Percorsi riabilitativi, presa in carico della complessità dei bisogni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi riabilitativi, presa in carico della complessità dei bisogni"

Transcript

1 Percorsi riabilitativi, presa in carico della complessità dei bisogni Dario Lamonaca C.S.M. Aulss 21 Legnago VR Mestre, 22 ottobre 2014 Convegno Regionale sulla Salute Mentale

2 La riabilitazione psichiatrica: cosa è? È un approccio comprensivo di varie tecniche finalizzato ad incrementare il funzionamento dei pazienti nel loro ambiente di vita È rivolta a persone con una grave malattia mentale le cui conseguenze sono una sintomatologia persistente e la menomazione del funzionamento È un processo attivo, attraverso il quale il paziente acquisisce le abilità necessarie a neutralizzare le limitazioni della malattia È necessario modificare l ambiente, incluse le aspettative, per raggiungere l inclusione sociale

3 La riabilitazione psichiatrica: come? La riabilitazione psichiatrica si fonda sul modello vulnerabilità-stress-copingcompetenza Si basa sull offerta di opportunità concrete per esercitare le abilità, sul loro impiego al di fuori degli ambienti istituzionali e sulla presenza di supporti che incoraggino il paziente ad adottarle Utilizza la relazione operatore/utente (e utente/gruppo) come strumento di lavoro

4 La riabilitazione psichiatrica: cosa non è? Improvvisazione Assistenzialismo Normalizzazione tout court Attenzione solo al saper fare Infantilizzazione Adozione di ruoli lontani dalla realtà e dagli obiettivi personali Intrattenimento

5 La riabilitazione psichiatrica: quando? La riabilitazione va iniziata quanto prima e non come ultima spiaggia Le ricerche hanno sottolineato l importanza del periodo critico, cioè i 2-5 anni dall esordio della malattia, periodo di massima vulnerabilità ma anche di massima opportunità La riabilitazione va continuata per tutto il tempo necessario

6 Factors and EBM treatments in the course of schizophrenia (Lenroot et al, 2003) Early interventions Early rehabilitation setting Recovery

7

8

9 Frequenza categorie attività riabilitative % Attività per il recupero funzionamento quotidiano e sociale 33,2 Attività occupazionali «ricreative- risocializzanti» 17,0 Attività tempo libero e sport 11,0 Inserimenti / formazione / lavoro 6,5 Tecniche espressive (artiterapie) 6,5 Psicoeducazione (pazienti) 5,2 Social Skill Training 5,2 Gruppi rivolti all espressività verbale 4,9 Attività riab. Cognitiva 1,6 Attività rivolte ai famigliari 2,1 Varie 2,1 Missing 0,8 Survey delle attività riabilitative in Italia: una indagine SIRP, Viganò, Semisa, schede

10 I principi della riabilitazione psichiatrica Trattamento individualizzato Focus sull ambiente Focus sulle risorse personali L importanza della speranza Focus sui ruoli sociali validi Supporto erogato in molteplici aree di vita Coinvolgimento del paziente Continuità terapeutica Alleanza terapeutica Davidson, 2012

11 La presa in carico riabilitativa È l assunzione della responsabilità di curare e ridurre le tre conseguenze di una grave malattia mentale: disfunzione, disabilità ed handicap Deve essere trasversale e longitudinale Prevede che l equipe si impegni a: formulare un piano riabilitativo individuale pianificare un progetto definito in base a degli obiettivi e dei tempi da monitorare, aggiornare e integrare con gli altri trattamenti effettuare interventi individuali e di gruppo per l acquisizione di abilità fornire supporto negli ambienti reali lavorare sinergicamente con i referenti

12 La pianificazione del progetto La cronicità si realizza quando non ci sono obiettivi evolutivi e/o viene a mancare la tensione verso il cambiamento Quando un progetto diventa solo cornice, senza contenuti Perciò ogni progetto riabilitativo dovrebbe prevedere valutazioni periodiche e un termine

13 Quale progetto? Progetto evolutivo orientato al recovery Con una figura di riferimento (case manager) Centrato su interventi riabilitativi basati sulle evidenze Coordinato con inviante e condiviso con utenti e familiari

14 Attività sequenziali del processo riabilitativo Superamento delle resistenze al cambiamento Definizione dell obiettivo riabilitativo Valutazione del funzionamento Insegnamento delle abilità Generalizzazione delle abilità Erogazione dei supporti

15 Relazione accoglitiva/relazione orientata agli esiti Relazione accoglitiva. Obiettivi: - Accogliere, accettare, far sentire a proprio agio, condividere i vissuti, manifestare empatia, accettare la diversità - Rischio: dipendenza a vita, mantenimento dello status quo Relazione orientata agli esiti. Obiettivi: - Aiutare le persone con disabilità psichiatrica ad emanciparsi dal sistema dei servizi e a cambiare la loro vita

16 Relazione orientata al recovery Passaggio: - Da uno staff che è sentito lontano, perché considerato in una posizione di esperto, che ha una autorità - A qualcuno che si comporta più come coach, che mette a disposizione le proprie abilità e conoscenze e, allo stesso tempo, è disposto ad imparare da utenti e familiari in quanto esperti per esperienza Robert e Wolfson, 2004

17 Quali nuove competenze per i professionisti Orientamento alla persona Coinvolgimento della persona Credere nel potenziale di crescita Favorire l autodeterminazione/scelta Essere flessibili Saper lavorare in team e accettare il contributo delle altre figure professionali Farkas, 2008

18 Il ruolo della famiglia nel processo riabilitativo La presa in carico riabilitativa implica il coinvolgimento della famiglia, perchè quanto maggiore è la cooperazione, tanto più efficace sarà il supporto da questa fornito nel raggiungimento degli obiettivi È importante che la famiglia sia informata del progetto riabilitativo e coinvolta nella valutazione dei risultati La collaborazione richiede una comunicazione frequente e trasparente

19 Principali esigenze delle famiglie Essere compresi dai professionisti nella loro esperienza di convivenza con una persona con grave malattia mentale Ricevere informazioni sulla malattia mentale, in modo da comprendere l esperienza del congiunto Ricevere informazioni sul funzionamento dei servizi di SM e come utilizzarli Ricevere informazioni su come fronteggiare la malattia e l impatto che produce Essere coinvolte nella valutazione degli esiti Acquisire abilità specifiche per affrontare particolari evenienze Essere informati dei cambiamenti da affrontare Essere considerati partner nel trattamento

20 Due modelli altenativi o complementari 1. Il punto di vista dei professionisti : Recovery dalla malattia; recovery come esito Basato su evidenze cliniche ed epidemiologiche Correlato con gli interventi professionali Farmacoterapia Riabilitazione psicosociale 2. Il punto di vista degli utenti : Recovery nella malattia; recovery come processo Basato sui racconti in prima persona e studi qualitativi Correlato con alcuni interventi professionali ma anche self-help, cure informali, sforzi personali e salute positiva (resilienza, speranza, auto determinazione, etc.) 21st CEFEC CONFERENCE. Lisboa junio 2008 Empleo y recuperación de personas con problemas de salud mental

21 Optimizing Outcomes: The Process of Recovery 1

22 Recovery: la definizione da Illness Management and Recovery Toolkit Il recovery avviene quando le persone con grave malattia mentale scoprono o riscoprono le loro abilità e le loro risorse per perseguire obiettivi personali e sviluppare un senso di sé che permetta loro di crescere, superando o marginalizzando la loro malattia (Mueser & Gingerich, 2008) Le persone sono in Recovery quando i sintomi della loro malattia non interferiscono con il loro funzionamento nella vita quotidiana, permettendo loro di lavorare, andare a scuola, partecipare alle attività sociali e del tempo libero, e di vivere in modo indipendente nell ambiente comunitario, senza essere confinati nei ghetti per i malati di mente (Liberman & Kopelowicz, 2005)

23 Conseguenze delle malattie mentali da contrastare Gli effetti della malattia: i sintomi fisici, le paure, i sentimenti ingestibili, i pensieri negativi, la sensazione di perdere il controllo sulla propria vita Il trauma associato all esordio della malattia e alle ospedalizzazioni Lo stigma interno Le attitudini negative dei familiari, degli amici, dei professionisti La perdita di un ruolo sociale e di un identità positiva La mancanza di opportunità Anthony, 1993

24 Definizione operativa del recovery sintomatico e funzionale dalla schizofrenia Remissione dei sintomi per due anni consecutivi Funzionamento lavorativo (mantenimento di un lavoro anche part-time o frequentazione di una scuola con successo per almeno due anni) Vita indipendente (vivere in un appartamento per almeno due anni, senza supervisione quotidiana per la gestione dei soldi, per la preparazione dei pasti, per la pianificazione degli acquisti, per l igiene personale e per l organizzazione del tempo libero) Relazioni con i pari (incontrare amici per condividere attività ricreative o contattarli almeno una volta la settimana) Liberman, 2002

25 Multidimensionalità del concetto di recovery Il recovery è un processo soggettivo e oggettivo, che va visto all interno di un continuum e non nella dicotomia guarito/non guarito. Gli esiti del recovery riguardano: - Aree indipendenti di funzionamento (emotive, cognitive, sociali, lavorative, spirituali) - Adattamenti psicosociali alla disabilità - Raggiungimento di uno stato soggettivo di benessere - Remissione dei segni e sintomi della malattia - Miglioramento nel funzionamento di ruolo e nell integrazione sociale Anthony, 2007

26 Le grandi sfide Ridisegnare i servizi sui principi del recovery e dell inclusione sociale Implementare servizi sostenuti dall evidenza scientifica Prevenire la disabilità intervenendo precocemente Integrare i servizi di salute mentale con le altre agenzie socio-sanitarie

27 Gli obiettivi dei trattamenti EB sono correlati agli obiettivi di recovery Infatti nella misura in cui le persone con malattia mentale: - Lavorano (Supported Employment) - Imparano a gestire la loro malattia (Illness Management) - Migliorano le relazioni familiari (Psicoeducazione) - Hanno l opportunità di supporti continui e flessibili (ACT) - Migliorano il funzionamento sociale (Social Skills Training) Possono essere anche in grado di aumentare: - L autostima - L efficacia personale - L autodeterminazione - La capacità di scelta

28 Caratteristiche dei servizi che promuovono il recovery Servizi costituiti da programmi che, inizialmente condotti nei setting istituzionali, si spostano progressivamente all esterno nei contesti sociali Utilizzano programmi che, attraverso l esecuzione di compiti e l espletamento di ruoli, abbiano come conseguenza : - Il riavvicinamento della persona al contesto - L apprendimento e l esercizio di abilità - L espletamento di compiti validi e utili alla collettività - Il successo

29 Problemi emergenti nel processo di implementazione dell evidenza e dei principi del recovery Resistenza a cambiare le proprie pratiche Resistenza ad adottare un metodo scientifico Resistenza dovuta ai pregiudizi verso la malattia mentale Ostacoli dovuti al modello organizzativo

30 Criticità delle organizzazioni di salute mentale Gran parte dei sistemi di salute mentale sono entità indipendenti, autodeterminate e scarsamente permeabili Sono pressochè assenti le revisioni dell efficacia dei trattamenti e l implementazione delle migliori pratiche La formazione del personale non riflette le acquisizioni e le conoscenze più aggiornate Mancano programmi di formazione continua e di supporto per trasferire nella pratica le conoscenze apprese

31 Come la cultura del recovery può incrementare l efficacia delle pratiche EB Erogare le pratiche EB secondo i principi del recovery Integrare le pratiche EB con le strategie finalizzate a sviluppare la motivazione al cambiamento e a stabilire obiettivi personali Prendersi cura delle abilità e attitudini del personale che favoriscono il processo di recovery

32 Prendersi cura delle abilità, conoscenze e attitudini del personale Formazione trasversale per l intero DSM Obiettivo: aumento delle competenze professionali del personale, con particolare riferimento - Alla conoscenza e all applicazione di trattamenti psicosociali EB - Alla conoscenza di indicatori di recovery

33 Attitudini e abilità favorenti il recovery Ascoltare e valorizzare le opinioni degli utenti Non leggere ogni manifestazione emotiva come segno di patologia Conoscere la disabilità e considerarla una condizione umana Avere consapevolezza che parole ed azioni possono trasmettere speranza o disperazione Individuare le abilità presenti negli utenti Ritenersi una guida e uno strumento per fornire strumenti Non scoraggiarsi se un utente fallisce, né sentirsi abbandonati quando cammina con le sue gambe Prendersi cura del proprio benessere

34 Attitudini e abilità favorenti il recovery (secondo gli utenti) Incoraggiare gli utenti all autonomia di pensiero e di azione Coinvolgere gli utenti nella pianificazione del trattamento Riconoscere agli utenti il diritto di fare errori Considerare gli utenti capaci di progettare il proprio futuro Sostenere gli utenti nella ricerca delle risorse Essere disponibili con gli utenti quando ne hanno bisogno Informare gli utenti sui trattamenti Trasmettere aspettative positive Corrigan, 1999

35

36 Conclusioni Adottare un modello riabilitativo di assistenza psichiatrica Avere risorse certe per equipes competenti Sviluppare indicatori di recovery oggettivi e soggettivi, insieme a indicatori di qualità che includano l utilizzazione delle buone pratiche Avere il coraggio di eliminare le pratiche inefficaci Creare aggregazioni di servizi disposte a lavorare su obiettivi e metodologie condivise Superare il pessimismo prognostico che paralizza

37 Grazie per l attenzione!!

Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery

Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery Nuove competenze per un sistema di servizi di salute mentale orientato alle evidenze e al recoery Paola Carozza DSM Ravenna Fermo 4 Aprile 2014 Le grandi sfide Ridisegnare i servizi sui principi del recovery

Dettagli

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015 VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE Edizione 2015 Il training alle abilità sociali e l auto aiuto come strumenti di riabilitazione e inclusione sociale Dr.ssa Mariella Battipaglia Diagnosi

Dettagli

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze

Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze Indice: Premessa Parte I. Nuove acquisizioni in tema di evoluzione ed esito della malattia mentale La malattia mentale e le sue conseguenze (L'impatto della malattia mentale: menomazione, disfunzione,

Dettagli

L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali

L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali L approccio del sistema dei servizi di salute mentale alle malattie mentali Remissione: riduzione della frequenza e dell intensità delle manifestazioni psicopatologiche Stabilizzazione:permanenza nel tempo

Dettagli

L alleanza terapeutica Paola Carozza U.O. Riabilitazione D.S.M ASL Ravenna L alleanza terapeutica: parole chiave attiva collaborazione fra paziente e terapeuta dimensione interattiva fra paziente e terapeuta

Dettagli

Dalle mura al servizio aziendale di riabilitazione psichiatrica.

Dalle mura al servizio aziendale di riabilitazione psichiatrica. SEMINARIO Continua il percorso. Il 19 Marzo 2009 a Palazzo Ducale Lucca- Sala Mario Tobino- la F.A.S.M. ha proposto, coinvolgendo le Istituzioni, il seminario Terapie riabilitative per la salute mentale.

Dettagli

FORMAZIONE DIPARTIMENTALE PER GLI OPERATORI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA: ASPETTI CLINICI, VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI, ATTITUDINI E COMPETENZE.

FORMAZIONE DIPARTIMENTALE PER GLI OPERATORI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA: ASPETTI CLINICI, VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI, ATTITUDINI E COMPETENZE. Dip.to di Salute Mentale FORMAZIONE DIPARTIMENTALE PER GLI OPERATORI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA: ASPETTI CLINICI, VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI, ATTITUDINI E COMPETENZE. DAL 04 APRILE AL 10 GIUGNO

Dettagli

LAVORO PER LA SALUTE MENTALE: dall intrattenimento all impresa sociale. Livorno 31 maggio 2011

LAVORO PER LA SALUTE MENTALE: dall intrattenimento all impresa sociale. Livorno 31 maggio 2011 LAVORO PER LA SALUTE MENTALE: dall intrattenimento all impresa sociale Livorno 31 maggio 2011 1993 PRIMO GRUPPO DI AUTO AIUTO CLINICA PSICHIATRICA OSPEDALE PISA 1999 IL GRUPPO SI SPOSTA SUL TERRITORIO

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe

Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità nel lavoro di equipe I CONFERENZA DELLA REGIONE LAZIO SULLA SALUTE MENTALE. 3 sessione IL GOVERNO CLINICO IN SALUTE MENTALE Le attività di base essenziali per ogni tipologia di struttura e l apporto delle diverse professionalità

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Programma di inclusione sociale per pazienti all esordio: condivisione di attività ; lavoro, studio, volontariato

Programma di inclusione sociale per pazienti all esordio: condivisione di attività ; lavoro, studio, volontariato Programma di inclusione sociale per pazienti all esordio: condivisione di attività ; lavoro, studio, volontariato Corso Regionale Esordi Psicotici: 5 Modulo Emanuela Ferri Considerato che: L esordio si

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

A. I. T. Sa. M. ONLUS ASSOCIAZIONE ITALIANA TUTELA SALUTE MENTALE

A. I. T. Sa. M. ONLUS ASSOCIAZIONE ITALIANA TUTELA SALUTE MENTALE A. I. T. Sa. M. ONLUS ASSOCIAZIONE ITALIANA TUTELA SALUTE MENTALE Osservazioni generali Osservazioni al PSSR Si evidenziano solo alcune tra le criticità più rilevanti, la dove riguardano anche la salute

Dettagli

L infermiere case manager in psichiatria

L infermiere case manager in psichiatria Studi & Esperienze 1 L introduzione di nuovi modelli organizzativi all interno dei servizi psichiatrici territoriali rappresenta un importante sfida per fornire risposte efficaci ai mutevoli bisogni di

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT

FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT FAQ PSICOLOGIA DELLO SPORT Che cos è la psicologia dello sport? È una branca della psicologia che si occupa di studiare il comportamento umano legato all attività sportiva, intervenendo sugli aspetti psicologici,

Dettagli

Riorganizzazione delle attività della Salute Mentale

Riorganizzazione delle attività della Salute Mentale Dipartimento Salute Mentale, Dipendenze Patologiche, Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza ASP PALERMO Riorganizzazione delle attività della Salute Mentale 30 Ottobre 2014 as is 1) ELEVATA

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

Individual Placement and Support: From research to practice. Collocazione e Sostegno Individuale: Dalla ricerca alla pratica

Individual Placement and Support: From research to practice. Collocazione e Sostegno Individuale: Dalla ricerca alla pratica Individual Placement and Support: From research to practice Collocazione e Sostegno Individuale: Dalla ricerca alla pratica Miles Rinaldi Head of Recovery & Social Inclusion Sfide Sistemi Nazionali / regionali

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Tesi di Laurea: nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie RELATORE:

Dettagli

SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione. La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress.

SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione. La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress. SIRP Società Italiana di Riabilitazione Psicosociale Gruppo Formazione La Formazione nella Riabilitazione Psicosociale: un work in progress. Dalla teoria... La formazione, nel campo della riabilitazione

Dettagli

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE

Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE Progetto TRA CASA E CITTA : PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE PREMESSA I concetti di cura e territorio sono al centro di iniziative ed interventi realizzati da più enti che aderiscono al sotto tavolo sulla

Dettagli

MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI. www.slidetube.it

MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI. www.slidetube.it MODELLI TEORICI E SPECIFICITA DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI-RIABILITATIVI UNA PROFESSIONALITA EMERGENTE: IL TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA La Riabilitazione Psichiatrica vede il coinvolgimento

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz IL TEAM RIABILITATIVO

www.fisiokinesiterapia.biz IL TEAM RIABILITATIVO www.fisiokinesiterapia.biz IL TEAM RIABILITATIVO RIABILITAZIONE è un processo di soluzione dei problemi e di educazione nel corso del quale si porta una persona disabile a raggiungere il miglior livello

Dettagli

Famiglie partner del trattamento. Advocacy, interventi psicoeducativi e auto-mutuo-aiuto nei disturbi mentali

Famiglie partner del trattamento. Advocacy, interventi psicoeducativi e auto-mutuo-aiuto nei disturbi mentali Famiglie partner del trattamento. Advocacy, interventi psicoeducativi e auto-mutuo-aiuto nei disturbi mentali gruppo di lavoro SIRIF a cura di Massimo Clerici, Ester di Giacomo, Francesco Bartoli, Francesca

Dettagli

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla

ALCUNE SIGLE. PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla DAL PEI AL PDV ALCUNE SIGLE PDV= PROGETTO DI VITA si basa sulla CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITA' E DELLA SALUTE LUNGO TUTTO L ARCO DELLA VITA (ICF) rivolto ai bambini

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI. delle persone con sclerosi multipla ASSOCIAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA ONLUS

CARTA DEI DIRITTI. delle persone con sclerosi multipla ASSOCIAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA ONLUS CARTA DEI DIRITTI delle persone con sclerosi multipla ASSOCIAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA ONLUS Copyright 2014 Associazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus Associazione Italiana Sclerosi Multipla

Dettagli

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse

Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Assistenza multiprofessionale e multispecialistica integrata ai bambini con malattie rare e croniche complesse Giovanni Corsello, Maria Piccione Dipartimento di Promozione della Salute e Materno-Infantile

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

Progetto Lavoro&Psiche

Progetto Lavoro&Psiche un progetto di: Progetto Lavoro&Psiche Linee guida A cura del Comitato di Indirizzo Premessa Premessa 3 1. Il progetto 3 2. I destinatari 4 3. La figura e il ruolo del Coach 5 4. Il lavoro in cooperativa

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

Le competenze strategiche per l inserimento lavorativo

Le competenze strategiche per l inserimento lavorativo Le competenze strategiche per l inserimento lavorativo Cristina Malfi Tutor Centro San Giusto Settore Settore Politiche Lavoro dell Occupazione e Formazione La nostra Visione del LAVORO Se si escludono

Dettagli

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 C.so Laghi 34 10051 Avigliana (TO) Tel. 011.93.11.392 Fax 011.19.85.86.87 e-mail: csdacooparl@tiscalinet.it www.cooperativacsda.it ASSISSTENZA A DOMICILIO CARTA DEI

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA?

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? VISIONE UMILTA LEAN LEADERSHIP? INCORAGGIAMENTO CORAGGIO VISIONE Il Compito di un Leader è portare il proprio popolo da dove si trova a dove non è mai stato - Henry Kissinger

Dettagli

Manfredonia, sabato 19 settembre 2009

Manfredonia, sabato 19 settembre 2009 Manfredonia, sabato 19 settembre 2009 MODELLO BIO-PSICO PSICO-SOCIALESOCIALE Interazione di fattori biologici, psicologici e sociali nello sviluppo dei disturbi mentali Fattori Biologici Fattori psicologici

Dettagli

Disabilità e interventi riabilitativi nelle psicosi

Disabilità e interventi riabilitativi nelle psicosi Disabilità e interventi riabilitativi nelle psicosi Prof.ssa Armida Mucci Dipartimento di Salute Mentale e Fisica e Medicina Preventiva Università di Napoli SUN Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI. Lavorare con cura PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE POLITICHE SOCIALI Lavorare con cura PERCORSO FORMATIVO E DI AGGIORNAMENTO PER GLI A.S.A. E O.S.S. IMPIEGATI NEI SERVIZI DOMICILIARI AMBITI TERRITORIALI VAL SERIANA E VAL SERIANA

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

Audizione presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato La figura dell ESP

Audizione presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato La figura dell ESP Roma, 19 marzo 2014 ESPERTO IN SUPPORTO TRA PARI PER LA SALUTE MENTALE (ESP) [1] Audizione presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato La figura dell ESP Delegazione presente: Goglio Marco, Macaluso

Dettagli

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo

Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo Coordinatore Infermieristico Reparto Hospice Residenziale/Domiciliare Dott. Fabio Durazzo L'uso del giudizio clinico nell'erogazione della cura, per consentire alle persone di migliorare, mantenere o recuperare

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

La formazione continua in Riabilitazione Psicosociale

La formazione continua in Riabilitazione Psicosociale La formazione continua in Riabilitazione Psicosociale Indicazioni derivanti da un indagine sui bisogni formativi degli operatori della riabilitazione psicosociale in Lombardia gruppo di lavoro SIRP.Lo

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Area Casa/Habitat sociale Antonio Maone Dipartimento di Salute Mentale, ASL Roma/A

Area Casa/Habitat sociale Antonio Maone Dipartimento di Salute Mentale, ASL Roma/A Dal supermercato delle prestazioni al budget di salute. Roma, 14 giugno 2013 Area Casa/Habitat sociale Antonio Maone Dipartimento di Salute Mentale, ASL Roma/A Bisogni e Risposte Assunti fondamentali Un

Dettagli

Il lavoro, quale strumento di relazione

Il lavoro, quale strumento di relazione Caleidoscopio Formazione&Lavoro Autismo, formazione, lavoro. Una relazione possibile? Esperienze e modelli di intervento nella provincia di Rimini Silvia Bartoli Psicologa dell Azienda USL di Rimini, componente

Dettagli

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE.

SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. SALUTE CONDIZIONE DI ARMONICO EQUILIBRIO, FISICO E PSICHICO, DELL INDIVIDUO DINAMICAMENTE INTEGRATO NEL SUO AMBIENTE NATURALE E SOCIALE. MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento

Dettagli

Conferenza territoriale per la salute mentale

Conferenza territoriale per la salute mentale Conferenza territoriale per la salute mentale Lecco, 3. 12. 2007 LA RESIDENZIALITA LEGGERA IN LOMBARDIA Giorgio Cerati Residenzialità psichiatrica: i punti critici Disomogeneità della presenza delle SR

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

«Fare Rete in Psichiatria»

«Fare Rete in Psichiatria» EXPO 2015 - Nutrire, Potenziare, Curare - Il futuro della Salute Mentale Milano 19-20 giugno 2015 «Fare Rete in Psichiatria» Il Case Manager nel percorso della presa in carico del paziente grave nel Servizi

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

CITTADINANZA Onlus Via Briolini 48/E 47921 Rimini (RN) tel/fax 0541 412091

CITTADINANZA Onlus Via Briolini 48/E 47921 Rimini (RN) tel/fax 0541 412091 Da Luglio 2013 Cittadinanza Onlus sostiene la Casa di Paolo (Paolo s Home) a Kibera, un luogo nato per la riabilitazione di bambini con medio-gravi disabilità psichiatriche. Questo vuole essere un racconto

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING

Dipartimento Dipendenze. Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Dipartimento Dipendenze Progetto regionale di prevenzione LIFE SKILLS TRAINING Perché un intervento preventivo dell uso ed abuso di sostanze nella classe prima media? Le ricerche dimostrano che si sta

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Descrizione sintetica del progetto

Descrizione sintetica del progetto 1 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO DI COUNSELING EDUCATIVO/ABILITATIVO A FAVORE DI SOGGETTI CON AUTISMO E DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO Descrizione sintetica del progetto Progetto sperimentale

Dettagli

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione COMUNE di FORMIA Provincia di Latina REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Art. 1) Definizione Il Centro Diurno Socio-educativo-riabilitativo (di seguito

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

HEALTH PROMOTING SCHOOL

HEALTH PROMOTING SCHOOL HEALTH PROMOTING SCHOOL Milano, 5-6-7 giugno 2007 LA PROMOZIONE DELLA SALUTE La "Carta di Ottawa sulla Promozione della Salute (Ottawa Charter for Health Promotion - First International Conference on Health

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

Il Direttore Generale Carlo Lucchina

Il Direttore Generale Carlo Lucchina Ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere e p.c. Ai Direttori dei Dipartimenti di Salute Mentale LORO SEDI CIRCOLARE N 49.../SAN Oggetto: Indirizzi

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Curriculum Vitae. Realini Tiziana Via Nazionale, 41 23013 Cosio Valtellino Tel. 0342/635804. e-mail tiziana_realini@virgilio.it. Nazionalità italiana

Curriculum Vitae. Realini Tiziana Via Nazionale, 41 23013 Cosio Valtellino Tel. 0342/635804. e-mail tiziana_realini@virgilio.it. Nazionalità italiana Curriculum Vitae Realini Tiziana Via Nazionale, 41 23013 Cosio Valtellino Tel. 0342/635804 e-mail tiziana_realini@virgilio.it Nazionalità italiana Nata il 28-10-1958 Laureata in psicologia presso l università

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

LE LINEE DIINDIRIZZO REGIONALE

LE LINEE DIINDIRIZZO REGIONALE CORSO DI FORMAZIONE PER FACILITATORI RISCHI CLINICO Il Rischio nelle organizzazioni sanitarie: Relazione tra rischio clinico e sicurezza degli operatori. 28-29 29 ottobre e 20 Novembre 2014 D.ssa Manuela

Dettagli

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils

OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils LAURA PALEARI Psicologa Psicoterapeuta OGGETTO: Relazione conclusiva del progetto Prendiamoci per mano e raccontaci la tua storia realizzato dalla Segreteria di Torino del Gils PREMESSA Con il sopraggiungere

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione. Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano

Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione. Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano Criteri di scelta, personalizzazione, training e gestione degli ausili di comunicazione Mauro Tavarnelli Giuseppina Castellano La valutazione è un compito complesso Occorre conoscere tutti gli elementi

Dettagli

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero)

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) Un laboratorio aperto tutto l anno per favorire gli inserimenti lavorativi delle persone svantaggiate, è la

Dettagli

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP

Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti FATTORI DI RISCHIO EMERSI DAI FOCUS GROUP Nell ambito del progetto Rischi psicosociali tra gli insegnanti si è proceduto alla realizzazione di quattro focus

Dettagli

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA

AUTISMO UNA DISABILITÀ GRAVE E PERMANENTE L AUTISMO È DIFFUSO? QUASI MEZZO MILIONE DI CASI IN ITALIA AUTISMO Il termine autismo identifica una disabilità permanente complessa, di natura neurobiologica, che si manifesta ed è identificabile nella prima infanzia sulla base di difficoltà di comunicazione,

Dettagli

Allegato al N.P. 1BIS requisito SCHEDA DG RESIDENZA PSICHIATRICA. Casa Godio

Allegato al N.P. 1BIS requisito SCHEDA DG RESIDENZA PSICHIATRICA. Casa Godio Allegato al N.P. 1BIS requisito SCHEDA DG RESIDENZA PSICHIATRICA Casa Godio 1/14 SOMMARIO MODELLO METODOLOGICO 2 IL PROGETTO RIABILITATIVO 5 LE FASI DEL PROGETTO RIABILITATIVO INDIVIUALIZZATO 8 ELENCO

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza

Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Relazioni fra istituzioni: famiglia, scuola e rischio in adolescenza Dott.ssa Manuela Bina Ph.D.* ** in collaborazione con Elena Cattelino**, Silvia Bonino*, Emanuela Calandri* *Università degli Studi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI I Sessione: Il problema del lavoro rispetto alla psicopatologia e alla psicologia Malattie psichiatriche e lavoro Milano Ospedale San Raffaele 19 Novembre 2010 ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PSICHIATRICI TERRITORIALI

Dettagli