Programma FISICA. Matteo Ceccarelli Dipartimento di Fisica 2 o piano dx

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma FISICA. Matteo Ceccarelli Dipartimento di Fisica 2 o piano dx - 0706754933 matteo.ceccarelli@dsf.unica.it mceccare@katamail."

Transcript

1 Programma FISICA Matteo Ceccarelli Dipartimento di Fisica 2 o piano dx Introduzione 2. Meccanica 3. Biomeccanica (leve e articolazioni) 4. Liquidi (sistema cardiocircolatorio) 5. Termodinamica 6. Cariche elettriche e modello atomico 7. Radioprotezione

2 Introduzione alla Fisica scienza sperimentale Descrizione matematica quantitativa dei fenomeni Osservazione dei fenomeni Leggi della Fisica Relazioni quantitative tra grandezze fisiche indotte dall osservazione F=ma

3 Perché la fisica Perché accade ciò che accade? Fisica STRUMENTI Matematica: numeri vettori operazioni metodi PROBLEMI Discipline varie: chimica biologia medicina economia geologia STRUMENTAZIONE MODERNA Comprensione dei principi di funzionamento: RMN-TAC-Xray-Ultrasuoni-Laser-Microonde

4 Sommario Le Grandezze Concetto di Misura Sistema Internazionale Multipli e Sottomultipli Unità derivate Angoli, scalari, vettori e loro operazioni Esercizi

5 Grandezze e loro misura Grandezze fisiche: osservabili che si possono misurare Misura: rapporto tra la quantità in esame ed un campione omogeneo scelto come unità Misura:: numero l = 8.8 [cm] Misura Unità Ogni misura è soggetta ad errore 1. Errori di scala facilmente eliminabili 2. Errori sistematici difficilmente eliminabili 3. Errori casuali o accidentali non eliminabili ma trattabili

6 Sistema Internazionale Sistema Internazionale - S.I. Grandezza Unità Simbolo Lunghezza Metro m Tempo Secondo s Massa kilogrammo kg Corrente Ampère A Primo sistema unità di misura (accademia francese delle scienze) Metro unità campione a Parigi= 1 decimilionesimo della distanza tra l equatore terrestre e i poli Oggi: Lunghezza percorsa dalla luce in 1/ di secondo Secondo 1 giorno=86400 secondi Oggi: Tempo di periodi della radiazione del cesio kg unità campione a Parigi=cilindro di platino-iridio Oggi: 1 u= kg

7 Metro campione Informazioni: il metro di platino e quello di ottone sono stati confrontati alla temperatura del ghiaccio fondente (0 o C). Per il metro di ottone si riporta la dilatazione lineare per ogni grado centigrado cosicché è possibile determinarne la sua lunghezza a qualsiasi temperatura.

8 Sulle Misure Uno dei problemi principali nella misura delle grandezze è la ripetibilità di una misura: messi nelle stesse condizioni e con degli strumenti analoghi dobbiamo essere in grado di ripetere una misura già fatta. La differenza nelle diverse misure è l errore casuale. Il processo di misura non dovrebbe in alcun modo modificare la misura stessa. Poiché questo è impossibile, bisogna prestare attenzione e limitare più che si può di perturbare la misura (vedi esempio temperatura). La differenza tra la misura e il valore reale è l errore sistematico. Per alcuni tipi di grandezze esistono due tipi di processi di misura 1. Invasivo o distruttivo 2. Non invasivo Sono sempre da preferire quelli non invasivi.

9 Valore medio Gli errori casuali o accidentali si valutano calcolando il valor medio di una serie di N misure indipendenti: l = N " l i i=1 N Valor medio: valore più attendibile di una misura, è sempre compreso tra il valore massimo e il minimo della serie di misure: l min " l " l max La probabilità che la misura vera sia compresa tra il valor medio e la varianza σ è del 68 % (vedi anche statistica)! l = l ± "

10 Multipli e sottomultipli m metro mm millimetro sottomultiplo Km kilometro multiplo femto fm neutrone o protone pico pm Atomo nano nm Molecole micro µm Cellule-Virus milli mm Foglio di carta centi cm 10-1 deci dm deca dam etto hm kilo km Campo calcio Mega Mm Monte Everest Giga Gm Raggio terra Tera Tm Terra-sole Peta Pm Stella più vicina Zetta Zm Galassia più vicina

11 Unità derivate [L] Velocità= [T] = m s Accelerazione= vel [T ] = [L] [T ] 2 = m s 2 Superficie= L! [ ] 2 = m 2 Volume= [ L] 3 = m 3 Densità= [M ] [L] 3 = kg m 3 Frequenza= Hertz (Hz)! = 1 [T ] = 1 s [M ][L] Forza= Newton (N)= = kg! m [T ] 2 s 2 F Pressione= Pascal (Pa)= S = N [M ][L] = 2 m [T ] 2 [L] = kg 2 m! s 2

12 Esempi 1 miglio = 1609 m =1.609 km => 1 km = 1 miglio/ km = 120 *1 miglio/1.609 = miglia 35 mi/h = 35*1.609 km/h= km/h = *10 +3 m/3.6*10 +3 s = m/s C.G.S. Centimetro-Grammo-Secondo Sistemi Pratici unità pratiche: Angstrom, quintale, minuto, ettaro Per ragioni storico-geografiche in paesi diversi possono esistere unità diverse Miglio-Kilometro Gallone-Litro Scala Farheneit-Celsius

13 Velocità= [L] [T] = m s Scalari e Vettori Lunghezza e tempo => scalari Velocità => vettore Grandezza Scalare => Numero Grandezza Vettoriale => Modulo + Direzione + Verso! v! v! Rappresentazione grafica e matematica dei vettori Componente v x = v! di v lungo x e y cos(") v y = v! sin(")! v y! v!! α v x! v = v x 2 + v y 2

14 Somma Operazioni tra Vettori + = Differenza - =! F " S! = S! F! cos(#) Prodotto scalare Def: Prodotto tra il primo vettore e il secondo proiettato sul primo= è uno scalare!!! F α! s! F cos(")

15 Angoli Angolo α=parte di spazio compreso tra due rette uscenti da O che disegnano un arco S sulla circonferenza O α R S=αR S è sempre proporzionale al raggio R della circonferenza Angolo giro S=2πR => α=2π radianti! Da radianti a gradi e viceversa " = S R α R 2π=360 ο x/60 o =2π/360 o x/(π/3)=360 o /2π R S=αR S =αr Per essere una buona definizione non deve dipendere da R

16 Volumi 1 m 3 =? dm 3 1 m 3 =? cm 3 1 m 3 =? mm 3 Per definizione 1 litro = 10-3 m 3 Litro =? dm 3 Litro =? cm 3 Litro =? mm 3 1 cl =? cm 3 1 ml =? cm 3 1 cc =?????

17 Esercizi R terra Equatoriale= 6378 [km] =>.. [m] 1 [km] = 10 3 [m] R=6.38 Mm 1 cellula = 1 µm 3 Numero cellule in 1 cm km/h =? m/s 1 m/s=? km/h 30 o =? Radianti π/3 =? gradi Distanza Mi-Ca 45 o,48n 9 o,18e- 39 o,22 N 9 o,12e usare S=αR v x = 2 m/s v y = 3 m/s v = v=10 m/s α=30 o, 60 o, 90 o v x =? v y =?

18

19 Meccanica Cinematica: descrizione dei moti Dinamica: relazione tra forze e moti Statica: equilibrio dei corpi Grandezze fisiche principali Derivate [L] lunghezza velocità v=[l]/[t] [T] tempo accelerazione a=v/[t]=[l]/[t] 2 [M] massa forza F=[M]a=[M][L]/[T] 2 Momento M=F[L]=[M][L] 2 /[T] 2 Energia E=F[L]= [M][L] 2 /[T] 2

20 Sommario Cinematica: descrizione dei moti moto rettilineo uniforme moto rettilineo uniformemente accelerato uso vettori misura istantanea e misura media moto circolare uniforme Dinamica: relazione tra forze e moti stato di quiete di un corpo definizione di forza leggi della dinamica condizione equilibrio corpi puntiformi forze d attrito e forze apparenti legge di Newton Peso e massa Lavoro, energia, energia cinetica e potenziale Conservazione energia meccanica: il campo gravitazionale Potenza

21 Cinematica: descrizione dei moti Spostamento s=[l] velocità v=[l]/[t] Δs/Δt accelerazione a=v/[t]=[l]/[t] 2 Δv/Δt Moto rettilineo uniforme v=costante Equazione oraria s(t)= v t Moto rettilineo uniformemente accelerato a=costante v(t)= v 0 + a t s(t)= v 0 t a t 2 s s v 2 a 2 v 1 t a 1 t

22 Vettori in cinematica Somma di Spostamenti Somma di Velocità

23 Misure istantanee e medie Velocità istantanea e velocità media La velocità istantanea rappresenta la velocità a un dato istante: si misura con uno strumento che misura velocità, il tachimetro nelle auto. La velocità media invece si misura attraverso la definizione stessa di velocità, cioè come rapporto tra spazio percorso e tempo impiegato. Di solito si misura per tempi lunghi (ore, ad esempio un viaggio tra Cagliari e Sassari). Anche la velocità istantanea si può misurare come rapporto tra spazio e tempo, in questo caso si usa un intervallo molto piccolo (secondi).

24 Esercizi equazione oraria Calcolare (1) accelerazione in m/s 2 e (2) lo spazio percorso ai vari istanti Formule v costante: s(t)= v t a costante: v(t)= v 0 + a t s(t)= v 0 t a t 2 1. Calcolare la velocità ai vari istanti 2. Calcolare lo spazio percorso ai vari istanti (4.16 m/s 2 ; 52 m)

25 Esercizi Frenata Calcolare la velocità in Km/h e lo spazio di frenata v costante: s(t)= v t 1. Calcolare lo spazio percorso a costante: v(t)= v 0 + a t s(t)= v 0 t a t 2 1. Calcolare quanto tempo ci vuole per fermarsi, v=0 2. Calcolare lo spazio percorso 50,4 Km/h; 23 m

26 Esercizi Quanto spazio percorro muovendomi a 20 m/s per due ore? Percorro 100 km alla velocità di 85 km/h, poi mi fermo 30 minuti e riprendo percorrendo 150 km alla velocità di 120 km/h. Quale è la velocità media? Un corridore percorre 100 metri in 9.58 s (2009, Usain Bolt). Quale è la sua velocità media (km/h)? Supponendo che raggiunge la velocità massima dopo 50 m calcolare questa velocità e l accelerazione (in realtà la velocità di picco è di 44,72 Km/h tra metri e quella media nei secondi 50 metri di 41 Km/h) Suggerimento: 0.5 v*t 1 =v*t 2 Infatti partendo da fermi ho che: S=0.5a*t 1 *t 1 e siccome v=a*t 1 => S=0.5vt 1

27 Moto circolare uniforme Moto a velocità costante lungo una circonferenza ΔS=ΔαR Spazio percorso sulla circonferenza ω= Δα/Δt velocità angolare v=δs/δt=δα/δt R=ωR O ΔS Δα R Per avere la velocità costante dobbiamo avere una velocità angolare costante ω Attenzione: il numero di giri al secondo NON è la velocità angolare ma la frequenza di rotazione ν che si misura in s -1 ω=2π ν Velocità angolare Giri al secondo o frequenza rotazione

28 Esempio ΔS=ΔαR Spazio percorso sulla circonferenza ω= Δα/Δt velocità angolare V=ΔS/Δt=Δα/Δt R=ωR Calcolare la velocità all estremità di un disco di raggio R=10 cm che ruota a una frequenza di 45 giri/min Possiamo calcolarlo o con la definizione di moto circolare o con la definizione di velocità 1. V=ωR ω=2π ν=2π 45/60s = 4.71 s -1 V=4.71 *10 cm/s= 47.1 cm/s Δα R 2. V= ΔS/Δt Δt=60 s ΔS=45*2πR cm= cm V= cm / 60 s = 47.1 cm/s O ΔS

29

30 Le Forze Stato di quiete: corpo fermo o in moto a velocità costante Cosa è una forza? La forza cambia lo stato di quiete di un corpo 1. Se il corpo è fermo inizia a muoversi con velocità non zero 2. Se aveva una velocità questa aumenta La forza induce un cambiamento di velocità Forze = vettori modulo direzione verso Forza peso: ogni corpo è attratto verso il centro della terra

31 Le leggi della dinamica 1. Ogni oggetto rimane nel suo stato di quiete o di moto rettilineo uniforme fino a quando non agisca su esso una forza risultante diversa da zero F=0 => v=costante 2. L accelerazione di un corpo è direttamente proporzionale alla forza risultante che agisce su di esso ed inversamente proporzionale alla sua massa. La direzione dell accelerazione è la stessa delle forza! risultante 3. Ogniqualvolta un corpo esercita una forza su un secondo corpo, il secondo esercita sul primo una forza uguale in direzione opposta! " F = m a! Definizione inerziale della massa: quanto è facile accelerare un corpo L unità di misura della forza è il Newton 1 N = 1Kg 1 m/s 2 che dà a un corpo di massa 1 kg un accelerazione di 1 m/s 2

32 Legge di Newton Da cosa ha origine la forza peso? Dall attrazione tra masse Legge di Newton F = G m 1m 2 r 2 = G M T R T 2 m = mg mg=f=ma => per II legge dinamica => a=g=9.8m/s 2 Ogni corpo subisce un accelerazione verso il basso uguale a 9.8 m/s 2! L accelerazione è indipendente dalla massa i corpo arrivano a terra insieme Attrito!!!

33 Peso e massa Sulla luna la forza peso è diversa che sulla terra (1/6)! Nello spazio lontano da pianeti e stelle la forza peso è nulla, non c è attrazione, g=0! P = F = m g Quando ci pesiamo sulla bilancia cosa stiamo misurando?! Se usiamo un apparecchio che misura forze allora stiamo misurando il peso, altrimenti la massa. La massa oltre che una definizione inerziale m=f/a ha anche la definizione di quantità di materia che compone un corpo P = mg = 70Kg" 9.8m /s 2 # 700N! Dire che il nostro peso è 70 Kg è improprio Il Kg è l unità di misura della massa

34 ! " F = m a! Tipi di forze Risultante delle forze: somma vettoriale di tutte le forze agenti Condizione di equilibrio: Se la somma di tutte le forze è nulla il corpo è in quiete F G = Forza peso + F N = Forza vincolare Forza di reazione che agisce sul tavolo Forze di attrito: quando c è movimento. La forza di attrito è proporzionale alla forza normale e si oppone al moto. I corpi in quiete nel mondo reale NON hanno v=costante

35 Esempi Quale è la figura giusta per un disco da hockey che scivola sul ghiaccio senza attrito? Conviene spingere o tirare una slitta?

36 Lavoro Definiamo il lavoro fatto da una forza come il prodotto scalare della forza per lo spostamento Una forza compie lavoro quando il punto di applicazione della forza si sposta! L = F! " d! = Fdcos# È la componente della forza lungo lo spostamento quella che conta! L=F d cos θ= F d d Nel caso in cui si trasporta qualcosa il lavoro fatto risulta nullo perché la forza applicata è perpendicolare allo spostamento, θ=90 o => cos90 o =0

37 Esempio Quando si trasporta qualcosa ad un altezza h si deve compiere lavoro contro la forza di gravità: L=F d cos θ Ma dcosθ=h Non importa il percorso che facciamo ma solo il dislivello! L=Fh=mgh m=15 Kg h=10 m θ 1 =π/3 θ 1 =π/3 θ 2 =π/6 d 1 =20 m h=20*cos(π/3) m = 10 m θ 2 =π/6 d 2 =11.55 m h=11.55*cos(π/6) m = 10 m F E =mg=15*9.8 N = 147 N L=147N*10 m= J

38 Energia Energia di un corpo: capacità di un corpo di compiere lavoro Esistono varie forme di energia: 1. Energia cinetica 2. Energia potenziale 3. Energia interna 4. Calore L energia si misura in Joule, definita come l energia che si fornisce a un corpo applicando una forza di 1 N per 1 metro L=[Joule]=[L 2 ][M]/[T 2 ]=1N 1m Principio di conservazione dell energia: L energia si può trasformare da una forma all altra ma l energia totale di un sistema si conserva Non è dimostrabile ma al momento non ci sono casi in cui l energia non si sia conservata

39 Energia cinetica Quando applichiamo una forza a un corpo questo accelera e acquista velocità L = F! s = ma! s = m "v "t s s = a "t 2 L = m "v 2 = "v "t "t! "v "t 2 "t 2 2 = "v "t 2 L = 1 2 m"v2 = Energia _ cinetica Il lavoro fatto si è trasformato in variazione di energia cinetica del corpo

40 Energia potenziale Se siamo in un campo di forze, come ad esempio il campo gravitazionale terrestre, possiamo definire l energia potenziale come l energia che forniamo a un corpo facendo lavoro per sollevarlo a un altezza h contro le forze del campo (gravità) Il lavoro fatto NON si è trasformato in energia cinetica del corpo ΔU=Energia potenziale=-l Solo quando lasciamo il corpo libero di cadere questo acquista velocità e quindi energia cinetica

41 Conservazione energia meccanica L energia potenziale è definita come il lavoro fatto contro le forze del campo per sollevare un corpo a un altezza h L energia potenziale dipende solo dall altezza h a cui portiamo il corpo La somma di energia potenziale e cinetica si conserva ΔU+ΔK=costante

42 h=70 m m= 1 kg a=g=9.8 m/s 2 v 0 = 0 m/s v finale =? Eq. oraria moto unif. accelerato s(t)=1/2 a t 2 s(t finale )=1/2 g t 2 finale = h=70 m Esercizio Torre t finale= 2h g s = s = 3.78s v(3.78)= a t = 9.8*3.78 m/s=37.04 m/s! K=E k =0.5 m v 2 =0.5 * 1 Kg * m 2 /s 2= 686 J Il lavoro fatto si è trasformato in energia cinetica del corpo? Energia potenziale=mgh=1kg*9.8 m/s 2 *70 m=686 J

43 Esercizio Saltatore con l asta h=6 m (record mondiale di salto con l asta) m=70 Kg Determinare la velocità di arrivo alla battuta U=mgh=70 Kg*9.8 m/s 2 *6 m = 4116 J Principio di conservazione dell energia K= U = 4116 J=0.5 m v 2 => v = 4116 " 2 m /s 70 v=10.8 m/s=39 km/h Cosa succede se considero un atleta di 50 Kg? velocità più grande o piccola? La stessa! v = mgh " 2 = 2gh m

44 Potenza Potenza= velocità con cui viene fornita/consumata energia Watt=E/Δt=1J/1s Un atleta di 60 Kg sale una rampo di scale alta 4.5 m in 4.0 s Quanto è il lavoro e la potenza L=mgh=60 Kg*9.8 m/s2*4.5 m=2646 J W=L/Δt=2646 J / 4 s = W Cavallo vapore= potenza per sollevare 75 Kg per 1 metro in 1 secondo 1 cavallo-vapore=mgh/s=75*9.8 Js=735 W In Inghilterra 746 W!

45 Equilibrio dei corpi Prima condizione di equilibrio: Statica "F i = 0! Coppia di forze: 2 forze uguali in modulo e direzione ma verso opposto prima condizione soddisfatta ma il corpo ruota! La prima condizione non è sufficiente per l equilibrio di corpi rigidi che possono ruotare

46 Momento di una forza Quando abbiamo un corpo vincolato a ruotare attorno a un asse occorre introdurre il momento di una forza Μ! F D! F C! M =!! r " F A A A Prodotto vettore tra due vettori!! r a =braccio della forza F a Prodotto tra r A e la componente! della forza perpendicolare (in questo caso F A ). F A e F C danno lo stesso momento! F D da momento nullo, forza parallela al braccio F A è più efficace di F B perché il braccio è più lungo! " M = 0 La seconda condizione di equilibrio per i corpi rigidi è che la somma dei momenti sia nulla:

47 Equilibrio dei corpi rigidi La prima condizione di equilibrio per i corpi rigidi è che la somma vettoriale delle forze sia nulla:! "F = 0 i La seconda condizione di equilibrio per i corpi rigidi è che la somma vettoriale dei momenti sia nulla:!! M " = 0

48 Le leve Macchine semplici che compiono lavoro moltiplicando/demoltiplicando le forze Momento torcente positivo F R B R O Fulcro B R =braccio resistente B M =braccio motore F R =forza resistente F M =forza motore B M Momento torcente negativo F M Condizione di equilibrio della leva B M F M =B R F R F R = B m B R F M = G " F M G=guadagno meccanico: proprietà geometrica della leva!!

49 Esempi Guadagno! A che distanza si deve mettere la bambina (peso minore) per bilanciare il bambino? 30 Kg * 2.5 m = X * 25 Kg X = 30/25 * 2.5 m = 3 m La bambina, nonostante sia più leggera del bambino, mettendosi a una distanza maggiore riesce a equilibrare la leva: guadagno! Dal punto di vista del bambino invece c è una perdita!

50 Energia Usiamo una leva per sollevare una massa di 50 Kg per un metro. Dalla meccanica sappiamo che il lavoro corrisponde a L=F*s In questo caso abbiamo 500 J F 1 R 2 F 2 Guadagno! Ma se usiamo una leva con un fattore di guadagno G=2, la forza applicata risulta essere la metà, vuol dire che in questo caso il lavoro fatto è anch esso la metà? E allora come la mettiamo con l energia potenziale U=mgh, dipendente solo dall altezza h e non dall uso o no di una leva? Violiamo il teorema di conservazione dell energia? h R 1 * F 1 =R 2 * F 2 F 2 =R 1 /R 2 *F 1 R 1 2α R 2 h h=2*r 1 *sin(α) h =2*R 2 *sin(α)=h*r 2 /R 1 L 1 =F 1 *h L 2 =F 2 *h =R 1 /R 2 *F 1 *h*r 2 /R 1 = L 2 =F 1 *h

51 B R O F R Fulcro O F R B R Fulcro Classificazione leve B M B M F M F M 1 o tipo B M > B R B R > B M G>1 G<1 2 o tipo B M > B R sempre G>1 O B M F M B R F R 3 o tipo B R > B M sempre G<1 Fulcro

52 Schema 1 o tipo: la pinza 2 o tipo: lo schiaccianoci 3 o tipo: la valvola di sicurezza

53 Pinza Esempi Nella pinza la forza applicata ai manici viene moltiplicata a livello della forcipe. Ma può succedere anche l opposto Schiaccianoci (a) (b) Pinzette Nello schiaccianoci c è sempre un guadagno. È meglio (a) o (b)? La leva del 2 o tipo è sempre favorevole! Nelle pinzette non c è mai un guadagno. Non potrete mai rompere una noce! Serve per demoltiplicare la forza. Vedi anche valvola di sicurezza! La leva del 3 o tipo è sempre svantaggiosa!

54 Articolazioni

55 Bocca Denti pluriradicolati Denti monoradicolati corona radice Fulcro

56 Cosa è meglio fare? Dalle figure a lato la domanda da porsi è quale comportamento si può considerare meno nocivo per le articolazioni. Per rispondere occorre conoscere le leve e saper risolvere i problemi di statica, qualche equazione in più incognite. La cosa più importante è prima di tutto chiedersi cosa si vuole ricavare, di solito non solo forze/ forze resistenti ma anche angoli all equilibrio! Definizione del modello!!!

57 Equilibrio tronco-vertebrale Leva del 1 o tipo: F P = Forza peso (60 Kg*g) che agisce sul baricentro del corpo, all altezza del ventre e anteriore alla spina dorsale F M = Forza Motrice, forza esercitata dai muscoli dorsali R = Reazione vincolare sul fulcro (la spina dorsale) all altezza della settima vertebra Equilibrio traslazionale: R= F M +F P Equilibrio rotazionale: a*f M =b*f P F M = b/a* F P = 2 F P = 120 Kg*g=1200 Newton R= 2 F P + F P = 3 F P = 180 Kg*g=1800 Newton

58 Obesità Nel caso di obesità non solo cambia il peso ma anche la sua distribuzione, se il baricentro si sposta in avanti di soli 2 cm abbiamo, a parità di peso: F M = 2.5 F P = 150 Kg*g R = 3.5 F P = 210 Kg*g

59 Piede Equilibri traslazionali Verticale: F T cos(7 o ) + F P = F O cos(θ) Orizzontale: F T sin(7 o )= F O sin(θ) Equilibrio rotazionale, rispetto al punto centrale: 5.6 * F T cos(7 o ) = 10 * F P da cui si ricava F T =10*F P /(5.6*0.992)=1.8*F P 10 cm Sostituendo nelle precedenti equazioni si ha: 1.8* F P * F P = F O cos(θ) 1.8* F P *0.122= F O sin(θ) tg(θ)=0.2196/ F P = da cui θ=4.5 ο F O = 2.8 F P

60 Piede Leva del 2 o tipo: F T = Forza Motrice, forza muscolare (polpaccio) applicata dal tendine sul calcagno F O = Forza Resistente, forza esercitata dalle forze della gamba (tibia e fibula) sul piede 10 cm F P = reazione vincolare del suolo sulla pianta del piede, causata dalla forza peso del corpo che agisce sul fulcro (punto fermo)

61 " M i = 0 Spalla x y Rispetto all articolazione spalla 24*mg=12*F M *sin(15) => F M =25.5 Kg*g m=3.3kg F A : Forza vincolare esercitata dall articolazione della spalla sul braccio "F i = 0 θ F x =F M *cos(15) F y +mg=f M *sin(15) F x =24.6 Kg*g F y =( ) Kg*g F A = 24.8 Kg*g θ=7.7 o Cosa cambia se aggiungo 1 Kg sulla mano?

62 " M i = 0 Spalla x y 1 Kg Rispetto all articolazione spalla (24*3.3+48)*Kg*g=12*F M *sin(15) F M = 40.9 Kg*g m=3.3kg F A : Forza vincolare esercitata dall articolazione della spalla sul braccio "F i = 0 θ F x =F M *cos(15) F y +(3.3+1)g=F M *sin(15) F x =39.5 Kg*g F y =( ) Kg*g F A = 39.9 Kg*g θ=8.1 o Cosa cambia se il braccio è raccolto?

63 " M i = 0 Spalla x Rispetto all articolazione spalla (10*3.3+24)*Kg*g=4*F M *sin(80) F M = 14.5 Kg*g F A : Forza vincolare esercitata dall articolazione della spalla sul braccio "F i = 0 y θ m=3.3kg 1 kg 1 kg F x =F M *cos(80) F y +(3.3+1)g=F M *sin(80) F x =2.5 Kg*g F y =( ) Kg*g F A = 10.3 Kg*g θ=76 o

64 Anca

65 Anca Caso di equilibrio su una gamba: F= forza motrice esercitata dai glutei P g = forza peso gamba, 1/7 F P N = reazione vincolare = F P R = forza di resistenza che agisce sulla testa del femore quando all interno dell articolazione, da confrontare con F P -Pg O = testa del femore, Fulcro Equilibrio traslazionale: Fx+Pgx+Nx+Rx=0 Fy+Pgy+Ny+Ry=0 M F +M Pg +M N +M R =0 Incognite: F e R ( R e angolo)

66 Anca θ Equilibrio traslazionale: Fx+Pgx+Nx+Rx=0 Fy+Pgy+Ny+Ry=0 M F +M Pg +M N +M R =0 Incognite: F e R ( R e angolo) F*cos(70)-Rx=0 F*sin(70)-1/7*P+P-Ry=0 7*F*cos(70)+3/7*P-P*11=0 Dall ultima relazione ricavo: F=1,61*P Dalla prima e seconda: Rx=0.55*P Ry=2.37*P θ=76.9 o importante per resistenza cartilagini e deviazione crescita testa femore

67 Commento θ F=1,61*P Dalla prima e seconda: Rx=0.55*P Ry=2.37*P R= 2.43*P θ=76.9 o Si ricava che: - la forza muscolare è superiore alla forza peso - la forza di resistenza che agisce sulla testa del femore è ben più grande della forza peso! - calcolare l angolo di questa forza di resistenza è utile perché di solito le ossa crescono nella direzione dove devono sopportare maggiore resistenza. Nel caso di indebolimento di F l angolo sarà maggiore!!!

68 Bastone Se si usa un bastone sul quale viene scaricato 1/6 del Peso si ha: Bisogna individuare le nuove forze vincolari del suolo: N P +P/6=P => N P =5/6*P + rotazione attorno ad A N P *d=p/6*30 => d = 6 cm F*cos(70)-Rx=0 F*sin(70)-1/7*P+5/6*P-Ry=0 7*F*cos (70)+3/7*P-5/6*P**18-7-6)=0 F=0.64*P R=1,31*P θ=80.3 o Riduzione notevole delle forze!!!

69 Ginocchio Persona accovacciata: F P = metà forza peso, 40Kg Pg = forza peso gamba, 10 Kg α=40 o Trovare la forza resistente R e la tensione del muscolo T che lavora attraverso il legamento patellare Equilibri Traslazionali: T*cos(40)=R*sin(θ) R*cos(θ)-T*sin(40)-F P +Pg=0 Equilibrio Rotazionale: 45 o T=367,1 Kg R=390,6 Kg, θ=46.06

70

71 I fluidi 3 stati della materia: 1. Solido: mantiene sempre la sua forma anche se applichiamo forze 2. Liquido: forma del contenitore ma non comprimibile 3. Gassoso: forma del contenitore e altamente comprimibile Le proprietà della materia dipendono fortemente dalla struttura atomica, cioè dalla disposizione degli atomi gli uni rispetto agli altri e dalle forze tra loro

72 Struttura del diamante, Atomi disposti in posizioni ben definite, struttura regolare e ordinata Stati della materia acqua liquida Molecole disordinate ma vicine l una all altra, compattezza! I fluidi comprendono liquidi e gas Fluido <=> Fluire i fluidi, al contrario dei solidi hanno capacità di scorrimento

73 Densità Nello studio dei fluidi introduciamo la densità come grandezza nuova che esprime il rapporto tra la massa di una data quantità di fluido e il volume occupato: d=m/v Kg/m 3 o g/cm 3 I fluidi non hanno volume proprio! La minore densità della materia allo stato gassoso è dovuta alla maggiore distanza tra le particelle Ghiaccio e acqua liquida Nonostante i liquidi di solito abbiano densità minore dei solidi, il ghiaccio rappresenta un eccezione! Nel ghiaccio la struttura regolare mostra dei buchi che ne diminuisce la densità!

74 Volume e massa Siccome i fluidi non hanno volume proprio, ci si deve domandare quale sia la massa di un fluido che occupa un volume V. Esempio: abbiamo una sostanza in una siringa che occupa un volume di 3 ml. Quale massa ha? Dipende dalla densità, maggiore la densità e maggiore sarà la massa d=m/v => m=d*v => m=d*3ml Se abbiamo acqua allora (d = 1 g/cm 3 ): m=??? Se abbiamo una sostanza con d= 1.2 g/cm 3 m=??? 300 g di farina NON occupano lo stesso volume di 300 g di riso!!!

75 Pressione Nello studio dei fluidi introduciamo la pressione come grandezza nuova che esprime il rapporto tra la componente della forza applicata sulla superficie di liquido e ivi perpendicolare e la superficie stessa: P=F/S La pressione è uno scalare! Se applichiamo una forza alla superficie di un liquido possiamo scomporla in una forza tangenziale alla superficie e una perpendicolare La forza tangenziale produce una perturbazione del liquido vicino alla superficie La forza perpendicolare, applicata attraverso un pistone, viene invece sentita in tutto il liquido: Principio di Pascal In un fluido in equilibrio le forze tangenziali sono nulle Qualsiasi elemento di fluido sente la stessa pressione 1 Pascal=1N/m2 P = F/S

76 Pascal: esempi Torchio o pressa idraulica: Isotropia della pressione P=F in /A in =F out /A out => F out =F in *A out /A in F in =100 Kg*g A in =0.5 m 2 A out =10 m 2 => F out =100*10/0.5 Kg*g=2000 Kg*g Moltiplicatore o demoltiplicatore di forze

77 Principio di Stevino Quale è la pressione all interno di un fluido a una profondità h dalla superficie? PA+mg=(P+ΔP)A => ΔPA=mg ΔP=mg/A m=dv=d*a*δh => ΔP=d*A*Δh*g/A=dgΔh ΔP=dgΔh P(h)=dgh Esperimento di Torricelli: un tubo pieno di mercurio viene rovesciato in una vaschetta. Il livello del mercurio si stabilizza a 76 cm dalla superficie della vaschetta. Cosa equilibria il mercurio? P=13.6 g/cm 3 *980 cm/s 2 *76 cm= 1.012*10 5 Pa

78 P=dgh Barometro ad acqua

79 Principio di Archimede I corpi immersi in un liquido sembrano essere più leggeri Principio di Archimede: qualsiasi corpo immerso in un fluido riceve una spinta (forza) dal basso verso l alto pari al peso di acqua spostata dal corpo stesso F A =F 2 -F 1 =d F ga(h 2 -h 1 ) =d F Vg=m F g F TOT =F P -F A =mg-m F g=(d-d F )Vg

80 Galleggiamento Un corpo galleggia quando la spinta di Archimede bilancia completamente la forza peso 2 m 3 legno =>1200 Kg 2 m 3 acqua => 2000 Kg Il legno sommerso riceve una spinta dal basso verso l alto: galleggiamento! Il ghiaccio ha una densità minore dell acqua Un iceberg galleggia, che volume si trova sotto la superficie dell acqua? F P =mg=v I d I g Acqua spostata V F d F g V I d I g= V F d F g => V F /V I =d I /d F =0.92/1.025=0.90 Il 90% dell iceberg sta immerso!

81

82 Dinamica dei fluidi Portata: quantità di volume che passa attraverso una superficie in un tempo Δt: Q=ΔV/Δt [m 3 ]/[s] Per un fluido che scorre in un condotto senza perdite e in moto stazionario, la portata è uguale in tutti i punti del condotto Nelle diverse parti del condotto abbiamo: Q=ΔV/Δt ΔV=AΔl=AvΔt => Q=AvΔt/Δt=Av=costante A 1 v 1 =A 2 v 2 => v 2 =A 1 /A 2 *v 1 v 2 > v 1

83 Bernoulli Il principio di Bernoulli non è altro che un principio di conservazione dell energia applicato a una massa di liquido che scorre. Le energie in gioco sono l energia cinetica l energia potenziale l energia della pressione Teorema dell energia cinetica ΔK=Lavoro Lavoro di P= P 1 A 1 Δl 1 -P 2 A 2 Δl 2 Lavoro di g= -mgy 2 +mgy 1 ΔK =0.5mv mv 1 2 P dv 12 +dgy 1 = P dv 22 +dgy 2 = costante

84 Esempi P dv 12 +dgy 1 = P dv 22 +dgy 2 P dv 12 = P dv 2 2 Tubo di Venturi La pressione è minore dove la velocità è maggiore ESEMPI: Soffiando tra due fogli di carta questi si avvicinano Porta che sbatte con il vento Uscita dal cinema

85 Torricelli P dv 12 +dgy 1 = P dv 22 +dgy 2 P1=P2=pressione atmosferica v 2 0 immaginiamo che si svuoti lentamente 0.5dv 12 =dg(y 2 -y 1 ) => v 1 = 2g(y 2 " y 1 ) Ricorda qualcosa?! Meccanica: velocità di caduta di un oggetto da un altezza h!

86 Barche a vela P dv 12 +dgy 1 = P dv 22 +dgy 2 Se applichiamo Bernoulli al fluido che scorre sulle vele si ha: y 1 =y 2 Rimane solo pressione + En. Cinetica P ext +K ext =P int +K int La velocità dell aria che scorre sulla parte esterna della vela è maggiore di quella che scorre sulla parte interna: Quindi si ha che K ext > K int allora P ext < P int Forza efficace (F vento ) che spinge sulla vela! La forza che agisce sulla barca è poi la risultante di questa forza + la forza di resistenza dell acqua sulla chiglia (F acqua ) Le barche a vela navigano controvento! Stesso principio per le ali degli aeroplani!

87 Fluidi reali P dv 12 +dgy 1 = P dv 22 +dgy 2 P1 V h P2 V h Se il fluido scorre a velocità costante si ha che: P1=P2 o ΔP=0 Questa condizione vale quando gli attriti vengono trascurati! In un fluido reale dobbiamo scrivere: P dv 12 +dgy 1 = P dv 22 +dgy 2 +E A Dove E A rappresenta l energia persa per attrito. Si ha quindi: ΔP=E A ovvero occorre una differenza di pressione per far muovere un fluido a velocità costante in un condotto rettilineo ove vi siano degli attriti

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15 Classe I A AFM Il metodo sperimentale. Misurazione e misura. Il Sistema Internazionale Grandezze fondamentali: lunghezza, massa e tempo. Grandezze derivate Unità di misura S.I. : metro, kilogrammo e secondo.

Dettagli

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25 Indice generale PREFAZIONE ALLO STUDENTE TAVOLA DEI COLORI x xiv xvi 1 INTRODUZIONE, MISURE, STIME 1 1 1 La natura della scienza 2 1 2 Modelli, teorie e leggi 3 1 3 Misure ed errori; cifre significative

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura Le grandezze fisiche Per studiare la composizione e la struttura della materia e le sue trasformazioni, la chimica e le altre scienze sperimentali si basano sulle grandezze fisiche, cioè su proprietà che

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se:

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: 1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: A. Si possono moltiplicare tra loro B. Si possono dividere tra loro C. Ci possono sommare tra loro D. Sono divisibili per uno stesso numero 2) Un blocchetto

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R.

GRANDEZZE FISICHE. Prof.ssa Paravizzini M.R. GRANDEZZE FISICHE Prof.ssa Paravizzini M.R. PROPRIETA DEL CORPO SOGGETTIVE OGGETTIVE PR.SOGGETTIVE: gusto, bellezza, freschezza, forma MISURABILI PR. OGGETTIVE: massa, temperatura, diametro, ecc.. Le misure

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI.

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. I GAS Tutti i gas sono accomunati dalle seguenti proprietà: I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. L aria compressa occupa un volume minore rispetto a quello occupato dall aria non compressa (Es. gomme dell auto

Dettagli

Corso integrato: FISICA, STATISTICA E INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof. Massimo MONCIARDINI Recapito: maxmonc@inwind.

Corso integrato: FISICA, STATISTICA E INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof. Massimo MONCIARDINI Recapito: maxmonc@inwind. Corso integrato: FISICA, STATISTICA E INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof. Massimo MONCIARDINI Recapito: maxmonc@inwind.it Programma: Introduzione Meccanica Cinematica Dinamica Statica

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Termodinamica I FENOMENI TERMICI Temperatura

Dettagli

MODULO 1. Conoscere e misurare le grandezze

MODULO 1. Conoscere e misurare le grandezze Prof. M. C. Capizzo MODULO 1 Conoscere e misurare le grandezze Cos è la Fisica? Indagine sulla natura con gli strumenti matematici MECCANICA TERMODINAMICA ELETTROMAGNETISMO movimento dei corpi fenomeni

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 Docente: GASPARRINI FABIO Testo di riferimento: D. Halliday, R. Resnick, J. Walker,

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Concetto di forza. 1) Principio d inerzia

Concetto di forza. 1) Principio d inerzia LA FORZA Concetto di forza Pi Principi ii dll della Dinamica: i 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale i e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso,

Dettagli

I fenomeni termici e le leggi dei gas

I fenomeni termici e le leggi dei gas modulo c indice glossario costanti calcolatrice I fenomeni termici e le leggi dei gas unitàc1 La temperatura e l equilibrio termico unitàc2 Il calore e i passaggi di stato 1 La temperatura 2 La dilatazione

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 5: Energia, Lavoro e Calore

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 5: Energia, Lavoro e Calore L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Unità 5: Energia, Lavoro e Calore Introduzione al concetto di energia Energia cinetica, potenziale e

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

Sommario (3) I fluidi: nuove grandezze, la densità e la pressione. Dinamica dei fluidi: equazione di continuità. Sedimentazione e centrifugazione

Sommario (3) I fluidi: nuove grandezze, la densità e la pressione. Dinamica dei fluidi: equazione di continuità. Sedimentazione e centrifugazione Sommario (3) I fluidi: nuove grandezze, la densità e la pressione Statica dei fluidi Dinamica dei fluidi: equazione di continuità Bernoulli e attrito nei fluidi Trasporto in regime viscoso Sedimentazione

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria Università degli Studi dell Insubria Corso integrato: FISICA E STATISTICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Dott. Raffaele NOVARIO Recapito: raffaele.novario@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare

Dettagli

TEORIA CINETICA DEI GAS

TEORIA CINETICA DEI GAS TEORIA CINETICA DEI GAS La teoria cinetica dei gas è corrispondente con, e infatti prevede, le proprietà dei gas. Nella materia gassosa, gli atomi o le molecole sono separati da grandi distanze e sono

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

ESERCITAZIONI di Fisica A.A. 2010/2011

ESERCITAZIONI di Fisica A.A. 2010/2011 ESERCITAZIONI di Fisica A.A. 2010/2011 BASI MATEMATICHE E FISICHE notazione scientifica/unità di misura/percentuali/proporzioni/utilizzo formule/ [1] Un eosinofilo misura 5 µm di raggio. Quanti eritrociti

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Sul libro del primo anno: L AMALDI 2.0 Pag 257: n.23 Pag 258: n.28 Pag 259: n.33,n.39

Dettagli

SISTEMI DI UNITA DI MISURA

SISTEMI DI UNITA DI MISURA SISTEMI DI UNITA DI MISURA CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Si definisce misura il procedimento mediante il quale si fa corrispondere un numero ad una grandezza fisica. Effettuare una misura significa assegnare

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Trasformazioni termodinamiche I o principio della Termodinamica Gas perfetti Gas reali pag.1 Temperatura Proprietà

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi LO STATO GASSOSO Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi STATO GASSOSO Un sistema gassoso è costituito da molecole

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

La misura DEFINIZIONE OPERATIVA STRUMENTO DI MISURA. Esempio: lunghezza. strumento procedura. righello confronto

La misura DEFINIZIONE OPERATIVA STRUMENTO DI MISURA. Esempio: lunghezza. strumento procedura. righello confronto Grandezze fisiche,unità di misura, strumenti matematici La misura DEFINIZIONE OPERATIVA STRUMENTO DI MISURA PROCEDURA DI MISURA Esempio: lunghezza strumento procedura righello confronto 1 2 3 4 5 6 la

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1. Termodinamica

Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1. Termodinamica Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1 Termodinamica 1) In un recipiente di volume V = 20 l sono contenute 0.5 moli di N 2 (PM=28) alla temperatura di 27 0 C.

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

Esercizi svolti di fisica

Esercizi svolti di fisica Esercizi svolti di fisica Copyright (c) 2008 Andrea de Capoa. È permesso copiare, distribuire e/o modificare questo documento seguendo i termini della Licenza per documentazione libera GNU, versione 1.2

Dettagli

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Calorimetria: soluzioni Problema di: Calorimetria - Q0001 Problema di: Calorimetria - Q0002 Scheda 8 Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Testo [Q0001] Quanta

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

Proprieta meccaniche dei fluidi

Proprieta meccaniche dei fluidi Proprieta meccaniche dei fluidi 1. Definizione di fluido: liquido o gas 2. La pressione in un fluido 3. Equilibrio nei fluidi: legge di Stevino 4. Il Principio di Pascal 5. Il barometro di Torricelli 6.

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

Fisica per Scienze Motorie

Fisica per Scienze Motorie Raccolta delle trasparenze utilizzate nel corso di Fisica per Scienze Motorie tenuto nell A.A. 2013/2014 da A. Musumarra Prof. Agatino Musumarra e-mail: musumarra@lns.infn.it www.lns.infn.it/~musumarra/

Dettagli

Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica

Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica Quelli che seguono sono osservazioni utili ad evitare alcuni degli errori piu frequenti registrati durante gli scritti di fisica. L elenco

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A)

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Corso di Laurea: Laurea Magistrale in FARMACIA Nome: Matricola Canale: Cognome: Aula: Docente: Riportare sul

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione PRESSIONE: La pressione è una grandezza fisica, definita come il rapporto tra la forza agente ortogonalmente 1 su una superficie e la superficie stessa. Il suo opposto (una pressione con verso opposto)

Dettagli

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3 MATEMATICA 1. Per quali valori di x è x 2 > 36? A) x > - 6 B) x < - 6, x > 6 C) - 6 < x < 6 D) x > 6 E) Nessuno 2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C)

Dettagli

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Provincia di Reggio Calabria Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio - Luglio 2008 I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Ilario De Marco Il sistema internazionale di unità di misura Lo studio di

Dettagli

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto.

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto. A_1)Una rana sta poggiata su una foglia di ninfea trasportata dalla corrente ad una velocità di 15 cm/s, ad un certo punto compie un balzo nella stessa direzione della corrente, con un angolo di 30 rispetto

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi: 3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:. Descrivere le caratteristiche e il comportamento del gas a livello microscopico.. Definire pressione temperatura

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Programmazione modulare 2015-16

Programmazione modulare 2015-16 Programmazione modulare 2015-16 ndirizzo: BEO Disciplina: FS lasse: Prime 1 1B 1 1G Ore settimanali previste: 3 (2 ore eoria - 1 ora Laboratorio) OPEEZE itolo odulo POLO Ore previste per modulo Periodo

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I L E L E G G I D E I G A S P A R T E I Variabili di stato Equazioni di stato Legge di Boyle Pressione, temperatura, scale termometriche Leggi di Charles/Gay-Lussac Dispense di Chimica Fisica per Biotecnologie

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

CFU 5 DURATA DEL CORSO : ORE 35

CFU 5 DURATA DEL CORSO : ORE 35 ANNO ACCADEMICO 2013-2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CORSO DI FISICA MEDICA CFU 5 DURATA DEL CORSO : ORE 35 DOCENTE PROF.DOMENICO DI DONATO 1 Indicazioni generali

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi Leggere, comprendere e interpretare un testo scritto delle varie tipologie previste anche in contesti non noti.

Competenze Abilità Conoscenze Tempi Leggere, comprendere e interpretare un testo scritto delle varie tipologie previste anche in contesti non noti. PRIMO BIENNIO Fisica: Primo anno Leggere, comprendere e interpretare un testo scritto delle varie tipologie previste anche in contesti non noti. Osservare, descrivere ed analizzare fenomeni appartenenti

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

CONCETTO di GRANDEZZA

CONCETTO di GRANDEZZA CONCETTO di GRANDEZZA Le GRANDEZZE FISICHE sono qualità misurabili di un corpo o di un fenomeno Esempi di grandezze Per misurare una grandezza occorre un adeguato strumento di misura GRANDEZZA Lunghezza

Dettagli

La conservazione dell energia meccanica

La conservazione dell energia meccanica La conservazione dell energia meccanica Uno sciatore che scende da una pista da sci è un classico esempio di trasformazione di energia. Quando lo sciatore usa gli impianti di risalita per andare in vetta

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

EQUILIBRIO DEI FLUIDI

EQUILIBRIO DEI FLUIDI ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE NINNI CASSARÀ EQUILIBRIO DEI FLUIDI CLASSI III A, III B E IV A Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it SOLIDI, LIQUIDI E GAS La divisione della materia nei suoi tre

Dettagli

DOCENTE:S. CERESA MIO

DOCENTE:S. CERESA MIO DOCENTE:S. CERESA MIO 1 La chimica è la scienza che studia le proprietà, la composizione e le trasformazioni delle sostanze presenti in natura o prodotte artificialmente dall uomo. Oggetto di studio della

Dettagli

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA

CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA ITS BANDINI - SIENA MATERIA DI INSEGNAMENTO: FISICA e LABORATORIO CLASSE: 1^ CAT. E 1^ GRA In relazione alla programmazione curricolare ci si prefigge di raggiungere i seguenti obiettivi disciplinari:

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

MODULO 1 Le grandezze fisiche

MODULO 1 Le grandezze fisiche MODULO 1 Le grandezze fisiche Quante volte, ogni giorno, utilizziamo il metro, i secondi, i kilogrammi Ma forse non sappiamo quante menti di uomini ingegnosi hanno dato un senso a quei simboli per noi

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

Corso di Fisica Generale 1

Corso di Fisica Generale 1 Corso di Fisica Generale 1 corso di laurea in Ingegneria dell'automazione ed Ingegneria Informatica (A-C) 22 lezione (18 / 12 /2015) Dr. Laura VALORE Email : laura.valore@na.infn.it / laura.valore@unina.it

Dettagli

v = 4 m/s v m = 5,3 m/s barca

v = 4 m/s v m = 5,3 m/s barca SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 2 Esercizio n.1 v = 4 m/s Esercizio n.2 v m = 5,3 m/s = 7 minuti e 4 secondi Esercizio n.3 Usiamo la seguente costruzione grafica: fiume 1 km/h barca 7 km/h La velocità della

Dettagli

1. LE GRANDEZZE FISICHE

1. LE GRANDEZZE FISICHE 1. LE GRANDEZZE FISICHE La fisica (dal greco physis, natura ) è una scienza che ha come scopo guardare, descrivere e tentare di comprendere il mondo che ci circonda. La fisica si propone di descrivere

Dettagli

CALORE. Compie lavoro. Il calore è energia. Temperatura e calore. L energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro

CALORE. Compie lavoro. Il calore è energia. Temperatura e calore. L energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro Cos è il calore? Per rispondere si osservino le seguenti immagini Temperatura e calore Il calore del termosifone fa girare una girandola Il calore del termosifone fa scoppiare un palloncino Il calore del

Dettagli