DISTRETTO PRODUTTIVO DELLE POLITICHE SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISTRETTO PRODUTTIVO DELLE POLITICHE SOCIALI"

Transcript

1 PATTO PER LO SVILUPPO DEL DISTRETTO PRODUTTIVO DELLE POLITICHE SOCIALI Regione Siciliana - Assessorato Regionale della Cooperazione, Commercio, Artigianato e Pesca Decreto n.152 dell'1/12/2005 (GURS n. 57 del 30 dicembre 2005) Criteri di individuazione e procedure per il riconoscimento dei "distretti produttivi" previsti dall'articolo 56 della Legge Regionale n.17/2004 Pag. 1

2 INDICE 1. DENOMINAZIONE E RAPPRESENTANTE DEL DISTRETTO DISTRETTO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI IL CONTESTO DI RIFERIMENTO DELIMITAZIONE TERRITORIALE LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEL SETTORE LA SITUAZIONE ITALIANA UNO SGUARDO PIÙ ATTENTO SULLA REALTÀ SICILIANA DESCRIZIONE DELLA PARTNERSHIP DEL PATTO DELLE POLITICHE SOCIALI TIPOLOGIE DI SERVIZI EROGATI: POTENZIALITÀ DI SVILUPPO: ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PROGRAMMA DELLE AZIONI E DEGLI INTERVENTI DEL DISTRETTO MISURA 1 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA AZIONE 1.1 FONDI PER CAPITALE DI RISCHIO AZIONE 1.2 FONDI GARANZIA PER LE IMPRESE E PER LO START UP AZIONE 1.3 FONDI GARANZIA PER IL PRESTITO SOCI MISURA 2 CIRCOLI DELLA CONOSCENZA MISURA 3 SVILUPPO DELLA COMPETITIVITÀ DELLE PMI SOCIALI AZIONE 1.1 FORMAZIONE CONTINUA AZIONE 1.2 FORMAZIONE SUL LAVORO PER I NEO-ASSUNTI NELLA LOGICA DELLA IMMEDIATEZZA DELL INTERVENTO MISURA 4 RICERCA APPLICATA E TRASFERIMENTO DEL SAPERE MISURA 5 SOSTEGNO E PROMOZIONE AL SISTEMA DISTRETTUALE PER LA RICERCA E LO SVILUPPO TECNOLOGICO MISURA 6 MARKETING TERRITORIALE PIANO FINANZIARIO DI MASSIMA DEL DISTRETTO Pag. 2

3 1. DENOMINAZIONE E RAPPRESENTANTE DEL DISTRETTO Il Distretto Produttivo individuato nel presente "Patto per lo Sviluppo" viene denominato: "DISTRETTO PRODUTTIVO DELLE POLITICHE SOCIALI" caratterizzato dalla presenza di imprese operanti nel settore socio-assistenziale e dell inserimento lavorativo di soggetti svantiaggiati. Ai sensi dell'art 7 del Decreto dell'assessorato Regionale della Cooperazione, del Commercio, dell'artigianato e della Pesca n.152 dell'1/12/2005, pubblicato nella GURS n. 57 del 30/12/2005 come Rappresentante Legale del Distretto Produttivo delle Politiche Sociali è stato proposto il Dott. BARBAROSSA Edoardo, presidente e legale rappresentante del Consorzio SOL.CO Catania, domiciliato per la carica in Via P. Carrera n Catania Tel. 095/ DISTRETTO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI 2.1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Il distretto produttivo delle Politiche Sociali della Regione Sicilia, candidato al riconoscimento di distretto produttivo ai sensi dell'art. 56 della L.R. 17 del 28/12/2004 è tracciato secondo i criteri dettati del Decreto dell Assessorato della Cooperazione, del commercio e dell artigianato e della pesca, del 01/12/05. Il presente distretto produttivo vede la partecipazione di 103 Cooperative Sociali e la presenza della Università degli Studi di Palermo Centro per il Dottorato di Ricerca Informatica e l ACLI Sede Regionale DELIMITAZIONE TERRITORIALE L area di insediamento delle imprese operanti nel settore socio-assistenziale e di inserimento produttivo è rappresentata dall intero territorio regionale con una presenza più marcata nell area del catanese (48 cooperative su un totale di 103 pari al 47%). La distribuzione territoriale delle imprese partecipanti al patto è meglio rappresentata nella seguente cartina: Pag. 3

4 2.3. LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEL SETTORE LA SITUAZIONE ITALIANA Nel corso del biennio l'istat ha svolto la seconda rilevazione sulle cooperative sociali iscritte nei registri regionali e provinciali al 31 dicembre 2003 (si vedano le Note informative). Rispetto ai risultati della rilevazione precedente, riferita al 2001, il numero delle cooperative sociali è cresciuto dell 11,7%. Le cooperative sociali attive al 31 dicembre 2003 sono 6.159, mentre ammontano a 875 quelle che, alla data di riferimento della rilevazione, non avevano ancora avviato l attività o l avevano sospesa temporaneamente. A conferma della relativa novità del fenomeno, più del 60% delle cooperative sociali italiane è nato dopo il Nel 60,2% dei casi si tratta di cooperative che erogano servizi sociosanitari ed educativi (tipo A, unità) e nel 32,1% di unità che si occupano di inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati (tipo B, unità). Le cooperative ad oggetto misto (che svolgono sia attività di tipo A sia di tipo B) ed i consorzi sono molto meno numerosi: 249 le prime (4,0%) e 224 i secondi (3,6%). Nelle cooperative sociali sono impiegati circa 190 mila lavoratori retribuiti (161 mila dipendenti e 28 mila lavoratori con contratto di collaborazione) e 32 mila non retribuiti (28 mila volontari e 4 mila obiettori di coscienza). Il 70% circa delle risorse umane è costituito da donne. Dal punto di vista economico, le cooperative sociali registrano nel complesso circa 4,5 miliardi di euro di entrate. I valori non sono distribuiti omogeneamente tra le varie tipologie di cooperativa: a fronte di un valore medio della produzione di 720 mila euro, le cooperative di tipo A si attestano a circa 770 mila euro per unità, quelle di tipo B e ad oggetto misto a circa 473 mila euro, mentre i consorzi presentano un valore medio pari a circa 2 milioni di euro. Tra le cooperative di tipo A il settore di attività relativamente più diffuso è l assistenza sociale, il servizio più frequentemente offerto è l assistenza domiciliare Pag. 4

5 e la categoria di utenza privilegiata è costituita dai minori; tra le cooperative di tipo B, l inserimento lavorativo riguarda soprattutto i disabili (invalidi fisici, psichici e sensoriali). Distribuzione territoriale Nel 2003, la maggior parte delle cooperative sociali è localizzata nel Mezzogiorno (32,4% pari a unità). Seguono il Nord-ovest con il 26,6% (1.637 unità), il Nordest con il 20,9% (1.289) ed il Centro con il 20,1% (1.235) (Grafico 1). Rispetto al 2001, le cooperative sociali del Nord-ovest diminuiscono leggermente il proprio peso relativo, scendendo dal 29,8% al 26,6%. Una tendenza opposta si registra nel Centro e nel Mezzogiorno, dove le cooperative passano rispettivamente dal 18,0% al 20,1% e dal 31,5% al 32,4%. Nel Nord-est la quota delle cooperative sul totale nazionale si mantiene sostanzialmente stabile (20,7% nel 2001 e 20,9% nel 2003). Pag. 5

6 La distribuzione regionale delle cooperative sociali appare più disomogenea di quella riscontrata per ripartizione territoriale (Tavola 1). Nel 2003 il maggior numero di cooperative sociali ha sede in Lombardia (996 unità, pari al 16,2% del totale nazionale); seguono il Lazio (591), il Veneto e la Sicilia (entrambi 528), l Emilia-Romagna e la Puglia (ambedue 487). Le regioni con una minore presenza assoluta di cooperative sociali sono quelle di dimensioni più piccole: Valle d Aosta (31), Molise (58) e Basilicata (118). Rispetto al 2001, il numero di cooperative sociali aumenta in buona parte delle regioni italiane; in particolare, l incremento è notevole (superiore al 25%) in Basilicata (42,2%), nel Lazio (30,2%), nella provincia autonoma di Bolzano (32,7%) e in Puglia (25,8%). Al contrario, si osserva, una diminuzione del numero di cooperative sociali in Molise (-26,6%), Valle d Aosta (-8,8%), Piemonte (-6,2%), Calabria (-6,1%) e Lombardia (-1,4%). Per analizzare in modo più approfondito la distribuzione territoriale, dato il diverso peso demografico delle regioni italiane, i valori assoluti sono stati normalizzati considerando la popolazione residente in ciascuna regione alla fine del Nel complesso, in Italia sono attive 10,6 cooperative ogni 100 mila abitanti e tale rapporto tende ad essere più elevato nelle regioni settentrionali (nel Nord-est 11,8 e nel Nord-ovest 10,8 cooperative ogni 100 mila abitanti) e del Centro (11,1 cooperative ogni 100 mila abitanti) rispetto a quelle del Mezzogiorno (9,7 cooperative ogni 100 mila abitanti). Di conseguenza, cambia la graduatoria tra le regioni. Al vertice si attestano Valle d Aosta (25,4 cooperative ogni 100 mila Pag. 6

7 abitanti), Basilicata (19,8), Molise e Sardegna (18,0), nonché la provincia di Trento (14,3). Chiudono la graduatoria Campania (3,3 cooperative ogni 100 mila abitanti), Calabria (7,6), Piemonte (9,5) e Toscana (9,8). Anche considerando la tipologia il profilo muta secondo l area geografica (Tavola 2). Nelle regioni del Nord sono relativamente più frequenti le cooperative di inserimento lavorativo (tipo B) e i consorzi, nel Mezzogiorno le cooperative che si occupano dell erogazione di servizi sociosanitari ed educativi (tipo A), nelle regioni del Centro quelle ad oggetto misto (sia tipo A, sia tipo B). Nel dettaglio regionale emergono differenti orientamenti imprenditoriali. Le cooperative di tipo A tendono ad essere relativamente più diffuse in Sicilia (82,0%), Sardegna (79,3%), Basilicata (72,9%) e nella provincia di Trento (71,4%). Le cooperative di tipo B sono relativamente più frequenti in Umbria (46,8%), Lazio (42,1%), Friuli-Venezia Giulia (41,3%) e Marche (39,5%). Le cooperative ad oggetto misto si ritrovano più frequentemente in Campania (15,8%) e nel Lazio (13,9%). Infine, i consorzi sono relativamente più diffusi in Toscana (5,7%), Piemonte (5,2%), Friuli-Venezia Giulia (5,1%) e Liguria (4,9%). Periodo di costituzione Nel complesso, le cooperative sociali attive nel 2003 sono di recente costituzione (Grafico 2). Circa i due terzi di esse (64,8%) si sono costituite dopo il 1991 (anno di pubblicazione della legge di settore). Pag. 7

8 Ulteriori informazioni si ottengono mettendo in relazione il periodo di costituzione con la tipologia e l area geografica di localizzazione delle cooperative sociali (Tavola 3). Riguardo alla tipologia, la quota di cooperative costituitesi dopo il 1991 è relativamente più elevata tra i consorzi (82,6%), le cooperative di tipo B (72,6%) e quelle ad oggetto misto (67,5%). Al contrario, sono relativamente più anziane le cooperative di tipo A (solo il 59,4% di esse è, infatti, nato dopo il 1991). Considerando l area geografica le cooperative sociali localizzate nell Italia nordorientale tendono ad essere relativamente più giovani: in questa area, infatti, la quota di cooperative costituitesi dopo il 1991 (71,5%) è superiore a quanto si rileva nelle altre ripartizioni geografiche. Base sociale e pluralità dei modelli proprietari Pag. 8

9 Nel 2003 i soci delle cooperative sociali sono , distinti in persone fisiche e persone giuridiche. Nel complesso, rispetto alla rilevazione precedente riferita al 2001, la base sociale delle cooperative sociali cresce del 4,1%; nel dettaglio, le persone fisiche aumentano del 3,6% e le persone giuridiche del 30,4%. Tuttavia, il numero medio di persone fisiche per cooperativa scende lievemente da 38 a 35, mentre il numero medio di persone giuridiche si mantiene al di sotto dell unità. Le cooperative sociali che hanno solo persone fisiche sono (81,8% del totale); 224 (3,6%) quelle che hanno solo persone giuridiche, mentre la contemporanea presenza di persone fisiche e persone giuridiche si rileva in 896 casi (14,5%). Rapportando il numero di persone fisiche alla popolazione italiana nel 2003, ci sono 37 soci di una cooperativa sociale ogni persone. Tenendo conto della tipologia della cooperativa (Tavola 4), si rileva che: le cooperative di tipo A hanno un numero di soci notevolmente superiore a quello rilevato per le altre tipologie, con una media pari a circa 41 soci per cooperativa; i soci persone giuridiche risultano concentrati nei consorzi (59,1%) dove sono, in media, pari a 15 per unità. Ordinando le unità per classi di numerosità dei soci (Tavola 5), si osserva che più della metà delle cooperative (56,2%) che associano solo persone fisiche è composta da un numero di soci inferiore a 20 (rispettivamente, il 54,7% delle cooperative di tipo A, il 59,7% di quelle di tipo B e il 53,4% di quelle ad oggetto misto). Per le cooperative che hanno soltanto persone giuridiche e, più precisamente per i consorzi, si osserva che il 50,4% di essi è composto da un numero di soci inferiore a 10. La distinzione tra soci persone fisiche e soci persone giuridiche rappresenta solo un primo passo verso la comprensione della varietà di forme proprietarie assunte dalle cooperative sociali. La base sociale delle cooperative può essere, infatti, composta da diverse categorie di soci persone fisiche (lavoratori, collaboratori retribuiti, volontari, utenti/fruitori, svantaggiati, sovventori, altri) e da più categorie di soci persone giuridiche (cooperative, associazioni, enti pubblici, ecc.), in rappresentanza della molteplicità di soggetti portatori di interessi (stakeholders). Nella rilevazione sono state raccolte informazioni soltanto rispetto alle categorie di soci persone fisiche, considerando troppo oneroso richiedere anche la distinzione interna alle persone giuridiche. Nonostante questo limite, attenuato peraltro dalla minore numerosità dei soci persone giuridiche, il quadro emerge con sufficiente chiarezza. I risultati, ottenuti classificando le cooperative per numero di categorie di soci, mostrano la predominanza di modelli multistakeholder; in particolare, ben l 80,7% delle cooperative è composta da più di una categoria di soci, ma solo il 20,6% ne associa più di 3 (Grafico 3). Pag. 9

10 Considerando le quattro tipologie di unità, le cooperative di tipo A mostrano una distribuzione relativamente più sbilanciata verso un unica categoria di soci (21,9%), mentre tra le cooperative di tipo B e ad oggetto misto si registrano quote percentuali più favorevoli alla molteplicità di categorie di soci (il 93,4% delle cooperative di tipo B ed il 91,3% di quelle ad oggetto misto è composta da almeno due categorie di soci). Per i consorzi, data la mancata distinzione tipologica delle persone giuridiche, la totalità delle unità risulta con unico tipo di stakeholder. Risorse umane Alla fine del 2003 le cooperative sociali operano con persone, di cui dipendenti, lavoratori con contratto di collaborazione, volontari, obiettori di coscienza, 807 religiosi e 497 lavoratori interinali. Pag. 10

11 Sommando i lavoratori retribuiti si ottiene una cifra pari a persone, mentre le risorse umane non retribuite sono (Tavola 6). Nelle cooperative sociali risulta preponderante il peso dei lavoratori dipendenti, che rappresentano il 73,0% delle risorse umane impiegate. Seguono i collaboratori (12,4%), i volontari (12,5%) e gli obiettori di coscienza (1,5%). I religiosi e i lavoratori interinali assieme raggiungono lo 0,6%. Rispetto al 2001, le persone impiegate dalle cooperative sociale sono aumentate complessivamente del 9,7%. La crescita maggiore ha riguardato in prevalenza le tipologie meno diffuse: in primo luogo, i lavoratori interinali (61,9%), seguiti dai religiosi (25,7%). Per quanto riguarda le altre tipologie, i dipendenti e i collaboratori crescono del 9,6% e del 5,9% rispettivamente, mentre i volontari e gli obiettori di coscienza del 13,3% e del 12,6%. Considerando la distribuzione delle risorse umane secondo l area geografica, nel 2003 le cooperative sociali del Centro e del Nord-est presentano una percentuale di dipendenti superiore alla media nazionale (78,3% e 74,7%, rispettivamente). Quelle del Nord-ovest e del Nord-est si distinguono per una quota relativamente maggiore di volontari (15,0% e 16,1%, rispettivamente), mentre quelle del Mezzogiorno per il maggiore impiego di collaboratori (19,1%) e di obiettori di coscienza (3,6%). A livello regionale la percentuale di dipendenti risulta più consistente della media nazionale nelle Marche (86,5%), in Piemonte (84,8%), Toscana (84,6%), Umbria (83,7%), Friuli-Venezia Giulia (83,3%) e Valle d Aosta (80,8). I collaboratori, invece, Pag. 11

12 sono relativamente più presenti in Campania (31,6%), Sardegna (26,9%), nel Lazio (24,9%), nella provincia autonoma di Bolzano (23,9%), in Abruzzo (21,3%) e in Calabria (20,3%). Per i volontari, infine, quote maggiori di quella nazionale si rilevano nella provincia di Trento (27,5%), in Lombardia (19,4%), Veneto (17,1%), Calabria (16,1%) e nella provincia di Bolzano (15,6%). La distribuzione per tipo di risorse umane mostra alcune particolarità, se riferita alle diverse tipologie di cooperativa. In quelle di tipo A e ad oggetto misto essa si presenta in linea con quella nazionale, mentre tra le cooperative di tipo B si osservano quote percentuali relativamente maggiori di dipendenti (76,5%) e di volontari (15,2%) e quote relativamente minori di collaboratori (4,8%). Nei consorzi, infine, si rileva una presenza relativamente maggiore di obiettori di coscienza (17,6%) e di collaboratori (26,2%), mentre i dipendenti scendono al 53,5%. A conclusione dell analisi delle risorse umane è da sottolineare la significativa presenza di donne tra il personale operante nelle cooperative sociali (Tavola 8). Nel complesso, esse rappresentano il 69,7% del totale; la quota sale al 73,1% tra i dipendenti, mentre scende al 52,9% tra i volontari. Dimensioni in termini di lavoratori Per lo svolgimento della loro attività le cooperative sociali impiegano prevalentemente personale retribuito: ben il 96,7% di esse opera cioè con lavoratori che possono essere dipendenti, collaboratori o interinali. I lavoratori occupati nel 2003 sono oltre 189 mila, con una media di 30,7 lavoratori per cooperativa (prossima a quella rilevata nel 2001, pari a 31,4 lavoratori,). Il valore unitario, tuttavia, presenta una forte variabilità. In particolare, la distribuzione delle cooperative per classe di lavoratori (Grafico 4) mostra che la classe dimensionale nella quale si concentra il maggior numero di cooperative (1.445 cooperative, pari al 23,5%) è quella con lavoratori mentre il 38,7% delle cooperative ha meno di 10 lavoratori e il 37,8% ne ha 20 o più; limitata al 14,5% è la quota di cooperative che ne impiega più di 49. Pag. 12

13 Rispetto al complesso delle unità, le cooperative di tipo A e ad oggetto misto sono in genere di dimensioni relativamente più grandi, mentre le cooperative di tipo B sono relativamente più piccole. Riguardo ai consorzi, l 11,6% di essi non utilizza personale retribuito ed il 47,4% opera con un numero di lavoratori compreso tra 1 e 5. Dimensioni economiche Nel 2003, le cooperative sociali dichiarano, nel complesso, un valore della produzione di milioni di euro (pari milioni di euro a prezzi costanti in base 2001), con un importo medio per cooperativa di circa 755 mila euro (720 mila euro a prezzi costanti 2001, Tavola 9). Il valore dei costi risulta proporzionato ai ricavi, con un importo complessivo di milioni di euro e un valore medio di 729 mila euro. Con riferimento alla rilevazione precedente, si osserva una crescita delle entrate e delle uscite del 13,1% e del 13,6% rispettivamente. Nel 2003, la composizione percentuale del valore della produzione secondo la tipologia della cooperativa è sostanzialmente analoga a quella osservata nel La quota maggiore del valore della produzione si concentra nelle cooperative di tipo A, che costituiscono il 60,2% delle cooperative e raccolgono il 64,4% dei ricavi. Seguono, con il 21,1%, le cooperative di tipo B, che in termini di ricavi risultano ridimensionate rispetto alla loro quota numerica (32,1%). Al contrario i consorzi, con l 11,0% dei ricavi, sono sovradimensionati rispetto alla loro frequenza (3,6%). Infine, le cooperative ad oggetto misto, con il 3,5% del totale del valore della produzione, sono lievemente sottodimensionate rispetto al loro peso percentuale sul totale delle cooperative (4,0%). Pag. 13

14 Queste differenze si riflettono in misura accentuata sugli importi medi dei ricavi: valori superiori alla media nazionale si registrano per i consorzi (circa 2,2 milioni di euro, in media) e per le cooperative di tipo A (circa 770 mila euro per cooperativa). Al contrario le cooperative di tipo B e quelle ad oggetto misto presentano valori medi ben al di sotto di quello nazionale (rispettivamente 473 mila e 626 mila euro). Anche con riferimento alla distribuzione territoriale, i ricavi risultano concentrati tra le unità localizzate nelle regioni del Nord-ovest e del Nord-est, che costituiscono, rispettivamente, il 26,6% ed il 20,9% delle cooperative sociali, ma producono nell ordine il 35,0% ed il 27,2% del valore totale. Al contrario, le cooperative sociali del Mezzogiorno, che costituiscono il 31,5% del totale, producono il 14,2% del valore complessivo. Infine, per quelle dell Italia centrale si registra una quota percentuale del valore della produzione (19,2%) sostanzialmente analoga a quella delle cooperative localizzate nella medesima area geografica (18,0%). In confronto alla rilevazione del 2001, si attenua anche se in misura moderata il divario tra le diverse ripartizioni territoriali; in particolare, il valore della produzione decresce di 4,5 punti percentuali nelle regioni del Nord mentre aumenta di 3,0 punti percentuali e di 1,5 punti percentuali rispettivamente al Centro e nel Mezzogiorno. In ragione dei differenziali territoriali, le entrate medie per cooperativa presentano valori che sono in linea con la media generale al Centro (792 mila euro), superiori ad essa nel Nord-ovest e nel Nord-est (947 e 936 mila euro, rispettivamente) e sensibilmente inferiori nel Mezzogiorno (349 mila euro). Allo scopo di approfondire l analisi, le cooperative sociali sono state raggruppate in classi di valori della produzione (Tavola 10). Poco meno della metà delle cooperative (46,9%) ha dichiarato un importo dei ricavi inferiore a 250 mila euro; il 18,7% tra 250 e 500 mila euro, il 16,7% tra 500 mila e 1 milione di euro, il 9,9% tra 1 e 2 milioni e il 7,8% uguale o superiore a 2 milioni di euro. Le cooperative più piccole prevalgono tra quelle di tipo B, dove la percentuale di unità con ricavi inferiore a 250 mila euro sale al 52,5%. Al contrario, le cooperative medio-grandi e grandi sono maggiormente frequenti tra quelle di tipo A e ad oggetto misto (circa il 55% delle cooperative appartenenti a queste tipologie mostrano ricavi uguali o superiori a 250 mila euro), e soprattutto tra i consorzi, tra i Pag. 14

15 quali il 70,1% ha un importo del valore della produzione uguale o superiore a 250 mila euro. Per quanto riguarda le aree geografiche, le cooperative più grandi prevalgono nell Italia settentrionale (con il 67,6% ed il 65,9% di unità con ricavi superiori a 250 mila euro, rispettivamente per il Nord-ovest e per il Nord-est) e quelle più piccole nel Mezzogiorno (con il 65,2% di cooperative con entrate inferiori a 250 mila euro). Nell Italia centrale la distribuzione delle unità per classi di valori della produzione è sostanzialmente analoga a quella nazionale. Rispetto alle fonti di finanziamento (Tavola 11), la maggioranza assoluta delle cooperative sociali (64,4%) registra entrate di origine prevalentemente pubblica e il 35,6% di fonte prevalentemente privata. Tuttavia, il quadro si diversifica per tipologia e sul territorio. La prevalenza del ricorso al finanziamento pubblico è relativamente più accentuata per le cooperative di tipo A (71,9%), mentre lo è meno per le cooperative di tipo B (50,4%). I consorzi e le cooperative ad oggetto misto presentano una distribuzione tra fonti di finanziamento prevalente in linea con quella riferita al complesso delle cooperative sociali. Per ciò che concerne le aree geografiche, le cooperative localizzate nel Mezzogiorno mostrano quote di entrate di fonte prevalentemente pubblica (73,7%) superiore alla media nazionale (64,4%), mentre nelle regioni settentrionali e centrali sono relativamente più numerose le cooperative con entrate di fonte prevalentemente privata (43,9% per il Nord-est, 39,5% per il Centro, 37,4% per il Nord-ovest, a fronte del 35,6% rilevato a livello nazionale). Pag. 15

16 Attività, servizi ed utenti Cooperative sociali di tipo A Le cooperative che appartengono a questa tipologia offrono servizi socio-sanitari ed educativi, attraverso la gestione di residenze protette, asili nido, centri diurni, comunità, presidi sanitari o prestando assistenza domiciliare ad una vasta gamma di utenti, la maggior parte dei quali si trova in situazioni di disagio o fragilità sociale. Rispetto al settore di attività prevalente4, il 58,5% delle cooperative di tipo A opera nel campo dell Assistenza sociale (Tavola 12). Il secondo settore per numerosità di cooperative è quello dell Istruzione e ricerca (20,7%). Seguono, il settore della Cultura, sport e ricreazione (13,2%) e della Sanità e (7,6%). A livello territoriale la specializzazione settoriale delle cooperative di tipo A presenta significative differenze. La vocazione socio-assistenziale risulta relativamente più marcata nelle regioni del Mezzogiorno (il 66,0% delle cooperative sociali di questa area ha indicato l Assistenza sociale come settore di attività prevalente) e, in particolare, in Sicilia (71,8%), in Sardegna (71,0%). Nelle regioni del Nord-est, invece, l Assistenza sociale perde di peso a favore di altri settori, soprattutto dell Istruzione (+10,2 punti percentuali rispetto al dato nazionale). A determinare questo risultato contribuisce in particolare il Veneto, con il 32,7% di cooperative sociali di tipo A operanti in prevalenza nel settore dell Istruzione. Al Centro, si rileva una maggiore concentrazione di cooperative attive in prevalenza nei settori Istruzione e ricerca (+1,8 punti percentuali in confronto con la distribuzione nazionale) e Cultura, sport e ricreazione (+1,4 punti percentuali). Nell Italia nord-occidentale la distribuzione delle cooperative secondo il settore di attività prevalente è in linea con quella nazionale. Rispetto alla gamma di servizi offerti dalle cooperative di tipo A (Tavola 13), i più diffusi sono quelli relativi all assistenza domiciliare (erogata dal 36,2% delle cooperative di tipo A), all assistenza in residenze protette (offerta dal 34,1% delle cooperative di tipo A) e alle prestazioni di ricreazione, intrattenimento e animazione (svolte dal 32,3% delle cooperative di tipo A). Pag. 16

17 Considerando il livello territoriale, il servizio di assistenza domiciliare è il più frequentemente offerto dalle unità localizzate al Centro e nel Mezzogiorno. L assistenza in residenze protette è invece fornita in misura maggiore dalle cooperative attive nelle regioni settentrionali. Inoltre, nel Nord-ovest e al Centro è particolarmente diffuso il servizio di ricreazione, intrattenimento e animazione. Nel corso del 2003 le cooperative sociali di tipo A hanno offerto servizi a più di 2,4 milioni di utenti, in crescita del 13,8% rispetto al 2001 (Tavola 14). Un numero così elevato di utenti è giustificato sia dalla capacità di questa forma di impresa di rispondere con tempestività alla domanda, spesso complessa e difficilmente interpretabile, di soggetti in situazioni di disagio, sia dalla flessibilità dell offerta, che copre anche la domanda di utenti non necessariamente mossi da specifiche necessità di assistenza. In termini geografici, la maggiore concentrazione di utenti si riscontra nel Nordovest (35,5%), segue il Nord-est (26,5%), il Centro (20,2%) e, infine, il Mezzogiorno (17,8%). Per dar conto del diverso peso che gli utenti assumono rispetto alla numerosità delle cooperative e a quella delle risorse umane in esse impiegate sono stati calcolati alcuni indicatori. A livello nazionale, il numero medio di utenti per cooperativa è pari a 648 mentre il numero di utenti per unità di personale è 15. Rispetto alla rilevazione precedente, il numero di utenti per cooperativa permane il medesimo, mentre il rapporto utenti/unità di personale aumenta di un unità. Pag. 17

18 Rispetto al tipo di utenza servita (Tavola 15), le categorie più numerose sono i minori (30,4%), gli utenti senza specifici disagi (26,4%) e gli anziani non autosufficienti (10,3%). Nelle diverse aree geografiche, le categorie di utenza relativamente più frequenti sono: nel Nord-ovest gli anziani non autosufficienti, i disabili e gli immigrati; nel Nord-est gli utenti senza specifici disagi, gli alcolisti, i disabili, gli immigrati, i malati e traumatizzati, le persone con altro tipo di disagio; al Centro i minori; nel Mezzogiorno gli utenti senza specifici disagi, gli anziani autosufficienti, i disoccupati, i malati e traumatizzati, i pazienti psichiatrici, i senza dimora e i tossicodipendenti. Pag. 18

19 Cooperative sociali di tipo B Le cooperative di inserimento lavorativo forniscono opportunità di occupazione a persone svantaggiate, favorendo in tal modo l integrazione sociale di soggetti che altrimenti rimarrebbero esclusi dal mercato del lavoro. Per raggiungere questo obiettivo le cooperative di tipo B possono svolgere qualsiasi attività d impresa in campo agricolo, industriale, artigianale, commerciale e di servizi, ma sono tenute a riservare una parte dei posti di lavoro a soggetti svantaggiati (alcolisti, detenuti ed ex detenuti, disabili fisici, psichici e sensoriali, minori, pazienti psichiatrici, tossicodipendenti e altre persone che, per povertà o per la perdita di una precedente occupazione, si trovano escluse dal mercato del lavoro). Nel corso del 2003 sono le persone svantaggiate presenti nelle cooperative sociali di tipo B (26,1% in più rispetto al 2001). La percentuale di soggetti svantaggiati presenti in cooperativa rispetto al totale dei lavoratori si attesta, a livello nazionale, al 46,5%, ben al di sopra del limite minimo (30%) stabilito dalla legge 381 del Analogamente alla rilevazione precedente, la maggiore concentrazione di persone svantaggiate si riscontra nel Nord-ovest (34,9%), seguono il Centro (24,5%), il Nord-est (con il 24,0%), e, infine, il Mezzogiorno (16,6%). Per dar conto del diverso peso che gli svantaggiati assumono rispetto alla numerosità delle cooperative e a quella dei lavoratori sono stati calcolati alcuni indicatori (Tavola 16). Dalla differenza della distribuzione delle persone svantaggiate con quella delle cooperative per ripartizione territoriale, si osserva che il peso relativo dei soggetti svantaggiati è maggiore nelle regioni del Nord-ovest (+5,5 punti percentuali) e del Nord-est (+2,5 punti percentuali), contrariamente a quanto si rileva nelle aree del Centro (-1,0 punti percentuali) e del Mezzogiorno (-7,0 punti percentuali). A livello nazionale, il numero medio di persone svantaggiate per cooperativa è pari a 12 (leggermente superiore a quello osservato nel 2001 pari a 10) e il numero di svantaggiati ogni 10 lavoratori è pari a 6 (5 nel 2001). Il primo indicatore conferma le differenze territoriali emerse in considerazione dell incidenza del personale svantaggiato nelle cooperative di tipo B. Al Nordovest e al Nord-est si registra una presenza di persone svantaggiate nelle Pag. 19

20 cooperative superiore alla media nazionale (con un numero di svantaggiati per cooperativa pari a 14 e a 13, rispettivamente), mentre in quelle del Centro ma soprattutto in quelle del Mezzogiorno essa scende al di sotto della media (con un numero di svantaggiati per cooperativa pari a 11 e a 8 rispettivamente). Per quanto riguarda il secondo indicatore, il rapporto si mantiene intorno a quello nazionale nelle diverse aree geografiche: esso è sostanzialmente analogo a quello calcolato su base nazionale nelle cooperative del Mezzogiorno e del Nordest (circa 6 svantaggiati ogni 10 lavoratori) e leggermente inferiore in quelle del Centro e del Nord-ovest (circa 5 svantaggiati ogni 10 lavoratori). Rispetto alle tipologie di soggetti svantaggiati presenti nelle cooperative di tipo B (Tavola 17), le categorie più numerose sono quelle dei disabili e dei tossicodipendenti (45,5% e 16,8%, rispettivamente). I soggetti svantaggiati relativamente più frequenti all interno delle cooperative di tipo B localizzate nelle diverse aree geografiche sono: i pazienti psichiatrici e i tossicodipendenti nel Nord-ovest; gli alcolisti, i pazienti psichiatrici, i minori e i tossicodipendenti nel Nord-est; i detenuti ed ex detenuti, i disabili e i disoccupati al Centro; i disabili e i disoccupati nel Mezzogiorno. Consorzi I consorzi sociali rappresentano una delle forme più importanti di integrazione tra cooperative sociali. La loro funzione principale è quella di offrire servizi finalizzati a sostenere le capacità e le attività di gestione delle cooperative aderenti, sia rispetto a funzioni interne (gestione delle risorse umane, assistenza contabile e consulenza fiscale, svolgimento pratiche amministrative, formazione, Pag. 20

21 informazione), sia riguardo ai rapporti con l esterno (elaborazione di progetti, assistenza nella partecipazione a gare pubbliche, supporto nell elaborazione di strategie politiche, partecipazione a gare pubbliche per conto delle cooperative aderenti). Il quadro che deriva dall elaborazione dei dati mostra un ampia varietà di attività. Rispetto alla gamma di servizi offerti (Tavola 18), i più diffusi, a livello complessivo, sono quelli relativi all assistenza nella partecipazione a gare pubbliche (offerta dal 77,2% dei consorzi), alla promozione di nuovi servizi (68,8%), all elaborazione e coordinamento progetti (68,3%) all organizzazione di scambi di informazioni ed esperienze tra cooperative (66,5%) e alla promozione dell immagine delle cooperative (62,9%). Minoritari sono, invece, i servizi di assistenza all acquisto di forniture e di trasmissione di conoscenze relative ai processi di produzione (ambedue inferiori al 21%). A livello territoriale, i consorzi del Nord offrono più frequentemente servizi legati alle attività formative e di accreditamento verso l esterno della cooperativa, mentre quelli del Centro e del Mezzogiorno sono più orientati ad offrire un supporto per il reperimento delle risorse economiche. Più nel dettaglio, i consorzi localizzati nelle regioni nord occidentali oltre a fornire assistenza nella partecipazione a gare pubbliche (68,5%), si occupano dell organizzazione e gestione di interventi di formazione, dell organizzazione di scambi di informazione e di esperienze tra cooperative, della promozione di nuovi servizi (65,8% in tutti e tre i casi). Al Nord-est, i consorzi si interessano più frequentemente dell organizzazione di scambi di informazione e di esperienze, dell elaborazione e coordinamento progetti, dell assistenza nella partecipazione Pag. 21

22 a gare pubbliche (81,6% in tutti e tre i casi) e della promozione dell immagine della cooperativa (71,4%). Per i consorzi del Centro l attività si concentra nell assistenza alla partecipazione a gare pubbliche (69,6%), nel general contracting e nella promozione di nuovi servizi (entrambi i casi con il 64,3%). Nel Mezzogiorno, infine, i servizi più frequentemente offerti dai consorzi riguardano l assistenza nella partecipazione a gare pubbliche (95,7%), l elaborazione e il coordinamento di progetti (80,4%) e il general contracting (73,9%) UNO SGUARDO PIÙ ATTENTO SULLA REALTÀ SICILIANA Erano presenti in Sicilia alla fine del 2001, secondo i dati della Direzione Generale della cooperazione, 936 cooperative, 477 di tipo A, 427 di tipo B e 32 iscritte ai registri prefettizi in entrambe le categorie. L assenza di una legislazione regionale e di conseguenza la mancata istituzione dell albo toglie la possibilità di operare una verifica su questi dati che sarebbe necessaria vista l entità del fenomeno cooperativo in questa regione e vista la problematicità di alcuni dati. tabella 1 Sicilia: le cooperative presenti Agrigento Palermo Siracusa Caltanissetta Trapani Enna Messina Ragusa Catania Sicilia Fonte: nostra elaborazione su dati della Direzione Generale della Cooperazione. Va innanzitutto notato che, al 31 dicembre 2000, data in cui sono disponibili i dati su base provinciale, il 62% delle cooperative sociali della regione ha sede nella provincia di Palermo, dove erano state intraprese alcuni anni fa politiche di promozione delle cooperative che hanno avuto come effetto la costituzione, in poche settimane, di un numero molto alto di nuove cooperative; da questi dati non è possibile sapere quante di queste cooperative abbiano effettivamente intrapreso e continuato l attività e quante non siano andate oltre alla formale costituzione. Se si utilizzano questi dati, la Sicilia parrebbe caratterizzata da un numero abbastanza elevato di cooperative di inserimento lavorativo, il 46% del totale, e addirittura il 74% delle cooperative sociali della provincia di Agrigento; le cooperative di tipo A sono il 49% e sono la totalità delle cooperative della provincia di Caltanissetta e una percentuale molto elevata delle cooperative delle province di Enna e Catania. Pag. 22

23 tabella 2 Sicilia: tipo di attività A B Plurime Agrigento 0% 26% 24% 100% 74% 76% 0% 0% 0% Palermo 21% 35% 37% 74% 61% 59% 5% 4% 4% Siracusa 86% 65% 61% 14% 35% 28% 0% 0% 11% Caltanissetta 100% 100% 100% 0% 0% 0% 0% 0% 0% Trapani 87% 77% 78% 13% 14% 13% 0% 9% 9% Enna 82% 81% 81% 18% 19% 19% 0% 0% 0% Messina 80% 78% 73% 15% 22% 19% 5% 0% 8% Ragusa 86% 70% 72% 14% 30% 25% 0% 0% 4% Catania 85% 88% 80% 14% 11% 12% 1% 1% 8% Sicilia 49% 51% 49% 51% 47% 46% 47% 46% 3% 3% 4% 3% Fonte: nostra elaborazione su dati della Direzione Generale della Cooperazione. Nel triennio si assiste ad una certa crescita del numero di cooperative, anche se le situazioni provinciali sono molto diverse: si va da aumenti molto alti come quelli della provincia di Agrigento, dove però il dato di partenza è costituito dalla sostanziale assenza di cooperative sociali fino a due anni fa, alla situazione di ben 4 province su 9 dove nel biennio considerato le cooperative diminuiscono; inoltre vi è un seppur limitato saldo netto negativo a livello regionale, sia per quanto riguarda le cooperative A, sia per quanto riguarda le cooperative B nell ultimo anno. Tralasciando Palermo per i motivi sopra elencati, Trapani, Caltanissetta e Ragusa sono le province dove la crescita è maggiore, mentre le province di Siracusa, Catania e Messina vedono un ridimensionamento del numero di cooperative presenti. tabella 3 Sicilia: tassi di sviluppo A B Miste Tutte Agrigento - 0% - 600% 12% 342% % 9% 467% Palermo 132% 10% 78% 18% 0% 9% 0% 0% 0% 41% 3% 23% Siracusa 8% -58% -27% 250% -64% 13% % -55% -18% Caltanissetta 31% 6% 19% % 6% 19% Trapani 27% 6% 17% 50% 0% 25% % 5% 25% Enna -6% 0% -3% 0% 0% 0% % 0% -2% Messina -45% 6% -21% -17% 0% -8% -100% - 0% -44% 13% -18% Ragusa -13% 24% 4% 133% 0% 67% % 21% 15% Catania 26% -54% -21% 0% -45% -23% 0% 300% 150% 22% -49% -19% Sicilia 42% -7% 16% 33% -2% 15% 9% 38% 25% 37% -3% 16% Fonte: nostra elaborazione su dati della Direzione Generale della Cooperazione. A livello regionale, le cooperative aumentano tra il 1998 e il 2001 del 42%, che in numeri assoluti significa oltre 90 cooperative in ogni anno. Questo andamento di crescita è confrontato nelle due successive tabelle (Tabella 4 e Fonte: nostra elaborazione su dati della Direzione Generale della Cooperazione. Tabella 5) con quello delle altre regioni di Italia. Pag. 23

24 Il confronto è operato sia sulla base dati DGEC sia su quella di Confcooperative ed il responso è simile. La quota di cooperative sul totale nazionale rimane costante, con un lieve ma non significativo decremento negli ultimi anni. La quota di cooperative sul totale delle cooperative del centro sud è invece più sensibilmente decrescente. Questo significa che il numero di cooperative in Sicilia si evolve come nel resto di Italia, mentre le altre regioni dell'italia meridionale si sono caratterizzate negli ultimi cinque anni per una crescita più consistente. Tabella 4 Cooperative per regione serie storica Regione Totale Nord Totale Centro Totale Sud Totale Isole Sicilia Sicilia su Italia 8% 14% 12% 14% 12% 12% Sicilia su sud e isole 26% 40% 34% 36% 31% 30% Totale Italia Fonte: nostra elaborazione su dati della Direzione Generale della Cooperazione. Tabella 5 Aderenti Confcooperative per regione serie storica Regione Totale Nord Totale Centro Totale Sud Sicilia Sicilia su Italia 9% 9% 10% 10% 10% 9% 9% 9% Sicilia su sud e isole 61% 60% 61% 60% 57% 54% 49% 48% Totale Isole Totale Italia Fonte: elaborazione Federsolidarietà su dati Servizio Revisioni Confcooperative. Questo si spiega facilmente con il fatto che la Sicilia era l'unica regione dell'italia sud insulare che già alla metà degli anni novanta aveva sviluppato esperienze consistenti di cooperazione sociale, paragonabili, almeno come numero di unità cooperative presenti, a quelle del nord. Pag. 24

25 Figura 1 Ripartizione cooperative su macro aree territoriali 100% +8.8% 80% 60% 40% 20% 0% 63.4% 13.5% 9.1% 14.0% 59.0% 13.9% 11.7% 15.4% 56.5% 15.4% 14.5% 13.5% 45.0% 19.0% 24.0% 12.0% popolazione Nord Centro Sud Isole +15.2% +21.2% +5.3% Fonte: elaborazione Federsolidarietà su dati Servizio Revisioni Confcooperative. Il numero assoluto di cooperative cresce in tutta Italia in modo ininterrotto in tutto l'ultimo decennio; al nord cresce però in misura minore rispetto al sud, dal momento che un primo consistente sviluppo si era verificato già tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta. Dunque, come emerge dalla Figura 1, la quota di cooperative nel sud sul totale cresce, anche se ancora oggi il numero di cooperative rimane più contenuto in rapporto alla popolazione residente. La quota di cooperative in Sicilia segue invece gli andamenti temporali del nord Italia e dunque si ridimensiona leggermente rispetto al resto del meridione. Tabella 6 Numero aderenti Confcooperative per regione serie storica Regione Totale Nord Totale Centro Totale Sud Sicilia Totale Isole Totale Italia Fonte: elaborazione Federsolidarietà su dati Servizio Revisioni Confcooperative. Questo tipo di ragionamenti non deve però trarre in inganno rispetto al fatto che anche in Sicilia, come nel resto d'italia, il saldo netto del numero di cooperative sia sempre positivo. Sia che si esamini, come fatto precedentemente, la base dati della DGEC, sia che si esamini la base dati di Confcooperative (cfr. Tabella 7) il numero di cooperative cresce sempre di un numero che va dalle poche unità a qualche decina. Pag. 25

26 Tabella 7 Saldo aderenti Confcooperative per regione serie storica Regione Totale Nord Totale Centro Totale Sud Sicilia Totale Isole Totale Italia Fonte: elaborazione Federsolidarietà su dati Servizio Revisioni Confcooperative. Tabella 8 Percentuale crescita aderenti per regione serie storica Regione Totale Nord 9.2% 10.5% 9.5% 10.9% 8.5% 8.6% 7.2% Totale Centro 13.5% 12.6% 19.8% 6.1% 8.3% 17.7% 14.3% Totale Sud 11.3% 19.1% 25.5% 21.8% 19.8% 25.5% 8.8% Sardegna 16.5% 10.1% 21.1% 12.9% 12.8% 4.8% 4.0% Sicilia 6.8% 29.1% 17.6% 6.1% 2.2% 4.9% 4.7% Totale Isole 10.2% 22.1% 18.7% 8.4% 5.9% 4.9% 4.4% Totale Italia 10.1% 13.2% 13.9% 11.0% 9.4% 11.5% 8.1% Fonte: elaborazione Federsolidarietà su dati Servizio Revisioni Confcooperative. I dati di Confcooperative, sebbene parziali, sono più aggiornati e comunque relativi ad un consistente numero di imprese; è così possibile desumere alcune indicazioni relativamente al confronto tra il ritmo di crescita in questo triennio e nel triennio precedente. La Tabella 9 evidenzia questo dato. In Italia la crescita media del numero di cooperative nel triennio è pari al 10.6%; questo dato è inferiore del 3.4% all'incremento realizzatosi nel triennio Il rallentamento dei tassi di crescita è un fenomeno condiviso da tutto il territorio nazionale, sebbene meno sentito al sud, dove vi è un calo minimo (dal +22.1% al 21.2%) a partire da tassi molto elevati. La Sicilia è invece una delle regioni dove la "frenata" è più evidente, soprattutto per effetto di un tasso di crescita molto alto nel precedente triennio. Pag. 26

27 Tabella 9 Percentuale crescita aderenti per regione confronto / Regione differenza scostamento da media Totale Nord 10.7% 8.8% -1.9% -1.8% Totale Centro 17.7% 15.2% -2.5% 4.6% Totale Sud 22.1% 21.2% -0.9% 10.6% Sicilia 20.7% 4.1% -16.6% -6.5% Totale Isole 19.9% 5.3% -14.6% -5.3% Totale Italia 14.0% 10.6% -3.4% Fonte: elaborazione Federsolidarietà su dati Servizio Revisioni Confcooperative. La colonna Scostamento da media è riferita al dato di crescita medio nazionale , pari al 10.6%. Questo andamento va interpretato, dal momento che non è scontato che un alto tasso di crescita del numero di cooperative sia collegato ad uno stato di salute eccellente della cooperazione sociale. Anzi, molte analisi mettono in luce come determinate proliferazioni improvvise di cooperative, in Sicilia come in altre regioni di Italia, siano da mettersi in relazione ad eventi esogeni e spesso effimeri, piuttosto che ad una effettiva maturazione del contesto cooperativo. Una normativa di incentivo, la presenza di fondi specifici, possono portare in breve tempo alla costituzione di una molteplicità di unità imprenditoriali prive però di una solida base progettuale e organizzativa, destinate a rimanere ben presto o fin da subito inattive. Quindi spesso tassi di crescita più ragionevoli, accompagnati da fenomeni di consolidamento, possono ritenersi indicatori più certi di una buona salute della cooperazione sociale rispetto ad improvvise fiammate di breve durata. Tabella 10 Confronto dati Istat aderenti Federsolidarietà differenza Istat Federsolidarietà % Istat Federsolidarietà % Totale Nord % % -1% Totale Centro % % -4% Totale Sud % % 7% Sicilia % % 12% Totale Isole % % 9% Totale Italia % % 1% Fonte: Istat; elaborazione Federsolidarietà su dati Servizio Revisioni Confcooperative. Infine, nella Tabella 10 è possibile confrontare, per la Sicilia e per l'intero territorio nazionale, le due fonti costituite dall'istat e dalla base dati di Confcooperative, entrambe basi dati - la prima generalistica la seconda parziale - che possiedono una qualche forma di controllo e che sono quindi abbastanza attendibili. Le indicazioni che ne emergono confermano l'ipotesi sopra formulata, che invita a non interpretare meccanicamente maggiori tassi di crescita con una buona salute del movimento cooperativo. Pag. 27

28 Il fatto che in Sicilia la quota di cooperative sociali aderenti a Confcooperative aumenti in modo consistente nel biennio ci fornisce indicazioni che vanno al di là dell'evidente buona capacità attrattiva sviluppata nel periodo da questa associazione cooperativa. Infatti l'adesione ad una associazione di rappresentanza testimonia che la cooperativa: 1. non solo si è costituita, ma ha anche iniziato ad operare; 2. solo è attiva, ma opera anche delle scelte di adesione ad un modello cooperativo. In sintesi: le cooperative in Sicilia aumentano; aumentano con un ritmo simile al resto di Italia, ma inferiore al resto del sud. Questo minore tasso di crescita può essere da una parte interpretato come segno di una collocazione temporale più arretrata del fenomeno "esplosivo" di primo sviluppo della cooperazione, dall'altra come compresenza di due fattori: la crescita numerica delle cooperative; la mitigazione del fenomeno di nascita indiscriminata di cooperative prive di progetto imprenditoriale e di base sociale e la "pulizia", dall'insieme delle cooperative, di un certo numero di organizzazioni esistenti solo sulla carta. Servizi alla persona Il numero di cooperative sociali di tipo A era al 31 dicembre 2001, secondo le fonti ministeriali, pari a 477 cooperative (Tabella 11); il dato si accorda abbastanza con quello proveniente dagli archivi di Confcooperative (Tabella 12), che in molte rilevazioni si attesta poco sopra alla metà delle cooperative complessive e che anche in questo caso conferma questo andamento. Quello invece che appare anomalo nei dati ministeriali è l'aumento molto consistente che si verifica tra il 1998 e il 1999 nella provincia di Palermo (oltre cento cooperative in più, con conseguente aumento nel totale regionale) e che non trova riscontro nei dati Confcooperative. Tabella 11 - Numero cooperative sociali di tipo A Agrigento Palermo Siracusa Caltanissetta Trapani Enna Messina Ragusa Catania Totale (11% su totale nazionale) Fonte: Direzione Generale Enti Cooperativi presso il Ministero delle Attività Produttive Il fenomeno appare poco credibile; resta solo da capire se imputarlo ad errori di rilevamento a quei fenomeni di crescita anomala cui già si è fatto cenno, che non portano ad una nascita di cooperative effettivamente attive e operative. I dati DGEC e Confcooperative concordano nello stimare nell'11% la quota di cooperative di tipo A siciliane sul totale delle cooperative A operanti in Italia. Pag. 28

Le cooperative sociali in Italia

Le cooperative sociali in Italia 26 settembre 2003 Le cooperative sociali in Italia Anno 2001 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3102 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Informazioni n. 27-2005

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Le cooperative sociali in Italia

Le cooperative sociali in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 8 Settore Pubblica amministrazione Le cooperative sociali in Italia Anno 2005 Contiene cd-rom Informazioni n. 4-2008 I settori AMBIENTE

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia 30 gennaio 2004 Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Nel corso del 2003 l'istat ha svolto la quarta rilevazione sulle organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali al

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia 14 ottobre 2005 Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2003 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-44 Centro di informazione statistica Tel. +39 06 4673.3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014

COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 Pagina 1 di 5 COME STA LA SCUOLA ITALIANA? ECCO I DATI DEL RAPPORTO INVALSI 2014 No Comments E stato presentato questa mattina al Ministero dell Istruzione il rapporto INVALSI 2014. Complessivamente sono

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2003 Contiene Cd-Rom Informazioni

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale Capitolo 4 Assistenza e previdenza sociale 4. Assistenza e previdenza sociale Per saperne di più... Istat I.stat il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Il sistema

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia: componenti strutturali e dinamiche emergenti

Le organizzazioni di volontariato in Italia: componenti strutturali e dinamiche emergenti Le organizzazioni di volontariato in Italia: componenti strutturali e dinamiche emergenti Nereo ereo Zamaroamaro Servizio istituzioni pubbliche e private Numeri e attività dei CSV: cosa facciamo e cosa

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

8 Censimento dell'industria e dei servizi: dati definitivi

8 Censimento dell'industria e dei servizi: dati definitivi 16 marzo 2004 8 Censimento dell'industria e dei servizi: dati definitivi L Istat diffonde oggi i risultati definitivi dell 8 Censimento generale dell industria e dei servizi, riferiti al 22 ottobre 2001.

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Le fondazioni in Italia

Le fondazioni in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 9 Settore Pubblica amministrazione Le fondazioni in Italia Anno 2005 Informazioni n. 1-2009 I settori AMBIENTE E TERRITORIO POPOLAZIONE

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane Indicatori di indebitamento, Dicembre 2010 n. 3 Ufficio Analisi Economiche Lista degli indicatori 2 Sommario e conclusioni Indicatori di indebitamento A.1 - Incidenza del debito A.2 - Dinamica dei mutui

Dettagli

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica Osservazioni sul documento base Problematiche relative alla partecipazione alle gare di cui al decreto legislativo n. 163 del 2006 delle Università e degli Istituti similari Audizione presso l Autorità

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola

LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola LA DISTRIBUZIONE DEL REDDITO NETTO DELLE FAMIGLIE Luca Calzola Il lavoro intende analizzare i livelli di reddito disponibile delle famiglie umbre e il grado di disuguaglianza nella sua distribuzione. Le

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

STUDIO SULLE PARTECIPATE DEI COMUNI ITALIANI

STUDIO SULLE PARTECIPATE DEI COMUNI ITALIANI Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per l informazione statistica e le banche dati istituzionali STUDIO SULLE PARTECIPATE DEI COMUNI ITALIANI a cura del Dipartimento della Funzione Pubblica hanno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina

La macellazione. in Italia nel 2001 N O T I Z I A R I O. Supplemento al numero 13/2002. a cura di Giuseppe Messina N O T I Z I A R I O Supplemento al numero 13/2002 La macellazione in Italia nel 2001 a cura di Giuseppe Messina UNIONE IMPORTATORI ESPORTATORI INDUSTRIALI COMMISSIONARI GROSSISTI INGRASSATORI MACELLATORI

Dettagli

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 Immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva. con la collaborazione di

RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 Immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva. con la collaborazione di RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 con la collaborazione di data di pubblicazione: 28 maggio 2015 periodo di riferimento: anno 2014 a cura dell Ufficio Statistiche e Studi della Direzione Centrale Osservatorio

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento REGIONI ABRUZZO Coincidenza ambiti territoriali sociali e ambiti del distretto sanitario No 73 distretti sanitari 35 ambiti sociali Normativa di riferimento Note Il Piano sociale regionale 2002-04 (D.C.R.

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia

Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia Il 69% del deficit sanitario è prodotto da Campania, Lazio e Sicilia L aziendalizzazione della sanità in Italia è il titolo del Rapporto Oasi 2011, analisi annuale sul Sistema sanitario nazionale a cura

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli