IL MODELLO 730/2011: NOVITÀ, ONERI DETRAIBILI E DEDUCIBILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MODELLO 730/2011: NOVITÀ, ONERI DETRAIBILI E DEDUCIBILI"

Transcript

1

2 Corso Pratico CGN IL MODELLO 730/2011: NOVITÀ, ONERI DETRAIBILI E DEDUCIBILI Casi Pratici A cura del Centro Studi CGN: Nicola Forte Annalisa Fedrigo Antonio Fior Angela Palin Adriano Perosa D.7.5 D.7.12 da Regolamento DCEC Materia Diritto tributario e processuale tributario da Regolamento CDL Dispensa non vendibile e riservata ai partecipanti agli eventi Unoformat. Chiusa per la stampa in data: 28/02/ Stampata da: Tipografia Rapini s.n.c. Tutti i diritti sono riservati, é vietata qualsiasi riproduzione anche parziale.

3 INDICE INDICE LE NOVITÀ DEL MODELLO Le novità in pillole... 6 La cedolare secca del 20% per gli immobili nella provincia de L Aquila... 6 Gli incrementi di produttività Il recupero delle maggiori somme pagate... 8 Esenzione dell addizionale comunale ed altre agevolazioni... 8 Il credito d imposta sull attività di mediazione ed ulteriori novità... 9 La detrazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici Detrazioni d imposta FRONTESPIZIO E FAMILIARI A CARICO Ripartizione figli a carico per coppie conviventi non sposate Separazione in corso d anno e convivenza Quarto figlio nato in corso d'anno d'imposta e calcolo detrazioni Pensionato con redditi da fabbricato: condizioni di esonero QUADRO A Terreno concesso in affitto per usi agricoli in regime di libero mercato Terreno concesso in affitto per usi agricoli in regime vincolistico tassato in base al canone QUADRO B Abitazione principale parzialmente locata Immobile dato in comodato e locato dal comodatario Immobile in ristrutturazione e variazione della rendita Uso gratuito in presenza di altro immobile di proprietà Immobile in comproprietà locato ad un comproprietario QUADRO C Fruizione della tassazione agevolata su compensi per incrementi della produttività di lavoro in mancanza di requisiti Somme erogate per l incremento della produttività scelta di convenienza tra tassazione ordinaria ed imposta sostitutiva Pensionato con compensi per lavori socialmente utili con reddito complessivo superiore ad euro 9.262,

4 INDICE QUADRO D Reddito da terreno locato e situato all estero Tassazione compensi attività sportive dilettantistiche Rimborso di oneri in presenza di contributi ricevuti successivamente Plusvalenza da cessione di immobile nel quinquennio QUADRO E Acquisto veicoli adattati per portatori di handicap e spese di manutenzione straordinaria Spese sanitarie per familiari non a carico - patologie esenti Spese sostenute dai familiari per genitore in casa di riposo Contributi versati al fasi (fondo assistenza sanitaria integrativa) da lavoratore dipendente, spese parzialmente rimborsate Rinegoziazione mutuo per un importo maggiore alla residua quota capitale Mutuo acquisto abitazione principale: determinazione della quota detraibile Mutuo costruzione abitazione principale, determinazione quota interessi detraibile Mutuo acquisto abitazione, coefficiente di detraibilità interessi Soggetti rilevanti ai fini della detraibilità dei premi versati per l assicurazione sulla vita e contro gli infortuni Spese di istruzione universitaria e detrazione per canoni di locazione Spese funebri sostenute in due periodi d imposta Spese per attività sportive praticate da ragazzi: limiti della detrazione Detrazione delle spese per la frequenza di asili nido Spese sostenute per il riscatto degli anni di laurea per familiare a carico Assegno periodico corrisposto al coniuge: casistiche per la deducibilità (arretrati, quota figlio ed aggiornamento istat) Deduzione dei contributi per addetti ai servizi domestici: quota a carico del datore di lavoro Previdenza complementare deduzione ordinaria Previdenza complementare: compresenza di contributi del dichiarante e di familiari fiscalmente a carico Spese di manutenzione straordinaria che si protraggono per più anni Ristrutturazioni edilizie con più tipologie di interventi nello stesso anno Detrazione 36%: rideterminazione della rata per contribuente con più di 80 anni

5 Immobile ereditato da soggetto che ha rideterminato in tre rate Detrazione 55%: limite detraibilità in presenza di differenti interventi Detrazione 36% e 55%: detraibilità dei beni significativi Detrazione 55%: interventi che si protaggono per più anni comunicazione all agenzia delle entrate Detrazione 36% e 55%: calcolo di convenienza Detrazione per canoni di locazione: calcolo della detrazione più favorevole QUADRO F Rimborso delle maggiori imposte pagate per somme erogate a titolo di incremento della produttività nel QUADRO G Credito d imposta per reddito prodotto all estero Canone di locazione non percepito integralmente Credito d'imposta per riacquisto prima casa Credito d imposta relativo a mediazioni per la conciliazione di controversie civili e commerciali L ASSISTENTE CGN Cosa fa L Assistente CGN?

6 4

7 LE NOVITÀ DEL MODELLO 730 LE NOVITÀ DEL MODELLO 730 A cura di Nicola Forte - Commercialista in Roma Centro Studi CGN L approvazione dei modelli di dichiarazione ha spesso rappresentato un momento molto importante per gli operatori. Infatti la modulistica recepiva tutti gli interventi normativi che si erano succeduti nel corso del periodo d imposta e la tendenza del legislatore negli anni passati è stata quella di introdurre nel sistema tributario diverse novità di interesse comune per le persone fisiche non esercenti attività d impresa, né di lavoro autonomo. Negli ultimi anni, però, si è manifestata una significativa inversione di tendenza e gli interventi normativi più radicali sono stati finalizzati alla lotta contro l evasione fiscale. In sostanza il gettito atteso dalle manovre fiscali trae origine da una serie di provvedimenti finalizzati a ostacolare l utilizzo fraudolento dei crediti d imposta in compensazione e dal rinnovato strumento del redditometro oltre che dal nuovo accertamento sintetico. La nuova tendenza, come d altra parte si è già verificato nel corso degli ultimi anni, ha determinato una serie di modifiche normative con un impatto particolarmente limitato sul modello 730/2011. La principale novità della modulistica, relativa ai lavoratori dipendenti ed ai pensionati, riguarda la possibilità di recuperare la maggiore IRPEF versata sugli straordinari che hanno dato luogo ad un incremento della produttività aziendale nel 2008 e nel Ulteriori novità rappresentano, di fatto, un anticipazione delle disposizioni in tema di federalismo fiscale quali quelle concernenti la previsione di una cedolare secca del 20% relativa agli affitti delle abitazioni ubicate nella provincia de L Aquila e la possibilità per i Comuni di modulare l addizionale comunale in relazione alla posizione soggettiva dei contribuenti. Il provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 17 gennaio 2011, ha approvato, unitamente alle relative istruzioni, i seguenti modelli: 730 base, relativo alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche, da presentare nell anno 2011, relativamente ai redditi del 2010; 730-1, da utilizzare per effettuare la scelta dell otto per mille dell IRPEF e del cinque per mille dell IRPEF; 730-2, che funge da ricevuta della documentazione esibita dal contribuente; 730-3, contenente il prospetto di liquidazione relativo all assistenza fiscale prestata; 730-4, relativo al risultato della liquidazione. 5

8 LE NOVITÀ DEL MODELLO 730 Le novità in pillole È stato già anticipato come le novità presenti nel modello 730/2011 siano numericamente limitate. Tuttavia, prima di effettuare un esame analitico delle stesse, è opportuno fornire al lettore un panorama generale degli interventi posti in essere e trasfusi nella modulistica di quest anno: inserimento all interno del quadro B di un apposita colonna 8 da utilizzare per esercitare l opzione di assoggettamento dell ammontare dei canoni di locazione percepiti alla nuova imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura secca del 20% per gli immobili situati nella provincia de L Aquila; è stata istituita un apposita sezione IX nel quadro F per consentire il recupero del credito conseguente alla mancata applicazione dell imposta sostitutiva dei compensi erogati per gli incrementi di produttività o per il lavoro straordinario negli anni 2008 e 2009 e tassati sulla base di un imposizione progressiva; sono state inserite due nuove caselle nel quadro F per segnalare eventuali casi di esenzioni per l addizionale comunale; è stata inserita nel quadro G la nuova sezione VI Credito d imposta per mediazioni a seguito del riconoscimento alle parti che si sono avvalse dell istituto della mediazione per la definizione di una controversia civile o commerciale di un credito d imposta mentre la sezione II accoglie il credito d imposta per il reintegro delle anticipazioni sui Fondi Pensione; è stato previsto un campo ove inserire la seconda rata della detrazione per gli acquisti di mobili ed elettrodomestici (effettuati nel periodo compreso tra il 7 febbraio ed il 31 dicembre 2009) ed utilizzati per l arredamento degli immobili oggetto di ristrutturazione. La cedolare secca del 20% per gli immobili nella provincia de L Aquila Il modello 730/2011 consente l applicazione dell'imposta sostitutiva del 20% sulle locazioni di immobili ad uso abitativo ubicati nella provincia de L'Aquila. Si tratta, per ora, di una prima applicazione, limitata alla sola provincia de L Aquila, che potrebbe costituire l'anteprima della prossima cedolare secca, sulle locazioni abitative, unitamente al pacchetto di misure sul federalismo fiscale. La nuova misura è stata introdotta dall art. 2, comma 228 della Legge n. 191 del 23 dicembre 2009 (Finanziaria del 2010). La concreta attuazione della stessa è avvenuta con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate del 1 marzo Per la gestione della cedolare secca de L'Aquila, nel modulo 730 è stata inserita un'apposita colonna nella sezione I del Quadro B dedicato ai redditi dei fabbricati. Si tratta della colonna 6

9 LE NOVITÀ DEL MODELLO 730 indicata con il numero 8 e denominata, per l'appunto, «cedolare L'Aquila», che dovrà essere barrata per ogni immobile ad uso abitativo dato in locazione, per il quale il locatore opti per la tassazione dell'intero reddito con l'imposta sostitutiva del 20% prevista dalla norma. Le modalità applicative di tale criterio di tassazione sono state definite, come già anticipato, con provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate del 1 marzo. La possibilità di tassazione agevolata riguarda esclusivamente i contratti tra persone fisiche che non agiscono nell'esercizio di impresa, arte o professione. Presupposti: Il contratto di locazione deve essere stato stipulato: ai sensi dell art. 2, comma 3 della Legge 9 dicembre 1998, n. 431 (contratti di locazione a canone convenzionale); tra persone fisiche che non agiscono nell esercizio di un impresa, arte o professione. deve avere per oggetto immobili: ad uso abitativo; ubicati nella provincia de L Aquila. L'imposta andrà indicata nella dichiarazione dei redditi relativa al 2010, unitamente alla base imponibile e agli estremi di registrazione del contratto. Per il versamento, da effettuare tramite modello F24 entro i termini previsti per il saldo IRPEF 2010 (cioè 16 giugno 2011 ovvero 16 luglio con maggiorazione dello 0,40%), sarà istituito un apposito codice tributo. Il pagamento può essere rateizzato e può avvenire anche tramite compensazione con eventuali crediti vantati. Per i contribuenti che presenteranno il modello 730, l'imposta sostitutiva sarà trattenuta dal soggetto che presta l'assistenza fiscale (sostituti d'imposta, Caf, professionisti abilitati). Per quanto riguarda l'acconto IRPEF 2011, il provvedimento prevede che la base di calcolo dovrà comprendere anche l'imponibile assoggettato a imposta sostitutiva nel L obiettivo che si è inteso conseguire con l applicazione anticipata della cedolare secca sugli affitti dei predetti immobili è stato quello di agevolare il reperimento di immobili disponibili dopo il sisma che ha colpito L Aquila e la provincia. 7

10 LE NOVITÀ DEL MODELLO 730 Gli incrementi di produttività Il recupero delle maggiori somme pagate È stata inserita una sezione all interno del quadro F (rigo F13) per consentire il recupero delle maggiori somme pagate sulle somme corrisposte dai datori di lavoro, per incremento della produttività, negli anni 2008 e 2009, laddove su queste somme non sia stata applicata l imposta sostitutiva del 10%. Le ragioni che hanno suggerito la modifica della modulistica per consentire il recupero delle maggiori imposte versate risiedono nei chiarimenti forniti dall Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 83/E del In particolare il documento di prassi ha chiarito che possono essere assoggettate ad imposta sostitutiva dell IRPEF, stabilita nella misura del 10%, anche le erogazioni relative alle prestazioni di lavoro straordinario se sono riconducibili a incrementi di produttività, innovazione ed efficienza organizzativa e altri elementi di competitività e redditività legati all andamento economico dell impresa. L agevolazione che prevedeva l applicazione dell imposta sostitutiva era in vigore nel periodo d imposta 2008 (D.L. n. 93/2008). Conseguentemente è stata ora prevista la possibilità di ottenere il rimborso della maggiore IRPEF versata per il 2008 e 2009 laddove i compensi, pur essendo relativi ad un incremento di produttività, siano stati assoggettati a tassazione proporzionale anziché alla tassazione sostitutiva. A tal proposito si ricorda che l agevolazione consistente nella possibilità di beneficiare della tassazione sostitutiva è stata prorogata e quindi è in vigore anche con riferimento al periodo d imposta In questo caso i soggetti interessati potranno compilare, per fruirne, il rigo C5. Non sono interessati alla compilazione della nuova sezione i contribuenti che, ritenendo di aver versato una maggiore IRPEF, abbiano già presentato istanza di rimborso all Agenzia delle Entrate, ovvero coloro che hanno presentato una dichiarazione integrativa per gli anni 2008 e/o 2009 per beneficiare della tassazione più favorevole. Esenzione dell addizionale comunale ed altre agevolazioni Il nuovo modello 730/2011 prevede la possibilità di dichiarare eventuali esenzioni o agevolazioni in merito al pagamento delle addizionali comunali. In particolare sono state inserite due nuove colonne in corrispondenza dei righi F7 e F8: la colonna 1 deve essere utilizzata per indicare la soglia di esenzione che il Comune ha deliberato con riferimento all anno 2010 (rigo F7) o 2011 (rigo F8); 8

11 LE NOVITÀ DEL MODELLO 730 la colonna 2 deve essere utilizzata per indicare l aliquota agevolata deliberata dal Comune nell anno 2010 (rigo F7) o 2011 (rigo F8); la colonna 3 riguarda eventuali agevolazioni diverse dalle precedenti. Ad esempio il Comune potrebbe aver deliberato l applicazione di aliquote diverse per scaglioni di reddito. In questo caso la casella deve essere appositamente contrassegnata. La sezione VI, che riporta l aggiunta delle nuove caselle, deve essere compilata solo dai contribuenti residenti in uno dei Comuni che hanno stabilito una soglia di esenzione o un aliquota agevolata con riferimento a particolari condizioni soggettive del contribuente. Il credito d imposta sull attività di mediazione ed ulteriori novità L art. 20 del D.Lgs n. 28 del 2010 ha previsto l attribuzione di un credito d imposta alle parti che corrispondono l indennità ai soggetti abilitati a svolgere il procedimento di mediazione presso gli organismi abilitati. In particolare viene riconosciuto, in caso di successo della mediazione, un credito d imposta commisurato all indennità stessa, fino ad un massimo di Euro 500, ridotto alla metà (quindi, Euro 250) nel caso di insuccesso. È stata quindi introdotta nel modello 730/2011 la nuova sezione VI Credito d imposta per mediazioni. Tale credito d imposta: non può essere chiesto a rimborso tramite la presentazione di un istanza all Agenzia delle entrate; non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi. Relativamente al predetto credito d imposta deve essere precisato che: il suo reale ammontare verrà stabilito con apposito decreto; la quota effettivamente spettante sarà determinata in relazione all importo di ciascuna mediazione in misura proporzionale alle risorse stanziate e, comunque, nei limiti dell importo sopra indicato; entro il 30 maggio di ciascun anno, il Ministero della Giustizia comunica all interessato l importo del credito d imposta spettante e trasmette, in via telematica, all Agenzia delle Entrate l elenco dei beneficiari e i relativi importi a ciascuno comunicati; può essere utilizzato, a decorrere dalla data di ricevimento della comunicazione di cui sopra, va indicato, a pena di decadenza, nella dichiarazione. 9

12 LE NOVITÀ DEL MODELLO 730 Il credito d imposta utilizzabile all interno del Modello 730/2011 è quello relativo alle mediazioni concluse nel Tuttavia, in considerazione del fatto che il Ministero della Giustizia può comunicare il predetto credito entro il 30 maggio e che la scadenza per la presentazione del 730 al sostituto d imposta coincide con il 2 maggio, i soggetti interessati dovranno necessariamente posticipare la presentazione del modello al 31 maggio 2011, a un professionista o a un Caf, al fine di poter beneficiare del predetto credito fiscale sulle conciliazioni di controversie civili e commerciali. La novità appena illustrata è sicuramente la più significativa in tema di crediti d imposta, tuttavia deve essere anche ricordata la previsione della nuova sezione II Credito d imposta reintegro anticipazioni fondi pensione. Sono interessati alla compilazione di questa nuova sezione i contribuenti che hanno aderito a forme pensionistiche complementari. Tali soggetti possono richiedere per particolari esigenze quali, ad esempio, l acquisto della prima casa, un anticipazione delle somme maturate sul proprio fondo pensione con la possibilità di effettuare, successivamente, un reintegro dello stesso. La reintegrazione del fondo pensione può essere effettuata seguendo diverse modalità. In particolare si può procedere tramite il versamento in un unica soluzione, ovvero mediante successive contribuzioni, anche annuali. Gli importi versati possono eccedere il limite di Euro 5.164,57. È previsto un credito d imposta sulla parte eccedente il predetto limite. La detrazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici Non sono state previste novità sostanziali per poter beneficiare nel modello 730/2011 della seconda rata della detrazione Irpef per gli acquisti, effettuati dal 7 febbraio al 31 dicembre 2009, di mobili, apparecchi televisivi, computer ed elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A+, utilizzati quali arredi di immobili oggetto di ristrutturazione. I contribuenti interessati dovranno compilare, per fruire del beneficio, la colonna 4 del rigo E37. Conseguentemente non attribuiscono alcun diritto alla detrazione le spese sostenute nel Il contribuente, al fine di avvalersi dell agevolazione, deve avere eseguito tutti gli adempimenti preliminari necessari alla fruizione delle agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie secondo quanto disposto dal decreto del Ministero delle Finanze di concerto con il Ministero dei Lavori pubblici n. 41 del 18 febbraio 1998 e successive modificazioni, recante il regolamento attuativo. In particolare il contribuente deve aver inviato l apposita comunicazione al Centro Operativo di Pescara, anche in data anteriore al 1 luglio 2008, indicando nel riquadro riservato ai dati relativi ai lavori di ristrutturazione la data del 1 luglio 2008, ovvero una data successiva. 10

13 LE NOVITÀ DEL MODELLO 730 Detrazioni d imposta Con riferimento alle spese sostenute nel 2010 non è più possibile beneficiare delle detrazioni d imposta per le spese di autoaggiornamento dei docenti, per l abbonamento ai mezzi pubblici e per l acquisto di arredi. Invece sono state prorogate le agevolazioni concernenti: la detrazione del 36% per coloro che hanno effettuato opere di ristrutturazione di immobili ad uso abitativo fino al 31 dicembre del 2010, con un limite massimo di spesa di Euro da suddividere in dieci anni; la detrazione del 55% relativa agli interventi finalizzati al risparmio energetico; la detrazione sul trattamento economico accessorio per il personale del comparto sicurezza, soccorso e difesa. La detrazione in questo caso prevede un massimale fino Euro 149,50. 11

14 FRONTESPIZIO E FAMILIARI A CARICO FRONTESPIZIO E FAMILIARI A CARICO Caso N. 1 Ripartizione figli a carico per coppie conviventi non sposate Il Sig. Rossi Mario (RSSMRA60D20H501Z) con reddito complessivo di euro ,00 e la Sig.ra Bianchi Sara (BNCSRA69L55H501G) sono genitori conviventi non coniugati di Rossi Mara (RSSMRA04B54H501T). Soluzione Entrambi i contribuenti possono indicare il codice fiscale della figlia nel secondo rigo del riquadro dei familiari a carico. La detrazione compete al 50%. Non essendo coniugati non indicheranno nulla nel primo rigo che prevede l'indicazione del codice fiscale del coniuge. Figura 1 La detrazione 1 potenziale per la figlia fiscalmente a carico è pari al 50% di euro 800,00 = 400,00 (95.000,00 - reddito complessivo) / ,00 (95.000, ,00) / ,00 = 0, ,00 x 0,5684 = 227,36 arrotondato a euro 227,00 1 Art.12 del TUIR. 12

15 FRONTESPIZIO E FAMILIARI A CARICO Caso N. 2 Separazione in corso d anno e convivenza Il Sig. Rossi Mario (RSSMRA60D20H501Z) con reddito complessivo di euro ,00 coniugato con la Sig.ra Bianchi Sara (BNCSRA69L55H501G) fiscalmente a carico, si separa con sentenza emessa dal Tribunale ad ottobre. Il Sig. Rossi e la Sig.ra Bianchi convivono anche dopo la separazione. Soluzione Il contribuente nel primo rigo inserisce il codice fiscale del coniuge fiscalmente a carico e indica il numero di mesi fino alla data della sentenza di separazione (10 mesi). Il contribuente può inoltre compilare un secondo rigo mettendo il codice fiscale della Sig.ra Bianchi Sara quale altro familiare fiscalmente a carico per i restanti 2 mesi. La moglie può essere inserita tra gli altri familiari 2 fiscalmente a carico in quanto percepisce un reddito inferiore ad euro 2.840,51 e convivente con il dichiarante. Figura 1 La detrazione per il coniuge a carico è così determinata: la detrazione teorica rapportata ai mesi è pari a euro 575,00 (che corrisponde a 690,00 x 10 / 12) 575,00 x ( ,00 - reddito complessivo) / ,00 575,00 x ( , ,00) / ,00 = 510,31 arrotondato a 510,00 Le detrazioni per altri familiari a carico è così determinata: La detrazione teorica è pari a euro 125,00 che corrisponde a 750,00 x 2 / ,00 x (80.000,00 - reddito complessivo) / ,00 125,00 x (80.000, ,00) / ,00 = 55,46 arrotondato ad euro 55,00 2 Art.433 del Codice Civile. 13

16 FRONTESPIZIO E FAMILIARI A CARICO Caso N. 3 Quarto figlio nato in corso d'anno d'imposta e calcolo detrazioni Contribuente coniugato, con coniuge non a carico, con reddito complessivo al netto dell'abitazione principale e relative pertinenze pari ad euro ,00. Il contribuente è padre di tre figli di età maggiore di tre anni. A settembre dell'anno d'imposta è nato il quarto figlio. Essendo tra i coniugi quello con reddito più elevato, la detrazione per i figli, in seguito ad accordo tra gli stessi, verrà a lui attribuita nella misura del 100%. Soluzione La maggiorazione spettante in ragione del numero dei figli si applica per l'intero anno a prescindere dal momento in cui si verifica l'evento che dà diritto alla maggiorazione stessa. Di conseguenza la detrazione teorica per il contribuente è pari ad euro 1.000,00 per i primi tre figli e euro 1.100,00 rapportata a 4 mesi (periodo da settembre a dicembre) per il quarto figlio. Con almeno quattro figli a carico la detrazione aumenta di euro 200,00 per ciascun figlio a partire dal primo. Calcolo detrazione teorica: 1.000,00 (dato da 800, ,00) x 3 = 3.000,00 (detrazione per i primi tre figli) 1.100,00 (dato da 900, ,00) x 4 / 12 = 367,00 (detrazione per il quarto figlio nato a settembre) 3.000, ,00 = 3.367,00 (detrazione teorica) 3.367,00 x [(95.000, ,00) ,00] / (95.000, ,00) = 2.068,30 (arrotondato ad euro 2.068,00) Il contribuente ha inoltre diritto all'ulteriore detrazione di euro 1.200,00 in quanto genitore con almeno quattro figli fiscalmente a carico. Quest'ultima detrazione va obbligatoriamente ripartita nella misura del 50% tra i genitori non legalmente ed effettivamente separati e spetta per l intero importo anche se la condizione richiesta dei quattro figli a carico si concretizza solo per una parte dell'anno (periodo da settembre a dicembre). 14

17 FRONTESPIZIO E FAMILIARI A CARICO Caso N. 4 Pensionato con redditi da fabbricato: condizioni di esonero Un pensionato di 70 anni ha percepito i seguenti redditi: pensione pari ad euro ,00, appartamento in comproprietà con la moglie a carico avente rendita catastale pari ad euro 450,00, utilizzato come sua abitazione principale, appartamento in piena proprietà avente rendita catastale pari ad euro 320,00, adibito ad abitazione del figlio. Il contribuente ha subito ritenute per un importo pari ad euro 952,00. Si chiede di verificare se il contribuente sia esonerato dal presentare la dichiarazione dei redditi. Soluzione Le Istruzioni Ministeriali precisano che sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi i soggetti che nell anno d imposta 2010 hanno posseduto solo redditi di lavoro dipendente o di pensione corrisposti da un unico sostituto d imposta obbligato ad effettuare le ritenute di acconto ed eventualmente redditi di fabbricati derivanti esclusivamente dal possesso dell abitazione principale e di sue eventuali pertinenze. Il pensionato in esame non rientra in questa casistica, essendo proprietario anche di un ulteriore immobile oltre a quello adibito a sua abitazione principale. Non ravvisando altri casi di esonero tra quelli espressamente citati nelle stesse Istruzioni Ministeriali, è necessario verificare l importo dell imposta lorda dovuta dal contribuente. Sono infatti esonerati dal presentare la dichiarazione dei redditi i contribuenti, non obbligati alla tenuta delle scritture contabili, che hanno un imposta lorda corrispondente al reddito complessivo al netto della deduzione per l abitazione principale e relative pertinenze, che diminuita delle detrazioni per carichi di famiglia, delle detrazioni per redditi di lavoro dipendente, pensione e/o altri redditi, e delle ritenute, non supera euro 10,33. Si ricorda che il contribuente rimane obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi nell ipotesi in cui le Addizionali Regionale e Comunale all IRPEF non siano state trattenute o siano state trattenute in misura inferiore a quella dovuta. Nella tabella seguente si calcola l imposta netta per il pensionato avente i redditi indicati nel testo del quesito. 15

18 FRONTESPIZIO E FAMILIARI A CARICO Reddito di pensione ,00 (+) Reddito abitazione principale 236,00 (ossia 450,00 x 1,05 x 50%) (+) Reddito altri immobili 336,00 (ossia 320,00 x 1.05 x 100%) Reddito complessivo ,00 (-) Deduzione abitazione principale 236,00 Reddito imponibile ,00 Imposta lorda 3.033,00 (ossia ,00 x 23%) (-) Detrazioni per pensione 1.369,00 (-) Detrazioni per coniuge a carico 703,00 (-) Ritenute subite 952,00 Imposta netta 9,00 Il pensionato è quindi esonerato dalla presentazione della dichiarazione dei redditi, essendo l imposta netta minore all importo minimo previsto. 16

19 QUADRO A QUADRO A Caso N. 5 Terreno concesso in affitto per usi agricoli in regime di libero mercato Un contribuente è proprietario di un terreno che viene affittato ad un agricoltore dal 1 gennaio al 30 giugno dello scorso anno. Il canone mensile è pari ad euro 200,00 e non è sottoposto al regime di determinazione legale. Dalla visura catastale si evince che il reddito dominicale è pari ad euro 80,00 e il reddito agrario è pari ad euro 95,00. Entrambi i contribuenti hanno i requisiti per presentare il modello 730. Soluzione Il quadro A del Modello 730 deve essere compilato sia dal soggetto che possiede il terreno a titolo di proprietà sia dall affittuario dello stesso che esercita l attività agricola. Compilazione del modello 730 del proprietario del terreno Il proprietario deve compilare il quadro A del modello 730 dichiarando sia il reddito dominicale che il reddito agrario, sia per il periodo in cui il terreno è stato affittato che per quello in cui era a disposizione. Trattandosi di un contratto di affitto non in regime vincolistico, non è infatti rilevante il canone di locazione percepito e quindi non deve essere indicato in dichiarazione. Il modello 730 risulterà così compilato: Figura 1 Essendosi verificate delle variazioni sull utilizzo del terreno, è necessario barrare la casella continuazione. Per calcolare il reddito fondiario è necessario distinguere i due periodi: a) per il periodo in cui era affittato (codice titolo 3), il reddito è dato dal reddito dominicale rivalutato dell 80%, pari ad euro 71,41 così ottenuto: (reddito dominicale x 1,80) x (181 / 365) x 100% = 80,00 x 1,80 x (181 / 365) x 100% 17

20 QUADRO A b) per il periodo in cui era sfitto (codice titolo 1), il reddito è dato dal reddito dominicale e agrario rivalutati rispettivamente dell 80% e del 70%, quindi: (reddito dominicale x 1,80) x (184 / 365) x 100% = 80,00 x 1,80 x (184 / 365) x 100% = 72,59 (reddito agrario x 1,70) x (184 / 365) x 100% = 95,00 x 1,70 x (184 / 365) x 100% = 81,41 Nel prospetto di liquidazione del modello 730 viene esposto il valore complessivo, arrotondato all unità di euro, del reddito dominicale, pari ad euro 144,00 (ossia 71, ,49) e agrario, pari ad euro 81,00, spettante al contribuente. Figura 2 Compilazione del modello 730 dell affittuario L affittuario deve dichiarare esclusivamente il reddito agrario utilizzando il codice titolo 4. Figura 3 Il terreno concorrerà alla formazione del reddito complessivo del contribuente sulla base del reddito agrario rivalutato del 70% per l importo di euro 80,08 ossia: (reddito agrario x 1,70) x (181 / 365) x 100% = 95,00 x 1,70 x (181 / 365) x 100% = 80,08 Figura 4 18

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/2014 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. 1 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze DIPARTIMENTO DELLE ENTRATE DIR.CENTRALE: AFFARI GIURIDICI E CONTENZ. TRIBUTARIO Circolare del 12/05/2000 n. 95 Oggetto: Videoconferenza modello 730/2000. Risposte a quesiti vari.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III REPARTO 7^ DIVISIONE Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente Dispensa informativa destinata ai dipendenti civili dell Amministrazione

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli