Nuove strategie di prevenzione delle infezioni nel neonato pretermine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuove strategie di prevenzione delle infezioni nel neonato pretermine"

Transcript

1 483 Editoriale Recenti Prog Med 2010; 101: Nuove strategie di prevenzione delle infezioni nel neonato pretermine Paolo Manzoni 1, Lidia Decembrino 2, Elena Gallo 1, Stefano Rizzollo 1, Caterina Franco 1, Michael Mostert 3, Mauro Stronati 2, Daniele Farina 1 Riassunto. Un episodio di sepsi si verifica nel 20-40% dei pazienti pretermine e queste cifre sono in costante aumento nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatale (TIN). Le sepsi neonatali comprendono infezioni a partenza da sangue, urine, liquido cerebro-spinale e peritoneale, infezioni da ustioni e ferite o da altri siti di solito sterili. Molti fattori specifici giustificano l aumento del rischio, tra cui l uso di antibiotici ad ampio spettro che selezionano una microflora resistente, la nutrizione parenterale, gli inibitori dell acidità gastrica e gli steroidi, così come l uso sistematico e duraturo di procedure invasive. Nei neonati pretermine, la perdita dei commensali intestinali, come lattobacilli e bifidobatteri a causa delle difficoltà di nutrizione per via orale, o una più lenta loro acquisizione, si traduce in un aumento di suscettibilità alla colonizzazione dell intestino da parte di patogeni. Una diagnosi tempestiva, un trattamento efficace e la profilassi specifica con farmaci antibatterici e antimicotici sono le pietre miliari della gestione di questi eventi potenzialmente mortali in ogni TIN. Vengono illustrati i recenti progressi nella prevenzione e si dimostra come il fluconazolo per la prevenzione della sepsi fungina, i probiotici per la prevenzione della entercolite necrotizzante e la lattoferrina bovina per la prevenzione della sepsi batterica possono essere considerati come efficaci strategie. Parole chiave. Enterocolite necrotizzante, fluconazolo, infezione, lattoferrina, neonato pretermine, sepsi neonatali. Summary. Recent advances in prevention of sepsis in the preterm neonate. An episode of sepsis occurs in 20 to 40% of all preterm patients, and such figures have been reported constantly increasing in Neonatal Intensive Care Units. Neonatal sepsis include bloodstream, urine, cerebrospinal, peritoneal infections, infections starting from burns and wounds, or from any other usually sterile sites. Many specific risk factors account for the increased risk of sepsis, including employment of broad-spectrum antibiotics selecting resistant microflora, parenteral nutrition, acid inhibitors and steroids, as well as the systematic and long-lasting use of invasive management. In preterm neonates, loss of gut commensals such as bifidobacteria and lactobacilli, due to the difficulties in oral feeding, or a slower acquisition of them, translates into an increased susceptibility to pathogenic gut colonization. Prompt diagnosis, effective treatment, and specific prophylaxis with antibacterial and antifungal drugs are the milestones of management of these life-threatening events. This article discusses the recent advances in prevention and shows how fluconazole for prevention of fungal sepsis, probiotics for prevention of necrotizing enterocolitis, and bovine lactoferrin for prevention of bacterial sepsis may be considered as effective preventive strategies. Key words. Fluconazole, infection, lactoferrin, necrotizing enterocolitis, preterm neonate, sepsis. Introduzione Il progresso medico scientifico, e l affinamento delle strategie assistenziali perinatali hanno permesso la sopravvivenza di neonati sempre più immaturi, facendo scendere il limite della sopravvivenza fin sotto le 24 settimane di età gestazionale. Il rovescio della medaglia di questo progresso è stato l incremento dell incidenza di problematiche, quali le infezioni, legate alla sempre più grave prematurità ed alle sempre maggiori criticità assistenziali di tipo intensivo. Il neonato pretermine in TIN (Terapia Intensiva Neonatale) è un ospite particolare nel quale sussiste una fisiologica immunodeficienza legata prevalentemente alla prematurità, e che lo rende particolarmente a rischio di infezioni, che spesso hanno una progressione drammatica e rapidamente mortale. Esse si manifestano nei primissimi giorni di vita (early-onset), o più frequentemente dopo le 72 ore di vita (late-onset). In questo secondo caso l acquisizione è prevalentemente nosocomiale, con trasmissione orizzontale dell agente infettivo. Al di là della elevatissima mortalità, le sepsi/infezioni neonatali sono la principale causa di morbilità del prematuro, con gravi implicazioni di tipo medico (necessità di cure antibiotiche protratte, costose e potenzialmente tossiche; 1 Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale, AO Regina Margherita-S. Anna: Ospedale S. Anna, Torino; 2 Patologia Neonatale, IRCCS San Matteo, Pavia; 3 Dipartimento di Pediatria, Università, Torino. Pervenuto il 9 febbraio 2010.

2 484 Recenti Progressi in Medicina, 101 (12), dicembre 2010 difficoltà di alimentazione e impossibilità di guadagnare peso, etc.), gestionale (ricoveri protratti; interruzione del rapporto genitori-neonato, difficoltà di iniziare e mantenere l alimentazione al seno, etc.) e infine di morbilità-correlata (le sepsi sono frequentemente associate alle temute complicanze della prematurità in neonati sopravvissuti, quali la enterocolite necrotizzante, la retinopatia del prematuro e la broncodisplasia del pretermine [rispettivi acronimi: NEC, ROP e BPD]) 1-3. La prevenzione delle sepsi neonatali in TIN è vitale, in quanto è dimostrato che le sequele neurocomportamentali che gravano su molti dei sopravvissuti ad una infezione in TIN sono scarsamente eludibili anche in presenza di un successo terapeutico durante l episodio acuto. Nonostante numerosi fattori di rischio per l infezione da parte di microrganismi patogeni siano stati correttamente individuati (utilizzo di H2-antagonisti, steroidi sistemici, antibiotici ad ampio spettro con selezione di saprofiti poli-resistenti, intubazione e ventilazione meccanica, patologie malformative gastroenteriche, etc.), la maggior parte di queste variabili risultano correlate alle necessità assistenziali di tali neonati estremamente immaturi, e per tali motivi esse sono difficilmente eludibili in toto 1-3. La colonizzazione da agenti infettivi (come ad es. le varie Candida spp o i vari Staphylococcus spp) è la più importante variabile predittiva di malattia infettiva invasiva nel neonato pretermine. Una pregressa colonizzazione può quasi sempre essere individuata, se adeguatamente indagata, come causa preliminare della maggior parte delle sepsi documentate microbiologicamente 4,5. Di tutti i siti di colonizzazione, il tratto gastroenterico sembra essere quello che presenta la più alta predittività per una susseguente disseminazione in caso di colonizzazione. Il neonato pretermine è a rischio di disturbi della microecologia intestinale con proliferazione di una microflora patogena, perché subisce trattamenti protratti con antibiotici ad ampio spettro e spesso ha difficoltà ad instaurare e mantenere l alimentazione per os, tanto più quella con il latte fresco della madre. In tali neonati, la colonizzazione batterica e fungina del tubo enterico è un noto fattore di rischio per una susseguente disseminazione e malattia sistemica infettiva durante la degenza in TIN 6. In termini di profilassi specifica antinfettiva, per i miceti esiste la possibilità di praticare una profilassi con agenti antifungini sistemici (es. il fluconazolo), anche se essa solleva ancora preoccupazioni per la tollerabilità e la potenziale capacità di selezionare ceppi resistenti, ragion per cui non è ancora vista come lo standard of care 7. Per quanto riguarda i batteri, non esistono attualmente consenso né linea-guida relativi ad una strategia specifica di prevenzione. I tentativi di individuare una strategia preventiva basata sulla somministrazione di immunoglobuline o di fattori stimolanti la crescita di neutrofili non hanno sortito risultati convincenti, così come la somministrazione di antibiotici a dosaggio ridotto o con posologie alternative. Le strategie preventive: ci sono novità recenti? Un noto aforisma in ambito neonatologico recita che il pretermine con minor rischio di sepsi è quello che mangia, e che mangia il latte materno fresco. Questa affermazione è evidence-based nel più letterale senso del termine, perché può essere condivisa da qualunque neonatologo con sufficiente esperienza clinica. In letteratura, esistono conferme a queste affermazioni: l alimentazione al seno con latte materno fresco è il primo strumento per diminuire l impatto di queste condizioni patologiche, dimostrandosi superiore sia al latte formulato, sia allo stesso latte da donatore di banca 8. È probabile che l effetto benefico del latte materno fresco si esplichi sia attraverso l apporto di alcune sostanze bioattive di cui il latte materno è ricco (lisozima, lattoferrina, oligosaccaridi, etc.), sia attraverso la spiccata azione bifidogenica propria del latte materno fresco. Si viene così a creare una ecologia enterica buona in grado di prevenire la colonizzazione intestinale da parte di saprofiti che successivamente potrebbero avviare una traslocazione in circolo. Pur in presenza di documentati beneficî, il latte materno da solo non è però in grado di determinare un consistente e riproducibile impatto benefico sulla prevenzione delle infezioni. Si è reso necessario pertanto esplorare strade integrative onde usufruire di strumenti più efficaci. La ricerca ha prodotto alcune evidenze molto interessanti nell ultimo quinquennio, che ha segnato un netto progresso in quest ambito. Il fluconazolo Le infezioni fungine sono un importante causa di morbilità e di mortalità per i neonati a termine e pretermine e rappresentano quindi un problema di sempre maggior rilevanza nei reparti di TIN. La loro incidenza è aumentata di circa 20 volte negli ultimi 2 decenni, ed attualmente i miceti sono la terza causa di sepsi tardiva nei neonati pretermine VLBW (very low birth weight, cioè sotto i 1500 g di peso neonatale) 6. Episodi settici di natura fungina si verificano tra il 5,5 ed il 10% nei neonati di peso alla nascita inferiore a 1000 g. La mortalità di tale episodi è molto elevata e stimabile nei diversi studi della letteratura tra il 25 e il 60% dei neonati infetti; inoltre con grande frequenza si verificano gravi sequele neuroevolutive (disabilità motorie, neurisonsoriali, intellettive, etc.) 9,10. La prematurità (bassa età gestazionale e basso peso alla nascita), le procedure assistenziali invasive quali i cateteri vascolari, l uso prolungato di antibiotici (specie cefalosporine di III generazione), l impiego di lipidi nella nutrizione parenterale, la colonizzazione (specie se di particolari siti e di siti multipli) rappresentano fattori di rischio noti per le infezioni fungine neonatali. Inoltre, anche nel neonato, la colonizzazione fungina è il fattore di rischio più importante per la progressione ad infezione fungina sistemica.

3 P. Manzoni et al.: Nuove strategie di prevenzione delle infezioni nel neonato pretermine 485 La diagnosi di certezza delle infezioni fungine sistemiche nei neonati è alquanto difficile, vista l aspecificità della sintomatologia, così come la limitata utilità degli accertamenti di laboratorio. L emocoltura, inoltre, che sarebbe il gold standard per l isolamento dell agente causale, ha una sensibilità variabile (tra il 25 e l 80% nel neonato pretermine) e per di più, nel neonato, non sempre è facile praticarla correttamente e con la giusta tempistica. Per quanto in diversi setting di pazienti adulti o anche pediatrici affetti da malattie oncoematologiche l utilizzo di una profilassi antifungina sistemica sia diffuso e in talune situazioni routinario, molte difficoltà ha incontrato tale strategia in ambito neonatale. Risultati sempre più promettenti sono stati segnalati, negli ultimi anni, dagli studi sui neonati pretermine in TIN, studi ai quali non ha però fatto seguito una standardizzazione delle procedure di profilassi né la emanazione di raccomandazioni. In ordine temporale, una profilassi nel neonato è stata tentata con nistatina per os, con risultati positivi sulla prevenzione della colonizzazione rettale, o con miconazolo gel orale, ma con scarsi risultati. Di diverso spessore sono le evidenze che poco a poco si sono accumulate con il fluconazolo. Questo derivato azolico è stato usato in profilassi nei neonati pretermine per os o ev, indifferentemente, e a dosaggio 50% del terapeutico a giorni alterni, in neonati <1500 g alla nascita 11,12. Il numero di studi al momento disponibili riguardo a una profilassi con fluconazolo nei neonati in TIN è di 16: di questi, soltanto 4 sono randomizzati prospettici e tra essi, 1 solo è multicentrico Tutti questi studi riportano una considerevole efficacia del fluconazolo nella prevenzione della colonizzazione ed infezione da Candida spp nelle varie popolazioni di neonati pretermine studiate. Inoltre, nessuno riferisce l emergere di resistenze in vitro al fluconazolo, anche perché la resistenza a tale azolico è correlata con la dose totale di farmaco somministrato (e nelle fasce d età più adulte si praticano dosaggi molto più alti) 25. I primi due studi randomizzati del 2001 erano single-center, ed entrambi erano stati concepiti per obiettivi parziali (l impatto del fluconazolo sulla sola colonizzazione: lo studio di Kicklighter) o su popolazioni ultraselezionate ad alto rischio (i neonati <1000g alla nascita [ELBW=extremely low birth weight] con accesso venoso centrale: lo studio di Kaufman); perciò lasciavano senza risposta alcune questioni. Alle domande ancora sul tavolo ha risposto il primo studio multicentrico randomizzato prospettico sulla efficacia del fluconazolo in profilassi nel neonato pretermine in TIN. Tale studio è stato organizzato e condotto dal Gruppo di Studio Italiano per le Infezioni Neonatali, affiliato alla SIN ed ha arruolato negli anni 2004 e 2005 oltre 300 neonati pretermine con peso neonatale <1500 g, da 8 Centri italiani, randomizzandoli a profilassi con fluconazolo (2 bracci: 6 mg e 3 mg/kg/a giorni alterni) vs placebo. I risultati definitivi di questo studio sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine nel Essi hanno confermato i dati emersi dagli studi monocentrici e retrospettivi che l hanno preceduto: il fluconazolo produce una significativa e imponente riduzione delle incidenze di colonizzazione (dal 29% al 9% circa) e della infezione (dal 13% al 3%) causate dalle varie Candida spp; non è associato a nessun significativo effetto collaterale; non sembra causare alcuna selezione di resistenze nell arco del periodo [15 mesi] di studio 7. Dando per scontato, comunque, che anche nel neonato pretermine in TIN occorra tentare di prevenire la colonizzazione rettale e orale (come si è fatto in pazienti immunodepressi di altre fasce d età) tramite farmaci e presidî atti a migliorare l integrità della barriera cutanea e svolgere azione antinfiammatoria locale, è anche vero che, sulla scorta dei dati finalmente disponibili, appare al momento più che ragionevole adottare una strategia profilattica con fluconazolo, perlomeno nelle classi di neonati a rischio maggiore (gli ELBW, ad esempio) o nelle TIN gravate da alti livelli di incidenza di colonizzazione ed infezione fungina. Ambiti di ulteriore approfondimento rimangono l individuazione della schedula ottimale, oltre che l acquisizione di dati conclusivi sulla possibile emergenza di resistenze e sulle modificazioni ecologiche eventualmente indotte dalla profilassi con shift verso le subspecies di Candida intrinsecamente resistenti al fluconazolo 25,26. I probiotici Come si è già accennato (vedi a pag. 484), il neonato e specialmente l ex-pretermine è un ospite particolare nel quale spesso sussistono contemporaneamente svariate condizioni di disturbo della fisiologia nutrizionale e digestiva. Il risultato è l instaurarsi di una flora intestinale non fisiologica e la carenza o il ritardo nell acquisizione di funzioni digestive e immunomediate a partenza intestinale 27. Un breve accenno merita dunque un approccio innovativo alla prevenzione della patologia infettiva neonatale e della comorbilità associata nel neonato pretermine, consistente nella somministrazione di probiotici nelle prime settimane di vita. I probiotici sono definibili come «microrganismi vivi che se somministrati in dosi adeguate conferiscono un beneficio di salute all ospite» 28. Essi infatti promuovono la eubiosi ed il benessere intestinale, mediante meccanismi di simbiosi e commensalismo. Alcune evidenze sperimentali su modelli murini indicano che alcuni ceppi delle species Lactobacillus e Bifidus promuovono una corretta colonizzazione dell intestino prematuro da parte di species batteriche buone e spiazzano per competizione sia specie batteriche patogene, sia le varie Candida spp.

4 486 Recenti Progressi in Medicina, 101 (12), dicembre 2010 Questi studi su modelli murini hanno messo in evidenza la capacità in particolare del Lactobacillus Rhamnosus GG di ridurre la colonizzazione intestinale da Candida spp ed anche le infezioni da Candida, agendo a vari livelli contemporaneamente (competizione, contrasto dell adesione, immunomodulazione, etc.) 29,30. Potendo potenziare l immunità e la naturale resistenza alla colonizzazione dell intestino da parte di patogeni di varie specie, si è speculato che anche in ambito neonatale i probiotici possano rappresentare una valida strategia preventiva nei confronti di numerose patologie intestinali che vengono generate o promosse dal dismicrobismo. La eubiosi, promossa nel neonato pretermine in TIN dalla supplementazione di probiotici, si tradurrebbe quindi sia in una maggiore rapidità a raggiungere una piena tollerabilità dell alimentazione per os, sia nella diminuzione del rischio di patologie intestinali nella cui genesi fattori infettivi svolgono un ruolo centrale. In vari ambiti di pazienti non solo pediatrici patologie quali la malattia infiammatoria dell intestino, le enterocoliti e disturbi extra-intestinali quali la dermatite atopica o le IVU recidivanti sono gli ambiti di efficace utilizzo dei probiotici. Due situazioni paradigmatiche della efficacia dei probiotici nel neonato, e quindi delle loro possibili applicazioni cliniche, sono la enterocolite necrotizzante (NEC) e la colonizzazione intestinale da funghi. In entrambi i casi, le evidenze accumulate non permettono di provare un rapporto preventivo diretto nei confronti delle sepsi neonatali, ma ne provano almeno uno indiretto nei confronti di una patologia multifattoriale a forte componente settica (quale la NEC), oppure di una condizione preliminare alla infezione sistemica (quale la colonizzazione intestinale da miceti). Negli ultimi 6 anni, una piccola serie di studi clinici randomizzati, in doppio cieco, ha dimostrato che la somministrazione sin dalla nascita, a neonati pretermine, di probiotici di varie specie è efficace nella prevenzione della NEC e della mortalità NEC-associata Una recentissima metanalisi sull argomento ha incluso 7 studi clinici randomizzati (probiotici vs placebo) e riguardanti neonati <1500g e/o <32 sett. eg. Alla metanalisi, l effetto dei probiotici (varie specie) sulla NEC di stadio 2 o maggiore è risultato protettivo (RR=0,36; 95% C.I. 0,20-0,65). Lo stesso si può dire relativamente alla mortalità complessiva (RR=0,47; 95% C.I. 0,30-0,73), ed anche al tempo impiegato per raggiungere la piena alimentazione enterale, che era significativamente più breve nei soggetti trattati con probiotici (15,5 gg. contro 18,5 gg.; p=0,02) 34. Anche se ancora manca uno studio conclusivo, adeguatamente dimensionato per valutare tutti i possibili endpoint, i probiotici sembrano allo stato attuale il più promettente presidio terapeutico a disposizione dei neonatologi nella lotta alla NEC. Le potenzialità di un approccio strategico che preveda la supplementazione routinaria di probiotici nel pretermine sono state illustrate anche da un RCT del 2006, nel quale Manzoni et al. hanno supplementato con Lactobacillus GG un gruppo di neonati pretermine <1500 g e hanno valutato l incidenza di colonizzazione intestinale da Candida spp nell arco del primo mese di vita, comparandolo con un gruppo di controllo che era stato randomizzato a placebo 35. La colonizzazione intestinale fungina è calata dal 43% al 24%, permettendo quindi agli autori di ipotizzare un impatto di tale strategia anche sulla infezione fungina sistemica (che spesso nel neonato è a partenza dal serbatoio intestinale). Ulteriori studi su più ampie casistiche sono necessari per confermare l ipotesi. Lattoferrina La lattoferrina (LF) è una glicoproteina presente in quantità notevoli nel latte di tutti i mammiferi, ed è ritenuta una delle più potenti ed attive sostanze biologiche dotate di funzioni difensive naturali (definibili in senso lato sostanze bioattive ) presenti nel latte dei mammiferi 36. Alla LF sono state attribuite numerose azioni antiinfettive in vitro e su modelli animali, ed in questo la LF bovina sembra possedere identiche caratteristiche ed efficacia di quella umana, condividendone peraltro una elevata omologia strutturale (il 77%), nonché tutta la struttura del peptide a 11 aminoacidi sito in sede N-terminale, la lattoferricina, che si ritiene essere la parte attiva in senso antimicrobico della LF I meccanismi con cui la LF esercita la propria azione antimicrobica sono sia di tipo diretto (effetto anticorpale contro componenti-target di membrana, LPS per i Gram-negativi, LTA per i Grampositivi, lipoproteine di membrana per i funghi), sia di tipo indiretto (chelazione del ferro). Inoltre, la LF ha una documentata attività immunomodulante ed un effetto bifidogenico sulla flora enterica Nel latte di donna, la concentrazione di LF è massima nel colostro (circa 7 mg/ml), e decresce nei giorni successivi fino ad assestarsi sui 1-2 mg/ml. È importante notare che la LF è presente in concentrazioni maggiori nel latte di mamme che hanno partorito neonati pretermine rispetto che a termine, mantenendosi a concentrazioni di 4-5 mg/ml fino alla raggiunta maturità del prodotto del concepimento 44. Oltre alle azioni antimicrobiche, documentate da migliaia di studi in vitro ed in vivo, le LF umana e bovina condividono una peculiare attività di promozione della maturazione e della differenziazione funzionale degli enterociti immaturi: si specula che un importante ruolo della LF in vivo sia quello di accelerare il raggiungimento della piena maturità dell organo intestinale accelerando la chiusura della gap junctions e promuovendo la formazione dell orletto a spazzola negli enterociti immaturi. Relativamente a queste proprietà, la LF bovina, per effetti antinfettivi e (presumibilmente) immunomodulanti a livello intestinale, risulta in vitro più efficace per il neonato umano della stessa lattoferrina umana 45.

5 P. Manzoni et al.: Nuove strategie di prevenzione delle infezioni nel neonato pretermine 487 L insieme di queste azioni, caratteristiche della LF, ed il fatto che LF bovina ed umana siano pressoché sovrapponibili 46, hanno costituito il razionale per uno studio recentemente condotto dal GSIN che ha valutato la efficacia della LF bovina nella prevenzione delle sepsi late-onset nel neonato pretermine in TIN. Tale studio è stato pubblicato su JAMA nell ottobre Nel disegno originale si è voluto anche testare l impatto dell uso contemporaneo di Lactobacillus GG, in aggiunta alla LF, uso che potrebbe ulteriormente facilitare le difese contro gli agenti patogeni in un intestino prematuro. Questa ipotesi si basa su dati sperimentali sul modello murino, che dimostrano che ratti neonati trattati con miscele per os di LGG+LF riescono a limitare la crescita di E. Coli nel tratto intestinale con maggior efficacia rispetto a ratti non trattati o trattati con solo LGG, e questo senza che la lattoferrina aumenti il numero di colonie di LGG 48. Tali risultati hanno portato alcuni autori ad ipotizzare che anche in vivo LGG e LF possano essere agenti terapeutici in grado di ridurre l incidenza di NEC e di sepsi a partenza intestinale. Questa molecola naturale potrebbe essere quindi la chiave sinergica in grado di enfatizzare in vivo l azione buona svolta dai probiotici del gruppo dei Bifidobacter e dei Lactobacillus. Lo studio condotto dal network italiano del GSIN è quindi stato appropriatamente disegnato e condotto in forma multicentrica, randomizzata, in doppio cieco contro placebo, mirando a valutare l impatto della somministrazione di LF bovina (da sola o in associazione con il probiotico Lactobacillus GG) ai fini della prevenzione delle sepsi neonatali nei prematuri di peso <1500 g. Lo studio è stato svolto in Italia, ha coinvolto 11 Centri di terzo livello in varie Regioni, e numerosi sperimentatori neonatologi negli anni 2006, 2007 e I neonati sono stati arruolati a condizione che fossero in vita al momento della randomizzazione, e con speranza di sopravvivenza oltre le 48 ore di vita. Sono stati esclusi dall arruolamento i neonati con infezione già in atto, nel caso di nascita da madre affetta da sepsi puerperale o da amniotite febbrile. Criteri di esclusione erano anche l aver già instaurato profilassi antifungina sistemica, o l essere affetti da una sepsi early-onset (cioè insorta nei primi 3 gg di vita). I neonati sono stati randomizzati in proporzione 1:1:1 a tre gruppi: Gruppo A1-LF 100 mg (LF100, Dicofarm SpA, Roma). Gruppo A2-LF 100 mg (LF100 ), + Lactobacillus GG, 6 x 10 9 CFU/day (Dicoflor 60, Dicofarm SpA, Roma). Gruppo C-placebo 2 ml di soluzione glucosata al 5% aggiunta al pasto di latte. Lo somministrazione è stata iniziata entro le 48 ore di vita, con una dose tutti i giorni per 4 ( g alla nascita) o 6 settimane (<1000 g alla nascita). Per via orale, in singola dose quotidiana, mediante aggiunta all alimento previsto nel programma di assistenza per il singolo bambino, con tettarella o con sondino oro-gastrico nel caso che il neonato presentasse ancora inabilità alla suzione (come nel caso di affetti da estrema prematurità o da patologie gravi concomitanti). È da rimarcare il fatto che il dosaggio di LF bovina utilizzato in questo studio (100 mg, dose standard) è equivalente ad una dose pro-kg compresa nel range mg/kg, range ovviamente riferito al diverso peso corporeo effettivo del neonato cui la LF veniva somministrata, a seconda dei vari giorni di vita. Come si è già accennato, l endpoint primario era l efficacia della LF bovina (da sola o in combinazione con LGG) rispetto a placebo nella prevenzione delle Late-Onset Sepsis (LOS). Gli endpoint secondari erano: sepsi da Gram-positivi, da Gramnegativi, funghi; enterocolite necrotizzante; mortalità (generale, e attribuibile a sepsi); persistenza del dotto arterioso pervio; retinopatia del prematuro; emorragia intraventricolare severa (gradi 3-4); displasia broncopolmonare; insufficienza epatica (valutata in base ai livelli sierici di AST, ALT, bilirubina, GT misurati all inizio dello studio ed alla fine delle somministrazioni). La definizione di Late-Onset Sepsis prevedeva l insorgenza dell episodio oltre le 72 ore di vita, e la presenza di segni e sintomi clinici compatibili con infezione in presenza di una coltura positiva da sangue (periferico), liquido cefalorachidiano o peritoneale. Per i CONS, si richiedevano due colture positive consecutive a distanza di meno di 48 ore per lo stesso stafilococco, o di una coltura positiva da sangue periferico + una concomitante coltura positiva da CVC o da sangue ottenuto dal CVC stesso. I risultati sono stati decisamente interessanti, e derivano dall analisi di 472 neonati pretermine, il cui peso medio alla nascita (circa 1100 g) ed età gestazionale media (circa 29 settimane) erano comparabili tra i tre gruppi di trattamento. Allo stesso modo, non vi erano differenze significative tra i tre gruppi in quanto a fattori di rischio più comuni per sepsi neonatale. Nel gruppo di soggetti trattati con sola LF bovina si produceva una netta diminuzione delle sepsi neonatali late-onset, la cui incidenza passava dal 17,3% al 5,9% (p=0,002). Lo stesso accadeva se si consideravano le sole sepsi fungine (dal 5,4% allo 0%; p=0,004). Nei soggetti trattati con LF bovina in associazione con LGG, un episodio di sepsi nel corso del ricovero si verificava nel 4,6% dei bambini, rispetto al 17,3% dei soggetti non trattati (p=0,001). Anche qui, lo stesso accadeva se si consideravano le sole sepsi fungine (dal 5,4% all 1,3%; p=0,007). Nel complesso, si verificava quindi una riduzione di circa due terzi degli episodi infettivi nei neonati che assumevano LF bovina, con o senza LGG. L effetto appare legato alla LF, giacché nel gruppo di trattati con LF + LGG non vi sono state differenze nell incidenza di sepsi rispetto a quello di soggetti trattati con LF sola.

6 488 Recenti Progressi in Medicina, 101 (12), dicembre 2010 Va inoltre rimarcato che, sebbene lo studio non fosse dimensionato per l outcome NEC né per l outcome mortalità complessiva, per entrambi i parametri il trattamento con LF bovina (con o senza LGG) produceva un decremento significativo sia degli episodi di NEC severa (cioè di terzo grado, richiedente intervento chirurgico urgente), sia dei decessi complessivi pre-dimissione. Tali risultati sono molto promettenti ma dovranno essere confermati su casistiche più ampie e opportunamente dimensionate allo scopo. È importante sottolineare che non sono stati documentati né effetti collaterali né tossicità, legati ai due nutrienti somministrati. La LF bovina è stata sempre ben tollerata, in linea sia con la sua sostanziale omologia con quella umana, sia con la sua presenza nel latte formulato con il quale abitualmente si nutrono neonati per i quali non sia disponibile il latte materno. In nessun caso è stato necessario sospenderne la somministrazione per presunti effetti avversi, ed il supplemento nutrizionale è stato ben tollerato a tutti i dosaggi relativi somministrati, qualora li si analizzi in funzione del peso corporeo. In quanto al LGG, non vi sono stati episodi di intolleranza, né alcun isolamento di LGG da colture cliniche o di sorveglianza effettuate nel corso dello studio. L effetto di prevenzione delle LOS veniva raggiunto indipendentemente dal tipo di alimentazione praticata (latte materno fresco, latte di banca, latte formulato) e dalle quantità di latte assunto, come dimostrato da una apposita analisi secondaria ottenuta clusterizzando per queste variabili. Non solo: l effetto era equamente diretto a tutti i tipi di patogeni, nel senso che venivano prevenute sia le infezioni da batteri Gram-negativi, sia quelle da batteri Gram-positivi, sia quelle da miceti. Questo studio multicentrico randomizzato apre pertanto interessanti prospettive di utilizzo della LF bovina nella prevenzione delle sepsi di neonati in TIN e giustificano sforzi ulteriori di ricerca per raggiungere risultati ancor più definitivi. Conflitto d interesse Il dottore Paolo Manzoni ha ricevuto un grant di ricerca destinato ad una borsa di studio dalla Dicofarm SpA nell anno Bibliografia 1. Stoll BJ, Hansen N, Fanaroff AA, et al. Late-onset sepsis in very low birth weight neonates: the experience of the NICHD Neonatal Research Network. Pediatrics 2002; 110: Stoll BJ, Hansen NI, Adams-Chapman I, et al. Neurodevelopmental and growth impairment among extremely low-birthweight infants with neonatal infection. JAMA 2004; 292: Kaufman D, Fairchild KD. Clinical microbiology of bacterial and fungal sepsis in very-low-birth-weight infants. Clin Microbiol Rev 2004; 17: Feja KN, Wu F, Roberts K, et al. Risk factors for candidemia in critically ill infants: a matched case-control study. J Pediatr 2005; 147: Manzoni P, Farina D, Leonessa ML, et al. Risk factors for progression to invasive fungal infection in preterm neonates with fungal colonization. Pediatrics 2006; 118: Fridkin SK, Kaufman D, Edwards JR, et al. Changing incidence of Candida bloodstream infections among NICU patients in the United States: Pediatrics 2006; 117: Manzoni P, Stolfi I, Pugni L, et al. A multicenter, randomized trial of prophylactic fluconazole in preterm neonates. N Engl J Med 2007; 356: Walker A. Breast milk as the gold standard for prospective nutrients. J Pediatr 2010; 156 (2 suppl): S Benjamin DK Jr, Stoll BJ, Fanaroff AA, et al. Neonatal candidiasis among extremely low birth weight infants: risk factors, mortality rates, and neurodevelopmental outcomes at 18 to 22 months. Pediatrics 2006; 117: Manzoni P, Maestri A, Leonessa M, et al. Fungal and bacterial sepsis and threshold ROP in preterm very low birth weight neonates. J Perinatol 2006; 26: Burwell LA, Kaufman D, Blakely J, et al. Antifungal prophylaxis to prevent neonatal candidiasis: a survey of perinatal physician practices. Pediatrics 2006; 118: e Clerihew L, McGuire W. Antifungal prophylaxis for very low birthweight infants: UK National Survey. Arch Dis Child Fetal Neonatal Ed 2008; 93: F Kicklighter SD, Springer SC, Cox T, et al. Fluconazole for prophylaxis against candidal rectal colonization in the very low birth weight infant. Pediatrics 2001; 107: Kaufman D, Boyle R, Hazen KC, et al. Fluconazole prophylaxis against fungal colonization and infection in preterm infants. N Engl J Med 2001; 345: Kaufman D, Boyle R, Hazen KC, et al. Twice weekly fluconazole prophylaxis for prevention of invasive Candida infection in high-risk infants of <1000 grams birth weight. J Pediatr 2005; 147: Bertini G, Perugi S, Dani C, et al. Fluconazole prophylaxis prevents invasive fungal infection in highrisk, very low birth weight infants. J Pediatr 2005; 147: Healy CM, Baker CJ, Zaccaria E, et al. Impact of fluconazole prophylaxis on incidence and outcome of invasive candidiasis in a neonatal Intensive Care Unit. J Pediatr 2005; 147: Manzoni P, Arisio R, Mostert M, et al. Prophylactic fluconazole is effective in preventing fungal colonization and fungal systemic infections in preterm neonates: a single-center, 6-year retrospective cohort study. Pediatrics 2006; 117: e Uko S, Soghier LM, Vega M, et al. Targeted shortterm fluconazole prophylaxis among very low birth weight and extremely low birth weight infants. Pediatrics 2006; 117: Aghai ZH, Mudduluru M, Nakhla TA, et al. Fluconazole prophylaxis in extremely low birth weight infants: association with cholestasis. J Perinatol 2006; 26: Healy CM, Campbell JR, Zaccaria E, et al. Fluconazole prophylaxis in extremely low birth weight neonates reduces invasive candidiasis mortality rates without emergence of fluconazole-resistant Candida species. Pediatrics 2008; 121: Weitkamp JH, Ozdas A, LaFleur B, et al. Fluconazole prophylaxis for prevention of invasive fungal infections in targeted highest risk preterm infants limits drug exposure. J Perinatol 2008; 28:

7 P. Manzoni et al.: Nuove strategie di prevenzione delle infezioni nel neonato pretermine McCrossan BA, McHenry E, O Neill F, et al. Selective fluconazole prophylaxis in high-risk babies to reduce invasive fungal infection. Arch Dis Child Fetal Neonatal 2007; 92: F Clerihew L, Austin N, McGuire W. Prophylactic systemic antifungal agents to prevent mortality and morbidity in very low birth weight infants. Cochrane Database Syst Rev 2007; (4): CD Manzoni P, Leonessa M, Galletto P, et al. Routine use of fluconazole prophylaxis in a neonatal Intensive Care Unit does not select natively fluconazole-resistant Candida subspecies. Pediatr Infect Dis J 2008; 27: Sarvikivi E, Lyytikainen O, Soll DR, et al. Emergence of fluconazole resistance in a Candida parapsilosis strain that caused infections in a neonatal Intensive Care Unit. J Clin Microbiol 2005; 43: Hope W, Morton A, Eisen DP. Increase in prevalence of nosocomial non-candida albicans candidemia and the association of Candida krusei with fluconazole use. J Hosp Infect 2002; 50: Brand S, Reinecker HC. An enhanced barrier is a better defense: effects of probiotics on intestinal barrier function. Inflamm Bowel Dis 2002; 8: Wagner RD, Pierson C, Warner T, et al. Biotherapeutic effects of probiotic bacteria on candidiasis in immunodeficient mice. Infect Immun 1997; 65: Wagner RD, Pierson C, Warner T, Dohnalek M, Hilty M, Balish E Probiotic effects of feeding heat-killed Lactobacillus acidophilus and Lactobacillus casei to Candida albicans-colonized immunodeficient mice. J Food Prot 2000; 63: Caplan MS, Miller-Catchpole R, Kaup S, et al. Bifidobacterial supplementation reduces the incidence of necrotizing enterocolitis in a neonatal rat model. Gastroenterology 1999; 117: Lin HC, Su BH, Chen AC, et al. Oral probiotics reduce the incidence and severity of necrotizing enterocolitis in very low birth weight infants. Pediatrics 2005; 115: Bin-Nun A, Bromiker R, Wilschanski M, et al. Oral probiotics prevent necrotizing enterocolitis in very low birth weight neonates. J Pediatr 2005; 147: Deshpande G, Rao S, Patole S. Probiotics for prevention of necrotising enterocolitis in preterm neonates with very low birthweight: a systematic review of randomised controlled trials. Lancet 2007; 369: Manzoni P, Mostert M, Leonessa ML, et al. Oral supplementation with Lactobacillus casei subspecies rhamnosus prevents enteric colonization by Candida species in preterm neonates: a randomized study. Clin Infect Dis 2006; 42: Lönnerdal B, Iyer S. Lactoferrin: molecular structure and biological function. Annu Rev Nutr 1995; 15: Ward PP, Uribe-Luna S, Conneely OM. Lactoferrin and host defense. Biochem Cell Biol 2002; 80: Farnaud S, Evans RW. Lactoferrin: a multifunctional protein with antimicrobial properties. Mol Immunol 2003; 40: Edde L, Hipolito RB, Hwang FFY, Headon DR, Shalwitz RA, Sherman MP. Lactoferrin protects neonatal rats from gut-related systemic infection. Amer J Physiol Gastroenterol Liver Physiol 2001; 281: G1140-G Gifford JL, Hunter HN, Vogel HJ. Lactoferricin: a lactoferrin-derived peptide with antimicrobial, antiviral, antitumor and immunological properties. Cell Mol Life Sci 2005; 62: Wakabayashi H, Takakura N, Yamauchi K, Tamura Y. Modulation of immunity-related gene expression in small intestines of mice by oral administration of lactoferrin. Clin Vaccine Immunol 2006; 13: Zuccotti GV, Vigano A, Borelli M, Saresella M, Giacomet V, Clerici M. Modulation of innate and adaptive immunity by lactoferrin in human immunodeficiency virus (HIV)-infected, antiretroviral therapynaïve children. Int J Antimicrob Agents 2007; 29: Kuipers ME, de Vries HG, Eikelboom MC, Meijer DK, Swart PJ. Synergistic fungistatic effects of lactoferrin in combination with antifungal drugs against clinical Candida isolates. Antimicrob Agents Chemother 1999; 43: Ronayne de Ferrer PA, Baroni A, Sambucetti ME, Lopez NE, Cerian Cernadas JM. Lactoferrin levels in term and preterm milk. J Am Coll Nutr 2000; 19: Buccigrossi V, de Marco G, Bruzzese E, et al. Lactoferrin induces concentration-dependent functional modulation of intestinal proliferation and differentiation. Pediatr Res 2007; 61: Venkatesh MP, Pham D, Kong L, Weisman LE. Prophylaxis with lactoferrin, a novel antimicrobial agent, in a neonatal rat model of coinfection. Adv Ther 2007; 24: Manzoni P, Rinaldi M, Cattani S, et al; Italian Task Force for the Study and Prevention of Neonatal Fungal Infections, Italian Society of Neonatology. Bovine lactoferrin supplementation for prevention of late-onset sepsis in very low-birthweight neonates: a randomized trial. JAMA 2009; 302: Sherman MP, Bennett SH, Hwang FF, Yu C. Neonatal small bowel epithelia: enhancing anti-bacterial defense with lactoferrin and Lactobacillus GG. Biometals 2004; 17: Venkatesh MP, Abrams SA. Oral lactoferrin for the prevention of sepsis and necrotizing enterocolitis in preterm infants. Cochrane Database Syst 2010; 5: CD Kaufman DA. Lactoferrin supplementation to prevent nosocomial infections in preterm infants. JA- MA 2009; 302: Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Paolo Manzoni Ospedale S. Anna Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Corso Spezia, Torino

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Finalità dell alimentazione del neonato prematuro Crescita adeguata Soddisfacente

Dettagli

La prevenzione delle infezioni fungine in neonatologia

La prevenzione delle infezioni fungine in neonatologia Gennaio-Marzo 2013 Vol. 43 N. 169 pp. 36-42 La prevenzione delle infezioni fungine in neonatologia Infettivologia neonatale Paolo Manzoni, Martina Luparia, Elena Tavella, Daniele Farina SC Neonatologia

Dettagli

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei

adeguata, conferisce un effetto benefico all organismo ospite, migliorando l equilibrio microbico intestinale. Sono probiotici, quindi, quei I probiotici a base di Bifidobacterium e Lactobacillus prevengono l enterocolite necrotizzante e riducono la mortalità di neonati prematuri molto sottopeso L enterocolite necrotizzante (NEC) è una delle

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro

Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Accrescimento e composizione corporea nel prematuro Lorella Giannì U.O. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore Prof. Fabio Mosca Fondazione Cà Granda Ospedale Policlinico Università degli

Dettagli

Analisi costo-efficacia (CEA)

Analisi costo-efficacia (CEA) Analisi costo-efficacia (CEA) 37 Analisi costo-efficacia (CEA) ASPETTI FONDAMENTALI È una tecnica di analisi completa che permette di confrontare programmi ed interventi sanitari alternativi, che producono

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza

Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Le infezioni microbiologiche in Ostetricia e Ginecologia Bergamo, 27 Maggio 2011 Screening e trattamento dell infezione genitale da GBS in gravidanza Dr.ssa Stefania Rampello USS Area del parto - OORR

Dettagli

Dott.ssa Paola Carunchio U. O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Scandiano (RE) Infezioni urinarie Dimensioni del problema sono le infezioni più frequenti dopo quelle respiratorie impatto socio-economico

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

Meglio informati sulla presa degli antibiotici

Meglio informati sulla presa degli antibiotici Informazioni per i pazienti Meglio informati sulla presa degli antibiotici 13116-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno «Antibiotici» 1 Indice Gli antibiotici. Cosa sono e

Dettagli

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi

Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria. N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria N. Principi Attuale spazio terapeutico per le cefalosporine orali in pediatria Nicola Principi Principali cefalosporine orali Farmaco

Dettagli

Il ruolo della terapia medica topica nel tra0amento della candidosi orofaringea nel paziente oncologico

Il ruolo della terapia medica topica nel tra0amento della candidosi orofaringea nel paziente oncologico Il ruolo della terapia medica topica nel tra0amento della candidosi orofaringea nel paziente oncologico C. Arboscello U.O. Radioterapia Ospedale San Paolo - Savona Le infezioni orofaringee sostenute da

Dettagli

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma Disabilità e malnutrizione Limitazioni funzionali frequenti nell anziano sono associate

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

Diploma di Maturità Magistrale ad indirizzo psico-socio-pedagogico

Diploma di Maturità Magistrale ad indirizzo psico-socio-pedagogico CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome VALENTINA BENEDETTI Data di nascita 17/02/1974 Qualifica Dirigente medico Amministrazione Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO

PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO HOME PROFILASSI ANTIBIOTICA IN CHIRURGIA PROFILASSI ANTIBIOTICA IN AMBITO CHIRURGICO Lo scopo della profilassi antibiotica in ambito chirurgico è quello di ridurre l'incidenza di infezioni post-operatorie

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DI BUDGET DI UNA NUOVA STRATEGIA VACCINALE PATRIZIA BERTO, NICOLA PRINCIPI

ANALISI DI IMPATTO DI BUDGET DI UNA NUOVA STRATEGIA VACCINALE PATRIZIA BERTO, NICOLA PRINCIPI ANALISI DI IMPATTO DI BUDGET DI UNA NUOVA STRATEGIA VACCINALE PATRIZIA BERTO, NICOLA PRINCIPI INTRODUZIONE Le Infezioni da Pneumococco (PNU) rappresentano un problema sanitario grave, soprattutto a causa

Dettagli

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Le Cullette termiche rappresentano l ambiente entro il quale il neonato a rischio trascorre un periodo

Dettagli

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH Management gestionale Metodo di gestione 4.5.1 STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH I suinetti lattanti e svezzati hanno un potenziale

Dettagli

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Corso aziendale Uso responsabile degli antibiotici Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Rosario Cultrera Dip. Medico - UOC Malattie Infettive

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

EFFICACIA DELLA FISIOTERAPIA RESPIRATORIA POST ESTUBAZIONE NEI NEONATI RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE

EFFICACIA DELLA FISIOTERAPIA RESPIRATORIA POST ESTUBAZIONE NEI NEONATI RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE Centro Studi EBP Ausl Cesena EFFICACIA DELLA FISIOTERAPIA RESPIRATORIA POST ESTUBAZIONE NEI NEONATI RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE Elena Balestri, Lorenzo Freschi fisioterapisti U.O.M.R. Ospedale

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

DEL NATO PRETERMINE O DI BASSO PESO

DEL NATO PRETERMINE O DI BASSO PESO NUTRIZIONE DEL NATO PRETERMINE O DI BASSO PESO Dott. G. Salvia UO di Neonatologia e Unità di Terapia Intensiva Neonatale Ospedale Buon Consiglio Fatebenefratelli, Napoli Ogni anno in Italia nascono circa

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Quando e come usare gli antibiotici Le infezioni da catetere venoso centrale. Elio Castagnola UOC Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova

Quando e come usare gli antibiotici Le infezioni da catetere venoso centrale. Elio Castagnola UOC Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova Quando e come usare gli antibiotici Le infezioni da catetere venoso centrale Elio Castagnola UOC Malattie Infettive Istituto Giannina Gaslini Genova paziente con sospetta infezione CVC-correlata: quale

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Gravidanza e parto, una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile ISTAT 12 aprile 2001 1 Prevalenza

Dettagli

Allegato II. Conclusioni scientifiche e motivi del rifiuto

Allegato II. Conclusioni scientifiche e motivi del rifiuto Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi del rifiuto 4 Conclusioni scientifiche Riassunto generale della valutazione scientifica di Levothyroxine Alapis e denominazioni associate (vedere allegato

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA NUTRIZIONE DEL NEONATO PRETERMINE DI BASSO PESO ALLA NASCITA

LINEE GUIDA PER LA NUTRIZIONE DEL NEONATO PRETERMINE DI BASSO PESO ALLA NASCITA LINEE GUIDA PER LA NUTRIZIONE DEL NEONATO PRETERMINE DI BASSO PESO ALLA NASCITA Le linee guida sono riferite ai neonati con età gestazionale tra 26 e 32 settimane e/o peso tra 750 e 1500 g alla nascita

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Banca del Latte Materno

Banca del Latte Materno Banca del Latte Materno me tti in banca il bene più prezioso Con il patrocinio MINISTERO PER LE PARI OPPORTUNITA metti in banca il ben e pi ù prezioso Banca del Latte Materno Umano Fondazione dell Ospedale

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL NEONATO NATO DA TAGLIO CESAREO. Roberto Berni Canani

L ALIMENTAZIONE DEL NEONATO NATO DA TAGLIO CESAREO. Roberto Berni Canani L ALIMENTAZIONE DEL NEONATO NATO DA TAGLIO CESAREO Roberto Berni Canani Dipartimento di Pediatria, Università degli Studi di Napoli Federico II Laboratorio Europeo per lo Studio delle Malattie Indotte

Dettagli

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA

F. Blasi P O L M O N I T I CLINICA E TERAPIA F. Blasi POLMONITI CLINICA E TERAPIA Prof. Francesco Blasi Istituto di Tisiologia e Malattie Apparato Respiratorio Università degli Studi di Milano IRCCS Ospedale Maggiore Milano POLMONITI CLINICA E TERAPIA

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

Tommaso Stroffolini, Divisione di Gastroenterologia, Ospedale San Giacomo, Roma

Tommaso Stroffolini, Divisione di Gastroenterologia, Ospedale San Giacomo, Roma Epidemiologia dell epatite C: dati italiani Tommaso Stroffolini, Divisione di Gastroenterologia, Ospedale San Giacomo, Roma Indagini policentriche effettuate in Italia hanno evidenziato una notevole frequenza

Dettagli

TRATTAMENTO DELLO SHOCK SETTICO PER IL TRAMITE DI GLICEROFOSFOINOSITOLI. Mariangela Vessichelli, PhD CNR, Istituto di Biochimica delle Proteine

TRATTAMENTO DELLO SHOCK SETTICO PER IL TRAMITE DI GLICEROFOSFOINOSITOLI. Mariangela Vessichelli, PhD CNR, Istituto di Biochimica delle Proteine TRATTAMENTO DELLO SHOCK SETTICO PER IL TRAMITE DI GLICEROFOSFOINOSITOLI Mariangela Vessichelli, PhD CNR, Istituto di Biochimica delle Proteine Sepsi e shock settico Lo shock settico rappresenta lo stadio

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi Nutrizione Artificiale nel Paziente Oncologico Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi Direttore UF Aziendale Cure Palliative e Hospice La Limonaia Corso di Formazione MMG 26 gennaio PISTOIA Spesso

Dettagli

Esami a pioggia o mirati

Esami a pioggia o mirati Rimini, 23 marzo 2011 Esami a pioggia o mirati Daniela Spettoli WHO CC for evidence-based research synthesis and guideline development in reproductive health Criteri di valutazione di uno screening 22

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo T.E.V. E CHEMIOTERAPIA Dott. Pietro Masullo I MECCANISMI SONO MOLTEPLICI, SPESSO PRESENTI CONTEMPORANEAMENTE E NON ANCORA DEL TUTTO CHIARI LA CHEMIOTERAPIA PU0 AUMENTARE IL RISCHIO TEV ATTRAVERSO

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova PIERCLAUDIO BRASESCO Medico di Medicina Generale Genova L INFEZIONE DA HELICOBACTER PYLORI Quando e perché iniziare un trattamento eradicante? Raccomandazioni Terapeutiche (di grado A o B con livello di

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

Archivio regionale dei neonati gravi pretermine Dati 2011 Convegno Regionale SIN Toscana Prato, 30 Novembre 2012

Archivio regionale dei neonati gravi pretermine Dati 2011 Convegno Regionale SIN Toscana Prato, 30 Novembre 2012 Archivio regionale dei neonati gravi pretermine Dati 2011 Convegno Regionale SIN Toscana Prato, 30 Novembre 2012 Franca Rusconi (1,2), Monia Puglia (2), Silvia Agostiniani (1) Livia Drovandi (1) (1) Unità

Dettagli

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell

della secrezione di insulina, la soppressione della secrezione di glucagone, il rallentamento dello svuotamento gastrico, la riduzione dell Introduzione Il diabete mellito di tipo 2 rappresenta un problema medico estremamente rilevante per l ampia diffusione della patologia e per la morbilità a essa associata. Mentre si è affermata la necessità

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto.

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto. Probiotico che ha nuovamente ottenuto l autorizzazione a livello Europeo per l uso nel cane e nel gatto in base alla Direttiva 1831/2003 Vi presentiamo la strada scientificamente provata per integrare

Dettagli

SEDE E CONTATTI. Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO MACROAREA BATTERIOLOGIA MACROAREA VIROLOGIA E BIOLOGIA MOLECOLARE

SEDE E CONTATTI. Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO MACROAREA BATTERIOLOGIA MACROAREA VIROLOGIA E BIOLOGIA MOLECOLARE afferente al Dipartimento Qualità e Sicurezza dei percorsi di Diagnosi e Cura Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO SEDE E CONTATTI Ospedale MOLINETTE - Ingresso: Corso Bramante, 88-10126

Dettagli

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con

X che negli ultimi due anni NON ha avuto rapporti diretti di finanziamento con Il sottoscritto BERTOLIN ANNALISA ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato Regione del 5 novembre 2009, dichiara X che negli ultimi due anni NON

Dettagli

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO Ceftarolina fosamil (Zinforo) Polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

Dott. Daniele Farina Curriculum formativo /professionale

Dott. Daniele Farina Curriculum formativo /professionale Dott. Daniele Farina Curriculum formativo /professionale Titoli di Studio Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università di Torino conseguita il 30.10.78 con lode Specializzazione in clinica Pediatrica

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale

Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale Taglio del Cordone Ombelicale e raccolta del sangue cordonale La trasfusione placentare: fisiologia Taglio precoce e tardivo: effetti nel nato a termine e pretermine Gestione del III stadio del travaglio

Dettagli

Nutrizione parenterale in Urgenza

Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Carmelo D'Amato M.D. 2 Nutrizione Parenterale Rientra nelle due forma di nutrizione artificiale Enterale Parenterale 2 3 Nutrizione Artificiale Somministrazione guidata

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

IL LATTE DI DONNA NELL ALIMENTAZIONE DEI NEONATI PREMATURI: DALLA TRADIZIONE ALLA BIOINGEGNERIA CONSENSUS DEVELOPMENT CONFERENCE EXPO 2015

IL LATTE DI DONNA NELL ALIMENTAZIONE DEI NEONATI PREMATURI: DALLA TRADIZIONE ALLA BIOINGEGNERIA CONSENSUS DEVELOPMENT CONFERENCE EXPO 2015 IL LATTE DI DONNA NELL ALIMENTAZIONE DEI NEONATI PREMATURI: DALLA TRADIZIONE ALLA BIOINGEGNERIA CONSENSUS DEVELOPMENT CONFERENCE EXPO 2015 EVENTO PROMOSSO DA: FONDAZIONE IOLANDA MINOLI, ONLUS E ASSOCIAZIONE

Dettagli

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

LE META-ANALISI. Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi G Ital Nefrol 2011; 28 (5): 531-536 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA LE META-ANALISI Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi CNR-IBIM, Unità di Ricerca di

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Analisi dell'assistenza fornita dal Centro di Rovereto e proposta di un piano educativo

Analisi dell'assistenza fornita dal Centro di Rovereto e proposta di un piano educativo UN PROGETTO EDUCATIVO PER IL CENTRO DI ROVERETO Cos è l educazione terapeutica? Perché è importante? L educazione terapeutica può contribuire a migliorare la qualità delle cure quotidiane eseguite dal

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MILANO N.1 La legionellosi nel territorio dell ASL Provincia di Milano n. 1 Rapporto 2000-2005 Introduzione La legionellosi in Italia è una malattia soggetta

Dettagli

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Baia di Conte Alghero - 9 16 Settembre 2006 C è un razionale nella scelta di una formula funzionale nell alimentazione del lattante? V. Tripodi Dipartimento

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Medical & Scientific Affairs Manager

Medical & Scientific Affairs Manager Battaini Fabio Medical & Scientific Affairs Manager L importanza dell allattamento al seno Il latte materno rappresenta l alimento migliore per il lattante e va favorito fino a quando è possibile: contiene

Dettagli

Quando il neonatologo interrompe le cure. Paolo Villani, Marzia Giuradei SC TIN, Neonatologia e Nido AO C.Poma

Quando il neonatologo interrompe le cure. Paolo Villani, Marzia Giuradei SC TIN, Neonatologia e Nido AO C.Poma Quando il neonatologo interrompe le cure Paolo Villani, Marzia Giuradei SC TIN, Neonatologia e Nido AO C.Poma Neonati per cui non c éc niente da fare NEONATI CON CONDIZIONI LIFE LIMITING: - Compatibili

Dettagli

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1)

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1) TRATTAMENTO DELLA NEUTROPENIA CON G-CSF Introduzione La neutropenia e le complicanze ad essa correlate rappresentano la principale tossicità dose limitante della chemioterapia, per il rischio di infezioni

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Lo screening del tumore del seno: aggiornamenti dell US Preventive Service Task Force

Lo screening del tumore del seno: aggiornamenti dell US Preventive Service Task Force Lo screening del tumore del seno: aggiornamenti dell US Preventive Service Task Force Dott. Daniele Ortolani - 3 luglio 2010 US Preventive Service Task Force È un organismo autonomo composto da esperti

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE.

PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PROTOCOLLO DI STUDIO. STUDIO DELLE SECREZIONI ORMONALI DEL NEONATO AGA E SGA DALLA 23ª ALLA 42ª SETTIMANA DI ETA GESTAZIONALE. PREMESSE. 1) Il progressivo sviluppo delle conoscenze e delle tecniche assistenziali

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR )

MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) 1/10 MINI SCHEDA HTA FIDAXOMICINA (DIFICLIR ) Nome Commerciale DIFICLIR Principio Attivo Fidaxomicina Ditta Produttrice Astellas Pharma SpA ATC A07AA12 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 200 mg

Dettagli

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA e spec. in Ortognatodonzia PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA Per la maggior parte delle donne, la gravidanza è un processo naturale e fisiologico che porta alla nascita di una nuova vita in circa

Dettagli