LE ANOMALIE DENDRITICHE NEI DISTURBI ASSOCIATI A RITARDO MENTALE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ANOMALIE DENDRITICHE NEI DISTURBI ASSOCIATI A RITARDO MENTALE."

Transcript

1 LE ANOMALIE DENDRITICHE NEI DISTURBI ASSOCIATI A RITARDO MENTALE. Dal substrato neurologico al profilo cognitivo-comportamentale Di Gianluigi Passaro Indice Introduzione PRIMA PARTE. La patologia dendritica nelle principali condizioni associate a ritardo mentale Capitolo I. I cambiamenti patologici nei dendriti e nelle spine dendritiche Anomalie della distribuzione e della morfologia dei dendriti (1) Diminuzione del numero dei dendriti (2) Anomalie della forma dei dendriti Anomalie strutturali delle spine dendritiche (1) Diminuzione del numero delle spine dendritiche (2) Aumento del numero delle spine dendritiche (3) Diminuzione delle dimensioni delle spine dendritiche (4) Distorsioni della forma delle spine dendritiche (5) La formazione di varicosità dendritiche (6) Le eterotopie dendritiche e neuronali Anomalie ultrastrutturali delle spine dendritiche (1) Le spine dendritiche elettron-dense (2) Alterazioni degli organuli subcellulari (3) Spine dendritiche giganti Capitolo II. I primi studi: la disgenesia delle spine dendritiche ed il ritardo mentale non classificabile Capitolo III. Le anomalie dendritiche nelle sindromi genetiche associate a ritardo mentale Le sindromi genetiche con patologia dendritica dimostrata (1) La sindrome di Down

2 (2) La sindrome di Rett (3) La sindrome della X fragile Le sindromi genetiche con probabile patologia dendritica (1) La sindrome di Williams (2) La sindrome di Rubinstein-Taybi Capitolo IV. Altri disturbi ad eziologia genetica o multifattoriale con probabile patolog ia dendritica L autismo Il morbo di Alzheimer La fenilchetonuria La sclerosi tuberosa e la neurofibromatosi di tipo I Capitolo V. Le anomalie dendritiche nel ritardo mentale dovuto a condizioni ambientali La malnutrizione calo-proteica e l ipossia-ischemia perinatale Teratologia neurocomportamentale: la sindrome alcolica fetale e l abuso di droghe in gravidanza SECONDA PARTE. Anomalie dendritiche e ritardo mentale: un possibile modello teorico Capitolo VI. Relazioni tra la patologia dendritica ed il profilo cognitivo- comportamentale nei disturbi associati a ritardo mentale Anomalie dendritiche e ritardo mentale: quale relazione? Conclusioni. Dal substrato neurologico al profilo cognitivo-comportamentale: la patologia dendritica tra neuroanatomia e psicologia Bibliografia

3 Intoduzione Il mio cervello è per me la più inspiegabile delle macchine sempre ronzante, affaccendato, lanciato, ruggente, in picchiata, quindi sepolto nel fango. E perché? Per quale motivo questo fervore? (Virginia Woolf) La patologia dendritica è oggi considerata tra i più importanti correlati neuroanatomici del ritardo mentale, sia dovuto a condizioni ambientali (come nella sindrome alcolica fetale), sia causato da anomalie genetiche (come nella sindrome di Down). Essa è stata studiata sin dagli inizi degli anni settanta del novecento - i lavori pionieristici che hanno utilizzato l impregnazione argentica di Golgi compiuti da Huttenlocher (1970, 1974, 1975) e da Purpura (1974, 1975a, 1975b) rappresentano, infatti, le basi per la valutazione del coinvolgimento dei dendriti nel ritardo mentale - quando l uso delle tecniche di etichettamento dendritico ha mostrato come le anormalità, strutturali ed ultrastrutturali, di questi processi neuronali fossero molto comuni nei disturbi e nelle sindromi associati a ritardo mentale. L importanza del sistema dendritico e della sua evoluzione, la dendridogenesi, nel corretto sviluppo del cervello umano può essere facilmente compresa: è sufficiente ricordare che essi rivestono un ruolo fondamentale nella formazione delle sinapsi che ha negli ultimi mesi di età gestazionale il suo periodo critico. Inoltre Il principale evento nella differenziazione dei neuroni corticali è rappresentato dalla elaborazione del sistema dendritico; i dendriti dei neuroni sottendono più del 95% dei siti di trasmissione delle informazioni attraverso il sistema nervoso (Ottaviano e Ottaviano, 2000, p. 27). La patologia dendritica comporta importanti deficits funzionali a causa dei quali è impedita una corretta fruizione degli inputs sensoriali, essenziali per determinare nuove connessioni sinaptiche e per la futura organizzazione cerebrale. Purpura (1974) ha dimostrato la presenza di anomalie a carico dei dendriti - ridotto numero di spine e netta prevalenza di quelle di tipo sottile - nei soggetti con ritardo mentale grave e non classificabile. Tali aberrazioni costituiscono dei severi ostacoli ai processi di comunicazione e di integrazione funzionale cerebrale, nel senso che i neuroni con queste anormalità non possono trasmettere e ricevere adeguatamente gli impulsi nervosi. Purtroppo, a causa dell inadeguatezza delle tecniche di indagine anatomo-patologi, ci sono pochi dati relativi ai disordini dell organizzazione cerebrale. Attualmente, negli studi che hanno utilizzato soggetti con ritardo mentale, le anomalie dendritiche e sinaptiche sono risultate le sole alterazioni del sistema nervoso, e rappresentano il deficit neurologico di base in circa il 20% dei casi con eziologia incerta (Ottaviano e Ottaviano, 2000). Per gli scopi di questo lavoro saranno definite come disturbi associati a ritardo mentale quelle condizioni caratterizzate da un deficit cognitivo globale non progressivo. Le sindromi genetiche verranno trattate in modo più esteso ed approfondito sia per l elevata mole di studi che ad esse è stata dedicata, sia perché forniscono il potenziale esplicativo per comprendere l importanza del

4 ruolo giocato dalle anomalie dendritiche nel ritardo mentale. Saranno descritti anche i disturbi pervasivi dell infanzia che, durante la loro evoluzione, manifestano un profilo cognitivo simile al ritardo mentale, ma il cui decorso clinico è progressivamente ingravescente (cfr. Kaufmann, 1996), ed alcuni tra i particolari fattori ambientali e teratogenici che possono determinarlo. Questo lavoro presenta due parti distinte per oggetto di interesse ed obiettivi. La prima parte si propone di illustrare le possibili anomalie anatomiche e funzionali dei dendriti e delle spine dendritiche, sia a livello strutturale sia ultrastrutturale. Essa introdurrà storicamente il dibattito sul ruolo della patologia dendritica nel ritardo mentale: inizialmente centrato sulla disgenesia delle spine dendritiche nel ritardo mentale non classificabile, esso è stato successivamente spostato sulle sindromi genetiche di maggior rilievo, quali le sindromi di Rett e della X fragile, in concomitanza con la scoperta delle loro basi geniche e delle conseguenze dei rispettivi genotipi sul fenotipo neurologico. Si esamineranno le principali condizioni patologiche, genetiche ed ambientali, studiate negli ultimi trenta anni alla luce del ruolo che in esse svolgono le anormalità dendritiche e sinaptiche. Saranno trattate dapprima le sindromi genetiche, all interno delle quali si distingueranno le sindromi con chiara e dimostrata patologia dendritica (sindromi di Down, di Rett e della X fragile), da quelle con coinvolgimento dendritico solo probabile, giacché privo di evidenze empiriche univoche (sindromi di Williams e di Rubinstein-Taybi) (cfr. Kaufmann e Moser, 2000). Saranno quindi descritti altri disturbi di origine genetica o multifattoriale: l autismo infantile, in cui la riduzione delle arborizzazioni dendritiche e la ridotta dimensione dei neuroni nella corteccia mesofrontale, nell ippocampo e nel sistema limbico sembrano essere le uniche alterazioni anatomiche degne di nota; la demenza di Alzheimer e la fenilchetonuria (PKU) che non rientrano a pieno titolo nella definizione diagnostica di ritardo mentale, ma la cui importanza epidemiologica e concettuale ne rende necessaria la trattazione; la sclerosi tuberosa e la neurofibromatosi di tipo I. Infine, sarà presentata una breve disamina sulle più importanti condizioni ambientali legate al ritardo mentale, quali la sindrome alcolica fetale (FAS), l abuso di droghe durante la gravidanza, l esposizione del feto a neurotossine, l ipossia-ischemia perinatale, e la malnutrizione caloproteica sia nelle gestanti sia nel neonato. La seconda parte ha come obiettivo la descrizione di un possibile modello teorico che rappresenti una sinossi, eziologica e concettuale, tra la neuroanatomia ed il fenotipo cognitivocomportamentale caratteristici di ciascun disturbo, tale da poter essere considerata un ponte tra la neuropatologia e la psicologia del ritardo mentale. Prima di giungere a delle conclusioni, tuttavia, si dovrà chiarire se la patologia dei dendriti e delle spine dendritiche sia una concausa o una conseguenza del ritardo mentale; si dovrà dimostrare, i-noltre, che le anomalie dendritiche sono alterazioni sindrome-specifiche e non anormalità neuroanatomiche generali. Per giustificare tale modello sono necessari alcuni assunti di base: (a) il profilo cognitivo di ciascuna condizione deve essere sindrome-specifico, in altre parole, si dovranno osservare, nei disturbi esaminati, dei tratti comportamentali caratteristici e distintivi ai fini diagnostici; (b) tali peculiarità devono trovare un riscontro nella neuropatologia tipica delle diverse sindromi. Si ipotizzerà, concludendo, una relazione diretta e causale tra la specificità della patologia dendritica e la specificità del fenotipo cognitivo-comportamentale per le condizioni associate a ritardo mentale considerate. Il legame tra il genotipo neurologico, ed in ultima analisi la sua espressione fenotipica, ed il profilo cognitivocomportamentale, sia nello sviluppo normale sia in quello patologico, è, infatti, la convinzione che ha ispirato questo lavoro e che può essere felicemente riassunta parafrasando il pensiero di Donald Hebb, il quale affermava che voler risolvere il problema della preminenza di uno dei due poli, genetica e ambiente, nello sviluppo e nella patologia del cervello umano, equivarrebbe a dover

5 stabilire cosa sia più importante, e quanta parte abbia rispettivamente, l altezza o la base di un triangolo nel calcolo della sua superficie.

6 Capitolo I I cambiamenti patologici dei dendriti e delle spine dendritiche Lo studio delle anomalie dendritiche nei disturbi associati a ritardo mentale - definito, nella decima revisione della Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD-10), come una condizione di arresto dello sviluppo o di sviluppo incompleto della mente, caratterizzato soprattutto da compromissione delle capacità che si manifestano nel periodo dello s viluppo e che contribuiscono al livello globale di intelligenza, per esempio le funzioni cognitive, quelle linguistiche, le capacità motorie e sociali (World Health Organization, 1992) - ha avuto inizio negli anni settanta, nell ambito del rinnovato interesse per i disturbi associati all organizzazione cerebrale, un processo evolutivo che ha negli ultimi tre mesi di vita intrauterina il periodo di maggior sviluppo, ma che continua anche dopo la nascita, in modo particolare nei primi due anni. Scheibel e Scheibel, in uno studio del 1977, hanno distinto quattro condizioni neuropatologiche che possono costituire un serio ostacolo allo sviluppo del cervello umano. Esse sono: (a) la perdita delle spine dendritiche (riscontrata in diverse forme di ritardo mentale); (b) la nodulazione, vale a dire la comparsa di noduli all interno delle cellule corticali mature ed immature; (c) le alterazioni morfologiche delle arborizzazioni dendritiche (comuni nella sindrome di Down); (d) l incremento del numero delle cellule gliali, o proliferazione gliale, che sottrae lo spazio necessario allo sviluppo neuronale e sinaptico. Simili anomalie dello sviluppo cerebrale possono produrre un ampia gamma di disturbi, dai deficits semplici dell apprendimento al ritardo mentale grave. Il presente capitolo tratterà delle anormalità neuropatologiche che coinvolgono direttamente i dendriti e le spine dendritiche (i punti a e c di Scheibel e Scheibel). Saranno descritte dapprima le anomalie strutturali dei dendriti e successivamente quelle delle spine, distinguendo all interno di queste ultime le alterazioni strutturali (forma, numero e dimensioni), dalle ultrastrutturali, che riguardano tutti i cambiamenti osservabili all interno della singola spina, quali l ipertrofia degli organuli subcellulari o le modificazioni del reticolo endoplasmatico. Anomalie della distribuzione e della morfologia dei dendriti I dendriti sono un estensione del soma neuronale specializzati nella ricezione degli inputs sinaptici. La complessità delle arborizzazioni dendritiche rende possibile un notevole ampliamento della superficie del neurone (altrimenti limitata al solo corpo cellulare) e del suo potenziale sinaptico (già Ramon y Cajal, nell ultimo decennio del XIX secolo, aveva costatato che essa riflette il numero di connessioni ricevute da un neurone), occupando un volume relativamente ridotto. Gli alberi dendritici, infatti, hanno in media una superficie di circa μm2 ed un volume di soli μm3. Un soma cellulare, invece, per poter garantire una superficie simile, dovrebbe occupare circa di μm3. La morfologia delle arborizzazioni dendritiche, inoltre, presenta molti patterns differenti, dovuti soprattutto alla diversa densità dei dendriti su distinte classi di neuroni, ed ai cambiamenti dell orientamento e della forma delle loro radiazioni (cfr. appendice B) (Fiala e Harris, 1999; McAllister, 2000; Cline, 2001; Jan e Jan, 2001; Whitford et al., 2002).

7 I disordini citoarchitettonici della neocorteccia e le anomalie della forma e del numero dei dendriti sono i principali correlati neuroanatomici del ritardo mentale. Essi comprendono: la diminuzione del numero dei dendriti; la riduzione della loro lunghezza; la distorsione della forma, in genere essa assume un profilo più sottile e tortuoso; le eterotopie dendritiche e neuronali; l incremento del numero (o densità) delle cellule neuronali e gliali; i disordini della laminazione corticale, come un orientamento anomalo dei neuroni o alterazioni dell organizzazione colonnare. Le anomalie dendritiche e neuronali sembrano associarsi in modi differenti nel caratterizzare la neuropatologia dei diversi disturbi: nella sindrome di Down, ad esempio, sono frequenti le anomalie della laminazione corticale ed un accentuata riduzione della lunghezza dei dendriti, non è presente, invece, un aumento della densità cellulare, tratto che diviene preminente in altre patologie quali la fenilchetonuria e le sindromi di Rett e di Rubinstein-Taybi dove, al contrario, non si riscontrano alterazioni dell organizzazione laminare della corteccia (Kaufmann e Moser, 2000). Di seguito saranno descritte le principali anomalie riguardanti il numero e la forma dei dendriti. Le eterotopie dendritiche e neuronali ed i disturbi della laminazione corticale saranno trattati nel paragrafo dedicato alle anomalie strutturali delle spine. (1) Diminuzione del numero dei dendriti La riduzione della densità delle arborizzazioni dendritiche costituisce una delle più frequenti anomalie dell organizzazione neuronale riscontrate nei soggetti con ritardo mentale. Essa è considerata la caratteristica neuropatologica fondamentale del ritardo mentale con diagnosi eziologica ed è stata osservata in un gran numero di disturbi genetici. Becker e collaboratori (1986, 1991) hanno rilevato, in bambini affetti da sindrome di Down, una marcata atrofia degli alberi dendritici in contrasto con l incremento evolutivo nei soggetti con sviluppo tipico. Jay e collaboratori (1991), in un caso di sindrome di Angelman studiato con l impregnazione argentica di Golgi, hanno dimostrato una marcata riduzione delle arborizzazioni dendritiche nei neuroni piramidali del terzo e del quinto strato corticale. Dati simili sono confrontabili con quelli ottenuti dalle analisi citoarchitettoniche effettuate negli individui autistici (Raymond, Bauman e Kemper, 1996), nelle sindromi di Rett (Armstrong, Dunn e Antalffy, 1998) e di Rubinstein-Taybi (Kaufmann e Moser, 2000), nella schizofrenia (Kalus et al., 2000; Broadbelt, Byne e Jones, 2002), nella sclerosi tuberosa (Ferrer et al., 1984), nella malattia delle urine a sciroppo d acero (Kamei et al., 1992), nell ipotiroidismo neonatale (Ipina e Ruiz Marcos, 1986; Ruiz Marcos e Ipina, 1986), nell ipossia perinatale (Trojan e Pokorny, 1989), nell esposizione neonatale a sostanze neurotossiche (Gonzales Burgos, Perez Vega e Beas Zarate, 2001), e nel morbo di Alzheimer (Scheibel, 1976). Queste ricerche hanno mostrato una correlazione tra la diminuzione del numero dei dendriti e l aumento della densità neuronale e microgliale in tutte le condizioni studiate. Kaufmann e Moser (2000) ritengono che ciò sia interpretabile come un meccanismo compensatorio capace di ripristinare parte del potenziale sinaptico cerebrale, drasticamente ridotto in seguito alla diminuzione del numero e della lunghezza dei dendriti.

8 (2) Anomalie della forma dei dendriti Le alterazioni morfologiche dei dendriti consistono soprattutto in una marcata riduzione della loro lunghezza. Essa è riscontrabile in numerose noxae associate a ritardo mentale, sia genetiche sia di origine ambientale, e in alcuni disordini neurodegenerativi a decorso progressivo come il morbo di Parkinson (Patt et al., 1991) e l encefalite virale da HIV (Masliah et al., 1992, 1997). I disturbi genetici in cui è stata chiaramente dimostrata una marcata diminuzione della lunghezza dei dendriti sono le sindromi di Down e di Rett e la sclerosi tuberosa; non vi sono, invece, evidenze conclusive della presenza di questo tipo di anomalia in altre patologie quali le sindromi di Williams e di Rubinstein- Taybi (Kaufmann e Moser, 2000). Takashima e collaboratori (1981), studiando lo sviluppo anormale della corteccia visiva in feti ed in infanti affetti da sindrome di Down, hanno trovato un pattern evolutivo neuronale e dendritico comparabile nei feti sperimentali e di controllo, mentre i neonati e gli infanti Down mostravano dendriti basali più corti, un decremento nel numero delle spine e difetti della laminazione corticale rispetto ai soggetti con sviluppo tipico. Questi dati suggeriscono, in accordo con altre ricerche (Prinz, Prinz e Schulz, 1997; Vukšić et al., 2002), che i cambiamenti patologici degli elementi neuronali e dendritici cominciano a svilupparsi, in questa sindrome cromosomica, dalla prima età postnatale. L atrofia dendritica osservata nei bambini Down, inoltre, continua ad accentuarsi nell età adulta, con un ulteriore diminuzione nella lunghezza dei dendriti e nella densità delle spine (Takashima et al., 1989). In contrasto con gli individui Down, nella sindrome di Rett una riduzione nella densità e nella lunghezza dei dendriti è presente sin dalla nascita. Armstrong e collaboratori (1995, 1998) hanno dimostrato che i dendriti dei neuroni piramidali delle cortecce motoria e frontale e del subiculum, sono significativamente più corti nei cervelli Rett che in quelli Down e nonrett. Risultati simili sono stati ottenuti in altre ricerche (Jellinger e Seitelberger 1986; Jellinger et al., 1988; Belichenko et al., 1994; Bauman, Kemper e Arin, 1995). Nella sclerosi tuberosa è stata notata una riduzione focale della lunghezza dei dendriti associata ad altre anomalie morfologiche, tra cui la biforcazione dei tronchi dendritici e la disgenesia delle spine (Ferrer et al., 1984; Huttenlocher e Heydemann, 1984; Machado Salas, 1984). Tra le forme di ritardo mentale ad eziologia ambientale occupa un posto di rilievo la malnutrizione caloproteica grave. La denutrizione sperimentale in animali, durante i periodi sensibili dello sviluppo, provoca, infatti, ritardo nella crescita cerebrale ed anomalie morfologiche e funzionali nei dendriti e nell apparato sinaptico (Schönheit e Haensel, 1989; Garcia Ruiz, et al., 1993; Perez Torrero, Torrero e Salas, 2001; Andrade, Lukoyanov e Paula Barbosa, 2002; Granados Rojas et al., 2002). Alterazioni simili sono presenti nell uomo se esposto a malnutrizione grave nei primi mesi di vita. Eppure, pochi studi hanno descritto la morfologia delle arborizzazioni dendritiche negli infanti sottoposti a tali condizioni (Cordero et al., 1993; Benítez Bribiesca et al., 1999). Benítez Bribiesca e collaboratori (1999), a tal proposito, in una delle ricerche più recenti, hanno dimostrato che i dendriti apicali del quinto strato corticale delle cortecce visiva, motoria e somatosensoriale, sono significativamente più corti negli infanti malnutriti rispetto ai soggetti eutrofici. Questa anomalia, assieme alla riduzione del numero delle spine, costituirebbe, secondo gli autori, la causa dei deficits neuropsicologici e del ritardo mentale osservati in questi bambini.

9 Anomalie strutturali delle spine dendritiche Le spine dendritiche costituiscono i siti di terminazione di gran parte degli inputs eccitatori glutammatergici nel sistema nervoso centrale. Esse rappresentano luoghi di ingresso altamente specializzati e, in generale, sono costituite da un sottile peduncolo, che le unisce al tronco dendritico, e da una testa più espansa (Smart e Halpain, 2000; Gazzaley, Kay e Benson, 2002). L aumento della superficie neuronale, rappresentata dalle spine, oltre che a ricevere afferenze sinaptiche, sembra possa servire a qualche altra funzione: recentemente è stata avanzata l ipotesi di un suo possibile ruolo neuroprotettivo (Segal, 1995; cfr. Reid, 2002). Ogni spina ha, in superficie, almeno una sinapsi, e costituisce anche un area di segregazione intracellulare di particolari processi biochimici quali, ad esempio, l attivazione di alcune proteinchinasi in seguito all apertura dei canali NMDA per gli ioni Ca++ (Kandel e Schwartz, 1994). Un loro sviluppo normale sembra essere un requisito necessario per la corretta acquisizione delle capacità cognitive: anormalità nella morfologia o nel numero delle spine dendritiche, infatti, sono ritenute strettamente legate al ritardo mentale grave (Purpura, 1974; Ferrer e Gullotta, 1990; Dietzmann e von Bossanyi, 1994; Irwin, Galvez e Greenough, 2000; Kasai, Matsuzaki, Noguchi e Yasumatsu, 2002). I cambiamenti patologici delle spine dendritiche a livello strutturale comprendono una diminuzione, ovvero un forte aumento, del loro numero, cambiamenti nelle dimensioni e nella morfologia, la formazione di varicosità e la comparsa di spine eterotopiche (le spine dendritiche giganti, caratterizzate da un incremento abnorme del volume, saranno descritte nelle alterazioni ultrastrutturali, a causa della concomitante ipertrofia degli organuli subcellulari) (cfr. Fiala, Spacek e Harris, 2002). (1) Diminuzione del numero delle spine dendritiche La diminuzione del numero delle spine dendritiche è stata osservata in molte condizioni patologiche. Essa è di frequente riscontro nei disturbi neurodegenerativi come il morbo di Alzheimer (El Hachimi e Foncin, 1990), nella deafferentazione (Fiala, Spacek e Harris, 2002), nella schizofrenia (Garey et al., 1998), e nelle epilessie (Swann, Al Noori, Jiang e Lee, 2000). Queste noxae neuropsichiatriche comportano anche processi di necrosi neuronale e sinaptica cui è probabilmente riconducibile la perdita delle spine. Si ritiene, infatti, che essa possa essere causata dalla scomparsa degli assoni che su queste fanno sinapsi, probabilmente per la conseguente carenza di fattori neurotrofici. Studi recenti (Woolley et al., 1990) hanno notato, tuttavia, che la perdita di spine può verificarsi anche in assenza di danni alle cellule nervose. Questo tipo di anomalia è presente anche in molti disturbi associati a ritardo mentale ed in particolare nelle infezioni prenatali dovute a fattori teratogenici, come l esposizione del feto all etanolo (Ferrer et al., 1986; Ferrer e Galofre, 1987; Lescaudron, Jaffard e Verna, 1989; Tarelo Acuna, Olvera Cortes e Gonzales Burgos, 2000), e nella malnutrizione caloproteica grave (Brock e Prasad, 1992; Benítez Bribiesca et al., 1999). Ferrer e Galofre (1987), studiando le conseguenze del consumo cronico di etanolo in gravidanza, hanno rilevato una significativa riduzione del numero delle spine nei dendriti apicali dei neuroni piramidali del quinto strato corticale in pazienti affetti da sindrome alcolica fetale, rispetto ai soggetti di controllo appaiati per età. La perdita delle spine dendritiche è stata osservata anche in uno studio sulla sindrome di Down (Ferrer e Gullotta, 1990). Gli autori hanno trovato un importante diminuzione di queste ultime nei dendriti dei neuroni piramidali appartenenti alle regioni ippocampali CA1 e CA2, sia nei

10 segmenti apicali sia in quelli basali, nei pazienti con sindrome di Down non associata al morbo di Alzheimer se paragonati ai controlli sani, e una diminuzione ancora più marcata nei soggetti Down con demenza di Alzheimer. In questi disturbi essa è permanente e non va incontro a processi compensatori. (2) Aumento del numero delle spine dendritiche L aumento del numero delle spine dendritiche è il risultato più frequente della compromissione dell eliminazione selettiva dei processi neuronali e delle sinapsi (Fiala, Spacek e Harris, 2002). Circa la metà dei neuroni del cervello umano va incontro a morte durante lo sviluppo del sistema nervoso; ciò accade sia per fattori genetici, sia per fenomeni di competizione neurale finalizzati all approvvigionamento dei fattori trofici. Difetti del processo di eliminazione selettiva sono ritenuti responsabili del numero abnorme di spine dendritiche presente nella fenilchetonuria e nella sindrome della X fragile, in cui è stata osservata una più alta densità delle spine, nei segmenti distali dei dendriti apicali e basali nelle cortecce temporale e visiva, in confronto ai soggetti di controllo (Irwin et al., 2001). Tuttavia, vi sono molti casi in cui non si conosce il meccanismo responsabile dell aumento delle spine. Esso potrebbe essere dovuto al danneggiamento dei neuroni che forniscono gli inputs per la soppressione selettiva delle sinapsi, o ad un processo compensatorio da parte dei dendriti superstiti ad una grave deafferentazione. Inoltre, nonostante si sappia che una diminuzione degli inputs assonali comporta perdita di spine dendritiche, non è chiaro se un loro aumento favorisca un incremento delle stesse (Fiala, Spacek e Harris, 2002). Le conoscenze attuali, incomplete e spesso contraddittorie, rendono necessari ulteriori studi affinché si possa comprendere appieno il ruolo giocato dall aumento delle spine nel ritardo mentale. (3) Diminuzione delle dimensioni delle spine dendritiche La diminuzione delle dimensioni delle spine dendritiche è stata osservata a seguito di processi neurodegenerativi in grado di compromettere l integrità strutturale e funzionale delle afferenze sinaptiche. Esperimenti di deprivazione visiva dalla nascita hanno confermato, difatti, l esistenza di alterazioni morfologiche delle spine quando i normali livelli di attività presinaptica sono ridotti (Fiala, Spacek e Harris, 2002). La diminuzione del volume delle spine dendritiche è stata osservata nel corpo striato degli schizofrenici (Roberts et al., 1996; Kung et al., 1998) e, per quanto riguarda i disturbi associati a ritardo mentale, nel cervello dei soggetti con sindrome di Down (Takashima, Becker, Armstrong e Chan, 1981). Takashima e collaboratori (1981), studiando lo sviluppo morfologico dei neuroni della corteccia visiva in bambini con questa sindrome cromosomica, hanno dimostrato che essi mostrano dendriti basali più corti e spine meno numerose, e dalle dimensioni inferiori, rispetto ai soggetti di controllo appaiati per età. Ciò suggerisce che anche in questa condizione, come nella deprivazione sensoriale, vi siano dendriti che ricevono sinapsi relativamente silenti.

11 (4) Distorsioni della forma delle spine dendritiche Le distorsioni della forma delle spine dendritiche rappresentano l anomalia neuroanatomica più comune nel ritardo mentale. Esse caratterizzano soprattutto la sindrome alcolica fetale (Ferrer e Galofre, 1987; Lescaudron, Jaffard e Verna, 1989) e le forme di ritardo mentale causate dalla malnutrizione caloproteica grave (Brock e Prasad, 1992; Benítez Bribiesca et al., 1999). La disgenesia delle spine dendritiche (Purpura, 1974), tuttavia, è stata associata, sin dagli inizi dell interesse per le anormalità dei dendriti, al ritardo mentale non classificabile (Purpura, 1974; cfr. Kaufmann e Moser, 2000) ed alle principali sindromi genetiche: essa è stata osservata nelle sindromi di Down (Marin Padilla, 1976), della X fragile (Comery et al., 1997; Irwin, Galvez e Greenough, 2000), di Rett (Belichenko et al., 1994), e nella fenilchetonuria (Lacey, 1984). Le spine dendritiche assumono, in genere, un profilo lungo e tortuoso ed una forma molto sottile. Probabilmente anche quest anomalia è il risultato di un processo compensatorio a seguito della perdita di assoni e, quindi, di sinapsi, in modo da aumentare la superficie cellulare in grado di ricevere i restanti inputs neuronali. (5) La formazione di varicosità dendritiche La formazione di varicosità dendritiche è spesso osservata come risposta a danni cerebrali e neuronali. Essa consiste nel rigonfiamento dei tronchi dendritici ed è responsabile della perdita delle spine che sono assorbite dal processo di dilatazione. La varicosità dendritica focale, con relativa perdita di spine, è stata rilevata nell ischemia cerebrale (Miyasaka et al., 2000), nell edema ed in seguito all uso prolungato di droghe con effetti convulsivanti (Fiala, Spacek e Harris, 2002), nei disordini neurologici causati da un eccessivo rilascio di glutammato (Oliva, Lam e Swann, 2002), durante la degradazione post mortem (Thanos, Rohrbach e Thiel, 1991), nell aumento della concentrazione intracerebrale di alluminio, riscontrato nell invecchiamento fisiologico e nei processi neurodegenerativi come il morbo di Alzheimer (Uemura, Lartius e Martens, 1993), nella sindrome di Down (Marin Padilla, 1976), nei disordini dell organizzazione microtubulare dei dendriti corticali (Bodick et al., 1982; Purpura et al., 1982), nella sclerosi tuberosa (Huttenlocher e Heydemann, 1984) e nell epilessia (Multani et al., 1994; Swann et al., 2000). Multani e collaboratori (1994) e Swann e collaboratori (2000), ad esempio, studiando i neuroni dei cervelli epilettici, sia nell uomo sia in modelli animali, hanno dimostrato una marcata diminuzione delle spine nei neuroni piramidali della neocorteccia e dell ippocampo associata alla formazione di varicosità focale a carico dei dendriti. La formazione di varicosità dendritica e/o assonale, e la conseguente perdita di spine, è una caratteristica molto comune nei disturbi neurodegenerativi a decorso progressivo. Essa è stata osservata nella corea di Huntington (Cicchetti e Parent, 1996), nella demenza di Alzheimer, dove Arendt e collaboratori (1986) hanno trovato rigonfiamenti dendritici molto accentuati nei neuroni reticolari del nucleo basale di Meynert e nel nucleo della banda diagonale, nell encefalopatia da HIV (Masliah et al., 1992), e nella sindrome di Creutzfeldt-Jacob (o encefalopatia spongiforme subacuta) nella quale si distinguono due tipi di rigonfiamento, i cui meccanismi patogenetici non sono ancora chiari, che possono interessare sia i dendriti sia gli assoni: il rigonfiamento semitranslucente ed il rigonfiamento scuro (Kim e Manuelidis, 1989). Inoltre, uno studio di biopsia cerebrale con l impregnazione di Golgi in due soggetti affetti da questa malattia, ha rilevato la presenza di inusuali

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

CONCLUSIONI 138 APPENDICI 140 BIBLIOGRAFIA 143

CONCLUSIONI 138 APPENDICI 140 BIBLIOGRAFIA 143 INDICE Introduzione CAPITOLO 1 - STRUTTURA CEREBRALE 8 1.1. Dalle prime speculazioni sulla struttura cerebrale alla mappa corticale di Brodmann 8 1.2. La scoperta del neurone come unità costitutiva del

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI

I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI I SEGRETI DEL CERVELLO DEGLI ADOLESCENTI ( )Il progetto del Dott. Jay Giedd, alla divisione di psichiatria infantile del National Institute of Mental Health di Bethesda, Maryland ha lo scopo di determinare

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Demenza. B- I deficit interferiscono significativamente sulle attività della vita quotidiana

Demenza. B- I deficit interferiscono significativamente sulle attività della vita quotidiana Le Demenze Demenza A- Presenza di deficit cognitivi multipli caratterizzati da: 1) compromissione mnesica apprendimento e richiamo 2) uno o più dei seguenti: a) afasia b) aprassia c) agnosia d) deficit

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Per ulteriori informazioni sui FIL: Cap. 9 del volume a cura di Cesare

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12 SOMMARIO Editoriale 5 Messaggio del Direttore Generale 10 Schema del rapporto 12 1. La salute mentale come parte della salute pubblica 17 Introduzione 17 Comprensione della salute mentale 19 I progressi

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IL CERVELLO CHE INVECCHIA

IL CERVELLO CHE INVECCHIA IL CERVELLO CHE INVECCHIA Conoscere per affrontare al meglio il declino cognitivo i quaderni della salute 2 a cura dell Assessorato alla Salute INDICE il cervello che invecchia pag 02 Quali norme comportamentali

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

La famiglia è la cellula primaria della società, che si rinnova perennemente con la procreazione.

La famiglia è la cellula primaria della società, che si rinnova perennemente con la procreazione. IL DONO DELLA VITA ProCreazione on s a p ev o le La famiglia è la cellula primaria della società, che si rinnova perennemente con la procreazione. A cura dell A.I.L.U. Associazione Italiana Leucodistrofie

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Centro B.R.A.I.N per le Neuroscienze Università degli Studi di Trieste. Neuroscienze..per iniziare. Con il contributo di

Centro B.R.A.I.N per le Neuroscienze Università degli Studi di Trieste. Neuroscienze..per iniziare. Con il contributo di Centro B.R.A.I.N per le Neuroscienze Università degli Studi di Trieste Neuroscienze..per iniziare Con il contributo di 1 Indice Contributi...3 Prefazione...4 Il centro B.R.A.I.N...7 Il sistema nervoso...10

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

UIL Scuola Molise - IRASE Sezione Provinciale CAMPOBASSO - Corso preparazione L handicap nella scuola, quali strategie MAR/APR 2007

UIL Scuola Molise - IRASE Sezione Provinciale CAMPOBASSO - Corso preparazione L handicap nella scuola, quali strategie MAR/APR 2007 L handicap nella scuola, quali strategie INTEGRAZIONE DELL ALUNNO HANDICAPPATO: IL RUOLO DEL PERSONALE ATA CIO CHE CONOSCO MI FA MENO PAURA CORSO DI FORMAZIONE per Collaboratori scolastici su Ciò che conosco

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

È incredibile! Calcola il tempo. che impieghi per risolvere correttamente la seguente moltiplicazione: 25 x 20 x 52 x 12 x 365 x 0 =?

È incredibile! Calcola il tempo. che impieghi per risolvere correttamente la seguente moltiplicazione: 25 x 20 x 52 x 12 x 365 x 0 =? In un bar rumoroso le tue orecchie trasmettono al cervello un carico eccessivo di segnali. Com è possibile che tu riesca ad udire il tuo nome usato in una conversazione (non diretta a te) dall altra parte

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Le malattie genetiche

Le malattie genetiche Le malattie genetiche Anderlini Beatrice Classe 3^ - Sez. C Liceo Scientifico R. Casimiri Introduzione alle malattie genetiche Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule in ogni cellula è presente

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli