Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI"

Transcript

1 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo negli anni, l invecchiamento della popolazione, la complessità di problematiche legate agli aspetti più propri di salute (ad esempio la cronicizzazione di patologie), le difficoltà di sostegno sociale, richiedono interventi sempre più integrati e coordinati tra le due componenti, sanitaria e sociale, nello specifico Aziende USL e comuni. Anche nell ultimo PSR , la regione Toscana ha indicato tra i problemi di salute prioritari quello di rispondere a questi bisogni ed ha individuato, nella integrazione fra servizi sociali e sanitari, l ossatura portante degli interventi complessivi. Quello che ci proponiamo è fornire una prima quantificazione e qualificazione del bisogno, sicuramente non esaustiva, ma che costituisce una prima base conoscitiva per programmare quante e quali strutture e tipologia di interventi sono necessari per rispondere alle necessità di questo gruppo di popolazione, riconoscendo che ci troviamo di fronte ad una problematica estremamente complessa, ma anche così imponente da porsi come centrale. Percentuale popolazione >65 anni Anno 2003 % pop. >65 anni su pop. totale Sds di Empoli SdS Valdarno Regione Toscana Italia 21,9% 20,5% 22,9% 19,2% Allo scopo di identificare con caratteristiche proprie gruppi che presentano bisogni sanitari e sociali diversi abbiamo ritenuto opportuno disaggregare il complessivo dei cittadini ultra65enni in tre sottoclassi di età: dai 65 ai 74 anni, dai 75 agli 84 e oltre gli 85 anni. Entrambe le SdS presentano, rispetto al dato regionale, una minore percentuale di soggetti tra i anni e tra gli ultra 85enni. Nella classe anni si registriamo, invece, valori più alti del livello regionale e sostanzialmente simili tra le due SdS Caratterizzazione demografica Come già evidenziato nella sezione quadro demografico, entrambi i territori delle due SdS si caratterizzano per la presenza di una popolazione anziana ultra 65enne maggiore del livello nazionale ma inferiore a quello regionale. La percentuale di ultra65enni che all anagrafe comunale risultano vivere soli ammonta al 19,4% nell anno

2 Di fatto l analisi storica dell andamento temporale della popolazione, evidenzia che in entrambe le SdS, oltre all incremento progressivo della popolazione totale, si assiste anche all incremento della consistenza della popolazione maggiore di 74 anni, che passa dal 9,6% per l anno 1998 al 10,7% del 2003 nella SdS di Empoli, e dal 8,8% al 9,8% in quella del Valdarno. La stessa tendenza è confermata anche se osserviamo il tasso di primo ricovero (numero utenti* abitanti), che misura il fenomeno della ospedalizzazione considerato i soggetti e non il numero dei ricoveri, depurando quindi la misura della ospedalizzazione dal fenomeno dei cosiddetti ricoveri ripetuti La domanda di ricovero Il ricorso all ospedale aumenta notevolmente con l età e il 40 45% dei ricoveri complessivi erogati in un anno sono a carico di persone ultra65enni. L analisi del periodo , evidenzia una progressiva riduzione del tasso di ospedalizzazione aziendale (numero ricoveri *1.000 abitanti) per le tre classi di età considerate, in linea con l andamento regionale, ma più marcato per gli ultra85enni, dove la maggiore riduzione si registra tra il 2000 e il 2001 con una sostanziale stazionarietà nei due anni successivi; il dato regionale registra la diminuzione maggiore tra il 2002 e Nell analisi del fenomeno della ospedalizzazione per sesso, osserviamo che sia nei maschi che nelle femmine e per tutte e tre le classi di età, entrambe le popolazioni delle SdS, registrano valori più bassi del dato complessivo regionale. 110

3 I tassi di ospedalizzazione per le femmine risultano sostanzialmente allineati tra le due SdS, ad eccezione degli ultra85enni, dove l accesso al ricovero è maggiore per la popolazione dell Empolese. Nei maschi invece è il Valdarno che registra valori più alti per le età da 65 a 84 anni rispetto all Empolese, mentre per gli ultra85enni si riconferma l Empolese con un valore maggiore. L analisi per le principali cause di ricovero nei maschi evidenzia una sostanziale omogeneità nella distribuzione tra gli anziani delle due SdS ed una sovrapponibilità tra le cause principali nelle età che vanno dai 65 agli 84 anni. Le malattie del sistema circolatorio rappresentano la prima causa che copre circa 25% della domanda di ricovero, seguita dai tumori (circa il 15%)e dalle malattie dell apparato digerente e del sistema nervoso (circa il 12%). La distribuzione si differenzia nella classe degli ultra85enni, dove, mentre si confermano al primo posto le malattie del sistema circolatorio, in seconda posizione troviamo i traumi, che rappresentano circa il 10% della domanda nell Empolese e il 15% nel Valdarno.I tumori, che dai 65 agli 84 anni rappresentano il 15% dei ricoveri, passano addirittura in sesta posizione con un valore di circa l 8%. In questa età aumenta anche la presenza delle malattie dell apparato respiratorio che rappresentano circa il 13% per entrambe le popolazione delle SdS. Una ulteriore differenza tra le due SdS è identificabile all interno delle malattie del sistema nervoso, dove il Valdarno registra, negli ultra85enni, un valore simile alle età precedenti (13%), a differenza dell Empolese dove scende al 10%. E da evidenziare che in tale raggruppamento è presente la patologia relativa agli interventi 111

4 per cataratta, per la quale, a partire dal 2002, la Regione ha identificato un percorso assistenziale che trasferisce l erogazione di tale prestazione dal regime di degenza a quello ambulatoriale. Pertanto i valori difformi tra le due SdS sono verosimilmente imputabili all attuazione di tale indicazione regionale da parte delle strutture di ricovero. Anche nelle femmine, la prima causa di ricovero è rappresentata dalle malattie del sistema circolatorio che, a differenza di quanto evidenziato nei maschi, aumenta progressivamente con l avanzamento dell età, passando da un valore di circa il 16% nell età 65/74 anni, a 24% nell età 74/84 e raggiunge il 30% delle cause nei ricoveri delle ultra85enni, con un andamento sovrapponibile tra le popolazioni delle due SdS. i maschi, complessivamente decrescono con l avanzare dell età. All interno di tale raggruppamento è sempre la cataratta la patologia prevalente che rappresenta il 55% dei ricoveri nell età da 65 a 74 anni e il 65% nella classe successiva. Anche i tumori, come già evidenziato per i maschi, decrescono con l avanzare dell età, ma nelle femmine sono meno rappresentativi con un valore medio intorno all 11% fino agli 84 anni che scende al 4% nelle femmine del Valdarno e al 6% in quelle dell Empolese. Un ulteriore elemento di differenziazione tra i due sessi si rileva per le patologie afferenti al sistema osteomuscolare, irrilevante per i maschi, e che rappresenta la seconda causa di ricovero per le femmine con età da 65 a 74 anni del Valdarno (14%)e la terza per quelle dell Empolese (12%), all interno della quale è l artrosi la patologia prevalente (circa il 50% dell intero raggruppamento). Notevole è inoltre la differenza tra i due sessi per il raggruppamento accidenti, avvelenamenti e traumatismi. Questa causa, che cresce con l avanzamento dell età sia nei maschi che nelle femmine, e che, come già evidenziato per i maschi, prevale nella popolazione della SdS Valdarno, riguarda prevalentemente il sesso femminile, ed in particolare è legato alle fratture degli arti. All interno di queste è prevalente la frattura del femore, che rappresenta il 24% del totale ricoveri nell età anni, il 47% nell età da 75 a 84 anni e addirittura il 57% negli ultra85enni, con un rapporto di ricovero pari a 4 femmine per ogni maschio. Per quanto riguarda le malattie dell apparato respiratorio, prevalenti negli ultra85enni, si evidenzia in entrambe le popolazioni delle due SdS una minore incidenza nelle femmine (circa l 8%) rispetto ai maschi (circa il 13%) Analisi di alcune patologie specifiche Al secondo posto troviamo, per la SdS di Empoli, le malattie del sistema nervoso, che come già evidenziato per 112 Fratture Femore e interventi di sostituzioni Anca L attenzione viene posta su questa patologia in quanto rappresentativa di una complessità di interventi sanitari, riabilitativi e sociali che possono essere messi in atto a tutela dei soggetti colpiti.

5 Come già evidenziato nella sezione precedente, si tratta di una patologia che cresce con l aumentare dell età e prevale nelle femmine. Il trattamento chirurgico della frattura del femore comporta una maggiore probabilità di consolidamento della frattura senza accorciamento dell arto ed un miglior esito della riabilitazione, una durata del ricovero più breve ed un più frequente ritorno del paziente alla propria residenza originaria. Considerando come trattati chirurgicamente i pazienti per i quali è stata rilevata una delle procedure di riduzione di frattura o di epifisiolisi, chiusa o aperta, con o senza fissazione interna o di sostituzione totale o parziale di anca, il confronto tra il numero complessivo degli operati sul totale dei fratturati evidenzia in entrambe le SdS valori più alti rispetto al livello regionale negli anni 2001 e 2002 ed un allineamento nel Il risultato dello stesso indicatore calcolato per i tre gruppi di età della popolazione anziana, evidenziano per entrambe le SdS, come la percentuale di operati aumenta con il crescere dell età: è infatti negli ultra85enni che abbiamo i valori più alti. Rispetto agli anni analizzati è comunque da far presente che mentre nella SdS Empolese, ad eccezione degli ultra85enni, la percentuale di operati nelle classi di età inferiori decresce, si assiste ad una tendenza inversa nella SdS del Valdarno, dove per le età da 65 a 84 anni, ad eccezione dell anno 2002, i valori sono costanti, mentre negli ultra85enni si rileva un lieve decremento tra gli anni 2002 e Le banche dati disponibili in Azienda consentono di osservare per gli stessi soggetti quale sia il percorso riabilitativo utilizzato al fine per garantire il recupero della mobilità. La tabella seguente evidenzia in termini di giornate di degenza quale sia stato l assorbimento di risorse sanitarie per l anno 2003 dei soggetti ultra74enni che hanno subito un intervento chirurgico per frattura di femore. Influenza e polmonite Vaccinarsi è il modo migliore di prevenire e combattere l influenza, sia perché aumentano notevolmente le probabilità di non contrarre la malattia sia perché, in caso di sviluppo di sintomi influenzali, questi sono meno gravi e, generalmente, non seguiti da ulteriori complicanze. Il Ministero della Salute raccomanda la vaccinazione alle persone con età maggiore di 64 anni e a coloro che sono in stretto contatto con gli anziani, a tutte le persone a rischio di complicazioni secondarie a causa dell età o di patologie, come disturbi cronici di tipo respiratorio e polmonare, malattie metaboliche croniche o quando sono previsti interventi chirurgici di una certa entità.

6 Vista l impossibilità di avere dati disaggregati per SdS negli anni osservati ( ), forniamo il tasso di copertura vaccinale aziendale, che risulta tendenzialmente in linea con il livello regionale. Può risultare verosimilmente sottostimato in quanto relativo ai soli rendiconti forniti dai Medici e Pediatri di libera scelta e dai distretti, che non tengono conto delle vaccinazioni effettuate privatamente con vaccini acquistati in farmacia. RIABILITAZIONE Anno 2003 Utenti >74 operati Deg. media ricovero per Intervento Deg. Media riabilitazione ospedaliera Strutture ex art. 26 Ambulatoriale Totale SdS di Empoli ,9 10, ,6 44,9 SdS Valdarno 84 12,8 11,4 8,5 15,5 35,4 Pur con i limiti della qualità dei dati rilevati, un osservazione puntuale del fenomeno consentirebbe di programmare interventi specifici per tale patologia, con la compartecipazione delle varie componenti sanitarie (assistenza ospedaliera e territoriale) e sociali in modo da garantire un percorso assistenziale appropriato. Non è stato possibile recuperare il dato disaggregato per SdS relativo all Assistenza Domiciliare, dal quale risulta comunque che nell anno 2003 circa il 50% del totale dei programmi assistenziali effettuati in Azienda hanno riguardato la patologia legata alle fratture. Il monitoraggio dei ricoveri nella popolazione anziana per influenza e polmonite rappresentano una causa di particolare interesse, in quanto strettamente correlati al buon esito delle campagne di vaccinazione antinfluenzale messe in atto. Il tasso di ospedalizzazione evidenzia per entrambi i sessi una diversa distribuzione tra le due SdS, dove nel Valdarno i valori rilevati sono nettamente inferiori sia al livello regionale che a quelli relativi alla popolazione della SdS Empolese. Questo indicatore esprime in percentuale il numero di soggetti di oltre 64 anni sottoposti a vaccinazione rispetto al totale della popolazione residente. 114

7 4.2.4 Gli anziani non autosufficienti Il primo quesito a cui si deve cercare di rispondere quando si affrontata la questione degli anziani non autosufficienti riguarda la dimensione del fenomeno. Per rispondere a questo quesito ci possiamo avvalere delle stime regionali. La regione nel piano Sanitario prevede su una popolazione di toscani ultra65enni nel 2005 che circa necessiteranno di un aiuto saltuario, di un aiuto giornaliero anche se non costante e di un aiuto giornaliero e costante in quanto impedite nelle funzioni fondamentali, numeri che nella nostra azienda in base alla popolazione anziana residente nel 2003 si traducono nei valori riportati nel grafico. n assoluto Stima soggetti anziani bisognosi per tipologia di aiuto su popolazione anno SdS Empo lese SdS Valdarno saltuario giornaliero giornaliero continuativo Il grado di autosufficienza dei pazienti residenti in azienda viene valutato annualmente delle unità distrettuali: nell ultimo periodo i nuovi pazienti valutati non autosufficienti sono oscillati da un massimo di 823 nel 2001 ad un minimo di 408 nel Il tasso di valutazione di non autosufficienza per anziani residenti, disaggregato per zona in quanto il dato per SdS non è disponibile, può fornire una misura dei casi incidenti (nuovi casi) ogni mille residenti. Il realtà il Tasso di Valutazione, vista anche la grande difformità fra zone e periodo temporale (si veda grafico), più che fornire una stima dell incidenza sembra fornire una stima 115 dell attività delle Unità Distrettuali di Valutazione e della diversa organizzazione dei servizi. Tassi per mille abitanti - I servizi Valutazione dei soggetti non autosufficienti per zona di residenza Zona Empolese Tot. Azienda Zona Valdarno L anziano non autosufficiente può essere seguito a proprio domicilio tramite programmi assistenziali personalizzati e reti di aiuto e supporto ai familiari o, qualora tale assistenza non fosse possibile, inserito in Strutture di residenzialità. - L Assistenza Domiciliare Integrata La regione Toscana prevede come standard che almeno il 3% della popolazione ultra65enne venga seguita tramite Assistenza Domiciliare Integrata. Gli anziani non autosufficienti seguiti in Azienda con Assistenza domiciliare Integrata sono stati nel corso del , ossia il 55% di tutti i pazienti non autosufficienti seguiti tramite ADI. Nel 2004 i pazienti ultra65enni inseriti in ADI sono più che raddoppiati raggiungendo quota Se nel 2003 la nostra azienda ha conosciuto un calo della copertura dell ADI nella popolazione anziana facendo registrare un tasso Aziendale del 2,3% inferiore allo standard regionale, in particolare nella zona Valdarno, nel 2004 il tasso di copertura ADI con un 4,9% ha superato lo standard regionale. L anno 2003 sembra avere un andamento diverso non solo rispetto al 2004, ma anche al biennio precedente, particolarmente anomalo risulta

8 l andamento dell ADI a prevalente componente sanitaria. Tasso * 100 Soggetti in età superiore a 65 anni seguiti in ADI su 100 residenti nel Valdarno autosufficienti oscilla nel tempo intorno a valori del 70/80%). Il tasso di PL in RSA a disposizione per i cittadini anziani è del 9,05 ogni mille abitanti in età 65++ così suddiviso fra le due zone: 10,81 nella Zona Empolese e 5,84 nel Valdarno. Il tasso di ricovero in RSA più elevato nella Zona Empolese è verosimilmente imputabile alla maggior disponibilità di posti letto. Il primo quesito a cui si deve cercare di rispondere quando si affrontata la questione degli anziani non autosufficienti riguarda la dimensione del fenomeno e può essere formulato in questi termini: quante sono le persone anziane e qual è il loro grado di autosufficienza?. indiretta diretta prevalente componente sanitaria Tasso * 100 Soggetti in età superiore a 65 anni seguiti in ADI ogni 100 residenti in età 65++ nella Zona Empolese Tassi per mille abitanti Trend temporale dei Tassi di ricovero presso RSA popolazione >65 anni 14,00 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0, TOTALE ZONA EMPOLESE TOTALE ZONA VALDARNO indiretta diretta prevalente componente sanitaria LEGENDA: ADI indiretta con assegno di assistenza ai sensi della L.72/97, art.35, comma 2 e 3) per persone anziane non autosufficienti; ADI diretta L.72/97, art.35, comma 2 per persone anziani non autosufficienti; ADI prevalente componente sanitaria (con definizione di un programma individuale di assistenza da parte delle U.V.T. o U.V.G. a livello distrettuale) - I ricoveri in RSA L offerta aziendale Residenziale nel 2003 è caratterizzata dalla disponibilità di 437 posti letto, prevalentemente, ma non esclusivamente utilizzati da anziani non autosufficienti (il tasso di utilizzazione da parte dei non 116

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana)

Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana) Epidemiologia dell ictus e della frattura di femore (in Toscana) Dr. Alessandro Barchielli Unità di epidemiologia Asl 10 Firenze alessandro.barchielli@asf.toscana.it Causa principale di non autosufficienza

Dettagli

L epidemiologia del diabete senile

L epidemiologia del diabete senile L anziano diabetico Dall epidemiologia alla gestione multidimensionale L epidemiologia del diabete senile Paolo Spolaore Verona, 26 ottobre 2007 La popolazione nel Veneto 0 50000 100000 150000 200000 250000

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

Linee Guida Regionali e Nazionali sulla Stroke Care. Milena Bernardini UO Medicina Interna e Geriatria

Linee Guida Regionali e Nazionali sulla Stroke Care. Milena Bernardini UO Medicina Interna e Geriatria Linee Guida Regionali e Nazionali sulla Stroke Care Milena Bernardini UO Medicina Interna e Geriatria ESITO DI PATOLOGIE CEREBROVASCOLARI CASI INCIDENTI/ANNO /MILIONE ABITANTI : 500 TIA 2400 ICTUS (75%

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA

LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA LA CONTINUITA TERAPEUTICA IN RSA I LETTI CAVS Dott.ssa E.P. Contuzzi Nucleo Territoriale di Continuità delle Cure Geriatria Territoriale ASLTO1 RSA, CAVS? RSA: residenza sanitaria assistenziale; struttura

Dettagli

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO PIEVE DI CENTO GALLIERA SAN PIETRO IN CASALE Ferrara MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO MINERBIO MOLINELLA CASTEL MAGGIORE GRANAROLO BUDRIO Bologna CASTENASO

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Gli accidenti cerebrovascolari sono un rilevante problema di sanità pubblica nel mondo occidentale e meno nei paesi in via

Dettagli

L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana

L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana Volterra, 17 maggio 2007 L ospedalizzazione ed i percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con ictus in Toscana Paolo Francesconi ARS Osservatorio Epidemiologia 1. L Ospedalizzazione nella fase

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA RIABILITATIVA IN PROVINCIA DI MANTOVA: fabbisogno e prospettive di governo (versione aggiornata al 18/10/2008)

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA RIABILITATIVA IN PROVINCIA DI MANTOVA: fabbisogno e prospettive di governo (versione aggiornata al 18/10/2008) ! ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA RIABILITATIVA IN PROVINCIA DI MANTOVA: fabbisogno e prospettive di governo (versione aggiornata al 18/10/2008) Materiali e metodi Per verificare se l offerta di riabilitazione,

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia

12,0 11,5 11,0 10,5 10,0 9,5 9,0 8,5 8,0 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001* provincia di Rovigo Veneto Italia 11. SANITÀ E SOCIALE 11.1. Mortalità e cause di morte L alto indice di vecchiaia che caratterizza la popolazione della provincia di Rovigo si riflette sul tasso di mortalità, i cui valori, nel periodo

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai

L indagine Condizioni di salute e ricorso ai attualità Indagine Istat: condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari di Maurizio Neri, Consigliere L indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari fa parte di un sistema integrato

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 496 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori MASSIDDA e GRAMAZIO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 13 MAGGIO 2008 Disposizioni per la prevenzione e la cura del

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO

L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO L ASSISTENZA RESPIRATORIA DOMICILIARE: PROBLEMI SUL TERRITORIO Mario Caputi Ilernando Meoli Dipartimento di Scienze Cardiotoraciche e Respiratorie: Sezione di Malattie, Fisiopatologia e Riabilitazione

Dettagli

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*)

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*) 2.2. MORTALITÀ 2.2.1. Mortalità generale Risultano 203 i decessi di persone residenti nella Repubblica di San Marino avvenuti nel 2002 (114 maschi e 89 femmine) con un tasso grezzo di mortalità del 7,1.

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila Assetti di Governance dei Servizi Territoriali Le cure primarie: Il caso della Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica

Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Spunti per un ragionamento sulla sanità pubblica Gemona del Friuli, 11 Maggio 2010 Giancarlo Miglio I DETERMINANTI DELL EVOLUZIONE EVOLUZIONE DEI SISTEMI SANITARI CAMBIAMENTI EPIDEMIOLOGICI RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale

Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale sdfs AGENZIA REGIONALE SANITARIA R E G I O N E M A R C H E Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale Susanna Cimica Osservatorio Epidemiologico Agenzia Sanitaria,

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008

OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 OGGETTO: Ricoveri ospedalieri per patologie respiratorie nel quartiere S. Polo nel periodo 2004-2008 Introduzione A seguito dei risultati ottenuti con lo studio di mortalità nel quartiere S. Polo del comune

Dettagli

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario 2011-2013 della Regione del Veneto Novembre 2010 Indice 1 Il contesto demografico...1

Dettagli

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna. Allegato alla Delib.G.R. n. 49/14 del 7.12.2011 PROGETTO: Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Dettagli

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO

CAPITOLO 3 LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAPITOLO LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO CAP. LA MORTALITA PER CAUSE SPECIFICHE DI DECESSO. LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTALITA Per mezzo delle analisi finora compiute si sono potute evidenziare

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo

Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo Premessa Il PSR 2008-2010 prevede lo sviluppo della sanità d iniziativa, intesa come nuovo approccio organizzativo

Dettagli

Il distretto e la presa in cura

Il distretto e la presa in cura Il distretto e la presa in cura Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 Il malato nel Sistema sanitario regionale Arezzo

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica

9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica 9 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Bologna, 14 marzo 2014 Ridurre i ricoveri inappropriati: l'integrazione tra emergenza-urgenza e assistenza

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

Continuità dell assistenza

Continuità dell assistenza Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto AREA DELLA CONTINUITÀ ASSISTENZIALE E TERRITORIO F. Antonio Compostella Venezia 21 giugno 2010 Continuità dell assistenza Processo che deve garantire: Continuità

Dettagli

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO IN RSA Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO in RSA definizione di RSA -SIGG Struttura del territorio destinata ad accogliere gli anziani

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

ASSISTENZA OSPEDALIERA

ASSISTENZA OSPEDALIERA ASSISTENZA OSPEDALIERA Il 2005 ha segnato per Modena due importanti avvenimenti: l apertura del Nuovo Ospedale a Baggiovara con il conseguente trasferimento del Sant Agostino- Estense, che si è concluso

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013 Oggetto: Finanziamento a favore delle Aziende Sanitarie Locali per gli interventi finalizzati allo sviluppo del sistema dell Assistenza Domiciliare Integrata. Ripartizione fondo regionale 2013. L Assessore

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie per i malati affetti da demenza di Alzheimer (agg.to novembre 2014)

Guida ai diritti e alle prestazioni sanitarie e sociosanitarie per i malati affetti da demenza di Alzheimer (agg.to novembre 2014) Sempre più spesso all AFMA Onlus, e ad altre simili Associazioni, si rivolgono persone che hanno un congiunto con una grave malattia che produce non autosufficienza e non trovano risposte adeguate rispetto

Dettagli

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore

I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore La chirurgia dell anca Strumenti e metodi di valutazione della qualità dell assistenza Firenze, 4 aprile 2006 I percorsi assistenziali riabilitativi degli anziani con frattura di femore Paolo Francesconi

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Nel triennio 2009-2011 risulta pressoché

Nel triennio 2009-2011 risulta pressoché 4SANITÀ E SALUTE Nel triennio 2009-2011 risulta pressoché stabile il numero di medici di base e di pediatri. I primi assistono in media 1.143 pazienti, i secondi 870. Ancora in calo i posti letto ospedalieri

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA

LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA CONFERENZA EPISCOPALE PIEMONTESE CONSULTA REGIONALE PER LA PASTORALE DELLA SALUTE LA CONTINUITA DI CURA DALL OSPEDALIZZAZIONE ALLA RSA Torino, 10 dicembre 2012 Giovanni MONCHIERO Il Servizio Sanitario

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano

La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano La gestione integrata delle cure primarie nell Azienda ULSS 16 di Padova: Il Progetto Anziano Dr. Fortunato Rao Azienda ULSS 16 Padova Regione Veneto La popolazione dell ULSS 16 398.445 abitanti residenti

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se il servizio dà continuità

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova.

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova. Indicatori per la valutazione degli esiti dell assistenza Gallina P*, Benetollo PP**, Saugo M, Maggi S * Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione

Dettagli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli Convegno Active and Healthy Ageing: il ruolo della sorveglianza epidemiologica PASSI d Argento Roma - 26 settembre 2013 La prevenzione

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

3. LO STATO DI SALUTE

3. LO STATO DI SALUTE 3. LO STATO DI SALUTE Per valutare in maniera sintetica lo stato di salute della popolazione vengono utilizzati alcuni indicatori ampiamente riconosciuti a livello internazionale. La nostra azienda mostra

Dettagli

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani

Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Lombardia Statistiche Report N 1 / 8 febbraio 2016 Non autosufficienza e carichi familiari in Lombardia: ieri, oggi e domani Sintesi Al 2013 la diffusione di limitazioni nello svolgimento delle attività

Dettagli

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie

Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie Linee Guida Clinico-Organizzative per i Medici di Medicina Generale e per i Servizi delle Cure Primarie 1 Descrizione dell Intervento Sulla base delle evidenze della letteratura è rilevante, ai fini dell

Dettagli

3 - Servizi sanitari

3 - Servizi sanitari 3 - Servizi sanitari B1 - Esistenza di un programma di sensibilizzazione e di educazione alla salute E proseguita anche nel 2000 l esperienza La scuola per una città sana e sostenibile, progetto integrato

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI -

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - 1) L INDAGINE La legge quadro 328/2000, Per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali,

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro

Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Percorsi di cura e assistenza tra ospedale e territorio: Il ruolo dei professionisti della sanità a supporto della conciliazione famiglia - lavoro Nuove forme di presa in carico infermieristica per accogliere

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

1) Accreditamento dei servizi socio sanitari Allegato 17 Linee di indirizzo per i servizi socio-sanitari e di riabilitazione afferenti alla competenza della Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale 1) Accreditamento dei servizi socio sanitari

Dettagli

Documento Programmatico del Piano Regionale della Prevenzione 2014 2018

Documento Programmatico del Piano Regionale della Prevenzione 2014 2018 AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ Documento Programmatico del Piano Regionale della Prevenzione 2014 2018 Pag 1 di 105 Indice generale dei contenuti Premessa...5

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE. Una grande istituzione al servizio della tua salute IL SERVIZIO SANITARIO Una grande istituzione al servizio della tua salute I VALORI E I PUNTI DI FORZA DEL SSN La storia della sanità pubblica si intreccia saldamente con le fondamenta costituzionali del

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Capitolo 3. Sanità e salute

Capitolo 3. Sanità e salute Capitolo 3 Sanità e salute 3. Sanità e salute Per saperne di più... ISTAT. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. ISTAT. Sistema informativo territoriale

Dettagli

Malattie neurologiche: indicatori epidemiologici e socio-sanitari

Malattie neurologiche: indicatori epidemiologici e socio-sanitari Malattie neurologiche: indicatori epidemiologici e socio-sanitari WORKSHOP 11 novembre 2010, 9.00-13.00 P. Zuech Osservatorio Epidemiologico Malattie neurologiche: indicatori epidemiologici e socio-sanitari

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE...

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE... Indice I INDICE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 43 1.1. STRUTTURA

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN?

QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? QUALE MISSIONE PER LE CURE DOMICILIARI DEL SSN? Francesco Longo CARD, Roma, 23 maggio 2013 1 Agenda 1. Evidenze sui tassi di copertura dei bisogni 2. Trend finanziari di sistema 3. Tagli lineari o trasformazione

Dettagli

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI Primo firmatario: Consigliere Marotta Venezia e altre specificità Emendamento n.1 3.2.1 La rete ospedaliera su due livelli (Pag. 44) Dopo le parole: Inoltre

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

Costruzione di un set di indicatori per la valutazione dei bisogni sanitari e della performance dei distretti

Costruzione di un set di indicatori per la valutazione dei bisogni sanitari e della performance dei distretti Costruzione di un set di indicatori per la valutazione dei bisogni sanitari e della performance dei distretti Dott. Fabrizio Ciaralli Direttore IV Distretto ASL RomaB Dott. Italo D Ascanio Dirigente medico

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli