PROGETTO META. Master in energia, tecnica e ambiente RACCOLTA ARTICOLI GREEN ECONOMY - 26/04/2011 -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO META. Master in energia, tecnica e ambiente RACCOLTA ARTICOLI GREEN ECONOMY - 26/04/2011 -"

Transcript

1 PROGETTO META Master in energia, tecnica e ambiente RACCOLTA ARTICOLI GREEN ECONOMY - 26/04/ Sede Operativa Greenville KW Viale Monte Santo, 1/ Milano, Italy Tel/Fax: Sede Legale BITECO SRL Piazza del Popolo, Como, Italy Tel: Capitale Sociale euro int. vers. P.IVA / C.F.: IT R.I. Como N FONTI RINNOVABILI GREEN BUILDING ENERGY MANAGEMENT

2 Si riportano alcuni articoli che commentano le risultanze degli studi commissionati ad istituti e centri di ricerca negli ultimi mesi, che mettono in evidenza come nel mercato del lavoro si stia aprendo uno spazio importante per i professionisti competenti nei settori legati alle energie rinnovabili e alla tutela dell ambiente. L'Italia punta a 250mila colletti verdi nel 2020 Il nostro Paese, però, deve investire di più sulla formazione dei nuovi lavoratori, avverte uno studio Ires-Cgil 28 Gennaio 2011 I colletti verdi sono sempre più richiesti nel mercato in espansione delle rinnovabili. Secondo il rapporto Energia e lavoro sostenibile diffuso recentemente dall'ires-cgil, l'italia potrebbe aggiungere fino a 150mila occupati da qui al 2020 nelle fonti alternative, arrivando a 250mila lavoratori. Ora sono infatti circa 100mila le persone impiegate direttamente o indirettamente nei vari settori dell'economia verde, in particolare le biomasse (25mila occupati), l'eolico (10mila) e il fotovoltaico (5.700). La quota dei 250mila, secondo l'ires, è un traguardo coerente con il massimo sviluppo delle rinnovabili che il nostro Paese potrà raggiungere nel 2020; bisogna però considerare, avverte il rapporto, i posti di lavoro persi nelle fonti tradizionali. Così la nuova occupazione netta dovrebbe oscillare tra e colletti verdi tra dieci anni. Il contributo maggiore sarà dalle biomasse, con oltre metà dei nuovi posti di lavoro nelle fonti pulite. Le nuove professioni Quali saranno le competenze più richieste dalle aziende? L'Ires ha identificato 54 profili professionali emergenti: ingegneri, tecnici, manager, consulenti e venditori per pianificare, costruire, gestire e mantenere in perfetta efficienza i parchi eolici, le centrali a biomasse, gli impianti solari. Ma ci sono anche figure trasversali: si va dagli esperti in programmazione delle energie rinnovabili agli ingegneri delle smart grids (reti intelligenti), passando per geometri, assicuratori e avvocati specializzati nei temi ambientali. Molte di queste professioni hanno dei contorni ancora sfumati, perché in alcuni casi richiedono solo un aggiornamento di attività più tradizionali (si pensi, per esempio, ai lavoratori del manifatturiero o ai contabili), mentre in altri casi occorre trasformare il proprio bagaglio d'esperienze per adeguarlo alle nuove tecnologie. Investire di più in formazione Ecco perché la formazione dovrebbe giocare un ruolo di primo piano, soprattutto per i giovani e i lavoratori in mobilità che potrebbero indirizzarsi verso i settori della green economy. Ma proprio la formazione è una delle note dolenti nel nostro Paese, che troppo poco investe in questo ambito, lasciando un certo scollamento tra il boom delle rinnovabili e la qualità della forza lavoro. Difatti, segnala il rapporto dell'ires, l'italia è rimasta indietro sul piano della leadership tecnologica, restando fuori dei comparti della produzione e attirando sul mercato italiano attori e aziende straniere. Non basta crescere nella distribuzione e installazione degli impianti, perché sono settori a basso valore aggiunto. È tutta la filiera che deve svilupparsi, iniziando dalla produzione di pannelli solari e turbine eoliche, perché solo così potrà nascere un mercato del lavoro maturo, capace di reggere anche al calare degli incentivi legati alle singole tecnologie. 2

3 Più istruiti e motivati, così si diventa colletti verdi Le opportunità occupazionali delle rinnovabili sono promettenti ma servono competenze tecniche e normative. L'esperienza del Green job centre di Adecco 31 Marzo 2010 Immaginiamo un tecnico siciliano che deve comunicare al telefono (in inglese) con un suo collega tedesco per riparare il guasto di una turbina eolica costruita in Germania; o un tecnico campano che deve tradurre una scheda tecnica (sempre in inglese) per installare dei pannelli fotovoltaici realizzati in Cina. Pensiamo a un azienda del solare che vorrebbe un ingegnere 25enne con cinque anni d esperienza: introvabile sul mercato italiano perché i nostri ingegneri si laureano mediamente a 30 anni. Sono questi alcuni degli ostacoli che possono inceppare il rapporto tra domanda e offerta di lavoro nell energia verde. L Italia deve importare le tecnologie, come i componenti dei moduli fotovoltaici e le turbine eoliche. Manca un industria delle rinnovabili: le nostre imprese sono impegnate soprattutto nella fase finale della filiera (installazione e manutenzione degli impianti) con poche capacità produttive nei primi anelli della catena. Le difficoltà dei candidati C è quindi un cordone ombelicale continuo con i fornitori stranieri, come ha evidenziato Adecco nell esaminare lo sviluppo dell occupazione per l economia verde italiana. Le opportunità sono molto promettenti: i cosiddetti green jobs si stanno diffondendo rapidamente, creando nuove figure professionali indispensabili alle aziende che vogliono investire nelle rinnovabili. Si va dai progettisti degli impianti agli installatori, passando da tanti altri colletti verdi: per esempio quelli che devono cercare e acquistare i terreni su cui costruire le centrali, gli esperti delle leggi nazionali ed europee per i finanziamenti alle fonti pulite, i tecnici per la manutenzione. Perché i candidati incontrano così tante difficoltà? Devono conoscere in modo approfondito gli aspetti tecnici e normativi, esprimersi perfettamente in inglese, assicurare la necessaria flessibilità (di orari e trasferimenti) seguendo diversi progetti. Quando l azienda è straniera, c è uno scoglio in più: spesso l imprenditore estero ignora alcune caratteristiche del mercato del lavoro italiano con richieste difficilmente esaudibili (come l ingegnere 25enne). La risposta di Adecco Così Adecco ha creato una divisione specializzata nelle energie rinnovabili, fondata su accordi con le principali associazioni e aziende del settore: il risultato è il Green job centre che sarà presente anche al prossimo SolarExpo di Verona. Ci sono quasi 13mila candidati nel 2009; 2mila hanno ottenuto contratti a tempo determinato e 425 a tempo indeterminato. La formazione è un punto decisivo per soddisfare le richieste delle imprese, proprio a causa degli ostacoli (non solo linguistici) che altrimenti rischiano di frenare lo sviluppo dei progetti verdi. Siamo in un settore in continua evoluzione tecnologica, dove il mercato del lavoro si sta ancora plasmando. Le stime delle associazioni e dei sindacati, riportate da Adecco, prevedono 150mila occupati nell economia verde italiana entro il Secondo lo studio Gse-Bocconi, invece, ci saranno 250mila occupati nel 2020; il numero potrebbe salire, se nasceranno industrie capaci di produrre impianti e macchinari. 3

4 Green economy un'opportunità, ma in Italia serve più industria L'evento organizzato dalla Fondazione Istud ha messo in luce il ruolo delle energie rinnovabili per incentivare la ripresa 22 Maggio 2009 La sensazione è che si parli molto di energie rinnovabili ma poi, nel concreto, sono più gli ostacoli burocratici, le difficoltà a ottenere incentivi, il basso rendimento rispetto al costo degli impianti a frenare lo sviluppo nel nostro Paese. Questo è il pensiero che ha spinto la Fondazione Istud a organizzare un convegno per focalizzare l'attenzione sulla Green economy e sulla possibilità delle energie rinnovabili di fungere da incentivo per la ripresa economica. Ormai è chiaro che il 2009 è proprio l'anno di consacrazione delle energie rinnovabili. È stato previsto che il settore creerà in Europa 550mila posti di lavoro e, come osserva la Fondazione, si nota già una certa carenza di manager e personale specializzato nel comparto verde. Lo scopo dell'incontro è stato quello di fornire flash e stimoli, assieme alle testimonianze delle aziende che da anni lavorano nel settore: presenti Unendo Energia, Enerray, Atmos, A2a, Marcegaglia Buildtech, Roedl & Partner, Vodafone Italia, Renault Italia, Mps e Ibm. Tante aziende diverse che hanno in comune la voglia di partecipare al processo di rinascita attraverso lo sfruttamento delle fonti rinnovabili. Riccardo Cirillo, a.d. di Atmos, ha affermato: «Dal 2004 al 2008 gli investimenti nelle rinnovabili sono quintuplicati. È proprio questo il mercato più promettente per il futuro, le stime dicono che triplicherà nei prossimi 20 anni. Questo trend di crescita fino a oggi è stato supportato da incentivi, per un primo ambito di crescita downstream. Il solare fotovoltaico in tutto ciò fa la parte del leone, indiscutibilmente dipende dalla disponibilità della risorsa solare e dalla tecnologia ormai testata». L'Italia sarà un mercato di riferimento per gli investimenti nel fotovoltaico però Cirillo parla di una lacuna a livello industriale. «L'industria fotovoltaica in Italia è ancora poco presente. La soluzione è migliorare la tecnologia, ma poi supportarla con l'efficienza operativa». Alla luce delle notizie che danno per certa una rivisitazione al ribasso delle tariffe incentivanti anche in Italia (come in Spagna e Germania), già dalla fine del 2010, si è parlato di un tipo di approccio che deve diventare integrato, cioè distribuito lungo tutta la catena del valore. È certo più difficile investire in una filiera upstream piuttosto che in downstream, ma il presidio delle attività anche a monte aiuta a evolversi bene. «Noi imprenditori chiediamo certezza - ha affermato Raimondo Cinti, presidente di Enerray (Gruppo Maccaferri) e a.d. di Seci Energia -. La nostra richiesta sono strade certe per l'ottenimento dell'autorizzazione alla realizzazione di un impianto e una tariffa incentivante definita». La Green economy secondo gli intervenuti può determinare una crescita economica se ha le condizioni adatte per farlo: e l'italia pare abbia gli attributi giusti. Il settore delle energie rinnovabili rappresenta una nuova frontiera per il nostro Paese, anche attraverso l'internazionalizzazione e la diversificazione. Roberto Pera, dello studio di Roma di Roedl & Partner, ha infine tranquillizzato gli animi: «Il mercato delle energie rinnovabili è interessantissimo. Le banche si stanno organizzando e sono pronte a entrare nel circuito del finanziamento, a dispetto della crisi. Si dimostrano caute, ma vogliono partecipare e molti progetti sono già in fase di studio». 4

5 Le energie pulite porteranno 60mila nuovi posti di lavoro Questo il traguardo al 2020 secondo le stime di Ires-Cgil. Lo sviluppo del settore resta però legato agli incentivi 25 Marzo 2010 Di qui al 2020 l'industria italiana delle energie rinnovabili potrebbe creare nuovi posti di lavoro, considerando gli occupati diretti permanenti (stimati in circa 12mila, di cui 9mila al Sud), quelli indiretti e l'occupazione temporanea. La proiezione, confrontata con il dato attuale ( addetti, diretti e indiretti) comporta un incremento del 60% degli occupati in dieci anni, che di questi tempi non è poco. Addirittura, nell'ipotesi più ottimistica a probabilmente più remota, l'occupazione italiana lorda nelle rinnovabili potrebbe raggiungere le unità, con una predominanza delle biomasse (100mila addetti) seguite da eolico e fotovoltaico. Il potenziamento delle rinnovabili avrebbe però l'effetto di spiazzare i comparti tradizionali di produzione di energia, con un effetto netto sull'occupazione totale inferiore ma comunque in crescita. Queste stime, realizzate dall'osservatorio Energia e Innovazione di Ires-Cgil, si basano sull'incrocio di diverse fonti valutate con l'obiettivo di fornire un quadro interpretativo per le ricadute sull'economia reale del pacchetto clima energia europeo L'Ires-Cgil è ottimista e considera la tendenza incoraggiante: Negli ultimi due anni assistiamo a un intenso sviluppo delle installazioni di impianti di energie rinnovabili dovuto non solo all'iniziativa dei grandi operatori quali Enel, Edison, Sosgenia - si legge nello studio - ma ai numerosi nuovi entranti che vanno da imprese di media dimensione a tante aziende piccole, artigianali, fino alle famiglie. Il fenomeno è ancora più evidente se si analizza il comparto fotovoltaico dove la gran parte degli impianti appartiene alla classe di potenza inferiore ai 20 Kw. Nell'analisi Ires si stima che l'industria delle rinnovabili possa raggiungere un fatturato medio annuo compreso tra i 2,5 e i 5,5 miliardi nei prossimi dieci anni. Una forbice ampia che al suo interno nasconde il limite discriminante tra il successo e il fallimento del settore: la ricerca, infatti, sostiene che per valori inferiori a 3,5/4 miliardi l'anno "la dinamica della produttività non appare sufficiente a garantire l'autonomo e duraturo sviluppo del settore". Tradotto in parole semplici, significa che senza gli incentivi attuali (con particolare riguardo a quelli per il fotovoltaico) il comparto potrebbe rivelarsi non economicamente sostenibile. Ovvia, quindi, l'importanza che gli autori della ricerca danno all'approvazione da parte del Governo del nuovo conto energia che, accanto allo snellimento degli iter autorizzativi e alla trasformazione delle reti elettriche di distribuzione, è un fattore determinante per proseguire l'attuale sviluppo del business e dell'occupazione generato dalle energie pulite. 5

6 Ue, più colletti verdi a patto di centrare il 2020 Lo studio Employ-RES della Commissione europea vede all'orizzonte 2,8 milioni di possibili posti di lavoro nelle rinnovabili 10 Giugno 2009 L'Europa deve spendere di più, per assumere i colletti verdi dei nuovi impieghi legati alle rinnovabili. Secondo un recente studio (Employ-RES) pubblicato dalla Commissione europea, ci sono all'orizzonte 2,8 milioni di posti di lavoro grazie alle fonti alternative, con un aumento della ricchezza pari a 129 miliardi di euro, l'uno per cento del Pil comunitario. A patto di centrare l'obiettivo del vecchio continente per il 2020: soddisfare il 20% del consumo finale di energia con le rinnovabili, come parte delle misure contro i cambiamenti climatici e la riduzione dei gas serra. I benefici ambientali, come ha ricordato in una nota il commissario europeo all'energia, Andris Piebalgs, vanno a braccetto con quelli economici, anche considerando i nuovi occupati al netto dei lavoratori persi in altri settori energetici tradizionali. In quest'ultimo caso, infatti, i colletti verdi in più saranno circa 410mila, con una crescita della ricchezza pari allo 0,24% del Pil europeo. Nel 2005, le rinnovabili impiegavano già quasi un milione e mezzo di persone, generando un valore aggiunto di 58 miliardi di euro. Per tagliare il traguardo del 2020, però, l'ue dovrebbe adottare misure più efficaci. Difatti, uno scenario business as usual condurrebbe a una quota delle rinnovabili nel consumo finale di energia pari al 14% nel 2020 e al 17% nel La politica attuale di Bruxelles per lo sviluppo dell'energia pulita, quindi, è ancora troppo pigra. Il beneficio economico, in termini di Pil e occupazione, si fermerebbe rispettivamente a 99 miliardi di euro e 2,3 milioni di nuovi impiegati. «Tecnologie più innovative in settori come il fotovoltaico, l'eolico off-shore, il solare termico a concentrazione e i biocarburanti di seconda generazione, richiedono un maggiore sostegno finanziario nel breve termine, ma rappresentano la chiave per centrare l'obiettivo Ue del 2020», spiega così una nota del rapporto. 6

7 L'Europa deve cercare più capitali privati per le rinnovabili Uno studio Accenture-Barclays prevede investimenti complessivi pari a miliardi di euro da qui al 2020 nei settori della green economy 11 Febbraio 2011 In Europa si investiranno miliardi di euro da qui al 2020 nell'economia verde: lo sostiene il rapporto Carbon Capital pubblicato da Accenture e Barclays, che ha esaminato il potenziale delle tecnologie pulite in tre settori (energia, edilizia e trasporti) dal lato della domanda. Lo studio, infatti, ha cercato di stimare quanti capitali serviranno nei prossimi dieci anni per assecondare lo sviluppo delle fonti alternative e dell'efficienza energetica nel Vecchio Continente. Di questi miliardi, 265 saranno impiegati in Italia; somme che permetteranno di ridurre le emissioni di Co2 per circa 2,2 miliardi di tonnellate (230 milioni nel nostro Paese) nel Dai governi alle banche Nonostante il ruolo cruciale dei governi, con sussidi pubblici, incentivi e obiettivi nazionali sulle percentuali di energia rinnovabile, investimenti di una portata così ampia richiederanno una vasta fetta di capitali privati. Secondo lo studio, saranno circa il 73% dei miliardi di euro necessari per acquisire e costruire gli impianti, quindi oltre1.650 miliardi di finanziamenti esterni in cui le banche terranno le fila del gioco. Gli altri 600 miliardi, secondo Accenture e Barclays, saranno sborsati per le attività di ricerca, sviluppo e produzione delle tecnologie verdi. Come si ripartirà la cifra complessiva? L'edilizia, riferisce il rapporto, assorbirà la quota maggiore degli investimenti, pari a 600 miliardi di euro per interventi di efficienza energetica e micro generazione domestica (per esempio con impianti solari e mini eolici). I trasporti riceveranno in totale 582 miliardi, concentrati nei veicoli commerciali ecologici (elettrici, ibridi, a gas/metano, alimentati da biocarburanti), mentre le relative infrastrutture, come le stazioni di ricarica per le batterie, si potranno realizzare con 35 miliardi. Eolico e solare a più elevata capitalizzazione Una parte consistente dei nuovi finanziamenti servirà alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Eolico, solare, biomasse e geotermia attireranno poco più di 500 miliardi entro il 2020 in tutta Europa, stando alle previsioni di Accenture e Barclays, cui bisogna aggiungere 529 miliardi per la distribuzione dell'energia verde, che dovrà contare su reti più flessibili e tecnologicamente avanzate di quelle esistenti, capaci di far combaciare il più possibile la domanda e l'offerta di elettricità, per esempio con i contatori intelligenti. Altri 600 miliardi, infine, saranno destinati alle infrastrutture per gli impianti eolici e solari, che guideranno così la classifica delle fonti energetiche a più elevata capitalizzazione nei prossimi anni. Tra rischi e opportunità La finanza sarà quindi una delle principali matasse da cui si dipaneranno i fili delle politiche energetiche europee. I governi, da soli, non potranno centrare i traguardi del 2020; ma per aumentare l'afflusso di contanti privati (e l'interesse delle banche a concedere prestiti), occorre tracciare un quadro normativo omogeneo e stabile, per garantire la redditività degli investimenti. Ci sono tecnologie, come l'eolico offshore, che promettono una crescita rilevante, a fronte però di un rischio piuttosto elevato. I costi per installare le turbine sul mare sono ancora molto ingenti, scoraggiando molti potenziali investitori. Ecco perché, come ricorda lo studio, occorre un'alleanza più stretta fra istituzioni, banche e imprese. 7

8 Il solare mondiale può illuminare mezza Grecia. Per ora Siamo a Gw di potenza installata in tutto il Pianeta, secondo l'ultimo rapporto Solar Generation di Epia-Greenpeace; ma si potrà salire a 180 già nel Febbraio 2011 Per adesso dobbiamo accontentarci di una piccola fetta: nel 2010, tutti gli impianti fotovoltaici del mondo hanno prodotto una quantità di energia elettrica pari a circa metà della domanda annuale della Grecia. Me è poco o tanto? Dipende dai punti di vista. Siamo a Gw di potenza installata a livello internazionale, di cui però circa 15 aggiunti solo l'anno scorso (eravamo a 23 nel 2009). Sono ormai due milioni gli impianti in esercizio sull'intero Pianeta, soprattutto in Europa che vale il 70% del mercato complessivo, come ricorda la sesta edizione del rapporto Solar Generation dell'epia (European photovoltaic association), la lobby del solare nel Vecchio Continente. Dove potremo arrivare con gli attuali ritmi di crescita per questa fonte rinnovabile? Dove saremo nel 2015 Prima di spaziare sulle previsioni al 2030, Greenpeace - che ha firmato il rapporto insieme all'epia - si concentra su una data più vicina e quindi teoricamente più attendibile per formulare delle stime, sempre molto incerte quando si discute di un settore in così rapida espansione come il solare. L'associazione ambientalista indica il traguardo di 180 Gw di capacità disponibile tra quattro anni nel mondo, con la sola Europa che passerebbe da circa 28 a un centinaio di Gw. Gli investimenti nel fotovoltaico, sempre seguendo i ragionamenti di Greenpeace, potrebbero quasi raddoppiare entro il 2015 su scala planetaria, da a oltre 70 miliardi di euro l'anno (per l'europa, da a circa 35 miliardi). Efficienza e costi dei pannelli Lo sviluppo dell'industria solare continuerà a dipendere da due fattori essenziali: pannelli sempre più efficienti e costi in costante diminuzione. Dal 2005, sostiene Greenpeace, i prezzi dei moduli sono calati fino al 40% e lo stesso dovrebbe avvenire da qui al 2015, raggiungendo così la cosiddetta grid parity (un costo dell'energia elettrica generata dai pannelli che sia equivalente, e quindi concorrenziale, rispetto a quello delle fonti tradizionali) in alcuni Paesi europei. Il costo per produrre energia solare, ricorda il rapporto Solar Generation, è sceso mediamente del 22% ogni volta che la potenza disponibile nel mondo è raddoppiata; ora siamo a circa 15 centesimi di euro per kwh in Europa. L'efficienza dei moduli è in lento ma progressivo miglioramento. Il traguardo è un assorbimento medio dei raggi solari pari al 23% entro il 2020, con i pannelli attuali in grado di catturare al massimo il 19,5% delle radiazioni. Ci sono già un migliaio di aziende che fabbricano pannelli di silicio cristallino, la tecnologia più diffusa, mentre una trentina di compagnie si dedica al settore emergente del film sottile. E dove saremo nel 2030 Guardando invece alle previsioni per il 2030, l'epia offre due scenari: il primo si chiama Paradigm Shift, vale a dire un cambio di paradigma in cui la tecnologia fotovoltaica è spinta al massimo potenziale, grazie anche al sostegno pubblico tramite incentivi di vario tipo. Tra meno di vent'anni, allora, potremmo superare Gw di potenza installata e l'europa potrebbe soddisfare il 12% dei suoi consumi elettrici con il solare già nel L'altro scenario ( accelerato nella definizione di Greenpeace) vedrebbe poco più di mille Gw nel 2030, coprendo circa il 4% del fabbisogno elettrico planetario. Sul fronte occupazionale, si potrebbe creare oltre un milione e mezzo di nuovi 8

9 posti di lavoro entro il 2015, salendo a più di quattro milioni e mezzo nel La complessa bilancia degli incentivi Molto dipenderà, come riassume il rapporto, dagli incentivi messi in campo dai vari Paesi, in particolare le tariffe feed-in (come il Conto energia in Italia) che garantiscono gli investimenti nel solare per anni. Bisognerà bilanciare queste tariffe con l'andamento del mercato, assicurando una crescita stabile al solare, senza intoppi burocratici, amministrativi ed economici. Un compito che può essere complesso da gestire, come confermano gli attuali scombussolamenti nel fotovoltaico in Francia e il rischio di misure retroattive per colpire i profitti degli impianti, come avvenuto in Repubblica Ceca. Ricordando che dopo il pionierismo della Germania, che ha mostrato la possibilità di unire sviluppo ambientale e industriale con una politica energetica all'avanguardia nel solare, il mercato del futuro sarà la Cina. Pechino è già il principale produttore mondiale di pannelli e sta pensando a incentivi per portare la sua potenza installata a 20 Gw tra dieci anni. 9

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

VERSO LA GREEN ECONOMY LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI:

VERSO LA GREEN ECONOMY LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI: VERSO LA GREEN ECONOMY LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E FONTI RINNOVABILI: Gli Investimenti, le Ricadute Occupazionali, le Nuove Professionalità Rapporto di Ricerca - Bozza N. 04/2010 1 Responsabile Scientifico

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Costruire con la canapa in ITALIA

Costruire con la canapa in ITALIA Costruire con la canapa in ITALIA OLVER ZACCANTI anab architetturanaturale officinadelbuoncostruire@yahoo.it Costruire con la canapa in Italia pannelli in fibra di canapa per isolamenti Pareti divisorie

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI

inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI inform-action VO LU ME MENSILE D INFORMAZIONE PER IMPRENDITORI Artigiana Marmi S.r.l. Via L.Nobili, 9-61032 Rosciano di Fano (PU) tel. +39 0721.820216 - fax +39 0721.868497 info@artmarmi.it - www.artmarmi.it

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli