Mangiando si impara. A tavola con mamma e papà per crescere sani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mangiando si impara. A tavola con mamma e papà per crescere sani"

Transcript

1 Mangiando si impara A tavola con mamma e papà per crescere sani a cura della Clinica Pediatrica dell Università di Foggia Cattedra di Pediatria Università degli Studi Foggia Ufficio per l Educazione Scuola e Università Arcivescovado di Foggia- Bovino Federazione Italiana Scuole Materne Foggia Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia

2 Si ringrazia per la collaborazione alla realizzazione del programma di contrasto all Obesità nelle scuole, la Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia e gli allievi pre-laurea interni presso la Clinica Pediatrica dell Università di Foggia: Gennaro Canestrino, Patrizia Cavaliere, Dina De Santis, Michela Foglia, Monica Mancini, Lisa Mastrangelo, Rosa Melino, Piero Popolo, Carmelinda Rosa, Barbara Santangelo. Ed inoltre la FISM FOGGIA e tutti gli Insegnati e gli operatori che a diversi livelli e con diversi ruoli presso le scuole di Foggia e Provincia hanno contribuito al lavoro di informazione e formazione svolto dallo staff clinico della Pediatria Universitaria di Foggia. Le immagini contenute nel libro, ove non prodotte dagli autori, sono state tratte da siti della rete internet offerti da Google Inc Amphitheatre Parkway, Mountain View CA (USA) e resi pubblicamente disponibili da tale motore di ricerca, con libero accesso ai testi ed alle immagini. 2

3 CLINICA PEDIATRICA-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Ospedali Riuniti, Viale L.Pinto, Foggia (tel / ) Prof. Massimo Pettoello-Mantovani, Direttore Prof. Angelo Campanozzi Responsabile della Sezione Nutrizione Prof. Luigi Maiuri Responsabile della Sezione Gastroenterologia TESTI A CURA DI: Dr.ssa Irene Rutigliano Assistente Clinica Pediatrica Università di Foggia Dott.ssa Paola Bruno Dietista, Clinica Pediatrica Università di Foggia IN COLLABORAZIONE CON: FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Foggia: dr. F. Daniele, Ins. R. Matrella, e Dott.ssa M.M. Daniele CLINICA PEDIATRICA UNIVERSITÀ DI FOGGIA: Dr.ssa A.Catucci, Dr.ssa L.Di Giulio, Dr.ssa C.Lorusso, Dr.ssa G.Mangano, Dr.ssa A.Marinari, Dr. A.Marseglia LABORATORIO DEL CENTRO DI FISIOPATOLOGIA DEL METABOLISMO E DELLA NUTRIZIONE IN ETA EVOLUTIVA Università di Foggia: Prof.ssa I.Giardino, Dr.ssa L.D Apolito, Dr.ssa E.Ciavarella, Dr.ssa T.Trivisano ARCIDIOCESI FOGGIA-BOVINO - Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università. Direttore Sac. B. D Emilio SCUOLE PARITARIE: Sorriso del Sole, Casa dei Bambini, San Giuseppe, San Michele Arcangelo, Il Mondo dell Infanzia. Il lavoro svolto dal presidente FISM dr. F. Daniele, dalla dott.sa M.M. Daniele, dal personale della FISM e delle scuole è stato svolto in maniera volontaria. 3

4 Cari mamme e papa, Cattedra di Pediatria Università degli Studi Foggia L'obesità infantile è un problema delicato ed in continuo aumento, tanto che oltre il 25% dei bambini che frequentano le scuole della nostra provincia ne risulta affetto. Questo è un dato preoccupante, a causa delle conseguenze che l obesità comporta per la salute dei nostri figli quando saranno adulti. Molte malattie considerate tipiche dell adulto, come ad esempio quelle cardiovascolari, l osteoporosi o la comparsa del diabete, sono proprio dovute ad una condizione di eccesso ponderale, instauratosi a partire dall infanzia. Tutto ciò si può evitare! Non è un impresa difficile, basta fare lo sforzo di collaborare tutti insieme, genitori, bambini, educatori e medici, comprendendo l importanza di far praticare ai nostri bambini una alimentazione sana e che sia qualitativamente e quantitativamente equilibrata. Evitando quindi gli eccessi e le carenze nutrizionali, spingendoli ad uno stile di vita che limiti la sedentarietà (come le troppe ore passate davanti al televisore o al computer!!) e promuovendo una regolare attività fisica. Risolvere il problema è possibile, ma va fatto insieme e facendo capire ai bambini che i consigli che diamo a loro sono innanzi tutto seguiti da noi stessi. Incominciando quindi proprio dalla tavola, che è uno dei momenti formativi più importanti per la famiglia e sempre di più anche per la scuola, dove tradizionalmente vengono comunicati gli affetti e trasmessi cultura e tradizioni. Utilizzare questo momento, per lavorare insieme ai bambini alla costruzione del loro futuro di uomini e donne sani, è una opportunità che non va persa. Ecco dunque il significato di questo libretto dedicato all obesità e diretto a individuare i principali punti critici, utili a conservare lo stato di salute dei nostri figli praticando una corretta alimentazione. Il nostro impegno comune dovrà quindi essere di insegnare ai piccoli come evitare comportamenti alimentari sbagliati, per favorire un corretto stato nutrizionale e quindi garantire loro un normale accrescimento ed una vita serena. A Voi genitori va il nostro augurio di buona lettura, con l auspicio che le informazioni contenute in queste pagine siano un utile aiuto per meglio impostare l educazione alimentare dei vostri figli. Massimo Pettoello-Mantovani Direttore, Clinica Pediatrica Università degli Studi di di Foggia Angelo Campanozzi Prof. Aggregato, Clinica Pediatrica Università degli Studi di Foggia 4

5 Ufficio Scolastico Provinciale FOGGIA Nel breve volgere di qualche decennio, larga parte del mondo è passata dalla fame all abbondanza. Il passaggio troppo rapido ha creato squilibri e disarmonie. Le nostre tavole si sono riempite di cibo molto più in fretta di quanto i libri abbiano appesantito gli scaffali, o di quanto siano diventati più profondi i nostri interessi per l arte, la cultura e le scienze. Alla privazione si è sostituito lo sperpero, alla parsimonia la liberalità, alla rinuncia il desiderio infinito, alla miseria l opulenza e l ostentazione. Finita l età dei sacrifici è cominciata l era della gratificazione immediata e del piacere continuo da inseguire in ogni istante della vita, dalla tavola alla strada, dal supermercato al lavoro, dal salotto di casa all autogrill ovunque e in tutte le stagioni vogliamo che tutto sia piacevole e divertente, non problematico e rassicurante, confortevole e soddisfacente. La società dei consumi è sopraggiunta improvvisa sotto braccio alla società del divertimento, della risata insaziabile e della festa continua. La regola pedagogica sovrana dei genitori moderni ed apprensivi è risparmiare ai figli fin quasi all età matura sforzi, rinunce e limiti e, così, per non frustrare le delicate psicologie, tendono ad evitare anche il confronto con i valori e le regole, con gli scopi e le mete sociali, con l impegno e gli ideali che, com è noto, costano un po di fatica. Quasi fosse l inconscia rivalsa per i millenni della fame, l irresistibile attrazione per l eccesso, scolpisce nei nostri corpi e più drammaticamente in quelli dei nostri piccoli i segni dell abbondanza. Le malattie da eccessi alimentari hanno via via sostituito quelle da penuria e carenza e hanno trovato una solida alleanza nelle condizioni di vita dei bambini e degli adolescenti. Pigri e rigonfi, questi ultimi passano senza grandi intervalli dalla Tv al computer, dai videogiochi ai fumetti, dai giocattoli ad internet Non hanno più nella loro vita la strada, i cortili, le periferie, ossia, i grandi maestri, nel bene e nel male, della nostra generazione, non hanno più l oratorio e il gruppo spontaneo e casuale dei pari. Hanno tutto programmato: la scuola, i compiti, la palestra, perfino gli incontri e il tempo libero e, tra un momento e l altro, mamme efficienti e premurose riempiono, con gesti frettolosi e impazienti, le loro mani di merendine, patatine, dolcini e un infinita varietà di preconfezionati. Il modello socio-familiare odierno è una corsa a somigliare a quello televisivo degli spot pubblicitari dove tutti sono giovani, belli, magri, atletici, felici e sorridenti, ovviamente, senza fatica e riempiendo solo il cestello della spesa. L educazione ai consumi e ad un alimentazione sana deve cominciare dagli adulti; deve rimuovere i cattivi esempi e i modelli sbagliati. Deve restituire al cibo il suo significato naturale e sociale di alimento, di nutrizione da cui dipende il benessere della persona a proprio agio in una corporeità sana e armonica. E, pertanto, motivo di estrema soddisfazione leggere un manualetto, così agile e divulgativo che, con linguaggio semplice e prosa convincente sa presentare il nucleo del problema ai piccoli e ai grandi. Mario Melino Dirigente USP Foggia 5

6 L'obesità infantile è un problema di notevole rilevanza sociale. Il fenomeno, denunciato a gran voce dai più autorevoli nutrizionisti (in Italia colpisce un bambino su quattro) è il risultato di un bilancio energetico positivo protratto nel tempo; in pratica si introducono più calorie di quante se ne consumano. Questo tema, è stata registrato nelle nostre scuole, in cui oltretutto sono state osservate e registrate errate abitudini alimentari dei bambini e una certa superficialità dei genitori rispetto a questa problematica. La scuola, dove è svolto il servizio di refezione, si sforza di fornire menù adeguati ai genitori, ma spesso con scarso successo. In effetti bisogna registrare anche, che le stesse Insegnanti si sentono frustrate rispetto ad un bambino che mangia poco, mentre sembrano trovare grande gratificazione rispetto ad un bambino di buon appetito. Spesso ci preoccupiamo quando il bambino mangia poco, raramente quando mangia troppo. Se è vero che una dieta insufficiente può portare a deficit di vario tipo (proteine, calcio, ferro, vitamine ed altri nutrienti essenziali alla crescita), di contro, un introito calorico eccessivo determina, dapprima un sovrappeso del bambino e poi, nella maggioranza dei casi, una manifesta obesità. I genitori dovrebbero essere i primi ad accorgersi dell eccessivo aumento di peso del bambino e mettere al corrente il pediatra, la persona più indicata in questi casi. Spesso però il forte appetito, che a volte si traduce in una vera e propria voracità, viene interpretato come un segnale di benessere e si tende ad incentivarlo più che a limitarlo, con l illusione che gli evidenti chili di troppo possano scomparire con lo sviluppo. Il bambino cicciottello, poi, ispira più simpatia di uno magro, che anzi, tende a preoccupare il genitore. Oltre a mangiare troppo, però, il bambino mangia in maniera sregolata, spesso e male. Le tentazioni sono davvero tante, il frigorifero di casa è sempre stracolmo di merendine e snack, i distributori automatici delle scuole invitano a spuntini fuori pasto, costituiti da prodotti industriali ricchi di calorie e grassi nascosti. Le bevande gassate, infine, eccessivamente zuccherine, risultano essere un piacere insostituibile, da preferire all acqua, specie d estate, dopo una sudata, o in occasione delle feste con gli amichetti. Oltre all alimentazione scorretta e squilibrata, non dobbiamo sottovalutare, come fattore di rischio, la ridotta attività fisica o la sedentarietà, frutto di uno stile di vita sbagliato, ma sempre di più frequente riscontro. I piccoli, infatti, sono spesso accompagnati in macchina dai genitori, anche se la scuola o la palestra distano pochi metri da casa, prendono l ascensore anche per un solo piano, passano ore ed ore davanti al computer e alla televisione (con gli esempi negativi che accentuano le cattive abitudini alimentari), escono sempre meno e così via. L esercizio fisico è di fondamentale importanza per il bambino che cresce, in quanto, oltre a farlo dimagrire, lo rende più attivo e più ricettivo.. E sufficiente praticare un attività fisica leggera, senza affaticare troppo l organismo, come una pedalata in bici o una passeggiata, che sottopongono i muscoli ad uno sforzo moderato ma costante e attingono carburante soprattutto dal serbatoio dei grassi; così dimagrire diventa più facile. Campagne informative di larga portata sono ritenute necessarie per aumentare la consapevolezza del problema in tutti i settori della società, in misura maggiore in quei settori della società che si occupano della crescita fisica e psicologica del bambino quali scuola, famiglia. Fabio Daniele Presidente provinciale FISM 6

7 MANGIANDO SI IMPARA : piccolo vademecum di educazione nutrizionale per genitori e figli. L Obesità rappresenta una condizione patologica caratterizzata da eccesso di peso determinato dall accumulo di grasso corporeo. Sempre più di frequente si sente oggi parlare di obesità e sovrappeso sui giornali, in televisione, su internet. Ma cosa significa essere obeso? Essere obeso significa possedere un peso corporeo che superi del 20% quello definito ideale per età, altezza e sesso, ma soprattutto significa essere persone ad elevato rischio per la comparsa di malattie croniche altamente invalidanti. Questa condizione, difatti, peggiora drasticamente la qualità di vita e ne riduce significativamente la durata. Ciò è noto da molto tempo per quanto riguarda l adulto obeso, ma cosa accade nel bambino? Anche nei bambini l obesità determina molteplici danni, a volte irreversibili. L obesità infantile rappresenta un problema piuttosto grave per il sempre maggiore numero di bambini in eccesso di peso e per gli effetti negativi che questo provoca, come accennato, già in tenera età. Mediamente su 10 soggetti della scuola dell obbligo 2 risultano in sovrappeso e 2 risultano francamente obesi: ciò significa che nella classe dei vostri piccoli, che presupponiamo essere composta da 20 bambini, 4 sono obesi e 4 in sovrappeso! 7

8 Ma quali sono le cause che portano all eccesso di peso, quali sono i motivi per cui ingrassiamo? In genere si mettono su chili di troppo per la compartecipazione di più ragioni quali quelle genetiche, psicosociali, ambientali. Sono solo una piccolissima parte i casi di obesità definita secondaria, cioè quelle forme in cui l eccesso di peso è determinato (secondario appunto) da una patologia endocrina, metabolica, psichiatrica, genetica o da particolari terapie farmacologiche. La stragrande maggioranza delle forme di obesità, circa il 98%, sono definite primitive o essenziali. In sintesi, possiamo affermare che si prende peso perché si MANGIA MALE E TROPPO E CI SI MUOVE TROPPO POCO. 8

9 L organismo umano può essere immaginato come un grosso laboratorio chimico in cui avvengono una miriade di reazioni. Molte di queste reazioni necessitano di energia per realizzarsi e molta di questa energia viene introdotta con gli alimenti. Ogni alimento ha, dunque, una sua quota energetica ed è proprio per tali motivazioni che utilizziamo le kilo calorie, unità di misura del calore che altro non è che una forma di energia, nella valutazione nutrizionale. In condizioni ottimali, si instaura un equilibrio tra l energia che introduciamo e quella che spendiamo per vivere; se tale equilibrio si rompe a favore dell energia in entrata (alimenti), il nostro organismo conserva l eccesso calorico proprio nel tessuto adiposo, riserva energetica del corpo umano e più energia introduciamo in eccesso più il nostro grasso tende a crescere... più tendiamo a divenire obesi!!! 9

10 Quindi, per prendere peso non è necessario mangiare tanto ma mangiare quel tanto in più rispetto al nostro consumo. E non si tratta di un questione di natura prettamente estetica, ma di una vera e propria forma di malnutrizione. Sfortunatamente risulta ancora troppo diffuso nella credenza popolare, in particolare nella nostra area geografica, il detto secondo cui Grasso è sinonimo di buona salute. Nel passato non tanto remoto, un bambino grasso era considerato un bimbo sano, uno che con ogni probabilità sarebbe sopravvissuto ai rigori della denutrizione e delle infezioni. Nell ultimo decennio, tuttavia, l eccesso di peso è divenuto il principale problema sanitario infantile dei paesi sviluppati e non, tanto che l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), agenzia delle Nazioni Unite dedicata alla Sanità, ha posto la prevenzione dell obesità infantile tra le sei priorità per migliorare la salute del bambino. E frequente trovare nella pratica medica ambulatoriale, mamme eccessivamente preoccupate per il peso dei propri piccoli. Frasi come E più piccolo degli altri. Non cresce, perché è così magro? rappresentano la quotidianità; diventa necessario e basilare spiegare che l eccesso di peso deve preoccupare quanto, se non di più, del suo difetto. E indispensabile, per combattere l epidemia globale dell obesità infantile, educare i nostri figli precocemente ad una corretta alimentazione educare i nostri figli alla SALUTE. 10

11 Quali sono, allora, le conseguenze cui va incontro un bambino obeso? Molteplici, alcune di queste già evidenti in età pediatrica, mentre altre piantano le loro radici silenziosamente nel periodo infantile per mostrare drasticamente e irrimediabilmente i loro segni in epoca adulta. Ogni apparato è coinvolto negli effetti deleteri dell eccesso di grasso, come è possibile desumere dalla tabella di seguito riportata. Apparato Cardiovascolare Conseguenze Ipertensione arteriosa Aterosclerosi - Scompenso cardiaco Insufficienza venosa arti inferiori Apparato respiratorio Asma bronchiale - Insufficienza respiratoria - Sindrome di Pickwick - Sindrome delle apnee notturne Apparato gastroenterico Steatosi epatica Calcoli biliari Pancreatite - Reflusso gastroesofageo Tumore del colon Apparato locomotore Tibia vara - Ginocchio valgo Osteoartrosi - Sublussazione anca Sistema endocrino e metabolismo Dislipidemia - Sindrome metabolica e iperinsulinismo - Diabete mellito Iperuricemia - Nefrolitiasi Apparato genitourinario Amenorrea - Pubertà precoce Ipogonadismo Impotenza - Sindrome dell ovaio policistico Sistema immunitario Minore produzione anticorpale Sistema psichico Depressione - Scarsa autostima Ansia - Insuccesso scolastico - Tic nervosi 11

12 CONSEGUENZE MEDICHE DELL OBESITA INFANTILE Crescita I bambini con eccesso di peso tendono ad avere una crescita ossea anticipata (età ossea più avanzata). Hanno, in genere, un anticipo puberale cioè: le femminucce presentano in età più precoce l inizio del ciclo mestruale (menarca), i maschietti sviluppano anticipatamente i caratteri sessuali secondari. Disturbi cardiovascolari e metabolici Già in bambini ed adolescenti obesi ricorre l aumento dei lipidi (grassi) nel sangue. In particolare, tendono ad osservarsi elevati livelli di colesterolo definito cattivo (LDL) e di trigliceridi, mentre si riscontrano bassi livelli di colesterolo buono (HDL). Questi elementi sono alla base della insorgenza precoce di accumuli di grasso in corrispondenza delle pareti di grosse e medie arterie, lesioni iniziali del processo aterosclerotico. L aterosclerosi induce la perdità di elasticità delle arterie e la loro progressiva occlusione, riducendo l apporto di sangue ad organi come il cuore ed il cervello, tanto da creare eventi avversi come l infarto cardiaco e l ictus cerebrale, principali cause di morte e disabilità nel nostro paese Anche l ipertensione arteriosa, seppur non particolarmente presente in età pediatrica, risulta circa nove volte più frequente nei bambini obesi rispetto ai normopeso della stessa età. 12

13 Inoltre, intolleranza al glucosio e diabete sono due conseguenze da attendersi, come per l adulto anche nel bambino obeso. Difatti, il diabete dell adulto (diabete mellito tipo II), un tempo virtualmente assente in epoca pediatrica, oggi rappresenta un evento molto meno raro. Circa 1/3 dei casi di diabete di nuova diagnosi in questa età, è proprio rappresentato dal diabete mellito tipo II. L insorgenza di questa condizione patologica già in tenera età, rappresenta una vera minaccia considerando le gravi complicanze a cui questa patologia espone (malattie cardiache, ictus cerebrale, disfunzioni renali, cecità). Ancora, la sindrome dell insulino-resistenza, condizione che raggruppa i principali fattori di rischio cardiovascolare, è stata già riscontrata in piccoli pazienti obesi a partire dall età di 5 anni. Disturbi gastroenterici Nei bimbi obesi è spesso possibile ritrovare un aumento degli enzimi epatici (transaminasi) nel sangue, segno di sofferenza del fegato. Tale fattore sarebbe determinato dalla presenza di epatosteatosi, il ben più noto fegato grasso, o di epatite grassa, condizione più rara. Il calo ponderale determina il rientro dei valori anomali in condizioni di normalità, ed è pertanto auspicabile. L eccesso di peso predispone, in più, alla insorgenza di calcoli della colecisti (colelitiasi) e del reflusso gastro esofageo, vale a dire il passaggio involontario di contenuto gastrico nell esofago (causa di bruciori di stomaco, iperacidità, tosse cronica, eccessiva salivazione ecc..). E stata inoltre descritta una maggiore incidenza di adenocarcinoma del colon in soggetti adulti obesi. Complicanze respiratorie L apnea notturna è una condizione di ordinario riscontro nei piccoli pazienti con eccesso di peso, spesso in associazione a roncopatia (cioè il bambino russa durante il sonno). Tra le complicanze dell apnea notturna vengono annoverati deficit neurocognitivi, per ridotto apporto di ossigeno al cervello, disturbi dell attenzione, sonnolenza durante le ore diurne. Altra complicanza osservabile in piccoli pazienti obesi è l asma bronchiale e l intolleranza all esercizio fisico. Alcuni bambini obesi possono presentare un deficit anticorpale che predispone alla comparsa di ripetute infezioni, soprattutto a carico delle alte e basse vie aeree. 13

14 Complicanze Ortopediche La capacità elastica dell osso e della cartilagine nell infanzia risente molto delle anomale sollecitazioni indotte dall eccesso di peso: sull osso in via di accrescimento viene a gravare una forza anomala, quella del peso eccessivo. È allora possibile ritrovare nei bambini obesi incurvamento della tibia e del femore, ginocchio valgo, sublussazione dell anca e osteoartrosi precoce (soprattutto a carico del ginocchio). Tutti questi elementi possono influenzare la statica e la dinamica della colonna vertebrale, determinando scoliosi e iperlordosi. Qualità di vita Nei bambini obesi risulta significativamente compromessa la qualità di vita. Gli effetti psicosociali, indotti sui piccoli pazienti dall eccesso di grasso, sono certamente le conseguenze più diffuse e note dell obesità pediatrica. I bambini obesi diventano il bersaglio di discriminazioni premature e sistematiche che inducono scarsa autostima e disagio psichico sia soggettivo che oggettivo. Figura 1: Da A tavola! Comune di Milano, SC Pediatria ospedale Fatebenefratelli, Milano ristorazione 14

15 In sintesi, l'obesità è una condizione in grado di indurre un aumento significativo di rischio per la salute e vi è una probabilità compresa fra il 30% e il 60% che un bambino in sovrappeso mantenga l eccesso di peso anche in età adulta. 15

16 OBESITA.NON SOLO CHILI DI TROPPO!!! E importante insegnare ai bambini ad avere una alimentazione sana ed equilibrata. Il sovrappeso e l obesità sono legate non solo ad abitudini alimentari scorrette, ma anche a scarso movimento ed attività fisica. E fondamentale aiutare il bambino a modificare il proprio stile di vita e questo deve avvenire con lo stimolo al movimento e una corretta alimentazione. MODIFICARE LO STILE DI VITA... Il cambiamento dello stile di vita in età pediatrica funziona solo se viene coinvolta tutta la famiglia il ruolo dei genitori è fondamentale a tal fine! E importante insegnare loro a mangiare correttamente sin dai primi anni di vita, perché è più semplice indirizzarli nella scelta di alimenti sani scelta che poi li accompagnerà nella vita adulta e li aiuterà a prevenire patologie legate ad una cattiva alimentazione. Se tutta la famiglia decide di modificare le proprie abitudini alimentari scorrette, il bambino riceverà sicuramente stimoli positivi per sperimentare percorsi nuovi. 16

17 EDUCAZIONE ALIMENTARE L educazione alimentare rappresenta uno dei tanti interventi che si possono mettere in atto per la prevenzione dell obesità infantile; insegna a nutrirci bene e quindi a scegliere i cibi più adatti alle nostre esigenze e allo stile di vita che conduciamo, ma soprattutto insegna a non commettere errori che possono mettere a repentaglio la buona salute. L educazione alimentare coinvolge numerose persone (famiglia, insegnanti, pediatri, dietisti, ecc. ); ognuno di noi deve diventare consapevole che la scelta quotidiana dei cibi si ripercuote sulla nostra salute e che alimentarsi in modo corretto migliora sicuramente la qualità della vita. 17

18 LA PIRAMIDE ALIMENTARE La piramide alimentare è il simbolo della sana e corretta alimentazione.. Alla base troviamo gli alimenti che si possono consumare liberamente, infatti occupano una posizione preponderante frutta, verdura e legumi, mentre al vertice troviamo i prodotti che devono essere assunti in quantità controllata (olio, burro, dolci, ecc ) 18

19 STIMOLO AL MOVIMENTO Accanto alla corretta alimentazione, per garantire il raggiungimento ed il mantenimento di un buono stato di salute, sono importanti lo svolgimento di un attività fisica regolare e la riduzione della sedentarietà. L attività fisica deve essere svolta con regolarità almeno tre volte a settimana. E preferibile scegliere uno sport che piace ai vostri bambini soprattutto se sono coinvolti anche altri amichetti E fondamentale stimolare i propri figli al movimento: salire e scendere le scale anziché usare l ascensore, andare a scuola a piedi, giocare a pallone con gli amichetti o andare in bicicletta insomma qualsiasi attività che comporti movimento aumentando così il dispendio energetico ed il tono muscolare!!! E altrettanto importante evitare che i bambini passino ore davanti alla tv, al computer, o a giocare con la play station, anche perché aumenterebbe la noia e di conseguenza maggior cibo da sgranocchiare. 19

20 Media delle calorie consumate per ora di attività fisica Sport Consumo Kcal/h Ballo 350 Calcio 400 Corsa a piedi Equitazione 300 Nuoto (400m/h) 20

21 600 Pallacanestro Pallavolo 350 Pattinaggio Sci Tennis

22 ERRORI PIU COMUNI NEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE DEI BAMBINI Eccessivo apporto calorico rispetto alla spesa energetica totale quotidiana colazione assente o inadeguata consumo scarso o nullo di verdure e frutta eccessivo consumo di salumi, cioccolato, patatine fritte, dolci confezionati, bevande gassate e zuccherate, ecc abitudine di consumare i pasti davanti alla tv introito eccessivo di proteine di origine animale, grassi e sodio stile di vita sedentario frequentazione eccessiva di fast food errata distribuzione dell apporto calorico durante la giornata pasti nutrizionalmente non adeguati 22

23 QUALI REGOLE PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO? Fare sempre la prima colazione è importante perché fornisce al nostro organismo l energia necessaria per affrontare la giornata. Non saltare lo spuntino a metà mattina e la merenda a metà pomeriggio: sono fondamentali per non arrivare affamati ai pasti principali. Mantenere un peso adeguato e ridurre la sedentarietà, così da aumentare il dispendio energetico e evitare accumuli di grasso. 23

24 Seguire una dieta varia ed equilibrata, alternando le fonti proteiche animali con quelle vegetali, e quindi aumentare il consumo dei legumi, ricchi di fibre: un maggiore consumo di fibre è stato correlato ad una minore incidenza di alcune patologie. Ripartire con equilibrio le calorie durante la giornata: colazione 15% spuntino 5% pranzo 40% merenda 10% cena 30% E fondamentale assicurare l apporto giornaliero di tutti i nutrienti. Consumare regolarmente frutta e verdura, alimenti importanti perché apportano vitamine, fibre e sali minerali 24

25 Limitare il consumo di salumi, noccioline, dolciumi e bevande zuccherate, che non saziano e non dissetano, ma apportano solo una quantità eccessiva di grassi e zuccheri. Bere sempre molta acqua naturale oltre ad essere essenziale per il nostro organismo, assicura una adeguata funzionalità intestinale. Grassi: scegliere sempre la qualità (olio extra vergine di oliva) e limitare la quantità Non tutti i grassi hanno lo stesso tipo di utilizzazione metabolica, infatti si sottolinea sempre più spesso come alcune categorie di sostanze grasse (grassi animali) siano correlate a malattie cardiovascolari Un cucchiaio di olio di oliva al giorno è sufficiente a soddisfare le esigenze del nostro organismo di acidi grassi essenziali. 25

26 26 Per la preparazione degli alimenti preferire la cottura al vapore, al forno, alla piastra evitando le fritture.. limitando il consumo di sale.

27 EQUIVALENZE ALIMENTARI Pasta ( 80g pasta, 5g olio, 50g pomodoro, 5g parmigiano ) Kcal Pane Kcal 276 ALIMENTO (60g Rosetta, 3 fette di salame tipo Milano ) EQUIVALENTE A un pacchetto di crackers 1/3 di piatto di pasta oppure mezzo panino un trancio di pizza pomodoro e mozzarella un piatto di pasta 27

28 una porzione di patatine fritte un piatto di pasta oppure un panino e mezzo una pizza margherita due piatti e mezzo di pasta oppure tre panini una busta di patatine un piatto di pasta ( 75g ) oppure un panino e mezzo 28

29 due wurstel piccoli mezzo panino un Big Burger un piatto e mezzo di pasta oppure due panini un Cheese Burger un piatto di pasta oppure un panino e mezzo un Hot Dog un piatto di pasta 29

30 tre cucchiaini di maionese mezzo piatto di pasta oppure mezzo panino una busta di Pop Corn ( 100g ) un piatto di pasta una confezione di arachidi ( 50g ) un piatto di pasta cinque biscotti mezzo piatto di pasta oppure mezzo panino 30

31 cinque wafers 3/4 di piatto di pasta oppure 3/4 di panino un cornetto con marmellata un panino un dolce con crema un piatto di pasta oppure un panino e mezzo una fetta di pan di spagna ( 100g ) un piatto di pasta 31

32 una barretta di cioccolato mezzo panino quattro cioccolatini 3/4 di piatto di pasta un gelato un panino una merendina ( 40g ) mezzo panino 32

33 due cucchiaini di nutella mezzo panino un ovetto Kinder 1/3 di piatto di pasta un succo di frutta 1/3 di piatto di ( 200 ml ) pasta 33

34 una lattina di Coca Cola 1/3 di piatto di pasta oppure mezzo panino una lattina di aranciata 1/3 di piatto di pasta oppure mezzo panino 34

35 DOMANDE, DUBBI E FALSI MITI Di quanti chili è in sovrappeso? Questa è la domanda che le mamme molto frequentemente pongono in seguito all affermazione del medico : Suo figlio è in eccesso di peso. In verità, questo quesito non ha una risposta univoca, semplicemente perché il peso ideale di un individuo, in particolare dei bambini che sono sistemi in accrescimento, è notevolmente influenzato da parametri quali sesso, età e altezza. Per l adulto abbiamo a nostra disposizione l Indice di Massa Corporea (IMC o Body Mass Index: BMI), espresso dal seguente rapporto: IMC= Peso (in Kg)/ Altezza (in Metri) Per esempio, un individuo di 70 Kg alto 1.80 metri, possiede un indice di massa corporea pari a: 70/1.80 = 70/3.24 = Un adulto è definito obeso quando possiede un Indice di Massa Corporea superiore a 30. Vengono qui di seguito riportati i valori di IMC corrispondenti agli stati di sottopeso, normopeso, sovrappeso e obesità per l adulto. Classificazione IMC (kg/m 2) Sottopeso < 18.9 Normopeso Sovrappeso Obesità I grado Obesità II grado 35, Obesità III grado >40 35

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Sovrappeso: se l eccesso di peso è inferiore al 20% (del peso ideale). Obesità: se superiore al 20%

Sovrappeso: se l eccesso di peso è inferiore al 20% (del peso ideale). Obesità: se superiore al 20% Sovrappeso: se l eccesso di peso è inferiore al 20% (del peso ideale). Obesità: se superiore al 20% Eccesso di peso nell infanzia 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 1960 1988 1993 2002 2007 2015 okkio alla

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Epidemiologia dell obesità

Epidemiologia dell obesità Epidemiologia dell obesità Obesità Paradossalmente,visto il grado di malnutrizione esistente sul pianeta, l obesità costituisce oggi uno dei problemi di salute pubblica più visibile e tuttavia ancora

Dettagli

Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco

Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco ANNO SCOLASTICO 2014/15 La LILT - Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sezione Provinciale di Lecco, realizza da diversi

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L OBESITA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE

EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE EDUCAZIONE ALLA NUTRIZIONE Dott.ssa Luce Ghigo Medico Chirurgo Convenzionato S.S.N. Medicina di Gruppo - Medico di R.S.A. Piani Alimentari e Terapia del Sovrappeso 1 Se è vero che le esigenze nutrizionali

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

Dall analisi emerge altresì che le cause sono quasi sempre attribuibili a comportamenti alimentari sbagliati.

Dall analisi emerge altresì che le cause sono quasi sempre attribuibili a comportamenti alimentari sbagliati. Stand Up! è un progetto nazionale promosso dal Centro Sportivo Italiano presso le sedi di 20 comitati in Italia, tra cui quello di Prato, che ha tra le prime finalità quella di promuovere sani e responsabili

Dettagli

Educazione alimentare

Educazione alimentare Università degli Studi di Torino Azienda Ospedaliera San Luigi di Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Dietetica e Nutrizione Clinica Educazione alimentare Classificazione: entità Indice di massa

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo

ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA. Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo ENDOCRINOPATIE E ATTIVITA FISICA: OBESITA Pavarin Camilla - Dietista S.C. Dietetica e Nutrizione Clinica A.O. Santa Croce e Carle - Cuneo La situazione nutrizionale e le abitudini alimentari hanno un impatto

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE?

PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? http://digilander.libero.it/riminisportmedicina riminisportmedicina@libero.it MEDICINA dello SPORT e PROMOZIONE dell ATTIVITA FISICA PROGETTO PIEDIBUS : PUO FUNZIONARE? dr. Eugenio Albini Tutte le più

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti

Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Ipertensione arteriosa: le modifiche dei comportamenti Nei paesi industrializzati e quindi anche in Italia l ipertensione è una questione rilevante di salute pubblica. Molti casi di ipertensione sono legati

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

L obesità infantile Il rischio obesità Le patologie connesse Le complicanze in età adulta

L obesità infantile Il rischio obesità Le patologie connesse Le complicanze in età adulta L obesità infantile Il numero di bambini europei in sovrappeso o addirittura obesi è in continuo aumento. Per quanto riguarda l Italia, una recente indagine condotta nelle scuole elementari dal Ministero

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI:

DEL CUORE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: 2016 LE 12 REGOLE DEL CUORE CONSIGLI NUTRIZIONALI PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI A CURA DI: DOTT.SSA FRANCESCA DE BLASIO BIOLOGA NUTRIZIONISTA DOTTORATO DI RICERCA IN SANITÀ PUBBLICA

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

Sovrappeso e obesità in età pediatrica

Sovrappeso e obesità in età pediatrica Sovrappeso e obesità in età pediatrica Caso clinico Gloria è una bambina di 10 anni e mezzo, apparentemente robusta che frequenta la V elementare. Non pratica attività sportiva extra scolastica, dopo che

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica

Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Alimentazione per l esercizio fisico e lo sport: la ginnastica artistica/ritmica Mercoledì 30 novembre 2011 Bolzano Via Cesare Battisti, 27 Il cibo influenza: La salute La composizione corporea La velocità

Dettagli

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche

infosalute Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Politiche Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Alimentazione e stato nutrizionale in Trentino Alimentazione e stato nutrizionale

Dettagli

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria

ASL - Benevento. Okkio alla salute. Un indagine tra i bambini della scuola primaria ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 96 Servizio Epidemiologico e Prevenzione - Tel. 0824.308286-9 Fax 0824.308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Okkio alla salute Un indagine tra i bambini della

Dettagli

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9 Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 10 ASL LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI Il problema dell obesità e del sovrappeso nei bambini ha acquisito negli ultimi anni un importanza crescente, sia per

Dettagli

Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie

Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie Indagine Nazionale sulle (s)corrette abitudini alimentari dei bambini e delle loro famiglie Aprile 2014 Questa presentazione è stata redatta da Medi-Pragma METODOLOGIA I dati riportati di seguito si riferiscono

Dettagli

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne 2011/2012 Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Considerazioni sui risultati del sondaggio Abitudini alimentari e convivialità (campione di 662 studenti tra 14 e 19 anni)

Dettagli

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione

Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione Comune di Pieve Emanuele Assessorato Pubblica Istruzione In collaborazione con il 2 Circolo Didattico Anno scolastico 2008 \ 2009 A cura del Prof. Piero Verdecchia Relazione IMC e Sport praticati. Anno

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI?

PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? PENSI DI AVERE PROBLEMI DI SOVRAPPESO? SONO FASTIDIOSI I CHILI IN PIU? HAI GIA FATTO DIETE? SEGUENDO UNA DIETA HAI AVUTO DIFFICOLTA AD OTTENERE RISULTATI? Se hai risposto con almeno tre SI è il momento

Dettagli

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti,

Per aiutare i figli a crescere bene, A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, Per aiutare i figli a crescere bene, i genitori devono guardare lontano. A volte lontanissimo. E' nella seconda parte della vita, infatti, che la salute può presentare il conto. I bambini hanno bisogno

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

FALSI MITI E FALSE DIETE: CONSIGLI PRATICI PER DIMAGRIRE IN SALUTE. http://www.dietagratis.com

FALSI MITI E FALSE DIETE: CONSIGLI PRATICI PER DIMAGRIRE IN SALUTE. http://www.dietagratis.com FALSI MITI E FALSE DIETE: CONSIGLI PRATICI PER DIMAGRIRE IN SALUTE 1. Introduzione 2. Test: scopri se sei in sovrappeso 3. Peso corporeo e metabolismo: come funzionano 4. I falsi miti da sfatare 5. Le

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

Linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute

Linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute Linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute Dott. ssa Ida Poni Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero della

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata

1. Effetti benefici di una alimentazione equilibrata Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 1. Effetti benefici di una

Dettagli

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista MIUR 14/10/2011 Linee guida per l Educazione Alimentare

Dettagli

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO

L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO L OBESITA DEL BAMBINO E DEL FUTURO ADULTO Luca Chiovato, Agnese Mottadelli U.O. di Medicina Interna e Endocrinologia, I.R.C.C.S. Fondazione S. Maugeri Cattedra di Endocrinologia Università di Pavia Sono

Dettagli

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università di Bologna Facoltà di Psicologia In collaborazione con: Università LUMSA

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

come modificare i comportamenti dei genitori e dei bambini nella prevenzione dell'obesità infantile

come modificare i comportamenti dei genitori e dei bambini nella prevenzione dell'obesità infantile come modificare i comportamenti dei genitori e dei bambini nella prevenzione dell'obesità infantile Maria grazia Catellani Pediatra di famiglia a Modena 1 Come cresce bene.: da così 2 a così?. 3 4 5 L

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA

ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA ALIMENTAZIONE SANA IN ETA EVOLUTIVA PER UN CUORE SANO IN ETA ADULTA PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON SANA FA MALE AL CUORE?... perchè espone al sovrappeso e alle sue complicanze PERCHE UN ALIMENTAZIONE NON

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute.

Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica. GALVANI-IODI DI RE DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA Attività sportiva e salute. Saggio breve IV D a.s. 2011/12 Salute,benessere e attività fisica Il benessere fisico ci consente di vivere una vita sana,serena e spesso felice. Oggi il progresso tecnologico ha reso l uomo sempre più

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli