Mangiando si impara. A tavola con mamma e papà per crescere sani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mangiando si impara. A tavola con mamma e papà per crescere sani"

Transcript

1 Mangiando si impara A tavola con mamma e papà per crescere sani a cura della Clinica Pediatrica dell Università di Foggia Cattedra di Pediatria Università degli Studi Foggia Ufficio per l Educazione Scuola e Università Arcivescovado di Foggia- Bovino Federazione Italiana Scuole Materne Foggia Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia

2 Si ringrazia per la collaborazione alla realizzazione del programma di contrasto all Obesità nelle scuole, la Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia e gli allievi pre-laurea interni presso la Clinica Pediatrica dell Università di Foggia: Gennaro Canestrino, Patrizia Cavaliere, Dina De Santis, Michela Foglia, Monica Mancini, Lisa Mastrangelo, Rosa Melino, Piero Popolo, Carmelinda Rosa, Barbara Santangelo. Ed inoltre la FISM FOGGIA e tutti gli Insegnati e gli operatori che a diversi livelli e con diversi ruoli presso le scuole di Foggia e Provincia hanno contribuito al lavoro di informazione e formazione svolto dallo staff clinico della Pediatria Universitaria di Foggia. Le immagini contenute nel libro, ove non prodotte dagli autori, sono state tratte da siti della rete internet offerti da Google Inc Amphitheatre Parkway, Mountain View CA (USA) e resi pubblicamente disponibili da tale motore di ricerca, con libero accesso ai testi ed alle immagini. 2

3 CLINICA PEDIATRICA-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Ospedali Riuniti, Viale L.Pinto, Foggia (tel / ) Prof. Massimo Pettoello-Mantovani, Direttore Prof. Angelo Campanozzi Responsabile della Sezione Nutrizione Prof. Luigi Maiuri Responsabile della Sezione Gastroenterologia TESTI A CURA DI: Dr.ssa Irene Rutigliano Assistente Clinica Pediatrica Università di Foggia Dott.ssa Paola Bruno Dietista, Clinica Pediatrica Università di Foggia IN COLLABORAZIONE CON: FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Foggia: dr. F. Daniele, Ins. R. Matrella, e Dott.ssa M.M. Daniele CLINICA PEDIATRICA UNIVERSITÀ DI FOGGIA: Dr.ssa A.Catucci, Dr.ssa L.Di Giulio, Dr.ssa C.Lorusso, Dr.ssa G.Mangano, Dr.ssa A.Marinari, Dr. A.Marseglia LABORATORIO DEL CENTRO DI FISIOPATOLOGIA DEL METABOLISMO E DELLA NUTRIZIONE IN ETA EVOLUTIVA Università di Foggia: Prof.ssa I.Giardino, Dr.ssa L.D Apolito, Dr.ssa E.Ciavarella, Dr.ssa T.Trivisano ARCIDIOCESI FOGGIA-BOVINO - Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università. Direttore Sac. B. D Emilio SCUOLE PARITARIE: Sorriso del Sole, Casa dei Bambini, San Giuseppe, San Michele Arcangelo, Il Mondo dell Infanzia. Il lavoro svolto dal presidente FISM dr. F. Daniele, dalla dott.sa M.M. Daniele, dal personale della FISM e delle scuole è stato svolto in maniera volontaria. 3

4 Cari mamme e papa, Cattedra di Pediatria Università degli Studi Foggia L'obesità infantile è un problema delicato ed in continuo aumento, tanto che oltre il 25% dei bambini che frequentano le scuole della nostra provincia ne risulta affetto. Questo è un dato preoccupante, a causa delle conseguenze che l obesità comporta per la salute dei nostri figli quando saranno adulti. Molte malattie considerate tipiche dell adulto, come ad esempio quelle cardiovascolari, l osteoporosi o la comparsa del diabete, sono proprio dovute ad una condizione di eccesso ponderale, instauratosi a partire dall infanzia. Tutto ciò si può evitare! Non è un impresa difficile, basta fare lo sforzo di collaborare tutti insieme, genitori, bambini, educatori e medici, comprendendo l importanza di far praticare ai nostri bambini una alimentazione sana e che sia qualitativamente e quantitativamente equilibrata. Evitando quindi gli eccessi e le carenze nutrizionali, spingendoli ad uno stile di vita che limiti la sedentarietà (come le troppe ore passate davanti al televisore o al computer!!) e promuovendo una regolare attività fisica. Risolvere il problema è possibile, ma va fatto insieme e facendo capire ai bambini che i consigli che diamo a loro sono innanzi tutto seguiti da noi stessi. Incominciando quindi proprio dalla tavola, che è uno dei momenti formativi più importanti per la famiglia e sempre di più anche per la scuola, dove tradizionalmente vengono comunicati gli affetti e trasmessi cultura e tradizioni. Utilizzare questo momento, per lavorare insieme ai bambini alla costruzione del loro futuro di uomini e donne sani, è una opportunità che non va persa. Ecco dunque il significato di questo libretto dedicato all obesità e diretto a individuare i principali punti critici, utili a conservare lo stato di salute dei nostri figli praticando una corretta alimentazione. Il nostro impegno comune dovrà quindi essere di insegnare ai piccoli come evitare comportamenti alimentari sbagliati, per favorire un corretto stato nutrizionale e quindi garantire loro un normale accrescimento ed una vita serena. A Voi genitori va il nostro augurio di buona lettura, con l auspicio che le informazioni contenute in queste pagine siano un utile aiuto per meglio impostare l educazione alimentare dei vostri figli. Massimo Pettoello-Mantovani Direttore, Clinica Pediatrica Università degli Studi di di Foggia Angelo Campanozzi Prof. Aggregato, Clinica Pediatrica Università degli Studi di Foggia 4

5 Ufficio Scolastico Provinciale FOGGIA Nel breve volgere di qualche decennio, larga parte del mondo è passata dalla fame all abbondanza. Il passaggio troppo rapido ha creato squilibri e disarmonie. Le nostre tavole si sono riempite di cibo molto più in fretta di quanto i libri abbiano appesantito gli scaffali, o di quanto siano diventati più profondi i nostri interessi per l arte, la cultura e le scienze. Alla privazione si è sostituito lo sperpero, alla parsimonia la liberalità, alla rinuncia il desiderio infinito, alla miseria l opulenza e l ostentazione. Finita l età dei sacrifici è cominciata l era della gratificazione immediata e del piacere continuo da inseguire in ogni istante della vita, dalla tavola alla strada, dal supermercato al lavoro, dal salotto di casa all autogrill ovunque e in tutte le stagioni vogliamo che tutto sia piacevole e divertente, non problematico e rassicurante, confortevole e soddisfacente. La società dei consumi è sopraggiunta improvvisa sotto braccio alla società del divertimento, della risata insaziabile e della festa continua. La regola pedagogica sovrana dei genitori moderni ed apprensivi è risparmiare ai figli fin quasi all età matura sforzi, rinunce e limiti e, così, per non frustrare le delicate psicologie, tendono ad evitare anche il confronto con i valori e le regole, con gli scopi e le mete sociali, con l impegno e gli ideali che, com è noto, costano un po di fatica. Quasi fosse l inconscia rivalsa per i millenni della fame, l irresistibile attrazione per l eccesso, scolpisce nei nostri corpi e più drammaticamente in quelli dei nostri piccoli i segni dell abbondanza. Le malattie da eccessi alimentari hanno via via sostituito quelle da penuria e carenza e hanno trovato una solida alleanza nelle condizioni di vita dei bambini e degli adolescenti. Pigri e rigonfi, questi ultimi passano senza grandi intervalli dalla Tv al computer, dai videogiochi ai fumetti, dai giocattoli ad internet Non hanno più nella loro vita la strada, i cortili, le periferie, ossia, i grandi maestri, nel bene e nel male, della nostra generazione, non hanno più l oratorio e il gruppo spontaneo e casuale dei pari. Hanno tutto programmato: la scuola, i compiti, la palestra, perfino gli incontri e il tempo libero e, tra un momento e l altro, mamme efficienti e premurose riempiono, con gesti frettolosi e impazienti, le loro mani di merendine, patatine, dolcini e un infinita varietà di preconfezionati. Il modello socio-familiare odierno è una corsa a somigliare a quello televisivo degli spot pubblicitari dove tutti sono giovani, belli, magri, atletici, felici e sorridenti, ovviamente, senza fatica e riempiendo solo il cestello della spesa. L educazione ai consumi e ad un alimentazione sana deve cominciare dagli adulti; deve rimuovere i cattivi esempi e i modelli sbagliati. Deve restituire al cibo il suo significato naturale e sociale di alimento, di nutrizione da cui dipende il benessere della persona a proprio agio in una corporeità sana e armonica. E, pertanto, motivo di estrema soddisfazione leggere un manualetto, così agile e divulgativo che, con linguaggio semplice e prosa convincente sa presentare il nucleo del problema ai piccoli e ai grandi. Mario Melino Dirigente USP Foggia 5

6 L'obesità infantile è un problema di notevole rilevanza sociale. Il fenomeno, denunciato a gran voce dai più autorevoli nutrizionisti (in Italia colpisce un bambino su quattro) è il risultato di un bilancio energetico positivo protratto nel tempo; in pratica si introducono più calorie di quante se ne consumano. Questo tema, è stata registrato nelle nostre scuole, in cui oltretutto sono state osservate e registrate errate abitudini alimentari dei bambini e una certa superficialità dei genitori rispetto a questa problematica. La scuola, dove è svolto il servizio di refezione, si sforza di fornire menù adeguati ai genitori, ma spesso con scarso successo. In effetti bisogna registrare anche, che le stesse Insegnanti si sentono frustrate rispetto ad un bambino che mangia poco, mentre sembrano trovare grande gratificazione rispetto ad un bambino di buon appetito. Spesso ci preoccupiamo quando il bambino mangia poco, raramente quando mangia troppo. Se è vero che una dieta insufficiente può portare a deficit di vario tipo (proteine, calcio, ferro, vitamine ed altri nutrienti essenziali alla crescita), di contro, un introito calorico eccessivo determina, dapprima un sovrappeso del bambino e poi, nella maggioranza dei casi, una manifesta obesità. I genitori dovrebbero essere i primi ad accorgersi dell eccessivo aumento di peso del bambino e mettere al corrente il pediatra, la persona più indicata in questi casi. Spesso però il forte appetito, che a volte si traduce in una vera e propria voracità, viene interpretato come un segnale di benessere e si tende ad incentivarlo più che a limitarlo, con l illusione che gli evidenti chili di troppo possano scomparire con lo sviluppo. Il bambino cicciottello, poi, ispira più simpatia di uno magro, che anzi, tende a preoccupare il genitore. Oltre a mangiare troppo, però, il bambino mangia in maniera sregolata, spesso e male. Le tentazioni sono davvero tante, il frigorifero di casa è sempre stracolmo di merendine e snack, i distributori automatici delle scuole invitano a spuntini fuori pasto, costituiti da prodotti industriali ricchi di calorie e grassi nascosti. Le bevande gassate, infine, eccessivamente zuccherine, risultano essere un piacere insostituibile, da preferire all acqua, specie d estate, dopo una sudata, o in occasione delle feste con gli amichetti. Oltre all alimentazione scorretta e squilibrata, non dobbiamo sottovalutare, come fattore di rischio, la ridotta attività fisica o la sedentarietà, frutto di uno stile di vita sbagliato, ma sempre di più frequente riscontro. I piccoli, infatti, sono spesso accompagnati in macchina dai genitori, anche se la scuola o la palestra distano pochi metri da casa, prendono l ascensore anche per un solo piano, passano ore ed ore davanti al computer e alla televisione (con gli esempi negativi che accentuano le cattive abitudini alimentari), escono sempre meno e così via. L esercizio fisico è di fondamentale importanza per il bambino che cresce, in quanto, oltre a farlo dimagrire, lo rende più attivo e più ricettivo.. E sufficiente praticare un attività fisica leggera, senza affaticare troppo l organismo, come una pedalata in bici o una passeggiata, che sottopongono i muscoli ad uno sforzo moderato ma costante e attingono carburante soprattutto dal serbatoio dei grassi; così dimagrire diventa più facile. Campagne informative di larga portata sono ritenute necessarie per aumentare la consapevolezza del problema in tutti i settori della società, in misura maggiore in quei settori della società che si occupano della crescita fisica e psicologica del bambino quali scuola, famiglia. Fabio Daniele Presidente provinciale FISM 6

7 MANGIANDO SI IMPARA : piccolo vademecum di educazione nutrizionale per genitori e figli. L Obesità rappresenta una condizione patologica caratterizzata da eccesso di peso determinato dall accumulo di grasso corporeo. Sempre più di frequente si sente oggi parlare di obesità e sovrappeso sui giornali, in televisione, su internet. Ma cosa significa essere obeso? Essere obeso significa possedere un peso corporeo che superi del 20% quello definito ideale per età, altezza e sesso, ma soprattutto significa essere persone ad elevato rischio per la comparsa di malattie croniche altamente invalidanti. Questa condizione, difatti, peggiora drasticamente la qualità di vita e ne riduce significativamente la durata. Ciò è noto da molto tempo per quanto riguarda l adulto obeso, ma cosa accade nel bambino? Anche nei bambini l obesità determina molteplici danni, a volte irreversibili. L obesità infantile rappresenta un problema piuttosto grave per il sempre maggiore numero di bambini in eccesso di peso e per gli effetti negativi che questo provoca, come accennato, già in tenera età. Mediamente su 10 soggetti della scuola dell obbligo 2 risultano in sovrappeso e 2 risultano francamente obesi: ciò significa che nella classe dei vostri piccoli, che presupponiamo essere composta da 20 bambini, 4 sono obesi e 4 in sovrappeso! 7

8 Ma quali sono le cause che portano all eccesso di peso, quali sono i motivi per cui ingrassiamo? In genere si mettono su chili di troppo per la compartecipazione di più ragioni quali quelle genetiche, psicosociali, ambientali. Sono solo una piccolissima parte i casi di obesità definita secondaria, cioè quelle forme in cui l eccesso di peso è determinato (secondario appunto) da una patologia endocrina, metabolica, psichiatrica, genetica o da particolari terapie farmacologiche. La stragrande maggioranza delle forme di obesità, circa il 98%, sono definite primitive o essenziali. In sintesi, possiamo affermare che si prende peso perché si MANGIA MALE E TROPPO E CI SI MUOVE TROPPO POCO. 8

9 L organismo umano può essere immaginato come un grosso laboratorio chimico in cui avvengono una miriade di reazioni. Molte di queste reazioni necessitano di energia per realizzarsi e molta di questa energia viene introdotta con gli alimenti. Ogni alimento ha, dunque, una sua quota energetica ed è proprio per tali motivazioni che utilizziamo le kilo calorie, unità di misura del calore che altro non è che una forma di energia, nella valutazione nutrizionale. In condizioni ottimali, si instaura un equilibrio tra l energia che introduciamo e quella che spendiamo per vivere; se tale equilibrio si rompe a favore dell energia in entrata (alimenti), il nostro organismo conserva l eccesso calorico proprio nel tessuto adiposo, riserva energetica del corpo umano e più energia introduciamo in eccesso più il nostro grasso tende a crescere... più tendiamo a divenire obesi!!! 9

10 Quindi, per prendere peso non è necessario mangiare tanto ma mangiare quel tanto in più rispetto al nostro consumo. E non si tratta di un questione di natura prettamente estetica, ma di una vera e propria forma di malnutrizione. Sfortunatamente risulta ancora troppo diffuso nella credenza popolare, in particolare nella nostra area geografica, il detto secondo cui Grasso è sinonimo di buona salute. Nel passato non tanto remoto, un bambino grasso era considerato un bimbo sano, uno che con ogni probabilità sarebbe sopravvissuto ai rigori della denutrizione e delle infezioni. Nell ultimo decennio, tuttavia, l eccesso di peso è divenuto il principale problema sanitario infantile dei paesi sviluppati e non, tanto che l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), agenzia delle Nazioni Unite dedicata alla Sanità, ha posto la prevenzione dell obesità infantile tra le sei priorità per migliorare la salute del bambino. E frequente trovare nella pratica medica ambulatoriale, mamme eccessivamente preoccupate per il peso dei propri piccoli. Frasi come E più piccolo degli altri. Non cresce, perché è così magro? rappresentano la quotidianità; diventa necessario e basilare spiegare che l eccesso di peso deve preoccupare quanto, se non di più, del suo difetto. E indispensabile, per combattere l epidemia globale dell obesità infantile, educare i nostri figli precocemente ad una corretta alimentazione educare i nostri figli alla SALUTE. 10

11 Quali sono, allora, le conseguenze cui va incontro un bambino obeso? Molteplici, alcune di queste già evidenti in età pediatrica, mentre altre piantano le loro radici silenziosamente nel periodo infantile per mostrare drasticamente e irrimediabilmente i loro segni in epoca adulta. Ogni apparato è coinvolto negli effetti deleteri dell eccesso di grasso, come è possibile desumere dalla tabella di seguito riportata. Apparato Cardiovascolare Conseguenze Ipertensione arteriosa Aterosclerosi - Scompenso cardiaco Insufficienza venosa arti inferiori Apparato respiratorio Asma bronchiale - Insufficienza respiratoria - Sindrome di Pickwick - Sindrome delle apnee notturne Apparato gastroenterico Steatosi epatica Calcoli biliari Pancreatite - Reflusso gastroesofageo Tumore del colon Apparato locomotore Tibia vara - Ginocchio valgo Osteoartrosi - Sublussazione anca Sistema endocrino e metabolismo Dislipidemia - Sindrome metabolica e iperinsulinismo - Diabete mellito Iperuricemia - Nefrolitiasi Apparato genitourinario Amenorrea - Pubertà precoce Ipogonadismo Impotenza - Sindrome dell ovaio policistico Sistema immunitario Minore produzione anticorpale Sistema psichico Depressione - Scarsa autostima Ansia - Insuccesso scolastico - Tic nervosi 11

12 CONSEGUENZE MEDICHE DELL OBESITA INFANTILE Crescita I bambini con eccesso di peso tendono ad avere una crescita ossea anticipata (età ossea più avanzata). Hanno, in genere, un anticipo puberale cioè: le femminucce presentano in età più precoce l inizio del ciclo mestruale (menarca), i maschietti sviluppano anticipatamente i caratteri sessuali secondari. Disturbi cardiovascolari e metabolici Già in bambini ed adolescenti obesi ricorre l aumento dei lipidi (grassi) nel sangue. In particolare, tendono ad osservarsi elevati livelli di colesterolo definito cattivo (LDL) e di trigliceridi, mentre si riscontrano bassi livelli di colesterolo buono (HDL). Questi elementi sono alla base della insorgenza precoce di accumuli di grasso in corrispondenza delle pareti di grosse e medie arterie, lesioni iniziali del processo aterosclerotico. L aterosclerosi induce la perdità di elasticità delle arterie e la loro progressiva occlusione, riducendo l apporto di sangue ad organi come il cuore ed il cervello, tanto da creare eventi avversi come l infarto cardiaco e l ictus cerebrale, principali cause di morte e disabilità nel nostro paese Anche l ipertensione arteriosa, seppur non particolarmente presente in età pediatrica, risulta circa nove volte più frequente nei bambini obesi rispetto ai normopeso della stessa età. 12

13 Inoltre, intolleranza al glucosio e diabete sono due conseguenze da attendersi, come per l adulto anche nel bambino obeso. Difatti, il diabete dell adulto (diabete mellito tipo II), un tempo virtualmente assente in epoca pediatrica, oggi rappresenta un evento molto meno raro. Circa 1/3 dei casi di diabete di nuova diagnosi in questa età, è proprio rappresentato dal diabete mellito tipo II. L insorgenza di questa condizione patologica già in tenera età, rappresenta una vera minaccia considerando le gravi complicanze a cui questa patologia espone (malattie cardiache, ictus cerebrale, disfunzioni renali, cecità). Ancora, la sindrome dell insulino-resistenza, condizione che raggruppa i principali fattori di rischio cardiovascolare, è stata già riscontrata in piccoli pazienti obesi a partire dall età di 5 anni. Disturbi gastroenterici Nei bimbi obesi è spesso possibile ritrovare un aumento degli enzimi epatici (transaminasi) nel sangue, segno di sofferenza del fegato. Tale fattore sarebbe determinato dalla presenza di epatosteatosi, il ben più noto fegato grasso, o di epatite grassa, condizione più rara. Il calo ponderale determina il rientro dei valori anomali in condizioni di normalità, ed è pertanto auspicabile. L eccesso di peso predispone, in più, alla insorgenza di calcoli della colecisti (colelitiasi) e del reflusso gastro esofageo, vale a dire il passaggio involontario di contenuto gastrico nell esofago (causa di bruciori di stomaco, iperacidità, tosse cronica, eccessiva salivazione ecc..). E stata inoltre descritta una maggiore incidenza di adenocarcinoma del colon in soggetti adulti obesi. Complicanze respiratorie L apnea notturna è una condizione di ordinario riscontro nei piccoli pazienti con eccesso di peso, spesso in associazione a roncopatia (cioè il bambino russa durante il sonno). Tra le complicanze dell apnea notturna vengono annoverati deficit neurocognitivi, per ridotto apporto di ossigeno al cervello, disturbi dell attenzione, sonnolenza durante le ore diurne. Altra complicanza osservabile in piccoli pazienti obesi è l asma bronchiale e l intolleranza all esercizio fisico. Alcuni bambini obesi possono presentare un deficit anticorpale che predispone alla comparsa di ripetute infezioni, soprattutto a carico delle alte e basse vie aeree. 13

14 Complicanze Ortopediche La capacità elastica dell osso e della cartilagine nell infanzia risente molto delle anomale sollecitazioni indotte dall eccesso di peso: sull osso in via di accrescimento viene a gravare una forza anomala, quella del peso eccessivo. È allora possibile ritrovare nei bambini obesi incurvamento della tibia e del femore, ginocchio valgo, sublussazione dell anca e osteoartrosi precoce (soprattutto a carico del ginocchio). Tutti questi elementi possono influenzare la statica e la dinamica della colonna vertebrale, determinando scoliosi e iperlordosi. Qualità di vita Nei bambini obesi risulta significativamente compromessa la qualità di vita. Gli effetti psicosociali, indotti sui piccoli pazienti dall eccesso di grasso, sono certamente le conseguenze più diffuse e note dell obesità pediatrica. I bambini obesi diventano il bersaglio di discriminazioni premature e sistematiche che inducono scarsa autostima e disagio psichico sia soggettivo che oggettivo. Figura 1: Da A tavola! Comune di Milano, SC Pediatria ospedale Fatebenefratelli, Milano ristorazione 14

15 In sintesi, l'obesità è una condizione in grado di indurre un aumento significativo di rischio per la salute e vi è una probabilità compresa fra il 30% e il 60% che un bambino in sovrappeso mantenga l eccesso di peso anche in età adulta. 15

16 OBESITA.NON SOLO CHILI DI TROPPO!!! E importante insegnare ai bambini ad avere una alimentazione sana ed equilibrata. Il sovrappeso e l obesità sono legate non solo ad abitudini alimentari scorrette, ma anche a scarso movimento ed attività fisica. E fondamentale aiutare il bambino a modificare il proprio stile di vita e questo deve avvenire con lo stimolo al movimento e una corretta alimentazione. MODIFICARE LO STILE DI VITA... Il cambiamento dello stile di vita in età pediatrica funziona solo se viene coinvolta tutta la famiglia il ruolo dei genitori è fondamentale a tal fine! E importante insegnare loro a mangiare correttamente sin dai primi anni di vita, perché è più semplice indirizzarli nella scelta di alimenti sani scelta che poi li accompagnerà nella vita adulta e li aiuterà a prevenire patologie legate ad una cattiva alimentazione. Se tutta la famiglia decide di modificare le proprie abitudini alimentari scorrette, il bambino riceverà sicuramente stimoli positivi per sperimentare percorsi nuovi. 16

17 EDUCAZIONE ALIMENTARE L educazione alimentare rappresenta uno dei tanti interventi che si possono mettere in atto per la prevenzione dell obesità infantile; insegna a nutrirci bene e quindi a scegliere i cibi più adatti alle nostre esigenze e allo stile di vita che conduciamo, ma soprattutto insegna a non commettere errori che possono mettere a repentaglio la buona salute. L educazione alimentare coinvolge numerose persone (famiglia, insegnanti, pediatri, dietisti, ecc. ); ognuno di noi deve diventare consapevole che la scelta quotidiana dei cibi si ripercuote sulla nostra salute e che alimentarsi in modo corretto migliora sicuramente la qualità della vita. 17

18 LA PIRAMIDE ALIMENTARE La piramide alimentare è il simbolo della sana e corretta alimentazione.. Alla base troviamo gli alimenti che si possono consumare liberamente, infatti occupano una posizione preponderante frutta, verdura e legumi, mentre al vertice troviamo i prodotti che devono essere assunti in quantità controllata (olio, burro, dolci, ecc ) 18

19 STIMOLO AL MOVIMENTO Accanto alla corretta alimentazione, per garantire il raggiungimento ed il mantenimento di un buono stato di salute, sono importanti lo svolgimento di un attività fisica regolare e la riduzione della sedentarietà. L attività fisica deve essere svolta con regolarità almeno tre volte a settimana. E preferibile scegliere uno sport che piace ai vostri bambini soprattutto se sono coinvolti anche altri amichetti E fondamentale stimolare i propri figli al movimento: salire e scendere le scale anziché usare l ascensore, andare a scuola a piedi, giocare a pallone con gli amichetti o andare in bicicletta insomma qualsiasi attività che comporti movimento aumentando così il dispendio energetico ed il tono muscolare!!! E altrettanto importante evitare che i bambini passino ore davanti alla tv, al computer, o a giocare con la play station, anche perché aumenterebbe la noia e di conseguenza maggior cibo da sgranocchiare. 19

20 Media delle calorie consumate per ora di attività fisica Sport Consumo Kcal/h Ballo 350 Calcio 400 Corsa a piedi Equitazione 300 Nuoto (400m/h) 20

21 600 Pallacanestro Pallavolo 350 Pattinaggio Sci Tennis

22 ERRORI PIU COMUNI NEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE DEI BAMBINI Eccessivo apporto calorico rispetto alla spesa energetica totale quotidiana colazione assente o inadeguata consumo scarso o nullo di verdure e frutta eccessivo consumo di salumi, cioccolato, patatine fritte, dolci confezionati, bevande gassate e zuccherate, ecc abitudine di consumare i pasti davanti alla tv introito eccessivo di proteine di origine animale, grassi e sodio stile di vita sedentario frequentazione eccessiva di fast food errata distribuzione dell apporto calorico durante la giornata pasti nutrizionalmente non adeguati 22

23 QUALI REGOLE PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO? Fare sempre la prima colazione è importante perché fornisce al nostro organismo l energia necessaria per affrontare la giornata. Non saltare lo spuntino a metà mattina e la merenda a metà pomeriggio: sono fondamentali per non arrivare affamati ai pasti principali. Mantenere un peso adeguato e ridurre la sedentarietà, così da aumentare il dispendio energetico e evitare accumuli di grasso. 23

24 Seguire una dieta varia ed equilibrata, alternando le fonti proteiche animali con quelle vegetali, e quindi aumentare il consumo dei legumi, ricchi di fibre: un maggiore consumo di fibre è stato correlato ad una minore incidenza di alcune patologie. Ripartire con equilibrio le calorie durante la giornata: colazione 15% spuntino 5% pranzo 40% merenda 10% cena 30% E fondamentale assicurare l apporto giornaliero di tutti i nutrienti. Consumare regolarmente frutta e verdura, alimenti importanti perché apportano vitamine, fibre e sali minerali 24

25 Limitare il consumo di salumi, noccioline, dolciumi e bevande zuccherate, che non saziano e non dissetano, ma apportano solo una quantità eccessiva di grassi e zuccheri. Bere sempre molta acqua naturale oltre ad essere essenziale per il nostro organismo, assicura una adeguata funzionalità intestinale. Grassi: scegliere sempre la qualità (olio extra vergine di oliva) e limitare la quantità Non tutti i grassi hanno lo stesso tipo di utilizzazione metabolica, infatti si sottolinea sempre più spesso come alcune categorie di sostanze grasse (grassi animali) siano correlate a malattie cardiovascolari Un cucchiaio di olio di oliva al giorno è sufficiente a soddisfare le esigenze del nostro organismo di acidi grassi essenziali. 25

26 26 Per la preparazione degli alimenti preferire la cottura al vapore, al forno, alla piastra evitando le fritture.. limitando il consumo di sale.

27 EQUIVALENZE ALIMENTARI Pasta ( 80g pasta, 5g olio, 50g pomodoro, 5g parmigiano ) Kcal Pane Kcal 276 ALIMENTO (60g Rosetta, 3 fette di salame tipo Milano ) EQUIVALENTE A un pacchetto di crackers 1/3 di piatto di pasta oppure mezzo panino un trancio di pizza pomodoro e mozzarella un piatto di pasta 27

28 una porzione di patatine fritte un piatto di pasta oppure un panino e mezzo una pizza margherita due piatti e mezzo di pasta oppure tre panini una busta di patatine un piatto di pasta ( 75g ) oppure un panino e mezzo 28

29 due wurstel piccoli mezzo panino un Big Burger un piatto e mezzo di pasta oppure due panini un Cheese Burger un piatto di pasta oppure un panino e mezzo un Hot Dog un piatto di pasta 29

30 tre cucchiaini di maionese mezzo piatto di pasta oppure mezzo panino una busta di Pop Corn ( 100g ) un piatto di pasta una confezione di arachidi ( 50g ) un piatto di pasta cinque biscotti mezzo piatto di pasta oppure mezzo panino 30

31 cinque wafers 3/4 di piatto di pasta oppure 3/4 di panino un cornetto con marmellata un panino un dolce con crema un piatto di pasta oppure un panino e mezzo una fetta di pan di spagna ( 100g ) un piatto di pasta 31

32 una barretta di cioccolato mezzo panino quattro cioccolatini 3/4 di piatto di pasta un gelato un panino una merendina ( 40g ) mezzo panino 32

33 due cucchiaini di nutella mezzo panino un ovetto Kinder 1/3 di piatto di pasta un succo di frutta 1/3 di piatto di ( 200 ml ) pasta 33

34 una lattina di Coca Cola 1/3 di piatto di pasta oppure mezzo panino una lattina di aranciata 1/3 di piatto di pasta oppure mezzo panino 34

35 DOMANDE, DUBBI E FALSI MITI Di quanti chili è in sovrappeso? Questa è la domanda che le mamme molto frequentemente pongono in seguito all affermazione del medico : Suo figlio è in eccesso di peso. In verità, questo quesito non ha una risposta univoca, semplicemente perché il peso ideale di un individuo, in particolare dei bambini che sono sistemi in accrescimento, è notevolmente influenzato da parametri quali sesso, età e altezza. Per l adulto abbiamo a nostra disposizione l Indice di Massa Corporea (IMC o Body Mass Index: BMI), espresso dal seguente rapporto: IMC= Peso (in Kg)/ Altezza (in Metri) Per esempio, un individuo di 70 Kg alto 1.80 metri, possiede un indice di massa corporea pari a: 70/1.80 = 70/3.24 = Un adulto è definito obeso quando possiede un Indice di Massa Corporea superiore a 30. Vengono qui di seguito riportati i valori di IMC corrispondenti agli stati di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità per l adulto. Classificazione IMC (kg/m 2) Sottopeso < 18.9 Normopeso Sovrappeso Obesità I grado Obesità II grado 35, Obesità III grado >40 35

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO GRASSO CHE COLA Di Luca Chianca Professore io mi son permesso di portarle il cibo sponsorizzato a Expo. FRANCO BERRINO EX DIRETTORE DIPARTIMENTO MEDICINA PREVENTIVA - ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI MILANO

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli