ISTITUTO SUORE MANTELLATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO SUORE MANTELLATE"

Transcript

1 ISTITUTO SUORE MANTELLATE A.S.2011/2012 Corso Fedi, Pistoia Tel ; fax Mail: Web: 1

2 INDICE PREMESSA 3 PRESENTAZIONE DELL'ISTITUTO 4 CONTESTO SOCIALE, CULTURALE, ECONOMICO DEL TERRITORIO 5 ACCOGLIENZA 6 IL RAPPORTO CON IL TERRITORIO 8 ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA 9 FORMAZIONE DELLE CLASSI E ASSEGNAZIONE DEI DOCENTI 9 LE RISORSE 10 ORIENTAMENTO 12 METODOLOGIA 13 PROGRAMMAZIONI 13 CALENDARIO SCOLASTICO 14 CALENDARIO SCOLASTICO (Allegato 1) 15 ATTIVITÀ SCOLASTICA 16 LICEO SCIENTIFICO 18 ORARIO PLESSI 22 VIGILANZA 23 ARTICOLAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA 24 PROGRAMMAZIONE COGNITIVO - EDUCATIVA 24 PROGRAMMAZIONE CURRICULARE 25 OBIETTIVI GENERALI 25 INTEGRAZIONE CURRICOLARE 25 INTEGRAZIONE EXTRA-CURRICULARE 26 CRITERI DI VALUTAZIONE 27 PROGETTI E INIZIATIVE LICEO SOCIO - PSICO - PEDAGOGICO 28 LICEO SCIENTIFICO 28 CONTRATTO FORMATIVO 29 REGOLAMENTO 34 ASSEMBLEE GENITORI E STUDENTI 35 RICONOSCIMENTI 43 ECDL 39 2

3 A PARTE GENERALE PREMESSA La redazione del Piano di Offerta Formativa ha visto riuniti tutti i docenti dell'istituto per riflettere sui principi che guidano il loro operare e sulle molteplici attività, realizzate al fine di favorire la crescita armonica e integrale dei ragazzi. La sintesi del lavoro viene presentata per rispondere alle esigenze della normativa sulla trasparenza, ma anche per consentire ad ogni membro della comunità scolastica di conoscere quali sono i propri diritti e i propri doveri. 3

4 PRESENTAZIONE DELL'ISTITUTO L'Istituto onnicomprensivo è costituito da: - Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di 1 grado - Scuola Secondaria di 2 grado Liceo Scientifico - classi 1 ; 2 e 3 L'Istituto Suore Mantellate Serve di Maria promuove l'azione educativa in questa città dal " si è sviluppata, come espressione di una comunità: promotori, educatrici, genitori, collaboratori hanno inteso assumersi spontaneamente l'impegno di soddisfare l'esigenza sociale quale l'educazione pre-scolare, avvertendola come espressione della propria identità religiosa ed ideale, e come dovere di solidarietà, per contribuire a che ogni bambino, esercitando il diritto a frequentare la scuola materna, in situazione di uguaglianza, possa sviluppare le sue facoltà, il suo giudizio, la sua responsabilità morale e sociale". (1 Statuto Scuola Materna) L'Istituto, posto nel centro storico di Pistoia, è facilmente raggiungibile anche dalle zone più periferiche della città e della provincia. È aperto all accoglienza di ogni persona, al di là del sesso, della razza, della religione, delle potenzialità, dei limiti fisici, psichici e sociali. L'Istituto incarna il proprio carisma "dell'umile servizio come Maria", nello stile di vita connotato dall'attenzione alla realtà dell'uomo, dall'apertura al pluralismo di idee, opinioni politiche e progetti. Inoltre, conformemente alla propria ispirazione cristiana e compatibilmente con le proprie disponibilità finanziarie, ha accolto da sempre e accoglie ancora studenti in condizioni socio - economiche disagiate. 4

5 CONTESTO SOCIALE, CULTURALE, ECONOMICO DEL TERRITORIO La realtà socio culturale economica del territorio in cui sorge l Istituto si è andata trasformando: è passata da società artigianale familiare a settore terziario commerciale professionale. Contemporaneamente si è verificato un notevole incremento della popolazione extracomunitaria, proveniente in prevalenza dall Albania, dai Paesi dell Est e dell Africa. Numerosi, ormai, sono i ragazzi che vivono con genitori separati o divorziati. 5

6 ACCOGLIENZA L Istituto si impegna a favorire l inserimento e l integrazione degli alunni con particolare attenzione alle prime classi di ogni corso. Gli allievi della scuola Secondaria di primo grado saranno accompagnati a conoscere l ambiente scolastico dall insegnante coordinatrice e i compagni più grandi spiegheranno ai più piccoli il funzionamento e le norme che regolano la vita scolastica. Campo sportivo 6

7 FINALITÀ - L'Istituto assume, come impegno educativo didattico, lo sviluppo armonico e integrale della personalità dei ragazzi nella prospettiva di rendere i soggetti liberi, responsabili e partecipi della vita della comunità locale, nazionale ed internazionale. - Propone una gamma di valori etici nella certezza che contribuiscano a realizzare la dignità, il progresso della crescita della persona permettendo così di operare un'analisi critica delle realtà sociali e di effettuare scelte motivate. - Promuove la piena libertà di insegnamento dei docenti nel rispetto della propria matrice cattolica e sostiene l'aggiornamento e la formazione del personale scolastico Ogni attività inerente di assistenza alla mensa, alla ricreazione, alla esecuzione dei compiti è considerata attività didattico educativa culturale. 7

8 IL RAPPORTO CON IL TERRITORIO L'Istituto, inserito nella società complessa di Pistoia in cui si privilegia la piccola imprenditoria, l'artigianato e la coltivazione di piante da giardino da esportare in tutta Europa, si apre alle realtà presenti sul territorio per l'attuazione di piani di sviluppo, nel rispetto delle reciproche autonomie e competenze. Utilizza le strutture educative e gli interventi cognitivo-didattici offerti dall'assessorato della Pubblica Istruzione attraverso le iniziative di Gong, Centro Servizi, Associazione Astrofili della montagna pistoiese; Accoglie le proposte della Confartigianato e Coltivatori diretti per visite a mostre o proposte di concorsi. Si apre a interventi di prevenzione alla devianza attraverso programmi proposti dal Comune, sezione Sanità e dal CeIS. Aderisce alla FIDAE, ne adotta gli orientamenti. Favorisce l'adesione dei propri genitori all'agesc e dei ragazzi alle associazioni cattoliche per una continuità educativa. Accoglie le proposte occasionali, del Miur, EE.LL. a cui le insegnanti aderiscono, per usufruire di mostre periodiche o concorsi indetti per i ragazzi delle varie età. 8

9 ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA L'Istituto per una migliore organizzazione delle proprie finalità educative attua la partecipazione delle diverse componenti educative mediante organi quali: - Consiglio di classe per ogni sezione - Consiglio d'istituto - Collegio Docenti Scuola dell Infanzia - Collegio Docenti Scuola Primaria - Collegio Docenti Scuola Secondaria di 1 grado - Collegio Docenti Scuola Secondaria di 2 grado Le elezioni dei rappresentanti di classe e di Istituto avvengono secondo le norme ministeriali. I genitori eletti partecipano, a livello consultivo, alle riunioni di consiglio. FORMAZIONE DELLE CLASSI E ASSEGNAZIONE DEI DOCENTI Le classi sono organizzate in base al numero degli iscritti. Il Gestore su proposta della Presidenza provvede alla composizione delle stesse e nomina dei docenti. Per quanto è possibile, l'assegnazione degli insegnanti, viene effettuata in modo tale da garantire la continuità didattica nei vari gradi. 9

10 LE RISORSE L'Istituto dispone: di aule e laboratori di scienze e fisica laboratorio di educazione artistica e tecnica aula di musica aula multimediale per l'insegnamento delle lingue e di informatica aula magna con strumenti per proiezioni 2 biblioteche ed emeroteca 2 sale lettura e centro riproduzioni 2 palestre al coperto, con attrezzature sportive, campo da calcio due sale insegnanti presidenza segreteria amministrazione sala medica L istituto si snoda su quattro piani: piano terra presidenza segreteria sala ricevimenti tre aule Scuola Materna salone Scuola Materna sala da pranzo Scuola Materna e Scuola Media palestre laboratorio di tecnica e arte laboratorio multimediale campo da calcio giardino per i più piccini cappella 1 piano tre classi Scuola elementare biblioteca Scuola Elementare 10

11 due sale da pranzo scuola elementare biblioteca generale sala attrezzatura duplicazione e sala consultazione riviste sala medica 2 piano quattro classi della Scuola Media tre classi Scuola Superiore sala professori aula di musica gabinetto scientifico aula magna 3 piano sala degli Insegnanti. cinque classi Scuola Elementare biblioteca Ogni aula è dotata delle attrezzature necessarie per lo svolgimento regolare delle attività: - attrezzi ginnici per le palestre - proiettori, TV e videoregistratori con relative cassette e diapositive, episcopi per proiezioni audiovisive, lavagne luminose, DVD e CD ROM didattici - strumenti musicali adeguati agli alunni di ogni ordine di scuola - riviste pedagogico - scientifico - sociale - religioso - storico - geografico e per ragazzi, volumi - un pc multimediale, con stampante, scanner, masterizzatore, webcam Intel, accesso a Internet, videoconferenza e posta elettronica; soft WlNIRIDE per la biblioteca - 27 postazioni di lavoro più postazione del docente collegati in rete per le lingue e 12 postazioni di computer multimediali (due ogni alunno), collegati in rete didattica e in rete per scambio dati), 2 computer per il docente, 6 scanner, 2 stampanti di cui 1 condivisibile - collegamento televisivo, Laboratorio linguistico Aula multimediale collegamento Internet per tutti i computer, DVD e videoregistratore - 1 computer 386, trasparente, per la didattica - 1 computer 286, con il DOS, per la didattica - materiale per le esperienze di fisica e di chimica - esposizione di strumenti antichi e collezione di animali imbalsamati. 11

12 ORIENTAMENTO L'Istituto ritiene che tutta l attività scolastica debba essere orientativa, valorizza quindi sin dalla scuola dell infanzia ogni espressione e attività della persona. Per questo si propone di: - creare continuità educativa tra i vari plessi - organizzare momenti di riflessione per un'acquisizione consapevole della propria identità - favorire discussioni sui valori e incentivare la capacità di iniziative per affermare le proprie scelte - sviluppare la fiducia in se stessi al fine di pensare un proprio progetto di vita - favorire la percezione delle proprie attitudini e potenzialità, senza tacitarne i limiti ed aiutare a riflettere sul bisogno innato della propria autorealizzazione - aprire lo sportello per colloqui di aiuto e di chiarificazione - promuovere iniziative che favoriscano un migliore orientamento degli studenti ed una scelta più consapevole delle facoltà universitarie (distribuzione di materiale informativo, tavole rotonde, incontri con docenti universitari, informazioni sugli sbocchi in ambito lavorativo. - Favorire la partecipazione degli alunni della classe IV liceo a stages ( aziende, biblioteca, USL ) per una più concreta informazione formazione sulle realtà professionali. - offrire possibilità di fare esperienze nell ambito educativo sociale attraverso forme di volontariato. 12

13 METODOLOGIA La scuola privilegia una didattica che parte dell'esperienza concreta dei bambini per arrivare poi, con gli alunni più grandi, ad elaborare ipotesi da verificare e confrontare sia nella quotidianità, che con materiale più strutturato ed elaborato in sede scientifica. Pur non trascurando una didattica tradizionale basata su un serio e costante apprendimento dei contenuti proposti, l'istituto si caratterizza per una metodologia didattica aperta all'impiego continuo e diffuso dei laboratori. Gli strumenti utilizzati sono i manuali di adozione, i testi specifici, reperibili nella biblioteca, appunti e schede elaborati dagli insegnanti, CD ROM, DVD, interventi di esperti. PROGRAMMAZIONI Nella Scuola Secondaria di 1 e 2 grado ogni docen te consegna, entro il 30 ottobre le programmazioni relative alla propria materia. Esse sono depositate in segreteria ed è possibile visionarle. 13

14 CALENDARIO SCOLASTICO Ci si attiene alle indicazioni ministeriali e regionali comunicate anno per anno e depositate in segreteria. Nell organizzazione, all interno dell autonomia, sono comunque possibili delle modifiche secondo le esigenze emergenti. 14

15 CALENDARIO SCOLASTICO (Allegato 1) CALENDARIO SCOLASTICO 2011/2012 MESE GIORNI DI VACANZA SETTEMBRE / OTTOBRE / 01 Festa dei Santi NOVEMBRE 02 (Commemorazione defunti) DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO 08 (IMMAC. CONCEZIONE) 23/12 31/12 (VACANZE NATALIZIE) (VACANZE NATALIZIE) CARNEVALE / 5 11 VACANZE PASQUALI 25 APRILE 01: Festa dei lavoratori 02 FESTA REPUBBLICA La scuola termina il 9 giugno Dall 11 giugno inizia la scuola estiva per la Scuola Primaria 15

16 ATTIVITÀ SCOLASTICA ATTIVITÀ SCOLASTICA. Il Collegio all unanimità approva la suddivisione in trimestre e pentamestre: pertanto seguono le scansioni, date degli scrutini, valutazioni interperiodali, consigli di classe, ricevimenti ecc.: - trimestre = settembre dicembre - pentamestre = gennaio 9 giugno - scrutini = 11 gennaio 2012 dalle ore 15,00 (seguirà comunicazione) 8 giugno consegna delle pagelle - valutazioni interperiodali: 10 novembre 2011 (pagellino) 6 marzo 2012 (pagellino con relativa consegna il 9 marzo e ricevimento) Gli insegnanti ricevono per appuntamento, ogni 15 giorni come da calendario. Alla consegna delle valutazioni intermedie gli insegnanti sono presenti per il ricevimento generale 16

17 QUADRI ORARI LICEO SCIENTIFICO 17

18 LICEO SCIENTIFICO L istituzione del Liceo scientifico dall anno scolastico 2009/2010 è finalizzato ad offrire ai ragazzi una formazione completa ed approfondita che consenta di proseguire con successo gli studi universitari, o a termine del quinquennio, l inserimento nel mondo del lavoro. Pertanto una metodologia e didattica rinnovate, un attenzione costante all alunno protagonista del percorso educativo, alla sua evoluzione, ai suoi problemi, un piano di offerta formativa non utopistico ma concreto e realizzabile costituiscono i presupposti per il proseguimento del Liceo Scientifico presso questo Istituto che vanta una tradizione educativa prestigiosa nel territorio pistoiese. Per la realizzazione del Corso del Liceo Scientifico, l Istituto Suore Mantellate, si è avvalso del prezioso contributo della Fondazione del Conservatorio S. Giovanni, di matrice cattolica (due componenti sono di nomina del Vescovo). Inoltre, la finalità prioritaria dello stesso Conservatorio interessa il campo della formazione e dell educazione, confermando la tradizione educativa dell Istituzione fondata nel 1783 dal Granduca di Toscana Leopoldo. CORSO DEL LICEO SCIENTIFICO Il Liceo Scientifico si pone come scuola moderna e innovativa perché il suo piano di studi prevede poche discipline qualificanti e permette un basso numero di ore di lezioni settimanali. Anche con la riforma il numero delle ore settimanali non è molto aumentato (27 ore nel biennio e 30 nel triennio). Dai programmi ministeriali emerge il carattere più scientifico del corso di studi in quanto la fisica e le scienze iniziano già nella prima classe; la matematica prevede l ausilio dell informatica... Nell anno 2011/2012, le classi 1 e 2 attueranno i programmi previsti della riforma; la terza classe proseguirà con il vecchio ordinamento ministeriale. Le lezioni vengono svolte con un orario settimanale di 5 giorni (sabato libero). Viene confermata la conversazione di inglese, grande novità rispetto a tutte le scuole del territorio. 18

19 QUADRO ORARIO LICEO SCIENTIFICO Prima della riforma DISCIPLINE QUADRO ORARIO LICEO SCIENTIFICO 1 ANNO 2 ANNO 3 ANNO 4 ANNO 5 ANNO RELIGIONE ITALIANO LATINO INGLESE STORIA FILOSOFIA GEOGRAFIA 2 MATEMATICA FISICA DISEGNO e STORIA DELL'ARTE EDUCAZIONE FISICA TOTALE ORE SETTIMANALI Inglese: è prevista un'ora di conversazione alla settimana in ogni classe. E' prevista l'organizzazione dell'orario settimanale in 5 giorni 19

20 QUADRO ORARIO LICEO SCIENTIFICO Dopo la riforma QUADRO ORARIO LICEO SCIENTIFICO DISCIPLINE 1 ANNO 2 ANNO 3 ANNO 4 ANNO 5 ANNO RELIGIONE ITALIANO LATINO INGLESE STORIA e GEOGRAFIA 3 3 STORIA FILOSOFIA MATEMATICA FISICA SCIENZE NATURALI DISEGNO e STORIA DELL'ARTE SCIENZE MOTORIE e SP.VE TOTALE ORE SETTIMANALI Inglese: è prevista un'ora di conversazione alla settimana in ogni classe. E' prevista l'organizzazione dell'orario settimanale in 5 giorni 20

21 Progetti a livello regionale, nazionale e internazionale, realizzati anche attraverso laboratori, caratterizzeranno il percorso specifico per mantenere il contatto costante con la realtà ed essere in grado di rispondere adeguatamente alle richieste. L impianto modulare ed interdisciplinare caratterizzerà l impostazione della didattica, a garanzia di una visione globale, non limitata e circoscritta, delle tematiche via via affrontate. Le lezioni frontali saranno integrate dalla ricerca personale on-line e da alcune esperienze proposte dall Università, al fine di valorizzare adeguatamente le potenzialità di ciascun allievo, a cui sarà data l offerta di frequentare laboratori di produttività multimediale È prevista, tra l altro, la presenza pomeridiana di alcuni professori con i quali gli studenti potranno confrontarsi per ricevere chiarimenti e/o proposte di approfondimenti. Saranno valorizzate opportunamente le eccellenze, con attività di potenziamento volte a fornire i presupposti indispensabili perché gli allievi concorrano a prove nazionali o regionali. Nel corso del triennio sarà garantita una preparazione progressivamente indirizzata alle varie tipologie di accesso alle facoltà universitarie. 21

22 ORARIO PLESSI ORARIO DEI VARI PLESSI Scuola dell Infanzia: Lunedì Venerdì SABATO LIBERO Scuola Primaria Lunedì - Venerdì SABATO LIBERO ingresso ore 8.30 uscita ore 12,30 o 16,00 ingresso ore 8.10 uscita ore 13 doposcuola ore 14,30 16,30 Scuola Secondaria di 1 grado : Lunedì Venerdì SABATO LIBERO ingresso ore 8.00 uscita ore / rientri obbligatori doposcuola ore 14,30 16 e 30 Scuola Secondaria di 2 grado Lunedì Venerdì SABATO LIBERO ingresso ore 8.00 uscita ore /13.20 L Istituto è comunque disponibile all'accoglienza dei ragazzi prima e dopo tale orario, previo accordo con il gestore. 22

23 VIGILANZA Durante le ore di lezione la vigilanza è affidata al docente, impegnato nell'attività didattica. Durante la ricreazione i docenti si alternano secondo turni di sorveglianza predisposti dalla Presidenza e sono coadiuvati da incaricati dell'istituto. Le visite didattiche in città e provincia sono autorizzate all'inizio dell'anno scolastico dai genitori. I bambini, i ragazzi dovranno sempre avere un accompagnatore ogni 15. Le visite fuori città o gite devono essere ogni volta autorizzate dalla famiglia. La gita si può effettuare se vi è la partecipazione del 75% della classe. La Scuola è aperta nel pomeriggio: - per gli studenti delle classi superiori che intendono studiare insieme o utilizzare la biblioteca, la sala multimediale (previo accordo con i responsabili) - per le attività exctracurricolari proposte - per i consigli di classe, interclasse e Collegi previo preavviso, regolarmente convocati dal Dirigente Scolastico, in seduta ordinaria cinque giorni prima, nei casi di emergenza è prevista la convocazione straordinaria. - Ogni docente comunica ai genitori i giorni del ricevimento. - le assenze, gli eventuali esiti negativi, e per episodi rilevanti al fine della valutazione riscontrati durante il percorso saranno comunicati con lettera alla famiglia 23

24 ARTICOLAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA PROGRAMMAZIONE COGNITIVO - EDUCATIVA - Conoscenza della tradizione culturale italiana nella sua evoluzione storica e nel suo rapporto con le altre culture. - Educazione al rispetto della diversità e all'accettazione di una società multietnica. - Conoscenza dei diritti e dei doveri dei cittadini. - Rispetto delle regole e degli impegni presi. - Capacità di comunicare in modo efficace con tecniche adeguate alle diverse situazioni. - Educazione alla salute, coscienza di sé e del proprio corpo, (igiene personale, corretta alimentazione, disincentivo al fumo, all alcool e alla droga). - Educazione al rispetto dell'ambiente (conoscenza del valore della natura come origine della vita). - Educazione stradale (conoscenza della segnaletica e del comportamento responsabile del cittadino). - Capacità di utilizzare conoscenze acquisite per risolvere problemi, anche al di fuori dell'ambito scolastico. - Rispetto della vita intesa come dono ricevuto e da offrire. - Apertura al trascendente ed educazione ad una coscienza religiosa e ad un atteggiamento di rispetto nei confronti del soprannaturale. - Accenno al volontariato: acquisire la concezione che lavita è un dono, pertanto sperimentare il valore della gratuità attraverso l attenzione per i piccoli, i bisognosi, gli anziani. Organizzare momenti di volontariato. 24

25 PROGRAMMAZIONE CURRICULARE OBIETTIVI GENERALI - Saper ascoltare, ricordare, comprendere e cogliere i punti significativi dei messaggi proposti - Saper parlare, leggere, scrivere utilizzando il lessico specifico - Saper analizzare, confrontare, classificare, collegare argomenti e cogliere le relazioni - Saper stabilire connessioni tra causa ed effetto - Saper riconoscere un problema e formulare ipotesi di soluzione - Esprimere giudizi personali - Scegliere, tra le attività, quelle più congeniali alla realizzazione delle singole persone. INTEGRAZIONE CURRICOLARE L Istituto offre la continuità didattica di alcune attività integrative lingua inglese: conversazioni in lingua laboratorio di informatica: lavori di elaborazione di tesi minime e costruzione di tesine ipertestuali, multimediali e pluridisciplinari; preparazione al conseguimento della patente europea del computer ECDL videoforum e cineforum: brevi cicli programmati per trattare argomenti e problematiche adeguate all'età dei ragazzi incontri a carattere formativo che guidino, alla costruzione di corrette relazioni, alla conoscenza di sé e degli altri 25

26 incontri con esperti nell'ambito dell'educazione stradale, ambientale, alla salute e al significato intrinseco del concetto di politica partecipazione: alla Settimana della cultura scientifica, promossa dal Ministero della Pubblica Istruzione; ai Concorsi a carattere europeo e regionale; alle proposte culturali del territorio visite guidate a musei, mostre e luoghi d'arte, ambienti di lavoro attività di ricerca utilizzata prevalentemente nelle discipline scientifiche giuridiche e sociali attraverso inchieste sul territorio per l acquisizione dell uso degli strumenti di statistica con la raccolta, la lettura e la rappresentazione dei dati; approfondimento di problemi istituzionali - ecologici bioetici con ipotesi critiche di soluzione. INTEGRAZIONE EXTRA-CURRICULARE - iniziative a favore delle missioni, che coi9nvolgono alunni, genitori ed insegnanti con lo scopo di promuovere le relazioni e la conoscenza reciproca e di sensibilizzare adulti e bambini alle tematiche sociali e culturali. 26

27 CRITERI DI VALUTAZIONE Per il liceo vengono adottati i seguenti criteri di valutazione: a) per l attribuzione del voto disciplinare vengono considerate: - l attenzione e la partecipazione alle lezioni ed alle attività scolastiche - l impegno e la costanza nello studio - gli obiettivi disciplinari raggiunti in termini di conoscenze, competenze e capacità - la frequenza regolare alle lezioni b) per la determinazione del credito scolastico, per le classi IV, V (attribuito nell ambito delle bande di oscillazione indicate nella tabella ministeriale), si considerano, oltre alla media matematica dei voti conseguiti nelle singole discipline, anche l assiduità della frequenza scolastica, l interesse e la partecipazione al dialogo educativo, il credito formativo. c) il credito formativo è assegnato in base alla partecipazione ad attività extra - culturali (convegni, conferenze, progetti proposti dal territorio e dalla scuola) ed attività di volontariato, come risulta dalla documentazione personale presentata dagli studenti. Il credito formativo è quantificato fino al massimo di 1 punto, che, comunque, non può far uscire dalle bande di oscillazione indicate nella tabella. 27

28 PROGETTI E INIZIATIVE LICEO SOCIO - PSICO - PEDAGOGICO e LICEO SCIENTIFICO a.s. 2010/2011 Per l obiettivo formativo di tutto l Istituto è stato scelto il tema mondiale dell anno: SOLIDARIETÀ TRA GENERAZIONI". Inoltre si è deciso di sensibilizzare i ragazzi sul seguente tema: Educazione allo sviluppo sostenibile: l acqua. Da ricordare iniziative relative a: Visione di spettacoli teatrali, sia al Teatro Manzoni di Pistoia sia al Teatro Rifredi di Firenze; Partecipazione a spettacoli del teatro in lingua FI Partecipazione al Certamen in ponticulo Herae, rivolto a chi frequenta il secondo anno del Liceo Scientifico; Partecipazione a conferenze attinenti ai programmi svolti. Lezione con il Prof. Santini dell'università di Firenze sull'utilità del latino oggi. Partecipazione a : - Olimpiadi della matematica - al Certamen di latino Progetto Quotidiano in classe Adesione alle proposte del territorio (film, conferenze, mostre) Giornata di solidarietà e di formazione umana affettiva - spirituale Preparazione e certificazione per gli esami ECDL Attività ed incontri organizzati in occasione del Premio letterario Ceppo 28

29 CONTRATTO FORMATIVO La scuola è luogo di formazione ed educazione attraverso lo studio; questa, risulta anche dal DPR 249 del 24/06/98 Regolamento delle studentesse e degli studenti, integrato e sostituito dal D.P.R. 235 DEL 21/11/2007. Essa è luogo di vita sociale, basata su dialogo, ricerca, esperienza sociale, valori democratici, pari dignità nella diversità dei ruoli, qualità nelle relazioni docenti-alunni-famiglie. Per garantire nel rispetto del DPR 235/2007 la massima disponibilità e collaborazione nelle relazioni fra i vari soggetti, la scuola si impegna nel sottoscrivere il contratto formativo e quindi nel definire e rendere pubblici gli impegni assunti reciprocamente con gli studenti e le famiglie. Lo studente che frequenta il nostro Istituto troverà: una formazione culturale qualificata; il passaggio graduale dalla scuola dell infanzia alla scuola elementare, dalla scuola elementare alla scuola media e dalla scuola media al primo anno della scuola superiore. Otterrà la valorizzazione delle precedenti acquisizioni che gli permetteranno un inserimento efficace, sereno, realizzando una utile continuità educativa ; il clima della scuola caratterizzato dalla disponibilità all ascolto, dal rispetto reciproco, dall attenzione ai suoi bisogni per favorire la sua crescita umana e culturale; un ritmo di lavoro distribuito lungo tutto l arco dell anno con verifiche orali e scritte che gratifichino la persona e comprovino le acquisizioni avvenute; l impegno domestico che acquista valore perché supporta il lavoro di classe; l assoluta imparzialità nei confronti dei singoli; l informazione sui servizi offerti e sulle modalità per usufruirne; l opportunità per utilizzare il recupero scolastico, qualora se ne presenti la necessità; la presa di coscienza delle sue attitudini e la valorizzazione delle personali capacità; 29

30 l aiuto per valorizzare le proprie capacità attraverso adeguati interventi che ne verifichino la qualità; l aiuto per costruire la propria personalità a livello umano, culturale, civile, spirituale; la possibilità, quando già diplomati, di incontrare gli insegnanti per un aiuto nella scelta del lavoro e nei momenti semplici e importanti della vita. A tal fine la scuola si impegna nel: Garantire la produzione e pubblicizzazione del POF (Piano dell offerta formativa). Tutta l attività didattica e di valutazione, dovrà essere coerente con gli obiettivi, le risorse, i criteri contenuti nel POF. Effettuare una programmazione didattica educativa che garantisca il rispetto delle direttive ministeriali in relazione alle varie aree disciplinari ed al tempo stesso promuova e valorizzi l autonomia scolastica. Attribuire ai ragazzi un ruolo attivo nell ambito della programmazione didattica annuale (programmazione contrattata), permettendo loro di elaborare proposte in riferimento a temi di particolare interesse. Garantire, nel rispetto delle diverse aree disciplinari, una formazione culturale adeguata ed attuale, che offra strumenti concreti per l inserimento nel mercato del lavoro. In particolare la scuola si impegna a promuovere l utilizzo delle nuove tecnologie nelle varie aree disciplinari. Garantire l elaborazione di progetti da inserire nell attività curricolare e/o extracurricolare, che coinvolgano i ragazzi nella trattazione interdisciplinare di temi di attualità. Garantire la trasparenza nelle attività di valutazione formativa e sommativa. Garantire la massima coerenza fra i metodi ed i criteri di valutazione adottati nel POF e le attività di valutazione (scritte ed orali) effettuate durante il corso dell anno scolastico ed in sede di esame di maturità. Rendere disponibili ed accessibili le delibere degli organi collegiali e di ogni altro documento che debba essere reso pubblico a norma di legge. 30

31 Gli studenti dovranno impegnarsi nel: frequentare regolarmente i corsi; tenere un comportamento corretto e rispettoso nei confronti di tutti i soggetti partecipanti alla vita scolastica; utilizzare in modo corretto e responsabile le strutture e le dotazioni della scuola; rispettare il Regolamento di Istituto ; collaborare, con il proprio impegno nel rendere efficace lo svolgimento delle attività scolastiche curricolari. Si riportano i testi normativi inerenti le mancanze disciplinari (comportamenti che determinano l applicazione di sanzioni disciplinari): - violazione del dovere di rispetto verso il capo dell istituto, verso i docenti, verso il personale della scuola, verso i compagni; - inosservanza delle disposizioni organizzative e di sicurezza dettate dai regolamenti dell istituto; - utilizzo scorretto delle strutture, dei macchinari e dei sussidi didattici; - danneggiamento del patrimonio della scuola; - ogni altro più specifico comportamento vietato dal regolamento di istituto, al quale si fa rinvio. Sanzioni disciplinari: a) Sanzioni diverse dall allontanamento temporaneo dello studente dalla comunità scolastica: sono previste per le mancanze meno gravi e sono indicate nel regolamento d istituto: - richiamo verbale, - rapporto disciplinare, - richiamo scritto con lettera alla famiglia; b) Sanzioni che comportano l allontanamento temporaneo dello studente dalla comunità scolastica per un periodo non superiore a 15 giorni: sanzioni adottate dal consiglio di classe in caso di gravi o ripetute infrazioni disciplinari derivanti dalla violazione dei doveri sopra descritti; c) Sanzioni che comportano l allontanamento temporaneo dello studente dalla 31

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni

Domande & Risposte sulle entrate posticipate e le uscite anticipate e le giustificazioni LICEO GINNASIO STATALE G. d Annunzio Distretto Scolastico n 12 Via Venezia,41 65121 PESCARA - Codice Scuola PEPC010009 Fax : 085-298198 Tel. 085-4210351 - Segreteria C.F. 80005590684 E-MAIL : pepc010009@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a?

1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 1) In che misura ritiene che questo anno scolastico abbia accresciuto la preparazione di suo/a figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 4 4 1a) In che misura valuta l'impegno di suo/sua figlio/a? 4 4 3 2 1 1% 1% 4 1 B 1b)

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

PARTE I - NORME GENERALI

PARTE I - NORME GENERALI Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 - Testo Unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado (s.o. G.U. n.115 del 19/5/1994) PARTE

Dettagli