La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva"

Transcript

1 La concezione del ritardo mentale/disabilità intellettiva Definizione (Associazione Americana Ritardo Mentale 2002): il ritardo mentale è una disabilità caratterizzata da limitazioni significative sia nel funzionamento intellettivo che nel comportamento adattivo ad insorgenza precoce (prima dei 18aa).Non è qualcosa che la persona ha,né che la persona è,non è un disturbo medico nén mentale ma bensì uno stato particolare di funzionamento che insorge nell infanzia, infanzia,è multidimensionale e influenzato positivamente da sostegni individualizzati. La persona è descritta con riferimento a più dimensioni (capacità intellettive,comportamento adattivo,partecipazione,relazioni sociali)

2 Sistemi di classificazione Nella nostra Regione si usa ICD 10 che offre una descrizione del quadro clinico dove i gradi di ritardo sono convenzionalmente individuati sulla base di test standardizzati di intelligenza,completati da scale che valutano l adattamento l sociale. Si specifica che sia le abilità intellettive che l adattamento l possono modificarsi nel tempo. Vi sono 4 tipologie Lieve: : QI compresi tra (in età adulta l etl età mentale varia da 9 a 12 aa).hanno di solito difficoltà scolastiche,capaci spesso di svolgere un lavoro,mantenere buone relazioni sociali Medio/Moderato: : QI tra 35 e 49 (età mentale da 6 a 9 anni).di solito vi è un marcato ritardo nello sviluppo ma acquisiscono alcune autonomie nella cura di sé,nella s comunicazione e abilità scolastiche. Necessitano di vari gradi di sostegno in età adulta Grave/Severo: : QI tra 20 e 34 ( età mentale tra 3 e 6 anni) Profondo: : QI inferiore a 20 (età mentale inferiore ai 3 anni).hanno limitazioni gravi nelle autonomie personali,controllo sfinterico,capacità comunicazione

3 Epidemiologia La percentuale del RM è del 2-4% della popolazione La prevalenza della disabilità è più alta nei maschi che nelle femmine in quanto le anomalie congenite e patologie X linked sono sesso correlate. La differenza di genere è meno evidente nelle forme gravi (0,3%) I fattori genetici devono essere presi in considerazione per tutti i casi. La diagnosi può essere precoce nei casi gravi,ma anche in quelli lievi tende a collocarsi entro i 6 anni Il RM grave è in genere determinato da una singola causa patologica mentre quello lieve è di solito multifattoriale (non si individua una precisa eziologia nel 70% dei casi).può essere non specifico o sindromico cioè associato ad altri segni dismorfici o malformativi Vi possono essere alla base fattori perinatali,paralisi cerebrali infantili,deficit sensoriali,epilessia,sequele di traumi/infezioni,malattie metaboliche Hanno un rischio maggiore di sviluppare problemi emotivi e comportamentali e sintomi psicopatologici (es. disturbi dell umore,ansia,fobie) Tra le cause di RM sindromico abbiamo: S.di Down,Williams,X fragile

4 In alcuni casi si sono messi in evidenza profili cognitivi differenziati tra diverse forme di RM e in particolare tra sindromi genetiche.le ricerche e l esperienza clinica sembrano sottolineare la presenza di pattern cognitivi diversi non solo tra diverse sindromi ma anche tra soggetto e soggetto,all interno di uno stesso quadro patologico.ad es. si sono indagati i pattern speculari di funzionamento tra bambini con S. di Down e S. di Williams SINDROME di DOWN: trisomia cromosoma 21,notevole variabilità del fenotipo ma anche del QI. Il profilo neuropsicologico è caratterizzato da un ritardo generalizzato con disomogeneità tra competenze cognitive non verbali (grafiche,costruttive,spaziali) e abilità linguistiche,molto più compromesse Miglior funzionamento della memoria visuo-spaziale,tendono a cogliere SINDROME di WILLIAMS: secondaria a mutazione genica spesso sporadica Particolare profilo cognitivo speculare a quello nella S di Down: compromissione delle capacità visuo-spaziali,migliori capacità linguistiche,abilità di memoria fonologica corrispondenti all età di sviluppo,compromissione delle abilità semantico-lessicali con risparmio dei processi fonologici

5 ASSESSMENT La valutazione diagnostica della disabilità intellettiva deve rispondere a diverse esigenze cliniche che vanno dalla definizione sindromica, entità del ritardo,comprensione dell organizzazione cognitiva ed affettiva. Anche all interno di categorie definite esiste una grande variabilità individuale. L esperienza clinica ci insegna che a tutte le età l organizzazione del disturbo e soprattutto il ritmo di acquisizione delle diverse competenze sono un predittore prognostico ben più significativo che non il solo rilevamento del QI. Sappiamo che già dai 2 e 1/2 anni in presenza di un rallentamento di più linee di sviluppo è ipotizzabile una DI e che già dai 4-5 aa è possibile formulare una diagnosi di gravità. Gli strumenti di valutazione costruiti per l età prescolare hanno una stabilità relativa e la correlazione dei punteggi ottenuti con quelli rilevati nelle età successive appare modesta. Sommando questi fattori alla variabilità insita nello sviluppo solo un 60% resterà nella stessa fascia di gravità

6 ETA PRESCOLARE I bambini giungono all osservazione per ritardi di sviluppo nelle aree motoria e della coordinazione comunicativo-linguistica linguistica,emotivo-relazionale. Oltre ad un approccio clinico-sanitario al problema possono trovare utilizzo scale di sviluppo come es.la Bayley-III (2006) che permette di ottenere informazioni quantitative e qualitative con le quali comparare lo sviluppo dei bambini,riferendosi alle normali tappe(1-42m). Consta di Scale: Cognitiva,Linguaggio (recettivo( recettivo-espressivo), Motoria (fino-grosso motoria),socio Socio-emozionale, Comportamento Adattivo

7 Altri test utilizzati sono: LEITER-R: scala non verbale che si basa su dati percettivi visivi e visuo spaziali. A partire dai 2aa. WIPPSI: (dai3,6-6,6aa).e una scala che consente di ricavare un QI Totale,uno verbale e di perfomance. Comprende 12 subtest che indagano funzioni cognitive come ragionamento verbale e aritmetico,giudizio,analisi visiva,organizzazione e pianificazione Visuo-motoria e visuo-spaziale. MATRICI di RAVEN : (6,6-11,6aa) Test di intelligenza non verbale che valuta i processi di ragionamento analogico-percettivo e logicoastratto Per tutti i test che valutano il QI la media è 100 (115-85) Il range delle prestazioni comprese tra definisce uno sviluppo cognitivo al limite della norma cioè borderline Il range tra nei valori bassi della media

8 Abbiamo visto nella definizione di Disabilità Intellettiva come altrettanto importante alla misurazione del QI sia la valutazione del comportamento adattivo( C.A.). L analisi del QI spiega ben poco il destino sul piano dell integrazione,della realizzazione delle persone. Con i genitori utilizzo spesso la metafora assai semplice della valutazione del QI come la possibilità di scattare una fotografia un dato cioè bidimensionale che mi rappresenta quel bambino/ragazzo in quel momento,in quel contesto,in quella specifica interazione. Mi dà senz altro delle informazioni che però spiegano in parte le difficoltà riportate. Il costrutto teorico di C.A. esprime l interazione dell individuo con il proprio ambiente. Riguarda le attività che un soggetto deve svolgere quotidianamente per essere sufficientemente autonomo e per svolgere in modo adeguato i propri compiti conseguenti al proprio ruolo sociale,così da soddisfare le attese dell ambiente per un individuo di pari età e contesto culturale

9 VINELAND Una delle scale più utilizzate.permette di rapportare le competenze del soggetto anche a quelle di un altro con pari grado di disabilità. E suddivisa in : -COMUNICAZIONE (ricezione,espressione,scrittura) -ABILITA QUOTIDIANE (personale,domestico,comunità) -SOCIALIZZAZIONE (relazioni interpersonali,tempo libero e gioco,regole sociali) -ABILITA MOTORIE (grossolane,fini).

10 WISC-III III

11 WISC- III ovvero Wechsler Intelligence Scale for Children-Third Edition è l ultima versione della scala pubblicata per la prima volta nel La necessità di revisione nasce dal fatto che il QI della popolazione aumenta con il passare del tempo (USA 3 punti ogni 10 anni).la stratificazione del campione (2200 soggetti) è stata fatta per età ( aa) genere,gruppo etnico,regione geografica,livello istruzione dei genitori. Risulta esser un test attendibile per la valutazione psicometrica,in grado di sondare aspetti diversi dell intelligenza

12 Secondo Wechsler esistono principalmente 2 modalità di espressione di intelligenza la modalità verbale e quella pratica,influenzata anche da fattori non intellettivi quindi condizioni sociali,culturali,scolastiche e motivazionali. Test basato su una mescolanza di teorie E composta da 13 subtest dei quali 6 collocati nella scala verbale e 7 nella scala di performance. E stata fatta una standardizzazione italiana di un campione di 2200 soggetti

13 Sutest Informazioni: : consiste in 30 domande da porre oralmente su conoscenze,fatti,oggetti,persone. Misura la capacità del soggetto di recepire informazioni dal proprio ambiente,di trattenerle e di richiamarle istantaneamente. Subtest Somiglianze : 19 domande che richiedono al soggetto di spiegare in che cosa sono simili due cose/concetti. Richiama competenze di tipo logico. Ottimo indice di intelligenza legato alle capacità di astrazione. Ci sono cadute gravi nel RM e nel Disturbo Autistico

14 Ragionamento aritmetico: contiene problemi di tipo aritmetico da risolvere per la maggior parte oralmentesono richieste sia abilità di ragionamento che calcolo Vocabolario: : spiegazione del significato di una lista di parole. Misura il grado di padronanza e accuratezza delle funzioni espressive.e.e una prova di ragionamento e astrazione su base verbale più che di semplice conoscenza. Comprensione:descrivono come comportarsi in determinate situazioni sociali. Legato alle esperienze di vita,ragionamento pratico

15 Memoria di cifre:capacit :capacità di concentrazione, attenzione uditiva. Completamento di figure: : capacità di richiamo e riconocsimento visuo-percettivo,memoria visiva,attenzione Cifrario: : capacità di analisi,rapidità di esecuzione,coordinazione O-M O M,automatizzazione Riordinamento storie figurate: : disporre le figure di una storia nella giusta sequenza, è anche una prova di intelligenza sociale.

16 Disegno con i cubi:ottima misura dell intelligenza visiva che generale,capacità visuo-percettive percettive,motorie e problem solving Ricostruzione di oggetti: : sono puzzle, è una prova considerata modesta sul piano dell intelligenza ma richiede abilità importanti

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi L intelligenza Cos è l intelligenza? Non è un abilità cognitiva unitaria Non è un abilità cognitiva generale Non è innata Non

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

misurazione dell intelligenza

misurazione dell intelligenza DIAGNOSTICA PSICOLOGICA lezione! Paola Magnano paola.magnano@unikore.it misurazione dell intelligenza alcune riflessioni sul concetto di intelligenza Intelligenza generale, determinata e misurata oggettivamente

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Comprendere la diagnosi per capire il. Roberto Segala, Laura Bertezzolo

Comprendere la diagnosi per capire il. Roberto Segala, Laura Bertezzolo Comprendere la diagnosi per capire il funzionamento dell alunno Roberto Segala, Laura Bertezzolo i disturbi specifici dell apprendimento hanno a che vedere con le cose che acquisiamo in maniera esplicita

Dettagli

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche

Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Centro Territoriale per l Inclusione MI EST Bisogni Educativi Speciali Situazioni Cliniche Patrizia Pezzoni Unità Operativa Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL)

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) Premessa La tutela della Salute materno- infantile e la riabilitazione in età evolutiva, ha valenza strategica nei sistemi sanitari, sia per le ripercussioni sul

Dettagli

FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI

FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI FUNZIONI ATTENTIVE NELLA DISABILITÀ INTELLETTIVA CON E SENZA DDAI TORRISI A. M.*, DI GUARDO G.*, BUONO S. *, DI NUOVO S. ** * U.O di Psicologia I.R.C.C.S Oasi Maria SS **Università di Catania Dibattito

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

DISLESSIA e. DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO

DISLESSIA e. DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO DISLESSIA e DISTURBI SPECIFICI Dell APPRENDIMENTO Quadro clinico del disturbo Il modello standard della lettura Modelli teorici interpretativi Definizione dei DSA Quadri clinici principali A cura di :

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO «Figlio della borghesia di stato, cresciuto in una famiglia affettuosa, senza conflitti, circondato da adulti responsabili

Dettagli

Valutazione cognitiva a d i s t a n z a d e i b a m b i n i trattati per craniostenosi sagittale

Valutazione cognitiva a d i s t a n z a d e i b a m b i n i trattati per craniostenosi sagittale 2 Incontro del Coordinamento di Neuroscienze Pediatriche Roma, 19 marzo 2005 Valutazione cognitiva a d i s t a n z a d e i b a m b i n i trattati per craniostenosi sagittale Simona Di Giovanni, Daniela

Dettagli

Titolo progetto: Correlazione genotipo-fenotipo in pazienti con la Sindrome di PraderWilli

Titolo progetto: Correlazione genotipo-fenotipo in pazienti con la Sindrome di PraderWilli Titolo progetto: Correlazione genotipo-fenotipo in pazienti con la Sindrome di PraderWilli Descrizione: La Sindrome di Prader-Willi (PW) è una malattia genetica, colpisce entrambi i sessi ed ha un incidenza

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. Neuropsichiatra Infantile

GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. Neuropsichiatra Infantile ALLEGATO D GRUPPO DI LAVORO AREA VOCAZIONALE DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Neuropsichiatria Infantile - Torino Lista dei componenti del gruppo: S.C. Neuropsichiatria Infantile ASL 1 - Torino Dott.ssa

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test

Dalla Diagnosi Funzionale al PEI. Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Dalla Diagnosi Funzionale al PEI Valutazione delle abilità attraverso l osservazione del comportamento e i test Effetti del non Valutare Sopravvalutare Problemi di comportamento (isolamento) Sottovalutare

Dettagli

Sezione di Potenza. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza

Sezione di Potenza. SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Sezione di Potenza SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Gennaio 2014 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Neuropsichiatria

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

Profilo delle diverse tipologie di BES

Profilo delle diverse tipologie di BES Profilo delle diverse tipologie di BES Con la Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 e la CM n. 8 del 6 marzo 2013 che ha per oggetto l attuazione della direttiva Strumenti d intervento per alunni

Dettagli

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE: Non indicano disabilità a livello cognitivo globale, il Q.I. è nel range della norma con un punteggio superiore a 85 (le normali

Dettagli

via SP Taurisano-Casarano, km 11, 73056 Taurisano (Italia) 3298819859 ileniacarangelo@gmail.com

via SP Taurisano-Casarano, km 11, 73056 Taurisano (Italia) 3298819859 ileniacarangelo@gmail.com Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Carangelo Ilenia via SP Taurisano-Casarano, km 11, 73056 Taurisano (Italia) 3298819859 ileniacarangelo@gmail.com Sesso Femminile Data di nascita 12 maggio 1986 Nazionalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA I DISURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO Relatrice: Chiar. ma Prof.ssa Annalisa SCANU Candidata:

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli

La Scala WAIS-R con gli indici diagnostici di Giuseppe Castellani

La Scala WAIS-R con gli indici diagnostici di Giuseppe Castellani La Scala WAIS-R con gli indici diagnostici di Giuseppe Castellani Il test d'intelligenza più utilizzato e conosciuto al mondo, non è importante solamente per la determinazione del livello cognitivo, ma,

Dettagli

Wechsler Intelligence Scale for Children - Fourth Edition

Wechsler Intelligence Scale for Children - Fourth Edition Wechsler Intelligence Scale for Children - Fourth Edition Autore David Wechsler (1896 1981) Data di pubblicazione 2012 Range di età Da 6 anni a 16 anni e 11 mesi Tempo di somministrazione Da 65 a 80 minuti

Dettagli

LO SVILUPPO COGNITIVO

LO SVILUPPO COGNITIVO LO SVILUPPO COGNITIVO Corso di Disabilità Cognitive Prof. Renzo Vianello Università di Padova power-point per le lezioni, a cura di: Manzan Dainese Martina Riccoldo Monica Argomenti trattati Problemi metodologici

Dettagli

Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole. agli studenti con disabilità intellettiva

Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole. agli studenti con disabilità intellettiva Repertorio di prove personalizzate proposte dalle scuole agli studenti con disabilità intellettiva Gruppo di lavoro Responsabile del Progetto: Lina Grossi Responsabile del Servizio nazionale di valutazione

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

Applicazioni della WISC III per la diagnosi dei Disturbi Specifici dell Apprendimento

Applicazioni della WISC III per la diagnosi dei Disturbi Specifici dell Apprendimento dalla WISC-R alla WISC III Padova, 27 Aprile 2007 Applicazioni della WISC III per la diagnosi dei Disturbi Specifici dell Apprendimento C. Vio, M. L. Tretti Cosa sono i DSA? Le nuove Raccomandazioni per

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Natura o cultura? Effetto Flynn: il QI medio della maggior parte delle nazioni è cresciuto di 3 punti ogni 10 anni nel XX secolo

Natura o cultura? Effetto Flynn: il QI medio della maggior parte delle nazioni è cresciuto di 3 punti ogni 10 anni nel XX secolo Intelligenza Capacità di apprendere dall esperienza e impegnarsi con successo nella soluzione dei problemi e nel ragionamento astratto Attività mentale diretta all adattamento intenzionale ai contesti

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in psicologia dell educazione e delle disabilità trubini.chiara@libero.it Con la pubblicazione

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

Uso terminologico e campo di applicazione

Uso terminologico e campo di applicazione Uso terminologico e campo di applicazione Con il termine Disturbi evolutivi Specifici di Apprendimento (acronimo convenzionale: DSA) ci si riferisce ai soli disturbi delle abilità scolastiche, e in particolare

Dettagli

L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM

L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM Confronto di Esperienze sui Disturbi della Coordinazione Motoria e Disprassia Roma, 11 ottobre 2013 L integrazione degli interventi nel territorio della ASL RMC: stato dell arte con i DCM Riccardo Callori

Dettagli

Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato

Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale

NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale NOI E L AUTISMO: La diagnosi clinica e funzionale L autismo è una sindrome comportamentale, causata da un disordine dello sviluppo neurobiologico che colpisce la comunicazione e l interazione sociale,

Dettagli

LA LETTURA DELLE DIAGNOSI

LA LETTURA DELLE DIAGNOSI LA LETTURA DELLE DIAGNOSI Quali informazioni ricavare dal confronto con i clinici e dalla lettura del documento diagnostico di un alunno con DSA TRATTO DA: RACCOMANDAZIONI CLINICHE SUI DSA Risposte ai

Dettagli

L inquadramento diagnostico e le conoscenze dell autismo in funzione del piano educativo

L inquadramento diagnostico e le conoscenze dell autismo in funzione del piano educativo L inquadramento diagnostico e le conoscenze dell autismo in funzione del piano educativo Antonia Parmeggiani Centro per l Autismo Dipartimento di Scienze Neurologiche Università di Bologna Prima descrizione

Dettagli

Intelligenza. Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 10

Intelligenza. Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 10 Intelligenza Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 10 Definizione Capacità generale di agire in maniera finalizzata, di pensare razionalmente e di interagire in modo

Dettagli

Patologia del linguaggio in età evolutiva

Patologia del linguaggio in età evolutiva Patologia del linguaggio in età Ritardi e evolutiva disordini di acquisizione del linguaggio Disturbi del linguaggio Quadri clinici molto eterogenei : disturbi del linguaggio secondari le difficoltà linguistiche

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

I Disturbi del Neurosviluppo

I Disturbi del Neurosviluppo Giornata Mondiale per la consapevolezza dell Auismo Sala della Protomoteca - Campidogio Istituto Superiore di Sanità 2 aprile 2014 I Disturbi del Neurosviluppo hanno una prevalenza circa del 12%. possono

Dettagli

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE

PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE PROTOCOLLO DI OSSERVAZIONE e DIAGNOSI IN ETA PRESCOLARE 1. SEGNALAZIONE dal Pediatra LS o genitori 2. COLLOQUIO CON I GENITORI: Anamnesi Intervista mirata sui comportamenti nei vari contesti e abitudini

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

PASSAPAROLA Sportello Età Evolutiva Società Cooperativa Sociale Disturbi Specifici dell Apprendimento

PASSAPAROLA Sportello Età Evolutiva Società Cooperativa Sociale Disturbi Specifici dell Apprendimento PRONTI PER LA PRIMA Progetto di potenziamento dei prerequisiti dell apprendimento e identificazione precoce delle difficoltà Premessa Le difficoltà di apprendimento rappresentano uno dei più importanti

Dettagli

www.labda spinoff.it 0498209059/ 3284366766 2

www.labda spinoff.it 0498209059/ 3284366766 2 Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e BES: sviluppi recenti nella ricerca e nella normativa Difficoltà vs. Disturbo dell

Dettagli

Linguaggio. sviluppo e disturbi. Stefania Millepiedi

Linguaggio. sviluppo e disturbi. Stefania Millepiedi Linguaggio sviluppo e disturbi Stefania Millepiedi I disturbi del linguaggio specifici o primari secondari Il linguaggio NON è una capacità unitaria insieme di abilità che contestualmente concorrono all

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

DSA: il punto di vista neurobiologico

DSA: il punto di vista neurobiologico Giornata di Studio Istituto D Arte Piero della Francesca I Disturbi Specifici di Apprendimento J.H. Fragonard Fanciulla che legge, 1776 DSA: il punto di vista neurobiologico Maria Grazia Piergiovanni Neuropsichiatra

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE FOGGIA SITOGRAFIA PER APPROFONDIRE ADHA ADD www.pediatric.it/adhd.htm www.psicologia-sviluppo.com/adhd.htm www.aidaiassociazione.com www.xenu.com-it.net/minsalute_adhd.pdf www.erickson.it/erickson/repository/pdf/product_175_pdf.pdf

Dettagli

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com DSA: Diversi Strumenti per l Apprendimento La Relazione clinica Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com Il PEP dello studente, in linea

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI PSICOLOGIA TESI DI LAUREA IN PSICOLOGIA DINAMICA CORSO PROGREDITO PREADOLESCENTI NEI TEST DISEGNO DELLA FAMIGLIA E FAMIGLIA DEGLI ORSI Relatrice Prof.ssa

Dettagli

Test di intelligenza. Cosa misurano, come misurano

Test di intelligenza. Cosa misurano, come misurano Test di intelligenza Cosa misurano, come misurano Il fattore generale La visione comune della persona intelligente è abbastanza olistica: una persona intelligente lo sarà praticamente in ogni campo. A

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ALL USO CLINICO DEL TEST DI RORSCHACH ANNUALE. Sede: Lamezia Terme (CZ)

CORSO DI FORMAZIONE ALL USO CLINICO DEL TEST DI RORSCHACH ANNUALE. Sede: Lamezia Terme (CZ) CORSO DI FORMAZIONE ALL USO CLINICO DEL TEST DI RORSCHACH ANNUALE Sede: Lamezia Terme (CZ) Presentazione e obiettivi: Il corso è rivolto a coloro che intendono acquisire le competenze pratiche e teoriche

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

Master. Valutazione Psicologica-Psicodiagnostica Clinica e Forense

Master. Valutazione Psicologica-Psicodiagnostica Clinica e Forense Master Valutazione Psicologica-Psicodiagnostica Clinica e Forense Informazioni Generali L Istituto Aneb propone un Master Annuale di Formazione e Aggiornamento dedicato alla Psicodiagnostica Clinica e

Dettagli

Ben-Essere a scuola dell allievo con autismo. Antonella Marchetti

Ben-Essere a scuola dell allievo con autismo. Antonella Marchetti Ben-Essere a scuola dell allievo con autismo Antonella Marchetti QUANTI AUTISMI? n Un epidemiologia incerta: diagnosi-strumentivariabilità: 7-11 anni: 4.8 /1000 18-30 anni: 1.6/1000 Epidemia dove gli strumenti

Dettagli

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati

La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e i piani didattici personalizzati Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze della Formazione Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) La Legge 170/2010, le Linee guida sui D.S.A. e

Dettagli

LE PERSONE AFFETTE DA AUTISMO

LE PERSONE AFFETTE DA AUTISMO documento prodotto da ANGSA LOMBARDIA ONLUS con l Assessorato Sanità inserito nella Delibera Giunta Regionale del 19 marzo 2008 n 8/6861 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALE per la Neuropsichiatria dell Infanzia

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

PROGETTO ORA SI 121 Circolo didattico in associazione con IdO Istituto di Ortofonologia

PROGETTO ORA SI 121 Circolo didattico in associazione con IdO Istituto di Ortofonologia PROGETTO ORA SI 121 Circolo didattico in associazione con IdO Istituto di Ortofonologia Bambini e insegnanti per Osservare Ricercare Apprendere con Successo Insieme 1 La dislessia ha cause sconosciute:

Dettagli

E possibile misurare l intelligenza l dei processi di pensiero e di apprendimento

E possibile misurare l intelligenza l dei processi di pensiero e di apprendimento E possibile misurare l intelligenza l? La valutazione dei processi di pensiero e di apprendimento Processi di apprendimento ed Educazione cognitiva. Nuove competenze per sviluppare l intelligenza e promuovere

Dettagli

DOCUMENTO ORIENTATIVO PER LA CERTIFICAZIONE DI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP. Componenti gruppo di lavoro:

DOCUMENTO ORIENTATIVO PER LA CERTIFICAZIONE DI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP. Componenti gruppo di lavoro: Azienda Sanitaria Locale Provincia di Milano 3 Organismo di Coordinamento e Integrazione per la Salute Mentale in Età Evolutiva (OCISMEE) Gruppo di lavoro integrazione alunno disabile DOCUMENTO ORIENTATIVO

Dettagli

Disabilità intellettive e disturbi pervasivi dello sviluppo Renzo Vianello. La sindrome di Down Parte prima

Disabilità intellettive e disturbi pervasivi dello sviluppo Renzo Vianello. La sindrome di Down Parte prima Disabilità intellettive e disturbi pervasivi dello sviluppo Renzo Vianello La sindrome di Down Parte prima Volume Disabilità intellettive Capitolo 6 Nel 1866 un medico inglese, H. Langdon Down in un suo

Dettagli

Disfunzioni cognitive in età evolutiva: Assessment e intervento neuropsicologico per disturbi e difficoltà di apprendimento e disabilità intellettiva

Disfunzioni cognitive in età evolutiva: Assessment e intervento neuropsicologico per disturbi e difficoltà di apprendimento e disabilità intellettiva Facoltà di Psicologia ALTA SCUOLA DI PSICOLOGIA AGOSTINO GEMELLI Master universitario di II livello Disfunzioni cognitive in età evolutiva: Assessment e intervento neuropsicologico per disturbi e difficoltà

Dettagli

DSA: CAMPANELLI D ALLARME

DSA: CAMPANELLI D ALLARME TANGRAM Centro Studi Processi e disturbi dell Apprendimento DSA: CAMPANELLI D ALLARME Dott.ssa Alessandra Petrolati, psicologa e psicoterapeuta, perfezionata in Psicopatologia dell Apprendimento Dott.ssa

Dettagli

AUTISMO E SCUOLA. Inserimenti scolastici e metodi educativi. Roberta Vanzulli, Tatiana Quintini. Della Società Cooperativa Sociale

AUTISMO E SCUOLA. Inserimenti scolastici e metodi educativi. Roberta Vanzulli, Tatiana Quintini. Della Società Cooperativa Sociale AUTISMO E SCUOLA Inserimenti scolastici e metodi educativi Roberta Vanzulli, Tatiana Quintini Della Società Cooperativa Sociale Spazio Aperto Servizi Punta visibile dell iceberg: Vediamo i sintomi Massa

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

L apprendista fuorilegge

L apprendista fuorilegge L apprendista fuorilegge Dott.ssa Beatrice Bertelli Dott.ssa Lucia Cacciò Dott.ssa Monica Maran Evolvendo Ambulatorio di Neuropsicologia dello Sviluppo, Mantova LEGGE 5 febbraio 1992 n. 104 (pubblicata

Dettagli

Emiatrofia cerebrale e microftalmia

Emiatrofia cerebrale e microftalmia Emiatrofia cerebrale e microftalmia TROMBOSI TROMBOSI Prevenzione dell handicap congenito Nel 1 gruppo di casi genetici con rischio di ricorrenza, la prevenzione può attuarsi attraverso una corretta diagnosi

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

PDTA NPI 001 Percorso per l identificazione dei pazienti con sospetto Disturbo Specifico di Apprendimento. Qualifica Nome Firma. Dr.

PDTA NPI 001 Percorso per l identificazione dei pazienti con sospetto Disturbo Specifico di Apprendimento. Qualifica Nome Firma. Dr. Approvazione Responsabile S.C. NPI Qualifica Nome Firma Dr.ssa Francesca Ragazzo Direttore Dipartimento Materno Infantile Direttore Sanitario di Presidio Savigliano Dr.Luigi Besenzon Dr. Giuseppe Guerra

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA PROGRAMMA DEL CORSO 14/11/2014 Comorbilità e aspetti associati alle difficoltà e ai disturbi dell apprendimento: un introduzione

Dettagli

Premesso che, in materia di Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) sono intervenute:

Premesso che, in materia di Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) sono intervenute: REGIONE PIEMONTE BU38 18/09/2014 Codice DB2016 D.D. 22 maggio 2014, n. 496 Indicazioni per la diagnosi e la certificazione diagnostica dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) nella Regione Piemonte

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia o Dislessie? DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO aspetti clinici di psicopatologia dell apprendimento A cura di Carlo MUZIO Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta docente di Neurolinguistica

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

Autismo e età adulta: epidemiologia e iniziative formative nel territorio vicentino

Autismo e età adulta: epidemiologia e iniziative formative nel territorio vicentino Autismo e età adulta: epidemiologia e iniziative formative nel territorio vicentino Dott.ssa Annalisa Menegolo Responsabile S.S.D.Disabilità ULSS 3 25 Settembre 2015 1 FONDAZIONE BRUNELLO Gruppo Provinciale

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

a cura dell'ospedale San Raffaele Confermata l'origine genetica della dislessia: nel cromosoma 15 le cause della patologia

a cura dell'ospedale San Raffaele Confermata l'origine genetica della dislessia: nel cromosoma 15 le cause della patologia Genetica della dislessia a cura dell'ospedale San Raffaele Confermata l'origine genetica della dislessia: nel cromosoma 15 le cause della patologia Un gruppo di ricercatori dell'istituto Scientifico Eugenio

Dettagli

Corso di formazione per tutor per alunni DSA- ADHD

Corso di formazione per tutor per alunni DSA- ADHD Corso di formazione per tutor per alunni DSA- ADHD I Disturbi Specifici dell Apprendimento Si tratta di disturbi che coinvolgono uno specifico dominio di abilità, lasciando intatto il funzionamento intellettivo

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA

NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2012-2013 III Edizione NEUROPSICOLOGIA DELL ETÀ EVOLUTIVA Consorzio Universitario Humanitas in Convenzione con in Collaborazione Scientifica con Consorzio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

DSA: come leggere una diagnosi ADHD

DSA: come leggere una diagnosi ADHD DSA: come leggere una diagnosi ADHD dr. Antonio Salandi Neuropsichiatra Infantile IRCCS EUGENIO MEDEA Associazione La Nostra Famiglia - Bosisio Parini antonio.salandi@bp.lnf.it quali codici. F81 Disturbi

Dettagli

1 I disturbi di apprendimento

1 I disturbi di apprendimento 1 I disturbi di apprendimento La parte 1 è un elaborazione di una porzione del testo di Ianes D., Cramerotti S., Gli alunni con Bisogni Educativi Speciali: dal Piano educativo Individualizzato al Progetto

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento Percorso di Formazione Dall autismo all integrazione socio-lavorativa Organizzato da: AGSAV ONLUS Associazione Genitori

Dettagli

COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE?

COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE? COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE? a cura della Counselor Psicopedagogica dott.ssa P. Paolini Ogni bambino ha una sua SCRITTURA SPONTANEA TEORIA LINGUISTICA: idee e regole che ha ricavato osservando

Dettagli