Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici"

Transcript

1 Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini

2 UML La prima versione ufficiale risale al 1997: UML Unified Modeling Language È un liguaggio universale per la descrizione dei modelli e dei sitemi progettati, valido ed accessibile sia agli sviluppatori di software che agli utenti finali L'UML è, dunque, un metodo per descrivere l'architettura di un sistema in dettaglio

3 UML: tipi di diagrammi Requisiti di Sistema e Diagrammi di casi d'uso Diagrammi di classe, degli oggetti e di package Diagrammi di interazione: sequenza e collaborazione Diagrammi fisici: componenti e deployment Diagrammi di stato Diagrammi di attività

4 Requisiti di sistema (1) Funzionali: elenco delle funzionalità che il sistema deve avere Cosa deve fare il sistema? Requisiti sui dati che il sistema deve usare Il sistema deve usare fonti dati o destinazioni dati particolari? C'è un modello dati che specifica entità e relazioni per questo sistema? Per quanto tempo questo tipo di dati deve essere mantenuto negli archivi? Per quanto tempo deve essere visibile agli utenti? Interoperabilità: studio delle relazioni e sulle interfacce di questo sistema con sistemi esterni (se presenti) Quali altri sistemi devono interagire con il sistema? Quali sono le caratteristiche di interoperabilità di questi sistemi? Dobbiamo sapere cosa abbiamo mandato e ricevuto attraverso un'interfaccia?

5 Requisiti di sistema (2) Responsabilità: servono per stabilire chi ha la responsabilità di eseguire specifiche funzioni del sistema Chi ha la responsabilità di fare [una azione]? Funzionali: elenco delle funzionalità che il sistema deve avere Cosa deve fare il sistema? Requisiti sui dati che il sistema deve usare Il sistema deve usare fonti dati o destinazioni dati particolari? C'è un modello dati che specifica entità e relazioni per questo sistema? Per quanto tempo questo tipo di dati deve essere mantenuto negli archivi? Per quanto tempo deve essere visibile agli utenti? Interoperabilità: studio delle relazioni e sulle interfacce di questo sistema con sistemi esterni (se presenti) Quali altri sistemi devono interagire con il sistema? Quali sono le caratteristiche di interoperabilità di questi sistemi? Dobbiamo sapere cosa abbiamo mandato e ricevuto attraverso un'interfaccia?

6 Requisiti di sistema (3) Responsabilità: servono per stabilire chi ha la responsabilità di eseguire specifiche funzioni del sistema Chi ha la responsabilità di fare [una azione]? Disponibilità: riguardano la disponibilità del sistema per l'utilizzo operativo Quando deve essere disponibile il sistema? In quali giorni? In quali orari? Prestazioni del sistema: Quali sono le funzioni importanti dal punto di vista delle prestazioni e che tempo di risposta è ammissibile per questo tipo di funzioni del sistema? Carichi (capacità): riguardano i volumi di dati da gestire e i picchi che il sistema deve trattare Quanti oggetti (significativi per il sistema in esame) devono essere gestiti entro un certo periodo (specificare l unità di misura temporale)? Il sistema deve gestire dei picchi? Quanto durano? Scalabilità: riguardano le previsioni di crescita del volume di dati che il sistema deve gestire Affidabilità: servono per stabilire la probabilità che il sistema funzioni senza interruzioni per un determinato periodo di tempo. Cosa può accadere in caso di malfunzionamento?

7 Requisiti di sistema (4) Installazione: elenco delle funzionalità necessarie per l'installazione del sistema e per la migrazione dei dati. Che livello di competenze deve avere l'installatore del sistema? È necessaria una conversione di dati? Devono essere scritte procedure per la conversione? È necessario un backup manuale prima dell'installazione? Come devono essere gestiti gli aggiornamenti al sistema? Portabilità del sistema in altri ambienti hardware e software Ci si aspetta che il sistema venga utilizzato per molti anni? Il sistema deve essere portabile in altre piattaforme? Quali? L'utente dovrà poter accedere al sistema tramite altri dispositivi? Quali? Quali versioni dei browser web più comuni deve gestire il sistema? Leggi e normative: riguardano le leggi, nazionali ed internazionali, da rispettare Esistono leggi nazionali o internazionali rilevanti per questo tipo di sistema? Quali sono i requisiti imposti dalla legge? Esistono dei copyright da rispettare?

8 Requisiti di sistema (5) Tecnologie da usare Dobbiamo vincolare le scelte tecnologiche per essere compatibili con i sistemi esistenti? Dobbiamo usare (o evitare di usare) tecnologie specifiche? Aspetto e stile Come deve apparire il sistema ai suoi utenti? Come deve essere percepito? Il sistema deve essere conforme alle linee stilistiche aziendali, ai logo, ecc? Facilità d'uso: caratteristiche relative alla facilità con cui il sistema può essere usato dagli utenti previsti Quali sono le funzioni più complesse da usare? Tra queste, quali sono le più frequenti? Quanto è previsto che l'utente si ricordi da una volta all'altra in cui utilizza il sistema? Di quanto feedback ha bisogno l'utente? Personalizzazione: si basano sull'adattabilità del sistema alle preferenze personali di ogni utente o organizzazione Il sistema deve essere configurabile da ogni utente secondo le sue preferenze personali? Il sistema deve essere configurabile da parte di ogni organizzazione che lo adotta?

9 Requisiti di sistema (6) Internazionalizzazione: lingue previste per il sistema Accessibilità del sistema per persone con disabilità fisiche o cognitive (In alcuni paesi, possono essere regolamentati da leggi) Esistono standard sull'accessibilità da rispettare, per questo tipo di sistemi? Requisiti di protezione accessi: studio dei possibili effetti in termini di sicurezza (perdita, danno economico o fisico) di un utilizzo improprio del sistema Chi è autorizzato ad accedere al sistema? Tutte le funzioni sono accessibili a tutti? Bisogna gestire diversi profili utente? Requisiti di riservatezza di dati personali e dell'organizzazione Esistono dati sensibili? Dobbiamo informare gli utenti su come gestiamo i loro dati? Dobbiamo inserire cookie nei computer dei nostri utenti?

10 Requisiti di sistema (7) Tempi di progetto: elenco di date e durate significative per il progetto Budget di progetto: riguardano le risorse economiche disponibili per il progetto Documentazione: Che tipo di documentazione minima e in che lingua deve essere fornita per gli utenti previsti? Chi deve manutenere il sistema e che tipo di documentazione sarà necessaria per la manutenzione?

11 Introduzione ai casi d uso Rappresentano i modi in cui un sistema può essere usato. In pratica si tratta di descrivere in forma testuale l'interazione fra il sistema ed uno o più attori che richiedono un servizio Con il termine attore si indica una qualsiasi entità (una persona reale, un altro sistema o una sua componente) che ha il diritto o la possibilità di entrare in contatto con il sistema software Ad ogni caso d uso partecipa almeno un attore Attore Caso d uso

12 ESEMPIO: cellulare Punto di vista del cliente finale (attore=client): Telefonare Rispondere ad una chiamata Inviare messaggi Memorizzare numeri Punto di viste del progettista (attore=progettista): Trasmissione/ricezione del segnale Batteria Tipo di I/O

13 Casi d uso I casi d uso devono essere descritti sotto forma di interazione (dialogo) tra gli attori ed il sistema L utente richiede l elenco dei servizi forniti Il sistema propone I servizi Il cliente sceglie il servizio voluto Il sistema lo esplica NOTA: l attenzione va rivolta allínterazione tra sistema ed attori non alle parti interne del sistema che vegono coinvolte

14 Requisiti e casi d uso Ogni requisito può dare origine a più casi d uso Ogni caso d uso può soddisfare più di un requisito Per ogni caso d uso esiste un interazione tra azioen e sistema che avviene (per gli attori umani) attraverso l interfaccia utente

15 Caso d uso Inizia con una azione inviata dall attore al sistema Il sistema risponde effettuando a sua volta una serie di azioni Gli attori possono effettuare altre scelte ed inviare altri messaggi al sistema Il caso d uso termina quando sono state fornite tutte le informazioni necessarie al sistema per soddisfare l obiettivo dell attore

16 Identificazione dei casi d uso: Identificare gli attori (utilizzatori) del sistema Per ogni attore individuare le modalità (casi d uso) con cui deve utilizzare il sistema partendo dalgi obiettivi che deve raggiungere Chiarire, per ogni caso d uso, qual è il modo con cui inizia l attività, le risposte che l attore si aspetta dal sistema, la sequenza di passi con cui l interazione si svolge, elenco di altri attori eventualmente coinvolti, etc.

17 Casi d uso: utilità Serve come: Base di partenza per la progettazione del sistema Bozza per il futuro manuale dell utente Input per I test da effettuare per la validazione del sistema

18 Esmpio: apertura conto corrente Scenario di base: Il cliente si presente in banca per aprire un nuovo c/c L addetto riceve il cliente e fornisce spiegazioni Il cliente accetta e fornisce I propri dati L addetto verifica se il cliente è censito in anagrafica L addetto crea il nuovo c/c L addetto segnala il numero di conto al cliente Varianti: (a) Se il cliente non accetta le condizioni, il caso dúso termina (b) Se il conto va intestato a più persone, vanno forniti tutti i dati (c) Se il cliente non è censito, l addetto provvede a registrarlo, richiede la firma

19 Caso d uso schema di base Id Obiettivo Descrizione del risultato che l attore si attende da questa particolare modalità di utilizzo del sistema Pre-Condizioni Ciò che deve essere vero prima che inizi il caso d uso Scenario di base: Lista delle interazioni tra l attore ed il sistema Post-Condizioni per Successo Ciò che deve essere vero dopo che il caso d uso si è concluso con il raggiungimento del risultato atteso Post-Condizioni per Fallimento Ciò che deve essere vero dopo che il caso d uso si è concluso senza il raggiungimento del risultato atteso

20 Caso d uso (estensione) Estensione del caso d uso Fornire Id del caso d uso base che può essere esteso dal presente caso d uso, e punto di estensione (definito nel caso d uso base ) a cui il presente caso d uso si andrà ad agganciare Specializzazione del caso d uso Fornire Id del caso d uso generico del quale il presente caso d uso costituisce una specializzazione

21 Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Prof. Paolo Nesi lab. DSI-DISIT Dr.sa. Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini

Esempio 1: CarMatch. Direzione centrale Sedi centrali per ogni paese Concessionarie locali di franchising UML 2

Esempio 1: CarMatch. Direzione centrale Sedi centrali per ogni paese Concessionarie locali di franchising UML 2 Esempio 1: CarMatch CarMatch è una società di franchising fondata con lo scopo di promuovere il car sharing CarMatch fornisce un servizio per i potenziali condivisori di automobili cercando di abbinare

Dettagli

UML - Unified Modeling Language

UML - Unified Modeling Language UML E CASI D USO UML - Unified Modeling Language Linguaggio stardardizzato per identificare e modellizzare le specifiche di un S.I. Coerente con il paradigma della programmazione ad oggetti Definito a

Dettagli

Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005

Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio di Sistemi e Processi Organizzativi UML

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

Casi d uso (use cases)

Casi d uso (use cases) Casi d uso (use cases) proposti da Ivar Jacobson nel 1992 termine nuovo, ma tecnica consolidata (studio degli scenari di operatività degli utilizzatori di un sistema) sono i modi in cui il sistema può

Dettagli

Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13

Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13 Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13 I casi d uso I casi d'uso (use case) sono una tecnica utilizzata per identificare i requisiti funzionali

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram Requisiti e casi d uso Unified Modeling Language Use Case Diagram 1 Il primo passo di qualsiasi processo di sviluppo è la definizione dei requisiti Definizione del Business Model Solitamente informale

Dettagli

Concetti di base di ingegneria del software

Concetti di base di ingegneria del software Concetti di base di ingegneria del software [Dalle dispense del corso «Ingegneria del software» del prof. A. Furfaro (UNICAL)] Principali qualità del software Correttezza Affidabilità Robustezza Efficienza

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

UML (ancora) Contenuto: Casi d uso Diagrammi di sequenza Componenti. 08 UML - 2010/11 G. Bucci 1

UML (ancora) Contenuto: Casi d uso Diagrammi di sequenza Componenti. 08 UML - 2010/11 G. Bucci 1 UML (ancora) Contenuto: Casi d uso Diagrammi di sequenza Componenti PROVVISORIO 08 UML - 2010/11 G. Bucci 1 Casi d uso Oggi l anaiisi dei casi d uso è considerata uno dei passi più importanti dell intero

Dettagli

1. Devo essere connesso ad Internet per utilizzare il Servizio di tuotempo?

1. Devo essere connesso ad Internet per utilizzare il Servizio di tuotempo? 1 1. Devo essere connesso ad Internet per utilizzare il Servizio di tuotempo? Si. tuotempo è un servizio interamente ospitato sui nostri computer in un Data Center di massima sicurezza ed affidabilità.

Dettagli

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere.

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere. UML e i Casi d USO I casi d uso specificano una sequenza di azioni che producono un risultato visibile agli attori del sistema. Essi nascono per fornire descrizioni delle capacità del sistema. I casi d

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML 9 CASO DI STUDIO CON APPLICAZIONE DI UML...2 9.1 IL CASO DI STUDIO...2 9.1.1 Il sistema attuale...2 9.2 IL PROBLEM STATEMENT...3 9.2.1 Formulazione del Problem statement per il caso proposto...3 9.3 USE

Dettagli

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Obiettivo della lezione Casi d uso La modellazione dei requisiti funzionali I casi d uso Gli attori Gli scenari Come scrivere casi d uso Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Proposti da Ivar Jacobson

Dettagli

Gestione Risorse Umane Web Work-flow Selezione

Gestione Risorse Umane Web Work-flow Selezione Gestione Risorse Umane Web Work-flow Selezione Premessa... 2 Richieste di personale create con le precedenti versioni... 3 Configurazioni necessarie... 3 Particolarità... 3 Status delle richieste... 5

Dettagli

PostaCertificat@ Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino- PostaCertificat@

PostaCertificat@ Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino- PostaCertificat@ PostaCertificat@ Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. Pag. 1/5 LA SICUREZZA DEL SERVIZIO PostaCertificat@ Limitazione delle comunicazioni - il servizio di comunicazione PostaCertificat@

Dettagli

Cookie Policy. Uso dei Cookies in questo sito

Cookie Policy. Uso dei Cookies in questo sito Cookie Policy Uso dei Cookies in questo sito Nella presente cookie policy viene descritto l'utilizzo dei cookies di questo sito. Titolare del trattamento dei dati personali è il soggetto cui fa riferimento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO VIRTUALE

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO VIRTUALE LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO VIRTUALE VERSIONE 0.90 Premessa... 2 Percorso della verifica di conformità... 2 Documento specifiche tecnico-funzionali

Dettagli

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P. BOZZA D.P.S. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.iva Documento Programmatico sulla Sicurezza Indice finalità del documento inventario dei beni in dotazione

Dettagli

Fase di offerta. Realizzazione del progetto

Fase di offerta. Realizzazione del progetto Linee guida per un buon progetto Commissione dell informazione e dei Sistemi di Automazione Civili e Industriali CONTENUTI A) Studio di fattibilità B) Progetto di massima della soluzione C) Definizione

Dettagli

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM.

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. La sfida Certificare il corretto montaggio dell impianto elettrico, escludendo la presenza di cortocircuiti

Dettagli

Cookie Policy Uso dei Cookies in questo sito Che cos'è un cookie? Cookie del browser:

Cookie Policy Uso dei Cookies in questo sito Che cos'è un cookie? Cookie del browser: Cookie Policy Uso dei Cookies in questo sito Nella presente cookie policy viene descritto l'utilizzo dei cookies di questo sito. Preliminarmente si precisa che l'uso di c.d. cookies di sessione (che non

Dettagli

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Data la crescente necessità di sicurezza e tutela dei propri dati durante la navigazione in rete, anche gli stessi browser si sono aggiornati,

Dettagli

RIFERIMENTI ATTORI GLOSSARIO. ERRORI COMUNI REV. REQUISITI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova

RIFERIMENTI ATTORI GLOSSARIO. ERRORI COMUNI REV. REQUISITI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova RIFERIMENTI ERRORI COMUNI REV. REQUISITI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 I riferimenti devono essere precisi

Dettagli

Collegamento remoto vending machines by do-dots

Collegamento remoto vending machines by do-dots Collegamento remoto vending machines by do-dots Ultimo aggiornamento 23 marzo 2011 rev1 - Stesura iniziale 18/10/2010 rev2 - Approfondimenti 12/11/2010 rev3 Riduzione dei contenuti per una lettura generica

Dettagli

Manuale di installazione di SAP Crystal Reports, versione per Visual Studio 2010 SAP Crystal Reports for Visual Studio 2010 Support Package 01

Manuale di installazione di SAP Crystal Reports, versione per Visual Studio 2010 SAP Crystal Reports for Visual Studio 2010 Support Package 01 Manuale di installazione di SAP Crystal Reports, versione per Visual Studio 2010 SAP Crystal Reports for Visual Studio 2010 Support Package 01 Copyright 2011 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3,

Dettagli

Modellazione dei dati in UML

Modellazione dei dati in UML Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Modellazione dei dati in UML Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Introduzione UML (Unified Modeling Language):

Dettagli

Privacy e cookie policy. Trattamento dei Dati Personali degli Utenti

Privacy e cookie policy. Trattamento dei Dati Personali degli Utenti Privacy e cookie policy Trattamento dei Dati Personali degli Utenti I Dati Personali (che includono i dati identificativi, di recapito, di navigazione e di eventuale scelte effettuate tramite il sito)

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

I dati : patrimonio aziendale da proteggere

I dati : patrimonio aziendale da proteggere Premessa Per chi lavora nell informatica da circa 30 anni, il tema della sicurezza è sempre stato un punto fondamentale nella progettazione dei sistemi informativi. Negli ultimi anni il tema della sicurezza

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

STELLA SUITE Manuale d'uso

STELLA SUITE Manuale d'uso STELLA SUITE Manuale d'uso Stella Suite Manuale d'uso v. 1.2014 INDICE Sezione Pagina 1. Introduzione a Stella Suite Componenti Requisiti sistema Panorama della schermata iniziale 2. Installazione di Stella

Dettagli

DOCUMENTO DI SPECIFICA DEI REQUISITI SOFTWARE

DOCUMENTO DI SPECIFICA DEI REQUISITI SOFTWARE DOCUMENTO DI SPECIFICA DEI REQUISITI SOFTWARE Tabella dei contenuti 1. Introduzione 1.1 Propositi 1.2 Obiettivi 1.3 Definizioni, acronimi ed abbreviazioni 1.4 Riferimenti 1.5 Panoramica 2. Descrizione

Dettagli

Gestione WEB Viaggi e Turismo

Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 1 di 11 Gestione WEB Viaggi e Turismo Pag. 2 di 11 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...3 2. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DI IN.TOUR...4 3. FUNZIONALITA E STRUTTURA SOFTWARE E HARDWARE...6 4. STRUTTURA E CONTENUTI

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Esercitazione per il corso di Ingegneria del Software Fabio Perfetti Matricola: 1157078 Descrizione del dominio applicativo Processo di sviluppo Raccolta e Analisi dei requisiti Architettura Software Diagramma

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

POLITICA PRIVACY DEL SITO

POLITICA PRIVACY DEL SITO POLITICA PRIVACY DEL SITO Nella presente informativa, resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 /MOS http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 Descrizione sintetica IC 3 è un Programma di Formazione e Certificazione Informatica di base e fornisce

Dettagli

Argo Mobile. Gestione Assenze. Manuale d Installazione e d uso del prodotto

Argo Mobile. Gestione Assenze. Manuale d Installazione e d uso del prodotto Argo Mobile Gestione Assenze Manuale d Installazione e d uso del prodotto Release 1.0.0 del 03-12-2010 Sommario Introduzione... 3 Attivazione del servizio... 4 Personalizzazione Parametri di Accesso...

Dettagli

Ingegneria del Software T

Ingegneria del Software T Home Finance 1 Requisiti del cliente 1 Si richiede di realizzare un sistema per la gestione della contabilità familiare. Il sistema consente la classificazione dei movimenti di denaro e la loro memorizzazione.

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 7 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 7 - Sistemi Web! per il turismo! - lezione 7 - I siti Web per il turismo! I siti Web per il turismo sono insiemi di pagine Web a cui si accede tramite un particolare indirizzo URL (Uniform Resource Locator,

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

Guida all'installazione

Guida all'installazione Prelude 1.0 Versioni Standard & Professional Guida all'installazione Requisiti di sistema Per installare ed usare Prelude, nelle versioni Standard e Professional 1.0, è necessario un Personal Computer

Dettagli

edilsoft Sistemi & Servizi Informatici

edilsoft Sistemi & Servizi Informatici Il Comune innovativo Lo Sportello Unico per l Edilizia Obiettivo Trasparenza e snellezza nei procedimenti edilizi Soddisfare l esigenza di poter gestire uno o più comuni accentrati Corretta e precisa impostazione

Dettagli

SW ver.4.0.0.0. Smart Export SOFTWARE DATALOGGER PORTATILI. Manuale Utente

SW ver.4.0.0.0. Smart Export SOFTWARE DATALOGGER PORTATILI. Manuale Utente SW ver.4.0.0.0 SOFTWARE DATALOGGER PORTATILI Smart Export Manuale Utente Rev.2-31.01.2013 INDICE INTRODUZIONE FORMATO DEI FILE ESPORTATI REQUISITI DEL SISTEMA Hardware Software CONNESSIONE DEI DATALOGGER

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0 Prodotto Inaz Download Manager Release 1.3.0 Tipo release COMPLETA RIEPILOGO ARGOMENTI 1. Introduzione... 2 2. Architettura... 3 3. Configurazione... 4 3.1 Parametri di connessione a Internet... 4 3.2

Dettagli

La specifica del problema

La specifica del problema 2.9 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: esame del problema Iniziamo ora a esaminare il nostro caso di studio di progettazione e implementazione orientate agli oggetti. Le sezioni Pensare a

Dettagli

Cookie del browser: Cookie Flash:

Cookie del browser: Cookie Flash: Cookie del browser: I cookie sono porzioni di informazioni che il sito Web inserisce nel tuo dispositivo di navigazione quando visiti una pagina. Possono comportare la trasmissione di informazioni tra

Dettagli

Supporto lingua ImageNow Guida introduttiva

Supporto lingua ImageNow Guida introduttiva Supporto lingua ImageNow Guida introduttiva Versione: 6.6.x Scritto da: Product Documentation, R&D Data: ottobre 2011 ImageNow e CaptureNow sono marchi registrati di Perceptive Software. Tutti gli altri

Dettagli

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC

ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC ARCHIVIA PLUS: ARCHIPROTO PEC Istruzioni per la configurazione e l utilizzo del modulo di protocollazione PEC Versione n. 2012.05.25 Data : 25/05/2012 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato

Dettagli

MODULO 1 CONCETTI BASE DEL ITC (17 ORE)

MODULO 1 CONCETTI BASE DEL ITC (17 ORE) PIANO DI LAVORO ANNUALE Classe I A Disciplina: Tecnologie informatiche A.S. 2014/2015 Docente: prof. Vidhi Meri, prof. Solazzo Alessandro Ore settimanali: 3 ( di cui 2 di laboratorio) Analisi della situazione

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

BiverInTesoreria. Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2009

BiverInTesoreria. Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2009 BiverInTesoreria Manuale di Attivazione Edizione Novembre 2009 Manuale Attivazione BiverInTesoreria - Novembre 2009 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per

Dettagli

CONSOLLE AVVOCATO e dintorni. Istruzioni per l installazione e la configurazione

CONSOLLE AVVOCATO e dintorni. Istruzioni per l installazione e la configurazione CONSOLLE AVVOCATO e dintorni Istruzioni per l installazione e la configurazione A cura della Commissione Informatica. Autore: Avv. Stefano Corsini Rev. 01-2015 Il P.C.T., LA P.E.C., IL P.D.A.,.PDF, C.N.S

Dettagli

Biblioteca PIO XII Regolamento per la fornitura del servizio di accesso a internet 1. A. Obiettivi del servizio

Biblioteca PIO XII Regolamento per la fornitura del servizio di accesso a internet 1. A. Obiettivi del servizio Biblioteca PIO XII Regolamento per la fornitura del servizio di accesso a internet 1 A. Obiettivi del servizio In considerazione della progressiva ibridazione dei servizi bibliotecari e per fornire strumenti

Dettagli

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Panoramica... 2 Menù principale... 2 Link Licenza... 3 Link Dati del tecnico... 3 Link

Dettagli

Unified Modeling Language

Unified Modeling Language Unified Modeling Language Luciano Baresi Luciano Baresi 1 OMT Booch UML Sono simili in molti aspetti: Prescrivono un approccio passo-passo Consentono il passaggio dall analisi al progetto in modo omogeneo

Dettagli

PARAMETRI. Guida all installazione

PARAMETRI. Guida all installazione PARAMETRI Guida all installazione Maggio 2007 1 INTRODUZIONE Il prodotto Parametri 2007 consente di determinare i ricavi o compensi realizzabili da parte dei contribuenti esercenti attività d impresa o

Dettagli

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA

GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR. PJ-623/PJ-663 Stampante mobile. Versione 0 ITA GUIDA DELL'UTENTE PER IL SOFTWARE P-TOUCH EDITOR PJ-6/PJ-66 Stampante mobile Versione 0 ITA Introduzione Le stampanti mobili Brother, modelli PJ-6 e PJ-66 (con Bluetooth), sono compatibili con numerose

Dettagli

SOFTWARE CLIENT PC WINDOWS

SOFTWARE CLIENT PC WINDOWS INTRODUZIONE Il software ipdoor per Windows è un applicazione client da installare su uno o più Personal Computer, per poter rispondere alle chiamate dalla pulsantiera esterna (targa), includendo la visione

Dettagli

Privacy Policy di www.feelingfoodmilano.com Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti.

Privacy Policy di www.feelingfoodmilano.com Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Privacy Policy di www.feelingfoodmilano.com Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Titolare del Trattamento dei Dati MGM SERVIZI S.R.L - Via Benaco 30, 20139 Milano, info@feelingfoodmilano.com

Dettagli

FASI DA ESEGUIRE ON-LINE

FASI DA ESEGUIRE ON-LINE FASI DA ESEGUIRE ON-LINE a) registrazione del candidato mediante apposito link presente sul portale della Regione Basilicata e rilascio delle credenziali di accesso necessarie per procedere alla candidatura

Dettagli

Sharpdesk V3.3. Guida all installazione Versione 3.3.04

Sharpdesk V3.3. Guida all installazione Versione 3.3.04 Sharpdesk V3.3 Guida all installazione Versione 3.3.04 Copyright 2000-2009 di SHARP CORPORATION. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione, l adattamento o la traduzione senza previa autorizzazione

Dettagli

PRIVACY POLICY. Luogo di trattamento dei dati

PRIVACY POLICY. Luogo di trattamento dei dati PRIVACY POLICY In queste pagine si descrivono le modalità di gestione del presente sito in relazione al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa resa anche

Dettagli

CMX Professional. Software per Tarature completamente personalizzabile.

CMX Professional. Software per Tarature completamente personalizzabile. CMX Professional Software per Tarature completamente personalizzabile. CMX Professional Software per tarature con possibilità illimitate. Chi deve tarare? Che cosa? Quando? Con quali risultati? Pianificare,

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione 2007

Manuale di Attivazione. Edizione 2007 Manuale di Attivazione Edizione 2007 Manuale attivazione PaschiInAzienda - 2007 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione del servizio 5 3.1.

Dettagli

Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies per www.bbstellaalpina.it. Informativa

Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies per www.bbstellaalpina.it. Informativa Informativa sulla privacy e sull'utilizzo dei cookies per www.bbstellaalpina.it Titolare del Trattamento dei Dati Stefanella Caldara - Via Chiave, 49-32043 Cortina d'ampezzo (BL) stefanella@tin.it Legale

Dettagli

Guida di addestramento Introduzione alle Comunicazioni Obbligatorie [COB] SINTESI

Guida di addestramento Introduzione alle Comunicazioni Obbligatorie [COB] SINTESI SINTESI Introduzione alle Comunicazioni Obbligatorie [COB] Questo documento è una guida al sito dedicato alle aziende: archivio delle comunicazioni obbligatorie che i datori di lavoro sono tenuti ad effettuare

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Network Monitoring. Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale

Network Monitoring. Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale Network Monitoring & Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale Nicholas Pocher Poker SpA - Settimo Torinese, Novembre 2013 1 Indice Il Network Monitoring:

Dettagli

MANUALE D USO JAVA. Manuale d uso Versione 2.10-beta. Copyright 2010 - All rights reserved.

MANUALE D USO JAVA. Manuale d uso Versione 2.10-beta. Copyright 2010 - All rights reserved. MANUALE D USO JAVA Manuale d uso Versione 2.10-beta Copyright 2010 - All rights reserved. Manuale d uso versione 2.10-beta - Copyright 2010 - All rights reserved Introduzione Questo manuale è rivolto a

Dettagli

Quali informazioni posso comunicare o ricevere?

Quali informazioni posso comunicare o ricevere? I n f o W E B A cosa serve InfoWEB? InfoWEB è una soluzione completamente web che, presentandosi con l aspetto di un sito internet, permette di distribuire tutte le informazioni di presenza volute, e non

Dettagli

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida Console di Amministrazione Centralizzata Contenuti 1. Panoramica... 2 Licensing... 2 Panoramica... 2 2. Configurazione... 3 3. Utilizzo... 4 Gestione dei computer... 4 Visualizzazione dei computer... 4

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Guida all accesso sicuro al sito dberw.univr.it

Guida all accesso sicuro al sito dberw.univr.it UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA ACCESSO SICURO VIA HTTPS Università degli Studi di Verona Guida all accesso sicuro al sito dberw.univr.it Guida per l utente Versione 1.4 Giovanroberto Torre Roberto Posenato

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM. Progetto di un applicazione Android

Università degli Studi di Napoli Federico II. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM. Progetto di un applicazione Android Università degli Studi di Napoli Federico II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM Progetto di un applicazione Android Briscola bluetooth Candidati: Giuliano Formato Daniele

Dettagli

Problemi Organizzativi e di Project Management

Problemi Organizzativi e di Project Management Open Source: La Migrazione Andrea Sommaruga: Come migrare (10:45-11:15) Problemi Organizzativi e di Project Management Vincoli Sistemistici Necessità di interventi formativi Programmi e formati di conversione

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Nuovi Flussi Informativi Cooperazione Applicativa Youth Guarantee

Nuovi Flussi Informativi Cooperazione Applicativa Youth Guarantee Nuovi Flussi Informativi Cooperazione Applicativa Youth Guarantee Sommario 1 Introduzione... 2 2 Garanzia Giovani... 2 3 La Cooperazione Applicativa... 2 3.1 Presa in carico del cittadino... 3 3.1.1 Adesione

Dettagli

VISUALFLEET Software Overview

VISUALFLEET Software Overview soft-in VISUALFLEET Software Overview SOFTWARE PER SISTEMI INDUSTRIALI - Strada Antica di None 2/4A - 10092 BEINASCO (TO) - ITALY Tel.: +39-011-39.87.711 - Fax: +39-011-39.87.727 1 Introduzione Il software

Dettagli

CHE TIPO DI TURISTA SEI?

CHE TIPO DI TURISTA SEI? CHE TIPO DI TURISTA SEI? POLICY PER LA PRIVACY Il Promotore è l Ente Nazionale Croato per il Turismo (CNTB). L applicazione nella quale avete effettuato l accesso è gestita da, o per conto di, l Ente Nazionale

Dettagli

Questa scelta è stata suggerita dal fatto che la stragrande maggioranza dei navigatori usa effettivamente IE come browser predefinito.

Questa scelta è stata suggerita dal fatto che la stragrande maggioranza dei navigatori usa effettivamente IE come browser predefinito. Pagina 1 di 17 Installazione e configurazione di applicazioni Installare e configurare un browser Come già spiegato nelle precedenti parti introduttive di questo modulo un browser è una applicazione (lato

Dettagli

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione Prof. Michele Barcellona Hardware Software e Information Technology Informatica INFOrmazione automatica La scienza che si propone di raccogliere,

Dettagli

Collaboration aziendale in Cloud Computing

Collaboration aziendale in Cloud Computing Collaboration aziendale in Cloud Computing sviluppate con la tecnologia La soluzione che non c era Rel. 2.0 Gennaio 2013 Come Funziona Prima File Server Server di Backup ERP e gestionali Software in azienda

Dettagli

registroelettronico@otto.to.it

registroelettronico@otto.to.it registroelettronico@otto.to.it Registro Elettronico L adozione di un sistema di gestione computerizzata delle attività didattiche nel loro insieme, una questione oggi rimarcata anche a livello normativo,

Dettagli

Informazioni sul documento

Informazioni sul documento Analisi Dei Requisiti Informazioni sul documento Titolo documento Analisi Dei Requisiti Versione attuale v1.0.0 Data versione attuale 2012/07/12 Data creazione 2012/07/08 Redazione Luca Guerra Stato documento

Dettagli

Tutela della privacy Introduzione

Tutela della privacy Introduzione Tutela della privacy Introduzione Noi di HardwarePcJenny e le nostre società affiliate worldwideare, si impegnano a rispettare la privacy online e riconoscono la necessità di un'adeguata protezione per

Dettagli

Titolare del trattamento dei dati innanzi descritto è tsnpalombara.it

Titolare del trattamento dei dati innanzi descritto è tsnpalombara.it Decreto Legislativo 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali COOKIE POLICY La presente informativa è resa anche ai sensi dell art. 13 del D.Lgs 196/03 Codice in materia di protezione

Dettagli

Assistenza On Line - Guida breve Come registrarsi

Assistenza On Line - Guida breve Come registrarsi 07/05/2015 Il Servizio AOL Assistenza On Line - Guida breve Come registrarsi Servizio di assistenza ARCHIMEDIA SISTEMI SRL Sommario 1. CHE COS E il SISTEMA AOL... 3 2. COME FUNZIONA AOL... 3 3. PERCHE

Dettagli

Manuale installatore. Versione documento Versione Software Data aggiornamento Lingua. 1.1 1.0.0 Dicembre 2012 Italiano

Manuale installatore. Versione documento Versione Software Data aggiornamento Lingua. 1.1 1.0.0 Dicembre 2012 Italiano Manuale installatore Versione documento Versione Software Data aggiornamento Lingua 1.1 1.0.0 Dicembre 2012 Italiano APP mytecnoalarm Descrizione Tecnoalarm introduce l'app mytecnoalarm, per gli ambienti

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI

INDICAZIONI GENERALI INDICAZIONI GENERALI PER LA VALUTAZIONE, L ACQUISTO O LA REALIZZAZIONE IN PROPRIO DI SOFTWARE GESTIONALI PER LE SOCIETA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE, LE SOCIETA DI RICERCA DIRETTA E LE DIREZIONI

Dettagli

Aggiornamenti del software Guida per l'utente

Aggiornamenti del software Guida per l'utente Aggiornamenti del software Guida per l'utente Copyright 2009 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Windows e Windows Vista sono marchi registrati negli Stati Uniti di Microsoft Corporation. Le informazioni

Dettagli

Voi sapete cosa vi serve, noi sappiamo come farlo. SoftRail Sistema integrato per rotabili

Voi sapete cosa vi serve, noi sappiamo come farlo. SoftRail Sistema integrato per rotabili Voi sapete cosa vi serve, noi sappiamo come farlo SoftRail Sistema integrato per rotabili SoftRail è il sistema più completo per la gestione dei rotabili. Questi software integrati sono stati sviluppati

Dettagli

PRIVACY POLICY Semplificata

PRIVACY POLICY Semplificata PRIVACY POLICY Semplificata Privacy Policy di www.sipeoutdoor.it Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Dati personali raccolti per le seguenti finalità ed utilizzando i

Dettagli

7.1 Livello di completezza degli esempi

7.1 Livello di completezza degli esempi Luca Cabibbo Analisi e Progettazione del Software Capitolo 7 marzo 2013 Buono, poco costoso, rapidamente. Puoi scegliere due di queste caratteristiche. Anonimo 1 *** AVVERTENZA *** I lucidi messi a disposizione

Dettagli