Percorrendo in auto il cuore delle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorrendo in auto il cuore delle"

Transcript

1 suolo suolo & sottosuolo & sottosuolo Quarry & Construction torna ad occuparsi del Quadrilatero Marche- Umbria, il grande cantiere del centro Italia che avanza speditamente. I lavori sono in corso su entrambe le direttrici principali, Perugia Ancona e Foligno Civitanova Marche, infrastrutture viarie strategiche per il territorio delle regioni coinvolte. I due assi, attraversando l Appennino, avvicinano la costa tirrenica all Adriatico e permettono di recuperare il gap infrastrutturale Quadrilatero Un collegamento strategico tra Marche e Umbria Percorrendo in auto il cuore delle Marche e dell Umbria, lungo la direttrice che collega i capoluoghi di regione Perugia ed Ancona e più a sud sull asse tra Foligno e Civitanova Marche, si incontrano numerosi cantieri aperti. Mezzi ed uomini sono al lavoro per la realizzazione del sistema viario noto come Quadrilatero. Il nome del progetto Quadrilatero Marche-Umbria lascia da subito intuire l idea geometrica alla base dei tracciati che si sviluppano sul territorio e che ha come quarry & construction 55

2 direttrici principali le statali 318 e 76 della Val d Esino e la SS 77 della Val di Chienti. Uniti alle infrastrutture già esistenti, l autostrada Adriatica A14 a est e la nuova statale Flaminia SS3 a ovest, questi due assi avvicinano il centro Italia alla costa adriatica. Si tratta di opere strategiche, attese dal territorio e dal tessuto economico locale, che consentiranno di ridurre il gap infrastrutturale che interessa in particolare le due regioni attraversate. Infatti all indomani del sisma del 1997 che colpì gravemente l Umbria e le Marche fu evidente la necessità di realizzare nuove infrastrutture. Sulla cartina si disegnò un sistema viario in grado di permettere un più efficiente collegamento tra questi territori. Successivamente il progetto è stato inserito nella Legge Obiettivo quale opera di preminente interesse nazionale ed è stata costituita la Società Quadrilatero Marche Umbria Spa, della quale sono oggi Azionisti l Anas, la Regione Marche, la Regione Umbria, le Provincie di Macerata e di Perugia e le Camere di Commercio di Macerata, Ancona e Perugia. La presenza degli enti e delle istituzioni locali nella Società è la più chiara testimonianza dell interesse e l impegno dei territori stessi, che contribuiscono direttamente al finanziamento delle opere, la cui realizzazione prevede il significativo investimento totale di oltre 2 miliardi di euro. Il complesso progettuale è suddiviso in due maxilotti, affidati nel corso del 2006 a Contraente generale in base alla Legge Obiettivo. Un primo tratto di strada è stato completato ed aperto al traffico, mentre i lavori avanzano in tutti i cantieri. Vediamo quindi nel dettaglio di quali infrastrutture stiamo parlando. La statale della Val di Chienti Per quanto riguarda il maxilotto 1, la SS 77 della Val di Chienti è l asse principale che unirà Foligno a Civitanova Marche. I lavori prevedono il completamento e potenziamento a quattro corsie della sede stradale nel tratto da Foligno a Collesentino, nel Comune di Camerino. Altre intervallive di raccordo ed allacci (vedi tabella) sono inclusi nel maxilotto affidato al Contraente generale Val di Chienti, società di progetto costituita dall ATI Strabag, CMC, Grandi Lavori Fincosit e CO.CI. Nel dicembre 2009 è stato aperto al traffico un primo tratto della nuova SS77. L apertura del sublotto che va da Pontelatrave a Collesentino è avvenuta congiuntamente al tratto Anas che arriva allo svincolo di Sfercia. In tal modo la variante a quattro corsie ha reso disponibili per gli utenti circa 6 chilometri complessivi di nuova viabilità, permettendo un significativo decongestionamento del traffico, soprattutto di quello pesante. Il completamento dell arteria da Pontelatrave a Foligno è in corso. I lavori consegnati nel novembre 2009 procedono secondo il crono-programma, con scavi avanzati in numerose gallerie e pile innalzate per i nuovi viadotti che permetteranno un tracciato più breve e sicuro. Il progetto infatti risponde alle specifiche tecniche ed alle più recenti normative in termini di sicurezza, avendo accolto modifiche in materia antisismica dettate dal nuovo Testo Unico delle norme tecniche per le costruzioni. Le gallerie rappresentano il 60% dell intera tratta: ciò consente una sensibile riduzione dell impatto paesaggistico. Sul tracciato totale di circa 36 chilometri, per un miliardo di euro di investimento, il progetto prevede 15 gallerie naturali per oltre 22 chilometri lineari (44 se calcolata la doppia canna) e ulteriori 10 artificiali. La massima lunghezza è raggiunta dalla galleria di Varano, nel comune di Serravalle del Chienti, di metri. Il tracciato si sviluppa in un contesto di particolare pregio ambientale e paesaggistico, tra le valli del fiume Menotre in Umbria e del Chienti nelle Marche, attraverso la zona umida del Parco di Colfiorito, altopiano a 800 metri di quota, punto di valico della catena appenninica. Un articolato piano di monitoraggio è stato sviluppato in tre fasi successive (ante, in e post la costruzione dell opera) per il Galleria Sentino, località Polverina SS 77, aperta al traffico nel dicembre quarry & construction

3 suolo & sottosuolo Lavori galleria Rocchetta, lato Foligno, SS 77 Per il finanziamento di quest opera è stata stipulata una specifica Convenzione con la Regione Umbria, che prevede un anticipazione finanziaria fino a coprire l intero ammontare dell investimento di 23 milioni di euro, a riprova della fattiva collaborazione e condivisione in atto con il territorio nell obiettivo comune di completare le infrastrutture. Uno dopo l altro cadono i diaframmi in galleria controllo di otto diverse componenti ambientali. Si tratta di uno strumento fondamentale per la tutela dell ambiente che permette di verificare le attività di cantiere e gli eventuali effetti sul territorio, al fine di migliorare le prestazioni ambientali dell opera e realizzare l infrastruttura nel rispetto del contesto di alto valore. I dati raccolti dal piano di monitoraggio sono condivisi telematicamente con le Autorità competenti, consentendo altresì una conoscenza più approfondita del territorio. Entro la fine del 2011 altri cantieri saranno aperti per l adeguamento del tratto Pontecentesimo Foligno della SS 3 Flaminia, intervento che consente il raccordo tra le principali vie di comunicazione umbre. Attualmente gli scavi delle gallerie lungo la SS 77 Foligno Pontelatrave stanno avanzando ovunque e diversi diaframmi sono stati abbattuti. Sono infatti già terminate le gallerie naturali a doppia canna La Franca, La Palude e Belfiore in territorio umbro, mentre per le Marche è conclusa la galleria Serravalle ed aperta al traffico La Maddalena. Nel mese di agosto è stato abbattuto anche l ultimo diaframma nella carreggiata sud della galleria Bavareto, nel Comune di Serravalle di Chienti. Maxilotto 1 Gli interventi del Maxilotto 1 comprendono i seguenti tratti: Appalto Sublotti Interventi 1.1(*) SS77 Collesentino Pontelatrave (2,7 km) 1.2(*) SS77 Foligno Pontelatrave (35,0 km sub lotto ) 1.3 Allaccio SS77 - SS16 Civitanova Marche (1,3 km) 1.4 Allaccio SS 77 - SS3 Foligno (8 km) MAXI LOTTO 1 2.1(*) SS77 Foligno Pontelatrave 2.2 Intervalliva Macerata (3 km) 2.3 Intervalliva Tolentino San Severino (7,2 km) 2.4 SS78 Sforzacosta Sarnano (28 km) 2.5 SS3 Pontecentesimo Foligno (5 km) (*) Componenti Asse principale SS 77 Foligno - Civitanova Marche lunghezza carr. (m) gallerie naturali SS77 nord sud Belfiore Pale Sostino La Franca Cupigliolo La Palude Taverne Varano Serravalle Bavareto Muccia Costafiore Maddalena Rocchetta La Maddalena Totali quarry & construction 57

4 Controllo dei materiali e chip nel calcestruzzo Tracciato Foligno - Pontelatrave, lavori per galleria Belfiore e viadotto presso Colle San Lorenzo, SS 77 Dallo scorso mese di luglio sono telematici i controlli sui materiali di costruzione per i lavori di completamento della SS77 Val di Chienti. è stato siglato infatti tra la Società Quadrilatero Marche Umbria ed il Contraente generale Val di Chienti il contratto relativo all espletamento delle prove che, oltre alle consuete analisi e verifiche tecniche in laboratorio e in situ, prevede l attuazione del sistema telematico di tracciabilità dei prelievi di calcestruzzo. In linea con il Protocollo di Legalità sottoscritto con la Prefettura di Macerata, per la verifica periodica ed il controllo della qualità dei materiali verrà utilizzato un avanzato sistema antifrode PCQ Smart Space, messo a punto dall Università Politecnica delle Marche. Le verifiche, in presenza del Gruppo Interforze, avvengono attraverso la collocazione di sensori (microchips) nei provini e nei getti di calcestruzzo prelevati durante l intero processo, dal confezionamento alla posa in opera ed alla conservazione dei campioni stessi. è previsto un numero massimo di prelievi, equivalenti a sensori, fino al collaudo dell opera. Ciò permette la tracciabilità dei materiali e l acquisizione dei dati sulla qualità che saranno gestiti a livello informatico ed accessibili alla Prefettura di Macerata ed alle Autorità preposte alla prevenzione delle infiltrazioni della criminalità. Si tratta quindi di un efficace azione contro possibili attività illecite. Abbattimento del diaframma galleria Palude, SS77 58 quarry & construction

5 suolo & sottosuolo Maxilotto 2 Gli interventi del Maxilotto 2 comprendono i seguenti tratti: Appalto Sublotti Interventi 1.1(*) SS76 Serra S. Quirico Albacina, Fossato di Vico Cancelli (22,3 km) MAXI LOTTO 2 (*) Componenti Asse Principale SS 318 e SS 76 Perugia-Ancona Attività in cantiere. Prelievi campioni in calcestruzzo La direttrice tra Perugia e Ancona I lavori procedono anche sull asse tra Perugia e Ancona, l intervento principale del maxilotto 2 che include anche la strada Pedemontana delle Marche (vedi tabella). Le opere dell intero lotto sono affidate al Contraente generale DIRPA, società di progetto costituita dall ATI Consorzio stabile Opere Tecnologie e Sistemi Integrati di Costruzione, Toto, Consorzio stabile Ergon Engineering and Contracting. La direttrice Perugia Ancona si compone di diverse tratte stradali a quattro corsie, alcune già realizzate ed altre da completare, ad opera dell Anas e della società controllata Quadrilatero Marche- Umbria. I lavori di competenza della Quadrilatero, per oltre 30 chilometri complessivi e circa 500 milioni di euro di investimento, riguardano il tratto umbro della SS 318 Pianello 1.2(*) SS318 Pianello Valfabbrica (8,1 km) 2.1 Pedemontana Fabriano Matelica (35,5 km sub lotto ) 2.2 Pedemontana Matelica Muccia/Sfercia Valfabbrica e i tratti marchigiani della SS 76 Fossato di Vico Cancelli e Albacina Serra San Quirico. A fine 2010 è stato abbattuto su questa direttrice un diaframma di grande impatto simbolico. Si tratta della galleria Collalto sulla Strada Statale 76 della Val d Esino nel Comune di Fossato di Vico ed è la prima galleria, lunga 234 metri, nel tratto Fossato di Vico Cancelli che, travalicando il confine tra i comuni di Fossato di Vico e Fabriano, rappresenta la via di passaggio tra le regioni Umbria e Marche. Nello scorso mese di luglio sono stati invece abbattuti i diaframmi delle gallerie di Valtreara e Gattuccio, entrambe sulla carreggiata sud della SS 76 nel Comune di Genga. La galleria Valtreara è lunga 846 metri, di cui 458 di galleria naturale e 388 di galleria artificiale, mentre la Gattuccio è lunga 310 metri, di cui 248 di galleria naturale e 62 di galleria artificiale. I lavori di scavo, iniziati rispettivamente nel dicembre 2010 e nell aprile 2011, sono avanzati con la media giornaliera di circa 3 metri. In territorio umbro, i lavori avanzano anche nelle gallerie Della Donna, San Gregorio e Colle Maggio della SS 318, mentre è in fase conclusiva il viadotto per lo svincolo di Valfabbrica. Abbattimento diaframma Galleria Collalto, Fossato di Vico SS76 quarry & construction 59

6 gallerie SS76 1 tratto Fossato di Vico - Cancelli nord lunghezza carr. (m) Collalto - 234,50 Le Silve 1 125,50 171,00 Le Silve 2 652,50 673,50 La Madonnella 455,00 516,50 Valico di Fossato 885,10(*) 2.343,00 Serafico 457,50 Campodiegoli 555,00 Cancelli 369,30(*) 380,30 Totali 3.499, ,80 gallerie SS76 2 tratto Albacina Serra S.Quirico nord lunghezza carr. (m) Albacina 531,23(*) 655,28 Sassi Rossi Sassi Rossi 1-141,32(*) Sassi Rossi 2-572,39(*) Galleria artificiale Mariani 99 - Valtreara 844,16(*) 846 Gattuccio 358(*) 310,5 Camponecchio - 261,34(*) Colle Seluccio - 463(*) sud sud Le gallerie Il tracciato della nuova direttrice Perugia Ancona prevede la realizzazione di 22 gallerie nei tratti del Quadrilatero per un totale di 27,5 chilometri di lunghezza. I lavori riguardano lo scavo di nuove gallerie naturali ed artificiali e l adeguamento di 11 canne già esistenti nell attuale viabilità, che serviranno il traffico delle carreggiate nord o sud della futura sede stradale. Gola della Rossa, grande protagonista La galleria Gola della Rossa è sicuramente la più imponente ed affascinante lungo l intero percorso della direttrice Perugia Ancona. Si tratta di un opera d arte complessa, lunga circa quattro chilome- Galleria Valtreara, SS76, sfondamento diaframma a scavo unidirezionale San Silvestro - 554(*) Gola della Rossa 3766,44 762(*) Cunicolo di servizio Gola della Rossa 3632 Totali , ,83 (*) adeguamento galleria esistente 60 quarry & construction

7 suolo & sottosuolo tri, da realizzare nel difficile contesto orografico della gola omonima che presenta una composizione di durissima e pregiata roccia calcarea. Anche dal punto di vista ambientale e naturalistico, il sito è di particolare pregio: la galleria supera in sotterraneo la stretta gola incassata tra i due versanti contrapposti del fiume Esino, che rappresenta il nucleo centrale del Parco Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, nel comune di Genga. Da un lato l imbocco della galleria interessa un ambito con formazioni miste di conifere e latifoglie, arbusteti a rose, prugnolo e sanguinello della macchia mediterranea e fuoriesce in una zona caratterizzata da incolti e formazioni erbacee presenti intorno alle anse dell Esino. gallerie SS318 lunghezza carr. (m) tratto Pianello - Valfabbrica nord sud San Gregorio SS76, lavori nella galleria Gola della Rossa Galleria artificiale della Donna Colle Maggio Totali Totale SS76 - SS ,36 Poco distante corre la linea ferroviaria Orte-Falconara. Le operazioni di scavo avvengono con impiego di esplosivo utilizzando la tecnica delle volate microritardate che, nella fase iniziale, sono state costantemente monitorate per misurare le vibrazioni indotte sulla vicina galleria ferroviaria. Attualmente lo scavo prosegue con un avanzamento medio giornaliero di circa 6 metri e si è raggiunto il 40% dell intero sviluppo della galleria, entrando circa metri nel cuore della montagna. Per lo scavo del cunicolo di servizio, con un diametro di 4 metri, si è scelto invece l uso della talpa, che permette l avanzamento giornaliero di oltre 20 metri. Operazioni di montaggio Tunnel bore machine cunicolo Galleria Gola della Rossa, SS76 quarry & construction 61

8 La Pedemontana delle Marche Il progetto Quadrilatero va avanti La Pedemontana delle Marche è il collegamento trasversale di oltre 42 chilometri che unirà da Nord a Sud le due dorsali umbro-marchigiane Perugia Ancona e Foligno Civitanova Marche. Sul progetto definitivo si è recentemente conclusa la Conferenza dei Servizi. In quest ambito gli enti locali hanno espresso le proprie richieste per migliorare il tracciato secondo le esigenze del I lavori e le importanti ricadute economiche. Quarry & Construction ne ha parlato con il Presidente della Società Quadrilatero, Gaetano Galia Nel dicembre 2009 è stato aperto al traffico un primo tratto del cosiddetto Quadrilatero Marche Umbria. Oggi come vanno avanti i lavori? Il 3 dicembre 2009, dopo due anni di cantiere, è stato aperto al traffico il tracciato Pontelatrave Collesentino nel Comune di Camerino, primo tratto della nuova SS77 Val di Chienti. L apertura è avvenuta congiuntamente al tratto Anas che arriva allo svincolo di Sfercia, a tutto vantaggio degli utenti che usufruiscono di nuova viabilità. Il completamento dell arteria da Pontelatrave a Foligno è in corso. I lavori su questo tratto, consegnati nel novembre 2009, procedono secondo il crono programma e siamo a circa il 40 per cento di avanzamento. L altro collegamento riguarda i due capoluoghi Perugia Ancona. Come si procede su quest asse? A fine 2010 è stato abbattuto su questa direttrice il diaframma della galleria Collalto a Fossato di Vico lungo la Strada Statale 76. Quest evento ha dato nuovo impulso ai lavori che avevano subito qualche iniziale ritardo ed oggi si prosegue secondo i piani. In particolare sul lato umbro, la SS318 è realizzata per il 30 per cento, mentre per il tracciato marchigiano della SS76 Val d Esino la produzione potrà aumentare una volta completata l istruttoria in corso sulla variante finalizzata a mantenere la percorribilità della statale esistente. 62 quarry & construction

9 suolo & sottosuolo territorio. Entro il 2011 si prevede di ottenere l approvazione del progetto definitivo da parte del Cipe per l intero tratto Fabriano Muccia/Sfercia, ma rimane aperto il nodo del finanziamento. L investimento richiesto pari a 300 milioni di euro infatti è parzialmente coperto da fondi derivanti dall Accordo di Programma Quadro della Regione Marche e pertanto risulta finanziato il solo tratto di Fabriano Matelica, mentre non lo è il restante Matelica Muccia/Sfercia. Il modello di finanziamento del progetto Quadrilatero Il completamento e potenziamento delle arterie stradali è reso possibile grazie all attuazione del modello del Piano di Area Vasta, previsto nel progetto e finalizzato a reperire risorse dal territorio per cofinanziare le opere. Accanto all importante investimento pubblico che copre in misura prevalente il fabbisogno attraverso fondi assegnati dal Cipe, dall Anas e dagli Accordi di Programma Quadro delle due Regioni, è previsto anche l apporto di Comuni, Camere di Commercio e privati. Questo modello riserva quindi al territorio un ruolo preponderante e strategico nella realizzazione delle infrastrutture, partendo dall assunto che le nuove vie di collegamento e comunicazione offrano ulteriori potenzialità di crescita. Tale piano, attraverso l insediamento di nuove aree produttive adiacenti e connesse alle infrastrutture viarie, le cosiddette Aree leader, rappresenta un occasione di sviluppo per il territorio permettendo al tempo stesso di cofinanziare la realizzazione delle strade. In particolare nelle Aree leader, localizzate in condivisione con i Governi locali, sorgeranno poli produttivi, centri logistici, centri commerciali e outlet, centri di servizi alle aziende. Tutto ciò produrrà ricchezza per il tessuto economico locale, parte della quale viene trasferita alla Quadrilatero per il cofinanziamento degli assi viari. Il trasferimento di tali risorse finanziarie si attua sulla base di Accordi di Programma ed avviene mediante il versamento da parte dei Comuni degli oneri di urbanizzazione e costo di costruzione, nonché - per trent anni - del gettito ICI sugli immobili realizzati nelle nuove aree. Unitamente a ciò, è previsto il contributo trentennale delle Camere di Commercio, le quali possono deliberare a tal fine l aumento dei diritti camerali, come previsto dalla legge 580/93. Il ruolo dei privati invece è quello di realizzare e gestire le iniziative imprenditoriali nelle Aree leader, che la Società Quadrilatero affiderà in concessione, tramite gara pubblica. Attraverso questa partnership pubblico-privata si disporrà di ulteriori risorse derivanti dal pagamento del canone di concessione per trenta anni. In questo quadro è importante sottolineare il forte impegno che le Camere di Commercio di Macerata e di Perugia hanno rivolto al progetto. In considerazione degli effetti positivi per il contesto sociale, economico e territoriale derivanti dall intero progetto Quadrilatero, i due enti si sono impegnati con la firma dell Accordo di Programma a corrispondere per 30 anni un finanziamento che incrementi i fondi a disposizione della Quadrilatero Marche Umbria per il completamento delle opere stradali. Il contributo è determinato dall aumento fino al massimo del 20% dei diritti riscossi ogni anno dalle imprese operanti nelle due province. Con questo intervento gli enti camerali mirano a investire le proprie risorse in una politica infrastrutturale lungimirante e responsabile, orientata alla crescita e allo sviluppo economico regionale. Analogo accordo è in corso di valutazione da parte della Camera di Commercio di Ancona; specifiche intese sono state siglate con la Regione e i Comuni di Marche ed Umbria coinvolti nel progetto. Tutti fondamentali tasselli per l attuazione del Piano di Area Vasta. n La realizzazione di un opera infrastrutturale come il Progetto Quadrilatero è destinata a produrre, immediatamente e nel tempo, una serie di effetti positivi sul contesto sociale, economico e territoriale. Qual è stato l impatto finora e quali sono le previsioni? La chiave di volta del progetto Quadrilatero sta nella capacità di coinvolgere i territori. La partecipazione nel Piano di Area Vasta degli enti locali, le due Regioni Umbria e Marche insieme a tutti i Comuni, unitamente alle istituzioni delle Camere di Commercio che svolgono un ruolo di primo piano, ha permesso di concretizzare la realizzazione delle opere, valorizzando i fondi pubblici immessi sul territorio e permettendo l ulteriore spinta verso la crescita economica. L intervento dei privati nel sistema delle aree leader non ha raggiunto ancora risultati misurabili, ma l impegno è continuo per ottimizzare il reperimento delle risorse. I numeri possono invece esser verificati per quanto riguarda le attività in corso sulle infrastrutture: i contraenti generali dei due maxilotti a fine 2010 hanno stipulato contratti per lavori, forniture e servizi con 183 imprese locali di Marche ed Umbria per un importo complessivo di circa 370 milioni di euro. Attualmente i cantieri sui due assi impiegano oltre 1200 persone tra impiegati e maestranze. Sono dati rilevanti e non ancora a pieno regime, ma l impatto sarà anche successivo alla fase di costruzione. Il potenziamento viario consentirà di ridurre il gap infrastrutturale dell area migliorandone l accessibilità, la mobilità ed i servizi logistici, permettendo quindi un incremento dello sviluppo economico e della produttività. Quando si potranno percorrere queste nuove strade? I lavori sugli assi viari principali è previsto si concludano entro il 2014, dopo decenni di attesa. quarry & construction 63

NO ALLA QUADRILATERO PER LE INFRASTRUTTURE STRADALI DELL UMBRIA E DELLE MARCHE UN MODELLO CON CONSEGUENZE DEVASTANTI PER IL TERRITORIO E IL PAESAGGIO

NO ALLA QUADRILATERO PER LE INFRASTRUTTURE STRADALI DELL UMBRIA E DELLE MARCHE UN MODELLO CON CONSEGUENZE DEVASTANTI PER IL TERRITORIO E IL PAESAGGIO NO ALLA QUADRILATERO PER LE INFRASTRUTTURE STRADALI DELL UMBRIA E DELLE MARCHE UN MODELLO CON CONSEGUENZE DEVASTANTI PER IL TERRITORIO E IL PAESAGGIO LEGAMBIENTE: LA PRIORITÀ SONO ALTRE SICUREZZA STRADALE

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63

CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63 CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: F81B03000120001 Rete stradale ANAS

Dettagli

HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144

HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144 HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: C21H04000080005 C91H04000240005 C31H04000120005 Interporti Regione Umbria STATO DI ATTUAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Trento, 15 gennaio 2016 Protocollo d Intesa - Conferenza stampa pag. 1

PROTOCOLLO D INTESA. Trento, 15 gennaio 2016 Protocollo d Intesa - Conferenza stampa pag. 1 PROTOCOLLO D INTESA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Amministrazioni pubbliche territoriali e locali Socie di Autostrada del Brennero S.p.A. Trento, 15 gennaio 2016 Intesa - Conferenza

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità Malpensa Collegamento tra la S.S. n. 11 "Padana Superiore" a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano, con variante di Abbiategrasso e adeguamento in sede del

Dettagli

Piano pluriennale Anas 2015 2019 e Contratto di Programma 2015

Piano pluriennale Anas 2015 2019 e Contratto di Programma 2015 L Italia si fa strada Piano pluriennale Anas 2015 2019 e Contratto di Programma 2015 Intervento del Presidente di Anas S.p.A. Ing. Gianni Vittorio Armani Roma, 25 novembre 2015 Piano pluriennale 2015-2019

Dettagli

HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144

HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144 HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: C21H04000080005 C91H04000240005 C31H04000120005 Interporti Regione Umbria STATO DI ATTUAZIONE

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DEL 30 LUGLIO 2010

CONFERENZA STAMPA DEL 30 LUGLIO 2010 CONFERENZA STAMPA DEL 30 LUGLIO 2010 Le Segreteria provinciali e regionali di Feneal UIL, FILCA CISL e Fillea CGIL hanno indetto una conferenza stampa per il giorno 30 luglio 2010 alle ore 11,00 a Perugia

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA IL SISTEMA PEDEMONTANO

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA IL SISTEMA PEDEMONTANO ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA IL SISTEMA PEDEMONTANO Dicembre 2012 1. INQUADRAMENTO TERITORIALE Il progetto del corridoio viabilistico pedemontano rappresenta un asse trasversale

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture PRIORITÀ INFRASTRUTTURALI NELLE REGIONI REGIONE LIGURIA SISTEMI STRADALI E AUTOSTRADALI Tunnel sottomarino/sotterraneo Genova Nel sistema della grande viabilità urbana di Genova si inserisce il progetto

Dettagli

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO

PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO PRESENTAZIONE ITINERARIO INTERNAZIONALE E78 S.G.C. GROSSETO FANO ADEGUAMENTO A 4 CORSIE NEL TRATTO GROSSETO SIENA (S.S. 223 DI PAGANICO ) DAL KM 30+040 AL KM 41+600 LOTTI 5, 6, 7, 8 IL TRACCIATO DELLA

Dettagli

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo MOBILITY CONFERENCE 2014 Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo Avv. Marzio Agnoloni Amministratore Delegato Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. 11 Febbraio 2014 1 Indice Inquadramento

Dettagli

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari Dario Gentile - aprile 2009 1 LE TAPPE DEL PROGETTO DELLA LINEA DI ALTA CAPACITÀ NAPOLI-BARI Il rilancio della linea Napoli-Bari è stato possibile dopo anni

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti VISTA la legge 21 dicembre 2001, n. 443 recante Delega al Governo in materia di infrastrutture ed insediamenti produttivi strategici ed altri interventi per il rilancio delle attività produttive e s.m.i.;

Dettagli

Informazioni generali. Progetto: GALLERIA DI SICUREZZA DEL FREJUS. Tipologia di opera: Tunnel autostradale. Proponente: SITAF SpA

Informazioni generali. Progetto: GALLERIA DI SICUREZZA DEL FREJUS. Tipologia di opera: Tunnel autostradale. Proponente: SITAF SpA Informazioni generali Progetto: GALLERIA DI SICUREZZA DEL FREJUS Proponente: SITAF SpA Tipologia di opera: Tunnel autostradale Territori interessati Province: Torino (ora Città Metropolitana di Torino)

Dettagli

RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO INTERREGIONALE DEI DIRETTORI ALLA P.C. (12 novembre)

RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO INTERREGIONALE DEI DIRETTORI ALLA P.C. (12 novembre) AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE IL DIRETTORE DEMETRIO EGIDI RIUNIONE DEL TAVOLO TECNICO INTERREGIONALE DEI DIRETTORI ALLA P.C. (12 novembre) Proposte relative ai primi 3 punti all ordine del giorno

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria

SCHEDA TECNICA. Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria SCHEDA TECNICA Autostrada A3 SalernoReggio Calabria Progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di ammodernamento ed adeguamento al tipo1/a delle norme CNR/80Macrolotto 3 Parte 3 dal Km 173+900 al

Dettagli

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Roma, 18 dicembre 2003 Agenda dell'incontro Approvazione del regolamento interno Stato di avanzamento del "Progetto Monitoraggio" Prossimi

Dettagli

CIPE COMITATO INTERMINISTERIALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA ESITI DELLA SEDUTA DEL 27 MARZO 2008

CIPE COMITATO INTERMINISTERIALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA ESITI DELLA SEDUTA DEL 27 MARZO 2008 CIPE COMITATO INTERMINISTERIALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA ESITI DELLA SEDUTA DEL 27 MARZO 2008 Il Comitato ha espresso parere favorevole, con apposita delibera, sul contratto di programma ANAS 2008 che

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI Progetto Territorio Snodo di Jesi Verso una piastra logistica verde per l Italia centrale Daniele Olivi, Assessore Comune di Jesi ANCONA JESI Indice della

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. 94 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B61E04000030001

Dettagli

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST Tavola 8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST - Flussi di traffico sulla rete viaria locale. Fascia oraria 7:30 8:30. Veicoli equivalenti Pagina 135/145 Tavola 8.11: CONFRONTO SCENARIO

Dettagli

SISTEMI URBANI Tangenziale di Napoli collegamento costiero SCHEDA N. 114

SISTEMI URBANI Tangenziale di Napoli collegamento costiero SCHEDA N. 114 SISTEMI URBANI Tangenziale di Napoli collegamento costiero SCHEDA N. 114 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: Rete stradale Presidente della Regione Campania, Commissario Straordinario

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Messa in sicurezza della Scuola europea di Varese SCHEDA N. 187

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Messa in sicurezza della Scuola europea di Varese SCHEDA N. 187 PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Messa in sicurezza della Scuola europea di Varese SCHEDA N. 187 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: Edilizia scolastica

Dettagli

Elenco delle risorse finanziarie pubbliche da reperire e provenienza

Elenco delle risorse finanziarie pubbliche da reperire e provenienza Allegato 12 PRUSST : identificativo dell' intervento Elenco delle risorse finanziarie pubbliche da reperire e provenienza PRUSST AREA URBANA DI ANCONA Titolo dell'intervento Pubblico Tipo Totale Risorse

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture PRIORITÀ INFRASTRUTTURALI NELLE REGIONI REGIONE CALABRIA SISTEMI STRADALI E AUTOSTRADALI A3 Salerno-Reggio Calabria Il progetto di generale ammodernamento dell Autostrada Salerno-Reggio Calabria, da sempre

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità ferroviaria Malpensa Opere connesse all'expo: tratta Rho-Gallarate e Raccordo Y per la connessione diretta tra Rho-Fiera/Expo e Malpensa SCHEDA N. 13 LOCALIZZAZIONE

Dettagli

Termine dei lavori di scavo della galleria di base della variante di valico

Termine dei lavori di scavo della galleria di base della variante di valico Termine dei lavori di scavo della galleria di base della variante di valico 21 dicembre 2010 LA VARIANTE DI VALICO Inaugurata cinquant anni fa, l autostrada A1 Milano-Napoli collegando il Nord al Sud del

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo sito di urbanistica, società e altre cose -1/6 - http://eddyburg.it Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo Siamo ai piedi delle colline brianzole, quasi al confine

Dettagli

Opportunità imprenditoriali nel territorio di Ravenna

Opportunità imprenditoriali nel territorio di Ravenna Opportunità imprenditoriali nel territorio di Ravenna Company profile Dal 1999 S.TE.P.RA. - Sviluppo Territoriale della Provincia di Ravenna - è l agenzia di marketing territoriale della Camera di Commercio

Dettagli

La ferrovia ad alta velocità Brennero - Verona, a Trento. Tracciato e impatti sul territorio

La ferrovia ad alta velocità Brennero - Verona, a Trento. Tracciato e impatti sul territorio La ferrovia ad alta velocità Brennero - Verona, a Trento Tracciato e impatti sul territorio www.notavbrennero.info 3.12.2014 Il quadro progettuale complessivo 2003-2014 Tracciatototale circa 218-219 km

Dettagli

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere 42 Legge Obiettivo Rapporto grandi opere Primo bilancio, a 10 anni dall entrata in vigore delle Legge Obiettivo, sullo stato di attuazione delle opere strategiche in Italia: a cura della Fondazione Fastigi,

Dettagli

NODO METROPOLITANO DI TORINO

NODO METROPOLITANO DI TORINO ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA NODO METROPOLITANO DI TORINO FONTE: http://www.barrieracentro.it/mobilita/pdf/mobilita.pdf Dicembre 2013 1. STATO DI AVANZAMENTO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Linea Treviglio - Brescia

Linea Treviglio - Brescia Forza. Azione. Passione. Linea Treviglio - Brescia Linea AV/AC Holcim (Italia) Il Progetto Il nuovo tratto di linea AV/AC Treviglio Brescia rientra nel grande progetto del cosiddetto Corridoio 5 che, nelle

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA Asse ferroviario Ventimiglia-Genova-Novara-Milano (Sempione) Ventimiglia-Genova Tratta Andora - Finale Ligure SCHEDA N. 38 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA:

Dettagli

Patti Territoriali della Provincia di Torino

Patti Territoriali della Provincia di Torino Patti Territoriali della Provincia di Torino Progetti infrastrutturali Area Attività produttive Progetti infrastrutturali dei Patti della Provincia di Torino I Patti Territoriali possono essere valutati

Dettagli

Giornata Nazionale dell Economia

Giornata Nazionale dell Economia Giornata Nazionale dell Economia Logistica e Infrastrutture al servizio del Territorio 15 Maggio 2008 1 ALCUNE RIFLESSIONI DI CONTESTO IL VALORE AGGIUNTO DELLA LOGISTICA LA PROVINCIA DI LATINA 2 A PROPOSITO

Dettagli

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area programmazione strategica e socio-economica Servizio 2 - Programmazione strategica e comunitaria DOCUP Ob. 2 (2000-2006) Comitato di Sorveglianza del 12-13 dicembre

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

SCHEDA TECNICA PROVINCIA DI GROSSETO E SIENA S.G.C. E 78 TRONCO GROSSETO-SIENA LAVORI DI ADEGUAMENTO A QUATTRO CORSIE

SCHEDA TECNICA PROVINCIA DI GROSSETO E SIENA S.G.C. E 78 TRONCO GROSSETO-SIENA LAVORI DI ADEGUAMENTO A QUATTRO CORSIE Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Sede Compartimentale: V.le dei Mille,36-50131 Firenze - Tel. 055.56401 - Fax. 055.573497

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali

Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Macroambito G Il territorio dei Parchi Nazionali Il macro ambito coincide a Nord, per tutta la sua lunghezza, con l alto corso del Fiume Chienti dalla sorgente fino alla località Caccamo, in Comune di

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS.

CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS. 1 Comune di Tarcento PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE arch. Federico Canciani V A R I A N T E 3 5 (Zone D, I, O e norme di attuazione) CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS.

Dettagli

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo

La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze di soluzioni applicate in Provincia e nel panorama europeo Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Convegno 10.000 ore della nostra vita perse nel traffico : gli Ingegneri avanzano proposte 17 novembre 2008 La manutenzione delle strade: problemi ed esperienze

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

Scheda Tecnica Galleria La Franca (GA403-GN402-GA404)

Scheda Tecnica Galleria La Franca (GA403-GN402-GA404) Scheda Tecnica Galleria La Franca (GA403-GN402-GA404) La galleria La Franca si compone di due canne, una per ciascun senso di marcia, con carreggiata composta da due corsie di 3,75 m con banchina in destra

Dettagli

SCHEDA N. 121 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J11H03000100008. RFI Spa.

SCHEDA N. 121 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J11H03000100008. RFI Spa. SISTEMI URBANI Sistema integrato di trasporto del nodo di Catania Nodo di Catania - Interramento stazione centrale e raddoppio bivio Zurria- Catania Acquicella SCHEDA N. 121 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA

Dettagli

Stato di attuazione dell Asse Viario Marche Umbria Quadrilatero di penetrazione interna

Stato di attuazione dell Asse Viario Marche Umbria Quadrilatero di penetrazione interna Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato * * * * Stato di attuazione dell Asse Viario Marche Umbria Quadrilatero di penetrazione interna Magistrato relatore: Primo

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Complemento del corridoio autostradale 5 e dei Valichi confinari Tangenziale Sud Brescia: Raccordo autostradale casello di Ospitaletto (A4), di Poncarale e l'areoporto di Montichiari

Dettagli

RACCORDO AUTOSTRADALE FERRARA - PORTO GARIBALDI

RACCORDO AUTOSTRADALE FERRARA - PORTO GARIBALDI RACCORDO AUTOSTRADALE FERRARA - PORTO GARIBALDI IL CORRIDOIO CISPADANO: R.A. FERRARA PORTO GARIBALDI OBIETTIVI STRATEGICI COMUNITARI E NAZIONALI collega il corridoio europeo 1 Berlino-Palermo al mare Adriatico

Dettagli

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione ASSE II - Ambiente e prevenzione dei rischi Attività 4 Valorizzazione delle strutture di fruizione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 60/ 25 DEL 5.11.2008 IBERAZIONE N. 60/ 25 5.11.2008 Oggetto: LR3/2008, art. 8, comma 5. Programma di interventi sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali della Sardegna. Euro 4.000.000 (UPB S05.01.013)

Dettagli

Cap. II L attuazione delle politiche di sviluppo in Abruzzo del periodo 2000-2006: inquadramento programmatiche e dati finanziari.

Cap. II L attuazione delle politiche di sviluppo in Abruzzo del periodo 2000-2006: inquadramento programmatiche e dati finanziari. Cap. II L attuazione delle politiche di sviluppo in Abruzzo del periodo 2000-2006: inquadramento programmatiche e dati finanziari. Premessa Per politiche di sviluppo intendiamo sia azioni di promozione

Dettagli

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino - Palermo Rapporto Finale Dicembre 2009 Dicembre 2009 pagina 1 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140 Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 2300 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 0086679040 PIANO DI SVILUPPO DECENNALE 204-2023 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

SCHEDA N. 92 CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE H61B0100018000. Rete stradale

SCHEDA N. 92 CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: LOCALIZZAZIONE H61B0100018000. Rete stradale SISTEMI URBANI Accessibilità stradale Fiera Milano - Raccordo autostradale di collegamento della SP 46 "Rho-Pero" e della SS 33 del Sempione - Realizzazione di un asse principale di collegamento congiuntamente

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

Progetto Pilota START UP House

Progetto Pilota START UP House Azione 1.1 Progetto Pilota START UP House L Azione si propone di riqualificare spazi d immobili pubblici mediante il co-finanziamento di lavori di adeguamento per realizzare strutture attrezzate ad accogliere

Dettagli

Progetto Pilota START UP House

Progetto Pilota START UP House Azione 1.1 Progetto Pilota START UP House L Azione si propone di riqualificare spazi d immobili pubblici mediante il co-finanziamento di lavori di adeguamento per realizzare strutture attrezzate ad accogliere

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

in Toscana Infrastrutture e Territorio

in Toscana Infrastrutture e Territorio Infrastrutture e Territorio in Toscana Arch. Riccardo Baracco Ing.Enrico Becattini Area Coordinamento Pianificazione Territoriale e Politiche Abitative D.G. Politiche Territoriali e Ambientali Regione

Dettagli

Idrico. Le molte opere sbloccate dalla Legge Obiettivo

Idrico. Le molte opere sbloccate dalla Legge Obiettivo Idrico Le molte opere sbloccate dalla Legge Obiettivo La Basilicata è il principale serbatoio d acqua del sud, ma soprattutto è la grande protagonista del rilancio delle infrastrutture idriche che sta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DECENTRATA COFINANZIAMENTO DI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI -ANNO 2009-

PROGRAMMAZIONE DECENTRATA COFINANZIAMENTO DI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI -ANNO 2009- PROGRAMMAZIONE DECENTRATA COFINANZIAMENTO DI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI -ANNO 2009- Direzione Programmazione Regione Veneto DGR 1598 DEL 26 MAGGIO 2009 Al fine di rispondere alle esigenze di intervento

Dettagli

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Corridoio Esino Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Sistema Prima riunione del Tavolo tecnico, Jesi 14 dicembre 2005 Che cosa è il Progetto

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 4. Valtrompia SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 4. Valtrompia Lodrino Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune Lodrino Viabilità Il comune si trova in una vallata a est di Via Martiri dell Indipendenza;

Dettagli

ATTON.444. dei Consiglieri BRACCO, VINTI, GIROLAMINI, CARPINELLI E MASCI

ATTON.444. dei Consiglieri BRACCO, VINTI, GIROLAMINI, CARPINELLI E MASCI DlvllJIQ [I~I:IJ Regione Umbria Gltl0!G [,I;I;I~ Consiglio Regionale Cf.,f,f.] Piazza Italia, 2-06121 PERUGIA Tel. 075.576.3379/3380. Fax 075.576.3283 e-mai!: atli@crumbria.it ATTON.444 PROPOSTA DI RISOLUZIONE

Dettagli

INTERVISTA A LELIO RUSSO

INTERVISTA A LELIO RUSSO INTERVISTA A LELIO RUSSO Capo Compartimento Anas Emilia Romagna LA VIABILITA NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CURRICULUM L ing. Lelio Russo e nato a Catania il 4 marzo 1961. Diploma di maturità classica

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli

Collocazione istituzionale e operatività dei Nuclei di Valutazione delle AA.CC. Roma 29 ottobre 2013. Gemma Gigli Sostegno metodologico alle valutazioni di convenienza economico-finanziaria della spesa infrastrutturale delle Amministrazioni Centrali: avvio dell iniziativa Roma 29 ottobre 2013 Collocazione istituzionale

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

S.S. N 67 Tosco Romagnola

S.S. N 67 Tosco Romagnola Servizi Tecnici: S.S. N 67 Tosco Romagnola AMMODERNAMENTO DELL ITINERARIO Situazione dei Progetti RELAZIONE GENERALE SOMMARIO A PARTE GENERALE B AMMODERNAMENTO VERSANTE TOSCANO C AMMODERNAMENTO VERSANTE

Dettagli

ALLEGATO Deliverable action 2b. Progetto Impianto fotovoltaico Università degli studi della Tuscia

ALLEGATO Deliverable action 2b. Progetto Impianto fotovoltaico Università degli studi della Tuscia Progetto Impianto fotovoltaico Università degli studi della Tuscia In merito alle azioni da svolgere, nell ambito del progetto, dall Università della Tuscia, si fa riferimento alla realizzazione dell impianto

Dettagli

11. Implicazioni economiche del Masterplan

11. Implicazioni economiche del Masterplan 11. Implicazioni economiche del Masterplan Il presente capitolo, a conclusione di quanto fin qui esposto si propone di esporre quali sono le implicazioni economiche che il Masterplan, con le indicazioni

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ PER LE CITTÀ L utilizzo di scale mobili e ascensori per facilitare la mobilità delle persone nelle città d arte o in luoghi difficilmente accessibili vede oggi una significativa accelerazione, e dopo il

Dettagli

PRUSST Area urbana di Ancona Pagina 1 CRONOPROGRAMMA allegato all'accordo Quadro

PRUSST Area urbana di Ancona Pagina 1 CRONOPROGRAMMA allegato all'accordo Quadro 1 8.1 Sistemazione Fiume Esino e Fosso Acquaticcio 2 8.1 sub1 Sistemazione Fiume Esino 3 Progettazione definitiva 4 Progettazione esecutiva 5 Esecuzione lavori 6 8.1 sub2 Sistemazione Fosso Acquaticcio

Dettagli

SCHEDA N. 103 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE F51B01000060001. Regione Lazio.

SCHEDA N. 103 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE F51B01000060001. Regione Lazio. SISTEMI URBANI Viabilità accessoria dell'autostrada Roma Aeroporto di Fiumicino Allaccio alla autostrada A12 Roma-Civitavecchia della viabilita' ordinaria del comune di Fiumicino a supporto dell'interporto

Dettagli

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale DOCUMENTO DI SINTESI Sommario: 1.Campo d intervento... 2.Obiettivi...

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE FINANZIAMENTI N.06/2008 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA Bando a sostegno

Dettagli

Allegato B- Piano di gestione Relazione economico-finanziaria ai sensi dell'art. 55 Regolamento CE 1083/2006

Allegato B- Piano di gestione Relazione economico-finanziaria ai sensi dell'art. 55 Regolamento CE 1083/2006 Provincia di Bari PO FESR Puglia 2007-2013 Asse VI- Linea di intervento 6.2 Azione 6.2.1 Iniziative per le infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi Bando Regione Puglia BURP n. 117 del

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

INVESTIRE A L AQUILA Territorio, Economia, Opportunità di Investimento

INVESTIRE A L AQUILA Territorio, Economia, Opportunità di Investimento INVESTIRE A L AQUILA Territorio, Economia, Opportunità di Investimento L Aquila (71.000 abitanti) è ubicata al centro dell Italia, a ridosso di grandi poli urbani: Roma e Pescara - raggiungibili in poco

Dettagli