Risk Assessment. Identificazione e valutazione dei rischi aziendali. Corso di Revisione aziendale Seminario dell 11 dicembre 2006

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risk Assessment. Identificazione e valutazione dei rischi aziendali. Corso di Revisione aziendale Seminario dell 11 dicembre 2006"

Transcript

1 Risk Assessment Identificazione e valutazione dei rischi aziendali Corso di Revisione aziendale Seminario dell dicembre 006

2 Indice Sez. A Risk Assessment Rischio aziendale Sistema di Controllo Interno Quadro Normativo di Riferimento Sez. B Metodologia Approccio Teorico Approccio Operativo In Sintesi Q&A

3 RISK ASSESSMENT Definizione e Obiettivi 3

4 Definizione Il Risk Assessment è una metodologia strutturata di autovalutazione dei rischi di business da parte del management, che, attraverso interviste guidate ai responsabili dei processi aziendali, consente di: identificare i rischi di business che limitano o ostacolano il raggiungimento degli obiettivi societari; determinare il relativo livello di rischio; sviluppare strategie di controllo idonee ad assicurare una maggiore copertura delle aree in cui sono presenti i rischi significativi. 4

5 Obiettivi Definire il modello aziendale di riferimento in termini di processi principali e secondari; Analizzare i processi aziendali ed individuare quelli maggiormente sensibili; Identificare e valutare, per ogni processo, i rischi ed i relativi controlli; Sviluppare e mantenere un approccio innovativo di gestione dei rischi aziendali. 5

6 COSA E IL RISCHIO AZIENDALE 6

7 Rischio E una componente presente in ogni attività imprenditoriale e rappresenta un evento potenziale che riduce la probabilità di raggiungere gli obiettivi di business aziendali. Il rischio d impresa può essere classificato in: Interno Strategico (es. quote di mercato, immagine); Operativo (es. budget produttivi, qualità); Finanziario (es. frode, budget finanziario); Conformità (es. conformità alle leggi, codici di condotta). Esterno Leggi e regolamenti; Concorrenza; Trends economici. 7

8 Rischio - Universo 8

9 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO 9

10 Sistema di Controllo Interno E costituito dall insieme delle regole, delle procedure e delle strutture organizzative che mirano ad assicurare il rispetto delle strategie aziendali con il conseguimento di efficacia ed efficienza dei processi aziendali e salvaguardia del valore delle attività a protezione delle perdite. 0

11 Sistema di Controllo Interno Il Sistema di Controllo Interno, la cui responsabilità è del C.d.A., incorpora tre livelli di azione: Controlli di I a linea resp. Gestione Operativa Monitoraggio sistematico resp. Controllo di Gestione Revisione periodica resp. Internal Auditing Revisori Esterni Ogni responsabile delle attività aziendali deve avere consapevolezza dei rischi connessi con la propria funzione e dei controlli in essere volti a mitigarli.

12 Sistema di Controllo Interno Propedeuticità del Risk Assessment Co-develop Expectations Risk Assessment Audit Plan Execution Communicate Results Fasi eseguite nel corso di un progetto di Risk Assessment

13 NORMATIVA DI RIFERIMENTO 3

14 Quadro normativo di riferimento In dettaglio, lo scenario di riferimento che si è manifestato in questi ultimi anni in Italia ha presentato le seguenti novità legislative: Quadro Normativo di Riferimento Banca d Italia e Consob Codice di autodisciplina della Borsa (Preda) D.Lgs. 58/98 (Draghi) D.Lgs. 3/0 Riforma Vietti del Diritto Societario Legge sul Risparmio Valutano la predisposizione di un sistema di rilevazione, analisi, misurazione dei rischi che minacciano il corretto funzionamento ed il raggiungimento degli obiettivi aziendali al fine di rendere più efficienti ed efficaci i processi aziendali. Ha introdotto in Italia i principi della Corporate Governance ponendo, tra l altro, enfasi sulla rilevanza del Sistema di Controllo Interno e sul ruolo dei soggetti (organo amministrativo e di controllo) che devono assicurare e vigilare sulla sua adeguatezza, suggerendo l istituzione di un comitato per il controllo interno composto da amministratori non esecutivi, nonché la nomina del preposto al controllo interno. Attribuisce al Collegio Sindacale il compito di vigilare sul controllo interno, sull osservanza della legge, sulla corretta amministrazione e di valutare l adeguatezza della struttura organizzativa e del sistema amministrativo contabile. Disciplina inoltre i flussi informativi tra il CS ed i soggetti preposti al controllo. Ha introdotto la responsabilità amministrativa degli enti e la figura dell Organismo di Vigilanza quale soggetto deputato al controllo sull applicazione del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo. Introduce modelli alternativi di governo societario, modifica le norme sugli organi di amministrazione e controllo allineandosi alla disciplina del TUF e del Codice Preda e pone l accento sui requisiti soggettivi degli amministratori e su quelli di indipendenza degli organi di controllo. Interviene direttamente sulla governance aziendale introducendo tra l altro la figura del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari con responsabilità sulla veridicità dei documenti pubblicati, sulla redazione di apposite procedure e sull applicazione delle stesse in ordine alle quali le Autorità di Vigilanza esercitano il proprio controllo. 4

15 METODOLOGIA Approccio teorico 5

16 Approccio teorico L attività di Risk Assessment: si focalizza sui rischi di impresa (strategici, operativi, finanziari e di conformità); si basa sulle interviste con il management responsabile dei processi; si incentra su un sistema strutturato di identificazione e valutazione dei rischi e della individuazione dei controlli associati. 6

17 Approccio teorico La metodologia di progetto prevede una analisi per: Processi Obiettivi Performance I PROCESSI aziendali sono insiemi organizzati di attività svolte dalla Società al fine di produrre valore. Gli OBIETTIVI di business sono i risultati specifici, raggiungibili e misurabili, che il Management si propone di realizzare. Gli INDICATORI DI PERFORMANCE (Key Performance Indicators) evidenziano gli aspetti oggettivamente misurabili e permettono di verificare il raggiungimento degli obiettivi di business. 7

18 Approccio teorico Approccio per Organigramma Aree-Unità Organizzative Stabilimenti Controllo Fatt. Produttivi Tecnologia Divisione Qualità Pianificazione Approvvigionamen ti Attività Attività Attività 3 Attività 4 Attività 5 Processi Aziendali Approccio per Processo 8

19 Approccio teorico La metodologia di progetto prevede inoltre una analisi per: Rischi Cause Controlli I RISCHI sono una componente presente in ogni attività imprenditoriale e rappresentano un evento potenziale che riduce la possibilità di raggiungere gli obiettivi di business. Le CAUSE sono i fattori che possono determinare il verificarsi del rischio aziendale. I CONTROLLI sono le attività in essere nell azienda che permettono di ridurre la possibilità del manifestarsi dei rischi. 9

20 METODOLOGIA Approccio Operativo 0

21 Approccio Operativo Il lavoro si articola in tre distinte attività:. Preparazione del Risk Assessment. Condivisione con Top Management 3. Analisi dei processi 3. Valutazione Qualitativa 3. Valutazione Quantitativa 3.3 Action Plan

22 Approccio Operativo Preparazione del Risk Assessment. Acquisizione delle informazioni aziendali Acquisizione documentazione Piano Strategico Organigramma Funzionigramma Bilanci pubblicati Report circa la situazione di mercato e dei competitors. Definizione dell ambito operativo Individuazione delle Funzioni aziendali interessate dalle attività di Risk Assessment Individuazione degli owner dei Mega/Major Process Esplicitazione degli obiettivi strategici aziendali rispetto ai quali effettuare l analisi.3 Elaborazione del modello di analisi Elaborazione in via preliminare dei seguenti documenti: Service Charter Mappa dei Processi Aziendali - Mega / Major Process Matrice Processi Aziendali vs Funzioni Aziendali

23 Approccio Operativo Condivisione con Top Management Attraverso l effettuazione di interviste di condivisione con il management responsabile dei processi principali (Top management) si ottiene:. Validazione del Modello dei Processi: - Mega Process / Processi Principali - Major Process / Processi Secondari. Individuazione della missione e degli obiettivi strategici e di business dei singoli processi.3 Individuazione dei Process Owner dei Major Process 3

24 Service Charter Business drivers e opportunità Comprensione dei Rischi fondamentali Allineamento Risultato Obiettivi Azioni strategiche Processi chiave Rischi chiave di Strategia di servizio Value scorecard zzare xxxxx Concentrazione sul Core Business Business Programmazione e monitoraggio rete. Promozione e vendita. Servizi post vendita. Supporto Gestione degli aspetti amministrativi, finanziari e di controllo. Gestione degli affari legali e societari. Gestione delle risorse umane ed organizzazione. Gestione dei sistemi informativi. Gestione dei rapporti istituzionali e delle relazioni esterne. Internal Auditing and Security. Acquisizioni, dismissioni, fusioni ecc. Il nostro intervento avrà come oggetto i processi chiave relativi ad xxxxx S.p.A.. I passaggi fondamentali della strategia di erogazione del servizio sono di seguito elencati: Conduzione di interviste strutturate con i process owner dei vari processi. Rilevazione e autovalutazione preliminare dei rischi e controlli secondo la metodologia dell analisi dei processi. Condivisione delle informazioni e delle osservazioni con gli intervistati. Sviluppo di azioni correttive in merito ai processi non adeguatamente controllati. Sviluppo di un piano di audit in merito ai processi adeguatamente controllati. Comunicazione e condivisione dei risultati con l Alta Direzione. Comprensione del modello di busi aziendale. Rilevazione della macro-gerarchia processi aziendali e dei princ fattori incidenti sull organizzazione Rilevazione e mappatura dei proc e dei relativi rischi e controlli. Coinvolgimento dei process owne processo valutativo e sensibilizzaz degli stessi in termini di cultura controllo. Identificazione delle eve opportunità di miglioramento sistema dei controlli. Strategie di controllo / Risk management Monitoraggio del Piano Industriale. Monitoraggio dell evoluzione dell organico e della struttura aziendale. Prodotti finali Service Charter. RACM (Risk Assessment Criteria Matrix). Influenze esterne Mappa dei processi, dei rischi e dei controlli. Report delle osservazioni e/o raccomandazioni sui punti di debolezza o di miglioramento individuati. Action plan. cità di intraprendere le azioni necessarie azionalizzazione del personale, utilizzo nte della flotta, degli equipaggi e della ogia, ecc.) al fine di aumentare nza e l efficacia. nza e conoscenza dei principali mercati zionali/aree obiettivo. isizione e implementazione di strumenti vato contenuto tecnologico. Indicatori chiave di performance ASK: Available Seats Kilometers significative e dei relativi pian Presentazione delle osserva azione. Fattori critici di successo Normativa Italiana ed Europea di riferimento. Condizioni politiche e socio-economiche. Rapporti con Stato ed Enti Locali. Competitors. Fornitori. Associazioni dei consumatori. Condizioni climatiche Altri Stakeholder (banche, investitori istituzionali, ecc.) 4

25 Modello dei processi PROCESSI DI GOVERNO PROCESSI DI BUSINESS Pianificazione, monitoraggio e controllo interno Definizione della strategia di business Sviluppo del prodotto Sviluppo del mercato Vendita Approvvigionamento Erogazione del servizio Servizi post vend Processi di supporto Processo rocesso. rocesso. LEGENDA PROCESSO PRINCIPALE PROCESSO SECONDARIO PROCESSO IN OUTSOURCING Gestione degli aspetti relativi all amministrazione ed alla finanza Gestione degli Acquisti indiretti Gestione delle risorse umane ed organizzazione Gestione dei rapporti istituzionali e relazioni esterne Gestione degli affari legali e societari Gestione dei sistemi informativi Gestione della sicurezza aziendale 5 Gestione della safety e della certificazione aziendale

26 PROCESSI PRINCIPALI Matrice Processi Aziendali vs Funzioni Aziendali PROCESSI SECONDARI Comm. e Mkting Operations Unità Sigari App. menti Ricerca Commerciale e Mkting (Dott. Balzer) Vendite Italia (Dott. Rodriguez) Servizio Gestione Clienti (Dott. Balzer) Marketing (Dott. Quadrini) Controllo Operativo (Dott. Silvi) Operations (Ing. Iacobucci) Pianificazione (Dott. Cetta) Coordinamento manifatture in dismissione (Ing. Azzara) Controllo Fattori Produttivi (Ing. Piagnarelli) X Direttori di Stabilimento Tecnologie e Qualità (Ing. Caroti) Prototipazione (Ing. Rosati) Impianti (Ing. Orlandi). Ricercare e identificare nuovi prodotti del tabacco (sigarette/sigari). Sviluppare le specifiche tecniche dei nuovi prodotti X.3 Sviluppare un prototipo del nuovo prodotto X.4 Valutare le problematiche di produzione dei nuovi p rodotti da realizzare. Selezionare la strategia di marketing X. Definire e comunicare l'immagine della società e dei prodotti.3 Sviluppare e gestire la vendita dei prodotti X Ottenere, accettare ed elaborare i fabbisogni dei depositi Elaborare i programmi di X X X Tecnologie (Ing. Santi) Qualità (Dott.ssa Cocciolo) Sicurezza (Ing. Tabbita) Unità Sigari (Dott. Milano) Tecnologie e Qualità (Dott. Matarazzo) Controllo Fattori Produttivi (Ing. Napolitano) Approvvigionamento Tabacchi (Dott. Totino) Approvvigionamenti (Dott. Milano) Acquisti Italia e Europa (Dott. Stramacci) Acquisti americhe e Africa (Dott. De Cicco) Materie Sussidiarie (Dott. Violanti) Ricerca (Dr. Nunziata) approvvigionamento di materie prime/suss. X X Elaborare i programmi di approvvigionamento impianti X X Selezionare i fornitori, stipulare i contratti ed emettere gli ordini di acquisto di materie prime/suss. Selezionare i fornitori, stipulare i contratti ed emettere gli ordini di acquisto di impianti X X X X Ricevere e controllare la fornitura di materie p rime/suss. X X X X X 3.6 Ricevere e controllare la fornitura di impianti X 4. Immagazzinare le materie prime ed alimentare il processo produttivo X X 4. Predisporre il piano di produzione ottimizzando l'utilizzo delle risorse X 4.3 Assemblare ed imballare il prodotto X X X X X 5. Consegnare i prodotti del tabacco X X 5. Fatturare (ACF) 6. Assistere il cliente post vendita X 6. Monitorare la performance dei prodotti X 6.3 Gestire gli incassi (ACF) Supp.. Implementare e gestire i sistemi di controllo Supportare il controllo di gestione dell'intera Supp.. impresa (Pianificazione e Controllo) Monitorare le performance aziendali a livello Supp..3 direzionale e divisionale Supp..4 Pianificazione Finanziaria Amministrazione, bilancio di esercizio e Supp..5 consolidato (AFC) Supp.. Pianificare l'ambiente IT Sviluppare/acquisire e consegnare le Supp.. soluzioni IT Supp..3 Gestire l'operatività dell'ambiente IT Supp..4 Organizzare e monitorare i processi IT Progetti Sviluppo Tecnologico (Ing. Barca) Analisi Materie Prime 6

27 Struttura dei processi Mega-Major Process Mega Process Es.: Ricerca e sviluppo di nuovi prodotti Major Process Identificare nuovi prodotti Sviluppare specifiche tecniche dei nuovi prodotti Sviluppare campioni di nuovi prodotti Valutare possibili sotto-prodotti Questa metodologia è un approccio innovativo per la valutazione dei rischi di audit che si focalizza sui processi di business dell azienda. Essa fornisce una migliore comprensione dei rischi di business (finanziari, operativi, strategici) e permette di allocare efficientemente le risorse di audit in funzione del grado di rischio presente nelle varie aree. Major process Obiettivo e proprietario Descrizione Clienti, fornitori e interfacce Rischi principali Controlli previsti Indicatori di performance Analisi del processo Le informazioni che seguono sono sviluppate per ciascun major process identificato all interno dei mega process. I processi esternalizzati sono oggetto di analisi ai soli fini della definizione delle interfacce e degli standard di qualità Descrive la finalità del processo e, quando rilevante, dei subprocessi. Gli obiettivi possono essere di business, operativi (inclusi quelli finanziari) e di conformità regolamentare. Identifica inoltre l area reponsabile di assicurare che il processo consegua i suoi obiettivi. Ove necessario, si procede alla identificazione dei proprietari dei subprocesi Descrive le principali attività componenti il processo ed il relativo flusso. Se necessario, si descrivono le attività dei subprocessi. Identifica anche le principali operazioni di trasformazione della transazione (ad esempio: incasso sospeso, incasso abbinato). Ove necessario, descrive le esigenze di lavorazione (automatizzata) dei dati Definisce i confini del processo in termini di fonti dell input e di destinazione dell output. Ove necessario, qualifica gli standard qualitativi degli input ed output (tempi, accuratezza, livello di dettaglio, ) Identifica i rischi principali (di business, operativi e regolamentari) inerenti allo svolgimento del processo. I rischi dipendono dagli obiettivi del processo e dalla valutazione di quanto l inappropriata esecuzione del processo possa incidere sul loro conseguimento. È pertanto necessario comprendere la relazione del processo con i fattori critici di successo e l influenza che possono esercitare gli stakeholder interni ed esterni ed i fattori ambientali non controllabili. I rischi sono condivisi con i process owner Identifica i controlli chiave direzionali, operativi ed informatici per assicurare che il processo consegua i suoi obiettivi. Identifica inoltre i controlli comunque richiesti dal quadro regolamentare Identifica le misure che sono utilizzate per valutare il conseguimento degli obiettivi del processo 7

28 Approccio Operativo Analisi dei processi 3. Valutazione Qualitativa 3.. Interviste con i Process Owner dei processi Major Vengono effettuate interviste con i process owner utilizzando il metodo topdown al fine di acquisire: La descrizione delle attività svolte Gli obiettivi del processo, In-Output, Inizio-Fine, Indicatori di performance aziendale (KPI) Il documento bozza, Self Assessment, viene quindi condiviso con gli Owner dei rispettivi processi e viene elaborata la scheda Rischi/Controlli. 8

29 Approccio Operativo Analisi dei processi Nel corso delle interviste con il management responsabile dei processi vengono: Individuati - i rischi associati ad ogni processo secondario; - i correlati controlli in essere; - le aree sovra/sotto cotrollate; - i KPI (Indicatori chiave di performance). Condivisi - le analisi dei Processi aziendali; - gli obiettivi strategici di business; - la valutazione dei rischi e dei controlli. 9

30 Scheda mappatura processo rocesso: : Individuazione e sviluppo nuovi prodotti Processo econdari o Scopo Obiettivi Owner e descrizione Inizio e Fine Input e Output Indicatori chiave di performance icercare e dentificare uovi rodotti.) Ricercare e identificare nuovi prodotti Sviluppare miglioramenti di packaging/rest yling per prodotti già esistenti al fine di soddisfare la clientela Sviluppare nuovi prodotti ed aggiornare prodotti esistenti secondo il trend del mercato e le esigenze della clientela Responsabile Commerciale e Marketing Responsabile Marketing Condurre indagini del mercato allo scopo di identificare le esigenze della clientela, i trend della concorrenza e l andamento delle vendite Aggiornare prodotti esistenti Definire nuovi prodotti del tabacco nel rispetto degli indirizzi strategici Responsabile Ricerca Verificare la compatibilità con la normativa in materia sanitaria delle materie prime da utilizzare e del prodotto finito Inizio: Percezione del fabbisogno Fine: Predisposizione del Brief del prototipo Inputs: La strategia dell indagine del mercato sui fabbisogni della clientela, sui trend della concorrenza e sull andamento delle vendite Assessment del mercato (incluso il recepimento sul mercato dei nuovi prodotti e fedeltà alle marche dei concorrenti) Prodotti esistenti Infrastruttura esistente (ingegneria & macchinari) Budget Rapporto fra domanda potenziale stimata e consuntivo delle vendite Prima ipotesi di utili lordi dei nuovi prodotti Confronto con i nuoviprodottidei competitors (benchmark) di riferimento per categoria (segmentation) 30

31 Approccio Operativo Analisi dei processi 3.. Output L attività mirata di intervista con i process owner permette di: valutare il profilo di rischio dei Processi (Alti, Medi, Bassi); valutare il profilo del controllo dei Processi (adeguato, parziale, assenza); individuare i processi più impattati dai rischi di business; impostare un Action Plan. I rischi individuati sono valutati sulla base dell impatto che gli stessi hanno sugli obiettivi di business e della probabilità che si verifichino. La rappresentazione dell importanza del rischio sarà realizzata utilizzando la Risk Assessment Criteria Matrix. 3

32 Rischio Risk Assessment Criteria Matrix Risk Assessment Criteria Matrix TEGORIA RISCHIO RATEGICO TRATEGIC) SOTTO CATEGORIA IMPATTO DI RISCHIO GRAVE MODERATO INSIGNIFICANTE Dinamiche di mercato (Market dynamics) Iniziative significative (Major initiatives) Fusioni, acquisizioni e disinvestimenti (Mergers, acquisitions and divestiture) Rischi connessi al mercato non percepiti che comportano gravi inefficienze interne e perdita del cliente/mercato. Inadeguata previsione degli scenari di riferimento in termini di competitors, tendenze di mercato, ed evoluzione della tecnologia che comporta la definizione di strategie non efficienti/efficaci. Rischi paese non percepiti che comportano gravi inefficienze interne e perdita del mercato. Decisioni che possono compromettere gravemente e permanentemente l operatività aziendale. Acquisizioni, dismissioni, fusioni e/o altre operazioni straordinarie effettuate in contrasto con una sana e prudente gestione aziendale. Rischi connessi al mercato non percepiti che comportano aumento dei costi e allungamento dei tempi. Inadeguata previsione degli scenari di riferimento in termini di competitors, tendenze di mercato, ed evoluzione della tecnologia che comporta la definizione di strategie non efficienti. Rischi paese non percepiti che comportano aumento dei costi e dei ritardi. Decisioni che possono compromettere l operatività aziendale. Acquisizioni, dismissioni, fusioni e/o altre operazioni straordinarie non in linea con le direttive del Piano Strategico. Rischi connessi al mercato non percepiti che comportano lievi ritardi operativi. Inadeguata previsione degli scenari di riferimento in termini di competitors, tendenze di mercato, ed evoluzione della tecnologia che comporta la perdita di opportunità. Rischi paese non percepiti che comportano lievi ritardi operativi. Decisioni che possono comportare lievi inefficienze interne. Acquisizioni, dismissioni, fusioni e/o altre operazioni straordinarie effettuate a valori non in linea con quelli di mercato. 3

33 Scheda Rischio - Controllo RISK/CONTROL EVALUATION Processo: : Individuazione e sviluppo nuovi prodotti Processo secondario: Ricercare e identificare nuovi prodotti Rischio Rilevanza Valutazione Probabil ità Impatto Controllo Incapacità di riconoscere il trend di mercato, con conseguente perdita di opportunità di vendita Adeguatamente controllato Bassa Alto Indagini del mercato mirate ad identificare le esigenze della clientela, i trend della concorrenza e l andamento delle vendite (manuale; formalizzato) Formalizzazione annuale sulle previsioni dell andamento di mercato (manuale; formalizzato) Brief del prodotto non allineato alle strategie della società Adeguatamente controllato Competitors già presenti sul mercato Adeguatamente controllato Bassa Alto Sottoporre l analisi del mercato e il brief del prodotto al vaglio del management (preventivo vs. consuntivo) (manuale; formalizzato) Alta Medio Indagini del mercato mirate ad identificare le esigenze della clientela, i trend della concorrenza e l andamento delle vendite (manuale; formalizzato) Sistema informativo che informi sui lanci della concorrenza Controllo sulla Gazzetta Ufficiale (manuale; non formalizzato) Competitors raggiungono il mercato con un prodotto migliore Inadeguatament e controllato Alta Medio I nuovi prodotti cannibalizzano la richiesta per i prodotti esistenti Adeguatamente controllato Medio Medio Valutare l impatto dell ingresso dei nuovi prodotti rispetto alle previsioni di vendita dei prodotti attuali (manuale; non formalizzato) Brief del prototipo non dettagliato e poco esaustivo Adeguatamente controllato Bassa Medio Standard del Brief Approvazione del brief 33

34 Matrice per la valutazione del Rischio I M P A T T O grave moderata M A A B M A 3 B B M insignificante 3 improbabile moderata comune A: Alto M: Medio B: Basso FREQUENZA 34

35 Modello dei processi Rischi rilevati Sviluppo Sviluppo del del Business Business Gestione Gestione Contratti Contratti Logistica Logistica In In Logistica Logistica Out Out Individuare le le attività attivitàdi di Business Business Sviluppare le le strategie strategie di di Comunicazione Individuare il il Catalogo Catalogo Prodotti Prodotti e e Produttori Produttori dei dei beni benida da commercializzare 33 Definire Definirei i volumi volumi prezzi prezzi modalità modalità e e margini margini di di contribuzione (Accordi (Accordi commerciali di di fornitura) fornitura) 44 Gestire Gestire i i rapporti rapporti contrattuali con con i i Produttori/ Fornitori Fornitori di di servizi servizi Immettere i i nuovi nuoviprodotti 66 Gestire Gestirelo lo stock stock presso pressoi i magazzini (riordino) (riordino) Gestire Gestire dal dal lato lato cliente clientei i sistemi sistemi informativi e e Presidiare il il sistema sistema di di Front Front End End / / Portale PortaleWeb 88 Ricevere Ricevere gli gli ordini ordini di di vendita venditae e Consegnare la la merce merce9 9 Gestire Gestire il il Customer Customer Service, Service, il il Customer Customer Care Care ed ed il il Call Call Centre Centre 0 0 Amministrazione Finanza e Controllo Amministrazione Controllo 0 egenda Mega Process Major Process Totale Rischi: n 5 di cui

36 Modello dei processi Controlli rilevati Sviluppo Sviluppo del del Business Business Gestione Gestione Contratti Contratti Logistica Logistica In In Logistica Logistica Out Out Individuare le le attività attivitàdi di Business Business Sviluppare le le strategie strategie di di Comunicazione Individuare il il Catalogo Catalogo Prodotti Prodotti e e Produttori Produttori dei dei beni benida da commercializzare 33 Definire Definirei i volumi volumi prezzi prezzi modalità modalità e e margini margini di di contribuzione (Accordi (Accordi commerciali di di fornitura) fornitura) 44 Gestire Gestire i i rapporti rapporti contrattuali con con i i Produttori/ Fornitori Fornitori di di servizi servizi Immettere i i nuovi nuoviprodotti 66 Gestire Gestirelo lo stock stock presso pressoi i magazzini (riordino) (riordino) Gestire Gestire dal dal lato lato cliente clientei i sistemi sistemi informativi e e Presidiare il il sistema sistema di di Front Front End End / / Portale PortaleWeb 88 Ricevere Ricevere gli gli ordini ordini di di vendita venditae e Consegnare la la merce merce 99 Gestire Gestire il il Customer Customer Service, Service, il il Customer Customer Care Care ed ed il il Call Call Centre Centre 0 0 Amministrazione Finanza e Controllo Amministrazione Controllo egenda Mega Process Major Process otale Rischi: n 5 di cui Rischi Adeguatamente Controllati: 37 Rischi Parzialmente Controllati: 4 Rischi Non Controllati: 36

37 Approccio Operativo Analisi dei processi 3. Valutazione Quantitativa 3.. Implementazione del modello numerico Nel tentativo di fornire un analisi dettagliata delle informazioni è stato implementato un modello di analisi che sulla base delle valutazioni fornite dal management intervistato consente una rappresentazione numerica e grafica della curve di rischio aziendale relativamente a: Obiettivi Strategici (OS) Rischi Aziendali (R) Controlli in essere (C) Area di rischio controllato (ARC) Area di rischio residuo (ARR) Scostamento obiettivi vs controlli (SOC) 37

38 Valutazione Quantitativa Output grafico Rappresentazione Grafica dei risultati - grafico di tipo A rappresenta il grado di rilevanza, degli obiettivi strategici/aziendali, attribuito dal Top Management ad ogni processo ovvero l importanza dei singoli processi aziendali ai fini del raggiungimento degli Obiettivi strategici dell Azienda. - grafico di tipo B evidenzia la rischiosità di ogni processo percepita dal Management operativo ed i relativi controlli posti a presidio dell area compresa tra le curve che indica il rischio residuo. Il grafico ha anche la funzione di cruscotto per rilevare l andamento delle attività poste in essere a presidio dei rischi. - grafico di tipo C consente di confrontare la rilevanza degli Obiettivi Strategici attribuita ai processi, rispetto ai rischi ed ai controlli aziendali. 38

39 Valutazione Quantitativa - Obiettivi Strategici RILEVANZA DEL PROCESSO vs OBIETTIVI STRATEGICI Rilevanza INDIVIDUAZIONE E SVILUPPO NUOVI SVILUPPO DEL MERCATO APPROVVIGIONA MENTI RILEVANZA DEL PROCESSO Processi PRODUZIONE CONSEGNA DEL PRODOTTO SUPPORTO POST VENDITA 39

40 Valutazione Quantitativa Rischi e Controlii CONTROLLI & RISCHI INDIVIDUAZION E E SVILUPPO NUOVI SVILUPPO DEL MERCATO APPROVVIGION AMENTI RISCHIOSITA' DEL PROCESSO CONTROLLO SUL PROCESSO 39,5 50, ,5 5,5 Processi PRODUZIONE CONSEGNA DEL PRODOTTO SUPPORTO POST VENDITA 40

41 Valutazione Quantitativa - Obiettivi Strategici vs Rischi e Controlli Obiettivi Strategici & Rischi & Controlli 50 SIGARETTE Rilevanza Percentuale INDIVIDUAZIONE E SVILUPPO NUOVI SVILUPPO DEL MERCATO APPROVVIGION AMENTI PRODUZIONE CONSEGNA DEL PRODOTTO SUPPORTO POST VENDITA Obiettivi Strategici Rischi Controlli Processi 4

42 Approccio Operativo Analisi dei processi 3.. Analisi dei risultati Vengono valutati i rapporti percentuali espressi dai grafici ed individuati i processi aziendali sensibili Proposta delle attività da implementare Area di rischio residuo (ARR) Area di rischio controllato (ARC) Scostamento obiettivi (SOC) Action Plan Aziendale Audit Plan Internal Auditing Sensibilizzazione del Management 4

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2011-2012 Università di Macerata Facoltà di Economia 1 Obiettivo della lezione QUALITY ASSESSMENT REVIEW I KEY PERFORMANCE INDICATORS

Dettagli

Fattori critici di successo

Fattori critici di successo CSF e KPI Fattori critici di successo Critical Success Factor (CSF) Definiscono le azioni o gli elementi più importanti per controllare i processi IT Linee guida orientate alla gestione del processo Devono

Dettagli

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012

Retail Store Audit. Milano, 21 novembre 2012 . Milano, 21 novembre 2012 Agenda Presentazione risultati Survey Modalità operative e leading practices Tavola Rotonda Presentazione risultati Survey. - 2 - La Survey Obiettivo: La ricerca condotta da

Dettagli

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE

Direzione Centrale Audit e Sicurezza IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE IL SISTEMA DELL INTERNAL AUDIT NELL AGENZIA DELLE ENTRATE Maggio 2006 1 La costituzione dell Audit Interno La rivisitazione del modello per i controlli di regolarità amministrativa e contabile è stata

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

Esternalizzazione della Funzione Compliance

Esternalizzazione della Funzione Compliance Esternalizzazione della Funzione Compliance Supporto professionale agli intermediari oggetto della normativa di Banca d Italia in materia di rischio di non conformità Maggio 2012 Labet S.r.l. Confidenziale

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management a cura di: Francesco M. Renne docente CUOA Finance, coordinatore Osservatorio Legislazione & Mercati Bruno Borgia docente CUOA Finance, membro

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO?

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE Domanda di beni che l azienda utilizza a scopo interno oppure

Dettagli

Banche e Sicurezza 2015

Banche e Sicurezza 2015 Banche e Sicurezza 2015 Sicurezza informatica: Compliance normativa e presidio del rischio post circolare 263 Leonardo Maria Rosa Responsabile Ufficio Sicurezza Informatica 5 giugno 2015 Premessa Il percorso

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Nel seguito sono presentati i servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Università Bocconi 30 gennaio 2006 Ordine Dottori Commercialisti 1 IL CUORE, LA MENTE, LA TUTELA Se i manager fanno muovere la macchina organizzativa,

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma

IT Risk-Assessment. Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. Davide SUSA - ACSec AIIA - Consigliere del Chapter di Roma IT Risk-Assessment Assessment: il ruolo dell Auditor nel processo. AIIA - Consigliere del Chapter di Roma Agenda Overview sul Risk-Management Il processo di Risk-Assessment Internal Auditor e Risk-Management

Dettagli

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi

FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi FNM SpA Linee di Indirizzo del Sistema di Controllo Interno e Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione in data 17 aprile 2014 Linee di Indirizzo del SCIGR 1. Premessa Il Sistema di

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità

La Certificazione ISO 9001:2008. Il Sistema di Gestione della Qualità Il Sistema di Gestione della Qualità 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Introduzione La gestione del progetto Le interfacce La Certificazione 9001:2008 Referenze 2 Chi siamo

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO I MODULI DEL PERCORSO MODULO 1

PROGRAMMA DIDATTICO I MODULI DEL PERCORSO MODULO 1 www.abiformazione.it Percorso professionalizzante per la Compliance in banca Compliance / Corsi Professionalizzanti Fin dalle prime indicazioni di Banca d Italia sulla Funzione di Conformità, ABIFormazione

Dettagli

L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione. Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza

L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione. Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza L internal auditing nell Agenzia delle Entrate: una realtà in evoluzione Dott. Salvatore Di Giugno Direttore Centrale Audit e Sicurezza Forum P.A. 24 maggio 2007 Missione e Organizzazione Le competenze

Dettagli

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione.

e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi Sistemi di monitoraggio e controllo dei processi e dei costi della logistica, su sportelli, filiali e uffici di direzione. Interventi di Business Value

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15 Quality and Health&Safety Management Systems Summary RS è una filiale del gruppo multinazionale Electrocomponents plc. (con sede nel Regno Unito) che opera, principalmente, dal centro di distribuzione

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi

Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Il Sistema dei controlli e la certificazione di qualità dei servizi Convegno nazionale: la funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi Gianni Dugheri Messina, 26-27 settembre 2013

Dettagli

Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231

Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231 RISK MANAGEMENT & BUSINESS CONTINUITY Il Risk Management a supporto dell O.d.V. Implementare un sistema di analisi e gestione del rischio rende efficace e concreto il modello 231 PER L ORGANISMO DI VIGILANZA

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

Il ruolo dell Internal Auditing

Il ruolo dell Internal Auditing Il ruolo dell Internal Auditing Meccanismi di governance, evoluzione dei controlli interni e Position Paper AIIA Milano, 16 marzo 2006 Carolyn Dittmeier Presidente AIIA 1 Alcuni nuovi meccanismi di governance

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA

REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IN AGOS ITAFINCO SPA PREMESSA SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ORGANI E FUNZIONI DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA DEI CONTROLLI IN AGOS AUDITING: OBIETTIVI, MODELLO

Dettagli

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale

Operatore amministrativo-segretariale. Standard formativo minimo regionale Operatore amministrativo-segretariale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura professionale Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate economiche di riferimento:

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1930/2015 ADOTTATA IN DATA 10/12/2015. OGGETTO: Approvazione del piano delle attività di internal auditing anno 2016.

DELIBERAZIONE N. 1930/2015 ADOTTATA IN DATA 10/12/2015. OGGETTO: Approvazione del piano delle attività di internal auditing anno 2016. DELIBERAZIONE N. 1930/2015 ADOTTATA IN DATA 10/12/2015 OGGETTO: Approvazione del piano delle attività di internal auditing anno 2016. IL DIRETTORE GENERALE Assistito dal Direttore sanitario e dal Direttore

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

La gestione del rischio controparti

La gestione del rischio controparti Risk Assurance Services www.pwc.com/it La gestione del rischio controparti Un esigenza da presidiare per la tutela della reputazione e del valore aziendale La reputazione è un asset strategico da valorizzare,

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015

LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015 LA REVISIONE DELLA ISO 14001:2015 Dr. Tatone Vito Nicola Doc/CSAD/2/Rev0 del 11/05/2015 La revisione della ISO 14001:2015 ad oggi è in fase di chiusura con l imminente rilascio del final draft, per cui

Dettagli

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di

TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA. La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di TENUTA DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA E SEMPLIFICATA La contabilità attiene alla predisposizione degli strumenti opportuni, soprattutto di carattere informatico, per poter rilevare i fatti aziendali e quindi

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ( BY INTERNAL AUDITING FACTORIT SPA ) SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI L azienda Factorit ha da qualche anno costituito una funzione di presidio del monitoraggio dei rischi aziendali strettamente connessi

Dettagli

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori

Funzionigramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori gramma delle Direzioni Regionali della Divisione Banca dei Territori Luglio 2010 INDICE ORGANIGRAMMA...3 FUNZIONIGRAMMA...5 DIRETTORE REGIONALE...6 COORDINAMENTO MARKETING E STRATEGIE TERRITORIALI...6

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000)

LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) LA NUOVA NORMA ISO 9001:2000 (VISION 2000) INTRODUZIONE Il 15 dicembre 2000, come atteso, è entrata puntualmente in vigore la nuova norma relativa ai Sistemi di Gestione della Qualità ISO 9001:2000 (altrimenti

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli