Via Crotone,57 tel Catanzaro PROCESSO FORMATIVO ALUNNO CAPACITA. OBIETTIVI di APPRENDIMENTO OBIETTIVI FORMATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via Crotone,57 tel. 0961-31056 32470 88063 Catanzaro PROCESSO FORMATIVO ALUNNO CAPACITA. OBIETTIVI di APPRENDIMENTO OBIETTIVI FORMATIVI"

Transcript

1 Via Crotone,57 tel Catanzaro PROCESSO FORMATIVO ALUNNO CAPACITA OBIETTIVI di APPRENDIMENTO CONOSCENZE ABILITA OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSI DIDATTICI e TEMATICI (Traguardi) COMPETENZE Anno Scolastico PROGETTAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA DEL CURRICOLO IN ALLEGATO AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

2 INDICE PREMESSA CURRICOLO SINTETICO ANNUALE PER TUTTE LE DISCIPLINE Pag. 2 FINALITA OBIETTIVI GENERALI 3 AREA LINGUISTICO ARTISTICO - ESPRESSIVA 4 ITALIANO 4 ITALIANO Classi Prime 4 ITALIANO Classi Seconde 7 ITALIANO Classi Terze 10 PRIMA LINGUA COMUNITARIA: INGLESE 13 INGLESE Classi Prime 13 INGLESE Classi Seconde 16 INGLESE Classi Terze 18 SECONDA LINGUA COMUNITARIA: FRANCESE 22 FRANCESE Classi Prime 22 FRANCESE Classi Seconde 25 FRANCESE Classi Terze 27 ARTE E IMMAGINE 30 ARTE E IMMAGINE Classi Prime 30 ARTE E IMMAGINE Classi Seconde 33 ARTE E IMMAGINE Classi Terze 35 CORPO MOVIMENTO SPORT 38 CORPO MOVIMENTO SPORT Classi Prime 38 CORPO MOVIMENTO SPORT Classi Seconde 41 CORPO MOVIMENTO SPORT Classi Terze 44 MUSICA 48 MUSICA Classi Prime 49 MUSICA Classi Seconde 49 MUSICA Classi Terze 52 AREA STORICO-GEOGRAFICA 55 STORIA 55 STORIA Classi Prime 56 STORIA Classi Seconde 57 STORIA Classi Terze 59 GEOGRAFIA 61 GEOGRAFIA Classi Prime 61 GEOGRAFIA Classi Seconde 63 GEOGRAFIA Classi Terze 65 AREA MATEMATICO SCIENTIFICO - TECNOLOGICA 67 MATEMATICA 68 MATEMATICA Classi Prime 69 MATEMATICA Classi Seconde 72 MATEMATICA Classi Terze 74 SCIENZE 77 SCIENZE Classi Prime 78 SCIENZE Classi Seconde 80 SCIENZE Classi Terze 82 TECNOLOGIA 85 TECNOLOGIA Classi Prime 85 TECNOLOGIA Classi Seconde 88 TECNOLOGIA Classi Terze 90 RELIGIONE Classi: Prime, Seconde, Terze 92 EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE 95 1

3 CURRICOLO SINTETICO ANNUALE PERTUTTE LE DISCIPLINE L attività didattica disciplinare risponde a motivazioni generali e specifiche: VALORIZZAZIONE delle materie (area linguistica e scientifica) delle quali la Scuola Media si assume il compito di affrontare in modo intenzionale e sistematico lo statuto disciplinare, anche ai fini della prosecuzione degli studi degli alunni. VALORIZZAZIONE dell area educativa (educazione artistica, fisica, musicale e tecnica) attraverso l iniziazione globale ma non generica ai linguaggi specifici, per consentire ai giovani di affacciarsi al patrimonio espressivo dell umanità di cui potranno in seguito divenire consapevolmente partecipi. Abbiamo scelto di non rafforzare a scuola il carattere frammentario delle informazioni e degli stimoli cui sono normalmente esposti i nostri ragazzi: la Scuola punta sul metodo, sulla riflessione, sulla consapevolezza. Per sviluppare argomenti di particolare rilevanza educativa, in modo articolato ma unitario, sono stati elaborati progetti, anche complessi, con carattere di spiccata interdisciplinarità, che coinvolgono più classi, più docenti di varie discipline, diversi esperti. Nell ambito dell autonomia organizzativa e didattica dell Istituto e della legislazione innovativa in materia d istruzione e di formazione integrata, oltre all utilizzazione della quota nazionale del curricolo, è prevista la gestione autonoma di una quota di flessibilità per lo svolgimento di percorsi formativi individualizzati e per il raggiungimento di specifici obiettivi in base alle risorse formative del territorio. A riguardo per il raggiungimento degli obiettivi specifici di apprendimento previsti dal CURRICOLO OBBLIGATORIO, dalle ATTIVITA OPZIONALI E FACOLTATIVE e per il raggiungimento delle finalità previste nell area della progettazione specifica, sono previste iniziative didattiche di LABORATORIO, VISITE GUIDATE E VIAGGI D ISTRUZIONE nel territorio regionale e extraregionale. Accanto all area della PROGETTAZIONE SPECIFICA, è riservata l area del potenziamento e del recupero delle conoscenze e delle competenze di base in modo da offrire a tutti gli alunni gli strumenti disciplinari fondamentali e porli nelle condizioni di interpretare e conoscere i fenomeni sociali, naturali, culturali e artificiali. 2

4 FINALITA La Scuola Secondaria di primo grado, attraverso le varie discipline, è finalizzata alla crescita delle capacità autonome di studio e di interazione sociale; organizza ed accresce le conoscenze e le abilità anche attraverso l alfabetizzazione e l approfondimento delle tecnologie informatiche ed in relazione alla tradizione culturale e all evoluzione della realtà contemporanea; introduce lo studio di una seconda lingua dell Unione Europea; sviluppa progressivamente le competenze e le capacità di scelta degli allievi,aiutando gli stessi ad orientarsi per la successiva scelta di istruzione e formazione. OBIETTIVI GENERALI 1) Promuove l educazione integrale della persona, in quanto si preoccupa di adoperare il sapere (le conoscenze) ed il fare (abilità) per sviluppare armoniosamente la personalità degli allievi, in tutte le direzioni (Etiche, Religiose, Sociali, Intellettuali, Affettive, Operative, Creative, ecc..) e per consentire loro di agire in maniera matura e responsabile. 2) Aiuta lo studente ad acquisire una immagine sempre più chiara ed approfondita della realtà sociale, a riconoscere le attività tecniche con cui l uomo provvede alla propria sopravvivenza e trasforma le proprie condizioni di vita. Lo studente è sollecitato a trasformare conoscenze ed abilità in competenze personali ai fini dell integrazione civica delle nuove generazioni. 3) Mira all orientamento di ciascuno, favorisce l iniziativa del soggetto per il suo sviluppo, fisico, psichico ed intellettuale, lo mette nelle condizioni di definire e conquistare la propria identità di fronte agli altri e di rivendicare un proprio ruolo nella società sociale, culturale e professionale. AREA LINGUISTICO-ARTISTICO-ESPRESSIVA L apprendimento delle lingue e dei linguaggi non verbali,in base alle nuove Indicazioni per il curricolo si realizza con il concorso di più discipline: lingua italiana; lingue comunitarie; musica; arte-immagine; corpo movimento-sport. Tutte queste discipline, pur mantenendo un ambito di apprendimento proprio, concorrono a definire un area sovradisciplinare, in cui esse ritrovano una comune matrice antropologica nell esigenza comunicativa dell uomo e nell applicazione di facoltà uniche e peculiari del pensiero umano. L alunno sarà guidato alla scoperta delle potenzialità comunicative ed espressive che le discipline offrono e all apprendimento sempre più autonomo delle forme utili a rappresentare la sua personalità e il mondo che lo circonda. 3

5 ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO a b c d e f L alunno è capace di interagire in modo efficace in diversi situazioni comunicative,sostenendo le proprie idee con testi orali e scritti, che siano sempre rispettosi delle idee degli altri. Usa in modo efficace la comunicazione orale e scritta per collaborare con gli altri, nell elaborazione di progetti, nella valutazione dell efficacia di diverse soluzioni di un problema. Nelle attività di studio personali e collaborative, usa i manuali delle discipline o altri testi,al fine di ricercare, raccogliere e rielaborare i dati e le informazioni anche con l aiuto degli strumenti informatici. Legge con interesse testi letterari di vario tipo e comincia a manifestare gusti personali. Produce con l aiuto dei docenti semplici ipertesti, utilizzando in modo efficace l accostamento dei linguaggi verbali con quelli iconici e sonori. Varia i registri in base alla situazione comunicativa e agli interlocutori. PIANI DI STUDI PERSONALIZZATI - PER TRE FASCE DI LIVELLO - ITALIANO - CLASSI PRIME UNITA DI APPRENDIMENTO 1 a Unità di Apprendimento Conosco me stesso Tempo di realizzazione 1 bimestre Ottobre Novembre. 2 a Unità di Apprendimento Realtà e fantasia Tempo di realizzazione 2 bimestre Dicembre Gennaio 3 a Unità di Apprendimento Io e gli altri Tempo di realizzazione 3 bimestre Febbraio Marzo. 4 a Unità di Apprendimento Io e l ambiente circostante Tempo di realizzazione 4 bimestre Aprile Maggio. 4

6 L Unità di Apprendimento si sviluppa attraverso l individuazione di Competenze, Obiettivi di Apprendimento e Obiettivi Formativi: COMPETENZE Obiettivi di apprendimento Obiettivi Formativi (O.F.) Strategie dell ascolto Fascia A): Gestire processi di con- finalizzato e dell ascolto attivo di trollo durante l ascolto, ponendo do- testi orali. mande ed approfondimenti; Tratti fondamentali che distinguono il Fascia B): Pianificare comunicazioni di parlato e lo scritto. contenuto più complesso; Registri linguistici del parlato narrativo, Fascia C): Pianificare comunicazioni di descrittivo, dialogico contenuto semplice. - Identificare attraverso l ascolto attivo e finalizzato vari tipi di testo ed il loro scopo. Ricostruire oralmente la struttura informativa di una comunicazione orale. Comprendere testi di uso quotidiano. ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE. LEGGERE E COMPRENDERE TESTI DI DIVERSO TIPO. PRODURRE E RIELABORARE TESTI SCRITTI. Elementi caratterizzanti il testo narrativo letterario e non (articolo di giornale, racconto, leggenda, mito, fiaba, favola). Elementi caratterizzanti il testo poetico (lirica, epica, canzone). Leggere silenziosamente e ad alta voce utilizzando tecniche adeguate. Comprendere ed interpretare testi letterari e non. Procedure per evidenziare negli appunti concetti importanti (sottolineature, utilizzo di segnali grafici, abbreviazioni, sigle, mappe, uso della punteggiatura). Riscrittura e manipolazione di un testo narrativo, descrittivo, regolativi espositivo, poetico. Produrre testi scritti, a seconda degli scopi e dei destinatari, espositivi, epistolari, espressivi, poetici ecc Riscrivere testi narrativi applicando trasformazioni. Fascia A): Leggere ed analizzare brani di opere di diverso genere letterario; Fascia B): Leggere applicando stili di lettura funzionali al tipo di testo selezionato; Fascia C): Saper leggere in modo espressivo rispettando la punteggiatura. Fascia A): Saper utilizzare procedimenti espressivi per la produzione dei diversi generi testuali; Fascia B): Saper comunicare in modo significativo ed efficace attraverso la pianificazione di strumenti linguistici e lessicali; Fascia C): Saper produrre e rielaborare testi con l uso di un lessico semplice. RICONOSCERE LE STRUTTURE DELLA LINGUA ED ARRICCHIRE IL LESSICO. Studio sistematico delle categorie grammaticali. Il lessico e l uso dei dizionari. Principali tappe evolutive della lingua italiana e sua origine latina. Rapporto esistente tra evoluzione della lingua e contesto storico sociale. Riconoscere e analizzare le funzioni logiche della frase semplice, Utilizzare tecniche di costruzione della frase semplice in base al profilo comunicativo. Usare creativamente il lessico. Fascia A): Riconoscere e classificare tutte le parti del discorso; riconoscere la funzione del soggetto, del predicato e del complemento diretto; Fascia B): Riconoscere e classificare per categorie tutte le parti del discorso; Fascia C): Saper riconoscere e classificare le parti principali di un discorso. 5

7 Conosco me stesso Percorsi didattici e tematici classi prime Tempo di realizzazione 1 bimestre Ottobre Novembre. Percorsi didattici: Analisi del testo letterario. Generi testuali. Abilità di base. Il piacere di leggere (Narrativa e libri della biblioteca scolastica). Arricchire il lessico. Fonologia. Morfologia: Nome, articolo. Percorsi tematici: - La costruzione della propria identità. - Orientarsi nel tempo. - Fiaba e favola. Attività laboratoriali Realtà e fantasia Tempo di realizzazione 2 bimestre Dicembre Gennaio. Percorsi didattici: I generi testuali. Le abilità di base. Il piacere di leggere (Narrativa e libri della biblioteca scolastica). Arricchire il lessico. Le forme della comunicazione. Morfologia: il verbo. Percorsi tematici: - Mito, leggenda. - Iliade Attività laboratoriali Io e gli altri Tempo di realizzazione 3 bimestre Febbraio Marzo. Percorsi didattici: Analisi del testo letterario. Le abilità di base. Il piacere di leggere (Narrativa e libri della biblioteca scolastica). Arricchire il lessico. Ortografia. Morfologia: il verbo. Percorsi tematici: - Il mondo degli affetti - Il mondo degli animali. - Odissea; Eneide. Attività laboratoriali 6

8 Io e l ambiente circostante Tempo di realizzazione 4 bimestre Aprile Maggio. Percorsi didattici: Analisi del testo letterario. I generi testuali. Le abilità di base. Il piacere di leggere (Narrativa e libri della biblioteca scolastica). Arricchire il lessico. Le forme della comunicazione. Morfologia: l aggettivo - il pronome. Percorsi tematici: - Descrivere i paesaggi - Salviamo il nostro pianeta - Poemi cavallereschi. Ciclo Carolingio. Ciclo Bretone. Attività laboratoriali ITALIANO - CLASSI SECONDE Mi racconto UNITA DI APPRENDIMENTO 1 a Unità di Apprendimento Tempo di realizzazione 1 bimestre Ottobre Novembre 2 a Unità di Apprendimento Tra immaginario e realtà Tempo di realizzazione 2 bimestre Dicembre Gennaio Insieme agli altri 3 a Unità di Apprendimento Tempo di realizzazione 3 bimestre Febbraio Marzo. Noi cittadini d Europa 4 a Unità di Apprendimento Tempo di realizzazione 4 bimestre Aprile Maggio 7

9 L Unità di Apprendimento si sviluppa attraverso l individuazione di Competenze, Obiettivi di Apprendimento e Obiettivi Formativi: COMPETENZE Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Formativi (O.F.) ASCOLTARE, COMPRENDERE Strategie dell ascol-to Fascia C): Pianificare E COMUNICARE ORALMENTE. finalizzato e dell ascolto attivo di testi orali. comunicazioni di contenuto Tratti fondamentali che distinguono il parlato e semplice; lo scritto. Fascia B): Pianificare Registri linguistici del parlato nar-rativo, comunicazioni di contenuto più descrittivo, dialogico - Identificare attraverso l ascolto complesso; Fascia A): Gestire processi di attivo e finalizzato vari tipi di testo ed il loro controllo durante l ascolto, scopo. ponendo domande ed Ricostruire oralmente la struttura in-formativa approfondimenti di una comunicazione orale. Comprendere testi di uso quotidiano. LEGGERE E COMPRENDERE TESTI DI DIVERSO TIPO. PRODURRE E RIELABORARE TESTI SCRITTI. RICONOSCERE LE STRUTTURE DELLA LINGUA ED ARRICCHIRE IL LESSICO. Elementi caratteriz-zanti il testo narrativo letterario e non (articolo di giornale, racconto). Elementi caratterizzanti il testo poe-tico (lirica, epica, canzone). Strategie di controllo del processo di lettura ad alta voce, al fine di migliorarne l efficacia. Strategie di lettura silenziosa e tecniche di miglioramento dell efficacia quali la sottolineatura e le note a margine. Leggere silenziosamente e ad alta voce utilizzando tecniche adeguate. Comprendere ed interpretare testi letterari e non (espositivi, narrativi, descrittivi, regolativi). Procedure per evidenziare negli appunti concetti importanti (sottolineature, utilizzo di segnali grafici, abbreviazioni, sigle, mappe, uso della punteggiatura). Riscrittura e manipolazione di un testo narrativo, descrittivo, regolativi espositivo, poetico. Produrre testi scritti, a seconda degli scopi e dei destinatari, espositivi, epistolari, espressivi, poetici ecc Riscrivere testi narrativi applicando trasformazioni. Manipolare racconti fictional, smontarli e riorganizzarli, ampliarli e sintetizzarli. Struttura logica della frase semplice. Il lessico e l uso dei dizionari. Il lessico (famiglie di parole, campi semantici, legami semantici tra parole, ecc..). Principali tappe evolutive della lingua italiana e sua origine latina. Riconoscere e analizzare le funzioni logiche della frase semplice. Usare creativamente il lessico. Usare consapevolmente strumenti di consultazione. Saper leggere in modo espressivo rispettando la punteggiatura; Leggere applicando stili di lettura funzionali al tipo di testo selezionato; Leggere ed analizzare brani di opere di diverso genere letterario. Saper produrre e rielaborare testi con l uso di un lessico semplice; Saper comunicare in modo significativo ed efficace attraverso la pianificazione di strumenti linguistici e lessicali; Saper utilizzare procedimenti espressivi per la produzione dei diversi generi testuali. Saper riconoscere e classificare le parti principali di un discorso. Riconoscere e classificare per categorie tutte le parti del discorso. Riconoscere e classificare tutte le parti del discorso; riconoscere la funzione del soggetto, del predicato e del complemento diretto. 8

10 Percorsi didattici e tematici classe seconda Mi racconto - Antologia: Lettere e diari per conoscersi, parlare di sé; descrivere persone e stati d animo. - Poesia: Il Linguaggio poetico; - Grammatica: La morfologia, approfondimenti; - I classici: Dante Alighieri e il suo tempo. - Narrativa: Letture ed analisi del testo in adozione. Tra immaginario e realtà - Antologia: Il racconto: fantasia, horror, giallo, avventura, ecc - Grammatica: La sintassi della frase semplice; - I classici: Autori del 300 e del Narrativa: Letture ed analisi del testo in adozione Insieme agli altri - Antologia: Storie di incontri ed emozioni, confidenze, affinità e simpatia - Poesia: Lettura e analisi di testi poetici - Grammatica: La sintassi della frase semplice - I classici: L epica rinascimentale - Narrativa: Letture ed analisi del testo in adozione Noi cittadini d Europa - Antologia: Brani descrittivi e narrativi ambientati nei vari paesi europei - Grammatica: La sintassi della frase semplice; - I classici: L epica moderna - Narrativa: Letture ed analisi del testo in adozione 9

11 ITALIANO - CLASSI TERZE UNITA DI APPRENDIMENTO 1 a Unità di Apprendimento Conoscersi per scegliere meglio Tempo di realizzazione 1 bimestre Ottobre Novembre. 2 a Unità di Apprendimento Realtà ed astrazione Tempo di realizzazione 2 bimestre Dicembre Gennaio 3 a Unità di Apprendimento Il mondo d oggi: problemi ed opportunità Tempo di realizzazione 3 bimestre Febbraio Marzo 4 a Unità di Apprendimento Noi cittadini consapevoli ed attivi Tempo di realizzazione 4 bimestre Aprile Maggio. L Unità di Apprendimento si sviluppa attraverso l individuazione di Competenze, Obiettivi di Apprendimento e Obiettivi Formativi: COMPETENZE Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Formativi elementi che servono a Pianificare comunicazioni identificare anche a distanza di tempo gli di contenuto complesso. Gestire appunti e a utilizzarli. processi di controllo durante Il punto di vista altrui in contesti e testi diversi. l ascolto, ponendo domande ed adottare, secondo la situazione approfondimenti. comunicativa, opportune strategie di attenzione e comprensione. Dato un testo orale Ascoltare, comprendere adeguato identificare e confrontare opinioni e e pianificare comunicazioni di punti di vista del mittente. Valutare la natura e contenuto più complesso; l attendibilità del mes-saggio ascoltato secondo il proprio punto di vista. Sostenere tramite esempi il proprio punto di vista o Ascoltare, comprendere quello degli altri. Avviarsi alla selezione di e pianificare comunicazioni di fonti ritenute occa-sioni di arricchimento contenuto semplice. personale e culturale. Ricostruire oralmente la struttura argomentativa di una comunicazione orale.scrivere,argomentando, il proprio progetto di vita e le scelte che si intendono fare per realizzarlo. Memorizzare testi e poesie. ASCOLTARE,COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMEN- TE LEGGERE E COMPRENDERE TESTI DI DIVERSO TIPO elementi caratterizzanti il testo argomentativi. Elementi caratterizzanti il testo letterario narrativo. Elementi caratterizzanti il testo poetico e Leggere ed analizzare brani di opere di diverso genere letterario e di tipologia diversa; Leggere applicando stili 10

12 PRODURRE E RIELABORARE TESTI SCRITTI RICONOSCERE LE STRUTTU- RE DELLA LINGUA ED ARRICCHIRE IL LESSICO l intenzione comunicativa dell autore. Principali caratteristiche testuali di quotidiani, periodici, riviste specializzate. comprendere e interpretare autonomamente con guida testi, non solo letterari, di tipologia diversa. Riconoscere le tesi esposte e l opinione dell autore. la struttura del testo argomentativo e gli elementi che ne fanno parte. ricercare materiali e fonti da utilizzare nello sviluppo di un testo a dominanza argomentativo. Riconoscere e riprodurre le caratteristiche testuali delle più consuete tipologie di comunicazione scritta. Scrivere testi argomentativi usando un linguaggio oggettivo e un registro adeguato. Scrivere testi di tipo diverso per spiegare e argomentare le scelte compiute. approfondimenti sulla struttura logica e comunicativa della frase semplice. Struttura logica e comunicativa della frase complessa. riconoscere i principali mutamenti e le permanenze lessicali e semantiche della Lingua Latina nell Italiano e nei Dialetti. Individuare e utilizzare strumenti di consultazione per dare risposta ai propri dubbi linguistici. Operare confronti tra parole e testi latini, Lingua Italiana, dialetti e altre lingue studiate. Riconoscere le caratteristiche più significative di alcuni importanti periodi della storia della Lingua Italiana. di lettura funzionali al tipo di testo selezionato; comprendere e interpretare autonomamente testi di tipologia diversa. leggere in modo espressivo rispettando la punteggiatura; comprendere e interpretare con guida testi di tipologia diversa. Saper utilizzare procedimenti espressivi per la produzione dei diversi generi testuali. Saper comunicare in modo significativo ed efficace attraverso la pianificazione di strumenti linguistici e lessicali; Saper produrre e rielaborare testi con l uso di un lessico semplice; Riconoscere ed analizzare la struttura logica e comunicativa della frase complessa. Fascia B Riconoscere ed analizzare la struttura logica e comunicativa della frase complessa. Riconoscere e classificare tutte le parti del discorso; riconoscere la funzione del soggetto, del predicato, del complemento diretto e dei principali complementi indiretti. Percorsi didattici e tematici Conoscersi per scegliere bene - Antologia: Brani per riflettere su di sé, scoprire le proprie potenzialità e prepararsi alle scelte future - Grammatica: Sintassi della frase semplice - I classici: Autori dell Ottocento - Narrativa: Letture dal testo in adozione 11

13 Realtà e astrazione Laboratorio/antologia Grammatica I Classici Narrativa Analisi e commento di testi poetici La sintassi della frase complessa Autori del primo Novecento Letture dal testo in adozione Il mondo d oggi: problemi ed opportunità - Laboratorio: Il testo argomentativo - - Antologia: Temi e problemi del nostro tempo - Altri linguaggi: La televisione La pubblicità - Grammatica: La sintassi della frase complessa - I classici: Autori contemporanei - Narrativa: Letture dal testo in adozione Noi cittadini consapevoli e attivi -Laboratorio: Il Giornale - Antologia: Viaggio letterario lungo il Novecento - Grammatica: La sintassi della frase complessa - Narrativa Letture dal testo in adozione 12

14 PRIMA LINGUA COMUNITARIA: INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO In contesti che gli sono familiari e su argomenti noti, l alunno discorre con uno o più interlocutori, si confronta per iscritto nel racconto di avvenimenti ed esperienze personali e familiari, espone opinioni e ne spiega le ragioni mantenendo la coerenza del discorso. Comprende i punti essenziali di messaggi chiari in lingua standard su argomenti familiari che affronta normalmente a scuola e nel tempo libero. Descrive esperienze ed avvenimenti, sogni, speranze, ambizioni; espone brevemente ragioni e dà spiegazioni di opinioni e progetti. Nella conversazione, comprende i punti chiave del racconto ed espone le proprie opinioni, anche se può avere qualche difficoltà espositiva. LINGUA INGLESE - CLASSI PRIME OBIETTIVI GENERALI L insegnamento della lingua straniera deve tendere, in armonia con le altre discipline, ad una formazione culturale di base ed allo sviluppo delle capacità di comprendere, esprimersi e comunicare. Lo studio della lingua straniera costituisce, inoltre, un importante fattore socializzante, in quanto contribuisce a diffondere una sempre migliore conoscenza di realtà civili e sociali, di ideologie, costumi ed ambienti diversi, operando sulla realtà specifica del ragazzo, sulla sua natura e sulle sue esperienze. E ragionevole ipotizzare che, nel corso del primo anno della Scuola Secondaria di 1^ grado, attraverso un percorso annuo di 99 ore, l alunno sarà messo in condizione di raggiungere un livello di competenza comunicativa corrispondente al Livello Base A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento: Livello Base A1 Comprende ed usa espressioni di uso quotidiano e frasi indispensabili per soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se stesso agli altri ed è in grado di fare domande e rispondere su informazioni personali (dove abita, le persone che conosce e le cose che possiede ). Interagisce in modo semplice purché l altra persona parli lentamente e chiaramente e sia disposta a collaborare. UNITA DI APPRENDIMENTO Nel corso dell anno scolastico e, con il supporto del libro di testo Way Points Module A Plus, Zanichelli, il processo di insegnamento-apprendimento si svilupperà mediante lo svolgimento di 4 Unità di Apprendimento, con contenuti e finalità generali interdisciplinari, così articolate: 1) Who am I? (1^ bimestre) 2) The others and I..(2^ bimestre) 3) The world around me (3^ bimestre) 4) Reality and fantasy...( 4^ bimestre) 13

15 L Unità di Apprendimento si sviluppa attraverso l individuazione di Competenze, Obiettivi Apprendimento e Obiettivi Formativi. COMPETENZE Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Formativi COMPRENSIONE - Possesso del lessico relativo alla vita quotidiana e scolastica. DELLA LINGUA - Possesso delle funzioni comunicative utili a ORALE comprendere messaggi orali in cui vengano espressi: informazioni personali e familiari; bisogni elementari, obblighi e divieti; capacità ed incapacità - Sa associare significante e significato - Sa cogliere informazioni generali da comunicazioni varie, di uso quotidiano, dalla voce dell insegnante o da voce registrata. - Sa cogliere informazioni specifiche da comunicazioni varie, di uso quotidiano, dalla voce dell insegnante o da voce registrata. COMPRENSIONE DELLA LINGUA SCRITTA PRODUZIONE NELLA LINGUA ORALE PRODUZIONE NELLA LINGUA SCRITTA - Possesso del lessico relativo alla vita quotidiana e scolastica. - Acquisizione di una pronuncia ed intonazione corretta. - Sa associare significante a significato - leggere con pronuncia ed intonazione corretta. - Sa comprendere globalmente un testo,semi-autentico o autentico - Sa comprendere analiticamente un testo semi-autentico o autentico - Possesso del lessico relativo alla vita quotidiana e scolastica. - Possesso delle funzioni comunicative utili a comprendere messaggi orali in cui vengano espressi: informazioni personali e familiari, bisogni elementari, obblighi e divieti, capacità ed incapacità. - Sa interagire in semplici scambi dialogici relativi alla vita quotidiana e scolastica, dando e chiedendo informazioni - Sa dare e chiedere informazioni personali - Sa dare e chiedere informazioni circa la propria famiglia - Sa esprimere bisogni elementari, obblighi e divieti, capacità ed incapacità - possesso delle regole ortografiche - possesso del lessico relativo alla vita quotidiana e scolastica. - Possesso del lessico e delle funzioni comunicative utili a: 1) Dare informazioni personali 2) Descrivere la propria famiglia. - Sa dare informazioni personali - Sa descrivere la propria famiglia - Sa prendere appunti e scrivere cartoline, messaggi e brevi lettere - Sa formulare le risposte di un questionario - Sa comporre un dialogo seguendo le istruzioni. Coglie facilmente senso generale ed informazioni specifiche di una comunicazione ed esegue richieste. Coglie il senso generale di una comunicazione ed esegue richieste Coglie con difficoltà il senso generale di una comunicazione Legge speditamente e correttamente, analizzando i testi in modo rapido e dettagliato. Legge con qualche incertezza, individuando le informazioni principali in un testo. Fascia: Legge un testo con pronuncia approssimativa, cogliendo solo alcune informazioni. Dialoga agevolmente, utilizzando lessico e funzioni appropriate alla situazione comunicativa. Dialoga con frasi semplici ma abbastanza corrette. Guidato, interagisce in semplici scambi dialogici, lentamente e con qualche incertezza. Completa e produce semplici testi di diverse tipologie, usando un linguaggio ricco e corretto. Completa e produce semplici testi di diverse tipologie, sull esempio di testi già noti, adoperando un linguaggio semplice ma abbastanza corretto. Guidato, completa e produce semplici testi, sull esempio di testi già noti, adopera un linguaggio elementare e commette diversi errori. 14

16 CONOSCENZA ED USO DELLE STRUTTURE E FUNZIONI LINGUISTICHE CONOSCENZA DELLA CULTURA E CIVILTA - To be, to have got, can, ordinary verbs: simple present (aff., int., neg., int.neg. form; short answers) - imperative - pronouns (subject, object, demonstrative) - Adjectives (possessive, demonstrative) - place prepositions - possessive case. - Sa riflettere sui meccanismi della lingua - Sa riconoscere e riutilizzare strutture e funzioni studiate nel contesto appropriato. - Aspetti significativi della cultura Anglosassone. - Sa confrontarsi con realtà socio-culturali diverse dalla propria. Riconosce ed adopera strutture e funzioni linguistiche in modo appropriato e corretto Riconosce ed applica, con qualche incertezza, strutture e funzioni linguistiche Conosce parzialmente strutture e funzioni e va guidato nella loro applicazione Ascolta con vivo interesse, pone domande, opera confronti, esprime considerazioni personali Ascolta con interesse e pone domande di approfondimento Ascolta ma non sembra interessato ad approfondire l argomento, interviene solo se espressamente sollecitato. CONTENUTI a) Lessico: greetings, titles, adjectives of nationalities, musical instruments, cardinal numbers (1-100), places and streets, colours, school equipment, job and professions, family relationship, clothes, alphabet, time (hour, half, quarter), the days of the week, the months of the year, food and drinks, verbs describing daily routines and activities, human body, adjectives describing physical appearance. b) Funzioni communicative: greet people, ask and say personal information,(name, surname, nationality, age), ask and say telephone numbers, introduce people, ask and say where people and things are, give orders, ask and say the time, talk about daily routines, describe one s family, ask and say the date, ask and say when people were born, ask and say where people live, describe people, give and carry out orders, ask, give, refuse permission; ask and say what people can do. c) Grammatica: to be: simple present (affirmative, interrogative, negative, interrogative-negative form, short answers), imperative (second singular and plural form), personal pronouns, possessive adjectives, plural form of nouns, place prepositions, there is/are, position of adjectives, who/what/where/when, definite article, indefinite article, to have got: simple present (affirmative, interrogative, negative, interrogative-negative form, short answers), imperative (second singular and plural form), here/there/over there, this/these, that/those, time preposition at, ordinary verbs: simple present (affirmative, interrogative, negative, interrogative-negative form, short answers), imperative (second singular and plural form). d) Nozioni Greetings, titles; shops and places; time; food and drinks; clothes; British houses, TV and radio programmes; names of British cities and towns; the United Kingdom. Inoltre, la Lingua Inglese si inserirà nella trattazione delle diverse tematiche interdisciplinari dei Progetti Istituzionali, offrendo, laddove possibile, testi specifici che mireranno all arricchimento dei contenuti culturali e del lessico 15

17 LINGUA INGLESE - CLASSI SECONDE Livello Base A2 Comprende frasi ed espressioni di uso frequente relativi ad ambiti di immediata rilevanza (es. informazioni personali e familiari di base, fare la spesa, la geografia locale, l occupazione). Comunica in attività semplici e di routine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni. Sa descrivere semplicemente aspetti del suo background, dell ambiente circostante e sa esprimere bisogni immediati. UNITA DI APPRENDIMENTO Nel corso dell anno scolastico e, con il supporto del libro di testo Way Points Module A Plus, Zanichelli, il processo di insegnamento-apprendimento si svilupperà mediante lo svolgimento di 4 Unità di Apprendimento,con contenuti e finalità generali interdisciplinari, così articolate: 5) Who am I? (1^ bimestre) 6) The others and I..(2^ bimestre) 7) The world around me (3^ bimestre) 8) The box of my memories...( 4^ bimestre) L Unità di Apprendimento si sviluppa attraverso l individuazione di Competenze, Obiettivi di Apprendimento e Obiettivi Formativi. COMPETENZE Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Formativi COMPRENSIONE - Possesso del lessico relativo alla vita quotidiana e scolastica. - Possesso delle funzioni comunicative utili a comprendere messaggi orali in cui vengano espressi: informazioni personali e familiari; bisogni elementari, obblighi e divieti; capacità ed incapacità; preferenze, offerte, inviti, rifiuti. DELLA LINGUA ORALE - Sa associare significante e significato - Sa cogliere informazioni generali da comunicazioni varie, di uso quotidiano, dalla voce dell insegnante o da voce registrata. - Sa cogliere informazioni specifiche da comunicazioni varie, di uso quotidiano, dalla voce dell insegnante o da voce registrata. COMPRENSIONE DELLA LINGUA SCRITTA PRODUZIONE NELLA LINGUA ORALE - possesso del lessico relativo alla vita quotidiana e scolastica. - Acquisizione di una pronuncia ed intonazione corretta - sa associare significante a significato - leggere con pronuncia ed intonazione corretta - Sa comprendere globalmente un testo,semiautentico o autentico - Sa comprendere analiticamente un testo semi-autentico o autentico - possesso del lessico relativo alla vita quotidiana e scolastica. - Possesso delle funzioni comunicative utili a formulare messaggi orali in cui vengano date e chiesti: informazioni personali, familiari e relative al proprio ambiente di vita; bisogni elementari; obblighi e divieti; capacità ed incapacità; preferenze, offerte, inviti, rifiuti. Coglie facilmente senso generale ed informazioni specifiche di una comunicazione ed esegue richieste Coglie il senso generale di una comunicazione ed esegue richieste Coglie con difficoltà il senso generale di una comunicazione Legge speditamente e correttamente, analizzando i testi in modo rapido e dettagliato Legge con qualche incertezza, individuando le informazioni principali in un testo Legge un testo con pronuncia approssimativa, cogliendo solo alcune informazioni Dialoga agevolmente, utilizzando lessico e funzioni appropriate alla situazione comunicativa Dialoga con frasi semplici ma abbastanza corrette 16

18 PRODUZIONE NELLA LINGUA SCRITTA CONOSCENZA ED USO DELLE STRUTTURE E FUNZIONI LINGUISTICHE CONOSCENZA DELLA CULTURA E CIVILTA - Sa interagire in semplici scambi dialogici relativi alla vita quotidiana e scolastica, dando e chiedendo informazioni - Sa dare e chiedere informazioni personali - Sa dare e chiedere informazioni circa la propria famiglia - Sa esprimere bisogni elementari, obblighi e divieti, capacità ed incapacità, preferenze - sa riferire su eventi passati - possesso delle regole ortografiche - possesso del lessico relativo alla vita quotidiana e scolastica. - Possesso del lessico e delle funzioni comunicative utili a: 1) Dare informazioni personali 2) Descrivere la propria famiglia 3) Esprimere bisogni elementari, obblighi e divieti, capacità ed incapacità, preferenze 4) Riferire su eventi passati - Sa produrre testi di diverso genere (dialogo su traccia, lettera, messaggio, descrizione, questionario) per: - dare informazioni personali - descrivere la propria famiglia - esprimere bisogni elementari, obblighi e divieti, capacità ed incapacità, preferenze - riferire su eventi passati - ordinary verbs: simple present, present progressive, simple past (aff., int., neg., int.neg. form; short answers) - imperative - can, may, must, shall - pronouns (subject, object, demonstrative, partitive) - Adjectives (possessive, demonstrative, partitive) - place and time prepositions - Sa riflettere sui meccanismi della lingua - Sa riconoscere e riutilizzare strutture e funzioni studiate nel contesto appropriato - Aspetti significativi della cultura Anglosassone - Sa confrontarsi con realtà socio-culturali diverse dalla propria Interagisce in semplici scambi dialogici, lentamente e con qualche incertezza Completa e produce testi di diverse tipologie, usando un linguaggio ricco, corretto e appropriato. Completa e produce semplici testi di diverse tipologie, sull esempio di testi già noti, adoperando un linguaggio abbastanza adeguato e, nel complesso, corretto Guidato, completa e produce semplici testi, sull esempio di testi già noti, adopera un linguaggio elementare e commette diversi errori Riconosce ed adopera strutture e funzioni linguistiche in modo appropriato e corretto Riconosce ed applica, con qualche incertezza, strutture e funzioni linguistiche Conosce parzialmente strutture e funzioni e va guidato nella loro applicazione Ascolta con vivo interesse, pone domande, opera confronti, esprime considerazioni personali Ascolta con interesse e pone domande di approfondimento Ascolta ma non sembra interessato ad approfondire l argomento, interviene solo se espressamente sollecitato. 17

19 CONTENUTI a) Lessico: Houses and rooms; shops and offices; pets; jobs and professions; food and drinks, fruit and vegetables; sports; furniture; clothes; months and seasons; ordinal numbers; hobbies; verbs describing daily routines and activities; vocabulary related to Computer Science. b) Funzioni communicative: Ask and talk about preferences (animals, food and drinks); offer, accept, refuse something; ask, give, refuse permission; ask and say what people can do; ask and give explanations; ask and talk about jobs and professions; describe animals; describe a room; ask and say where people and places are; ask and talk about what people are doing; ask and say if there is something; give suggestions or orders; ask and say what people can or can t do; talk on the phone; ask and say a date; ask and say what people usually do in their free time; ask and talk about the frequency of an action; ask and talk about one s habits; ask and say what people are doing; ask and say where people were; ask and talk about past events. c) Grammatica: Ordinary verbs: simple present (aff., int., neg., int./neg. form, short answers); personal pronouns as object; can/can t; to be hot, cold, hungry, thirsty; imperative; why/because; so/neither; some/any; place prepositions: in front of, opposite, in, on, under, between, next to, behind; time prepositions: at, in, on; present progressive (aff., int., neg., int./neg. form, short answers); countable and uncountable nouns; adverbs of frequency; to be: simple past (aff., int., neg., int./neg. form, short answers); ordinal numbers, dates, there was/were; a lot of /many; be born; ordinary verbs: simple past (aff., int., neg., int./neg. form, short answers). d) Nozioni Pets; likes and dislikes; Seasons and weather; pets; British meals; talking on the phone; hobbies and free time; shopping; money; prices; ordinal numbers; Computer Science and the Net. Inoltre, la Lingua Inglese si inserirà nella trattazione delle diverse tematiche interdisciplinari dei Progetti Istituzionali, offrendo, laddove possibile, testi specifici che mireranno all arricchimento dei contenuti culturali e del lessico LINGUA INGLESE - CLASSI TERZE Livello Base A2 Comprende frasi ed espressioni di uso frequente relativi ad ambiti di immediata rilevanza (es. informazioni personali e familiari di base, fare la spesa, la geografia locale, l occupazione). Comunica in attività semplici e di routine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni. Sa descrivere semplicemente aspetti del suo background, dell ambiente circostante e sa esprimere bisogni immediati. Livello Intermedio B1 Comprende i punti principali di un discorso espresso in modo chiaro su argomenti relativi a lavoro, scuola, tempo libero, ecc.. Affronta le situazioni comunicative che si possono presentare durante un viaggio all estero. Produce discorsi semplici ma organizzati su temi che gli sono familiari o di interesse personale. Descrive esperienze e avvenimenti, sogni, speranze e ambizioni e fornisce essenziali spiegazioni e motivi relativi a opinioni e progetti. UNITA DI APPRENDIMENTO Nel corso dell anno scolastico e, con il supporto del libro di testo Way Points Module B e C, Zanichelli, il processo di insegnamento-apprendimento si svilupperà mediante lo svolgimento di 4 Unità di Apprendimento, con contenuti e finalità generali interdisciplinari, così articolate: 9) Who am I?... (1^ bimestre) 10) The others and I.....(2^ bimestre) 11) The modern world and its problems (3^ bimestre) 12) Growing up......( 4^ bimestre) 18

20 L Unità di Apprendimento si svilupperà attraverso l individuazione di Competenze, Obiettivi di Apprendimento ) e Obiettivi Formativi COMPETENZE Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Formativi - Possesso del lessico e delle funzioni comunicative utili a comprendere messaggi orali in cui vengano espressi: informazioni personali e familiari; descrizioni; preferenze; offerte, inviti, rifiuti, suggerimenti e proposte; confronti e paragoni; desideri, intenzioni, propositi e previsioni; ipotesi. COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - Sa cogliere informazioni generali da comunicazioni varie, di uso quotidiano, dalla voce dell insegnante, da voce registrata, da sequenze audiovisive - Sa cogliere informazioni specifiche da comunicazioni varie, di uso quotidiano, dalla voce dell insegnante, da voce registrata, da sequenze audiovisive. Coglie facilmente senso generale ed informazioni specifiche di una comunicazione ed esegue richieste. Coglie, nel complesso, il senso generale di una comunicazione ed esegue richieste. Coglie con difficoltà il senso generale di una comunicazione. COMPRENSIONE DELLA LINGUA SCRITTA PRODUZIONE NELLA LINGUA ORALE PRODUZIONE NELLA LINGUA SCRITTA - Possesso del lessico e delle funzioni comunicative utili a comprendere messaggi scritti in cui vengano espressi: informazioni personali e familiari; descrizioni; preferenze; offerte, inviti, rifiuti, suggerimenti e proposte; confronti e paragoni; desideri, intenzioni, propositi e previsioni; ipotesi. - Acquisizione di pronuncia ed intonazione corrette. - Sa leggere con pronuncia ed intonazione corrette. - Sa comprendere globalmente un testo semiautentico o autentico - Sa comprendere analiticamente un testo semi-autentico o autentico - Possesso del lessico e delle funzioni comunicative utili a formulare messaggi orali in cui vengano espressi: informazioni personali e familiari; descrizioni; preferenze; offerte, inviti, rifiuti, suggerimenti e proposte; confronti e paragoni; desideri, intenzioni, propositi e previsioni; ipotesi. - Sa interagire in semplici scambi dialogici per formulare o chiedere : informazioni personali e familiari; descrizioni; preferenze; offerte, inviti, rifiuti, suggerimenti e proposte; confronti e paragoni; desideri, intenzioni, propositi e previsioni; ipotesi. - possesso delle regole ortografiche - Possesso del lessico e delle funzioni comunicative utili a formulare o chiedere : informazioni personali e familiari; descrizioni; preferenze; offerte, inviti, rifiuti, suggerimenti e proposte; confronti e paragoni; desideri, intenzioni, piani futuri, propositi e previsioni; ipotesi. Legge speditamente e correttamente, analizzando i testi in modo rapido e dettagliato Legge con qualche incertezza, individuando le informazioni principali in un testo Legge un testo con pronuncia approssimativa, cogliendo solo alcune informazioni. Dialoga agevolmente, utilizzando lessico e funzioni appropriate alla situazione comunicativa Dialoga con frasi semplici ma abbastanza corrette Interagisce in semplici scambi dialogici, lentamente e con incertezza Completa e produce testi di diverse tipologie, usando un linguaggio ricco, corretto e appropriato. Completa e produce testi di diverse tipologie, sull esempio di testi già noti, adoperando un linguaggio abbastanza adeguato e, nel complesso, corretto 19

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Liceo scientifico A. Einstein

Liceo scientifico A. Einstein Liceo scientifico A. Einstein Cervignano del Friuli CLASSE 1^ALSA PROGRAMMA DIDATTICO MODULI REALIZZATI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Prof.ssa Marilena Beltramini Anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMA

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli