ASL informa. Notizie dall ASL 4 del Tigullio. Inaugurazioni all ASL 4 Chiavarese. Cardiologia Lavagna. Polo Sanitario Val Fontanabuona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASL informa. Notizie dall ASL 4 del Tigullio. Inaugurazioni all ASL 4 Chiavarese. Cardiologia Lavagna. Polo Sanitario Val Fontanabuona"

Transcript

1 ASL rma Notizie dall ASL 4 del Tigullio Pubblicazione trimestrale - Anno 2, numero 1 (1 trimestre 2008) Autorizzazione del Tribunale di Chiavari n 3/05 Inaugurazioni all ASL 4 Chiavarese Polo Sanitario Val Fontanabuona Cardiologia Lavagna Prima donazione del sangue del cordone ombelicale La ASL 4 premiata con 3 Bollini Rosa Prevenzione e monitoraggio dell obesità e sovrappeso nei bimbi dell ASL 4 Chiavarese

2 Sommario Pag. 3: EDITORIALE a cura del Direttore Generale Pag. 4: La ASL premiata con 3 Bollini Rosa Pag. 5: Prevenzione e monitoraggio dell obesità e sovrappeso nei bimbi dell ASL 4 Chiavarese Pag. 6: Inaugurate a Lavagna 2 nuove sale di Cardiologia Pubblicazione di rmazione socio - sanitaria dell Azienda Sanitaria Locale n 4 Chiavarese. Sede legale: Via G.B. Ghio 9, Chiavari (Genova) - Direzione Aziendale: Direttore Generale - Paolo Cavagnaro Direttore Sanitario - Giuseppe Caristo Direttore Amministrativo - Roberto Viale Direttore Responsabile: Marina Ballotta Progetto grafico e impaginazione: Annalisa Raggio Segreteria di Redazione: Cristina Gardella Pag. 7: Inaugurata a Cicagna la nuova Casa della Salute Pag. 8: Prima donazione del sangue del cordone ombelicale Pag 10: L Ufficio Stampa e la Comunicazione Pag. 11: benattivi: promozione dell attività fisica nella Terza Età Foto: Archivio Ufficio Stampa Stampa: Industria Grafica Falciola s.a.s. Corso Spezia, Torino ASL 4 rma: Notizie dall ASL 4 del Tigullio Anno 2 - numero 1 (1 trimestre 2008) Autorizzazione del Tribunale di Chiavari n 3/05 Chiuso in tipografia: 14/05/2008 N copie 2

3 Editoriale Paolo Cavagnaro, Direttore Generale ASL 4 Chiavarese In questo numero presentiamo, oltre agli articoli sulle iniziative relative ai progetti in divenire, due importanti eventi: l inaugurazione delle nuove sale di interventistica cardiologica e l inaugurazione del Polo Sanitario di Cicagna, due traguardi determinanti per la nostra ASL e per tutto il suo territorio. L essenza della soddisfazione nell illustrare tali progetti consiste nell evidenziare quello in cui, come direttore generale, credo fermamente: l'effettiva integrazione tra ospedale e territorio. Il nostro territorio, così vasto e differenziato, necessita di risposte adeguate sia alle esigenze geomorfologiche che alle peculiarità sociodemografiche. Abbiamo un territorio esteso con relativamente poca popolazione, costituita per il 28% da cittadini ultrasessantacinquenni, residenti in particolare nei comuni montani e dell entroterra. Abbiamo cercato di organizzare l assistenza territoriale portando tutti i servizi di cure primarie di primo livello il più possibile vicino alla popolazione. Così è stato attivato un Polo Sanitario nel comune di Rezzoaglio, dove sono presenti il medico di medicina generale, pediatri di libera scelta, il CUP per le prenotazioni e tutti i servizi ambulatoriali necessari, oltre alla guardia medica. Lo scorso gennaio, terminati i lavori di ristrutturazione del poliambulatorio della Valfontanabuona, è stato inaugurato a Cicagna il Polo Sanitario, dove sono presenti due medici di medicina generale, il pediatra di libera scelta e tutti i servizi ambulatoriali e diagnostici. Da sempre le vallate, sono rimaste abitate per lo più dai nostri anziani, in quanto le nuove coppie tendono a trasferirsi nelle zone costiere, dove l offerta di lavoro è maggiore, anche se in questi ultimi anni la ricerca di una vita più a contatto con la natura ha tendenzialmente ripopolato alcune vallate, anche grazie ad iniziative degli amministratori pubblici. Rimane comunque il problema di fornire servizi di primo livello ad anziani e bambini. In questa ottica, pertanto, verranno avviati i lavori di ristrutturazione del Polo di Borzonasca e della sede distrettuale di Villa Laura a Sestri Levante. In ambito ospedaliero, ricordiamo che il Dipartimento di Cardiologia dell Ospedale di Lavagna è stato segnalato al 7 posto su tutto il territorio nazionale per attività e ricerca in una indagine svolta nel 2007 dal quotidiano Il Corriere della Sera ; è di pochi mesi fa l'inaugurazione delle nuove sale di interventistica, che forniscono un ulteriore supporto a questo punto di eccellenza. Nel Centro aritmologico è presente la Sincope Unit - unità specializzata per la valutazione e la terapia globale della sincope. Il Dipartimento è attrezzato per fornire un assistenza completa al paziente: dall emodinamica sulle 24 ore all unità coronarica, al centro per lo scompenso e alla cardiologia riabilitativa. I progetti in divenire sono molti, perché la salute è un bene che merita ogni attenzione e impegno e posso garantire che tutti gli operatori della A.S.L. 4 si prodigano quotidianamente per migliorare l'assistenza erogata dalle nostre strutture. Rimandiamo quindi ai prossimi numeri gli ulteriori aggiornamenti. 3

4 La ASL 4 PREMIATA CON 3 BOLLINI ROSA assistenza prevalentemente femminile e che sotto il profilo architettonico sottolineino la centralità della paziente. «Con questa iniziativa - ha spiegato Francesca Merzagora, Presidente e fondatrice di O. N. Da - intendiamo attirare l'attenzione sul problema delle donne ricoverate in ospedale, sulle loro necessità di cure specifiche e sulle difficoltà che derivano dal forzato distacco dalla famiglia». I prestigiosi riconoscimenti sono stati assegnati a Roma, a palazzo Madama, giovedì 18 ottobre 2007, alla presenza di Livia Turco, Ministro della Salute. I tre bollini rosa, il massimo, sono stati assegnati a 19 ospedali: tra di essi la ASL 4 Chiavarese e l'ospedale Galliera di Genova. In particolare le strutture liguri si sono distinte per le eccellenze di alcuni reparti e l'organizzazione interna, come indicato nella motivazione: Reparto di ostetricia, ginecologia all'avanguardia con Una 'Guida Michelin' della salute, per segnalare agli italiani gli ospedali che dedicano maggiore attenzione alle donne. L'iniziativa arriva dall' Osservatorio nazionale sulla salute della donna, meglio noto come O.N.Da, e prevede l'assegnazione di singolari bollini rosa a tutti quegli ospedali che mostrano di essere women friendly, cioè a misura di donna, riconoscendo i meriti di chi maggiormente si dedica allo studio e alla cura delle patologie femminili, nonché all'assistenza delle donne ricoverate, ma anche a chi affida alla gestione femminile settori crescenti di attività. In particolare, l'attribuzione di un bollino rosa riconosce la presenza di almeno un reparto di ostetricia e ginecologia o di un reparto che curi una specifica patologia con forte orientamento femminile. L'attribuzione di due bollini rosa è prevista invece per le strutture ospedaliere che oltre ai requisiti precedenti abbiano in atto programmi di ricerca specifici su patologie femminili e nei cui Comitati etici vi siano almeno tre donne. L'attribuzione di tre bollini rosa è invece prevista per gli ospedali con le caratteristiche sopra descritte, che riservino particolare attenzione alle esigenze delle donne di diverse etnie, che prevedano donne in posizioni apicali, personale di Struttura Semplice Qualità e Accreditamento Resp. Dott. ssa Cristina Giordano Tel Fax attenzione alle patologie femminili e alla loro prevenzione, partoanalgesia, patologie maligne trattate con massimo sforzo conservativo possibile attraverso approccio multidisciplinare; Reparto di cardiologia di riferimento per la Regione Liguria; Struttura complessa di malattie infettive, con studi avanzati su HIV; Centro di studi di ricerca d'eccellenza a livello nazionale e internazionale, 46 pubblicazioni scientifiche; 9 donne in posizione apicale, 6 (tot 13) donne nel comitato etico; Prevalenza personale infermieristico femminile 81,51%, in ostetricia/ginecologia e senologia al 100% femminile; Servizio cucina con menù personalizzato; Mediatore culturale, prestampati multilingue; Strutture architettoniche: rooming in, parto in acqua, spazi dedicati ai corsi preparto, Nido virtuale via Internet, percorso di miglioramento all'accoglienza. Viva soddisfazione è stata espressa da Paolo Cavagnaro, Direttore Generale della ASL 4, da Adriano Lagostena, Direttore Generale dell'ospedale Galliera di Genova e da Sua Eccellenza Monsignor Angelo Bagnasco, Presidente dell'ente. 4

5 PREVENZIONE E MONITORAGGIO DELL OBESITA E SOVRAPPESO NEI BIMBI DELL ASL 4 Chiavarese I modelli dietetici appresi nell infanzia tendono a essere mantenuti fino all età adulta: chi è obeso da bambino, difficilmente riesce a riacquistare un corretto equilibrio alimentare una volta cresciuto. La scuola può rappresentare quindi un luogo strategico in cui f a re p revenzione, soprattutto se si riesce a creare un raccordo con l ambiente familiare, in un indispensabile sinergismo educativo. In questo inizio di millennio nel nostro Paese il 30% dei bambini è in sovrappeso e il 10% circa risulta obeso e tale dato risulta in crescita. Inoltre le malattie cardiovascolari (aterosclerosi, infarto miocardio, ictus, ecc.) e i tumori maligni rappresentano ancora le prime cause di morte e inabilità nel mondo occidentale. Le più recenti acquisizioni ci fanno prevedere conseguentemente un esponenziale incremento della Sindrome Metabolica (obesità, ipertensione, ipertrigliceridemia, ipercolesterolemia, diabete, ecc.) nella nostra popolazione, così come in altre Regioni Europee e degli USA. Poiché i costi personali, familiari e sociali di questa situazione saranno elevatissimi l unica risposta ragionevole sta nel potenziare la prevenzione, in particolare a livello scolastico e familiare, cioè là dove più grande è l area degli interventi efficaci possibili ma non ancora organicamente attuati. La spinta fornita ogni giorno dai mass media verso l assunzione di stili di vita non salutari, in particolare nell alimentazione, sembra irresistibile. Poiché l educazione alimentare è frutto di buone scelte fatte al supermercato, in cucina e a tavola, non va trascurato il ruolo centrale della famiglia, che viene coinvolta direttamente nel Progetto. Tali constatazioni hanno fatto emergere la necessità di promuovere e diffondere, nei soggetti in età evolutiva, una maggiore coscienza critica alimentare e l importanza di adottare uno stile di vita più attivo e più sano. Poiché l educazione alimentare è frutto di buone scelte fatte al supermercato, in cucina e a tavola, non va trascurato il ruolo centrale della famiglia, che viene coinvolta direttamente nel Progetto. Tali constatazioni hanno fatto emergere la necessità di promuovere e diffondere, nei soggetti in età evolutiva, una maggiore coscienza critica alimentare e l importanza di adottare uno stile di vita più attivo e più sano. Per questo motivo la ASL 4, nell anno attraverso le Strutture di Igiene e Sanità Pubblica, Pediatria Ospedaliera e Territoriale e Dietologia, ha elaborato e proposto un progetto denominato chi ben comincia... finalizzato alla prevenzione dell obesità infantile e all acquisizione di corretti stili di vita, mediante un alimentazione sana ed un adeguata attività motoria. Nell anno scolastico in corso saranno valutati gli alunni frequentanti le classi 1 e della scuola secondaria di primo grado e 3 e della scuola primaria e di tutto il territorio dell ASL 4 Chiavarese. Il progetto si propone di rilevare alcuni dati antropometrici (peso, altezza, BMI e circonferenza addominale), mediante misurazione diretta da parte degli operatori delle diverse strutture interessate, e degli stili di vita, mediante questionari somministrati alle famiglie ed ai ragazzi stessi. Il progetto si inserisce nel piano di Prevenzione Regionale e Nazionale, e proseguirà nell ambito del programma interministeriale Guadagnare Salute promosso dal Ministero della Pubblica istruzione e dal Ministero della Salute denominato OKKIO ALLA SALUTE. Il Progetto ha come obiettivo la sorveglianza nutrizionale dei bambini delle scuole primarie. Struttura Semplice Pediatria Territoriale Resp. Dott. Giuseppe Napoli Tel Struttura Semplice Dietologia e Nutrizione Resp. Dott. Fabrizio Gallo Tel Struttura Complessa Pediatria e Neonatologia Resp. f.f. Dott. ssa Carla Beluschi Tel Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica Resp. Dott. Antonio Manti Tel

6 INAUGURATE A LAVAGNA 2 NUOVE SALE DI CARDIOLOGIA Sono state inaugurate lunedì 10 dicembre 2007, presso il Dipartimento di Cardiologia dell'ospedale di Lavagna, diretto dal Dottor Michele Brignole, due nuove sale di interventistica cardiovascolare, realizzate grazie ai contributi di Regione Liguria, Fondazione Ca.Ri.Ge, Comitato Assistenza Malati del Tigullio. Il numero di infarti nel territorio della ASL 4, a causa dell'innalzamento dell'età media degli abitanti, è in costante aumento: in tale contesto diventa elemento fondamentale la tempestività dell'intervento. Tempo 1 contatto apertura vaso Anno minuti (70-119) Anno minuti (60-104) Le sale sono al servizio sia dell'interventistica cardiovascolare, che fa capo a cardiologia, che dell'interventistica vascolare periferica, legata al reparto di radiologia, diretto dalla Dottoressa Ottavia Brunetti. Durante il primo periodo di attività sono già stati curati, con l'ausilio di apparecchiature all'avanguardia, tra cui un angiografo completamente digitalizzato, molti infarti con esito positivo. Procedure Coronarografia diagnostica Angioplastica coronarica Studio elettrofisiologico Ablazione transcatetere Impianto pacemaker Impianto defibrillatore (ICD) Impianto resincronizzatore TOTALE Anno S.C. Cardiologia Lavagna (Terapia Intensiva - Centro Aritmologico) Direttore: Dott. Michele Brignole 0185/ (segreteria) 0185/ (UTIC) 0185/ (Centro Aritmologico) 0185/ (FAX) -

7 INAUGURATA A CICAGNA LA NUOVA CASA DELLA SALUTE E stata inaugurata lunedì 14 gennaio 2008, dopo la recente ristrutturazione, la Casa della Salute di Cicagna, comunemente chiamata Ospedaletto. Il significato che il Ministero della Salute attribuisce alla Casa della Salute è quello di struttura funzionale all interno del Distretto Sociosanitario, che raggruppa, anche logisticamente, attività profondamente integrate nell ambito delle cure primarie e garantisce attività di prevenzione e continuità assistenziale con l ospedale. Nella Casa della Salute operano congiuntamente personale amministrativo, personale infermieristico, della riabilitazione, dei servizi sociali, studi associati dei medici di medicina generale e specialisti ambulatoriali. La struttura rinnovata è una palazzina, situata nel centro della Fontanabuona, attiva cinque giorni la settimana per fornire servizi e prestazioni sanitarie ed attività ambulatoriali in modo da agevolare gli abitanti della valle. La struttura continuerà a crescere, è già in programma la realizzazione di una ambulatorio chirurgico per piccoli interventi. L ambito territoriale sociale a cui si riferisce l Ospedaletto di Cicagna comprende un numero di circa abitanti, utenti dei comuni di Cicagna, Coreglia Ligure, Favale di Malvaro, Lorsica, Moconesi, Neirone, Orero e Tribogna. Polo Sanitario Val Fontanabuona Via Pian Mercato, 16 Cicagna Tel Il personale sanitario è incaricato di svolgere le seguenti attività: Centro prelievi: dal lunedì al venerdì - dalle ore 8.00 alle ore 9.00 anche con accesso diretto senza prenotazione; S.S. Cure Domiciliari: assistenza infermieristica domiciliare, visite specialistiche geriatriche ambulatoriali e domiciliari su richiesta del medico di famiglia, per consulenza e/o prescrizioni di presidi e materiale da medicazione, vigilanza su Residenze Protette/Comunità Alloggio da parte del Geriatra in collaborazione con la Struttura di Igiene Pubblica; Attività consultoriale: ambulatorio pediatrico visite di prevenzione, vaccinazioni obbligatorie, medicina scolastica, ambulatorio ostetrico-ginecologico/ prevenzione tumori femminili, consulenza dell'assistente Sociale, rapporti con le scuole di ogni ordine e grado su problematiche inerenti gli alunni e il contesto scolastico/progetti di Educazione Sanitaria su tematiche scelte dalla scuola e/o famiglie (psicologo - assistente sociale - pediatra - infermiera professionale); Area farmaceutica: distribuzione materiale da medicazione, prodotti dietetici, etc; Attività di salute mentale: attività specialistica ambulatoriale e domiciliare; Attività di igiene pubblica: tessere sanitarie, certificazioni medico legali (patente, porto d'armi, etc.), visita necroscopica, commissione edilizia, vaccinazioni; Ambulatorio infermieristico: misurazione della pressione, stick glicemia, elettrocardiogramma, iniezioni muscolari, medicazioni, cateterismo vescicale, flebo. Nella struttura vengono svolte varie attività specialistiche: cardiologia, chirurgia, diabetologia, ginecologia (visite e ecografie), oculistica, odontoiatria,ortopedia, otorinolaringoiatria, pediatria, pneumologia, psichiatria, radiologia (tradizionale e ecografie), urologia, dermatologia, medicina dello sport, igiene pubblica. La struttura Distrettuale della Val Fontanabuona ha ottenuto la certificazione di qualità e l accreditamento istituzionale. Distretto Socio-Sanitario 15 Via G.B. Ghio, 9 - Chiavari Tel Resp. Dott. ssa Elisabetta Barbiroglio 7

8 PRIMA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Da qualche mese, presso la Struttura Complessa di Ostetricia e Ginecologia di Lavagna, c è una possibilità in più per le mamme che danno alla luce i propri bimbi: possono donare il sangue del cordone ombelicale e aiutare chi ha bisogno. Nella notte di giovedì 8 febbraio 2008 c è stata la prima donazione nella ASL 4 Chiavarese: una giovane mamma ha deciso di compiere un gesto semplice ma di grande generosità verso coloro che, grazie all utilizzo delle cellule staminali progenitrici, possono sperare di guarire da leucemie e lmi. Il cordone ombelicale e la placenta, che normalmente vengono buttati via, contengono sangue ricco di cellule staminali, e una donna che decide di donare quel sangue offre a tante persone malate una speranza in più di guarire e tornare alla vita! Un sempre maggior numero di malattie (leucemia, malattie metaboliche, talassemie,...), possono essere curate con il trapianto delle cellule staminali ematopoietiche. L'utilizzo di queste cellule, nel prossimo futuro, potrà fornire un valido ausilio nella terapia delle patologie neoplastiche associata a chemioterapia, nel trattamento di numerose patologie ereditarie e rappresenterà la base della moderna terapia cellulare e tissutale e delle terapia genetica. In futuro, il sangue del cordone ombelicale potrà rappresentare una fonte di cellule importantissima per curare le lesioni vascolari o cerebrali, il diabete, il morbo di Parkinson e la distrofia muscolare ecc... Dal 1988 al 2003 in tutta Europa grazie al trapianto di questo tipo di cellule staminali, sono stati possibili 1331 trapianti, di cui da donatori senza legame familiare con i malati. Nel 64% dei casi il trapianto è stato eseguito su bambini. Più di 150 tra bambini e adulti sono stati curati in Italia e nel mondo da sangue placentare donato da mamme italiane. COSA SONO LE CELLULE STAMINALI? Le cellule contenute nel cordone ombelicale e nella placenta sono cellule indifferenziate, precursori (cioè progenitrici) dei globuli rossi, dei globuli bianchi e delle piastrine, e risultano molto simili a quelle presenti nel midollo osseo. Queste cellule, chiamate in termini medici "staminali", sono in grado di colonizzare il midollo osseo e di riprodursi, dando origine ai diversi elementi del sangue. Le cellule staminali costituiscono una tra le più importanti scoperte biomediche e vi è un interesse crescente in relazione alle applicazioni ed al numero di malattie che sono e potranno essere curate in futuro grazie ad esse. Il 40-50% dei pazienti che necessitano di un trapianto di midollo osseo, non dispone di un donatore compatibile. Il sangue placentare può sostituire il trapianto di midollo osseo nella cura di varie malattie del sangue (leucemie, lmi, anemia mediterranea, e altre ancora). Nel mondo sono state quindi istituite vere e proprie banche per la raccolta del sangue placentare, in modo da garantire alle persone malate maggiori possibilità di incontrare donatori compatibili. Per conservare adeguatamente il sangue placentare sono stati creati in tutto il mondo appositi centri: le Banche di sangue placentare. Se non si evidenziano problemi per la donazione, i dati del cordone vengono immessi in una banca mondiale, che raccoglie oltre donatori. Se un bambino ammalato di una delle patologie curabili con il trapianto di sangue cordonale risulta compatibile con il sangue cordonale da voi donato, allora si procederà al trapianto. IL PRELIEVO E LA CONSERVAZIONE Per "donazione del sangue placentare" si intende la donazione di sangue di provenienza dalla placenta o dal cordone ombelicale. Si tratta di un'operazione semplice e rapida, che non procura alcun rischio né sofferenza al neonato. Il prelievo avviene direttamente in sala parto, subito dopo la chiusura e la recisione del cordone ombelicale, poco prima dell'espulsione della placenta quando il neonato è già affidato alle cure dell'ostetrica e del Pediatra. Un operatore, con un ago, preleva dalla vena ombelicale il sangue rimasto nel cordone e nella placenta. In pochi secondi, il sangue ricco di cellule staminali, viene raccolto in una sacca sterile (mediamente dai 50 ai 100 millilitri). L'unità raccolta viene inviata alla "Banca del Sangue del Cordone" (BASCO) presso la quale, nelle 24 ore successive, si procederà alle analisi cliniche che devono essere eseguite secondo standard di qualità prestabiliti. Se ritenuto idoneo, il sangue viene congelato e conservato in azoto liquido a -196 (crioconservazione), in attesa di richiesta. I dati relativi all' unità di sangue vengono registrati in una banca dati computerizzata. Dopo sei mesi la neo mamma viene sottoposta a un esame di controllo, che non è altro che un prelievo di sangue necessario per garantire la sicurezza del sangue donato. Essa dovrà, inoltre, fornire un certificato del pediatra, che attesti lo stato di salute del bambino. Dopo questo arco di tempo, il sangue è pronto per essere utilizzato e resta a disposizione della Banca per una decina di anni. Il prelievo può essere effettuato sia dopo il parto naturale sia dopo il taglio cesareo. L'anestesia epidurale non costituisce alcuna controindicazione alla donazione. IL NOSTRO CENTRO Presso il punto nascita dell'ospedale di Lavagna si è organizzato un centro satellite che fa riferimento alla Banca di Genova. Le modalità di prelievo, di controllo e di trasporto delle unità di sangue fanno riferimento alle linee guida Nazionali e seguono i protocolli della BASCO di Firenze, presso cui gli operatori si sono formati, e della BASCO di Genova che è il nostro centro di raccolta. 8

9 VANTAGGI E LIMITI DEL L TRAPIANTO CON SANGUE CORDONALE Vantaggi: 1. pronta disponibilità (nel caso della donazione di midollo osseo, una volta individuato un donatore compatibile passano 3-5 mesi prima che il trapianto possa avere luogo: un'attesa che può essere fatale per il ricevente); 2. ridotto rischio di trasmissione di malattie infettive; 3. rischio dimezzato di GVHD (reazione di rigetto verso l'ospite) dovuto alla minore maturità immunologica delle cellule cordonali rispetto a quelle del midollo osseo; 4. facilità di raccolta, con ridotti rischi sia per la madre sia per il neonato. I limiti del sangue cordonale sono legati alla sua stessa natura: 1. ridotto volume di sangue (di solito intorno ai 70 cc di sangue), per cui il numero di cellule che è possibile trapiantare è insufficiente per intervenire su bambini oltre i 40 Kg o su adulti (nuovi studi però danno speranza anche in questa direzione); 2. minore velocità di attecchimento; 3. possibilità di trasmettere cellule staminali emopoietiche con anomalie genetiche non evidenziate nei primi 6 mesi di vita. CONSENSO ALLA DONAZIONE ONE Nei primi 6 mesi dopo la donazione del sangue del cordone ombelicale, nei centri di raccolta rimangono a disposizione dei professionisti i dati per risalire al nome del donatore. Questo permette di eliminare la sacca senza rischi per i riceventi, se al controllo dei 6 mesi viene evidenziato, tramite gli esami di screening, qualche tipo di anomalia genetica o infettiva. La mamma che intende donare deve essere disponibile a: 1. Firmare il modulo per il consenso rmato alla donazione. 2. Sottoporsi al momento del parto ad un prelievo di sangue utilizzato per le analisi infettivologiche di legge e per la verifica di compatibilità. 3. Essere ricontattata a sei mesi dal parto per dare notizie sulle condizioni del bambino ed essere disposta ad un ultimo prelievo di sangue per escludere eventuali infezioni virali contratte negli ultimi mesi di gravidanza. 4. Rinunciare ad ogni diritto sul sangue placenteo donato. COME E INIZIATO Nel , gli alunni di 3 a media della Scuola Don Gnocchi di Lavagna hanno elaborato, stampato e venduto un libro di favole genovesi FRA SGHEMBE FASCE E MAGICI CARUGI che è stata la prima iniziativa mirata a finanziare la donazione del cordone ombelicale. Tale progetto, dal nome GRAZIE MAMMA, attuato con la collaborazione del Soroptimist Club del Tigullio, ha visto l organizzazione di convegni e momenti rmativi per la popolazione. Si è creato un fondo, grazie ad alcune donazioni e all aiuto della Galleria Agheiro di Lavagna, che ha venduto a tale scopo quadri donati da artisti locali, per la formazione del personale dedicato e per la promozione e la sensibilizzazione alla donazione. Il progetto che sponsorizza la donazione del sangue placentare è nato nell' ambito di un più vasto programma per la sensibilizzazione alla donazione di organi e tessuti. In alcuni abitanti della Liguria, inoltre, è stato riscontrato un ceppo genetico particolarmente raro, quindi di difficile reperimento in caso di necessità: il progetto si allarga quindi alla possibilità di raccogliere cellule staminali con gruppi HLA rari, che possano avere un'importanza "mondiale" di scambio. Sono stati organizzati numerosi meeting dedicati al personale sanitario, ed eventi divulgativi per la popolazione, con il coinvolgimento anche dei più giovani. Si stanno inoltre raccogliendo fondi per l'approfondimento del progetto, grazie alla vendita di un libro di favole scritte dai bimbi delle scuole medie statali di Lavagna: "La farfalla e l'elefante". Il trapianto di midollo osseo spesso risulta essere l'unica possibilità di sopravvivenza per le persone affette da leucemia o da altre malattie del sangue, in particolare bambini che potrebbero conseguire una completa guarigione se solo avessero la possibilità di incontrare un donatore compatibile. Poiché risulta difficile reperire donatori adulti volontari, anche per l'impegno (ricovero ospedaliero e anestesia generale) loro richiesto, invitiamo tutti i genitori di aderire a questa iniziativa che potrà forse in un futuro non troppo lontano, garantire alle persone malate una possibilità di guarigione. Tutte le future mamme che desiderano donare il sangue cordonale al momento del parto possono rivolgersi a: S.C. Ostetricia e Ginecologia Resp. Prof. Danilo Dodero S.S. Ostetricia e Perinatologia Dott. ssa Maura Grimaldi SALA PARTO Sig. ra Laura Robles Capo Ostetrica Tel Centro Trasfusionale Resp. Dott. Romeo Adami Tel Dott. Gaetano Florio 9

10 L UFFICIO STAMPA E LA COMUNICAZIONE L impressionante capacità che abbiamo oggi di trasmettere messaggi a grandi distanza in modo istantaneo, richiamando simultaneamente significati simili in milioni di persone diverse, ci è così familiare che finiamo spesso per considerarla cosa naturale. Rispetto al passato, ciò che facciamo oggi, quando leggiamo un giornale, guardiamo la televisione ecc., rappresenta una trasformazione nel comportamento comunicativo umano di proporzioni veramente straordinarie. Gli studi sulla comunicazione hanno evidenziato quanto la crescita vertiginosa dei mass media ci influenzi individualmente o collettivamente, ma è ancora campo di ricerca comprendere in quale misura : manuali su manuali affrontano e studiano la comunicazione, attraverso analisi sociologiche, filosofiche, storiche e politiche. Lasciandoci alle spalle miriadi di testi e manuali, noi ci interessiamo a come le Istituzioni hanno iniziato a percepire la comunicazione. I passaggi sono stati lenti e sono iniziati con la legge sulla trasparenza degli atti amministrativi, primo passo delle Istituzioni verso i cittadini, sino ad arrivare alle legge 150 del 2000, con la quale le Istituzioni definivano al loro interno gli Uffici e le Figure Professionali con il compito di comunicare ed rmare i cittadini. L'Ufficio Stampa della ASL 4 Chiavarese è stato ufficialmente costituito, in conformità alla legge n. 150/2000 Disciplina delle attività di rmazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni, nel mese di marzo L'Ufficio Stampa è un settore della Struttura Complessa Attività Contrattualistica e Relazioni Esterne, inserita nel Dipartimento Giuridico Amministrativo. In applicazione del recente dettato normativo in materia di comunicazione ed rmazione (oltre alla legge 150/2000, il DPR n. 422/2001 Regolamento recante norme per la determinazione dei titoli per l'accesso alle attività di rmazione e comunicazione delle pubbliche amministrazioni e la Direttiva 7 febbraio 2002, emanata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica Attività di comunicazione delle pubbliche amministrazioni ), all'ufficio Stampa sono stati affidati i seguenti compiti: - Redazione di comunicati stampa riguardanti l'attività dell'azienda e del suo vertice istituzionale, allo scopo di rmare e promuovere i servizi offerti ai cittadini; - Programmazione e realizzazione di trasmissioni televisive e radiofoniche trasmesse da emittenti a carattere sia locale che regionale; - Organizzazione di conferenze, incontri, eventi stampa e convegni; - Realizzazione della rassegna stampa quotidiana, inserita in apposita sezione del portale aziendale; - Gestione e aggiornamento del portale internet aziendale, in stretta collaborazione con il webmaster, facente capo al Dipartimento Informativo e Tecnologico; - Studio grafico e predisposizione di materiale rmativo (pieghevoli, locandine, manifesti, ecc.), sia ad uso interno che rivolti all'esterno; - Tenuta dell'archivio rmativo (articoli di quotidiani e periodici, registrazioni audio/video che riguardano Strutture aziendali). L'Ufficio Stampa si pone pertanto quale struttura trasversale, che coadiuva le comunicazioni e le relazioni 10 dei professionisti dell'azienda (Primari e Dirigenti) nel rapporto con la stampa e i media, al fine di evitare notizie frammentarie, occasionali, episodiche e, spesso, incoerenti rispetto alla mission aziendale. CARTA DEI DOVERI DEL GIORNALISTA DEGLI UFFICI STAMPA Il giornalista, all interno delle amministrazioni pubbliche, opera nella piena consapevolezza di salvaguardare due principi fondamentali consacrati dalla legge che regola le attività di rmazione e di comunicazione nelle pubbliche amministrazioni. Si tratta del diritto delle istituzioni pubbliche ad rmare e dell altrettanto importante principio, questa volta diretto ai cittadini, di essere rmati. Ciò in ossequio alla norma costituzionale che consente a tutti, e quindi ad amministrazioni pubbliche e a privati cittadini, "di esprimere liberamente il proprio pensiero, con la parola, lo scritto, ed ogni altro mezzo di diffusione". L ufficio stampa di una pubblica amministrazione va quindi considerato come la fonte primaria dell rmazione verso il cittadino e il giornalista che vi opera, è tenuto severamente ad osservare non solo le norme stabilite per il pubblico dipendente, ma anche quelle deontologie fissate dalla legge istitutiva dell Ordine dei giornalisti e quelle enunciate nei vari documenti ufficiali dell Ordine stesso e che regolano eticamente la professione. L ufficio stampa nel quale il giornalista opera va considerato come luogo nel quale si concretizza lo scambio rmativo tra l Istituzione e i cittadini. Tale scambio agisce nelle due direzioni: da un lato il giornalista "racconta" l Ente, il suo modo di funzionare, dall altro è portatore, all interno dell Ente, delle esigenze dei cittadini rispetto all Istituzione di riferimento. In questa funzione, il giornalista deve, in armonia con il dettato legislativo, dividere nettamente il compito degli altri soggetti previsti dalle norme di legge in materia di rmazione e comunicazione da quello di operatore dell Ufficio stampa, evitando situazioni di confusione nelle quali il dovere di rmare in maniera obiettiva ed accurata può finire col configgere con le esigenze di una rmazione personalistica e subordinata all immagine. Compito peculiare del giornalista che opera nelle Istituzioni è favorire il dialogo tra Ente ed utente, operando per la perfetta conoscenza delle norme, per la piena trasparenza dell attività amministrativa, per il miglioramento dei servizi e la rimozione degli ostacoli che si frappongono alla loro piena fruibilità: egli pertanto favorisce il dialogo e organizza strumenti di ascolto, utilizzando la propria specificità professionale non solo per rendere riconoscibile l Istituzione ai cittadini ma per farla da essi comprendere e rispettare. Naturalmente dovrà avere particolare attenzione nell osservare il dettato della legge sulla "privacy", anche se non sempre le regole deontologiche dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sono in accorso con quelle fissate per i giornalisti. Il giornalista deve operare nella consapevolezza che la responsabilità verso i cittadini, non può essere subordinata ad alcuna ragione particolare o di parte e annovera tra i suoi doveri d ufficio l obbligo di difendere la propria autonomia e la propria credibilità professionale. S. C. Attività Contrattualistica e Relazioni Esterne Resp. Dott. ssa Geronima Caffarena Settore Ufficio Stampa Capo Ufficio Stampa: Dott. ssa Marina Ballotta Tel Fax

11 Promozione dell Attività Fisica nella Terza Età GlaxoSmithKline ha deciso di realizzare, in tutta Italia, un programma per la promozione dell attività fisica nella popolazione anziana: il progetto benattivi. L invecchiamento non è una malattia. La vita ha nei processi legati al trascorrere degli anni i limiti fisiologici della propria estensione. Ma tali limiti possono restringersi per comportamenti e stili di vita non salutari fra i quali è da annoverare la sedentarietà. L inattività fisica contribuisce in modo significativo ad accentuare il declino delle riserve funzionali dell organismo e a ridurre le capacità di adattarsi alle esigenze ambientali. Molti anziani non accettano la prospettiva di una sempre minore partecipazione alla vita e alcuni tentano di resistere, talora in modo accanito, all invecchiamento. Altri, la maggioranza, accettano con rassegnazione una sorte che sembra loro inevitabile. E ormai universalmente riconosciuto che un adeguata attività fisica è essenziale per il mantenimento della salute e dell efficienza dell organismo, oltre che un insostituibile strumento per prevenire l insorgenza di molte malattie. L età avanzata non deve costituire una giustificazione per non svolgere attività fisica, anzi sono proprio gli anziani quelli che maggiormente si avvantaggiano dal mantenersi attivi fisicamente: un trentenne può anche star bene facendo una vita sedentaria, mentre ciò è meno probabile per un settantenne, molto più a rischio di sviluppare disabilità funzionali e malattie cardiocircolatorie. Nell interesse della collettività, la GlaxoSmithKline ha assunto l impegno di contribuire a sviluppare anche nel territorio della ASL 4 Chiavarese, in collaborazione con le Istituzioni, una generalizzata cultura dell attività fisica, mediante la diffusione di conoscenze sui suoi vantaggi presso la pubblica opinione, e una capillare opera di formazione professionale nei confronti degli operatori socio-sanitari che maggiormente possono favorirne la promozione e, in ambito medico, la prescrizione. Nell ambito di questo progetto, l Ufficio Stampa ha elaborato alcuni opuscoli rmativi con indicazioni e indirizzi utili che si possono reperire presso: Farmacie; Distretti Socio-Sanitari; Comuni. La salute non è una condizione statica, bensì una dinamica capacità di adattarsi positivamente ai processi di invecchiamento e ai cambiamenti personali e ambientali cui si va inevitabilmente incontro con il passare degli anni. Mantenersi in buona salute e sostenere il proprio benessere significa valorizzare al massimo le proprie possibilità fisiche e psichiche vivendo il più possibile una vita attiva e socialmente partecipe. Una vita sedentaria costituisce un importante fattore di rischio per la salute delle persone, soprattutto nella terza età, quando sono più probabili disabilità funzionali e malattie cardiovascolari. Dettagliate rmazioni sullo sviluppo del Progetto benattivi sul territorio nazionale e sulle modalità per aderirvi possono essere richieste a: GlaxoSmithKline spa - Programma Salute & Società - Progetto benattivi, Via A. Fleming 2, Verona Telefono 045/ Fax 045/

12 il progetto in 5 punti DIPARTIMENTO INFORMATIVO E TECNOLOGICO Direttore: Ing. Franco Greco PER INFORMAZIONI Tel. 0185/

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo).

Oggetto: Protocollo d intesa MIUR-ADMO (Associazione donatori midollo osseo). Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione Ufficio 6 Prot.n.2854-15/04/2010

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione ADMO Associazione dei Donatori di Midollo Osseo PROTOCOLLO D INTESA Il Ministero della Pubblica Istruzione e l ADMO, Associazione dei Donatori di Midollo Osseo VISTA

Dettagli

Governo e Parlamento

Governo e Parlamento RASSEGNA WEB QUOTIDIANOSANITA.IT Data pubblicazione: 14/07/2015 Redazione Pubblicità Contatti HiQPdf Evaluation 07/14/2015 Governo e Parlamento Quotidiano on line di informazione sanitaria Martedì 14 LUGLIO

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA ASL ASL LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Ricerca. si cura meglio dove si fa ricerca

Ricerca. si cura meglio dove si fa ricerca Ricerca si cura meglio dove si fa ricerca Si cura meglio dove si fa ricerca Il grande impegno del Centro CARDIOLOGICO Monzino nella ricerca permette di ottenere risultati che tempestivamente possono essere

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base Questa guida vuol rendere più facile l accesso ai Servizi che vengono erogati nel Quartiere 3 di Firenze dall Azienda sanitaria a cui fanno capo in convenzione i medici di famiglia, i pediatri con i loro

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

2-3-2 Percorso Neonatale

2-3-2 Percorso Neonatale 2-3-2 Percorso Neonatale Primo accesso percorso Colloquio di informazione e di accoglienza Consegna libretto protocollo esami previsti per la gravidanza Consegna opuscolo informativo tradotto in più lingue

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-12-2007 REGIONE BASILICATA Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Prodotto e realizzato da ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Promuovere la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino DISTRETTO SANITARIO 17 RIVIERA VAL DI VARA Per informazioni sui servizi 0187/533842 giorni feriali ore 08.00-12.00 Redatto dalla funzione Comunicazione S.C. Sistema

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4949 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SAVINO, MELONI, ROCCELLA, ANGELI, BARBIERI, COMPA- GNON, DE NICHILO RIZZOLI, DELFINO, DI

Dettagli

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati Le giornate della salute per VIVERE MEGLIO A MILANO La carta dei diritti dei cittadini malati Milano, Sala Alessi - Palazzo Marino 19 maggio 2012, 9.00-12.30 Walter Locatelli Direttore Generale ASL Milano

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4747 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BARANI Disciplina dei centri pubblici e privati di raccolta, conservazione e distribuzione

Dettagli

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Via F. S. Hahneman, 10 Bari Tel. 0805555111 Prenotazioni 800290848 www.oncologico.bari.it Direttore Generale Dott. Nicola Pansini Direttore Sanitario Dott. Giuseppe

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 913

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 913 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 913 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRANAIOLA, AMATI, ALBANO, CUCCA, DE BIASI, FAVERO, GUERRIERI, LAI, LO GIUDICE, LUMIA, MANASSERO, MATTESINI, MATURANI,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/19 DEL 27.9.2005

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 45/19 DEL 27.9.2005 45/19 DEL 27.9.2005 Oggetto: Riorganizzazione delle funzioni regionali in materia di donazioni, prelievi e trapianti di organi, tessuti e cellule. L Assessore dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE GIMBE : EVIDENZE E INNOVAZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ DELLA SANITÀ PUBBLICA

CONFERENZA NAZIONALE GIMBE : EVIDENZE E INNOVAZIONI PER LA SOSTENIBILITÀ DELLA SANITÀ PUBBLICA 1 di 5 10/03/2014 12:25 Azienda Sanitaria Locale N 5 "Spezzino" Cerca gimbe Home Contatti PEC Help Mappa Elenco Siti Tematici Posta Prevenzione Home PER IL CITTADINO Emergenza e 118 Ospedale Servizi territoriali

Dettagli

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Associazione Uniti per Crescere Onlus Anno scolastico 2015-2016 CON IL PATROCINIO: COMUNE DI PADOVA Titolo del Progetto:

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

Regione. Liguria. Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86

Regione. Liguria. Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86 Regione Liguria Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86 Genova (GE) - Ente Ospedaliero Ospedali Galliera... Pag. 87 Lavagna (GE) - Ospedali

Dettagli

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza P.O. Savona e Cairo M.tte Ospedale San Paolo Savona S.C. Direzione Medica Conn certificato n 17551/08/S MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTAA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma

VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Conferenza stampa VI Giornata Mondiale per la consapevolezza dell autismo. Le iniziative a Parma Parma, 2 aprile 2013 Via La Spezia n. 147, ore 11,30 Intervengono Laura Rossi, Assessore al Welfare Comune

Dettagli

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona

XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona XIII Conferenza nazionale della Rete HPH - Empowerment della Persona Reggio Emilia, 24-26 settembre 2009 PROGETTO Progetto di prevenzione, informazione e cura su Psicosi e Depressione Post Partum Dipartimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. LA CASA DEL SOLE CARTA DEI SERVIZI Cure ADI e Cure Palliative Via L. il Moro, 57 Milano Tel. 0289126551. Indice

CARTA DEI SERVIZI. LA CASA DEL SOLE CARTA DEI SERVIZI Cure ADI e Cure Palliative Via L. il Moro, 57 Milano Tel. 0289126551. Indice Pagina 1 di 9 Indice 1.1 mission 1.2 servizi offerti 1.3 struttura organizzativa 1.4 l'equipe della cooperativa 1.5 qualità e standard 1.6 gli utenti e il miglioramento 1.7 gestione dei reclami 1.8 numeri

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

Telefono Abitazione: 0981/62037 ; 0985/72933 Cellulare: 338/1384072 ; 328/1931605

Telefono Abitazione: 0981/62037 ; 0985/72933 Cellulare: 338/1384072 ; 328/1931605 CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo di residenza Indirizzo di domicilio TULLIO LAINO VIA SOLE, 63 87010 SANT AGATA DI ESARO (COSENZA) VIA J. F. KENNEDY, 23 87020 TORTORA MARINA (COSENZA)

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

ABIO Brianza - Associazione per il Bambino in Ospedale Ospedale San Gerardo - Via Pergolesi 33-20900 Monza Villa Serena, 2 Piano

ABIO Brianza - Associazione per il Bambino in Ospedale Ospedale San Gerardo - Via Pergolesi 33-20900 Monza Villa Serena, 2 Piano ABIO Brianza - Associazione per il Bambino in Ospedale Villa Serena, 2 Piano Tel. 039 233 3653-039 233 9443 Fax 039233 2450 E-mail abiobrianza@hsgerardo.org Sito www.abiobrianza.org Da lunedì a venerdì,

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA

RELAZIONE RIASSUNTIVA 40 anni di screening scolastico per la prevenzione della talassemia nel Lazio. Un programma di successo che, con il prezioso contributo del mondo della scuola, ha raggiunto e continua a mantenere da anni

Dettagli

AGENDA DELLA GRAVIDANZA

AGENDA DELLA GRAVIDANZA AGENDA DELLA GRAVIDANZA CEFFA M. CARMEN DMI ASL NOVARA- 2012 DGR n. 34-8769 del 12/05/2008 Piano socio-sanitario sanitario regionale 2012-2015. 2015. Area materno-infantile infantile: : definizione obiettivi

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se il servizio dà continuità

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Merate: Vita che dona vita. La donazione al centro del convegno tra associazioni ed enti

Merate: Vita che dona vita. La donazione al centro del convegno tra associazioni ed enti Scritto Mercoledì 23 maggio 2012 alle 17:42 Merate: Vita che dona vita. La donazione al centro del convegno tra associazioni ed enti Mielomi, leucemie, linfomi, neoplasie del sangue: sempre più spesso

Dettagli

S.S.D. ONCOLOGIA. OSPEDALE SESTRI LEVANTE sesto piano DIPARTIMENTO MEDICO. Direttore Dipartimento e Responsabile SSD Marco SCUDELETTI

S.S.D. ONCOLOGIA. OSPEDALE SESTRI LEVANTE sesto piano DIPARTIMENTO MEDICO. Direttore Dipartimento e Responsabile SSD Marco SCUDELETTI S.S.D. ONCOLOGIA OSPEDALE SESTRI LEVANTE sesto piano DIPARTIMENTO MEDICO Direttore Dipartimento e Responsabile SSD Marco SCUDELETTI CPSE Francesca STAGNARO Per maggiori informazioni visita il sito www.asl4.liguria.it

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI Si può essere solidali con il prossimo in molti modi: con l aiuto ai deboli, il soccorso ai bisognosi, il conforto per chi soffre; ma la donazione degli organi rappresenta

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

L attività fisica per guadagnare Salute

L attività fisica per guadagnare Salute ADCS Associazione Diabetici Camuno Sebina L attività fisica per guadagnare Salute edizione 2012 in collaborazione con Città di Darfo Boario Terme Comune di Lovere Comune di Rogno L ATTIVITÀ FISICA PER

Dettagli

A L L E G A T O. Garanzie di Qualità per il cittadino. anno 2009 verifica

A L L E G A T O. Garanzie di Qualità per il cittadino. anno 2009 verifica A L L E G A T O 1 Garanzie di Qualità per il cittadino anno 2009 verifica GARANZIE DI QUALITÀ PER IL CITTADINO Garanzie di qualità per il cittadini anno 2009 L Azienda Usl di Piacenza promuove il miglioramento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA

PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA PROTOCOLLO D INTESA DIREZIONE GENERALE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA BASILICATA POTENZA DIREZIONE GENERALE AZIENDA OSPEDALIERA POTENZA AZIENDA SANITARIA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 DI MATERA COMUNE

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari

A cura della UOC Audit Clinico e Sistemi informativi Sanitari Ingressi L ingresso al percorso può essere: - Sanità Territoriale: PUA, servizio sociale distrettuale, consultorio famigliare e materno infantile, servizio dipendenze, DSM - Territorio (sociale): Servizi

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

U.I.L.D.M. Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Sezione di Genova A. Rasconi

U.I.L.D.M. Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Sezione di Genova A. Rasconi Carta dei servizi U.I.L.D.M. Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Sezione di Genova A. Rasconi U.I.L.D.M. UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE Sezione di Genova O.N.L.U.S. Viale Brigate

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA.

LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. LA TUTELA DELLA SALUTE DELLA DONNA E DEL NEONATO: IL PERCORSO NASCITA. Partecipanti al gruppo di redazione Serra Giovanni, direttore U.O. Patologia Neonatale-Centro Neonati a Rischio, Istituto G.Gaslini,

Dettagli

CECCHETTO - SALVATORI e Associati

CECCHETTO - SALVATORI e Associati Progetto1:Layout 1 3-06-2010 12:15 Pagina 1 Studio Infermieristico Associato CECCHETTO - SALVATORI e Associati ASSISTENZA INFERMIERISTICA FORMAZIONE CONSULENZA Carta dei Servizi Progetto1:Layout 1 3-06-2010

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ Dr. Salvatore ROMANO Spec. in Chirurgia Plastica Spec. in Oncologia Sede studio: piazza G. Garibaldi 45 Rapallo Telefono fisso:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini

Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili. U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini Ambulatorio per la Malformazione di Chiari Spedali Civili U.O. Neurologia II Dr. Paolo Liberini L UTENTE Si rivolge al Presidio di Rete per ottenere: -Il percorso diagnostico appropriato -La certificazione

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

corso di laurea in INFERMIERISTICA

corso di laurea in INFERMIERISTICA corso di laurea in INFERMIERISTICA a.a. 00/005 Corso di laurea triennale in Infermieristica INFORMAZIONI GENERALI Classe di appartenenza: Professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria

Dettagli

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. A.D.I. CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI. Fondazione Molina ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Fondazione Molina A.D.I. ONLUS - Varese Indice delle sezioni: La storia La Fondazione Molina A.D.I. Principi fondamentali Obiettivi del servizio Accesso al servizio

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare

Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini. Un patrimonio da difendere e sviluppare Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga: un Ospedale specialistico al servizio dei cittadini Un patrimonio da difendere e sviluppare L AOU San Luigi per la sua collocazione geografica svolge

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe

dei Servizi La Carta del Punto Nascita dell Ospedale San Giuseppe PER LA VOSTRA SALUTE GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): Servizio Sanitario Nazionale: tel. 02 86 87 88 89 A pagamento, con Fondi e/o Assicurazioni: tel. 02 999 61 999 Per orari e caratteristiche

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli