CAPITOLO * IL FATTORE PUBBLICITRARIO NELL ANALISI DI MERCATO. ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI. (Dispensa del Prof. Attilio Ponti Sgargi)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO * IL FATTORE PUBBLICITRARIO NELL ANALISI DI MERCATO. ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI. (Dispensa del Prof. Attilio Ponti Sgargi)"

Transcript

1 ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI Docente: Michele Lalla Versione 1.0. (Se si stampa, stampare almeno 4 pagine per foglio) A.A. 2009/ /2011 CAPITOLO * IL FATTORE PUBBLICITRARIO NELL ANALISI DI MERCATO (Dispensa del Prof. Attilio Ponti Sgargi) Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 1

2 11.1. GENERALITÀ Le scelte che il consumatore effettua, avvengono molto spesso entro una notevole gamma di prodotti dei tutto omogenei e solo marginalmente differenziati, tali da appagare i bisogni del pubblico, dal momento che l elevato progresso tecnologico permette di disporre di una notevole pluralità di beni offerti, consentendo così la massima libertà di scelte. La molteplicità dei beni e delle marche presenti sul mercato, pone le aziende produttrici di fronte alla necessità di intraprendere determinate azioni tendenti alla affermazione dei proprio marchio, allo scopo di conquistare aree sempre piú vaste del mercato e strati sempre piú larghi di consumatori. Fra tali azioni riveste grande importanza l azione pubblicitaria. La PUBBLICITÀ è una FORMA DI COMUNICAZIONE ATTIVATA su iniziativa e nell interesse dell impresa, consiste in una INFORMAZIONE CON UN POTENZIALE DI PERSUASIONE nei confronti dei gruppi cui è diretta per creare e modificare gli atteggiamenti. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 2

3 CREA nei consumatori l IMMAGINE DEL PRODOTTO per modificare il suo GRADO DI ACCETTAZIONE, attraverso la creazione, molto spesso artificiale e basata su argomentazioni di tipo irrazionale, di un immagine che soddisfi in modo completo le aspettative e le motivazioni consce e inconsce degli acquirenti. CONSOLIDA tale immagine. Piú l immagine del prodotto soddisfa aspirazioni latenti, piú basso risulta il grado di rifiuto (di esso o della marca). Occorre tenere presente che il consumatore non acquista solo il risultato finale di un dato processo produttivo, ma soprattutto la personalità del prodotto che racchiude in sé un insieme di associazioni emotive e simboliche che vanno al di la delle sue caratteristiche intrinseche. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 3

4 Lo stimolo all acquisto risulta tanto piú marcato se il contenuto dei messaggio pubblicitario non lega con le caratteristiche oggettive del prodotto, ma tende a influenzare il comportamento irrazionale del soggetto, creando nel subconscio un immagine particolare del prodotto. È quindi necessario individuare gli argomenti che propongano al pubblico un immagine del prodotto rispondente alle sue motivazioni e alle sue aspettative. Il ruolo selettivo nei confronti delle comunicazioni deriva dalle motivazioni consce e inconsce per cui ogni individuo tende a recepire piú facilmente quelle che sono piú congeniali alle sue predisposizioni; piú esso è motivato, tanto piú è selettiva in senso favorevole la sua attenzione. La pubblicità ha l OBIETTIVO di STABILIRE UN CONTATTO NON OCCASIONALE TRA IL CONSUMATORE POTENZIALE E IL PRODOTTO, con un contenuto informativo, e serve a vincere una generica inerzia. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 4

5 L efficacia della comunicazione assume piú aspetti. INTELLETTIVO. La pubblicità deve essere capita occorre impiegare un concetto convenzionale noto alla massa dei consumatori cui il messaggio è diretto. EMOTIVO. La pubblicità deve interpretare la psicologia e le emozioni del ricevente. MOTIVAZIONALE. La pubblicità deve stimolare una desiderabilità del prodotto da reclamizzare. I diversi SCHEMI DI AZIONE PUBBLICITARIA devono considerare le seguenti fasi: Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 5

6 REAZIONI INDOTTE DALLA DIFFUSIONE DELLA INFORMAZIONE. Sono: attenzione, comprensione del messaggio, consapevolezza dell esistenza, funzione e utilizzazione del prodotto, nonché il ruolo che il medesimo svolge. PROPENSIONE VERSO IL PRODOTTO. Sono: interesse, apprezzamento, convincimento della sua validità, desiderio di acquisirlo. LIVELLO DI COMPORTAMENTO (primo acquisto). Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 6

7 Per ogni azione pubblicitaria occorre specificare: COSA comunicare; CON QUALE messaggio; A QUALE gruppo obiettivo; PER MEZZO di quali veicoli di comunicazione. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 7

8 Tipi di CAMPAGNA PUBBLICITARIA (i principali): a) CAMPAGNA DI VENDITA; in generale, (1) ha cadenza annuale, (2) è riferita a tutti i prodotti dell impresa, (3) è effettuata nel momento in cui la DOMANDA è piú elevata con il supporto di piú intensi sforzi distributivi. Se ha durata inferiore all anno può essere seguita dopo un certo tempo da una campagna di mantenimento e di richiamo. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 8

9 b) CAMPAGNA ISTITUZIONALE; in genere, (1) ha scopo informativo, (2) è effettuata da ciascuna impresa per porre in evidenza le proprie caratteristiche generali e operative. Vi si ricorre per sostenere le vendite, per creare una adeguata immagine della marca in un mercato nuovo, per programmi di lancio di prodotti nuovi. c) CAMPAGNA DI PRODOTTO; riguarda un solo prodotto, in una fase qualsiasi della sua vita sul mercato. Se si tratta di sostenerlo all atto della sua prima apparizione si può realizzare una apposita campagna di lancio. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 9

10 Per la migliore diffusione del messaggio occorre scegliere il bilanciamento di mezzi pubblicitari idonei a raggiungere il maggior numero possibile di potenziali acquirenti, con adeguato impatto e al costo piú basso possibile. Le ricerche in questo campo si propongono di individuare il numero di persone che vari canali consentono di raggiungere in un prefissato periodo di tempo (audience) possibilmente al netto della contemporanea esposizione a piú mezzi. I principali canali sono: (1)STAMPA, (2)RADIO, (3)TELEVISIONE, (4)CINEMA, (5)AFFISSIONI E MANIFESTI. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 10

11 Ai fini delle misurazioni occorre distinguere, per la STAMPA, i quotidiani dai periodici, tenendo conto dell area di diffusione (internazionale, nazionale, locale), delle caratteristiche dei lettori, della periodicità, e del contenuto; per la TV, le caratteristiche degli spettatori (audience), gli orari di trasmissione, e il tipo di programmi; per i CINEMA, la categoria cui appartengono, l affluenza; per AFFISSIONI E MANIFESTI, occorre considerare le posizioni (fisse o mobili), la frequenza degli esposti. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 11

12 11.2. INDICATORI E SCHEMI SU EFFETTI DI PUBBLICITÀ Vi sono tanti schemi e modelli di riferimento; uno fra i piú noti distingue riguardo al PROCESSO DI PERSUASIONE da essa attivato. L ATTENZIONE, come primo generico risultato del messaggio, che si propone almeno di porre il potenziale consumatore in contatto con l informazione sul prodotto. L INTERESSE verso prodotto e sue caratteristiche. Il DESIDERIO del prodotto. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 12

13 L AZIONE DI ACQUISTO come momento conclusivo della sollecitazione pubblicitaria. In ogni caso i modelli menzionati sono spesso criticati perché ritenuti come una eccessiva semplificazione dei rapporti esistenti tra fonti e destinatari dei messaggio pubblicitario, e basata sulla ipotesi, non sempre corretta della gerarchia degli effetti; infatti, può accadere a volte che modifiche di consapevolezza e di atteggiamento seguano anziché precedere l atto di acquisto. D altro canto non è facile isolare gli effetti della pubblicità da quelli degli altri fattori di marketing, e è opportuno tenere conto dello stadio del ciclo di vita nel quale il prodotto si trova, oltre che delle caratteristiche dei relativo mercato. Gli schemi gerarchici mai si prestano a prodotti maturi, e quindi caratterizzati da situazioni di offerta scarsamente diversificata, essi invece possono essere validi per prodotti nella fase iniziale dei ciclo di vita, se quelli concorrenti sono nettamente differenziati. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 13

14 Non esiste alcun metodo scientifico atto a determinare con certezza matematica quali saranno gli effetti che una campagna pubblicitaria potrà avere sulle vendite, né esistono strumenti idonei all ottimizzazione del relativo investimento. Una campagna pubblicitaria ha come obbiettivo principale di portare a un aumento del volume di vendita, e comunque risulta estremamente difficile determinare con sicurezza quale parte dell aumento della vendita è strettamente attribuibile all effetto della campagna pubblicitaria e quale a altri fattori interagenti tra loro. All andamento delle vendite di un certo prodotto, anche se reclamizzato mediante una campagna pubblicitaria indovinata, concorrono diversi fattori i cui effetti si sommano fra loro (mode, benessere, eccetera), e fra le variabili da tenere sotto osservazione bisogna non dimenticare la condotta della concorrenza. La rilevazione dei dati sull operato di questa costituisce una fase fra le piú indispensabili nella previsione delle vendite aziendali. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 14

15 Per controllare il fattore pubblicitario occorre spesso adottare metodi indiretti. Un modo di registrare l efficacia della pubblicità è quello di individuare l importanza relativa degli sforzi pubblicitari effettuati da una azienda e che possono essere sintetizzati da un indice detto di "pubblicità relativa" (PR) sintetizzato da: IPR Spese di pubblicità aziendali vendite aziendali Dove IPR è l Indice di Pubblicità Relativa Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 15

16 spese di pubb. della concorr.lvendite concorr. Anni Vendite (in milioni) Spese pubblicitarie (in milioni) Indice pubbl. rel. Azienda Concorrenza Azienda Concorrenza IPR (%) ,9 273,1 2,8 17, ,3 295,7 3,1 29, ,3 298,7 4,8 15, ,0 319,0 5,0 16, ,2 344,8 5,9 18, ,4 355,6 6,4 21, ,2 366,8 8,3 20,5 170 La capacità esplicativa di questi indici si esplica attraverso la relazione con altre grandezze significative e nel caso, trattandosi di aspetti tipici di competitività, queste potrebbero essere la quota di mercato attribuita all azienda considerata e le sue variazioni rispetto all anno precedente. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 16

17 anni Quota di mercato Variazione quota mercato ,25-0, ,48-0, ,03 +0, ,56 +0, ,09 +0, ,43 +0, ,20 +0,76 Un aspetto da tenere presente, nelle considerazioni sull efficacia degli investimenti che interessano il fattore pubblicitario, riguarda la presenza di un ciclo stagionale molto marcato, E CIÒ DIPENDE sia dalle variazioni stagionali della domanda dei prodotti reclamizzati, sia dal numero piú o meno grande di potenziali consumatori raggiungibili nei mesi dell anno dai diversi mezzi pubblicitari. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 17

18 ESEMPIO. Per i CINEMA, nella stagione estiva c è un pubblico meno numeroso nelle sale di proiezione; inoltre, sull acquisto dei vari beni reclamizzati influisce la stagionalità della loro domanda da parte dei consumatori, secondo le abitudini di acquisto. Ne consegue che la frequenza al cinematografo non costituisce l unica base di riferimento, perché vi è un altra base costituita dalla diversa propensione all acquisto da parte del pubblico nei vari mesi dell anno. Infatti, in certi mesi è poco conveniente fare pubblicità piú che per la minore frequenza delle sale cinematografiche, per la minore ricettività del pubblico alle sale cinematografiche. È necessario, allora, un indice che esprima efficacemente la variabile propensione di acquisto, come, a esempio, quello relativo alle vendite nella grande distribuzione. Infatti, data la grande varietà di articoli posti in vendita, e il notevole volume di affari, essa costituisce un riferimento rappresentativo del commercio al dettaglio di beni di consumo. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 18

19 Variazioni mensili dell investimento pubblicitario (IP) (media annua =100) Mesi Indice investimento In pubblicità Indice Vendite Biglietti (a) Indice Vendite Distribuzione (b) Indice Sintetico (a*b/100) Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 19

20 11.3. AZIONE PUBBLICITARIA E VENDITE I rapporti tra vendite e pubblicità NON POSSONO ESSERE individuati mediante INTERVISTE nelle quali si interpellino gli acquirenti di un prodotto circa l influenza che i messaggi pubblicitari percepiti esercitano sulla maturazione delle decisioni di acquisto. È piú realistico affrontare il problema dal lato delle relazioni tra esposizione alla pubblicità e comportamento di acquisto, verificando mediante ricerche come si modifica l intensità di acquisto per diversi segmenti di mercato al variare della esposizione alla pubblicità. I primi modelli di analisi dell efficacia della pubblicità, espressi in termini di vendite, postulavano l esistenza di una relazione diretta tra queste e le spese in pubblicità come dall equazione: Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 20

21 dv M V r A kv dt M dv/dt è la variazione delle vendite al tempo t (tra t e t+dt). V è l ammontare delle vendite al tempo t. A è l ammontare delle spese pubblicitarie al tempo t. r costante di risposta delle vendite e dà il valore delle vendite per una unità di spesa in pubblicità se V = 0. M k è il livello di saturazione delle vendite. è il saggio costante di diminuzione delle vendite, che definisce l ammontare delle vendite mancate se A assume il valore 0. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 21

22 In questo modello le variabili sono date da V, dvidt, A e i parametri da r, M, k. L incremento delle vendite al tempo t è PROPORZIONALE all intensità dello sforzo pubblicitario A, che è in grado di raggiungere quella frazione di acquirenti potenziali indicata dall espressione (M V/M), diminuita di coloro che passano dallo stato di consumatori a quello di non consumatori. ESEMPIO. Si supponga di avere stimato r=4, V=400, il livello di saturazione M=1000 e che l azienda possa perdere k=0,1 delle sue vendite per ogni intervallo unitario di tempo se non viene effettuata alcuna spesa di pubblicità. Sotto queste condizioni, con una spesa di 100 in pubblicità l azienda può attendersi un ammontare addizionale di vendite pari a 200. Se il margine di profitto su questa cifra di vendite addizionali è superiore al 50%, la spesa di 100 in pubblicità sarebbe conveniente. 0=(r=4) * A * (1-V/M=400/1000) (k=0,1) (V=400)= 2,4*A 40. A=16,6 dv/dt = 2, = = 200. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 22

23 Un risultato interessante si ottiene ponendo dv/dt = 0. In questo caso si ha una misura dello sforzo pubblicitario necessario per mantenere le vendite a un livello costante; l investimento pubblicitario richiesto sarà dato da: k V M A r M V Il mantenimento di un certo saggio di sviluppo delle vendite cresce in termini pubblicitari quanto piú tende a essere elevato il rapporto k/r, e quanto piú diminuisce la differenza M-V (ché tanto piú le vendite si avvicinano al livello di saturazione). Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 23

24 Il modello in oggetto può espresso in termini relativi: dq dt r A 1 Q k Q dove Q esprime la quota di mercato (variabile da 0 a 1) del prodotto considerato, mentre gli altri simboli mantengono il precedente significato. tale il modello attribuisce un ruolo determinante all azione pubblicitaria; infatti, posto A = 0, il modello si riduce a: Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 24

25 Soluzione: dq dt k Q Q( t) Q(0)exp( k t) Dove Q(t) e Q(0) sono le quote di mercato a t=0 e t=t. In assenza di pubblicità la variabile Q ha quindi un andamento esponenziale negativo, e può assumere valori stazionari o crescenti in presenza di un adeguato sostegno pubblicitario. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 25

26 In questa forma il modello consente alcune determinazioni: (a) della spesa pubblicitaria necessaria per conservare il raggiunto livello della quota di mercato; (b) della spesa pubblicitaria da sostenere per t unità di tempo al fine di raggiungere una prefissata posizione Q(t) sul mercato; (c) del tempo t necessario affinché, mantenendo costante una certa spesa pubblicitaria, sia possibile raggiungere una prefissata quota di mercato; (d) della quota di mercato oltre la quale non vi è piú convenienza economica a aumentare le vendite ricorrendo alla pubblicità. Affinché il modello in oggetto sia significativo, occorre che il mercato sia piuttosto stabile, senza sostanziali mutamenti nelle strutture distributive e con una dinamica influenzabile soprattutto dall azione pubblicitaria. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 26

27 11.4. MISURAZIONE DELLA DIFFUSIONE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Ai fini della migliore diffusione del messaggio pubblicitario occorre scegliere un insieme di mezzi idonei a raggiungere il maggiore numero possibile di potenziali acquirenti con adeguato impatto ed al costo piú basso possibile. Si noti che le espressioni «mezzi o canali pubblicitari» con le quali vengono identificati televisione, cinema, stampa, eccetera, sono normalmente considerati sinonimi, non così i «veicoli» pubblicitari che stanno ad indicare i singoli programmi e le singole pubblicazioni a stampa. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 27

28 Le ricerche condotte in questa fase si propongono di individuare il numero di persone che i vari canali consentono di raggiungere in un prefissato periodo di tempo (audience), possibilmente al netto della contemporanea esposizione a piú mezzi. La dimensione del pubblico interessato alle rubriche o agli inserti pubblicitari costituisce l elemento fondamentale per attivare gli investimenti pubblicitari e stabilire le tariffe del servizio. Le indagini volte a determinare la audience sono divenute, quindi, sempre piú importanti e frequenti. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 28

29 Coloro che sono addetti alla pubblicità dovrebbero stimare in via preliminare il numero di sollecitazioni necessario per ottenere un determinato risultato in termini di attenzione, interesse, eccetera. Cioè la soglia di impatto e di risposta ottima in termini di "conversione" ottenuta dal messaggio, di "effetto di caduta" nel periodo intercorrente tra due messaggi e di "effetto di recupero" su coloro che sono stati convertiti e poi perduti. Generalmente, poiché le risorse sono predeterminate e spesso limitate, il migliore risultato conseguibile sarà quello che si ottiene con una accorta scelta che combini la audience netta e di ripetizione dello stesso annuncio. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 29

30 Può essere utile procedere anche a una segmentazione della copertura complessiva nel caso della pubblicità a mezzo stampa, al fine della identificazione di particolari gruppi di lettori di una data pubblicazione (audience ponderata). ESEMPIO. Se una rivista ha in media lettori adulti per copia, dei quali sono donne, e solo a queste fosse destinato un messaggio pubblicitario del costo di euro, il costo unitario per lettore dovrà essere calcolato trascurando ovviamente il lettore maschile, ottenendo quindi il costo di 0,17 euro per contatto utile / = 0,16 (costo per contatto utile) Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 30

31 Inoltre, sulla base di dati di consumo pro-capite ottenuti mediante indagini di mercato, si può supporre che le donne, alle quali il messaggio pubblicitario è diretto, possano essere ripartite in gruppi di consumo omogeneo per età, attribuendo quindi a ciascun gruppo un diverso peso. N= W(i) N(i) in classe N W (i) Classi di Età W(i)*N/W N(i)*W(i) < 35 anni 1, , , anni 0, , ,71 > 55 anni 0, , ,43 In complesso 1, , ,00 La audience ponderata corrisponde quindi a lettrici con un costo per unità standard di consumo pari a 0,22 euro. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 31

32 / = 0,22 (costo per contatto ponderato) Il ricorso a un sistema di ponderazione per valutare il costo unitario di un annuncio pubblicitario può riguardare simultaneamente piú caratteri. ESEMPIO. Si combina la struttura per età sopra riportata in termini di equivalenza di consumo con la corrispondente struttura per condizione socio-economica, anch essa ottenuta in termini di intensità di consumo (o di propensione al prodotto reclamizzato) si ottiene: Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 32

33 Condizione socio-economica In complesso Classi di Età > media media < media < 35 anni 1,00 0,60 0,40 1, anni 0,50 0,30 0,20 0,50 > 55 anni 0,25 0,15 0,10 0,25 In complesso 1,00 0,60 0,40 In questo caso i valori di incrocio, corrispondenti ai pesi, nelle diverse celle della tavola di contingenza si sono ottenuti moltiplicando fra loro i valori marginali delle modalità dei due caratteri considerati. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 33

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE MEZZI

LA PIANIFICAZIONE MEZZI LA PIANIFICAZIONE MEZZI Appunti di Pubblicità e Marketing Dispensa redatta dal Prof. Marco Galdenzi ad uso degli studenti del Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione Anno accademico 2011/2012 LE

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

beni immobili. Metodo e procedimenti

beni immobili. Metodo e procedimenti La stima del valore di mercato dei beni immobili. Metodo e procedimenti 26.X.2009 La metodologia estimativa La metodologia estimativa rappresenta l insieme delle tecniche e degli strumenti attraverso cui

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

Product Placement and Brand Equity

Product Placement and Brand Equity Product Placement and Brand Equity Margherita Corniani 1. Il Product Placement 2. Il Product Placement nella comunicazione aziendale 2.1 I vantaggi del Product Placement 2.2 I limiti del Product Placement

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

LE DEFINIZIONI MEDIA

LE DEFINIZIONI MEDIA DEFINIZIONI MEDIA LE DEFINIZIONI MEDIA Copertura Netta o Net Reach Frequenza Media / OTS GRP s Copertura Efficace o Effective Reach Distribuzione di frequenza Share Indici di Concentrazione COPERTURA NETTA

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto Il prodotto Il ciclo di vita del prodotto La fase di introduzione di un nuovo prodotto La fase di introduzione: caratteristiche fase in cui il nuovo prodotto fa il suo ingresso nel mercato. Il volume delle

Dettagli

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta

Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011. L analisi dei costi. di Francesco Giunta Corso di Analisi di bilancio II A.A. 2010-2011 L analisi dei costi di Francesco Giunta I COSTI Il raggiungimento di condizioni di equilibrio economico impone di tenere sotto costante controllo i costi.

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management CONCESSIONARIE DI PUBBLICITA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management DEFINIZIONI DEL SETTORE Il settore delle «concessionarie di pubblicità» si occupa della vendita di spazi

Dettagli

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it DIFFERENZIARE

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE MEZZI

LA PIANIFICAZIONE MEZZI LA PIANIFICAZIONE MEZZI Appunti di tecnica della comunicazione pubblicitaria Dispensa redatta dal Prof. Marco Galdenzi ad uso degli studenti del Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione Anno accademico

Dettagli

Cosa si intende per pubblicità

Cosa si intende per pubblicità Cosa si intende per pubblicità ADV: creare un messaggio ed inviarlo a qualcuno che a sua volta avrà una reazione. SOGGETTTO MEDIATICO A PAGAMENTO!!! Advertising: TV, RADIO, CARTA STAMPATA, MURALES INTERNET!!

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl

I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl Corso di Economia Aziendale (esercitazioni) Università degli Studi di Palermo Agenda Caratteristiche delle aziende che

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco IL MARKETING E il processo sociale e manageriale mediante il quale una persona o un gruppo ottiene ciò che costituisce oggetto dei propri bisogni e desideri creando, offrendo e scambiando prodotti e valori

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Durata tecnico-economica degli aquedotti: 40 anni

Durata tecnico-economica degli aquedotti: 40 anni Durata tecnico-economica degli aquedotti: 40 anni È prassi comune progettare e realizzare gli acquedotti per i fabbisogni idropotabili previsti per il 40 anno di funzionamento. Non è infatti economicamente

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Perché segmentare? I mercati sono numerosi, dispersi geograficamente ed eterogenei nelle loro esigenze d'acquisto. Un'impresa che decide di operare in un certo mercato non

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

2. Leggi finanziarie di capitalizzazione

2. Leggi finanziarie di capitalizzazione 2. Leggi finanziarie di capitalizzazione Si chiama legge finanziaria di capitalizzazione una funzione atta a definire il montante M(t accumulato al tempo generico t da un capitale C: M(t = F(C, t C t M

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE Semplicita' del sistema delle fasce e numerosita' dei gruppi di ore Accanto all obiettivo di offrire agli operatori un segnale di prezzo corretto che ne stimoli il comportamento efficiente, vi e' tra gli

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Promuovere l accesso allo spettacolo e alle arti dal vivo

Promuovere l accesso allo spettacolo e alle arti dal vivo 5. Promuovere l accesso allo spettacolo e alle arti dal vivo Promuovere l accesso allo spettacolo e alle arti dal vivo Il problema I frequentatori abituali dei luoghi deputati alle attività artistiche

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM05U

STUDIO DI SETTORE UM05U ALLEGATO 15 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UM05U CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di cogliere i cambiamenti strutturali, le

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Fasi di crescita. Chiara Casadio

Fasi di crescita. Chiara Casadio Fasi di crescita Chiara Casadio condizioni interne ed esterne Le strategie di crescita possono essere influenzate da condizioni interne ed esterne all impresa. Le condizioni esogene principali possono

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto

Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Marketing Il modello del ciclo di vita del prodotto Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Perché alcuni personaggi di film per ragazzi crescono? Perché nel 2009 Disney decide di realizzare un nuovo

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

PROGETTO COMUNICAZIONE LEGISLATIVA. Luglio 2003. Dipartimento Consiglio regionale

PROGETTO COMUNICAZIONE LEGISLATIVA. Luglio 2003. Dipartimento Consiglio regionale PROGETTO COMUNICAZIONE LEGISLATIVA Luglio 2003 Dipartimento Consiglio regionale - a diffusione interna - 2/19 INDICE 1. I contenuti essenziali della legge regionale 25 giugno 2002, n. 22 (Norme e interventi

Dettagli

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi Profilo dei media in Italia di Emanuele Gabardi Potenzialità dei mezzi (% di penetrazione) Mezzi Base Adulti 14+ Resp. Acq. TV 1 giorno 84 89 Radio 1 giorno 68 59 1 settimana 81 75 Quotidiani 1 giorno

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4 Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 PUBBLICITA MARCA Gaia Vicenzi - Laboratorio di 2 LA PUBBLICITA Parlare di comunicazione persuasiva oggi significa evocare

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR I TOUR OPERATOR Riforma della legislazione nazionale del turismo 135/2001 (art. 2 e ss.) Le imprese che svolgono attività

Dettagli

Serie Storiche Trasformazioni e Aggiustamenti

Serie Storiche Trasformazioni e Aggiustamenti Serie Storiche Trasformazioni e Aggiustamenti Per facilitare l interpretazione dei dati, si ricorre spesso a trasformazione della serie originale. I principali tipi di aggiustamenti che consideriamo sono:.

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

Il ruolo dei mass media nella lotta al fumo

Il ruolo dei mass media nella lotta al fumo Il ruolo dei mass media nella lotta al fumo di Matteo Garuti MASS MEDIA = Prerogative dei mass media - vasto pubblico - incisività - ripetitività - basso impegno per l attezione mezzo di comunicazione

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo

CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE. Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo CORSO DI MARKETING PROGREDITO MARKETING METRICS II PARTE Prof. Giancarlo Ferrero Università di Urbino Carlo Bo 1 La marketing scorecard Elementi da stimare ex ante e misurare ex post (esempi) Prospettiva

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il settore reale --------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VI IL MERCATO REALE PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il settore reale ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato

Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Ciclo di formazione per PMI Ricerca di mercato Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

Pubblicità e promozione

Pubblicità e promozione Pubblicità e Promozioni Relatore: Andrea Baioni (abaioni@abstudio.it) Pubblicità e promozione Consiste nello sviluppo e nell invio di messaggi diretti ad un destinatario specifico E efficace quando il

Dettagli

Concetto e sistema di Marketing

Concetto e sistema di Marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea in INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA, GESTIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Prof. Fabio Musso A.A. 2008-09

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 11 Advertising Cos è la pubblicità Storicamente

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali

Marketing- Unità Didattica 4 L analisi delle forze conìcorrenziali ANALISI DELLE FORZE CONCORRENZIALI Un impresa detiene un vantaggio competitivo sui concorrenti quando ha una redditività più elevata (o, a seconda dei casi, quando può conseguire una maggiore quota di

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali

1. Analisi della rilevanza dell idea-progetto e specificazione delle alternative progettuali Studi di Fattibilità e Analisi Costi Benefici L esperienza maturata dalla Proind Srl nel supporto e nell assistenza tecnica alle Pubbliche Amministrazioni in materia di valutazione di investimenti pubblici,

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Il comportamento del consumatore turista

Il comportamento del consumatore turista Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di marketing agroalimentare e turismo rurale a.a. 2010/2011 Prof. Gervasio Antonelli Il comportamento del consumatore turista Lavoro

Dettagli

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi!

Profilo dei media in Italia. di Emanuele Gabardi! Profilo dei media in Italia di Emanuele Gabardi! Potenzialità dei mezzi (% di penetrazione) Mezzi Base Adulti 14+ Resp. Acq. TV 1 giorno 84 89 Radio 1 giorno 68 59 1 settimana 81 75 Quotidiani 1 giorno

Dettagli

LIVELLI DI PARTENZA TEST/PROVE UTILIZZATI PER LA RILEVAZIONE DEI LIVELLI DI PARTENZA. Test di indirizzo Test prodotti dalla scuola Altro

LIVELLI DI PARTENZA TEST/PROVE UTILIZZATI PER LA RILEVAZIONE DEI LIVELLI DI PARTENZA. Test di indirizzo Test prodotti dalla scuola Altro Istituto Professionale per i servizi commerciali Canedi Via Caduti di Cefalonia,57 40059 Medicina P I A N O D I L A V O R O Anno Scolastico 2013-2014 CLASSE I V SEZ. APX PROF.ssa Rosanna DI PAlMA MATERIA

Dettagli

Prezzo: il punto di vista dell acquirente

Prezzo: il punto di vista dell acquirente PREZZO: IL PUNTO DI VISTA DELL ACQUIRENTE È bene considerare almeno tre ordini di problemi nell ambito delle decisioni sul prezzo. In primo luogo, e secondo una prospettiva di marketing ampiamente condivisa,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (prima parte del programma), 30.10.2015. PARTE

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1

La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1 CAPITOLO 9 CULTURA COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 La biblioteca civica G. Gambirasio: il patrimonio bibliotecario 1 Al 31 dicembre 2007 la consistenza del patrimonio bibliotecario

Dettagli

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto.

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto. «Possiamo conoscere qualcosa dell'oggetto di cui stiamo parlando solo se possiamo eseguirvi misurazioni, per descriverlo mediante numeri; altrimenti la nostra conoscenza è scarsa e insoddisfacente.» (Lord

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli