Industria Farmaceutica La catena di valore del farmaco Un tema cruciale: la distribuzione farmaceutica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Industria Farmaceutica La catena di valore del farmaco Un tema cruciale: la distribuzione farmaceutica"

Transcript

1 Industria Farmaceutica La catena di valore del farmaco Un tema cruciale: la distribuzione farmaceutica Siena, aprile 2015 Area Research & Investor relations

2 Antibiotico acquistato in farmacia: foto archivio Andrea Dardi

3 Indice PRESENTAZIONE E BULLETT POINTS p.4 La catena di valore del farmaco Il mercato farmaceutico nel mondo: le vendite nel lungo termine p.6 Produzione ed esportazioni del settore farmaceutico in Italia p.8 Le vendite di farmaci nel mondo per classe terapeutica p.10 Come si crea il valore nel farmaco: gli elementi fondamentali p.11 Ricerca & sviluppo, produzione p.12 Costi accessori e oneri commerciali p.14 La formazione del prezzo nei prodotti farmaceutici: sintesi p.15 Il contributo dei farmaci alla spesa sanitaria in Italia p.16 Schemi assicurativi e Sevizi Sanitari Nazionali: il rimborso dei farmaci p.19 Il rimborso dei farmaci negli USA p.21 Dal valore al prezzo del farmaco: alcuni casi significativi p.22 Scenari futuri per il pricing dei farmaci p.24 La distribuzione farmaceutica La struttura della distribuzione farmaceutica p.27 La dimensione del mercato distributivo nel Mondo e in Europa p.29 Le farmacie: la capillarità della rete distributiva in Europa p.30 L indice MPS-PHD per la distribuzione farmaceutica mondiale p.31 Il commercio parallelo dei farmaci: pro e contro p.33 Conclusioni p.34 APRILE 2015 pag. 3

4 PRESENTAZIONE E BULLETT POINTS Il settore farmaceutico presenta notevoli motivi d interesse, sia dal punto di vista economico, che da quello industriale e commerciale: mobilitando molte tra le migliori energie e menti nel campo della ricerca è estremamente innovativo, come dimostra il crescente numero di farmaci oggi sul mercato che permettono di trattare patologie che fino a poco tempo fa non avevano indicazione terapeutica, come l epatite C, alcune gravi forme oncologiche e malattie rare. Il farmaceutico è uno dei settori più globalizzati, questo perchè l ordine di grandezza degli investimenti e i tempi necessari per finalizzare e mettere sul mercato un farmaco nuovo sono estremamente rilevanti, ragion per cui la ricerca e i capitali vengono ottimizzati molto spesso con partnership costituite tra operatori del settore, e non solo tra le aziende più grandi, le cosiddette Big Pharma. Anche l Italia è protagonista: nell attuale panorama economico generalmente caratterizzato da tinte non propriamente rosee, il farmaceutico si è distinto durante gli ultimi anni per gli elevati tassi di crescita delle esportazioni e l innovazione di processo e di prodotto, diventando un fiore all occhiello per tutta l economia italiana. Questo lavoro si propone di discutere il meccanismo alla base delle formazione del valore e del pricing dei farmaci e di affrontare un tema di grande interesse nel contesto attuale, quello relativo alla distribuzione farmaceutica con la delicata questione del commercio parallelo. Questi sono gli aspetti rilevanti, dal punto di vista dell analisi: Il processo industriale di ricerca e di produzione del farmaco, e gli altri fattori rilevanti nella formazione del prezzo; Il ruolo delle agenzie governative ed il rimborso dei farmaci in Italia ed USA nel trend della spesa sanitaria; La distribuzione dei prodotti farmaceutici e il commercio parallelo. APRILE 2015 pag. 4

5 La catena di valore del farmaco Il mercato farmaceutico nel Mondo e in Italia I fattori fondamentali che determinano il pricing Criteri guida nel rimborso dei medicinali in Italia ed USA Area Research e Investor Relations Modello di molecola farmacologica organica. Fonte: APRILE 2015 pag. 5

6 Il mercato farmaceutico nel mondo: le vendite nel lungo termine 1/2 VENDITE FARMACEUTICHE NEL MONDO (MILIARDI USD) Elaborazioni MPS Research su dati IMS Market Prognosis Il grafico mostra chiaramente quanto il mercato farmaceutico sia cresciuto dal 2000 in poi: il valore delle vendite è raddoppiato il dieci anni superando per la prima volta la barriera dei 1000 miliardi di USD nel Le proiezioni degli esperti del settore ritengono molto verosimile la conferma del trend per gli anni a venire: IMS Market Prognosis stima il valore del mercato tra 1200 e 1300 miliardi di USD nel APRILE 2015 pag. 6

7 Il mercato farmaceutico nel mondo: le vendite nel lungo termine 2/2 Un attenta analisi critica dei dati presentati nell ultimo rapporto IMS del novembre 2014 è fornita dal Quotidiano della Sanità, che per correttezza nell informazione riportiamo fedelmente nelle parti principali. La spesa globale per i farmaci si prevede che raggiungerà miliardi dollari entro il 2018, con un incremento di circa il 30% rispetto al livello del 2013: il tasso di crescita annuo potrebbe arrivare a toccare punte del 7% a fronte del 5,2% registrato nel corsi degli ultimi cinque anni. Questa crescita sarà dovuta sia all'introduzione di nuovi farmaci che ad una maggiore accessibilità ad essi da parte dei pazienti, che dovrebbe coincidere anche con una più bassa incidenza di brevetti scaduti. I mercati sviluppati, guidati da Stati Uniti, i principali cinque mercati europei (tra cui l'italia) e il Giappone, saranno i driver principali di questa crescita, mentre i 21 paesi emergenti a livello farmaceutico arriveranno a rappresentare quasi il 50% della crescita assoluta a livello globale nel Tra i mercati quello statunitense si conferma il più grande, rappresentando circa un terzo del totale a livello mondiale, ed è destinato ad aumentare ancora a un tasso del 5-8% annuo fino al Una stima di crescita significativamente superiore a quella del 3,6% registrata nel corso degli ultimi cinque anni. Nei maggiori mercati europei, invece, gli sforzi attuati dal regime di austerity per limitare la crescita della spesa sanitaria, e in particolare quella per i farmaci, hanno portato a riduzioni di spesa o ad una bassa crescita, che proseguirà fino al APRILE 2015 pag. 7

8 Produzione ed esportazioni del settore farmaceutico in Italia 1/2 Produzione venduta, in valore e quantità nel 2012 e 2013 Valore delle esportazioni, miliardi di euro Esportazioni: confronto mensile 2013/2014 Elaborazione Area Research BMPS su dati ISTAT APRILE 2015 pag. 8

9 Produzione ed esportazioni del settore farmaceutico in Italia 2/2 I numeri del comparto farmaceutico italiano rappresentano un eccellenza nel panorama industriale nazionale, soprattutto per i risultati ha conseguito dagli anni 90 ad oggi, diventando il secondo in Europa dopo quello della Germania e uno dei primi nel mondo, come i dati forniti dall ISTAT confermano. Con 174 unità produttive di grandi dimensioni, 62 mila addetti nel settore, 60 mila nell indotto, e 6 mila tecnici per la ricerca e sviluppo, 27 miliardi di euro di vendite e 2,4 miliardi di euro di investimenti, metà dei quali destinati alla ricerca e sviluppo, il settore nel 2013 era in piena salute anche se non mancano gli interrogativi relativi al futuro che attengono ad aspetti quali la futura politica ospedaliera, industriale ed il quadro normativo che è sempre in evoluzione. Molto alta la produttività per addetto del settore in tutto il mondo ed in misura più marcata anche in Italia: l innovazione tecnologica e l alta qualità del capitale umano sono i fattori sui quali si basa il successo del farmaceutico nazionale. Ma la nota più soddisfacente è rappresentata dal grado di apertura verso i mercati esteri: le esportazioni sono continuamente aumentate anno dopo anno non risentendo dei fattori di crisi internazionale che hanno afflitto molti altri settori industriali e del commercio, infatti il 72% dell intera produzione è destinata alle esportazioni, che nel 2013 ammontavano a poco meno di 20 miliardi di euro, in aumento del 14% rispetto al 2012 e di ben il 65% rispetto al 2008: la grande crisi economica globale del 2008/2009 non ha praticamente avuto alcun effetto sulle vendite estere del settore che è al quarto posto assoluto tre tutti i comparti esportatori italiani, mentre nel 1991 occupava il 53 esimo. Durante i primi sette mesi del 2014 le esportazioni sono cresciute del 2,8% rispetto allo stesso periodo del 2013 quando avevano fatto registrare il nuovo massimo assoluto a 19,6 miliardi di Euro: il tasso di crescita delle esportazioni per l anno in corso pare in deciso rallentamento. Da sottolineare anche l interesse delle aziende estere per i marchi e i brevetti farmaceutici italiani, interesse che potrebbe determinare un ulteriore aumento degli investimenti nel nostro paese. APRILE 2015 pag. 9

10 Le vendite di farmaci per classe terapeutica PROIEZIONI 2016 ( MILIARDI USD) Elaborazione MPS Research su dati IMS Institute for Healthcare Informatics Il grafico mostra le vendite attese delle principali 10 classi terapeutiche nel Complessivamente, i farmaci appartenenti a queste categorie generano oltre il 30% delle vendite complessive e possono essere considerati i market drivers. I farmaci oncologici sono quelli che commercialmente generano il fatturato maggiore: si pensi che il solo Avastin venduto dalla Roche che è un oncologico di tipo antiangiogenetico ha generato nel 2013 vendite pari a 7 miliardi di USD nel mondo. I farmaci oncologici, HIV antivirali e gli immunostimolanti sono farmaci di tipo specialistico (speciality medicines) che hanno meccanismi d azione sviluppati in maniera innovativa mediante studi d avanguardia. Lo sviluppo di questi farmaci coinvolge la maggior parte dei nuovi investimenti nel settore farmacologico. APRILE 2015 pag. 10

11 Come si crea il valore nel farmaco: gli elementi fondamentali I FATTORI DETERMINANTI NELLA CATENA DI VALORE DEL FARMACO Diagramma elaborato da Area Research BMPS APRILE 2015 pag. 11

12 Ricerca & sviluppo, produzione 1/2 Fiale in produzione. Fonte: Secondo i dati forniti dalla WHO (World Health Organization), la ricerca, sviluppo e la produzione dei nuovi farmaci incorporano la maggior parte dei costi che contribuiscono alla formazione del prezzo finale al dettaglio: oltre il 40%. Il processo di scoperta e di industrializzazione dei farmaci si protrae molto a lungo nel tempo, ed è suddiviso in varie fasi, a seconda dei protocolli vigenti. I modelli clinici di riferimento sono due: quello adottato negli USA dalla FDA (Food and Drug Administration) e quello europeo definito dall EMA (European Medicines Agency). Lo standard previsto dall FDA è generalmente considerato il più rigoroso al mondo perché sono previste una fase preclinica, tre distinte fasi di test clinici ed una fase conseguente alla commercializzazione. Tutto l iter può richiedere fino a vent anni di tempo e un investimento medio stimato in circa 3 miliardi di USD, secondo i dati forniti da Tuffs Centre for Drug Development. Una volta approvato, il farmaco diviene un prodotto industriale: lo stesso istituto di ricerca ha reso noto che i costi industriali di produzione sono aumentati decisamente durante gli ultimi dieci anni. APRILE 2015 pag. 12

13 Ricerca e sviluppo, produzione 2/2 RICERCA & SVILUPPO E PRODUZIONE: CONTRIBUZIONE DELLE SINGOLE COMPONENTI AL COSTO Elaborazione Area Research BMPS su dati Tuffs Centre for Drug Development Il diagramma mostra la ripartizione dei costi di produzione in basa all analisi del Tuffs Centre for Drug Development L ultima ricerca è stata condotta grazie alle informazioni fornite da 10 aziende farmaceutiche su 106 farmaci selezionati casualmente che sono stati testati sull'uomo in qualsiasi parte del mondo fra il 1995 e il In uno studio precedente che fu eseguito nel 2003, il Tuffs Centre valutò che un costo per ogni nuovo farmaco nuovo pari a 802 milioni di dollari per prodotti testati fra il 1983 e il La cifra, milioni di dollari se rapportata al 2013 (anno di riferimento del nuovo studio), indica un incremento del 145% tra i due periodi verificati, con un tasso di crescita annuo composto del 8,5% APRILE 2015 pag. 13

14 Costi accessori e oneri commerciali diversi Oltre ai costi di R&S e produzione propriamente detti (circa il 40% del totale), che sono stati illustrati precedentemente, nella formazione del prezzo dei prodotti farmaceutici hanno rilevanza anche altri costi. Il ruolo del commercio internazionale ha assunto una rilevanza sempre crescente nel corso del tempo, sino a concorrere in maniera estremamente significativa alla determinazione del prezzo finale. In particolare distinguiamo: Le componenti CIF (cost, insurance freight, ovvero i costi, le assicurazioni e i noli determinati dallo shipping). Questi costi possono pesare circa 14% del totale. Il margine dell importatore, mediamente poco sotto il 10% del totale. Trattandosi di un attività economica in senso stretto, l attività di importazione è condotta da operatori specializzati che logicamente incorporano il loro margine nel prezzo del farmaco. Ci sono casi di importatori che dispongono di una loro rete di vendita propria ma non è la regola. Il margine del distributore. Comprende la remunerazione dell attività dei rivenditori all ingrosso e della loro rete: sono compresi i costi dell attività logistica di magazzino ed il trasporto ai dettaglianti. Il costo della distribuzione è circa pari all 11% del totale a seconda dell efficienza della catena distributiva. Il margine del rivenditore al dettaglio, ovvero della farmacia. Si tratta del ricarico che viene applicato al cliente finale della farmacia, che molto spesso è un paziente. La percentuale è mediamente del 18% a seconda della tipologia di farmaco in questione. I ricarichi maggiori di questo canale riguardano i prodotti cosiddetti da banco e una categoria di prodotti parafarmaceutici detti integratori. Il canale ospedaliero si approvvigiona all ingrosso ed evita questo passaggio. La componente fiscale, circa il 7% del totale. Si tratta delle imposte che vengono applicate dai governi. Si possono dividere in due categorie, le imposte sul valore aggiunto, che differiscono da paese a pese, e le tariffe sulle importazioni. Secondo i dati forniti da World bank, questi e sono pari a zero in ben 56 paesi. APRILE 2015 pag. 14

15 La formazione del prezzo nei prodotti farmaceutici: sintesi CONTRIBUTI MEDI ALLA FORMAZIONE DEL PREZZO AL DETTAGLIO DEL FARMACO Elaborazione Area Research BMPS su dati forniti da World Health Organization (WHO) e Healthcare Associated Infections (HAI) APRILE 2015 pag. 15

16 Il contributo dei farmaci alla spesa sanitaria globale in Italia 1/3 Logo dell Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) Oltre alle attività di ricerca, produzione e commercializzazione che contribuiscono direttamente alla formazione del prezzo, i farmaci sono soggetti a un approfondito monitoraggio da parte di organismi specifici nei singolo paesi. In Italia, esiste l AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). La mission dell AIFA, per quanto attiene ai prezzi del farmaci è la seguente: Il regolamento AIFA, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 Ottobre 2009, prevede tra le attività interne all Agenzia quelle di Health Technology Assessment. All ufficio vengono attribuiti questi compiti: o il monitoraggio del consumo e della spesa farmaceutica territoriale ed ospedaliera a livello nazionale e regionale o le attività di Health Technology Assessment. o L ufficio OsMed (Osservatorio sull impiego del Medicinali)è inoltre in stretto rapporto con importanti istituzioni /attività europee: Trasparency Committee, Infoprice project, EMINET, Network of Competent Authorities for P&R. Partecipa attivamente a progetti europei nell area dei prezzi e rimborso dei farmaci, con particolare riferimento al settore ospedaliero (dal sito dell Agenzia). APRILE 2015 pag. 16

17 Il contributo dei farmaci alla spesa sanitaria globale in Italia 2/3 SPESA SANITARIA PUBBLICA PRO-CAPITE, , ITALIA E ALTRI PAESI AREA EURO (USD) ITALIA MEDIA ALTRI PAESI AREA EURO Elaborazione Area Research BMPS su dati OCSE, System of Health Accounts riportati da Quotidiano della Sanità Il diagramma mostra la tendenza della spesa sanitaria pro-capite, misurata in USD (purchasing power parities): si osserva con immediatezza che la spesa sanitaria in Italia è stata sempre inferiore alla media europea durante tutto l arco di tempo considerato e che il divario si è notevolmente ampliato dal 2005 in poi. L Italia spende per la sanità soltanto il 9% del PIL, contro poco meno del 12% dei Germania, Olanda e Francia. Gli USA spendono addirittura oltre il 17% nel settore (dati OCSE, rapporto statistico 2014) La spesa farmaceutica in Italia, che è parte della spesa sanitaria totale, si è addirittura contratta del 3% nel 2014 rispetto al 2013 in base ai dati forniti da Federfarma. APRILE 2015 pag. 17

18 Il contributo dei farmaci alla spesa sanitaria privata in Italia 3/3 COMPOSIZIONE SPESA SANITARIA PRIVATA, 2000 COMPOSIZIONE SPESA SANITARIA PRIVATA, 2011 Elaborazione Area Research BMPS su dati Rapporto OASI 2013 Il rapporto OASI (Osservatorio sulle Aziende e sul Sistema Sanitario Italiano) redatto dal CERGAS (Centro Ricerche sulla Gestione Assistenza Sanitaria e Sociale dell Università Bocconi) su base dati ISTAT e RGSP (Relazione Generale Situazione Economica del Paese) offre degli spunti importanti sui quali ragionare sia a livello di evoluzione della Spesa Sanitaria Pubblica che di Spesa Sanitaria Privata. In base ai dati del rapporto, confermati anche da Health statistics 2014, dati relativi al 2012 la Spesa Sanitaria Nazionale (privata e pubblica) nel 2012 ammontava a circa il 9,2% del Prodotto Interno Lordo, e la spesa totale per i farmaci ammontava a 16 miliardi di euro (dato Farmindustria). Per quanto attiene la nostra analisi, i dati rilevanti relativi alla spesa farmaceutica mostrano, come indica il digramma, che per quanto riguarda la Spesa Sanitaria Privata, la voce relativa ai farmaci rappresentava nel 2000 il 35,3% del totale, mentre nel 2011 era scesa al 32,7%. Intermini relativi, mentre la spesa sanitaria privata è cresciuta del 23% nel periodo , la spesa relativa ai farmaci solo del 13,9% APRILE 2015 pag. 18

19 Schemi assicurativi e Servizio Sanitario Nazionale: il rimborso dei farmaci 1/2 In Italia, il sistema di rimborso dei farmaci messo a punto dal Sistema Sanitario Nazionale (SSN), si è progressivamente evoluto in senso competitivo puntando a conseguire una serie di obiettivi che sono stati fissati, principalmente relativi al contenimento del budget, ma non solo. La legge 326 del 2003 formalizza la negoziazione tra l AIFA e le case farmaceutiche. Queste sono le linee guida, come specificate nel sito web dell Agenzia : Il rapporto costo/efficacia positivo: il medicinale è ritenuto utile per il trattamento di patologie per le quali non esiste alcuna terapia efficace, o fornisce una risposta più adeguata rispetto a farmaci già disponibili per le medesime indicazioni terapeutiche; Rapporto rischio/beneficio più favorevole rispetto a farmaci già disponibili per le stesse indicazioni; Valutazione dell impatto economico sul SSN; Il miglior rapporto di costo terapia a confronto con prodotti della stessa efficacia; Stima delle quote di mercato acquisibili; Confronto con i prezzi e i consumi degli altri Paesi europei. Nella valutazione dell efficacia e del prezzo di un farmaco l AIFA si avvale del supporto della Commissione Tecnico Scientifica e del Comitato Prezzi e Rimborso e dei dati dei consumi e della spesa farmaceutica forniti dall Osservatorio Nazionale sull impiego dei Medicinali (OsMed). L implementazione di questi meccanismi ha consentito di raggiungere risultati ragguardevoli nel contenimento della spesa sanitaria complessiva in rapporto agli altri paesi europei, come abbiamo visto nelle slide precedenti. Proprio il termine di paragone internazionale porta a ritenere che la spesa farmaceutica dell Italia non sia particolarmente elevata intermini relativi. A conferma di questa idea sta il fatto che alcuni farmaci sono molto meno costosi in Italia rispetto ad altri paesi europei, come la Germania: di ciò si avvantaggia il commercio parallelo, come vedremo più dettagliatamente in seguito. APRILE 2015 pag. 19

20 Schemi assicurativi e Servizio Sanitario Nazionale: il rimborso dei farmaci 2/2 COSTO DEI FARMACI IN ITALIA RISPETTO ALLA MEDIA EUROPEA Elaborazione Area Research BMPS su dati dello studio CERGAS 2013 CERGAS (Centro Ricerche sulla Gestione Assistenza Sanitaria e Sociale dell Università Bocconi) ha svolto nel 2013 un interessantissimo studio sui prezzi dei farmaci, commissionato da Farmindustria. l associazione che raccoglie i produttori italiani. L obiettivo dell analisi era quello di confrontare i prezzi dei farmaci con obbligo di prescrizione, rimborsabili e riferiti al mercato in farmacia ed ospedaliero (Classe A e H) in Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito. L anno di riferimento è quello mobile aprile 2011-marzo I risultati sono riportati nel diagramma. I farmaci in Italia costano in media il 14,6% in meno che nel resto dei Paesi europei a noi assimilabili. In particolare, lo sconto è del 19% per i farmaci dispensati in farmacia e dell'8% per quelli ospedalieri. Prezzi italiani più alti solo per i farmaci ospedalieri rispetto alla Spagna (del 15,2%) e per quelli in farmacia a brevetto scaduto rispetto al Regno Unito (del 12,4%). APRILE 2015 pag. 20

21 Il rimborso dei farmaci negli USA Le statistiche federali mostrano che la spesa sanitaria negli USA supera il 17% del Prodotto Interno Lordo, che nel 2014 è stato superiore a 17 mila miliardi di dollari: vista l entità delle cifre coinvolte e il fatto che oggi gli Stati Uniti sono il primo paese per importanza al mondo nel farmaceutico, ci sembra opportuno fornire un breve quadro delle politiche di rimborso a favore dei pazienti. Il rapporto Inform redatto dalla Drug Information Association rende noto che USA il sistema è molto complesso e basato su numerose entità, sia pubbliche che private. Il settore pubblico contribuisce per il 50% alla spesa farmaceutica dei cittadini, con i programmi Medicare, Medicaid, Children s Helth Insurance Program, Bureau of Indian Affairs, Veteran Health Administration, Tricare and Public Health Service. Malgrado i numerosi programmi di assistenza pubblica, la maggior parte dei cittadini statunitensi sottoscrivono polizze sanitarie private: nel 2010 il numero dei cittadini coperti era pari a 195,6 milioni, mentre 49,9 milioni (il 16,3%) non avevano alcuna assistenza sanitaria. Il passaggio della legge nota come Affordable Care Act (ACA), meglio conosciuta come Obamacare, approvata nel marzo del 2010 ha creato un serie di meccanismi per estendere la copertura sanitaria ed il rimborso dei farmaci a favore dei cittadini bisognosi contenendo nel contempo il budget. USA: Sigillo del Dipartimento per la Salute e i Servizi Umani APRILE 2015 pag. 21

22 Dal valore al prezzo del farmaco: alcuni casi significativi 1/2 SPESA TRATTAMENTO ANNUALE PER PAZIENTE DEI 5 FARMACI PIU COSTOSI NEL MONDO (USD) Elaborazione Area Research BMPS su dati forniti da FiercePharma, 2014 APRILE 2015 pag. 22

23 Dal valore al prezzo del farmaco: alcuni casi significativi 2/2 Il diagramma riportato nella slide precedente è importante perché aiuta a comprendere con dati alla mano le sfide con le quali i Sistemi Sanitari Nazionali e gli schemi assicurativi privati si devono confrontare in questo campo: nel grafico sono rappresentati i nomi dei farmaci col relativo produttore (tra parentesi) col loro costo annuo per paziente trattato. In questi ultimi dieci anni la scienza farmacologica ha fatto passi da gigante e sono oggi disponibili trattamenti contro patologie contro le quali fino a poco tempo fa non c erano opzioni terapeutiche, per esempio alcune malattie virali come l Epatite C, alcune forme oncologiche particolarmente gravi e alcune malattie rare, ma questi farmaci hanno spesso costi estremamente elevati. A fine 2014, i farmaci più costosi al mondo erano i seguenti (valori forniti da FiercePharma): Achtar Gel, (Mallinckrodt), costo annuale per paziente 205 mila 681 USD. Il farmaco è indicato per varie patologie come gli spasmi infantili, ricadute nella sclerosi multipla e vari disordini reumatici. Cinryze,, (Shire), costo annuale per paziente 230 mila 826 USD. E indicato per trattare una malattia rara nota come angioedema (HAE). Kalydeco, (Vertex),costo annuale per paziente 299 mila 592 USD. Viene utilizzato per trattare la fibrosi cistica, una gravissima malattia polmonare. Naglazyme (Biomarin), costo annuale per paziente 485 mila 747 USD. Si tratta di un farmaco destinato al trattamento di una malattia rara nota come morbo di Maroteaux-Lamy che ha effetti devastanti sull organismo. Soliris (Alexion), costo annuale per paziente 536 mila 629 USD. Il Soliris è l unico farmaco esistente al mondo indicato per trattare una malattia rara nota come emoglobinuria parossistica notturna (PNH), che determina la morte dei globuli rossi del paziente durante la notte. Questi sono casi estremi ma altamente indicativi di tutta una serie di prodotti nuovi, come in nuovi farmaci per trattare l epatite C, che hanno un costo molto elevato. Si capisce quindi come i SSN e le assicurazioni siano impegnati come non mai in negoziazioni molto strette con i produttori per poter garantire l erogazione di questi farmaci a tutti i pazienti ai quali sono necessari. APRILE 2015 pag. 23

24 Scenari futuri per il pricing dei farmaci 1/2 Abbiamo visto in precedenza che la legislazione italiana nel campo della regolamentazione e monitoraggio dei prodotti farmaceutici può definirsi all avanguardia anche grazie all enforcement dell AIFA, pochi sono stati i casi che hanno dato adito a dibattiti dal 2003 ad oggi. Il modello vigente è comunque quello europeo e questo è un ambito nel quale i vari paesi dimostrano buona capacità di coordinamento soprattutto negli aspetti relativi all approvazione e alla diffusione dei farmaci nuovi, perché per quanto riguarda il costo delle terapie farmacologiche sussistono ancora, come abbiamo visto, notevoli differenze. Non ci addentreremo in questa sede nell analisi degli aspetti gestionali relativi ai singoli Sistemi Sanitari nazionali che possono incidere sui prezzi finali dei farmaci. Quello che ci preme sottolineare, soprattutto per quanto riguarda le nuove terapie che sono spesso le più onerose, è che col passare del tempo l aumento della concorrenza tra i produttori, determina un deciso ribasso del prezzo dei medicinali. Ciò vale soprattutto per le patologie di ampia diffusione per le quali le opzioni terapeutiche sono state sviluppate negli ultimi anni, e che sono il terreno sul quale le aziende si confrontano in maniera più aggressiva: un caso eclatante è dato dal trattamento dell epatite C, una infiammazione epatica virale che ha conseguenze gravissime per l organismo umano. Il virus dell epatite C (da APRILE 2015 pag. 24

25 Scenari futuri per il pricing dei farmaci 2/2 Sconto offerto negli USA sul farmaco HARVONI (Gliead Sciences) contro l Epatite C Elaborazione Area Research BMPS su dati Wall Street Journal, 4 febbraio 2015 Il mercato dei farmaci contro l epatite C è considerato molto ricco: negli USA si stimano 2,7 milioni di pazienti (fonte Bloomberg), corrispondenti a un valore terapeutico teorico di oltre 20 miliardi di USD all anno (fonte Barrons). Una nuova terapia contro questa malattia (farmaco Harvoni, prodotto dalla Gilead Sciences), di grande efficacia è stata approvata dall FDA lo scorso mese di ottobre 2014: il prezzo base era di 94 mila 500 USD (fonte FiercePharma) per 12 settimane di trattamento, le compagnie di assicurazione erano state in grado di negoziare uno sconto del 22% sul prezzo base. A dicembre FDA ha approvato un altro farmaco per il trattamento della stessa patologia, il Viekira Pak prodotto da Abbievie, il cui prezzo base era pari a 84 mila USD (fonte Fierce Pharma) per lo stesso periodo di 12 settimane. In seguito all introduzione del farmaco concorrente, Gilead Sciences è stata obbligata ad aumentare lo sconto del proprio farmaco al 46% rispetto al prezzo base per il 2015: questo è un esempio molto significativo di come la concorrenza tra produttori nello stesso segmento terapeutico possa generare significativi ribassi dei prezzi. APRILE 2015 pag. 25

26 Il Commercio Parallelo nella Distribuzione Struttura della Distribuzione Farmaceutica Indice MPS-PHD per la distribuzione farmaceutica mondiale Il Commercio Parallelo Area Research e Investor Relations Il moderno stabilimento Pfizer di Grange Castle in Irlanda APRILE 2015 pag. 26

27 La struttura della distribuzione farmaceutica 1/2 TRE DIFFERENTI MODELLI DISTRIBUTIVI Diagramma elaborato da Area Research BMPS su schema APRILE 2015 pag. 27

28 La struttura della distribuzione farmaceutica 2/2 La struttura della catena distributiva del farmaco può essere relativamente diretta, intermedia e complessa, cioè articolata in varie fasi ricorsive che interagiscono prima dell ultimo passaggio: la Food and Drug Administtion (FDA) statunitense, caratterizza la distribuzione in base ai seguenti elementi: produzione, ingrosso, dettaglio, ri-confezionamento (o repackaging ) ed altre forme di approvvigionamento. Il primo caso illustrato è quello che consiste nella vendita diretta dal produttore a dettagliante: si tratta del modello prevalentemente teorico perché in realtà non ci molti casi di aziende farmaceutiche manifatturiere che dispongono di una propria rete vendita diretta al pubblico. Il secondo modello comprende altri elementi, il grossista e la società di ri-confezionamento. Si tratta di un sistema che dispone di tutti gli elementi reali che caratterizzano la distribuzione farmaceutica, con il passaggio ingrosso-dettaglio ma anche con il ri-confezionamento dei prodotti che tanta importanza ha nelle moderne pratiche commerciali, soprattutto per quei prodotti che si basano su molecole non più coperte da brevetto che sono vendute simultaneamente da più aziende con nomi commerciali diversi e con proprio packaging. Il distributore fornisce il medicinale al repackager che lo restituisce con la confezione desiderata, si ha poi il passaggio finale dall ingrosso al dettaglio. Il diagramma mostra infine la situazione più complessa, quella nella quale oltre al ri-confezionamento è presente un canale esterno composto da farmacie istituzionali, che agiscono da veri e propri rivenditori nei confronti dei grossisti, e dall estero, che si approvvigiona direttamente dai produttori e rivende all ingrosso. Naturalmente la funzione del repackaging non è cambiata ma in questo caso interagisce con due livelli di grossisti: il primo livello è costituito da coloro che acquistano in via ufficiale dai rivenditori esteri e produttori industriali, il secondo dall importazione parallela il cui funzionamento verrà preso in esame in maniera dettagliata in seguito. La distribuzione all ingrosso che corrisponde al commercio parallelo esercita una vera e propria attività di trading sui prodotti farmaceutici, collegando anche il repackaging col dettaglio, ove i rivenditori finali ritengano che i farmaci non più coperti da brevetto possano avere un maggiore appeal commerciale se confezionati in maniera diversa. APRILE 2015 pag. 28

29 La dimensione del mercato distributivo nel Mondo e in Europa In un rapporto pubblicato di recente, il gruppo informativo britannico Visiongain stima il valore del mercato della distribuzione farmaceutica all ingrosso e al dettaglio in oltre 900 miliardi di USD nel 2018, una crescita costante guidata dallo sviluppo del mercato dei farmaci prescrivibili nei paesi emergenti e dall introduzione di nuovi farmaci negli USA, i Europa e Giappone. Il rapporto prevede un aumento del numero di nuovi farmaci destinati alla cura delle patologie gravi che hanno elevata marginalità economica; ciò potrebbe essere bilanciato parzialmente dalla scadenza dei brevetti destinati ad aumentare il numero delle medicine generiche (di minor costo) e alla regolamentazione verosimilmente più restrittiva dei governi a contenimento dei budget di spesa. L analisi di Visiongain prevede anche un aumento della dimensione media delle aziende della distribuzione farmaceutica, aumento che dovrebbe verificarsi con fusioni e acquisizioni di entità più piccole e meno capitalizzate. Ciò ha già cominciato a verificarsi, basta ricordare l acquisizione del 77,6% del capitale di Celesio, la terza azienda del settore per importanza da parte del gruppo Mc Kesson, il più importante, avvenuta nel febbraio L Euopean Medicine Information Network (EMINET), che fa capo alla Commissione Europea, svolge importanti indagini informative periodiche sul mercato farmaceutico europeo. Il rapporto The Pharmaceutical Distribution Chain in The European Union: Structure and Impact on Pharmaceutical Prices, pubblicato nel marzo 2011, descrive il mercato della distribuzione farmaceutica in Europa come molto frammentato soprattutto al livello del commercio al dettaglio, con forti differenziazioni nei singoli paesi. Il processo di consolidamento è comunque già cominciato a livello verticale con distributori che hanno acquisito farmacie e catene di farmacie, ed è probabile che il processo si intensifichi con il passare del tempo. APRILE 2015 pag. 29

30 Le farmacie: la capillarità della rete distributiva europea Europa: numero di farmacie presenti in ciascuno stato Elaborazione Area Research BMPS su dati Nielsen, 2010 Anche se i dati rappresentati sono di qualche anno fa, la distribuzione territoriale delle farmacie in Europa descrive efficacemente l estensione della rete farmaceutica a livello di vendite al dettaglio. Al primo posto nel 2010 era la Francia con 22 mila 689 farmacie seguita da Germania ( 21 mila 590), Spagna (19 mila 200) e Italia ( 16 mila 500). In totale, negli stati citati erano presenti oltre 104 mila farmacie. APRILE 2015 pag. 30

31 L indice MPS-PHD per la distribuzione farmaceutica mondiale 1/2 Indice MPS-PHD sulla distribuzione farmaceutica mondiale, , dati mensili Elaborazione Area Research BMPS su dati Bloomberg APRILE 2015 pag. 31

32 L indice MPS-PHD per la distribuzione farmaceutica mondiale 2/2 L indice MPS-PHD è una media aritmetica ponderata e normalizzata delle chiusure mensili dei prezzi di borsa dei tre principali gruppi della distribuzione farmaceutica mondiale: McKesson, Cardinal Health e Ameriusource Bergen, si tratta di corporations fondate negli USA che hanno attività distributive a livello globale. Insieme, queste tre aziende capitalizzano oltre 100 miliardi di USD, e la capitalizzazione di borsa costituisce la base del sistema di ponderazione dell indice. Il diagramma permette di osservare che dal 2011 in poi si è materializzato un deciso trend rialzista: soltanto nel 2014 l indice è aumentato del 36%, a testimonianza della salute di cui gode questo settore. La performance dell indice è particolarmente sorprendente se si pensa che da gennaio 2011 a gennaio 2015 il valore dell indice è più che triplicato. Interessante quello che è accaduto in Europa a livello di large corporate : nel 2007 il gruppo britannico Alliance-Boots, primo distributore di farmaci a livello europeo, è stato acquistato dall imprenditore italiano Stefano Pessina mediante un deal di private equity con KKR per 22 miliardi di USD, la più grande operazione di questo genere mai fatta in Europa. Il secondo maggior gruppo a livello europeo, Phoenix Group con sede in Germania,è invece controllato da privati, la famiglia Merckle. Per questi motivi la distribuzione farmaceutica europea, che è seconda soltanto a quella degli Stati Uniti a livello mondiale, è sottorappresentata nei mercati borsistici perché le aziende più importanti del settore non sono quotate essendo detenute da privati. APRILE 2015 pag. 32

33 Il commercio parallelo dei farmaci: pro e contro Un tema molto delicato che è divenuto recentemente oggetto di pubblico dibattito è quello dell importazione parallela dei farmaci, che in questa sede preferiamo definire commercio parallelo perché coinvolge tutti gli aspetti del trade sui farmaci, e non solo quelli relativi all importazione. Esiste un paper di riferimento a livello documentale per questo argomento è Domande e Risposte sulla Distribuzione Parallela, pubblicato dall EAEPC (European Association of Euro-Pharmaceutical Companies) nel Il commercio parallelo in campo farmaceutico consiste nel reperire farmaci su mercati dove hanno minor costo e rivenderli su altri mercati dove i prezzi degli stessi farmaci sono più elevati. Questa pratica è una normale attività che sui mercati è conosciuta come arbitraggio e mira sfruttare le differenze di prezzo per generare un profitto con un rischio molto limitato. Il commercio parallelo è perfettamente legale a livello europeo e regolamentata dalle autorità in maniera da facilitare la concorrenza nel mercato farmaceutico dell Unione. Il documento dell EAEPC fornisce le cifre di questo particolare settore commerciale che rappresenta circa il 3% dell intero mercato farmaceutico europeo, con fatturato che lo scorso anno era di circa 4,5 miliardi di Euro all anno. La Germania è il più grande importatore sul canale parallelo con circa l 11% di quota di mercato, che in Italia è circa dell 1%. Malgrado la dimensione relativamente piccola del mercato parallelo rispetto al totale del farmaceutico, questa attività ha numerosi detrattori perché le si attribuisce la responsabilità della scomparsa di alcuni farmaci dal mercato italiano, che essendo già presenti in quantità esigua, vengono comprati per essere rivenduti in Germania, dove i prezzi sono, come abbiamo visto, più elevati che in Italia. Alcuni di questo farmaci sono salvavita come gli anticoagulanti, è ciò ha dato inizio a un dibattito di carattere etico se i farmaci possano essere considerati alla stregua di una merce convenzionale oppure no. APRILE 2015 pag. 33

34 Conclusioni In un mercato farmaceutico mondiale che è fortemente cresciuto superando per la prima volta i 1000 miliardi di USD di vendite nel 2014 che le proiezioni danno in continua ascesa anche negli anni a venire, la comprensione delle componenti fondamentali che stanno alla base della creazione del valore è molto importante. Alla formazione del prezzo al dettaglio dei farmaci contribuiscono infatti non soltanto i costi di ricerca & sviluppo e produzione (circa il 40%), ma anche i margini dovuti al commercio che sono incorporati nel prezzo finale: importazione, ingrosso, dettaglio e tasse incidono per il restante 60% circa. La spesa farmaceutica dipende dalla spesa sanitaria complessiva, che differisce molto a seconda dei paesi: negli USA è addirittura del 17% rispetto al PIL mentre l Italia è uno dei fanalini di coda tra i paesi più sviluppati perché la spesa sanitaria globale è solo il 9% del Prodotto Interno Lordo, una delle percentuali più basse. Anche a livello Europeo il divario tra l Italia e gli altri paesi si è ampliato. Per quanto riguarda il prezzo medio dei farmaci ci sono forti differenze tra i singoli paesi, anche in Europa: uno studio svolto nel 2013 dell istituto CERGAS, che fa capo all Università Bocconi, ha dimostrato che i prezzi dei farmaci in Italia sono più bassi del 14,6% rispetto alla media degli altri paesi europei. Alcuni farmaci di nuova generazione destinati al trattamento di patologie che fino a pochi anni fa non avevano opzioni terapeutiche, offrono un esempio significativo dei livelli di prezzo elevatissimi che possono essere raggiunti in questo settore, con le conseguenti pressioni sugli enti pubblici e privati preposti al rimborso dei farmaci a favore dei pazienti: solo la concorrenza tra case farmaceutiche può contribuire ad abbassare il livello dei prezzi, come l esperienza dei nuovi farmaci destinati al trattamento dell epatite C dimostra, L andamento dell indice MPS- PHD testimonia lo stato di salute del settore a livello mondiale. Due temi fondamentali sono la capillarità della rete distributiva ed il commercio parallelo. APRILE 2015 pag. 34

35 Contatti Autore Pubblicazione Andrea Dardi Tel: Credits: Si ringrazia in particolare IMS Institute for Healthcare Informatics per il lavoro fondamentale Understanding the pharmaceutical Value Chain, del novembre 2014, e tutte le altre fonti di informazione citate. Disclaimer This analysis has been prepared solely for information purposes. This document does not constitute an offer or invitation for the sale or purchase of securities or any assets, business or undertaking described herein and shall not form the basis of any contract. The information set out above should not be relied upon for any purpose. Banca Monte dei Paschi has not independently verified any of the information and does not make any representation or warranty, express or implied, as to the accuracy or completeness of the information contained herein and it (including any of its respective directors, partners, employees or advisers or any other person) shall not have, to the extent permitted by law, any liability for the information contained herein or any omissions therefrom or for any reliance that any party may seek to place upon such information. Banca Monte dei Paschi undertakes no obligation to provide the recipient with access to any additional information or to update or correct the information. This information may not be excerpted from, summarized, distributed, reproduced or used without the consent of Banca Monte dei Paschi. Neither the receipt of this information by any person, nor any information contained herein constitutes, or shall be relied upon as constituting, the giving of investment advice by Banca Monte dei Paschi to any such person. Under no circumstances should Banca Monte dei Paschi and their shareholders and subsidiaries or any of their employees be directly contacted in connection with this information

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio.

C è un Italia profonda che è pronta a cambiare il sistema e che chiede alla politica risposte immediate alla sua voglia di dare il meglio. RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSEMBLEA PUBBLICA Roma, 3 luglio 2014 L INDUSTRIA FARMACEUTICA IN ITALIA, UN ECCELLENZA EUROPEA. Autorità, cari Amici imprenditori, Signore e Signori, grazie di cuore per aver

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Ci serve davvero un industria farmaceutica nazionale?

Ci serve davvero un industria farmaceutica nazionale? Ci serve davvero un industria farmaceutica nazionale? Quali obiettivi e interventi di politica industriale per il settore farmaceutico italiano. Ci serve davvero un industria farmaceutica nazionale? 1

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA UN OFFERTA DI RIACQUISTO SULLA TOTALITÀ DI ALCUNE OBBLIGAZIONI IN DOLLARI EMESSE DA TELECOM ITALIA CAPITAL S.A. Milano, 7 luglio 2015 Telecom Italia S.p.A.

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli