, che non sono sempre riusciti - per esempio in disegno e storia dell arte ad elaborare un metodo di lavoro autonomo sempre efficace e rispondente alle richieste dei docenti, producendo di conseguenza difficoltà nei risultati e nell applicazione. Dal punto di vista del profitto la classe presenta un giudizio globale discreto. L area umanistica e linguistica si presenta con un giudizio quasi discreto, l area scientifica di indirizzo è più che discreta. A fronte di un 30% della classe che presenta esiti buoni in entrambe le aree, si registra un 20% che presenta debolezze nell area umanistica e linguistica, raggiungendo tuttavia una sufficienza complessiva considerando nella globalità abilità e conoscenze. Dal punto di vista della partecipazione la classe non ha sviluppato nel suo complesso un interesse continuo e proficuo in vista di una piena maturazione personale attraverso le discipline scolastiche. Si deve tuttavia riconoscere come nella classe spicchino elementi che hanno partecipato alle proposte didattiche e non della scuola e dei docenti, maturando in questo ambito una coscienza dello studente che apprende tale da poter superare anche le difficoltà specifiche incontrate nel percorso. Per altri lo studio è stato più intenso solo in corrispondenza delle verifiche, e non sempre autonomo e critico. Per quanto riguarda il comportamento disciplinare nel corso del triennio i rapporti tra alunni e docenti non sono sempre stati improntati alla massima correttezza, ma sono certamente migliorati nell ultimo anno, anche se ci sono stati momenti di incomprensione, poi complessivamente risoltisi, con gli insegnanti di storia e filosofia e storia dell arte. Il tasso di assenteismo è stato contenuto. 2SITUAZIONE IN INGRESSO DELLA CLASSE 3 Risultati dello scrutinio finale della classe 4^ (alunni promossi) Materia Alunni promossi con 6 Alunni promossi con 7 Alunni promossi con 8 Alunni promossi con 9/10 Alunni con debito formativo Italiano Latino Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze Disegno-Arte Educazione Fisica VERIFICHE EFFETTUATE NEI CONFRONTI DEGLI ALUNNI CON DEBITO FORMATIVO Recupero debito formativo classe 4^ Materia Alunni che hanno saldato il debito Scienze 1 Matematica 5 Latino 1 4 INIZIATIVE COMPLEMENTARI E/O INTEGRATIVE a) Attività a cui ha partecipato tutta la classe nel corso di quest anno scolastico - Progetto educazione alla salute: Crescere bene Formazione AVIS, Il sangue e la donazione - Viaggio di istruzione a Berlino 3

4 - Uscita didattica Cima Grappa-Museo e camminata nei luoghi più significativi della Grande Guerra - Mostra Palazzo Zabarella Telemaco Signorini a Padova - Conferenza Energia, georisorse e tutela ambientale dell ing. Saralli - Partecipazione alla conferenza Padova città delle Stelle b) Attività a cui ha partecipato parte della classe - Progetto educazione alla salute: - Percorsi di andrologia - Incontro con l andrologo dott.grolla - Progetto educazione alla salute: Donazione AVIS presso la sede ASL 15 di Cittadella - Progetto Chi ri cerca, trova per la preparazione e l approfondimento del colloquio d esame - Partecipazione ai giochi sportivi studenteschi: fase provinciale e regionale di nuoto, fase provinciale di Pallacanestro, fase provinciale Calcio a 5, fase provinciale e regionale Corsa campestre - Visita Agripolis a Legnaro - Adesione Admo - Orientamento in uscita(iniziative università Bocconi, Partecipazione seminari dei laboratori della facoltà di Architettura di Venezia, preparazione ai test ingresso.) - Fase di Istituto Olimpiadi della matematica Giochi matematici Kangourou 5. OBIETTIVI TRASVERSALI Vengono qui riportati gli obiettivi specifici individuati dal consiglio di classe dei docenti e trascritti nella Programmazione di classe comune Educativi: q rispetto nei confronti delle persone: alunni, docenti e tutto il personale della scuola q rispetto del Regolamento di Istituto (in particolare rispetto degli orari, delle norme riguardanti le assenze, le giustificazioni ) q rispetto delle strutture scolastiche (aule, arredi, laboratori, servizi); q sviluppo del senso di responsabilità sia individuale che collettiva (correttezza di comportamento nelle assemblee di classe, di istituto ) q sviluppo del senso di responsabilità nei confronti dei propri doveri scolastici q apertura a mettersi in discussione, per giungere a una migliore definizione di sé, attraverso il confronto costante con gli altri q elaborare, esprimere ed argomentare le proprie opinioni q ampliamento della cultura di base q maturità nella gestione tanto dei successi quanto di eventuali difficoltà q partecipare attivamente alle attività didattiche ed extracurricolari proposte (per quanto riguarda le attività extracurricolari, il Consiglio di classe ritiene che si dovrebbe favorire l alternanza delle attività exstracurricolari nei vari giorni della settimana q rafforzamento e affinamento del metodo di studio q consapevolezza delle proprie aspirazioni e attitudini al fine dell inserimento nel mondo del lavoro o per il proseguimento degli studi q sviluppare spirito critico negli alunni e insegnare loro a leggere la realtà e a confrontarsi con la Storia Didattici: q affinare un metodo di lavoro personale ed efficace q affinare la capacità di autovalutazione e della riflessione critica e autonoma q potenziare le capacità di analisi, sintesi e rielaborazione personale dei contenuti appresi q potenziare le capacità di decodificare messaggi e testi di diversa natura e tipologia (linguaggio orale, matematico, iconico-visivo) cogliendone i nuclei fondamentali e contestualizzandoli opportunamente 4

5 q riconoscere e creare collegamenti tra le diverse discipline, allo scopo di raggiungere l unitarietà dei saperi q approfondire e arricchire le nozioni di base delle singole discipline q consolidare la capacità di organizzare, sia nella comunicazione verbale che scritta, un discorso compiuto usando una terminologia appropriata 6. Il consiglio di classe ha individuato inoltre i seguenti strumenti per il raggiungimento degli obiettivi trasversali: q la centralità dello studente nel processo di insegnamento-apprendimento q la coerenza da parte del Consiglio di classe nella trasmissione dei messaggi agli studenti q l alternanza di lezioni frontali e di lezioni dialogiche e partecipate q la programmazione mirata e attenta delle verifiche scritte per evitarne quanto più possibile la concentrazione in particolari giornate q la chiarezza nella comunicazione, non solo specificatamente disciplinare 7 VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI 7.1 Criteri adottati Per i criteri generali di valutazione si fa riferimento al POF e per quelli specifici relativi ad ogni disciplina si rimanda ai criteri approvati dai singoli dipartimenti e alle relazioni finali dei docenti. 7.2 Numero di verifiche effettuate nell'anno scolastico e tipologie di prove Materia Interrogazioni (n. medio per studente) Compiti scritti (tema, analisi del testo, saggio breve ecc) Compiti scritti (problemi, casi esercizi) Prova strutturata o semistrutturata Simulazione terza prova Italiano Latino Inglese Storia Filosofia Matematica 3 5 Fisica Scienze Disegno-Arte Ed. Fisica 1 9 Religione 1 8 SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA D'ESAME 8.1 La struttura della prova Sono qui di seguito riportati i criteri generali per lo svolgimento delle simulazioni di terza prova scritta : Numero di simulazioni per l'intero anno scolastico : 3 simulazioni Periodi di effettuazione: dicembre, febbraio, aprile Durata della prova: 3 ore per ciascuna delle tre simulazioni (si propone lo svolgimento in 3.5 h) Numero di materie: 4 materie per ciascuna simulazione Tipologia dei quesiti: B, quesiti a risposta aperta con vincolo di righe (massimo 8-10 righe per ciascun quesito) Modalità: 12 domande: 4 materie con 3 quesiti, 4 fogli separati per 4 discipline con indicazione nome e cognome su ciascuno Strumenti utilizzabili: vocabolario monolingue per la lingua straniera 8.2 Prove effettuate 1 DATA: Tipologia B: 15/12 / DATA: Tipologia B: 13/2/ DATA: Tipologia B: 22/4/2010 5

6 .8.3 Valutazione delle prove Per i criteri di valutazione si rimanda alle griglie allegate. 8.4 Risultati delle simulazioni (Medie in quindicesimi) < Prima Seconda Terza Medie delle singole discipline nelle simulazioni (in quindicesimi) Prima simulazione: 15/12 /2009 Media in quindicesimi Inglese 11,93 Arte Fisica 12.9 Storia Seconda simulazione: 13/2/2010 Media in quindicesimi Domanda 1 Domanda 2 Domanda 3 Scienze Filosofia Latino Inglese Terza simulazione 22/4/2010 Tutti gli alunni sono stati presenti a tutte le prove. Media in quindicesimi Domanda 1 Domanda 2 Domanda 3 Scienze Storia Fisica Inglese Elenco allegati: 1 Copie delle simulazioni di terza prova d'esame somministrate; 2 Griglie di valutazione adoperate; 3 Relazioni e programmi svolti delle varie discipline. Allegato 1: Testi terze prove PRIMA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA: 15 DICEMBRE 2009 INGLESE 1) Compare (in form and meaning) Blake s London and Wordsworth s Composed Upon Westminster Bridge. 2) When were the Lyrical Ballads published? Who were its authors? Explain the following quotes: [poetry is] emotion recollected in tranquillity and [poetic faith] is [the] willing suspension of disbelief. 3) Outline briefly Wordsworth s relationship to Nature in the poems Daffodils and Tintern Abbey? What is the role of memory in both poems? 6

7 1) Modelli atomici. 2) Polarizazione dei dielettrici. FISICA 3) Analogie e differenze fra campo elettrico e campo gravitazionale. Illustra il contrasto tra neutralisti e interventisti Illustra la battaglia di Verdun Descrivi la vita in trincea durante la guerra STORIA STORIA DELL ARTE Rispondi ai tre quesiti sotto riportati, restando all interno degli spazi assegnati di 10 righe. Osserva con attenzione le opere riprodotte, e per ciascuna di esse elabora una breve scheda contenente i seguenti dati: autore, titolo, materiale, corrente di appartenenza, cronologia, collocazione dell opera. Completa quindi ciascuna scheda inserendo elementi pertinenti all analisi stilistico-formale, compositiva e aspetti simbolici, iconografici ecc. 1. Discuti in 10 righe sul fenomeno artistico dell Art Nouveau; 2. Commenta il dipinto impressionista Moulin de la Galette di Pierre-Auguste Renoir. 3. Commenta il dipinto dal titolo Chi siamo? Cosa siamo? Dove andiamo? dell artista Gauguin SECONDA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA: 13 FEBBRAIO 2010 SCIENZE 1 a.quale presupposto accomuna la teoria dello stato stazionario e la teoria del big bang? B. In che cosa differiscono le due teorie? 2 a. Che cosa si intende per anno solare e anno sidereo? B. Qual è la loro durata? c. Qual è la causa della loro differenza? 3 Una volta le eclissi erano presagio di sventura, ha ancora senso pensarla così? Motiva la tua risposta. INGLESE 1) The inscription on the pedestal of the statue proclaims Ozymandias great pride and self-confidence. How does the inscription appear ironic, considering the condition of the statue and landscape as the traveler describes them? How would you state the theme of the poem? 2) What are the main features emerging from the description of Coketown in the beginning of Dickens Hard Times? 3) Why can the comparison of Becky Sharp to a siren in Vanity Fair be considered a metaphor for Victorian morality? FILOSOFIA Qual è la differenza tra l ateismo di Feuerbach e quello di Marx? Qual è la differenza tra la critica ad Hegel di Feuerbach e quella di Marx? Qual è la critica di Marx all economia liberista? LATINO 1) Hoc ego Paulinae meae dixi, quae mihi valetudinem meam commendat. Nam cum sciam spiritum illius in meo verti, incipio, ut illi consulam mihi consulere. Et cum me fortiorem senectus ad multa reddiderit, hoc beneficium aetatis amitto; venim mihi in mentem in hoc sene et adulescentem esse cui parcitur. Itaque quoniam ego ab illa non inpetro ut me fortius amet, a me inpetrat illa ut me diligentius amem. (Seneca, Epistulae morales ad Lucilium 104, 1-5), 7

8 Individua le espressioni che sottolineano la reciprocità dei sentimenti tra i coniugi: in particolare spiega quali figure retoriche vengono usate per metterla in risalto. Perchè, secondo te, questo testo rappresenta la testimonianza originale di una nuova morale che lentamente si sta affermando nella prima età imperiale? 2) Indulgendum est enim honestis adfectibus; et interdum, etiam si premunt causae, spiritus in honorem suorum vel cum tormento revocandus et in ipso ore retinendus est, cum bono viro vivendum sit non quamdiu iuvat sed quamdiu oportet: ille qui non uxorem, non amicum tanti putat ut diutius in vita commoretur, qui perseverabit mori, delicatus est. (Seneca, ibidem) Spiega in che senso tale segmento del brano rappresenta un esempio tipico dello stile senecano per quanto attiene all'organizzazione espositiva e alla funzione del testo. 3) Ergo saepta pudicitia agunt, nullis spectaculorum illecebris, nullis conviviorum irritationibus corruptae. Litterarum secreta viri pariter ac feminae ignorant. Paucissima in tam numerosa gente adulteria, quorum poena praesens et maritis permissa: abscisis crinibus nudatama coram propinquis expellit domo maritus ac per vicum verbere agit; publicatae enim pudicitiae nulla venia... Numerum liberorum finire aut quemquam ex agnatis necare flagitium habetur, plusque ibi boni mores valent quam alibi bonae leges. (Tacito, Germania XVIII-XIX) Facendo riferimento al testo, spiega se l adulterio presso i Germani presenta degli aspetti comuni a quelli che il fenomeno aveva a Roma. Nell ultimo periodo, Tacito chiude con una sententia in cui afferma che i boni mores valgono più delle bonae leges: a cosa si riferisce? TERZA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA: 22/4/2010 STORIA Analizza le conseguenze a lungo termine della crisi del 1929 sull economia tedesca Analizza il controllo di Stalin sull opinione pubblica sovietica Descrivi il conflitto tra anarchici e comunisti nella Guerra di Spagna SCIENZE 1. a. Oggi si parla molto di effetto serra e di riscaldamento globale della terra causato dall aumento dell anidride carbonica nell atmosfera. L innalzamento della temperatura sulla terra può essere determinato da altre cause? B. Se sì, spiega quali condizioni possono determinare questi cambiamenti. 2. a.nel sistema solare esiste un pianeta con un forte effetto serra. Di quale pianeta si tratta? b.quali sono le cause di questo elevato effetto serra? c. Quale altra caratteristica peculiare ha questo pianeta? 3. Fai la classificazione delle rocce clastiche esplicitando (a)criteri, (b)caratteristiche e ( c) esempi INGLESE 1) Discuss briefly how Blake structures (in form and meaning) the complementary poems The Lamb and The Tyger. 2) Outline briefly structure and themes of Dickens Hard Times. 3) What is the general theme of Shaw s Mrs Warren s Profession? What was the main aim of Shaw s plays? Discuss the importance of language and stage directions in Shaw s idea of realistic theatre, making explicit reference to the extract we read from Mrs Warren s Professio 1) Corrente elettrica e conduttori metallici 2) Potenziale di estrazione ed effetto Volta. FISICA 3) Diodo a giunzione: principio di funzionamento e suo utilizzo. 8

9 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA TERZA PROVA DI INGLESE tipologia B descrittori Risposte quesiti punteggio Non è stata fornita alcuna risposta 1 La risposta è un frammento praticamente incomprensibile 2-3 Risposta quasi del tutto incomprensibile o non pertinente 4-5 Risposta confusa, scarsamente pertinente e fortemente difettosa nel linguaggio Risposta parzialmente accettabile, ma confusa nei contenuti e linguisticamente difettosa Risposta comprensibile e sostanzialmente pertinente, sebbene incompleta o con qualche grave errore grammaticale 10 Risposta soddisfacente per quanto riguarda l essenza del contenuto e comprensibile anche se non totalmente corretta nel linguaggio Risposta pertinente nei vari aspetti del contenuto e sostanzialmente corretta nel linguaggio RIsposta caratterizzata da pertinenza e completezza contenutistica e da una buona qualità di espressione linguistica Risposta eccellente nel linguaggio e nel contenuto o, pur se contenente qualche imprecisione linguistica, notevole per originalità di contenuto e/o efficacia testuale

10 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA 3^ PROVA FISICA CANDIDATO:... Indicatori Punteggio X/10 Punteggio Y/15 Descrittori Completezza e correttezza delle conoscenze Pertinenza alla questione e capacità di cogliere ì problemi Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo conoscenze inesistenti o molto scorrette e lacunose non colto o travisato il senso della questione proposta Argomentazione Contraddittoria e inconcludente Capacità di elaborazione e sintesi Padronanza dei linguaggi specifici e competenze espositive disarticolata e farraginosa, non sa individuare i concetti chiave totale mancanza di padronanza nel linguaggi specifici, esposizione confusa e frammentaria conoscenze imprecise e frammentarie trattazione divagante o solo marginalmente attinente alla questione proposta poco fondata e in parte incoerente imprecisa e generica, coglie solo parzialmente i concetti chiave linguaggio approssimativo e talvolta scorretto, esposizione difficoltosa e a volte involuta conoscenze non approfondite ma in sostanza corrette trattazione attinente alla questione che non viene però approfondita in tutti i suoi risvolti schematica ma coerente chiara, ma schematica, sa individuare i concetti chiave linguaggio semplice, ma corretto, esposizione schematica, ma essenziale conoscenze chiare e corrette trattazione puntuale della questione proposta ordinata e coerente articolata e coerente, sa individuare i concetti chiave e fare collegamenti padronanza nell'uso dei linguaggi specifici, esposizione chiara e efficace conoscenze approfondite trattazione che esaurisce in modo esaustivo la questione proposta rigorosa e fondata completa ed organica, coglie i concetti chiave, li relaziona con elasticità esercitata padronanza nell'uso dei linguaggi specifici, esposizione fluida e precisa conoscenze molto approfondite, prodotto anche di un percorso individuale di ricerca e rielaborazione critica trattazione che non solo esaurisce in modo esaustivo la questione proposta, ma allarga problematica mente i suoi termini rigorosa e aperta alla problematizza zione critica organica e aperta alla problematizza zione critica e all'intreccio interdiscipiinare esercitata padronanza nel l'uso dei linguaggi specifici, esposizione fluida, rigorosa, elegante Omogeneità nella preparazione discreta buona ottima GIUDIZIO COMPLESSIVO:... PUNTEGGIO ASSEGNAT0 10

11 Griglie di valutazione utilizzate per: SCIENZE, LATINO, FILOSOFIA, STORIA MATERIA: Conoscenza, completezza e pertinenza delle informazioni 35% Capacità di analisi e sintesi 25% Coerenza argomentativi Scorretta, lacunosa e non pertinente 1 Totalmente carente 1 VOTO. Parziale e Essenziale approssimativa 2 Poco efficace 2 Contraddittoria e disorganica 3 Corretta 3 Corretta Chiara e abbastanza approfondita 4 Precisa, completa e pertinente 5 Puntuale ed efficace 4 Approfondita e organica 20% Correttezza formale ed uso di un linguaggio specifico 20% Impreciso e non appropriato 1 Globalmente corretto e appropriato 2 Scorrevole e appropriato 3 GRIGLIA DI CORREZIONE E VALUTAZIONE TERZA PROVA SCRITTA DI STORIA DELL'ARTE INDICATORE DESCRIZIONE PUNTI DA ASSEGNARE Conoscenze Sa richiamare alla memoria le informazioni Fino a 4 Competenze Dimostra di comprendere il testo Fino a 4 Espone con correttezza formale (utilizza regole e procedure apprese) Fino a 2 Capacita' Sa dare un apporto personale e dimostra Fino a 3 capacità critiche Dimostra capacità di analisi, di sintesi e agilità Fino a 2 nei nessi e nelle comparazioni TOT 15 11

12 RELAZIONI E PROGRAMMI SVOLTI DELLE VARIE DISCIPLINE: RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Docente: Cervato Roberto A.S Materia: Italiano Classe 5E In relazione alla programmazione curricolare sono stati generalmente conseguiti i seguenti obiettivi in termini di: Conoscenze - Svolgimento della letteratura italiana dall'età della Restaurazione al primo Novecento, con particolare riferimento ai vari movimenti, colti nelle loro caratteristiche peculiari e, più in generale, nel loro rapporto con l'epoca storica nella quale sono sorti. - Gli autori principali con i tratti salienti della formazione e della poetica. Individuazione dei temi principali della loro produzione e delineazione del rapporto con la cultura del loro tempo. Competenze - Uso sufficientemente corretto della lingua, a livello sia scritto che orale, anche in relazione allo specifico linguaggio letterario. - Trattazione di un argomento letterario in modo pertinente, coerente e coeso, facendo riferimento ai testi esaminati e commentati ed, eventualmente, a letture personali. - Collocazione del testo in relazione con altri testi dello stesso autore o di altri autori, coevi e non, con altre espressioni artistiche e culturali. - Conoscenza della poetica esplicita degli autori studiati e individuazione nei testi di elementi di poetica implicita. - Individuazione del rapporto fra produzione letteraria di un'epoca o di un autore e le influenze della tradizione letteraria, del gusto o estetica dominanti, nonché le innovazioni emergenti. Capacità di rielaborazione : - pianificare adeguatamente i testi, curare l'organizzazione concettuale (coerenza), l' efficacia del procedimento (coesione) e del linguaggio; - costruire ragionamenti consequenziali, aderenti alla traccia e rispettosi delle consegne sul piano sia dei contenuti sia della scelta della tipologia testuale. Capacità di argomentazione : - curare con attenzione la scelta delle "prove" a sostegno / confutazione, l'uso dei connettivi logico-formali e semantici nella costruzione dei blocchi di testo. - operare collegamenti fra ambiti disciplinari diversi. Risultati ottenuti ed osservazioni: Ho insegnato Italiano in 5E nell'arco del triennio del corso di studi. La prima parte del lavoro è stata dedicata alla definizione di un minimo bagaglio terminologico concettuale e alla delineazione di una didattica il più possibile adeguata alle istanze dell' Esame di Stato: l'assenza di solidi fondamenti metodologici e l'abitudine ad un apprendimento pedestremente manualistico, in uscita dal biennio, avevano reso la maggior parte della classe sprovvista di strumenti adeguati all analisi e alla rielaborazione; anche le capacità richieste per affrontare le nuove tipologie scritte risultavano poco adeguate. Le attività svolte hanno sortito, nel corso degli anni, dei risultati positivi, soprattutto in relazione ai punti A e B, sopra descritti (conoscenze e competenze), anche se si segnala, la persistenza di un'attitudine poco pronunciata all'autonomia nella gestione dei contenuti della programmazione e alla rielaborazione personale: non sono stati, infatti, molti i momenti in cui pochi studenti si sono dimostrati partecipi e disponibili all'interazione didattica, che ha dovuto essere spesso sollecitata Quanto alle modalità di svolgimento del programma, ho privilegiato il momento della lettura dei testi, cercando, nella maggior parte dei casi, di analizzarli in classe, al fine di favorire il consolidamento della capacità di riflessione sul piano infra, inter ed extra testuale; in tal senso l'atteggiamento non sempre collaborativo della maggior parte degli alunni è stato certamente un condizionamento forte anche per ciò che attiene alla scansione dei tempi del lavoro che mi hanno indotto a procedere ad una distillazione dei contenuti mirata a cogliere gli aspetti salienti delle poetiche considerate. Il rendimento generale si è comunque mantenuto su un livello positivo: è il risultato di interrogazioni e prove strutturate per l'orale, di verifiche scritte in cui sono state proposte tutte le tipologie previste dall'esame di Stato; allo 12

13 scritto si segnala ancora, in generale, ma, in particolare per alcuni casi, il permanere di qualche difficoltà sul piano espositivo ed espressivo. Il lavoro svolto ha consentito il conseguimento, sia pur, in alcuni casi, solo parziale, delle competenze disciplinari richieste, naturalmente in grado diverso, tale da attestarsi, per alcuni, su un livello decisamente buono. CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI DI REALIZZAZIONE ESPOSTI PER: L età napoleonica. Modulo Ore U. Foscolo. Dal Nichilismo alla religione delle illusioni. La personalità e l'ideologia attraverso la lettura de: - Ultime lettere di J. Ortis : Lo sconforto per la situazione della patria. Effetti dell'amore sullo spirito umano. L'insensatezza della storia. La morte di Jacopo ; - Sonetti : Alla Sera, A Zacinto, In morte del fratello Giovanni ; - "Dei sepolcri" (vv. 1-50; ; ; ). La polemica classico - romantica del 1816, attraverso la lettura dei seguenti testi: - M.me de Stael, Sulla maniera ed utilità delle traduzioni ; -G. Berchet," Lettera semiseria di Grisostomo A. Manzoni: la poetica del reale. - Le fasi salienti della vita e dell'attività letteraria. - La poetica attraverso la lettura di : La differenza tra lo storico e il poeta (dalla"lettre à Monsieur Chauvet..., sulle regole aristoteliche della tragedia; su vero storico, vero poetico, vero morale e sulla verosimiglianza nei romanzi). Le ragioni del Romanticismo lombardo (sul positivo romantico ) - La conversione e la stesura degli Inni sacri : rinnovamento dei temi e del linguaggio poetico. - La visione della storia in una dimensione etico religiosa: il sistema tragico e il pessimismo radicale. Dall' "Adelchi": la morte di Adelchi (vv ); Coro dell'atto quarto : la morte di Ermengarda. - Lettura personale de "I Promessi Sposi". Genesi, struttura, temi e linguaggio. Approfondimento relativo ai personaggi attraverso la lettura di: F. Fido Il sistema dei personaggi (fotocopia); al tema della provvidenza: lettura della Conclusione del romanzo e di "La provvidenza, categoria della coscienza" E. Raimondi (fotocopia). G. Leopardi: la poetica dell'io. I tratti salienti della biografia leopardiana attraverso la lettura della lettera del 19 Novembre 1819: A P. Giordani, La disperazione e la noia - Dallo "Zibaldone di pensieri": Il conflitto tra ragione e natura, Il desiderio di felicità, La poesia d'immaginazione e la poesia filosofica. - La poetica dell'indefinito e del vago. Dallo Zibaldone : L'indefinito e la rimembranza: la poetica del vago e il ricordo delle illusioni giovanili ( parole vaghe come parole di poesia; voci e suoni della lontananza e della rimembranza). I Piccoli Idilli : L'infinito e Alla luna. - Il pessimismo: il crollo delle illusioni e l esaurimento della linea delle Canzoni e dei Piccoli Idilli : Ultimo canto di Saffo, (lettura cursoria) come transizione alla prosa delle Operette Morali : il conflitto uomo-natura, la morte. Dalle Operette morali : Dialogo della Natura e di un Islandese". "Dialogo di Cristoforo Colombo e di Pietro Gutierrez". Dialogo di un venditore d'almanacchi e di un passeggere - Traduzione poetica della riflessione filosofica leopardiana: i temi della rimembranza, del piacere, della noia nella stagione dei Grandi Idilli : La quiete dopo la tempesta. Il sabato del villaggio

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli