Recensione di Silvia Zanetti - 14 gennaio Abstract. Recensione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Recensione di Silvia Zanetti - 14 gennaio 2008. Abstract. Recensione"

Transcript

1 Maurizio Lichtner, La qualità delle azioni formative. Criteri di valutazione tra esigenze di funzionalità e costruzione del significato, Franco Angeli, Milano, 1999 (1 a ristampa 2003, 2 a edizione 2002); pp Recensione di Silvia Zanetti - 14 gennaio 2008 Abstract Il libro propone una riflessione sui temi della valutazione della qualità delle azioni formative, partendo dalla constatazione del continuo moltiplicarsi di modelli di valutazione di attività e progetti formativi in ogni campo, ancora legati al tradizionale schema obiettivi/risultati e spesso scelti senza l'adeguata analisi dell'efficacia degli stessi. Le attività formative prese in considerazione sono soprattutto quelle rivolte ad adulti, ma i criteri messi a fuoco sono in gran parte applicabili anche alla valutazione di attività di formazione generale. Ampio spazio è dedicato all'approccio qualitativo nella ricerca sociale ed educativa, differenziando il piano delle scelte epistemologiche da quello delle metodologie e delle tecniche di raccolta e di elaborazione dati. The book proposes a reflection on the assessment of the quality of training, starting with the establishment of the continuous proliferation of models for assessing educational activities and projects in every area, still tied to the traditional pattern objectives / outcomes and often chosen without adequate analysis the effectiveness of the same. The training activities are taken into consideration especially those aimed at adults, but the criteria made fire are largely applicable to the evaluation of general training. Ample space is devoted to the qualitative research in the social and educational, differentiating the level of epistemological choices from that of methodologies and techniques for gathering and processing data. Recensione Nella prefazione l autore intende subito precisare che l orientamento da lui seguito nella stesura del libro è di tipo fenomenologico secondo l interpretazione fornita da Husserl ed in seguito applicata nella ricerca sociale da Schutz. L approccio fenomenologico considera la formazione un ambiente che favorisce una autonoma costruzione e condivisione di significati. Tale approccio comporta come metodo d indagine il ricorso a metodi qualitativi, mentre per quanto riguarda i processi cognitivi, pone attenzione soprattutto alle strategie utilizzate per costruire il proprio sapere, al problem posing e solving e alla metacognizione. L autore inizia la sua riflessione sulla valutazione analizzando i criteri di razionalità e ragionevolezza che usiamo generalmente per giudicare la validità delle nostre stesse azioni. La società in cui viviamo attribuisce molto valore alla razionalità, tuttavia secondo il modello della razionalità strumentale un azione descritta come razionale può portare anche al raggiungimento di un fine assurdo. Ecco allora che la razionalità deve essere accompagnata da ragionevolezza, facendo riferimento a Hegel, poiché secondo l autore i criteri generali di valutazione delle azioni degli uomini sono rappresentati dalle aspettative di razionalità in un ambito di ragionevolezza. Mentre la razionalità strumentale ha il compito di adeguare i mezzi ai fini, la ragionevolezza ha il compito di scegliere i fini considerando gli obiettivi dell intera società. Ma se puntiamo l attenzione sulle azioni formative, quali sono i criteri di valutazione da utilizzare? Sicuramente l efficacia e l efficienza, che però sono nozioni relative e socialmente determinate. Non sono questi gli unici criteri, poiché risultano irrinunciabili anche la congruenza degli obiettivi, fissati inizialmente, e l impatto sociale dell azione formativa, per poter parlare non solo di razionalità ma anche di ragionevolezza. L autore passa quindi a descrivere ed approfondire due approcci della formazione: funzionalistico-sistematico, secondo il modello di Luhman, e fenomenologico, secondo il pensiero di Dewey. Nell ottica del primo approccio 1

2 l interesse è centrato sulla verifica della conformità tra obiettivi e risultati, senza preoccuparsi più di tanto del processo, al limite interessandosi del rapporto mezzifini. In questa situazione la valutazione è focalizzata sulla organizzazione dell azione formativa. In un approccio fenomenologico, invece,l interesse è spostato sugli effetti prodotti dall azione formativa, sulla relazione didattica e su come sono state percepite dai partecipanti le attività proposte dai formatori. Quindi in questo secondo caso la valutazione è centrata sulla situazione. In sintesi nell approccio funzionalista si privilegiano gli aspetti oggettivi dell azione formativa, mentre in quello fenomenologico gli aspetti soggettivi. Nel secondo capitolo l autore ripercorre le tappe che hanno portato alla formulazione del modello formativo obiettivi-risultati, un modello di progettazione e di valutazione che prevede la specificazione degli obiettivi, partendo dal testo base di R. Tyler che ha interpretato i requisiti di razionalità della visione funzionalista dell agire sociale in un quadro culturale ben determinato, che è quello del comportamentismo. (p.47) Quindi per Tyler specificare gli obiettivi significava formularli in comportamenti attesi. Dopo aver analizzato il modello di valutazione proposto da Tyler, evidenziandone pregi e criticità, l autore passa ad esaminare il contributo di Bloom che, attraverso la sua tassonomia, ha cercato di perfezionare il modello di Tyler proponendo una classificazione dei comportamenti attesi degli studenti che hanno compiuto il processo educativo. In quest ottica valutare significa controllare a quale livello il comportamento finale effettivo si avvicina al comportamento atteso. Le caratteristiche connotative del modello di Bloom sono la neutralità e la visione sinottica. Una delle principali critiche sollevate dall autore alla tassonomia del Bloom è che, in linea con una teoria psicologica superata, esprime una visione gerarchica delle abilità mentali, distinguendo tra operazioni semplici che precedono in ordine sequenziale e gerarchico operazioni complesse. Risulta ormai assodato che ogni atto conoscitivo è complesso e che le operazioni semplici e complesse sono in continua interrelazione tra loro. Il modello di valutazione che sta alla base della tassonomia del Bloom consiste nella verifica delle performances attraverso l uso dei test. Nel corso della sua carriera Bloom ha più volte perfezionato la sua tassonomia ed ha anche ammesso che una classificazione a priori dei possibili comportamenti potesse in qualche modo irrigidire il processo educativo, tuttavia riteneva opportuno correre il rischio e proponeva di utilizzare la sua tassonomia al fine di mettere un po di ordine e di rigore nel campo caotico dell educazione così come si presentava in quegli anni. Gli altri due importanti studiosi che hanno cercato di perfezionare ulteriormente il modello obiettivi-risultati, ispirandosi alla taskanalysis, sono Mager e Gagné dei quali l autore espone ed analizza i maggiori contributi. La principale critica sollevata dall autore a questo approccio è che esso considera la costruzione delle competenze come il risultato del curricolo scolastico, costituito da sequenze di unità didattiche, mentre è ormai assodato che la competenza dell esperto è il risultato di una costruzione personale non ripetibile né modellizzabile. Pur riscontrando un ampio consenso il modello obiettivi-risultati, fin dall inizio, è stato sottoposto a numerose critiche e a riguardo l autore riporta quelle principali che si rifanno a due contrapposti approcci, il means-oriented e il goaloriented, ed al contraddittorio sorto tra Eisner e Popham. Negli anni 60 Stake elabora un nuovo modello di valutazione che pur mantenendo come punto di riferimento gli obiettivi, distingue questi ultimi in obiettivi relativi ai risultati, alle transazioni e alle condizioni di contesto. Tra i vari approcci valutativi di quegli anni l autore riporta quello estremo espresso da M.Scriven, detto goal-free o anche needs-oriented. Altro significativo autore analizzato in questo excursus storico sui modelli valutativi della formazione è Patton che ribadiva l importanza per il valutatore d individuare l effettiva intenzionalità di un progetto. Malgrado l età datata e le numerose criticità il modello obiettivi-risultati continua da avere successo e ad essere utilizzato, magari in modo molto più flessibile, nella progettazione e valutazione di azioni formative. Tuttavia, anche se il modello viene 2

3 proposto in modo flessibile rimangono, secondo l autore, due aspetti critici difficilmente superabili: la volontà di predeterminazione delle sequenze didattiche e l identificazione degli obiettivi operazionali con le domande dei test finali. A tal riguardo riporta i contributi di autori, quali: De Landsheere, Pontecorvo, Vertecchi, mirati ad ampliare l adattabilità del modello. Per quanto riguarda la formazione aziendale l autore si sofferma ad esporre ed esaminare il modello proposto da Kirkpatrick che distingueva, per la valutazione di un attività formativa, quattro ambiti: le reazioni dei partecipanti, l apprendimento realizzato, i comportamenti acquisiti, i risultati a livello di organizzazione. Il principale autore che ha modificato l impostazione di Kirkpatrick è Hamblin che si è ispirato al modello obiettivi-risultati sviluppato in ambito pedagogico. Secondo questo autore è il livello dell apprendimento che costituisce l oggetto principale di valutazione, facendo attenzione a rilevare quegli apprendimenti relativi agli obiettivi posti. Più difficile è valutare gli effetti della formazione in ambito lavorativo perché sono diverse le variabili che vi intervengono, quindi è indispensabile valutare prima di tutto il processo formativo. L applicazione del modello obiettivi-risultati alla formazione aziendale, grazie a Hamblin, ha avuto il pregio di permettere il riconoscimento di una certa autonomia alla formazione. A questo punto l autore si chiede in cosa consista la chiarezza degli obiettivi e giunge alla conclusione che la presenza contemporanea nella mente di tutte le proprie motivazioni e ragioni cioè l autotrasparenza, non è umanamente possibile e quindi chi progetta un azione formativa può, a buon diritto, non avere inizialmente chiari quegli obiettivi che il modello obiettivi-risultati richiede. Infatti, solo nel momento in cui bisogna essere operativi l obiettivo viene davvero tematizzato, nel senso che occupa l intero campo della nostra attenzione, e trova via via la sua effettiva articolazione, che solo a posteriori potremo descrivere. (p. 111) Nella valutazione di percorsi formativi, dal punto di vista metodologico, all alternativa tra l approccio funzionalista e quello fenomenologico corrisponde quella tra l approccio quantitativo e quello qualitativo nella raccolta ed elaborazione dati. L approccio quantitativo s ispira al modello classico della ricerca educativa, che l autore descrive nelle sue linee generali e che, in stile positivista, adotta in sostanza un approccio scientifico in quanto presuppone: formulazione di un ipotesi; individuazione ed isolamento delle variabili; raccolta dati e verifica delle ipotesi;elaborazione di enunciati generali aventi forma di leggi. Questo modello lineare e razionale presenta delle criticità che vengono analizzate e motivate in modo approfondito dall autore, quali: la difficoltà e inopportunità di poter descrivere in modo oggettivo un fenomeno prima che questo possa avverarsi; l inadeguatezza dell approccio per descrivere un gruppo sociale in quanto c è il rischio di non cogliere elementi ed informazioni sull esperienza ed il vissuto reale dei componenti il gruppo; l improbabilità, nel campo del sociale, di pervenire a leggi poiché il contesto opera una forte influenza sui processi di apprendimento e per la stessa ragione risulta molto relativa anche la validità interna dell esperimento. A sostegno di tali affermazioni Lichtner espone l analisi critica della ricerca correzionale, modello positivista nella ricerca sociale, effettuata da H.Blumer fin dagli anni 50. Ed è proprio Blumer che alla fine della sua analisi getta le basi per la svolta qualitativa, poiché rivendica il bisogno di comprendere la realtà sociale, ponendo attenzione nel cogliere lo specifico assumendo un atteggiamento induttivo, senza slegarlo dal contesto, e attribuendo importanza agli aspetti soggettivi. Quindi alla base dell approccio qualitativo vi è la rivalutazione del pensiero di senso comune, nella conoscenza e nella interpretazione del mondo sociale. (p. 127) In riferimento all approccio qualitativo l autore riporta a grandi linee i risultati degli studi di Cicourel, Glaser e Strass, Cronbach, Broujenbrenner, Stake, Spindler, Bogdan e Biklen, che hanno contribuito a porre le basi per un modello di ricerca qualitativa in campo educativo, in alternativa a quella quantitativa. Caratteristiche principali dell approccio qualitativo nella ricerca educativa sono: il lavoro sul campo con osservazione in situazione 3

4 reale, ponendo molta attenzione al contesto; la ricerca descrittiva con raccolta dati mediante osservazione partecipante e intervista in profondità; l interesse verso il processo e non solo verso i risultati; l analisi dei dati di tipo induttivo; attori privilegiati della ricerca i soggetti con le loro attribuzioni di significato, le loro aspettative, le loro relazioni, ecc. Poiché per lo sviluppo dell approccio descrittivo ed induttivo della ricerca educativa è stato determinante l apporto dell approccio etnografico, l autore ne descrive le linee essenziali ed esegue una breve cronistoria di come si sia venuto a stabilire e si sia sviluppato il rapporto tra educazione ed antropologia. Nella ricerca educativa l approccio qualitativo trova un applicazione ideale, secondo l autore, poiché la valutazione, per definizione, è rivolta alla conoscenza del particolare. Tuttavia, le metodologie di tipo qualitativo spesso richiedono tempi troppo lunghi per un uso funzionale della valutazione con il rischio che tali metodologie siano snaturate per adattarle ad esigenze di tempo. A tale proposito si riporta il ragionamento di Patton sulla labilità del confine tra adattamento e snaturamento delle metodologie qualitative nella valutazione. I due orientamenti, qualitativo e quantitativo, che dagli anni 60 e 70 sono rimasti contrapposti, lentamente sul piano del metodo e delle tecniche, ma non su quello teorico ed epistemologico, hanno trovato punti di contatto che li hanno portati a riconoscimenti reciproci. Precisamente con Campbell e Husén inizia il cammino che ha portato all attuale avvicinamento dei due approcci ed all integrazione dei due metodi nelle attività di ricerca educativa. Ma quali sono le attuali tendenze? L autore si sofferma ad analizzarne e confrontarne alcune caratterizzate da un ritorno ai criteri di efficienza ed efficacia. Per la maggior parte la ricerca valutativa è al servizio del management, quindi la vera sfida è la valutazione a livello macro, cioè la valutazione di sistema. L autore descrive il contesto storico entro cui è avvenuta la transizione verso il nuovo orientamento della valutazione e le varie fasi che hanno portato nelle organizzazioni ad una valutazione interna facente parte integrante del management. Passa quindi ad esaminare due concezioni del monitoraggio, quale controllo di conformità di un progetto e quale individuazione in itinere delle innovazioni o soluzioni o adattamenti verificatisi. In riferimento alla prima concezione l autore si sofferma a descrivere il Sistema Informativo o MIS, cioè un sistema computerizzato che procura ai clienti informazioni sulla offerta di servizi specifici. I dati messi a disposizione sono di tipo quantitativo. Altro metodo di valutazione interna è l audit che assume le caratteristiche del management control, cioè del controllo da parte della direzione sulla operatività di un progetto o dell insieme delle attività di cui è responsabile. Lo scopo dei management controls è assicurare che gli obiettivi strategici dell organizzazione siano raggiunti in modo efficiente ed efficace. (p. 180) L autore descrive, quindi, questo approccio valutativo applicato alla formazione, secondo il pensiero di Le Boterf (principale esponente di tale approccio) e riporta alcune esperienze italiane, in particolare quella dell Isfol. Altra attuale tendenza in ambito della valutazione consiste nella procedura di diagnosi organizzativa alla quale si è ispirata l autoanalisi o autovalutazione del funzionamento di un istituzione al fine di migliorare l efficacia. Un esempio tipico è il progetto Isip dell Ocde-Ceri, avviato verso la metà del 1980, il cui obiettivo era migliorare il funzionamento delle istituzioni scolastiche. Nucleo centrale di tale indagine valutativa era il clima organizzativo della scuola, cioè il buon funzionamento della scuola come organizzazione, mentre altri aspetti, come il lavoro didattico in classe, non rientravano nel processo di analisi, con il rischio di non ottenere dati del tutto significativi e una visione complessiva del fenomeno. Altri approcci utilizzati dalle scuole sono quelli ispirati ai principi della qualità totale di cui l autore descrive il progetto Iri-Confindustria La qualità nella scuola, messo in atto nel L intervento constava in una rilevazione, eseguita, in modo collaborativo con gli insegnanti, dei punti di forza e di debolezza dell istituzione scolastica in quattro principali aree: orientamento al cliente, spendibilità dei risultati, efficienza, procedure di controllo. Dalle caratteristiche esposte del metodo 4

5 si può facilmente desumere come si trattasse in prevalenza della valutazione della qualità organizzativa che non può combaciare con la qualità educativa. Quale esempio dell applicazione di principi della qualità totale l autore descrive il modello organizzativo Tqm (Total Quality Management) che si è rivelato anche applicabile ai servizi socio-sanitari e nelle pubblica amministrazione, dove il concetto di qualità risulta più complesso. L applicazione del modello Tqm ai servizi e alla formazione ha il pregio di mettere in risalto alcuni aspetti generalmente non considerati, come il clima, ma d altra parte sono trascurati elementi essenziali, come le competenze scientifiche associate alle prestazioni dei servizi socio-sanitari o l apprendimento e la costruzione di competenze nella formazione. Dopo aver approfondito il modello Tqm e il concetto di qualità di un progetto di formazione, l autore passa ad esaminare la valutazione di sistema. Fino circa agli anni 90 gli approcci valutativi utilizzati hanno iniziato a rivelarsi inadeguati, soprattutto per la valutazione di progetti ad ampio spettro e per sistemi e politiche formativi. La prima linea di ricerca finalizzata all analisi complessiva delle politiche formative e al loro impatto fu avviata dall Isfol per rispondere alla situazione di emergenza che si era venuta a creare in ambito di valutazione della formazione professionale. Come esempi di macrovalutazione l autore riporta, in sintesi, alcuni rapporti di valutazione delle attività del Fondo sociale europeo, redatti dall Isfol, sottolineando che, pur essendo i dati ivi riportati di grande interesse, tuttavia non riescono a far comprendere il reale significato delle attività formative messe in atto. Tale criticità dei rapporti Isfol riconduce al problema del rapporto che si deve stabilire tra visione generale e conoscenza delle esperienze. Senza un interazione costante col livello di analisi micro la visione di sintesi, di sistema, rischia di essere vuota, perché non da la misura della realtà. (p ) Lichtner passa quindi a considerare il significato di valutazione complessiva del sistema scolastico, prendendo quali riferimenti il rapporto Censis del 1994, il progetto Ines dell Ocse e il Servizio Nazionale per la qualità dell istruzione che ha assunto per ora un orientamento prevalentemente docimologico. Valutare le caratteristiche organizzative di un progetto formativo è importante, ma non riesce a cogliere lo specifico delle attività messe in atto, inoltre limitarsi alla valutazione della sola organizzazione può indurre in errore. Blumer sottolinea la differenza tra organizzazione e situazione formativa:l organizzazione è la cornice entro la quale si rende attuabile una situazione educativa che deve avere uno sviluppo creativo e non predeterminato. L autore descrive tre logiche d azione che può seguire un azione formativa: deterministica, sistemica, a sistema aperto. Dopo aver analizzato ed approfondito le tre logiche d azione, l autore affronta gli aspetti di spazio e campo della formazione, affermando che non esiste un confine ben delineato tra ciò che fa parte dell esperienza formativa e ciò che ne rimane fuori, il confine viene, invece, continuamente cancellato e ridisegnato stabilendo così un rapporto dinamico tra spazio e campo della formazione. Un esperienza formativa dovrebbe costituire occasione di sviluppo e cambiamento per i partecipanti, tuttavia nella formazione scolastica quasi sempre si concentra l attenzione sull acquisizione di nozioni disciplinari, tralasciando di porsi obiettivi di crescita e cambiamento, nella convinzione che l acquisizione di una certa quantità di conoscenze e abilità porti direttamente ad un cambiamento significativo. L autore, con argomentazioni supportate dal pensiero di celebri studiosi, quali Godino, Rogers, Knowles, Dominicè, Demetrio, confuta tale convincimento ed afferma che per comprendere come sia possibile e perseguibile un cambiamento sia necessario esaminare il rapporto che si crea tra la formazione, il corso di vita e la concezione di sé dei soggetti. La formazione non è in grado di produrre autonomamente ed automaticamente cambiamenti, ma può favorire o aiutare ad individuare quelli che sono prossimi o in atto in una determinata fase della vita dell individuo. Si può dire che una formazione è valida, per l individuo, nella misura in cui corrisponde alla direzione in cui si sta muovendo in quella determinata fase del suo itinerario. (p. 233) Ecco che, in quest ottica, acquista notevole rilevanza il contesto biografico 5

6 dell individuo al fine di promuovere cambiamenti attraverso l azione didattica. Quale cambiamento può favorire un attività formativa? Non si tratta di un cambiamento globale né del cambiamento di una singola abilità, afferma l autore, si tratta di un qualcosa di intermedio comp rensibile solo se si considera il sé come sistema, dove l intervento su un elemento determina una risonanza sul sistema di relazioni. Spostando la sua analisi sulla sfera cognitiva l autore afferma che la qualità di un azione formativa dipende dalla qualità dei processi di apprendimento che mette in atto. A tal riguardo l autore abbraccia la tesi costruttivista secondo la quale un apprendimento valido è un processo di costruzione del sapere, non di mera ricezione di qualcosa che viene trasmesso. L individuo costruisce attivamente il proprio sapere, interpretando le informazioni che riceve in base ai propri schemi e modificando, via via, gli stessi schemi (p. 239). L autore approfondisce la tematica riportando ed analizzando il pensiero di Neisser, Bruner, Wertheimer. E proprio nell ambito del cognitivismo che trova ampia applicazione il concetto di schema considerato quale forma mentale preesistente alle informazioni in arrivo e che tuttavia permette di organizzarle e dotarle di significato. Al concetto di schema si collega la teoria di Ausubel degli organizzatori anticipati che l autore descrive brevemente ed analizza nei suoi aspetti principali. Secondo la sua teoria degli schemi Rumelhar distingue tre tipi di apprendimento: per accumulo di conoscenze, con modifica degli schemi per accordarli con l esperienza, con ristrutturazione dei vecchi schemi e creazione di nuovi, processo questo che presuppone l instaurarsi di una dissonanza cognitiva. In sintesi, un esperienza formativa è valida quando è in grado di favorire la modifica degli schemi e di conseguenza un processo di transizione identitaria. Altro importante obiettivo di un azione formativa è lo sviluppo di capacità metacognitive. Per comprenderne la valenza formativa l autore espone l origine del concetto di metacognizione, gli studi di Miller, Flavell, Brown, Wellman, che hanno portato al concetto attuale di metacognizione intesa come riflessione sul proprio stile cognitivo per monitorare i propri processi cognitivi e scoprire nuove strategie di apprendimento. Per ottenere un apprendimento significativo in situazione formativa è necessario porlo in relazione con l apprendimento che avviene abitualmente nell ambiente esterno a quello della formazione. Quindi l autore ricorda che un azione formativa deve sia considerare ciò che gli individui già sanno, ma anche il modo attraverso il quale apprendono o hanno appreso tali saperi. L adulto potrebbe, inoltre, utilizzare l ambiente della formazione per riflettere sulla efficacia delle proprie strategie che abitualmente mette in atto nel suo abituale modo di apprendere. Il contributo della formazione è proprio questo: non solo far capire che sulle esperienze bisogna riflettere, ma offrire strumenti, procedure, per una riflessione efficace (p.262) Dopo aver descritto e posto tra loro in contrapposizione alcune tipiche caratteristiche dell apprendimento scolastico e dell apprendimento esterno, l autore affronta il problema della lettura dei processi e quindi della valutazione degli apprendimenti. Appurato che molto spesso la valutazione del solo prodotto o risultato della formazione può essere deviante e che in realtà il prodotto della formazione è il percorso cognitivo che è stato attivato, l autore giunge alla conclusione che per poter leggere e quindi conoscere i processi cognitivi attivati dagli individui è necessario ricorrere alle loro dirette testimonianze, attraverso i resoconti. Su tali strumenti di verifica l autore riporta una serie di studi e documentazioni sia a favore che a sfavore della loro attendibilità. Nelle conclusioni Lichtner prende in esame l ambivalenza che spesso si riscontra nella valutazione di progetti formativi tra l esigenza di una valutazione con impostazione scientifica e di una con impostazione pragmatica. A tale proposito spiega ed analizza in modo critico i motivi per cui spesso la scientificità tradisca le aspettative. Infine, approfondendo i concetti di verità ed utilità della valutazione e sottolineandone gli aspetti di contrapposizione, l autore ci porta a comprendere la differenza tra ricerca di base e ricerca ai fini valutativi. 6

7 Il testo offre, nell insieme una riflessione di ampio respiro sul tema della valutazione, partendo dal passato per giungere ai tempi recenti, supportata da una ricca documentazione, numerosi riferimenti letterari. Attraverso percorsi storici e brevi cronistorie l autore ci porta ad analizzare i paradigmi base della valutazione delle azioni formative e a comprendere come la vera qualità non derivi dalle caratteristiche organizzative delle attività, ma dal loro carattere evolutivo, dal rapporto che sanno stabilire con gli itinerari biografici dei soggetti e dai percorsi cognitivi che sono in grado di attivare. La lettura di questo testo può costituire un valido contributo per una riflessione sui concetti di valutazione, qualità della formazione e ricerca educativa. Indice Premessa. 1. Criteri di validità delle azioni formative: tra modello funzionalista e approccio fenomenologico: Razionalità e ragionevolezza delle azioni formative; Connessione generale e discontinuità. Il modello sistemico; Logiche locali ed esigenze di riconoscimento; La logica della formazione: l'inversione mezzi-fini; Esperienza formativa e attribuzione di significati; Reggere la contraddizione e renderla produttiva; La valutazione: diverse domande. 2. Una lunga storia: il modello obiettivi risultati: Le origini: il contributo di Tyler; Il perfezionamento del modello: la tassonomia di Bloom; L'ideale del controllo assoluto dell'apprendimento; L'alternativa pedagogica: la centralità del processo; La valutazione "goal-free" e la vera intenzionalità di un progetto; La persistenza del modello in campo pedagogico; Obiettivi e risultati nella formazione aziendale; Chiarezza di obiettivi: che cos'è? 3. La passione per il qualitativo. Un'alternativa epistemologica. Il modello "classico" della ricerca educativa; Blumer: la critica della ricerca correlazionale; Il rapporto col senso comune e l'approccio induttivo; La ricerca educativa dal quantitativo al qualitativo; Il contributo dell'antropologia; L'orientamento qualitativo nella ricerca valutativa; Opposizione o integrazione? 4. Tendenze attuali: alcuni confronti. Al servizio del management; Il monitoraggio: controllo di conformità e attenzione al nuovo?; L'audit della formazione; Diagnosi organizzative e qualità totale; Macrovalutazioni, valutazioni di sistema. 5.La qualità della formazione. La qualità del percorso: un modello evolutivo; Il cambiamento possibile; Percorsi cognitivi: un apprendimento strategico, costruttivo; Valorizzazione e modifica degli schemi; Le capacità metacognitive; Apprendimento in aula e apprendimento quotidiano; La lettura dei processi e la valutazione degli apprendimenti. Conclusione: valutazione e ricerca Riferimenti bibliografici. Indice degli Autori. Autore Maurizio Lichtner è stato docente di storia e filosofia nei licei, ricercatore presso il CEDE nel campo dell'educazione degli adulti e della comparazione internazionale; si è occupato di processi di apprendimento e di valutazione in vari contesti, di ricerca educativa, in particolare nel campo dell'educazione degli adulti. Attualmente ha un incarico di insegnamento presso la Facoltà di Scienze della Formazione, Università di Roma Tre, nel corso di laurea "Formazione e sviluppo delle risorse umane" e 7

8 insegna Valutazione alla SSIS del Lazio, nell'orientamento fisico-matematico. Sui concetti di educazione permanente, di valutazione, di ricerca comparativa e sui processi di apprendimento, ha pubblicato diversi saggi, nonché articoli apparsi su Riforma della scuola, Scuola e città, Ricerca educativa, Scuola democratica, EDA, Formazione e lavoro, Skill, Formazione domani, Adultità, e su riviste straniere come Studies on the education of adults, Grundlagen der Weiterbildung, Internationales Jahrbuch der Erwachsenenbildung. Bibliografia essenziale dell autore Lichtner Maurizio, Valutare l'apprendimento: teorie e metodi, Franco Angeli, Milano,2004 Lichtner Maurizio, Le prime parole, Meltemi, Roma, Lichtner Maurizio, Soggetti, percorsi, complessità sociale. Per una teoria dell'educazione permanente, La Nuova Italia, Firenze, Lichtner Maurizio, Filosofia. Da Kant a Wittgenstein. Con test di autovalutazione e verifica, Sovera Multimedia, Roma, Lichtner Maurizio, Formazione alla formazione / La valutazione delle azioni formative vol. 7, Ediesse, Roma, 1989 Links [Università degli studi Roma tre, facoltà Scienze della formazione, insegnamenti tenuti dal docente Dott. Maurizio Lichtner] [sito della rivista Scuola & città ] oria? [ sito della rivista Studies in the education of adults] 8

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE Le competenze sono state definite dal Dipartimento di Scienze Umane tenendo presenti sia le Competenze chiave di cittadinanza sia le Competenze base (4 assi), sia le Competenze

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7

AREA human resources. La selezione del personale 3. L assessment e la valutazione del potenziale 4. Gli strumenti 5. L analisi di clima 7 AREA human resources La selezione del personale 3 L assessment e la valutazione del potenziale 4 Gli strumenti 5 L analisi di clima 7 AREA management & behavioral training La formazione del personale 9

Dettagli

Fornisci una breve spiegazione su ciò che si intende per «attribuzione». Elenca i fattori che influiscono sul metodo di studio.

Fornisci una breve spiegazione su ciò che si intende per «attribuzione». Elenca i fattori che influiscono sul metodo di studio. QUARTA PARTE Percorso unico Il successo scolastico e il metodo di studio 1. RISPOSTA APERTA Fornisci una breve spiegazione su ciò che si intende per «attribuzione». Elenca i fattori che influiscono sul

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale!

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! Timeoutintensiva, N 18, Nurse Science, Ottobre 2011 Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! S. Giammona, S. Egman, M. Ziino Colanino, G. Cappello, R. Lombardo, F.

Dettagli

La ricerca empirica in educazione

La ricerca empirica in educazione La ricerca empirica in educazione Alberto Fornasari Docente di Pedagogia Sperimentale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Il ricercatore ha il compito di trovare relazioni

Dettagli

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA Obiettivi: CORSO DOCENTE LIS II EDIZIONE A:S: 2015/2016 Programma e Contenuti Il corso per Docente di LIS si articola in un percorso didattico finalizzato alla formazione di personale qualificato. L obiettivo

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Scienze umane e sociali Istituto Professionale dei Servizi socio-sanitari

Scienze umane e sociali Istituto Professionale dei Servizi socio-sanitari Scienze umane e sociali Istituto Professionale dei Servizi socio-sanitari 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane e sociali 119* 119* * di cui 66 in compresenza con Metodologie operative

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia

Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare. Obiettivi e metodologia Il curricolo per competenze e la didattica disciplinare Obiettivi e metodologia Presentazione e premessa Breve presentazione personale Il tema Curricolo per competenze e didattica disciplinare sarà trattato

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

Progettare e valutare attività formative aziendali

Progettare e valutare attività formative aziendali Progettare e valutare attività formative aziendali La formazione una leva per: La gestione strategica del personale La crescita della professionalità Lo sviluppo organizzativo 2 Perché accreditare le riunioni

Dettagli

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015

Piano scolastico di orientamento a.s. 2014/2015 I S T I T U T O O M N I C O M P R E N S I V O SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro.

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro. 3 ABSTRACT Sono passati dieci anni da quando, nella prefazione ad una mia pubblicazione, un amico pedagogista ebbe modo di definire quel lavoro come tipico di una scuola militante. Oggi penso che tali

Dettagli

Orientamento: modelli e. costrutti di riferimento. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. L orientamento in classe

Orientamento: modelli e. costrutti di riferimento. Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento. L orientamento in classe Orientamento: modelli e costrutti di riferimento Patrizia Neerman UST Verona Sezione Orientamento l'orientamento rimanda ad una serie di attività che mettono in grado i cittadini di ogni età, in qualsiasi

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Progetto delle attività del II anno di tirocinio, III anno di corso

Progetto delle attività del II anno di tirocinio, III anno di corso S C U O L A D E L L E S C I E N Z E U M A N E E D E L P A T R I M O N I O C U L T U R A L E CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ufficio Coordinamento e Supervisione Tirocinio c/o Albergo

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla certificazione della competenza Progetto di ricerca-formazione I nuovi Licei. Una guida a partire dalle pratiche USR Puglia

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

Obiettivo del corso: evidenziare le idee riguardanti l apprendimento che stanno dietro alla valutazione.

Obiettivo del corso: evidenziare le idee riguardanti l apprendimento che stanno dietro alla valutazione. Sorzio 29/05/2015 Pedagogia sperimentale e valutazione Obiettivo del corso: evidenziare le idee riguardanti l apprendimento che stanno dietro alla valutazione. Struttura del corso: 1. Valutazione degli

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

- Programmi per la scuola elementare. Divisione della scuola, Ufficio delle scuole comunali. Approvati il 22 maggio 1984 dal Consiglio di Stato

- Programmi per la scuola elementare. Divisione della scuola, Ufficio delle scuole comunali. Approvati il 22 maggio 1984 dal Consiglio di Stato 1. Elementi di contesto La revisione dei piani di studio svizzeri avviene all interno di un contesto ben definito che è quello legato all Accordo intercantonale sull armonizzazione della scuola obbligatoria

Dettagli

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE Finalità educative dell insegnamento delle Scienze Le più significative sono: l abitudine

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro

Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Ministero della Pubblica Istruzione Il Ministro Prot. n. 1437/A6 Roma, 15 Marzo 2007 Linee di indirizzo EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE VISTA la Costituzione della Repubblica Italiana; VISTO il D.P.R.

Dettagli

LINEE GUIDA TFA FISICA

LINEE GUIDA TFA FISICA LINEE GUIDA TFA FISICA PREMESSA La macchina dei TFA si è ormai messa in moto in molte Università italiane e la Commissione Didattica della SIF ha ritenuto opportuno individuare delle linee guida da proporre

Dettagli

Programmi del primo anno

Programmi del primo anno Formazione alle professioni educative Programmi del primo anno Nuovo Ordinamento (D.M. 270/04) valido per gli studenti immatricolati a partire dal 01/08/2009 Pedagogia sociale M-PED/01 Responsabile del

Dettagli

Rete Dalle Indicazioni Nazionali al curricolo verticale per competenze. Area storico-geografica-cittadinanza e Costituzione.

Rete Dalle Indicazioni Nazionali al curricolo verticale per competenze. Area storico-geografica-cittadinanza e Costituzione. Rete Dalle Indicazioni Nazionali al curricolo verticale per competenze. Area storico-geografica-cittadinanza e Costituzione. 1 CITTADINANZA E COSTITUZIONE a cura di Martino Mattei Sarezzo, 29 maggio 2014.

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

L Orientamento Scolastico Professionale

L Orientamento Scolastico Professionale Istituto Comprensivo di Cappella Maggiore anno scolastico 2013-2014 L Orientamento Scolastico Professionale una proposta Finalità dell incontro Condividere i modelli di Orientamento Scolastico Professionale

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No

MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No DOCENTE : FOGLI MAURIZIO BENVENUTI SERGIO MATERIA: SISTEMI E AUTOMAZIONE A.S.: 2014 / 2015 CLASSE: 4 AMS Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si x No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina CURRICULUM DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE/EDUCAZIONE FISICA Nella stesura del curriculum di Scienze Motorie e Sportive/Educazione Fisica si

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI FORMATIVI PER LA SCUOLA CONTEMPORANEA

NUOVI ORIZZONTI FORMATIVI PER LA SCUOLA CONTEMPORANEA Master Universitario annuale di I livello in NUOVI ORIZZONTI FORMATIVI PER LA SCUOLA CONTEMPORANEA (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract Abstract L attuale ricerca di sempre nuove opportunità di comunicazione da parte delle imprese e la crescente richiesta di sponsorizzazione da parte delle organizzazioni sponsee rendono necessarie procedure

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NEL CONTESTO DELLA RIFORMA

LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NEL CONTESTO DELLA RIFORMA LE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE NEL CONTESTO DELLA RIFORMA Di che cosa parlerò: 1. Il quadro normativo e culturale 2. le novità sul piano pedagogico 3. Le prospettive 1 PARTE il quadro normativo e culturale

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio Terni, Auditorium A.Casagrande F.Cesi 3 novembre 2014 Silvio Improta Dirigente Scolastico - Staff Regionale per le Misure di accompagnamento alle Nuove Indicazioni

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

influenzano la funzione della scuola

influenzano la funzione della scuola PROGETTO - OBIETTIVO METODO DI STUDIO e CAPACITA CRITICA PREMESSA Scenario sociale: stimoli variegati, molteplici e ambivalenti fonti di apprendimento non formale ed informale influenzano la funzione della

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

oltre l'adempimento Assicurazione interna della qualità: Conferenza di Ateneo sull'accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012

oltre l'adempimento Assicurazione interna della qualità: Conferenza di Ateneo sull'accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012 Assicurazione interna della qualità: Conferenza di Ateneo sull'accreditamento e la Valutazione Bari, 20 luglio 2012 oltre l'adempimento Serafina Pastore Qualche precisazione Diverse le modalità per strutturare

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE

Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento formazione e apprendimento Cartificate of Advanced Studies (CAS) Docente di pratica professionale SI/SE Piano degli studi 2015/2016

Dettagli

Presuppone una serie di passaggi metodologici:

Presuppone una serie di passaggi metodologici: Modello Trentino Nasce da un'esigenza di superamento sia della esplorazione dell'istituzione scolastica con i soli linguaggi della teoria dell'organizzazione, sia della riflessione eccessivamente autoreferenziale

Dettagli