Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca)"

Transcript

1 AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO LG ~ Versione breve ~ LG Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca) Linee Guida Aziendali Gruppo Evidence Based Medicine Ottobre 2004

2 AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca) ~ Versione breve ~ Linee Guida Aziendali Gruppo Evidence Based Medicine Ottobre 2004

3 Azienda Sanitaria Ospedaliera San Giovanni Battista Corso Bramante 88/ Torino Direttore Generale: Dott. Giovanni Monchiero Direttore Sanitario: Dott. Pierino Panarisi Direttore Amministrativo: Dott. Paolo Giunta Redazione a cura del Gruppo Evidence Based Medicine Progetto Grafico, Impaginazione e Stampa:Visual Data Sas - Torino La riproduzione, totale o parziale, di questa pubblicazione a scopo di lucro è vietata.

4 i Gruppo di Lavoro Dr. L. Scaglione Medicina Generale 9 e Epidemiologia dei Tumori Dr. C. Antro Medicina d Urgenza Dr. M. Baccega Medicina Nucleare 1 Dr.V. Bonicalzi Neurorianimazione Dr. G. Bonnet Chirurgia Generale 2 Dr. A. Buttiglieri Anestesia e Rianimazione 7 Dr. M. Campana Medicina Nucleare 1 Dr. R. Casoni Cardiologia 1 Dr. E. Cerutti Anestesia e Rianimazione 6 Dr. G. Ciccone Epidemiologia dei Tumori Dr. M.E. Clara Anestesia e Rianimazione 9 Dr. G. Cravero Anestesia e Rianimazione 4 Dr. A. Ferrando Epidemiologia dei Tumori Dr. P. Ferrero Specializzando in Cardiologia Dr. P. Gianferrari Anestesia e Rianimazione 9 Dr. M. Giorgi Cardiologia 2 Dr. R. Grimaldi Cardiologia 1 Dr.T. Inversi Anestesia e Rianimazione 8 Dr. M. Lauretta Controllo di gestione Dr. L. Mangiardi Cardiologia 1 Dr. M. Pasquino Medicina Generale 6 Dr. A. Resegotti Chirurgia Generale 7 Dr. F. Ripa Direzione Sanitaria Dr. S. Skurzak Anestesia e Rianimazione 6 Dr.T.Varetto Medicina Nucleare 2 Dr. A.Verri Chirurgia Vascolare 1 Dr.T Usmiani Dr. C. Moretti Dr. G.Teodori Hanno Collaborato; Cardiologia Ospedaliera Cardiologia Universitaria Cardiochirurgia Revisori Esterni; L. Ballini CEVEAS - Modena S. Minozzi CEVEAS - Modena E. Inglese Medicina Nucleare - Novara E. Commodo Cardiologia - CTO

5 ii Documento su cui è basata questa Linea Guida ACC/AHA Guideline update on perioperative cardiovascular evaluation for non cardiac surgery Altri documenti consultati Linee guida SIAARTI: raccomandazioni per la gestione del cardiopatico da sottoporre a chirurgia non cardiaca. Minerva Anestesiol 2000;66: ICSI Health Care Guideline: Perioperative evaluation Chassot P-G et al. Preoperative evaluation of patients with, or at risk of coronary artery disease undergoing non-cardiac surgery. BJA 2002;89: Livelli di Evidenza Livello 1 Metanalisi/Revisioni sistematiche di RCT o RCT Livello 2 Metanalisi/Revisioni sistematiche di studi caso-controllo/coorte. Studi caso-controllo o coorte Livello 3 Case reports o serie di casi Livello 4 Parere di esperti, revisioni non sistematiche Classe I Classe II Classe III Grado delle Raccomandazioni Condizioni per le quali esistono prove di efficacia e/o l accordo generale che la procedura/terapia sia utile ed efficace Condizioni per le quali le prove di efficacia non sono concordi e/o vi è divergenza d opinione circa l utilità o l efficacia di una procedura o terapia. IIa: il peso dell evidenza e/o opinione è a favore dell utilità/efficacia IIb: l utilità/efficacia non è chiara sulla base dell evidenza/opinione Condizioni per le quali esistono prove di efficacia e/o l accordo generale che la procedura/terapia non sia utile ed efficace ed in qualche caso possa essere dannosa Note di buona pratica clinica Sono aspetti per i quali non esistono studi ma che sono ritenuti importanti ai fini pratici; non sono classificate negli schemi usati per graduare le raccomandazioni

6 iii Note per gli utilizzatori Le raccomandazioni contenute in questo documento sono formulate per gruppi di pazienti; le decisioni nel singolo paziente devono essere prese dal medico, combinando le raccomandazioni di questa Linea Guida con il giudizio clinico e con le preferenze del paziente. In quest ottica il medico può doversi discostare in modo significativo dalle raccomandazioni fornite dalla Linea Guida e tale decisione dovrebbe essere documentata e giustificata nella cartella clinica. Abbreviazioni nel testo. ACC/AHA American College of Cardiology/ American Heart Association BB Blocco di branca BPAC Bypass Aorto-Coronarico CAD Malattia Coronaria Aterosclerotica ECG Elettrocardiogramma FdR Fattori di Rischio FE Frazione di Eiezione ventricolare Gruppo di Lavoro che ha prodotto questo documento GdR Grado della Raccomandazione ICU Unità di Terapia Intensiva IMA Infarto Miocardico Acuto LG Linea Guida LdP Livello di Prova: qualità metodologica della letteratura che sottende le raccomandazioni MET Equivalenti Metabolici (1 MET = consumo di O 2 a riposo di un maschio di 40 aa che pesa 70 kg). NNT Numero di Pazienti da Trattare per prevenire un evento PA Pressione arteriosa PES ECG da sforzo PTCA Angioplastica percutanea RCT Studio controllato e randomizzato

7 Indice La terapia ß-bloccante nel perioperatorio Note sull utilizzo dei ß-bloccanti nel periodo perioperatorio Algoritmo 1: Chirurgia in emergenza. Pazienti con cardiopatia ischemica nota Tabella 1: Fattori di rischio clinici e chirurgici. Capacità funzionale Algoritmo 2: Pazienti con fattori di rischio clinico minore Algoritmo 3: Pazienti con fattori di rischio intermedio Algoritmo 4: Pazienti con fattori di rischio maggiore Algoritmo 5: La scelta dei test diagnostici Raccomandazioni: Pazienti con cardiopatia ischemica nota Raccomandazioni: In quali pazienti può essere utile una valutazione cardiologica supplementare? Raccomandazioni: Esami per la stratificazione del rischio: quale utilizzare? Raccomandazioni: Misure per ridurre il rischio di eventi perioperatori: i farmaci ß-bloccanti Raccomandazioni: Misure per ridurre il rischio di eventi perioperatori: i farmaci 2-agonisti adrenergici (es. clonidina) Raccomandazioni: Misure per ridurre il rischio di eventi perioperatori: i calcio-antagonisti ed i nitrati Raccomandazioni: Misure per ridurre il rischio di eventi perioperatori: la rivascolarizzazione coronarica Raccomandazioni: Diagnosi delle complicanze cardiache ischemiche postoperatorie Farmaci antipertensivi utilizzabili in caso di impossibilità ad utilizzare la via orale

8 1 La terapia ß-bloccante nel perioperatorio In terapia con ß-bloccante (ipertensione, CAD, ecc)? In programma intervento di chirurgia vascolare maggiore e ischemia agli esami preoperatori? Iniziare o continuare ß-bloccante Cardiopatia ischemica? Ipertensione non trattata? Fattori di rischio per cardiopatia ischemica*? Considerare l inizio del ß-bloccante Scelta del farmaco Possono essere usati atenololo, metoprololo o bisoprololo. Sono simili per efficacia nella prevenzione della morte dopo IMA. Altri ß-bloccanti senza effetto intrinseco simpaticomimetico sono probabilmente equivalenti. Il dosaggio dovrebbe essere aggiustato in modo da mantenere una frequenza cardiaca <70 bpm. Se il paziente è in terapia con un altro ß-bloccante, non è necessario sostituirlo con un ß1-selettivo. * Fattori di Rischio maggiori per cardiopatia ischemica Ipertensione arteriosa (sistolica o diastolica) Fumatore attuale Ipercolesterolemia Diabete mellito Controindicazioni all uso dei ß-bloccanti Nota sensibilità ai ß-bloccanti Blocco cardiaco AV di II o III grado senza pacemaker Insufficienza cardiaca congestizia grave (FE<30%) Malattia reattiva delle vie aeree scarsamente controllata (asma, BPCO) Pressione arteriosa sistolica <100 mmhg Frequenza cardiaca <60 bpm Sindrome del seno sinusale senza pacemaker Ipersensibilità del seno carotideo

9 2 Note sull utilizzo dei ß-bloccanti nel periodo perioperatorio Inizio della terapia con ß-bloccanti Periodo preoperatorio Se FC >60 bpm e PA sist >100 mmhg, può essere iniziato molti giorni prima (preferibilmente almeno un mese prima), Metoprololo mg due volte/die oppure Atenolo mg una volta/die. FC target : >50 bpm e <70 bpm minuti prima del intervento Se FC >60 bpm e PA sist >100 mmhg, Metoprololo 5 mg ev in 10 minuti + 5 mg in 10 minuti se FC >60 bpm e PA sist >100 mmhg, monitorizzando FC, SpO2 e pressione arteriosa non invasiva ogni 5 minuti. Per un blocco massimale, considerare una dose addizionale ogni 10 minuti se FC rimane >70 bpm e PA sist >100 mmhg. FC target: >50 bpm e <70 bpm Prosecuzione della terapia con ß-bloccanti durante e dopo l intervento Durante l intervento Se FC >60 bpm e PA sist >100 mmhg, Esmololo 500 mcg/kg per 1 minuto, poi mcg/kg/min infuso ev titolando in modo da mantenere Fc<70 bpm durante l intervento. FC target per un blocco massimale: <70 bpm Dopo l intervento Se FC >60 bpm e PA sist >100 mmhg, Metoprololo 5-10 mg ev ogni 12 ore nel paziente stabile che non può assumere farmaci per os. Continuare Esmololo nel paziente emodinamicamente instabile. FC target: >50 bpm e <70 bpm Nel periodo postoperatorio Se il paziente non può assumere farmaci per os dovrebbe essere continuato Metoprololo 5-10 mg ev ogni 12 ore. FC target >50 bpm e <70 bpm e PA sist>100 mmhg Quando il paziente è in grado di assumere terapia orale, si può passare a Metoprololo mg, due volte/die oppure Atenololo mg, una volta/die, con aggiustamento posologico tale da mantenere FC >50 bpm e <70 bpm e Pa sist >100 mmhg. Il farmaco ß-bloccante dovrebbe essere continuato per almeno un mese postintervento. I pazienti con storia di CAD possono trarre beneficio da una terapia con farmaci ß-bloccanti a tempo indefinito.

10 3 Algoritmo 1: Chirurgia in emergenza. Pazienti con cardiopatia ischemica nota Valutazione chirurgica/multidisciplinare Tempistica intervento Emergenza? No Si Chirurgia ± ß-blocc ± ICU No Valutazione coronarica ultimi 2 aa? (PES/Coro/Scinti) Rivascolarizzazione coronarica ultimi 5 aa? Si Asintomatico e risultato del test favorevole Si Valutazione Fattori di Rischio Clinici/Capacità Funzionale /Rischio Chirurgico Vedi Tabella 1 e Algoritmi 2, 3, 4 Risultato del test alterato o nuovi sintomi Gli interventi chirurgici eseguiti in emergenza, in cui la vita del paziente dipende dall esecuzione dell intervento, non possono essere procrastinati per l esecuzione di una valutazione cardiologica approfondita e devono essere eseguiti quale che sia la situazione cardiologica del paziente. Se l intervento chirurgico non è un emergenza si deve valutare se il paziente è stato sottoposto a rivascolarizzazione negli ultimi 4-5 anni o se è stata eseguita una valutazione coronarica morfologica o funzionale. Se la risposta è sì, e il paziente da allora è asintomatico (e non è variata in modo significativo la sua attività fisica), si può procedere direttamente all intervento chirurgico. Se la risposta è no, o il paziente ha presentato nuovi sintomi, allora si deve procedere con la valutazione dei fattori di rischio.

11 4 Tabella 1 Fattori di Rischio Clinici Maggiori Sd coronariche instabili - Angina instabile/angina classe III/IV - IMA acuto ( 7 gg) o recente ( 30 gg) Insufficienza cardiaca con scompenso Aritmie importanti - BAV di grado elevato - Aritmie ventricolari sintomatiche e cardiopatia di base - Aritmie sopraventricolari con frequenza ventricolare non controllata Patologie valvolari gravi Intermedi Angina pectoris classe I/II IMA pregresso (storia o onde Q) Insuff. cardiaca in compenso/scompenso cardiaco pregresso Diabete mellito (soprattutto insulino dipendente) Insufficienza renale Minori Età avanzata ECG alterato (ipertr. ventr. sn/bbsn/alterazioni ST-T) Ritmi diversi dal RS (es. fibrillazione atriale) Ridotta capacità funzionale Storia di ictus Ipertensione non controllata (PAO >180/110 mmhg) Valutazione della Capacità Funzionale 1-4 MET Attività domestiche quotidiane Camminare per la casa Camminare lentamente per 1-2 isolati 5-9 MET Salire 1 piano di scale/camminare in salita Camminare a passo spedito in pianura Correre una breve distanza Attività sportive di intensità moderata 10 MET Attività sportiva intensa/attività lavorative pesanti Rischio intervento-specifico Alto (>5%) Chirurgia maggiore in emergenza (soprattutto in anziani) Chirurgia dell aorta e altra chirurgia vascolare maggiore Chirurgia vascolare periferica Interventi chirurgici in cui sono previsti importanti spostamenti di fluidi o perdite ematiche Intermedio (>1%, <5%) Chirurgia vascolare minore e endoarterectomia carotidea Chirurgia di capo e collo Chirurgia intraperitoneale ed intratoracica Chirurgia ortopedica Chirurgia prostatica Basso (<1%) Procedure superficiali e chirurgia della mammella Procedure endoscopiche Chirurgia dell occhio Chirurgia ambulatoriale Chirurgia plastica ricostruttiva

12 5 Algoritmo 2: Pazienti con fattori di rischio cardiovascolare minori FdR Clinici Valutazione Funzionale FdR Chirurgici FdR Minori > 4 MET Basso Intermedio Alto Chirurgia ± ß-blocc ± ICU 4 MET Basso Intermedio Alto Test Non-Invasivi 1. PES 2. Scinti/Ecostress Basso Rischio Alto Rischio Gestione seguente determinata da: risultato dei test esito della terapia Coronarografia I pazienti con buona capacità funzionale possono andare direttamente all intervento chirurgico, così come i pazienti con una bassa capacità funzionale sottoposti ad interventi con un rischio basso o intermedio; il loro rischio di eventi cardiaci perioperatori è basso I pazienti con una bassa capacità funzionale che devono essere sottoposti ad interventi chirurgici con rischio alto (es. chirurgia vascolare) possono beneficiare, su base individuale, di una ulteriore stratificazione del rischio mediante test di induzione di ischemia I pazienti in cui il test di induzione d ischemia è risultato ad alto rischio possono beneficiare dell angiografia e di eventuale rivascolarizzazione. I pazienti il cui test evidenzia un basso rischio possono essere sottoposti all intervento chirurgico senza ulteriori indagini

13 6 Algoritmo 3: Pazienti con fattori di rischio cardiovascolare intermedio FdR Clinici Valutazione Funzionale FdR Chirurgici FdR Intermedi 1-10 MET Basso Chirurgia ± ß-blocc ± ICU > 4 MET Intermedio 4 MET Alto Test Non-Invasivi 1. PES 2. Scinti/Ecostress Basso Rischio Alto Rischio Gestione seguente determinata da: risultato dei test esito della terapia Coronarografia I pazienti che devono essere sottoposti ad interventi a basso rischio possono essere operati direttamente senza ulteriori test, quale che sia la loro capacità funzionale. Possono essere considerate misure farmacologiche per ridurre il rischio I pazienti con una buona capacità funzionale, sottoposti ad interventi chirurgici con un rischio intermedio possono essere sottoposti ad intervento chirurgico senza un ulteriore valutazione I pazienti con moderata capacità funzionale (4-7 MET) sottoposti ad interventi a rischio elevato ed i pazienti con bassa capacità funzionale possono beneficiare di un ulteriore stratificazione del rischio - soprattutto quelli con 2 o più markers di rischio intermedio I pazienti in cui il test di induzione d ischemia rivela un quadro ischemico ad alto rischio possono beneficiare della coronarografia e di eventuale rivascolarizzazione coronarica. I pazienti il cui test evidenzia un basso rischio possono essere sottoposti all intervento chirurgico senza ulteriori indagini

14 7 Algoritmo 4: Pazienti con fattori di rischio cardiovascolare elevati FdR Clinici Valutazione Funzionale FdR Chirurgici FdR Maggiori Qualsiasi MET Basso Intermedio Alto Cancella/Posticipa Chirurgia Coronarografia Terapia medica e modificazione FdR Gestione seguente determinata da: risultato dei test esito della terapia Nei pazienti candidati ad intervento chirurgico d elezione, la presenza di patologie cardiologiche instabili (angina instabile, scompenso cardiaco riacutizzato, aritmie emodinamicamente instabili o grave patologia valvolare) di solito comporta la cancellazione dell intervento o la posticipazione dello stesso sino a risoluzione del problema cardiaco

15 8 Algoritmo 5: La scelta dei test diagnostici Il risultato del test ha un impatto sulle decisioni terapeutiche? No Non eseguire ulteriori test Si 2 o più dei seguenti? 1. Fattori di Rischio Clinici 2. MET 4 3. Rischio chirurgico elevato Si No Non eseguire ulteriori test Indicazioni a coronarografia? (es. angina instabile) Si Coronarografia preoperatoria No Il paziente è in grado di camminare ed eseguire uno sforzo? ECG normale? Si ECG sotto sforzo No Scintigrafia con test provocativo Eco dobutamina Controindicazioni alla Scintigrafia con test provocativo Controindicazioni a Eco dobutamina Broncospasmo BAV II Teofillina dipendente Storia di aritmia sintomatica (VT) Ipertensione grave Ipotensione Cattiva finestra ecografica

16 9 Fattori di rischio clinici e capacità funzionale IIa IIa La presenza dei fattori di rischio clinici maggiori, intermedi o minori dovrebbe essere valutata sistematicamente e chiaramente riportata sulla cartella clinica La capacità funzionale di tutti i pazienti che devono essere sottoposti ad intervento chirurgico dovrebbe sempre essere valutata.tale valutazione dovrebbe essere riportata in cartella La Duke Activity Status Index è uno strumento semplice e accurato per la stima della capacità funzionale del paziente Pazienti con cardiopatia ischemica nota Pazienti con pregressa rivascolarizzazione coronarica I pazienti sottoposti ad un intervento di rivascolarizzazione negli ultimi 4 anni e rimasti asintomatici possono procedere direttamente all intervento chirurgico senza un ulteriore valutazione cardiologica Pazienti con recente valutazione cardiologica approfondita I pazienti sottoposti ad una valutazione cardiologica approfondita (test d induzione d ischemia e/o coronarografia) negli ultimi 2 anni, in cui il risultato era favorevole e sono asintomatici da allora, possono procedere direttamente all intervento chirurgico senza ulteriore valutazione cardiologia Per i pazienti con capacità funzionale 4 MET è consigliabile una ulteriore valutazione cardiologica

17 10 In quali pazienti può essere utile una valutazione strumentale supplementare? Considerare l esecuzione di un test di induzione di ischemia: I Nei pazienti con probabilità intermedia di eventi cardiovascolari postoperatori; tali pazienti possono essere identificati in presenza di almeno due delle seguenti condizioni: Fattori di Rischio Clinici, soprattutto se più di 1 Capacità funzionale 4 MET Alto rischio chirurgico L esecuzione di un test di induzione di ischemia non dovrebbe essere considerata: III Nei pazienti con patologie tali da limitare l aspettativa di vita o la possibilità di rivascolarizzazione o quando l esito del test non determinerà una variazione della gestione perioperatoria Nel decidere se eseguire un test cardiologico preoperatorio si deve tener conto che l iter richiesto (prenotazione, esecuzione del test, rivalutazione e, soprattutto, decisione di eseguire una procedura di rivascolarizzazione) può determinare un ritardo nell esecuzione dell intervento chirurgico. E importante pesare bene, nel singolo paziente, i vantaggi derivanti da una migliore valutazione cardiologica con il ritardo che tale iter potrebbe comportare. Nei casi più complessi, tale valutazione va eseguita collegialmente (chirurgo, cardiologo, anestesista, altri specialisti); è importante che il paziente sia informato delle diverse opzioni e sui rischi/benefici che comportano

18 11 Esami per la stratificazione del rischio: quale utilizzare? Test di induzione di ischemia I Si raccomanda di utilizzare l ECG da sforzo o l ecocardiogramma da stress con dobutamina o la scintigrafia miocardica da stress con dipiridamolo nei pazienti che, a seguito della valutazione clinica, hanno un rischio tale da richiedere un ulteriore valutazione strumentale. ECG Holter e Angiocardioscintigrafia III Nei pazienti che, a seguito della valutazione clinica, hanno un rischio tale da richiedere un ulteriore valutazione strumentale, l ECG ambulatoriale (Holter) e l angiocardioscintigrafia non sono raccomandati come unici test per identificare i pazienti da sottoporre a coronarografia ed eventualmente a rivascolarizzazione. I ACC AHA Considerare l esecuzione dell Ecocardiogramma basale nei seguenti casi: Scompenso cardiaco in atto o scompenso cardiaco poco controllato (non necessario se precedenti valutazioni avevano documentato una disfunzione ventricolare grave). IIa ACC AHA Pazienti con anamnesi di scompenso cardiaco o con dispnea di origine sconosciuta. L ecocardiogramma a riposo non dovrebbe essere considerato III ACC AHA Come esame di routine nei pazienti senza storia di scompenso cardiaco. In considerazione della sua disponibilità, della possibilità di fornire una stima della capacità funzionale e del basso costo, l ECG sotto sforzo dovrebbe essere considerato come test di scelta in tutti quei pazienti che possono eseguirlo (ECG leggibile, buona motricità).

19 12 Misure per ridurre il rischio di eventi perioperatori: i farmaci ß-bloccanti I farmaci ß-bloccanti dovrebbero essere utilizzati nei: I ACC AHA IIa ACC AHA Pazienti in terapia con ß-bloccanti per controllare i sintomi dell angina o per trattare aritmie o l ipertensione. Pazienti che devono essere sottoposti a interventi di chirurgia vascolare maggiore in cui gli esami preoperatori hanno evidenziato ischemia. I farmaci ß-bloccanti dovrebbero essere utilizzati nei: IIa ACC AHA Pazienti in cui si riscontrano durante la valutazione preoperatoria: ipertensione non trattata, cardiopatia ischemica nota o fattori di rischio maggiori per cardiopatia ischemica. I farmaci ß-bloccanti non dovrebbero essere utilizzati nei: III ACC AHA Pazienti con controindicazioni all uso di ß-bloccanti. La sospensione improvvisa della terapia con farmaci ß-bloccanti nel periodo perioperatorio è potenzialmente pericolosa.

20 13 Misure per ridurre il rischio di eventi perioperatori: i farmaci ß-bloccanti Nei pazienti con diabete, arteriopatia periferica o bronchite cronica ostruttiva è controindicato l uso dei farmaci ß-bloccanti? IIa La presenza di diabete mellito o di arteriopatia periferica non costituiscono una controindicazione assoluta all uso dei farmaci ß-bloccanti ß1selettivi. I La presenza di bronchite cronica ostruttiva lieve-moderata non costituisce una controindicazione assoluta all uso dei farmaci ß-bloccanti ß1selettivi; tuttavia, non essendo possibile prevedere quali pazienti svilupperanno broncospasmo, tali farmaci dovrebbero essere utilizzati con cautela. La presenza di bronchite cronica ostruttiva severa costituisce una controindicazione all uso di questi farmaci. Nei pazienti con grave arteriopatia periferica tali farmaci dovrebbero essere utilizzati con cautela e sorvegliando l insorgenza di possibili effetti avversi. Misure per ridurre il rischio di eventi perioperatori: i farmaci 2- agonisti adrenergici (es. clonidina) IIb ACC AHA Se non è possibile usare i ß-bloccanti, gli 2- agonisti adrenergici sono verosimilmente utili: Per il controllo perioperatorio dell ipertensione o nei pazienti con CAD nota o fattori di rischio maggiori per CAD. III ACC AHA I farmaci 2-agonisti adrenergici non dovrebbero essere utilizzati nei: Pazienti con controindicazioni all uso di 2-agonisti adrenergici.

21 14 Misure per ridurre il rischio di eventi perioperatori: calcio-antagonisti e nitrati L uso profilattico dei nitrati e dei calcio-antagonisti III L uso dei calcio-antagonisti e dei nitrati per ridurre gli eventi cardiovascolari nel periodo perioperatorio non è raccomandato. L uso della nitroglicerina intraoperatoria è raccomandato: I ACC AHA Nei pazienti ad alto rischio già in terapia con nitroglicerina che hanno segni attivi di ischemia senza ipotensione. L uso della nitroglicerina intraoperatoria non deve essere considerato: III ACC AHA Nei pazienti ipovolemici o ipotesi. L uso profilattico della nitroglicerina intraoperatoria deve tenere conto del piano anestesiologico e dell emodinamica del paziente e del fatto che la vasodilatazione e l ipovolemia possono presentarsi improvvisamente durante l anestesia e l intervento chirurgico.

22 15 Misure per ridurre il rischio di eventi perioperatori: la rivascolarizzazione coronarica Indicazioni alla rivascolarizzazione coronarica I Si deve considerare la possibilità di una rivascolarizzazione coronarica prima di un intervento chirurgico non cardiaco in quei pazienti che hanno l indicazione alla rivascolarizzazione coronarica (chirurgica o percutanea) indipendentemente dall intervento chirurgico ed in cui l esito a lungo termine verosimilmente può essere migliorato da tale procedura. Le indicazioni alla rivascolarizzazione chirurgica o percutanea sono le medesime di quelle raccomandate per i pazienti non sottoposti ad intervento chirurgico. A che distanza da una procedura di rivascolarizzazione coronarica (PTCA+/- stent, BPAC) può essere eseguito un intervento di chirurgia non cardiaca? III L intervento chirurgico non dovrebbe essere eseguito ad una distanza inferiore alle 4 settimane dopo la rivascolarizzazione percutanea o l intervento di bypass aortocoronarico. Si deve bilanciare attentamente l urgenza dell intervento chirurgico con i rischi legati al recente intervento di rivascolarizzazione. L aumento del rischio di sanguinamento perdura per circa 7 giorni dalla sospensione della terapia antiaggregante. La tipologia di rivascolarizzazione BPAC vs PTCA, tipologia di stent - deve essere attentamente pianificata considerando la patologia coronarica e l urgenza dell intervento chirurgico.

23 16 Diagnosi delle complicanze cardiache ischemiche postoperatorie Che pazienti dovrebbero essere sottoposti a monitoraggio routinario degli eventi ischemici postoperatori? IIa Si raccomanda di eseguire il monitoraggio di routine degli eventi ischemici postoperatori (ECG e troponina) nei pazienti con CAD nota, nei pazienti che sviluppano segni di disfunzione cardiovascolare e nei pazienti con fattori di rischio intermedi o maggiori sottoposti ad interventi chirurgici a rischio intermedio o alto. III Il monitoraggio postoperatorio di routine degli eventi ischemici postoperatori non è raccomandato nei pazienti con fattori di rischio clinici minori, sottoposti ad interventi chirurgici a basso rischio. I pazienti sottoposti a monitoraggio routinario postoperatorio dovrebbero eseguire l ECG e una determinazione di troponina T immediatamente dopo l intervento e quindi giornalmente nei primi tre giorni postoperatori.

24 17 Farmaci antipertensivi utilizzabili in caso di impossibilità ad utilizzare la via orale NB: prima dell utilizzo consultare sempre la documentazione allegata al farmaco Farmaco Captopril (es. Capoten) Nitroprussiato Nitroglicerina (es Venitrin) Fenoldopan (es. Corlopam) Quinaprilato (es Quinazil, Acequin) Forma farmaceutica cpr 25 mg fl 100 mg, 5 ml fl 5 mg, 1.5 ml fl 10 mg/ml fl 5 mg, 5 ml Dose mg sub-linguale mcg/kg/min, incrementi di 0.5 mcg/kg/min ogni 5 min in un intervallo di mcg/kg/min mcg/min mcg/kg/min, aumentare ogni 15 min di mcg/kg/min. Massima dose 1.6 mcg/kg/min Ipertensione mg/12 ore Scompenso cardiaco mg/6 ore Somministrare in >1 min Vasodilatatori Comparsa azione Durata d azione immediata 1-2 min 2-5 min 3-5 min < 5 min 30 min 30 min 12 ore Mix 1 fl in SG5% 500 ml (200 mcg/ml) Solo in soluzione glucosata 5% 3 fl in SG5%/SF 250 ml (60 mcg/ml) 2 ml (20 mg) in SG5% o SF 500 ml (40 mcg/ml) 1 ml = 1 mg Note Nel postoperatorio prestare attenzione al deficit di volume Non somministrare a bolo endovenoso, solo infusione continua con pompa meccanica. Attenzione l uso di questo farmaco è riservato ad ambienti dotati di personale e strumentazione adatti alla monitorizzazione continua della PAO. Sospendere in min. Monitorizzare funzione renale, epatica elettroliti e concentrazioni di metaemoglobina, cianuro (se usato > 3giorni anche di tiocianati) E uno dei più maneggevoli in corsia. Di scelta nello scompenso cardiaco acuto Non somministrare a bolo endovenoso, solo infusione continua con pompa meccanica. Monitorizzare PAO e Fc (15 ) e funzione renale ed elettroliti. Precauzione nel glaucoma Nel postoperatorio prestare attenzione alla presenza di deficit di volume. Monitorizzare funzione renale ClCr >30 ml/min: la dose deve essere 1/2 di quella orale. Se ClCr <30ml/min: la dose deve essere 1/4 di quella orale. Anziani: la dose deve essere 1/4 di quella orale

25 18 Farmaci antipertensivi utilizzabili in caso di impossibilità ad utilizzare la via orale NB: prima dell utilizzo consultare sempre la documentazione allegata al farmaco Farmaco Metoprololo (es Seloken) Labetololo (es Trandate) Esmololo (es Brevibloc) Clonidina (es Catapresan) Forma farmaceutica fl 5 mg, 5 ml fl 100 mg, 20 ml fl 100 mg, 10 ml fl 150 mcg, 1 ml Dose 5-10 mg ev a bolo/12 ore Boli: 20 mg ev in 2 min poi boli di mg ev a bolo ogni 10 min sino al raggiungimento dell effetto antipertensivo (massimo 200 mg). Infusione continua: mg/min sino al raggiungimento dell effetto antipertensivo(massimo 300 mg) Bolo 0,5 mg/kg in 1 min, poi infusione mcg/kg/min partendo da 50 mcg/kg/min e aumentando di 50 mcg/kg/min ogni 4 min. Massimo 200 mcg/kg/min Boli: 150 mcg in SF 100 ml/ogni 8-6 ore Infusione continua: 0,2-0,5 mcg/kg/min massimo 150 mcg Inibitori Adrenergici Comparsa azione Durata d azione 5 min 6-18 ore 1-2 min min Mix 1 fl in SG5% o SF 100 ml (1 mg/ml) 500 mg in 50 ml (10 mg/ml) Non mix con NaHCO3 Note Controindicazioni: BAV II-III, scompenso cardiaco non controllato, shock cardiogeno, sick sinus sindrome, grave bradicardia. Precauzioni: broncospasmo, arteriopatia periferica, diabete mellito, scompenso cardiaco, epatopatia, ipertiroidismo/ tireotossicosi. Evitare sospensione improvvisa Maggior parte delle emergenze ipertensive escluso scompenso cardiaco. Controindicazioni: vedi metoprololo Evitare sospensione improvvisa Dissezione aortica, perioperatorio. Controindicazioni: vedi metoprololo. Attenzione l uso di questo farmaco è riservato ad ambienti dotati di personale e strumentazione adatti alla monitorizzazione continua della PAO e Fc. Sospensione graduale. Monitorare terapia nei pazienti con insufficienza renale

Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca)

Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca) AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI BATTISTA DI TORINO LG Valutazione del rischio e prevenzione delle complicanze cardiologiche perioperatorie (chirurgia non cardiaca) Linee Guida Aziendali Gruppo

Dettagli

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona

Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale. Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Valutazione pre-operatoria del rischio cardiovascolare in chirurgia generale Dott. Paolo Bellotti - Ospedale S. Paolo Savona Sala Cloroformizzazione Ospedale Galliera 1888 Sala Chirurgica Ospedale Galliera

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

Sessione 3.2 La terapia chirurgica

Sessione 3.2 La terapia chirurgica Modulo 3 La prevenzione secondaria Sessione 3.2 La terapia chirurgica durata: 30 min. 0 di 17 Obiettivi di apprendimento della sessione delineare le tecniche chirurgiche necessarie al controllo delle recidive

Dettagli

La modulazione della politerapia

La modulazione della politerapia Lo Scompenso Cardiaco Cronico: un modello di collaborazione ospedaleterritorio per la qualità dell assistenza e l economia delle risorse La modulazione della politerapia Laura Montagna Enrico Turbil 9

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE

ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE ATTIVITA SPORTIVA NELLA RIABILITAZIONE Sala Farnese Palazzo d Accursio Bologna, 16 Giugno 2012 Gianfranco Tortorici U.O. Cardiologia Ospedale Maggiore, Bologna MORTALITA IN ITALIA (ISTAT) 2% 3% 5% 5% 9%

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico

Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Convegno Regionale Impegno per la Salute 3 Novembre 2013, Santa Maria di Sala Il Progetto DIABETICI IN PALESTRA : prescrizione dell esercizio fisico nel paziente diabetico Franco Giada M.Vettori, A.Cosma,

Dettagli

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG?

SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? II Giornata Cardiologica del Tigullio Santa Margherita Ligure 12 febbraio 2011 SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: STRATEGIE DI GESTIONE. Cosa vorrebbe il medico ospedaliero dal MMG? Dott. Sandro Orlandi _ S.S.D.

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference: il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Alessandro Filippi, Pasqualino Sforza, Pier Claudio Barsesco Area Cardiovascolare, SIMG Le patologie croniche saranno

Dettagli

Una scossa al cuore!

Una scossa al cuore! Una scossa al cuore! Aritmie ad alto rischio: il punto di vista del cardiologo intensivista. Cosa è cambiato in Utic. Dott. Antonio Anastasia Aiuto cardiologo Utic Casa di cura Villa Verde Utic Unità

Dettagli

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso.

Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Servizio di Emodinamica ASL TO5- Moncalieri Pietro Gaetano Pier Giuseppe Greco-Lucchina Primiano Lombardi Interventistica coronarica e carotidea combinata : caso clinico complesso. Caso clinico DN G uomo

Dettagli

Scompenso Cardiaco in pediatria

Scompenso Cardiaco in pediatria - Disease management in primary care - Workshop per pediatri, medici di medicina generale e cardiologi DI ANTONIO SCORLETTI Classificazione di Ross I Classe II Classe III Classe IV Classe -Asintomatico

Dettagli

Allegato 2 1. PREMESSA

Allegato 2 1. PREMESSA Linee guida per la codifica SIO e SIES delle condizioni oggetto del RAD-ESITO e degli interventi e procedure ad esse correlati (Determinazione n. D4118 del 9/11/2007) Edizione aggiornata Roma, settembre

Dettagli

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro

ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica. del ventricolo sinistro ACE-Inibitori e Sartani nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro Le evidenze degli studi clinici Caratteristiche dei pazienti arruolati nei trial clinici Frazione

Dettagli

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini

L ECG: che fare oggi? TeT Dott. Enrico Puccini L ECG: che fare oggi? Benche l Elettrocardiogramma abbia 100 anni e ancora al centro della Medicina cardiovascolare! A CONDIZIONE CHE L ECG VENGA COMPUTERIZZATO, LA SUA ANALISI VENGA CENTRALIZZATA E QUINDI

Dettagli

SULLE SPONDE DEL TICINO

SULLE SPONDE DEL TICINO SULLE SPONDE DEL TICINO PTA CAROTIDEA Presentazione clinico- assistenziale di un caso e tecnologia G.Sasso, P.Fecchio Divisione di Cardiologia Ospedale degli Infermi Rivoli Direttore Ferdinando dr. Varbella

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio

Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: conoscerlo per aiutare il tuo cuore a farti vivere meglio Scompenso cardiaco cronico: che cosa e? Il tuo medico ti ha detto che sei ammalato di scompenso cardiaco.... Ma che

Dettagli

CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA

CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA Programma di aggiornamento professionale in cardiologia e cardiochirurgia 24 marzo - 14 aprile - 15 aprile 19 maggio - 9 giugno AUDITORIUM CASA DI CURA

Dettagli

Dataset studio AVR/TAVI

Dataset studio AVR/TAVI Dataset studio AVR/TAVI Dominio Nome Campo Codifica Definizione e Note 1. Identificazione Paziente ID Centro Codice assegnato nell'ambito dello Studio e Variabili Demografiche Numero scheda Nosologico

Dettagli

Il paziente cardiopatico-respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE

Il paziente cardiopatico-respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE -respiratorio PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOPATIE NON OPERATE IMA Cardiopatia ischemica post-ima Scompenso cardiaco Arteriopatia obliterante cronica periferica Valvulopatia CARDIOPATIE CHIRURGICHE Cardiopatia

Dettagli

II CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA

II CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA II CORSO DI CARDIOLOGIA AD IMPRONTA CARDIOCHIRURGICA Programma di aggiornamento professionale in cardiologia e cardiochirurgia 1 dicembre - 19 gennaio - 23 febbraio 23 marzo - 20 aprile AUDITORIUM CASA

Dettagli

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE

DAVIDE GIROLA - ANGELA VENNARI CAPITOLO 1 CORONAROPATIE CAPITOLO 1 CORONAROPATIE INTRODUZIONE Per vivere e per svolgere la sua funzione di pompa, contraendosi e rilasciandosi ritmicamente, il muscolo cardiaco (miocardio) ha bisogno del continuo, incessante

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA MALATTIE dell APPARATO CARDIO-VASCOLARE L IMPORTANZA DEL PROBLEMA DEL CARDIOPATICO ALLA GUIDA La letteratura internazionale fornisce indicazioni secondo le quali la maggior

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014

DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza. Vicenza 20 Maggio 2014 DIABETE MELLITO TIPO 2 Presentazione PDTA ULSS 6 Vicenza Vicenza 20 Maggio 2014 Percorso Diagnostico Terapeutico tra MMG delle MGI dell ULSS 6 Vicenza e la Diabetologia Gli Obiettivi HbA1c < 53 mmol/mol

Dettagli

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto

[Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto [Numero 16 - Articolo 4. Luglio 2007] Le indicazioni pratiche per il paziente con dolore toracico acuto Titolo originale: "Advising patients on dealing with acute chest pain" Autori: A Khavandi, K Potts

Dettagli

L Urgenza alla Moviola

L Urgenza alla Moviola L Urgenza alla Moviola a cura del Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Varese 08 giugno 2010 Un caso complicato di sindrome coronarica acuta Alessandro Orrù,, Marco Torretta,

Dettagli

Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : Il Cardiopa+co con Comorbilita

Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : Il Cardiopa+co con Comorbilita Circolo cuoreinsalute MIP «Medico In Pra+ca» Medical prac/ce work shops : Incontri di formazione e conoscenza per lo studio medico : 24 giugno 2015 Gravesano Osteria del Reno Il Cardiopa+co con Comorbilita

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

VALVULOPATIE ANATOMIA VALVOLARE Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache (atri e ventricoli) e queste ultime dai grandi vasi (aorta ed arteria polmonare). Le

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Cognome e nome MILANI LOREDANO Qualifica MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA CARDIOLOGIA Amministrazione Incarico attuale DIRETTORE UOC DI CARDIOLOGIA OSPEDALE CIVILE

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco e le Aziende Ospedaliere e IRCCS elencati nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale (PDTA) per il paziente con Scompenso Cardiaco Dicembre 2011 NB: le seguenti note

Dettagli

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria

Bradicardie estreme. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi di Udine Azienda Ospedaliero Universitaria Bradicardie estreme Specializzandi: Dr. Buttazzoni M. Dr.ssa Tarantino M. Tutor: Dr.ssa Costa M. G. Dr.ssa De Flaviis A. Clinica di Anestesia e Rianimazione Dir. Prof. G. Della Rocca Università degli Studi

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

VALUTAZIONE PREOPERATORIA

VALUTAZIONE PREOPERATORIA VALUTAZIONE PREOPERATORIA Per sottoporre il paziente ad intervento di resezione polmonare è necessario un accurato studio fisiopatologico al fine di valutare: - il rischio di complicanze cardiorespiratorie

Dettagli

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE

IPERTENSIONE. Dr. Alessandro Bernardini IPERTENSIONE HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE Dr. Alessandro Bernardini HOME IPERTENSIONE IPERTENSIONE La pressione arteriosa aumenta con l'età nelle società occidentalizzate e l'ipertensione è quindi sostanzialmente

Dettagli

Scheda di Patologia SCOMPENSO CARDIACO

Scheda di Patologia SCOMPENSO CARDIACO Scheda di Patologia SCOMPENSO CARDIACO DEFINIZIONE Si definisce scompenso cardiaco la condizione in cui il cuore è incapace di pompare un flusso di sangue adeguato alle necessità dell organismo. Ciò produce

Dettagli

INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE

INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE INTERAZIONE TRA FARMACI SORVEGLIANZA INFERMIERISTICA: PROPOSTE Simona Schraffl Infermiera Cardiologia di Cento Marina Franzoni Infermiera Cardiologia di Cento Regola delle 6 G G il GIUSTO FARMACO deve

Dettagli

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca

Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio o strumento innovativo? Dott. Davide Giorgi Cardiologia Ospedale San Luca Lucca Defibrillatori e Closed Loop Stimulation: algoritmo accessorio

Dettagli

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin)

I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale. (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Gli strumenti a supporto dei percorsi di governance I dati di MilleinRete e i dati di sistema: i risultati di una ricerca regionale (A. Battaggia, M. Saugo, R. Toffanin) Convegno Quadri SIMG Padova, 18

Dettagli

Consiglio Sanitario Regionale Regione Toscana

Consiglio Sanitario Regionale Regione Toscana Consiglio Sanitario Regionale Regione Toscana LINEE GUIDA PER LA DIAGNOSI E CURA DELLO SCOMPENSO CARDIACO Coordinatore: GF Gensini Membri: A. Amerini, G. Collecchia, S. Cortini, J. Italiani, Y. Laws, M.

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta.

CARDIOVERTER. Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida. Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta. CARDIOVERTER Defibrillatore Impiantabile (ICD) Procedure - Linee Guida Giancarlo Corsini A.O. San Sebastiano di Caserta Maggio 2003 ICD I componenti fondamentali del cardioverter- defibrillatore impiantabile

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ELETTROCARDIOGRAMMA Le 12 derivazioni dell ECG di superficie completo. Caratteristiche di un vettore: Grandezza Direzione Polarità

Dettagli

Dia 1 L ipertensione arteriosa è una patologia più frequente nella popolazione diabetica rispetto alla popolazione generale, soprattutto da quando i criteri per definire un iperteso si sono fatti più rigorosi.

Dettagli

Follow-up del cardiopatico con Aritmie

Follow-up del cardiopatico con Aritmie Regione Friuli Venezia Giulia Follow-up del cardiopatico con Aritmie Documento di consenso regionale 2011 Hanno collaborato alla stesura del Documento di consenso: Dr. Massimo Zecchin; SOC Cardiologia,

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Funzione miocardica Algoritmo fisiologico Resistenze vascolari sistemiche (postcarico)

Funzione miocardica Algoritmo fisiologico Resistenze vascolari sistemiche (postcarico) Anestesia nei pazienti con cardiopatia valvolare Un articolo eccellente per ricchezza di contenuti e chiarezza dell esposizione. Gli algoritmi riassuntivi delle singole patologie riportate nelle figure

Dettagli

RUOLO DELL ATTIVITA FISICA

RUOLO DELL ATTIVITA FISICA CORSO DI FORMAZIONE PER MMG DIABETE MELLITO TRA MEDICO DI MEDICINA GENERALE E DIABETOLOGO. PROPOSTA PER UNA GESTIONE CONDIVISA RUOLO DELL ATTIVITA FISICA Dott. F. Giada F, Dott.ssa E. Brugin, ULSS 13,

Dettagli

L Infarto miocardio acuto alla luce delle nuove linee guida

L Infarto miocardio acuto alla luce delle nuove linee guida Emodinamica 2001; 27: 12-21 L Infarto miocardio acuto alla luce delle nuove linee guida È attualmente uso comune riunire l infarto acuto del miocardio (sia non-q che Q) e l angina instabile sotto la definizione

Dettagli

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida

Appropriatezza Prescrittiva Statine. revisione delle linee guida Appropriatezza Prescrittiva Statine revisione delle linee guida perchè altre linee guida sulle statine per coniugare nella nostra realtà appropriatezza clinica sostenibilità economica perchè le statine

Dettagli

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx

Dimensioni, aree e volumi intracavitari Massa e stress parietale Funzione globale Segmentazione e funzione regionale Funzione ventricolare dx CORSO DI ECOCARDIOGRAFIA di I Livello 23-24-25 Gennaio 2014 Palermo Grand Hotel Piazza Borsa PRIMO GIORNO 23 GENNAIO 2014 8,30 Registrazione dei partecipanti e consegna del materiale didattico ECM Presentazione

Dettagli

Cos è lo Scompenso Cardiaco?

Cos è lo Scompenso Cardiaco? Cos è lo Scompenso Cardiaco? Testo elaborato da Gianfranco Sinagra e Marco Merlo Cardiologi* (12/2006) Il cuore è un muscolo, che funziona come una pompa in grado di far circolare il sangue in tutto il

Dettagli

Protocollo Assistenziale

Protocollo Assistenziale Protocollo Assistenziale Gestione del paziente sottoposto a Redatto da Infermiere Tiziano Mazzoni Infermiera specialista* Paola Lorenzani * master I liv Area Critica Verificato Approvato 1 Indice Finalità

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

la gestione del rischio

la gestione del rischio L AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO (SMBG) COME VALUTAZIONE E APPLICAZIONE DI UNA TECNOLOGIA SANITARIA Un opportunità di miglioramento della clinical competence per il diabetologo, attraverso la valorizzazione

Dettagli

CVHD (Chronic Valvular Heart Disease)

CVHD (Chronic Valvular Heart Disease) CVHD (Chronic Valvular Heart Disease) Endocardiosi valvolare Degenerazione mixomatosa valvolare Dott. ALBERTO MANZI Medico Veterinario - Rappresenta la più comune patologia cardiaca del cane (75 % dei

Dettagli

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività

AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2. Relazione dei primi 18 mesi di attività AMBULATORIO DI CARDIOLOGIA PEDIATRICA ULSS 16 Padova - Distretto 2 Relazione dei primi 18 mesi di attività Per cardiopatia congenita si intende comunemente una importante anomalia strutturale del cuore

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

Francesconi Federica (U.O. Pronto Soccorso Faenza) Ravenna, 7 novembre 2012 Triage L infermiere triagista deve essere in grado di riconoscere nel più breve tempo possibile un dolore di origine cardiaca

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie

Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie Caso Clinico: Gestione Territoriale di un Paziente Fragile tramite la Rete delle Cure Intermedie Dott. Federico Bontardelli Medico in Formazione in Medicina Generale CR, 89 anni Viene in Ambulatorio il

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

PERCORSO CLINICO SULL APPROPRIATEZZA DELLA PRESCRIZIONE DELL ECOCARDIOGRAMMA

PERCORSO CLINICO SULL APPROPRIATEZZA DELLA PRESCRIZIONE DELL ECOCARDIOGRAMMA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE - RIETI SAN CAMILLO DE LELLIS - RIETI STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA Primario-Direttore: S. Orazi AMBULATORIO DI ECOCARDIOGRAFIA Responsabile: Dott. Franco Evangelista

Dettagli

PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO REGIONE PIEMONTE- ASL 2 OSPEDALE TORINO NORD EMERGENZA SAN GIOVANNI BOSCO

PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO REGIONE PIEMONTE- ASL 2 OSPEDALE TORINO NORD EMERGENZA SAN GIOVANNI BOSCO ASL 2-Torino P.O. San Giovanni Bosco N documento Pagina 1 di 8 PROTOCOLLO SULLA GESTIONE DEGLI ANTIAGGREGANTI NEL PERIOPERATORIO Data emissione 1-10-2008 Revisione n Data revisione 1-10-2010 REGIONE PIEMONTE-

Dettagli

Tetralogia di Fallot

Tetralogia di Fallot Tetralogia di Fallot Mortalità 0-5% - sindromici,, anomalie associate Reinterventi 10% (?) - Insufficienza polmonare - Stenosi residue / ricorrenti - DIV residuo - Endocarditi - Aritmie (blocco AV 2%)

Dettagli

la difficile diagnosi di endocardite infettiva

la difficile diagnosi di endocardite infettiva la difficile diagnosi di endocardite infettiva N.G. è un paziente di 68 anni, iperteso, ex fumatore Portatore di protesi valvolare biologica in sede aortica per insufficienza severa (febbraio 2011) Aneurismectomia

Dettagli

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova

IL DIABETE A MANTOVA. Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova Associazione Diabetici della Provincia di Mantova Associazione per l aiuto ai Giovani Diabetici - Mantova IL DIABETE A MANTOVA Prof. PierPaolo Vescovi S.C. di Medicina Generale Dott. Stefano Fazion Dott.ssa

Dettagli

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche

Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: OBIETTIVO STATINE Le modalità prescrittive nelle diverse situazioni cliniche Sassari 26 Gennaio 2008 Dott.ssa Chiara Musio NOTA 13 AIFA La prescrizione a carico

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome IPPOLITO ROSARIO ANNA Indirizzo VIA B. CRAXI 9 87075 TREBISACCE Telefono 098158222 3333990230 Fax E-mail

Dettagli

Appunti di appropriatezza prescrittiva

Appunti di appropriatezza prescrittiva S.C. Farmaceutica Territoriale Appunti di appropriatezza prescrittiva Focus su: Nuovi Anticoagulanti Orali La fibrillazione atriale è la più comune causa di aritmia cardiaca cronica e predispone, i pazienti

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

Guida ai Servizi A.F. delle Terapie Intensive INDICE

Guida ai Servizi A.F. delle Terapie Intensive INDICE Area Funzionale delle Terapie Intensive GUIDA AI SERVIZI ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI INDICE Presentazione... 3 1. Principi e valoriefondamentali... 4 1.1 Mission... 4 2.2 Vision...

Dettagli

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni:

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco: Stato fisiopatologico nel quale il cuore è incapace di pompare sangue nella misura dei bisogni metabolici in condizioni di

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

STANDARD DI PRODOTTO POLIAMBULATORIO E DIAGNOSTICA NON RADIOLOGICA

STANDARD DI PRODOTTO POLIAMBULATORIO E DIAGNOSTICA NON RADIOLOGICA STANDARD DI PRODOTTO POLIAMBULATORIO E DIAGNOSTICA NON RADIOLOGICA PRESTAZIONI / PRODOTTI OFFERTI prestazioni di esami per utenti ricoverati prestazioni di esami per utenti esterni in convenzione e a pagamento

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e

Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Ginecologiche e della Riproduzione Umana Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Università degli Studi di Padova Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia Direttore Prof. Giovanni Battista Nardelli Dott. ssa Arianna De Lazzari Familiare ndp Fisiologica ndp Patologica

Dettagli

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche

ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche ARTERIOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Le arterie sono un sistema di distribuzione composto da vasi in grado di adattarsi a situazioni emodinamiche variabili Derivazione embriologica: Mesoderma La patologia

Dettagli

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450

Myerburg RJ, Castellanos A 1980; Task-force on SD of ESC. Eur Heart J 2001; 22: 1374-1450 Morte naturale, preceduta da improvvisa perdita della conoscenza, che si verifica entro un ora dall inizio dei sintomi, in soggetti con o senza cardiopatia nota preesistente, ma in cui l epoca e la modalità

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli

Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci. Marina Davoli Valutazione epidemiologica dell impatto delle Linee di indirizzo regionali sull uso dei farmaci Marina Davoli SNLG - Antibioticoprofilassi perioperatoria nell adulto - 1 Raccomandazione I/A La profilassi

Dettagli

Visite ed esami ambulatoriali

Visite ed esami ambulatoriali IST301 www.cardiologicomonzino.it Nel sito web sono disponibili tutte le informazioni relative al, comprese quelle riportate nel presente documento; è inoltre possibile prenotare visite ed esami ed iscriversi

Dettagli

ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE

ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE ECOCARDIOGRAFIA CLINICA BASE 1 Giornata Mercoledì 05 Marzo 2014 09,00-11,00 - Serie di Relazioni su Tema Preordinato Presentazione del Seminario Fisica degli Ultrasuoni Dott. P. Trambaiolo /A. Posteraro

Dettagli

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE

Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE Dal Progetto MATTONI al Progetto MATRICE IGEA: dal progetto al sistema L'integrazione delle cure per le persone con malattie croniche 22 aprile 2013 Mariadonata Bellentani Giulia Dal Co Mariagrazia Marvulli

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

PERUGIA il CUORE 2013

PERUGIA il CUORE 2013 FONDAZIONE UMBRA CUORE E IPERTENSIONE PERUGIA il CUORE 2013 Perugia, 7-8 Giugno 2013 Centro Congressi - Giò Jazz Hotel Via Ruggero D Andreotto N 19 06124 Perugia Patrocinato da: Azienda Ospedaliera di

Dettagli

CLASSIFICAZIONE ASA VISITA ANESTESIOLOGICA ANAMNESI. ovvero il ruolo dell anestesista! INDICAZIONE INTERVENTO OPERABILITA

CLASSIFICAZIONE ASA VISITA ANESTESIOLOGICA ANAMNESI. ovvero il ruolo dell anestesista! INDICAZIONE INTERVENTO OPERABILITA ovvero il ruolo dell anestesista! Dott.ssa Elisabetta Brizio Servizio di Anestesia e Rianimazione, Ospedali di Savigliano e Fossano, ASL CN1 OPERABILITA INDICAZIONE INTERVENTO CLASSIFICAZIONE ASA I Paziente

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA

LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI INFERMIERISTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO AD INDAGINE DIAGNOSTICO/INTERVENTISTICA IN EMODINAMICA Bassi Fulvia Franceesconi Stefania UTIC CARDIOLOGIA Presidio Ospedaliero

Dettagli

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol

8 Progetto ABC. Achieved Best Cholesterol Introduzione La dislipidemia è ampiamente noto essere uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Molto si è scritto in letteratura negli ultimi anni a proposito della riduzione di questo

Dettagli

LE NUOVE TECNICHE DI BY-PASS AORTO-CORONARI. www.fisiokinesiterapia.biz

LE NUOVE TECNICHE DI BY-PASS AORTO-CORONARI. www.fisiokinesiterapia.biz LE NUOVE TECNICHE DI BY-PASS AORTO-CORONARI www.fisiokinesiterapia.biz DISTRIBUZIONE DEI PAZIENTI PER ETA 100% 80% 60% 40% 20% 81+ 71-80 AA 61-70 AA 51-60 AA 50 ΑΑ 0% 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003

Dettagli