CONTRIBUTI DEL MERCATO DEL LAVORO? 1. Lo scenario organizzativo odierno. di MICHELE DAMICIS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRIBUTI DEL MERCATO DEL LAVORO? 1. Lo scenario organizzativo odierno. di MICHELE DAMICIS"

Transcript

1 CONTRIBUTI LA CONSULENZA AL RUOLO: UNA NUOVA DOMANDA DEL MERCATO DEL LAVORO? di MICHELE DAMICIS 1. Lo scenario organizzativo odierno L esperienza organizzativa contemporanea, in sintonia con le perturbazioni del nostro tempo si confronta con il contesto di incertezza socio-economica che caratterizza l epoca attuale. Individui e organizzazioni devono convivere e confrontarsi con una scarsa prevedibilità del futuro, con la fatica di orientarsi tra più opportunità e scelte, con l incertezza, ma anche con gradi di libertà maggiori, con situazioni fluide e ricche di possibilità, difficilmente piegabili a routine pianificatorie. Gli individui sperimentano sempre più condizioni instabili relative alle modifiche dei confini (in seguito a fusioni, acquisizioni, incorporazioni, decentramenti, ecc.) e dell assetto interno dell organizzazione (a causa di ristrutturazioni, ridisegno dei processi, semplificazioni, accorpamenti, ecc.). Nelle organizzazioni le situazioni si presentano come instabili, scarsamente definite e poco comprensibili per i suoi stessi membri, perché continuamente sottoposte a cambiamenti e di conseguenza esse appaiono diverse, nuove rispetto alla precedente esperienza. In tali situazioni sembra essere faticoso per le persone implicate costruire azioni, progetti e soprattutto il senso di ciò che è richiesto: si possono dilatare i livelli di contraddizione e d ambivalenza organizzativa connessi ad un aumento d ansia e di stress dell individuo. 7

2 Le informazioni facilmente reperibili dai mass-media, la mia esperienza di studente universitario, gli studi accademici, sono state preziosi fonti di riflessione sul nuovo rapporto tra individuo e mercato del lavoro: un rapporto dai contorni incerti e labili, fonte di crescente insicurezza e demotivazione che ostacola il percorso del soggetto verso la realizzazione del proprio progetto professionale. Lo scenario organizzativo e sociale accennato costringe a riflettere sulle possibilità di elaborare strategie di intervento che sostengano gli individui in quanto attori all interno dell odierno mercato del lavoro. Ho deciso di approfondire questo particolare aspetto scegliendo il punto di vista della psicologia applicata che muove in un ottica di analisi-intervento su problemi che emergono dal contesto sociale e organizzativo: presenterò un tipo di approccio al counselling psicologico che privilegia la responsabilizzazione della persona nei confronti della sua esperienza lavorativa e fissa la sua attenzione alla relazione persona-ruolo: si tratta della Consulenza al ruolo. A mio parere, la rilevanza di questo argomento si manifesta su tre livelli: quello accademico, quello aziendale e quello dei professionisti. A livello accademico la rilevanza è data dal fatto che solo recentemente gli studiosi italiani hanno approfondito le ricerche su questa tipologia di counselling. A livello aziendale, l analisi di questa tematica è utile per comprendere i motivi che possono spingere un individuo a richiedere questo genere di consulenza e quindi per avere maggiori informazioni in merito sia ai bisogni che sottostanno alla richiesta, sia alle caratteristiche metodologiche che contraddistinguono la consulenza al ruolo. A livello dei professionisti, la rilevanza si traduce nella possibilità di aumentare le conoscenze teoriche e applicative sul counselling in azienda per agevolare i processi di decisione che portano a richiedere o a rifiutare questo servizio. Il counselling, a mio avviso, rappresenta un vantaggioso ancoraggio per l individuo inserito nel mondo lavorativo poiché si interpone tra la sfera individuale, che circoscrive i bisogni, i disagi, i desideri, la motivazione del singolo, e la sfera organizzativa, che racchiude le esigenze del sistema produttivo, i ruoli e le funzioni associate. 8

3 2. Primi albori della consulenza al ruolo L origine della consulenza al ruolo, come è stato recentemente accertato (Pasinetti, 2005), va individuata nella ricerca compiuta da Luigi Pagliarani, fin dagli anni Settanta, nel territorio che comprende e connette psicoanalisi e psicoterapia da un lato, (psico)socioanalisi e sviluppo organizzativo dall altro. Egli ha a lungo teorizzato e praticato sulle modalità di intervento clinico di aiuto ad individui e gruppi alle prese con i problemi relativi all agire nei contesti lavorativi. L approccio alla consulenza al ruolo si è originariamente sviluppato come momento di indagine che coinvolge le parti più profonde dell individuo che, nell esperienza del lavoro, si misura con la realtà ma anche con gli strati profondi della propria personalità. In quest ottica la consulenza al ruolo si avvale di una solida base psicosocioanalitica che complessifica la relazione del singolo con il mondo del lavoro interessando processi psicodinamici già descritti da altri autori come Fornari (1976) e Jaques (1966). Pagliarani mette a fuoco la consulenza al ruolo definendola come una relazione «in grado di portare in evidenza parti profonde dell individuo che, nell esperienza del lavoro, si misura con la realtà ma anche con gli strati profondi della personalità». La consulenza al ruolo potrebbe essere delineata, in prima battuta, come «un intervento di supporto, strutturato, assicurato da un professionista a un individuo inserito in un organizzazione o in procinto di inserirsi, per aiutarlo a pensare o ripensare il proprio agire all interno di essa, orientandolo verso soluzioni più efficaci e/o in grado di superare eventuali forme di disagio» (G. Forti, D. Patruno, 2007). Biggio (2007) nel suo recente lavoro sottolinea come le capacità richieste e gli ambienti lavorativi mutino rapidamente e divenga sempre più rilevante il bisogno di un supporto a lungo termine che aiuti le persone a riprogettare il proprio percorso professionale nell intero arco di vita. Il counsellor, afferma Biggio, è stimolato ad entrare in un area di intervento al confine tra psicologia dello sviluppo, l orientamento alla carriera, il supporto all identità, la cultura organizzativa, in una prospettiva di intervento costruttivista-interazionista. 9

4 Se Pagliarani si muoveva in una prospettiva psicosocioanalitica che contempla il riferimento sia al mondo interno sia al mondo esterno del cliente e che lavora anche su un problema che emerge dall analisi dei contenuti psichici latenti, Biggio, invece, adotta un ottica di intervento che si basa sulla comprensione della struttura e della dinamica del sistema di significati che il cliente costruisce nelle sue interazioni quotidiane. Da una parte l accento è posto sulle dinamiche e sulle strutture psichiche interne che influenzano la relazione individuo contesto socio lavorativo, dall altra è il contesto a fornire i quadri di riferimento simbolici che consentono al counsellor di avviare il processo consulenziale. 3. Ruolo vs personalizzazione privatistica Ora si intende approfondire il rapporto tra l individuo e il proprio ruolo attraverso i contributi di diversi autori, compresi quelli di formazione psicoanalitica. Il ruolo all interno di una organizzazione comprende componenti prescrittive e discrezionali. Entrambe aprono la strada all insorgere di possibili ansie: persecutoria e depressiva. Tali studi sono stati affrontati già in passato da esponenti della psicosociologia di matrice francese, come lo stesso Jaques (1966). Egli affermava come i sistemi sociali fungono anche da difesa contro le angosce persecutorie e depressive dei suoi membri, quindi accanto ad un contenuto manifesto dell organizzazione, con i suoi scopi dichiarati, con le dinamiche che avvengono all insegna della razionalità, troviamo anche un aspetto latente che influenza le azioni dei singoli all interno dei contesti organizzativi. Il ruolo organizzativo è un contenitore di capacità necessarie a soddisfare una serie di richieste formulate dall organizzazione in funzione del raggiungimento di obiettivi; ma è la persona con la sua identità personale e professionale che dà vita all insieme delle capacità per farlo divenire azione organizzativa. Stare all interno del proprio ruolo significa avere uno spazio di attività definito da un obiettivo fondamentale affidato in quanto si occupa una determinata posizione all interno del sistema organizzativo. Il problema si pone quando fra ruolo atteso (dall organizzazione) e ruolo 10

5 praticato (interpretato) non vi è concordanza e nascono le inevitabili criticità. In poche parole l assunzione del ruolo rappresenta il punto di congiunzione tra individuo ed organizzazione, tra identità individuale e identità organizzativa, il processo relazionale della formazione di una propria identità professionale, l ambito privilegiato di intervento della consulenza al ruolo. Nelle realtà lavorative si registra spesso la tendenza alla rinuncia al proprio ruolo organizzativo, l individuo esce dai confini che delimitano lo spazio della sua attività riconosciuto dagli altri attori organizzativi e dal sistema organizzativo in generale. La conseguenza di questo trend fa capo al fenomeno definito dagli studiosi: personalizzazione privatistica dei rapporti. La connessione tra i due fenomeni può essere compresa a partire dalla teoria della simbolizzazione affettiva elaborata da Fornari nel La teoria psicoanalitica della simbolizzazione affettiva individua alcuni contenuti affettivi delle interazioni interpersonali come effetto di un transfert semiotico dei ruoli affettivi familiari di base (padre, madre, figlio, maschio, femmina e fratelli): l individuo adotta un registro familistico. La simbolizzazione affettiva consiste nell attribuzione di significati emozionali agli elementi del contesto ai fini di un miglior adattamento del singolo alla realtà sociale: le relazioni sociali sono fonte di angoscia e l individuo per sopperire ad essa tenta di ristabilire pattern relazionali che in passato si sono dimostrati funzionali ed efficaci. L individuo all interno di un contesto organizzativo non riconoscendo l altro nel proprio ruolo adotta un registro familistico: l organizzazione è simboleggiata alla stregua di una grande famiglia, si elidono le differenze dettate dai ruoli e dalle funzioni ad essi connessi; così facendo l individuo depersonalizza gli individui che sono all interno della propria rete relazionale secondo i propri sistemi affettivi avviando processi disfunzionali sotto l aspetto professionale operativo. Uscendo dal proprio ruolo si passa dalla dimensione produttiva o dello scambio, che contraddistingue la vita all interno delle organizzazioni, ad una dimensione del controllo che consente di far fronte all ansia connessa a situazioni di incertezza riedificando modelli affettivi relazionali che consentono di padroneggiare la situazione in maniera adattiva. Biggio (2007) afferma che nella consulenza in ambito organizzativo è particolarmente frequente la domanda di acquisire nuovi schemi 11

6 comportamentali che risultino più efficaci all interno del gruppo sociale e professionale di riferimento. Infatti, nelle organizzazioni crescono le sollecitazioni a modifiche e frequenti aggiornamenti delle mappe mentali (Spencer, Spencer, 1993), a queste pressioni l individuo può rispondere in diversi modi, adattivi o disfunzionali. Certo, bisogna chiedersi se vivere in un azienda che richiede continui cambiamenti possa essere un opportunità reale di espressione, invece che promuovere la creazione di una maschera in risposta alla pressanti domande provenienti dal sistema produttivo. 4. Collegare pensiero ed azione Ho specificato che accanto alla dimensione prescrittiva del ruolo, dove vi sono formalizzate (rese esplicite) le metodologie, le procedure, le attività e i comportamenti che l organizzazione richiede al ruolo, c è una dimensione di discrezionalità. Discrezionalità significa affidare a chi ricopre un ruolo la responsabilità di interpretare la realtà, e quindi di operare le scelte di comportamento che ne conseguono, fermo restando l obiettivo del ruolo stesso: da una parte troviamo la libertà offerta dal sistema di scegliere quale comportamento si ritiene più opportuno usare in una determinata occasione, d altra parte l obiettivo, precedentemente fissato, costituisce il metro immediato per designare l efficacia dell azione. Se i ruoli formali e prescritti rappresentano l organizzazione formale, quella disegnata sulla carta, i modi con cui le persone interpretano questi copioni (ruoli) costituiscono l organizzazione reale, fatta dai comportamenti agiti nella pratica quotidiana. Vi è una differenza tra pensare al ruolo e agire il proprio ruolo. Le problematiche connesse all assunzione del ruolo possono essere comprese se si tiene in considerazione la sfera della fantasia, dove entrano in gioco paure, desideri, angosce che ostacolano un percorso di riflessione sulla propria posizione all interno dell organizzazione. Accade che gli individui agiscano i propri impulsi (preoccupazioni, urgenze, timori che riguardano la dimensione professionale ed extraprofessionale) entro il contesto lavorativo, persistendo in una condizione di 12

7 disagio e di adattamento disfunzionale che compromette la sua salute e il suo benessere. La consulenza al ruolo spiana la strada ad un percorso mentale ed affettivo che consente di ricreare spazi di pensiero per riflettere sul sé, sull ambiente sociale all interno dell organizzazione e sulla personale situazione lavorativa. Il consulente affianca il cliente nella costruzione di nuovi contesti cognitivi in grado di favorire il confronto con nuove emergenze e la possibilità di attivare nuove visioni che riconfigurino la lettura della realtà. In questi casi, la consulenza al ruolo viene orientata nel costituire un setting nel quale facilitare la riflessione partendo dallo sviluppo di proposte creative, dalle quali fare poi emergere nuovi percorsi e quindi nuove azioni. In ogni relazione di consulenza si possono manifestare transfert e controtransfert. Il cliente può trasferire inconsciamente immagini e sentimenti o rapportarsi al consulente come se fosse una persona significativa del proprio passato (transfert). Il consulente, a sua volta, può prendere coscienza delle proprie emozioni e risposte transferali nei confronti del cliente (controtransfert). L obiettivo di questa tecnica, utilizzata anche nella consulenza al ruolo, è facilitare il collegamento tra pensiero ed azione, tra impulso e azione attraverso la preservazione di spazi di riflessione sui propri vissuti emotivi. Lo scopo del consulente è favorire la scelta attraverso il pensiero e lavorare sugli automatismi che agiscono e bloccano ogni processo di cambiamento. 5. Potere connesso al ruolo Le relazioni all interno dei contesti organizzativi non si configurano mai come semplici relazioni tra singoli, ma soprattutto come relazioni tra diversi ruoli. Nel ruolo organizzativo è presente la dimensione relazionale e quindi sussiste un continuo confronto dell individuo con il tema delle aspettative e delle responsabilità cui è chiamato a rispondere in quanto appartenente ad un sistema produttivo. L eterogeneità delle funzioni e delle mansioni, previste dal sistema organizzativo, rimanda alla differente distribuzione del potere tra gli attori organizzativi, inteso come la capacità di un soggetto di esercitare un in- 13

8 fluenza su di un altro. Esso non rappresenta una proprietà stabile di un individuo o di un gruppo, ma dipende dalle relazioni e dal contesto entro cui si esplica. Il ruolo espone l individuo al tema del proprio valore e alle angosce che derivano dall intensità dell esposizione all autovalutazione e alla valutazione espressa dagli altri individui: il tema della valutazione riconsegna all individuo esperienze primarie e lo nutre incessantemente di ansie profonde (Forti, Varchetta 2001). La polarizzazione onnipotenza impotenza evidenzia la compresenza di due fantasmi che rendono intrattabile il tema del potere da parte degli individui: come conseguenza delle profonde angosce e della difficoltà a mentalizzare e a riflettere sulla propria condizione professionale ed organizzativa, si riscontra la tendenza a rinunciare o a fuggire al proprio ruolo. L individuo fugge dal ruolo per timore che altri attori non riconoscano il potere connesso alla posizione organizzativa che ricopre e adotta un registro familistico che consente di tenere a bada l angoscia e a ristabilire nuovi e più definiti pattern relazionali. Secondo me, la consulenza al ruolo risulta determinante nel favorire la presa in carico delle ansie connesse all assunzione del ruolo e consente di far leva sulle potenzialità inespresse che garantiscono una ri definizione del proprio valore. Penso che l intervento sull immagine di sé e la stimolazione ad un continuo automonitoraggio si pongono come utili strumenti in grado di restituire nuove ed inedite informazioni su di sé per organizzare personali mappe mentali che orientino le relazioni con gli altri attori organizzativi. 6. Nuove prospettive Lo scenario del mercato del lavoro italiano muta rapidamente, cambiano gli aspetti funzionali e strutturali dei rapporti tra datore di lavoro e aspirante lavoratore, l individuo deve fare sempre più leva sulle proprie risorse personali per restare all interno del mercato. Non esistono stime che riguardano la richiesta di consulenza al ruolo da parte di professionisti che operano all interno di organizzazioni, poi- 14

9 ché gli studi che ho potuto visionare si riferiscono a specifici casi utilizzati come esempi di analisi della domanda e intervento organizzativo. Recentemente gli studi sulla consulenza allo sviluppo professionale (Biggio, 2007) si sono orientati sul tema della costruzione dell identità individuale all interno di differenti contesti e ambienti di lavoro che l individuo attraversa lungo l intero arco della propria carriera professionale. Mi soffermerò sul concetto di carriera, poiché rappresenta la via di accesso privilegiato per lo studio dei rapporti tra individuo e contesto lavorativo. Biggio (2007) afferma che la carriera viene sempre più pensata come un cammino di sviluppo che impegna tutto l arco di vita, non è più lo sviluppo del proprio lavoro ma il lavoro della propria vita. Tuttavia, sempre più spesso si sente parlare di boundaryless career, ossia carriera senza confini (Hall, 1996). Da una parte il pensiero di Biggio rimanda ad una cambiamento della percezione del lavoro nella vita delle persone: assume un ruolo rilevante che condiziona le scelte significative e diventa un aspetto fondamentale dell identità individuale; Hall ci dice che il vecchio concetto di carriera, «la sistemazione lavorativa raggiunta attraverso la coordinazione verticale, soprattutto in grosse e stabili imprese» (Arthur e Rousseau, 1996), è ormai morto e lascia il posto alla moltitudine delle esperienze lavorative di un individuo, difficili da organizzare all interno di una struttura dotata di senso. Secondo Collin e Watts (1996), la carriera viene sempre più vista come un passaggio senza confini tra diverse organizzazioni flessibili: questo assetto ha un impatto significativo sulla costruzione dell identità individuale. Secondo Mirvis e Hall (1994) le nuove alternative di lavoro presentano confini aperti, di conseguenza, aumenta la possibilità che le persone, in un prossimo futuro, avranno bisogno di maggiore flessibilità per integrare stimoli ed esperienze provenienti dal proprio lavoro. A questo punto mi chiedo: qual è la strada che la consulenza al ruolo può intraprendere alla luce di queste considerazioni? La critica alla visione tradizionale di carriera ha generato nuovi orizzonti di sviluppo nel counselling. Penso che Biggio (2007) abbia espresso pareri interessanti sui nuovi orizzonti della consulenza al ruolo. Secondo lo studioso il nuovo corso di questo approccio al counseling si focalizzerà maggiormente sul concetto di identità individuale e l intervento riguarderà soprattutto l immagine di 15

10 sé e l autopercezione della propria identità. In questo senso gli obiettivi della consulenza di accompagnamento alla riflessione e al cambiamento, in un ottica di sviluppo della carriera, assumono un significato più soggettivo e personalizzato. La nuova sfida della consulenza al ruolo tiene conto della labilità e della precarietà dei confini che riguardano sia le carriere professionali e, di conseguenza, anche l identità dell individuo, sempre più esposta alla necessità di mantenere un dialogo costante con l esterno mutevole e contraddittorio. La mia formazione universitaria ha evidenziato la recente affermazione in campo epistemologico di paradigmi operativi caratterizzati dalla contestualizzazione e dal costruttivismo: assumono rilevanza le concezioni narrative ed ermeneutiche presenti nella consulenza professionale a partire dalla fine degli anni Ottanta. La capacità dell individuo di avviare in maniera riflessiva un progetto professionale costituisce un punto di partenza per avviare nuovi metodi di counselling, poiché sono in gioco l identità professionale del cliente e il cambiamento dello scenario lavorativo. Il tema del rapporto tra identità e cambiamento del mondo lavorativo contemporaneo deve riferirsi a ricerche e riflessioni maturate nella pratica del counselling che aiutino a definire un corpus teorico-applicativo valido ed efficace. Ad oggi la strada percorsa è breve, ma il dinamico mercato del lavoro accoglierà in futuro un maggior numero di proposte d orientamento da parte della psicologia applicata, che, tra i servizi alle organizzazioni, offre anche la consulenza al ruolo; il counsellor dovrà confrontarsi a livello sia teorico che applicativo con i temi che riguardano l identità dell individuo e allo stesso tempo deve, usando le parole di Biggio (2007), «anticipare l elaborazione delle criticità e delle incertezze che il cliente esperisce nel sentimento del proprio futuro». 16

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Come avviare una consulenza al ruolo?

Come avviare una consulenza al ruolo? Come avviare una consulenza al ruolo? Alcune riflessioni a cura di Daniela Patruno 1. La settimana scorsa ho visto un film appena uscito: Le coach, del regista di O. Doran, con Richard Berry nel ruolo

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SIMONE DA CORBETTA PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 1 Introduzione Il progetto accoglienza nasce dalla convinzione che i primi mesi di lavoro

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

IL COLLOQUIO DI COUNSELING

IL COLLOQUIO DI COUNSELING IL COLLOQUIO DI COUNSELING Università LUMSA di Roma Anno accademico 2014/2015 Dott. P. Cruciani Dott.ssa P. Szczepanczyk Testo di riferimento: Il colloquio di counseling di Vincenzo Calvo Cos è il Counseling

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema integrato scuola-territorio

Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema integrato scuola-territorio Strada Vallazza 6-43100 parma coinetica@libero.it www.coinetica.it associazione culturale ISTIUTO DI PSICOTERAPIA SISTEMICA INTEGRATA Premesse Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

SNADIR. Corso di formazione Psicologia umanistica

SNADIR. Corso di formazione Psicologia umanistica SNADIR Corso di formazione Psicologia umanistica PSICOLOGIA UMANISTICA by Donatello Barone Piergiorgio Barone Il termine "psicologia umanistica" fu adottato nel 1962 da un gruppo di psicologi riunitisi

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza Provincia di Piacenza Settore Sistema Scolastico e servizi alla persona e alla comunità RIFLESSIONI SUL LAVORO DEL COORDINATORE CHE OPERA PER FACILITARE, SUPPORTARE, SVILUPPARE LA CRESCITA PROFESSIONALE

Dettagli

L uso e il significato delle regole (gruppo A)

L uso e il significato delle regole (gruppo A) L uso e il significato delle regole (gruppo A) Regole organizzative: devono essere rispettare per far sì che la struttura possa funzionare e che si possa vivere in un contesto di rispetto reciproco; Regole

Dettagli

Zancan Formazione Srl PROPOSTE FORMATIVE 2012

Zancan Formazione Srl PROPOSTE FORMATIVE 2012 Zancan Formazione Srl PROPOSTE FORMATIVE 2012 La Zancan Formazione Srl si propone di promuovere e diffondere una cultura sociale ispirata ai valori della solidarietà, del rispetto della dignità dei soggetti

Dettagli

Interventi nelle istituzioni

Interventi nelle istituzioni Interventi nelle istituzioni Il Minotauro Il Minotauro è formato da psicologi e psicoterapeuti che da oltre trent anni collaborano nell area della prevenzione e del trattamento del disagio psicologico,

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

anta Amaranta Amaranta, associazione di promozione sociale Indice

anta Amaranta Amaranta, associazione di promozione sociale Indice Amaranta Associazione di promozione sociale PERCORSI FORMATIVI PER INSEGNANTI 2007-2008 Amaranta, associazione di promozione sociale Tel. 320-4456915 Sede amm. via Oss Mazzurana 54 38100 Trento C.F. 96073950220

Dettagli

IL COUNSELING NEL MONDO DEL LAVORO

IL COUNSELING NEL MONDO DEL LAVORO dottorato in PSICOLOGIA SOCIALE TESI di Lauro Venturi IL COUNSELING NEL MONDO DEL LAVORO Come migliorare le relazioni tra le persone ed aumentare la competitività RELATORE: prof. Fabrizio Cortigiani Anno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

gli eventi della Scuola di Counselling Drammaturgico CONVEGNO, 13 GIUGNO 2015 LE TECNICHE PER IL COUNSELLING

gli eventi della Scuola di Counselling Drammaturgico CONVEGNO, 13 GIUGNO 2015 LE TECNICHE PER IL COUNSELLING gli eventi della Scuola di Counselling Drammaturgico CONVEGNO, 13 GIUGNO 2015 LE TECNICHE PER IL COUNSELLING Relatore: Cristina Bronzini Titolo dell intervento: L utilizzo del metodo drammaturgico nell

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

consolare, confortare, venire in aiuto,

consolare, confortare, venire in aiuto, COUNSELING in SANITA In una Prospettiva Multimodalale ----------- Counseling come servizio di orientamento e come strumento di supporto nei servizi socio-psico-pedagogici Counseling Aziendale tra empowerment

Dettagli

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi L Associazione Veronese di Psicoterapia Psicoloanalitica è un associazione senza fini di lucro, che

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

L'esperienza scolastica è fondamentale per la crescita di ogni bambino.

L'esperienza scolastica è fondamentale per la crescita di ogni bambino. L'esperienza scolastica è fondamentale per la crescita di ogni bambino. La scuola rappresenta un luogo ricco di potenzialità (nuove esperienze, competenze, autonomia, relazioni ecc.). Per i bambini adottati

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

LA RELAZIONE l area della relazionalità

LA RELAZIONE l area della relazionalità PROGETTO MENTOR LA RELAZIONE Una serie di funzioni e di figure professionali occupano l area della relazionalità tra persone diretta a diversi scopi: facilitativi, orientativi, formativi, di soluzione

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

La ricerca empirica in educazione

La ricerca empirica in educazione La ricerca empirica in educazione Alberto Fornasari Docente di Pedagogia Sperimentale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Il ricercatore ha il compito di trovare relazioni

Dettagli

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1.

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. INTRODUZIONE Nel seguente meta-codice il termine cliente si riferisce

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA rivolto a persone con disabilità IL CORPO RACCONTA Associazione La Comune Milano Premessa Che cosa è il teatro? Eugenio Barba, uno dei più importanti registi-pedagoghi

Dettagli

ORIENTARE = EDUCARE ALLE SCELTE

ORIENTARE = EDUCARE ALLE SCELTE ORIENTARE = EDUCARE ALLE SCELTE Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé, di progredire per l adeguamento dei suoi studi e della sua professione rispetto alle mutevoli esigenze della vita

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola Prof. ssa Maria Vittoria Isidori Titolare dell insegnamento di didattica generale e pedagogia

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Da dove siamo partiti La Diocesi e la Caritas hanno cercato sempre più di configurarsi come

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE

PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE Motivare / Coinvolgere / Recuperare/ Valorizzare/ Giovane e Studente oggi Cambiamenti profondi a livello di: Strutture familiari Sistema formativo

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo Casale 1 Anna D Alençon Scuola Secondaria di 1 grado Andrea Trevigi Anno Scolastico 2014 / 2015 FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO FINALITA Nel corso degli ultimi anni il tema

Dettagli

CATALOGO OFFERTA FORMATIVA OMNIAMENTIS Centro Studi e Formazione di Promozione Sociale. Anno Formativo 2012/2013. Workshop esperienziali

CATALOGO OFFERTA FORMATIVA OMNIAMENTIS Centro Studi e Formazione di Promozione Sociale. Anno Formativo 2012/2013. Workshop esperienziali CATALOGO OFFERTA FORMATIVA OMNIAMENTIS Centro Studi e Formazione di Promozione Sociale Anno Formativo 2012/2013 Workshop esperienziali Venerdì 14, Sabato 15 e Domenica 16 Dicembre 2012 IL COUNSELOR DALLA

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Sviluppo di comunità

Sviluppo di comunità Sviluppo di comunità Rendere la comunità locale un attore del cambiamento sociale S e per comunità si intende un gruppo sociale (comunità locale, scuola, organizzazione, associazione), nel quale relazioni,

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI

Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Il counseling: uno strumento per il benessere organizzativo ELISABETTA GHEZZI Non posso cambiare la direzione del vento, ma posso sistemare le vele in modo da poter raggiungere la mia destinazione IL COUNSELING

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

PROGETTO ASTERIX. Promosso da

PROGETTO ASTERIX. Promosso da PROGETTO ASTERIX Promosso da AUSL Ferrara Distretto CENTRO-NORD : SERT - SPAZIO GIOVANI in collaborazione con Comune di Ferrara: PROMECO - AREA GIOVANI ( Giovani Operatori: P.Lascari (Sert), I.Galleran

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA FORUM PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA CONVEGNO Venerdi 19 agosto 2011 - TREVANO (Lugano) - AULA MAGNA SUPSI - 8,30/16,30 LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche (OEAc-LPPsi) Modifica del 18 novembre 2015 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina:

Dettagli