Interregionalismo e narcotraffico: materiali preliminari per uno studio comparato Alessandra Russo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Interregionalismo e narcotraffico: materiali preliminari per uno studio comparato Alessandra Russo"

Transcript

1 XXV Convegno SISP Palermo, 8-10 settembre 2011 Sezione: Relazioni Internazionali Panel: L interregionalismo: un nuovo livello nella governance globale? Interregionalismo e narcotraffico: materiali preliminari per uno studio comparato Alessandra Russo 1. Presupposti teorici Lo studio del fenomeno regionalista non è certamente inedito nella disciplina Relazioni Internazionali; gli analisti evocano a tale proposito l esistenza di vere e proprie ondate regionaliste, l ultima delle quali si è manifestata nelle forme dell interregionalismo, del multi-regionalismo e del trans-regionalismo, considerando sia il costituirsi di strutture cooperative ex novo che il rinnovamento dell agenda di istituzioni già esistenti. Ciò si è riscontrato in contrasto ad una presunta obsolescenza della teoria dell integrazione regionale 1, e invece in linea con quanto affermato da Ludger Kuhnhardt sulla proliferazione globale dell integrazione regionale 2 e da Bjorn Hettne sul multi-regionalismo 3. Parallelamente, nel corso degli stessi anni Ottanta e Novanta, il concetto di sicurezza è stato progressivamente allargato ai settori non tradizionali (quelli militari): da un lato rielaborandolo attraverso gli approcci della human security e, dall altro, agganciandolo all esistenza di minacce quali la criminalità organizzata transnazionale ed i traffici illeciti di sostanza stupefacenti e psicotrope. Inoltre, la dimensione regionale ed interregionale della sicurezza è strettamente collegata a una concezione della sicurezza stessa che va oltre quella fondata sullo Stato nel ruolo di attore protagonista; tale prospettiva si ancora ai processi di securitization / desecuritization, per i quali si assiste ad un ulteriore moltiplicazione delle unità di analisi: the referent objects (things seen to be existentially threatened and that have a legitimate claim to survival), securitizing actors (who securitize issues) and functional actors (who affect the dynamics of a sector but neither being referent object nor securitizing actor) 4. L approccio relazionale alla sicurezza apre quindi al concetto di security interdependence, che ben riassume il quadro complesso e composito, per la quale l interconnessione si manifesta anche nei settori della sicurezza economica, politica, sociale etc. e attraverso attori sia sovra-statali che sub-statali. 1 Ernst Haas, The Obsolescence of Regional Integration Theory, Institute of International Studies University of California, Berkeley, Ludger Kuhnhardt, Region Building: Global Proliferation of Regional Integration, Berghahn Books, New York, Bjorn Hettne, Regionalism, Interregionalism and World Order: The European Challenge to Pax Americana, American University Council on Comparative Studies, Working Paper Series 3, 17/3/2003; Luk Van Langenhove Ana-Cristina Costea, Inter-regionalism and the Future of Multilateralism, UNU-CRIS Occasional Papers /13. 4 Barry Buzan Ole Wæver Jaap de Wilde, Security: a new framework for analysis, Boulder, 1998, p

2 Trattando di security interdependence in senso regionale ed interregionale, non si può prescindere dalla teoria dei complessi regionali di sicurezza sviluppata da Buzan e Waever e dall approccio introdotto da Lake e Morgan per l analisi dell ordine regionale. Nella teoria dei complessi regionali si nota come in un primo momento ha persistito la centralità del ruolo dello Stato in materia di sicurezza 5. Un complesso di sicurezza è definito infatti come a group of states whose primary security concerns link together sufficiently closely that their national securities cannot reasonably be considered apart from one another 6. La definizione di complesso regionale di sicurezza viene in seguito riveduta, per renderla compatibile alla sicurezza allargata : a set of units whose major processes of securitization, desecuritization, or both, are so interlinked that their security problems cannot reasonably analyzed or resolved apart from one another 7. Perciò, se è vero che un complesso regionale si forma soltanto in base ai processi di securizzazione e desecurizzazione, e che quindi la regionness dipende dagli aspetti di sicurezza e si manifesta solo in questi, è altrettanto vero che una definizione più flessibile ed estesa di sicurezza permette di concepire questi cluster of security interdependence secondo criteri meno esclusivi. La teoria dei complessi regionali di sicurezza offre uno schema multilivello (livello dell unità, livello regionale, livello interregionale, livello globale), che porta ad esaminare la situazione interna degli Stati nella regione, accanto alla rete delle relazioni interstatali, ma anche le relazioni della regione presa in considerazione con le regioni limitrofe ed il ruolo delle potenze globali; l intersezione tra questi quattro livelli costituisce una security constellation 8. L approccio di Lake e Morgan ridimensiona la rilevanza della prossimità geografica nei processi legati al fenomeno regionalista, considerando invece l importanza del fattore tecnologico 9. Lake e Morgan definiscono un sistema di sicurezza regionale come a set of states affected by one transborder but local externality that emanates from a particular geographic area 10 ; centrale è qui il concetto di externalities, costs (negative externalities) and benefits (positive externalities) that do not accrue only to the actors that create them 11. Tuttavia, Lake e Morgan aggiungono che queste esternalità non si propagano necessariamente entro lo spazio di un vicinato definito in termini geografici, ma che piuttosto si configurano come emanazioni di problemi che si snodano e si dispiegano fino a fare entrare in contatto diversi attori del sistema 5 Barry Buzan Ole Waever, Regions and Powers. The Structure of International Security, Cambridge, 2003, pp Barry Buzan, People, States and Fear: National Security Problem in International Relations, Brighton, 1983, pp Barry Buzan Ole Wæver Jaap de Wilde, Security: a new framework for analysis, Boulder, 1998, p Barry Buzan Ole Waever, Regions and Powers. The Structure of International Security, Cambridge, 2003, p David Lake Patrick Morgan (a cura di), Regional Orders. Building Security in a New World, University Park, 1997, p. 11. Secondo Buzan e Waever, invece, se si guarda al fenomeno regionalista dall angolo securitario non si può fare a meno di convenire che adjacency is potent for security because many threats travel more easily over short distances than over long ones : questo perché qualsiasi minaccia o pericolo alla sicurezza si diffonde, si contagia, più facilmente e più velocemente nelle zone limitrofe all epicentro. Buzan assume, in modo quasi assiomatico, che ciò si presenta come una regola delle relazioni securitarie; pur ammettendo che questa regola viene meno se le minacce si deterritorializzano (per esempio, da militari a economiche); oppure se ci sono in gioco degli attori la cui potenza incrementa al punto tale da permettersi di ignorare le distanze. Barry Buzan Ole Waever, Regions and Powers. The Structure of International Security, Cambridge, 2003, p David Lake Patrick Morgan (a cura di), Regional Orders. Building Security in a New World, University Park, 1997, p Ivi, p

3 internazionale. In questo senso una regione si viene a creare, ossia per l esistenza di un problema che coinvolge più Paesi, senza che tra essi ci sia una contiguità territoriale. 2. Unione Europea e interregionalismo Entrambi i fenomeni accennati sopra nuove forme di regionalismo e concezione alternativa e inclusiva della sicurezza si ritrovano nei tentativi dell Unione Europea di giocare il ruolo dell attore globale, potenziale protagonista di un sistema hub-and-spoke di dispositivi di cooperazione biregionali, incentrato tuttavia sul concetto di partenariato. Ad oggi, infatti, l Unione Europea ha siglato sei accordi di cooperazione interregionale e conduce diciannove dialoghi politici con gruppi regionali 12. Esempi di rapporti con altri gruppi regionali UE-ASEAN (1972/1978/1980/2003) UE-CAN (1980/1983/1992/1996/2003) UE-SICA, Dialogo di San Josè (1983/1996) UE-SADC (1986) UE-SADC (1986) UE-Gruppo di Rio ( ) UE-CCG (1988) UE-MERCOSUR (1995) UE-SAARC (1994/1996) UE-ECOWAS (2000) Esempi di rapporti con altri meccanismi regionali UE-ACP (1975) ARF (1993) EuroMed (1995) ASEM ( ) Summit UE-LAC (1999/2002/2004/2006) Summit UE-Africa (2000) Figura 1. Esempi di relazioni interregionali di vario tipo a cui partecipa l Unione Europea. Heiner Hänggi Ralf Roloff Jürgen Rüland (a cura di), Interregionalism and International Relations, Routledge, Londra, p. 35. Per comprendere compiutamente questa tendenza interregionale mostrata dall Unione Europea è utile ricorrere ai framework teorici offerti dalla disciplina Relazioni Internazionali. Jürgen Rüland, per esempio, individua diverse possibili funzioni dei dispositivi interregionali 13 : 1) Balancing/Bandwagoning (di matrice realista): le coalizioni di organizzazioni regionali si spiegano attraverso il modello dell aggregazione di potenza o della stabilità egemonica. 2) Institution-building/Istituzionalizzazione: il rapporto interregionale si instaura in ragione della necessità di un azione congiunta e multilaterale; tuttavia, l interazione si sviluppa senza una vera e propria infrastruttura, permettendo una cooperazione flessibile e modulare. 3) Razionalizzazione: il rapporto interregionale risolverebbe le asimmetrie informative, attenuerebbe i costi di monitoraggio, di transazione e di coordinamento rispetto a soluzioni bilaterali classiche. 12 Karen E. Smith, European Union Foreign Policy in a Changing World, Cambridge, 2008, pp Jürgen Rüland, The European Union as an Inter- and Transregional Actor: Lessons for Global Governance from Europe s Relations with Asia, National Europe Centre Paper 13, Australian National University, luglio

4 4) Agenda-setting: il rapporto interregionale consente più facilmente un controllo delle priorità del dialogo politico e una costruzione del consenso rispetto a sedi negoziali a partecipazione universale o di livello globale. 5) Costruzione dell identità collettiva regionale (di matrice costruttivista): ciò che viene anche definito promozione del regionalismo attraverso l interregionalismo da parte di un attore che gioca il ruolo di federatore esterno. Nel caso dell Unione Europea, le relazioni interregionali in cui questa è impegnata potenziano la propria attorialità ( actorness ) nello stesso modo in cui il processo di region-building promuove il fenomeno interregionalista ed un ordine globale in cui le regioni sono le unità fondamentali delle relazioni internazionali 14. Una dimensione rilevante dell azione esterna dell Unione Europea è costituita dagli accordi di cooperazione con altri blocchi e raggruppamenti regionali e quindi dall instaurazione di rapporti interregionali: questa opzione rappresenta uno strumento alquanto efficiente per migliorare la propria posizione nel sistema internazionale, in assenza di risorse spendibili e volontà politica finalizzate a stabilire una vera e propria politica estera comune. La promozione del proprio modello di integrazione regionale fuori dai confini dell Unione Europea si presenta inoltre come uno strumento per legittimare questo tipo di governance, mostrandone l efficacia, l efficienza e l appetibilità, oltre che la validità di un idea tipicamente europea da esportare: la diffusione di alcuni valori, standard, policies corrisponde all identità politica dell UE quale potenza civile 15. Accanto a questa componente normativa e di opportunità politica, però, vi è la necessità di fare fronte a minacce, pericoli, rischi e sfide di nuova generazione : problematiche che sempre più spesso vengono inserite nel contenitore vago e controverso etichettato con il termine sicurezza. 3. Unione Europea e narcotraffico La Strategia europea in materia di sicurezza, elaborata nel 2003, si inserisce in un certo senso nella tendenza alla securitizzazione del narcotraffico: il traffico di stupefacenti viene dunque inteso estensivamente, collegato agli altri segmenti della filiera criminale, inserito in un circolo vizioso che lega i paesi produttori, i paesi di transito e i paesi consumatori, non solo come problema socio-sanitario Peter J. Katzenstein, A World of Regions. Asia and Europe in the American Imperium, Ithaca, New York, Barbara Delcourt, Les paradoxes de l Europe puissance, normative, civile et tranquille?, in Bernard Adam (a cura di), Europe puissance tranquille? Rôle et identité sur la scène mondiale, GRIP, Bruxelles, Editions Complexe, 2006, pp Tossicodipendenza e delinquenza urbana, prostituzione, diffusione del virus HIV 4

5 ma anche come minaccia alla sicurezza, alla stabilità e alla sovranità degli Stati. Il documento Un Europa sicura in un mondo migliore dichiara infatti: «L'Europa costituisce un obiettivo prioritario della criminalità organizzata. Questa minaccia interna alla nostra sicurezza ha un'importante dimensione esterna: il traffico transfrontaliero di stupefacenti, la tratta di donne, di migranti clandestini e di armi rappresenta una cospicua parte delle attività delle bande criminali. La criminalità organizzata può avere legami con il terrorismo. Le suddette attività criminali si accompagnano spesso a Stati deboli o in fallimento. In vari paesi produttori di droga i proventi della droga hanno alimentato l indebolimento delle strutture statali» 17. La preoccupazione nei confronti della criminalità organizzata transnazionale è una ricaduta collaterale dell evoluzione del contesto europeo nell ultimo ventennio, caratterizzato dal vuoto creato dalla caduta dei regimi comunisti nel vicinato orientale, dall introduzione della libertà di movimento prevista dal Trattato di Maastricht, dai progressi tecnologici soprattutto nel campo della comunicazione e dei trasporti e dalle politiche di allargamento. In particolare, però, il processo di securitizzazione del narcotraffico è emerso di recente parallelamente a concetti quali narco-corruzione, narco-violenza 18 e, soprattutto, narcoterrorismo 19 : il traffico di stupefacenti viene ritenuto una possibile fonte di finanziamento delle attività di insurgency. Il traffico di droga può essere esaminato secondo le categorie di securitization / desecuritization, da un lato spiegando come lo strumento interregionale derivi da una interdipendenza, reale, presunta o percepita, in materia di sicurezza, e dall altro arrivando a legittimare politiche antidroga anche coercitive e caratterizzate da eccezionalità. 17 Consiglio dell Unione europea, Un Europa sicura in un mondo migliore - Strategia Europea in materia di Sicurezza, Bruxelles, 12 dicembre 2003, p Rapimenti, estorsioni, ma anche traffico di armi e tratta di esseri umani. 19 Questo tipo di connessione è stata esplicitata nel Piano d'azione dell'ue in materia di lotta contro la droga ( ). In generale, in condizioni di debolezza dello Stato e sua incapacità di controllo territoriale, i cartelli criminali agiscono sotto la protezione o con la collusione di gruppi insorgenti, oppure facendo leva sulla corruzione delle istituzioni e sul trasferimento di potere politico agli esponenti della criminalità organizzata; tutto ciò può portare alla transizione verso la forma del narco-stato e la completa criminalizzazione dell economia. 5

6 Figura 2. Criminalità associata al consumo, alla produzione e al traffico di droga. Beau Kilmer - Stijn Hoorens (a cura di), Understanding illicit drug markets, supply reduction efforts, and drug-related crime in the European Union, RAND, Cambridge, Tutti questi motivi hanno portato l Unione Europea a elaborare degli strumenti interregionali per contrastare le varie facce del problema del narcotraffico, e, ancora prima, a stabilire una vera e propria politica di controllo delle droghe 20. La prima manifestazione strutturata in tal senso è costituita dal Piano d Azione dell Unione Europea in materia di lotta alla droga ( ) 21, che già mostrava i due settori politici fondamentali in cui l Unione Europea si impegnava: la riduzione della domanda e la riduzione dell offerta; inoltre, introduceva un approccio integrato al contrasto al traffico di stupefacenti, che includesse non solo una cooperazione sul piano socio-sanitario, su quello commerciale e doganale e su quello giudiziario e di polizia 22, ma anche la cooperazione per uno sviluppo alternativo (in ambito soprattutto rurale, in termini di coltivazione sostitutive di quelle illegali). Ancora più importante, già nel Piano del 1994 veniva menzionata la necessità di un azione internazionale, in particolare della promozione della cooperazione con i paesi terzi prendendo a modello gli strumenti legislativi comunitari e altri accordi internazionali pertinenti 23 ; oltre a ciò si accennava a programmi diretti a raggruppamenti regionali di paesi - in particolare il Gruppo di Rio, i paesi del Patto Andino e la Comunità degli Stati Indipendenti Commissione delle Comunità Europee, Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento Europeo relativa ad un Piano d Azione dell Unione Europea in materia di lotta contro la droga ( ), Bruxelles, 23/06/ Affidata ad agenzie quali l Osservatorio Europeo Droghe e Tossicodipendenze e Europol. 23 In realtà, già negli anni precedenti (primo Piano del 1990 e secondo Piano del 1992) la Comunità aveva cercato di affrontare il problema droga nelle relazioni commerciali e di cooperazione allo sviluppo con numerosi paesi terzi, per esempio attraverso l inserimento delle clausole droga e riciclaggio di denaro sporco negli accordi di cooperazione bilaterali e/o regionali con questi paesi. 6

7 Al Piano del 1994 è stato dato seguito, riprendendone i contenuti, dettagliandoli ed adattandoli ai progressi istituzionali dell Unione Europea, con la Strategia dell Unione Europea in materia di droga ( ) 24 : l elaborazione di tale documento era stata proposta in occasione prima del Consiglio Europeo di Cardiff (giugno 1998), poi di quello di Vienna (dicembre 1998), durante il quale, in particolare, è stato dichiarato che le regioni latinoamericana e centroasiatica sarebbero state prioritarie nelle politiche europee dirette al contrasto del narcotraffico. Questa strategia quadriennale recuperava quindi, tra gli obiettivi generali, proprio quello della cooperazione con altre organizzazioni internazionali, e si fondava esplicitamente sui principi di corresponsabilità e partenariato, ricorrendo tuttavia più volte a progetti di assistenza che presupponevano un rapporto asimmetrico con i Paesi terzi 25. La Strategia successiva ( ) 26 è invece settennale e la sua realizzazione tuttora in corso, seguendo le linee operative dei due Piani d Azione relativi, quello ( ) e quello ( ) 27. Entrambi hanno ancora una volta ribadito la rilevanza delle regioni latinoamericana e centroasiatica, epicentri strategici della produzione e del transito di droga, aree nevralgiche di quelle rotte della droga che sono il target dell azione esterna della politica europea in questo settore. Per quanto riguarda la cocaina, le coltivazioni, i laboratori e le raffinerie si concentrano in Colombia, Perù e Bolivia; essa raggiunge poi i mercati europei attraverso Argentina, Brasile, Ecuador, Messico, Venezuela. Il mercato dell eroina invece origina in Afganistan, da un lato, e, ancora, in Messico e Colombia, dall altro. La merce giunge in Europa attraverso la cosiddetta northern route che passa proprio per gli stan-states 28. Lo studio si propone di analizzare l interregionalismo come strumento per il contrasto al narcotraffico, attraverso una prospettiva comparata: da un lato, la cooperazione interregionale UE America Latina e in particolare euro-andina, dall altra, quella UE Asia centrale; ciò che si prende in considerazione in via preliminare sono le variabili che hanno influenzato i percorsi di graduale istituzionalizzazione di tale policy. Le differenze tra lo spazio centroasiatico e quello latinoamericano sono ovviamente molteplici; eppure, le minacce non convenzionali alla sicurezza mostrano una similarità rilevante, ovviamente anche per quanto riguarda il posizionamento sulle rotte della droga. D altra parte, per valutare la rispettiva propensione all inter-regionalità, è importante notare che in seno ad ognuna delle due 24 Consiglio dell Unione Europea, Nota del Coreper al Consiglio/Consiglio europeo: Strategia dell'unione europea in materia di droga ( ), Bruxelles, 1/12/ Tutti questi aspetti si ritrovano ovviamente anche nel relative Piano d Azione dell UE in materia di droga ( ): «Il Consiglio e la Commissione integrano le questioni inerenti alla droga negli obiettivi generali delle relazioni esterne dell UE, inclusa una cooperazione allo sviluppo che si avvalga appieno degli strumenti della politica estera e di sicurezza comune nonché degli strumenti della politica commerciale e dell assistenza finanziaria e tecnica». 26 Consiglio dell Unione Europea, Nota del Consiglio: Strategia dell'unione europea in materia di droga per il periodo , Bruxelles, 22/11/ Consiglio dell Unione Europea, Piano d azione dell UE in materia di lotta contro la droga ( ), Bruxelles, 8/07/2005; Consiglio dell Unione Europea, Piano d'azione dell'ue in materia di lotta contro la droga ( ), Bruxelles, 20/12/ Osservatorio Europeo Droghe e Tossicodipendenze, The State of the Drug Problem in Europe, Lisbona,

8 regioni gli eterogenei livelli di sviluppo, le divergenze di interessi e di vision sui progetti di integrazione regionale, le diverse rappresentazioni della sicurezza hanno fatto emergere una molteplicità di strategie e istituzioni cooperative. Queste ultime sono in parte autoctone, ed in parte indotte dalla presenza di una grande potenza extraregionale con un tradizionale diritto di prelazione, facendo emergere una tensione tra il potere di attrazione dei rispettivi egemoni regionali e la velleità di indipendenza ed emancipazione perseguita proprio attraverso dei tentativi regionalisti. Prima di proseguire, è necessario notare che, in entrambi i casi di cooperazione inter-regionale, le informazioni a disposizione sono poco sistematizzate ed aggiornate, ed i progetti avviati o in corso non godono di adeguata tracciabilità. Il documento più completo e recente disponibile su cui ci siamo basati è una Nota inviata dal Gruppo Orizzontale Droga al Coreper e al Consiglio 29, che però risale al Da Bruxelles a Lima: la rotta della cocaina La cooperazione bi-regionale tra Unione Europea e America Latina si concretizza in una serie di rapporti, da una parte, con la regione nella sua totalità e, dall altra, con raggruppamenti sub-regionali, caratterizzati talvolta da membership sovrapposte e geometrie variabili. Nel primo caso, il Partenariato Strategico è stato stabilito con il Summit di Rio de Janeiro (1999), aggiornato nel 2005 ("Un partenariato rafforzato tra l Unione europea e l America latina" 31 ) e ridefinito nel 2009 ("L'Unione europea e l'america Latina: attori globali in partenariato" 32 ). Nel secondo caso, invece, l Unione Europea si relaziona in modo multiforme con il Mercosur, la Comunità Andina, il Gruppo Rio. Durante gli anni Novanta l Unione Europea ha cominciato ad applicare degli incentivi positivi alle esportazioni latinoamericane verso i mercati europei, proprio per favorire la diversificazione della produzione e pulire le economie criminalizzate e in questo caso narcotizzate : il regime di preferenza commerciale applicato infatti è stato denominato proprio GSP-Drugs scheme. Nello stesso periodo venivano stabiliti due dispositivi interregionali finalizzati al contrasto al narcotraffico: il meccanismo di coordinamento e di cooperazione sulla droga tra l'unione europea, l'america latina e i Caraibi e il dialogo specializzato in materia di droga con la comunità andina La Politica europea di controllo delle droghe si fonda su dispositivi comunitari gestiti dalla Commissione ma non è sovranazionale, essendo di competenza del Consiglio (Gruppo Orizzontale Droga). 30 Consiglio dell Unione Europea, Nota del Gruppo Orizzontale Droga al Coreper/Consiglio: The Level of Funding and the Geographic and Thematic Distribution of EU Drug Projects, Bruxelles, 18/05/ Commissione delle Comunità Europee, Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo: Un partenariato rafforzato tra l'unione europea e l'america latina, Bruxelles, 8/12/ Commissione delle Comunità Europee, Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio: L Unione europea e l'america latina: attori globali in partenariato, Bruxelles, 30/12/ Giovanni Molano Cruz, Interregionalisme, securité et politique mondiale. Le rôle des groupes interrégionaux dans la régulation globale de politiques contre le 8

9 Il meccanismo di coordinamento e di cooperazione sulla droga tra l'unione europea, l'america latina e i Caraibi è emerso nell'ambito delle priorità del piano d'azione globale di Panama: elaborato nel 1999 in occasione di un summit bi-regionale, elencava dei settori di intervento ancora poco trattati nelle relazioni tra i due gruppi di paesi, come il controllo dei precursori chimici e delle sostanze psicoattive a fini scientifici e medici, la valutazione dell interazione tra traffico di droga e traffico di armi, la cooperazione marittima, il controllo dei capitali derivati da attività illecite e l assistenza allo sviluppo istituzionale, giudiziario e legislativo settoriale. Il piano d azione globale di Panama ha, in effetti, costituito un input ad una serie di progetti che hanno coperto diversi campi di intervento ma che si sono concentrati principalmente sullo sviluppo alternativo. Questi ultimi, soprattutto in Bolivia e Perù, si sono concretizzati nella realizzazione di infrastrutture sociali (sanitarie, educative) e produttive (gestione delle risorse naturali, accesso al credito rurale, elettrificazione, costruzione di vie di comunicazione), nella prevenzione dell abbandono delle terre da parte dei contadini ed in generale nel sostegno non solo al settore agricolo ma anche a quello miniero e manifatturiero 34. In Colombia, invece, il governo è stato dotato un sistema di informazione satellitare (le apparecchiature e l assistenza tecnica è stata fornita dalla Commissione Europea) per monitorare le piantagioni e individuare quelle dove le coltivazioni sono illegali 35. In Colombia in realtà i progetti della Commissione Europea di sviluppo alternativo sono spesso legati alla soluzione del conflitto armato e rientrano in iniziative di peace-building 36. La strategia regionale dell Unione Europea verso l America Latina in corso 37 prevede esplicitamente il contrasto al narcotraffico come specifico oggetto di cooperazione settoriale e rinnova l impegno a sviluppare ulteriormente i due strumenti interregionali dedicati (il meccanismo di coordinamento e di cooperazione ed il dialogo specializzato). Gli obiettivi posti riguardano programmi di addestramento degli agenti anti-droga e doganali, progetti di squadre investigative congiunte, lancio di iniziative di intelsharing e di assistenza allo sviluppo di strutture locali già esistenti (Comunidad LatinoAmericana y del Caribe de Inteligencia Policial), e il coordinamento nel sistema di controlli non solo transfrontalieri ma anche a livello di checkpoint internazionali. Per ciò che concerne i progetti antidroga della Commissione, questi sono in gran parte finanziati da linee di bilancio geografiche. Le spese per i progetti antidroga riconducibili a queste linee di bilancio sono integrate da spese che dipendono dalla linea di bilancio B (programmi di cooperazione nord-sud nella lotta contro la droga e la tossicodipendenza), uno strumento globale e tematico di trafic illicite de stupéfiants, UNU-CRIS Working Papers W-2008/ Esempi: Bolivia: Praedac 19 mio., Prodevat 6 mio., Apemin I e II 5 e 7 mio. ; Peru: Pozuzu-Palcazu 22.6 mio Progetto Cartography 8 mio Due progetti per circa 70 mio Commissione Europea, Latin America Regional Programming Document , Bruxelles, 12/07/

10 sviluppo di progetti pilota a livello regionale nel settore della droga, e dallo Strumento di Stabilità, istituito al fine di erogare aiuti finanziari su tematiche trasversali, nell'ambito della politica dell'unione europea in materia di relazioni esterne. Queste ultime due fonti di finanziamento hanno permesso di stanziare i fondi necessari alla realizzazione di altri progetti: PRELAC, finalizzato alla diversione dei precursori chimici e implementato dall Ufficio delle Nazioni Unite per il Controllo della Droga e la Prevenzione del Crimine; Gemellaggi tra città, finalizzati a facilitazioni per quanto riguarda la prevenzione e il recupero, implementati dalla Commissione Interamericana per il Controllo dell'abuso di Droghe (Organizzazione degli Stati Americani); Progetto Lotta al crimine organizzato sulla rotta della cocaina 38. Attraverso la strategia regionale, invece, l Unione Europea ha finanziato con 6 milioni di euro il progetto COPOLAD (Programma di cooperazione tra l'america latina e l'unione europea nell ambito della lotta contro le droghe), che vuole incoraggiare l elaborazione di politiche antidroga nei Paesi latinoamericani attraverso: - il consolidamento del meccanismo di coordinamento e cooperazione e la creazione di una piattaforma di raccordo per le agenzie nazionali di coordinamento, responsabili delle politiche antidroga; - la creazione di un sistema integrato di informazioni su produzione, traffico, consumo, criminalità associata, puntando sulle figure degli osservatori nazionali in via di istituzionalizzazione in loco; - misure di prevenzione, trattamento, recupero, riabilitazione dei consumatori di droga; - misure per la riduzione della domanda (sviluppo alternativo, applicazione della legge) 39. Sebbene il dialogo interregionale tra Unione Europea e Mercosur sia forse l unico caso esistente di interregionalismo puro, intercorso tra due organizzazioni regionali che seguono lo stesso modello di integrazione, la politica di contrasto al narcotraffico è molto più sviluppata come cooperazione regione-regione tra l Unione Europea e la Comunità Andina. Come anticipato, il rapporto euro-andino di cooperazione contro il traffico illecito di stupefacenti risale agli anni Novanta, con la creazione del Dialogo specializzato di alto livello in materia di droga tra l Unione Europea e la Comunità Andina. Uno degli aspetti interessante del processo di interregionalizzazione euro-andina consiste nel fatto che questo è scaturito da una convergenza tra le priorità politiche delle due regioni. Ciò significa, per esempio, che proprio nel 1990 la Comunità 38 Commissione Europea, The Instrument for Stability Multi-annual Indicative Programme , Bruxelles, 8/04/

11 Europea aveva accordato degli aiuti finanziari che erano stati richiesti dal presidente colombiano Virgilio Barco e da quello boliviano Jaime Paz Zamora per la realizzazione di piani di sviluppo alternativo. In seguito, nel marzo 1995, un altro presidente colombiano, Ernesto Samper Pizano, aveva reso visita alle istituzioni comunitarie con la proposta di istituire un quadro multilaterale regionale di cooperazione contro la droga; e pochi mesi dopo (settembre 1995), i presidenti andini, riuniti a Quito, avevano riflettuto sulla necessità non solo di una politica comune regionale anti-droga, ma anche di un progressivo avvicinamento ad altri gruppi regionali 40. Il Dialogo specializzato di alto livello in materia di droga tra l Unione Europea e la Comunità Andina è stato poi stabilito nel novembre dello stesso anno, definendo quattro obiettivi o ambiti di attività: 1) la cooperazione contro il narcotraffico; 2) la cooperazione per il controllo dei precursori chimici; 3) la cooperazione giudiziaria e nel settore investigativo contro il riciclaggio del denaro sporco; 4) l avvio di una riflessione sulla firma da parte dei paesi andini della Convenzione sul riciclaggio, la ricerca, il sequestro e la confisca dei proventi di reato. Nonostante il coordinamento euro-andino sia continuato in contesti quali la Commissione mista UE Comunità Andina, il dialogo UE Gruppo Rio e le conferenze interparlamentari, la specificità del Dialogo specializzato di alto livello sta nelle riunioni tra tecnici, esperti di settore, responsabili delle politiche antidroga a livello nazionale e regionale: anche se proprio il tipo di partecipazione è una delle cause di disequilibrio tra le due parti 41. La cooperazione euro-andina in materia di droga si compone fondamentalmente di due pilastri, di cui uno, quello legato alle preferenze commerciali, è uno strumento più unilaterale europeo che propriamente interregionale. L altro pilastro consiste nell assistenza finanziaria e tecnica allo sviluppo, ossia in quelli che vengono definiti progetti di sviluppo alternativo ; secondo una Nota del Gruppo Orizzontale Droga del 2006, la quota dei progetti dedicati allo sviluppo alternativo è nettamente preponderante. 40 Giovanni Molano Cruz, La coopération entre l Union européenne et la Communauté andine contre le trafic illicite de stupéfiants: une étude de cas d interrégionalisme, Bruges Regional Integration & Global Governance Papers 4 / La Comunità Andina invia alle riunioni del Dialogo rappresentanti governativi o diplomatici, mentre l Unione manda funzionari europei. Le altre cause di squilibrio tra contributo andino e contributo europeo alla cooperazione interregionale riguardano il finanziamento dei progetti e la diversa partecipazione alla fase di realizzazione vera e propria. 11

12 Settore Progetti Beneficiari Institution-building (strictu sensu) 2 Comunità andina (1), Colombia (1) Sviluppo Alternativo 30 Bolivia (11), Colombia (10), Perù (9) Diversione Precursori 3 Comunità andina (1), Colombia-Ecuador-Perù-Venezuela (1), Venezuela (1) Riciclaggio 1 Perù (1) Altre misure di riduzione dell offerta (scambio di informazioni, addestramento, formazione) Riduzione della domanda 10 Bolivia (4), Perù (3), Ecuador (1), Venezuela (1), Bolivia-Cile-Perù-Uruguay (1) Totale 70 Figura 3. Distribuzione tematica e geografica dei progetti di cooperazione anti-droga euro-andina. Dati: Consiglio dell Unione Europea, Nota del Gruppo Orizzontale Droga a Coreper/Consiglio, The Level of Funding and the Geographic and Thematic Distribution of EU Drug Projects, Bruxelles, 18/5/2006. Ciò pone una prima dimensione problematica della cooperazione euro-andina, in quanto spesso il concetto di sviluppo alternativo è oggetto di strumentalizzazioni, al fine di piegarlo ad obiettivi non solo di contrasto al narcotraffico. Per esempio, lo sviluppo alternativo colombiano è legato, secondo il governo di Bogotà, al Plan Colombia (lanciato nel 2000 dal presidente Andrés Pastrana) e alla pacificazione del paese, e non esclude inoltre pratiche di sradicamento forzato delle piante di coca a cui l Unione Europea pare opporsi; allo stesso modo, lo sviluppo socio-economico boliviano è stato presentato come vincolato alla realizzazione del Plan Dignidad (lanciato dal 1998 dal presidente Hugo Banzer). Da notare è il fatto che entrambi i piani hanno beneficiato di un intrusivo sostegno statunitense. Nel 2000, Ecuador e Venezuela sono arrivate a concepire strategie di sviluppo alternativo preventivo chiedendo supporto proprio all Unione Europea. 24 Venezuela (8), Colombia (7), Ecuador (4), Perù (3), Bolivia (1), Comunità andina (1) Dallo stesso documento del 2006 citato sopra, si delinea una seconda dimensione problematica, ossia la prevalenza persistente di relazioni bilaterali piuttosto che interregionali. Paese Progetti Euro Finanziatori Bolivia Belgio (1), Commissione Europea (3), Francia (2), Italia (2), Germania (3), Portogallo (1), Spagna (2), Lussemburgo (1), Regno Unito (1) Colombia Francia (6), Commissione Europea (4), Italia (1), Olanda (5), Spagna (1), Regno Unito (1) Perù Austria (2), Belgio (1), Commissione Europea (1), Finlandia (1), Francia (3), Germania (3), Italia (2), Lussemburgo (1), Spagna (1), Regno Unito (1) Totale Figura 4. Finanziamento dell Unione Europea e dei suoi Stati membri ai progetti anti-droga nei paesi sudamericani. Dati: Consiglio dell Unione Europea, Nota del Gruppo Orizzontale Droga a Coreper/Consiglio, The Level of Funding and the Geographic and Thematic Distribution of EU Drug Projects, Bruxelles, 18/5/2006. Almeno su questo aspetto, però, le informazioni disponibili sembrerebbero indicare una controtendenza. Rispondendo alle priorità dichiarate con l'adozione nel 2001 del piano andino di cooperazione per la lotta contro le droghe illecite e i crimini connessi, la Commissione Europea ha 12

13 perseguito un approccio regionale andino, al contrario degli altri finanziatori internazionali che invece continuano a privilegiare la scala nazionale. Se nel 1995 la Comunità Europea aveva siglato degli Accordi sui precursori chimici rispettivamente con Ecuador, Colombia, Bolivia, Perù e Venezuela, dal 2000 si sono svolti una serie di incontri specificatamente bi-regionali sul controllo dei precursori chimici, alternativamente a Bruxelles o a Lima. La Strategia Regionale per la Comunità Andina , pur facendo ancora riferimento alla rilevanza di progetti da Stato a Regione (in particolare, svedesi e spagnoli) ha destinato circa l 8% degli stanziamenti totali a progetti regionali collegati all ambito droga (progetto Drogas Sinteticas 2,55 mio. ), accanto ad altri finanziamenti della Commissione Europea provenienti da linee di bilancio trasversali (progetto Precan sul controllo dei precursori chimici 1,6 mio. ). La Strategia Regionale immediatamente successiva ha conferito all attività di contrasto della droga il rango di priorità strategica, decretando un erogazione di 10 mio. (il 20% del bilancio totale) per il periodo L impegno è quello di incentivare la regionalizzazione delle politiche andine stesse, con programmi quali Pradican (Programa Antidrogas ilícitas en la Comunidad Adina) e Drosican (Apoyo a la Comunidad Andina en el Area de las Drogas Sintéticas) 44. È presente, tuttavia, una terza dimensione problematica, più strutturale: il protagonismo statunitense nelle dinamiche regionali latinoamericane, accanto all approccio hard di Washington al problema del narcotraffico in America Latina. I primi tentativi di cooperazione interregionale euro-latinoamericana in materia di droga sono emersi parallelamente all inserimento delle politiche anti-droga nell agenda transatlantica e alla creazione del Gruppo di Dublino, che riunisce in un contesto di confidenzialità e informalità i 27 paesi dell Unione Europea, la Commissione Europea, Stati Uniti, Norvegia, Canada, Australia, Giappone e l Ufficio delle Nazioni Unite per il Controllo della Droga e la Prevenzione del Crimine. Questo ambito di cooperazione è stato quindi progressivamente sviluppato all interno dei rapporti tra Unione Europea e Stati Uniti, senza peraltro mai sciogliere l incompatibilità tra una strategia di lotta contro la droga (europea) e una strategia di guerra contro la droga (statunitense). 5. Dalla silk road alla rotta dell eroina La necessità europea di occuparsi dello spazio centroasiatico, anche da una prospettiva di sicurezza non convenzionale, non è emersa solo in relazione agli interessi per le infrastrutture energetiche; la risistemazione territoriale seguita al collasso dell Unione Sovietica e la presenza di frontiere 42 Commissione Europea, Regional Strategy: Andean Community of Nations , Bruxelles, 17/05/ Commissione Europea, Andean Community Regional Strategy Paper , Bruxelles, 12/04/ Susanne Gratius, The EU and the vicious circle between poverty and insecurity in Latin America, FRIDE Working Paper 98, 05/

14 estremamente permeabili ha comportato anche dei problemi di osmosi criminogena. Nel corso degli anni Novanta, infatti, si è registrato un incremento esponenziale della produzione di papavero, canapa ed efedra destinati alla trasformazione in sostanze stupefacenti o psicotrope, soprattutto in Kazakistan e Kirghizistan. Inoltre, la porosità dei confini ha reso l intero territorio centroasiatico uno snodo fondamentale per le rotte della droga che dall Afganistan arrivano in Russia e in Europa. La vulnerabilità degli stan al problema del narcotraffico sembra essere funzione delle frontiere che questi paesi hanno in comune con i maggiori produttori di droga o i mercati più ricettivi. Infatti, Tagikistan, Turkmenistan, and Uzbekistan confinano con l Afganistan (rispettivamente 1206 km, 744 km e 137 km); mentre Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan confinano con la Cina (rispettivamente 1533 km, 858 km e 414 km); altre rotte passano invece per il Turkmenistan e l Uzbekistan. Accanto all utilizzo del territorio centroasiatico come via di transito, sorge poi il problema dell istallazione di veri e propri laboratori e raffinerie, che beneficiano dell esistenza di strutture industriali farmaceutiche e chimiche ereditate dal periodo sovietico 45. L approccio europeo, volto a limitare la contaminazione del proprio territorio soprattutto da parte dell eroina afgana, è basato sulla costruzione di un sistema di filtraggio, ossia cinture concentriche che intercettino e ostacolino il flusso della droga 46 ; oltre a ciò, lo strumento TACIS (Technical Assistance to the Commonwealth of Independent States) ha finanziato altri programmi in settori collaterali, nello specifico la gestione delle frontiere e i servizi di controllo doganale. In particolare, l Unione Europea ha stabilito nel 2001 CADAP (Central Asia Drug Action Programme) 47 con l invio di un coordinatore delle politiche anti-droga dell Unione Europea in Asia centrale presso la rappresentanza della Commissione ad Almaty e nel 2003 BOMCA (Border Management in Central Asia) 48 : i due programmi sono poi confluiti l uno nell altro nel 2004, ed è stato attribuito loro un budget combinato di 38,5 mio.. Tale cifra ha permesso di elaborare un approccio dimostrativo, basato su progetti pilota orientati al capacity-building istituzionale 49 ; CADAP, nello specifico, ha provveduto alla fornitura di attrezzature per il rilevamento di sostanze illecite, all addestramento di personale e di unità 45 ICG, Central Asia: Drugs and Conflict, ICG Asia Report n 25, 26/11/2001; Martha Brill Olcott - Natalia Udalova, Drug Trafficking on the Great Silk Road: The Security Environment in Central Asia, Carnegie Endowment Working Paper 11, marzo 2000; Nicole J. Jackson, International Organizations, Security Dichotomies and the Trafficking of Persons and Narcotics in Post-Soviet Central Asia: A Critique of the Securitization Framework, Security Dialogue Vol. 37 n 3, 2006, pp Una parte della cooperazione interregionale UE-Asia centrale è strettamente collegata, infatti, alle iniziative europee rivolte proprio all Afganistan. Per esempio, nel 2005, nel quadro della JHA-Relex Strategy (Strategia Esterna del Settore Giustizia e Affari Interna), il Consiglio dell Unione Europea ha previsto un pacchetto di misure di contrasto alla produzione e al traffico di eroina proveniente dall Afganistan e in transito attraverso le rotte centroasiatiche. Consiglio dell Unione Europea, Nota dalla Presidenza al Coreper: State of Play in Implementing the Strategy for the External Dimension of JHA: Global Freedom, Security and Justice - Action-Oriented Paper Increasing EU support for combating drug production in and trafficking from Afghanistan, including transit routes, Bruxelles, Accanto ad altri due programmi antidroga da realizzarsi negli altri due settori dello spazio post-sovietico, SCAD (South Caucasus Action Drug Programme) e BUMAD (Belarus, Ukraine, Moldova Action Drug Programme). 48 Al Programma BOMCA la Commissione ha destinato 22 mio. ; questo viene però finanziato anche da un consorzio di sei Stati (Austria, Finlandia, Francia, Polonia, Regno Unito, Spagna) e dal Dipartimento di Stato statunitense. Parallelamente, il Programma CADAP è realizzato dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo. Cfr. 49 Una delle prime iniziative sostenute da CADAP è stato il progetto ADMIT (Anti-Drug Measures in Tajikistan), che offriva supporto allo sviluppo dell autorità di controllo appena istituita in Tagikistan. 14

15 cinofile 50, e sta tentando di realizzare di un sistema di monitoraggio e raccolta di dati epidemiologici basato su quello dell Osservatorio Europeo Droghe e Tossicodipendenze 51. Infatti, CADAP e BOMCA sono organizzati secondo una sorta di divisione funzionale del lavoro, essendo il primo dedicato più alla riduzione della domanda ed il secondo alla riduzione dell offerta di droga. Nell ambito di CADAP, quindi, la cooperazione tra Unione Europea e repubbliche centroasiatiche avviene attraverso l assistenza al settore sanitario e a quello degli interni, quest ultimo coinvolto per la realizzazione di riforme della legislazione penale e dei sistemi penitenziari per quanto riguarda il trattamento della tossicodipendenza. Ciò non significa che una parte delle attività del Programma CADAP non siano anche state rivolte a promuovere un coordinamento tra i servizi di informazione e tra le rispettive agenzie nazionali, soprattutto nel controllo delle stazioni portuali, aeroportuali e ferroviarie (soprattutto per quanto riguarda i porti di Aktau, in Kazakhstan, e di Turkmenbashi, in Turkmenistan e il traffico tra questi ed il porto di Baku). Tuttavia, il successo di questi programmi è stato messo alla prova dall evacuazione delle forze russe stanziate a protezione della frontiera tagiko-afgana: lo spostamento incoraggiato da Londra di una parte delle risorse europee nella gestione di questo confine hanno attirato su questi programmi l accusa di essere politicizzati e piegati agli interessi geopolitici di singoli Stati membri 52. Lo strumento TACIS è stato soppresso formalmente nel 2007, provocando il passaggio dei finanziamenti dei programmi europei verso la regione centroasiatica sotto l ombrello dello Strumento di cooperazione allo sviluppo ed economica (DCECI). Sempre nel 2007, l Unione Europea ha elaborato due strategie più organiche ed integrate per la cooperazione con gli stan centroasiatici: una è stata predisposta a livello intergovernativo (The EU and Central Asia: Strategy for a New Partnership 53 ), l altra dalla Commissione (Regional Strategy Paper for Assistance to Central Asia 54 ). Quest ultimo, proseguimento di un documento elaborato già nel 2002, ha individuato come settore di cooperazione distinto proprio la politica anti-droga, accorpandola ancora alla gestione delle frontiere. Questo è stato poi il presupposto per la predisposizione di un piano d azione dedicato 55 - anche questo anticipato da un documento omologo nel Una parte dei cani è stata però usata per il pascolo George Gavrilis, Beyond the Border Management Programme for Central Asia (BOMCA), EUCAM Policy Brief 11, novembre 2009, p Iniziative NADIN (National Drug Information Systems) DAMOS (Drug Abuse Monitoring System). Le altre aree di intervento previste dal Programma CADAP riguardano la prevenzione e la cura della tossicodipendenza nelle carceri ( TREAT ) e la realizzazione di campagne di comunicazione ( MEDISSA ). EuropeAid Ufficio di cooperazione della Commissione Europea, Evaluation of Council Regulation 99/2000 (TACIS) and its implementation. Synthesis Report, Vol. 3 All. 6-7, Bruxelles, gennaio 2006, p ICG, Central Asia: What Role for the European Union?, Asia Report 113, 10/04/2006, p Consiglio dell Unione Europea, The EU and Central Asia: Strategy for a New Partnership, Bruxelles, 31/05/ Consiglio dell Unione Europea, Action Plan on Drugs between the EU and the Central Asian Republics , Bruxelles, 19/05/

16 Tentando di adottare una prospettiva d insieme di queste dichiarazioni 56, si può notare innanzitutto una propensione predominante a finanziare progetti riguardanti riforme delle agenzie di law-enforcement, del settore legislativo e giudiziario: tutto ciò che può essere definito dall etichetta dell istitution-building in senso ampio. Per esempio, il piano d azione del 2009 si è impegnato a sostenere l Iniziativa dell UE per lo Stato di diritto in Asia centrale e prevede il finanziamento, attraverso lo Strumento di Stabilità, del progetto Interpol in Central Asia (3 mio. ). Per lo stesso periodo, la Commissione ha deciso di co-finanziare (1,2 mio. ) il progetto dell Ufficio delle Nazioni Unite per il Controllo della Droga e la Prevenzione del Crimine Cooperazione regionale per il controllo dei precursori tra l Afganistan e i paesi limitrofi, che comprende appunto programmi di addestramento e formazione 57. Infine, la Commissione ha ribadito il proprio supporto al Centro regionale di informazione e coordinamento per l'asia centrale (CARICC), stabilito per favorire l interoperabilità dei vari enti ed attori nazionali che si occupano di contrasto al narcotraffico, dalla polizia agli agenti doganali, dalle guardie di frontiera ai servizi di sicurezza. Quest aspetto, se da una parte è perfettamente compatibile con lo status ancora in transizione di questi paesi, dall altro crea una diversione delle risorse da ambiti di intervento come lo sviluppo del settore non governativo e della società civile, e ancora di più, lo sviluppo alternativo. La cooperazione interregionale pare inoltre improntata ad un approccio top-down teso a impiantare in loco pratiche che non risolvono quelle disfunzioni strutturali che rendono gli agenti doganali e le forze dell ordine particolarmente vulnerabili alla corruzione. Tutto ciò è percepibile se, come nel primo caso studiato, si ricorre ai dati reperibili nella Nota del Gruppo Orizzontale Droga del 2006: Settore Progetti Beneficiari Institution-building (strictu sensu) 1 Kirghizstan Sviluppo Alternativo 0 // Diversione Precursori 3 Asia centrale (1); Turkmenistan (1); Uzbekistan Tagikistan Kazakistan Kirghizistan - Turkmenistan (1) Riciclaggio 2 Tagikistan Altre misure di riduzione dell offerta (scambio di informazioni, addestramento, formazione) 10 Asia centrale (4); Kirghizistan (1); Turkmenistan (1); Uzbekistan Kazakistan (1); Comunità Stati Indipendenti (1); Turchia Turkmenistan (1); Asia centrale Russia Azerbaigian Afganistan (1) Riduzione della domanda 2 Europa Orientale Asia centrale (1); Kirghizistan (1) Totale 18 Figura 5. Distribuzione tematica e geografica dei progetti di cooperazione anti-droga euro-centroasiatica. Dati: Consiglio dell Unione Europea, Nota del Gruppo Orizzontale Droga a Coreper/Consiglio, The Level of Funding and the Geographic and Thematic Distribution of EU Drug Projects, Bruxelles, 18/5/ Confermata dai comunicati finali di altri contesti in cui gli Stati membri hanno affrontato il problema del narcotraffico in Asia centrale (Conference of the Central Asia Border Security Initiative, incontro annuale a Bishkek; riunioni dei mini-gruppi di Dublino; EU-Central Asia Ministerial Forum on Security Challenges, Parigi, 18/9/2008; Ministerial Conference on Border Management and Drug Control, Dusanbe, 21-22/10/2008). 57 Per quanto riguarda il controllo dei precursori, la Commissione coordina la partecipazione europea alle iniziative delle Nazioni Unite Operation TARCET / Project Cohesion. 16

17 Gli stessi dati sembrano confermare quanto affermato nella strategia del Consiglio: «The EU Strategy aims at a balanced bilateral and regional approach. The EU will balance policy approaches in Central Asia according to the differing needs of every country and to the performance of each country. The EU will foster regional cooperation among Central Asia states and between Central Asia states and other regions. Bilateral cooperation will be of special importance» 58. Sui 16 progetti presi in considerazione nella Nota del Gruppo Orizzontale Droga del 2006, solo 4 sono stati finanziati dalla Commissione: altri 7 dalla Francia, 3 dal Regno Unito, 1 dall Austria e 1 dalla Svezia. In seguito, il Piano d Azione del 2009 ha esplicitato la prevalenza di relazioni bilaterali anche in senso speculare, allocando il 30% delle risorse totali riservate all Asia centrale alla cooperazione regionale e il 70% alla cooperazione bilaterale. La Commissione ha sempre mostrato, nei confronti dell Asia centrale, un atteggiamento di incertezza tra un approccio regionale e un attitudine orientata a valorizzare le specificità dei singoli paesi, finendo spesso col realizzare, perciò projects with a national orientation under a regional strategy rather than, as desired, regional projects with national implementation 59. Di conseguenza, la stessa valutazione europea sulla cooperazione interregionale UE Asia centrale è risultata alterna. Da una parte è stato affermato che le misure intraprese hanno agito da catalizzatore per la creazione di nuovi meccanismi regionali: Central Asia programmes have been effective in many cases in creating a system of regional networks or mechanisms enabling joint identification of priorities and mutual interest projects 60. Dall altra parte, si è riconosciuto che i tentativi di cooperazione non hanno investito realmente in un istituzionalizzazione della dimensione regionale centroasiatica, cercando solo limitatamente e recentemente una sponda nelle organizzazioni regionali esistenti quali l Organizzazione di Shanghai per la Cooperazione, l Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, la Comunità Economica Eurasiatica o la Conferenza per l interazione e le misure di fiducia in Asia, senza specificare i termini in cui questi contatti potrebbero realizzarsi. L unica iniziativa in questo senso è stato il finanziamento, attraverso lo Strumento di Stabilità, di un progetto di cooperazione trans-regionale ( Fighting organised crime on the heroin route ) con i membri dell Organizzazione di Cooperazione Economica, che però comprende, oltre alle cinque repubbliche centroasiatiche, anche Iran, Afganistan, Pakistan, Azerbaigian e Turchia 61. Il programma TACIS come già anticipato non è più in essere e la sua finalità era più quella di accompagnare i paesi dello spazio ex-sovietico verso la realizzazione di modelli economici occidentali che quella di creare le premesse per una cooperazione stabile tra Unione Europea e Comunità degli Stati Indipendenti; inoltre ai diversi settori dello spazio post-sovietico corrispondono, da parte dell UE, diversi framework di dialogo, varie prospettive politiche e policies è sufficiente pensare che 58 The EU and Central Asia: Strategy for a New Partnership, p ICG, Central Asia: What Role for the European Union?, Asia Report 113, 10/04/2006, p Regional Strategy Paper for Assistance to Central Asia, p Action Plan on Drugs between the EU and the Central Asian Republics

18 Armenia, Bielorussia, Ucraina, Azerbaigian, Moldavia e Georgia afferiscono allo Strumento Europeo di Vicinato e Partenariato e non allo Strumento di cooperazione allo sviluppo ed economica. Così come per la cooperazione interregionale euro-andina, anche nel caso euro-centroasiatico è possibile individuare delle cause di inefficienza che derivano dalle caratteristiche dei processi di regionalizzazione locali. Se l Unione Europea non ha stabilito un dialogo finalizzato anche al contrasto al narcotraffico - con le organizzazioni regionali che coinvolgono i cinque stan, ciò non significa che queste non abbiano elaborato delle politiche anti-droga. Anzi, in un contesto di patologia non cooperativa centro-asiatica riferendosi alle poche possibilità che ha questo spazio regionale di evolvere verso un cluster regionale integrato la cooperazione funzionale e settoriale specifica sembra quella più efficace: già nel 1996, Kazakistan, Uzbekistan e Kirghizistan hanno siglato un Accordo di cooperazione contro il traffico di droghe e altre sostanze psicotrope, che prevedeva anche la creazione di gruppi congiunti preposti al rilevamento delle attività criminali. Accanto a ciò, è stata istituita anche una Commissione di controllo del narcotraffico, operativa però solo per un periodo molto limitato ( ). Nell aprile 2000 Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan e Tagikistan sono giunti, a Tashkent, a un accordo di cooperazione per contrastare il terrorismo, l estremismo politico e religioso, il traffico di armi e stupefacenti e il crimine organizzato transfrontaliero, prevedendo anche attività di intel-sharing, covert operations e il dispiegamento comune di forze armate. Il problema è che, mentre le strategie interregionali europee tendono ad interfacciarsi con la regione centroasiatica, i cinque stan non si sono ancora coagulati in dispositivi regionali che prescindano dal ruolo della Russia (e più recentemente della Cina) Note conclusive: una prospettiva comparativa. Come anticipato, la comparazione tra i due casi avviene secondo una most different system analysis : la regione sudamericana e quella centroasiatica appartengono a due sistemi geopolitici molto diversi; eppure la natura dei due dialoghi interregionali mostra delle caratteristiche ricorrenti, quali l assenza di un rapporto perfettamente reciproco e simmetrico tra gli attori coinvolti (ispirato quindi più a politiche di assistenza che di partenariato 63 ) e lo scarso peso delle relazioni propriamente bi-regionali. Lo squilibrio registrato nei settori di intervento (sviluppo alternativo per quanto riguarda la Comunità andina, gestione delle frontiere per quanto riguarda l Asia centrale) riflette l appartenenza dei due gruppi 62 La cooperazione di contrasto al narcotraffico è stata trattata sia in ambito OTSC (Vertice di Dusanbe, 28/4/2003; serie di Operazioni Kanal, dal novembre 2003, che coinvolgono agenti di dogana, di frontiera e di polizia) che in sede OSC (Dichiarazione di Bishkek del 1999, Accordo specifico sul narcotraffico del giugno 2004). Anche la Comunità degli Stati Indipendenti ha trattato la questione, creando dei meccanismi di coordinamento e pianificando, recentemente, l Operazione Afghan Islom-2011 (Russia, Tagikistan, Kazakistan, Uzbekistan e Turkmenistan). 63 Un rapporto che potrebbe essere definito finanziatore-beneficiario. 18

19 di paesi a segmenti diversi della filiera criminale: coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti nel primo caso, narcotraffico nell altro. Secondo il Rapporto di Valutazione dei Programmi di cooperazione nord-sud nella lotta contro la droga e la tossicodipendenza l ultimo pubblicato risale al la Commissione spesso non agisce secondo una strategia organica, anche se una delle tendenze più riscontrabile è proprio l evoluzione graduale verso approcci regionali ( multi-country ) fondati sul concetto di rotte della droga. Tuttavia, il coinvolgimento di organizzazioni regionali nella fase di implementazione, realizzazione, esecuzione dei progetti finanziati è ancora sottodimensionato. Per quanto riguarda la riduzione della domanda, gli interventi hanno un impatto a livello micro ma non riescono a trattare la dimensione epidemiologica della consumo di sostanza stupefacenti si prenda ad esempio il fallimento del progetto di Osservatorio regionale della tossicodipendenza da istituire in Venezuela. Per quanto riguarda la regione centroasiatica, uno degli ostacoli principali è il sottosviluppo del settore non governativo locale, soprattutto a livello transnazionale, che invece potrebbe costituire il riferimento per le iniziative riguardanti il recupero e la riabilitazione. Per quanto riguarda la riduzione dell offerta, le misure di controllo dei precursori e di contrasto al riciclaggio del denaro sporco, i progetti di sviluppo alternativo (in ambito rurale) e di sviluppo istituzionale sono di difficile realizzazione su base regionale: i dispositivi di cooperazione locali, infatti, non creano uno vero e proprio spazio giudiziario comune, né tantomeno prevedono meccanismi di armonizzazione legislativa o di scambio di informazioni sensibili. I processi di regionalizzazione, in entrambi i casi studiati, pongono l accento sulla dimensione intergovernativa e sul mantenimento delle prerogative legate alla sovranità nazionale; inoltre sono esposti alla presenza di potenze regionali che hanno strategie diverse da quelle promosse dall Unione Europea e maggiore capacità di azione nelle regioni considerate. La causa della similarità dei risultati dei due dialoghi interregionali potrebbe risiedere, quindi, nelle caratteristiche del regionalismo latinoamericano, da un lato, e post-sovietico, dall altro Comunità andina e Asia centrale rappresentando solo dei casi esemplificativi. I due sistemi regionali mostrano, infatti, degli aspetti di eteronomia, ossia sono percorsi da una serie di iniziative cooperative regionali istituite tramite degli input esterni, per soddisfare le intenzioni egemoniche di Washington da un lato ( egemonia emisferica ) e di Mosca dall altro ( egemonia eurasiatica ). Parafrasando i concetti sviluppati da Buzan e Waever, si posso ipotizzare i motivi del fallimento o della debolezza di un complesso interregionale di sicurezza. Il primo motivo potrebbe risiedere in un 64 EuropeAid Ufficio di cooperazione della Commissione Europea, Evaluation of EC North South Cooperation on drugs - Final report, Bruxelles, 30/08/

20 overlay : nel caso dei rapporti interregionali questo si manifesta nel ruolo delle due grandi potenze extraregionali con un tradizionale diritto di prelazione, che sembrano lasciare uno spazio di manovra marginale, residuale all azione dell Unione Europea. Il secondo motivo potrebbe invece consistere nel fatto che ognuno dei due cluster regionali mostra eterogenei livelli di sviluppo, divergenze di interessi e di vision sui progetti di integrazione regionale, diverse rappresentazioni della sicurezza che hanno fatto emergere in ognuna delle due regioni una molteplicità di strategie e istituzioni cooperative 65. Secondo uno studio sulle regole di partecipazioni alle organizzazioni regionali 66, l eterogeneità dei membri può essere mitigata attraverso delle strategie organizzative e delle operazioni di ingegneria istituzionale: da una lato, stabilendo molteplici istituzioni, dall altro ponendo in essere un tipo di integrazione differenziata; la via della geometria variabile e della velocità multipla è stata battuta in primis proprio dall Unione Europea, sullo sfondo di una cooperazione estensiva che ha agito ed agisce come tessuto connettivo. Tuttavia, l esistenza di organizzazioni distinte a livello strutturale ma troppo simili a livello di agenda e obiettivi, e soprattutto coordinate in modo poco organico, il frequente ricorso a strategie di pick and choose da parte degli Stati membri e gli assi di interazione del tipo spaghetti bowl 67 sono fattori che inibiscono la compattezza regionale. Sia la regione latinoamericana che lo spazio post-sovietico sono attraversate da una molteplicità esasperata di strutture cooperative, alleanze, coalizioni, allineamenti che rendono complesso, disorientato e parziale ogni tentativo interregionale. 65 Per quanto riguarda la regione centroasiatica, la ricerca condotta per la mia tesi di laurea mi ha portato ad associare il regionalismo centroasiatico all immagine del caleidoscopio; Cfr. Ikboljon Qoraboyev, Around the Names of Regions: the Case of Central Asia, UNU-CRIS Working Papers 5, 2010; Ikboljon Qoraboyev, From Central Asian Regional Integration to Eurasian Integration Space? The Changing Dynamics of Post-Soviet Regionalism, EDB Eurasian Integration Yearbook 2010, Almaty, Sulla regione latinoamericana, particolarmente efficace è l immagine riportata di seguito: Regionalism in Latin America is not just a single tidy entity but has given way to many coexisting and competing projects with fuzzy boundaries [ ] Once we draw open the heavy curtains that close this overture, as in the richest of Puccini s opera, one can discern a complex stage with multiple scenes, concert pieces and arias. Diana Tussie, Latin America: contrasting motivations for regional projects, Review of International Studies, Vol. 35, 2009, pp Judith Kelly, The Role of Membership Rules in Regional Organisations, ADB Working Paper Series on Regional Economic Integration 53, Philippe De Lombaerde Luis Jorge Garay, The New Regionalism in Latin America and the Role of the US, OBREAL/EULARO Background Paper, aprile 2006; Eurasian Development Bank (a cura di Evgeny Vinokurov), The System of Indicators of Eurasian Integration 2009, Almaty,

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE 1. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO. 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. L Accordo, in piena coerenza con

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO

2. Iniziative comunitarie per agevolare l accesso ai finanziamenti - BERS. BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO BANCA EUROPEA per la RICOSTRUZIONE e lo SVILUPPO P R E M E S S A La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo è stata creata nel 1991. Con sede a Londra, la BERS è un istituzione internazionale

Dettagli

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei I fondi europei FONDI DIRETTI Sono

Dettagli

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO

VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO VIII) FONDO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO AGRICOLO Cenni storici e aspetti generali 1. Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), con sede a Roma, è stato creato nel 1977 a seguito di una

Dettagli

SEZIONE IV COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

SEZIONE IV COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SEZIONE IV COOPERAZIONE LINEAMENTI GENERALI... 49 GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE... 50 GLI ESPERTI E GLI UFFICIALI DI COLLEGAMENTO ANTIDROGA PRESSO LE RAPPRESENTANZE DIPLOMATICHE ITALIANE... 52 47 Annuale

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ

VERSO LA CREAZIONE DEL NUOVO STRUMENTO FINANZIARIO DI PROSSIMITÀ Conferenza Internazionale Semestre della Presidenza Italiana dell UE IL PARTENARIATO INTERREG IONALE NELLA POLITICA DI PROSSIMITÀ: IL MEDITERRANEO ED I BALCANI Ancona, 17-18 Ottobre 2003 VERSO LA CREAZIONE

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI Roma, 26 Giugno 2008 Nel 2007 la coltivazione di papavero da oppio a livello

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Le tipologie di finanziamento comunitario

Le tipologie di finanziamento comunitario Le tipologie di finanziamento comunitario Breve introduzione I Programmi Comunitari sono stati creati con l'obiettivo di coinvolgere, attraverso finanziamenti a fondo perduto, il settore pubblico e quello

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE ROADSHOW 2015 LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE NUOVI TREND ED OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE ITALIANE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ALLO SVILUPPO DELL UE GIORGIO SQUINZI PRESIDENTE CONFINDUSTRIA

Dettagli

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003

Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Nota di sintesi POLITICHE AGRICOLE NEI PAESI OCSE: MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 2003 Overview Agricultural Policies in OECD Countries: Monitoring and Evaluation 2003 Politiche agricole nei paesi Ocse : Monitoraggio

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70

1) I modelli rurali teoria del rurale. 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 1) I modelli rurali teoria del rurale 2) La prima PAC dalla nascita agli anni 70 Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-2011 Università degli studi Milano-Bicocca Sviluppo rurale diverse concezioni dello

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 INVESTIMENTO TERRITORIALE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Produzione di tabacco in alcuni Paesi rispetto alla produzione mondiale (anno 2005*): valori percentuali

Produzione di tabacco in alcuni Paesi rispetto alla produzione mondiale (anno 2005*): valori percentuali I CONSUMI DI TABACCO E I FUMATORI OSSFAD Istituto Superiore di Sanità Situazione mondiale La produzione mondiale di tabacco è pari a circa 6,6 milioni di tonnellate. Il principale Paese produttore rimane

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO MISSIONE DELLE UNÀ EUROPEE Bruxelles, 14.02.2005 (2005) 45 definitivo UNICAZIONE DELLA MISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO relativa ad un piano d azione dell UE in materia di lotta contro la

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Prospettive ed opportunità comunitarie nei sistemi di gestione portuale

Prospettive ed opportunità comunitarie nei sistemi di gestione portuale Prospettive ed opportunità comunitarie nei sistemi di gestione portuale Gian Angelo Bellati Segretario Generale di Unioncamere del Veneto 1/12 Considerazioni preliminari 1 in Europa è in atto un grande

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

Prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario per finalità illegali L esperienza egiziana

Prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario per finalità illegali L esperienza egiziana Prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario per finalità illegali L esperienza egiziana VI Conferenza Banca d Italia - MAE con gli Addetti Finanziari accreditati all estero Ministero degli Affari

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE

BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE BOZZA DISCORSO PRESIDENTE MARINI PER FORUM COESIONE: GOVERNANCE MULTILIVELLO DEI FONDI DEL QUADRO STRATEGICO COMUNE Molti obbiettivi non possono essere conseguiti con un azione individuale: la loro realizzazione

Dettagli

L entità della risorse

L entità della risorse Per l Europa: Becker et al. (2010) mostrano che i sussidi europei hanno accelerato la crescita del PIL pro capite di circa 1-1,5 punti percentuali nel corso di un periodo di programmazione di 7 anni. Busillo

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia Che cos è l'unione europea L Ue èun soggetto politico a carattere sovranazionale ed intergovernativo Èformato da 27paesi membri indipendenti

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

2) PARTENARIATO LOCALE

2) PARTENARIATO LOCALE 2) PARTENARIATO LOCALE Introduzione Questo documento è una analisi basata sulle presentazioni e sugli scambi di materiale raccolto durante il lavoro del gruppo tematico che è stato condotto all interno

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

La nuova Politica Agricola Comune (PAC)

La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Argomenti trattati La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Il percorso per giungere alla nuova PAC I principali elementi della discussione in atto Lo Sviluppo Rurale nella nuova PAC Spunti di riflessione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini.

agevolare e accelerare lo scambio di informazioni e fornire assistenza nelle indagini. DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO DI COOPERAZIONE TRA LA COMUNITÀ EUROPEA E I SUOI STATI MEMBRI DA UN LATO, E LA CONFEDERAZIONE SVIZZERA, DALL ALTRO, PER LOTTARE CONTRO LA FRODE

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO Corso di Economia Monetaria e Regolamentazione Internazionale Prof. Andrea Filippo Presbitero Federica Catalani Anastasia Zenobi a.a 2009/2010 1 Introduzione: Questo

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1

5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1 5 Orientamento all Europa Marina Silverii 1 Idocumenti ufficiali della Commissione Europea relativi all istruzione e alla formazione a partire dal 1996 (anno europeo del lifelong learning), ribadiscono

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Termina il periodo di transizione per la certificazione della Unione doganale russa

Termina il periodo di transizione per la certificazione della Unione doganale russa Termina il periodo di transizione per la certificazione della Unione doganale russa Il 15 marzo 2015 ha rappresentato la data di passaggio effettivo dal regime certificativo a quello dichiarativo per la

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Per la vostra sicurezza. La vostra Polizia di Stato

Per la vostra sicurezza. La vostra Polizia di Stato Per la vostra sicurezza. La vostra Polizia di Stato 1 La Polizia di Stato del Principato del Liechtenstein Sibylle Marxer, Stabstelle für Medien- und Öffentlichkeitsarbeit, Landespolizei Fürstentum Liechtenstein

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2006 COM(2006) 316 definitivo LIBRO VERDE sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea (presentata dalla Commissione)

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Politiche, programmi, bandi Dovrebbe essere innanzitutto chiaro che le risorse finanziarie messe a disposizione dal bilancio europeo attraverso i bandi servono

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento 1 La normativa di riferimento Reg. (UE) n. 261/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica il Reg.(CE) n.1234/2007 in materia di rapporti contrattuali nel settore del latte e dei prodotti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli