L habitus come oggetto e come strumento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L habitus come oggetto e come strumento"

Transcript

1 Saggi

2

3 Loïc Wacquant L habitus come oggetto e come strumento Riflessioni sul divenire pugile professionista Habitus as Topic and Tool. Reflections on Becoming a Prizefighter This article recounts how I took up the ethnographic craft; stumbled upon the Chicago boxing gym that is the central scene and character of my field study of prizefighting in the black American ghetto; and designed the book Body and Soul so as to both deploy methodologically and elaborate empirically Pierre Bourdieu s signal concept of habitus. Habitus is the topic of investigation: the book dissects the forging of the corporeal and mental dispositions that make up the competent pugilistic in the crucible of the gym. But it is also the tool of investigation: the practical acquisition of those dispositions by the analyst serves as technical vehicle for better penetrating their social production and assembly. The apprenticeship of the sociologist is a methodological mirror of the apprenticeship undergone by the empirical subjects of the study; the former is mined to dig deeper into the latter and unearth its inner logic and subterranean properties; and both in turn test the robustness and fruitfulness of habitus as guide for probing the springs of social conduct. Properly used, habitus not only illuminates the variegated logics of social action; it also grounds the distinctive virtues of deep immersion in and carnal entanglement with the object of ethnographic inquiry. Habitus, apprenticeship, ethnography, theory, social action, subjectivity, carnal sociology In questo saggio racconto come ho iniziato la mia ricerca etnografica, come mi sono imbattuto a Chicago nella palestra di pugilato che è sia scena sia personaggio principale della mia ricerca sul pugilato nel ghetto nero, e quindi come ho scritto Anima e corpo, il libro che riassume quella ricerca, sviluppando metodologicamente ed empiricamente il fondamentale concetto di habitus introdotto da Pierre Bourdieu (Wacquant, 2002c). Traccio inoltre qualche connessione biografica, intellettuale e analitica tra questo progetto di ricerca sull abilità corporea, il quadro teorico in cui esso si inserisce e la ricerca comparativa più ampia sulla marginalità urbana che in modo inatteso mi ha condotto a occuparmi di pugilato. Vorrei anche delineare come gli aspetti pratici del lavoro di campo mi abbiano condotto dal ghetto come incarnazione della dominazione etnorazziale al fatto dell incorporazione dell habitus come problema e risorsa per la ricerca sociale. Con questa riflessione sul divenire pugile professionista voglio mostrare che il lavoro di campo può essere uno strumento per la teoria sociale e voglio sottolineare l importanza The English version of the article is available for downloading at the web page of the publishing house: ETNOGRAFIA E RICERCA QUALITATIVA - 1/2009

4 Loïc Wacquant della conoscenza attraverso il corpo, l imperativo della riflessività epistemica, insieme al bisogno di ampliare i generi e gli stili etnografici per meglio comprendere lo Sturm und Drang dell azione sociale prodotta a vissuta. Il concetto di habitus mi ha fornito al tempo stesso l àncora e la bussola del viaggio etnografico che racconto in Anima e corpo. Esso è l oggetto della ricerca, in quanto il libro analizza dettagliatamente la formazione delle disposizioni corporee e mentali che determinano la bravura del pugile su quel banco di prova che è il ring; ma è anche lo strumento della ricerca, in quanto l acquisizione pratica delle disposizioni degli attori da parte del ricercatore può servire come mezzo tecnico per meglio comprendere la produzione e gestione sociale di quelle. In altre parole, l apprendistato del sociologo è uno specchio metodologico dell apprendistato a cui si sottopongono i soggetti stessi del suo studio. Mentre il primo cerca di scavare nelle pratiche dei secondi per portare alla luce la logica intima e le proprietà dell azione, entrambi si trovano ad esperire la solidità e l utilità concreta dell habitus come guida per saggiare i risultati dell azione. Al contrario dell idea comune prevalente, secondo cui l habitus non sarebbe altro che una nozione vaga di riproduzione meccanica della struttura sociale, che cancellerebbe la storia, sorta di black box che svierebbe l osservazione e confonderebbe la spiegazione (vedi Jenkins, 1991 per un repertorio standard di queste critiche), l elaborazione sociologica di Bourdieu di questo concetto filosofico classico rappresenta un potente strumento per stimolare la ricerca sociale e delineare meccanismi sociali effettivamente agenti. Utilizzato in modo adeguato, l habitus ci permette non solo di chiarire le diverse logiche dell azione sociale, ma anche di dare un fondamento all immersione nel e al coinvolgimento con l oggetto dell indagine etnografica. 1. Dal Pacifico del sud al South Side di Chicago Poiché la nozione di habitus presuppone che gli attori umani siano animali storici che portano nel proprio corpo delle sensibilità e delle categorie che sono prodotti sedimentati delle loro esperienze sociali passate, può essere utile cominciare a parlare di habitus raccontando un po come sono arrivato alla ricerca etnografica e cosa mi sono portato nel South Side di Chicago quanto a interessi e aspettative intellettuali. La mia iniziazione al lavoro di campo è precedente alla mia entrata alla graduate school dell Università di Chicago nel In adempimento ai miei obblighi militari (cui tutti i cittadini francesi maschi erano tenuti a quel tempo), fui assegnato, per un colpo di fortuna, al servizio civile nel Pacifico del sud come sociologo in un centro di ricerca dell ORSTOM, l ex «ufficio delle ricerche coloniali» francese. Trascorsi così due anni in Nuova Caledonia, un isola francese a nordest della Nuova Zelanda, in un piccolo gruppo di ricerca in effetti, eravamo in tre proprio nel periodo della rivolta Kanak nel novembre del Ciò significa che ho vissuto e la- 1 Kanak è il nome che la popolazione nativa della Nuova Caledonia si diede per esprimere la propria richiesta di riconoscimento culturale e indipendenza politica (in opposizione 8

5 L habitus come oggetto e come strumento vorato in una società coloniale arcaica e piuttosto brutale, dal momento che negli anni Ottanta la Nuova Caledonia era ancora una colonia impostata su modello ottocentesco, sopravvissuta praticamente intatta fino quasi alla fine del ventesimo secolo (vedi Bensa, 1995). Si trattò di una straordinaria esperienza per un apprendista sociologo, di poter studiare il sistema scolastico, l urbanizzazione e il mutamento sociale nel contesto di un insurrezione, in pieno stato di emergenza, potendo osservare in tempo reale le lotte tra le forze coloniali e quelle indipendentiste; mi sono trovato così a riflettere in modo concreto sul ruolo civile delle scienze sociali. Ebbi ad esempio il privilegio di partecipare al congresso del Fronte di Liberazione Nazionale Socialista Kanak che si tenne a Canala nel momento culminante degli scontri e attraversai anche Grande Terre (l isola principale della Nuova Caledonia), e feci diversi soggiorni sull isola di Lifou a casa di amici che erano militanti Kanak di vecchia data, in un periodo in cui praticamente nessun francese osava mettersi in viaggio. L esperienza della Nuova Caledonia mi sensibilizzò alla disuguaglianza etnorazziale e alla ripartizione spaziale come vettore di controllo sociale: i Kanak infatti erano relegati in riserve rurali isolate e ipersegregati in alcuni quartieri della capitale Nouméa. Mi resi conto del diversificato funzionamento delle rigide gerarchie di colore e onore nella vita quotidiana e del ruolo cruciale del corpo come obiettivo, ricettacolo e fonte delle relazioni asimmetriche di potere. Quell esperienza mi espose anche alle forme più grevi dell immaginario razziale: i nativi melanesiani erano tipicamente dipinti come «super-primitivi» senza cultura né storia, persino nel momento in cui stavano cercando di afferrare il proprio destino storico (Bourdieu, Bensa, 1985). Tutto questo si sarebbe dimostrato immensamente utile più tardi, nel South Side di Chicago, in cui si verificava un analogo trattamento degli afro-americani. In Nuova Caledonia lessi i classici dell etnologia Mauss, Mead, Malinowski, Radcliffe-Brown, Bateson e così via (specialmente i loro lavori sul Pacifico meridionale, dato che le isole Trobriand non sono lontane da dove mi trovavo) e tenni i miei primi diari etnografici. Il primo in assoluto fu scribacchiato nella tribù di Luecilla, nella baia di Wé, durante il Natale del 1983, circa un anno prima della rivolta indipendentista (vi descrivevo in particolare la caccia al pipistrello e la sua cottura alla griglia, che divenne poi la mia cena di quella sera). Quegli appunti confluirono in seguito nel mio libro sulla disuguaglianza educativa, il conflitto coloniale e la trasformazione delle comunità melanesiane sotto la pressione dell espansione capitalista e del governo francese. Al termine del mio soggiorno in Caledonia vinsi una borsa di dottorato quadriennale all Università di Chicago, la culla della sociologia americana e patria della principale tradizione di etnografia urbana. Arrivando nella città di Upton Sinclair, la mia idea era di lavorare sulla storia e l antropologia della dominazione coloniale in Nuova Caledonia; ma presto venni completamente dirottato verso il ventre scuro del ghetto americano. Da un lato, l accesso alla Nuova Caledonia mi venne bruscamente negato dopo che ebbi compilato una a «Melanesiani», la denominazione ufficiale che aveva origine nell era coloniale). Il termine deriva dalla parola hawaiana «kanaka», che significa «uomo» [ndt]. 9

6 Loïc Wacquant nota di denuncia contro il mediocre burocrate che era il supervisore della mia ricerca a Nouméa e che voleva che il suo nome comparisse come quello di coautore della monografia sul sistema scolastico, una ricerca che avevo condotto tutta da solo (Wacquant, 1985). I direttori dell Istituto a Parigi decisero di coprire il loro uomo e di fatto mi chiusero i canali per tornare sull isola. Dall altro lato, mi trovai a confrontarmi giorno per giorno con la spiacevole realtà del ghetto di Chicago, o di quel che ne rimaneva. Mi fu dato l ultimo alloggio per studenti disponibile nel campus, quello che nessun altro aveva voluto, e così mi trasferii sulla sessantunesima strada, al margine del quartiere nero e povero di Woodlawn. Era una fonte di costante inquietudine e perplessità trovarmi sotto la finestra quel paesaggio urbano quasi-lunare, fatto di incredibile decadimento, miseria e violenza, organizzato intorno a una separazione completa tra il mondo dell università, bianco, ricco e privilegiato, e i circostanti quartieri afroamericani, completamente abbandonati a se stessi. Venendo dall Europa occidentale, dove simili livelli di decadimento urbano, di deprivazione materiale e segregazione etnica sono sconosciuti, questo fatto mi metteva ogni giorno profondamente in questione, intellettualmente e politicamente. È a questo punto che ebbe luogo il secondo incontro decisivo per la mia vita intellettuale, quello con William Julius Wilson (il primo era stato quello con Pierre Bourdieu, cinque anni prima, quando decisi di passare dall economia alla sociologia dopo aver assistito a una sua lezione, come ho raccontato in Wacquant, 2002a). Wilson è il principale sociologo afroamericano della seconda metà del ventesimo secolo e uno tra i maggiori esperti sul rapporto tra razza e classe negli Stati Uniti, al punto che la sua analisi su «I neri e le istituzioni americane», in The Declining Significance of Race (Wilson, 1978), definì già verso la fine degli anni Settanta i parametri di questo sottocampo di ricerca sociale. Ad ogni modo Wilson era uno dei professori che inizialmente mi avevano motivato ad andare a Chicago e così, quando mi offrì la possibilità di collaborare con lui a un grosso progetto di ricerca sulla povertà urbana che aveva appena iniziato (si tratta grosso modo del filone di ricerca definito nel suo libro The Truly Disadvantaged, Wilson, 1987), colsi al volo l occasione e divenni rapidamente un suo stretto collaboratore e in seguito un suo coautore. Potei così andare dritto al cuore della questione e esaminare da vicino come questo dibattito scientifico e politico operava ai livelli più alti, specialmente nelle fondazioni filantropiche e nei think tank che delineavano il ritorno della problematica dell intreccio tra razza, classe e povertà nella inner city. In questo modo iniziai le mie ricerche prima come seguace di Wilson, in seguito da solo sulla trasformazione del ghetto nero dopo le rivolte degli anni Sessanta, cercando di rompere con la visione patologizzante che pervadeva e distorceva la ricerca in questo campo. Ho un enorme debito personale e intellettuale con Bill Wilson, che è stato per me un mentore al tempo stesso esigente e generoso: mi ha spronato e sostenuto, dandomi la libertà di divergere dalle sue analisi, e persino, a volte, di andare in una direzione completamente opposta alla sua. Il suo esempio mi ha insegnato cosa sia il coraggio intellettuale: non perdere di vista il quadro generale, scavare a fondo nei dettagli, porre le domande più spinose 10

7 L habitus come oggetto e come strumento persino quando ciò comporta perdere un po di penne sociali e accademiche per strada. Ricordo che invitò Pierre Bourdieu a parlare al proprio gruppo di ricerca in merito al suo studio sull urbanizzazione e sulla proletarizzazione dell Algeria a partire dai primi anni Sessanta (Bourdieu et al., 1963). A quanto pare, Bourdieu aveva anche cercato di far tradurre The Declining Significance of Race in francese alcuni anni prima. Questo incontro e le discussioni che ne seguirono consolidarono in me l idea che potevo tracciare una connessione tra, da un lato, le prime investigazioni antropologiche di Bourdieu sulle traiettorie di vita dei sottoproletari algerini e, dall altro, le difficoltà contemporanee dei residenti del ghetto nero di Chicago di cui si occupava Wilson. Quel che non sapevo ancora, però, era il come. A questo riguardo l etnografia giocò un ruolo cruciale di giuntura, per almeno due aspetti. Da un lato, seguii più corsi di antropologia che di sociologia, poiché il dipartimento di sociologia si rivelò intellettualmente poco stimolante e perché, sin dai tempi della mia formazione in Francia, ero profondamente convinto dell unità della scienza sociale nel suo complesso. I corsi, le opere e gli incoraggiamenti di John e Jean Comaroff, Marshall Sahlins, Bernard Cohn e Raymond Smith mi spinsero verso il lavoro sul campo. Dall altro lato, cercavo un luogo di osservazione diretto all interno del ghetto, dato che la maggior parte della letteratura esistente sull argomento era il prodotto di uno sguardo da lontano che mi sembrava fondamentalmente viziato se non accecato (Wacquant, 1997). Mi sembrava chiaro che la letteratura era dominata da un punto di vista statistico, dall alto, sviluppato da ricercatori che in molti casi non avevano alcuna conoscenza di prima mano, e a volte neppure di seconda mano, della realtà ordinaria dei quartieri deprivati della Black Belt, e che colmavano questa mancanza con stereotipi giornalistici o accademici di senso comune. Volevo perciò ricostruire la questione del ghetto dal basso, basandomi su una precisa osservazione delle attività quotidiane e delle relazioni dei residenti di quella terra non grata e per questa ragione incognita (vedi Wacquant, 1998a per un primo sforzo). Mi sembrava epistemologicamente e moralmente impossibile far ricerca sul ghetto senza acquisirne una seria conoscenza di prima mano, dato che esso era letteralmente appena fuori dalla mia soglia di casa (nelle notti d estate si sentivano colpi di pistola giusto dall altra parte della strada) e dato che i lavori sin lì condotti mi sembravano pieni di nozioni accademicamente implausibili o perniciose, a cominciare dal mito della «underclass» che in quegli anni era una vera e propria produzione industriale (vedi Katz, 1993 e Gans, 1995 per una ricostruzione critica e Wacquant, 1997 per una disamina concettuale). Come maschio francese bianco, le mie esperienze formative sociali e intellettuali facevano di me un perfetto straniero a quell ambiente e mi facevano venir voglia di cercare di sviluppare una qualche concreta familiarità con esso. Dopo qualche tentativo andato a vuoto, trovai per caso una palestra di boxe a Woodlawn, a non più di tre isolati dal mio appartamento, e mi iscrissi dicendo che volevo imparare a boxare, molto semplicemente perché non c era altro che potessi fare lì dentro. In realtà non avevo alcuna curiosità o interesse per il mondo del pugilato in sé (ma volevo fare un po di esercizio fisico). La pale- 11

8 Loïc Wacquant stra doveva essere per me solo una piattaforma di osservazione sul ghetto, un luogo per incontrare potenziali informatori. 2. L habitus va in palestra Molto rapidamente, tuttavia, la palestra si rivelò non solo un incredibile finestra sulla vita dei giovani maschi del quartiere, ma anche un complesso microcosmo con una sua storia, una cultura e una sua vita morale, sociale, estetica ed emotiva intensa e ricca. Nel giro di pochi mesi, sviluppai un legame forte, corporeo con i frequentatori regolari del club e con il vecchio allenatore, DeeDee Armour, che divenne una sorta di padre adottivo per me. Venni sempre più attratto dal magnetismo della «dolce scienza» 2 al punto che cominciai a passare la maggior parte del mio tempo nella palestra. Dopo circa un anno, mi venne l idea di approfondire uno secondo oggetto di ricerca, la logica sociale dell abilità corporea. Cosa attrae i pugili? Cosa li spinge a dedicarsi a questo mestiere tra i più duri e fisicamente provanti? Come acquisiscono il desiderio e la competenze necessarie per andare avanti? Qual è, in tutto questo, il ruolo della palestra, della strada, della violenza e del disprezzo razziale che li circondano? Che proporzione hanno l interesse e il piacere, e che valore ha la credenza condivisa nel miglioramento personale? Come si crea una competenza sociale incarnata, trasmessa attraverso una pedagogia silenziosa dei corpi in azione? In breve, come si costruisce e si utilizza l habitus pugilistico? Ecco come mi trovai a lavorare su due progetti contemporaneamente. Progetti evidentemente diversi l uno dall altro ma di fatto intimamente connessi: una microsociologia corporea dell apprendistato nella boxe come competenza corporea sottoproletaria nel ghetto, che offre uno scorcio di quell universo dal basso e dall interno (Wacquant, 2002c); e una macrosociologia storica e teoretica del ghetto come strumento di separazione razziale e di dominazione sociale, che fornisce una prospettiva generalizzzante dall alto e dall esterno (Wacquant, 2008). Avevo iniziato a tenere un diario di campo dopo ogni sessione di allenamento a partire dal mio primo giorno in palestra, inizialmente per superare la prepotente sensazione di essere da tutti i punti di vista fuori luogo sulla scena pugilistica, non sapendo davvero a cosa mi sarebbero servite di preciso quelle note. Passai poi a prendere note più sistematiche per esplorare i diversi aspetti della «dolce scienza». La nozione di habitus mi si presentò subito come uno strumento concettuale per dar senso alle mie esperienze personali di apprendista pugile e come struttura per organizzare la mia osservazione della pedagogia pugilistica. Avevo letto i lavori antropologici di Bourdieu durante i miei anni in Caledonia. La sua elaborazione della nozione mi era perciò familiare, così come il suo intento di superare l antinomia tra un oggettivismo che riduce la pratica al precipitato meccanico di necessità strutturali e un soggettivismo che confonde la volontà personale dell attore con la fonte della sua azione 2 «Sweet science» è un altro termine con cui è nota l arte della boxe [ndt]. 12

9 L habitus come oggetto e come strumento (Bourdieu, 2005; vedi Wacquant, 2004b per una genealogia e un esegesi della nozione). L autore di Per una teoria della pratica aveva ripreso il termine da una lunga discendenza filosofica che va da Aristotele a San Tommaso a Husserl, sviluppando una teoria disposizionale dell azione che riconosce che gli attori sociali non sono esseri passivi tirati e sospinti da forze esterne, ma creature dotate di capacità che costruiscono attivamente la realtà sociale attraverso «categorie di percezione, valutazione e azione». Ma, a differenza della fenomenologia, Bourdieu insiste nel dire che, per quanto resistenti e condivise, queste categorie non sono universali (o trascendentali, nel linguaggio della filosofia kantiana), e che la matrice generativa che esse compongono non è costante. Piuttosto, come sedimenti di una storia individuale e collettiva, sono esse stesse socialmente costruite. Prodotto della storia, l habitus produce pratiche, individuali e collettive, dunque storia, conformemente agli schemi generati dalla storia; esso assicura la presenza attiva delle esperienze passate che, depositate in ogni organismo sottoforma di schemi di percezione, di pensiero e di azione, tendono, in modo più sicuro di tutte le regole formali e di tutte le norme esplicite, a garantire la conformità delle pratiche e la loro costanza attraverso il tempo (Bourdieu, 2005, p. 86). Quattro proprietà del concetto di habitus mi suggerivano la sua diretta rilevanza per svelare la formazione dei pugili professionisti. Primo, l habitus è un insieme di disposizioni acquisite, e nessuno nasce pugile (io meno di tutti!): l allenamento consiste precisamente in una costante prova fisica, in una regola di vita ascetica (per quanto riguarda cibo, tempo, emozioni, e desiderio sessuale) e in un gioco sociale volto a instillare nuove capacità, categorie e desideri specifici al cosmo pugilistico (Wacquant, 1998b). Secondo, l habitus pone la capacità pratica a un livello al di sotto di quello cosciente e discorsivo, e questo corrisponde perfettamente a un aspetto fondamentale dell esperienza dell apprendimento pugilistico, in cui l apprensione cognitiva è di poco aiuto (e può persino essere di serio impedimento sul ring) se non si è fatta propria la tecnica a livello corporeo (Wacquant, 1995a). Terzo, l habitus indica che l insieme di disposizioni varia a seconda della posizione e della traiettoria sociale: individui con esperienze di vita diverse hanno sviluppato modi di pensare, sentire e agire diversi; le loro disposizioni primarie potranno essere più o meno distanti da quelle richieste dalla dolce scienza e, di conseguenza, essi risulteranno più o meno capaci e adatti nell acquisire l abilità richiesta. Questo punto rispondeva in particolare alla mia esperienza diretta e alla serie di annotazioni che presi nel corso del tempo sul comportamento dei miei colleghi, mentre si barcamenavano tra le esigenze contrapposte della vita di strada e di quella della palestra, accettavano l autorità dell allenatore e cercavano di costruirsi una persona che si accordasse alle esigenze del mestiere. Quarto, le strutture volitive e cognitive socialmente costituite che formano l habitus sono malleabili e trasmissibili in quanto risultano da un lavoro pedagogico. In altri termini, se vuoi davvero capire l habitus devi studiare le pratiche organizzate di inculcamento attraverso cui si sedimenta (Wacquant, 1995b). 13

10 Loïc Wacquant Il «momento magico» del lavoro di campo che cristallizzò questa passione teorica e trasformò quel che inizialmente era un progetto collaterale in uno studio ad ampio raggio sulle logiche sociali dell incorporazione fu in realtà piuttosto sfortunato: mi ruppi il naso durante un allenamento nel maggio del 1989, dopo circa nove mesi dall inizio del mio noviziato. Questo infortunio mi costrinse a prendere una lunga pausa dal ring, durante la quale Bourdieu mi incitò a scrivere una nota di campo sulla mia esperienza per un numero tematico degli Actes de la recherche en sciences sociales dedicato a «Lo spazio dello sport». Il risultato fu un lungo articolo che mi mostrò come fosse sia fattibile sia fruttuoso convertire la teoria dell azione inscritta nella nozione di habitus in un esperimento empirico sulla produzione pratica dei pugili della palestra di Woodlawn (Wacquant, 1989; 2002a). Questo articolo fu presto accresciuto da un coinvolgimento più diretto dal punto di visto teoretico sulla questione dell habitus. Mentre infatti stavo conducendo le mie ricerche sulla boxe e il ghetto, restavo in costante contatto con Pierre Bourdieu, che continuava a incoraggiarmi e guidarmi. Avendo saputo che mi ero iscritto al Woodlawn Boys Club, mi scrisse una nota in cui diceva essenzialmente: «Dagli dentro, imparerai di più sul ghetto in questa palestra che da tutte le survey del mondo». (In seguito, quando mi immersi completamente nella cosa, si spaventò e cercò di farmi desistere. Quando mi iscrissi al Chicago Golden Gloves minacciò di diseredarmi perché temeva che mi sarei fatto del male, ma in seguito comprese che non c era da aver paura perché mi ero preparato seriamente a quel battesimo di fuoco). Bourdieu venne a Chicago diverse volte, visitò con me la palestra e incontrò DeeDee e i miei amici pugili (io lo presentavo loro come il «Mike Tyson della sociologia»). Durante una di queste visite, esaminò un mio progetto di un libro che avrebbe dovuto spiegare il nucleo teorico del suo lavoro al pubblico anglo-americano, dal momento che era soprattutto lì che la ricezione delle sue teorie era più spesso oggetto di distorsioni e incomprensione. Dedicammo tre anni alla scrittura di questo libro dalle due sponde dell Atlantico (attraverso fax, telefono, lettere e incontri ogni qualche mese), che alla fine divenne An Invitation to Reflexive Sociology (Bourdieu, Wacquant, 1992). In esso cercammo di analizzare accuratamente il nesso tra habitus, capitale e campo. In quegli anni condussi una specie di esistenza alla Dr-Jekyll-e-Mr-Hyde, praticando la boxe di giorno e scrivendo di teoria sociale di notte. Il pomeriggio andavo in palestra, mi allenavo, uscivo con i miei colleghi e facevo interminabili conversazioni con DeeDee prima di riaccompagnarlo a casa in auto. La sera, dopo aver trascritto le mie note di campo, passavo al manoscritto di libro con Bourdieu. Era alternativamente rinvigorente ed estenuante. Ma le sessioni diurne come apprendista pugile mi offrivano sia una pausa dalla teoria sia un potente stimolo a pensare attraverso le astratte questioni trattate nel libro in termini molto più mondani ed empirici. La sociologia del ghetto (che nel frattempo decisi di estendere a una comparazione con la trasformazione postindustriale della periferia urbana francese), l etnografia carnale del corpo che si allena e il lavoro teorico con Bourdieu furono tre filoni di ricerca elaborati nel medesimo periodo, intrecciati assieme. 14

11 L habitus come oggetto e come strumento Il progetto sulla boxe è un etnografia in un senso molto classico del termine, una sorta di studio di comunità locale come quelli che conducevano gli antropologi inglesi negli anni Quaranta, tranne che la mia comunità era costituita da una palestra e la mia tribù era quella dei pugili. Decisi di mantenere questa unità strutturale e funzionale perché mi consentiva di includere i pugili e di ritagliare l orizzonte temporale, relazionale, mentale, emotivo ed estetico che li separa dagli altri, che li spinge a eroicizzare il proprio mondo e che di conseguenza lo solleva al di sopra del suo ambiente quotidiano (Wacquant, 1995c). Volevo innanzitutto analizzare la relazione spezzata di «opposizione simbiotica» tra il ghetto e la palestra, la strada e il ring. In secondo luogo, volevo mostrare come la struttura sociale e simbolica della palestra governa la trasmissione delle tecniche di un arte maschile e la produzione di una credenza collettiva nella illusio pugilistica. Infine, speravo di riuscire a penetrare nella logica pratica di una pratica corporea che opera ai limiti della pratica stessa attraverso un lungo apprendistato in «prima persona». Per tre anni, mi fusi con l ambiente locale e fui preso io stesso nel gioco. Imparai a tirare di boxe e partecipai a tutte le fasi della preparazione del pugile, fino a combattere nel grande torneo amatoriale del Golden Gloves. Seguii i miei compagni di palestra nelle loro peregrinazioni personali e professionali e trattai regolarmente con allenatori, manager, promotori, che stavano sempre più trasformando il pianeta del pugilato in uno «show-business insanguinato» (Wacquant, 1998c). Così facendo, fui risucchiato nella polpa fisica e morale del pugilato, al punto che considerai persino seriamente di lasciar perdere la carriera accademica e di diventare un pugile professionista. Ma, come la discussione precedente dovrebbe ormai aver reso chiaro, l oggetto e il metodo di questa ricerca non erano classici. Anima e corpo offre in effetti una radicalizzazione empirica e metodologica della teoria dell habitus di Bourdieu. Da un lato, apro la «scatola nera» dell abito pugilistico dischiudendo la produzione e riunione delle categorie cognitive, della abilità corporee e dei desideri che nel loro complesso definiscono la competenza e l appetenza specifica del pugile. Dall altro lato, utilizzo l habitus come strumento metodologico, cioè mi metto io stesso nel vortice locale dell azione per acquisire attraverso la pratica, in tempo reale, le disposizioni del pugile con lo scopo di illuminare il magnetismo del cosmo pugilistico. Questo mi permette di mostrare la potente fascinazione che deriva dalla combinazione di capacità, sensualità e moralità che vincola il pugile al suo mestiere e gli imprime delle nozioni incorporate di rischio e redenzione che gli permettono di superare l opaco senso di sfruttamento che pesa su di lui (Wacquant, 2004a). Il metodo perciò mette alla prova la teoria dell azione che informa l analisi secondo un progetto di ricerca ricorsivo e riflessivo. L idea che mi ha guidato sin qui è stata di spingere la logica dell osservazione partecipante al punto della sua inversione e rovesciamento in una partecipazione osservante. Nella tradizione anglo-americana, quando gli studenti di antropologia vanno per la prima volta sul campo, vengono messi in guardia dal «diventare nativi». Nella tradizione francese, l immersione radicale invece è ammissibile penso a Les mots, la mort, les sorts di Jeanne Favret-Saada 15

12 Loïc Wacquant (1978) ma solo a condizione che sia accompagnata da una epistemologia soggettivista che ci fa perdere nelle profondità del soggetto-antropologo. La mia posizione, al contrario, è di dire: «diventa nativo» ma «diventa nativo armato», vale a dire attrezzato con strumenti teorici e metodologici, con l insieme delle problematiche che hai ereditato dalla tua disciplina, con la tua capacità di analisi riflessiva, guidato da uno sforzo costante, una volta superata la prova di iniziazione, di oggettivare questa esperienza e costruire l oggetto, invece di lasciarti ingenuamente costruire da esso. Vai avanti, diventa nativo, ma torna da sociologo! Nel mio caso, il concetto di habitus è servito sia come ponte per entrare nella fabbrica dal sapere pugilistico e dissezionare metodicamente la tessitura del funzionamento di quel mondo, sia come scudo contro la tentazione del soggettivismo che trasforma l analisi sociale in narrazione pura e semplice. 3. Dalla carne al testo Alcuni dei miei critici, scambiando la forma narrativa del mio libro per il suo contenuto analitico e fraintendendo il mio lavoro come un estensione degli «studi delle professioni» nello stile della seconda scuola di Chicago (Hughes, 1994), non hanno affatto notato il doppio ruolo che il concetto di habitus gioca nella mia indagine e si sono lamentati dell assenza di teoria nel libro (Wacquant, 2005b). Di fatto, teoria e metodo sono a tal punto portati avanti insieme che si fondono nell oggetto empirico stesso che ha reso possibile la loro elaborazione. Anima e corpo è una etnografia sperimentale nel senso originario del termine, in quanto il ricercatore è uno di quei corpi socializzati gettati nell alambicco sociomorale e fisico della palestra, uno dei corpi-in-azione la cui trasmutazione può venire seguita per penetrare l alchimia attraverso la quale vengono forgiati i pugili. L apprendistato è qui un mezzo per acquisire una padronanza pratica, una conoscenza viscerale dell universo osservato, un modo per spiegare la prasseologia degli agenti in esame, come peraltro raccomandato da Erving Goffman (1989) in una famosa lezione sul lavoro di campo e non un mezzo per entrare nella soggettività del ricercatore. Non è affatto una caduta nel pozzo senza fondo del soggettivismo in cui si compiace l auto-etnografia (Reed-Danahay, 1997). Al contrario, si basa sulla più intima delle esperienze, quella del corpo che desidera e soffre, per afferrare in vivo la produzione collettiva degli schemi di percezione, valutazione e azione che vengono condivisi in vari gradi da tutti i pugili, qualunque sia la loro origine, la loro traiettoria e il loro posizionamento nella gerarchia sportiva (Wacquant, 2005a). Il protagonista della storia non è perciò né «Busy» Louie, né questo o quel pugile, e neppure il vecchio allenatore DeeDee, nonostante la posizione centrale che occupa: è la palestra come crogiuolo sociale e morale. In sostanza con questo progetto sostengo di aver fatto in modo esplicito, metodico e soprattutto estremo quel che fa ogni buon etnografo, vale a dire dedicarsi ad afferrare in modo pratico, tattile, sensoriale la realtà prosaica che sta studiando per gettare luce sulle categorie e le relazioni che organizzano la condotta ordinaria e i sentimenti dei soggetti studiati. Eccetto che di solito 16

13 L habitus come oggetto e come strumento tutto questo si fa senza parlarne o senza tematizzare il ruolo di «co-presenza» con il fenomeno studiato, o facendo credere a se stessi e agli altri che si tratti di un puro processo mentale, invece che di un apprendistato corporeo e sensoriale che procede a livello inconscio prima di venire mediato dal linguaggio. Anima e corpo offre una dimostrazione in azione delle possibilità e delle virtù di una sociologia carnale che rispecchia fedelmente il fatto che l attore sociale è un animale che soffre, un essere di carne e sangue, nervi e viscere, abitato da passioni e dotato di conoscenze e capacità incarnate in opposizione all animal symbolicum della tradizione neokantiana, sia pure aggiornata, da un lato, da Clifford Geertz (1988) e dai seguaci dell antropologia interpretativa e, dall altro, da Herbert Blumer (2008) e dagli interazionisti simbolici e questo vale anche per il sociologo. Tutto ciò infatti implica che dobbiamo rimettere in gioco il corpo del sociologo e trattare la sua presenza fisica non come un ostacolo alla comprensione, come vorrebbe l intellettualismo impregnato di una concezione banale di pratica intellettuale, ma bensì come vettore della conoscenza del mondo sociale. Anima e corpo non è un esercizio di antropologia riflessiva nel senso inteso dall antropologia «poststrutturalista» o «postmodernista», secondo la quale il ritorno dello sguardo analitico è diretto o verso il soggetto conoscente o verso il testo che tale soggetto alla fine redige percorrendo una serie di circuiti di potere-conoscenza che finiscono in un relativismo contraddittorio ed auto-distruttivo (Hastrup, 1995; Marcus, 1998). Tali forme di riflessività, narcisistiche e discorsive, sono piuttosto superficiali; costituiscono certamente un utile momento della ricerca perché aiutano a fare piazza pulita delle distorsioni più rozze (radicate nell identità, nella traiettoria, negli affetti e nella retorica del ricercatore). Ma da un certo punto in poi finiscono per bloccare il movimento della critica proprio dove esso ha più bisogno di avviarsi, ovvero nella costante messa in questione delle categorie e delle tecniche dell analisi sociologica e della relazione con il mondo che esse presuppongono. È questo ritorno agli strumenti di costruzione dell oggetto, in quanto opposti al soggetto dell oggettivazione, che è il vero segno distintivo di quella che si può chiamare riflessività epistemica (Bourdieu, Wacquant, 1992, pp ; Bourdieu, 2002). Ed ecco un altra differenza rispetto alla riflessività «egologica» o testuale degli antropologi soggettivisti: la riflessività epistemica viene messa in campo non alla fine del progetto, ex post, quando si tratta di stendere il rapporto di ricerca finale, ma durante, ad ogni passo dell investigazione. Essa si indirizza alla totalità delle operazioni di ricerca più routinarie, dalla selezione del campo e dal reclutamento degli informatori alla scelta delle domande da porre e da evitare, fino allo schema teorico generale, agli strumenti metodologici e alle tecniche rappresentative nel momento stesso in cui vengono utilizzate. Così, Anima e corpo è un libro riflessivo nel senso che il design stesso della ricerca mi ha costantemente costretto a riflettere sull adeguatezza dei mezzi rispetto ai fini, sulla differenza tra controllo pratico e controllo teorico di una pratica, sul divario tra infatuazione sensoriale e comprensione analitica, sullo iato tra il viscerale e il mentale, l ethos e il logos tanto del pugi- 17

14 Loïc Wacquant lato quanto della sociologia. Allo stesso modo, Urban Outcasts (Wacquant, 2008), il libro macrosociologico che sviluppa una comparazione della struttura e dell esperienza della segregazione urbana nel ghetto nero americano e nella periferia francese, è un lavoro di sociologia urbana riflessiva in quanto interroga incessantemente le categorie stesse che utilizza «underclass», «inner city», «banlieue», iperghetto, anti-ghetto, precariato al fine di pensare le nuove configurazioni della marginalità urbana. Basarsi su una chiara demarcazione tra categorie «folk» e categorie analitiche è per me l unico fondamento possibile della riflessività. La riflessività epistemica è tanto più urgente per gli etnografi in quanto tutto cospira ad invitarli a sottostare alle precostruzioni di senso comune, generiche o accademiche che siano. Il loro dovere metodologico è di restare sensibili agli attori che essi studiano, prendendo sul serio il loro «punto di vista». Se fanno bene il loro lavoro, finiscono per essere anche legati a questi attori da legami affettivi che incoraggiano tanto l identificazione quanto il trasferimento (per un accorta analisi dell uso metodologico del trasferimento in Anima e corpo, vedi Manning, 2005). Infine, l immagine pubblica dell etnografia purtroppo anche da parte di alcuni scienziati sociali viene accomunata alla narrazione, alla scrittura diaristica, se non addirittura all epica. L antropologo o il sociologo che fanno lavoro di campo devono perciò raddoppiare la dose di riflessività. Questo è quel che ho cercato di mostrare in «Scrutinizing the Street», a proporsito delle tendenze e dei limiti dell etnografia urbana negli Stati uniti (Wacquant, 2002b). L obiettivo della mia critica non sono i tre libri su razza e povertà urbana che ho sottoposto a una dissezione analitica (e ancor meno i loro autori, che sono qui dei semplici punti in uno spazio accademico, o le loro posizioni politiche, che mi sono completamente indifferenti) bensì un certo atteggiamento epistemologico di resa irriflessa alle concezioni popolari, al moralismo ordinario, alle seduzioni del pensiero ufficiale e alle regole del decoro accademico. Questa postura è fonte di gravi errori scientifici, in quanto si tratta di errori sistematici difficili da percepire perché hanno dalla loro sia il senso comune ordinario sia quello accademico. Consentire al lettore di esperire i brividi dell apprendista pugile e rendergli palpabile sia la logica del lavoro di campo sia il suo prodotto finale ha richiesto di adottare una modalità di scrittura quasi teatrale. Come passare dai pugni all intelletto, dalla comprensione della carne alla conoscenza del testo? Ecco un problema reale di epistemologia concreta su cui in generale non si è riflettuto a sufficienza e che per lungo tempo mi è parso quasi irresolubile (nonostante i diversi tentativi e le diverse discussioni sull innovazione formale e la costruzione poetica tra gli antropologi). Restituire la dimensione carnale dell esistenza ordinaria e l ancoraggio corporeo della conoscenza pratica costitutiva del pugilato ma anche di ogni pratica, persino quella in apparenza meno «corporea», inclusa l analisi sociologica richiede un completo accantonamento del nostro modo di scrivere scienza sociale. Nel caso in questione, ho dovuto trovare uno stile che rompesse con la scrittura monologica, monocromatica, lineare della descrizione classica da cui l etnografo si è allontanato, per elaborare una scrittura sfaccettata che mescolasse stili e generi, al fine di 18

15 L habitus come oggetto e come strumento catturare e di restituire «il sapore e il dolore dell azione» al lettore (Wacquant, 2002c, pp. 7-11). Anima e corpo è scritto contro il soggettivismo, contro il narcisismo e l irrazionalismo che sottende la teoria letteraria «postmodernista», ma far ciò non significa necessariamente privarsi delle tecniche letterarie e degli strumenti di esposizione drammatica che questa tradizione ci consegna. Ecco perché il libro mescola tre tipi diversi di scrittura, amalgamati l uno all altro, ma ciascuno dei quali ha priorità in una delle tre parti che compongono il libro. In tal modo il lettore può passare agevolmente dal concetto al percetto, dall analisi all esperienza. La prima parte si radica in uno stile sociologico analitico classico, identificando sin dall inizio le strutture e i meccanismi sociali, in modo da fornire gli strumenti necessari alla spiegazione e alla comprensione di quel che accade. Il tono della seconda parte è dato dalla scrittura etnografica in senso stretto, vale a dire da una rappresentazione densa dei modi d essere, di pensare, sentire e agire propri dell ambiente studiato, di modo che i meccanismi introdotti nella prima parte vengano qui visti in azione attraverso gli effetti che essi producono. Il momento propriamente esperienziale arriva nella terza parte, nella forma di «novella sociologica» che determina l azione sentita, l esperienza vissuta di un soggetto che nel caso specifico è il ricercatore stesso. La combinazione bilanciata di queste tre modalità di scrittura quella sociologica, quella etnografica e quella letteraria in proporzioni che si invertono durante il corso del libro, mira a consentire al lettore di sentire emotivamente e comprendere razionalmente le fonti e le modulazioni dell azione pugilistica. Perciò il testo intreccia un anima analitica, stralci di note di campo accuratamente editate, contrappunti composti da ritratti dei protagonisti cruciali ed estratti di interviste, oltre a fotografie il cui ruolo è quello di facilitare una comprensione sintetica del gioco dinamico dei fattori e delle forme inventariate nell analisi, per dare al lettore la possibilità di «toccare con i propri occhi» il ritmo battente del pugilato. Qui di nuovo tutti gli elementi di cui si è parlato si intrecciano: la teoria dell habitus, l uso dell apprendistato come tecnica di ricerca, la centralità del corpo senziente come vettore di conoscenza e infine l innovazione formale della scrittura. In realtà non ha senso proporre una sociologia corporea sostenuta dall iniziazione pratica se quel che si cerca di rivelare circa il magnetismo sensomotorio dell universo in questione finisce poi per sparire nella scrittura, con il pretesto di dover aderire ai canoni testuali dettati dal positivismo humeano o dal cognitivismo neokantiano. * Molti ricercatori ritengono che la teoria sia un insieme di nozioni astratte che fluttuano alte nel cielo delle idee pure, sconnesse dalla conduzione pragmatica della ricerca, o che costituiscono delle risposte alle questioni empiriche che la ricerca solleva, da ritrovarsi nel mondo reale, come nella cosiddetta «grounded theory». In ogni caso, si tratta di un travisamento della relazione tra teoria e ricerca e un travisamento del lavoro etnografico in 19

16 Loïc Wacquant particolare. Che il ricercatore ne sia consapevole o meno, la teoria guida da sempre il campo d indagine perché, come ci ha insegnato Gaston Bachelard (1971), «il vettore della conoscenza va dal razionale al reale» e non viceversa. E tale conoscenza deve necessariamente confrontarsi con l osservazione per convertirsi in proposizioni circa un entità empirica realmente esistente. Ciò si applica perfettamente all habitus, che, come ogni concetto, non è una risposta a una questione di ricerca ma un modo organizzato di avanzare delle domande sul mondo sociale nel caso qui descritto, un piano metodico per vivisezionare la formazione sociale del pugile e del suo ambiente quotidiano. (Traduzione di Andrea Mubi Brighenti) Riferimenti bibliografici Bachelard, G Epistémologie, Paris, Presses Universitaires de France. Bensa, A Chroniques Kanak. L ethnologie en marche, Paris, Ethnies. Blumer, H Interazionismo simbolico: prospettiva e metodo (1966), Bologna, Il Mulino. Bourdieu, P «Participant Objectivation: The Huxley Medal Lecture», in Journal of the Royal Anthropological Institute, 9, 2, pp Il senso pratico (1980), Roma, Armando. Bourdieu, P., A. Bensa 1985 «Quand les Canaques prennent la parole», in Actes de la recherche en sciences sociales, 56, pp Bourdieu, P., A. Darbel, J.-P. Rivet, C. Seibel 1963 Travail et travailleurs en Algérie, Paris and The Hague, Mouton. Bourdieu, P., L. Wacquant 1992 Risposte: per un antropologia riflessiva (1992), Torino, Bollati Boringhieri. Gans, H The War Against the Poor, New York, Pantheon. Geertz, C Interpretazione di culture (1973), Bologna, Il Mulino. Goffman, E «On Fieldwork», in Journal of Contemporary Ethnography, 18, 2, pp Hastrup, K A Passage to Anthropology: Between Experience and Theory, London, Routledge. Hugues, E.C On Work, Race, and the Sociological Imagination (edited by L.A. Coser), Chicago, University of Chicago Press. Favret-Saada, J Les mots, la mort, les sorts, Paris, Gallimard. 20

17 L habitus come oggetto e come strumento Jenkins, R Pierre Bourdieu, London, Routledge. Katz, M.B. (ed.) 1993 The «Underclass» Debate: Views from History, Princeton, University of Princeton Press. Manning, P Freud and American Sociology, Cambridge, Polity Press. Marcus, G Ethnography through Thick and Thin, Princeton, Princeton University Press. Reed-Danahay, D. (ed.) 1997 Auto/Ethnography: Rewriting the Self and the Social, New York, Berg. Wacquant, L L École inégale. Éléments de sociologie de l enseignement en Nouvelle- Calédonie, Paris et Nouméa, Editions de l ORSTOM avec l Institut Culturel Mélanésien «Corps et âme: notes ethnographiques d un apprenti-boxeur», in Actes de la recherche en sciences sociales, 80, pp a «The Pugilistic Point of View: How Boxers Think and Feel About Their Trade», in Theory & Society, 24, 4, pp b «Pugs at Work: Bodily Capital and Bodily Labor Among Professional Boxers», in Body & Society, 1, 1, pp c «Protection, discipline et honneur: une salle de boxe dans le ghetto américain», in Sociologie et sociétés, 27, 1, pp «Three Pernicious Premises in the Study of the American Ghetto», in International Journal of Urban and Regional Research, 21, 2, pp ; trad. it. in A. Alietti, S. Paone (a cura di), Distopie urbane. Immagini e realtà della segregazione socio-spaziale nelle città contemporanee, Milano, Angeli, 2009, in corso di pubblicazione. 1998a «Inside the Zone: The Social Art of the Hustler in the Black American Ghetto» (1992), in Theory, Culture & Society, 15, 2, pp b «The Prizefighter s Three Bodies», in Ethnos: Journal of Anthropology, 63, 3, pp c «A Fleshpeddler at Work: Power, Pain, and Profit in the Prizefighting Economy», in Theory & Society, 27, 1, pp a «Taking Bourdieu into the Field», in Berkeley Journal of Sociology, 46, pp b «Scrutinizing the Street: Poverty, Morality, and the Pitfalls of Urban Ethnography», in American Journal of Sociology, 107, 6, pp c Anima e corpo. La fabbrica dei pugili nel ghetto nero americano (2000), Roma, Derive Approdi. 2004a «Puttane, schiavi e stalloni: linguaggi dello sfruttamento e dell adattamento tra i pugili» (2001), in N. Scheper-Hughes e L. Wacquant (a cura di), Corpi in vendita. Interi e a pezzi, Verona, Ombre Corte, pp b «Habitus», in J. Beckert, M. Zafirovski (eds.), International Encyclopedia of Economic Sociology, London, Routledge, pp a «Carnal Connections: On Embodiment, Membership and Apprenticeship», in Qualitative Sociology, 28, 4, pp b «Shadowboxing with Ethnographic Ghosts: A Rejoinder,» Symbolic Interaction 28-3 (Summer): (response to the symposium on Body and Soul) Urban Outcasts: A Comparative Sociology of Advanced Marginality, Cambridge (UK), Polity Press. 21

18 Loïc Wacquant Wilson, W.J The Declining Significance of Race: Blacks and Changing American Institutions, Chicago, University of Chicago Press The Truly Disadvantaged: The Inner City, the Underclass, and Public Policy, Chicago, University of Chicago Press. 22

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

Il corpo come fatto sociale e culturale

Il corpo come fatto sociale e culturale Il corpo come fatto sociale e culturale I gruppi umani pensano che le proprie concezioni del corpo, l uso che essi fanno del corpo siano ovvi, parti dell ordine naturale e non convenzioni sociali. Il corpo

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

La ricerca empirica in educazione

La ricerca empirica in educazione La ricerca empirica in educazione Alberto Fornasari Docente di Pedagogia Sperimentale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Il ricercatore ha il compito di trovare relazioni

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali.

L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali. L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali. Elementi da una ricerca Giuseppe Vadalà Università degli Studi di Bergamo giuseppe.vadala@unibg.it 1 IDENTITÀ NEGATA Noi normali sviluppiamo

Dettagli

Erving Goffman: l enfant terrible della sociologia

Erving Goffman: l enfant terrible della sociologia Erving Goffman: l enfant terrible della sociologia Percorso lezione 1. Biografia 2. Contesto storico-culturale 3. Concetti chiave: 3.1. L ordine dell interazione 3.2. La distanza dal ruolo 3.3. Il Self

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

SEMINARIO INTENSIVO di

SEMINARIO INTENSIVO di SEMINARIO INTENSIVO di LINGUAGGIO DEL CORPO L uomo non vive la realtà e la comunicazione in modo diretto. Schemi sociali, stereotipi, pregiudizi e lo stesso impiego della parola fanno da filtro per tutto

Dettagli

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri L epistemologia applicata alla psicologia clinica La riflessione epistemologica in Psicologia clinica

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio Obiettivi, contenuti, modalità della valutazione del movimento Prof. Mancini Roberto Valutare gli aspetti qualitativi del movimento Considerare con

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

99 idee per fare esercizi in classe

99 idee per fare esercizi in classe Metodologie e percorsi per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Wencke Sorrentino, Hans Jürgen Linser e Liane Paradies 99 idee per fare

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 L idea di Storia insegnata ha sicuramente subito profonde trasformazioni nel presente, sia per le mutazioni dello statuto epistemologico

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione Seminari metodologici propedeutici al tirocinio A.A. 2009/2010 II seminario: Come si articola

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

Il Trimestrale del Laboratorio The Lab's Quarterly

Il Trimestrale del Laboratorio The Lab's Quarterly Il Trimestrale del Laboratorio The Lab's Quarterly 2007 / n. 1 / gennaio-marzo Laboratorio di Ricerca Sociale Dipartimento di Scienze Sociali, Università di Pisa Direttore: Massimo Ampola Comitato scientifico:

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo E con profonda commozione e viva partecipazione che scriviamo della scomparsa di Daniel Stern, psicoanalista americano

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA San Carlo Borromeo e H. C. Andersen A.S. 2012-2013 (Laboratorio di logico-matematica) Siamo nati per contare, abbiamo dei circuiti incorporati

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

ERNEST ET CÉLESTINE Francia, Belgio, Lussemburgo 2012

ERNEST ET CÉLESTINE Francia, Belgio, Lussemburgo 2012 ERNEST ET CÉLESTINE Francia, Belgio, Lussemburgo 2012 regia: Benjamin Renner, Vincent Patar, Stéphane Aubier sceneggiatura: Daniel Pennac scenografia: Zaza e Zyk montaggio: Fabienne Albarez-Giro musica:

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

Il mestiere impossibile. Andrea Varani

Il mestiere impossibile. Andrea Varani Andrea Varani Il mestiere impossibile Insegnare diventa spesso un mestiere impossibile, implica agire con urgenza, decidere nell incertezza, operare senza avere il tempo di meditare. Tutto ciò senza una

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni

L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni AIC Contro le povertà, agire insieme L utilità dell approccio sistemico nelle nostre azioni Ottobre 2008 Quaderno n 12 Sommario Introduzione Utilità del metodo sistemico per risolvere un problema ricorrente

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Stili di insegnamento/apprendimento della lettura e della scrittura e scelte consapevoli. Riflessioni di un'insegnante a fronte di bambini nuovi.

Stili di insegnamento/apprendimento della lettura e della scrittura e scelte consapevoli. Riflessioni di un'insegnante a fronte di bambini nuovi. Stili di insegnamento/apprendimento della lettura e della scrittura e scelte consapevoli. Riflessioni di un'insegnante a fronte di bambini nuovi. Luisa Girardi Cidi Torino 10 maggio 2012 TRACCIA Rapporto

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori,

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile storia di un pensiero che da lineare ritornò ad essere radiale le mappe mentali:rappresentazione grafica del pensiero. seconda puntata di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione

Dettagli

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris

Il Libro Fondativo per incontrare l umano. Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il Libro Fondativo per incontrare l umano Paolo Molinari Fiorenza Farina Maria De Nigris Il libro E composto di tre parti. Nella prima è presentata l intuizione che regge il libro, frutto di un lavoro

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica

PARTE TERZA Le conoscenze preliminari e la loro verifica INDICE 7 Introduzione PARTE PRIMA Che cos è la Fisica oggi 13 1. Ambito, scopo e obiettivi generali 15 2. Il metodo scientifico: teoria ed esperimento 21 3. Relazioni e differenze con la matematica e l

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE 1 CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE Percorsi educativi per l affermazione di una cultura di genere Contro ogni forma di violenza e discriminazione Piena cittadinanza delle differenze A cura dell Associazione

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli