CAPITOLO * IL FATTORE PUBBLICITRARIO NELL ANALISI DI MERCATO. ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI. (Dispensa del Prof. Attilio Ponti Sgargi)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO * IL FATTORE PUBBLICITRARIO NELL ANALISI DI MERCATO. ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI. (Dispensa del Prof. Attilio Ponti Sgargi)"

Transcript

1 ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI Docente: Michele Lalla Versione 1.0. (Se si stampa, stampare almeno 4 pagine per foglio) A.A. 2009/ /2011 CAPITOLO * IL FATTORE PUBBLICITRARIO NELL ANALISI DI MERCATO (Dispensa del Prof. Attilio Ponti Sgargi) Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 1

2 11.1. GENERALITÀ Le scelte che il consumatore effettua, avvengono molto spesso entro una notevole gamma di prodotti dei tutto omogenei e solo marginalmente differenziati, tali da appagare i bisogni del pubblico, dal momento che l elevato progresso tecnologico permette di disporre di una notevole pluralità di beni offerti, consentendo così la massima libertà di scelte. La molteplicità dei beni e delle marche presenti sul mercato, pone le aziende produttrici di fronte alla necessità di intraprendere determinate azioni tendenti alla affermazione dei proprio marchio, allo scopo di conquistare aree sempre piú vaste del mercato e strati sempre piú larghi di consumatori. Fra tali azioni riveste grande importanza l azione pubblicitaria. La PUBBLICITÀ è una FORMA DI COMUNICAZIONE ATTIVATA su iniziativa e nell interesse dell impresa, consiste in una INFORMAZIONE CON UN POTENZIALE DI PERSUASIONE nei confronti dei gruppi cui è diretta per creare e modificare gli atteggiamenti. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 2

3 CREA nei consumatori l IMMAGINE DEL PRODOTTO per modificare il suo GRADO DI ACCETTAZIONE, attraverso la creazione, molto spesso artificiale e basata su argomentazioni di tipo irrazionale, di un immagine che soddisfi in modo completo le aspettative e le motivazioni consce e inconsce degli acquirenti. CONSOLIDA tale immagine. Piú l immagine del prodotto soddisfa aspirazioni latenti, piú basso risulta il grado di rifiuto (di esso o della marca). Occorre tenere presente che il consumatore non acquista solo il risultato finale di un dato processo produttivo, ma soprattutto la personalità del prodotto che racchiude in sé un insieme di associazioni emotive e simboliche che vanno al di la delle sue caratteristiche intrinseche. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 3

4 Lo stimolo all acquisto risulta tanto piú marcato se il contenuto dei messaggio pubblicitario non lega con le caratteristiche oggettive del prodotto, ma tende a influenzare il comportamento irrazionale del soggetto, creando nel subconscio un immagine particolare del prodotto. È quindi necessario individuare gli argomenti che propongano al pubblico un immagine del prodotto rispondente alle sue motivazioni e alle sue aspettative. Il ruolo selettivo nei confronti delle comunicazioni deriva dalle motivazioni consce e inconsce per cui ogni individuo tende a recepire piú facilmente quelle che sono piú congeniali alle sue predisposizioni; piú esso è motivato, tanto piú è selettiva in senso favorevole la sua attenzione. La pubblicità ha l OBIETTIVO di STABILIRE UN CONTATTO NON OCCASIONALE TRA IL CONSUMATORE POTENZIALE E IL PRODOTTO, con un contenuto informativo, e serve a vincere una generica inerzia. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 4

5 L efficacia della comunicazione assume piú aspetti. INTELLETTIVO. La pubblicità deve essere capita occorre impiegare un concetto convenzionale noto alla massa dei consumatori cui il messaggio è diretto. EMOTIVO. La pubblicità deve interpretare la psicologia e le emozioni del ricevente. MOTIVAZIONALE. La pubblicità deve stimolare una desiderabilità del prodotto da reclamizzare. I diversi SCHEMI DI AZIONE PUBBLICITARIA devono considerare le seguenti fasi: Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 5

6 REAZIONI INDOTTE DALLA DIFFUSIONE DELLA INFORMAZIONE. Sono: attenzione, comprensione del messaggio, consapevolezza dell esistenza, funzione e utilizzazione del prodotto, nonché il ruolo che il medesimo svolge. PROPENSIONE VERSO IL PRODOTTO. Sono: interesse, apprezzamento, convincimento della sua validità, desiderio di acquisirlo. LIVELLO DI COMPORTAMENTO (primo acquisto). Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 6

7 Per ogni azione pubblicitaria occorre specificare: COSA comunicare; CON QUALE messaggio; A QUALE gruppo obiettivo; PER MEZZO di quali veicoli di comunicazione. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 7

8 Tipi di CAMPAGNA PUBBLICITARIA (i principali): a) CAMPAGNA DI VENDITA; in generale, (1) ha cadenza annuale, (2) è riferita a tutti i prodotti dell impresa, (3) è effettuata nel momento in cui la DOMANDA è piú elevata con il supporto di piú intensi sforzi distributivi. Se ha durata inferiore all anno può essere seguita dopo un certo tempo da una campagna di mantenimento e di richiamo. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 8

9 b) CAMPAGNA ISTITUZIONALE; in genere, (1) ha scopo informativo, (2) è effettuata da ciascuna impresa per porre in evidenza le proprie caratteristiche generali e operative. Vi si ricorre per sostenere le vendite, per creare una adeguata immagine della marca in un mercato nuovo, per programmi di lancio di prodotti nuovi. c) CAMPAGNA DI PRODOTTO; riguarda un solo prodotto, in una fase qualsiasi della sua vita sul mercato. Se si tratta di sostenerlo all atto della sua prima apparizione si può realizzare una apposita campagna di lancio. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 9

10 Per la migliore diffusione del messaggio occorre scegliere il bilanciamento di mezzi pubblicitari idonei a raggiungere il maggior numero possibile di potenziali acquirenti, con adeguato impatto e al costo piú basso possibile. Le ricerche in questo campo si propongono di individuare il numero di persone che vari canali consentono di raggiungere in un prefissato periodo di tempo (audience) possibilmente al netto della contemporanea esposizione a piú mezzi. I principali canali sono: (1)STAMPA, (2)RADIO, (3)TELEVISIONE, (4)CINEMA, (5)AFFISSIONI E MANIFESTI. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 10

11 Ai fini delle misurazioni occorre distinguere, per la STAMPA, i quotidiani dai periodici, tenendo conto dell area di diffusione (internazionale, nazionale, locale), delle caratteristiche dei lettori, della periodicità, e del contenuto; per la TV, le caratteristiche degli spettatori (audience), gli orari di trasmissione, e il tipo di programmi; per i CINEMA, la categoria cui appartengono, l affluenza; per AFFISSIONI E MANIFESTI, occorre considerare le posizioni (fisse o mobili), la frequenza degli esposti. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 11

12 11.2. INDICATORI E SCHEMI SU EFFETTI DI PUBBLICITÀ Vi sono tanti schemi e modelli di riferimento; uno fra i piú noti distingue riguardo al PROCESSO DI PERSUASIONE da essa attivato. L ATTENZIONE, come primo generico risultato del messaggio, che si propone almeno di porre il potenziale consumatore in contatto con l informazione sul prodotto. L INTERESSE verso prodotto e sue caratteristiche. Il DESIDERIO del prodotto. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 12

13 L AZIONE DI ACQUISTO come momento conclusivo della sollecitazione pubblicitaria. In ogni caso i modelli menzionati sono spesso criticati perché ritenuti come una eccessiva semplificazione dei rapporti esistenti tra fonti e destinatari dei messaggio pubblicitario, e basata sulla ipotesi, non sempre corretta della gerarchia degli effetti; infatti, può accadere a volte che modifiche di consapevolezza e di atteggiamento seguano anziché precedere l atto di acquisto. D altro canto non è facile isolare gli effetti della pubblicità da quelli degli altri fattori di marketing, e è opportuno tenere conto dello stadio del ciclo di vita nel quale il prodotto si trova, oltre che delle caratteristiche dei relativo mercato. Gli schemi gerarchici mai si prestano a prodotti maturi, e quindi caratterizzati da situazioni di offerta scarsamente diversificata, essi invece possono essere validi per prodotti nella fase iniziale dei ciclo di vita, se quelli concorrenti sono nettamente differenziati. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 13

14 Non esiste alcun metodo scientifico atto a determinare con certezza matematica quali saranno gli effetti che una campagna pubblicitaria potrà avere sulle vendite, né esistono strumenti idonei all ottimizzazione del relativo investimento. Una campagna pubblicitaria ha come obbiettivo principale di portare a un aumento del volume di vendita, e comunque risulta estremamente difficile determinare con sicurezza quale parte dell aumento della vendita è strettamente attribuibile all effetto della campagna pubblicitaria e quale a altri fattori interagenti tra loro. All andamento delle vendite di un certo prodotto, anche se reclamizzato mediante una campagna pubblicitaria indovinata, concorrono diversi fattori i cui effetti si sommano fra loro (mode, benessere, eccetera), e fra le variabili da tenere sotto osservazione bisogna non dimenticare la condotta della concorrenza. La rilevazione dei dati sull operato di questa costituisce una fase fra le piú indispensabili nella previsione delle vendite aziendali. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 14

15 Per controllare il fattore pubblicitario occorre spesso adottare metodi indiretti. Un modo di registrare l efficacia della pubblicità è quello di individuare l importanza relativa degli sforzi pubblicitari effettuati da una azienda e che possono essere sintetizzati da un indice detto di "pubblicità relativa" (PR) sintetizzato da: IPR Spese di pubblicità aziendali vendite aziendali Dove IPR è l Indice di Pubblicità Relativa Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 15

16 spese di pubb. della concorr.lvendite concorr. Anni Vendite (in milioni) Spese pubblicitarie (in milioni) Indice pubbl. rel. Azienda Concorrenza Azienda Concorrenza IPR (%) ,9 273,1 2,8 17, ,3 295,7 3,1 29, ,3 298,7 4,8 15, ,0 319,0 5,0 16, ,2 344,8 5,9 18, ,4 355,6 6,4 21, ,2 366,8 8,3 20,5 170 La capacità esplicativa di questi indici si esplica attraverso la relazione con altre grandezze significative e nel caso, trattandosi di aspetti tipici di competitività, queste potrebbero essere la quota di mercato attribuita all azienda considerata e le sue variazioni rispetto all anno precedente. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 16

17 anni Quota di mercato Variazione quota mercato ,25-0, ,48-0, ,03 +0, ,56 +0, ,09 +0, ,43 +0, ,20 +0,76 Un aspetto da tenere presente, nelle considerazioni sull efficacia degli investimenti che interessano il fattore pubblicitario, riguarda la presenza di un ciclo stagionale molto marcato, E CIÒ DIPENDE sia dalle variazioni stagionali della domanda dei prodotti reclamizzati, sia dal numero piú o meno grande di potenziali consumatori raggiungibili nei mesi dell anno dai diversi mezzi pubblicitari. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 17

18 ESEMPIO. Per i CINEMA, nella stagione estiva c è un pubblico meno numeroso nelle sale di proiezione; inoltre, sull acquisto dei vari beni reclamizzati influisce la stagionalità della loro domanda da parte dei consumatori, secondo le abitudini di acquisto. Ne consegue che la frequenza al cinematografo non costituisce l unica base di riferimento, perché vi è un altra base costituita dalla diversa propensione all acquisto da parte del pubblico nei vari mesi dell anno. Infatti, in certi mesi è poco conveniente fare pubblicità piú che per la minore frequenza delle sale cinematografiche, per la minore ricettività del pubblico alle sale cinematografiche. È necessario, allora, un indice che esprima efficacemente la variabile propensione di acquisto, come, a esempio, quello relativo alle vendite nella grande distribuzione. Infatti, data la grande varietà di articoli posti in vendita, e il notevole volume di affari, essa costituisce un riferimento rappresentativo del commercio al dettaglio di beni di consumo. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 18

19 Variazioni mensili dell investimento pubblicitario (IP) (media annua =100) Mesi Indice investimento In pubblicità Indice Vendite Biglietti (a) Indice Vendite Distribuzione (b) Indice Sintetico (a*b/100) Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 19

20 11.3. AZIONE PUBBLICITARIA E VENDITE I rapporti tra vendite e pubblicità NON POSSONO ESSERE individuati mediante INTERVISTE nelle quali si interpellino gli acquirenti di un prodotto circa l influenza che i messaggi pubblicitari percepiti esercitano sulla maturazione delle decisioni di acquisto. È piú realistico affrontare il problema dal lato delle relazioni tra esposizione alla pubblicità e comportamento di acquisto, verificando mediante ricerche come si modifica l intensità di acquisto per diversi segmenti di mercato al variare della esposizione alla pubblicità. I primi modelli di analisi dell efficacia della pubblicità, espressi in termini di vendite, postulavano l esistenza di una relazione diretta tra queste e le spese in pubblicità come dall equazione: Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 20

21 dv M V r A kv dt M dv/dt è la variazione delle vendite al tempo t (tra t e t+dt). V è l ammontare delle vendite al tempo t. A è l ammontare delle spese pubblicitarie al tempo t. r costante di risposta delle vendite e dà il valore delle vendite per una unità di spesa in pubblicità se V = 0. M k è il livello di saturazione delle vendite. è il saggio costante di diminuzione delle vendite, che definisce l ammontare delle vendite mancate se A assume il valore 0. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 21

22 In questo modello le variabili sono date da V, dvidt, A e i parametri da r, M, k. L incremento delle vendite al tempo t è PROPORZIONALE all intensità dello sforzo pubblicitario A, che è in grado di raggiungere quella frazione di acquirenti potenziali indicata dall espressione (M V/M), diminuita di coloro che passano dallo stato di consumatori a quello di non consumatori. ESEMPIO. Si supponga di avere stimato r=4, V=400, il livello di saturazione M=1000 e che l azienda possa perdere k=0,1 delle sue vendite per ogni intervallo unitario di tempo se non viene effettuata alcuna spesa di pubblicità. Sotto queste condizioni, con una spesa di 100 in pubblicità l azienda può attendersi un ammontare addizionale di vendite pari a 200. Se il margine di profitto su questa cifra di vendite addizionali è superiore al 50%, la spesa di 100 in pubblicità sarebbe conveniente. 0=(r=4) * A * (1-V/M=400/1000) (k=0,1) (V=400)= 2,4*A 40. A=16,6 dv/dt = 2, = = 200. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 22

23 Un risultato interessante si ottiene ponendo dv/dt = 0. In questo caso si ha una misura dello sforzo pubblicitario necessario per mantenere le vendite a un livello costante; l investimento pubblicitario richiesto sarà dato da: k V M A r M V Il mantenimento di un certo saggio di sviluppo delle vendite cresce in termini pubblicitari quanto piú tende a essere elevato il rapporto k/r, e quanto piú diminuisce la differenza M-V (ché tanto piú le vendite si avvicinano al livello di saturazione). Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 23

24 Il modello in oggetto può espresso in termini relativi: dq dt r A 1 Q k Q dove Q esprime la quota di mercato (variabile da 0 a 1) del prodotto considerato, mentre gli altri simboli mantengono il precedente significato. tale il modello attribuisce un ruolo determinante all azione pubblicitaria; infatti, posto A = 0, il modello si riduce a: Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 24

25 Soluzione: dq dt k Q Q( t) Q(0)exp( k t) Dove Q(t) e Q(0) sono le quote di mercato a t=0 e t=t. In assenza di pubblicità la variabile Q ha quindi un andamento esponenziale negativo, e può assumere valori stazionari o crescenti in presenza di un adeguato sostegno pubblicitario. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 25

26 In questa forma il modello consente alcune determinazioni: (a) della spesa pubblicitaria necessaria per conservare il raggiunto livello della quota di mercato; (b) della spesa pubblicitaria da sostenere per t unità di tempo al fine di raggiungere una prefissata posizione Q(t) sul mercato; (c) del tempo t necessario affinché, mantenendo costante una certa spesa pubblicitaria, sia possibile raggiungere una prefissata quota di mercato; (d) della quota di mercato oltre la quale non vi è piú convenienza economica a aumentare le vendite ricorrendo alla pubblicità. Affinché il modello in oggetto sia significativo, occorre che il mercato sia piuttosto stabile, senza sostanziali mutamenti nelle strutture distributive e con una dinamica influenzabile soprattutto dall azione pubblicitaria. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 26

27 11.4. MISURAZIONE DELLA DIFFUSIONE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Ai fini della migliore diffusione del messaggio pubblicitario occorre scegliere un insieme di mezzi idonei a raggiungere il maggiore numero possibile di potenziali acquirenti con adeguato impatto ed al costo piú basso possibile. Si noti che le espressioni «mezzi o canali pubblicitari» con le quali vengono identificati televisione, cinema, stampa, eccetera, sono normalmente considerati sinonimi, non così i «veicoli» pubblicitari che stanno ad indicare i singoli programmi e le singole pubblicazioni a stampa. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 27

28 Le ricerche condotte in questa fase si propongono di individuare il numero di persone che i vari canali consentono di raggiungere in un prefissato periodo di tempo (audience), possibilmente al netto della contemporanea esposizione a piú mezzi. La dimensione del pubblico interessato alle rubriche o agli inserti pubblicitari costituisce l elemento fondamentale per attivare gli investimenti pubblicitari e stabilire le tariffe del servizio. Le indagini volte a determinare la audience sono divenute, quindi, sempre piú importanti e frequenti. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 28

29 Coloro che sono addetti alla pubblicità dovrebbero stimare in via preliminare il numero di sollecitazioni necessario per ottenere un determinato risultato in termini di attenzione, interesse, eccetera. Cioè la soglia di impatto e di risposta ottima in termini di "conversione" ottenuta dal messaggio, di "effetto di caduta" nel periodo intercorrente tra due messaggi e di "effetto di recupero" su coloro che sono stati convertiti e poi perduti. Generalmente, poiché le risorse sono predeterminate e spesso limitate, il migliore risultato conseguibile sarà quello che si ottiene con una accorta scelta che combini la audience netta e di ripetizione dello stesso annuncio. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 29

30 Può essere utile procedere anche a una segmentazione della copertura complessiva nel caso della pubblicità a mezzo stampa, al fine della identificazione di particolari gruppi di lettori di una data pubblicazione (audience ponderata). ESEMPIO. Se una rivista ha in media lettori adulti per copia, dei quali sono donne, e solo a queste fosse destinato un messaggio pubblicitario del costo di euro, il costo unitario per lettore dovrà essere calcolato trascurando ovviamente il lettore maschile, ottenendo quindi il costo di 0,17 euro per contatto utile / = 0,16 (costo per contatto utile) Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 30

31 Inoltre, sulla base di dati di consumo pro-capite ottenuti mediante indagini di mercato, si può supporre che le donne, alle quali il messaggio pubblicitario è diretto, possano essere ripartite in gruppi di consumo omogeneo per età, attribuendo quindi a ciascun gruppo un diverso peso. N= W(i) N(i) in classe N W (i) Classi di Età W(i)*N/W N(i)*W(i) < 35 anni 1, , , anni 0, , ,71 > 55 anni 0, , ,43 In complesso 1, , ,00 La audience ponderata corrisponde quindi a lettrici con un costo per unità standard di consumo pari a 0,22 euro. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 31

32 / = 0,22 (costo per contatto ponderato) Il ricorso a un sistema di ponderazione per valutare il costo unitario di un annuncio pubblicitario può riguardare simultaneamente piú caratteri. ESEMPIO. Si combina la struttura per età sopra riportata in termini di equivalenza di consumo con la corrispondente struttura per condizione socio-economica, anch essa ottenuta in termini di intensità di consumo (o di propensione al prodotto reclamizzato) si ottiene: Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 32

33 Condizione socio-economica In complesso Classi di Età > media media < media < 35 anni 1,00 0,60 0,40 1, anni 0,50 0,30 0,20 0,50 > 55 anni 0,25 0,15 0,10 0,25 In complesso 1,00 0,60 0,40 In questo caso i valori di incrocio, corrispondenti ai pesi, nelle diverse celle della tavola di contingenza si sono ottenuti moltiplicando fra loro i valori marginali delle modalità dei due caratteri considerati. Prof. ATTILIO PONTI SGARGI: dispensa per il corso di «Analisi di mercato» 33

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli