Pianeta Salute. Percorso formativo sulla cultura della salute nel terzo millennio. Quaderni di. Laboratorio Regionale per la Formazione Sanitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pianeta Salute. Percorso formativo sulla cultura della salute nel terzo millennio. Quaderni di. Laboratorio Regionale per la Formazione Sanitaria"

Transcript

1 Quaderni di Rivista bimestrale di politica socio-sanitaria Laboratorio Regionale per la Formazione Sanitaria Pianeta Salute Percorso formativo sulla cultura della salute nel terzo millennio

2 Perché una nuova cultura della salute nel terzo millennio? Perché i fattori che influenzano la salute degli esseri umani, i determinanti della salute, stanno rapidamente cambiando. Perché le crescenti diseguaglianze nel reddito e nella condizione sociale esistenti nel mondo (e in ogni singola nazione) si riflettono in altrettanto crescenti diseguaglianze nella salute e nell assistenza sanitaria. Perché il problema della limitatezza delle risorse disponibili (a fronte di una crescita illimitata dei bisogni) condiziona con sempre maggiore intensità le politiche sanitarie, la tutela dei diritti dei cittadini, il comportamento stesso dei professionisti. Perché sono cresciute le aspettative e la cultura dei cittadini nei confronti dell assistenza sanitaria, da cui la ricerca di informazioni per acquisire le conoscenze, e talora le abilità, necessarie per essere partner attivi nei processi assistenziali e per partecipare alle decisioni che riguardano la salute. Perché in un mondo globalizzato e interdipendente, caratterizzato da crescenti spostamenti di individui e di popolazioni e dove le malattie non conoscono confini la tutela della salute è diventato un problema globale. Obiettivi formativi del Corso Esplorare le nuove dimensioni del concetto di salute alla luce delle trasformazioni economiche, sociali, culturali, ambientali intervenute negli ultimi trent anni. Delineare l evoluzione storica dei sistemi sanitari, identificando gli elementi costitutivi dei principali modelli di organizzazione sanitaria e la loro correlazione I differenti modelli di welfare. Esaminare la relazione tra giustizia sociale e stato di salute della popolazione. Individuare le strategie e le azioni di contrasto nei confronti delle diseguaglianze nella salute e nell assistenza sanitaria. Individuare le strategie e le azioni per dare impulso alle cure primarie, in una prospettiva di sanità d iniziativa, e per mettere le persone al centro dell organizzazione sanitaria.

3 I testi riportati in questa pubblicazione sono tratti dalla trascrizione delle Lezioni intorno al Pianeta salute che si sono tenute il 13, 21, 28 ottobre e il 4 novembre 2009 a Villa La Quiete alle Montalve di Firenze. Il corso, promosso dal Formas, è stato a cura di M.J. Caldes e G. Maciocco. La trascrizione e l editing dei testi è stata svolta da M. Ramacciotti.

4 Quaderni di Salute e territorio Pianeta salute Percorso formativo sulla cultura della salute nel terzo millennio Edizioni ETS

5 Copyright 2010 EDIZIONI ETS Piazza Carrara, 16-19, I Pisa Distribuzione PDE, Via Tevere 54, I Sesto Fiorentino [Firenze] ISBN

6 Indice Presentazione Mariella Crocellà 7 Sistemi sanitari, diritto alla salute, universalità A trent anni dalla Legge 833 e dalla Dichiarazione di Alma Ata Gavino Maciocco 9 Un bilancio sulle Riforme nazionali e regionali Aldo Ancona 41 La promozione della salute attraverso iniziative intersettoriali Alberto Zanobini 63 Le disuguaglianze nella salute e nell assistenza sanitaria tra Nazioni e all interno di un Paese Le politiche di contrasto delle disuguaglianze Giuseppe Costa 69 Gli interventi di cooperazione sanitaria internazionale Maria José Caldés 87 Il ruolo degli amministratori e dei professionisti Antonio Panti 99 Mettere al centro dell organizzazione sanitaria le persone Alessandro Bussotti 103 5

7 PIANETA SALUTE La medicina di iniziativa, la continuità delle cure, l empowerment dei pazienti Gavino Maciocco 117 Il ruolo dei Comuni e delle Società della Salute Giuseppe Cecchi 135 Le strategie e le azioni delle Aziende sanitarie e delle Società della Salute Simona Dei 143 La realizzazione del Chronic Care Model Alfredo Notargiacomo 151 6

8 Presentazione Questa iniziativa editoriale, che si apre con una pubblicazione dedicata alla salute, è nata da un imperativo: divulgare su tutto il territorio nazionale le tematiche fondamentali relative alla formazione. La competenza necessaria a svolgere gran parte delle professioni e delle mansioni in ambito lavorativo e in particolare in quello sanitario, infatti, ha messo in evidenza, in particolare nell ultimo decennio, l esigenza di un continuo aggiornamento; la sovrabbondanza delle fonti di informazione, soprattutto offerte sul web, rende problematica la scelta e, nello stesso tempo, irrealistico fruire di tutti i dati disponibili conciliandoli con impegni professionali di per sé sempre più impegnativi. Il Formas, il Laboratorio per la formazione sanitaria istituito nel 2008 dalla Giunta Regionale Toscana, si è dato questa mission : organizzare workshops e convegni sugli argomenti che contribuiscono a ridefinire le varie professioni sanitarie conseguentemente allo sviluppo tecnico e scientifico, alle esperienze in atto, a percorsi operativi che subiscono continue revisioni e richiedono nuove competenze sui bisogni di salute. Salute e territorio, nato per volere della Regione Toscana all indomani dell istituzione del Servizio sanitario nazionale per sostenerne lo sviluppo e l applicazione nelle sedi istituzionali e fra tutti coloro che operano nel Servizio pubblico, può definirsi una testata storica nella offerta di informazione, che solo recentemente è divenuta molto copiosa e variegata in questo ambito. L obiettivo di divulgare esperienze, programmazione e gestione di servizi, best practices cui fare riferimento per la qualità dei 7

9 PIANETA SALUTE Servizi viene ora affiancata e arricchita da questa nuova, motivante iniziativa offerta alla nostra rivista dal Formas, dal 2007 nuovo editore di Salute e territorio. L impegno sulla formazione continua, svolto con grande impegno e ottimi risultati dal Laboratorio, rischiava infatti di rimanere confinato nell ambito ristretto di una aula, una sala di congresso, di essere fruibile solo da un pubblico necessariamente limitato. La trascrizione degli interventi, la riproposizione cartacea del contenuto delle lezioni che hanno affrontato i temi sociosanitari attualmente più significativi, offre attraverso questa collana una opportunità di grande interesse e utilità a tutti coloro che riconoscono nella formazione l elemento ineludibile della loro professionalità. Mariella Crocellà Direttore di Salute e territorio bimestrale di politica socio-sanitaria 8

10 Sistemi sanitari, diritto alla salute, universalità A trent anni dalla Legge 833 e dalla Dichiarazione di Alma Ata Gavino Maciocco Dipartimento Sanità Pubblica, Università di Firenze È necessario fare riferimento, fra gli obiettivi di questo corso, ad uno schema concettuale per cercare di dare una logica ampia ai temi su cui si sta lavorando. Si tratta di una cornice concettuale, che cerca di capire quali sono i fattori che complessivamente intervengono nello stato di salute della popolazione e degli individui. È una piramide alla cui base stanno i determinanti della salute, che influenzano il nostro stare bene o male e hanno a che vedere con una serie complessa di fattori: gli stili di vita individuali, le relazioni affettive, il livello di reddito e di istruzione, cosa si mangia, dove ed in quale contesto sociale e politico, si vive (fig. 1). Tutti questi fattori hanno un influenza maggiore o minore, secondo quale viene preso in considerazione, ma non c è dubbio che il nostro stato di salute Figura 1 9

11 GAVINO MACIOCCO dipende da loro prima di tutto. Se in Italia, ad esempio, si riesce ad avere, ogni dieci anni, due anni e mezzo in più di longevità della popolazione, attualmente a 85 anni per le donne e quasi 80 per gli uomini e altri Paesi invece hanno la metà di speranza di vita, evidentemente ci sono altri fattori, non certamente legati al sistema sanitario o alle medicine, a determinare queste differenze abissali. Il secondo stadio della piramide è rappresentato dal sistema sanitario, inteso come organizzazione generale che fa accedere, più o meno equamente, i cittadini alla fruizione dei servizi. Per sistema sanitario si parla di accessibilità, di equità del finanziamento, di tutti quei fattori che rappresentano gli elementi fondamentali del diritto alla salute. Il terzo stadio, riguarda l erogazione dei servizi. Ha una grande importanza, è in relazione con la qualità delle prestazioni e dei servizi stessi, la competenza degli operatori, l efficacia dei trattamenti. Questi tre elementi insieme hanno il loro ruolo e la loro funzione, anche se ci si concentra abitualmente sull apice della piramide. Ci si deve rendere conto che il sistema funziona se si prendono in considerazione tutti e tre gli elementi: i determinanti, l architettura del sistema ed il livello di erogazione. Generalmente questi elementi sono coerenti, dove esistono buone situazioni di vita ci sono anche sistemi sanitari accessibili e funzionanti, un livello di qualità dei servizi decente. In Europa c è una situazione del genere, tutto sommato, esistono servizi adeguati all interno dei sistemi sanitari che garantiscono accessibilità universale ai servizi e con discreti determinanti di salute. In genere il sistema è coerente, la bontà dei determinanti di salute si riflette sull organizzazione del sistema sanitario e sulla qualità dei servizi erogati. C è però qualche differenza: gli Stati Uniti, un classico esempio, hanno un livello di erogazione dei servizi normalmente ottimo, determinanti di salute generalmente buoni, ma non come altri Paesi a causa di un sistema sanitario che ha tutte le crepe e i difetti noti anche se la riforma sanitaria renderà più equo lo scenario attuale. Esistono anche situazioni in cui, a fronte di sistemi sanitari non ricchi e con bassi livelli di spesa sanitaria pro-capite, ma accessibili, si possono avere livelli di salute complessivamente buoni, perché, 10

12 SISTEMI SANITARI, DIRITTO ALLA SALUTE, UNIVERSALITÀ ad esempio, i determinanti di salute e l accessibilità a livelli di istruzione sono di buon livello. L obiettivo fondamentale di lavorare sui determinanti di salute e quindi sulle condizioni generali di vita in cui si trovano le persone, punta a ridurre l esposizione al rischio. Il sistema sanitario, con i suoi livelli di erogazione dei servizi, tende a controllare le malattie. I sistemi sanitari Anche in questo caso è necessaria una concettualizzazione: cos è, a cosa serve e qual è la missione di un sistema sanitario? Questo è il modello concettuale che nel 2000 è stato proposto dall OMS, un rapporto molto famoso che forniva la classifica dei sistemi sanitari mondiali, l Italia è seconda solo alla Francia. Secondo il rapporto, gli obiettivi di un sistema sanitario sono tre: 1. Migliorare lo stato di salute della popolazione. 2. La responsiveness, termine difficilmente traducibile in italiano, con il sottotitolo Le aspettative non mediche delle persone. 3. La protezione finanziaria, un equo finanziamento e la distribuzione del carico del finanziamento. La classifica è stata stilata su questi elementi, valutati per ogni Paese. La cattiva notizia è che il secondo posto attribuito al nostro Paese è usurpato. In una revisione successiva infatti l OMS, pubblicando un grosso tomo e analizzando di nuovo tutte le questioni, ha stabilito che l Italia non meritava quella posizione perché la valutazione del secondo elemento, la responsiveness, non era stata analizzata, studiata e valutata, in maniera corretta. Gli elementi della responsiveness Dalla pubblicazione dell OMS: «Noi definiamo come responsiveness, gli aspetti legati al modo e all ambiente in cui sono trattati e vivono gli individui», ovvero le aspettative non mediche della popolazione all interno di un sistema sanitario I componenti della responsiveness sono: il rispetto dell autonomia, della riservatezza e 11

13 12 GAVINO MACIOCCO della dignità, la scelta del luogo di cura, del professionista, la comunicazione, la tempestività dell intervento, la qualità delle comodità di base e l accesso al supporto della famiglia e della comunità. Il bias, che ha stabilito che l Italia non meritava il secondo posto, si basa sul fatto che la valutazione della responsiveness, nell indagine italiana, è stata affidata a interviste ai Direttori generali, che chiaramente sostenevano di garantire questi elementi, mentre andava fatta un indagine sulla popolazione. Quando si è valutata la responsiveness effettiva, attraverso interviste alle persone, l Italia non ha brillato e si è trovata, come spesso accade, insieme a Spagna, Portogallo e Grecia, in fondo alla classifica. Purtroppo l elemento della responsiveness ci riguarda profondamente e regolarmente tendiamo a rimuoverlo. Tanto è vero che sul Libro bianco, a pagina 16, c è scritto che «Il sistema sanitario italiano è considerato ancora uno dei primi al mondo dall Organizzazione Mondiale della Sanità, in base ai parametri di valutazione complessiva, che sono: miglioramento dello stato di salute della popolazione e risposta alle aspettative di salute e di assistenza sanitaria dei cittadini», che non include questo concetto. Quindi, anche il Ministero della Sanità ancora non riesce a capire cosa si intende con responsiveness, il secondo elemento fondamentale che l OMS considera nella valutazione di un sistema sanitario. L Organizzazione Mondiale della Sanità ha aggiornato la struttura e nel 2007, ha prodotto una nuova mappa che prende in considerazione nuovamente i tre elementi classici e accanto al terzo punto, la protezione finanziaria sanitaria, ha aggiunto la protezione sociale. Il sistema sanitario ha dunque anche il compito di garantire la protezione sociale, oltre ad una equa distribuzione del carico, attraverso le tasse e le assicurazioni sociali, aggiunge il miglioramento dell efficienza, il quarto degli elementi costitutivi fondamentali di un sistema sanitario. I sistemi sanitari, dagli anni Novanta, sono esposti ad una continua trasformazione, che ha fatto dire ad uno dei maggiori esperti di sistemi sanitari, Rudolf Klein, Le riforme dell assistenza sanitaria sono state una delle epidemie planetarie negli anni Novanta. A distanza di quindici anni si può dire che l epidemia continua a diffondersi senza tregua. Nello stesso anno, un altro esperto economista sanita-

14 SISTEMI SANITARI, DIRITTO ALLA SALUTE, UNIVERSALITÀ rio, John Mainard, scriveva «Con monotona regolarità i politici reagiscono ai difficili, non definiti problemi dei loro sistemi sanitari, ridisorganizzandoli». I politici non capiscono bene ciò che accade, si accorgono che qualcosa non funziona e cercano di mettere riparo modificando la struttura del sistema. Politica, salute e sistemi sanitari Per il titolo di questo libro ho preso spunto dalla frase di Victor Fuchs, il decano degli economisti sanitari americani, «I sistemi sanitari stanno cambiando, da sempre, se vogliamo cercare di capire le cause profonde di questi cambiamenti dobbiamo riconoscere che la loro natura è politica». La natura politica di questi cambiamenti fu chiara quando Otto von Bismarck introdusse l assicurazione sanitaria nazionale nello Stato tedesco ed altrettanto evidente, dopo la seconda guerra mondiale, quando l Inghilterra istituì il Servizio sanitario nazionale. La storia dei moderni sistemi sanitari coincide con alcuni eventi fondamentali della storia dell umanità. A partire da duemila anni fa, per diciotto secoli l andamento della ricchezza del mondo è stato quasi piatto finché, agli inizi dell Ottocento, si è avuta un improvvisa impennata. Un quadro quasi identico riguarda la popolazione mondiale: per secoli è stata di circa trecento milioni di persone, con le epidemie di peste che la decimavano. Anche in questo caso, nel primo Ottocento, inizia una crescita, come pure per l altra variabile, la longevità della popolazione, che per moltissimo tempo si è attestata intorno ai 35 anni. Nell Ottocento si è messo in moto un meccanismo incredibile, dal punto di vista dell evoluzione della storia dell umanità: più ricchezza, più popolazione, più longevità. Alla fine del Settecento, nella fase dell Illuminismo, si verifica una serie di eventi fondamentali, come la nascita degli Stati Uniti d America e la Rivoluzione francese che ha influito anche in campo sanitario. Giorgio Cosmacini, il principale storico della Medicina, scrive «I lumi della ragione e i fuochi della rivoluzione hanno acce- 13

15 14 GAVINO MACIOCCO so la consapevolezza che la salute è un bene non solo del singolo ma dell intera società, il legislatore francese dell anno III afferma che la salute è un problema più vasto di quello clinico individuale, da affrontare non solo come risposta al bisogno dell individuo biologico, ma anche come soddisfazione delle esigenze di uomini costitutivi del tessuto sociale». Per secoli la salute e la malattia erano state considerate legate ad eventi magici, religiosi, ma sempre come fatto individuale; per la prima volta si guarda alla salute come evento che riguarda lo Stato. La Rivoluzione francese non si limitò ad esporre questa idea, dagli inizi dell Ottocento, Napoleone avviò delle politiche sanitarie esattamente coerenti con questo elemento statuale della salute e della sanità. Il primo codice di sanità pubblica napoleonico del 1808 fu applicato anche in Italia: Ugo Foscolo lamentava l obbligo di usare i cimiteri per la sepoltura. Napoleone ha promosso la più grande campagna di vaccinazione antivaiolosa che però, dopo Waterloo, fu abolita in Italia. Non c è dubbio che la rivoluzione industriale sia stata la causa che ha alimentato lo sviluppo, il motivo fondamentale della crescita economica, della ricchezza, dell aumento della popolazione. In Europa, la crescita demografica è avvenuta proprio nelle zone più industrializzate ed in particolare in Gran Bretagna; Leeds, Manchester, Glasgow, di base avevano diecimila abitanti, improvvisamente divennero città con / persone. Ai fumi delle fabbriche ed alla fatica della vita al loro interno, si associava una situazione igienico-sanitaria spaventosa, a Liverpool la vita media di un operaio era di sedici anni! Il problema sanitario in quel periodo fu estremamente avvertito anche dalla politica e dall economia: avere una popolazione così vulnerabile, dal punto di vista sanitario, rischiava infatti di mettere in crisi lo sviluppo industriale. Si deve ad un amministratore, Edwin Chadwick, il merito di avere cambiato radicalmente la struttura delle città inglesi in breve tempo, dal 1820 al Furono costruite fognature, prima inesistenti, acquedotti, aree verdi, nuovi insediamenti residenziali e nel 1848 venne istituita la prima legge di sanità pubblica che prevedeva la presenza dell ufficiale sanitario nelle città, definito Medical officer of health. Il motivo per il quale gli amministratori ed i politici inglesi deci-

16 SISTEMI SANITARI, DIRITTO ALLA SALUTE, UNIVERSALITÀ sero di affrontare la questione della sanità, era utilitaristico, il fine era infatti strumentale al consolidamento della rivoluzione industriale, tanto è vero che Edwin Chadwick era allievo di Jeremy Bentham, il fondatore dell utilitarismo. L anno 1848 è un momento storico di svolta perché vengono alla luce e si coagulano tutte le contraddizioni e le tensioni che covavano in Europa da alcuni decenni. A Berlino e Parigi, ad esempio, si determinano situazioni pre-rivoluzionarie per vari motivi, ma sicuramente le tensioni sociali hanno giocato un ruolo determinante. Dello stesso anno è il Manifesto di Marx e di Engels, in cui si teorizza un livello di organizzazione della classe operaia che fino a quel momento era stata identificata semplicemente come forza lavoro schiavizzata e in quel periodo prende coscienza dei propri diritti, iniziando una nuova fase di rivendicazioni, a cominciare dal salario, dalla sicurezza e dall assistenza. La questione dell assistenza sanitaria è affrontata anche in Germania, mentre in Inghilterra si sviluppano gli embrioni della sanità pubblica. Bismarck afferma: «La fede nell armonia degli interessi ha fatto bancarotta nella storia, nessun dubbio che l individuo possa fare del bene, ma la questione sociale non può essere risolta che dallo Stato». Il Cancelliere, nella prima parte della frase, si riferisce al propugnatore dell armonia degli interessi, Adam Smith, che un secolo prima aveva concettualizzato la nozione di mercato e di sviluppo industriale basato sul capitalismo. Nella teoria di Smith, «la regolazione spontanea degli scambi», il mercato aveva una sua mano invisibile per regolamentare gli scambi e fare in modo che l offerta trovasse sempre una domanda e viceversa. In questo caso si creava una situazione nella quale nessuno doveva intervenire, perché era il mercato che metteva d accordo consumatori e produttori, facendo sì che questi ultimi applicassero dei prezzi accessibili. Un idea armonica, secondo Smith, ed il mercato avrebbe dovuto essere il motore, non solo dello sviluppo, ma anche dell equa distribuzione della ricchezza. Non c è dubbio che la prima affermazione di Smith ha trovato un ampio riscontro, il mercato ha generato la ricchezza, ma non la sua equa distribuzione. Per Bismarck lo Stato deve intervenire per mitigare gli effetti negativi del mercato e non si tratta di un 15

17 16 GAVINO MACIOCCO socialista, anzi, nel 1878 dichiara fuorilegge il Partito Socialdemocratico ed i sindacati operai. Attua una politica assolutamente autoritaria nei confronti di questi gruppi che considera i principali nemici del Reich e dello Stato tedesco, però ha anche il grande merito di organizzare il primo modello complesso, a tutto tondo, delle assicurazioni sociali. Con l avvio del concetto di universalità, introdotto in Inghilterra, inizia veramente una nuova fase in cui il diritto alla salute diventa un elemento fondamentale delle politiche. L Italia, da questo punto di vista, è stato tra i primi Paesi ad introdurre, all interno di un atto così importante come la Costituzione, il concetto di diritto alla salute, con una lungimiranza incredibile. Si devono ringraziare i costituenti per come sono riusciti ad esprimere alcuni concetti, anche di sfumatura, con questa frase «La salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività»; è stata scelta infatti la parola individuo, mentre cittadino avrebbe potuto cambiare il senso di questa formula. In virtù del fatto che sia stato scritto individuo, oggi si può dire che gli immigrati non regolari hanno diritto all assistenza e grazie a questa formula, nel 1995, il Governo Dini ha prodotto il primo decreto di protezione per queste persone. Altra dichiarazione di grande rilievo è la seguente: «Nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge». Quindi in Italia, nel 1948, sono stati affermati questi principi all interno del documento che norma la vita della Repubblica, anche se sono stati poi necessari trenta anni per la loro piena attuazione. Durante questo periodo era in vigore il sistema mutualistico caratterizzato da una forte frammentazione e disomogeneità di trattamento. Importante è che, sempre nel 48, il concetto di diritto alla salute viene incorporato all interno della Dichiarazione universale dei diritti dell uomo delle Nazioni Unite: nell articolo 25 si afferma ad esempio che «Ogni persona ha diritto a un adeguato livello di vita che assicuri, a lui ed alla sua famiglia, la salute, il benessere, inclusi il cibo, il vestiario, l abitazione, l assistenza medica, i servizi sociali, il diritto alla sicurezza e così via». A partire dagli anni Cinquanta, si sviluppa un contesto politico che accetta il principio che la salute

18 SISTEMI SANITARI, DIRITTO ALLA SALUTE, UNIVERSALITÀ sia un diritto definendolo come una responsabilità collettiva e da questo deriva il fatto che tutti contribuiscono al finanziamento, generalmente attraverso la fiscalità generale o i contributi alle assicurazioni sociali, a seconda del tipo di regime, Beveridge o Bismarck. L accesso è universale, l assistenza è erogata in relazione al bisogno e le cure sono gratuite nel momento della somministrazione. Questo tipo di approccio viene garantito sia dai Servizi sanitari nazionali, laddove il Governo si fa carico anche dell organizzazione e della gestione, oltre al finanziamento del sistema, sia attraverso le assicurazioni sociali obbligatorie. Il gruppo dei Paesi Beveridge comprende Norvegia, Svezia, Finlandia, Nuova Zelanda, Australia, Italia, Regno Unito, Canada, Spagna, Islanda. Il modello Bismark è stato adottato da Lussemburgo, Francia, Olanda, Belgio, Giappone, Austria, Svizzera, Repubblica Ceca. Anni Cinquanta e Sessanta Il clima politico porta ad adottare sistemi sanitari universalistici, questo vento non risparmia gli Stati Uniti che fino ad allora avevano soltanto assicurazioni private, prevalentemente pagate dai datori di lavoro e nel 1965 decidono di istituire delle assicurazioni pubbliche, Medicare e Medicaid. È il Presidente americano Lyndon Johnson a firmare queste famose leggi. Medicare è un programma rivolto a tutti gli anziani indipendentemente dal livello di reddito, e rappresenta l unica assicurazione pubblica basata sulla fiscalità generale. Dall età di 65 anni, tutti hanno la copertura assicurativa, con livelli non indifferenti di compartecipazione alla spesa; si tratta di una legge federale, ugualmente valida in tutti gli Stati Uniti. Medicaid è un assicurazione rivolta invece ad alcune categorie di poveri, non a tutti, è finanziata in parte dal Governo federale ma soprattutto dai singoli Stati. Il Governo federale definisce le fasce che hanno diritto all assistenza, però gli Stati possono integrare o variare i livelli della soglia di povertà. Le categorie incluse sono: le donne in gravidanza, le famiglie con bambini molto piccoli, alcune tipologie di invalidi, ad esempio i ciechi e gli anziani che non riescono a paga- 17

19 18 GAVINO MACIOCCO re le compartecipazioni di spesa richieste da Medicare. Il principio ispiratore era che un assicurazione coprisse gli anziani, l altra, una parte dei poveri e le assicurazioni private gran parte dei lavoratori, per cui negli Stati Uniti si arrivasse prima o poi ad una copertura universale. In realtà, tutte queste riforme non hanno fatto altro che ostacolare una politica che invece razionalizzasse tutto il sistema e lo rendesse organico, ci ha provato il Presidente Clinton nel 1994 e non ha trovato il consenso necessario per attuare questa riforma. Nel 1978, finalmente in Italia viene istituito il Servizio sanitario nazionale che si basa sugli identici principi adottati nel 48 dal sistema sanitario inglese: universalità, finanziamento attraverso la fiscalità generale e gratuità nel punto di erogazione delle prestazioni. L ultima vera riforma sanitaria c è stata nel 2001, con la modifica del titolo quinto della Costituzione, che da allora dichiara: «Lo Stato, il Governo centrale, si occupa soltanto di definizione dei livelli essenziali di assistenza, stabilisce la cornice dei diritti uniforme in tutto il Paese, dopodiché l attuazione organizzativa istituzionale della sanità nelle varie Regioni spetta ai Governi regionali». Questo ha portato a una differenziazione notevolissima, al punto che qualcuno dice che la situazione è di ventuno sistemi sanitari regionali diversi, ognuno dei quali, negli ultimi anni, ha fatto le sue riforme, creando grossi problemi dunque. La Regione Toscana è stata una di quelle che più si è impegnata nel differenziarsi rispetto ai modelli classici. Quello che è avvenuto e continua ad accadere in maniera preoccupante, è il fatto che parti del Paese sono abbandonate, soprattutto al sud, ed in alcune aree la regionalizzazione ha significato la totale incapacità di governo della sanità. Il Libro bianco introduce degli elementi di fondo che modificano sostanzialmente l assetto della legge 833, che rimane il pilastro centrale anche dopo le leggi successive, 502, 517, 229. Nel 1978 si è verificato un altro evento molto importante: la Conferenza di Alma Ata, sperduta città del Kazakistan, convocata dall OMS. Tendenzialmente le conferenze più importanti che riguardavano la salute si tenevano a New York oppure a Ginevra, il fatto di andare in un luogo lontano dell Asia era il segnale che l attenzione si spostava dal baricentro delle potenze mondiali. Testimo-

20 SISTEMI SANITARI, DIRITTO ALLA SALUTE, UNIVERSALITÀ niava una nuova attenzione a tutti i Paesi che stavano emergendo ed i partecipanti erano in parte Nazioni ricche, industrializzate, ma anche tutti quegli Stati che recentemente avevano acquisito l indipendenza. Il processo di decolonizzazione, avvenuto negli anni Sessanta e Settanta, si conclude con Mozambico ed Angola nel 1975 e tutti questi Paesi si affacciano alla Storia, anche della sanità e dei diritti. Il senso profondo della Conferenza di Alma Ata è che il concetto di diritto alla salute deve essere un patrimonio che vale per tutti, per i Paesi che lo hanno raggiunto attraverso una lunga storia e per questi altri Stati che, in assoluta povertà e fino a ieri in condizioni di schiavitù, devono iniziare un cammino che porta a sistemi sanitari accessibili a tutte le persone. Il titolo della Conferenza è Primary Health Care, un obiettivo della salute come diritto che si raggiunge attraverso il potenziamento dei servizi sanitari di base, in grado di offrire le cure essenziali alla popolazione, che sono quelle che riescono a salvare più vite umane. Ancora oggi ci sono dieci milioni di bambini morti ogni anno, a causa di polmonite, diarrea e patologie legate al parto; per risolvere questa emergenza non è necessaria nessuna tecnologia particolarmente elevata, bastano servizi in grado di curare queste patologie. Un altro elemento da prendere in considerazione è il seguente: i problemi della salute presuppongono la partecipazione di una serie di attori che non sono strettamente sanitari, come la sezione dell Istruzione, dello Sviluppo e così via. La Conferenza di Alma Ata si chiuse con un messaggio abbastanza ambizioso, La salute per tutti entro il 2000, questo non significava che entro tale anno tutti dovevano essere sani, ma che a tutti doveva essere garantita la possibilità di accedere senza barriere ai servizi essenziali. Tra il 1948 e il 1978 questo processo di maturazione era destinato ad andare avanti, ma in realtà, si è bloccato e la storia ha avuto un inversione a u (vedi fig. 2). Questa diapositiva distingue due fasi: prima del 1978, La salute come diritto, per tutti e dopo, La salute come merce per pochi, in una visione molto schematica che però vuole cogliere un elemento fondamentale, ovvero che da quell anno cambia radicalmente il clima politico mondiale. Prima del 1978, il concetto di salute come diritto era un elemento acquisito, nessuno 19

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

La comparazione tra sistemi sanitari

La comparazione tra sistemi sanitari La comparazione tra sistemi sanitari Le diverse risposte possibili 3 diversi modelli Pubblico Privato Misto ELEMENTI DI DISTINZIONE: Strutture di offerta finanziamento Caratteristiche comuni: Aumento vita

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA ( O. M. S. ) WORLD HEALTH ORGANIZATION ( W. H. O. ) AGENZIA SPECIALIZZATA DELL O.N.U.

Dettagli

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm

LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm LO SVILUPPO UMANO NEL MONDO E IN AFRICA Lucia Forte Medici con l Africa Cuamm Convegno Cooperazione internazionale a sostegno dello sviluppo umano e sanitario nei Paesi con risorse limitate Siena, 28 novembre

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti La sanità integrativa è una realtà destinata a crescere in Italia per ragioni strutturali che metteranno sottopressione soprattutto alcuni settori

Dettagli

Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare. Prof. Carlo Borzaga

Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare. Prof. Carlo Borzaga Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare Prof. Carlo Borzaga Sommario! alcune definizioni! perché servono politiche di welfare! i principali ambiti di intervento e i modelli di welfare!

Dettagli

Le politiche sanitarie

Le politiche sanitarie Corso di Sociologia generale Parte seconda Le politiche sanitarie 1 Le politiche sanitarie Sottoinsieme delle politiche sociali che hanno l obiettivo di promuovere la salute, la cura dei malati e la ricerca

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 La voce amministrativa in periodo di Spending Review Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 Welfare state Il Welfare State (o Stato Sociale) è un sistema di norme con il quale lo stato cerca di eliminare

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale

Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Strategia di Cooperazione Sanitaria della Regione Toscana Programma delle iniziative di cooperazione sanitaria internazionale Disposizioni attuative per l anno 2012 Il quadro di riferimento La Cooperazione

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

La diffusione dello sport in Europa

La diffusione dello sport in Europa La diffusione dello sport in Europa Coni Servizi - Osservatòri Statistici per lo Sport Arch. Bruno Rossi Mori novembre 2007 Come ci vediamo se ci guardiamo in una cornice europea? 2 Indagine Eurobarometro

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 3 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Modelli di organizzazione di un sistema sanitario (a) Si differenziano

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!!

ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! ITALIA S.P.A. uno Stato Patologico Avanzato in vendita di Gianni Cavinato L Italia è in vendita! Noi no!!! A comprare il nostro Paese sono pronte le maggiori istituzioni finanziarie internazionali che,

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Il diritto alla salute: il ruolo delle Istituzioni Silvana Tilocca

Il diritto alla salute: il ruolo delle Istituzioni Silvana Tilocca MALATTIE RARE. ASSISTENZA, QUALITA, INTEGRAZIONE Cagliari 1 Marzo 2014 Il diritto alla salute: il ruolo delle Istituzioni Silvana Tilocca La salute è uno stato di benessere fisico, psichico e sociale dell

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Venezia Venerdì 20 Novembre

Venezia Venerdì 20 Novembre Venezia Venerdì 20 Novembre LA PREVIDENZA PER IL MEDICO E L ODONTOIATRA: MIRAGGIO O REALTA Sala convegni dell OMCeO Venezia, Via Mestrina 86 - Mestre . Compito dell ordine professionale E anche stimolare

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014

La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 La grande disuguaglianza? Oxfam Italia Elisa Bacciotti 13 maggio 2014 Una emergenza? L estrema diseguaglianza economica, rapidamente crescente, è stata citata dal World Economic Forum s Global Risk Report

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO Numerose ricerche hanno riconosciuto il contributo cruciale e multidimensionale In particolare tra i gruppi più a rischio ci sono: Nella presente sintesi

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 1 Sommario Premessa: welfare aziendale e coesione sociale Lo stato dell arte del welfare: risorse ed

Dettagli

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ

DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ CARTA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI E DELLE RESPONSABILITÀ DELLE PERSONE AFFETTE DA DIABETE Federazione Internazionale del Diabete INTRODUZIONE Il diabete rappresenta una vera sfida nel campo della sanità

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

Il sistema sanitario degli Stati Uniti. pag. 1

Il sistema sanitario degli Stati Uniti. pag. 1 Il sistema sanitario degli Stati Uniti pag. 1 pag. 2 pag. 3 pag. 4 Spesa Sanitaria USA 1960-2001 e percentuale su PIL $1,600 $1,400 13.4% 13.2% 13.3% 13.1% 13.1% 14.10% 16.0% 14.0% $1,200 $1,000 $800 7.0%

Dettagli

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Art. 1 Dalla dichiarazione universale dei diritti dell uomo Tutti gli esseri umani nascono

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

La cappella di Santa Teresa di Le Case

La cappella di Santa Teresa di Le Case Elisa Maccioni La cappella di Santa Teresa di Le Case una collettività socio-religiosa in terra toscana (1871-2010) con prefazione di Amleto Spicciani Edizioni ETS www.edizioniets.com Copyright 2013 EDIZIONI

Dettagli

LA DISUGUAGLIANZA NEL MONDO TENDENZE RECENTI

LA DISUGUAGLIANZA NEL MONDO TENDENZE RECENTI Corso Avanzato di Economia dello Sviluppo LA DISUGUAGLIANZA NEL MONDO TENDENZE RECENTI Pier Giorgio Ardeni Dipartimento di Scienze Economiche November 28, 2012 1 La disuguaglianza nel mondo Diseguaglianza

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

L IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DELLA DEPRESSIONE NEI PAESI DELL UNIONE EUROPEA

L IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DELLA DEPRESSIONE NEI PAESI DELL UNIONE EUROPEA L IMPATTO SOCIO-ECONOMICO DELLA DEPRESSIONE NEI PAESI DELL UNIONE EUROPEA PART T Parte Tecnica 1. Background La depressione è ormai uno dei principali problemi in materia di salute pubblica. L Organizzazione

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Le azioni di advocacy delle donne nel mondo con particolare riferimento al tumore del seno

Le azioni di advocacy delle donne nel mondo con particolare riferimento al tumore del seno Le azioni di advocacy delle donne nel mondo con particolare riferimento al tumore del seno A cura di Francesca Merzagora Ginevra, 5-6 febbraio 2010 Contenuti della presentazione 1. Le origini dei movimenti

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che

no a tutti di provare nuovamente un sentimento fondamentale e ormai smarrito nelle borse e nelle banche: la ducia. A questo punto non resta che Premessa «Il denaro è un mezzo e non un ne» si insegnava una volta, quando la scuola primaria si chiamava ancora elementare: ma oggi ha un senso questa frase? Sembrerebbe di no, osservando il nostro maltrattato

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Presentazione volume Prof. Giovanni Vecchi In ricchezza e in povertà Il benessere degli italiani dall Unità ad oggi.

Presentazione volume Prof. Giovanni Vecchi In ricchezza e in povertà Il benessere degli italiani dall Unità ad oggi. Presentazione volume Prof. Giovanni Vecchi In ricchezza e in povertà Il benessere degli italiani dall Unità ad oggi. Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro On. Prof.

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Il Centro di Salute Globale della Regione Toscana

Il Centro di Salute Globale della Regione Toscana Il Centro di Salute Globale della Regione Toscana Maria José Caldés Pinilla Siena 09 dicembre 2013 Perché parlare di salute globale? Salute Globale è una chiave di lettura dei temi sanitari legati all

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo

VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo VI Corso Multidisciplinare UNICEF di Educazione allo Sviluppo Microcredito: una strategia per ridurre la povertà? Veronica Polin Università degli Studi di Verona 1 Esclusione finanziaria: dimensione 3

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli