Risk Assessment. Identificazione e valutazione dei rischi aziendali. Corso di Revisione aziendale Seminario dell 11 dicembre 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risk Assessment. Identificazione e valutazione dei rischi aziendali. Corso di Revisione aziendale Seminario dell 11 dicembre 2006"

Transcript

1 Risk Assessment Identificazione e valutazione dei rischi aziendali Corso di Revisione aziendale Seminario dell dicembre 006

2 Indice Sez. A Risk Assessment Rischio aziendale Sistema di Controllo Interno Quadro Normativo di Riferimento Sez. B Metodologia Approccio Teorico Approccio Operativo In Sintesi Q&A

3 RISK ASSESSMENT Definizione e Obiettivi 3

4 Definizione Il Risk Assessment è una metodologia strutturata di autovalutazione dei rischi di business da parte del management, che, attraverso interviste guidate ai responsabili dei processi aziendali, consente di: identificare i rischi di business che limitano o ostacolano il raggiungimento degli obiettivi societari; determinare il relativo livello di rischio; sviluppare strategie di controllo idonee ad assicurare una maggiore copertura delle aree in cui sono presenti i rischi significativi. 4

5 Obiettivi Definire il modello aziendale di riferimento in termini di processi principali e secondari; Analizzare i processi aziendali ed individuare quelli maggiormente sensibili; Identificare e valutare, per ogni processo, i rischi ed i relativi controlli; Sviluppare e mantenere un approccio innovativo di gestione dei rischi aziendali. 5

6 COSA E IL RISCHIO AZIENDALE 6

7 Rischio E una componente presente in ogni attività imprenditoriale e rappresenta un evento potenziale che riduce la probabilità di raggiungere gli obiettivi di business aziendali. Il rischio d impresa può essere classificato in: Interno Strategico (es. quote di mercato, immagine); Operativo (es. budget produttivi, qualità); Finanziario (es. frode, budget finanziario); Conformità (es. conformità alle leggi, codici di condotta). Esterno Leggi e regolamenti; Concorrenza; Trends economici. 7

8 Rischio - Universo 8

9 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO 9

10 Sistema di Controllo Interno E costituito dall insieme delle regole, delle procedure e delle strutture organizzative che mirano ad assicurare il rispetto delle strategie aziendali con il conseguimento di efficacia ed efficienza dei processi aziendali e salvaguardia del valore delle attività a protezione delle perdite. 0

11 Sistema di Controllo Interno Il Sistema di Controllo Interno, la cui responsabilità è del C.d.A., incorpora tre livelli di azione: Controlli di I a linea resp. Gestione Operativa Monitoraggio sistematico resp. Controllo di Gestione Revisione periodica resp. Internal Auditing Revisori Esterni Ogni responsabile delle attività aziendali deve avere consapevolezza dei rischi connessi con la propria funzione e dei controlli in essere volti a mitigarli.

12 Sistema di Controllo Interno Propedeuticità del Risk Assessment Co-develop Expectations Risk Assessment Audit Plan Execution Communicate Results Fasi eseguite nel corso di un progetto di Risk Assessment

13 NORMATIVA DI RIFERIMENTO 3

14 Quadro normativo di riferimento In dettaglio, lo scenario di riferimento che si è manifestato in questi ultimi anni in Italia ha presentato le seguenti novità legislative: Quadro Normativo di Riferimento Banca d Italia e Consob Codice di autodisciplina della Borsa (Preda) D.Lgs. 58/98 (Draghi) D.Lgs. 3/0 Riforma Vietti del Diritto Societario Legge sul Risparmio Valutano la predisposizione di un sistema di rilevazione, analisi, misurazione dei rischi che minacciano il corretto funzionamento ed il raggiungimento degli obiettivi aziendali al fine di rendere più efficienti ed efficaci i processi aziendali. Ha introdotto in Italia i principi della Corporate Governance ponendo, tra l altro, enfasi sulla rilevanza del Sistema di Controllo Interno e sul ruolo dei soggetti (organo amministrativo e di controllo) che devono assicurare e vigilare sulla sua adeguatezza, suggerendo l istituzione di un comitato per il controllo interno composto da amministratori non esecutivi, nonché la nomina del preposto al controllo interno. Attribuisce al Collegio Sindacale il compito di vigilare sul controllo interno, sull osservanza della legge, sulla corretta amministrazione e di valutare l adeguatezza della struttura organizzativa e del sistema amministrativo contabile. Disciplina inoltre i flussi informativi tra il CS ed i soggetti preposti al controllo. Ha introdotto la responsabilità amministrativa degli enti e la figura dell Organismo di Vigilanza quale soggetto deputato al controllo sull applicazione del Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo. Introduce modelli alternativi di governo societario, modifica le norme sugli organi di amministrazione e controllo allineandosi alla disciplina del TUF e del Codice Preda e pone l accento sui requisiti soggettivi degli amministratori e su quelli di indipendenza degli organi di controllo. Interviene direttamente sulla governance aziendale introducendo tra l altro la figura del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari con responsabilità sulla veridicità dei documenti pubblicati, sulla redazione di apposite procedure e sull applicazione delle stesse in ordine alle quali le Autorità di Vigilanza esercitano il proprio controllo. 4

15 METODOLOGIA Approccio teorico 5

16 Approccio teorico L attività di Risk Assessment: si focalizza sui rischi di impresa (strategici, operativi, finanziari e di conformità); si basa sulle interviste con il management responsabile dei processi; si incentra su un sistema strutturato di identificazione e valutazione dei rischi e della individuazione dei controlli associati. 6

17 Approccio teorico La metodologia di progetto prevede una analisi per: Processi Obiettivi Performance I PROCESSI aziendali sono insiemi organizzati di attività svolte dalla Società al fine di produrre valore. Gli OBIETTIVI di business sono i risultati specifici, raggiungibili e misurabili, che il Management si propone di realizzare. Gli INDICATORI DI PERFORMANCE (Key Performance Indicators) evidenziano gli aspetti oggettivamente misurabili e permettono di verificare il raggiungimento degli obiettivi di business. 7

18 Approccio teorico Approccio per Organigramma Aree-Unità Organizzative Stabilimenti Controllo Fatt. Produttivi Tecnologia Divisione Qualità Pianificazione Approvvigionamen ti Attività Attività Attività 3 Attività 4 Attività 5 Processi Aziendali Approccio per Processo 8

19 Approccio teorico La metodologia di progetto prevede inoltre una analisi per: Rischi Cause Controlli I RISCHI sono una componente presente in ogni attività imprenditoriale e rappresentano un evento potenziale che riduce la possibilità di raggiungere gli obiettivi di business. Le CAUSE sono i fattori che possono determinare il verificarsi del rischio aziendale. I CONTROLLI sono le attività in essere nell azienda che permettono di ridurre la possibilità del manifestarsi dei rischi. 9

20 METODOLOGIA Approccio Operativo 0

21 Approccio Operativo Il lavoro si articola in tre distinte attività:. Preparazione del Risk Assessment. Condivisione con Top Management 3. Analisi dei processi 3. Valutazione Qualitativa 3. Valutazione Quantitativa 3.3 Action Plan

22 Approccio Operativo Preparazione del Risk Assessment. Acquisizione delle informazioni aziendali Acquisizione documentazione Piano Strategico Organigramma Funzionigramma Bilanci pubblicati Report circa la situazione di mercato e dei competitors. Definizione dell ambito operativo Individuazione delle Funzioni aziendali interessate dalle attività di Risk Assessment Individuazione degli owner dei Mega/Major Process Esplicitazione degli obiettivi strategici aziendali rispetto ai quali effettuare l analisi.3 Elaborazione del modello di analisi Elaborazione in via preliminare dei seguenti documenti: Service Charter Mappa dei Processi Aziendali - Mega / Major Process Matrice Processi Aziendali vs Funzioni Aziendali

23 Approccio Operativo Condivisione con Top Management Attraverso l effettuazione di interviste di condivisione con il management responsabile dei processi principali (Top management) si ottiene:. Validazione del Modello dei Processi: - Mega Process / Processi Principali - Major Process / Processi Secondari. Individuazione della missione e degli obiettivi strategici e di business dei singoli processi.3 Individuazione dei Process Owner dei Major Process 3

24 Service Charter Business drivers e opportunità Comprensione dei Rischi fondamentali Allineamento Risultato Obiettivi Azioni strategiche Processi chiave Rischi chiave di Strategia di servizio Value scorecard zzare xxxxx Concentrazione sul Core Business Business Programmazione e monitoraggio rete. Promozione e vendita. Servizi post vendita. Supporto Gestione degli aspetti amministrativi, finanziari e di controllo. Gestione degli affari legali e societari. Gestione delle risorse umane ed organizzazione. Gestione dei sistemi informativi. Gestione dei rapporti istituzionali e delle relazioni esterne. Internal Auditing and Security. Acquisizioni, dismissioni, fusioni ecc. Il nostro intervento avrà come oggetto i processi chiave relativi ad xxxxx S.p.A.. I passaggi fondamentali della strategia di erogazione del servizio sono di seguito elencati: Conduzione di interviste strutturate con i process owner dei vari processi. Rilevazione e autovalutazione preliminare dei rischi e controlli secondo la metodologia dell analisi dei processi. Condivisione delle informazioni e delle osservazioni con gli intervistati. Sviluppo di azioni correttive in merito ai processi non adeguatamente controllati. Sviluppo di un piano di audit in merito ai processi adeguatamente controllati. Comunicazione e condivisione dei risultati con l Alta Direzione. Comprensione del modello di busi aziendale. Rilevazione della macro-gerarchia processi aziendali e dei princ fattori incidenti sull organizzazione Rilevazione e mappatura dei proc e dei relativi rischi e controlli. Coinvolgimento dei process owne processo valutativo e sensibilizzaz degli stessi in termini di cultura controllo. Identificazione delle eve opportunità di miglioramento sistema dei controlli. Strategie di controllo / Risk management Monitoraggio del Piano Industriale. Monitoraggio dell evoluzione dell organico e della struttura aziendale. Prodotti finali Service Charter. RACM (Risk Assessment Criteria Matrix). Influenze esterne Mappa dei processi, dei rischi e dei controlli. Report delle osservazioni e/o raccomandazioni sui punti di debolezza o di miglioramento individuati. Action plan. cità di intraprendere le azioni necessarie azionalizzazione del personale, utilizzo nte della flotta, degli equipaggi e della ogia, ecc.) al fine di aumentare nza e l efficacia. nza e conoscenza dei principali mercati zionali/aree obiettivo. isizione e implementazione di strumenti vato contenuto tecnologico. Indicatori chiave di performance ASK: Available Seats Kilometers significative e dei relativi pian Presentazione delle osserva azione. Fattori critici di successo Normativa Italiana ed Europea di riferimento. Condizioni politiche e socio-economiche. Rapporti con Stato ed Enti Locali. Competitors. Fornitori. Associazioni dei consumatori. Condizioni climatiche Altri Stakeholder (banche, investitori istituzionali, ecc.) 4

25 Modello dei processi PROCESSI DI GOVERNO PROCESSI DI BUSINESS Pianificazione, monitoraggio e controllo interno Definizione della strategia di business Sviluppo del prodotto Sviluppo del mercato Vendita Approvvigionamento Erogazione del servizio Servizi post vend Processi di supporto Processo rocesso. rocesso. LEGENDA PROCESSO PRINCIPALE PROCESSO SECONDARIO PROCESSO IN OUTSOURCING Gestione degli aspetti relativi all amministrazione ed alla finanza Gestione degli Acquisti indiretti Gestione delle risorse umane ed organizzazione Gestione dei rapporti istituzionali e relazioni esterne Gestione degli affari legali e societari Gestione dei sistemi informativi Gestione della sicurezza aziendale 5 Gestione della safety e della certificazione aziendale

26 PROCESSI PRINCIPALI Matrice Processi Aziendali vs Funzioni Aziendali PROCESSI SECONDARI Comm. e Mkting Operations Unità Sigari App. menti Ricerca Commerciale e Mkting (Dott. Balzer) Vendite Italia (Dott. Rodriguez) Servizio Gestione Clienti (Dott. Balzer) Marketing (Dott. Quadrini) Controllo Operativo (Dott. Silvi) Operations (Ing. Iacobucci) Pianificazione (Dott. Cetta) Coordinamento manifatture in dismissione (Ing. Azzara) Controllo Fattori Produttivi (Ing. Piagnarelli) X Direttori di Stabilimento Tecnologie e Qualità (Ing. Caroti) Prototipazione (Ing. Rosati) Impianti (Ing. Orlandi). Ricercare e identificare nuovi prodotti del tabacco (sigarette/sigari). Sviluppare le specifiche tecniche dei nuovi prodotti X.3 Sviluppare un prototipo del nuovo prodotto X.4 Valutare le problematiche di produzione dei nuovi p rodotti da realizzare. Selezionare la strategia di marketing X. Definire e comunicare l'immagine della società e dei prodotti.3 Sviluppare e gestire la vendita dei prodotti X Ottenere, accettare ed elaborare i fabbisogni dei depositi Elaborare i programmi di X X X Tecnologie (Ing. Santi) Qualità (Dott.ssa Cocciolo) Sicurezza (Ing. Tabbita) Unità Sigari (Dott. Milano) Tecnologie e Qualità (Dott. Matarazzo) Controllo Fattori Produttivi (Ing. Napolitano) Approvvigionamento Tabacchi (Dott. Totino) Approvvigionamenti (Dott. Milano) Acquisti Italia e Europa (Dott. Stramacci) Acquisti americhe e Africa (Dott. De Cicco) Materie Sussidiarie (Dott. Violanti) Ricerca (Dr. Nunziata) approvvigionamento di materie prime/suss. X X Elaborare i programmi di approvvigionamento impianti X X Selezionare i fornitori, stipulare i contratti ed emettere gli ordini di acquisto di materie prime/suss. Selezionare i fornitori, stipulare i contratti ed emettere gli ordini di acquisto di impianti X X X X Ricevere e controllare la fornitura di materie p rime/suss. X X X X X 3.6 Ricevere e controllare la fornitura di impianti X 4. Immagazzinare le materie prime ed alimentare il processo produttivo X X 4. Predisporre il piano di produzione ottimizzando l'utilizzo delle risorse X 4.3 Assemblare ed imballare il prodotto X X X X X 5. Consegnare i prodotti del tabacco X X 5. Fatturare (ACF) 6. Assistere il cliente post vendita X 6. Monitorare la performance dei prodotti X 6.3 Gestire gli incassi (ACF) Supp.. Implementare e gestire i sistemi di controllo Supportare il controllo di gestione dell'intera Supp.. impresa (Pianificazione e Controllo) Monitorare le performance aziendali a livello Supp..3 direzionale e divisionale Supp..4 Pianificazione Finanziaria Amministrazione, bilancio di esercizio e Supp..5 consolidato (AFC) Supp.. Pianificare l'ambiente IT Sviluppare/acquisire e consegnare le Supp.. soluzioni IT Supp..3 Gestire l'operatività dell'ambiente IT Supp..4 Organizzare e monitorare i processi IT Progetti Sviluppo Tecnologico (Ing. Barca) Analisi Materie Prime 6

27 Struttura dei processi Mega-Major Process Mega Process Es.: Ricerca e sviluppo di nuovi prodotti Major Process Identificare nuovi prodotti Sviluppare specifiche tecniche dei nuovi prodotti Sviluppare campioni di nuovi prodotti Valutare possibili sotto-prodotti Questa metodologia è un approccio innovativo per la valutazione dei rischi di audit che si focalizza sui processi di business dell azienda. Essa fornisce una migliore comprensione dei rischi di business (finanziari, operativi, strategici) e permette di allocare efficientemente le risorse di audit in funzione del grado di rischio presente nelle varie aree. Major process Obiettivo e proprietario Descrizione Clienti, fornitori e interfacce Rischi principali Controlli previsti Indicatori di performance Analisi del processo Le informazioni che seguono sono sviluppate per ciascun major process identificato all interno dei mega process. I processi esternalizzati sono oggetto di analisi ai soli fini della definizione delle interfacce e degli standard di qualità Descrive la finalità del processo e, quando rilevante, dei subprocessi. Gli obiettivi possono essere di business, operativi (inclusi quelli finanziari) e di conformità regolamentare. Identifica inoltre l area reponsabile di assicurare che il processo consegua i suoi obiettivi. Ove necessario, si procede alla identificazione dei proprietari dei subprocesi Descrive le principali attività componenti il processo ed il relativo flusso. Se necessario, si descrivono le attività dei subprocessi. Identifica anche le principali operazioni di trasformazione della transazione (ad esempio: incasso sospeso, incasso abbinato). Ove necessario, descrive le esigenze di lavorazione (automatizzata) dei dati Definisce i confini del processo in termini di fonti dell input e di destinazione dell output. Ove necessario, qualifica gli standard qualitativi degli input ed output (tempi, accuratezza, livello di dettaglio, ) Identifica i rischi principali (di business, operativi e regolamentari) inerenti allo svolgimento del processo. I rischi dipendono dagli obiettivi del processo e dalla valutazione di quanto l inappropriata esecuzione del processo possa incidere sul loro conseguimento. È pertanto necessario comprendere la relazione del processo con i fattori critici di successo e l influenza che possono esercitare gli stakeholder interni ed esterni ed i fattori ambientali non controllabili. I rischi sono condivisi con i process owner Identifica i controlli chiave direzionali, operativi ed informatici per assicurare che il processo consegua i suoi obiettivi. Identifica inoltre i controlli comunque richiesti dal quadro regolamentare Identifica le misure che sono utilizzate per valutare il conseguimento degli obiettivi del processo 7

28 Approccio Operativo Analisi dei processi 3. Valutazione Qualitativa 3.. Interviste con i Process Owner dei processi Major Vengono effettuate interviste con i process owner utilizzando il metodo topdown al fine di acquisire: La descrizione delle attività svolte Gli obiettivi del processo, In-Output, Inizio-Fine, Indicatori di performance aziendale (KPI) Il documento bozza, Self Assessment, viene quindi condiviso con gli Owner dei rispettivi processi e viene elaborata la scheda Rischi/Controlli. 8

29 Approccio Operativo Analisi dei processi Nel corso delle interviste con il management responsabile dei processi vengono: Individuati - i rischi associati ad ogni processo secondario; - i correlati controlli in essere; - le aree sovra/sotto cotrollate; - i KPI (Indicatori chiave di performance). Condivisi - le analisi dei Processi aziendali; - gli obiettivi strategici di business; - la valutazione dei rischi e dei controlli. 9

30 Scheda mappatura processo rocesso: : Individuazione e sviluppo nuovi prodotti Processo econdari o Scopo Obiettivi Owner e descrizione Inizio e Fine Input e Output Indicatori chiave di performance icercare e dentificare uovi rodotti.) Ricercare e identificare nuovi prodotti Sviluppare miglioramenti di packaging/rest yling per prodotti già esistenti al fine di soddisfare la clientela Sviluppare nuovi prodotti ed aggiornare prodotti esistenti secondo il trend del mercato e le esigenze della clientela Responsabile Commerciale e Marketing Responsabile Marketing Condurre indagini del mercato allo scopo di identificare le esigenze della clientela, i trend della concorrenza e l andamento delle vendite Aggiornare prodotti esistenti Definire nuovi prodotti del tabacco nel rispetto degli indirizzi strategici Responsabile Ricerca Verificare la compatibilità con la normativa in materia sanitaria delle materie prime da utilizzare e del prodotto finito Inizio: Percezione del fabbisogno Fine: Predisposizione del Brief del prototipo Inputs: La strategia dell indagine del mercato sui fabbisogni della clientela, sui trend della concorrenza e sull andamento delle vendite Assessment del mercato (incluso il recepimento sul mercato dei nuovi prodotti e fedeltà alle marche dei concorrenti) Prodotti esistenti Infrastruttura esistente (ingegneria & macchinari) Budget Rapporto fra domanda potenziale stimata e consuntivo delle vendite Prima ipotesi di utili lordi dei nuovi prodotti Confronto con i nuoviprodottidei competitors (benchmark) di riferimento per categoria (segmentation) 30

31 Approccio Operativo Analisi dei processi 3.. Output L attività mirata di intervista con i process owner permette di: valutare il profilo di rischio dei Processi (Alti, Medi, Bassi); valutare il profilo del controllo dei Processi (adeguato, parziale, assenza); individuare i processi più impattati dai rischi di business; impostare un Action Plan. I rischi individuati sono valutati sulla base dell impatto che gli stessi hanno sugli obiettivi di business e della probabilità che si verifichino. La rappresentazione dell importanza del rischio sarà realizzata utilizzando la Risk Assessment Criteria Matrix. 3

32 Rischio Risk Assessment Criteria Matrix Risk Assessment Criteria Matrix TEGORIA RISCHIO RATEGICO TRATEGIC) SOTTO CATEGORIA IMPATTO DI RISCHIO GRAVE MODERATO INSIGNIFICANTE Dinamiche di mercato (Market dynamics) Iniziative significative (Major initiatives) Fusioni, acquisizioni e disinvestimenti (Mergers, acquisitions and divestiture) Rischi connessi al mercato non percepiti che comportano gravi inefficienze interne e perdita del cliente/mercato. Inadeguata previsione degli scenari di riferimento in termini di competitors, tendenze di mercato, ed evoluzione della tecnologia che comporta la definizione di strategie non efficienti/efficaci. Rischi paese non percepiti che comportano gravi inefficienze interne e perdita del mercato. Decisioni che possono compromettere gravemente e permanentemente l operatività aziendale. Acquisizioni, dismissioni, fusioni e/o altre operazioni straordinarie effettuate in contrasto con una sana e prudente gestione aziendale. Rischi connessi al mercato non percepiti che comportano aumento dei costi e allungamento dei tempi. Inadeguata previsione degli scenari di riferimento in termini di competitors, tendenze di mercato, ed evoluzione della tecnologia che comporta la definizione di strategie non efficienti. Rischi paese non percepiti che comportano aumento dei costi e dei ritardi. Decisioni che possono compromettere l operatività aziendale. Acquisizioni, dismissioni, fusioni e/o altre operazioni straordinarie non in linea con le direttive del Piano Strategico. Rischi connessi al mercato non percepiti che comportano lievi ritardi operativi. Inadeguata previsione degli scenari di riferimento in termini di competitors, tendenze di mercato, ed evoluzione della tecnologia che comporta la perdita di opportunità. Rischi paese non percepiti che comportano lievi ritardi operativi. Decisioni che possono comportare lievi inefficienze interne. Acquisizioni, dismissioni, fusioni e/o altre operazioni straordinarie effettuate a valori non in linea con quelli di mercato. 3

33 Scheda Rischio - Controllo RISK/CONTROL EVALUATION Processo: : Individuazione e sviluppo nuovi prodotti Processo secondario: Ricercare e identificare nuovi prodotti Rischio Rilevanza Valutazione Probabil ità Impatto Controllo Incapacità di riconoscere il trend di mercato, con conseguente perdita di opportunità di vendita Adeguatamente controllato Bassa Alto Indagini del mercato mirate ad identificare le esigenze della clientela, i trend della concorrenza e l andamento delle vendite (manuale; formalizzato) Formalizzazione annuale sulle previsioni dell andamento di mercato (manuale; formalizzato) Brief del prodotto non allineato alle strategie della società Adeguatamente controllato Competitors già presenti sul mercato Adeguatamente controllato Bassa Alto Sottoporre l analisi del mercato e il brief del prodotto al vaglio del management (preventivo vs. consuntivo) (manuale; formalizzato) Alta Medio Indagini del mercato mirate ad identificare le esigenze della clientela, i trend della concorrenza e l andamento delle vendite (manuale; formalizzato) Sistema informativo che informi sui lanci della concorrenza Controllo sulla Gazzetta Ufficiale (manuale; non formalizzato) Competitors raggiungono il mercato con un prodotto migliore Inadeguatament e controllato Alta Medio I nuovi prodotti cannibalizzano la richiesta per i prodotti esistenti Adeguatamente controllato Medio Medio Valutare l impatto dell ingresso dei nuovi prodotti rispetto alle previsioni di vendita dei prodotti attuali (manuale; non formalizzato) Brief del prototipo non dettagliato e poco esaustivo Adeguatamente controllato Bassa Medio Standard del Brief Approvazione del brief 33

34 Matrice per la valutazione del Rischio I M P A T T O grave moderata M A A B M A 3 B B M insignificante 3 improbabile moderata comune A: Alto M: Medio B: Basso FREQUENZA 34

35 Modello dei processi Rischi rilevati Sviluppo Sviluppo del del Business Business Gestione Gestione Contratti Contratti Logistica Logistica In In Logistica Logistica Out Out Individuare le le attività attivitàdi di Business Business Sviluppare le le strategie strategie di di Comunicazione Individuare il il Catalogo Catalogo Prodotti Prodotti e e Produttori Produttori dei dei beni benida da commercializzare 33 Definire Definirei i volumi volumi prezzi prezzi modalità modalità e e margini margini di di contribuzione (Accordi (Accordi commerciali di di fornitura) fornitura) 44 Gestire Gestire i i rapporti rapporti contrattuali con con i i Produttori/ Fornitori Fornitori di di servizi servizi Immettere i i nuovi nuoviprodotti 66 Gestire Gestirelo lo stock stock presso pressoi i magazzini (riordino) (riordino) Gestire Gestire dal dal lato lato cliente clientei i sistemi sistemi informativi e e Presidiare il il sistema sistema di di Front Front End End / / Portale PortaleWeb 88 Ricevere Ricevere gli gli ordini ordini di di vendita venditae e Consegnare la la merce merce9 9 Gestire Gestire il il Customer Customer Service, Service, il il Customer Customer Care Care ed ed il il Call Call Centre Centre 0 0 Amministrazione Finanza e Controllo Amministrazione Controllo 0 egenda Mega Process Major Process Totale Rischi: n 5 di cui

36 Modello dei processi Controlli rilevati Sviluppo Sviluppo del del Business Business Gestione Gestione Contratti Contratti Logistica Logistica In In Logistica Logistica Out Out Individuare le le attività attivitàdi di Business Business Sviluppare le le strategie strategie di di Comunicazione Individuare il il Catalogo Catalogo Prodotti Prodotti e e Produttori Produttori dei dei beni benida da commercializzare 33 Definire Definirei i volumi volumi prezzi prezzi modalità modalità e e margini margini di di contribuzione (Accordi (Accordi commerciali di di fornitura) fornitura) 44 Gestire Gestire i i rapporti rapporti contrattuali con con i i Produttori/ Fornitori Fornitori di di servizi servizi Immettere i i nuovi nuoviprodotti 66 Gestire Gestirelo lo stock stock presso pressoi i magazzini (riordino) (riordino) Gestire Gestire dal dal lato lato cliente clientei i sistemi sistemi informativi e e Presidiare il il sistema sistema di di Front Front End End / / Portale PortaleWeb 88 Ricevere Ricevere gli gli ordini ordini di di vendita venditae e Consegnare la la merce merce 99 Gestire Gestire il il Customer Customer Service, Service, il il Customer Customer Care Care ed ed il il Call Call Centre Centre 0 0 Amministrazione Finanza e Controllo Amministrazione Controllo egenda Mega Process Major Process otale Rischi: n 5 di cui Rischi Adeguatamente Controllati: 37 Rischi Parzialmente Controllati: 4 Rischi Non Controllati: 36

37 Approccio Operativo Analisi dei processi 3. Valutazione Quantitativa 3.. Implementazione del modello numerico Nel tentativo di fornire un analisi dettagliata delle informazioni è stato implementato un modello di analisi che sulla base delle valutazioni fornite dal management intervistato consente una rappresentazione numerica e grafica della curve di rischio aziendale relativamente a: Obiettivi Strategici (OS) Rischi Aziendali (R) Controlli in essere (C) Area di rischio controllato (ARC) Area di rischio residuo (ARR) Scostamento obiettivi vs controlli (SOC) 37

38 Valutazione Quantitativa Output grafico Rappresentazione Grafica dei risultati - grafico di tipo A rappresenta il grado di rilevanza, degli obiettivi strategici/aziendali, attribuito dal Top Management ad ogni processo ovvero l importanza dei singoli processi aziendali ai fini del raggiungimento degli Obiettivi strategici dell Azienda. - grafico di tipo B evidenzia la rischiosità di ogni processo percepita dal Management operativo ed i relativi controlli posti a presidio dell area compresa tra le curve che indica il rischio residuo. Il grafico ha anche la funzione di cruscotto per rilevare l andamento delle attività poste in essere a presidio dei rischi. - grafico di tipo C consente di confrontare la rilevanza degli Obiettivi Strategici attribuita ai processi, rispetto ai rischi ed ai controlli aziendali. 38

39 Valutazione Quantitativa - Obiettivi Strategici RILEVANZA DEL PROCESSO vs OBIETTIVI STRATEGICI Rilevanza INDIVIDUAZIONE E SVILUPPO NUOVI SVILUPPO DEL MERCATO APPROVVIGIONA MENTI RILEVANZA DEL PROCESSO Processi PRODUZIONE CONSEGNA DEL PRODOTTO SUPPORTO POST VENDITA 39

40 Valutazione Quantitativa Rischi e Controlii CONTROLLI & RISCHI INDIVIDUAZION E E SVILUPPO NUOVI SVILUPPO DEL MERCATO APPROVVIGION AMENTI RISCHIOSITA' DEL PROCESSO CONTROLLO SUL PROCESSO 39,5 50, ,5 5,5 Processi PRODUZIONE CONSEGNA DEL PRODOTTO SUPPORTO POST VENDITA 40

41 Valutazione Quantitativa - Obiettivi Strategici vs Rischi e Controlli Obiettivi Strategici & Rischi & Controlli 50 SIGARETTE Rilevanza Percentuale INDIVIDUAZIONE E SVILUPPO NUOVI SVILUPPO DEL MERCATO APPROVVIGION AMENTI PRODUZIONE CONSEGNA DEL PRODOTTO SUPPORTO POST VENDITA Obiettivi Strategici Rischi Controlli Processi 4

42 Approccio Operativo Analisi dei processi 3.. Analisi dei risultati Vengono valutati i rapporti percentuali espressi dai grafici ed individuati i processi aziendali sensibili Proposta delle attività da implementare Area di rischio residuo (ARR) Area di rischio controllato (ARC) Scostamento obiettivi (SOC) Action Plan Aziendale Audit Plan Internal Auditing Sensibilizzazione del Management 4

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Business Process Management applicato ai flussi della PA

Business Process Management applicato ai flussi della PA tecnologie vicine Business Process Management applicato ai flussi della PA Antonio Palummieri Resp. Area Mercato Luciano Sulis - BPM Solution Specialist Milano, 24 novembre 2011 Popolazione comuni: Italia

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli