CONFERENZA NAZIONALE DI CONSENSO SU GRAVIDANZA, PARTO, PUERPERIO ED EPILESSIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFERENZA NAZIONALE DI CONSENSO SU GRAVIDANZA, PARTO, PUERPERIO ED EPILESSIA"

Transcript

1 1 CONFERENZA NAZIONALE DI CONSENSO SU GRAVIDANZA, PARTO, PUERPERIO ED EPILESSIA Lega Italiana Contro L epilessia (LICE) in collaborazione con: Associazione Ostetrici E Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI) Autori: Società Italiana di Ginecologia ed Ostetricia (SIGO) Società Italiana di Neonatologia (SIN) Società Italiana di Neurologia Pediatrica (SINP) Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile (SINPIA) Umberto Aguglia (LICE) Giancarlo Barboni (SIN) Dina Battino (LICE) Giovan Battista Cavazzuti (SINP) Angela Citernesi (AOGOI) Roberto Corosu (SIGO) Francesco Maria Guzzetta (SINPIA) Paola Iannetti (SINP) Daniela Mamoli (LICE) Alfredo Patella (SIGO) Lorenzo Pavone (SIP) Emilio Perucca (LICE) Francesco Primiero (SIGO) Dario Pruna (SINPIA) Salvatore Savasta (SIN) Luigi Maria Specchio (LICE) Alberto Verrotti (SINP) Società Italiana di Pediatria (SIP)

2 2 INTRODUZIONE La gestione delle donne con epilessia è complessa e richiede un approccio multidisciplinare. Oggi, tuttavia, in Italia manca un reale coordinamento delle diverse figure professionali coinvolte e spesso accade che il parere dell epilettologo differisca di volta in volta da quello del ginecologo, del neonatologo o del pediatra. In tal modo, il consenso verso una procedura o un percorso diagnostico-terapeutico rischia di essere determinato da sentimenti di fiducia della paziente verso l uno o l altro specialista piuttosto che da informazioni coerenti con i principi dell evidenza scientifica e, quindi, della buona pratica medica. Per questa ragione diverse società scientifiche italiane si sono riunite in una conferenza congiunta, tenutasi in Santa Trada di Cannitello (Reggio Calabria) il ottobre 2004, con l'obiettivo di concordare linee-guida su procedure, iter diagnostici ed interventi terapeutici per la donna epilettica in età fertile. Successive revisioni hanno consentito di elaborare uno "strumento operativo" da pubblicare sugli organi ufficiali delle società scientifiche, sui rispettivi siti WEB e da diffondere anche per mezzo di opuscoli distribuiti sul territorio nazionale ai medici di famiglia, nella speranza di uniformare e migliorare l assistenza alle donne con epilessia. Le società scientifiche coinvolte nella Conferenza Nazionale di Consenso promossa dalla Lega Italiana Contro l Epilessia (LICE) sono: Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile (SINPIA); Società Italiana di Neuropediatria (SINP); Società Italiana di Ginecologia (SIGO); Associazione Ostetrici e Ginecologi Ospedalieri Italiani (AOGOI); Società Italiana di Neonatologia (SIN); Società Italiana di Pediatria (SIP). OBIETTIVI E METODOLOGIA Le prime linee guida, redatte negli anni '90 (1[F], 2[F]), hanno lasciato molti quesiti irrisolti a causa della discordanza dei dati in letteratura. L'introduzione di nuovi farmaci antiepilettici (FAE) ha ulteriormente complicato la gestione delle donne in età fertile. Sebbene le conoscenze attuali siano tuttora lacunose, è necessario aggiornare le linee guida proposte negli anni 90 alla luce di alcune recenti acquisizioni. L'obiettivo è di contribuire alla definizione di alcuni punti fermi e di fornire elementi per una lettura e un'interpretazione critica dei dati in letteratura, attraverso una valutazione qualitativa dei rischi riproduttivi della donna con epilessia. Le raccomandazioni fornite si basano su evidenze scientifiche derivate dalla revisione della letteratura, ove disponibili, e sull opinione degli esperti che hanno partecipato alla conferenza congiunta. Lo schema di classificazione delle evidenze è stato elaborato ad hoc poiché nessuno degli schemi pubblicati era applicabile agli studi sull interazione tra epilessia e gravidanza per il loro carattere osservazionale e la specificità delle problematiche trattate. Alcune raccomandazioni prive di rilevanti evidenze scientifiche sono fortemente consigliate (FdR 1) in base all esperienza clinica e ai principi generali di terapia applicati ai pazienti con epilessia

3 3 [LdE V]. Altre indicazioni, come quelle mirate a orientare la diagnosi prenatale, sono fortemente raccomandate, anche in assenza di robuste evidenze scientifiche, in quanto possono accrescere l efficacia della prevenzione secondaria senza arrecare alcun danno alla madre e al feto. Le citazioni bibliografiche riporteranno in parentesi quadre i riferimenti alla classificazione delle evidenze [A F], mentre per le raccomandazioni sono riportati i livelli di evidenza [LdE I V] e la forza della raccomandazione [FdR 1 3], come schematizzato nelle tabelle I, II e III. L'appendice A riporta la descrizione dei requisiti sui quali si basa lo schema riportato qui di seguito. Tabella I. Classificazione delle evidenze Classe A B C D E F Classificazione Studi prospettici 1 di alta qualità Revisione sistematica (con omogeneità statistica) di studi di classe A Studi prospettici e/o studi storici basati su popolazione di buona qualità Studi retrospettivi di alta qualità Revisioni sistematiche (con omogeneità statistica) di studi di classe B Studi prospettici e/o studi storici basati su popolazione di discreta qualità Studi retrospettivi di alta qualità Revisione sistematiche di studi di classe C Studi prospettici e/o studi storici basati su popolazione di scarsa qualità Studi retrospettivi ben condotti Revisione sistematiche di studi D Piccoli studi di coorte Serie di casi o studi descrittivi Studi retrospettivi di scarsa qualità Pareri di commissioni di esperti, opinioni di esperti autorevoli, consensus, opinioni o esperienze cliniche; altro Tabella II. Livelli di evidenza I II-1 II-2 III IV V Più studi di classe A e/o una revisione sistematica di classe A Evidenze di classe B e C con risultati consistenti e/o uno studio di classe A Evidenze di classe B o C con risultati generalmente consistenti Evidenze di classe C e estrapolazioni di studi di classe B Evidenze di classe D o E o di classe A, B e C ma con risultati inconsistenti Evidenze di classe F Tabella III. Forza delle raccomandazioni 1 Procedura o trattamento fortemente consigliati 2 Procedura o trattamento consigliati 3 Non vi sono elementi a favore o contro l'esecuzione di una procedura o trattamento 4 Procedura o trattamento sconsigliati perché probabilmente inutili e/o dannosi 5 Procedura o trattamento fortemente sconsigliati FERTILITA Rispetto alla popolazione generale, il tasso di fertilità sembra lievemente ridotto in 1 Arruolamento prima della conoscenza degli esiti, almeno 9 mesi prima dell inizio della gravidanza (studi sull andamento della epilessia), madri incluse in un precedente studio prospettico di classe A o B.

4 4 donne con epilessia. Tuttavia, poiché il numero di donne con epilessia che contrae matrimonio è inferiore rispetto alla popolazione generale, se si considerano solo le donne coniugate il tasso di fertilità risulta equiparabile (3[C], 4[C], 5[D]). Le controversie sulla fertilità riflettono quelle riguardanti i disturbi endocrini e la sindrome dell ovaio policistico che, secondo alcuni, sarebbe più frequente tra le donne con epilessia che assumono FAE, in particolare acido valproico (6[B], 4[C]). L acido valproico agirebbe direttamente oppure indirettamente inducendo obesità e favorendo, quindi, lo sviluppo di resistenza all insulina, aumento dei livelli di testosterone e insorgenza di altre anomalie riproduttive (6[B], 4[C]). La problematica è emersa negli anni 90 in seguito alla pubblicazione di alcuni studi finlandesi (7[E]) che, tuttavia, presentano limitazioni sostanziali in quanto sono retrospettivi, non randomizzati, basati sulla stessa popolazione selezionata per la presenza di disturbi endocrini e mestruali e privi di criteri diagnostici rigorosi e di rilievi morfologici (6[B]). Studi recenti, in effetti, suggeriscono l assenza di alterazioni morfologiche ovariche specifiche in donne con epilessia e, in particolare, l assenza di una associazione causale tra sindrome dell ovaio policistico ed acido valproico o altri FAE (6[B], 4[C]). CONTRACCEZIONE Benzodiazepine, gabapentin, levetiracetam, pregabalin, tiagabina, acido valproico, vigabatrin e zonisamide non modificano i livelli plasmatici di steroidi ad azione contraccettiva e pertanto non modificano l efficacia di formulazioni contraccettive ormonali (8[B]). Al contrario, carbamazepina, felbamato, fenobarbitale, fenitoina, oxcarbazepina e primidone stimolano, attraverso un meccanismo di induzione enzimatica, il metabolismo di estrogeni e progestinici, riducendone i livelli plasmatici e, di conseguenza, l attività contraccettiva (8[B], 9[C]). Il topiramato a dosi superiori a 200 mg/die (ma non a dosi inferiori, mentre a 200 mg/die l interazione sembra essere minima) riduce i livelli di etinilestradiolo ma non quelli di noretindrone (8[B]). Infine, la lamotrigina a 300 mg/die riduce moderatamente i livelli di levonorgestrel ma non quelli di etinilestradiolo (8[B]) ; non è noto se la stessa interazione si verifichi anche a dosi di lamotrigina inferiori a 300 mg/die. L assunzione della pillola estroprogestinica da parte di donne in terapia con FAE inducenti o, viceversa, di questi ultimi da parte di donne che assumono la pillola, è comunque possibile con alcune cautele, assicurando in particolare una posologia minima predefinita di progestinici e di estrogeni (vedi raccomandazioni) (9[C]). Bisogna tenere presente, tuttavia, che nella popolazione generale l uso di preparati contenenti più di 50 µg di etinilestradiolo è sconsigliato per il rischio vascolare associato (10[F]) e che non esistono dati che consentano di quantificare il rischio in donne che assumono FAE inducenti: infatti, data la variabilità del grado di interazione (anche in rapporto al tipo di FAE e alla sua dose), è plausibile che in alcune

5 5 donne trattate con FAE inducenti l uso di estroprogestinici ad alte dosi possa dare luogo a concentrazioni ormonali relativamente elevate, mentre in altre questi stessi preparati potrebbero non assicurare una copertura contraccettiva sufficiente. Tra i preparati orali devono essere evitati, nelle donne che assumono FAE inducenti, i contraccettivi combinati bifasici e trifasici perché il basso contenuto di progestinici nella prima fase può comprometterne l efficacia contraccettiva (9[C]) e, per la stessa ragione, sono sconsigliati preparati a base di soli progestinici (9[C]). Tra i contraccettivi ormonali non orali, gli impianti ormonali subdermici ed i cerotti non sono consigliati in donne che assumono FAE inducenti, poiché l'efficacia di questi preparati può essere ridotta. I dispositivi uterini che liberano levonorgestrel (Mirena) e i dispositivi intrauterini che liberano rame sono invece ritenuti esenti dal rischio di interazione, anche se per quanto riguarda i dispositivi intrauterini ormonali l impiego in queste donne non è stato ampiamente valutato. (9[C], 11[F]). Anche se alcuni autori ritengono che formulazioni depot iniettabili di medrossiprogesterone acetato mantengano la loro efficacia in presenza di FAE ad azione inducente, l uso di queste formulazioni per periodi prolungati è sconsigliato poiché può causare diversi effetti indesiderati e in particolare, riducendo i livelli di estrogeni, una riduzione della densità ossea (12[F]), che già viene influenzata negativamente dall assunzione di FAE inducenti (13[C]). Anche i contraccettivi progestinici transdermici non sono indicati perché contengono una dose relativamente bassa di progestinici che può renderli suscettibili ai fenomeni di interazione farmacologica (9[C]). Se necessario, si può ricorrere alla contraccezione ormonale di emergenza; alcuni consigliano dosi superiori a quelle usuali in presenza di FAE inducenti (14[C], 15[F]). Sono possibili interazioni inverse: in donne in monoterapia con lamotrigina, l etinilestradiolo riduce le concentrazioni plasmatiche di lamotrigina del 40-60% (8[B]), con la possibilità di un peggioramento delle crisi; viceversa, la sospensione di preparati estroprogestinici in donne in trattamento con lamotrigina causa il fenomeno opposto con il rischio di effetti avversi. Questa interazione ha un andamento ciclico: le concentrazioni plasmatiche di lamotrigina diminuiscono durante i 21 giorni di assunzione della pillola e aumentano durante la settimana di interruzione (8[B]). Va segnalato che la riduzione dei livelli di lamotrigina da parte di preparati contenenti estrogeni non sembra verificarsi quando la lamotrigina è somministrata in combinazione con valproato (46[B]), mentre non è chiaro se l'interazione sia modificata dall'assunzione concomitante di FAE inducenti. I preparati estroprogestinici possono ridurre anche i livelli plasmatici di acido valproico. Nel caso di quest'ultima interazione, l entità delle modificazioni dei livelli plasmatici di acido valproico durante i giorni di assunzione del contraccettivo rispetto alla settimana di interruzione sembra essere inferiore a quanto riscontrato per lamotrigina (16[B], 8[B]). Il monoidrossiderivato della oxcarbazepina, che è il metabolita attivo responsabile primariamente degli effetti dell'oxcarbazepina, ha in comune

6 6 con la lamotrigina e l acido valproico il fatto di essere eliminato mediante glucuronazione: anche alla luce delle modificazioni cinetiche che il monoidrossiderivato della oxcarbazepina sembra subire durante la gravidanza (vedi oltre), non si può escludere che anche i livelli di questo composto siano diminuiti dall assunzione di preparati contenenti estrogeni, pur se non esistono dati al proposito. GRAVIDANZA Andamento dell epilessia L importanza di assicurare un buon controllo delle crisi durante la gestazione è sostenuta dall osservazione di una maggiore mortalità materna tra le donne con epilessia rispetto alla popolazione generale (17[E]). Inoltre, le crisi convulsive possono causare bradicardia fetale (18[E]) e gli stati di male epilettici morte intrauterina (19[C], 20[C]). Gli studi sulla storia naturale dell epilessia in gravidanza riportano risultati discordanti e, sovente, poco confrontabili. La loro metodologia è eterogenea: spesso mancano informazioni su criteri di arruolamento e di definizione delle modificazioni di frequenza critica, durata del periodo di osservazione prima della gravidanza, ruolo della terapia e di altri fattori che possono influire sull andamento della epilessia. Una revisione di 27 studi pubblicati tra il 1884 e il per un totale di 2165 gravidanze - (21[B]) mostra che mediamente la frequenza delle crisi aumenta durante la gravidanza nel 24.1% dei casi (4-67%), si riduce nel 22.7% (0-82%) e rimane invariata nel 53.2% (4-96%). La percentuale media di miglioramenti riportata da altri 18 studi é lievemente inferiore (13.5%), mentre l incidenza di peggioramenti è sovrapponibile (24.5%) (22[C], 23[C], 24[C], 25[C], 26[C], 27[C], 28[C], 29[C], 30[C], 20[C], 31[D], 32[D], 33[D/B], 34[D/B], 35[D/C], 36[E], 37[E]). Quattro studi hanno riportato che l eventuale aumento delle crisi è più frequente nel primo e nel terzo trimestre ed è reversibile dopo il parto (38[C], 23[C], 24[C], 35[D/C]). Al contrario, Tomson et al. (29[C]) hanno segnalato una tendenza alla riduzione di frequenza delle crisi nel primo trimestre, senza ulteriori variazioni nel secondo e nel terzo. Alcuni studi descrivono una variabilità intraindividuale dell andamento delle crisi in gravidanze multiple nelle stesse pazienti (35[D/C]). Infine, un recente studio prospettico su quasi 2000 gravidanze (20[C]) riporta che circa il 60% dei casi è libero da crisi e che epilessia parziale, politerapia e monoterapia con oxcarbazepina sono associate in modo indipendente ad aumento di rischio di peggioramento (20[C]). Solo uno studio retrospettivo ha valutato la possibilità che le variazioni di frequenza dipendano da fluttuazioni casuali (32[D]). Esso ha riportato un peggioramento nel 41% delle donne gravide e nel 24% dei controlli (donne non gravide); le riduzioni di dose o le sospensioni della terapia erano però più frequenti tra le prime. Inoltre, in questo studio il rischio aumentava lievemente ma significativamente con la durata di malattia.

7 7 Otto studi hanno esaminato la relazione tra aumento di frequenza e tipo di crisi e/o di sindrome epilettica, frequenza pre-gravidica e durata di malattia (38[C], 24[C], 26[C], 29[C], 32[D], 33[D/B], 34[D/B], 35[D/C]). La correlazione tra peggioramento del controllo clinico e tipo di crisi, quando segnalata (22[C], 29[C], 33[D/B], 34[D/B]), sembra soprattutto esistere in pazienti con crisi focali. Alcuni studi riportano che un buon controllo delle crisi prima della gravidanza, soprattutto se protratto, ha un effetto protettivo nei confronti del rischio di peggioramento (38[C], 26[C]) ; al contrario, crisi frequenti prima della gravidanza tendono a peggiorare in percentuali variabili fino a circa la metà dei casi (33[D/B], 35[D/C]). Altri possibili fattori di rischio, come ad esempio i fattori ormonali e metabolici, i problemi psicologici, i disturbi del sonno e, soprattutto, le irregolarità di assunzione dei FAE dovrebbero essere esplorati in modo più sistematico. Cinque studi riportano crisi durante il travaglio o nell immediato post-parto (24 ore) in 66/2628 casi (2.5%) (24[C], 39[C], 31[D], 33[D/B], 36[E]) con un rischio maggiore quando il controllo delle crisi in gravidanza è incompleto (20[C]). La frequenza di stato di male durante la gravidanza in 12 studi è risultata pari a 43/2915 casi (1.1%) (38[C], 40[C], 23[C], 24[C], 25[C], 26[C], 29[C], 20[C], 31[D], 33[D/B], 35[D/C], 36[E]), dato sovrapponibile a quanto riportato da altre revisioni di letteratura (41[B]). Lo studio EURAP (20[C]) riporta solo un caso di morte intrauterina riferibile ad uno stato di male e nessun caso di mortalità materna, su un totale di 36 casi di stato di male (12 di tipo convulsivo) osservati in corso di gravidanza. Modificazioni della farmacocinetica dei FAE La gravidanza determina importanti variazioni fisiologiche che possono modificare in modo significativo l assorbimento, la distribuzione, il metabolismo e l eliminazione renale dei farmaci (42[F]) e quindi causare variazioni della loro concentrazione plasmatica, talora clinicamente rilevanti. Nella maggior parte dei casi, la concentrazione plasmatica dei FAE diminuisce durante la gravidanza per tornare rapidamente ai valori pre-gravidici dopo il parto. La riduzione della concentrazione plasmatica libera dei farmaci fortemente legati alle proteine plasmatiche (fenitoina, acido valproico e, in misura minore, carbamazepina) è generalmente inferiore rispetto alla riduzione della concentrazione totale (43[C], 44[C]). In genere, le concentrazioni dei FAE iniziano a ridursi a partire dal primo trimestre. Al terzo trimestre la riduzione è in media: fenitoina totale 55-61%, libera 18-31%; carbamazepina totale 0-42%, libera 0-28%; fenobarbitale 50-55%; primidone 55%; fenobarbitale derivato dal primidone 70%; acido valproico totale 50% e libero 0-29% (al parto i livelli di acido valproico libero possono superare del 25% i valori pre-gravidici) (45[B]). E importante notare, tuttavia, che le variazioni interindividuali possono essere notevoli (45[B]). La lamotrigina è, tra i nuovi FAE, quello più studiato. Le variazioni della cinetica di

8 8 questo farmaco sono rilevanti: in media le concentrazioni plasmatiche di lamotrigina diminuiscono del 68% durante la gravidanza, con notevole variabilità interindividuale, e sono descritti aggravamenti della frequenza di crisi (45[B]). In presenza di assunzione concomitante di acido valproico, la riduzione dei livelli di lamotrigina durante la gravidanza è notevolmente attenuata (46[B]). Dati più limitati riportano un declino altrettanto importante per il monoidrossi derivato della oxcarbazepina (45[B]) e, possibilmente, per il levetiracetam (45[B]). Mancano informazioni su potenziali modificazioni farmacocinetiche di altri FAE di nuova generazione (gabapentin, vigabatrin, pregabalin, tiagabina, topiramato e zonisamide ) (45[B]). Nella pratica clinica, le variazioni di cinetica possono essere valutate solo misurando le concentrazioni plasmatiche dei farmaci prima, durante e dopo la gravidanza (47[E], 48[F], 49[F]). In genere, la posologia dei FAE non deve essere modificata a meno che non intervengano variazioni del quadro clinico (recidiva delle crisi, aumento di frequenza delle crisi, effetti avversi). Tuttavia, in alcuni casi il dato di laboratorio può giustificare di per sé un intervento terapeutico. Ad esempio, è spesso possibile individuare in ogni paziente, prima della gravidanza, la concentrazione plasmatica ottimale di ciascun farmaco ( concentrazione individuale ottimale di riferimento ). Se, ad esempio, la concentrazione plasmatica di un farmaco diminuisce durante la gravidanza sino a valori che in passato nella stessa paziente erano risultati associati con la comparsa (o il peggioramento) delle crisi, può essere giustificato un aumento della dose, soprattutto dopo il primo trimestre. La decisione deve essere valutata caso per caso, soppesando i potenziali rischi e benefici. Per i FAE altamente legati alle proteine plasmatiche (soprattutto fenitoina ed acido valproico), l interpretazione del dato analitico (ed il confronto con la concentrazione individuale ottimale di riferimento ) deve tenere conto del fatto che la frazione libera aumenta nel corso della gravidanza (44[C], 50[E]). In altri termini, la diminuzione della concentrazione plasmatica libera (farmacologicamente attiva) può essere di entità notevolmente inferiore rispetto a quella della concentrazione totale. In assenza di un riscontro diretto di laboratorio, la variazione della frazione libera di fenitoina ed acido valproico può essere stimata in base ai valori di albuminemia (51[F]). La frequenza dei controlli dei livelli plasmatici dipende dal FAE e dalle condizioni cliniche. Per i FAE con alterazioni rilevanti e poco prevedibili, come lamotrigina, fenobarbitale derivato da primidone e, probabilmente, monoidrossiderivato della oxcarbazepina e levetiracetam possono essere giustificati controlli mensili. Se in gravidanza la dose è stata aumentata, nelle prime tre settimane dopo il parto potrebbe essere utile eseguire controlli più ravvicinati (anche ogni 4-5 giorni nel caso di farmaci a emivita relativamente breve, quali lamotrigina, monoidrossiderivato della oxcarbazepina e levetiracetam). Andamento della gravidanza e del parto L epilessia è stata associata in passato ad un aumento di complicanze ostetriche.

9 9 Secondo la letteratura più recente, tuttavia, con un controllo medico adeguato, l incidenza di complicanze è sovrapponibile a quello della popolazione generale (3[C], 52[C], 39[C], 15[F], 53[F]). Il parto per via naturale è consigliato in tutte le donne. Le crisi convulsive e gli stati di male durante il travaglio, che sono eventi rari e, generalmente, preceduti da crisi in gravidanza (vedi sezione precedente), possono causare asfissia fetale e compromettere la collaborazione della madre. La collaborazione materna può anche essere ridotta, pur se in misura minore, da crisi parziali complesse prolungate e ravvicinate. In queste situazioni può essere necessario il taglio cesareo d urgenza, la cui indicazione deve comunque essere valutata caso per caso (54[F]). Fatta eccezione per pazienti con crisi frequenti per le quali sia stimato che esista un rischio significativo di crisi durante il travaglio, non vi sono indicazioni specifiche al parto cesareo elettivo (39[C], 15[F], 55[F]). Non vi sono controindicazioni all analgesia epidurale sia nel travaglio di parto che nel parto cesareo. L analgesia epidurale, abolendo il dolore e riducendo lo stress, potrebbe esercitare un effetto protettivo sul rischio di crisi. Infine, non esistono documentate controindicazioni all utilizzo di prostaglandine per uso locale per l induzione del parto e in caso di aborto terapeutico. Rischio di malformazioni congenite L'incidenza di malformazioni congenite tra i figli di madri con epilessia è di 3-10 casi ogni 100, pari a 2 a 3 volte l'incidenza attesa nella popolazione generale (2-4%). Le crisi materne non sembrano aumentare il rischio di malformazioni congenite (56[B], 57[C], 58[C], 59[C], 60[C], 61[C], 28[C], 62[C], 63[C], 64[C], 65[C], 66[C], 39[C], 67[D], 68[D], 34[D/B], 69[E]), anche se esistono dati discordanti a questo riguardo (70[B], 60[C], 71[C], 3[C], 72[E]). L ipotesi che l epilessia di per sé aumenti il rischio di malformazioni congenite è stata avanzata per la prima volta da un ampio studio americano e finlandese (59[C]). Anche se alcuni studi successivi hanno riportato un aumento del rischio in assenza di trattamento o in figli di padri con epilessia (73[C], 74[C], 75[C], 61[C], 76[D], 67[D], 72[E]), una recente meta-analisi ha concluso che tale aumento di rischio in realtà non sussiste (77[B]) : tuttavia, i criteri di selezione degli studi inclusi in questa meta-analisi, la loro scarsità e il numero esiguo di casi impongono cautela nell interpretazione dei risultati. Un ampio studio prospettico, pubblicato recentemente, non ha rilevato differenze significative di anomalie congenite tra i figli di donne non trattate e quelli esposti a monoterapia durante la gestazione (78[C]). L associazione tra esposizione ai FAE e aumento del rischio di malformazioni congenite è comunque ben documentata. Una suscettibilità genetica agli effetti teratogeni dei FAE è suggerita da studi su famiglie, da studi caso-controllo su pazienti con schisi orali 82[D], 83[E], 84[E]) o difetti del tubo neurale (DTN) (85[C], 86[E]) e da studi di coorte (79[C], 80[C], 81[D], (56[B], 87[B], 88[B],

10 10 58[C], 89[C], 90[C], 91[C], 60[C], 92[C], 93[C], 94[C], 95[D], 96[D], 34[D/B], 97[E]). Le malformazioni più comuni osservate in nati esposti a FAE - cardiopatie congenite, schisi oro-facciali, ipospadie e difetti di riduzione degli arti - sono le stesse che sono osservate con maggior frequenza nella popolazione generale. Esistono evidenze a favore del maggiore rischio di DTN con l acido valproico (1-2%) (98[B], 88[B], 99[C], 100[C], 101[C], 102[C], 103[C], 86[E], 104[E]) e, in misura minore, con la carbamazepina (0.5-1%) (105[C], 102[C], 103[C]) e di cardiopatie congenite con i barbiturici (106[B], 88[B], 60[C], 100[C], 28[C], 102[C]). Quest'ultima associazione è confermata dai dati del Registro Nord Americano (107[C]), anche se gli autori non ne fanno menzione: 4/77 nati esposti a fenobarbitale in monoterapia presentavano cardiopatie (5.2%). Infine, secondo alcuni, il rischio di ipoagenesie degli arti (108[C], 102[C]) e ipospadie (101[C], 102[C]) sarebbe maggiore con acido valproico, mentre il rischio di schisi oro-facciali sarebbe maggiore con barbiturici (60[C], 100[C], 102[C]) e con lamotrigina (109[C]). Questi ultimi dati, pur basati su evidenze meno solide, meritano di essere citati ai fini della diagnosi prenatale. In studi diversi, ed escludendo dal confronto i nati esposti a acido valproico, ognuno dei seguenti FAE è risultato associato ad una maggiore frequenza di anomalie fetali rispetto agli altri: carbamazepina (110[B], 111[C], 101[C], 112[C], 65[C]), primidone (60[C], 34[D/B]), fenobarbitale (60[C], 3[C], 107[C], 113[D]) e fenitoina (110[B], 57[C], 28[C], 3[C], 33[D/B], 35[D/C]). Oltre all acido valproico (discusso in seguito), il fenobarbitale appare comunque tra i farmaci più spesso associati ad anomalie: in particolare, fenobarbitale ed acido valproico sono gli unici FAE per i quali il Registro Nord Americano abbia segnalato un aumento significativo del rischio rispetto alla popolazione generale (6.5% rispetto a un rischio stimato del 1.6% per la popolazione generale). Va tuttavia tenuto presente, in quest'ultimo studio, l esiguità della casistica esposta a fenobarbitale (n=77). Recentemente si è molto discusso sulla potenziale maggiore teratogenicità dell acido valproico. In effetti, sono numerosi gli studi che riportano una maggior incidenza di malformazioni congenite con acido valproico che con carbamazepina (114[C], 115[C]), lamotrigina (115[C]) o altre monoterapie (116[C]). Questi risultati devono essere valutati con cautela, anche perchè esistono studi che non hanno evidenziato un aumento del rischio di malformazioni congenite associato all'esposizione all acido valproico in monoterapia (98[B], 117[D], 96[D]) o in politerapia (60[C], 118[C], 119[C], 3[C], 35[D/C]) rispetto ad altri FAE di comune impiego. Queste discordanze potrebbero essere ascrivibili al ruolo di confondimento. La storia familiare di malformazioni, ad esempio, è un fattore di rischio rilevante: in particolare, il rischio di ricorrenza di DTN in donne non esposte a FAE varia dal 3% all 8% (120[F]) ed è pertanto notevolmente aumentato non solo rispetto alla popolazione generale ma anche rispetto a coorti di donne trattate con acido valproico. Ciò nonostante, degli studi citati solo quattro hanno preso in considerazione la storia familiare di malformazioni (65[C], 121[C], 115[C], 34[D/B]) e, tra questi ultimi, solo uno (il registro britannico) ha rilevato un aumento statisticamente significativo di

11 11 rischio per l acido valproico rispetto ad altre monoterapie, con una incidenza di anomalie congenite del 6.2% con acido valproico (n=715) rispetto a 2.2% con carbamazepina (n=927) (115[C]). Anche se nello stesso studio vi era una tendenza ad un minore incidenza di malformazioni con lamotrigina (2.2%, n=617) rispetto ad acido valproico, la percentuale di malformazioni congenite nelle gravidanze esposte a dosi di lamotrigina superiori o pari a 200 mg/die (5.4%) era simile a quella osservata in gravidanze esposte a dosi di acido valproico nel range di mg/die (6.1%). L acido valproico è peraltro l unico farmaco per il quale sia stata dimostrata una relazione tra entità di esposizione e rischio di malformazioni congenite nella maggior parte degli studi di buona qualità (111[C], 101[C], 122[C], 121[C], 123[C], 124[D], 125[D], 34[D/B]), anche se non in tutti (65[C], 66[C], 116[C]). Recentemente, un singolo studio ha segnalato una possibile relazione tra dose e rischio teratogeno anche per la lamotrigina: infatti, nel registro britannico la dose di lamotrigina nelle gravidanze associate a malformazioni fetali era significativamente più alta di quelle osservata nelle gravidanze non associate a malformazioni (115[C]). Inoltre, una segnalazione del registro nordamericano ha suggerito che l'esposizione prenatale a lamotrigina può essere associata ad un aumento del rischio di labio-palatoschisi (109[C])(126). La maggioranza degli studi ha evidenziato che il rischio di malformazioni congenite è più elevato nelle politerapie rispetto alle monoterapie, con aumento particolarmente spiccato nelle terapie con più di due farmaci (71[C], 127[C], 128[C], 3[C], 65[C], 114[C], 68[D], 34[D/B]), anche se il reperto non è confermato da tutti gli studi (88[B], 129[C], 130[C], 112[C], 39[C], 131[D]). In conclusione, lo stato attuale delle conoscenze consente di concludere che il rischio di malformazioni congenite è aumentato nei figli di donne con epilessia e che tale aumento dipende in larga misura dagli effetti dei FAE. Tuttavia, le incidenze di malformazioni congenite, negli studi pubblicati, variano di 20 volte (54[F]), soprattutto in conseguenza di differenze metodologiche. Le popolazioni studiate sono molto diverse, e diversi sono, nei vari studi, i criteri usati per la diagnosi delle anomalie, così come i criteri di esclusione e i "denominatori" utilizzati per il calcolo del rischio di malformazioni. La variabilità dipende anche da carenze metodologiche sostanziali (132[F], 133[F], 54[F], 134[F]) : una delle più importanti è l assenza di controllo per i potenziali fattori di rischio. Anche se i risultati non sono conclusivi, diverse evidenze suggeriscono che il rischio associato ad esposizione a acido valproico e, possibilmente, barbiturici, sia maggiore del rischio associato a carbamazepina e altri FAE di frequente impiego. L acido valproico è anche il farmaco con una relazione ripetutamente evidenziata tra rischio malformativo e dose somministrata. Effetti avversi sull accrescimento fetale e sullo sviluppo postnatale I dati sul rischio di ritardo dell accrescimento fetale in seguito a esposizione prenatale a FAE non sono univoci, almeno in parte per motivi metodologici. In particolare, le misure sono

12 12 espresse talvolta come valori assoluti, altre volte come rapporto tra valori assoluti ed età gestazionale ed altre volte ancora come frequenze riferite a standard internazionali o nazionali (135[B]). Alcuni studi rilevano un aumento di rischio per tutti i parametri (136[B]), altri per la sola circonferenza cranica (63[C], 137[C]), mentre altri ancora non riportano differenze rispetto alla popolazione generale (129[C], 3[C], 64[C], 138[C], 121[C], 139[D], 35[D/C]). Il rischio di ritardo dell accrescimento fetale è stato in studi diversi associato a fenitoina (140[C]), fenobarbitale, primidone (135[B], 141[C], 107[C]) e carbamazepina (141[C], 137[C]). Le segnalazioni su una correlazione tra dose e accrescimento fetale sono scarse e limitate al fenobarbitale (135[B]). Anche il rischio di ritardo di accrescimento fetale sembra essere più frequente per le politerapie (137[C]). I risultati sullo sviluppo psicomotorio dei bambini esposti a FAE in utero sono anch essi discordanti (142[D], 54[F]). Gli studi più datati riportano una minor intelligenza nei bambini nati da madri con epilessia, mentre la maggior parte degli studi più recenti non mostrano alcun deficit cognitivo oppure disfunzioni cognitive specifiche in bambini di intelligenza normale. Gli studi longitudinali sono pochi e, di questi, la maggioranza di quelli cosiddetti prospettici sono tali solo per quanto riguarda la raccolta dei dati materni, dato che i bambini sono esaminati per la prima volta a molti anni dalla nascita. Il rischio di errori sistematici di confondimento è molto elevato: l eziologia del ritardo di sviluppo coinvolge un alto numero di fattori di rischio, la cui rilevanza è stata ampiamente documentata nella popolazione generale. Nessuno degli studi ha considerato la maggioranza di questi fattori e la maggior parte ha ignorato i fattori correlati all epilessia e, soprattutto, alle possibili conseguenze delle crisi e degli effetti dei FAE sulla capacità delle madri di prendersi cura dei loro bambini. Un altro punto critico è che esiti patologici ed esiti normali sono spesso confusi tra loro: QI normali sono talvolta presentati come un segnale di maggior rischio di ritardo mentale solo perché statisticamente, ma lievemente, ridotti rispetto a controlli interni o esterni. Queste considerazioni possono contribuire a spiegare perchè alcuni studi abbiano riportato un aumento del rischio di ritardo dello sviluppo psicomotorio tra i figli di donne con epilessia (140[C], 143[C], 144[D], 145[D], 146[D], 147[D], 69[E], 72[E]), altri una intelligenza normale (148[D], 149[D], 150[D], 151[D], 152[D]) o un ritardo transitorio rispetto a controlli sani (153[C], 154[D], 155[D], 156[D], 157[D], 158[D]) o ai figli di padri con epilessia (159[E]), e altri ancora disturbi cognitivi specifici in bambini di intelligenza normale (143[C], 160[C], 161[C], 94[C], 162[C], 163[D], 149[D], 164[D], 165[D], 166[D], 167[D], 150[D], 168[D], 169[D], 170[E], 17[E], 171[E]). Anche se, secondo alcuni autori, le disfunzioni cognitive sono correlate al tipo di epilessia (172[C], 149[D], 164[D]) e alle crisi materne (162[C], 172[C], 163[D], 164[D], 173[D], 17[E]), i fattori prognostici più rilevanti sono probabilmente il QI scolarizzazione (172[C], 149[D], 164[D], 169[D]) della (161[C], 162[C], 174[C], 17[E]) e il grado di madre. FAE associati in diversi studi a una possibile maggior frequenza di deficit cognitivi sono acido valproico (162[C], 174[C], 145[D], 168[D], 175[D], 17[E]), fenitoina (140[C], 167[D], 166[D], 146[D]), fenobarbitale (143[C]), carbamazepina (176[C], 94[C]) e

13 13 primidone (168[D]), ma anche su questo aspetto i dati non sono concordi (162[C], 154[D], 144[D], 149[D], 166[D], 146[D]). Analogamente, una correlazione tra numero di FAE assunti durante la gravidanza e disturbi della sfera cognitiva nel bambino è sostenuta da alcuni autori (94[C], 172[C], 162[C], 166[D], 150[D], 173[D], 168[D], 169[D]), ma è negata da altri (143[C], 154[D], 149[D], 169[D]). Il ruolo di fattori di confondimento è ben dimostrato in due studi recenti, nei quali la correzione per la scolarizzazione della madre annullava la significatività statistica di una correlazione tra esiti sfavorevoli e terapia materna (174[C], 149[D]). Inoltre, un ampio studio prospettico americano basato su popolazione riporta un aumento significativo del rischio di ritardo mentale tra i figli di madri con epilessia di razza nera e non tra quelli di razza bianca (177[C]). Pochissimi studi hanno considerato il livello socio-economico (178[D], 168[D], 169[D]), il grado di scolarizzazione del padre (164[D]) e i fattori di rischio perinatali (143[C], 94[C], 144[D], 165[D], 150[D], 152[D], 169[D]). Uno studio australiano pubblicato nel 2006 documenta un aumento di incidenza di ritardo mentale tra i figli di donne con epilessia, che rimane significativo anche dopo correzione per vari fattori sociodemografici; il disegno dello studio, tuttavia non consente di discriminare gli effetti della epilessia da quelli della terapia o di eventuali patologie concomitanti (147[D]). Tra i FAE potenzialmente implicati quali causa di deficit cognitivi in seguito a esposizione prenatale, quello su cui si è focalizzata maggiormente l attenzione degli studi più recenti è l acido valproico. Anche se sono diversi gli studi che hanno segnalato deficit cognitivi specifici in bambini le cui madri avevano assunto acido valproico in gravidanza (162[C], 174[C], 145[D], 168[D], 175[D], 17[E]), questi reperti sono soggetti in misura importante a fattori di confondimento (142[D]) : in alcuni degli studi, ad esempio, è possibile che l associazione tra deficit cognitivi ed acido valproico possa essere stato conseguenza, almeno in parte, del minor livello di scolarizzazione delle madri in terapia con acido valproico (162[C], 174[C]). Diagnosi prenatale L accuratezza della diagnosi prenatale dipende dal tipo di anomalia, dall epoca in cui viene ricercata, dalla qualità dello strumento impiegato e dall abilità dell operatore e tempo dedicato all esame (179[F]). La valutazione morfologica standard è prevista tra la 19a e la 21a settimana di gestazione e l anatomia fetale deve essere studiata secondo i criteri indicati dalle Linee Guida della SIEOG (Società Italiana di Ecografia Ostetrica e Ginecologica, 2002). Relativamente ai difetti del tubo neurale (DTN) l ecografia con sonda transvaginale (13a settimana gestazionale) consente di identificare la totalità dei casi di anencefalia e di mielomeningocele, mentre per la spina bifida il livello di accuratezza diagnostica è inferiore (180[E]). Per questa malformazione l associazione di microcefalia e sovrapposizione delle ossa frontali (lemon sign) e obliterazione della cisterna magna e curvatura degli emisferi cerebellari

14 14 (banana sign) produce una sensibilità diagnostica del 98% entro la 24a settimana (181[C]). Le anomalie cardiache sono identificate nel 40-50% dei casi con l esame ecografico di screening e nell 80-90% con l ecocardiografia (182[D], 183[D]). L ecocardiografia, la cui sensibilità diagnostica varia in funzione del tipo di anomalia (SIEOG, 2002), deve essere eseguita dopo la 20a settimana. I difetti interventricolari sono difficili da visualizzare, ed i difetti interatriali ancora più difficili, mentre la diagnosi prenatale di dotto arterioso pervio è impossibile per la fisiologica situazione cardiocircolatoria in utero. Altri difetti, come la stenosi delle valvole semilunari o la coartazione aortica, possono comparire solo nel terzo trimestre. Il rischio di malformazioni cardiache aumenta in modo esponenziale in relazione allo spessore della translucenza nucale (TN), valutabile ecograficamente alla 10-13a settimana, in particolare con valori di spessore superiori al 99 centile, quando sia esclusa un anomalia cromosomica. Nei casi a rischio può essere utile eseguire un esame cardiaco accurato anche prima della 20a settimana (184[C]). L esame ecografico bidimensionale è in grado di identificare, intorno alla 20a settimana, la maggior parte dei casi di labio-palatoschisi. Operatori esperti riescono a distinguere i difetti monolaterali da quelli bilaterali e la labioschisi isolata da quella associata alla palatoschisi. La valutazione del grado di estensione al palato posteriore è generalmente difficile, ma è rilevante a fini prognostici per le implicazioni chirurgiche e il rischio di complicazioni della deglutizione, della suzione, del linguaggio e dell udito. La sensibilità diagnostica sale dal 27% (185[D]) al 73% con una valutazione mirata e all 83% se l esame viene eseguito dopo la 20a settimana (186[D]). Labioschisi e palatoschisi sono diagnosticate rispettivamente nel 91% e 46% dei casi con la tecnica bidimensionale e nel 100% e 90% dei casi se integrata con quella tridimensionale (187[C]). Profilassi con acido folico e vitamina K Nella popolazione generale l'acido folico, assunto almeno tre mesi prima del concepimento, riduce del 50-70% il rischio di occorrenza e ricorrenza di DTN (188[F]) e del 10-20% il rischio di altri difetti congeniti (188[F]). Non vi sono evidenze specifiche a favore dell efficacia dell'acido folico nella prevenzione dei DTN o di altre malformazioni nei figli di donne con epilessia (103[C]). Dal 1958 sono stati segnalati più di 40 casi di malattia emorragica precoce in neonati di madri in terapia con FAE inducenti (189[C]). Studi recenti mettono in discussione la reale necessità di somministrare vitamina K per via orale alle donne al termine della gravidanza (189[C], 190[C]), anche perché la somministrazione di vitamina K al neonato è regolarmente praticata.

15 15 PUERPERIO Spesso alle donne in terapia con FAE è sconsigliato l allattamento al seno, sebbene tale misura sia quasi sempre ingiustificata poiché la quantità di farmaco assunta con il latte materno è estremamente modesta e in ogni caso inferiore a quella assunta per via transplacentare. Il rapporto tra concentrazione nel latte e concentrazione plasmatica materna è inferiore a 0.6 per fenitoina, acido valproico e carbamazepina, anche se per quest ultima sono stati occasionalmente segnalati livelli plasmatici farmacologicamente rilevanti in bambini allattati al seno (191[C]). Etosuccimide, fenobarbitale e primidone, in quanto eliminati molto lentamente dal neonato, tendono ad accumularsi sia pure, in genere, in misura modesta (191[C]) : nel caso compaiano segni di sedazione, è opportuno misurare le concentrazioni plasmatiche di questi farmaci nel bambino e eventualmente consigliare l allattamento misto (53[F]). Le stesse misure sono indicate per la lamotrigina, che può raggiungere nel plasma del lattante concentrazioni potenzialmente in grado di indurre effetti farmacologici. I pochi dati sull accumulo di levetiracetam, topiramato e gabapentin nel lattante indicano livelli plasmatici generalmente molto bassi.

16 16 RACCOMANDAZIONI Età fertile, contraccezione e concepimento La donna deve essere informata che: Carbamazepina, felbamato, lamotrigina, oxcarbazepina, fenobarbitale, fenitoina, primidone e topiramato (a dosi >200 mg/die) riducono le concentrazioni di estrogeni e/o progestinici e possono pertanto ridurne l efficacia contraccettiva [LdE II; FdR 2]; anche a dosi superiori a quelle normalmente prescritte, l efficacia della pillola contraccettiva non è garantita [LdE V; FdR 1]. L assunzione di preparati estrogenici o estro-progestinici in donne trattate con lamotrigina, soprattutto se in monoterapia, può ridurre del 50% o più i livelli di lamotrigina e, di conseguenza, può compromettere il controllo delle crisi. L interruzione del contraccettivo in queste pazienti può causare fenomeni di tossicità in seguito all innalzamento dei livelli di lamotrigina [LdE II-1; FdR 1]. Questa interazione non sembra verificarsi (od è comunque di minore entità) in donne che assumono lamotrigina in combinazione con valproato [LdE II- 1; FdR 1]. Anche i livelli di acido valproico sono ridotti dall assunzione concomitante di estro-progestinici, ma l entità della riduzione sembra essere generalmente inferiore a quella osservata con lamotrigina [LdE II-2; FdR 2]. E opportuno prestare attenzione a irregolarità mestruali e disturbi endocrini, soprattutto in donne affette da obesità [LdE III; FdR 2]. Rispetto alla popolazione generale, donne con epilessia trattate con FAE presentano un rischio maggiore di dare alla luce un bambino con anomalie congenite. Tuttavia, in genere, la probabilità di avere un bambino normale in queste donne è comunque superiore al 90% e l assunzione di FAE non rappresenta una controindicazione a iniziare e portare a termine una gravidanza [LdE II-2; FdR 1]. Nessuno dei FAE può essere ritenuto sicuro. Esistono segnalazioni che il rischio di anomalie congenite può essere superiore con acido valproico (soprattutto a dosi elevate) rispetto a carbamazepina e, forse, ad altri FAE di frequente impiego. Con l acido valproico esiste un rischio specifico di DTN dell 1-2%, mentre con la carbamazepina questo rischio è dello 0.5-1% [LdE II-2; FdR 1]. Esistono anche segnalazioni non conclusive di un maggior rischio di anomalie congenite, soprattutto cardiopatie, in seguito a esposizione a barbiturici [LdE II- 2; FdR 1]. Infine, il rischio di anomalie è probabilmente maggiore in donne che assumono una politerapia [LdE II-2; FdR 1]. La terapia antiepilettica dovrebbe essere ottimizzata almeno sei mesi prima del concepimento. La riduzione o la sospensione della terapia a gravidanza iniziata è inutile (in quanto eventuali anomalie congenite si instaurano molto precocemente) e pericolosa [LdE V; FdR 1], poiché le crisi, pur non aumentando il rischio di malformazioni congenite [LdE

17 17 II-2], possono danneggiare la salute materna e fetale. L'importanza di una adeguata compliance, pertanto, deve essere enfatizzata. Il rischio globale di anomalie fetali deve essere valutato nel contesto di tutti i fattori di rischio individuali (patologie materne concomitanti, esposizione ad altri fattori potenzialmente teratogeni) e familiari (casi di malformazioni congenite nei familiari) [LdE V; FdR 1]. La maggior parte delle malformazioni congenite gravi sono identificate con l esame ecografico, le cui possibilità diagnostiche tuttavia non possono includere tutte le possibili anomalie [LdE III; FdR 1]. E raccomandata la profilassi con acido folico in tutte le donne esposte alla possibilità di gravidanza, in quanto questo permette di ridurre il rischio di alcune anomalie fetali, compresi i DTN, nella popolazione generale (LdE V; FdR 1). Non è comunque dimostrato che l acido folico prevenga le anomalie congenite indotte da FAE [LdE III]. Alcune segnalazioni non conclusive suggeriscono che l assunzione di FAE, particolarmente acido valproico, durante la gravidanza può essere associata a un maggior rischio di disturbi cognitivi nel bambino (soprattutto ridotto QI verbale nel caso di acido valproico) [LdE IV; FdR 3]. I disturbi cognitivi sono comunque condizionati da fattori ambientali e/o genetici e, nelle forme di epilessia più gravi, da una minore capacità di accudimento del bambino in conseguenza degli effetti delle crisi e dei FAE [LdE V]. Raccomandazioni per il medico Valutare la regolarità ovulatoria prima di iniziare una nuova terapia antiepilettica e ad ogni controllo successivo [LdE V; FdR 2]. In donne in terapia con FAE che riducono i livelli sia di estrogeni che di progestinici (carbamazepina, felbamato, oxcarbazepina, fenobarbitale, fenitoina e primidone), è preferibile utilizzare come contraccezione ormonale dispositivi intrauterini che liberano levonorgestrel, utilizzati secondo le modalità applicabili alla popolazione generale [LdE III; FdR 2]. Una alternativa meno desiderabile di contraccezione ormonale in queste donne può essere rappresentata da una pillola contraccettiva che contenga 1 mg di noretindrone (oppure 0.15 mg di levonorgestrel o 0.30 mg di norgestrel) in associazione a 50 μg di etinilestradiolo. Se si utilizza questa opzione, per i primi tre mesi consigliare l adozione contemporanea di metodi contraccettivi non ormonali e aumentare la dose del contraccettivo in caso di sanguinamento intermestruale (LdE V; FdR 1); alla sospensione di FAE interagenti, attendere due mesi prima di ridurre la dose dell' estro-progestinico [LdE V; FdR 2]. In donne trattate con FAE che riducono solo i livelli di progestinici (topiramato, a dosi >200 mg/die) o solo i livelli di etinilestradiolo (lamotrigina, 300 mg/die), è parimente preferibile ricorrere per la contraccezione ormonale a dispositivi intrauterini con

18 18 levonorgestrel, utilizzati secondo le modalità applicabili alla popolazione generale. L'impiego della pillola contraccettiva è meno desiderabile in queste donne. Se si ricorre alla pillola contraccettiva, è probabilmente preferibile ricorrere ad una pillola convenzionale contenente 30 μg di etinilestradiolo (onde minimizzare possibili rischi da sovradosaggio, pur se non si può escludere che vi sia una modesta riduzione dell'efficacia della contraccettiva a tale dose) e aumentare la dose del contraccettivo in caso di sanguinamento intermestruale. [LdE V; FdR 2]. In donne in terapia con FAE che riducono i livelli di estrogeni e/o progestinici (carbamazepina, felbamato, lamotrigina, oxcarbazepina, fenobarbitale, fenitoina, primidone e topiramato a dosi >200 mg/die), formulazioni orali di contraccettivi a base di soli progestinici e formulazioni subdermiche e transdermiche sono sconsigliate, così come i preparati orali bifasici o trifasici, poiché il basso contenuto di progestinici nella prima fase potrebbe compromettere l efficacia contraccettiva [LdE V; FdR 1]. L'uso prolungato di formulazioni depot di medrossiprogesterone acetato, la cui efficacia contraccettiva secondo alcuni autori sarebbe mantenuta anche in presenza di FAE ad attività inducente, è sconsigliabile per i possibili effetti avversi, in particolare a carico del metabolismo osseo [LdE V; FdR 2]. I contraccettivi di emergenza devono essere utilizzati a dosi maggiori sebbene non vi siano indicazioni precise in proposito [LdE V; FdR 3]. Per i FAE che non riducono i livelli di estro-progestinici (gabapentin, levetiracetam, pregabalin, tiagabina, acido valproico, vigabatrin e zonisamide) attenersi alle raccomandazioni valide per la popolazione generale [LdE II; FdR 2]. L efficacia di metodi contraccettivi non ormonali non è modificata dai FAE. Nelle donne che assumono lamotrigina, acido valproico e oxcarbazepina, monitorare se possibile le concentrazioni plasmatiche dei principi attivi di questi farmaci all introduzione e alla sospensione dei contraccettivi orali e aggiustare la dose se indicato clinicamente [LdE II-1; FdR 1]. Se si deve iniziare una terapia antiepilettica, impiegare il FAE ritenuto più efficace per il controllo delle crisi [LdE II-2; FdR 1]. Ove esistano farmaci con efficacia comparabile, evitare l impiego di acido valproico, soprattutto se la donna è contraria ad un aborto terapeutico. A meno che non esistano alternative, è particolarmente importante evitare l'impiego di acido valproico in donne con anamnesi familiare di DTN [LdE V; FdR 1]. Nelle donne che assumono FAE programmare la gravidanza con largo anticipo, per quanto possibile, e ottimizzare la terapia almeno 6 mesi prima del concepimento rivalutando la diagnosi [LdE V; FdR 1] e utilizzando il FAE più efficace, possibilmente in monoterapia, alla dose minima necessaria per controllare le crisi [LdE V; FdR 1]. Individuare, se possibile, la concentrazione plasmatica individuale ottimale di riferimento. Valutare individualmente il rapporto rischio/beneficio prima di sostituire gradualmente una eventuale terapia efficace con acido valproico con un FAE di efficacia potenzialmente comparabile. Valutare, con

19 19 ampio anticipo rispetto al concepimento, il rapporto rischio/beneficio di una sospensione graduale della terapia in donne che non abbiano avuto crisi da almeno due anni o presentino solo crisi rare e non convulsive [LdE V; FdR 1]. Prescrivere acido folico in tutte le donne esposte alla possibilità di gravidanza. Non è chiaro quale sia la dose ottimale di acido folico. Alcuni autori raccomandano mg/die e 5 mg/die in donne che assumono acido valproico o carbamazepina [LdE IV; FdR 2]. In Italia sono disponibili solo preparati contenenti 5 mg di acido folico. Gravidanza La donna deve essere informata che: La frequenza delle crisi rimane invariata in circa due terzi dei casi durante la gravidanza [LdE II; FdR 2] e un eventuale peggioramento spesso dipende dall assunzione irregolare della terapia [LdE II; FdR 2]. Una gestione corretta della gravidanza richiede la conoscenza delle implicazioni connesse alla patologia e relativa terapia (vedi sezione precedente e successiva) ed una adeguata pianificazione dei necessari controlli. Raccomandazioni per il medico La diagnosi prenatale delle malformazioni è prevista dal Piano Sanitario Nazionale mediante tre esami ecografici del feto, cosiddetti di primo livello (alla 10a-13a settimana, alla 20a- 22a e alla 30a-34a settimana), e con il dosaggio dell alfa-feto-proteina materna alla 16a settimana. Si suggerisce di considerare anche i seguenti controlli ecografici di secondo livello: o Entro la 13a settimana, valutare la TN, come indicatore di rischio di cardiopatia [FdR 3], e valutare i DTN con l impiego di sonda vaginale [FdR 3] o Alla 18a settimana, valutare la morfologia con particolare attenzione al massiccio facciale, alla colonna vertebrale e al cuore [FdR 3] o Dopo la 20a settimana, eseguire eco-color-doppler cardiaco [FdR 3] Ove possibile, determinare una volta al mese le concentrazioni plasmatiche di lamotrigina, monoidrossiderivato della oxcarbazepina e fenobarbitale derivato da primidone [LdE V; FdR 2] e almeno una volta al trimestre e nell ultimo mese di gravidanza quelle degli altri FAE [LdE V; FdR 2]. Se possibile, determinare la concentrazione libera di fenitoina ed acido valproico [LdE V; FdR 1] poiché la concentrazione totale di questi farmaci potrebbe sottostimare la concentrazione farmacologicamente attiva [LdE V; FdR 2], soprattutto negli ultimi mesi di gravidanza. Controllare le concentrazioni plasmatiche dei FAE anche in caso di sospetto di scarsa compliance, variazioni rilevanti del quadro clinico [LdE V; FdR 1] o modificazioni della posologia [LdE V; FdR 2].

20 20 Aumentare la dose dei FAE solo se necessario per fronteggiare un peggioramento delle crisi o se si ritiene che un abbassamento delle concentrazioni plasmatiche, in presenza di una compliance adeguata, esponga la paziente a un rischio significativo di recidiva delle crisi [LdE V; FdR 2]. In caso di terapia con FAE inducenti (carbamazepina, fenobarbitale, fenitoina, primidone, oxcarbazepina), si possono prescrivere 10 mg/die di vitamina K per via orale nell ultimo mese di gravidanza [LdE V; FdR 3]. Parto e puerperio La donna deve essere informata che: La terapia antiepilettica deve essere assunta regolarmente durante il travaglio e dopo il parto [LdE V; FdR 1], attenendosi a eventuali controlli che saranno consigliati dal medico curante. Non vi sono controindicazioni all allattamento al seno che è pertanto consigliato [LdE II-1; FdR 1]. E consigliabile evitare, per quanto possibile, alterazioni eccessive del ritmo sonno-veglia. Raccomandazioni per il medico Per il parto, attenersi alle indicazioni valide per la popolazione generale e ricorrere al taglio cesareo solo se esiste un rischio elevato di (o se si verificano) crisi convulsive frequenti o crisi parziali complesse numerose e prolungate tali da compromettere le capacità di collaborazione della donna [LdE V; FdR 2]. Può essere praticata l analgesia epidurale [LdE V; FdR 3]. Non vi sono indicazioni specifiche riguardanti il tipo di anestesia in caso di taglio cesareo [LdE V; FdR 3]. Non vi sono controindicazioni all uso di prostaglandine per l induzione del parto e in caso di aborto terapeutico [LdE V; FdR 3]. Dopo il parto, suggerire interventi per evitare eventuali carenze di sonno (ad esempio, conservare in frigorifero il latte materno e richiedere la collaborazione del partner o di un altro familiare per il pasto notturno) [LdE V; FdR 1]. Suggerire misure preventive per la cura e il trasporto del bambino soprattutto in caso di crisi frequenti e perdita di coscienza [LdE V; FdR 1]. Determinare, se possibile, le concentrazioni plasmatiche dei FAE 2-4 e 12 settimane dopo il parto [LdE V; FdR 2], soprattutto se la dose dei FAE era stata modificata nel corso della gravidanza. Nelle donne trattate con lamotrigina, oxcarbazepina e primidone che abbiano necessitato di un incremento di almeno il 30% della dose di questi farmaci durante la gravidanza, monitorare, se possibile, la concentrazione plasmatica di lamotrigina, monoidrossiderivato della oxcarbazepina e fenobarbitale subito dopo il parto e ogni 4-5

Epilessia e gravidanza. Fabrizio Monti Centro Regionale Diagnosi e Cura dell Epilessia Clinica Neurologica Trieste

Epilessia e gravidanza. Fabrizio Monti Centro Regionale Diagnosi e Cura dell Epilessia Clinica Neurologica Trieste Epilessia e gravidanza Fabrizio Monti Centro Regionale Diagnosi e Cura dell Epilessia Clinica Neurologica Trieste lo scenario Negli Stati Uniti 25.000 donne con epilessia ogni anno iniziano una gravidanza

Dettagli

CONSENSUS EPILESSIA E GRAVIDANZA

CONSENSUS EPILESSIA E GRAVIDANZA 1 CONSENSUS EPILESSIA E GRAVIDANZA Promossa dalla Lega Italiana Contro l Epilessia (LICE) Partecipanti: Società Italiana di Neuropsichiatria Infantile (SINPIA); Società Italiana di Neuropediatria (SINP);

Dettagli

Epilessia e gravidanza

Epilessia e gravidanza O. C. San Bortolo Vicenza Epilessia e gravidanza Gianola Stenta Centro Epilessie O.C. San Bortolo Vicenza, 9 maggio 2012 L epilessia è la patologia neurologica più frequente in gravidanza dopo l emicrania

Dettagli

Epilessia e donna: contraccezione. Federica Ranzato Centro Epilessie Vicenza 9 Giugno 2012

Epilessia e donna: contraccezione. Federica Ranzato Centro Epilessie Vicenza 9 Giugno 2012 Epilessia e donna: contraccezione Federica Ranzato Centro Epilessie Vicenza 9 Giugno 2012 Epilessia: classificazione Classificazione crisi epilettiche.pdf Non c è differenza di genere nell incidenza e

Dettagli

Annesso 1 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

Annesso 1 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Annesso 1 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori sanitari

Dettagli

EURAP. Report ad Interim per l Italia

EURAP. Report ad Interim per l Italia EURAP Report ad Interim per l Italia Novembre 2004 Coordinatrice studio nazionale Dr Daniela Mamoli Istituto Nazionale Neurologico C. Besta Via Celoria, 11 20133 Milano Tel 0236553436 Fax 02700429160 E-mail

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE SCREENING ECOGRAFICO DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE DEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE SCREENING ECOGRAFICO DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE DEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE ENTE ECCLESIASTICO CIVILMENTE RICONOSCIUTO 16122 GENOVA Corso Solferino, 1A Tel 010/55221 Sede Legale: Salita Sup. S. Rocchino, 31/A STRUTTURA COMPLESSA DI OSTETRICIA

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE UFFICIO V 15 settembre 2014 La contraccezione per la donna che allatta Tavolo Tecnico Operativo Interdisciplinare

Dettagli

Info. Lega contro l Epilessia. Epilessia. Il desiderio di avere figli e l epilessia

Info. Lega contro l Epilessia. Epilessia. Il desiderio di avere figli e l epilessia Lega contro l Epilessia Lega Svizzera contro l Epilessia Ligue Suisse contre l Epilepsie Schweizerische Liga gegen Epilepsie Swiss League Against Epilepsy Info Epilessia Il desiderio di avere figli e l

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

1. Acido folico e prevenzione

1. Acido folico e prevenzione 1. Acido folico e prevenzione dei difetti del tubo neurale e di altre malformazioni congenite Renata Bortolus Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di Verona, Verona Dottorato in Scienze dell Educazione

Dettagli

Farmaci antiepilettici

Farmaci antiepilettici Farmaci antiepilettici EPILESSIA EZIOLOGIA DELL EPILESSIA EPILESSIA 1. Idiopatiche: non riconducibili a cause evidenti 2. Sintomatiche: esistenza di una causa primaria Danni Vascolari Traumi Malformazioni

Dettagli

Farmaci antiepilettici

Farmaci antiepilettici Farmaci antiepilettici Epilessia Diffusione dell epilessia per 100.000 less than 50 50-72.5 72.5-95 95-117.5 117.5-140 140-162.5 162.5-185 185-207.5 207.5-230 230-252.5 252.5-275 more than 275 EPILESSIA

Dettagli

Info. Lega contro l Epilessia. Epilessia. La donna e l Epilessia

Info. Lega contro l Epilessia. Epilessia. La donna e l Epilessia Lega contro l Epilessia Lega Svizzera contro l Epilessia Ligue Suisse contre l Epilepsie Schweizerische Liga gegen Epilepsie Swiss League Against Epilepsy Info Epilessia La donna e l Epilessia L EPILESSIA

Dettagli

Pisa, 2/6/2012. LABIOPALATOSCHISI: La diagnosi prenatale

Pisa, 2/6/2012. LABIOPALATOSCHISI: La diagnosi prenatale Pisa, 2/6/2012 LABIOPALATOSCHISI: La diagnosi prenatale INCIDENZA DIFETTI CONGENITI : circa 5 % CAUSA IDENTIFICABILE : circa 10 % Genetica : circa 3 % Agenti teratogeni : circa 7 % Malattie materne: circa

Dettagli

L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti

L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti Abbiamo pensato di scrivere questo volume perché da alcuni anni, nell ambito della

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile

Il progetto 6 + 1. (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Il progetto 6 + 1 (Conoscere per prevenire) Sviluppo e valutazione di interventi di prevenzione primaria nel campo della salute infantile Ministero della Sanità: Programma speciale ex art. 12, comma 2,

Dettagli

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I)

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I) ALLEGATO II CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DELLA MODIFICA DEI RIASSUNTI DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO E DEI FOGLIETTI ILLUSTRATIVI PRESENTATI DALL AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI 108 CONCLUSIONI

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE LAMOTRIGINA DOC 25 mg compresse dispersibili LAMOTRIGINA DOC 50 mg compresse dispersibili LAMOTRIGINA DOC 100 mg compresse dispersibili LAMOTRIGINA DOC 200 mg compresse

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

FOLINA 15 mg/2 ml soluzione iniettabile FOLINA 5 mg capsule molli ACIDO FOLICO

FOLINA 15 mg/2 ml soluzione iniettabile FOLINA 5 mg capsule molli ACIDO FOLICO 1 Foglio illustrativo FOLINA 15 mg/2 ml soluzione iniettabile FOLINA 5 mg capsule molli ACIDO FOLICO Categoria farmacoterapeutica ATC: B03BB01 preparati antianemici: acido folico e derivati. INDICAZIONI

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

La terapia antiepilettica è esclusivamente sintomatica:

La terapia antiepilettica è esclusivamente sintomatica: ANTIEPILETTICI La terapia antiepilettica è esclusivamente sintomatica: i farmaci antiepilettici riducono la frequenza e la severità delle crisi convulsive in pazienti affetti da epilessia. DEFINIZIONI

Dettagli

Radiazioni e gravidanza

Radiazioni e gravidanza Treviso 24.11.2011 Radiazioni e gravidanza G.Bracalente gbracalente@ulss.tv.it Unita Operativa Semplice DIAGNOSI PRENATALE ED ECOGRAFIA OSTETRICA Dir. Dott.ssa G.Bracalente Unità Operativa Complessa GINECOLOGIA

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 16 Padova del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 16 Padova del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA Gentile signora, il nostro Centro partecipa a un progetto di ricerca che si propone di confrontare il beneficio dell assunzione di dosaggi diversi di acido folico,

Dettagli

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale 1 I progestinici sono composti con attività simile a quella del progesterone e includono il progesterone e agenti simili come il medrossiprogesterone acetato (pregnani), agenti simili al 19-nortestosterone

Dettagli

Alcol, gravidanza e allattamento

Alcol, gravidanza e allattamento Alcol 0 Giornata di studio 1 aprile 2015 Azienda Ospedaliero-Universitaria careggi-firenze Dr Maurizio Fontanarosa - Maternità di Careggi Alcol, gravidanza e allattamento Spettro dei disordini feto-alcolici

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO STUDIO ACIDO FOLICO TITOLO DEL PROTOCOLLO DI STUDIO: EFFICACIA DI DOSAGGI ELEVATI DI ACIDO FOLICO NEL PREVENIRE L OCCORRENZA DELLE MALFORMAZIONI CONGENITE. TRIAL CLINICO RANDOMIZZATO NELLE DONNE IN ETA

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini

Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica. Dottor Roberto Cionini Il ruolo del Pediatra di Famiglia nei nati da madre diabetica Dottor Roberto Cionini A cosa deve fare attenzione il Pediatra di Famiglia in un bambino nato da madre diabetica. ANOMALIE NEL FETO INDOTTE

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

Scritto da andrea Domenica 23 Gennaio 2011 12:35 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2012 16:49

Scritto da andrea Domenica 23 Gennaio 2011 12:35 - Ultimo aggiornamento Domenica 08 Gennaio 2012 16:49 FERTILITA, GRAVIDANZA E CELIACHIA 4. Malattia celiaca,aborto spontaneo,peso alla nascita e lattazione Le Alterazioni riproduttive più frequentemente riscontrate nelle donne affette da Malattia Celiaca

Dettagli

PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE. Prof. Maurizio Pietro Faggioni

PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE. Prof. Maurizio Pietro Faggioni PRATO 23 settembre 2005 DIAGNOSI E TERAPIA PRENATALE Prof. Maurizio Pietro Faggioni La diagnosi prenatale è un atto medico che coinvolge la responsabilità del medico verso due pazienti: la madre e il nascituro.

Dettagli

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE.

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PREMESSE. 1) Il progressivo sviluppo delle conoscenze e delle tecniche assistenziali

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Medicinale: MIRANOVA Variazione AIC: Modifica della posologia e del modo di somministrazione (B13)

Medicinale: MIRANOVA Variazione AIC: Modifica della posologia e del modo di somministrazione (B13) ModiÞ cazione dell autorizzazione all immissione in commercio del medicinale «Miranova» Estratto determinazione AIC/N/V n. 1595 del 26 giugno 2009 Medicinale: MIRANOVA Variazione AIC: Modifica della posologia

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA Teresa Giusto La scelta dell anestesia loco-regionale nel taglio cesareo è influenzata da diversi fattori: poiché non esercita un azione depressiva sul nascituro rende

Dettagli

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno Quando il primo bambino al mondo rise per la prima volta, il suo riso si ruppe in mille frammenti che se ne andarono saltando tutto intorno.

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 18 Rovigo del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 18 Rovigo del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA Gentile signora, il nostro Centro partecipa a un progetto di ricerca che si propone di confrontare il beneficio dell assunzione di dosaggi diversi di acido folico,

Dettagli

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino.

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino. NON BERE BEVANDE ALCOLICHE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO U.O. Consultorio Familiare Distretto n 1 e n 2 Ostetrica t CRISTINA FILIPPI Ostetrica BIANCA PIVA 1 Non bere bevande alcoliche in gravidanza

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

Fattori predisponenti al dolore pelvico cronico nelle donne: uno studio sistematico

Fattori predisponenti al dolore pelvico cronico nelle donne: uno studio sistematico Sintesi liberamente tratta Fattori predisponenti al dolore pelvico cronico nelle donne: uno studio sistematico Articolo originale Pallavi Latthe, Luciano Mignini, Richard Gray, Robert Hills, Khalid Khan

Dettagli

La natura dell informazione genetica L informazione genetica è diversa o uguale alle altre informazioni mediche?

La natura dell informazione genetica L informazione genetica è diversa o uguale alle altre informazioni mediche? CONSULENZA GENETICA Diagnosticare, confermare o escludere la presenza di una malattia genetica. Identificare le possibili opzioni di condotta medica. Calcolare e fornire una stima del rischio genetico.

Dettagli

CONTRACCEZIONE D EMERGENZA LEVONORGESTREL

CONTRACCEZIONE D EMERGENZA LEVONORGESTREL CONTRACCEZIONE D EMERGENZA LEVONORGESTREL Franca Fruzzetti, Pisa CONTRACCEZIONE DI EMERGENZA Estrogeno da solo Combinazione estroprogestinica Progestinico da solo/danazolo Antiprogesterone IUD Al momento

Dettagli

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Faustina Lalatta Medico genetista Responsabile UOD Genetica Medica Dipartimento area salute della donna, del bambino e del neonato Direttore

Dettagli

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide)

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) Brescia, 3 giugno 2009 Circ. n. 169 INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009 Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) La Regione Lombardia,

Dettagli

prestazione Tale refertazione deve avvalersi di un linguaggio descrittivo conforme agli standard stabiliti ad oggi dalle Società Scientifiche

prestazione Tale refertazione deve avvalersi di un linguaggio descrittivo conforme agli standard stabiliti ad oggi dalle Società Scientifiche L Interpretazione del Reperto Ecografico Ostetrico Ost. Dr.ssa Il referto ecografico costituisce, in quanto comunicazione dei dati rilevati dall ecografia, l espressione finale dell atto ecografico, rivolto

Dettagli

CONNOTAZIONI SOCIO-SANITARIE DELLE MALATTIE RARE. Anna Maria Guadagni. Consiglio Direttivo dell Associazione Onlus Giuseppe Dossetti: i Valori

CONNOTAZIONI SOCIO-SANITARIE DELLE MALATTIE RARE. Anna Maria Guadagni. Consiglio Direttivo dell Associazione Onlus Giuseppe Dossetti: i Valori CONNOTAZIONI SOCIO-SANITARIE DELLE MALATTIE RARE Anna Maria Guadagni Consiglio Direttivo dell Associazione Onlus Giuseppe Dossetti: i Valori Malattie Rare e Disabilità Prima Giornata Europea delle Malattie

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA

ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA D. Arduini, H. Valensise ELEMENTI DI CARDIOTOCOGRAFIA CLINICA II edizione riveduta ed ampliata Volume cartonato di 382 pagine f.to cm 21x29 70,00 per acquisti online www.gruppocic.com Giorn. It. Ost. Gin.

Dettagli

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE.

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 2 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina

Dettagli

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE Come erogatore di assistenza di primo livello, il MMG è direttamente implicato nella scelta appropriata e nell utilizzo efficiente

Dettagli

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA Beatrice Berluti, Andrea Luigi Tranquilli Istituto di Scienze Materno-infantili Sezione di Clinica Ostetrica e Ginecologica Parlare di malattie autoimmuni in gravidanza

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo

Linee Guida. Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita. Pierpaolo Mastroiacovo Tavola Rotonda Counseling Preconcezionale e Stili di Vita Linee Guida Pierpaolo Mastroiacovo Professore di Pediatria Direttore ICBD Alessandra Lisi International Centre on Birth Defects and Prematurity

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica SEZIONE DI CITOGENETICA E GENETICA MOLECOLARE DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI MOLECOLARE PRE E POSTNATALE DI MALATTIE GENETICHE DIAGNOSTICA GENETICA DELLA INFERTILITA

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

26/05/2016. Importanza di definire dall inizio una gravidanza come fisiologica. «piramide rovesciata di Nicolaides»

26/05/2016. Importanza di definire dall inizio una gravidanza come fisiologica. «piramide rovesciata di Nicolaides» Il percorso diagnostico nella gravidanza fisiologica Il percorso diagnostico nella gravidanza fisiologica Rosalba Giacchello Responsabile SSD Ecografia ostetrico-ginecologica e diagnosi prenatale ASL Cn1

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI DIABETE E GRAVIDANZA SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI ALESSANDRO VOLTA Alessandro.Volta@ausl.re.it ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Toctino Quello che deve sapere

Toctino Quello che deve sapere Principio attivo: alitretinoina. Indicazioni: trattamento di adulti affetti da grave eczema cronico delle mani, refrattario alle terapie, che siano stati sottoposti a trattamento locale esteso, senza reazione,

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008

Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 Conferenza di consenso Quale informazione per la donna in menopausa sulla terapia ormonale sostitutiva? Torino 17 maggio 2008 1 Quali aspetti della menopausa possono essere divulgati come problemi di salute?

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

LE MALATTIE PEDIATRICHE

LE MALATTIE PEDIATRICHE LE MALATTIE PEDIATRICHE Malattie infettive Tumori Malattie congenite e ereditarie Paralisi cerebrale infantile Idrocefalo Autismo Disturbi dell età evolutiva 1 LE MALATTIE INFETTIVE Le malattie infettive

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Menopausa e terapia ormonale sostitutiva S.Cattaneo Definizione menopausa secondo OMS Menopausa Spontanea: Cessazione definitiva

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

La Diagnosi Prenatale

La Diagnosi Prenatale Cos è? Di cosa ci occupa Cosa consente La Diagnosi Prenatale Tecniche di screening Tecniche dirette: indicazioni Villocentesi: cos è Villocentesi: come si esegue? Amniocentesi: cos è? Amniocentesi: come

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA

Corso di Laurea in OSTETRICIA Corso integrato: FISIOPATOLOGIA DELLA RIPRODUZIONE E FARMACOLOGIA Disciplina: ENDOCRINOLOGIA GINECOLOGICA Docente: Prof. Marco BUTTARELLI L obiettivo del corso è fornire alle future ostetriche le basi

Dettagli

Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive

Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive Menopausa e Terapie Ormonali Sostitutive Pur non essendo una malattia, la menopausa si può accompagnare a problemi che sono motivo di frequente ricorso ai medici generali da parte delle donne. L informazione

Dettagli

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino

Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Salute Della Donna e Del Bambino 14/07/2006 (Livello 2) Ministero Della Salute Salute Della Donna e Del Bambino Testo Del Disegno Di Legge Relazione Illustrativa Relazione Tecnica file:///c /Documenti/rett00.htm

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli