Il Piccolo 23 luglio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piccolo 23 luglio 2015"

Transcript

1 Il Piccolo 23 luglio 2015 Regione Arriva il concorsone per 200 infermieri Telesca annuncia il bando entro il mese. I medici Anaao- Assomed contestano il riassetto delle strutture complesse di Marco Ballico. TRIESTE. Il sindacato degli infermieri è andato in pressing, lamentando carenze d organico. L assessore Maria Sandra Telesca risponde, oltre che con i numeri, rassicurando la categoria: a breve arriveranno i rinforzi. Entro la fine del mese la Regione bandirà infatti il concorsone regionale. In ballo potrebbero esserci circa 200 posti. Secondo il Nursind di Udine mancherebbero quasi 600 addetti per un servizio di qualità ai cittadini senza gravare con turni massacranti e straordinari gli operatori in corsia. Nel mirino anche un annuncio di inizio anno dell assessorato, sin qui non concretizzato, di un bando per la definizione di una nuova graduatoria. «Non è più possibile attendere», è stato l avvertimento del sindacato. Raccolto, a stretto giro di posta, dall assessore alla Sanità. «Sono da sempre vicina agli infermieri, una categoria di cui apprezzo l'impegno professionale e l'insostituibile contributo al buon funzionamento del sistema sanitario regionale», premette Telesca. Quindi la controdeduzione delle cifre: «Il numero degli infermieri dipendenti di aziende ed enti del Servizio sanitario regionale nel periodo dal 31 dicembre 2010 al 31 maggio 2015 presenta un saldo positivo di 125 persone». Nel dettaglio, fa sapere ancora l assessore, «ci sono state 57 unità in più nel 2011, 41 in più nel 2012, 29 in più nel 2013, 52 in meno nel 214 e 50 in più nei primi cinque mesi di quest anno». Ricordato che dal primo gennaio scorso le assunzioni del personale del comparto (sia a tempo indeterminato che determinato) dedicato all'assistenza non devono più essere autorizzate dalla Regione, Telesca chiarisce anche la questione concorso: «Il 9 aprile è stata stipulata una convenzione nel Ssr per lo svolgimento accentrato della procedura per il profilo professionale di collaboratore professionale sanitario- infermiere e, a seguire, è stato dato avvio alle fasi relative agli adempimenti obbligatori, a carico di ciascuna azienda, relativamente agli avvisi di mobilità propedeutici all'avvio di ogni concorso pubblico». L ultimo avviso è scaduto il 10 luglio ed entro domani aziende ed enti sono chiamate a rendere noto il fabbisogno definitivo di infermieri, «tenuto conto dell'esito delle mobilità obbligatore effettuate e delle altre procedure». A quanto risulta si stima un fabbisogno di 200 persone, posti attualmente coperti in parte a tempo determinato. Il bando (approvato prima del 31 luglio) servirà a definire una graduatoria in cui le aziende pescheranno per coprire i vuoti d organico. Rimane aperto però anche un altro fronte, quello dei primari. Anaao Assomed, l associazione dei medici dirigenti Fvg, con un intervento della segretaria regionale Laura Stabile, parla di «ulteriori opacità, per le quali la Regione si è sottratta sinora a esplicitare dati e motivazioni». Citando la delibera di giunta che configura il riassetto delle strutture complesse, il sindacato accusa il governo Fvg di «decisioni illogiche» in riferimento alla previsione di due chirurgie e ortopedie a Udine, e una sola per ciascuna disciplina a Trieste, «quando sia Udine che Trieste sono ospedali hub di secondo livello e aziende miste ospedaliero- universitarie». Eppure «due chirurgia e ortopedie sono previste anche nel presidio di base di San Daniele/Tolmezzo, il doppio che negli hub di Trieste e Pordenone. In questo modo nel capoluogo regionale l utenza da coprire sarà di 240mila abitanti, in provincia di Udine di poco più di 100mila». Anaao Assomed rilancia inoltre la preoccupazione di una penalizzazione degli ospedalieri: «Per le specializzazioni per le quali si prevede di mantenere una sola delle attuali due strutture, vi è il fondato timore che questa sia sempre quella a direzione universitaria e nessun medico ospedaliero, anche si dimostrasse il professionista migliore, avrebbe la possibilità di diventare direttore del reparto». 1

2 Trieste cronaca Brevi SANITÀ : Burlo, bando per il manager scientifico Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale i decreti firmati dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin con i quali vengono indetti i bandi per la selezione dei candidati alla direzione scientifica di sei istituti di ricovero e cura a carattere scientifico di diritto pubblico (Irccs), tra cui il Burlo di Trieste. I nuovi testi, spiega il Ministero in una nota, «sono stati rivisti in rapporto all evoluzione informatica prevedendo una trasmissione delle domande solo per via telematica e all'evoluzione normativa in materia di quiescenza». Forza Italia non molla Medicina d urgenza Marini pronto a nuove barricate in Consiglio regionale contro la chiusura del reparto triestino di Gianpaolo Sarti. La chiusura del reparto di Medicina d urgenza, prevista nei programmi della giunta regionale, è una partita tutt altro che chiusa. Almeno sul piano politico: Bruno Marini, il consigliere regionale di Forza Italia che per primo aveva sollevato il caso, è intenzionato a tornare alla carica portando in aula un altra interrogazione sulla questione. Sul tema si era espressa Maria Sandra Telesca, con una lettera al quotidiano: l assessore non parlava di soppressione, bensì di «integrazione con il Pronto soccorso», un operazione che risponde «a logiche di qualità e sicurezza delle prestazioni». «All ospedale di Cattinara non servono due reparti di chirurgia», sosteneva l esponente della giunta. Ma Bruno Marini non si dà per vinto. Il forzista ha letto quanto pubblicato a firma dell assessore, ma deve constatare che le sue precedenti interrogazioni volte a conoscere i motivi delle soppressioni della Medicina d urgenza e della Prima chirurgica dell Azienda Ospedaliero- universitaria di Trieste, deliberate dalla giunta regionale, «non hanno ancora avuto risposta ufficiale in Consiglio regionale nonostante la rilevanza dell argomento per la salute pubblica». Il consigliere si rifà proprio alle parole di Telesca: «L assessore afferma, tra l altro, che l accorpamento e l integrazione rispondono a logiche di qualità e sicurezza delle prestazioni possibili solo dove c è una casistica adeguata», e che «all ospedale di Cattinara a Trieste non servono due reparti di chirurgia. Ne basterà uno...». Così - argomenta Marini - fa intendere che la casistica della Chirurgia generale a Trieste non è adeguata per mantenere due reparti in grado di operare con qualità e sicurezza». Marini inoltre ricorda che attualmente vengono mantenuti due strutture analoghe sia all Azienda Ospedaliero- universitaria di Udine, sia all Azienda sanitaria Alto Friuli e che «le logiche di qualità e sicurezza richiamate dall assessore Telesca dovrebbero valere sull intero territorio regionale». Secondo Marini «le motivazioni per la soppressione di un reparto di eccellenza a Trieste non trovano quindi fondamento su alcun riscontro oggettivo e le decisioni maturate risultano prive di trasparenza». Per rafforzare la propria posizione il forzista chiede tutti i dati relativi alla casistica di tutte le strutture di Chirurgia generale esistenti nel territorio regionale, il numero di posti letto e i protocolli internazionali che motiverebbero gli accorpamenti annunciati. Anche perché, conclude nella sua interrogazione il consigliere regionale, «dal raffronto dei dati non sembrano emergere vistose differenze di casistica tra Trieste e Udine, mentre risulta, come atteso, decisamente minore l attività specifica nel presidio ospedaliero dell Azienda sanitaria Alto Friuli» e «mentre le logiche di qualità e sicurezza richiamate dall assessore dovrebbero valere sull intero territorio regionale». 2

3 Trieste lancia il telefono per sordi Il Comune adotta per primo in Italia Pedius : la app che trasforma una chat in comunicazione vocale di Giulia Basso. Il Comune di Trieste sarà la prima amministrazione italiana ad adottare Pedius, un sistema di comunicazione che permette ai non udenti di effettuare telefonate tramite l'utilizzo di tecnologie di riconoscimento e sintesi vocale. La sperimentazione partirà dal centro radio della polizia locale, i cui operatori già in questi giorni sono stati istruiti sul funzionamento di questo telefono per non udenti, che si basa su un app gratuita scaricabile sul proprio cellulare che trasforma una chat in una telefonata, ovvero un testo scritto in comunicazione vocale. Il progetto avviato dal Comune, presentato ieri in conferenza stampa, dopo una prima fase di sperimentazione con la polizia locale, potrà poi essere esteso agli altri servizi per i cittadini. Spiega la vicesindaco Fabiana Martini: «Il progetto vuole mettere l innovazione a servizio della vita quotidiana delle persone più fragili. Coniuga l attenzione per queste persone, che dovrebbe essere prioritaria per ogni pubblica amministrazione, con l innovazione tecnologica. Siamo soddisfatti di essere il primo comune che lo avvia e speriamo che molti altri possano seguire questo esempio». Pedius è il frutto di un idea del trentenne Lorenzo Di Ciaccio, che racconta: «Tutto è nato da un episodio riportato dai media che mi ha molto colpito: nel 2012 Gabriele Serpi, non udente, ha avuto un incidente. Avrebbe dovuto chiamare i soccorsi stradali, ma la sua sordità gliel ha impedito. Mi sono chiesto allora perché non usare le tecnologie per migliorare la vita dei non udenti, che in Italia sono circa 70mila. Da questa esigenza è nato Pedius, attorno al quale ho costruito una start- up coinvolgendo altri due giovani amici, Stefano La Cesa e Alessandro Gaeta». «Non avrei mai pensato che allo Smau di Padova sarebbe stato un comune a rivolgersi a noi per avviare una sperimentazione - continua - ma dopo la sorpresa iniziale siamo stati entusiasti di aderire al progetto». Pedius si pone l'obiettivo di rendere accessibili ai non udenti i servizi telefonici senza utilizzare canali diversi da quelli esistenti. Perciò il numero per contattare la polizia locale resterà lo stesso. Cambierà solo il tipo di telefonata ricevuta dal centro, che si avvarrà di una voce artificiale che trasformerà in parlato il testo digitato sul telefonino. Per rendere più semplice la trasmissione delle informazioni essenziali in caso di emergenza, il servizio si avvarrà di una schermata con campi da compilare, che guiderà l utente nella veicolazione della comunicazione. «Il servizio si aggiunge alle altre iniziative avviate dal Comune per la promozione dell accessibilità - così l assessore Laura Famulari - come la possibilità per i sordomuti di richiedere la presenza di un interprete sia in Consiglio comunale sia per specifici servizi su appuntamento. O come la collaborazione avviata con i vigili del fuoco per la mappatura delle abitazioni di persone sorde, per rendere più efficace l intervento in caso d emergenza». Soddisfazione è stata espressa da Francesca Lisjak, presidente provinciale dell Ente nazionale sordi, che ha sottolineato come a Trieste ci siano 210 non udenti, di cui 150 soci dell Ens, che al momento è alla ricerca di una sede triestina. Gorizia Centro prelievi e pediatria: l offensiva del Comune Romoli ha incontrato i dirigenti dell Ass2 Regattin e Poggiana per avere garanzie sull ambulatorio per i bambini. Più posti- letto per pazienti in stato vegetativo Preoccupazione per l'insufficienza di alcuni servizi sanitari e per il possibile ridimensionamento di altri è stata espressa dal sindaco, Ettore Romoli, al direttore sanitario dell'ass 2, Laura Regattin e a quello amministrativo, Antonio Poggiana nel corso di un incontro avvenuto ieri mattina in municipio. Fra i vari argomenti affrontati particolare attenzione è stata posta alle problematiche inerenti la sospensione dei prelievi nei centri 3

4 esterni all'ospedale, la presunta soppressione del reparto per i pazienti in stato vegetativo al San Giusto e l'orario di apertura dell ambulatorio pediatrico. Per quanto riguarda il primo punto, i due dirigenti dell'ass, hanno spiegato che si sta elaborando un "protocollo sicurezza" per garantire la massima tutela agli utenti e nel momento in cui il progetto sarà completato saranno riattivati i centri di prelievo esterni, Per ciò che concerne il servizio di ospitalità delle persone in stato vegetativo, i tecnici dell'ass hanno assicurato che non sarà soppresso ma semplicemente trasferito all'interno delle strutture ospedaliere e, nella fattispecie, nell'rsa. «Saranno garantiti 9 posti letto che si sommeranno ai 19 già esistenti come Residenza sanitaria protetta- è stato evidenziato- e il personale, ovviamente, sarà implementato. Il servizio, infatti, sarà dotato di altri 6 infermieri, 6 Oss, 1 fisioterapista per garantire una qualità dell'assistenza ottimale». Si è affrontata, infine, la questione dell ambulatorio pediatrico oggi attivo solamente fino alle 18. In questo caso, l'azienda sanitaria ha riferito al sindaco che si stanno effettuando degli approfondimenti per verificare l'opportunità e la possibilità di sperimentare un arco orario più ampio "anche se va ribadito - si è detto durante l incontro - che il servizio sta funzionando al meglio pur essendo attivo fino alle 18 e pur essendo i numeri degli accessi contenuti. Il sindaco Romoli, ringraziando i due direttori per la disponibilità dimostrata ha rimarcato la necessità di assicurare servizi in grado di garantire il diritto alla salute dei cittadini evitando tagli indiscriminati e ridimensionamenti di attività fondamentali. «E' paradossale che si chiudano strutture indispensabili come il Punto nascita in nome della sicurezza - ha commentato il sindaco a margine dell'incontro- e poi si riducano attività basilari come ad esempio l'ambulatorio pediatrico, per questioni di mera economia senza pensare alla sicurezza dei bambini. Se anche dovesse essere utilizzato da un solo bimbo, in notturno, ciò giustificherebbe la sua apertura per 24 ore ma è evidente che le strategie sanitarie della giunta regionale sono altre». Messaggero Veneto 23 luglio 2015 Regione Sanità, 16 milioni per i premi al personale Dalla giunta più risorse alle Aziende. Entro il 31 luglio via libera al bando per il concorso unico degli infermieri UDINE. Risorse in più alle Aziende sanitarie, per gli incentivi al personale. La giunta ha dato il via libera alle intese con i sindacati, stanziando quasi 16 milioni. Soldi che in parte andranno a incentivi per il lavoro notturno e festivo, per i turni e per operatori tecnici addetti all assistenza (Ota) e operatori socio assistenziali (Oss), per benefici economici al personale a disposizione dei corsi di laurea di area sanitaria. La parte restante, invece, sarà destinata alla contrattazione integrativa aziendale, per essere impegnato negli obiettivi regionali strategici come i processi di riorganizzazione, assistenza domiciliare, interventi socio sanitari, percorsi di riabilitazione. Rispetto agli anni scorsi l esecutivo, come ha spiegato l assessore alla Salute Maria Sandra Telesca, ha incrementato la dotazione dei fondi aziendali per favorire le politiche del personale in correlazione al raggiungimento degli obiettivi contenuti nelle linee regionali di programmazione. «Con queste delibere ha detto Telesca diamo attuazione a tre protocolli d intesa siglati con i sindacati del comparto, della dirigenza medica e veterinaria e della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa. Vengono così assegnati quasi 16 milioni alle Aziende per la contrattazione integrativa con obiettivi importanti, legati alla riforme del sistema sanitario per quanto concerne la riorganizzazione, il miglioramento dei sistemi clinici e l abbattimento delle liste d attesa». Non solo. Nella manovra estiva che oggi sarà approvata dal Consiglio, un emendamento «prevede di recuperare sugli utili delle 4

5 Aziende, pari a circa 16 milioni, una quota del 3 per cento destinata al personale coinvolto nelle riorganizzazioni delle nuove Aziende. Si tratta di circa 500 mila euro ha aggiunto Telesca che andranno a favore degli operatori maggiormente interessati al riassetto del sistema». L assessore ha anche annunciato che entro il 31 luglio sarà approvato il bando per il concorso unico degli infermieri. Telesca ha così risposto alle criticità illustrate dal segretario amministrativo del sindacato degli infermieri Nursind di Udine, Afrim Caslli. «Il numero degli infermieri dipendenti delle Aziende e degli Enti del sistema sanitario regionale nel periodo 31 dicembre maggio 2015 ha spiegato l assessore presenta un saldo positivo di 125 unità. Nel dettaglio ci sono state 57 unità in più nel 2011, 41 unità in più nel 2012, 29 unità in più nel 2013, 52 unità in meno nel 2014 e 50 unità in più nei primi cinque mesi del 2015». L assessore ha anche ricordato che dal 2015 le assunzioni del personale del comparto (a tempo indeterminato e a tempo determinato) dedicato all assistenza non devono più essere autorizzate dalla Regione. Telesca ha quindi annunciato l imminente via libera al bando. Gorizia Il nucleo Sla chiude a tre anni dall apertura Sarà trasferito in ospedale il reparto di Villa San Giusto. Ziberna lancia l allarme, ma i vertici Ass rassicurano il sindaco di Christian Seu. Marcia indietro sul nucleo per casi di Sla (Sclerosi laterale amiotrofica) e stati di coma vegetativo, aperto appena tre anni fa a Villa San Giusto. Il reparto chiude, ma non verrà soppresso: per ragioni che saranno chiarite entro qualche settimana dal priorato dell Ordine dei Fatebenefratelli, che gestisce la struttura di corso Italia, il nucleo specializzato sarà trasferito a partire da settembre negli spazi della Rsa dell ospedale civile. A rassicurare il sindaco Ettore Romoli sono stati il direttore sanitario dell Azienda per l assistenza sanitaria Bassa Friulana- Isontina, Laura Regattin e quello amministrativo, Antonio Poggiana, ieri a colloquio con il primo cittadino. L allarme A lanciare l allarme, in mattinata, dal Consiglio regionale, è stato il vicecapogruppo di Forza Italia a palazzo Oberdan, Rodolfo Ziberna: «Ho ricevuto una giustamente preoccupata segnalazione di una cittadina alla quale sarebbe stato comunicato che il reparto San Giovanni dedicato ai malati di Sla e in stato vegetativo, dell Aas 2, ospitato presso l ospedale di San Giusto a Gorizia, cesserebbe la sua attività dal prossimo 1 settembre. Se ciò fosse ha indicato Ziberna si tradurrebbe in un ulteriore taglio di servizi e prestazioni sanitarie dell Isontino e del Goriziano in particolare, penalizzazione che la giunta nega di voler operare a parole, ma che nei fatti è sotto gli occhi di tutti». A Ziberna l Aas non ha fornito risposte, che sono però state fornite al sindaco Romoli. Le rassicurazioni Ieri mattina, Regattin e Poggiana hanno però tranquillizzato il sindaco: il nucleo ad alta specializzazione non sarà soppresso, ma semplicemente trasferito all interno delle strutture ospedaliere e, nella fattispecie, nella Rsa. «Saranno garantiti 9 posti letto, che si sommeranno ai 19 già esistenti come Residenza sanitaria protetta - è stato evidenziato - e il personale, ovviamente, sarà implementato. Il servizio, infatti, sarà dotato di altri sei infermieri, sei operatori sociosanitari, un fisioterapista, per garantire una qualità dell assistenza ottimale». Si perde per strada, insomma, un posto letto. «Questo reparto, che ho avuto l opportunità di visitare diverse volte, rappresenta senza dubbio un eccellenza in termini di dotazioni e di personale - riprende Ziberna -, la cui validità è ampiamente dimostrata e riconosciuta. In un reparto Rsa, questi pazienti avrebbero vita corta e le cure e attenzioni prestate in un reparto come quello di San Giusto erano e sono risorse indispensabili per queste patologie». Il reparto La struttura, attesa da anni, era stata inaugurata tre anni fa, nell aprile del Era stato ricavato uno spazio, adeguatamente separato dal resto delle degenze, in un ala della residenza protetta di corso Italia, dove in diverse stanze (alcune da 2, altre da 4 letti) sono stati ricoverati pazienti 5

6 in condizioni particolarmente critiche, malati di Sclerosi laterale amiotrofica o in stato di minima coscienza, stato vegetativo o altre patologie neurologiche simili. Il tutto senza particolari costi per gli utenti e le loro famiglie, visto che grazie all accordo sussidiario tra la struttura gestita dai Fatebenefratelli e l Azienda sanitaria i costi di ricovero sono coperti dall ente pubblico. A inaugurare il nuovo reparto furono l allora presidente della Regione Renzo Tondo, il dg dell Ass Bertoli, il direttore centrale della Salute Cortiula e l ex assessore alla sanità Kosic, che si spese per l attivazione del nucleo. Incontro con i dirigenti sanitari La preoccupazione di Romoli per l'ambulatorio pediatrico Preoccupazione per l'insufficienza di alcuni servizi sanitari e per il possibile ridimensionamento di altri è stata espressa dal sindaco, Ettore Romoli, al direttore sanitario dell'azienda per l'assistenza sanitaria Bassa friulana- isontina, Laura Regattin, e al direttore Antonio Poggiàna, nel corso di un incontro avvenuto in municipio. fra i vari argomenti affrontati, particolare attenzione è stata posta alle problematiche inerenti la sospensione dei prelievi nei centri esterni all'ospedale e l'orario di apertura dell'ambulatorio pediatrico. Per quanto riguarda il primo punto, i due dirigenti Aas, hanno spiegato che si sta elaborando un "protocollo sicurezza" per garantire la massima tutela agli utenti e nel momento in cui il progetto sarà completato saranno riattivati i centri di prelievo esterni. Si è affrontata, infine, la questione dell'ambulatorio pediatrico oggi attivo solamente fino alle 18. In questo caso, l'azienda sanitaria ha riferito al sindaco che si stanno effettuando degli approfondimenti per verificare l'opportunità e la possibilità di sperimentare un arco orario più ampio "anche se va ribadito- hanno evidenziato i due dirigenti- che il serivzio sta funzionando al meglio pur essendo i numeri degli accessi contenuti". Romoli, ringraziando i due direttori per la disponibilità dimostrata, ha rimarcato la necessità di assicurare servizi in grado di garantire il diritto alla salute edei cittadini evitando tagli indiscriminati e ridimensionamenti di attività fondamentali. "Se anche dovesse essere utilizzato da un solo bambo, in notturna, ciò significherebbe la sua apertura per 24 ore, ma è evidente che le strategie sono altre". Cronaca Pordenone Oltre mezzo milione per i nuovi endoscopi È l esborso necessario per sostituire le apparecchiature rubate in ospedale. Intanto, esami regolari Più di mezzo milione di euro. É la spesa che sarà necessaria per acquistare i nuovi endoscopi per sostituire le apparecchiature diagnostiche rubate nella notte tra lunedì e martedì in ospedale. Ecco il primo preventivo informale stilato ieri, all indomani della scoperta del furto. Occorrerà sostituire 14 macchinari, tra colonscopi e gastroscopi, e il valore della merce sottratta era stato quantificato in almeno 400 mila euro. «Stiamo accelerando le procedure per ripristinare il parco macchinari ha spiegato ieri Maurizio Sclippa, direttore medico dell ospedale e coordinatore dei servizi dei nosocomi aziendali. A breve forniremo il preventivo definitivo e intanto stiamo valutando formule d acquisto e finanziamento. Dai calcoli fin qui effettuati emerge che la spesa per reperire sul mercato attuale apparecchiature adatte a rimpiazzare quelle rubate costerà più di mezzo milione di euro, visti i prezzi dei nuovi modelli. Quanto agli esami diagnostici abbiamo potuto effettuarli questo mercoledì senza rinvii. Al massimo c è stato qualche ritardo. Dobbiamo ringraziare il Policlinico San Giorgio che ha messo a disposizione due strumenti diagnostici adatti anche per interventi endoscopici, l ospedale di San Vito che ci ha fornito due apparecchi per le diagnosi e il Cro di Aviano che ha reso disponibili colonscopi, gastroscopi e duodenoscopi. Così abbiamo potuto 6

7 far fronte alle esigenze ospedaliere e alle prenotazioni». Intanto continuano le indagini della squadra mobile della Questura. Nessun segno fresco di scasso. Sono state rinvenute però tracce di effrazioni sugli armadi e sulla porta d ingresso. (p.t.) San Vito Otorinolaringoiatria mantiene il primario Delibera della Regione sull ospedale. Oncologia diventerà una delle strutture complesse del Cro SAN VITO. Otorinolaringoiatria all ospedale di San Vito resterà una struttura complessa, ovvero il reparto farà ancora capo a un primario in loco. La buona notizia, dal punto di vista dell organizzazione sanitaria locale, è confermata dalla delibera della giunta regionale, che ha emanato principi e criteri di adozione dell atto aziendale. Tra le varie misure, la giunta Serracchiani (nella quale è delegata alla Sanità l assessore Maria Sandra Telesca), ha deliberato di integrare la precedente disposizione sulle strutture complesse, prevedendone alcune di cui era previsto il taglio. Tra queste, quella di Otorinolaringoiatria per il presidio ospedaliero di San Vito al Tagliamento- Spilimbergo. In provincia, è indicata anche Dermatologia per il Santa Maria degli Angeli di Pordenone. Nei mesi scorsi era stata indicata la soppressione dei primariati di Otorinolaringoiatria e Oncologia. C era preoccupazione per il futuro, soprattutto per la prima delle due strutture. A Otorinolaringoiatria, ogni anno si effettuano interventi chirurgici in anestesia totale, altrettanti in anestesia locale. Le prestazioni annue sono ben 9-10 mila a San Vito, cui va aggiunto il migliaio di Spilimbergo. Il timore era che l assenza di un primario in loco avrebbe aperto la strada a un futuro ridimensionamento del reparto sanvitese, il più efficiente in provincia per tempi d attesa e prestazioni. Così non sarà, stando alla delibera di giunta regionale. Per Oncologia, pare che il futuro sia quello di diventare una delle strutture complesse del Cro di Aviano, pur mantenendo a San Vito le funzioni attuali. Il reparto registra 9-10 mila passaggi annui, circa 400 prime visite e tra e pazienti in chemioterapia, nonché rapporti con l hospice e sodalizi. Due mesi fa, il sindaco Antonio Di Bisceglie, in merito all ipotetico taglio dei primari, aveva parlato di «inaccettabile depotenziamento dei servizi». Evidentemente, le pressioni sulla giunta regionale di politica e istituzioni sanitarie hanno fatto in modo che si cambiasse idea almeno su Otorinolaringoiatria. Ancora non si ha notizia, intanto, degli annunciati due concorsi per la sostituzione dei primari per i reparti di Ostetricia- ginecologia e Medicina, dopo i relativi pensionamenti. D altronde si erano prospettati tempi lunghi, pur assicurando che la sostituzione sarebbe avvenuta. (a.s.) Spilimbergo Ospedale, «inglesismi per farci chiudere» Spilimbergo, il comitato Sentinelle: «La Regione parla di day e week surgery e intanto taglia servizi» SPILIMBERGO. L istituzione di posti letto di semi- intensiva (24 quelli promessi e mai concessi), una radiologia aperta fino alle 20, un reparto di Chirurgia che mantenga tutta la sua efficacia, ma anche l estensione ad almeno due giorni delle aperture settimanali dell ambulatorio oncologico. Sono questi i suggerimenti proposti dai componenti del comitato Sentinelle dell ospedale di Spilimbergo, gruppo spontaneo di cittadini, molti dei quali utenti del San Giovanni dei Battuti, contenuti in un documento consegnato al presidente della commissione consiliare Sanità, Carlo Roman. Documento che, come è negli auspici del referente del comitato Andrea Castellan, si spera possa fornire qualche spunto in più, se 7

8 dovesse essere necessario, per la redazione dell ordine del giorno sul tema Ospedale e territorio, dalle criticità alle soluzioni concrete, che Roman porterà oggi all attenzione e all approvazione del consiglio comunale di Spilimbergo, convocato alle 18 nella sede municipale di palazzo di Sopra dal sindaco Renzo Francesconi. L ordine del giorno, una volta approvato, verrà illustrato nell annunciato vertice con l assessore regionale alla Sanità, Maria Sandra Telesca, che farà tappa a Spilimbergo giovedì 30 luglio. Spiega Castellan: «Si tratta semplicemente di suggerimenti che, secondo il nostro comitato, dovrebbero essere inseriti nel documento presentato la scorsa settimana alla commissione consiliare sanità», cui era presente lo stesso referente delle Sentinelle. E, prosegue: «Non entriamo nel merito delle positive proposte avanzate dai professionisti dell ospedale di Spilimbergo e dai medici di base, che reputiamo facilmente attuabili ed efficaci. Ma, come sottolineato dal segretario provinciale della Federazione, Rosario Magazzù, siamo convinti che solo battendo i pugni sul tavolo, tutti insieme, si possa ottenere quanto spetta di diritto ai cittadini dello Spilimberghese». E convinzione dei componenti del comitato che la riforma sanitaria regionale attuata dall esecutivo Serracchiani, giocando sugli inglesismi, week surgery e day surgery, possa finire per ridurre l operatività dell ospedale di Spilimbergo, indebolendolo. «Questi inglesismi conclude Castellan sono destinati a decretare la fine del nostro ospedale, cosa che non vogliamo assolutamente accada». Una dichiarazione che fa presagire che, pur di non vedersi scippare un servizio indispensabile e apprezzato, gli spilimberghesi siano pronti a vendere cara la pelle. (g.z.) 8

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015 Pagina 1 di 7 rassegna stampa 19/20/21 Settembre 2015 IL CITTADINO Lodi La lotta contro il tumore al seno, un esame che può salvare la vita (19/09/2015) Alao in piazza per ricordare Elisa Votta (19/09/2015)

Dettagli

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO 1 OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO QUESITO (posto in data 21 gennaio 2010) Presso il nostro presidio ospedaliero è in funzione una guardia h 24 di rianimazione

Dettagli

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1 Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO PROVINCIALE PER LA SALUTE E ALLE LINEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA PROVINCIALE DA PARTE DEL CONSIGLIO PER LA SALUTE DELLA COMUNITA DELLE GIUDICARIE

Dettagli

Obiettivi del progetto:

Obiettivi del progetto: BIBLIOTECA PER PAZIENTI Descrizione del contesto territoriale L idea di dare vita a una biblioteca per i pazienti nasce, nel nostro ospedale, da alcune iniziative pilota avviate in questi anni su tre versanti:

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 25 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 25 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Codogno Sant Angelo Lodigiano Casalpusterlengo Pagina 1 di 6 rassegna stampa 25 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Ecco la pagella dei nostri ospedali Codogno Sant Angelo Lodigiano Morta per l intervento estetico, il dramma in diretta dalla D Urso Casalpusterlengo

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE QUESITO (posto in data 2 giugno 2010) A quale medico spetta, per legge, l accompagnamento di un malato durante il trasporto da un ospedale

Dettagli

RASSEGNA STAMPA - mercoledì 19 marzo 2014

RASSEGNA STAMPA - mercoledì 19 marzo 2014 RASSEGNA STAMPA - mercoledì 19 marzo 2014 SPENDING REVIEW Spending review: nel pubblico 85mila esuberi e la sfida della mobilità. Dipedenti pubblici. Sugli stipendi Pa spunta il taglio oltre i 60mila euro.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Antonina Ristagno Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Udine, 11 giugno 2013 La conservazione: obiettivi Fin dal 2005, anno della prima stesura del Codice

Dettagli

CITTA` DI GRAVINA IN PUGLIA PROVINCIA DI BARI COPIA

CITTA` DI GRAVINA IN PUGLIA PROVINCIA DI BARI COPIA N 58 del Registro CITTA` DI GRAVINA IN PUGLIA PROVINCIA DI BARI COPIA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: DGR 1110 del 05/06/2012 Piano di rientro e di riqualificazione

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014 Pagina 1 di 5 rassegna stampa Data 12 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Codogno Dopo il rifiuto di Rossi, non si placa la polemica Casale Sant Angelo Lodigiano L Asl dice addio a Villa Cortese: gli uffici

Dettagli

RASSEGNA STAMPA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI CAGLIARI. Sommario. 5 febbraio 2015

RASSEGNA STAMPA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI CAGLIARI. Sommario. 5 febbraio 2015 Sommario «Allontanato dall ospedale con mia madre morente»... 2 Al Businco più donazioni e trapianti... 3 Un centro cura il gioco d azzardo... 4 Ticket sanitario, esentati anche gli inoccupati... 5 Agus

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese

Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese Un po di chiarezza sull Ospedale di Cavalese Il presidio di Cavalese è una certezza della rete trentina e non chiude! Una semplice cronologia per provare a capire. 2010 23 2012 7 dic 2013 25 gen L art.

Dettagli

L Euro e i consumatori

L Euro e i consumatori XII Edizione del Forum della Pubblica Amministrazione EURO, CITTADINI, PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Roma, 9 maggio 2001 L Euro e i consumatori Intervento di Giustino Trincia (procuratore nazionale dei cittadini

Dettagli

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina"

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 Bassa Friulana-Isontina Pagina n.1 Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina" Gorizia N. 173 del 22/04/2015 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE OGGETTO: ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA TURISTICA NEL

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

OGGETTO SOSTITUZIONE DEL DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA

OGGETTO SOSTITUZIONE DEL DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA 1 OGGETTO SOSTITUZIONE DEL DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA QUESITO (posto in data 8 luglio 2013) Sono un dirigente di struttura complessa facente funzioni da sette anni. Questo in palese violazione dell

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

L AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA

L AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA L AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA Ai sensi dell art. 7 del D.Lgs 165/01 e dell art. l art.32 del D.L. 4 luglio 2006, n.223 convertito con Legge 4 agosto 2006 n.248; intende procedere alla predisposizione

Dettagli

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1

Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 Protocollo d intesa sul sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica 1 tra gli infermieri dei distretti,tutti i reparti ospedalieri ed il servizio di Pronto Soccorso Rev. 02 1

Dettagli

Relatore: Dott. Antonio Maddalena

Relatore: Dott. Antonio Maddalena L organizzazione delle Cure Domiciliari di III livello e delle Cure Palliative nella Asl Napoli 1 Centro. Un modello di integrazione tra Ospedale e Territorio Relatore: Dott. Antonio Maddalena U.O.C. Integrazione

Dettagli

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona L Assistente Sociale in Provincia di Cremona Indagine sulla condizione professionale e lavorativa della Assistente Sociale nella Provincia di Cremona Questa indagine è nata dall impegno che ci siamo presi

Dettagli

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna. Allegato alla Delib.G.R. n. 49/14 del 7.12.2011 PROGETTO: Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Dettagli

Associazione CON NOI Via Risorgimento, 2 06081 Assisi (PG) Tel./Fax 075 8044336 email: info@associazioneconnoi.it Cod.Fisc.

Associazione CON NOI Via Risorgimento, 2 06081 Assisi (PG) Tel./Fax 075 8044336 email: info@associazioneconnoi.it Cod.Fisc. www.associazioneconnoi.it Associazione CON NOI Via Risorgimento, 2 06081 Assisi (PG) Tel./Fax 075 8044336 email: info@associazioneconnoi.it Cod.Fisc. 94050740540 Chi siamo "CON NOI" è un'associazione di

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti

RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA. 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti RASSEGNA STAMPA TAGLI AL SOCIALE DEL COMUNE DI ROMA 17 LUGLIO 2014 e giorni seguenti TELEVISIONI Trasmissione 56 Live : in studio: Francesca Danese e Claudio Cippitelli Conferenza stampa Social Pride,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail.

DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com daldegansonia@legalmail. FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail DAL DEGAN SONIA 34, VIA ROMA CALDOGNO (VI) - ITALIA Ab. 0444.905623 cell. 348.6996584 0444.905623 soniadaldegan@gmail.com

Dettagli

DOSSIER: OSPEDALE DEL LITORALE

DOSSIER: OSPEDALE DEL LITORALE MOL Movimento per l Ospedale del Litorale ASSOCIAZIONE Mail: movimento.ospedale.litorale@gmail.com Facebook: Movimento per l Ospedale del Litorale Sito: www.jesoloforum.com- Ospedale Sede: via Aleardi

Dettagli

Anziani malati non autosufficienti nelle Marche. Conferenza stampa di fine anno. A proposito di impegni presi dalla Regione

Anziani malati non autosufficienti nelle Marche. Conferenza stampa di fine anno. A proposito di impegni presi dalla Regione CAT - COMITATO ASSOCIAZIONI TUTELA Segreteria: c/o UILDM, Via Bufalini 3, 60023 Collemarino (An).. Tel. e fax 0731-703327 e mail: grusol@grusol.it www.grusol.it Aderiscono: Aism Regionale, Alzheimer Marche,

Dettagli

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali

In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali In arrivo i nuovi piani di organizzazione aziendali 17 L obiettivo delle presenti linee, nell ambito dell autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica aziendale

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ IN CONSULENZA IN UN ALTRA AZIENDA

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ IN CONSULENZA IN UN ALTRA AZIENDA 1 OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ IN CONSULENZA IN UN ALTRA AZIENDA QUESITI (posti in data 18 dicembre 2011) 1) è possibile svolgere servizio di pronta disponibilità in due aziende ospedaliere diverse, anche

Dettagli

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di

Dott Enzo CONTENTI Referente Provinciale dell Associazione Italiana Fisioterapisti AIFI di Verbale 5 Pag. n. 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA ATTI della Riunione di consultazione del Comitato di indirizzo della Facoltà di Medicina e Chirurgia L anno 2010 (Duemiladieci) in questo giorno di

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza primaria

Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza primaria Allegato 1 Strutture e standard organizzativi della rete dei servizi di assistenza primaria Di seguito sono elencate le seguenti tabelle: Posti letto Hospice Posti letto Speciali Unità di Assistenza Protratta

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

Il S.Croce meritatrebollinirosa

Il S.Croce meritatrebollinirosa gg Sanità/Checosacambia Il S.Croce meritatrebollinirosa Premiato con il punteggio massimo per prevenzione, diagnosi e cura delle patologie di interesse femminile g CAMILLA PALLAVICINO CUNEO Con tre«bollini

Dettagli

EDILIZIA SANITARIA, AL VIA UN PIANO DA 264 MILIONI DI EURO PER 87 INTERVENTI

EDILIZIA SANITARIA, AL VIA UN PIANO DA 264 MILIONI DI EURO PER 87 INTERVENTI EDILIZIA SANITARIA, AL VIA UN PIANO DA 264 MILIONI DI EURO PER 87 INTERVENTI Una bella notizia perché i cittadini potranno contare su reti e strutture sanitarie più efficienti e sicure e altamente tecnologiche.

Dettagli

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Descrizione specifica delle attività e della collocazione del 1

Dettagli

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L.

Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. Visti: l art 12bis, comma 9, del D. Lgs. 30.12.1992 n. 502 relativo a Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell art. 1 della L. 23.10.1992, n. 241, il quale prevede che le regioni e

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PLURIENNALI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2012. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

Il contributo della Professione amministrativa

Il contributo della Professione amministrativa Regione FVG - ASS N. 5 Bassa Friulana Il contributo della Professione amministrativa dott.ssa Paola Menazzi Convegno interregionale CARD Tra corsi e ricorsi regionali, i migliori percorsi di governance

Dettagli

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono:

In breve gli OBIETTIVI GENERALI del progetto LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA sono: CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: LA SOLIDARIETA' SI TINGE DI VIOLA 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante la

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1

INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 INTEGRAZIONE della DGR 1-600 del 19 novembre 2014 ALLEGATO 1 A seguito del confronto con le Direzioni delle Aziende del Sistema Sanitario Regionale e con alcune Conferenze o Rappresentanze dei Sindaci

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

SANITA': E-R; SINDACATI, 500 POSTI IN MENO NEL

SANITA': E-R; SINDACATI, 500 POSTI IN MENO NEL Ansa SANITA': E-R; SINDACATI, 500 POSTI IN MENO NEL 2012 'EFFETTO BLOCCO DEL TURN-OVER, TAGLIO DEI COSTI PER 25 MILIONI' BOLOGNA, 28 GIU - A fine 2012, come effetto del blocco del turn-over, il sistema

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA'

RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA' RELAZIONE INTRODUTTIVA DI ROSALBA CALANDRA CHECCO SEGRETARIO FP CGIL RESPONSABILE SANITA' Abbiamo deciso di organizzare questo convegno per fare alcune considerazioni e valutazioni sul sistema socio sanitario

Dettagli

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo

L Oss nell. L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto. Sede di Fermo L infermiere e le figure di supporto: il processo di attribuzione Esperienze a confronto L Oss nell Sede di Fermo Antonino Longobardi Mariangela Cococcioni FERMO 20 GIUGNO 2012 L evoluzione del numero

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

Tubercolosi in età pediatrica. Considerazioni Dott. Giorgio Bracaglia

Tubercolosi in età pediatrica. Considerazioni Dott. Giorgio Bracaglia Tubercolosi in età pediatrica Considerazioni Dott. Giorgio Bracaglia Circolare Ministero della salute 23 Agosto 2011 Stiamo seguendo con la massima attenzione la vicenda del Gemelli ha dichiarato il Ministro

Dettagli

Il Primo Gruppo Ospedaliero in Italia

Il Primo Gruppo Ospedaliero in Italia POSIZIONAMENTO COMPETITIVO Il Primo Gruppo Ospedaliero in Italia 18 ospedali, di cui 17 in Lombardia ed uno in Emilia Romagna 5.169 posti letto 3,9 milioni di pazienti / anno 250.000 pazienti / anno in

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

Deliberazione n. 476 del 25 marzo 2010

Deliberazione n. 476 del 25 marzo 2010 A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 476 del 25 marzo 2010 Programmazione delle attivita' inerenti la realizzazione di un ambulatorio per la gestione pediatrica dei codici di minore gravita'

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

Quale futuro per il Tecnico di Laboratorio Biomedico?

Quale futuro per il Tecnico di Laboratorio Biomedico? Quale futuro per il Tecnico di Laboratorio Biomedico? Daniele Nigris nigris.daniele@aoud.sanita.fvg.it Maniago (PN) 11 maggio 2013 L analisi Per poter parlare del futuro iniziamo a capire il presente:

Dettagli

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali.

Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail lraimondo@tiscali. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAIMONDO GIUSEPPE Indirizzo Cosenza via Don Gaetano Mauro, 30 Telefono 0984 481420 347 8933389 Fax E-mail

Dettagli

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di PRONTO SOCCORSO OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Pronto Soccorso svolge la sua attività al piano terra dell Ospedale San Bassiano, a sinistra della

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome REGONASCHI NADIA E-mail Nazionalità nad.reg@alice.it italiana Data di nascita 26/10/1963 Luogo di nascita

Dettagli

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina Avviso pubblico per la formazione di una short list di medici disponibili a svolgere attività di ambulatorio e primo soccorso presso il punto di assistenza medica del Consorzio di Rosa Marina- Ostuni Il

Dettagli

S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott. EGIDIO BARBI)

S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott. EGIDIO BARBI) Lo staff è composto da dirigenti medici : dott. Egidio Barbi, Direttore Dipartimento di Pediatria Direttore: Prof. Alessandro Ventura S. C. PEDIATRIA D URGENZA E PRONTO SOCCORSO PEDIATRICO (Direttore dott.

Dettagli

OGGETTO PROBLEMI POSTI DALLA CARENZA DELLA DOTAZIONE ORGANICA

OGGETTO PROBLEMI POSTI DALLA CARENZA DELLA DOTAZIONE ORGANICA 1 OGGETTO PROBLEMI POSTI DALLA CARENZA DELLA DOTAZIONE ORGANICA QUESITI (posti in data 19 giugno 2012) Sono il responsabile facente funzioni di una unità operativa complessa di anestesia e rianimazione,

Dettagli

OGGETTO: Trattamento giuridico degli infermieri professionali extracomunitari nella provincia di Trieste.

OGGETTO: Trattamento giuridico degli infermieri professionali extracomunitari nella provincia di Trieste. Sez. regionale del Friuli-Venezia Giulia ASGI Sede di Trieste, via Fabio Severo, 31 - Trieste Tel. Fax 040/368463 e-mail: walter.citti@asgi.it www.asgi.it Spett. Ministero dell Interno Dipartimento per

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di /$1829$25*$1,==$=,21($0%8/$725,$/( 1(// $=,(1'$86/',)(55$5$ L attività specialistica ambulatoriale nell Azienda USL di Ferrara è una delle principali attività d assistenza sanitaria che impegna oltre il

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail

Il/La sottoscritto/a. Nato a il residente a in Via domicilio tel. E-Mail RICHIESTA PUBBLICITA SANITARIA Strutture complesse Marca da Bollo (Solo Regione) AL SIGNOR DIRIGENTE REGIONALE DIREZIONE PER I SERVIZI SOCIO-SANITARI DORSODURO 3493 30123 VENEZIA AL SIG. PRESIDENTE DELL

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate AZIENDA OSPEDALIER A UNIVERSITA DI PADOVA ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate Preparato da Ref. GdL Dott.ssa C. Destro. Verificato da Direttore S.C. Qualità

Dettagli

Svolgimento di interrogazioni a risposta immediata (Argomento n. 4 all ordine del giorno)

Svolgimento di interrogazioni a risposta immediata (Argomento n. 4 all ordine del giorno) 1 Svolgimento di interrogazioni a risposta immediata (Argomento n. 4 all ordine del giorno) E ora la volta della: ITR/1109/QT, in data 2 dicembre 2011, a firma dei Consiglieri Girelli, Alfieri, Alloni,

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731 REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AZIENDA U.L.S.S. 16 DI PADOVA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731 Oggetto: nota informativa di sintesi

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo.

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo. Carta dei FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG www.operasancamillo.net HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti 1 di 18

Dettagli

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera

Regione Marche. Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera Regione Marche Linee di intervento PSR: 7.1 Rete ospedaliera 1 Analisi della realtà regionale, per sistemi e processi Differenziali nel consumo di giornate di degenza tra le diverse aree vaste Scambi interni

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015 Pagina 1 di 6 rassegna stampa 4/5/6/7 Aprile 2015 IL CITTADINO Lodi In ospedale cantieri avanti tutta (04/04/2015) Foroni respinge il matrimonio con pavia: «lodi autonoma» (04/04/2015) Lettere & opinioni

Dettagli

HOSPICE: CHE COSA ASPETTARSI? COME E DOVE TROVARLE CHI HA BISOGNO DI QUESTE STRUTTURE SPESSO NON SA

HOSPICE: CHE COSA ASPETTARSI? COME E DOVE TROVARLE CHI HA BISOGNO DI QUESTE STRUTTURE SPESSO NON SA DALL PARTE DEL MALATO HOSPICE: CHE COSA ASPETTARSI? CHI HA BISOGNO DI QUESTE STRUTTURE SPESSO NON SA COME E DOVE TROVARLE NÉ A CHE COSA HA DIRITTO. ECCO ALLORA LA RISPOSTA ALLE DOMANDE PIÙ FREQUENTI È

Dettagli

P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia

P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia Nuova Area attrezzata (recovery room) della S.C. di Anestesia e Rianimazione Presentazione del Progetto FASE 1 Federico Gallo Dg ASL VC 19 maggio 2014 L analisi del

Dettagli

SCADENZA BANDO 14 APRILE 2012 AZIENDA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N.

SCADENZA BANDO 14 APRILE 2012 AZIENDA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. SCADENZA BANDO 14 APRILE 2012 AZIENDA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO PER TITOLI E COLLOQUIO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO DI N. 1 DIRIGENTE MEDICO DI ANANTOMIA PATOLOGICA In esecuzione della deliberazione

Dettagli

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM SCHEDA DI SINTESI PER IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI REGIONALI Linea operativa: Assistenza primaria, assistenza h 24 e riduzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso Regione BASILICATA Titolo del progetto

Dettagli

Gli utenti nominali abilitati sono circa 15.000. In media gli utenti concorrenti sono circa 2.500. DOMANDA 3

Gli utenti nominali abilitati sono circa 15.000. In media gli utenti concorrenti sono circa 2.500. DOMANDA 3 Pag. 1 di 5 DOMANDA 1 Con riferimento a quanto in oggetto, si chiede a codesta Stazione Appaltante di chiarire se potranno essere ammessi alla successiva eventuale fase di Gara anche Operatori Economici

Dettagli

Piano regionale di informazione e sensibilizzazione sulla donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto. 1^ Fase.

Piano regionale di informazione e sensibilizzazione sulla donazione di organi e tessuti a scopo di trapianto. 1^ Fase. 8^ legislatura Deliberazione della Giunta n. 2610 del 07-08-2007 Presidente V. Presidente Assessori Segretario Giancarlo Luca Renato Giancarlo Marialuisa Oscar Elena Fabio Massimo Renzo Francesca Flavio

Dettagli

CONVEGNO FEDERALISMO SANITARIO E CONTINUITA DELL ASSISTENZA: LE PROPOSTE DI FEDERSANITA A.N.C.I. F.V.G. E VENETO

CONVEGNO FEDERALISMO SANITARIO E CONTINUITA DELL ASSISTENZA: LE PROPOSTE DI FEDERSANITA A.N.C.I. F.V.G. E VENETO Federazione Friuli V.G. CONVEGNO FEDERALISMO SANITARIO E CONTINUITA DELL ASSISTENZA: LE PROPOSTE DI FEDERSANITA A.N.C.I. F.V.G. E VENETO Lunedì 23 febbraio 2009 ore 8,30 Sala convegni Fondazione C.R.U.P.

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

Durata annuale- Importo lordo onnicomprensivo 24.000,000 su base annua.

Durata annuale- Importo lordo onnicomprensivo 24.000,000 su base annua. L AZIENDA OSPEDALIERA DI REGGIO EMILIA Istituto in tecnologie avanzate e modelli assistenziali in oncologia ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO bandisce selezione per l assegnazione di

Dettagli

OGGETTO: INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI ATTRAVERSO L INSEGNAMENTO DI SOSTEGNO

OGGETTO: INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI ATTRAVERSO L INSEGNAMENTO DI SOSTEGNO Al Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTERROGAZIONE a risposta scritta OGGETTO: INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI ATTRAVERSO L INSEGNAMENTO DI SOSTEGNO Premesso che:

Dettagli

ASSOCIAZIONE MALATI DI RENI O.N.L.U.S. C/o UOC di Nefrologia e Dialisi Ospedale S. Spirito 00193 ROMA LUNGOTEVERE IN SASSIA, 1 0668352552-1

ASSOCIAZIONE MALATI DI RENI O.N.L.U.S. C/o UOC di Nefrologia e Dialisi Ospedale S. Spirito 00193 ROMA LUNGOTEVERE IN SASSIA, 1 0668352552-1 Sig. Presidente, signori consiglieri, Commissione Sanità Consiglio Regionale del Lazio audizione 31 maggio 2012 Premesso che come tutti i cittadini di questa regione, ci auguriamo che al più presto possa

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.)

Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Servizio Sanitario Nazionale Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE RC. OSPEDALE DI L O C R I (R.C.) Dipartimento Materno Infantile Struttura Operativa Complessa di OSTETRICIA E GINECOLOGIA CARTA

Dettagli