TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO"

Transcript

1 ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

2 DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE Il Tecnico superiore di approvvigionamento cura la progettazione e l organizzazione delle fasi di approvvigionamento dei materiali necessarie per l avvio ed il sostentamento dei processi di produzione. ATTIVITA PROFESSIONALI FONDAMENTALI Nell organizzare l approvvigionamento dei materiali e di tutte le attrezzature logistiche ed infrastrutturali necessarie per l avvio ed il sostentamento dei processi di produzione; nel coordinare le figure preposte alle lavorazioni, esternalizzate e/o in outsourcing., organizzandone i rapporti; nello svolgimento complessivo delle sue attività, il Tecnico superiore di approvvigionamento svolge le funzioni di: 1. operare nella rete integrata di sub-fornitura 2. interpretare ed utilizzare i dati del marketing e previsione per gestire la domanda di mercato 3. elaborare distinte base, definire i cicli tecnologici e la configurazione del prodotto 4. gestire gli approvvigionamenti dei materiali 5. gestire l approvvigionamento delle parti di ricambio 6. valutare l opportunità di terziarizzare l attività 7. impostare politiche di Qualità Totale nei rapporti di fornitura

3 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 1 1 Operare nella rete integrata di sub-fornitura Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. contestualizzare le strategie innovative di gestione degli approvvigionamenti; 2. gestire le procedure di evasione degli ordini di approvvigionamento e degli acquisti; 3. analizzare e valutare le prestazioni dei fornitori; 4. organizzare la pianificazione integrata della catena di sub-fornitura quale base per migliorare il processo produttivo; 5. utilizzare sistemi informativi integrati nella gestione degli acquisti. 1. Per contestualizzare le strategie innovative di gestione degli approvvigionamenti, il soggetto ha bisogno di sapere come: trasformare la fornitura in un fattore competitivo; individuare i processi critici di approvvigionamento; utilizzare la rete telematica per gli approvvigionamenti di parti e componenti; gestire on-line il portafoglio ordini di un fornitore; delegare al fornitore una parte di attività interne. 2. Per gestire le procedure di evasione degli ordini di approvvigionamento e degli acquisti, il soggetto ha bisogno di sapere come: ricercare fornitori-partner di alta qualità; definire le caratteristiche della collaborazione; affrontare il problema del make or buy; ottimizzare le procedure di acquisto. 3. Per analizzare e valutare le prestazioni dei fornitori, il soggetto ha bisogno di sapere come: individuare i fattori critici che identificano il rapporto di fornitura; definire l impatto relativo a ciascuno dei fattori; identificare le variabili sulle quali implementare il sistema di monitoraggio; elaborare i dati e individuare le azioni correttive.

4 4. Per organizzare la pianificazione integrata della catena di sub-fornitura quale base per migliorare il processo produttivo, il soggetto ha bisogno di sapere come: ottimizzare il numero di fonti di acquisto; selezionare i fornitori ai quali assegnare le forniture; concordare le modalità di trasmissione ordini; ottimizzare la frequenza delle consegne e la dimensione dell'ordine di acquisto; creare una comunione di intenti; gestire le informazioni in tempo reale. 5. Per utilizzare sistemi informativi integrati nella gestione degli acquisti, il soggetto ha bisogno di sapere come: identificare le funzioni principali di un sistema informativo gestionale ERP; analizzare i dati di input necessari; gestire automaticamente gli ordini di acquisto; controllare lo stato di avanzamento della fornitura.

5 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. contestualizzare le strategie innovative di gestione degli approvvigionamenti; 2. gestire le procedure di evasione degli ordini di approvvigionamento e degli acquisti; 3. analizzare e valutare le prestazioni dei fornitori; 4. organizzare la pianificazione integrata della catena di sub-fornitura quale base per migliorare il processo produttivo; 5. utilizzare sistemi informativi integrati nella gestione degli acquisti, 1 saper analizzare l'intera catena di rifornimento degli approvvigionamenti in relazione al contesto produttivo aziendale e le implicazioni di carattere finanziario, operativo e strategico delle forniture; saper valutare la scelta fra l'alternativa "costo" e "qualità" della fornitura, individuando le forniture critiche per la produzione aziendale 2 saper valutare i fabbisogni di materiali necessari al processo produttivo; saper suddividere le tipologie di scorte in funzione della regolarità del flusso dei materiali; valutando e monitorando i tempi di consegna dei materiali, saper mantenere bassi i volumi e i tempi di giacenza, per impegnare al minimo gli spazi e le risorse addette alla movimentazione. L istituzione di categorie di criticità nelle quali distribuire i fornitori; l'applicazione delle indicazioni fornite dai progettisti; la definizione di un metodo di scambio costante delle informazioni con il responsabile della produzione. L'individuazione di una lista dei fabbisogni di materiali; la predisposizione degli ordini d'acquisto; la stesura di liste dei materiali per tipologia di fornitura; la stesura di procedure di controllo delle scorte e giacenze in magazzino.

6 3 basandosi sull analisi dei dati oggettivi a disposizione, saper formulare, motivandola, la scelta di un fornitore. La congruenza dei criteri per l'individuazione del fornitore più adatto al tipo di fornitura da richiedere; l'acquisizione dei materiali secondo la logica del costo, oppure della quantità; l'individuazione dei materiali critici; l'utilizzo di indicatori di qualità; il rispetto delle nome ISO in materia di approvvigionamenti; l'utilizzo delle informazioni acquisite per le trattative commerciali. 4 saper elaborare un piano per ridurre al minimo la funzione approvvigionamenti, valutando l'opportunità di spostare sul fornitore le attività di stoccaggio; saper concordare col fornitore il rispetto di alcune specifiche tecniche, necessarie alle successive lavorazioni interne dei materiali. 5 saper utilizzare un archivio delle specifiche dei materiali da approvvigionare, generando liste di materiali collegate ai fornitori abituali ed alle giacenze; saper analizzare le procedure implementate, al fine di formulare proposte di miglioramento. La riduzione delle scorte; la riduzione del numero di lavorazioni interne; il rispetto delle specifiche richieste nella consegna dei materiali approvvigionati; la definizione di un protocollo di impegni da proporre ai fornitori. Lo sviluppo di applicazioni informatiche per il controllo degli approvvigionamenti; l utilizzo di liste di controllo; l'integrazione fra i sistemi di gestione aziendale e gli archivi degli approvvigionamenti.

7 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 2 2 Interpretare ed utilizzare i dati del Marketing e Previsione per gestire la domanda di mercato Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. elaborare statisticamente i dati storici e comprendere l eventuale necessità di previsioni aggregate; 2. scegliere le metodologie più adatte alla previsione della domanda di mercato; 3. stimare la domanda futura e l errore previsionale correlato; 4. gestire la previsione della domanda mediante l utilizzazione di software dedicati. 1. Per elaborare statisticamente i dati storici e comprendere l eventuale necessità di previsioni aggregate, il soggetto ha bisogno di sapere come: raccogliere i dati relativi al passato; correggere e filtrare i dati raccolti; definire la componente di trend e la componente stagionale presenti nei dati; costruire campioni significativi, individuando i criteri di aggregazione dei dati raccolti. 2. Per scegliere le metodologie più adatte alla previsione della domanda di mercato, il soggetto ha bisogno di sapere come: applicare i principali metodi previsionali per il breve, medio e lungo termine; definire gli indici prestazionali di confronto; valutare pregi e difetti di ciascun metodo; stimare il costo dell'applicazione di una tecnica previsionale. 3. Per stimare la domanda futura e l errore previsionale correlato, il soggetto ha bisogno di sapere come: preparare i dati richiesti da ciascun metodo previsionale; simulare le previsioni; validare le previsioni; stimare l'errore previsionale. 4. Per gestire la previsione della domanda mediante l utilizzazione di software dedicati, il soggetto ha bisogno di sapere come: applicare le varie tecniche previsionali; interpretare i dati previsionali; integrare il software con il sistema ERP gestionale.

8 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. elaborare statisticamente i dati storici e comprendere l eventuale necessità di previsioni aggregate; 2. scegliere le metodologie più adatte alla previsione della domanda di mercato; 3. stimare la domanda futura e l errore previsionale correlato; 4. gestire la previsione della domanda mediante l utilizzazione di software dedicati, 1 saper trattare, correggere e filtrare i dati raccolti; saper eseguire la decomposizione dei dati storici in: trend, componente stagionale e componente infrastrutturale. L individuazione di un significativo periodo passato di riferimento; l esposizione dei criteri di correzione dei dati; l utilizzo di metodi per l individuazione della componente di trend; l utilizzo di metodi per l individuazione della componente stagionale la conoscenza di criteri per l aggregazione dei dati. 2 conoscere la tecniche previsionali e valutarne l opportunità di utilizzo, sulla base dei dati storici disponibili. La definizione dell orizzonte previsionale; l individuazione delle metodologie previsionali applicabili; la definizione degli indici di efficienza di previsione; la creazione di indici prestazionali di confronto.

9 3 saper stimare la previsione della domanda. Il caricamento dei dati storici sui modelli previsionali selezionati; l esecuzione di simulazioni di previsione; il calcolo di indici di efficienza di previsione; la corretta valutazione dell errore previsionale commesso; la scelta della migliore metodologia previsionale; l applicazione sistematica di previsione. 4 saper utilizzare software di previsione della domanda. L individuazione delle caratteristiche principali di software applicativi; la conoscenza delle modalità di caricamento dei dati; la filtrazione e l elaborazione automatica dei dati storici; l elaborazione computerizzata delle previsioni; la valutazione della previsione relativa all applicazione di una precisa metodologia; l elaborazione di grafici rappresentativi; l individuazione delle possibilità di integrazione con sistemi ERP.

10 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 3 3 Elaborare distinte base, definire i cicli tecnologici e la configurazione del prodotto Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. elaborare, gestire e modificare le distinte base materiali; 2. gestire i cicli dei prodotti e il conto lavoro presso terzisti; 3. elaborare e gestire distinte di pianificazione modulari; 4. applicare criteri di configurazione di prodotto. 1. Per elaborare, gestire e modificare le distinte base materiali, il soggetto ha bisogno di sapere come: strutturare le distinte base materiali in forma scalare; esplicitare i legami di distinta; omogeneizzare la distinta base tecnica, la distinta base produttiva, la distinta base di approvvigionamento; favorire la gestione delle modifiche delle distinte base. 2. Per gestire i cicli dei prodotti e il conto lavoro presso terzisti, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare le attività di produzione e assemblaggio di un generico prodotto; identificare i vincoli tecnologici di produzione e assemblaggio; assegnare le attività ciclo alle risorse interne ed esterne; integrare i cicli tecnologici alle distinte base materiali. 3. Per elaborare e gestire distinte di pianificazione modulari, il soggetto ha bisogno di sapere come: identificare famiglie di prodotti similari; scomporre il prodotto in gruppi costruttivi; identificare gruppi costruttivi comuni, varianti (obbligatorie o opzionali) e di personalizzazione; elaborare un'unica distinta rappresentativa dell'intera famiglia; stabilire le regole di configurazione. 4. Per applicare criteri di configurazione di prodotto, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare la distinta base modulare della famiglia di prodotti; definire i parametri prestazionali caratteristici del prodotto; identificare le regole di combinazione di parti di prodotto; strutturare una sequenza logica di configurazione; definire la politica di approvvigionamento ottimale di parti diverse.

11 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. elaborare, gestire e modificare le distinte base materiali; 2. gestire i cicli dei prodotti e il conto lavoro presso terzisti; 3. elaborare e gestire distinte di pianificazione modulari; 4. applicare criteri di configurazione di prodotto, 1 saper costruire una distinta base materiali. L applicazione dei criteri di costruzione di distinte base materiali in forma scalare; l identificazione delle specifiche di distinta, legate alle esigenze di progettazione, produzione e approvvigionamento; la conoscenza dei criteri di gestione dei legami di distinta; la definizione di criteri per la creazione guidata di distinte di nuovi prodotti; la definizione di criteri per la gestione delle modifiche di distinta; la definizione di criteri per favorire la standardizzazione delle distinte. 2 saper gestire i cicli di produzione. La costruzione di diagrammi tecnologici; l identificazione dei vincoli tecnologici di produzione ed assemblaggio; l esecuzione dell analisi del valore delle attività produttive; la valutazione dell opportunità di assegnare fasi del ciclo a terzisti; la gestione dei cicli integrata con le distinte basi materiali;

12 3 saper realizzare le distinte di pianificazione. L applicazione di criteri di aggregazione delle distinte base di prodotti diversi; la definizione dei criteri di scomposizione di un prodotto in gruppi e sottogruppi; la definizione dei criteri di classificazione dei gruppi e dei sottogruppi; la scansione delle fasi di costruzione di una distinta rappresentativa di un intera famiglia di prodotti; l identificazione dei legami logici di configurazione. 4 saper configurare un prodotto. L applicazione delle regole di configurazione più diffuse; l identificazione dei parametri prestazionali critici di un prodotto; l elaborazione di una procedura di configurazione; l integrazione dell attività di configurazione con le distinte basi e i cicli tecnologici.

13 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 4 4 Gestire gli approvvigionamenti dei materiali Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. gestire l'approvvigionamento di parti a fabbisogno; 2. gestire l'approvvigionamento di parti a lotto di riordino; 3. gestire gli approvvigionamenti in regime Just in Time; 4. gestire in maniera aggregata ordini di approvvigionamento e di acquisto. 1. Per gestire l'approvvigionamento di parti a fabbisogno, il soggetto ha bisogno di sapere come: interpretare il funzionano dei sistemi MRP (Material requirements Planning) a capacità finita; articolare e raccogliere i dati di input necessari; individuare i limiti di tali sistemi; utilizzare ed elaborare le proposte di acquisto. 2. Per gestire l'approvvigionamento di parti a lotto di riordino, il soggetto ha bisogno di sapere come: calcolare il lotto economico di acquisto; definire il livello di riordino ottimale; stimare le scorte di sicurezza necessarie; automatizzare la gestione. 3. Per gestire gli approvvigionamenti in regime Just in Time, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare un sistema produttivo in gestione Just in Time; organizzare il sistema a schede kanban per gestire l'approvvigionamento di parti; utilizzare schede kanban segnale per approvvigionamenti non unitari; creare partnership con i fornitori; definire gli elementi principali per informatizzare il flusso informativo. 4. Per gestire in maniera aggregata ordini di approvvigionamento e di acquisto, il soggetto ha bisogno di sapere come: analizzare il piano principale; pianificare la richiesta di parti e di componenti nel tempo; individuare le parti il cui approvvigionamento va previsto in relazione al piano; creare dati macroscopici di approvvigionamento.

14 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. gestire l'approvvigionamento di parti a fabbisogno; 2. gestire l'approvvigionamento di parti a lotto di riordino; 3. gestire gli approvvigionamenti in regime Just in Time; 4. gestire in maniera aggregata ordini di approvvigionamento e di acquisto, 1 saper utilizzare la tecnica MRP (Material Requirement Planning). L analisi delle condizioni di applicabilità della tecnica MRP; la conoscenza degli obiettivi di MRP; la conoscenza del principio di funzionamento della tecnica di gestione a fabbisogno; la creazione dei dati di input necessari; l individuazione del livello di distinta base su cui applicare MRP; la definizione dei criteri di gestione delle proposte di acquisto suggerite da MRP; l integrazione di MRP con le altre attività di programmazione a monte e valle del processo; la gestione dell aggiornamento dei dati; l utilizzo di software applicativi. 2 saper acquistare parti e componenti, monitorando le giacenze in magazzino. La quantificazione della giacenza disponibile di parti e componenti; la correttezza del calcolo del lotto economico di acquisto; la correttezza del calcolo del lotto economico di produzione;

15 segue punto 2 la definizione del livello di riordino; la correttezza del calcolo delle scorte di sicurezza; l applicazione della tecnica ROL ; l applicazione della tecnica ROC; l applicazione di tecniche di minimizzazione dei costi totali di approvvigionamento; la definizione dei criteri per automatizzare il processo di acquisto 3 saper applicare le tecniche del Just In Time. L analisi e la valutazione delle condizioni di applicabilità del Just in Time; la conoscenza degli obiettivi di JIT; la conoscenza del principio di funzionamento della tecnica JIT; la progettazione del Kanban (produzione, prelievo, fornitore, segnale) per la gestione del flusso materiali l applicazione di sistemi JIT a una o due schede Kanban; la conoscenza dei criteri di introduzione in azienda della logica JIT; la valutazione dell impatto che JIT ha nella gestione dei fornitori; la definizione di criteri per la gestione mista Pull- MRP; la valutazione dei concetti di Lean Production. 4 saper gestire l aggregazione di ordini di approvvigionamento ed acquisto. L interpretazione di un piano principale della produzione; l individuazione di criteri di approvvigionamento di parti e componenti in relazione al piano; l individuazione di opportunità di standardizzazione di parti e componenti.

16 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 5 5 Gestire l approvvigionamento delle parti di ricambio Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. definire ed adottare le politiche di gestione della manutenzione; 2. programmare l'approvvigionamento di ricambi. 1. Per definire ed adottare le politiche di gestione della manutenzione, il soggetto ha bisogno di sapere come: gestire le attività di manutenzione; calcolare l'affidabilità di un sistema non riparabile; calcolare la disponibilità di un sistema riparabile; ottimizzare la capacità produttiva di riserva; ottimizzare la politica gestionale di manutenzione. 2. Per programmare l'approvvigionamento di ricambi, il soggetto ha bisogno di sapere come: Individuare i ricambi critici Legare la presenza del ricambio ai fermi impianto Impostare la gestione di ricambi ad alto indice di rotazione Impostare la gestione di ricambi a basso indice di rotazione

17 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. definire ed adottare le politiche di gestione della manutenzione; 2. programmare l'approvvigionamento di ricambi, 1 saper impostare un sistema di gestione e ottimizzazione delle attività di manutenzione. La definizione delle politiche di manutenzione: correttiva, preventiva e predittiva; l individuazione della politica manutentiva ottimale; l applicazione della logica TPM (Total Productive Maintenance). 2 impostare la gestione dell approvvigionamento di parti di ricambio. La predisposizione di criteri per valutare la criticità di una parte di ricambio; l applicazione delle tecniche per la stima del fabbisogno di ricambi ad alto indice di rotazione; l utilizzo di tecniche per la stima del fabbisogno di ricambi a basso indice di rotazione; la definizione di criteri per gestire il prelievo dei ricambi dal magazzino; la definizione dei costi associati ad una politica di gestione degli approvvigionamenti di una parte di ricambio.

18 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 6 6 Valutare l opportunità di terziarizzare le attività Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. valutare la convenienza economica legata alla terziarizzazione delle attività; 2. definire gli estremi di un rapporto contrattuale di terziarizzazione; 3. gestire sistemi terziarizzati, parzialmente o totalmente. 1. Per valutare la convenienza economica legata alla terziarizzazione delle attività, il soggetto ha bisogno di sapere come: quantificare i costi logistici interni; identificare tutte le possibili inefficienze della gestione interna; quantificare le specifiche di terziarizzazione e gli standard minimi richiesti; formulare preventivi di spesa per diverse alternative di terziarizzazione; definire il grado di terziarizzazione ottimale. 2. Per definire gli estremi di un rapporto contrattuale di terziarizzazione, il soggetto ha bisogno di sapere come: valutare il livello di inserimento della terziarizzazione nelle strategie aziendali; individuare il regime di tariffazione più opportuno; quantificare l'impatto di un mancato servizio del terzista; definire le attività da terziarizzare prioritariamente. 3. Per gestire sistemi terziarizzati, parzialmente o totalmente, il soggetto ha bisogno di sapere come: supportare il terzista con personale interno; scambiare le informazioni con il terzista; monitorare le prestazioni del terzista; individuare efficaci sistemi correttivi delle tariffe.

19 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. valutare la convenienza economica legata alla terziarizzazione delle attività; 2. definire gli estremi di un rapporto contrattuale di terziarizzazione; 3. gestire sistemi terziarizzati, parzialmente o totalmente, 1 saper analizzare e proporre opportunità di terziarizzazione delle attività logistiche. La definizione delle criticità gestionali ed operative interne; la definizione delle specifiche richieste dalla eventuale terziarizzazione; la definizione dei possibili vantaggi ottenibili dalla terziarizzazione di alcune attività; la definizione di criteri operativi per la valutazione del grado di terziarizzazione ottimale. 2 saper definire ed instaurare un rapporto di outsourcing logistico. La stesura di un contratto di terziarizzazione; la valutazione dell opportunità di ricorrere al Global Service; l individuazione dei parametri operativi e gestionali su cui basare il contratto di outsourcing; la definizione di prestazioni minime richieste; la definizione di penali legate a mancati servizi da parte del terzista; la definizione del regime di tariffazione più conveniente. 3 saper integrare la logistica interna con la logistica terziarizzata. La definizione di criteri di monitoraggio delle prestazioni del terzista; la definizione di procedure standard per lo scambio di informazioni con il terzista; l identificazione di attività che possono agevolare ed incrementare le prestazioni del terzista; La definizione di proposte di modifica del regime di tariffazione

20 UNITÀ CAPITALIZZABILE N. 7 7 Impostare politiche di Qualità Totale nei rapporti di fornitura Il soggetto è in grado di: A STANDARD MINIMO DELLE COMPETENZE 1. applicare procedure standard del sistema qualità; 2. valutare l'incidenza legata alla presenza di difettosità. 1. Per applicare procedure standard del sistema qualità, il soggetto ha bisogno di sapere come: applicare le sette leve del sistema qualità; applicare le norme VISION 2000; stimare oneri e benefici legati all'introduzione del Sistema Qualità. 2. Per valutare l'incidenza legata alla presenza di difettosità, il soggetto ha bisogno di sapere come: valutare l indice di incidenza della difettosità sulla capacità produttiva reale; valutare l indice di incidenza della difettosità sui lead-time di produzione; valutare l indice di incidenza della difettosità sui costi di approvvigionamento.

21 B DECLINAZIONE DI LIVELLO Per essere in grado di: 1. applicare procedure standard del sistema qualità; 2. valutare l'incidenza legata alla presenza di difettosità. 1 saper gestire e controllare il sistema qualità. La definizione degli obiettivi di un sistema di controllo della qualità; l utilizzo delle norme standard della certificazione della qualità; l identificazione e utilizzo degli strumenti della qualità; l adozione di criteri per la raccolta sistematica delle informazioni; la definizione di criteri per la gestione delle non conformità; l analisi costi-benefici legati all implementazione di un sistema qualità; l implementazione del controllo qualità negli approvvigionamenti. 2 saper applicare tecniche per ridurre l impatto economico legato alla difettosità di parti, componenti e lavorazioni. L elaborazione di indici reali di qualità della produzione interna; l elaborazione di indici reali di qualità della fornitura di parti e componenti; la definizione di criteri di analisi delle difettosità; l individuazione delle non conformità critiche e delle loro cause; l individuazione di interventi correttivi di modifica; l analisi costi-benefici degli interventi alternativi proposti.

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab

Release 3.1.3 WHIT E PAPER. e-fab Release 3.1.3 WHIT E PAPER Giugno 2003 A chi si rivolge, è stato pensato per la gestione ed il controllo delle fasi del ciclo produttivo. Caratteristiche generali I moduli affrontano e risolvono tutte

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff

Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff Il catalogo MANUFACTURING Si rivolge a: Responsabili Produzione e loro staff Imprenditori con responsabilità diretta sul Responsabili Logistica e loro staff processo produttivo Responsabili Manutenzione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

INTRODUZIONE alla GESTIONE della PRODUZIONE

INTRODUZIONE alla GESTIONE della PRODUZIONE INTRODUZIONE alla GESTIONE della PRODUZIONE Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Se non specificato diversamente, ogni riferimento a società, nomi,

Dettagli

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production)

Sistemi produttivi Just In Time. Just-In-Time Systems (Lean Production) Sistemi produttivi Just In Time Just-In-Time Systems (Lean Production) 1 Origini del JIT e della Produzione Snella Introdotto da Toyota Adottato da altre aziende giapponesi Introdotto successivamente nelle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

La Pianificazione dei Fabbisogni

La Pianificazione dei Fabbisogni 1 La Pianificazione dei Fabbisogni Le tecniche di Gestione a Fabbisogno in contrapposizione alle tecniche di Gestione a Scorta La Tecnica del Material Requirement Planning o MRP: i dati d ingresso le fasi

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA CONDUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it

Teseo 7 Industry. Il gestionale ideale per le aziende di produzione. ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it Teseo 7 Industry Il gestionale ideale per le aziende di produzione. Z ZUCCHETTI CENTRO SISTEMI SPA www.centrosistemi.it tel. (+39) 055 91971 fax. (+39) 055 9197515 e mail: commerciale@centrosistemi.it

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione integrata della produzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione e il controllo della produzione J-Mit di Revorg è la soluzione gestionale flessibile

Dettagli

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa.

La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. Area Produzione l Controllo di Produzione l Distinta Base e Cicli di Produzione l Politiche MRP I e II l Schedulatore l Conto Lavoro La Produzione Discreta, a Lotti e su Commessa. I moduli preposti in

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti

Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti Logistica industriale e gestione degli approvvigionamenti ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE CAP. 16 Una definizione La logistica è il sistema di connessione tra l approvvigionamento dei materiali, la trasformazione

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale

Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la logistica industriale dott. Matteo Rossi La funzione produzione La produzione assume caratteristiche differenti da impresa a impresa,

Dettagli

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità

PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG. Soluzioni Informatiche di Qualità Q SISTEMA INFORMATIVO PER LE AZIENDE DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE SIMAG Soluzioni Informatiche di Qualità SIMAG I Moduli di SIMAG Dati tecnici e costi Distinta base La distinta base è lo strumento più

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno

RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 5 modelli per 40% del fatturato. fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno RICOSTRUZIONE DEL CASO ELETTROPOMPE ITALIA S.p.A. 3 famiglie per 76 modelli 5 modelli per 40% del fatturato fabbricaz. soprattutto interna; assemblaggio interno "Assemble To Order" Piano qualità dal '90

Dettagli

software gestione imprese settore AEROSPAZIALE

software gestione imprese settore AEROSPAZIALE software gestione imprese settore AEROSPAZIALE L industria aerospaziale italiana ricopre un ruolo di grande rilevanza non solo per le economie territoriali ma anche per il prestigio nazionale e internazionale

Dettagli

per il settore MECCANICO

per il settore MECCANICO per il settore MECCANICO L industria meccanica italiana ha sempre ricoperto una posizione strategica nell economia del paese. Questo settore sta affrontando sfide importanti, come il continuo incremento

Dettagli

Internet: www.gdpconsulting.it email: info@gdpconsulting.it Sede legale: Strada San Giorgio Martire, 97/6 70123 Bari (BA) Tel/Fax: 080/5057504

Internet: www.gdpconsulting.it email: info@gdpconsulting.it Sede legale: Strada San Giorgio Martire, 97/6 70123 Bari (BA) Tel/Fax: 080/5057504 SIGeP è la soluzione informatica per la gestione delle attività connesse alla produzione. Sviluppato da GDP Consulting, SIGeP permette una gestione integrata di tutti i processi aziendali. SIGeP è parametrizzabile

Dettagli

AREA CONTROLLO GESTIONE

AREA CONTROLLO GESTIONE AREA CONTROLLO GESTIONE Ad Hoc Revolution mette a disposizione funzioni avanzate per il controllo di gestione attraverso il modulo di contabilità analitica. L analisi di bilancio, completa gli strumenti

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP

CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP CORSO DI Produzione e Logistica LA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI: LA PROCEDURA MRP Agenda 1. Il Material Requirement Planning (MRP) Ripresa dei concetti fondamentali riguardanti lo MRP : a. sua collocazione

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE TECNICO DEGLI ACQUISTI E APPROVVIGGIONAMENTI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE TECNICO DEGLI ACQUISTI E APPROVVIGGIONAMENTI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE APPROVVIGIONAMENTO

Dettagli

Ge.M.M.Az Gestione Manutenzione Macchinari Aziendali

Ge.M.M.Az Gestione Manutenzione Macchinari Aziendali Ge.M.M.Az Gestione Manutenzione Macchinari Aziendali La Manutenzione informatizzata per migliorare la gestione operativa del processo produttivo aziendale Il conseguimento di una posizione di profitto

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione

MOTIS MOTIS. Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS MOTIS Sistema integrato per la pianificazione, il controllo e la gestione della produzione MOTIS COMMERCIALE AMMINISTRAZIONE PERSONALE - ACQUISTI PROGETTAZIONE DIREZIONE MAGAZZINO MATERIA PRIMA INGRESSO

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE AREA Production Planning Modulo Base PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Il modulo Pianificazione e Programmazione della Produzione ha l obiettivo

Dettagli

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla Produzione su commessa GALILEO Produzione su Commessa. La soluzione applicativa si rivolge a quelle aziende del settore manifatturiero e/o impiantista

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Gamma ENTERPRISE. The extended ERP platform

Gamma ENTERPRISE. The extended ERP platform Gamma ENTERPRISE The extended ERP platform Gamma ENTERPRISE The extended ERP platform La realizzazione di una piattaforma ERP estesa nasce dall esigenza delle Aziende di ottimizzare l intero flusso dei

Dettagli

"Cloud Business Solutions" di INTESA Descrizione del Servizio WPLAN

Cloud Business Solutions di INTESA Descrizione del Servizio WPLAN "s" di INTESA Descrizione del Servizio 1. Accesso ai Servizi Il Portale INTESA, le informazioni riguardanti l'utilizzo da parte del Cliente del Servizio Cloud le informazioni sulle credenziali ed il supporto,

Dettagli

AREA PRODUZIONE AREA PRODUZIONE

AREA PRODUZIONE AREA PRODUZIONE AREA PRODUZIONE AREA PRODUZIONE Area Produzione Distinta Base Il modulo Distinta Base permette la generazione di tipologie diversificate di distinte: - standard, - per fornitore, - per cliente, - di progetto.

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Effettuare la manutenzione e garantire l'affidabilità dei sistemi. svolgere le operazioni di manutenzione programmata di base su macchine e sistemi

Dettagli

Galileo Assistenza & Post Vendita

Galileo Assistenza & Post Vendita Galileo Assistenza & Post Vendita SOMMARIO PRESENTAZIONE... 2 AREE DI INTERESSE... 2 PUNTI DI FORZA... 2 Caratteristiche... 3 Funzioni Svolte... 4 ESEMPI.7-1 - PRESENTAZIONE Sempre più spesso ci si riferisce

Dettagli

PrometeoManutenzione è un prodotto software, dedicato alla programmazione ed alla gestione della manutenzione e sicurezza degli impianti aziendali.

PrometeoManutenzione è un prodotto software, dedicato alla programmazione ed alla gestione della manutenzione e sicurezza degli impianti aziendali. PrometeoManutenzione è un prodotto software, dedicato alla programmazione ed alla gestione della manutenzione e sicurezza degli impianti aziendali. PrometeoManutenzione supporta la manutenzione programmata

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE GESTIONE DELLA PRODUZIONE CICLO OPERATIVO DI GESTIONE INPUT OPERATION OUTPUT Approvvigionamento Lavoro Materiali Capitali Produzione Beni o Servizi Vendita GESTIONE STRATEGICA DELLA PRODUZIONE Obiettivi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner

EasyMACHINERY ERPGestionaleCRM. partner ERPGestionaleCRM partner La soluzione software per le aziende di produzione di macchine Abbiamo trovato un software e un partner che conoscono e integrano le particolarità del nostro settore. Questo ci

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Il modulo Pianificazione e Programmazione della Produzione ha l obiettivo di illustrare gli strumenti più

Dettagli

RESPONSABILE DELLA LOGISTICA

RESPONSABILE DELLA LOGISTICA CORSO PER RESPONSABILE DELLA LOGISTICA Certificazione Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001 53 CORSO PER RESPONSABILE DELLA LOGISTICA Materiale propedeutico (studio a casa) + 48 ore di lezioni frontali

Dettagli

Imprenditore industria fabbricazione di mobili

Imprenditore industria fabbricazione di mobili Imprenditore industria fabbricazione di mobili La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DN 36.1 Fabbricazione di mobili Figure professionali

Dettagli

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA

settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA settore AUTOMAZIONE MACCHINE AUTOMATICHE IMPIANTI e ROBOTICA Le imprese che operano nel campo dell automazione, macchine automatiche, impianti e robotica rappresentano una delle più importanti filiere

Dettagli

ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE

ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI - 1 - 2 INDICE DELLE FIGURE PROFESSIONALI E DELLE UNITA CAPITALIZZABILI PARTE PRIMA ORD. FIGURA PROFESSIONALE 1. tecnico

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it

MBM Italia S.r.l. Via Pellizzo 14/a 35128 Padova. Tel. Fax E-mail. www.mbm.it. +39.049.2138422 +39.049.2106668 marketing@mbm.it ARCHITETTURA APPLICATIVA Il processo elaborativo si sviluppa in cinque passi. ERP XML PLANNING SERVER 1 Estrazione dei dati dai data base in cui sono gestiti e creazione di file XML che vengono trasferiti

Dettagli

Il caso FrescoMagic s.r.l.

Il caso FrescoMagic s.r.l. LE TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE SCORTE Il caso FrescoMagic s.r.l. Le scorte servono a fronteggiare in ogni momento improvvise esigenze di produzione e di vendita Rilevano importanza perché

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW Progetto esecutivo MD-STCW/02-7.3_2 Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima MOD 7.3_2 Ed. 1 REV. 0 del 01.12.2014 Red. RSG App.DS Pag. 1/10 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE

Dettagli

Addetti agli approvvigionamenti

Addetti agli approvvigionamenti M generali Fornire le conoscenze di base per gli addetti agli approvvigionamenti, in relazione a tutto il processo relativo Consolidare conoscenze e metodiche di gestione che risultino le più consone allo

Dettagli

Requisiti di riferimento per il successo

Requisiti di riferimento per il successo Requisiti di riferimento per il successo In questa seconda parte della nostra newsletter in cui si parla del recente report di Aberdeen sui fattori chiave di successo per la logistica di magazzino, si

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

LOGISTIC M.E.S. (Manufacturing Execution System)

LOGISTIC M.E.S. (Manufacturing Execution System) LOGISTIC M.E.S. (Manufacturing Execution System) Gestire la produzione come flusso logistico Esperienza e competenze sviluppate per garantire una produzione on demand, secondo le moderne logiche della

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Processi snelli GIA-L04 terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Processi snelli terza parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Processi snelli Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Una gamma di soluzioni IT per il fashion

Una gamma di soluzioni IT per il fashion Una gamma di soluzioni IT per il fashion Modasystem propone una piattaforma software in grado di supportare in maniera rapida ed efficace ogni necessità di gestione delle aziende che trattano prodotti

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Piano dei fabbisogni di materiali

Piano dei fabbisogni di materiali Piano dei fabbisogni di materiali MRP 1 Pianificazione dei fabbisogni Obiettivo generale è determinare: quali assiemi, sottoassiemi, parti e materie prime sono necessari per realizzare un determinato MPS;

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE 1 AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

Dettagli

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani

LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani Corso di LOGISTICA INDUSTRIALE L Prof. Ing. Cesare Saccani Dott. Ing. Marco Liverani MODELLI DI GESTIONE DELLE SCORTE DIEM Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna 1/28 Scorte Le scorte possono essere

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi

Lean Production. e approccio Just In Time CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE. Lean Production. Value stream e lotta agli sprechi Lean Production CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE Lean Production e approccio Just In Time! Insieme di attività integrate progettato per ottenere alti volumi produttivi pur utilizzando scorte

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo

Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo Il Controllo di produzione automatizzato per migliorare il processo produttivo Definizione di Prodotto e di Processo Analisi Statistica SPC Manutenzione programmata Pianificazione lavori Rilevamento e

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

MATRICE COMPETENZE SECONDO BIENNIO LOGISTICA

MATRICE COMPETENZE SECONDO BIENNIO LOGISTICA MATRICE COMPETENZE SECONDO BIENNIO LOGISTICA MACRO COMPETENZA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO DISCIPLINE CONCORRENTI LOGISTICA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Identificare, descrivere e comparare tipologie e funzioni

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it LF Logistica del Farmaco IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO Il Sistema BUSTER, è una soluzione completa per la gestione del farmaco nelle strutture sanitarie che utilizza sia componenti

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT & EXECUTION

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT & EXECUTION SUPPLY CHAIN MANAGEMENT & EXECUTION PIANIFICAZIONE DELLA DOMANDA PIANO PRINCIPALE DI PRODUZIONE a CAPACITA FINITA PIANIFICAZIONE DEI MATERIALI e SINCRONIZZAZIONE CAPACITA GESTIONE DI CLIENTI, FORNITORI

Dettagli