Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Cognitivismo Clinico (2004) 1, 1, Rassegne PERFEZIONISMO CLINICO Sonia Guardini A.I.D.A.P- Associazione Italiana Disturbi dell Alimentazione e del Peso, Verona Riassunto L articolo presenta le caratteristiche del perfezionismo, passa in rassegna studi e ricerche degli ultimi decenni che hanno investigato il rapporto tra perfezionismo e psicopatologia: in specifico viene dato rilievo ad una visione cognitivo-comportamentale del perfezionismo clinico, e infine considera l impatto del perfezionismo sul trattamento. L articolo offre una visione ampia di tale costrutto, le possibili origini e i fattori di mantenimento. Viene, inoltre, descritto un nuovo filone di ricerca che ha investigato la possibilità che gli stati emotivi negativi non sono solo la conseguenza, ma anche una causa di una discrepanza tra aspettative e standard. Viene, infine, sottolineata la necessità di nuove ipotesi testabili e trial di trattamento controllato. Esistono, infatti, protocolli di trattamento, ma mancano specifici modelli teoretici del perfezionismo che potrebbero guidare il trattamento e il suo sviluppo. Parole chiave: perfezionismo, psicopatologia, terapia cognitivo-comportamentale Summary This article reviews the characteristics of perfectionism, reviews studies and researches of the last years that have investigated the association between perfectionism and psychopathology: Specifically is emphasized a cognitive-behavioural definition of the clinical perfectionism, and then considers the impact of perfectionism on treatment. This article considers the origin and the processes that contribute to its maintenance. Are described the researches that reveal that negative mood can induce discrepancies between expectancies and standards of performances. Finally, is emphasized the necessity of new testable hypotheses and controlled treatment trial. Despite existing treatment protocols, there is a lack of specific theoretical models of perfectionism that could guide treatment and its development. Key words: perfectionism, psychopathology, cognitive-behavioural therapy Il perfezionismo sembra svolgere un ruolo importante nello sviluppo e nel mantenimento di alcuni stati psicopatologici. Malgrado questo, il perfezionismo è un fenomeno poco studiato e scarsamente compreso. Solo recentemente un ampia quantità di studi ha investigato la specifica relazione tra perfezionismo e psicopatologia. Diversi autori hanno cercato di promuovere una comprensione del concetto (vedi Hewitt e Flett, 1991; Hewitt et al. 1996; Saboonchi et al. 1999; Juster e al.1996; Antony et al. 1998), definendolo, inoltre, in molti differenti modi (Vedi Hollender 1965, 1978; Burns 1980; Horney 65

2 Sonia Guardini 1950; Hamachek 1978; Slade 1982; Bastiani et al. 1994; Frost et al.1990; Slade e Owen 1998; Antony e Swinson 1998). Recentemente l Obsessive Compulsive Cognition Working Group (di cui Frost fa parte) ha definito il perfezionismo la tendenza a credere che ci sia una soluzione perfetta per ogni problema, che fare perfettamente (per esempio senza errori) non solo è possibile, ma anche necessario, e che ogni minimo errore avrà serie conseguenze. (OCCWG, 1997). Shafran, Cooper e Fairburn offrono una definizione cognitivo comportamentale: eccessiva dipendenza della valutazione di sé dalla risoluta ricerca di standard personali particolarmente esigenti ed auto-imposti in almeno un dominio altamente saliente, nonostante le conseguenze avverse. Le conseguenze avverse sono emotive (depressione), sociali (isolamento sociale), fisiche (insonnia), cognitive (ridotta concentrazione) o comportamentali (rifare più volte lo stesso compito o impiegare un tempo eccessivo per fare un lavoro) (Rhèaume et al. 2000), e sono tollerate perché considerate l evidenza oggettiva degli sforzi effettuati per raggiungere standard esigenti e quindi positivi. Cioè, non è importante solo raggiungere un determinato obiettivo, ma l impegno posto per perseguire tale meta. La definizione corrente del perfezionismo implica che gli standard perseguiti sono, per una determinata situazione, oggettivamente alti o eccessivi. In questa definizione, non sempre gli standard del perfezionista sono elevati, ma esigenti per l individuo. Il perfezionismo va distinto dalla salutare ricerca di eccellere (Burns 1993); quest ultima è funzionale e positiva e spesso associata a soddisfazione personale, ad un aumentato senso di autostima, creatività ed entusiasmo, in cui l errore è visto come una possibilità di apprendimento. Il perfezionismo malato, invece, è caratterizzato dalla paura di fallire, da un insoddisfazione costante per i propri risultati, da autocriticismo quando si sbaglia e interpretazione degli errori come indicatori di fallimento come essere umano; il perfezionista si pone standard irrealistici e si sforza per raggiungerli avendo spesso un attenzione selettiva agli errori e non ai successi, ha dubbi costanti sulla capacità di portare a conclusione un compito in modo corretto e il timore delle critiche, e tutto ciò può causare ansia e depressione. Seguendo la teoria di Skinner (1968), il perfezionismo sano si differenza da quello malato sulla base della storia dei rinforzi che hanno portato al suo costituirsi: il perfezionismo positivo sarebbe il frutto di una storia di rinforzi positivi, mentre il perfezionismo negativo di rinforzi negativi. Nei primi anni ottanta il perfezionismo era considerato un costrutto unidimensionale. Negli anni 90 il perfezionismo cominciò ad essere considerato come un costrutto multidimensionale cioè come consistente di varie componenti o dimensioni associate. La visione multidimensionale è stata fortemente sostenuta dal gruppo di Frost e da Hewitt e Flett (Frost et al. 1990; Hewitt e Flett 1991). Secondo Frost e colleghi il perfezionismo è caratterizzato da sei dimensioni: Eccessiva preoccupazione per l errore, Dubbi riguardo all azione, Alti standard personali, Alte aspettative dei genitori, Eccessivo criticismo familiare, Bisogno eccessivo di organizzazione. Hewitt P. e G. Flett considerano invece, tre tipi di perfezionismo: - Self-Oriented Perfectionism: porsi standard troppo elevati. - Other-Oriented Perfectionism: avere aspettative troppo elevate riguardo agli altri. - Socially Prescribed Perfectionism: credere che gli altri abbiano alte aspettative su di noi. L approccio multidimensionale è stato criticato da Fairburn, Shafran e Cooper (1999). Secondo Shafran e colleghi (1999) la concettualizzazione multidimensionale del perfezionismo valuta un range di caratteristiche troppo ampio, rispetto a quelle descritte dai clinici e dai primi teorici che lo hanno definito. Per gli autori inglesi solo il perfezionismo Self-oriented descrive con precisione il costrutto del perfezionismo, mentre other oriented e socially prescribed 66

3 Perfezionismo clinico sono due costrutti che possono essere associati al perfezionismo, ma non sono una parte integrante di esso. Allo stesso modo, i sintomi come i dubbi riguardo alle azioni, aspetti come il criticismo familiare e le cognizioni associate al perfezionismo, come le preoccupazioni riguardo agli errori non sono parte del perfezionismo, ma potrebbero essere associati ad essi. Come risultato del confondere il perfezionismo con le sue variabili associate, gli autori concludono che le misure di valutazione esistenti del perfezionismo sono difettose. Piuttosto che cambiare il costrutto di perfezionismo affinché esso sia in accordo con le misure di valutazione, gli autori propongono che ci sia la necessità di nuove scale di valutazione che misurino il concetto Fairburn, Shafran e Cooper, suggeriscono che il non aver distinto tra perfezionismo e le caratteristiche associate è la principale ragione che spiega gli scarsi progressi negli ultimi anni sia nella comprensione teorica sia nel trattamento clinico di specifici disturbi psichiatrici (come, ad esempio, i disturbi dell alimentazione) fortemente caratterizzati da questo costrutto. È noto che i progressi nel trattamento psicologico sono derivati dalla comprensione di specifiche caratteristiche psicopatologiche del disturbi come nell attacco di panico (Clark 1986) e nella bulimia nervosa (Fairburn 1981). Se il perfezionismo gioca un ruolo centrale nella psicopatologia necessitiamo di una definizione più chiara e non confusa. Le origini del perfezionismo Da dove ha origine il perfezionismo? È appreso o geneticamente determinato come gli occhi e i capelli? È possibile che i fattori biologici e psicologici contribuiscano al perfezionismo, come negli altri tratti di personalità. Se la genetica ha un ruolo nel causare il perfezionismo ciò significa che il perfezionismo non può essere cambiato? Non del tutto. È possibile cambiare il modo di pensare o di agire. Vari modi in cui il perfezionismo può essere stato appreso include rinforzi, punizioni, modeling, informazioni, istruzioni. Porsi standard elevati è spesso rinforzato dalla società, dai genitori che spesso utilizzano il ritiro dell affetto e la disapprovazione come punizione, e i loro figli tendono a rispondere agli errori con ansia e paura come se qualcosa dovesse essere evitato. Essere stati puniti o eccessivamente criticati per alcuni comportamenti può determinare lo sviluppo della convinzione che sia sempre necessario fare le cose perfettamente. L apprendimento di comportamenti perfezionisti può avvenire attraverso l osservazione di comportamenti altrui o dalle informazioni che riceviamo attraverso canali di comunicazione di massa. Perché non siamo tutti perfezionisti dal momento che siamo tutti sottoposti a questi tipi di esperienze? Gli psicologi non hanno ancora la risposta a questa domanda. È possibile che alcune persone siano più vulnerabili a rispondere a queste esperienze in modi negativi, mentre altre persone sono meno vulnerabili all apprendimento di abitudini, forse ciò è dovuto a esperienze di apprendimento che hanno contrastato gli effetti di esperienze che potrebbero aver contribuito a credenze perfezionistiche. Comunque, appare chiaro che le esperienze di apprendimento sono solo in parte responsabili delle attitudini perfezionistiche. Inoltre, per alcuni individui il ruolo di specifiche esperienze di apprendimento potrebbe essere minimo. Cosa mantiene il perfezionismo? Vi sono particolari convinzioni e comportamenti che mantengono il perfezionismo creando circoli viziosi. Alcune distorsioni più frequenti sono il pensiero tutto o nulla ( ogni cosa meno che perfetta è un fallimento ); il filtro mentale che consiste nel magnificare i dettagli negativi a 67

4 Sonia Guardini spese dei dettagli positivi; la lettura del pensiero comune nelle persone perfezioniste che spesso può essere motivo di ansia, di depressione e di timidezza, per l assunzione di essere valutati negativamente dagli altri; la sovrastima delle probabilità; la visione a tunnel, cioè prestare attenzione ai dettagli non guardando il quadro generale; la sensibilità interpersonale (i perfezionisti possono essere eccessivamente preoccupati delle opinioni altrui); il pensiero catastrofico; gli standard eccessivamente rigidi ed inflessibili; l eccesso di responsabilità e un bisogno eccessivo di controllo (spesso le persone perfezioniste sono convinte di poter aver più controllo sugli eventi di quello che in realtà hanno); le doverizzazioni; la difficoltà ad avere fiducia negli altri; i confronti sociali inappropriati, cioè i perfezionisti si confrontano con persone che sono abili in una particolare dimensione, rafforzando la loro convinzione di dover soddisfare uno standard eccessivamente alto. Vi sono, inoltre particolari comportamenti che mantengono le convinzioni perfezionistiche: ipercompensazione, cioè ripetere più volte il compito per essere certi di non aver sbagliato; eccessivo controllo e ricerca di rassicurazioni; ripetere e correggere più volte; eccesso di organizzazione e di esecuzione di liste; difficoltà nel prendere decisioni per la possibilità di commettere un errore che potrebbe essere irreversibile; procrastinazione per paura di non soddisfare gli obiettivi; non saper quando terminare; abbandonare troppo presto per l ansia di non essere in grado di soddisfare un particolare standard; lentezza perché facendo le cose più lentamente e attentamente si pensa di incorrere con meno probabilità in errori; difficoltà nel delegare a meno che non si sia certi che l altra persona completerà perfettamente il compito; tendenza all accumulo perché l oggetto un domani potrà servire, così come un più generale disagio dettato dal pensiero di buttar via un oggetto; evitamento di quelle situazioni che potrebbero far provare l impossibilità di soddisfare lo standard imposto; tentativi di cambiare gli altri perché eccessivamente preoccupati di come dovrebbero essere fatte le cose. Altri fattori mantengono il perfezionismo creando circoli viziosi. Per esempio, la paura di fallire e un forte autocriticismo di fronte ad un fallimento che mantiene la visione negativa di sé; ciò rafforza la dipendenza della visione di sé eccessivamente dipendente dal raggiungimento degli obiettivi personali. Fissare standard che includono il pensiero dicotomico e valutare in modo disfunzionale la prestazione, cioè la prestazione viene valutata in base all impegno posto per raggiungere l obiettivo usando le conseguenze avverse come evidenza che gli standard e la prestazione sono sufficientemente esigenti. È suggerito che i bias nel processo di informazione interagiscono aumentando la probabilità che le persone falliranno nel soddisfare gli standard. È inevitabile che per alcune persone il perseguimento degli standard personali e la paura di fallire divengono così avversivi che essi procrastinano perché gli standard perfezionistici non possono essere raggiunti (Frost et al 1990), abbandonano il lavoro a metà o lo evitano completamente (Antony e Swinson 1998; Burns 1980; Frost et al. 1990; Slade e Owens 1995); Quando una persona perfezionista riesce a soddisfare i propri standard vi è un aumento temporaneo della valutazione di sé, che a sua volta agisce come rinforzo intermittente per inseguire tali standard (Burns 1980) e un immediata rivalutazione degli standard che vengono considerati troppo bassi. Gli standard sono valutati insufficientemente esigenti se essi sono raggiunti. Ciò facilita il fallimento e l auto-critica (per esempio, se raggiunge un obiettivo ritiene che fosse semplice da raggiungere), quindi la persona sperimenterà, comunque, un fallimento. Vi sono altre ragioni per la persistenza del perfezionismo clinico.il perfezionismo si verifica in un contesto sociale in cui la ricerca degli standard elevati è spesso condonata. Le persone che inseguono e raggiungono standard elevati spesso sono lodate, e ricevono ricompense. Questi aspetti positivi possono superare le conseguenze avverse del perfezionismo come ad esempio, 68

5 Perfezionismo clinico l ansia da prestazione, il restringimento degli interessi, l isolamento sociale, l affaticamento ed un pervasivo senso di fallimento. I pazienti con perfezionismo molte volte riportano di avere avuto di genitori con alte aspettative ed elevati livelli di criticismo (Frost et al. 1991; Vieth e Trull 1999). Perfezionismo clinico e comorbilità È raro che il perfezionismo sia un problema clinico isolato. È tipico vederlo associato a disturbi dell asse I e II. Alcuni studi hanno suggerito che il perfezionismo potrebbe predire la scarsa risposta al trattamento per la depressione, perchè interferisce con lo sviluppo di una alleanza terapeutica (Blatt et al. 1998; Zuroff 2000). Ciò mantiene una negativa valutazione di sé e un umore depresso. Fairburn, Shafran e Cooper (1999) hanno suggerito che la risposta al trattamento è più scarsa se il dominio in cui il perfezionismo è espresso si sovrappone a quello affetto dal disturbo psichiatrico. Per esempio, se i pazienti sono perfezionisti nel dominio delle relazioni sociali e il loro disturbo psichiatrico è la fobia sociale, la presenza del perfezionismo agisce come meccanismo aggiuntivo di mantenimento, impedendo il successo del trattamento. Alti livelli di perfezionismo sono stati dimostrati nei disturbi dell alimentazione sia da ricerche caso-controllo sia da studi prospettici che hanno evidenziato la persistenza di questo tratto in seguito alla normalizzazione del peso corporeo. Il perfezionismo nei disturbi dell alimentazione sembra avere un origine multifattoriale genetica (Bastiani 1994; Halmi e collaboratori 2000), legata alle relazioni con i genitori e sociale (Hamacheck 1978; Burns 1980; Brownell 1991; Antony et al.1998) e sembra essere un importante fattore di rischio e di mantenimento dei disturbi dell alimentazione (Fairburn 1997; Fairburn, Shafran e Cooper 1999; Slade 1982). Shafran e colleghi suggeriscono che l anoressia nervosa e la bulimia nervosa siano in molti casi l espressione del perfezionismo nel dominio del controllo del cibo, del peso e delle forme corporee. È stato suggerito che il perfezionismo sia una caratteristica necessaria per lo sviluppo del DOC (Rhéaume et al. 1995). Molti pazienti con DOC riportano il bisogno di perfezione, del certo, dell esatto (Goodman et al 1989; Rasmussen e Eisen 1992). L assenza di questa perfetta certezza incrementa la possibilità che i pazienti dubitino di aver agito correttamente; tali dubbi riguardo le azioni sono state considerate come parte del costrutto di perfezionismo (Frost et al. 1990) e fanno chiaramente parte della fenomenologia del DOC. Recenti studi (Bouchard et al. 1999; Salkovskis et al. 1998; Lopatka e Rachman 1995; Shafran 1997) dimostrano la stretta relazione tra perfezionismo e responsabilità - un costrutto di rilevanza per il mantenimento del DOC. Ciò indica che le conseguenze percepite di fallire nel raggiungere gli standard sono importanti. La maggior parte delle persone con il solo perfezionismo, con più probabilità incontrano criteri per la diagnosi di DOC ed hanno i requisiti per una diagnosi di DOCP. Si potrebbe sostenere che l essenza del disturbo di personalità ossessivo compulsivo sia il perfezionismo centrato sulla performance più la rigidità e che le altre caratteristiche siano una conseguenza di questo. Sta aumentando l evidenza empirica di una positiva associazione tra livelli di perfezionismo e depressione e molti studi hanno trovato che il perfezionismo è una caratteristica della depressione (Hewitt e Flett 1991; 1993,1996 Lynd-Stevenson e Hearne 1999). I pensieri e i comportamenti perfezionistici sono spesso importanti nel mantenimento della depressione. Le persone perfezioniste spesso stabiliscono standard molto alti per se stessi nel lavoro, nelle relazioni interpersonali, o in altre aree. Se questi standard non sono raggiunti, queste persone possono iniziare a sentirsi inadeguate, persino senza speranza o valore provando quindi emozioni negative (Flett et al. 1991). 69

6 Sonia Guardini È stato anche sostenuto che sforzarsi eccessivamente per il perfezionismo è una risposta comune delle persone che hanno una visione negativa del proprio valore, una bassa autostima (Ricce et al. 1998; Fennell 1997; Roberts e Monroe 1994; Hollender 1965; Horney 1950). Studi hanno trovato che il perfezionismo self oriented e socially prescribed sono associati con un aumento dell ideazione suicidaria in studenti e campioni psichiatrici (Hamilton e Schweitzer 2000; Hewitt et al. 1994; Hewitt et al. 1997). Un ulteriore studio con pazienti psichiatrici ha trovato che il perfezionismo socially prescribed, piuttosto che il perfezionismo self oriented, era un significativo predittore della potenzialità di commettere un suicidio (Hewitt et al. 1992). Potrebbe essere che le persone con perfezionismo other oriented colpevolizzano gli altri per gli eventi negativi, il quale potrebbe proteggere contro la depressione, e quindi il comportamento suicidario. Il perfezionismo, inoltre, è stato mostrato essere associato al disturbo d ansia. Le persone ansiose sono molto più preoccupate di fare errori e di dare una buona impressione agli altri, soprattutto in situazioni sociali (Antony et al 1998; Flett et al. 1989; Antony et al. 1998; Juster et al 1996; Leary 1983; Heimberg et al. 1995). Ci sono pochi studi controllati che confrontano il perfezionismo nei disturbi di personalità rispetto ai controlli normali e psichiatrici. I pazienti borderline hanno riportato punteggi più alti nel perfezionismo socially prescribe degli altri due gruppi. Il perfezionismo socially prescribe era positivamente associato con tali disturbi di personalità: schizoide, evitante, schizotipico e borderline. Il perfezionismo other-oriented era positivamente associato con il disturbo istrionico, narcisistico (Hewitt et al. 1994). Le persone con perfezionismo potrebbero sforzarsi per raggiungere standard eccessivamente elevati sviluppando così sintomi psicosomatici. Anche le malattie cardiache correlano altamente con il perfezionismo. L incapacità percepita di raggiungere gli standard elevati potrebbe condurre alla depressione psicosomatica (Spence e Robbins 1992; Flett et al. 1994; Martin et al. 1996). Stato emotivo, autoefficacia e standard di prestazione Un nuovo filone di ricerca ha investigato la possibilità che gli stati emotivi negativi non solo sono la conseguenza, ma anche una causa di una discrepanza tra aspettative e standard. L effetto dell emozione sugli obiettivi personali e sugli standard hanno ricevuto poca attenzione in letteratura. Sebbene c è scarsità di evidenze empiriche, ci sono ragioni teoretiche per aspettarsi che lo stato emotivo possa influire sugli obiettivi di prestazione e sugli standard. Una possibilità è che lo stato emotivo influenzi gli standard attraverso il suo effetto sull autoefficacia percepita. Le persone con emozione negativa possono stabilire alti standard come strategia per alleviare l emozione negativa Stabilire standard personali può implicare il considerare i risultati futuri e valutare quanto soddisfatta una persona dovrebbe essere se ha agito a quei livelli. I soggetti esposti ad emozioni negative possono avere la sensazione di dover raggiungere livelli di performance più elevati per essere personalmente soddisfatti dei loro traguardi. Cioè, il livello di soddisfazione percepita in seguito al raggiungimento degli obiettivi sembra dipendere dallo stato d animo presente. Cervone, Kopp, Schaumann e Scott propongono, quindi, che gli stati emotivi possono abbassare la soddisfazione per i risultati potenziali e, quindi, come risultato innalzare gli standard. È emerso che, persino in attività altamente familiari, le persone con stati emotivi negativi si pongono standard più alti di performance rispetto alle persone con stati emotivi neutri o positivi. Dalle ricerche è emerso che a differenza della maggior parte della persone che si pongono 70

7 Perfezionismo clinico standard di prestazione che pensano di poter raggiungere, gli individui disforici si pongono standard di prestazione elevati e hanno una percezione di bassa autoefficacia. Per un maggior approfondimento vedi Rotter 1954; Ahrens 1987; Cervone et al 1994; Bandura 1997; 1999; Schwarz 1990; Cunningham 1988; Cervone, Kopp, Schaumann & Scott 1994; Schwarz, Bless e Bohner 1991; Clark e Isen 1982; Kavanagh 1985: Kavanagh e Hausfeld Trattamento Evidenze basate sul trattamento del perfezionismo Il perfezionismo rende difficile il trattamento dei disturbi dell Asse I, se il dominio in cui il perfezionismo è espresso si sovrappone a quello del dominio del disturbo dell Asse I. Ci sono pochi studi che dimostrano il trattamento efficace per il perfezionismo, nonostante le molte ricerche sull associazione tra perfezionismo e psicopatologia, nonostante il negativo impatto del perfezionismo sul trattamento della depressione (Blatt et al. 1995) e probabilmente sul trattamento di altri disturbi (vedi Hirsch e Hayward 1998). Solo uno studio empirico ha esaminato il trattamento del perfezionismo (Ferguson e Rodway 1994). Gli stessi principi standard della terapia cognitiva sono stati applicati al trattamento del perfezionismo in un libro di auto aiuto per superare il perfezionismo di Antony e Swinson (1998), sebbene il trattamento non è stato valutato. Il libro suggerisce delle strategie per combattere sia i pensieri che i comportamenti perfezionistici. Purtroppo, non sono stati effettuati studi sistematici per valutare l efficacia di specifici interventi psicoterapeutici o farmacologici sulla modificazione dei livelli di perfezionismo nei disturbi dell alimentazione. Alcuni clinici famosi di scuola cognitivo-comportamentale danno dei consigli: favorire l acquisizione da parte del paziente di una maggiore consapevolezza dei propri tratti perfezionistici, e individuando gli ambiti della vita quotidiana in cui ha standard eccessivamente elevati, esplorare come il perfezionismo influenzi l opinione di se stessi, le relazioni e le situazioni al lavoro ed a scuola e focalizzare i fattori, individuali e sociali, presenti o passati, che possono aver influito sullo sviluppo e sul mantenimento di tendenze perfezionistiche. Burns (1980) suggerisce di fare un analisi dei costi e dei benefici, cioè di individuare alcune credenze disfunzionali alla base delle tendenze perfezionistiche valutando vantaggi e svantaggi nel mantenerle. Vanderlinden (2001), infine, propone alcuni esercizi comportamentali, ad esempio, individuare le attività che ci si sente obbligati a svolgere in modo quasi compulsivo e pianificare dei cambiamenti in cui, gradualmente, si diminuisce la quantità di tempo dedicato ad esse. Un altro esercizio è quello della sfida al perfezionismo che consiste nel mettere in atto comportamenti che vanno nella direzione opposta a quella abituale (es.: gettare deliberatamente i vestiti nei cassetti in modo disordinato, non rifare volutamente il letto, studiare volutamente di meno). Fairburn, Shafran e Cooper (1999) suggeriscono che il trattamento del perfezionismo clinico debba consistere nell aiutare il paziente ad identificare il perfezionismo come un problema e di porlo all interno di una formulazione cognitivo-comportamentale, che abbia senso per il paziente. Allargare lo schema di auto-valutazione del paziente aiutandolo ad identificare e a praticare modi alternativi di pensare e di comportarsi che gli permettano di allargare la valutazione di sé scegliendo domini non disfunzionali. Si suggerisce che aumentare il numero dei domini che contribuiscono alla valutazione di sé migliori la stessa valutazione. Usare esperimenti comportamentali per testare ipotesi in competizione e utilizzare tecniche 71

8 Sonia Guardini cognitivo comportamentale per affrontare gli standard personali del paziente e l auto-critica in generale. Va posta attenzione ai bias cognitivi che mantengono il perfezionismo, in modo particolare l attenzione selettiva sulla possibilità di fallire e il monitoraggio ipervigilante della prestazione (vedi Antony e Swinson 1998). Impatto del perfezionismo nel trattamento della depressione Ci sono dati empirici che dimostrano che il perfezionismo impedisce il successo del trattamento della depressione, indipendentemente dalla modalità del trattamento (Blatt et al. 1995; Blatt et al 1998). Il risultato terapeutico al termine era significativamente correlato con i livelli di perfezionismo e auto criticismo prima del trattamento, indipendentemente dal trattamento. Il grado di perfezionismo prima del trattamento era significativamente correlato con relazioni interpersonali meno soddisfacenti, minori abilità di coping e continue auto critiche nel follow up a 18 mesi. (Blatt et al 1998). Le analisi hanno mostrato che il perfezionismo impedisce il miglioramento terapeutico principalmente nella seconda parte del processo terapeutico (settimana 8-16) e ciò potrebbe non essere attribuito alla severità della depressione prima dell inizio del trattamento (Blatt et al 1998). Una spiegazione dell impatto negativo del perfezionismo è che questi pazienti non sviluppano una forte alleanza terapeutica nella seconda parte del trattamento rispetto ai pazienti non perfezionisti (Zurof et al 2000). Un altra possibilità è che i pazienti con alti livelli di perfezionismo possano sperimentare un senso di fallimento nel trattamento quando iniziano ad intravedere la fase terminale delle terapie (Blatt et al. 1998). Un altra possibilità è che le credenze delle persone perfezioniste sono mantenute rigidamente ed è la rigidità delle assunzioni e delle credenze che interferisce con il progresso del trattamento. Shafran e colleghi sottolineano che nessuno studio ha investigato se il perfezionismo impedisce il trattamento di altri disturbi psicologici, e così questo appare essere un area saliente per ulteriori ricerche. Nonostante i protocolli di trattamento esistenti (Antony e Swinson 1998) nessun trial di trattamento controllato è stato condotto. C è anche la mancanza di specifici modelli teoretici del perfezionismo che potrebbero guidare il trattamento e il suo sviluppo. Oltre a questo, un modello cognitivo di mantenimento del perfezionismo è stato proposto (Shafran e al. in press) e ridefinisce il perfezionismo, genera ipotesi testabili ed ha chiare implicazioni per il trattamento. Bibliografia Ahrens A.H. (1987). Theories of depression: the role of goals and self-evaluation process. Cognitive Therapy and Research, 11, pp Antony M.M. & Swinson R.P. (1998). When perfect isn t good enough: strategies for coping whit perfectionism. New Harbinger Publication Inc., Oakland. Antony M.M., Purdon C.L., Huta V. & Swinson R.P. (1998). Dimensions of perfectionism across the anxiety disorders. Behaviour Research and therapy, 36, pp Bandura A. (1977). Self-efficacy: Toward a unifying theory of behavioural change. Psychological Review, 84, pp Bandura A. (1999). Social cognitive theory of personality. In D. Cervone e Y. Shoda (Eds). The coherence of personalità. Social-cognitive bases of consistency variability and organization. Guilford Press, New York. Bastiani A.M., Rao R., Weltzin T. & Kaye W.H. (1995). Perfectionism in anorexia nervosa. International Journal of Eating Disorders, 17, pp

9 Perfezionismo clinico Blatt S.J. (1995). The destructiveness of perfectionism. American Psychologist, 50, pp Blatt S.J., Quinlam D.M., Pilkonis P.A. & Shea M.T. (1995). Impact of perfectionism and need for approval on the brief treatment, of depression: the National Istitute of Mental Healt Treatment of Depression Collaborative Research Program revisited. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 63, pp Blatt S.J., Zuroff D.C., Bondi C.M., Sanislow C.A. 3 rd & Pilkonis P.A. (1998). When and how perfectionism impedes the brief treatment of depression. Further analyses of the National Institute of Mental Health Treatment of Depression Collaborative Research Program. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 66, pp Brownell K.D. (1991). Dieting and the search for the perfect body: where physiology and culture collide. Behaviour Therapy, 22, pp Burns D.D. (1980). The perfectionist s script for self-defeat. Psychology Today Novembre, Burns D.D. (1993). Ten days to self-esteem.new York: HarperCollins. Cervone D, Kopp A.D., Schaumann L., Scott W.D. (1994). Mood, Self-Efficacy, and Performance Standards: Lower Moods induce Higher Standards for performance. Journal of personality and social Psychology. 67, 3, pp Cervone D., Tillema J., Scott D.W. (2001). Negative mood, Perceived Self Efficacy and Personal Standards in Dysphoria: The effects of Contextual Cues on Self- Defeating Patterns of cognition. Cognitive Therapy and research, 25, 5, pp Clark D.A. (1986). Cognitive-affective interaction: a test of the specificity and generality hypothesis. Cognitive Therapy and Research, 10, pp Clark M.S. & Isen A.M. (1982). Toward understanding the relationship between feeling states and social behavior. In A.H. Hastorf e A.M. Isen (Eds.). Cognitive social psychology pp Elsevier: New York. Cunningham M.R. (1988). What do you do when you re happy or blue? Motivation and Emotion, 12, pp Dalle Grave R. (2000). Analisi cognitiva comportamentale del perfezionismo con particolare riferimento ai disturbi dell alimentazione. Emozioni e cibo, 7. Fairburn C.G. (1981). A cognitive behavioural approach to the treatment of bulimia. Psychological Medicine,11, pp Fairburn C.G. (1997). Eating disorders. In D. M. Clark, & C. G. Fairburn, (Eds.) Science and practice of cognitive behaviour therapy. Oxford medical publication. Oxford, England UK: Oxford University Press. Fairburn C.G., Shafran R. & Cooper Z., (1999). A cognitive- behavioral theory of anorexia nervosa. Behaviour Research and therapy, pp.37, Fennel M.J.V. (1997). Low self-esteem: a cognitive perspective. Behavioral and Cognitive Psychotherapy, 25, pp Ferguson K.L. & Rodway G.R. (1994). Cognitive behavioral treatment of perfectionism: initial evaluation studies. Research on Social Work Practice, 4, pp Flett G.L., Hewitt P.L. & Dyck D.C. (1989). Self oriented perfectionism, neuroticism and anxiety. Personality and Individual Differences, 10, pp Flett G.L., Hewitt P.L., Blankstein K.R. & Mosher S.W. (1991a). Perfectionism, self-actualisation, and personal adjustment. Journal of Social Behavior and Personality, 6, pp Flett G.L., Hewitt P.L., Blankstein K.R. & O Brien S. (1991b). Perfectionism and learned resourceful-ness in depression and self-esteem. Personality and Individual Differences, 12, pp Flett G.L., Hewitt P.L., Blankstein K.R. & Dynin C.B. (1994). Dimensions of perfectionism and Type A behaviour. Personality and Individual Differences, 16, pp Frost R.O, Marten P., Lahart C. & Rosenblate R. (1990). The dimension of perfectionism. Cognitive Therapy and Research, 14, pp

10 Sonia Guardini Frost R.O. & Steketee G. (1997). Perfectionism in obsessive compulsive disorder patients. Behaviour Research and Therapy, 35, pp Frost R.O., Lahart C.M. & Rosenblate R. (1991). The development of perfectionism: A study of daughters and their parents. Cognitive Therapy and Research, 15, pp Garner D.M., Olmsted M.P. & Polivy J. (1983). Development and validation of a multidimensional eating disorder inventory for anorexia nervosa and bulimia. International Journal of Eating Disorders, 2, pp Goodman W.K., Price L.H., Rasmussen S.A., Mazure C., Fleischmann R.L., Hill C.L., Heninger G.R. & Charney D.S. (1989). The Yale Brown Obsessive Compulsive Scale: I. Development,use, and reliability. Archives of General Psychiatry, 46, pp Halmi K.A., Sunday S.P., Stober M., Kaplan A., Woodside D.B., Fichler M., Treasure J., Berrettini W.H. & Kaye W.H. (2000). Perfectionism in anorexia nervosa: Variation by clinical subtype, obsessionality and pathological eating behavior. American Journal of Psychiatry,157, pp Hamachek D.E. (1978). Psychodynamics of normal and neurotic perfectionism. Psychology: A Journal of Human Behavior 15, pp Hamilton T.K & Schweitzer R.D. (2000). The cost of being perfect: perfectionism and suicide ideation in university students. Australian and New Zealand Journal of Psychiatry. 34, pp Heimberg R.G., Juster H.R., Hope D.A. & Mattia J.I. (1995). Cognitive behavioral group treatment: description, case presentation, and empirical support. In: M. B. Stein (Ed), Social phobia: clinical and research perspectives. American Psychiatric Press, Washington. Hewitt P.L. & Flett G.L. (1991). Perfectionism in the self and social context: conceptualization, assessment, and association with psychopathology, Journal of Personality and social Psychology, 60, pp Hewitt P.L. & Flett G.L. (1991). Dimensions of perfectionism in unipolar depression. Journal of Abnormal Psychology, 100, pp Hewitt P.L., Flett G. L. & Edinger, E. (1996). Perfectionism and depression: longitudinal assessment of a specific vulnerability hypothesis. Journal of Abnormal psychology. 105, pp Hewitt P.L. & Flett G.L. (1993). Dimensions of perfectionism, daily stress, and depression: A test of the specific vu!nerability hypothesis. Journal of Abnormal Psychology, 102, pp Hewitt P.L., Flett G.L. & Turnbull-Donovan W. (1992). Perfectionism and suicide potential. British Journal of Clinical Psychology, 31, pp Hewitt P.L., Flett G.L. & Turnbull W. (1994a). Borderline personality disorder: An investigation with the Multidimensional Perfectionism Scale. European. Journal of Psychological assessment, 10, pp Hewitt P.L., Flett G.L. & Weber C. (1994b). Dimensions of perfectionism and suicide ideation. Cognitive Therapy and Research, 18, pp Hewitt P.L., Flett G. & Ediger E.(1996). Perfectionism and depression:longitudinal assessment of a specific vulnerability hypothesis. Journal of Abnormal Psycology, 105, pp Hewitt P.L., Newton J., Flett G.L. & Callander L. (1997). Perfectionism and suicide ideation in. adolescent psychiatric patients. Journal of abnormal Child Psychology, 25, pp Hirsch C.R. & Hayward P. (1998). The perfect patient: Cognitive behavioral therapy for perfectionism. Behavioral and Cognitive Psychotherapy, 26, pp Hollender M.H. (1965).Perfectionism. Comprehensive Psychiatry, 6, pp Hollender M.H. (1978). Perfectionism, a neglected personality trait. Journal of Clinical Psychiatry,39,5, p.384. Horney K. (1950). Neurosis and human growth. Norton, New York. Juster H.R., Heimberg R.G., Frost R.O. & Holt C.S. (1996). Social phobia and perfectionism. Personality and Individual Differences,21, pp Kavanagh D.I., (1985). Mood, persistence, and success. Unpublished manuscript, University of Sydney, Australia. 74

11 Perfezionismo clinico Kavanagh D.I. & Hausfeld S. (1986). Physical performance and self-efficacy under happy and sad moods. Journal of Sport Psycology, 8, pp Leary M.R. (1983). Understanding social anxiety. Sage, Beverly Hills. Lopatka C. & Rachman S. (1995). Perceived responsability and compulsive checking: An experimental analysis. Behavior Research and Therapy, 33, pp Lynd-stevenson R.M. & Hearne C.M. (1999). Perfectionism and depressive affect: The pros and cons of being a perfectionist. Personality and Individual Differences, 26, pp Martin T.R., Flett G.L., Hewitt P.L., Krames L. & Szanto G., (1996). Personality correlates of depression and health symptoms: A test of a self-regulation model. Journal of Research in Personality, 30, pp Obsessive Compulsive Cognitions Working Group. (1997). Cognitive assessment of obsessive compulsive disorder. Behaviour Research and Therapy, 35, pp Rasmussen S.A. & Eisen J.L. (1992). The epidemiology and clinical features of obsessive compulsive disorder. Psychiatric Clinics of North America, 15, pp Rhéaume J., Freeston M.H., Dugas M.J., Letarte H. & Ladouceur R. (1995). Perfectionism, responsibility and obsessive compulsive symptoms. Behaviour Research and Therapy, 33, pp Rhéaume J., Freeston M.H., Ladouceur R., Bouchard C., Gallant L., Talbot F. & Vallières A. (2000a).Functional and dysfunctional perfectionists: Are they different on compulsive like-behaviors? Behaviour Research and Therapy, 38, pp Rhéaume J., Ladouceur R. & Freeston M.H. (2000b). The prediction of obsessive compulsive tendencies. Does perfectionism play a significant role? Personality and Individual.Differences, 28, pp Rice K.G., Ashby J.S. & Slaney R.B. (1998). Self esteem as a mediator between perfectionism and depression: A structural equation analysis. Journal of Counseling Psychology. 45, pp Robert J.E. & Monroe S.M., (1994). A multidimensional model of self-esteem in depression. Clinical Psychology Review, 14, pp Rotter, J. B., (1954). Social learning and clinical psychology. Prentice Hall,Englewood Cliffs. Saboonchi F., Lundh L. & Ost L. (1999). Perfectionism and self-consciousness in social phobia and panic disorder with agoraphobia. Behaviour Research and Therapy, 37, pp Salkovskis M., Forrester E. & Richards C. (1998). Cognitive-behavioral approach to understanding obsessional thinking. British Journal of Psychiatry, 173 (suppl, 35), pp Schwarz N. (1990). Feelings as information: information and motivational functions of affective states. In E. T.Higgins & R. M. Sorrentino (Eds). Motivation and cognition: Foundations of social behavior. Guilford Press, New York. Schwarz N., Bless H. & Bohner G. (1991). Mood and persuasion: Affective states influence the processing of persuasive communications. In M.P. Zanna (Ed). Advances in experimental social psychology. Accademic Press, San Diego. Shafran R. (1997). The manipulation of responsibility in obsessive-compulsive disorder. British Journal of Clinical Psychology, 21, pp Shafran R. & Mansell W. (2001) Perfectionism and Psychopathology: A Review of research and treatment. Clinical Psychology Review,vol.21. No.6, pp Slade P.D. (1982). Toward a functional analysis of anorexia nervosa and bulimia nervosa. British journal of Clinical Psychology, 21, pp Slade P.D. & Owens R.G. (1998). A dual process model of perfectionism based on reinforcement theory. Behavioral Modification, 22, pp Spence J.T. & Robbins A.S. (1992). Workaholism: definition, measurement, and preliminary results. Journal of Personality Assessment, 58, pp Vanderlinden J. (2001). Come sopravvivere all anoressia e alla bulimia: strategie per famiglie, amici e terapeuti. Positive Press, Verona. Vieth A.Z. & Trull T. J. (1999). Family patterns of perfectionism: An examination of college students and 75

12 Sonia Guardini their parents. Journal of Personality Assessment, 72, pp Zuroff D.C., Blatt S. J., Sotsky S.M., Krupnick J.L., Martin D.J., Sanislow C.A. & Simmens S. (2000). Relation of therapeutic alliance and perfectionism to outcome in brief outpatient treatment of depression. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 68, pp Autore per la corrispondenza: Sonia Guardini, A.I.D.A.P.-Associazione Italiana Disturbi dell Alimentazione e del Peso. Via Sansovino, 16, Verona Tel

IL PERFEZIONISMO NEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

IL PERFEZIONISMO NEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE IL PERFEZIONISMO NEI DISTURBI DELL'ALIMENTAZIONE a cura della Dott.ssa Federica Bignotti IL PERFEZIONISMO NEI DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE Dr.ssa Federica Bignotti Psicologa Casa di Cura Villa Garda Garda

Dettagli

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Michele Sanza Bologna 11 febbraio 2011 Lo skills Training della DBT nel trattamento integrato del Disturbo Borderline di Personalità 1 Il decorso

Dettagli

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE

I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE I DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE (DA) Disturbi del comportamento alimentare o di comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo, che danneggiano in modo significativo

Dettagli

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità.

Minnesota Multiphasic Personality Inventory. MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. Minnesota Multiphasic Personality Inventory MMPI: un test per valutare le principali caratteristiche della personalità. APPLICABILITA CONDIZIONI MMPI MMPI-2 Età >16 anni >18 QI >80 >70 Scolarizzazione

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

ROMA, 12-13 MARZO 2016

ROMA, 12-13 MARZO 2016 Associazione di Psicologia Cognitiva Scuola di Psicoterapia Cognitiva s.r.l SCUOLA DI PSICOTERAPIA COGNITIVA S.R.L. ASSOCIAZIONE DI PSICOLOGIA COGNITIVA Direttore delle scuole : Prof. Francesco Mancini

Dettagli

SCHEMA THERAPY nel trattamento

SCHEMA THERAPY nel trattamento seminariodi due giorni SCHEMA THERAPY nel trattamento dei DISTURBI DELL ALIMENTAZIONE RELATRICE Vartouhi Ohanian Consultant Clinical Psychologist In collaborazione con Schema Therapy UK Un organizzazione

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

Terapia cognitivo comportamentale transdiagnostica. Riccardo Dalle Grave

Terapia cognitivo comportamentale transdiagnostica. Riccardo Dalle Grave Terapia cognitivo comportamentale transdiagnostica Riccardo Dalle Grave Introduzione I disturbi dell alimentazione rappresentano un indicazione primaria per la terapia cognitivo comportamentale (CBT).

Dettagli

L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta

L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta L intervento nei Disturbi dello Spettro Autistico in adolescenza e in età adulta Dr.ssa Roberta Fadda Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia Università di Cagliari robfadda@unica.it A18 onlus

Dettagli

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment.

La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. La Famiglia come risorsa nel trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare: esercitazioni guidate di empowerment. A. Genovese, M. Bassetti, S. Scaramuzza Centro per i Disturbi del Comportamento

Dettagli

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti Comportamento alimentare e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti ti Francesca Vitali, Daniela Senarega e Guido Amoretti Università degli Studi di Genova ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PSICOLOGIA

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

Due obiettivi principali:

Due obiettivi principali: Massa E., Conti L., Amadori F., Pierini P., Silvestre V., Vona M. terzocentro@iol.it @ www.terzocentro.it Inclusione dei familiari nel trattamento del paziente grave. Due obiettivi principali: Potenziare

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

La depressione. A cura di Roberta Longo

La depressione. A cura di Roberta Longo La depressione A cura di Roberta Longo Etimologicamente, il termine depressione proviene dal latino depressio, che indica uno stato di abbattimento o infossamento. In relazione ai disturbi dell umore,

Dettagli

USING ACCEPTANCE AND COMMITMENT THERAPY TO TREAT DISTRESSED COUPLES: A CASE STUDY WITH TWO COUPLES

USING ACCEPTANCE AND COMMITMENT THERAPY TO TREAT DISTRESSED COUPLES: A CASE STUDY WITH TWO COUPLES USING ACCEPTANCE AND COMMITMENT THERAPY TO TREAT DISTRESSED COUPLES: A CASE STUDY WITH TWO COUPLES Brennan D. Peterson Georg H. Eifert Tal Feingold Sarah Davidson Dal punto di vista dell Acceptance and

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione

Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione Sara Manzoni e Alessandro Antonietti Depressione, ansia e vissuti emotivi in ragazzi di 14-16 anni con problemi di attenzione valentiniregina@yahoo. it Nell indagine dei correlati emotivi dei disturbi

Dettagli

Giovani e strategie di prevenzione delle dipendenze. Fidenza, 21 maggio 2013 Ravasini Alessia Melegari Federico

Giovani e strategie di prevenzione delle dipendenze. Fidenza, 21 maggio 2013 Ravasini Alessia Melegari Federico Giovani e strategie di prevenzione delle dipendenze Fidenza, 21 maggio 2013 Ravasini Alessia Melegari Federico In collaborazione con ADOLESCENZE E DIPENDENZE: PERSONALITÀ, EMOZIONI E RELAZIONI Si è voluto

Dettagli

Autostima Amica-Nemica

Autostima Amica-Nemica Autostima Amica-Nemica come influenza le nostre scelte Dott.ssa Gioia Negri Psicologa, Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Neuroscienze Cognitive cos è l Autostima? Definizione «psicologica» «il processo

Dettagli

La Mindfulness nella psicoterapia cognitivo comportamentale

La Mindfulness nella psicoterapia cognitivo comportamentale La Mindfulness nella psicoterapia cognitivo comportamentale Dott.ssa Beatrice Corsale Psicologa Psicoterapeuta La terapia cognitivo comportamentale Terapia comportamentale Nasce negli anni 50 Gli oggetti

Dettagli

Simona De Stasio,PhD (Università di Roma Foro Italico ) Virna Galimberti (Università Lumsa di Roma) Aldo Conforti (Università Lumsa di Roma)

Simona De Stasio,PhD (Università di Roma Foro Italico ) Virna Galimberti (Università Lumsa di Roma) Aldo Conforti (Università Lumsa di Roma) Engagement e Self-efficacy efficacy in un gruppo di insegnanti italiani. Differenze tra aree geografiche geogafc e e lvello livello di scuola Simona De Stasio,PhD (Università di Roma Foro Italico ) Virna

Dettagli

I disturbi d ansia nel bambino. La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli

I disturbi d ansia nel bambino. La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli I disturbi d ansia nel bambino La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli Fobia Sociale Disturbo internalizzante Paura marcata, persistente e irrazionale relativa a situazioni

Dettagli

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A.

I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. ed ing u ng he I FATTORI AFFETTIVO- RELAZIONALI-EMOTIVI ASSOCIATI AI D.S.A. y in t in Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. Neuropsicologia cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento DISTURBI EMOTIVI

Dettagli

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze

Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione. Carlo Faravelli Università di Firenze Epidemiologia ed Etiopatogenesi dei Disturbi dell Alimentazione Carlo Faravelli Università di Firenze PRINCIPALI INDICATORI EPIDEMIOLOGICI Epidemiologia INCIDENZA: numero di nuovi casi Anoressia Nervosa

Dettagli

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Facoltà di Psicologia 2 La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Disturbi dell alimentazione (DSM-IV-TR): Anoressia

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

IL RUOLO DEL PERFEZIONISMO MALADATTIVO NEL DISTURBO DEPRESSIVO. Elisa De Simoni THE ROLE OF MALADAPTIVE PERFECTIONISM IN DEPRESSIVE DISORDER

IL RUOLO DEL PERFEZIONISMO MALADATTIVO NEL DISTURBO DEPRESSIVO. Elisa De Simoni THE ROLE OF MALADAPTIVE PERFECTIONISM IN DEPRESSIVE DISORDER Cognitivismo Clinico (2014) 11, 1, 3-26 IL RUOLO DEL PERFEZIONISMO MALADATTIVO NEL DISTURBO DEPRESSIVO Psicologa, psicoterapeuta Corrispondenza E-mail: elisadesimoni@libero.it Elisa De Simoni Riassunto

Dettagli

Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale

Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale Disturbi alimentari, intervento Cognitivo Comportamentale ABSTRACT Dr. Dai Prà Mirko, tratto ed adattato da (Fursland, 2012)) I disturbi del comportamento alimentare sono molto frequenti nella nostra società

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Il percorso di avvicinamento all intervento: Gruppi Educazionali. I. Favara

Il percorso di avvicinamento all intervento: Gruppi Educazionali. I. Favara Il percorso di avvicinamento all intervento: Gruppi Educazionali I. Favara IL PAZIENTE CHE RICHIEDE L INTERVENTO CHIRURGICO HA UNA PRECISA INTENZIONE: RISOLVERE UN PROBLEMA GRUPPI EDUCAZIONALI VS. GRUPPI

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

Concetti fondamentali del Comportamentismo (behaviorismo)

Concetti fondamentali del Comportamentismo (behaviorismo) Aspetti cognitivocomportamentali per la prevenzione dei tumori Enza Paola Cela Psicologa SIAN ASL FG e.cela@aslfg.it Concetti fondamentali del Comportamentismo (behaviorismo) Idea di fondo: alla nascita

Dettagli

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta 11 novembre 2004 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato che tra i ragazzi della fascia d'età compresa tra i 9 ed i 17 anni, una percentuale

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993

Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Anxiety Sensitivity Index (ASI) Reiss et al., 1986; Peterson e Reiss 1993 Nel 1985 Reiss e collaboratori reinterpretarono la paura della paura come dovuta ad una sensibilità specifica all ansia. Valuta

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

«L auto mutuo aiuto come risorsa per il trattamento»

«L auto mutuo aiuto come risorsa per il trattamento» «L auto mutuo aiuto come risorsa per il trattamento» di Matteo Iori (*) San Pellegrino Terme (BG), 29 settembre 2015 La storia e il contesto italiano L aiuto reciproco è un antica e preziosa modalità con

Dettagli

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ Congresso PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI CONDIVISI PER L ADHD Una risposta alle criticità e ai bisogni inevasi Milano, 10 novembre 2015 AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ SESSIONE: STRUTTURA DELLA RETE

Dettagli

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI AGGIORNAMENTO INSEGNANTI Vengono proposti moduli di aggiornamento destinati a insegnanti, dalla scuola per l infanzia alla scuola secondaria. Questi corsi possono essere realizzati all interno di una singola

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo

Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Disturbi del Comportamento Alimentare: l esperienza infermieristica del Centro Pilota Regionale Lombardo Angela Fantoni Coordinatore Infermieristico fanangi1@gmail.com SPEDALI CIVILI BRESCIA, Gussago (BS)

Dettagli

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA)

IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) IMMAGINE DEL CORPO E QUALITÀ DI VITA, QUALI MISURE DI OUTCOME NEI SOGGETTI CON DISTURBO DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) ANNAPIA VERRI ISTITUTO NEUROLOGICO NAZIONALE C. MONDINO-PAVIA WEIGHT-RELATED DISORDERS

Dettagli

Seminario. I Disturbi depressivi e le applicazioni terapeutiche. Dr. Antonello Chiacchio Psicologo-Psicoterapeuta Sito:www.antonellochiacchio.

Seminario. I Disturbi depressivi e le applicazioni terapeutiche. Dr. Antonello Chiacchio Psicologo-Psicoterapeuta Sito:www.antonellochiacchio. Seminario I Disturbi depressivi e le applicazioni terapeutiche Dr. Antonello Chiacchio Psicologo-Psicoterapeuta Sito:www.antonellochiacchio.com 1 PARTIAMO DA 3 DOMANDE Cosa fa lo psicoterapeuta in una

Dettagli

IL PROTOCOLLO TERAPEUTICO ENTROPIA NEGATIVA

IL PROTOCOLLO TERAPEUTICO ENTROPIA NEGATIVA Tullio Scrimali e Damiana Tomasello IL PROTOCOLLO TERAPEUTICO E RIABILITATIVO ENTROPIA NEGATIVA 1 Nella schizofrenia (ancora più che in ogni altra patologia) la relazione terapeuticati di base sicura costituisce

Dettagli

Il primo approccio: la fase dell ingaggio

Il primo approccio: la fase dell ingaggio FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappeso obeso: Il

Dettagli

I mali che fuggi sono in te. Seneca

I mali che fuggi sono in te. Seneca www..ansiiasociialle..iitt ANSIA SOCIALE,, TIMIDEZZA,, VERGOGNA,, ASSERTIVITÀ I mali che fuggi sono in te. Seneca L ANSIA SOCIALE consiste nella paura eccessiva e immotivata di trovarsi esposti al giudizio

Dettagli

Integrazioni Complementari durante i Trattamenti Psicoterapeutici (PNL e Scienze Cognitive )

Integrazioni Complementari durante i Trattamenti Psicoterapeutici (PNL e Scienze Cognitive ) Integrazioni Complementari durante i Trattamenti Psicoterapeutici (PNL e Scienze Cognitive ) a cura di Salvatore La Fata 1 Alla luce dei principi della PNL e delle Scienze Cognitive la Personalità è un

Dettagli

PSICOTERAPIA COGNITIVA QUALE INTEGRAZIONE

PSICOTERAPIA COGNITIVA QUALE INTEGRAZIONE PSICOTERAPIA COGNITIVA QUALE INTEGRAZIONE POSSIBILE? IL CAMPO DELLE TERAPIE COGNITIVE -Terapia Razionale - Emotiva -Terapia Cognitiva (classica) -Terapia Cognitivo-Comportamentale -Terapia Cognitivo-Sociale

Dettagli

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa

Criteri diagnostici principali. Bulimia Nervosa. Anoressia nervosa Linee guida per curare con efficacia i disturbi dell alimentazione e del peso. Cause e conseguenze del disturbo, i soggetti a rischio, l informazione e le terapie più adeguate per la cura e la risoluzione

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento.

Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Aspetti emotivo-relazionali implicati nei disturbi specifici di apprendimento. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD

INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD G. Doneddu*, R. Fadda** *Centro Regionale per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo, **Azienda Ospedaliera G. Brotzu Dipartimento di Psicologia, Università

Dettagli

Tullio Scrimali e Damiana Tomasello

Tullio Scrimali e Damiana Tomasello Tullio Scrimali e Damiana Tomasello ANALISI COMPONENZIALE DEI PROTOCOLLI COGNITIVO-COMPORTAMENTALI PER IL TRATTAMENTO DELLA SCHIZOFRENIA Dalla ricerca allo sviluppo di un protocollo operativo evidence-based,

Dettagli

Che cos è la fobia sociale

Che cos è la fobia sociale Che cos è la fobia sociale La fobia sociale è un disturbo d ansia caratterizzato dalla paura di essere giudicati negativamente in situazioni sociali o durante lo svolgimento di un attività. Tipicamente

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Disturbo d ansia generalizzato

Disturbo d ansia generalizzato Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Disturbo d ansia generalizzato Che cos è il disturbo d'ansia generalizzato Il disturbo d ansia generalizzato è un disturbo

Dettagli

Autoefficacia e apprendimento

Autoefficacia e apprendimento Autoefficacia e apprendimento Definizione di autoefficacia Convinzione della propria capacità di fornire una certa prestazione organizzando ed eseguendo le sequenze di azioni necessarie per gestire adeguatamente

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

La Terapia Cognitivo Comportamentale in Caso di Diabete. Dott. Alessandro Carmelita Istituto di Scienze Cognitive Srl WWW.VICINOATE.

La Terapia Cognitivo Comportamentale in Caso di Diabete. Dott. Alessandro Carmelita Istituto di Scienze Cognitive Srl WWW.VICINOATE. La Terapia Cognitivo Comportamentale in Caso di Diabete Dott. Alessandro Carmelita Istituto di Scienze Cognitive Srl WWW.VICINOATE.COM Quello che pensiamo e quello che sentiamo Spesso pensieri ed emozioni

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare

Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Approccio Clinico ai Disturbi del Comportamento Alimentare Disturbi del Comportamento Alimentare DCA Anoressia Nervosa Bulimia Nervosa Binge Eating Disorder DCA Non Altrimenti Specificati Anoressia Nervosa

Dettagli

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE

L ENTUSIASMO E IMPORTANTE DISC PROFILO GIALLO INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale GIALLO influenzano il loro ambiente essendo socievoli, persuasivi e convincenti al punto da influenzare e ispirare gli altri.

Dettagli

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé

Assertività. Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi. Assenza Di paure o Inibizioni sociali. di sé Assertività Un adeguata comunicazione deve avere al meno tre elementi Presenza di Affinate Abilità interpersonali Assenza Di paure o Inibizioni sociali Buona immagine di sé Privata e professionale ESSERE

Dettagli

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc.

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc. Qual è il destino professionale dei diplomati in psicoterapia della scuola della Associazione di Psicologia Cognitiva e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva srl? Francesca Baietta, Michela Carreri, Daniele

Dettagli

Nel 1993 il Dipartimento di Salute Mentale dell OMS ha individuato nelle Life Skills lo strumento privilegiato per la promozione della salute in

Nel 1993 il Dipartimento di Salute Mentale dell OMS ha individuato nelle Life Skills lo strumento privilegiato per la promozione della salute in Life Skills Nel 1993 il Dipartimento di Salute Mentale dell OMS ha individuato nelle Life Skills lo strumento privilegiato per la promozione della salute in ambito scolastico. Nel glossario della promozione

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA G. Martinotti Addictive Behaviours Unit Istituto di Psichiatria e Psicologia Università Cattolica del Sacro Cuore Roma L outcome in psicoterapia La valutazione

Dettagli

Il gruppo: un esperienza da condividere

Il gruppo: un esperienza da condividere Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa SerT Sede Ser.T. di Ferrara Centro Psicosociale e Unità mobile di strada Il Direttore Prot. N. Ferrara, 14/10/2010

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI DISASSUEFAZIONE DAL FUMO PER OPERATORI SANITARI E SOCIOSANITARI (SULLA BASE DELLE LINEE GUIDA ATTUALI)

ORGANIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI DISASSUEFAZIONE DAL FUMO PER OPERATORI SANITARI E SOCIOSANITARI (SULLA BASE DELLE LINEE GUIDA ATTUALI) ORGANIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DI DISASSUEFAZIONE DAL FUMO PER OPERATORI SANITARI E SOCIOSANITARI (SULLA BASE DELLE LINEE GUIDA ATTUALI) Ezio Manzato Ambulatorio per Smettere di Fumare SER.D Zevio Az ULSS

Dettagli

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 MILANO c/o A&P Business Lounge Maggio-Luglio 2013 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM Obiettivi Obiettivi L obiettivo

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

? Parola di ricercatori (Brinol P., Petty R.E. e Wagner B., Body posture effects on self-evaluation, in European Journal of Social Psychology ).

? Parola di ricercatori (Brinol P., Petty R.E. e Wagner B., Body posture effects on self-evaluation, in European Journal of Social Psychology ). La PNL è una tecnica che ha l'obiettivo di allenare la mente al benessere, attraverso esercizi mentali e fisici che ottimizzano le peculiarità e le capacità del cervello. Lo sapevate che sedere con la

Dettagli

Journal of Family Therapy

Journal of Family Therapy Valutazione della terapia psicologica rivolta alle famiglie - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SU Journal of Family Therapy Daniela Riotto In Journal of Family Therapy

Dettagli

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA

LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA ALIMENTAZIONE E COUNSELING LE ABILITÀ DI BASE DEL COUNSELING: ACCRESCERE L AUTOSTIMA E L AUTOEFFICACIA PAOLA DELLA ROVERE Psicologa Metodologia fondata sul concedo di: COUNSELING ASCOLTO ATTIVO e ATTENZIONE

Dettagli

PERSONALITÀ (PD): FUNZIONAMENTO INTERPERSONALE.

PERSONALITÀ (PD): FUNZIONAMENTO INTERPERSONALE. L INIBIZIONE NEI DISTURBI DI PERSONALITÀ (PD): CORRELAZIONE CON I SINTOMI E IL FUNZIONAMENTO INTERPERSONALE. RAFFAELE POPOLO CENTRO DI TERAPIA METACOGNITIVA INTERPERSONALE www.centrotmi.com Giancarlo Dimaggio

Dettagli

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi SOMMINISTRAZIONE DEL TEST E ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI 19 2 Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi Criteri di idoneità Il TAD misura una gamma di sintomatologie associate a depressione e

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

I disturbi alimentari nei minori

I disturbi alimentari nei minori Terzo di Aquileia, 19 gennaio 2015 PARLIAMONE INSIEME per il benessere dei figli attraverso la tranquillità dei genitori I disturbi alimentari nei minori Gian Luigi Luxardi Centro per i Disturbi Alimentari

Dettagli

Live the Life: intervento di coterapia integrato per

Live the Life: intervento di coterapia integrato per XVI CONGRESSO AIAMC- PESCARA - 25/28 OTTOBRE 2012 Benessere e consapevolezza in psicoterapia: Nuove tendenze nell approccio cognitivo comportamentale. Live the Life: intervento di coterapia integrato per

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

AUTOEFFICACIA E PRESENTAZIONE SPORT-LAB

AUTOEFFICACIA E PRESENTAZIONE SPORT-LAB AUTOEFFICACIA E PRESENTAZIONE SPORT-LAB DOCENTE PROF.SSA ALESSANDRA CAMPEDELLI SECONDO CICLO DEL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER LE ATTIVITA DI SOSTEGNO DIDATTICO AGLI ALUNNI CON DISABILITA A.A. 2015 Il

Dettagli

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT.

RESPONSABILI: Direttore CSM Dr. Mario Nicotera Dr.ssa Caterina Iocca,psicologo dirigente, specialista in CBT. UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA-RIABILITATIVA CENTRO DIURNO PROGETTO SPERIMENTALE DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Disturbo dell alimentazione: Conoscere per curare e per vivere RESPONSABILI: Direttore

Dettagli

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato

Gruppo eterogeneo di disordini caratterizzati da una molteplicità di sintomi che si manifestano attraverso un comportamento alimentare disturbato Insieme delle condizioni cliniche che manifestano un disagio espresso attraverso un rapporto alterato con il cibo e con il proprio corpo tali da compromettere la qualità della vita e le relazioni sociali

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda

L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda L approccio cognitivo comportamentale e il ruolo del nutrizionista. Dott. Arianna Banderali Casa di Cura Villa Garda Evoluzione del trattamento di Villa Garda Primo reparto per la cura ospedaliera dei

Dettagli

- 1987: Maturità Classica conseguita presso il Liceo Classico G. Nolfi, Fano (PU), con votazione 60/60

- 1987: Maturità Classica conseguita presso il Liceo Classico G. Nolfi, Fano (PU), con votazione 60/60 Curriculum Vitae Dott.ssa. Maria Elena Ridolfi Nata a: Castelmassa (RO), il 25/7/1967 Residente a: Fano (PU), Via Tito Speri 10 Tel. Cellulare: 339-1451575 e-mail: mariaelenaridolfi@yahoo.com Istruzione:

Dettagli

Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1

Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1 Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1 Secondo il modello cognitivo del DP gli attacchi di panico si verificano quando gli individui percepiscono alcune sensazioni corporee come molto

Dettagli