Materiali di lavoro inerenti i meeting di progetto ed altra documentazione in progress

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Materiali di lavoro inerenti i meeting di progetto ed altra documentazione in progress"

Transcript

1 Progetto S.F.I.D.E. Strategie Formative per l Implementazione e la Disseminazione di ET LLP IT-KA1-KA1ECETA / Prodotto 4 Materiali di lavoro inerenti i meeting di progetto ed altra documentazione in progress a. Verbali dei meeting b. Materiali in progress: sbobinatura conferenza finale Il progetto è stato finanziato con il sostegno della Comunità Europea. Il contenuto del presente progetto non riflette necessariamente la posizione della comunità europea o dell Agenzia Nazionale e non impegna in alcun modo la loro responsabilità.

2 a. Verbali dei meeting Meeting di progetto Incontro di lavoro Il giorno 13 marzo 2012 dalle ore alle ore presso la sala riunioni dell USR Friuli Venezia Giulia, la prof.ssa Simonetta Bettiol su invito del DG Daniela Beltrame illustra il progetto S.F.I.D.E. Sono presenti oltre al direttore Generale, il dirigente tecnico Arturo Campanella e la prof.ssa Valentina Feletti responsabile di Europa dell istruzione, la dirigente scolastica Cesira Militello che sta seguendo le attività dell USRFVG sulle competenze e la prof.ssa Livia Cosulich che sta seguendo le progettazioni europee. Durante l incontro i partecipanti si scambiano le loro opinioni ed appare evidente la necessità di integrare quanto previsto nel progetto S.F.I.D.E. con altre attività già in atto. Ciascuno dei presenti avanza delle proposte che verranno formalizzate dal referente dell USRFVG che sarà nominato membro del gruppo di pilotaggio. Appare comunque opportuno in merito alla tematica della formazione tecnica superiore coinvolgere i due ITS del Friuli, sulla dispersione scolastica far partecipare gli istituti tecnici e professionali, sul modello per i saperi essenziali è opportuno integrare l attività che si sta svolgendo sulle competenze. Partecipanti al meeting di progetto: Daniela Beltrame Direttore Generale Friuli Venezia Giulia: Arturo Campanella - USRFVG: Valentina Feletti USRFVG: Cesira Melitello USRFVG: Livia Cosulich - USRFVG: Simonetta Bettiol USRV:

3 Meeting di progetto incontro di lavoro Il giorno 27 marzo 2012 dalle ore alle ore presso l aula riunioni del Direttore Generale Carmela Palumbo, la prof.ssa Simonetta Bettiol in qualità di coordinatore ha illustrato al DG il progetto S.F.I.D.E. Il DG ha espresso massimo interesse per le questioni trattate e ribadito di voler fornire il massimo appoggio all iniziativa sia a livello personale che istituzionale. Ritiene che per la DG Ordinamenti il progetto risulti interessante in virtù del collegamento tra le tematiche europee e la riforma in atto nella secondaria di secondo grado e l indagine sulla dispersione scolastica. Il DG esprime il desiderio di seguire personalmente l evoluzione dei lavori progettuali e si farà supportare dal DS Paolo Corbucci. Ritiene opportuno inoltre che gli aspetti amministrativi siano seguiti dal coordinatore e quelli finanziari dal Convitto Nazionale M. Foscarini di Venezia. Partecipanti al meeting di progetto: Carmela Palumbo Direttore Generale DG Ordinamenti MIUR Simonetta Bettiol - USRV

4 Meeting di progetto incontro di lavoro Il giorno 24 settembre 2012 dalle ore 8.00 alle ore presso l istituto Duca degli Abruzzi di Treviso il DS Paolo Corbucci incontra la prof.ssa Livia Andrigo per accordi relativi alla programmazione dei prossimi interventi di disseminazione e partecipazione alla manifestazione nazionale Expo Scuola In particolare si concorda una prima scaletta sui possibili interventi nella giornata di apertura che avrà come tema portante la dispersione. In quell occasione si prendono contatti telefonici con il DT Campanella dell USRFVG. Si analizzano anche alcune pagine online del sito sulle tematiche europee e sulla riforma. Partecipanti al meeting di progetto: Paolo Corbucci Dirigente Scolastico MIUR DG Ordinamenti: Livia Andrigo USRV:

5 Meeting di progetto incontro di lavoro Il giorno 12 ottobre 2012 dalle ore 14,00 alle ore 18,00 presso la DG dell USR Veneto si è riunito il gruppo di pilotaggio con alcuni referenti degli staff. L incontro è finalizzato ad un esame dei risultati dell analisi desk sulla dispersione scolastica. I risultati sono presentati dalla prof.ssa Annamaria Pretto che sollecita suggerimenti ed eventuali correzioni da parte dei presenti. In un secondo tempo la prof.ssa Annamaria Pretto illustra la proposta di questionario da rivolgere a studenti e docenti mentre il DT Arturo Campanella propone i criteri per la scelta del campione di istituti da coinvolgere. Dopo ampio dibattito ciascuno dei presenti si impegna a fornire via mail alla prof.ssa Annamaria Pretto le proprie correzioni al questionario entro una decina di giorni ed eventuali aggiornamenti a quanto prodotto sull analisi desk entro una ventina di giorni. La prof.ssa Simonetta Bettiol illustra brevemente gli step dell analisi desk relativa alla formazione superiore in Italia in collaborazione con la Fondazione CRUI e con l UIA. Le firme dei partecipanti sono allegate al presente verbale.

6 Meeting di progetto incontro di lavoro Il giorno 15 ottobre 2012 presso il partner USR Veneto il DT Stefano Quaglia e la prof.ssa Simonetta Bettiol incontrano il DG Carmela Palumbo e il DS Paolo Corbucci per illustrare quanto presentato nella riunione precedente del 12 ottobre IL DG esprime vivo compiacimento per gli esiti fin qui raggiunti dei lavori. Si prendono anche degli accordi per inserire la partecipazione formale della DG Ordinamenti alla manifestazione nazionale Job&Orienta 2012, quando verrà presentato il progetto S.F.I.D.E. presso lo stand dell USRV e del MIUR. Le firme dei partecipanti sono allegate al presente verbale.

7 Meeting di progetto incontro di lavoro Il giorno 25 gennaio 2013 dalle ore 9.30 alle ore presso il partner USRV il DS Paolo Corbucci in rappresentanza del MIUR DG Ordinamenti, partecipa al meeting finale del progetto Grundtvig MATCH allo scopo di verificare e recepire i risultati del workshop tenutosi il giorno precedente dedicato al riconoscimento dell apprendimento non formale ed informale. All incontro ha partecipato anche la prof.ssa Simonetta Bettiol in rappresentanza del partner USRV. Partecipanti al meeting di progetto: Paolo Corbucci Dirigente Scolastico MIUR DG Ordinamenti: Simonetta Bettiol USRV: 7

8 Meeting di progetto incontro di lavoro Il giorno 2 febbraio dalle ore 9.30 alle ore presso l istituto Duca degli Abruzzi di Treviso il DS Paolo Corbucci in rappresentanza del MIUR DG Ordinamenti, ha incontrato la prof.ssa Simonetta Bettiol in vista dell incontro con il DG Palumbo per affrontare le tematiche relative all organizzazione della conferenza finale. Sono presenti il Dirigente Tecnico Campanella Arturo e la Prof.ssa Annamaria Pretto. Con l occasione si esaminano anche le bozze dei seguenti documenti: Documenti di supporto alla formazione tecnica superiore presentato da Simonetta Bettiol Indagine sulla dispersione presentato e commentato da Annamaria Pretto. Paolo Corbucci si incarica di parlarne con la dr.ssa Carmela Palumbo. Partecipanti al meeting di progetto: Paolo Corbucci - Dirigente Scolastico MIUR DG Ordinamenti: Simonetta Bettiol USRV: Arturo Campanella DT USRFVG: Annamaria Pretto USRV: 8

9 Meeting di progetto incontro di lavoro Il giorno 1 aprile 2013 dalle ore alle ore presso il partner USRV il DS Paolo Corbucci in rappresentanza del MIUR DG Ordinamenti, partecipa all incontro finalizzato alla stesura degli atti della conferenza finale tenutasi a Venezia il 14 marzo Gli atti sono realizzati a cura della prof.ssa Simonetta Bettiol che comunica come sia stato dato incarico al Liceo G. Galilei di Verona di eseguire la sbobinatura dei diversi interventi a partire dalla video registrazione. I testi degli atti saranno inviati ai relatori per la rivisitazione e l approvazione degli stessi ai fini della pubblicazione. Si decide anche di pubblicare attraverso un editore on demand. All incontro è presente anche il Dirigente Tecnico Arturo Campanella. Partecipanti al meeting di progetto: Paolo Corbucci Dirigente Scolastico MIUR DG Ordinamenti: Simonetta Bettiol USRV: Arturo Campanella DT USRFVG: 9

10 Meeting di progetto incontro di lavoro Il giorno 6 aprile 2013 dalle ore 9.30 alle ore presso l istituto Duca degli Abruzzi di Treviso il DS Paolo Corbucci in rappresentanza del MIUR DG Ordinamenti, ha incontrato la prof.ssa Simonetta Bettiol, la prof.ssa Annamaria Pretto e il Dirigente Tecnico Arturo Campanella per l esame finale delle bozze delle pubblicazioni: Le SFIDE della formazione tecnica superiore in Italia Documenti a supporto Le SFIDE della formazione tecnica superiore in Italia Atti del seminario SFIDE per ridurre la dispersione in Italia Paolo Corbucci si incarica di parlarne con la dr.ssa Carmela Palumbo. Partecipanti al meeting di progetto: Paolo Corbucci Dirigente Scolastico MIUR DG Ordinamenti: Simonetta Bettiol- USRV: Arturo Campanella USR FVG Annamaria Pretto - USRV 10

11 b. Materiali in progress: sbobinatura conferenza finale

12 S.F.I.D.E. ITS nell Europa 2020 Lo sviluppo dell ITS per raggiungere il benchmark della Strategia UE 2020: 40% di persone con diploma di istruzione superiore marzo 2013 Sbobinatura degli interventi

13 Indice La visione strategica istituzionale - Gianna Miola Le Politiche regionali per la formazione superiore in Veneto e Friuli - Nuccio Santo Romano La strategia Europa 2020 nelle politiche della Direzione Generale degli Ordinamenti - Carmela Palumbo La collaborazione tra Veneto e Friuli nei progetti europei - Daniela Beltrame 12 Il progetto S.F.I.D.E.: obiettivi e risultati - Simonetta Bettiol Opportunità per il futuro: dall esperienza dei diplomi universitari una riflessione per gli ITS - Rodolfo Zich La costituzione degli ITS in Veneto: analisi di una esperienza - Luca Innocentini Le riforme della formazione secondaria e superiore: uno sguardo critico - A. F. De Toni ITS: proposta concreta per raggiungere il benchmark della Strategia Maria Grazia Nardiello [... ]- Cristiana Alfonsi Tavola rotonda con restituzione e confronto sui risultati sul tema: Dall Università agli ITS, dagli ITS all Università Introduzione - Claudio Demartini Innovazione, formazione e lavoro: quali le strategie per un offerta differenziata e in grado di garantire l occupabilita - Agostino Cortesi Qualità : come garantirla negli ITS - Arturo Campanella Figure professionali, uno standard per il lavoro e la mobilità - Enzo Bacchiega Stage ed internazionalizzazione per gli ITS - Enrico Bressan Tavola rotonda: Confronto sul processo di referenziazione all EQF per gli ITS 49 2

14 Moderatore Benvenuti in questa splendida sede e grazie della vostra presenza. Apriamo questa due giorni di riflessione su quelli che sono due benchmark molto importanti per l Europa 2020: l innalzamento del livello di istruzione e il contenimento della dispersione scolastica. Lascio la parola al vicedirettore generale dell ufficio scolastico regionale, la dott.ssa Gianna Marisa Miola. La visione strategica istituzionale Gianna Miola, Vice Direttore Generale USR per il Veneto Spero che queste giornate siano per tutti voi ricche di spunti di riflessione ma soprattutto che ci consentano di farvi riflettere sul nostro lavoro. Il mio compito è molto semplice ed è quello di portare avanti una riflessione sul perché si è organizzato questo progetto. Voi sapete che questo progetto vede le nostre due direzioni, quella del Veneto e quella del Friuli Venezia Giulia, unite alla direzione generale degli ordinamenti con una serie di partner che durante questa giornata avremo modo di conoscere e di vedere. Siamo studenti (compresa la scuola paritaria), abbiamo docenti, il 13,5% degli alunni del Veneto sono stranieri, indice che risulta essere il doppio rispetto alle altre regioni, abbiamo il più alto numero di alunni che ottengono un diploma, il 74,5% contro il 70% del resto del Paese. Tuttavia abbiamo il minor numero di studenti che, una volta raggiunto il diploma, si iscrivono all università. Questa situazione era positiva prima della crisi economica, perché significava che gli studenti avevano usufruito di un opportunità di lavoro. Ciò che più di ogni altra cosa ci ha spinto ad aderire a questo progetto, che ha impegnato molte risorse e molte scuole, riguarda quello che, a nostro avviso, dovrebbe essere fatto ovunque e cioè leggere i traguardi che il Paese si è dato nell ambito scolastico in particolare per l innalzamento del livello di istruzione formativa per tutti rispetto alle sfide che noi dobbiamo andare ad affrontare. Il tema di oggi in particolare si incentra su due punti: il primo, di mettere in atto delle misure preventive e altrettante misure compensative atte a ridurre realmente il gap che esiste tra i nostri studenti e la dispersione scolastica. Teniamo presente che questa dispersione solo quattro anni fa raggiungeva il 12,5% in Veneto, ora è arrivata al 16%. Eravamo quindi molto vicini al benchmark dell Europa che voleva questo indice al 10%, tuttavia in nessuna parte d Europa questa sfida è stata vinta. Da queste stime abbiamo potuto comprendere che qualcosa arretrava anche nel nostro Paese, pertanto era necessario creare alcune attività, alla luce delle raccomandazioni europee. Non è solo necessario seguire i giovani che in misura sempre maggiore abbandonano la scuola, ma bisogna anche far crescere il numero di coloro che raggiungono un titolo di istruzione superiore o equivalente tra gli adulti. Bisogna che questo numero raggiunga il 40% dei soggetti tra i 30 e i 34 anni. Il Veneto, come credo tutta l Italia, non ha un benchmark glorioso da questo punto di vista, perché gli adulti sono quelli che più difficilmente seguono corsi di formazione. Poiché la percentuale si aggira intorno al 10 15%, non certo il 40% come vorrebbero gli standard europei, c è uno spazio di lavoro molto ampio. All interno di questo 3

15 spazio discrezionale occorre mettere insieme ciò che viene proposto dal nostro Paese sulle riforme ordinamentali della scuola secondaria di secondo grado, e via via poi tutto quello che è collegato anche con il post-diploma, e quindi gli ITS, con il numero di soggetti dei quali deve alzarsi il titolo di istruzione superiore equipollente. Per fare questo, dopo aver compiuto un indagine di un campione significativo, ci si è mossi nel tentativo di accompagnare le scuole che, pur sempre all interno della loro autonomia, hanno il compito di innalzare per tutti il livello di istruzione, ovvero di ridurre l abbandono. E stata condotta un indagine approfondita su questo fenomeno, cercando di non collegarlo solamente con lo stato socio economico, ma anche puntando il dito su quella che è l azione della scuola, perché è molto difficile sceverare di cosa la scuola è realmente responsabile. A questo proposito ci sono le prove Invalsi, sono indagini che ci aiutano perché ci permettono di scorporare quella che può essere una differenza legata al territorio, il quale può essere più o meno forte sul piano socio economico, rispetto all azione della scuola. Il lavoro è stato svolto con dei Focus Group, con ricerche che sono andate sempre più spostandosi dal tipo quantitativo verso quello qualitativo, proprio per andare ad osservare le pratiche scolastiche all interno della dinamica della dispersione, cosa comportano e come se la giocano. E dall altra parte abbiamo visto il confronto con l università e tutto il mondo della formazione superiore non universitaria: si tratta degli IFTS prima e degli ITS di cui parleranno in seguito i miei colleghi negli altri interventi. L obiettivo era proprio quello di scuotere un po le scuole, tutti quelli che si occupano di scuola o, in maniera più ampia, di formazione, verso il benchmark che ci viene proposto. Quello che è importante capire è che anche noi, come sistema Paese, dovremmo mettere in atto delle strutture capaci di dare una seconda chance a quelli che non riescono nel percorso normale. Ci sono state quindi delle esperienze di avanguardia, di arricchimento e di governo anche di scuole che diventano sempre più complesse. Sono 216 le scuole secondarie di secondo grado che in Veneto sono diventate dei veri e propri poli, perché al loro interno hanno una serie di percorsi non solamente di un ordine di scuola ma anche di più ordini. Questo a dimostrare che già automaticamente le scuole del Veneto si stanno sempre più conformando alla tendenza europea, cercando di raggiungere i traguardi che tutto il nostro Paese si è proposto di raggiungere. E naturalmente, per fare questo, tutta la ricerca delle soluzioni agli aspetti critici che ci sono, ci sono stati e che naturalmente non sono stati tutti affrontati, è stata sviluppata con un ottica di trasparenza, per poter dare una chiave di orientamento più precisa ai nostri giovani. Una ricerca svolta per mettere in luce la specificità scolastica, cercando di andarsi a posizionare sugli standard di erogazione del servizio, sugli standard di quelli che vengono chiamati proprio i livelli essenziali dell istruzione. Il testo è uscito proprio in questi giorni sulla Gazzetta Ufficiale. Possiamo quindi affermare di essere su questa strada, tenendo presente che se vogliamo ridurre la dispersione, dobbiamo arrivare necessariamente alla personalizzazione del percorso formativo, percorso che si costruisce tutta la vita e non solamente quando si è a scuola. L ultimo argomento che volevo affrontare, che è molto caro a noi del Veneto, è appunto il tema dell equità : sia nell accesso ai saperi sia nel successo formativo. Ricordo il decreto 275 che nell art. 1 pone l accento sul fatto che la scuola mantiene la sua autonomia se riesce a garantire il successo formativo: discorso, se vogliamo, non 4

16 solamente tecnico ma anche etico. E dentro a questa equità si pone la connessione tra i titoli di studio e il lavoro per i più giovani e per gli adulti; l impegno ad andare a rivedere tutte le competenze, come voi sapete in questo campo ha avuto importanza notevole il rilancio della cultura tecnica e scientifica; ed infine la mobilitazione reale di tutte le forze del territorio. Tutti questi sono chiamati a un patto di corresponsabilità. In questo senso il rapporto dell USR Veneto con la Regione del Veneto, con le università e con tutte le altre Agenzie del territorio, è molto forte e molto stretto sul piano della collaborazione con un confronto che è quasi presente ogni giorno. Grazie e buon lavoro. Moderatore Ringraziamo la dott.ssa Miola e diamo la parola al dott. Nuccio Santo Romano, commissario straordinario dell assessorato all istruzione della regione Veneto, con il quale abbiamo continui e costanti rapporti proprio nella costruzione del lavoro quotidiano. La dott.ssa Miola ha fatto riferimento a questo importante impegno di calibrare l insegnamento sulle singole persone, una delle chiavi con cui noi cerchiamo di raggiungere questo risultato è un lavoro capillare di orientamento. Per quanto riguarda l orientamento, la Regione Veneto ha una lunga storia e una lunga tradizione e la collaborazione su questo piano è stata formidabile. Il dott. Romano è anche il responsabile di tutta quell organizzazione che con noi e con le agenzie del territorio, coordina l ITS nel Veneto. Il tavolo di confronto diventa il momento centrale non solo per misurare la temperatura delle azioni in atto ma anche per esplorare l orizzonte e i possibili percorsi da attivare. Le Politiche regionali per la formazione superiore in Veneto e Friuli Nuccio Santo Romano, Commissario straordinario dell Assessorato all Istruzione della Regione Veneto Buongiorno a tutti. Porto i saluti dell assessore Donazzan che ha sempre seguito e sta seguendo tuttora tutta questa area con interesse assoluto. Credo che sia una giornata molto interessante, un momento di riflessione utile, in particolare sugli ITS, che affrontano adesso anche un momento di scelte che dovremmo fare insieme alla luce dell ulteriore finanziamento che il MIUR ha messo a disposizione. E sottolineo che queste scelte vengono fatte, come ha detto la dott.ssa Miola, con un confronto istituzionale permanente che abbiamo in particolare con l ufficio scolastico regionale ma anche con le parti sociali, con le università e con tutte le istituzioni. Abbiamo diversi tavoli stabili che lavorano: uno riguarda appunto l ITS, uno nuovo riguarda l istruzione tecnica, su cui poi mi soffermerò velocemente, uno sull alternanza e un altro sul patto di prima occupazione che è un nuovo progetto lanciato dalla Giunta regionale. Questo credo che vada sottolineato. In un momento come questo, dove regna una confusione istituzionale, in cui ci sono riforme che non sono mai state portate a termine (pensiamo alla riforma del Titolo V che è stata fatta più di dieci anni fa ma non è ancora stata attuata), e quindi in un contesto in 5

17 cui le competenze non sono chiare e a volte si sovrappongono (un esempio su tutti è il dimensionamento), qui in Veneto riusciamo a superare il problema grazie ad una grandissima collaborazione che non è sempre così scontata. Siamo impegnati in questo momento una fase molto importante, oltre che per il ruolo di coordinamento dell area sono stato da poco nominato Autorità di gestione per il fondo sociale europeo per la Regione Veneto e quindi sto seguendo con tavoli abbastanza ampi anche la nuova programmazione comunitaria che ci chiederà uno sforzo maggiore rispetto a quello attuale. Sia l Europa, con un documento presentato nel novembre 2012 che si chiama Position Paper, sia il Ministro dello sviluppo economico che coordina la nuova programmazione a livello nazionale, in collaborazione con i vari ministeri e quindi, per quanto ci riguarda, con il MIUR e con il Ministero del lavoro, hanno chiesto un cambiamento radicale rispetto alla programmazione attuale. Questo cambiamento comporta la necessità di individuare a monte, in linea con gli obiettivi dell Europa 2020, i risultati attesi, le azioni che faremo e gli indicatori per raggiungerli. Questo richiede uno sforzo maggiore a livello ovviamente nazionale ma soprattutto a livello territoriale, nell individuazione con moltissimo anticipo, e questo devo dire non è molto facile, di una programmazione. Dopo questa premessa, mi soffermo velocemente su alcune cose. Questo è solo uno sguardo di quello che abbiamo fatto in questi anni nell ambito della formazione superiore come Giunta regionale: abbiamo fatto interventi per i poli e gli assetti formativi, abbiamo finanziato master universitari, dottorati, borse di studio, assegni di ricerca e tutto il diritto allo studio universitario. Questa è una linea a mio parere molto importante che abbiamo continuato a finanziare e probabilmente finanzieremo anche di più nei prossimi anni perché abbiamo visto ottimi risultati anche in termini di inserimento. Questi sono gli undici obiettivi tematici fissati nella nuova programmazione per la quale stiamo ancora lavorando con un incertezza di fondo riguardo alle risorse perché non è ancora stato presentato il bilancio comunitario. Come vedete fra questi undici obiettivi ce n è uno in particolare che riguarda quest area cioè quello relativo all investimento nelle competenze, nell istruzione e l apprendimento permanente. Questi sono i risultati attesi che sono stati in questo momento elaborati a livello nazionale tra il MISE, i ministeri coinvolti, in particolare il Ministero dell Istruzione, le Regioni e la partecipazione anche di altri ministeri, in particolare qualificazione istruzione tecnica e professionale tramite l intensificazione del rapporto scuola impresa, sviluppo dei poli tecnici professionali e potenziamento degli istituti tecnici superiori. Vi ripropongo questo anche se comprende informazioni che sono ancora in fase non definitiva. Come vedete qui c è un elenco di azioni di governance che riguarda ciò che possiamo e che dovremmo fare, una sorta di livello minino, anche se in realtà non appare così minimo. In Veneto molte di queste cose sono già state fatte, ad esempio sull istruzione tecnica, come ricordava anche prima Gianna Miola, la Regione recentemente ha lanciato un progetto, così come tutto il tema dell orientamento, dell aumento della presenza femminile sia nei percorsi dell istruzione tecnica, sia nell istruzione e formazione professionale. Questi sono gli strumenti che abbiamo per diminuire i tassi di dispersione che, come sapete, sono aumentati non di poco 6

18 nell ultimo periodo. Noi ci attestiamo intorno al 16%, è vero che in altre zone sono aumentate maggiormente ma si tratta di una consolazione non sufficiente perché dobbiamo fare ancora di più per intervenire. Sono presenti anche interventi di formazione degli operatori, si tratta di opportunità che, a mio parere, in Veneto non sono state pienamente raccolte. La dott.ssa Palumbo sta promuovendo la formazione professionale e tecnica degli operatori del Veneto; qualche anno fa si erano investite molte più risorse ma la partecipazione purtroppo non è stata altissima, pertanto rinnovo l invito ad utilizzare anche questa opportunità. Tra gli interventi che abbiamo fatto questo è quello sull istruzione tecnica, che si inserisce all interno del Piano integrato per l occupazione giovanile a cui facevo prima riferimento. Si tratta di una sinergia di strumenti tra tirocini e poi l inserimento in apprendistato. In Veneto abbiamo ancora l apprendistato cosiddetto di primo livello, che, di fatto, è l unico strumento di inserimento dei giovani nel mercato del lavoro. La Regione Veneto ha subito attuato la modifica del Testo Unico che, vorrei sottolineare, ha firmato con proprio tutte le parti sociali gli accordi ma che, tuttavia, in molti contratti trova ancora una mancanza di regolamentazione. Questo strumento ha, di fatto, ancora numeri bassissimi e credo sia un problema da affrontare al più presto, recentemente se n è parlato anche ad un incontro con il ministro Fornero. Sull istruzione tecnica abbiamo compiuto un intervento di orientamento/promozione, siamo andati ad individuare quelle aree dove è più alto il gap di previsione occupazionale prendendo dati Excelsior. Il risultato sono queste aree, che spero si vedano, sulle quali abbiamo poi costruito e finanziato cinque progetti che stanno raccogliendo moltissime adesioni. Qui ricordo che c è un attività che, a mio parere, non è sufficientemente sviluppata nelle scuole e nemmeno nelle università ed è quello del placement. La riforma del mercato del lavoro, la cosiddetta legge Biagi, di dieci anni fa aveva già previsto uno sviluppo di servizi di placement nell istruzione. Nelle università sicuramente ci sono delle esperienze avanzate però, in un ottica macro, queste tendono ad essere piuttosto carenti. In una scuola estera si sa perfettamente qual è l esito occupazionale, in una scuola italiana invece, tranne qualche eccezione, questo argomento non è molto approfondito. Oggi siamo qui per parlare di istruzione tecnica ma esiste anche per le università un progetto per sviluppare servizi di placement, infatti recentemente se ne è parlato all interno del Comitato Regione Università con i rettori perché possono essere importanti sia per la conoscenza degli utenti ma anche perché è fondamentale seguire una persona da quando entra nella scuola fino a quando viene occupato, non limitandosi a quando questo soggetto raggiunge la laurea o il diploma. Anzi, dovrebbe essere monitorato anche dopo per trarre delle conclusioni anche nel lungo periodo. Queste sono tutte le attività di competenza regionale, tutti gli interventi che facciamo rivolti a disoccupati sono monitorati, attualmente c è un progetto finanziato dal Ministero del lavoro che si chiama Forma che sviluppa l idea di inserire all interno di questi monitoraggi occupazionali non solo la parte formazione ma anche quella che riguarda l istruzione. Vorrei concludere dicendo che sono numerosi gli interventi che facciamo, a tal proposito penso che sia importante fare le scelte giuste, soprattutto in questo momento dove il razionamento delle risorse e il patto di stabilità ci condizionano pesantemente. 7

19 Nei prossimi mesi abbiamo una scadenza a breve termine che riguarda le scelte sugli istituti tecnici superiori e una subito dopo sulla nuova programmazione, quindi ci sarà modo di attivare confronti formali che possono aiutarci come Regione a fare insieme le scelte migliori per il territorio. Vi ringrazio. Moderatore Grazie al dott. Romano. Approfitto di questi interstizi per fare anche quelle cose che normalmente si fanno all inizio, cioè tutta la serie di ringraziamenti che in questo modo risultano più chiari. Vedete questa splendida sede nella quale siamo ospitati, a questo proposito dobbiamo ringraziare la Fondazione Cini e in particolare ringraziamo l amico dott. Andrea Erri che ha collaborato in maniera straordinaria ed è sempre presente nelle nostre azioni progettuali e nelle attività che abbiamo anche sul territorio. La dott.ssa Palumbo non c è bisogno di presentarla, abbiamo stretto questo patto USR del Veneto, USR del Friuli Venezia Giulia e direzione generale per gli ordinamenti scolastici e per l autonomia scolastica. Per noi questo è stato un modo mediante il quale abbiamo cercato di mantenere il rapporto con lei che per sette anni ha guidato il nostro ufficio, si è trattato di una crescita e un apprendimento reciproco. La strategia Europa 2020 nelle politiche della Direzione Generale degli Ordinamenti Carmela Palumbo, Direttore generale, Direzione Generale degli Ordinamenti Credo che per il Veneto e il Friuli questo progetto abbia un significato che va oltre il campo delle azioni che sono state svolte perché sta a sottolineare ancora una volta che sia dal punto di vista diciamo del servizio scolastico, sia da quello dell assetto economico ha molti punti di analogia e di convergenza. Se andiamo a guardare quelli che sono gli esiti scolastici, così come i risultati delle rilevazioni esterne degli apprendimenti, e quindi i dati dell OCSE-PISA che ormai dal 2000 andiamo rilevando e poi la serie ormai storica dei dati dell INVALSI, si possono fare alcune riflessioni. Se leggiamo questi dati come risultati complessivi dell area del nord-est, oppure andiamo a comparare i risultati del Veneto e del Friuli, si vede che è un area che scolasticamente ha dei caratteri abbastanza omogenei e di grande livello, di alta qualità. Possiamo dire con un certo orgoglio che i risultati proprio dei livelli di apprendimento dei nostri studenti sono, sotto il profilo scolastico, il settore trainante del nostro Paese. Il Veneto e il Friuli Venezia Giulia, considerati complessivamente, sono un area territoriale vasta, pur con specificità locali, soprattutto per quanto riguarda la zona della Giulia. Tant è vero che nel pomeriggio io e la dott.ssa Beltrame ci trasferiremo a Trieste per un seminario che riguarda la questione del confine orientale, quindi le tematiche storiche proprie di quel territorio che abbiamo promosso come direzione ordinamenti con lo USR, nell ambito delle azioni di cittadinanza e Costituzione. 8

20 Quindi senz altro questo Progetto si inserisce e viene a situarsi anche geograficamente in un contesto scolastico che ha queste caratteristiche di qualità diffusa e di equità, come veniva sottolineato prima dalla dott.ssa Miola. Questo credo vada evidenziato, perché uno dei dati che emerge dalle rilevazioni esterne è proprio questa minore sperequazione fra le diverse istituzioni scolastiche rispetto ad altre aree del nostro territorio. Voglio dire che il dramma, sotto il profilo dei livelli di apprendimento o della qualità del servizio scolastico, nel nostro Paese risiede soprattutto in questo, cioè nei livelli fortemente sperequati della qualità degli apprendimenti tra un istituzione scolastica e l altra. Nel passaggio dall esperienza veneta al livello nazionale, che poi è stata preceduta per me anche da un esperienza, a livello personale, friulana, l aspetto che emerge in modo più evidente è proprio questo, cioè i forti livelli di sperequazione che tra una scuola e l altra si possono verificare sotto tutti i profili, quello dell edilizia, quello dei servizi in generale, quello del contesto socio economico. Da questo punto di vista il Nord Est ha questa maggiore compattezza, maggiore omogeneità e quindi maggiore equità anche poi per i nostri studenti. Pertanto credo che anche delle azioni come questa del progetto Sfide che si situa in un area di studio, di ricerca e comparazione di dati sia particolarmente interessante non solo per l esito che poi viene restituito al territorio, ma proprio per gli spunti e le informazioni che possono invece arrivare anche a livello nazionale. Chiaramente la direzione degli ordinamenti scolastici è particolarmente interessata al primo asse di questo progetto, cioè quello che mira a verificare gli aspetti del quadro di riforma degli ordinamenti scolastici che, almeno in potenza, perché poi la realizzazione è ovviamente nelle mani delle istituzioni scolastiche, sono più volti al raggiungimento degli obiettivi della Strategia UE Quindi per noi ordinamenti gli esiti di questa parte di ricerca sono molto interessanti perché ci possono dare delle linee di azione, di intervento sulle quali dobbiamo evidentemente lavorare ancora di più con le scuole per dare reale attuazione a quelle che sono le indicazioni, le linee guida ma anche tutta la struttura, l architettura ordinamentale che i regolamenti vanno a delineare. Adesso vado a trattare l argomento della mia breve relazione e cioè che cosa sta facendo, nell attuazione dei regolamenti, la direzione. In primo luogo noi abbiamo chiuso a novembre il Regolamento di revisione delle indicazioni del primo ciclo, un operazione anche questa molto importante che è stata fatta perché intanto è un operazione di chiarezza, di essenzializzazione, perché ci trovavamo di fronte a due testi di indicazioni per il curricolo che erano date alle scuole del primo ciclo. Avevamo ancora in applicazione le indicazioni nazionali del 2004 e le indicazioni per il curricolo del 2007, quindi il testo Moratti e quello Fioroni. Nel 2009, con un atto di indirizzo, era stato chiesto alle istituzioni scolastiche del primo ciclo di armonizzare i testi delle due indicazioni. Un operazione chiaramente difficile e credo non di competenza delle scuole, anche perché i presupposti di tipo culturale e le scelte di tipo pedagogico che erano implicate in questi due testi di indicazioni erano molto diverse. Siamo arrivati alla formulazione delle indicazioni nazionali per il curricolo, che sono state proposte alle scuole del primo ciclo, che riescono a portare a sintesi e, se vogliamo dire, anche a meglio focalizzare quelli che sono quelli che sono gli aspetti salienti delle indicazioni per il curricolo del E in queste indicazioni rimane 9

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano GO FAR! Comenius Regio Project La matematica ci fa andare lontano MA QUALE DISTANZA? IL PARTERNARIATO ITALIANO USR-EMILIA ROMAGNA DS Rosanna Rossi Coordinator Prof. Annalisa Martini Collaborator Dr. Monica

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Obiettivi dell'intervento. Scaletta

Obiettivi dell'intervento. Scaletta Obiettivi dell'intervento informazione sul SNV sensibilizzazione sulla valutazione di istituto valutazione esterna ed interna sperimentazione della procedura di AV spunti di riflessione disponibilità ad

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro

Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Da Berlinguer alla Gelmini gli ultimi 15 anni di politica scolastica nel nostro Paese. di Walter Moro Lo sfondo: tra continuità, discontinuità interventi parziali, assenza di un disegno complessivo di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione esterna delle scuole

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli