PROGETTI INTERNAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTI INTERNAZIONALI"

Transcript

1 Edizione LECCO Anno III, n. 9, Ottobre/Dicembre 2009 PREVENZIONE Influenza A: alcune semplici regole per tenerla lontana PROGETTI INTERNAZIONALI epsos: la salute non ha confini SICUREZZA L appropriatezza nell uso dei farmaci I NUOVI OSPEDALI LOMBARDI NOTIZIE DALLA TUA ASL Prevenire sovrappeso e obesità Al via il nuovo centro di tomografia Gli screening oncologici dell ASL di Lecco n 9

2 In questo numero EDITORIALE P 3 MAGGIORE SICUREZZA PER IL PAZIENTE GRAZIE AL QUESITO DIAGNOSTICO L Assessore Bresciani ai cittadini PREVENZIONE P 4-6 INFLUENZA A: ALCUNE SEMPLICI REGOLE PER TENERLA LONTANA I comportamenti per limitare la probabilità di contagio DAL TERRITORIO P 7-10 NOTIZIE DALLA TUA ASL PROGETTI INTERNAZIONALI P 11 EPSOS: LA SALUTE NON HA CONFINI Migliore accesso alle cure per i cittadini europei SICUREZZA P SICUREZZA E APPROPRIATEZZA NELL USO DEI FARMACI Le attività a tutela dei cittadini EDILIZIA SANITARIA P MAGGIOR COMFORT E FUNZIONALITÀ NEI NUOVI OSPEDALI LOMBARDI Il nuovo volto della Sanità lombarda Registrata al Tribunale di Milano in data al numero 292 Chiuso in redazione: 30 ottobre 2009 Direttore responsabile: Daniela Martelli Redazione: Antonio Fanuzzi, Manuela Filardo, Chiara Franceschi, Elena Frasio, Alessandro Gatta, Roberta Gorio, Enzo Mascolo, Enrico Parola, Michela Roncetti, Marcella Ubezio Progetto grafico: MultiMedia srl Stampa: Lucky Group Tiratura: Contatti: Anno III, n. 9, Ottobre/Dicembre 2009

3 MAGGIORE SICUREZZA PER IL PAZIENTE GRAZIE AL QUESITO DIAGNOSTICO Luciano Bresciani è nato 66 anni fa a Carbonara di Po, in Provincia di Mantova, e risiede a Milano. Cardiologo, ha esercitato la professione in Sudafrica, con Christian Barnard, nei primi anni settanta e poi negli Stati Uniti. Ha insegnato in Olanda, presso l Università Reale di Utrecht. Ha svolto la propria attività professionale presso gli ospedali milanesi San Paolo e San Raffaele. Negli anni Novanta è stato Assessore alla salute per la Provincia di Como. In qualità di esperto di programmazione sanitaria, collabora con Regione Lombardia dal 2003 ed è stato direttore generale vicario della Sanità lombarda dal giugno del 2005 fino a marzo Dal 1 ottobre tutte le impegnative contenenti prescrizioni di specialistica ambulatoriale devono contenere, così come prevede il codice deontologico della professione medica, l espressione del sospetto/quesito diagnostico. Anche se sembra una notizia per addetti ai lavori, riguarda invece tutti noi. Il quesito, o sospetto diagnostico, è infatti l indicazione scritta della ragione in base alla quale il medico ritiene necessari determinati esami per arrivare a una diagnosi: nella ricetta, cioè, accanto ai codici degli esami prescritti il medico deve spiegare perché, in base a quali sintomi, ritiene opportuno che il suo assistito debba sottoporsi agli accertamenti indicati. Questa precisazione da una parte permette al paziente di capire meglio, in modo più chiaro e intellegibile perché deve fare certi esami, dall altra è uno strumento in più, un informazione più dettagliata e circostanziata che viene consegnata allo specialista, così che questi sia in grado di indirizzare meglio la propria indagine. Facciamo l esempio degli esami radiologici come la tac o la radiografia al torace, che comportano un esposizione ai raggi: il quesito diagnostico, riportando non solo la richiesta dell esame ma i sintomi che hanno spinto il medico a richiederlo, permette al radiologo di indirizzare meglio e quindi circoscrivere maggiormente l area da esaminare, e ciò comporta per il paziente una minor esposizione. Potrebbe verificarsi anche il caso in cui lo specialista, valutate le indicazioni del medico, ritenga inutile un certo esame, evitando quindi al paziente di sottoporvisi. Come si può capire dai due casi presi ad esempio, l indicazione del quesito diagnostico comporta dunque una maggiore responsabilità da parte del medico prescrittore e migliora sicuramente il livello di appropriatezza-sicurezza delle prestazioni erogate, a tutto vantaggio del paziente. Aggiungo che oggi la prescrizione di esami non è prerogativa solo del medico di base, ma anche degli altri medici: se vado da uno specialista a fare un esame e in base ai risultati questi ritiene opportuno farne altri, questi me lo può prescrivere direttamente, senza farmi tornare dal mio medico di base. È evidente il risparmio di tempo (e non solo): e in certi casi il tempo può essere un elemento decisivo per una cura efficace. Luciano Bresciani Assessore alla Sanità 3

4 PREVENZIONE INFLUENZA A: ALCUNE SEMPLICI REGOLE PER TENERLA LONTANA Influenza A/H1N1: è probabilmente il termine scientifico che in questi mesi ha goduto della maggiore popolarità. Di che cosa si tratta? Quanto è pericolosa? Come si trasmette? Come affrontarla? Regione Lombardia, con la campagna informativa Lasciati influenzare solo dai buoni consigli, ha diffuso indicazioni semplici e precise per limitare la probabilità di contagio e per affrontare l eventuale comparsa dei sintomi influenzali. Sul sito regionale della sanità (www.sanita.regione.lombardia. it) sono reperibili sia i materiali della campagna sia i risultati del costante monitoraggio cui è soggetta l influenza: ogni settimana viene aggiornata la sezione Influnews, redatta in collaborazione con la sezione di virologia dell Università degli Studi di Milano e con il Centro Interuniversitario di Ricerca sull Influenza e sulle Infezioni Virali. Per facilità e chiarezza di comprensione, puntualizziamo alcuni aspetti legati alla nuova influenza. Quali caratteristiche e sintomi presenta? Per quanto si è riscontrato fino ad oggi, il virus A/H1N1 provoca generalmente una forma lieve d influenza e la maggior parte delle persone guarisce in pochi giorni, senza alcuna necessità di terapia farmacologica o di ricovero ospedaliero. I sintomi sono generalmente simili a quelli delle influenze stagionali: febbre, tosse, mal di gola, nausea, cefalea, dolori muscolari. 4 Può avere conseguenze gravi? Come in tutte le influenze stagionali, anche nella nuova influenza A/H1N1 vi è il rischio di complicanze gravi (polmonite e insufficienza respiratoria); ma il rischio è minore rispetto all influenza stagionale, e riguarda principalmente persone affette da patologie croniche o con scarse difese immunitarie. È importante ricordare che il numero di casi sinora segnalati di complicazioni gravi e decessi associati alla nuova influenza A/H1N1 è molto inferiore, percentualmente, rispetto al numero di casi gravi o decessi associati all influenza stagionale. Come si trasmette? Allo stesso modo delle influenze stagionali, cioè per via aerea, attraverso le goccioline di saliva: respirando a distanza molto ravvicinata (meno di mezzo metro), da persone che tossiscono o starnutiscono. Cosa fare per limitare la probabilità di contagio? I consigli sono simili a quelli indicati per tutte le altre malattie infettive: in caso di starnuti o tosse coprire naso e bocca col fazzoletto, mantenendosi a distanza da altre persone; lavare spesso le mani; evitare contatti ravvicinati soprattutto con persone che potrebbero essere malate; arieggiare bene l ambiente in cui si vive aprendo con frequenza le finestre o garantendo il corretto funzionamento degli impianti di condizionamento; curare la pulizia degli ambienti. È inoltre sempre molto utile praticare comportamenti salutari: dormire un tempo adeguato, alimentarsi in modo corretto privilegiando il consumo di frutta e verdura di stagione e svolgere regolare attività fisica. Cosa fare se compaiono sintomi influenzali? Bisogna rimanere in casa e informare il proprio medico di medicina generale o il pediatra di famiglia. Al Pronto Soccorso ci si rivolge solo in caso di gravi difficoltà respiratorie; si ricorre ai farmaci antivirali solo nei casi gravi, che richiedono il ricovero in ospedale. Se un membro della famiglia è stato contagiato, in casa sono utili gli stessi consigli indicati per la prevenzione. Quali sono le indicazioni per la vaccinazione? La vaccinazione pandemica antinfluenzale, come indicato dal Ministero della Salute, è offerta prioritariamente a chi lavora nei servizi essenziali alla vita della comunità (assistenza sanitaria, domiciliare e degli anziani, distribuzione di gas-acqua-elettricità, trasporti, raccolta dei rifiuti, tutti i servizi di sicurezza, come carabinieri, polizia e vigili del fuoco); alle donne in gravidanza; a chi, adulti e bambini, è afflitto da patologie quali le malattie croniche all apparato respiratorio, malattie dell apparato cardiocircolatorio, epatopatie, neoplasie. Dai primi di novembre queste categorie di persone sono invitate a contattare la propria Asl per ricevere il vaccino. Le persone con meno di 65 anni che devono effettuare sia la vaccinazione antinfluenzale stagionale sia quella pandemica contro l influenza A/H1N1 faranno prima la vaccinazione pandemica per l influenza A/H1N1 e successivamente la vaccinazione antinfluenzale stagionale.

5 PER LIMITARE LA PROBABILITÀ DI CONTAGIO: COPRI NASO E BOCCA SE STARNUTISCI E TOSSISCI. Copri naso e bocca con fazzoletti di carta in caso di starnuti o tosse, gettando subito il fazzoletto nella pattumiera. LAV ATI SPESSO LE MANI. Lava con attenzione e regolarità le mani, con acqua e sapone o con soluzione idroalcolica (gel/liquidi igienizzanti) che ha il vantaggio di poter essere usata anche in assenza di acqua. FAI ATTENZIONE AI LUOGHI AFFOLLATI. Evita, se possibile, di frequentare luoghi sovraffollati, dove non si è in grado di mantenere una distanza di almeno 50 cm tra le persone. Arieggia regolarmente gli ambienti dove vivi con altre persone, aprendo le finestre o assicurandoti che funzionino correttamente gli impianti di condizionamento. FAI SPESSO ATTIVITÀ FISICA. Pratica stili di vita sani: dormi un tempo adeguato, alimentati in modo corretto privilegiando frutta e verdura di stagione e svolgi attività fisica.

6 SE COMPAIONO SINTOMI INFLUENZALI: non serve fare test (tampone) per verificare di quale virus si tratta. stai a casa a riposo e assumi farmaci sintomatici per la febbre e la tosse. Riprendi ad uscire almeno 24 ore dopo la scomparsa dei sintomi. se i sintomi permangono contatta il tuo medico. rivolgiti al pronto soccorso solo in caso di gravi sintomi respiratori (difficoltà a respirare e aumento della frequenza di respirazione). i farmaci antivirali servono solo nei casi gravi che richiedono ricovero in ospedale. In casa e con i familiari: copri naso e bocca con fazzoletti di carta in caso di starnuti o tosse, gettando subito il fazzoletto nella pattumiera. lava con attenzione e regolarità le mani. evita contatti bocca bocca ravvicinati. mantieni una buona pulizia dei locali e arieggiali regolarmente aprendo le finestre o assicurandoti che funzionino correttamente gli impianti di condizionamento.

7 IL PIANO AZIENDALE PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DEL SOVRAPPESO E DELL OBESITÀ Abitudini e stili di vita costituiscono fattori di rischio nell insorgenza di numerose malattie. L OMS stima infatti che il 50% delle malattie negli uomini e il 25% nelle donne nei paesi occidentali siano legati a fattori comportamentali: le scelte alimentari sono sicuramente tra questi, così come quelle del tempo dedicato alle attività di movimento e alla tipologia delle stesse. L obesità è una delle patologie più diffuse: la sua prevalenza nella popolazione adulta in Italia (ISTAT 2003) è del 9% e, se a questo valore aggiungiamo il 33,6% di persone in sovrappeso, arriviamo a un 42,6% di adulti italiani che pesano più di quanto raccomandato, cioè che hanno un Indice di Massa Corporea superiore a 25. A livello lombardo abbiamo il 31,1% di adulti in sovrappeso e l 8% di obesi (Ministero della Salute ). I dati locali, provenienti dalle 370 interviste fatte dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell ASL di Lecco durante manifestazioni e momenti di promozione della salute, indicano negli adulti una prevalenza del 7,5% dell obesità e del 35% del sovrappeso. Regione Lombardia ha inserito il contrasto a sovrappeso e obesità tra le linee di intervento prioritarie del Piano Socio Sanitario con l intento di integrare e potenziare i diversi interventi attuati dalle strutture sanitarie ospedaliere e territoriali: questo è il contesto dentro cui si collocano i Piani aziendali per la prevenzione ed il trattamento dell obesità che ogni azienda sanitaria è tenuta a formulare e attuare nel triennio Conseguentemente, nel 2008 la Direzione Sanitaria dell ASL di Lecco ha costituito un gruppo di lavoro tecnico con i rappresentanti dell Azienda Ospedaliera e dei Medici e Pediatri di famiglia per progettare il proprio Piano triennale Obesità. Su indicazione della Regione questo piano contempla 13 linee di azione, per ciascuna delle quali sono previsti indicatori annuali di avanzamento e risultato. L ASL vuole sensibilizzare i propri operatori sanitari a prevenire o curare innanzitutto la propria propensione all aumento di peso e alla sedentarietà dando in un certo senso l esempio a tutta la restante popolazione. Il personale sanitario dipendente della ASL dovrà inoltre formarsi per poter a sua volta formare altri operatori sanitari per affrontare con maggior efficacia l epidemia di obesità. Lo scopo è migliorare la circolazione delle informazioni tra i vari attori del sistema sanitario e condividere gli obiettivi e le metodologie di intervento rispetto a un problema di assai difficile soluzione in quanto coinvolgente non solo l aspetto biologico ma anche quello psicologico e sociale delle persone che hanno o potrebbero avere problemi di peso. Un aspetto fondamentale di questo piano è il miglioramento delle capacità e delle tecniche di comunicazione e motivazione in quanto il messaggio di salute, sia esso un informazione fornita agli scolari a scopo preventivo piuttosto che una prescrizione terapeutica del proprio medico, diventa efficace solo se realmente messo in atto. Tra le 13 azioni programmatiche del piano triennale obesità sono in fase di realizzazione: - corso di formazione per i formatori (personale sanitario) in ottobre novembre; - ricerca routinaria dell eccesso di peso durante le visite mediche periodiche a cui sono sottoposti i dipendenti aziendali; - valutazione della propensione al movimento per tutti i dipendenti della ASL tramite un questionario; - distribuzione di materiale informativo per incentivare l allattamento al seno e una corretta igiene di vita in gravidanza, entrambi fattori preventivi dell obesità. Il 2010 sarà l anno in cui quanto proposto dal gruppo di lavoro aziendale verrà valutato dalla Direzione al fine di dare applicazione a tutte le azioni programmatiche previste dal documento di indirizzo della Regione. P.7

8 AVVIO E SVILUPPO DEL REGISTRO TUMORI NELLE ASL DI LECCO E COMO Nel corso del 2008 è stato avviato nell ASL di Lecco un progetto di realizzazione e implementazione del Registro Tumori, recependo le indicazioni regionali riguardanti gli interventi preventivi in campo oncologico. Il Registro Tumori infatti va a integrarsi nella rete BDA (banca dati assistiti) e nella ROL (rete oncologica regionale). I Registri Tumori sono strutture impegnate nella raccolta di informazioni sui malati di cancro residenti in un determinato territorio. Sono necessari perché in nessuna struttura ospedaliera italiana, pubblica o accreditata, c è l obbligo di archiviare i dati relativi alla diagnosi e alla cura dei tumori. Se si vuole sorvegliare l andamento della patologia oncologica occorre quindi andare a ricercare attivamente le informazioni, codificarle, registrarle. Le informazioni raccolte includono il tipo di cancro diagnosticato, il nome, l indirizzo, l età e il sesso del malato, le condizioni cliniche in cui si trova, i trattamenti che ha ricevuto e sta ricevendo e l evoluzione della malattia. Questi dati sono essenziali per la ricerca sulle cause del cancro, per la valutazione dei trattamenti più efficaci, per la progettazione di interventi di prevenzione e per la programmazione delle spese sanitarie. Gli obiettivi del Registro Tumori sono: sorveglianza e controllo della patologia tumorale; stima dell incidenza e prevalenza; eventi sentinella; studi di sopravvivenza per la valutazione della qualità delle cure; valutazione dell efficacia degli interventi con particolare attenzione alle attività di screening; supporto nella valutazione e studio dei Percorsi Diagnostico Terapeutici. Infine non indifferente è il supporto alla pianificazione, programmazione e valutazione degli interventi sanitari sulla scorta di una consapevole conoscenza della realtà. La Direzione Generale Sanità della Regione ha sollecitato a partire dalla fine del 2007 il completamento della rete di Registri provinciali. All inizio del 2008, precedendo altre ASL, si è avviato il Registro dell ASL di Lecco in contemporanea e in collaborazione con Como. La costruzione di un Registro Tumori è un processo complesso. Si definisce automatico in quanto si basa sul record linkage delle fonti disponibili. Si realizza anche attraverso un lavoro manuale sia a video che attraverso l utilizzo di informazioni derivate dalle anagrafi comunali e dalle Strutture erogatrici (in questo caso dati sanitari). Il livello di qualità del contributo che il RT può offrire alla ricerca oncologica e alla sanità pubblica è fortemente condizionato dalla scelta delle fonti e dall applicazione di Regole precise di registrazione e di estrazione. Nella ricerca dei casi, altre fonti informative possono essere preziose, quali ad esempio altri flussi della BDA (File F, Farmaceutica, Specialistica ambulatoriale), la ROL, eccetera. Per alcuni tumori con diagnosi non conseguente a ricovero, la loro identificazione può nascere solo dall anatomia patologica. Per questo motivo e per la ricostruzione di casi migrati fuori provincia, si stanno acquisendo i dati di anatomia patologica anche da: Istituto Nazionale Tumori, Istituto Europeo di Oncologia, S.Raffaele, S. Gerardo di Monza, S. Matteo di Pavia, Niguarda, Saronno, Varese. Inoltre nella soluzione di casi complessi o non concordanti occorre studiare la cartella clinica che, in assenza di dati certi anatomopatologici, fornisce elementi clinici, di diagnosi e terapia orientativi per la definizione della patologia e assegnazione all incidenza o alla prevalenza. Un efficiente Registro Tumori deve essere il più vicino possibile al tempo reale per orientare anche le scelte in politica sanitaria. Per questo si avvale di tutti gli strumenti possibili di carattere informatico. D altra parte per assicurare la completezza dei casi e la loro corretta codifica è necessario anche un paziente e minuto lavoro manuale. L obiettivo è la fotografia della realtà. P.8

9 AVVIATO IL NUOVO CENTRO DI TOMOGRAFIA AD EMISSIONE DI POSITRONI (PET-TAC) Dott. Claudio Di Leo È dalla stretta collaborazione, avviata da circa un biennio, tra il Centro di Bioimmagini Molecolari dell Università di Milano Bicocca e l Azienda Ospedaliera di Lecco che ha preso corpo, in queste settimane, il nuovo Centro di Tomografia ad Emissione di Positroni (PET-TAC), parte integrante della struttura di Medicina Nucleare, responsabile Claudio Di Leo, e in senso più ampio del Dipartimento Immagini e Terapia Radiante, diretto da Alessandro Colombo. L innovazione diagnostica porta il presidio lecchese a essere alla pari, in questo settore, con grandi centri ospedalieri come il San Raffaele di Milano o il San Gerardo di Monza, e rappresenta un traguardo davvero importante nell imaging e nello studio dei tumori. La Pet è un apparato tecnologico che produce potenti immagini delle funzioni biologiche del corpo umano e mostra, con netta evidenza, le sedi di presenza delle cellule tumorali. Con la nuova acquisizione tecnologica, sarà possibile studiare, con maggiore precisione, le principali patologie tumorali (polmone, mammella, colon-retto, testa-collo, linfomi e melanomi) e valutare, in modo più accurato, la risposta della malattia alle terapie avviate (radioterapia, chemioterapia e terapia chirurgica). L apparecchiatura non emette radiazioni ma rileva quelle beta emesse dal paziente: Infatti, prima di iniziare la scansione di rilevazione, al paziente viene somministrato per via venosa uno zucchero di cui si nutrono in grande quantità i tumori. spiega Claudio Di Leo - Durante la scansione la Pet rileva i fotoni ad alta energia emessi dal paziente e localizza in maniera precisissima le sedi di accumulo dello zucchero che è stato precedentemente somministrato. Il computer che gestisce la macchina riassembla, quindi, tutti i dati ricevuti e produce immagini tridimensionali della distribuzione dello zucchero radiomarcato nel corpo. Semplificando, la Tac rileva le dimensioni del linfonodo, mentre la Pet chiarisce se quest ultimo è metabolicamente attivo. Le ricadute diagnostiche, cliniche e terapeutiche sono, dunque, importantissime. L intero apparato diagnostico, del valore complessivo di 2,5 milioni di euro, potrà anche monitorare nel tempo l efficacia dei trattamenti terapeutici, oltre a consentire la scelta del migliore approccio terapeutico per ogni singolo paziente. Non solo: la Pet permetterà di monitorare malattie cardiologiche e interventi di rivascolarizzazione, ma soprattutto consentirà di evitare molte procedure anche invasive, poiché con una sola indagine si potrà avere un accurata appropriatezza diagnostica di malignità nelle lesioni sospette e in tutto il corpo. La tecnologia ibrida della Pet/Tac del Manzoni, basata sull acquisizione simultanea di immagini anatomiche TAC e metaboliche PET, rappresenta lo stato dell arte più avanzato nell ambito della diagnostica oncologica. Consentirà di erogare a regime prestazioni annue, coprendo il fabbisogno sanitario di un bacino d utenza di circa 1 milione di abitanti: oltre alla provincia di Lecco, anche quelle di Como e Sondrio, presso i cui centri ospedalieri non è installata una analoga apparecchiatura. L ospedale Manzoni di Lecco è destinato, così, a diventare, in breve tempo, centro di assoluta eccellenza nell ambito della diagnostica oncologica per immagini. P.9

10 GLI SCREENING ONCOLOGICI NELL ASL DI LECCO: Una diagnosi precoce che fa la differenza Le attività di screening dell ASL della provincia di Lecco hanno ormai una tradizione pluriennale il cui successo è legato anche alla forte rete territoriale realizzatasi. Infatti, oltre agli ottimi rapporti di collaborazione con le strutture ospedaliere e le case di cura partecipanti ai progetti, si sono stabilite proficue alleanze con numerose associazioni di volontariato presenti sul territorio che intervengono sia per gli aspetti di counselling telefonico, nel caso dello screening mammografico, sia logistici nel caso dello screening del colon-retto. Grazie a questa fitta rete di collaborazione la chiamata degli screening è entrata nella consuetudine della nostra popolazione. Lo screening mammografico, attivato nel territorio provinciale sin dal 1999, è rivolto a una popolazione target costituita da donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni. Prevede l offerta della mammografia ogni due anni e la lettura della stessa da parte di due radiologi. Secondo gli ultimi dati comunicati all Osservatorio Nazionale Screening GISMA-Survey, anno di attività 2008, risulta che nel corso dell anno sono state invitate donne, fra queste il 61,77% ha aderito (effettuando uno screening presso le strutture dell ASL), mentre l adesione allo screening+spontanee (cioè la percentuale di donne che hanno effettuato uno screening presso la ASL o presso altre strutture della provincia) è stata del 73,84%. Sempre nel corso del 2008, 660 donne sono state richiamate per sottoporsi agli approfondimenti di secondo livello: fra queste 73 sono state operate con diagnosi di malignità. Dal novembre del 2005 è stato attivato nell ASL della provincia di Lecco anche lo screening per la diagnosi precoce del tumore del colon-retto, che, attraverso la diagnosi precoce delle lesioni pretumorali e delle neoplasie in fase iniziale, è utile a ridurre la mortalità derivante dal cancro del colon-retto. La ricerca del sangue occulto nelle feci è un iniziativa di prevenzione oncologica rivolta a una popolazione target costituita da uomini e donne in età compresa tra i 50 e i 69 anni che ogni due anni, come da protocollo, riceve l invito di adesione allo screening. L accessibilità al test è favorita dalla collaborazione delle farmacie, che hanno dato la disponibilità per la consegna del kit e dalle associazioni di volontariato che, intervenendo anche in zone logisticamente disagiate, provvedono alla raccolta delle provette nei giorni prestabiliti e comunicati all utenza con la lettera d invito. Successivamente i campioni raccolti vengono analizzati dal Laboratorio di Sanità Pubblica. Secondo gli ultimi dati relazionati al GI- SCOR-Survey, nel corso del 2008 sono state invitate per lo screening colorettale persone, fra queste hanno aderito complessivamente il 58,2%. Fra gli aderenti sono stati individuati e inviati ad approfondimento con colonscopia/altro positivi fra cui sono stati diagnosticati 36 casi di cancro. Questi sono dati importantissimi che ci inducono a riflettere sull opportunità che alcuni esami, come la mammografia o test di facilissima esecuzione, come può esserlo il FOBT, possono talvolta salvarci la vita, facendo veramente la differenza. A cura di Ufficio comunicazione/urp ASL di Lecco Redazione: Cinzia Boffetti, Andrea Fascendini, Fabrizio Fontana Hanno collaborato a questo numero: Angelo Ferraroli, Paolo Gulisano, Antonella Ilardo, Antonella Bracchi, Gisella Moretti, Daniela Sala, Antonio Urti (A.O.Lecco) Tiratura per l ASL: Contatti: - P.10

11 PROGETTI INTERNAZIONALI epsos: LA SALUTE NON HA CONFINI Nell Unione Europea le persone dovrebbero potersi muovere da un Paese membro all altro in modo sempre più facile: stiamo lavorando perché questa libera circolazione sia possibile anche a livello sanitario. Carlo Corti, responsabile regionale della Struttura Progetti di Sanità Internazionale, introduce così l iniziativa che sta coinvolgendo la Lombardia, unico rappresentante italiano in un consorzio di dodici Paesi chiamati a sperimentare nuovi servizi e che sta realizzando il progetto europeo epsos (acronimo inglese di European Patients Smart Open Services). Intervistato sul progetto, Corti spiega: Ogni nazione ha un proprio specifico sistema sanitario, ma quando una persona si trova all estero e necessita di assistenza sanitaria deve poter essere curata come se fosse nel proprio Paese. Come renderlo possibile? Questo progetto, ancora sperimentale, sfrutta le nuove risorse offerte dalla tecnologia informatica per permettere al cittadino europeo, che si trovi temporaneamente all estero, un migliore accesso alle cure: si potrà essere curati come a casa propria, poiché il medico che ci sta visitando potrà consultare attraverso epsos il patient summary, sintesi dei dati più significativi della nostra storia clinica (ad esempio gruppo sanguigno, allergie, cronicità, farmaci prescritti) contenuti nel nostro personale fascicolo sanitario elettronico. Se ad esempio vado in Grecia per una vacanza e necessito di cure mediche, il dottore potrà avere a disposizione tutti i dati e le informazioni sanitarie più importanti a mio riguardo e potrà così curarmi meglio: non mi somministrerà un certo farmaco se vedrà che sono allergico a un suo componente. Conoscendo più fattori potrà effettuare una diagnosi più precisa. Come si accede a questi servizi? Stiamo ancora lavorando per comprendere quali siano le migliori e più sicure modalità per consentire al professionista straniero di accedere a questi dati: ci sono problemi di identificazione del cittadino e del professionista, di consenso, di tutela della privacy e di compatibilità tra i diversi sistemi europei di sanità elettronica. Sicuramente il SISS, la rete informatica che mette in comunicazione gli operatori sanitari, le organizzazioni sociosanitarie e i cittadini, rappresenterà la porta per accedere ai dati dei cittadini lombardi e il luogo dove i professionisti stranieri potranno trovare le informazioni necessarie relative alla salute del paziente. Parla al futuro: questo servizio non è ancora attivo? Siamo nella fase sperimentale, avviata dopo uno studio di fattibilità in cui sono state individuate le Regioni europee con sistemi sanitari tecnologicamente all avanguardia, con infrastrutture informatiche capaci di supportare l impianto epsos, di utilizzarlo e quindi di testarne l efficacia. Per l Italia è stata scelta la Lombardia. Lo leggo come un riconoscimento, a livello internazionale, degli sforzi e dei risultati ottenuti in questi anni sul fronte della modernizzazione e del potenziamento del nostro sistema sanitario attraverso le nuove risorse tecnologiche. Quali sono le altre nazioni europee coinvolte? Austria e Germania, Repubblica Ceca, Francia e Spagna, Grecia, Svezia, Regno Unito, Slovacchia, Olanda e Danimarca. Per ogni Paese sono state individuate una o più aree di riferimento: oltre alla qualità del sistema sanitario, si è considerata la possibile affluenza di cittadini stranieri; ad esempio per la Francia è stata scelta Lourdes, per la Spagna l Andalusia, per l Austria Vienna e la Carinzia. Quando saranno effettivamente operativi i servizi epsos? La sperimentazione durerà fino al 2011, poi, una volta verificata l operatività del servizio, fatte le opportune valutazioni e le eventuali migliorie, si prevede una progressiva estensione su più larga scala. 11

12 SICUREZZA SICUREZZA E APPROPRIATEZZA NELL USO DEI FARMACI Ma lo sa che certe cure farmacologiche possono essere più dannose che salutari? Per la reazione avversa a un farmaco assunto si può anche morire; e non sto parlando della medicina fai da te o di Paesi sottosviluppati: può accadere anche in ospedale, in Italia come in America. L inizio potrebbe sembrare un ovvietà, la conclusione un iperbole per scuotere l opinione pubblica. Non sono però queste le intenzioni di Alma Lisa Rivolta che sta coordinando in Lombardia i progetti di farmacovigilanza: una parola poco diffusa, ma che identifica un tema di primaria importanza per la salute dei cittadini. Per spiegarla Rivolta parte dal concetto di reazione avversa. Innanzitutto bisogna premettere che i farmaci rappresentano uno strumento di prevenzione e di cura delle malattie che hanno effetti positivi su alcuni organi o su alcuni sistemi ammalati dell organismo, ma a volte possono risultare dannosi per altri organi o sistemi, provocando reazioni che vengono definite avverse. Qual è l entità di queste reazioni? Possono arrivare a generare situazioni invalidanti o addirittura la morte. Il quadro che emerge è sorprendente e preoccupante. Va tenuto in debita considerazione; per fortuna in Lombardia lo si sta facendo da tempo: i primi progetti risalgono agli inizi degli anni Novanta ed è del 2002 l istituzione del Centro regionale di farmacovigilanza. Che cos è esattamente la farmacovigilanza? È una disciplina che comprende tutte quelle attività che sono finalizzate alla valutazione continuativa delle informazioni relative alla sicurezza e all appropriatezza dell uso dei farmaci. L obiettivo è quello di garantire un rapporto tra i rischi e i benefici favorevole al cittadino. Chi segnala le reazioni avverse? Per lo più si tratta di segnalazioni spontanee provenienti dagli operatori sanitari e dai cittadini: segnali di allerta che, approfonditi nei Centri regionali di Farmacovigilanza o dall AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco -, possono fornire una nuova informazione utile ad adottare accorgimenti più appropriati per affrontare con sicurezza una certa terapia. Nel foglio di istruzioni allegato ad ogni farmaco vengono indicate le possibili controindicazioni: ad esempio il consiglio o la proibizione di assumerlo da parte di una donna gravida o di una persona con particolari patologie o allergie. Talvolta capita una reazione avversa non contemplata tra quelle riportate nel foglietto illustrativo: è allora che si mettono in moto le procedure e le verifiche di farmacovigilanza, arrivando a individuare nuove controindicazioni, diverse da quelle previste. La nuova conoscenza verrà segnalata alla comunità scientifica e a chi produce quel farmaco. Vorrei qui fare una precisazione: le segnalazioni delle reazioni avverse non devono essere percepite come un esercizio di denuncia dei danni provocati dai farmaci, ma come pratiche utili a favorirne la sicurezza d uso. Lei parlava di un Centro regionale. Sì, penso non si pecchi di campanilismo indicando la Lombardia come un riferimento anche in questo specifico ambito. Nel 2006 sono stati avviati nella nostra regione 55 progetti di Farmacovigilanza, che hanno coinvolto ospedali, ASL, farmacisti, medici, università e società scientifiche; a questi se ne sono aggiunti nel 2008 altri 15; si è cercato di dare continuità ai progetti che hanno prodotto buoni risultati, e di coinvolgere quelle aree o quei settori che esprimono le maggiori criticità legate all uso dei farmaci, operando prevalentemente per reti di patologia e per fasce d età, con una particolare attenzione a quelle più deboli, i bambini e gli anziani. Tra i progetti varati, quali sono i più significativi? 12

13 Sono molti. Potrei citare il Monitoraggio Epidemiologico di reazioni ed eventi avversi da farmaci in Pronto Soccorso (Mereafaps), che rappresenta un punto di osservazione privilegiato per l accesso volontario da parte dei pazienti: spesso i sintomi riscontrati non sono riconducibili a patologie preesistenti, ma appunto a reazioni avverse. C è poi il progetto Profilassi Antibiotica in Chirurgia (PAC), condotto in 7 grandi ospedali per assicurare l appropriatezza nell uso dell antibiotico profilassi in chirurgia. Un area molto seguita è quella oncologica, dove vengono monitorati i nuovi farmaci utilizzati per le malattie tumorali ematologiche: si tratta di farmaci immessi da poco sul mercato, i cui effetti non sono ancora sufficientemente conosciuti. Di dimensione mondiale è lo studio ILTE, coordinato dall università di Milano-Bicocca e dall ospedale San Gerardo, che analizza gli effetti a lungo termine della somministrazione di Imatinib, un farmaco innovativo, in pazienti affetti da leucemia mieloide cronica. In questi anni quali sono i risultati conseguiti dalla Farmacovigilanza? Una conoscenza migliore dei farmaci e una conoscenza più ampia degli effetti che la loro somministrazione può comportare. E questo ha portato anche ad un uso più consapevole e corretto dei farmaci: il buon uso dei medicinali è un abitudine che si deve diffondere sempre più, sia tra gli operatori sanitari sia tra i cittadini, così che si riesca a far coincidere un appropriata terapia farmacologica con un minore rischio da parte dei pazienti. In questo modo c è un duplice vantaggio: da una parte si evitano sprechi nella spesa sanitaria legata alla farmaceutica, dall altra si migliora il benessere dei cittadini NUMERO VERDE UNICO PER PRENOTARE ESAMI E VISITE è il numero verde unico per prenotare visite mediche ed esami specialistici in Lombardia, nelle strutture pubbliche e private che hanno aderito al servizio. Ad oggi sono già accessibili numerose strutture sanitarie delle province di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza e Brianza, Pavia e Varese. L elenco dettagliato e aggiornato delle strutture sanitarie aderenti che si arricchisce di giorno in giorno è consultabile visitando il sito alla voce Prenotazioni sanitarie. Il servizio di prenotazione telefonica è attivo con operatore da lunedì a sabato dalle 8.00 alle ore 20.00, esclusi i giorni festivi. Al momento della telefonata il cittadino dovrà essere provvisto dell impegnativa del medico e della CRS - Carta Regionale Servizi - per poter fornire i dati che gli verranno richiesti dall operatore. Il servizio è gratuito (da telefono fisso, telefono pubblico e cellulare, anche da fuori regione). 13

14 EDILIZIA SANITARIA MAGGIOR COMFORT E FUNZIONALITÀ NEI NUOVI OSPEDALI LOMBARDI Il cantiere dell Ospedale Niguarda - Ca Granda di Milano Il volto della sanità lombarda è cambiato in questi anni. Sono cambiati soprattutto alcuni suoi luoghi, diventati rapidamente più belli e, cosa ancor più importante, più efficienti dal punto di vista della funzionalità. Sono i nuovi ospedali sorti nella nostra Regione a Varese, a Broni Stradella, a Bergamo, a Como e Vimercate, a Legnano e a Milano, con il Niguarda Ca Granda. A parlarne è Elisabetta Confalonieri, responsabile dell edilizia sanitaria in Regione Lombardia. Innanzitutto, anche se potrebbe sembrare un aspetto secondario, è molto migliorata la qualità alberghiera, cioè il comfort della struttura. Esteriormente le forme architettoniche e le superfici sono più varie, più mosse: i nuovi edifici sono strutture basse che si integrano in modo armonico con l ambiente naturale o urbano che li circonda. L ingresso dei nuovi ospedali sembra spesso la hall di un grande albergo: bisogna considerare, infatti, che la qualità estetica ha un profondo impatto psicologico su chi Il Nuovo Ospedale di Vimercate deve essere ricoverato o, comunque, deve recarsi in un ambulatorio per una visita o un esame. Un ambiente accogliente può offrire maggior serenità o comunque consentire al ricoverato di sentirsi maggiormente a proprio agio. Ogni stanza di degenza può avere al massimo quattro posti letto e deve essere sempre dotata di un bagno interno, deve, inoltre, rispettare standard tecnici tesi a garantire la miglior assistenza e il benessere psicofisico del paziente. Le stanze di degenza sono ben attrezzate e di ampie dimensioni, capaci di accogliere anche più visitatori per ogni ricoverato. L assetto dei posti letto è in linea con le nuove modalità di ricovero. A differenza del passato, sono aumentati i posti per il day-hospital e day-surgery e sono diminuiti quelli della degenza: questo non per una più frettolosa assistenza al paziente, ma perché la nuove tecnologie permettono tempi più bre- 14

15 Il cantiere dell Ospedale Niguarda - Ca Granda di Milano vi di analisi diagnostica e di ripresa del paziente dopo interventi che sono sempre meno invasivi. I nuovi ospedali sono migliorati anche dal punto di vista della funzionalità. Si è fatta molta attenzione ai percorsi interni: il risparmio di tempo in certi casi è fondamentale così, ad esempio, il Pronto Soccorso è stato collocato vicino alle sale operatorie, ma in generale sono stati ottimizzati tutti i percorsi che normalmente gli operatori e i pazienti devono compiere in ospedale, si è inoltre riorganizzata la distribuzione degli spazi e delle aree operative proprio per garantire una razionalizzazione degli spostamenti e un ottimizzazione dei tempi di trasferimento. L accessibilità agli ospedali, che in passato presentava criticità quali carenza di parcheggi o difficile viabilità d accesso, è decisamente migliorata. Si è ovviato creando un numero di parcheggi adeguato al numero dei posti letto. Ma abbiamo anche migliorato l accessibilità concertando con gli enti preposti un piano di viabilità adeguato che permetta di raggiungere l ospedale in modo rapido e semplice. Per quanto riguarda le apparecchiature tecnologiche? Anche queste sono state in buona parte rinnovate, inoltre tutti i nuovi ospedali saranno dotati di un apparato fotovoltaico e/o di un cogeneratore per la produzione di energia: l attenzione alla fonti rinnovabili e al risparmio energetico è oggi particolarmente sentita. Quanto sono costati i nuovi ospedali? L impegno economico è ingente. Supera il miliardo di euro. Per poter realizzare le nuove strutture abbiamo coinvolto anche soggetti privati, mediante iniziative pubblico-privato; ciò ha consentito la riduzione dei tempi di costruzione. Nei primi mesi del prossimo anno infatti i lavori potranno dirsi conclusi. Seguiranno i tempi tecnici per i collaudi e per il trasloco per cui abbiamo previsto circa sei mesi. Il Nuovo Ospedale Sant Anna di Como 15

16 COPRI NASO E BOCCA SE STARNUTISCI E TOSSISCI. LAVATI SPESSO LE MANI. FAI ATTENZIONE AI LUOGHI AFFOLLATI. MANGIA SANO CON MOLTA FRUTTA E VERDURA. FAI SPESSO ATTIVITÀ FISICA. DORMI IL TEMPO NECESSARIO. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Introdotta circa tre decadi fa da Phelps e Hoffman la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) solo recentemente è divenuta lo strumento

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO

IL PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO IL PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO PROVINCIA DI VARESE Il TERRITORIO di riferimento ESTENSIONE TERRITORIALE: 1.1.99 Kmq DENSITÀ ABITATIVA: 740,39 abitanti per Kmq TOTALE COMUNI: 141 POPOLAZIONE RESIDENTE

Dettagli

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO A) Prima parte: livello regionale 1) Attivazione dei programmi di screening La Regione Emilia-Romagna, con circolare n. 38

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

Influenza suina: l influenza A (H1N1)

Influenza suina: l influenza A (H1N1) . Influenza suina: l influenza A (H1N1) Il virus: lui chi è Ad aprile si sono registrati in Messico casi di infezione nell uomo da nuovo virus influenzale di tipo A (H1N1), precedentemente identificato

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari che hanno diagnosticato una malattia infettiva potenzialmente contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari relativa alla diagnosi di malattia infettiva contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di profilassi. In

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Sezione n.3 Rendicontazione delle attività di comunicazione anno 2013. AZIENDA [ ASL della Provincia di Varese]

Sezione n.3 Rendicontazione delle attività di comunicazione anno 2013. AZIENDA [ ASL della Provincia di Varese] AZIENDA [ ASL della Provincia di Varese] Le iniziative sono state raggruppate per aree tematiche Titolo dell iniziativa Breve descrizione (obiettivo, strumento, target) Risultati raggiunti SANI STILI DI

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

gratuita per alcune categorie:

gratuita per alcune categorie: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Vaccinazione antinfluenzale stagionale 2010-2011 l ASL organizza LA CAMPAGNA ANTINFLUENZALE in collaborazione con i Medici di Medicina Generale con inizio il giorno 2

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria La comunicazione con l assistito nel percorso di screening per i MAP 01 giugno 2013 e 16 novembre 2013

Dettagli

Regione Puglia PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA

Regione Puglia PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA Regione Puglia ALLEGATO E PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO (CCR) IN PUGLIA (ai sensi della Legge 138/2004 e dell Intesa Stato-Regioni e Province Autonome

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14 Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228 Dir. Resp.: Roberto Napoletano 25-OTT-2014 da pag. 14 Stabilità. Boschi: "Il taglio al fondo per i malati di Sla può essere rivisto in Parlamento" http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=24002

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 IL DIRETTORE GENERALE DELL ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Dott. Luigi Gianola Convegno del 14 Luglio 2010 Sala

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita:

Mediamente una donna su otto sviluppa un carcinoma mammario nel corso della propria vita: VI Congresso Nazionale AICM: Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cura. Percorso della paziente affetta da cancro della mammella :esperienza lombarda M. Gjeloshi Riccione,25-26

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica. Stati Generali della Salute. Roma Proposta della CAO Nazionale

Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica. Stati Generali della Salute. Roma Proposta della CAO Nazionale Un nuovo modello di assistenza odontoiatrica Stati Generali della Salute Roma Proposta della CAO Nazionale Roma, 09 /04/2014 Premessa La società in cui viviamo sta attraversando un momento di crisi e la

Dettagli

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: settembre 2009 L opuscolo è pubblicato anche nelle seguenti lingue: Tedesco

Dettagli

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K V O L U M E 8, N U M E R O 8 Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G

Dettagli

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE Il 5 luglio scorso l Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato contenuta in tutto il mondo l epidemia di SARS. Ciononostante occorre mantenere alta la vigilanza globale. A questo proposito

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI TERZA SEZIONE VACCINAZIONI Obiettivi generali di Piano: - Realizzazione della gestione informatizzata delle vaccinazioni - Miglioramento della qualità dell offerta vaccinale - Aumento delle coperture nelle

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione:

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: vaccinazioni e screening oncologici salute percepita e consigli dei sanitari Franca Mazzoli Marradi Coordinamento Regionale PASSI Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dati epidemiologici In Emilia-Romagna i tumori del colon-retto costituiscono la seconda causa

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

Che cos è ottimizzazione della dispensazione dei farmaci consegna a domicilio. gestione centralizzata dei dati e dei flussi degli stessi.

Che cos è ottimizzazione della dispensazione dei farmaci consegna a domicilio. gestione centralizzata dei dati e dei flussi degli stessi. Che cos è E un servizio innovativo che introduce, per la prima volta in Italia, un sistema modulare finalizzato alla ottimizzazione della dispensazione dei farmaci prevedendone finanche la consegna a domicilio.

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera

Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Il Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica nella ristorazione ospedaliera Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. Chiara TRENTO Ristorazione Ospedaliera e Servizi di

Dettagli

Antonio Bonaldi SLOW MEDICINE: RIALLINEARE SCIENZA ED UMANESIMO

Antonio Bonaldi SLOW MEDICINE: RIALLINEARE SCIENZA ED UMANESIMO Antonio Bonaldi SLOW MEDICINE: RIALLINEARE SCIENZA ED UMANESIMO Il sistema delle cure è in crisi? Antibiotici e vaccini Insulina Dialisi Trapianti Protesica Genomica Tecniche anestesiologiche Chirurgia

Dettagli

Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti?

Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti? Franco Testore SOC Oncologia Ospedale Cardinal Massaia ASTI Come sopravvivere in tempi di crisi insieme ai nostri pazienti? Non dimenticare mai il contratto di alleanza che stipuliamo con i pazienti Considerare

Dettagli

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di 1. Il monitoraggio del rapporto degli italiani con la salute ed i servizi sanitari I risultati del Monitor

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi.

C L I N I CA V E T E R I N A R I A T I BA L D I. Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. CARTA DEI SERVIZI Presentazione Gentile cliente, ho il piacere di presentare la nostra carta dei servizi. Questo importante strumento è stato concepito per portarla a conoscenza dei servizi erogati all

Dettagli

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare

Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina molecolare La Biobanca delle cellule staminali tumorali Scienza e Tecnologia al servizio della Ricerca Progetto editoriale Labozeta S.p.A via Tiburtina,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini E VERSO I CITTADINI RICONOSCERE IL PERSONALE ASPETTI RELAZIONALI UMANIZZAZIONE Garantire la riconoscibilità del personale che svolge servizio al pubblico Garantire il miglioramento dei rapporti tra gli

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Dal taccuino al Personal Health Record Trento, 21 marzo 2014. Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR: Lombardia

Dal taccuino al Personal Health Record Trento, 21 marzo 2014. Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR: Lombardia Dal taccuino al Personal Health Record Trento, 21 marzo 2014 Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR: Lombardia Chiara Penello Direzione Generale Salute Il SISS Sistema Informativo Socio sanitario

Dettagli

IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO

IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO IL MANIFESTO DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO Con un adeguata e opportuna anticipazione diagnostica le possibilità di vincere il tumore al seno salgono ad oltre il 90% 1. Scegli attentamente la tua

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico Dedicato a te, donna Unità Multidisciplinare di Senologia con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico dedicato a te, donna Percorso senologico E' un percorso di accoglienza

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Per qualunque ed ulteriore informazione si faccia riferimento al proprio Medico.

Per qualunque ed ulteriore informazione si faccia riferimento al proprio Medico. F.A.R.O. S.R.L. Formazione - Antinfortunistica - Ricerche - Orientamenti Via Lavoratori Autobianchi, 1 20033 Desio (Mi) C.F. e P. IVA 02502170968 C.C.I.A.A. n. 1482084 Telefono (0362) 306216 fax (0362)

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

Il centro PET di Taranto sotto la lente di ingrandimento

Il centro PET di Taranto sotto la lente di ingrandimento ASSISTENZA SANITARIA Il centro PET di Taranto sotto la lente di ingrandimento Risultati di eccellenza quelli riscontrati fra l utenza, sia dal punto di vista sanitario che dell accoglienza. Unico punto

Dettagli

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it. Prevenzione: la nostra buona. abitudine

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it. Prevenzione: la nostra buona. abitudine Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Prevenzione: la nostra buona abitudine Carcinoma della cervice uterina: attacchiamolo da più fronti Il carcinoma della cervice uterina: una conseguenza

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Carcinoma della cervice uterina: attacchiamolo da più fronti Il carcinoma della cervice uterina: una conseguenza rara di una infezione comune Il

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO

INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO INTERVISTA AL DR ENRICO BRIGNARDELLO Responsabile SSCVD "Unità di Transizione per Neoplasie Curate in Età Pediatrica" c/o AOU S.Giovanni Battista di Torino D. Dr Brignardello, ci può dire che differenza

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia

L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa. Dott. Mario Berardi SIMG Perugia L utilizzo della linea guida regionale su diagnosi e terapia della bpco per la sanità d iniziativa Dott. Mario Berardi SIMG Perugia OBIETTIVI E INDICATORI Analisi del processo assistenziale al paziente

Dettagli

il programma che si prende cura della tua salute

il programma che si prende cura della tua salute il programma che si prende cura della tua salute A proposito di salute Prendersi cura è più che curare Vivere bene e più a lungo possibile è da sempre il primo desiderio di ogni uomo. Un numero sempre

Dettagli

AMIANTO: LA MORTE IN POLVERE

AMIANTO: LA MORTE IN POLVERE AMIANTO: LA MORTE IN POLVERE Come difendersi da un serial killer ancora in libertà. Dr. Maurizio Grassi Centro Oncologico Ospedale Maggiore di Crema Crema il 24 Aprile 2009. COSA E L AMIANTO? Minerale

Dettagli

Stagione Influenzale 2014-2015 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna

Stagione Influenzale 2014-2015 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna Stagione Influenzale 2014-2015 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna Descrizione dell epidemia. La stagione influenzale appena trascorsa si è dimostrata di particolare intensità sia per

Dettagli

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella Legge Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella Legge Finanziaria 2008 La sanità nella Legge Finanziaria 2008/1 Per la sanità prosegue la politica di potenziamento dei servizi e dei livelli di assistenza Cresce ancora il fondo sanitario

Dettagli

Ecco la Carta europea dei diritti del malato

Ecco la Carta europea dei diritti del malato Ecco la Carta europea dei diritti del malato DOCUMENTO a cura di Giovanni Moro Nel dibattito sul futuro dell Europa, hanno grande spazio temi come quello del destino del Modello sociale europeo o della

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 1. Premessa Il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 38 recante Attuazione della Direttiva 2011/24/UE concernente l'applicazione dei diritti dei pazienti

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente Il presente foglio illustrativo è stato elaborato da Sirtex Medical Limited (Sirtex) ed è destinato a fornire al paziente e ai suoi familiari una panoramica della Radioterapia Interna Selettiva con microsfere

Dettagli

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Liste di attesa e spesa privata: i cittadini pagano le inefficienze di un SSN sempre meno accessibile. Necessaria politica nazionale per l accesso ai servizi. Presentato

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli