SETTE ANNI DI VACCHE SOBRIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SETTE ANNI DI VACCHE SOBRIE"

Transcript

1 Marco Magnani SETTE ANNI DI VACCHE SOBRIE Come sarà l Italia del 2020? Sfide e opportunità di crescita per sopravvivere alla crisi Con la collaborazione di Angelo Ciancarella

2 Sette anni di vacche sobrie Attività culturali e crescita economica Il settore creativo e culturale in senso stretto rappresenta il 4-5% del Pil dell Unione europea e il 3% degli occupati. Ma se si estende il perimetro a tutte le attività delle tre aree, la percentuale di occupati è più che doppia: il 7%. Le attività culturali sono anche uno degli aggregati più dinamici del commercio internazionale: nel 2008 rappresentavano il 4% delle esportazioni mondiali, con un incremento superiore al 14% in sei anni (10% l Italia) grazie soprattutto alle arti visive e figurative, alla pubblicità, all architettura. L Italia è il quinto esportatore di attività creative, con il secondo miglior saldo mondiale della bilancia commerciale culturale (quasi 23 miliardi di euro). Il rapporto Unioncamere-Fondazione Symbola 2013, Io sono cultura, segnala una battuta d arresto sull occupazione e 150

3 Cultura, creatività, sviluppo il valore aggiunto (a fronte dell arretramento generale negli altri settori), però conferma l andamento positivo nel quinquennio , sia per gli occupati (+1,5%) che per il valore aggiunto (+2,5%). Architettura, moda, design, musica e audiovisivi sono stati gli artefici di questa performance positiva. Colpisce lo scarso contributo del patrimonio storico-artistico, di poco superiore al miliardo di euro, l 1,4% dei 75,5 miliardi di euro di valore aggiunto dell intero settore creativo-culturale, che dà lavoro al 5,7% degli occupati. La domanda di attività culturali e creative, almeno sul lungo periodo, è crescente ed è alimentata dai mercati emergenti. Il Rapporto Federculture 2012 misurava nel 2,6% dei casi l incremento di spesa per le attività culturali da parte delle famiglie italiane nel Incremento in linea con la media del decennio , in totale cresciuta del 26,3%, con preferenza per il teatro e la musica lirica, rispetto ai musei e gallerie. Nel 2013, però, il rapporto, per la prima volta dopo un decennio, segnala una flessione del 4,4% della spesa, che supera l 8% per i teatri e i concerti; e un forte arretramento delle presenze, prossimo al 12%. I musei statali, in particolare, hanno perso un decimo dei visitatori, scesi da 40 a 36 milioni. I musei di Londra, da soli, sfiorano lo stesso numero di visitatori. Numeri pesanti, ma fotografano il fondo della crisi. Non ridimensionano, e anzi rafforzano, la prospettiva di medio-lungo periodo che caratterizza queste riflessioni, con le relative proposte. Il legame fra cultura, creatività e crescita economica si basa sull innovazione. Le attività culturali cercano nuove espressioni e generano conoscenza, attraverso l accumulazione di savoir faire: in ambito artistico e culturale, qualcosa di più del semplice know how. Il lancio di un nuovo film prodotto 151

4 Sette anni di vacche sobrie a Hollywood o della nuova produzione artistica di una rinomata bottega artigiana hanno un obiettivo simile: stimolare una domanda inesplorata, grazie al valore dell innovazione e alla capacità di farne uso in un ciclo produttivo e distributivo. Poi, certo, le industrie sottostanti sono ben diverse, per dimensioni e organizzazione. Le imprese creative e culturali sono in genere piccole. La gestione diretta dei lavoratori è molto più diffusa e, al contrario di quanto avviene in altri settori, può rivelarsi efficiente. La presenza di capitale umano è ovviamente elevata: la loro natura e il loro successo dipendono in gran parte dal talento individuale o di squadra. Artisti, architetti, musicisti, attori, sarti, designers: un mix di abilità innate, istruzione, formazione, accumulo di esperienza. Poco sfruttato, ma fondamentale, è il legame con il turismo, finora potenzialmente percepito solo nelle grandi città e in alcuni siti di notorietà universale. Il Louvre o gli Uffizi, l Harvest Festival in Westminster Abbey o il festival dei Due Mondi di Spoleto sono luoghi o eventi che attraggono da soli decine di migliaia di visitatori e spettatori, in gran parte dall estero. Altrettanto avviene per i pellegrinaggi religiosi, dal Cammino di Santiago di Compostela in Spagna ai numerosi santuari italiani, dalla calabrese Madonna dello Scoglio a Sant Antonio da Padova, passando per decine di luoghi urbani o rurali, ricchi di storia e di tradizioni. Ce n è abbastanza per sostenere lo sviluppo economico locale, valorizzando ciò che si possiede o instaurando legami e collaborazioni fra luoghi diversi, spesso scioccamente in competizione. Molti distretti culturali e città creative italiane sono ben riconoscibili e hanno una buona reputazione a livello internazionale. L inserimento in un circuito di qualità, un sistema di marchi collettivi o individuali, può rafforzare i risultati o 152

5 Cultura, creatività, sviluppo semplificarne il conseguimento: dalle strade del vino costellate di denominazioni protette, ai presidi enogastronomici, ai siti Patrimonio dell umanità protetti dall Unesco, dei quali si è già detto. Forme e dimensioni in cui si manifesta la cultura materiale sono infiniti e diversissimi: si pensi al distretto milanese della moda e del design, ai vetri artistici di Murano e ai laboratori del presepe napoletano. Gli studi di Cinecittà a Roma, le televisioni e radio locali intorno alle città o in pieno centro storico sono invece alcune forme della produzione di contenuti. Tre casi di industria culturale: cibo, editoria, Firenze La scelta di tre case studies italiani rispetta lo schema dei settori produttivi dell industria culturale, qui adottato. Il Parmigiano Reggiano è un ottimo (anche nel senso di gustoso) esempio di cultura materiale plurisecolare, trasformata in attività di successo internazionale, non solo per il distretto emiliano di produzione ma per l Italia intera. L evoluzione dell editoria italiana e i processi associativi in atto sono un buon osservatorio della produzione di contenuti, informazione e comunicazione. La varietà e vitalità delle fondazioni culturali fiorentine permette di analizzare le prospettive di governance e valorizzazione dell intero patrimonio storico e artistico. 1. Il Parmigiano Reggiano Considerare un prodotto alimentare come fonte di sviluppo basato sulla creatività può apparire una provocazione. Invece il Parmigiano Reggiano non è solo un esempio virtuoso dell in- 153

6 Sette anni di vacche sobrie dustria italiana del gusto; è un caso riuscito di valorizzazione di un prodotto tradizionale (la creatività non sta nell averlo inventato, ma nell averlo saputo valorizzare) attraverso l azione coordinata di istituzioni, persone, imprese. Al punto da essere uno dei prodotti italiani più conosciuti (nonché imitati e contraffatti) al mondo. L industria del gusto è una dinamica realtà produttiva, con un fatturato in crescita (2,3% nel 2012, in linea con il +2,4% del 2011) e una spiccata vocazione internazionale: esporta in valore 25 miliardi di euro, il 19% della produzione industriale agroalimentare, circa il 7% del totale export italiano. Il valore delle esportazioni 2012 è aumentato dell 8% rispetto all anno precedente, quando viaggiava intorno al 10%. Quasi due terzi delle esportazioni riguardano prodotti di qualità, a marchio Made in Italy. In questo ambito il Parmigiano Reggiano corre. La produzione di 3,3 milioni di forme, da qualche anno in crescita di almeno 2 punti percentuali (con il 2012 frenato dai terremoti primaverili) è destinata per un quarto all esportazione, a sua volta raddoppiata rispetto al A sostenere questo trend sono soprattutto i grandi mercati occidentali Francia, Germania, Gran Bretagna, Stati Uniti e Canada che assorbono i tre quarti dell export. Ma cresce la nuova domanda dall Estremo Oriente, con incrementi annuali talvolta superiori al 50% (Giappone, Singapore) o perfino triplicati (Cina). E non potrà essere soddisfatta con l incremento della produzione, già oltre la soglia di 3,2 milioni di forme indicata dal piano produttivo Parliamo di una creazione casearia artigianale antica di 800 anni, che un disciplinare volutamente rigoroso circoscrive a cinque province (due delle quali in mi- 154

7 Cultura, creatività, sviluppo sura marginale), a 400 produttori consorziati, a 4mila allevamenti produttori di latte. L Unione europea ha da tempo concesso la Dop, la denominazione di origine protetta, ma solo dal 2012 è stata riconosciuta la piena conformità al disciplinare che vincola al territorio, oltre alla produzione e alla stagionatura, anche il confezionamento. Ben prima del timbro europeo, da ottant anni il Consorzio del formaggio Parmigiano Reggiano coordina la produzione, la valorizzazione e l export; tutela allevatori e marchio; garantisce origine, qualità, rispetto delle procedure dalla stalla alla distribuzione. Le competenze sono diffuse lungo la filiera: abilità agricole, conoscenze biologiche, chimiche, economiche, ambientali. Dal 1972 fornisce collaborazione e servizi il Crpa, il Centro ricerche produzioni animali, società pubblico-privata partecipata da enti territoriali, sistema camerale, associazioni agricole. Collegato alla facoltà reggiana di Scienze della produzione animale, il centro ha creato quattro laboratori di analisi e ricerca, che forniscono consulenza e servizi al Parmigiano Reggiano e ad altre eccellenze del territorio, come il Prosciutto di Parma. Prodotto artigianale e antico sì, ma oggetto di continua innovazione grazie alla ricerca scientifica e alla promozione, che rafforzano i legami con i produttori di latte e accrescono gli standard qualitativi. La piattaforma Sipr, Sistema informativo della filiera Parmigiano Reggiano, raccoglie ed elabora dati in tempo reale, per monitorare l intero processo produttivo e distributivo, mercati esteri inclusi. Anche gli antichi canali distributivi, come la vendita diretta in fattoria, sono riscoperti e affiancati da studi e progetti estesi al territorio: impatto ambientale, enogastro- 155

8 Sette anni di vacche sobrie nomia, sviluppo rurale, connessioni turistiche, diffusione di competenze attraverso la scuola casearia. L ambiente locale, la rete di imprese e industrie agroalimentari cooperanti a vario titolo e in modi diversi svolgono un ruolo cruciale, insieme al capitale umano e ad alcune istituzioni orientate allo sviluppo, che hanno favorito la nascita della rete dei musei del Cibo della provincia di Parma, dell Italian Food Academy Barilla, di Alma, scuola internazionale di Cucina italiana, nella Reggia di Colorno. Non a caso, dieci anni fa, Parma è stata scelta come sede dell Efsa, l Autorità europea per la sicurezza alimentare, agenzia indipendente istituita dalla Ue a tutela dei 500 milioni di consumatori europei, per la valutazione scientifica del rischio degli alimenti e dei mangimi. Questo caso sinergico e impegnativo si basa su una lunga storia, certo. Ma proprio perché è sperimentato può essere riprodotto in altri territori, valorizzando e razionalizzando ciò che esiste. La trasmissione di conoscenze secolari deve essere istituzionalizzata con azioni strategiche, che trasformano la creatività della cultura materiale in istruzione e innovazione di successo, sul piano produttivo ed economico. 2. Le traiettorie dell editoria Il comparto editoriale e della stampa è il maggiore fra le industrie creative e culturali italiane: primo in termini di valore aggiunto (19,2% nel 2012), secondo per occupazione (17,3%), con un modestissimo arretramento rispetto al 2011, secondo la classificazione del Rapporto Federculture. Ma per l editoria in senso stretto il 2012 è stato l annus horribilis secondo l Aie, l Associazione italiana editori, che ha rilevato un arretramen- 156

9 Cultura, creatività, sviluppo to superiore all 8% nel settore (al netto del cosiddetto non book ), tornato poco sotto la soglia dei tre miliardi di euro. Il contributo dell ebook è raddoppiato in un solo anno, ma rappresenta ancora una quota modesta (intorno al 2%; si tratta però di una stima, a causa del riserbo opposto dai player internazionali come Amazon alla diffusione dei propri dati di vendita). La produzione di titoli è stabile, a quota 61mila. Sul lungo periodo aumenta di circa 10mila titoli ogni decennio, dai 40mila dei primi anni novanta, ai 50mila del Ma la tiratura si assottiglia: con 220 milioni di copie 2012, il settore ne ha bruciate un quinto in un solo anno. In questo scenario, la presenza di piccole e medie imprese familiari è significativa, nonostante il peso di pochi grandi gruppi. Parlare di editoria in modo aggregato, con i numeri dell anagrafe, è però distorsivo. Quelli censiti da Ie, Informazioni editoriali, che pubblica le banche dati per gli operatori del settore e i librai (come Alice, il catalogo dei libri in commercio), sono aumentati nel decennio di quasi la metà, arrivando a quota Ma quelli considerati attivi dall Istat sono appena un terzo, 2700, e hanno seguito una dinamica inversa, arretrando del 20% nel decennio. Ancor meno quelli che abbiano prodotto almeno un titolo nell anno considerato: grosso modo il 60% di quelli censiti, e perciò meno di 1650 secondo le elaborazioni Aie (la quale rappresenta il 90% del mercato, ma non dichiara il numero degli associati). Nuovi editori, alcune centinaia l anno all inizio del secolo, oggi si affacciano sulla scena con il contagocce, poche decine l anno. Resta però vero che negli ultimi vent anni le storiche case editrici (almeno quelle sopravvissute ai processi di aggregazione e di estinzione) sono state affiancate da nuovi 157

10 Sette anni di vacche sobrie e moderni editori, con strutture leggere capaci di sfruttare al meglio le tecnologie digitali e la distribuzione via internet. L editoria comprende un ampio spettro di attività creative: ideazione, editing, diritti intellettuali, traduzione, promozione, distribuzione. Quasi tutte le case editrici tradizionali sono o erano dotate di tutte queste funzioni. Quelle più moderne si specializzano in poche fasi del processo editoriale. L innovazione è un tratto fondamentale del settore, travolto e sollecitato da rivoluzioni tecnologiche il cui impatto è paragonabile e forse superiore all invenzione dei caratteri mobili. Si sopravvive e si rinasce solo con strutture flessibili, elevata specializzazione, investimenti nelle nuove forme di produzione e distribuzione. A misurare il polso dell editoria nazionale e della lettura, e a far sottoscrivere accordi e cessione di diritti, provvedono le grandi rassegne internazionali come la Buchmesse di Francoforte. Sul mercato domestico i punti di riferimento sono il Salone internazionale del Libro di Torino e la Fiera del libro per ragazzi di Bologna. Le case editrici minori stringono accordi a livello territoriale, soprattutto per coordinare e rafforzare la distribuzione, la promozione e la comunicazione, la partecipazione agli eventi. Ma anche per favorire trasmissione di conoscenza e formazione professionale. Negli ultimi anni sono nate associazioni fra gli editori modenesi, abruzzesi, del Veneto e dell Umbria. Nel Mezzogiorno, con scopi anche più ambiziosi e la presenza di editori prestigiosi e di considerevole dimensione, operano Edica, Editori campani associati, e le associazioni fra gli editori pugliesi e sardi. Gli statuti consentono l adesione a organizzazioni nazionali o prevedono che la stessa associazione possa aderirvi e collaborare. Non a caso Aie, che pure ha un gruppo 158

11 Cultura, creatività, sviluppo Piccoli editori al quale appartiene uno dei vicepresidenti, ha costituito rappresentanze regionali (sei, finora, tre delle quali al Sud) con compiti statutari analoghi a quelli delle associazioni regionali autonome. Il Rapporto Aie 2013 sullo stato dell editoria in Italia conta nelle sei regioni del Mezzogiorno 318 editori attivi, quasi il 20% del totale, che hanno pubblicato oltre 4100 titoli, poco meno del 7% del totale. Numeri che segnalano difficoltà, ma anche voglia di reagire e di fare rete come mai in passato. Con almeno tre effetti rilevanti: sul piano economico, consentire la riduzione di costi come la traduzione, il marketing, il magazzino, divenuti insostenibili a livello individuale, specie per i piccoli; sul piano editoriale, permettere a ciascuno di coltivare una specializzazione o di valorizzare il territorio e gli autori locali; sul piano della rappresentanza, conferire autorevolezza e maggior forza contrattuale nel rapporto con gli enti territoriali, gli stampatori e i distributori, le organizzazioni nazionali. 3. Fondazioni culturali a Firenze Il patrimonio storico e artistico è prezioso ma non dà ricchezza. O almeno l Italia non è stata finora capace di cavarne. È un po come il valore delle quote della Banca d Italia, possedute (formalmente) dalle banche azioniste. Decine di miliardi di euro; o almeno sette, dicono gli esperti, perché gran parte delle voci all attivo, come le riserve valutarie, non appartengono agli azionisti ma al Paese, magari a tutti i cittadini dell euro. Insomma, sono indisponibili, proprio come gran parte del patrimonio storico e artistico. Ma indisponibili non vuol dire senza valore e, soprattutto, che non possano essere 159

12 Sette anni di vacche sobrie valorizzati. Come le quote della Banca d Italia, finora iscritte nei bilanci quasi sempre al valore nominale: appena 156mila euro in totale. Nell autunno 2013 la questione ricorrente di tanto in tanto, proprio come la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico si è rimessa in moto. E stavolta pare proprio sul punto di essere risolta, perché serve sia alle banche, per rafforzare lo stato patrimoniale senza dover fare aumenti di capitale indigesti al mercato; sia allo Stato, perché ha fretta di incassare l imposta sulla plusvalenza e così far quadrare la legge di stabilità e il rapporto deficit/pil del Per questo l esempio è parso appropriato, al di là della coincidenza temporale: l assoluta urgenza della soluzione, una volta tanto, fa ben sperare. Nel bilancio dell industria culturale, il comparto del patrimonio storico-artistico rappresenta appena l 1,4% in termini di valore aggiunto ed è equilibrato in termini occupazionali (1,6%). Il rilievo modesto e l equilibrio occupazionale, va sottolineato, sono dovuti al fatto che solo le attività private collegate all uso del patrimonio artistico sono considerate nel Rapporto Federculture La gestione pubblica è certamente meno efficiente e sovradimensionata dal punto di vista occupazionale. Ma il Libro bianco sulla creatività misura in 104 milioni di euro l incasso derivante da 34,6 milioni di visitatori che, nel 2006, acquistarono il biglietto per 402 musei (su 4739 censiti dal MiBac) e un numero imprecisato di monumenti e aree archeologiche, fra gli oltre 5600 censiti. Questi numeri danno appena un idea del gigantesco potenziale da valorizzare, senza tener conto per intuibili ragioni del patrimonio ecclesiastico, prossimo ai 60mila edifici o complessi, fra chiese, monasteri e conventi. 160

13 Cultura, creatività, sviluppo Almeno una parte dei 62mila archivi e delle biblioteche pubbliche e private dovrebbero alimentare investimenti tecnologici in vari ambiti: nuovi materiali per i restauri, e sistemi diagnostici indispensabili anche per il successivo monitoraggio; impianti e installazioni; sistemi di sicurezza; digitalizzazione dei contenuti; marketing e promozione; senza escludere servizi collegati, come la gestione dei flussi turistici. Esiste naturalmente un problema di risorse, il coordinamento, nell attuale assetto delle istituzioni culturali, è arduo almeno quanto la ritrosia a collaborare, la presenza di free riders, gli scrocconi, è elevata. Non riguarda tanto i fruitori, quanto i gruppi e le organizzazioni che utilizzano a proprio favore investimenti e luoghi pubblici, dirottandoli su attività private (prive di concessioni, responsabilità, costi) che giocano sull ambiguità, l equivoco, la prossimità a un museo, un sito archeologico, un monumento. Per questi motivi le fondazioni culturali possono rappresentare una scelta vincente per valorizzare gli immensi benefìci di lungo periodo che possono derivare dal nostro patrimonio. L attività coordinata fra diverse fondazioni può attrarre nuova domanda, investire in istruzione, offrire opzioni per soddisfare preferenze diverse, promuovere e sostenere partnership pubblico-privato. Esempi del genere esistono: quello toscano, di Firenze in particolare, rappresenta un interessante case study, replicabile in molti luoghi con gli opportuni adattamenti. Le industrie culturali e creative toscane rappresentano (secondo il citato Rapporto Federculture 2013) il 6,7% del valore aggiunto e il 7,7% degli occupati, rispetto al totale nazionale. L imprenditoria culturale fiorentina vale quasi il 12% delle imprese attive in provincia. Nello stesso territorio operano

14 Sette anni di vacche sobrie fondazioni culturali, in un ampio ventaglio di settori: arti e linguistica, come l Accademia della Crusca e quella delle Arti del disegno; cura di archivi e fondi personali, come la Fondazione Giovanni Boccaccio; musei specializzati, come l Istituto fiorentino di preistoria Paolo Graziosi ; tutela e valorizzazione di siti culturali, come la Fondazione Palazzo Strozzi; attività culturali, come la Fondazione Florens. Nonostante le molte diversità di competenze e scopi statutari, le fondazioni fiorentine sono un esempio flessibile di governance del patrimonio storico-artistico, in grado di coinvolgere e far operare insieme cittadini, banche, imprese, associazioni e pubbliche amministrazioni, per migliorare il coordinamento delle iniziative e dell offerta in un territorio ricchissimo di luoghi ed eventi culturali. Particolarmente interessante è la Fondazione Palazzo Strozzi, creata nel 2006 da enti pubblici, imprese e fondazioni private, per rivitalizzare il valore culturale ed economico del palazzo emblema del Rinascimento fiorentino. Scopo ambizioso, perseguito con la riscoperta degli spazi artistici, progetti culturali e di inclusione sociale, eventi dedicati alla cultura materiale e con il coinvolgimento del territorio, com è avvenuto per la manifestazione Palazzo Strozzi e il Chianti, che ebbe grande risonanza nell estate La promozione si è spinta anche all estero, con il Progetto Cina. La fondazione svolge anche attività di ricerca in collaborazione con le maggiori realtà fiorentine, come lo studio bilingue Rinnovare l immagine di una città d arte. Analisi di un benchmark internazionale. I segnali che le fondazioni riescano a combinare creazioni originali, talenti e innovazione in modo vantaggioso per tutti, non mancano. Soprattutto per il coinvolgimento di enti pubblici e imprese private, ciascuno intenzionato a svolgere al 162

15 Cultura, creatività, sviluppo meglio il suo ruolo istituzionale: garantire l uso corretto del patrimonio pubblico, da una parte; perseguire l efficienza e rendere compatibili gli eventi culturali con la sostenibilità economica, dall altra. Una contaminazione virtuosa. 163

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

ll MODELLO del PIANO di GESTIONE

ll MODELLO del PIANO di GESTIONE MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Commissione Nazionale Siti UNESCO e Sistemi Turistici Locali ll MODELLO del PIANO di GESTIONE dei Beni Culturali iscritti alla lista del Patrimonio dell Umanità

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli