IL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 IA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Articolazione Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 IA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Articolazione Informatica"

Transcript

1 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Statale d'istruzione Superiore ALTIERO SPINELLI via G. Leopardi, Sesto San Giovanni Tel: Telefax uffici: - I.P.S.I.A. CARLO MOLASCHI Sezione aggregata di CUSANO MILANINO- Via Mazzini, 30 tel fax IL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 IA INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione Informatica ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1

2 INDICE 1. Presentazione Obiettivi curricolari e profilo professionale del perito industriale per l informatica Quadro orario settimanale del triennio Situazione di partenza Presentazione analitica della classe (risultati di apprendimento) Presentazione e composizione del Consiglio di classe Attività di recupero Obiettivi Obiettivi in termini di competenze chiave di cittadinanza (v. PFC) Programmi e obiettivi delle singole discipline 3.1. Italiano Storia Inglese Matematica Informatica Sistemi e reti Tecnologie e progettazione di sistemi informatici Gestione progetto, organizzazione d impresa Scienze motorie e sportive Attività programmate 4.1. Attività di integrazione e approfondimento curricolare Iniziative didattiche esterne Stage formativi Attività extrascolastiche Metodologie didattiche Fattori concorrenti alla valutazione periodica e finale Strumenti di verifica Corrispondenza voto-livelli di conoscenza/competenza Indicatori e/o descrittori per la misurazione delle prove scritte Indicatori e descrittori delle verifiche orali Simulazioni effettuate delle prove scritte d esame Griglie Criteri per l attribuzione del credito scolastico e formativo ALLEGATI Approvazione del documento Il Consiglio di Classe

3 1 Presentazione Il presente documento viene redatto dal Consiglio della Classe 5A INFORMATICA del Corso Diurno, ai sensi e per gli scopi previsti dagli articoli 4 e 5 del Regolamento per l'esame di Stato, per esplicitare e chiarire i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi ed i tempi del percorso formativo messi in atto, nonché i criteri e gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti, per l'anno scolastico Verrà pubblicato entro il 15 maggio Obiettivi curricolari e profilo professionale del perito industriale per l informatica L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze nell ambito del ciclo di vita del prodotto software e dell infrastruttura di telecomunicazione, declinate in termini di capacità di ideare, progettare, produrre e inserire nel mercato componenti e servizi di settore. La preparazione dello studente è integrata da competenze trasversali che gli consentono di leggere le problematiche dell intera filiera. Dall analisi delle richieste delle aziende di settore sono emerse specifiche esigenze di formazione di tipo umanistico, matematico e statistico; scientifico-tecnologico; progettuale e gestionale per rispondere in modo innovativo alle richieste del mercato e per contribuire allo sviluppo di un livello culturale alto a sostegno di capacità ideativo creative. L indirizzo prevede le articolazioni Informatica e Telecomunicazioni. Nell articolazione Informatica si acquisiscono competenze che caratterizzano il profilo professionale in relazione ai processi, ai prodotti, ai servizi con particolare riferimento agli aspetti innovativi e alla ricerca applicata, per la realizzazione di soluzioni informatiche a sostegno delle aziende che operano in un mercato interno e internazionale sempre più competitivo. Il profilo professionale dell indirizzo consente l inserimento nei processi aziendali, in precisi ruoli funzionali coerenti con gli obiettivi dell impresa. Nell articolazione Telecomunicazioni si acquisiscono competenze che caratterizzano il profilo professionale in relazione alle infrastrutture di comunicazione e ai processi per realizzarle, con particolare riferimento agli aspetti innovativi e alla ricerca applicata. Il profilo professionale dell indirizzo permette un efficace inserimento in una pluralità di contesti aziendali, con possibilità di approfondire maggiormente le competenze correlate alle caratteristiche delle diverse realtà territoriali. Ampio spazio è riservato allo sviluppo di competenze organizzative, gestionali e di mercato che consentono, grazie anche all utilizzo dell alternanza scuola-lavoro, di realizzare progetti correlati ai reali processi di sviluppo dei prodotti e dei servizi che caratterizzano le aziende del settore. Il quinto anno, dedicato all approfondimento di specifiche tematiche settoriali, è finalizzato a favorire le scelte dei giovani rispetto a un rapido inserimento nel mondo del lavoro o alle successive opportunità di formazione: conseguimento di una specializzazione tecnica superiore, prosecuzione degli studi a livello universitario. Il Perito Informatico: ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell elaborazione dell informazione, delle applicazioni e tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione; ha competenze e conoscenze che, si rivolgono all analisi, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali e apparati di trasmissione dei segnali; 3

4 ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che, sempre a seconda della declinazione che le singole scuole vorranno approfondire, possono rivolgersi al software: gestionale orientato ai servizi per i sistemi dedicati incorporati ; esprime le proprie competenze nella gestione di progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti la sicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni ( privacy ); nell analisi e realizzazione delle soluzioni ha un approccio razionale, concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dell obiettivo, che esercita in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team; possiede un elevata conoscenza dell inglese tecnico specifico del settore per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forte internazionalizzazione; utilizza e redige manuali d uso. 4

5 1.2 Quadro orario settimanale del triennio Il quadro orario è di 32 ore settimanali per il terzo, quarto e quinto anno di corso pur restando inalterati piano di studi, obiettivi curricolari e profilo professionale Discipline del piano di studi III IV V Scienze motorie e sportive Religione/Attività alternative Lingua e letteratura italiana Storia, cittadinanza e costituzione Lingua inglese Matematica Complementi di Matematica 1 1 Sistemi e reti 4(2) 4(2) 4(2) Tecnologie e progettazione di sistemi informatici 3(1) 3(1) 4(2) Gestione progetto, organizzazione d impresa / / 3(1) Informatica 6(3) 6(3) 6(4) Telecomunicazioni 3(2) 3(2) / Totale ore settimanali Situazione di partenza La classe è formata da n 24 allievi. Gli allievi provengono dalla classe quarta: Di questo Istituto Di altro Istituto Per promozione a giugno Per promozione a settembre Per idoneità Maschi 22 4* * Femmine 2 1 *I 4 alunni non provenienti dalla classe quarta di questo istituto hanno effettuato un percorso di recupero anni (due anni in uno) presso l Accademia Avvenire di Milano, conseguendo l idoneità alla classe quinta rilasciata dall ITI Leonardo Da Vinci di Bergamo. Alla fine del quarto anno di corso, a seguito degli scrutini di giugno e di settembre, la situazione dei 20 allievi provenienti da questo istituto è risultata la seguente: DISCIPLINA Promossi a Promossi giugno a settembre Lingua e letteratura italiana 18 2 Storia, cittadinanza e costituzione 20 / Matematica 13 7 Lingua inglese 20 / Sistemi e reti 15 5 Informatica 18 2 Telecomunicazioni

6 Tecnologie e progettazione di sistemi informatici 19 1 Scienze motorie e sportive 20 / 1.4 Presentazione analitica della classe (risultati di apprendimento) La classe 5 IA è il risultato dell accorpamento di due precedenti classi terze del medesimo indirizzo, ossia la 3 IA, composta inizialmente da 14 alunni e la 3 IB composta da 16. Al termine del terzo anno di corso risultavano ammessi alla classe quarta 11 allievi della 3IA e 14 della 3IB, valori numerici che hanno comportato l accorpamento delle due terze. Dalla 3 IA è confluito l alunno diversamente abile presente nel gruppo classe, mentre dalla 3 IB l allievo cingalese di lingua anglofona. La 4 IA venutasi a costituire si è arricchita ad inizio d anno di un ulteriore alunno proveniente da altro istituto raggiungendo le 26 unità. Pur non evidenziando particolari problemi nella convivenza, i due gruppi hanno tendenzialmente mantenuto i nuclei originari di relazione. Al periodo iniziale di assestamento, non è seguita, quindi, la ridefinizione di una nuova fisionomia di classe, per cui le personalità più vivaci hanno finito per dare un impronta più goliardica al modo di stare in aula. Seppure non vi siano stati episodi di particolare rilievo disciplinare, nelle priorità degli alunni non ha prevalso l aspetto didattico. A fine anno scolastico gli ammessi alla classe quinta sono stati venti dei quali solo otto a giugno. La classe 5 IA ha visto l inserimento di quattro nuovi alunni provenienti dall Accademia Avvenire di Milano, e, pertanto, risulta composta da 24 elementi di cui 22 maschi e due femmine. I nuovi inserimenti, non omogenei nei rispettivi livelli di preparazione, si sono integrati senza nessuna difficoltà all interno del gruppo classe che ha mostrato, sin da inizio d anno, di essersi effettivamente amalgamato e di avere minori rigidità relazionali. Seppure la classe abbia risposto tutto sommato con interesse alle proposte didattiche degli insegnati, sul fronte dell impegno e dello studio è, invece, riemerso un atteggiamento poco maturo e scarsamente responsabile, cosa che ha portato spesso gli allievi a sottrarsi alle scadenze di verifica, sia scritta che orale, mediante assenze corpose. Questa mancanza di adeguatezza nell impegno ha prodotto delle fragilità nelle prestazioni che sono risultate alquanto scolastiche e lacunose. Gli obiettivi definiti da ciascuna disciplina sono stati raggiunti adeguatamente solo da una parte degli studenti. Un certo numero di allievi ha acquisito e sviluppato capacità di risoluzione di problemi e di progettazione, ma solo pochi sono pienamente autonomi nell impostazione e nell organizzazione del proprio lavoro. 6

7 Casi particolari In merito all alunno diversamente abile si rinvia alla relazione del docente di Sostegno. L alunno R.V., di origine cingalese, è giunto in Italia nel settembre del 2012 padroneggiando, oltre alla sua lingua madre, solo la lingua inglese. L alunno, già diplomato nella sua terra di origine, si è inserito in un percorso scolastico italiano per conseguire un diploma valido per l iscrizione all Università. L allievo si è mostrato da subito molto timido e riservato, ma volenteroso nel momento in cui si è visto assegnare compiti e procedure da assolvere, mentre è risultato meno reattivo sul fronte dell iniziativa personale e dell autonomia nella gestione del proprio percorso didattico. Questo atteggiamento si è conservato anche nel corso del quinto anno quando si è richiesta una maggiore autonomia anche alla luce dell attività, seppure contenuta, svolta attorno alla sua figura. Non essendo previsto in istituto un percorso specifico di supporto linguistico, si è, infatti, dovuto procedere, fin da subito, con mappe e schemi di sintesi fornite dal docente per poter consentire all alunno l acquisizione degli argomenti affrontati, ma anche delle competenze trasversali quali la comprensione generale di un testo o l esposizione. In atre discipline si è supplito, all inizio, con altri linguaggi quali quello numerico o direttamente con la lingua inglese. Nel quarto e quinto anno si è potuto usufruire della presenza di tre diversi mediatori linguistici, stagisti della Facoltà di Mediazione linguistica dell Università degli Studi di Milano, per un numero contenuto di ore, dedicate alle discipline di Storia e Letteratura italiana ed anche Matematica, ma solo per il quarto anno. Durante tali interventi l allievo ha potuto organizzare in modo più corretto l esposizione orale e acquisire alcune principali forme sintattiche della lingua scritta. A tale proposito si precisa che permangono sia nell orale che nello scritto forme anglofone che non rendono sempre corretto l italiano. In ottemperanza alla C.M.n 8 del 27/ 12/2012 relativa ai BES, il Consiglio di classe ha ritenuto di identificare l alunno come caso di disagio linguistico approntando un piano individualizzato per le discipline di Italiano e Storia per il quarto anno ed anche per le metodologie di Sistemi e reti nel quinto. L alunno C. L. presenta, invece, da tempo una leggera forma di dislessia che si manifesta nella forma scritta, in particolar modo quando deve velocizzare la scrittura, con tendenza ad omettere alcune lettere o ad invertirle. C è da precisare, unitamente a quanto già evidenziato nella diagnosi stessa, che di norma l alunno riesce a compensare bene da solo questa tendenza, ma che eventuali errori grafici sono riferibili al quadro succitato. Di conseguenza non necessita di misure dispensative e strumenti compensativi per lo svolgimento delle prove d esame. 7

8 1.5 Presentazione e composizione del Consiglio di classe Il Consiglio di classe nel corso del triennio è risultato così composto: Per la classe 3 IA: DISCIPLINA DOCENTE Eventuale supplente SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LOPIANO ETTORE LINGUA E LETT. ITALIANA POLINO CINZIA STORIA, CITT. E COST. POLINO CINZIA INGLESE GATTI LAURA MATEMATICA/ COMPL. MAT. RAVIDA GIOVANNA SISTEMI E RETI MAZZA SALVATORE TECN. E PROG. DI SIST. INF. NICCHI DANIELE INFORMATICA ACCARINO FRANCESCO TELECOMUNICAZIONI BIASCA CARLA LAB. SISTEMI E RETI FIAMINGO ANTONELLA LAB. INF./ LAB. TECN. E SIST. FIAMINGO ANTONELLA LAB. TELECOMUNICAZIONI GIORDANO GIUSEPPE RELIGIONE DONADEL CLARA BIRAGHI MARIA GRAZIA SOSTEGNO DI DIO SILVANA Per la 3 IB: DISCIPLINA DOCENTE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CARTAGO SCATTAGLIA ANDREA LINGUA E LETT. ITALIANA CENTRONE CARMELA STORIA, CITT. E COST. CENTRONE CARMELA INGLESE VISICCHIO SALVATORE MATEMATICA/ COMPL. MAT. RODA VITTORIA SISTEMI E RETI ACCARINO FRANCESCO TECN. E PROG. DI SIST. INF. NICCHI DANIELE INFORMATICA MADEDDU FRANCESCO TELECOMUNICAZIONI BIASCA CARLA LAB. SISTEMI E RETI D ANGELO MASSIMILIANO LAB. INF./ LAB. TECN. E SIST D ANGELO MASSIMILIANO LAB. TELECOMUNICAZIONI GIORDANO GIUSEPPE RELIGIONE CUSTOVIC ALEN 8

9 Per il quarto e quinto anno di corso: DISCIPLINA Quarto anno DOCENTE Quinto anno Anni continuità nel biennio SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LOPIANO ETTORE* LOPIANO ETTORE* 2 LINGUA E LETT. ITALIANA CENTRONE CARMELA CENTRONE CARMELA 2 STORIA, CITT. E COST. CENTRONE CARMELA CENTRONE CARMELA 2 INGLESE GATTI LAURA GATTI LAURA 2 MATEMATICA/ COMPL. MAT. RODA VITTORIA RODA VITTORIA 2 SISTEMI E RETI MADEDDU FRANCESCO MAZZA SALVATORE 1 TECN. E PROG. DI SIST. INF. MADEDDU FRANCESCO IORI MARIA VINCENZA 1 INFORMATICA NICCHI DANIELE ACCARINO FRANCESCO 1 TELECOMUNICAZIONI DI STEFANO DAVIDE // 1 LAB. INF. FIAMINGO ANTONELLA D ANGELO MASSIMILIANO 1 LAB. SISTEMI E RETI FIAMINGO ANTONELLA D ANGELO MASSIMILIANO 1 LAB. TECN. E PROG. DI SIST. INF D ANGELO MASSIMILIANO TORRESIN LORENZO PIETRO 1 LAB. TELECOMUNICAZIONI GIORDANO GIUSEPPE // 1 RELIGIONE BIRAGHI MARIA GRAZIA TRAPANI GIUSEPPE 1 SOSTEGNO BOFFINI MARCO 2 GESTIONE PROG., ORG. IMP. // GRUTTADAURIA IVANA 1 LAB. GEST. PROG., ORG. IMP. // D ANGELO MASSIMILIANO 1 Eventuali note circa la composizione del Consiglio di Classe: * Il professor Lopiano è stato sostituito dal professor Mirci Roberto dal 13/12/2014 a fine quarto anno e da inizio quinto anno fino al 09/02/ Attivita di recupero Le attività messe in atto per la classe sono le seguenti: Tutte le discipline hanno messo in atto durante l anno scolastico attività di recupero in itinere. 9

10 2 Obiettivi Obiettivi in termini di competenze TRASVERSALI (v.p.f.c.) Per le competenze disciplinari vedi singoli programmi 3 Programmi e obiettivi delle singole discipline 3.1 Italiano Libro di testo adottato: Risultati attesi in termini di competenze 2 disciplinari AUTORI: Baldi Giusso Rametti Zaccaria TITOLO: Il libro della Letteratura vol. 3A Dalla scapigliatura al primo Novecento vol. 3B dal periodo tra le due guerre ai giorni nostri EDITORE: Paravia Affinare le capacità di accostarsi ai testi letterari e storici ed ai generi letterari Saper elaborare opinioni personali con opportuni collegamenti fra i vari ambiti disciplinari Comunicare con coerenza argomentativa e chiarezza espositiva, in forma sia scritta che orale, utilizzando il lessico specifico Conoscere e contestualizzare i principali autori della letteratura italiana attraverso la lettura, la comprensione e l analisi di alcune opere scelte. Per competenza si intende la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termine di responsabilità e autonomia. (deliberazione della Commissione Europea) IL ROMANZO DEL PRIMO 800 Alessandro Manzoni - La vita e la poetica. - I promessi sposi. Il romanzo storico. Origini del romanzo e contesto storico. Le diverse stesure: modifiche e differenze. La trama. Pubblico e finalità dell opera. IL ROMANZO DEL SECONDO 800 EUROPEO ED ITALIANO Contenuti: Il Positivismo e il Naturalismo francese; Il Verismo italiano; L AUTORE Giovanni Verga. - La vita e la poetica. - La tecnica narrativa e il punto di vista. Differenze con Zolà e Manzoni. - Il linguaggio: il discorso indiretto libero. - LE OPERE: - I primi romanzi veristi. - Le novelle: 10

11 - Fantasticheria da Vita dei campi l ideale dell ostrica; - La roba da Novelle rusticane; - I romanzi: il ciclo dei Vinti - I Malavoglia: la trama. - Brani: -La prefazione; -Capitolo I (brano di apertura del romanzo) - Mastro-don Gesualdo: trama. Morte di Gesualdo LE CORRENTI LETTERARIE La Scapigliatura lombarda; Il Simbolismo francese; L AUTORE Charles Baudelaire. - La vita e la poetica dello spleen. - LE OPERE: lettura, parafrasi, commento, analisi stilistica. - Corrispondenze da I fiori del male ; - l Albatro da I fiori del male. IL DECADENTISMO Contesto storico e poetiche; La società e l intellettuale. L AUTORE Gabriele D Annunzio. - La vita. - Le diverse fasi della poetica: estetismo, panismo e superomismo. - LE OPERE: - La poetica attraverso i romanzi: Il Piacere, il Trionfo della morte e Le Vergini delle rocce. - Le Laudi: il progetto dell opera. - La pioggia nel pineto da Alcione. IL FUTURISMO E LE AVANGUARDIE Il mercato culturale e le Avanguardie letterarie ; Il Futurismo: poetica e sperimentazioni; L AUTORE Filippo Tommaso Marinetti. - La poetica. 11

12 - LE OPERE: - Il Manifesto del Futurismo. - Il Manifesto tecnico del Futurismo I Vociani: principi generali ; I Crepuscolari: poetica. ITALO SVEVO La vita: scelte professionali e letterarie; La poetica: la figura dell inetto. - LE OPERE: - Una vita: vicenda, struttura e ruolo dei personaggi. - Le ali del gabbiano da Una Vita, cap. VIII, la figura di Macario. LUIGI PIRANDELLO - La coscienza di Zeno: vicenda, struttura e il concetto di malattia e inettitudine; - Brani: -La morte del padre cap. IV; -La salute malata di Augusta, cap. VI; -La profezia di un apocalisse cosmica, cap. VIII. La vita e il contesto storico; La poetica delle maschere e le trappole. - LE OPERE: - Un arte che scompone il reale, da il saggio L Umorismo. - Le novelle: - Il treno ha fischiato da Novelle per un anno. - I romanzi: - L Esclusa: la vicenda. Analogie e differenze con Verismo e Naturalismo; - Il fu Mattia Pascal lettura integrale assegnata a casa. Vicenda, caratteristiche, svolte nella storia, l identità e il sentimento del contrario. - Brani in aula: -Lo strappo nel cielo di carta cap. XII; -La lanterninosofia, cap. XIII; - Il teatro: il metateatro di Pirandello (Sei personaggi in cerca d autore, Ciascuno a suo modo, Questa sera si recita a soggetto) - Le opere del periodo siciliano: -Liolà (opera fruita a teatro) - Le opere in italiano: 12

13 -Sei personaggi in cerca d autore -Enrico IV L ERMETISMO Il contesto storico e le scelte letterarie; I modelli linguistici; Il significato del termine e gli intenti poetici. L AUTORE Salvatore Quasimodo - Vita e poetica. - LE OPERE: - Ed è subito sera da Acque e terre : lettura, parafrasi, commento, analisi del testo. - Alle fronde dei salici da Giorno dopo giorno : lettura, parafrasi, commento, analisi del testo. EUGENIO MONTALE Vita: contesto culturale e scelte poetiche; La produzione e i tre momenti di maturazione poetica; Il motivo dell aridità e quello del varco. Analogie differenze con la poesia simbolista ed ermetica; La poetica degli oggetti delle Occasioni ; La donna-angelo de La bufera e altro La polemica sociale dell ultimo Montale. - LE OPERE: - Non chiederci la parola da Ossi di seppia : lettura, parafrasi, commento, analisi del testo. - Forse un mattino andando in un aria di vetro da Ossi di seppia : lettura, parafrasi, commento, analisi del testo. - Ho sceso dandoti il braccio da Satura; - Non ho mai capito se io fossi da Satura. Firme degli studenti.. 13

14 3.2 Storia Libro di testo adottato: Risultati attesi in termini di competenze 2 disciplinari AUTORI: Montanari Calvi Giacomelli TITOLO: 360 Storia vol. 3 Dalla Seconda rivoluzione industriale a oggi EDITORE: Il Capitello Affinare le capacità di accostarsi alle fonti storiche Conoscenza puntuale degli eventi storici, soprattutto europei, relativi ai nuclei tematici Sviluppo della lettura degli eventi, diacronica e sincronica Sviluppo della coscienza di appartenenza ad una cittadinanza nazionale e sopranazionale 2 Per competenza si intende la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termine di responsabilità e autonomia. (deliberazione della Commissione Europea) DAL CONGRESSO DI VIENNA AL 48 Il Congresso di Vienna: principi e nuovo profilo dell Europa; I moti del e del 30-31; Bilancio dei moti e ragioni degli esiti. I programmi politici per l unità nazionale italiana: Gioberti, Balbo, Mazzini e Cattaneo; Il 48 in Italia: dalle Cinque giornate di Milano alla Prima guerra d Indipendenza; La Repubblica romana. VERSO L UNITA D ITALIA Contenuti: Lo stato sabaudo e la figura di Cavour; Dalla guerra di Crimea agli accordi di Plombières; Dalla Seconda guerra d Indipendenza all impresa dei Mille: l unità d Italia. DESTRA E SINISTRA STORICA La Destra storica e gli interventi del governo; L accentramento e la piemontesizzazione dell Italia; La situazione sociale e la Legge sul macinato; La Terza guerra d Indipendenza e l annessione del Veneto; La questione romana e la presa di Roma; La Sinistra storica e i provvedimenti di Depretis; LA Triplice alleanza e il colonialismo italiano. IL PRIMO 900 La rivolta dello stomaco a Milano e l assassinio di Umberto I; La Grande depressione: sistema protezionistico e imperialismo; La classe operaia: Marx, i socialisti e gli anarchici. 14

15 La Belle epoque: luci ed ombre. L età giolittiana. LA PRIMA GUERRA MONDIALE Le premesse del conflitto: i diversi fattori di crisi e le ragioni; L attentato di Sarayevo e l ultimatum alla Serbia; L invasione del Belgio e i fronti di guerra; Dalla guerra lampo alla guerra di posizione; L Italia interventista e neutralista; Il Patto di Londra e l intervento; Il fronte italiano e gli errori tattici; Il ritiro russo e l entrata degli Stati Uniti; La caduta degli imperi centrali e la fine della guerra. LA RIVOLUZIONE RUSSA La situazione della Russia zarista e la rivoluzione del 1905; La Russia del 1914 e la caduta dello zar; Il governo provvisorio ed i soviet; La presa del Palazzo d inverno e la pace di Brest-Litovsk; Dalle elezioni alla dittatura del proletariato: la guerra civile; La NEP. I TRATTATI DI PACE: NUOVI ASSETTI POLITICI La Conferenza di Parigi e di diversi trattati di pace; I Quattordici punti di Wilson e la società delle Nazioni; La situazione della Germania; La vittoria mutilata dell Italia. L ITALIA DEL PRIMO DOPOGUERRA La formazione di nuovi movimenti politici; La crisi degli anni Venti e il Biennio rosso; La crisi del governo liberale e le squadre fasciste; I socialisti e i cattolici alla vigilia delle elezioni del 1921; Le elezioni del 21 e l ingresso dei fascisti in Parlamento. L ITALIA FASCISTA Da movimento a partito; La Marcia su Roma e il governo Mussolini; I provvedimenti del governo fascista; La Legge Acerbo e le elezioni del 24; Il delitto Matteotti e la secessione dell Aventino ; Le Leggi fascistissime; I Patti lateranensi. 15

16 LA CRISI DEGLI ANNI VENTI Le cause della crisi economica in Europa; La crisi di Weimar e la politica iperinflazionistica; Gli USA: dagli anni ruggenti alla caduta di Wall Street; La politica economica del New Deal. LA RUSSIA DI STALIN Il consolidamento dell Unione sovietica; L eliminazione degli oppositori; L industrializzazione forzata; La fine della NEP e piani quinquennali. IL REGIME FASCISTA Il regime totalitario; Dall economia liberista quella dirigista: la lira quota 90 ; L organizzazione del lavoro e il corporativismo; L autarchia fascista e la battaglia del grano ; Il controllo sui mezzi di informazione e scuola; Le organizzazioni di repressione del dissenso; Le aggressioni coloniali. IL NAZISMO La situazione della Germania e la ricerca di un capro espiatorio; La carriera di Hitler: dal Putsch di Monaco al cancellierato; L incendio del Reichstag e la soppressione delle libertà democratiche; La notte dei lunghi coltelli ; L organizzazione del consenso e la ripresa economica; Le leggi razziali e la notte dei cristalli ; La ricerca dello spazio vitale : la Saar, la Renania; L Austria e l Anschluss; L occupazione dei Sudati e la Conferenza di Monaco; Dall occupazione della Cecoslovacchia alla Polonia; I patti per prepararsi alla guerra. LA GUERRA CIVILE IN SPAGNA La situazione economica e politica della Spagna; Dalla dittatura di Primo de Rivera al Fronte popolare; Il tentativo di colpo di stato dei generali ribelli e la guerra civile; L atteggiamento della Società delle Nazioni e il sostegno nazifascista; La vittoria dei nacionales e la dittatura di Francisco Franco; La Spagna banco di prova della Seconda guerra mondiale. SECONDA GUERRA MONDIALE L invasione della Polonia: tecniche belliche; 16

17 L atteggiamento di Francia e Inghilterra; La non-belligeranza italiana; L invasione ed occupazione della Francia; L intervento italiano e le ragioni; La guerra parallela in Grecia; La battaglia d Inghilterra; Il piano Barbarossa e la guerra in Russia dal 41 al 43; L attacco a Pearl Harbor e l intervento americano; La guerra nel Pacifico; La guerra in Africa e lo sbarco americano; Lo sbarco in Sicilia e la caduta di Mussolini; L armistizio e l occupazione nazista; Sbarchi americani in Italia: la risalita delle linee Gustav e Gotica; La Repubblica di Salò e la resistenza partigiana; Lo sbarco in Normandia e la caduta del Terzo Reich; La fine della guerra in Europa e la resistenza del Giappone; Le atomiche e la fine della guerra. CENNI Il nuovo assetto mondiale e la guerra fredda ; La decolonizzazione; L Italia repubblicana. Firme degli studenti.. 17

18 3.3 Inglese Libro di testo adottato: Obiettivi disciplinari: Contenuti: AUTORI: LIZ & JOHN SOARS TITOLO: HEADWAY DIGITAL INTERMEDIATE EDITORE: Ed. OXFORD AUTORI: KIARAN O MALLEY TITOLO: ENGLISH FOR NEW TECHNOLOGY EDITORE: PEARSON consolidamento e ampliamento della competenza comunicativa; analisi delle variabili linguistiche che determinano l'evento comunicativo; sviluppo della comprensione di messaggi orali e scritti in L2 relativi al settore specifico di indirizzo: informatica (microlingua) capacità di descrivere processi e/o situazioni con una certa chiarezza logica ed accettabile precisione lessicale, con particolare riferimento alla produzione orale; sviluppo della capacità di sintesi e di esposizione autonoma dei contenuti; sviluppo della capacità di collegare diversi argomenti della stessa disciplina o di discipline affini Tutto il processo di insegnamento/apprendimento tiene in considerazione il concetto che la lingua è usata come strumento di comunicazione e quindi si propongono attività linguistiche nell ambito di contesti e situazioni significative riferiti al settore informatico per favorire l acquisizione di un soddisfacente lessico attivo di indirizzo e la capacità di sviluppare la comprensione e l esposizione orale e scritta, privilegiando di norma l efficacia e la fluidità della comunicazione (fluency) e la capacità di sintesi alla correttezza formale (accuracy) e la rielaborazione personale. La classe si è avvalsa della presenza di un insegnante madrelingua una volta alla settimana da metà marzo a fine maggio. Questa maggiore esposizione alla L2 ha senz altro favorito il miglioramento della comprensione e della comunicazione interattiva per quasi tutti gli studenti. STRUTTURE LINGUISTICHE Consolidamento ed approfondimento delle seguenti strutture : Costruzione della frase affermativa, negativa, interrogativa e interrogativa negativa Formazione ed uso dei tempi verbali conosciuti : Simple Present - Present Progressive - Simple Past - Present Perfect Present Perfect Progressive - Past Perfect - Past Continuous - Future tenses (scheda riassuntiva con più frequenti espressioni di tempo) uso dell articolo a / the/ no article / possessives/reflexive pron.- unit 10 comparatives and superlatives - (revision) Formazione ed uso forma passiva (tutti tempi) revision 3 tipi di if-clauses Unit 9 I wish I could/ had bought doppio futuro direct indirect speech - statements and questions reporting (unit 12 18

19 + scheda riassuntiva) LETTURE DI MICROLINGUA Consolidamento metodo di studio e strategie di lettura Unit 9 AUTOMATION da pg. 108 : What is automation?- How automation works - Automation in operation: a heating system Key people: The development of automation How a robot works Varieties and uses of robots Robots in manufacturing Artificial Intelligence and robots Unit 11 COMPUTER SOFTWARE da pg. 136: Systems software: the operating system Programming Computer languages How the Windows OS works Install/uninstall a program Encryption Key people: Alan Turing Unit 12 APPLICATIONS da pg. 148 : Where computers are used Types of application How a spreadsheet works Charts and graphs Computer graphics Cut and transfer an image - Computer-aided design (CAD) Future of computer games Does playing computer games make you more intelligent? Technology, health and safety Unit 15 COMPUTER NETWORKS AND THE INTERNET (1) da pg.190 : Linking computers: how a network functions, Local area networks - How the Internet developed Key people: the man who invented the web - How the Internet works Web addresses Software piracy seen as normal Online dangers Use the Internet safely Unit 16 COMPUTER NETWORKS AND THE INTERNET (2) da pg 202: The Internet and its services Web apps Web software Web 2.0 Key people: how top websites were created Build a website E- commerce Alcuni argomenti sono stati consolidati con materiale di consultazione esterno al libro: online video. Sono state inoltre attivate conversazioni in lingua su vari argomenti inerenti alle conoscenze trasversali degli studenti quali : uso di Internet, come creare un sito, videogames, social networks, how to protect your computer, how to write a C.V. ecc. Firme degli studenti.. 19

20 3.4 Matematica Libro di testo adottato: Obiettivi disciplinari: AUTORI: I. FRAGNI - P. BARONCINI R. MANFREDI TITOLO: LINEAMENTI.MATH - VERDE- voll. 4-5 EDITORE: Ghisetti e Corvi Acquisire e interpretare informazioni; Acquisire capacità di analisi e sintesi; Sviluppare capacità di rielaborazione; Autonomia di studio e di lavoro; Correttezza e chiarezza nell esecuzione dei lavori assegnati; Uso di un linguaggio rigoroso e appropriato. RIPASSO: Derivata di una funzione. INTEGRALI INDEFINITI L integrale indefinito come operatore inverso della derivata. Primitive di una funzione continua in un intervallo chiuso e limitato. L integrale indefinito come operatore lineare. Integrazioni immediate. Integrazione delle funzioni razionali fratte. Integrazione per parti. Contenuti: INTEGRALI DEFINITI - Introduzione intuitiva al concetto di integrale definito. Integrale definito di una funzione continua. Proprietà degli integrali definiti. Teorema della media. Teorema fondamentale del calcolo integrale. Formula fondamentale del calcolo integrale. Integrali delle funzioni pari e dispari. Area della parte di piano delimitata dal grafico di due o più funzioni. Volume di un solido di rotazione. INTEGRALI IMPROPRI - Integrali impropri del primo e secondo tipo. Integrali impropri che sono contemporaneamente del primo e secondo tipo. Integrale di una funzione generalmente continua. Firme degli studenti.. 20

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli