A cura di Dott.ssa Ilaria Adriani A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A cura di Dott.ssa Ilaria Adriani A.S. 2009-2010"

Transcript

1 A cura di Dott.ssa Ilaria Adriani A.S

2 Sentieri" nasce in radio nel gennaio del Approda in televisione nel In Italia debutta nel 1982 La soap, prodotta dalla Procter and Gamble Productions, In Italia è stata trasmessa fino al 1988 da Canale5, poi è passata a Rete4.

3 Beautiful (titolo originale: The Bold and the Beautiful, letteralmente "Gli audaci e le belle") è programmata dal In Italia la prima puntata è stata trasmessa il 4 Giugno 1990, su Rai Due. Dal 1994 la soap opera è passata a Mediaset su Canale 5

4 CentoVetrine Soap Opera italiana prodotta dal 2001 e trasmessa da Canale5

5 Un posto al sole è la prima soap opera interamente prodotta in Italia, nonché la più longeva soap italiana. Viene trasmessa dal 1996.

6 Cuore selvaggio è una telenovela messicana. Prodotta da Televisa, è stata trasmessa in Messico nel In Italia è stata trasmessa da Retequattro nell'ottobre dello stesso anno.

7 Topazio Telenovela venezuelana prodotta nel1984.

8 Esmeralda (Messico, 1997)

9 La Soap, genere televisivo nato in America, si diffonde in Italia intorno agli anni 80. Gli anni tra il 50 e il 60 hanno visto il predominio del genere dello sceneggiato all Italiana, utilizzato come linguaggio di ricostruzione dell identità nazionale sotto il segno della pedagogia democristiana che utilizza la tv come strumento di formazione culturale e poi come fabbrica del consenso politico.

10 Lo sceneggiato è stato lo strumento di passaggio dalla cultura letteraria al cinema in tv. L esplosione del fenomeno soap si ha negli anni 80 ed è strettamente legato alla nascita delle tv private che acquistano, a prezzi stracciati, il prodotto americano: serials, telefilm, soap opera, telenovelas.

11 La soap radiofonica Negli USA, intorno agli anni 30, quando ancora la tv non c era, erano ricorrenti le trasmissioni radiofoniche che, però, si concentravano principalmente nelle ore serali. Quando cominciò a diffondersi l idea di utilizzare anche il daytime, prime fra tutte, ad acquistare spazi di un ora furono la Colgate Palmolive e la Procter & Gamble.

12 La soap radiofonica L ora veniva suddivisa per reclamizzare le varie marche e, nel suo corso, veniva sviluppato il serial. L esperimento sembrava funzionare e in poco tempo furono vendute altre ore. Proprio in ragione del fatto che i prodotti pubblicizzati erano tutti di bellezza e pulizia, fu coniato il termine soap opera.

13 La soap televisiva Nel 1950 la Soap passa dalla radio alla tv. Gli sceneggiatori delle Soap hanno origini radiofoniche. Frank e Anne Hummert, sceneggiatori di soap, scoprirono alcuni segreti di questi tipi di testi come ad esempio: Ad ogni puntata i protagonisti, nel dialogo, devono raccontarsi la storia delle puntate precedenti; I Bambini non devono mai ricoprire ruoli importanti;

14 Una definizione di soap La Soap Opera va ben distinta dalla telenovela di matrice sudamericana e dal telefilm. Essa è un prodotto televisivo, principalmente daytime, di origine statunitense, con contenuto sentimentale, privo del lieto fine obbligatorio, ambientato in una società medio-alta, di durata imprevedibile, di ispirazione astratta che persegue il verosimile.

15 Possibili Letture Lettura Interna Analisi, episodio per episodio, dello stile di narrazione audio-visiva: la lettura delle espressioni, dello svolgersi dei caratteri, dei dettagli-simbolo, dei flash back e flash foreward, dei flou dei sogni, delle metacomunicazioni di cui, a causa della sua essenzialità, la soap è piena.

16 Possibili Letture Lettura Esterna La lettura esterna consiste nel capire per quali motivi oggettivi il linguaggio della soap opera si struttura come si presenta. I motivi oggettivi sono primari e secondari. Motivi primari L esigenza di contenere i costi implica che le puntate vengano girate in set essenziali, 5/6, raggruppati tutti in uno stesso luogo.

17 Possibili Letture I costi devono essere ancora più contenuti poiché lo scopo delle Soap è quello di creare uno zoccolo duro di pubblico affezionato e dipendente, che possa ammortizzare i costi morti del primo periodo di programmazione. Tali esigenze dettano lo stile di produzione della Soap.

18 Lettura Esterna Soap Opera Possibili Letture La lettura esterna della Soap attiene alla sua produzione, allo staff, ai set, al turn over degli attori, al tipo di registrazione e alla sua sceneggiatura. Per tutti gli anni 60 e fino agli anni 70 le soap venivano trasmesse in diretta ed oggi, anche se non si usa più la diretta, le sue caratteristiche si mantengono nel modello di registrazione.

19 Possibili Letture Un ingrediente narrativo peculiare della Soap è quello dell imprevisto che rende necessaria la costruzione del racconto su vari personaggi. Lo sceneggiatore deve conoscere a fondo ogni personaggio, ne costruisce la personalità che arricchisce via via attraverso dialoghi, particolari, manie. La coerenza interna dei personaggi è fondamentale per il successo di una soap.

20 Produzione Per tutti gli anni sessanta, fino alla metà degli anni settanta, le soap venivano trasmesse in diretta. L incisione successiva su pellicola e in differita, non ha modificato, però, lo stile della registrazione che è rimasto quello della diretta.

21 Produzione Le soap hanno una produzione di tipo day time e ciò comporta che siano caratterizzate da un numero illimitato di puntate. Proprio in ragione di tale caratteristica, si differenziano da produzioni prime time che spesso durano una sola stagione e si presentano con appuntamenti a cadenza settimanale (ES. Berverly Hills o Melrose s Place).

22 Produzione Il prime time ha un costo molto più elevato del day time che, invece, costa nei primi due anni per poi ammortizzare lo stesso nel corso del tempo, quando si è creato uno zoccolo di pubblico fidelizzato. Il prime time, invece, per rimanere in programmazione, deve affermarsi fin dall inizio su buoni indici di ascolto. Gli attori del prime time, vere e proprie stars, sono strapagati se paragonati a quelli del day time.

23 Ingredienti narrativi L imprevisto è un ingrediente narrativo proprio della soap. Una della sue caratteristiche principali risiede nella sostituzione degli attori che, dopo lo shock iniziale che creano nel pubblico fidelizzato, possono diventare elementi portanti della storia.

24 Ingredienti narrativi Altro ingrediente narrativo portante in una soap, è la sua durata illimitata nel tempo e la non obbligatorietà del lieto fine. La soap ha andamento parallelo alla vita per cui, come accade nel nostro vissuto, tutti possono entrarne ed uscirne e tutto può accadere. Il fatto che una soap venga prodotta per anni ed anni comporta che vengano ripetute spesso le cose già accadute per dare a tutti le possibilità di entrare in qualsiasi momento in questo contesto narrativo.

25 Ingredienti narrativi La sua struttura si sposa perfettamente con l intento di non far faticare i nuovi adepti. Nella soap tutto è detto, ripetuto e sottolineato e l incedere della storia è molto lento. La ripetizione crea affezione, favorisce l approfondimento psicologico dei personaggi rendendoli amabili ed amati dal pubblico. Del resto ciò accade anche nel quotidiano dove ognuno di noi non fa che ripetere i propri sentimenti, le proprie ansie, il proprio modo d essere. La ripetitività, dunque, nella soap, è un valore.

26 Ingredienti narrativi In essa i temi ricorrenti sono quelli della letteratura popolare, i temi archetipici dell umanità che spesso favoriscono in presentarsi delle incongruenze. Un altro ingrediente narrativo fondamentale per la soap è la suspance che ha lo scopo di sedurre e inchiodare il telespettatore per l eternità.

27 Ingredienti narrativi La suspance si crea con la tecnica della narrazione della struttura ad incastro (tutte le varie micro storie collegate tra loro) e la simultaneità. Il telespettatore sa sempre tutto a differenza del protagonista che sa solo quello che vede. La suspance è garantita dalla scansione in puntate e dall interruzione della storia sul più bello. Quando l azione si ferma, generalmente, viene proposto uno zoom che va sul primissimo piano insieme ad una nota musicale in crescendo.

28 Ingredienti narrativi Vengono utilizzati anche flashback e flash foreward, cioè i sogni che mostrano i ricordi del passato e i sogni che si vorrebbero realizzati (effetto sfocato delle immagini). Un altro motivo degli inserti è quello di garantire la ripetizione che a sua volta, produce un andamento lento nello svolgersi della storia.

29 Ingredienti narrativi La storia ad appuntamento fisso trae origine dal genere letterario del feuilleton (popolare genere letterario importato dallo stile letterario in uso nel passato in Inghilterra ed in Francia.Spesso scritti da donne per un pubblico prevalentemente femminile, questo tipo di romanzi era improntato su trame estremamente intricate e incentrate su storie amorose quasi sempre dipinte a tinte fosche.), dal romanzo rosa, dal fotoromanzo, dal fumetto.

30 Ingredienti narrativi L appuntamento fisso della soap risponde ad un una serie di ragioni: Attrazione per l intrigo; La trama che diventa oggetto di discorso tra amiche; Meccanismo di identificazione e proiezione; Desiderio di creare favole moderne; Distoglie dalle amarezze della vita.

31 Ingredienti narrativi Il desiderio delle persone di vivere per delega con l immaginazione, rende la soap parente del romanzo d appendice e di quello rosa. Anche le saghe e i miti sono parenti lontani della soap. La soap opera quando arriva in Italia comporta la necessità del doppiaggio, quindi la scelta delle parole per l adattamento al labiale e quella delle musiche che, solitamente, sono riscritte da musicisti Italiani.

32 Telenovelas La telenovela affonda le sue radici nella forme di spettacolo popolari precedenti all avvento della radio e della tv, soprattutto nel genere teatrale chico, sviluppatosi all inizio del 900 nella valle del Rio della Plata. Inizialmente, i centri di produzione erano tre: Cuba, Buenos Aires e Città del Messico. Le radionovelas argentine e messicane non esulavano i confini nazionali mentre quelle cubane erano diffuse nella maggior parte dei paesi di lingua spagnola.

33 Telenovelas La terra natia del genere fu il Brasile dove il fenomeno della radionovela, prese piede pian piano, principalmente sotto la spinta del condizionamento statunitense. In Brasile, infatti, i pubblicitari americani, portano il loro modello vincente di propaganda commerciale: la soap opera che, adattata al costume sociale brasiliano, si trasforma in telenovelas.

34 Telenovelas Negli anni 50 in Brasile arriva la televisione che si installa come estensione del sistema radiofonico, con lo stesso regime di controllo statale, lo stesso regime di iniziativa privata, lo stesso modello economico. All inizio il mercato televisivo è un mercato di elite con una richiesta di programmazione di tipo culturale: teatro, opera, balletto.

35 Telenovelas Con il golpe degli anni 60, in seguito all esodo di massa dalle campagne alle città e al formarsi intorno ad esse dello zoccolo di povertà e miseria, i governi cominciano a prendere atto del ruolo di integrazione che avrebbe potuto svolgere la televisione, proponendo la diffusione di modelli di valori e costumi che possono uniformare la realtà della gente. In ciò la telenovela può giocare un ruolo importante.

36 Telenovelas Negli anni 70, i governi militari, consci della potenza del mezzo televisivo per ottenere consenso e per contenere la massa dei disperati, potenzialmente il nucleo più pericoloso per casi di rivolte ed insurrezioni, iniziarono ad introdurre il metodo del sondaggio, per indirizzare la produzione mediatica proprio verso questo target, nel tentativo di favorire l unificazione e l integrazione nazionale.

37 Telenovelas La telenovela diventa dunque una sorta di tranquillante sociale proprio in ragione del suo legame con la cultura popolare del paese nel quale nasce. Pur essendo un prodotto dei paesi latino americani, la telenovela ha riscosso successo in diverse parti del mondo, a conferma del fatto che temi e modulo narrativo toccano una corda universale nel cuore e nell immaginario del telespettatore.

38 Telenovelas Ingredienti narrativi Il primo elemento portante della telenovela è il conflitto, principalmente il conflitto tra amore ed odio intorno al quale ruotano tutti gli avvenimenti. Generalmente l amore è visto come bene e, la lotta per ristabilirlo o raggiungerlo è il leit motiv intorno al quale si costruisce la trama.

39 Telenovelas Ingredienti narrativi Altro tipo di conflitto è quello sociale. Generalmente la storie d amore nascono tra persone di differente classe sociale. Ciò sembra suggerire la possibilità della scalata sociale che, effettivamente, è attuabile solo grazie al virtuosismo che diventa eroismo e all intervento di una sorte di deus ex machina.

40 Telenovelas Ingredienti narrativi Il terzo conflitto è la trasgressione che difficilmente può essere perdonata e che quindi genera squilibri. Il quarto conflitto è il disordine familiare che contribuisce a rendere la trama carica di guai. Il quinto conflitto è il destino cioè quell insieme di avvenimenti estranei alla volontà umana che cambiano l ordine delle cose. Il destino molte volte è utilizzato come elemento che sprigiona un tabù, che ne fa parlare.

41 Telenovelas Ingredienti narrativi Nella telenovela quando si raggiunge l equilibrio bene = amore arriva a maturazione anche quello malvagio = castigo, che solitamente è somministrato secondo il principio della legge del taglione.

Allegato C. Classificazione tipologie di programmi

Allegato C. Classificazione tipologie di programmi Allegato C Classificazione tipologie di programmi Tipologia dei programmi Dettagli sul programma Definizioni N Notiziari 1 Telegiornale Trasmissione a carattere informativo con programmazione quotidiana

Dettagli

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA Il Cammino Della Musica a cura di Andrea Zuin www.ilcamminodellamusica.it Mentre camminavo per l America Latina in cerca di musica (vedi la pagina web), ho conosciuto

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE UK28U ATTIVITÀ 90.01.01 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA RECITAZIONE ATTIVITÀ 90.02.02 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA REGIA Maggio 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA

DESCRIZIONE SINTETICA ALL A REGISTA DESCRIZIONE SINTETICA Il Regista è in grado di curare l'ideazione e la realizzazione di uno spettacolo dal vivo o di un opera coordinando il lavoro tecnico ed artistico di un gruppo di professionisti

Dettagli

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche

Dopo il Neorealismo anni 60 neorealismo esaurimento trasformazioni economiche sociali culturali boom economico mass media nuove problematiche Dopo il Neorealismo Intorno agli anni 60 del XX secolo il neorealismo in Italia conosce un naturale esaurimento viste le profonde trasformazioni economiche ma anche sociali e culturali: il boom economico,

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VK28U ATTIVITÀ 90.01.01 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA RECITAZIONE ATTIVITÀ 90.02.02 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA REGIA Giugno 2013 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di

Dettagli

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI

FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI CdL Scienze del Comportamento e delle Relazioni Sociali Facoltà di Psicologia Elem. SOCIOLOGIA della COMUNICAZIONE FORMAT E GENERI RADIO- TELEVISIVI di Greta Brardinoni PREMESSA (pregiudizi) FORMAT = minori

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

LUCIO GARBO editore e presidente

LUCIO GARBO editore e presidente LUCIO GARBO editore e presidente Il mio orientamento di fondo nasce da un progetto ambizioso che rispecchi gli ideali, i valori, le aspirazioni di chi ha fissato gli obiettivi, con azioni concrete: LA

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

PROPOSTA DI ACCORDO PER LA BUONA GESTIONE DELLE RELAZIONI NEI PROGETTI DI FICTION

PROPOSTA DI ACCORDO PER LA BUONA GESTIONE DELLE RELAZIONI NEI PROGETTI DI FICTION PROPOSTA DI ACCORDO TRA LA RAI E GLI SCENEGGIATORI PER LA BUONA GESTIONE DELLE RELAZIONI NEI PROGETTI DI FICTION Roma, 12.12.2012 2 PREMESSA La fiction televisiva è un prodotto industriale che mira sia

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

listino e format di vendita Preserale 6 tlp 120,12 bb cee 5 1 posizione Quotidiano 480.000

listino e format di vendita Preserale 6 tlp 120,12 bb cee 5 1 posizione Quotidiano 480.000 INTRATTENIMENTO Novità e conferme per l autunno di Canale 5, il pomeriggio completamente rinnovato e un nuovo preserale si aggiungono ai classici dedicati al target famiglia. listino e format di vendita

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti

TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti TITOLO: LABORATORIO ESPRESSIVO Favole giocanti DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della Scuola dell infanzia di Campitello. PERSONE COINVOLTE:

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

icarocommunication.com

icarocommunication.com icarocommunication.com 1 2 TV Video Radio Stampa Internet Vi faremo conoscere con qualsiasi mezzo. 3 Network riminese di comunicazione pubblicitaria, istituzionale ed editoriale che riunisce i maggiori

Dettagli

LE STORIE DELLA CAMERA BLU

LE STORIE DELLA CAMERA BLU LE STORIE DELLA CAMERA BLU Il nome del progetto nasce dalla modalità video utilizzata per le riprese, svolte a conclusione del laboratorio. La Camera Blu è infatti una struttura smontabile, costituita

Dettagli

Corso di recitazione cinematografica NUCCIO AMBROSINO

Corso di recitazione cinematografica NUCCIO AMBROSINO Programma Corso di recitazione cinematografica NUCCIO AMBROSINO 1 - Incontro - 3 ore. - Presentazione e illustrazione del programma - Cenni sulla teoria della comunicazione e dell informazione - Mezzi

Dettagli

Percorso Linguistico Classe seconda elementare

Percorso Linguistico Classe seconda elementare Percorso Linguistico Classe seconda elementare A cura della dott.ssa Maria Piscitelli Insegnanti collaboratrici che hanno sperimentato in classe il Percorso Linguistico. Gianna Campigli ed Attilia Greppi

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016

LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 LABORATORI e progetti ANNO SCOLASTICO 2015 2016 L uso dei social network e della tecnologia propone nuove riflessioni e strategie educative. Dal cyberbullismo alle opportunità creative, il panorama dei

Dettagli

Dello stesso autore presso Rizzoli e BUR. Aprite la mente al vostro cuore. Siate forti nella tenerezza. Lo sguardo semplice e profondo dell amore

Dello stesso autore presso Rizzoli e BUR. Aprite la mente al vostro cuore. Siate forti nella tenerezza. Lo sguardo semplice e profondo dell amore JORGE MARIO BERGOGLIO (Buenos Aires, 1936), laureato in flosofa, è stato ordinato sacerdote nel 1969, vescovo di Auca nel 1992, arcivescovo di Buenos Aires nel 1998, creato cardinale nel 2001 ed eletto

Dettagli

IL CAMMINO DELLA MUSICA

IL CAMMINO DELLA MUSICA IL CAMMINO DELLA MUSICA di Andrea Zuin Associazione Culturale LA SCOSSA la musica è una faccenda molto più sociale che estetica IL CAMMINO DELLA MUSICA è: un viaggio di conoscenza di differenti popoli

Dettagli

traduttore/ traduttrice ed editore delle opere audiovisive multimediali

traduttore/ traduttrice ed editore delle opere audiovisive multimediali E una professione che non ha una univoca caratterizzazione rispetto al genere. La presenza delle donne è comunque decisamente marcata, anche come conseguenza diretta della forte presenza femminile nei

Dettagli

Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole.

Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole. Alla scoperta di Cinecittà e del cinema. Dal 2011 Cinecittà ha strutturato un progetto specifico di Attività educative destinato alle scuole. Il nostro obiettivo è quello di offrire proposte didattiche

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 1. I mezzi di comunicazione nell Italia contemporanea: panoramica attuale

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

Raccontami una fiaba REGIONE ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E ISTRUZIONE

Raccontami una fiaba REGIONE ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E ISTRUZIONE Raccontami una fiaba GIUNTA REGIONE MARCHE ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI E ISTRUZIONE Ancona, novembre 2003 Rcaccontami una fi aba Concorso nelle scuole della regione sulle narrazioni di qui e d altrove

Dettagli

IL MONDO NARRATIVO: come costruire l ambiente e i personaggi di una storia.

IL MONDO NARRATIVO: come costruire l ambiente e i personaggi di una storia. CALENDARIO ATTIVITÀ 2007 2008 CORSI 2007/2008 Per saperne di più, clicca qui. IL MONDO NARRATIVO: come costruire l ambiente e i personaggi di una storia. Durata: dieci lezioni. Frequenza: settimanale,

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Il progetto. Imparo la lingua Araba Il Tesoro delle Lettere

Il progetto. Imparo la lingua Araba Il Tesoro delle Lettere Imparo la lingua Araba Il Tesoro delle Lettere Il progetto Combattere l analfabetismo è la grande sfida della mondialità. Secondo i dati forniti dall UNESCO, 774 milioni di persone, un adulto su cinque

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

Lato A. Cicche. Lato B. Mostro.

Lato A. Cicche. Lato B. Mostro. Lato A. Cicche. Lato B. Mostro. Visione e parole: Cristiano Sormani Valli Creazione: Nicolas Ceruti, Maria Rosa Criniti, Luca Marchiori, Mara Marini, Cristiano Sormani Valli. Nella stanza: Nicolas Ceruti,

Dettagli

1 RGB Medical - Milano; 2 Osservatorio Fumo, Alcol e Droga, Istituto Superiore di Sanità - Roma

1 RGB Medical - Milano; 2 Osservatorio Fumo, Alcol e Droga, Istituto Superiore di Sanità - Roma FUMO E TELEVISIONE RICERCA QUANTITATIVA SULLA FREQUENZA DEGLI ATTI FUMO IN TV: PRIMI RISULTATI Graziella Caraffa 1, Sergio Attardo 2, Roberta Pacifici 2, Piergiorgio Zuccaro 2 1 RGB Medical - Milano; 2

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

LUCIO GARBO editore e presidente

LUCIO GARBO editore e presidente LUCIO GARBO editore e presidente Il mio orientamento di fondo nasce da un progetto ambizioso che rispecchia gli ideali, i valori, le aspirazioni di chi ha fissato gli obiettivi, con azioni concrete: LA

Dettagli

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Liberamente tratto da Pierino e il lupo di Prokofiev Regia, realizzazione marionette e animazione Dino Arru Con Dino e Raffaele Arru HO VISTO IL LUPO Gli ultimi

Dettagli

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali

GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali GIOVANI: Tempo Libero e Consumi Culturali Quadro di confronto tra le attività di tempo libero praticate negli anni Attività del tempo libero praticante almeno una volta nei tre mesi precedenti all'intervista

Dettagli

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe

Summer. School. Per ragazzi dai 6 ai 14 anni. School. Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe Summer Per ragazzi dai 6 ai 14 anni School 2014 School of Oxford Group è una divisione del Gruppo ISE International School of Europe School of PROGETTO OXFORD GROUP SUMMER SCHOOL - Scuole Statali Oxford

Dettagli

Chi è lo sceneggiatore

Chi è lo sceneggiatore Chi è lo sceneggiatore Lo sceneggiatore, così come l autore di programmi televisivi, due ruoli assimilabili nei diversi processo di produzione dei rispettivi prodotti audiovisivi, è quel creativo che possiede

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Presentazione dello spettacolo. Alla ricerca dell armonia Viaggio tra musica e colore

Presentazione dello spettacolo. Alla ricerca dell armonia Viaggio tra musica e colore Presentazione dello spettacolo Alla ricerca dell armonia Viaggio tra musica e colore Un Progetto per gli Adolescenti delle Scuole Secondarie di secondo grado statali e paritarie di Verona e Provincia Lunedì

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Tel. +41 (0)58 866 74 40 Fax +41 (0)58 866 74 41 Email eventi@lugano.ch CITTÀ DI LUGANO

Tel. +41 (0)58 866 74 40 Fax +41 (0)58 866 74 41 Email eventi@lugano.ch CITTÀ DI LUGANO Agli organi d informazione Lugano, 04 febbraio 2014 ll Teatro Foce è lieto di presentare il prossimo spettacolo in programma per la rassegna HOME, parte di un progetto di storytelling, Il viaggio di Arnold,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Schema di classificazione delle sezioni della biblioteca

Schema di classificazione delle sezioni della biblioteca Comune di Ferrara U.O. Manifestazioni Culturali Videoteca VIGOR Schema di classificazione delle sezioni della biblioteca 000 Opere generali 000 Opere generali, enciclopedie, lexicon 010 Dizionari 020 Annuari,

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente.

TECNOLOGIC@MENTE LABORATORIO-MUSEO SCHEDA TECNICA. 52 km www.museotecnologicamente.it Tel: 0125/1961160 e-mail: scuole@museotecnologicamente. LABORATORIO-MUSEO TECNOLOGIC@MENTE Tecnologic@mente, coordinato e gestito dalla Fondazione Natale Capellaro, in questi anni ha svolto un importante e fondamentale lavoro volto per la conservazione e, soprattutto,

Dettagli

DAL PRODUCT PLACEMENT ALLA DIGITAL SPONSORSHIP

DAL PRODUCT PLACEMENT ALLA DIGITAL SPONSORSHIP Giovanni Palazzi Giornata di Studio sui Diritti Audiovisivi nello Sport Parma, 13 maggio 2010 L INNOVAZIONE PRODUCT PLACEMENT Il Product Placement (PP), o branded entertainment, è la tecnica di marketing

Dettagli

Video & 3D: un metalinguaggio per edutainment e marketing. Smau 2009 Cinzia Ligas e Fausto Crepaldi

Video & 3D: un metalinguaggio per edutainment e marketing. Smau 2009 Cinzia Ligas e Fausto Crepaldi Video & 3D: un metalinguaggio per edutainment e marketing Smau 2009 Cinzia Ligas e Fausto Crepaldi Nevio e Terenzio, autori latini, furono i più antichi sceneggiatori a utilizzare la tecnica della contaminatio.

Dettagli

Figura Professionale codice FP173 ART DIRECTOR

Figura Professionale codice FP173 ART DIRECTOR settore Comparto descrizione ATTIVITÀ IMMOBILIARI, NOLEGGIO, INFORMATICA, RICERCA, SERVIZI ALLE IMPRESE ATTIVITÀ DI SERVIZI ALLE IMPRESE Persona che garantisce, in una grande agenzia pubblicitaria, la

Dettagli

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Coordinamento di Feljeu : Caterina Colonna, Anna Cornacchia, Annalisa Divincenzo Finalità della ricerca Il sondaggio

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

Il ruolo dei mass media nella lotta al fumo

Il ruolo dei mass media nella lotta al fumo Il ruolo dei mass media nella lotta al fumo di Matteo Garuti MASS MEDIA = Prerogative dei mass media - vasto pubblico - incisività - ripetitività - basso impegno per l attezione mezzo di comunicazione

Dettagli

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1 Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016 Pag. 1 I CAMPI D ESPERIENZA APPLICATI ALLE FIABE Al fine di favorire il percorso educativo di ogni

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Fondazione Persona. la Veja Masca

Fondazione Persona. la Veja Masca teatro spettacoli musica cultura Fondazione Persona la Veja Masca Lumi... sul Lumi... Cervino sul Cervino SPETTACOLO TEATRALE NUOVA PRODUZIONE Una narrazione con Gianni Dal Bello che vuole ricordare la

Dettagli

/. Premessa pag. 5 1.1. Di che cosa ci occupiamo " 6 1.2. Questioni di terminologia " 8 1.3. L'articolazione del volume " 11 1.4.

/. Premessa pag. 5 1.1. Di che cosa ci occupiamo  6 1.2. Questioni di terminologia  8 1.3. L'articolazione del volume  11 1.4. /. Premessa pag. 5 1.1. Di che cosa ci occupiamo " 6 1.2. Questioni di terminologia " 8 1.3. L'articolazione del volume " 11 1.4. Infine " 11 2. La serialità televisiva. Uno sguardo complessivo " 13 2.1.

Dettagli

A cura di Mario Fortunato

A cura di Mario Fortunato MILENA AGUS VINCENZO CONSOLO IVAN COTRONEO ANDREA DE CARLO PAOLO DI PAOLO DACIA MARAINI MARIA PACE OTTIERI SANDRA PETRIGNANI PULSATILLA ELISABETTA RASY L ATTESA A cura di Mario Fortunato 2010 Fondazione

Dettagli

Associazione culturale La Giraffa nel Bicchiere

Associazione culturale La Giraffa nel Bicchiere SCHEDA DESCRITTIVA PROGETTO Io mi ricordo. La storia ricostruita attraverso la ricerca della memoria familiare Ricerca,Teatro e Narrazione Napoli, Istituto Comprensivo Statale Campo del Moricino a.s.2014/2015

Dettagli

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico.

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico. 1 PREMESSA Ancora oggi, come ieri, i bambini hanno voglia di ascoltare fiabe e storie. Desiderano ascoltare storie che arrivano al cuore e alla mente e hanno voglia di mettere le ali e volare dentro a

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca AFAM - Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica ACCADEMIA NAZIONALE d ARTE DRAMMATICA SILVIO d AMICO Via Bellini, n. 16-00198 Roma MASTER

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

Il Tg è una trasmissione televisiva che ha una messa in scena peculiare e che si compone di: titolo; sigla; scenografia; apparato tecnico.

Il Tg è una trasmissione televisiva che ha una messa in scena peculiare e che si compone di: titolo; sigla; scenografia; apparato tecnico. Il Tg è una trasmissione televisiva che ha una messa in scena peculiare e che si compone di: titolo; sigla; scenografia; apparato tecnico. Ha una struttura obbligatoria che presuppone che le notizie vengano

Dettagli

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori

Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori Comitato di applicazione Codice di autoregolamentazione Media e Minori RISULTATI DELLA RICERCA GIOVANI E MEDIA. LA TELEVISIONE CHE VORREI ALESSANDRIA 21 MARZO 2014 L'indagine campionaria è stata realizzata

Dettagli

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA IN CLASSE I nomi e le presentazioni; Leggo un altra lingua: attività di lettura, da parte della classe, di parole in lingua madre dell alunno neoarrivato, dedotte dalle

Dettagli

NEWSLETTER BIBLIOTECA

NEWSLETTER BIBLIOTECA 1 di 5 02/02/2013 10.23 LA NEWSLETTER MENSILE DELLA BIBLIOTECA PROVINCIALE PASQUALE ALBINO DI CAMPOBASSO NEWSLETTER BIBLIOTECA Agosto 2012 - numero 6 Tutti i colori della lettura in Biblioteca Albino Il

Dettagli

TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE TEORIA E TECNICA DELLA COMUNICAZIONE PREMESSA Teoria e tecnica della Comunicazione è presente nel percorso di studio denominato Liceo Classico con potenziamento della Comunicazione e studia i linguaggi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO

SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO Sezione 1 DESCRITTIVA ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE URANO SCUOLA PRIMARIA G.Rodari RAPAGNANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 1.1 Denominazione del Progetto Indicare Codice e denominazione del progetto LaboratoriaMENTE

Dettagli

Drammaturgia e Sceneggiatura (scrittura per il teatro, il cinema, la televisione)

Drammaturgia e Sceneggiatura (scrittura per il teatro, il cinema, la televisione) Prot. 3338/B del 21/09/2015 MASTER DI PRIMO LIVELLO IN Drammaturgia e Sceneggiatura (scrittura per il teatro, il cinema, la televisione) a.a. 2015/2016 B A N D O U F F I C I A L E prorogato Art. 1 Per

Dettagli

ARGILLA laboratorio sulla creatività manuale attraverso l arte del teatro

ARGILLA laboratorio sulla creatività manuale attraverso l arte del teatro associazione di formazione e produzione teatrale TEATROdARGILLA ARGILLA laboratorio sulla creatività manuale attraverso l arte del teatro ideato e condotto da daniel gol laura marchegiani alessandro nosotti

Dettagli

ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA

ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA ARTE E COMUNICAZIONE VISIVA LA PUBBLICITA Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine I.C. di Balsorano (AQ) - Scuola Secondaria di I Grado La pubblicità è l arte di convincere i consumatori La pubblicità

Dettagli

Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Formatore Multimediale

Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Formatore Multimediale Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Formatore Multimediale Da di Charlie Chaplin alle tematiche pedagogiche dell abbandono Elaborato di: Daniela Messina

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA.

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. Cari insegnanti, PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 ALLA SCOPERTA DI CINECITTÀ E DEL CINEMA. dal 2011 Cinecittà si Mostra ha avviato un progetto specifico di

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca.

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. Uno degli aspetti più evidenti della cosiddetta globalizzazione è la diffusione di culture, mode, modi di vivere e pensare, oggetti uguali in tutto il mondo.

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

18 Laurea DAMS Lettere

18 Laurea DAMS Lettere 18 Laurea DAMS Lettere ORDINAMENTO DEGLI STUDI Per conseguire la laurea lo studente deve acquisire 180 crediti, suddivisi uniformemente in tre anni. Il corso è articolato nel modo seguente: Corso di Laurea

Dettagli

INTIMITÀ È LEADER ASSOLUTO NEL SEGMENTO DEI SETTIMANALI NARRATIVA. ADS Settembre 2012. 241.993 copie

INTIMITÀ È LEADER ASSOLUTO NEL SEGMENTO DEI SETTIMANALI NARRATIVA. ADS Settembre 2012. 241.993 copie CONCEPT EDITORIALE Intimità, nata nel marzo 1946, pubblica ogni settimana storie vere, ispirate alla vita e all esperienza di gente comune, e romanzi di evasione completi e a puntate. Negli anni Intimità

Dettagli

AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA

AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA AVIS NELLE SCUOLE: STRUMENTI EDUCATIVI DI PROMOZIONE AL DONO ED ALLA CITTADINANZA ATTIVA RINA LATU Sabato 17 Ottobre 2015 PALERMO CHI SIAMO Principali attività svolte da AVIS su tutto il territorio nazionale

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

LA NOSTRA MISSIONE, LA NOSTRA IDENTITÀ

LA NOSTRA MISSIONE, LA NOSTRA IDENTITÀ 0. LA NOSTRA MISSIONE, LA NOSTRA IDENTITÀ Una vita al servizio della comunità L Antoniano è l amore di Dio all opera. Realizziamo la nostra testimonianza francescana attraverso opere di carità, azioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli